Archivi tag: Yahweh

Antiche guerre e … nuove guerre

Distruzione nucleare extraterrestre del malvagio Anu-Yahweh 

L’annientamento di Sodoma e Gomorra e la creazione del popolo di Anu La storia delle origini sumere

Ottobre 2015 dal sito EnkiPtahSatya  versionespagnola

Eridu: La città sacra di Enki fu desolata

Il 16 luglio 1945, la prima prova di un’arma nucleare fu effettuata in una zona meridionale degli Stati Uniti.

Il test della Trinità, il soprannome dato al dispositivo atomico, si è svolto in una parte remota di Alamogordo nel mezzo del deserto Jornada del Muerto nello stato del Nuovo Messico.

Il dispositivo esplose nel deserto con un’energia pari a 19 kilotoni e lasciò un cratere nel letto del deserto con una profondità di tre metri e una larghezza di 330 metri.

La forza esplosiva della bomba ha trasmesso una potente onda d’urto che si è anche sentita a distanza più di 150 chilometri, i lampi brillanti emessi dall’esplosione hanno illuminato il paesaggio e la nuvola dei funghi ha raggiunto circa 12 chilometri.

In quel momento storico l’era atomica era ormai iniziata.

Tuttavia, il test della Trinità sarebbe risultato pallido rispetto all’orrore sanguinante che doveva seguire solo un mese dopo. Nel mese di agosto dello stesso anno, due bombe dello stesso tipo, battezzato Little Boy e Fat Man dall’esercito degli Stati Uniti, sono state detonate nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le esplosioni atomiche che hanno prodotto hanno raggiunto rispettivamente 16 e 25 kilotoni.

La forza degli esplosioni ha distrutto le città, il fuoco consumante ha scaldato la terra, il suono dell’impatto ha reso il paesaggio tremito e la caduta radioattiva ha coinvolto la vita di decine di migliaia di persone e molti altri sarebbero stati vittime di malattie attribuite all’avvelenamento delle radiazione.

In quei giorni fatali il mondo ha vissuto gli orrori della guerra nucleare per “la prima volta”.

Da allora le nazioni della terra sono entrate in uno stato di paranoia e tutto il mondo, ritenendo che il giorno del temuto futuro si sarebbe avvicinato. La minaccia della guerra nucleare era già diventata una realtà.

Il XX secolo era un’epoca sanguinosa e guerriera, una vera macchia nella storia dell’umanità moderna, e ora, nel 21° secolo, la minaccia della distruzione atomica è ancora molto viva.

Molti uomini, spaventati dalla crescente tendenza all’armamento nucleare, prevedono un futuro terribile per l’umanità e temono un imminente scenario apocalittico protagonizzato dalle armi atomiche di distruzione di massa.

Molti credono che il giorno finale del giudizio sia vicino. Tuttavia, molte persone dimenticano che il corso della storia è ciclico.

Anche se la civiltà umana dovesse essere distrutta da armi atomiche in questo secolo in una data così lontana, non sarebbe stata la prima volta.

Forse quello che ho appena detto sarà una sorpresa per molti lettori. Tuttavia, c’era già un incubo che scosse le fondamenta del mondo civilizzato alla fine del terzo millennio a.C. più di 4000 anni fa.

Il destino del terzo millennio consisteva in una terrificante esplosione militare atomica che avrebbe devastato i regni della Mesopotamia e del Medio Oriente. Tale evento è stato dimenticato dagli storici moderni, ma è stato documentato nei registri storici di quel tempo.

Il più famoso di essi è il Libro della Genesi della Bibbia Ebraica in cui l’evento appare nel noto racconto di Sodoma e Gomorra.

Tuttavia, pochissime persone sanno che in realtà la suddetta storia biblica si basa su una storia mesopotamica molto più antica.

La distruzione delle città per mezzi soprannaturali è stata registrata in un testo Sumero-Accadico chiamato l’Epica di Erra e in un gruppo di registri sumerici conosciuti come le lamentazioni di Sumer più di un millennio prima della composizione della Bibbia ebraica.

Simili al racconto biblico, i testi mesopotamici raccontano come una manciata di città del Medio Oriente venisse annichilita dalle armi misteriose degli dèi e molti altri luoghi furono desolati dall’inquinamento mortale che avevano prodotto.

Visto da una prospettiva moderna, i documenti antichi registrano la prima guerra nucleare nella storia della terra.

Il racconto ebraico di Sodoma e Gomorra e i testi paleo-apocalittici mesopotamici su cui si fonda l’evento biblico testimoniano un conflitto nucleare tra diverse fazioni di esseri alieni in cui furono scatenate armi di distruzione di massa di origine extraterrestre.

Alla fine del terzo millennio gli dei Enkiti guidati da Marduk si trovarono in un faccia a faccia con gli dèi anuisti (enliliti, Anu ndr) in una violenta rivalità per la supremazia nella regione della Mesopotamia.

Incapaci di irrompere nella battaglia e nella lotta, gli sconosciuti doli anuisti decisero di ricorrere alle armi atomiche per l’avanzamento nella loro campagna militare.

Alla fine, quei maledetti malfattori finirono per devastare la terra di un gruppo di città Enkite nelle terre del Medio Oriente con sette armi potenti e la conseguente radioattività che ha provocato l’improvvisa e misteriosa scomparsa dell’ultimo regno della civiltà sumera intorno al 2000 a.C.

L’antica  guerra nucleare secondo gli antichi registri

I registri più conosciuti dell’antica guerra nucleare è senza dubbio la storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Genesi biblica.

Secondo il racconto ebraico, il cosiddetto dio della giustizia Yahweh vede che i peccati e le abominazioni degli abitanti delle città di Sodoma e Gomorra hanno già raggiunto un estremo e quindi decide di distruggerli.

La natura dei loro crimini non è esplicitata, ma si suppone che il popolo di Sodoma e Gomorra abbia già raggiunto uno stato di totale depravazione.

Questo può essere dedotto dall’episodio poco prima della distruzione in cui il supposto patriarca Abramo invoca il suo dio per avere pietà e non distruggere le città per l’amore dei giusti e poi riceve la risposta che non esistono neanche dieci uomini giusti in Sodoma e Gomorra.

Sappiamo già che solo una manciata di persone può essere considerata “giusta” o “santa” prima del cosiddetto standard morale di quel tiranno senza cuore.

La storia continua …

Presumibilmente Yahweh invia due esseri celesti o angeli per guidare Abramo e salvare la famiglia di Lot, nipote di Abramo e membro del popolo scelto di Yahweh, prima che inizi la distruzione divina.

Il male Yahweh e il suo servo Abramo entrano in complotto, e l’Eterno gli promette che la volontà lo renderà padre di una grande eredità e di una nazione grande e potente.

Dopo la sua intima conversazione con il suo dio, Abrahamo e i due angeli arrivano a Sodoma e tiranno Lot e la sua famiglia fuori dalla città in apparenza in modo soprannaturale. Poi, con la cosiddetta grande misericordia di Yahweh, la distruzione delle città presumibilmente degenerate è rinviata al giorno successivo e i servi di Yahweh fuggono nella lontana città di Zoar.

Domani arriva e il sole sorge sulla terra. L’ora del grande giudizio con il fuoco si avvicina.

Il Signore, il cosiddetto grande giudice della giustizia, sorge contro le città di Sodoma e Gomorra, facendo scendere fuoco e brume dall’alto. Le città vengono completamente distrutte insieme a tutti i loro disgraziati residenti, le pianure sono bruciate e la terra è bollente. Le città sono spazzate via dalla mappa in un istante.

Nel frattempo, in lontananza la moglie di Lot si volta e guarda indietro.

La povera donna viene consumata dalla sostanza emessa dagli esplosioni e viene trasformata in una statua di sale. Quando Abrahamo guarda nella direzione delle città, vede che una colonna di fumo sta salendo dalla terra come il fumo di un forno.

La distruzione delle città è così grande che le figlie di Lot credono che tutta la civiltà umana sia stata distrutta e che esse stesse sono le uniche femmine lasciate sulla terra.

