Crea sito

Un’operazione copre un’altra

COVID-19 e Riots: le connessioni operative

di Jon Rappoport

L’operazione COVID-19 si stava logorando gravemente:

Le proteste contro i blocchi si stavano espandendo.

Le misure di sanità pubblica (distanza, isolamento, maschere) venivano attaccate da tutte le parti, in quanto inutili, inutili, prepotenti e non scientifiche.

Molti ricercatori, medici e persino funzionari della sanità pubblica hanno denunciato il fatto che la pandemia non era affatto una pandemia. Il numero adattato di casi e decessi non ha giustificato preoccupazioni eccessive.

Stava diventando ovvio che i giocatori che stabilivano l’agenda di COVID erano lì semplicemente perché erano stati nominati a posti alti; non perché fossero scienziati percettivi o onesti. In altre parole, COVID era politico.

Inoltre, le economie stavano iniziando a riaprire; per il pubblico, quello era l’obiettivo principale, non la minaccia di contrarre una malattia.

Vi era una grande necessità di un turno operativo. Come e perché non ha avuto particolare importanza, purché la popolazione sia stata colpita da una nuova catastrofe.

Questo spostamento avrebbe anche bloccato il motore economico (di nuovo). Dopotutto, togliere la montagna di menzogne ​​su COVID, il nucleo al centro di esso era un attacco economico.

E ora è stato fatto. In tutta l’America. Rivolte, incendi, saccheggi, violenza, conflitti razziali, coprifuoco.

Un nuovo motivo per una diversa forma di blocco.

Le proteste quotidiane nelle strade superano e sostituiscono le precedenti proteste contro il blocco di COVID.

Un’operazione copre un’altra.

I produttori di notizie televisive cancellano tutta la copertura COVID da un lato dello schermo e portano la copertura antisommossa dall’altro lato dello schermo. È esattamente come la scena teatrale si sposta sul palco, tra il primo e il secondo atto di uno spettacolo teatrale, mentre l’equipaggio muove rapidamente appartamenti e oggetti di scena mentre il certo è basso.

I pianificatori di Elite Global come Bill Gates ovviamente pensano che questo sia il loro momento. Con il pretesto della storia COVID che hanno creato, vogliono installare la fase successiva del loro nuovo mondo tecnocratico Brave.

La sorveglianza planetaria, a un livello che sostituisce l’attuale sistema – schierando migliaia di nuovi satelliti – è il vantaggio principale di questa fase. “Dobbiamo farlo, al fine di montare un sistema di allarme rapido per nuove pandemie.”

Calciare la tecnocrazia con una marcia in più richiede di sostenere la fiaba COVID. Dal momento che quella storia stava cadendo a pezzi, nascondila sotto la tempesta dei disordini di George Floyd e proteste in tutta l’America.

Coprire un’operazione con un’altra è un’attività standard nel campo delle operazioni segrete. Gli attacchi dell’11 settembre del 2001 furono, come previsto, seguiti da guerre giustificate contro l’Afghanistan e l’Iraq. “Ecco dove i terroristi hanno le loro basi”. Tra gli altri scopi, le guerre hanno cementato la falsa narrativa dell’11 settembre e hanno garantito a quella narrativa un posto nella storia.

Tra gli altri scopi, la Grande Depressione degli anni ’30 coprì e seppellì il previsto crollo del mercato azionario del 1929.

Considera questa illustrazione immaginaria. In un’area di foresta a 30 miglia da una città, la gente scopre una grande macchia di alberi morti. Alcuni sono caduti. Altri, senza foglie e grigi, sono ancora in piedi. All’inizio, nessuno prende provvedimenti. Quindi, è ovvio che la patch sta diventando più grande. Altri alberi stanno cadendo. Più rami e foglie si stanno prosciugando e cadendo a terra.

Questo evento è un’operazione.

Ha bisogno di una seconda operazione per coprirlo. Ed eccolo qui:

Il giornale della città, aiutato da dichiarazioni di funzionari locali, racconta una storia di un incendio. C’è stato un incendio in quella parte della foresta. Era “così grave e caldo, i suoi effetti si fanno ancora sentire”. ORA, le persone iniziano a discutere della causa dell’incendio. È stato un fulmine. Qualcuno ha dato fuoco, usando un liquido infiammabile che bruciava a una temperatura eccezionalmente alta. I trafficanti di droga hanno combattuto tra loro e hanno bruciato la droga.

In realtà, sei mesi fa, una società cittadina che vende segretamente un pesticida pericoloso e illegale, credendo che stessero per essere arrestati, ha inviato nella foresta degli impiegati con i tamburi del veleno per scaricarli. Questo è quello che è successo. Questa è stata la prima operazione.

Ma la seconda operazione, la storia del fuoco, è ormai così radicata nelle menti, poche persone considereranno che non c’era fuoco … C’ERA UN FUOCO.

E solo per essere sicuri, gli agenti della compagnia di antiparassitari ora accendono alcuni fuochi nell’area circostante delle montagne. Il quotidiano della città racconta una storia: “Chi sta dando fuoco a TUTTI QUESTI FUOCHI?”

Un’operazione copre un’altra.

Esistono diverse varianti su questo tema centrale. A volte è prevista la seconda operazione per giustificare o spiegare la prima. A volte la seconda operazione sminuisce semplicemente la prima.

Indipendentemente da ciò, copre il lavoro. Sono usati. Catturano l’attenzione, causano paura, spostano la messa a fuoco lontano da un’operazione che sta esaurendo il vapore o sta per essere scoperta.

Nel mezzo di una città, si erge un grande edificio. Ci sono voluti cento anni per costruire. Ogni giorno, quando i cittadini lo superano, salutano, lasciano offerte, si inginocchiano e pregano persino. È chiaro che questa magnifica struttura durerà per sempre.

Ma un giorno, la gente nota che un muro sta iniziando a sgretolarsi. Le pietre stanno cadendo. Ci sono buchi E quando le persone sbirciano dentro, vedono stanze vuote e polverose e odorano odori acri. Questa notizia deve essere diffusa alla popolazione.

Ma all’improvviso, dal nulla, appare una grande folla. Portano torce e danno fuoco ad altre strutture.

Correre. Nascondere. Questa è una terribile minaccia. Questa è la vera crisi. Non i cento anni di inganno.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld