Vlad Ţepeş – Dracula l’Impalatore

dracula_0 

 Le Palle (proiettili di pietra) di Dracula: armi di iper-violenza usate da Vlad III

di Ashley Cowie

Gli archeologi che stanno scavando nel medievale bulgaro “fortezza di Zishtova” hanno portato alla luce “proiettili di pietra per cannone” che si ritiene siano stati utilizzati da Vlad III [Tepes], l’ispirazione storica (romanzata) per il vampiro di Bram Stokers, Dracula.

La fortezza di Zishtova è stata costruita nel XIII secolo su una collina a Svishtov, una città situata sul fiume Danubio, appena a sud del confine con la Romania. La fortezza fu usata fino al 1810, quando i soldati russi la bruciarono durante la guerra russo-turca tra il 1806 e il 1812.

Trovate le armi di Vlad l’Impalatore

Secondo il sito archeologico in Bulgaria, il mese scorso un team di archeologi guidati da Nikolay Ovcharov dell’Istituto nazionale e Museo di Archeologia a sofzia, ha scoperto proiettili di cannone dalla metà del XV secolo, in concomitanza con il tempo in cui Vlad III, L’Impalatore conquistò Zishtova. La Fortezza che durante l’inverno del 1461-1462, cercando di recuperarla dai turchi ottomani.

cannonballs-and-other-artifacts-

Palle di cannone e altri reperti trovati nella fortezza di Zishtova.  (Comune di Svishtov)

 Un Gizmo articolo che copre la scoperta analizza le sfere di pietra che sono state lanciate con il ‘Culverins’, il progenitore del cannone del XV secolo. Questa relazione cita Ovcharov in una conferenza stampa la scorsa settimana in cui ha detto ai giornalisti “(Culverins) erano i cannoni più antichi che erano (in uso durante) il XV secolo, fino al XVI secolo.” Ha aggiunto che “hanno una lettera da Vlad Dracula al re d’Ungheria, in cui si vantava di aver preso il forte dopo una feroce battaglia, e che alcuni (410 turchi) sono morti durante l’assedio.”

untitled-2

“Vlad l’Impalatore e gli inviati turchi” di Theodor Aman. (Pubblico dominio)

Il team ha anche trovato un’iscrizione del IV secolo che si riferisce a “una coorte” (un decimo di una legione romana) di Legio I Italica, la prima legione italiana dell’Impero Romano, nello stesso strato archeologico in cui sono stati scoperti proiettili di cannone. L’articolo archeologico in Bulgaria suggerisce che questa constatazione è legata a novae, un “campo importante e antica città militare romana” che ha prosperato tra il 1° e il 4° secolo D.C.

the-ruins-of-the-zishtova-

Le rovine della fortezza di Zishtova (Kaleto) a Svishtov sono tra le più alte rovine sopravvissute delle fortezze medievali della Bulgaria. (Comune di Svishtov

Impala, o Impalalature

Tutti gli articoli che leggiamo e che coprono questa storia, per esempio, questo rapporto di Fox News, mostrano in grande gli aspetti violenti delle attività militari di Vlad Dracula, suggerendo che forse, “Forse è ancora più spaventoso della creatura Mitico di Bram Stoker.”

Vlad, essendo stato orfano, tradito, esiliato e perseguitato attraverso le foreste dell’Europa centrale dai suoi nemici, finalmente riconquistò il controllo della Valacchia nel 1456 D.C, quando stabilì i conti con coloro che avevano tradito la sua famiglia. Vlad, potrebbe “quasi” giustificare la “ragione” della sua efferatezza di persone in cerca di vendetta, ma rifletteva solo ciò che vide che l’Impero ottomano stava facendo, in massa.

Conosciuto come “impalamento longitudinale”, questo brutale metodo di esecuzione ottomana è stato implementato sul sito di Costantinopoli nel maggio 1453, quando “40 persone sono state impalate”. Ora, mentre gli ottomani preferivano l’impalamento ad altre opzioni, Vlad Tepes impediva un livello completamente nuovo se credessimo ai documenti storici riportati nel libro del 2016 da Christian Butnariu, Dracula-tra mito e realtà … Perché dice: “Vlad Ţepeş, a metà giugno 1462 ha riempito una” foresta “di 20,000 cadaveri impalati e fatti marcire.”

Erzsébet Báthory, la contessa maledetta – parte II

woodcut-from-the-title-page

Incisione in legno del frontespizio di un opuscolo di 1499 pubblicato da Markus Ayrer a Norimberga. Egli rappresenta Vlad III “l’Impalatore” che pranza tra i cadaveri impalati delle sue vittime. (Dominio pubblico)


Dracula era un mostro nella vita reale?

Sia che questo sia realmente accaduto, o no, e quante persone davvero impalate è una cosa del dibattito storico, ma un esempio significativo di quanto velocemente Vlad Țepeș è diventato l’archetipo degli atti atroci di ultra violenza è evidente in un opuscolo dell’anno 1521 d.C che così diceva: “Lasciate che i bambini vengano arrostiti; Quelli, le loro madri erano obbligate a mangiarli. E (lui) tagliava il seno delle donne; Quelli, i loro mariti erano obbligati a mangiarli. Dopo di che, li ho tutti impalati.

Non solo perché la società odierna ha problemi più che sufficienti con la violenza, considerando tutto, è probabilmente bene che Vlad Dracula abbia vissuto nel XVI secolo perché se fosse vivo oggi, avrebbe trascorso tutto il suo tempo online premendo “il tuo account”.

Immagine di copertina: dettaglio di un ritratto di Vlad Ţepeş, l’Impalatore, Principe di Valacchia (1456-1462) (morto nel 1477). Le armi di questo uomo che ha ispirato il vampiro Dracula sono stati trovati in Bulgaria. Origine: dominio pubblico

Autore Ashley Cowie

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

®wld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.