Senza una ombra di dubbio, il racconto biblico di Sodoma e Gomorra da l’impressione simile a una serie di esplosioni nucleari.

  • In primo luogo, vediamo che le città sono investite da una deflagrazione consumante la cui esplosione somiglia allo zolfo.
  • In secondo luogo, leggiamo che le persone che si trovano nelle vicinanze dell’esplosione come la moglie di Lot vengono vetrificate o vaporizzate dalla contaminazione aerea mortale delle esplosioni.
  • In terzo luogo, la colonna di fumo che Abramo testimonia dopo le esplosioni è molto simile alla nuvola di un fungo di una bomba atomica.

Tuttavia, i testi mesopotamici come l’Epica di Erra e le lamentazioni di Sumer, molto più antiche di Sodoma e Gomorra di secoli, raccontano l’evento in modo molto più dettagliato.

Nella versione Sumero-Accadica non c’è spazio per il dubbio di quello che è successo e che sia stata un’esplosione nucleare di origine extraterrestre. 

Nell’Epica di Erra, sin dall’inizio, del primo millennio, in un testo babilonese racconta una storiella sumerica ancora più antica, incontriamo un feroce conflitto tra gli dei Enkiti del lignaggio di Marduk e gli dei guerrieri e spietati del consiglio di Anu (enliliti del lignaggio di Ninurta ndr).

Secondo l’interpretazione di Zecharia Sitchin, questo scontro divino avrebbe luogo intorno all’anno 2024 a.C. (Sitchin, 2010). I

L’esito della storia è molto apocalittico ed è molto simile all’evento che si è verificato nel racconto di Sodoma e Gomorra. Alla fine i nemici di Marduk cercano di privarli dei suoi amati territori e decidono di debellare certe città di Mardukite in Medio Oriente con armi proibite conosciute come i sebitti (Sebitti ndr) o i sette grandiosi.

Secondo lo stesso autore, i sebitti simboleggiano sette dispositivi nucleari devastanti (Sitchin, 2010). II

I sette terrificanti dispositivi furono chiamati,

  1. l’ineguagliabili
  2. la fiamma che brucia
  3. quello che si sgretola con paura
  4. il fonditore di montagne
  5. il vento che trova le estremità della terra
  6. l’insolente sopra e sotto
  7. rispettivamente il vaporizzatore del vivente

Quelle armi di distruzione di massa sarebbero presto state scatenate contro le città di Marduk nella grande antica guerra nucleare mesopotamica o nel fallimentare finale.

Le lamentazioni di Sumer, sono un gruppo di testi storici molto antichi che raccontano la desolata miserabile e straziante delle città nelle terre mesopotamiche attorno al 2000 a.C., descrivono gli effetti della distruzione ancora più dettagliata rispetto all’equivalente racconto biblico.

  • Innanzitutto, i Lamenti mostrano chiaramente che la distruzione non è avventa per una calamità naturale, bensì una grande tempesta decisa da Anu.
  • In secondo luogo, i testi indicano che la grande tempesta di Anu era il risultato della descrizione di un’enorme esplosione avvenuta per via di un malefico colpo, precursore di una tempesta maligna.
  • In terzo luogo, la pena crudele che Anu ha decretato è descritta come una tempesta che sfocia unendo un caldo scottante. Qui vediamo che la tempesta di Anu non si riferisce ad una tempesta meteorologica, ma piuttosto ad una colonna di fuoco che consuma tutto ciò che tocca.
  • Quarto, lo stesso fenomeno spaventoso non solo bruciò la terra ma anche privò la terra del sole splendente del giorno e rese invisibili le stelle della notte. Il fumo della tempesta di fuoco raggiunse il cielo e bloccò completamente la luce solare, qualcosa che non sarebbe avvenuto con una tempesta normale.
  • Quinto, nei giorni successivi un vento cattivo si è abbattuto sugli abitanti, ha fatto diventare pallidi i volti, gli ha fatti soffocare nel sangue e inquinata l’acqua dei fiumi, rendendola amara e mortale.
  • In sesto luogo, i testi raccontano che dopo la demolizione delle città i campi agricoli e le praterie erano contaminati e avevano erbacce cattive e piante avizzite.

Tutte queste descrizioni sono identiche agli effetti devastanti di un’esplosione atomica.

Alcune zone del Medio Oriente furono distrutte da armi atomiche di origine extraterrestre in una guerra brutale tra gli dei della fazione di Marduk e gli dei nemici della cricca del malvagio Anu.

Questa storia del conflitto nucleare tra le opposte fazioni extraterrestri intorno al momento della improvvisa scomparsa della civiltà sumerica sarebbe successivamente ritratta in forma del racconto biblico di Sodoma e Gomorra in cui il dio ebraico Yahweh avrebbe svolto il ruolo distruttivo di Anu, suo Precursore mesopotamico.

Ecco un estratto della letteratura dei Lamenti che descrive come le città sumere furono desolate dagli effetti delle esplosioni nucleari.

È una traduzione del celebre sumerologo Samuel Noah Kramer.

Sulla Terra cadde una calamità, sconosciuta all’uomo; una cosa che non è mai stata vista prima, una cosa a qui non si poteva resistere.

Una grande tempesta dal cielo. Una tempesta di annientamento. Un vento maligno, come un torrente impetuoso. Un’immane a tempesta unita a un caldo scottante.

Di giorno privò la Terra del sole luminoso, la sera le stelle non brillavano. La gente, terrorizzata, non poteva respirare; il vento malvagio li soffocava, non concede loro un altro giorno.

Le bocche erano bagnate di sangue, le teste perdevano sangue. Il viso è stato reso pallido dal Vento del Male. Ha causato la desolazione delle città e delle abitazioni; le stalle desolate prive di vita, gli ovili rimasero vuoti.

I fiumi della Sumeria defluivano con acqua amara; i campi coltivati crescevano erbacce, i suoi pascoli crescono di piante rinsecchite.

Lo spietato scoppio nucleare è stato ordinato da Anu, lo stesso essere degenerato che nella Bibbia avrebbe sopresso Sodoma e Gomorra per i loro peccati indicibili.

Gli anuisti erano grandi nemici di Marduk e quindi volevano portare rovina sul suo regno in Medio Oriente.

In quella fatidica giornata, hanno preso possesso delle sette armi terrificanti e hanno volato sopra le città Mardukite e le montagne circostanti. Una volta oltre i loro obiettivi, gli anuisti hanno lanciato i sette dispositivi nucleari e li hanno fatti detonati sulle regioni che in seguito sarebbero conosciute come Sodoma e Gomorra nella tradizione ebraica.

Quelle città leali a Marduk furono annientate dalla tempesta di fuoco e zolfo che avrebbe seguito le esplosioni tumultuose e molti dei loro disgraziati abitanti sarebbero stati consumati dalle fiamme mortali degli esplosioni fulminanti.

Un fumo scuro si levò in aria e il cielo annerì. Nei giorni seguenti un inverno nucleare ha bloccato la luce solare e di notte le stelle non sarebbero state più visibili.

Nei mesi successivi la caduta mortale radioattiva si diffuse in tutta la terra della Mesopotamia come un vento di morte raggiungendo a est anche le città degli dei Enkiti. Il vento radioattivo avrebbe avvelenato i residenti delle città nella desolazione più completa. Le persone caddero come mosche quando respirarono l’aria inquinata e bevendo l’acqua radioattiva.

La vegetazione dei campi appassiva e i raccolti non avrebbero dato più alcun frutto. Alla fine la distruzione senza precedenti inflitta dalla guerra nucleare mesopotamica ha portato alla improvvisa e misteriosa scomparsa della civiltà sumera.

Il conflitto divino tra i Mardukiti e gli Anuisti si era evoluto da una piccola rivalità familiare tra fratelli e cugini in una vera guerra.

La calamità che cadde sulla Mesopotamia era così grande che anche gli dèi di Sumer dovevano evacuarsi dalle loro amate città. Il vento cattivo si avvicinava alle regioni orientali e la radioattività avvelenò tutto ciò che si trovava nel suo avanzamento.

Le città sono diventate desolate …

Le lamentazioni raccontano che Enki e gli dei del suo lignaggio abbandonarono i loro santuari terrestri, si rifugiarono in montagna e alla fine fuggirono verso il cielo.

  • Così, tutti gli importanti dèi furono evacuati da Uruk, si tennero lontani da lei, si nascondevano in montagna, si accamparono nelle pianure lontane. (Lamenti di Uruk)
  • l padre Enki si allontanò dalla città come se fosse una città aliena. Per la sua città desolata, pianse le lacrime amare. La grande signora della città (Ninki), volando come un uccello, ha lasciato la città. (Lamenti di Eridú)

Qui vediamo che la caduta radioattiva ha colpito persino gli dèi.

Purtroppo, si sono trovati costretti ad abbandonare le loro dimore sulla terra per evitare il vento mortale. I nostri dèi Enkiti salivano sulle loro navette spaziali, volarono in alto nel cielo come gli uccelli e ritornarono nello spazio. Una completa evaquazione.

L’antica guerra nucleare avrebbe dato inizio di una nuova era nella storia del mondo.

Con i loro bastioni indeboliti in Mesopotamia, gli Enkiti finirono per perdere la loro egemonia in Medio Oriente e rinunciare per sempre al dominio degli Anuisti.

I nobili regni di Babilonia e Egitto si mantenevano fedeli al loro grande dio Marduk e rimasero come potenti bastioni della corrente spirituale Enkita per molti secoli.

Tuttavia, gli anuisti avevano già approfittato dell’occasione di stabilirsi sulla quella terra.

I seguaci di Anu hanno occupato molte regioni del Medio Oriente e sono riusciti a infiltrarsi in molti governi. Così fu l’inizio dell’età di Ares, un’era astrologica caratterizzata da conflitti, guerre e violenze.

Gli anuisti continueranno i loro attacchi feroci contro gli Enkiti e alla fine trionfarono nella battaglia sui nostri dèi. Un momento di tristezza e angoscia insopportabile per l’umanità era arrivato.

Alcuni dei nostri dèi furono catturati e annichiliti dai malvagi invasori anuisti.

Sono stati incastrati e imprigionati nelle prigioni buie nelle profondità di quello che è stato chiamato inferno. Purtroppo, diventarono prigionieri di guerra. Nelle loro infernali celle, i nostri dèi non avevano più la libertà di movimento a livello fisico, anche se erano ancora in grado di muoversi temporaneamente in altri luoghi nel loro corpo astrale.

Ricordiamo che le abilità psichiche degli dèi sono molto più sviluppate dei nostri.

Dopo la battaglia i nostri dèi furono portati nelle carceri degli Anuisti e lì i seguaci di Anu li avrebbero sfruttati trasferendo le loro energie al vortice energetico del loro signore il male Anu-Yahweh.

Da questo sorgerà l’idea degli angeli ribelli incappati nell’abisso infernale della letteratura apocalittica del Nuovo Testamento e del Giudaismo del Tempio del Secondo Tempio (Apocalisse 20: 2-3, Giudea 1: 6, 2 Pietro 2: 4 Enoch 10: 4-6, Enoch 10: 12-13).

Ricordiamo che nella letteratura religiosa dell’ebraismo monoteistico dell’epoca post-esilio, i grandi dèi della cultura politeista mesopotamica in cui gli ebrei si erano trovati durante l’esilio sono stati ingannati e trasformati in ‘demoni’ e ‘angeli caduti’.

Altri dei nostri dèi, il grande Enki incluso, riuscirono a fuggire per tempo fuggendo nello spazio. In quel momento di totale tristezza, i nostri dèi si vedevano costretti ad abbandonare l’orgoglio e ritirarsi dal nostro pianeta.

Si lasciarono la terra alle spalle e tornarono alla loro casa originale nella costellazione di Orione.

Il mondo è caduto negli artigli dei malvagi anuisti. Tuttavia, il ritiro degli Enkiti non significa che ci avrebbero abbandonati. Quello che hanno fatto in quel momento molto difficile è stato un ritiro tattico.

I nostri dèi sapevano che non avrebbero potuto vincere la guerra in quel momento poiché gli anuisti erano riusciti a diventare molto potenti dopo aver fatto deflagrare gli ordigni nucleari in Medio Oriente, e quindi, invece di essere catturati o massacrati sulla terra, hanno deciso di fuggire e di ritornare al loro pianeta d’origine per ripensare alla loro strategia e pianificare il loro contrattacco.

Un giorno i guerrieri Enkiti ritorneranno, un ritorno contro i malvagi anuisti e riprendere la terra.

Era molto doloroso quello che è successo ai nostri dèi quando furono catturati dagli anuisti e incastrati nell’abisso infernale. Tuttavia, secondo le memorie Enkite, negli ultimi anni tutti gli dei senza alcuna eccezione sono riusciti a scappare dalla schiavitù di Anu e riconquistare la loro libertà. III

Ora tutti i nostri dèi sono liberi e disposti a combattere nella guerra per il dominio della terra.

Ora torniamo all’età di Ares (intorno al 2150 a.C. – 1 a.C.).

Dopo aver indebolito gli dei Enkiti con la guerra nucleare, gli anuisti approfittarono dell’opportunità di infiltrarsi nelle nazioni della terra e di stabilire una linea di fedeli seguaci.

Il malvagio Anu avrebbe deciso di creare un popolo anuistico sulla terra in modo che in seguito avrebbe eseguito il suo intricato piano per dominare il mondo intero.

Anu stabilì il suo primo bastione della corrente anuista nelle terre della Palestina sulla costa levantina, tra i grandi regni Enkiti d’Egitto e Babilonia. La posizione del cuore del suo regno terrestre non era una coincidenza, poiché la missione del suo popolo sarebbe quella di infiltrarsi nei regni adiacenti Enkiti e corromperli dall’interno.

I popoli scelti di Anu sarebbero i semiti occidentali, quelli che poi sarebbero conosciuti come gli ebrei, gli israeliti.

L’origine del popolo ebraico

Gli ebrei sono delle genti enigmatiche. Anche la loro origine come nazione è avvolta nel mistero.

La bibbia ebraica, il sacro libro dell’ebraismo, afferma che il popolo ebraico ha le proprie radici nella discendenza di Abramo, il primo patriarca della razza ebraica presumibilmente eletto da Yahweh come padre del suo popolo scelto.

Secondo il racconto biblico, la scelta di Abramo avviene poco prima della distruzione di Sodoma e Gomorra, che avrebbe posto la data della sua nascita nei decenni finali del XX secolo a.C.

Alla fine Yahweh fa un patto con Abramo e gli promette che sarà il padre di una grande nazione messianica che regnerà in tutto il mondo.

Tuttavia, uno studio minuzioso della storia di Abramo rivelerà che il padre ben venerato del popolo ebraico non può essere stato una persona reale, ma piuttosto un patriarca fittizio.

Il progenitore ancestrale degli ebrei non esisteva realmente; l’Abrahamo biblico non è altro che un archetipo ebraico che il sacerdozio ebraico ha inventato nel primo millennio allo scopo di realizzare una storia ancestrale per i popoli dell’ebraismo.

La storia del popolo ebraico raccontata nella Bibbia non è altro che una truffa intricata il cui obiettivo è la giustificazione della loro nuova “teologia del popolo scelto”. Niente della loro storia è vera e la storia della loro origine è ancora minore.

Come possiamo sapere se il patriarca biblico Abramo non era mai stato una persona storica, ma in realtà un archetipo inventato in una data successiva?

La risposta è semplice per chiunque abbia una buona comprensione della storia antica. In primo luogo, i ricercatori della borghesia biblica moderna sono giunti alla conclusione che il Libro della Genesi è pieno di anacronismi.

Un anacronismo è un errore storico che consiste nella presentazione di qualcosa di appartenente a un tempo a cui non corrisponde veramente. Quello che è strano nel Libro della Genesi è l’assenza di un accurato riferimento a ciò che stava accadendo storicamente in Medio Oriente durante il secondo millennio (Grant, 1996). IV

La verità è che molti riferimenti storici e topografici nella Bibbia sono molto più appropriati nella metà del primo millennio, cosa che indica una data di redazione successiva e dimostra che la cosiddetta storia antica del popolo ebraico è infatti, nient’altro che un’invenzione tardiva del primo millennio.

Ad esempio, il narratore biblico della Genesi afferma che Abramo proveniva dalla città di Ur dei Caldei.

Tuttavia, il termine Ur dei Caldei era appropriato solo dal VII secolo a.C., dato che i Caldei sono emersi nella regione di Ur solo alla metà del primo millennio.

Nel tempo in cui doveva vivere Abrahamo, Ur era una regione abitata dai Sumeri (Grant, 1996). V

Secondo, molti storici moderni hanno osservato che non esistono registrazioni provenienti da fonti extra-bibliche che corroborano le presunte azioni del popolo israelitico nelle nazioni circostanti come l’Egitto (Romer, 1999). VI

Ciò suggerisce che le storie dei grandi patriarchi ebraici raccontati nella Bibbia non costituiscono la realtà della realtà, in realtà sono invenzioni tardive del sacerdozio ebraico il cui obiettivo era falsificare e far credere di maggiore antichità la storia ebraica.

Risulta che la storia di Abramo così come presentata nella Bibbia era falsa. L’ Abrahamo biblico non è altro che un archetipo fittizio ebraico e la storia della scelta di Abramo era in realtà un tentativo di fornire una spiegazione sull’origine del cosiddetto popolo scelto dal sacerdozio ebraico.

Se la storia di Abramo come il grande padre ancestrale del popolo ebraico è completamente fittizia, da dove è apparso quel misterioso popolo e come?

La storia della scelta di Abramo nella Bibbia è in realtà una favola fittizia che copre un evento veramente sinistro. In altre parole, si potrebbe dire che la storia della scelta di Abramo è un racconto allegorico che nasconde la scioccante verità sull’origine autentica del popolo ebraico.

A volte la verità è molto più fantastica di una finzione.

Gli Ebrei, quella misteriosa razza che infiltrò così tanti paesi stranieri ed era dietro le tre grandi religioni monoteistiche e molti movimenti mondiali, sono il popolo di Anu.

Sono il popolo scelto del loro dio settario; ma non sono il popolo scelto del dio dell’umanità.

Gli Ebrei furono scelti o piuttosto creati da Anu affinché assumessero una missione di dominio mondiale. Gli ebrei furono creati come una nazione di sospetti subordinati a Anu e per essere suoi rappresentanti sulla terra.

Ad un tempo non specificato dopo l’antica guerra nucleare, Anu stabilì il suo grande bastione della sua fazione nella regione di Palestina e fondò il suo culto, culto sotto lo pseudonimo semitico El.

Il suo culto si sarebbe sparso in tutte le regioni levantine e Anu-El sarebbe stato adorato come il dio principale dai popoli semitici occidentali come,

  • i Fenici
  • gli Amoriti
  • i Cananei

Nella religione semitica del secondo millennio, il culto di El fu caratterizzato da sacrifici umani e rituali di infanticidi (Olyan, 1988). VII

Lo stesso dio sanguinario e spietato sarebbe stato poi conosciuto dai Greci come Kronos (Smith, 2002). VIII

Lo stesso Kronos era conosciuto come Saturno nel mondo che parlava latino. Il culto saturo e perverso di Anu-El era già stato stabilito nelle varie regioni semitiche lungo la costa levantina. Nel frattempo, il malevole Anu-El ha formato il suo popolo scelto nella loro prima tappa tra i popoli semitici occidentali. I primi proto-ebrei sarebbero nati tra gli antichi popoli cananei. Sembrano simili ai loro vicini semitici levantini, ma il loro DNA sarebbe stato modificato dagli anuisti e sarebbero molto diversi dalle altre razze dell’umanità.Il popolo ebraico è stato creato dagli anuisti come una nuova razza e dentro di loro è stato impiantato il materiale genetico del loro dio Anu e anche quello di un’altra specie extraterrestre conosciuta come Dracos o Saurians. IX

Pertanto, gli ebrei si sarebbero manifestati con molti dei tratti perversi del loro creatore:

  • odio dai popoli Gentili o non-ebrei
  • collettivismo razziale
  • furbizia
  • inganno
  • un complesso di superiorità
  • delirio persecutorio
  • a moralismo
  • depravazione
  • complesso vittimistico
  • ipocrisia
  • materialismo
  • avidità
  • guerrafondaio
  • sete di sangue
  • una insaziabile sete di dominio

Alla fine, gli ebrei originali furono fatti con l’immagine e la somiglianza del loro degenerato dio Anu-El e così hanno ereditato molte delle sue caratteristiche psicologiche.

Il DNA del Dracos che è stato aggiunto ha dato al popolo ebraico una certa perversa, crudele e spietata mentalità. È per qualcosa che le élite s del rabbinate ebraico dicono che il sangue ebraico non è lo stesso del sangue Gentile e afferma che gli ebrei e i gentili sono due specie diverse.

Gli ebrei sono programmati geneticamente per servire Anu e sostenere la causa della loro razza in modo ultra collettivista.

Sin dall’inizio della loro storia, il popolo di Anu è stato esperto nell’infiltrazione di governi stranieri, sabotaggio e cospirazione. Le élite s della società hanno sempre operato attraverso confraternite ebraiche segregate e cospiratorie.

Non è noto con certezza quando la razza preferita di Anu è stata creata dagli dei della fazione anuista nella regione della Palestina, ma si può dedurre che tale avvenimento avvenne in un periodo compreso tra il 2000 e il 1800 a.C. 

La ragione per cui possiamo arrivare a tale conclusione è perché la misteriosa corsa dell’invasore conosciuta come gli Hyksos apparirà nella storia per la prima volta intorno all’anno 1800 a.C.

Gli Hyksos erano una razza sconosciuta di barbari guerrieri che improvvisamente apparvero dal nulla e cominciarono a combattere contro gli egiziani. Questa gente sanguinaria e crudele conquisterà sia il basso Egitto che l’Alto Egitto regnando sul paese da circa il 1720 fino al 1570 a.C.

Sei reverendi re di quella stessa tribù avrebbero dominato la terra dell’Egitto per due secoli, fino a quando la loro ultima dinastia è stata rovesciata dalla resistenza Tebana. Si sono diffuse diverse voci sull’origine degli Hyksos.

Alcuni dicevano che erano semiti mentre altri sostenevano che erano nomadi asiatici. C’era anche la voce che erano di radici greche!

Quello che c’è di certo è che anche la loro origine è avvolta nel mistero. Tuttavia, sappiamo che avevano nomi cananei, anche se poi avrebbero adottato pseudonimi egiziani. I cananei erano un popolo semitico occidentale stabilito nella regione della Palestina da cui gli ebrei avrebbero poi tracciato la loro cultura.

Contrariamente a quanto afferma la pseudo-storia ebraica, nel secondo millennio a.C., i Cananei e gli Ebrei erano identici, parlavano la stessa lingua e appartenevano alla stessa corrente culturale (Tubb, 1999, Smith, 2002). X, XI

Alla fine, gli Hyksos erano i semiti occidentali e i “Proto-Ebrei” creati da Anu-El all’inizio del secondo millennio a.C. e la loro missione era quella di infiltrarsi nei regni d’Egitto, un nobile bastione degli attuali Enkiti distruggendoli e corrompendoli dall’interno verso l’esterno.

Qui vediamo i primi segni del proto-sionismo anuistico nella storia del mondo.

Così è stato il modus operandi del popolo di Anu fin dall’inizio:

infiltrarsi in una terra straniera, assumere spesso le istituzioni del potere politico con mezzi surrettizi, corrompere la cultura e la civiltà Gentile e distruggere le nazioni dall’interno.

Il malevole Anu li ha programmati per essere così.

Il popolo di Anu ha sempre odiato i popoli di Enki come gli egiziani, i babilonesi e le altre nazioni gentili, dal momento che l’odio xenofobo è codificato nel loro DNA da Anu e registrato nella loro coscienza collettiva.

Quando il primo tentativo di far cadere la rovina sulla regione dell’Egitto non è riuscita e gli Hyksos o i “Proto-Ebrei” sono stati espulsi dal paese dopo due secoli di dominio, Anu ha disegnato un nuovo piano d’azione.

Intorno al 14° secolo a.C. il famigerato faraone Akhenaton fece la sua comparsa nella storia e cercava di sopprimere il tradizionale politeismo egiziano e sostituire il culto di Amon-Ra (Marduk) con un culto ad una sola divinità solare chiamata atonismo.

Akhenaton era un ibrido Draco-Human, vero rettiliano, assunto da Anu. XII

Durante il suo regno Akhenaton sarebbe diventato sempre più fanatico.

Ha proclamato che Aton non era solo il dio supremo ma anche l’unico dio e si è dichiarato l’unico mediatore tra il popolo e l’unico vero dio. Poi Akhenaton ordinò il vandalismo dei templi di Amon-Ra, proibì le immagini delle divinità egiziane tradizionali e cancellò tutti i riferimenti a una pluralità di dei nelle iscrizioni del suo tempo.

Chi ti ricorda il comportamento intollerante di quel “faraone” tirannico

monoteista? Le azioni di Akhenaton sono firmate da Anu e sono precedenti di ciò che accadrà più tardi in Palestina sotto il sacerdozio ebraico.

Akhenaton era un inganno anuistico di sangue draconiano che cercava di corrompere la corrente spirituale del grande bastione Enkita dell’Egitto. Fortunatamente le sue cosiddette “riforme” monoteistiche sarebbero appena durate 20 anni e il culto di Amon-Ra sarebbe stato ripristinato a Tebe da Tutankhamon.

Quindi il secondo tentativo del popolo di Anu sarebbe fallito grazie al grande spirito di resistenza del popolo egiziano.

Più tardi, all’inizio del primo millennio, le stesse persone di Anu cominciarono a dividersi dal popolo cananeo a cui appartenevano prima, per formare un nuovo movimento ignominioso.

Questa volta si sarebbero chiamati Ebrei e sarebbero diventati acerrimi nemici con i loro cugini semantici levantini che non simpatizzavano con loro come i Moabiti, i Filistei e persino con i Canaaniti.

La storia del presunto Esodo fuori dall’Egitto è pura finzione.

Nulla di ciò che viene detto nella storia di Mosè è veramente avvenuto. Come molti anedoti del Pentateuco, la storia dell’Esodo è ricca di anacronismi e tutte le testimonianze archeologiche per quanto riguarda l’argomento si sono rivelate negative nonostante più di un secolo di ricerca archeologica ed egittologi-ca (Meyers, 2005 ). XIII

Alla fine, la storia dell’Esodo non era un fatto, ma piuttosto un racconto pseudo-storico della propaganda anti-egiziana fabbricata dalle élite del sacerdozio ebraico anuista.

Gli obiettivi principali di questa ignota bugia biblica erano la calunnia dei principali nemici del popolo di Anu e la giustificazione degli Ebrei come popolo scelto da ‘dio’. In realtà gli Ebrei si separarono dalla cultura cananea all’inizio del primo millennio e alcuni secoli dopo il loro sacerdozio inventava il monoteismo radicale jehovitico.

Questa volta il monoteismo di Anu si è radicato con grande successo.

I semi della religione ingannevole di Anu erano già stati seminati nella terra di Palestina. Il presunto sacro libro della pseudo-storia del popolo ebraico sarebbe stato fabbricato intorno al 550 a.C. e il culto di Yahweh, il nuovo epitoma ebraico di Anu-El, sarebbe stato stabilito nella capitale ebraica di Gerusalemme.

Il nuovo monoteismo del popolo ebraico sarebbe diventato sempre più violento e tutte le nazioni confinanti che si rifiutarono di accettare il dio ebraico Yahweh-El-Anu sarebbero state disprezzate e demonizzate dal sacerdozio di Anu.

Gli ebrei avrebbero sempre implorato gli dei Enkiti del regno di Babilonia nei loro scritti calunniosi e avrebbero proposto il genocidio di tutti i popoli politeisti attorno a loro. L’ebraismo è stato una religione terribile, brutale, guerriera e degenerata fin dall’inizio.

Pertanto, le nazioni più gentili civilizzate erano in grado di vedere attraverso la perversa follia dell’ebraismo per quello che era.

L’élite del sacerdozio di Anu avrebbe nuovamente cospirato per diffondere la loro illusoria corrente anuistica tra i popoli Gentili.

Nel primo secolo d.C. il regno di Babilonia era già caduto e la terra di Israele era già stata sottoposta all’impero romano. Anche l’influenza greca era molto presente nelle regioni del Levante. L’esercito ebraico era già indebolito e il paese era all’orlo della sua scomparsa.

Già abituato ad infiltrare le nazioni straniere e parassitarle dall’interno, l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato un enorme e sinistro complotto per dominare le grandi nazioni gentili.

Un ennesimo fariseo ebraico con cittadinanza romana conosciuto come Paolo di Tarsus apparirà in Palestina alla metà del I secolo e affermerebbe di aver ricevuto una visione profetica da un certo Gesù di Nazareth sulla strada per Damasco.

Questo cosiddetto apostolo dei Gentili che non aveva mai conosciuto il mitico Nazareno in persona affermò di essere un messaggero della verità e fondò una nuova setta ebraica orientata verso i Gentili.

Quella nuova setta sarebbe poi stata conosciuta come cristianesimo.

È interessante notare che il presunto grande eroe della cristianità, l’apostolo Paolo, era un discepolo diretto e dipendente di un certo Gamaliel, uno dei membri più alti dell’infame Gran Sinedrio, l’assemblea della élite ebraica nell’antico Israele.

È anche interessante notare che anche dopo la creazione della nuova setta cristiana, Paolo di Tarso ha continuato a praticare l’ebraismo dei suoi antenati.

Se posso lasciare la diplomazia da un lato e dire la verità esattamente come è, posso solo dire che Paolo di Tarsus, il fariseo ebreo, è stato un ingannevole ingannatore dei popoli Gentili, un venditore di menzogne, un lupo in un gregge di pecore e un impiegato dei cospiratori ebrei proto-sionisti del Sinedrio.

Era una creazione animale di Anu e della sua cricca contorta.

I bizzarri insegnamenti della sua nuova setta sarebbero stati puro avvelenamento per le sue vittime Gentili.

In primo luogo, l’insegnamento di una filosofia anti-vita e autodistruttiva di,

  • pacifismo totale
  • indebito altruismo
  • obbedienza cieca
  • oscurantismo
  • abnegazione dell’Io
  • amore per i nemici e anche per coloro che ci opprimono
  • la rinuncia a qualunque tipo di conoscenza spirituale ancestrale
  • la strana umiliazione di sé come un perduto peccatore
  • una preoccupazione malsana di colpa e di vergogna
  • dipendenza fatalistica
  • una paura irrazionale nei confronti di altri concetti come il diavolo, l’inferno e il giudizio finale.

Il cristianesimo finisce per trasformare milioni di Gentili in schiavi docili e sottomessi senza spirito di combattimento e facile da dominare.

  • In secondo luogo, l’espansione della teologia monoteista giudeo-cristiana esporterebbe il culto di Yahweh (El, Anu, Kronos, Saturno) a tutte le nazioni europee e quindi un numero innumerevole di Gentili cadrebbero sotto il dominio del dio degli ebrei.
    • Giudaismo 2.0 presumibilmente dallo stesso Nazareno e solo per i Gentili.

E chi era il cosiddetto Messia e salvatore dell’umanità introdotto da Paolo il fariseo?

Il mitico biblico Nazareno conosciuto come Gesù e più tardi come Gesù Cristo non era altro che un carattere fittizio. Proprio come Abramo e Mosè, Gesù era puramente un archetipo ebraico inventato dai cospiratori anuisti.

Il salvatore universale dell’umanità sarebbe solo una forma di pensiero ingannevole di Anu.

In termini esoterici, una forma pensiero è un’entità irreale, illusoria e fantasmagorica proiettata dalla mente di un mago e dotata anche di una consistenza fisica e di una propria personalità. In altre parole, è un’apparizione programmata creata attraverso l’energia magica.

Il concetto forme di pensiero è molto antico e risale all’antico Oriente, dove era noto come Tulpa in tibetano e Nirmita in sanscrito.

Gli anuisti mantengono tutto il mondo nell’inganno e si impadroniscono dell’energia spirituale dei loro ingenui seguaci religiosi attraverso le loro forme di pensiero, come il fittizio Gesù Cristo. Ogni volta che un cristiano prega il Nazareno l’energia spirituale delle sue preghiere viene inghiottita dal vortice energetico di Anu e la magia nera degli Anuisti viene rafforzata. Gli anuisti si nutrono di quella energia a livello spirituale.

Molti iniziati ebrei e seguaci del sionismo fingono di avere un’avversione per Gesù Cristo come eretico e traditore dell’ebraismo; tuttavia, tutto questo è solo un atto di teatrale…

Sanno che il Nazareno adorato dai cristiani non è altro che un fittizio archetipo e comprendono che il presunto Messia dei Gentili è infatti una forma di pensiero con cui possono assumere le menti dei loro nemici cristiani.

L’ostilità che essi mostrano verso la propria forma di pensiero non è altro che un modo per suscitare conflitti tra i popoli e confonderli ancora di più.

Tornando all’argomento principale, nei secoli successivi la nuova setta cristiana, costruita dalla élite dell’ebraismo anuista e venduta ai gentili ingenui dal fariseo ebraico Paolo di Tarso, si è diffusa in tutto il mondo mediterraneo. All’inizio fu respinto dalla maggioranza dei Gentili nelle grandi nazioni europee ed era persino perseguitato nei territori dell’Impero Romano.

Tuttavia, nel quarto secolo, i cattivi anuisti hanno fatto un accordo con l’élite dell’Impero (o forse lo Stato romano era già caduto sotto il controllo degli Anuisti da molto tempo) e seguente-mente gli imperatori hanno imposto la religione di Anu come culto ufficiale dello Stato.

Da allora gli Anuisti avrebbero stabilito un potente secondo bastione a Roma:

Più o meno nello stesso tempo, gli anuisti avrebbero trovato una terza religione monoteista dogmatica ed intollerante nelle terre degli arabi:

  • Islam.

Anu ha inviato lo stesso arcangelo Gabriele, un ingrato extraterrestre della fazione anuista conosciuto come Jibril in arabo, in modo che avrebbe rivelato a Mohammad la nuova “verità” di “dio” creando una nuova religione abrahamica … L’Islam abbraccia l’insegnamento della “guerra santa” contro gli “infedeli” e gli arabi convertiti avrebbero brandito le loro spade per distruggono tutti i popoli che si rifiutarono di credere nella nuova religione di Anu.

Gli Anuisti avevano creato una nuova cultura di potenti guerrieri disposti a combattere per la loro causa.

Nel frattempo, in Europa il Papato dell’anuista Vaticano distrugge tutte le tradizioni spirituali ancestrali dei popoli Gentili e annienta tutti i ribelli attraverso la loro perversa e malvagia inquisizione.

Alla fine gli ebrei iniziati, il popolo di Anu, infiltreranno molte organizzazioni europee che fingono la loro conversione al cattolicesimo.

Il Vaticano è sempre stato un’organizzazione misteriosa con legami con le società segrete dell’occultismo ebraico. In poche parole, gli ebrei anuisti hanno sottomesso (o in questo caso sub-ebrei) le nazioni europee con il loro sanguigno cavallo sionista conosciuto come cristianesimo e distrutto le culture ancestrali del Medio Oriente per mezzo della loro arma chiamata islamismo.

Il popolo di Anu riuscì a monopolizzare il potere politico e intellettuale sul Vecchio Mondo (Europa) attraverso la loro religione cattolica. Tuttavia, questo significa che non li servirà per sempre. La strategia degli anuisti è sempre in evoluzione e si adatta alle circostanze dell’epoca.

Nei tempi moderni le genti di Anu avrebbero tracciato i loro intenti per un nuovo progetto segreto per espandere il loro monopolio sul potere e comprimendolo per infiltrarsi nei governi del Nuovo Mondo (Americhe) attraverso diverse società segrete.

La fase successiva e finale della loro cospirazione millenaria sarebbe l’infame Nuovo Ordine Mondiale.

Il Nuovo Ordine Mondiale è composto da una rete di occulte confraternite dirette dai discendenti della stessa linea antisemitica creata in Palestina quasi quattro millenni fa.

I cosiddetti Illuminati del presente sono i figli del millenario sionismo.

Contrariamente a alcuni miti popolari che suppongono che gli Illuminati siano seguaci del Satana biblico, un semplice personaggio fittizio inventato per seminare i semi della paura e della paranoia, le élite dell’Ordine degli Illuminati sono veramente ebrei sionisti fedeli a Yahweh (Anu, El, Saturno) e il Nuovo Ordine Mondiale è l’eredità che il loro dio malvagio ha promesso per loro nel momento della loro elezione.

È curioso che nella Bibbia Yahweh promette al fittizio archetipo ebraico Abrahamo che lo farà padre di molte nazioni grandi e poi i profeti ebrei profetizzeranno che il popolo d’Israele erediterà il mondo intero e regnerà su tutte le nazioni.

In realtà, la Bibbia ebraica non è altro che un progetto codificato del sionismo per gli ebrei iniziati e un mezzo di inganno per mantenere i non iniziati schiavi.

Quello che è certo, è che il Nuovo Ordine Mondiale appartiene a Yahweh e al suo popolo eluso scelto da Ebrei ... 

conclusioni

La storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Bibbia ebraica è una rifusione tardiva di un gruppo di antichi racconti storici mesopotamici che comprendono l’Epica di Erra babilonese e le lamentazioni di Sumer.

I testi originali raccontano un feroce conflitto tra gli dei che successivamente poi testimoniano una grande catastrofe che avrebbe portato all’improvviso la scomparsa della civiltà sumera costringendo gli dèi Enkiti ad esiliarsi dalla terra.

Il conflitto devastante raccontato nei testi antichi era infatti un’antica guerra nucleare che scoppiava tra due opposte fazioni avanzate di extraterrestri.

Gli Anuisti avrebbero ricorso alle armi atomiche di distruzione di massa per sconfiggere gli Enkiti e a farli ritirare dalla terra.

Il “vento cattivo”, un antico riferimento alla caduta radioattiva causato dalle bombe atomiche, avrebbe desolato le città dei nostri dei e indebolendo il loro dominio sulla regione mesopotamica.

Immediatamente gli extraterrestri della fazione di Anu avrebbero invaso la terra assumendo alcune aree del pianeta. Avrebbero combattuto spietatamente con gli Enkiti e seminano il caos in Medio Oriente.

Anu stabilirà il bastone del suo culto anuistico nella regione di Palestina sotto lo pseudonimo semitico El. Nel frattempo, i suoi potenti alleati spirituali con gli infami Dracos schiacciarono la resistenza Enkita prendendo molti dei nostri dèi come prigionieri.

Da lì nasce l’idea degli angeli ribelli caduti nell’abisso dell’inferno nella letteratura apocalittica del giudaismo nel periodo del secondo tempio e successivamente nel Nuovo Testamento. Fortunatamente altri nostri dèi, inclusi Enki, nel tempo riuscirono a fuggire e si ritirarono dalla terra tornando in casa nella costellazione di Orione per preparare la loro futura rivalsa.

La storia di Abramo nella Genesi non è altro che una ritardata cronaca pseudo-storica il cui scopo è stata la giustificazione degli ebrei come popolo scelto da ‘dio’.

Abramo è un nome archetipo di carattere fittizio e il resoconto della sua elezione è un’allegoria che nasconde un evento veramente sinistro.

In realtà Yahweh (Anu) non scelse alcun Abramo; ha creato una nuova razza ibrida in Palestina attraverso l’ingegneria genetica sulla base del proprio materiale genetico e quello dei Dracos in modo che essi sarebbero stati il suo popolo scelto.

Ha affidato al suo popolo una missione speciale:

la distruzione sistematica di tutte le civiltà enkite gentili e la dominazione sul mondo = sionismo.

Da questa nuova razza anuista apparirà l’enigmatico Hyksos intorno al 1800 a.C. e avrebbero cercato di rovinare il regno Enkita d’Egitto.

Il “faraone” Akhenaton anuista sarebbe venuto sulla scena e cercare di corrompere la religione egizia ancestrale per sostituirla con la spazzatura di Anu. Ma, l’Egitto rimase forte.

Più tardi all’inizio del primo millennio a.C. il medesimo lignaggio anuista si organizzò nuovamente a formare il popolo ebraico, il popolo “scelto” e gli ebrei avrebbero combattuto con tutte le nazioni politeiste vicine.

Nel 1° secolo a,C. l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato la trama più complessa della storia.

Una grande minaccia
(Agenda 21)  

Avrebbero creato altre due religioni basate sul loro ebraismo monoteistico, due culti ebrei molto velenosi e autodistruttivi, per venderlo ai Gentili in Europa e Medio Oriente. Questo sarebbe stato il cavallo di Troia ebraico.

Il cristianesimo ebraico sarebbe stato stabilito in Europa e l’islamismo ebraico avrebbe stato assunto dalle menti del popolo arabo. Allora gli ebrei sionisti, gli ultimi burattinai, avrebbero infiltrato le società cristiane straniere e alla fine hanno espanso il loro dominio sui popoli gentili.

Negli ultimi tempi le stesse persone avrebbero assunto molti dei governi del mondo con l’aiuto del loro malvagio dio Anu-Yahweh e stabilirono il loro nuovo ordine mondiale.

Ora i seguaci di Anu sono i più potenti, hanno quasi il monopolio sul potere politico del mondo e gestiscono gran parte della ricchezza.

Ora i sionisti anuisti godono della promessa che il loro demonio del dio Anu-Yahweh ha fatto al padre archetipo ebraico Abramo e ai profeti della Bibbia:

egli consegna loro il potere su tutte le nazioni e li rende i padroni di tutto il mondo.

Alla fine, la Bibbia giudeo-cristiana è in realtà un segreto nascosto per il millennio sionista.

Il sionismo ebraico è sponsorizzato da Anu-Yahweh, che ha reso schiava l’umanità asservendola e rendendo nemico il cosmico Enki.

Riferimenti

I. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati giganti sulla terra: dèi, semi dei e ancestrali umani: l’evidenza del DNA straniero – New York (p. 287)

II. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati Giants sulla Terra: Dei, Semidei e Umani Ancestrali: L’Evidenza del DNA Alieno – New York (p. 288)

III.  http://www.loveenki.com/enki_gb/enki-and-his-human-children-lets-sum-up-the-situation/

IV. Grant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (p.30)

V. rant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (pagina 32)

VI. Romer, J. (1999) Testamento. (pp. 57-58)

VII. Olyan, SM (1988) Asherah e il culto di Yahweh in Israele. (pp. 62-68)

VIII. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 172-173)

IX. http://www.loveenki.com/enki/2012/07/abraham-imposture-de-lhistoire-les-kashars-imposture-du-moment-dieu-sobek-anu-et-sa-premiere-visite/

X. Tubb, JN (1998) Canaaniti: Popoli del passato. (pp. 107-116)

XI. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 6-9)

XII. http://www.loveenki.com/enki_gb/the-god-seth-from-love-to-fury-or-from-suty-to-typhon-anu-the-children-and-the-black-magic-the-Hyksos /

XIII. Meyers, C. (2005) Esodo. Cambridge (pp. 5-7)

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

L’IRA DI “ERRA”

le armi degli dèi

Spazio Porto Nel Sinai al tempo degli dèi

SINOSSI DELLA XIII° TAVOLETTA

Ma anche le civiltà dell’Indo riportano le stesse vicende catastrofiche

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

“Le Sette città Rishi”

Metalli Divini

Sud Africa, trovata una metropoli di 200.000 anni realizzata dagli Anunnaki?

METALLURGIA

L’uso dei metalli da parte dell’uomo è iniziato con l’oro ed è continuato con argento e rame – metalli che si trovano allo stato puro in natura. Reperti archeologici indicano che l’uso di “pietre tenere” (ossia i metalli), martellandole e dando loro forme utili, cominciò nel vicino Oriente nel IV millennio a.C.; l’uso di metalli puri si trasformò in metallurgia nel IV millennio a.C. con l’introduzione della lega di rame e stagno chiamata bronzo; i progressi tecnologici nella lavorazione dei minerali metallici introdussero l’Età del Ferro nel II millennio a.C. 

A differenza dell’archeologia, le antiche credenze in tutto il mondo, che trattano la successione delle età dei metalli (a partire dall’Età dell’Oro), assegnavano invariabilmente a queste tre ère una ben maggiore antichità.

Anche le narrazioni sumere degli Anunnaki, che descrivono il loro arrivo sulla terra alla ricerca di oro e la creazione di Bad-Tibira come centro metallurgico nell’Edin, fanno risalire questi eventi a un periodo precedente il Diluvio.

Anche nella Bibbia si trovano riferimenti all’uso del metallo prima del Diluvio: osservando ad esempio che uno dei fiumi dell’Eden scorreva da dove <<giungeva il buon oro>> e notando che Tubalkain (della stirpe esiliata di Caino) era <<il fabbro, padre di quanti lavorano l’oro, il rame e il ferro>>. (Genesi 4,22). 

Secondo le iscrizioni sulle mura del tempio a Edfu, in Egitto, il dio Horus donò ai suoi sostenitori umani armi di “ferro divino” forgiate in una fonderia che lui aveva creato in quel luogo.

Attività estrattiva delle miniere

Pur se in linea di massima viene considerata parte integrante dell’argomento metalli e metallurgia, l’estrazione mineraria svolse un ruolo importante negli affari degli Anunnaki, come è descritto chiaramente nell’Epica di Atra-Hasis e in altri testi citati da ZS.

Essendo stati costretti a lavorare nelle miniere per estrarre l’oro di cui avevano bisogno, gli Anunnaki assegnati a tale lavoro si ribellarono, l’ammutinamento sfociò nella creazione di un “Lavoratore Primitivo” – l’Homo Sapiens – affinché lavorasse al posto loro.

Oro (Gush.kin, Ku.gi).

“L’Oro Lucente estratto dalla Terra”; anche Zu.ab. “Ciò che brilla proviene dalle profondità primordiali”, da cui deriva probabilmente (H) Zahab, “oro”): minerale prezioso e lucente che si trova sia sotto forma di filoni nelle viscere della Terra, sia come pepite nei letti dei fiumi o come granelli mescolati all’acqua di mare.

E’ il metallo più malleabile e duttile conosciuto: può essere allungato, ridotto in fili sottilissimi, in lamine, in fogli, in grani o polvere (oggi persino essere ridotto ai suoi atomi). Si può fondere, colare, forgiare, martellare e si può legare ad altri metalli; non è corrosivo ed è un perfetto conduttore elettrico.

Primo metallo noto al genere umano, sin dall’inizio venne considerato proprietà degli dèi che lo usavano per comunicare con l’umanità (il bastone d’oro che Viracocha consegnò in Perù; i Cherubini d’oro sull’Arca dell’alleanza per ascoltare Yhaweh). 

Sia nel Vecchio sia nel Nuovo Mondo, le dimore divine e i Sancta Sanctorum erano interamente rivestiti del prezioso metallo a formare recinti d’oro, decorati con emblemi d’oro, oggetti rituali in oro e perfino utensili in oro.

Secondo i testi sumeri, gli Anunnaki estraevano l’oro dall’Africa sud-orientale (Arali, “luogo dei filoni lucenti”), dalle miniere dell’Ab.zu (“Profonda sorgente primordiale”). I testi attribuivano la decisione degli dèi di creare l’uomo alla necessità di avere dei lavoratori primitivi in grado di sostituire gli Anunnaki nelle miniere, dopo l’ammutinamento di questi ultimi, stufi delle condizioni proibitive in cui erano costretti a lavorare.

Quando il Diluvio distrusse tutto, emerse una nuova fonte di oro, pronta per essere raccolta: le pepite che abbondavano sul terreno esposto proprio dalle acque del Diluvio in Sud America, dando origine agli insediamenti e alle operazioni che ebbero come centro Tiahuanacu. Ciò spiega la quantità incredibilmente vasta di oro e manufatti d’oro razziata dai conquistadores spagnoli nelle terre andine del Sud America, i cui indigeni non erano assolutamente in grado di estrarre dalle miniere.

Lo Stagno (An.na):

metallo che, a differenza dell’oro, argento o rame, si trova molto raramente allo stato puro in natura. Veniva ricavato da un minerale, la cassiterite (ossido di stagno), seguendo un processo di estrazione complesso, composto da numerosi fasi: il minerale veniva combinato con il carbonio in apposite fornaci in grado di raggiungere temperature elevate; lo stagno fuso veniva raccolto e purificato attraverso un ulteriore processo di fusione.

E’ un metallo estremamente utile perché, mescolato in piccole porzioni al rame (poco più del 10%), forma una lega – il bronzo – che acquista una resistenza straordinaria. Nonostante la complessità dei processi metallurgici che hanno consentito il passaggio alla cassiterite al bronzo, a Sumer (dove lo stagno veniva chiamato An.na, “Pietra Celeste”) “L’età del Bronzo” risale al 3600 a.C., e da lì si diffuse poi lentamente, nell’arco di parecchi secoli, in tutto il Vicino Oriente.

Questa impresa dei Sumeri è ancora più importante se si considera il fatto che, mentre il rame si poteva ricavare dalle fonti del Vicino Oriente, relativamente poco distanti (Cipro, Creta), i minerali di stagno si trovavano in terre più lontane: nel subcontinente indiano e nel Lontano Oriente, nelle Isole Britanniche (Cornovaglia) o in Sud America (nei pressi del Lago Titicaca).

Nel libro Gli Dei dalle Lacrime d’Oro di ZS, viene citato un testo sumero in cui Inanna parla della presenza di stagno nel suo dominio nella Valle dell’Indo e fornisce la prova che gli Anunnaki ricavavano lo stagno a Tihuanacu in Bolivia – ancora oggi principale fonte mondiale di stagno. ZS si è chiesto persino se il nome della città derivi dalla parola accadica per stagno – Anaku – così che Ti-anaku significava letteralmente “Città dello stagno”

Ferro: Età del ferro (An.ta):

il passaggio dal bronzo al ferro, quale metallo più robusto per armi e utensili, richiedeva importanti progressi tecnologici, che andavano dall’estrazione mineraria, alla separazione delle scorie, alla raffinazione, alla fusione, alla colatura.

Prove archeologiche indicano che il cambiamento si verificò nell’antico Vicino Oriente nel 1200 a.C. circa. Prove testuali, tuttavia, suggeriscono una precoce familiarità con il ferro: leggende egizie di Horus e Seth in battaglia – molto prima dell’era faraonica – descrivono Horus che donava ai suoi seguaci umani <<armi che vennero forgiate>> (ossia fatte di ferro).

La Bibbia, nel capitolo 4 della Genesi racconta che Tubalkain, discendente di Caino, era un “fabbro, padre di quanti lavoravano il rame e il ferro”, presumibilmente già prima del Diluvio. Nel Deuteronomio, la Terra promessa è descritta – all’epoca dell’Esodo, nel XV secolo a.C. – come un <<paese dove le pietre sono ferro e dai cui monti scaverai il rame>>. 

Fonte: 

Le Cronache Terrestri Rivelate di Zecharia Sirchin 2009

p: 104-163-186-187-230

Articoli correlati:

La Maledizione dell’Oro  

L’Età dell’Oro, dell’Argento, del Bronzo e l’eroica età del Ferro  

Dov‘è finito tutto l’Oro del Mondo?  

Il Sud Africa è conosciuto come il più grande paese produttore di oro al mondo. La più grande zona di produzione d’oro del mondo è il Witwatersrand, la stessa regione dove l’antica metropoli si trova. Infatti nelle vicinanze di Johannesburg, una delle città più note del Sud Africa, è anche un luogo chiamato “Egoli”, che significa la città d’oro. (Continua QUI l’interessante articolo) 

Nin.Gish.Zid.Da 

IL PASSATO E’ IL NOSTRO FUTURO

Sembra che le profezie non parlino di tempo lineare – anno uno, anno due, anno novecento ecc. – bensì di una ripetizione ciclica degli eventi, la credenza fondamentale che “le prime cose saranno le ultime”; ossia qualcosa che può accadere solo quando la storia e il tempo storico si muovono in circolo, dove il punto di inizio è il punto finale, e viceversa.

Inerente a questo ciclo della storia è il concetto di un Dio quale entità divina eterna, presente dall’Inizio, quando furono creati Cielo e terra, e che ci sarà anche alla Fine dei Giorni, quando il suo regno verrà rinnovato nel Suo monte sacro E’ espresso ripetutamente sin dalle prime parole della Bibbia fino a quelle degli ultimi profeti, ad esempio quando Dio annunciò tramite Isaia (41, 4; 44, 6; 48, 12):

Sono io, io solo, il primo e anche l’ultimo (…)
Io dal principio annuncio la fine
e, molto prima, quando non è stato ancora compiuto.
(Isaia 48, 12; 46, 10)

E altrettanto nell’Apocalisse del Nuovo testamento: 

Io sono l’Alfa e l’Omega.
l’Inizio e la Fine,
dice il Signore, Dio.
Colui che è, che era e che viene, l’Onnipotente.
(Apocalisse 1, 8)

A dire il vero la base della profezia era la credenza che la Fine fosse ancorata all’Inizio, che il Futuro potesse essere previsto perché si conosceva il Passato (se non lo conosceva l’uomo, lo conosceva di certo Dio): <<Io dal principio annuncio la fine e, molto prima, quanto non è stato ancora compiuto>>. 

Il profeta Zaccaria (1, 4; 7, 7; 7, 12), prevedeva i progetti di Dio per il futuro – gli Ultimi Giorniin termini del passato, i Primi Giorni.

Questa credenza, che viene riaffermata nei Salmi, nei Proverbi e nel Libro di Giobbe, era considerata come un piano divino universale per tutta la Terra e per le sue nazioni.

Il profeta Isaia, vedendo riunite le nazioni della terra per comprendere cosa era in serbo per loro, le descriveva dilaniate da queste domande: <<Vengano avanti e ci annunzino ciò che dovrà accadere. Narrate quali furono le cose passate, sicché noi possiamo riflettervi. Oppure fateci udire le cose future, così che possiamo sapere quello che verrà dopo>> (41, 22).

Che questo fosse un principio universale si evidenzia da una collezione di profezie assire, allorché il dio Nabu disse al re assiro Esarhanddon: <<Il futuro sarà come il passato>>. Questo elemento delle profezie bibliche del Ritorno ci fornisce la risposta alla domanda QUANDO? 

 Una rotazione ciclica del tempo storico era stata trovata in Mesoamerica, quale unine di due calendari (vedi immagine a lato), creando un ciclo di 52 anni, in occasione dei quali – dopo un numero non specificato di giri – Quetzalcoatl (ossia Thoth Ningishzidda) aveva promesso di tornare. E questo ci introduce alla cosiddette profezie maya, secondo le quali la Fine dei Giorni sarà nel 2012 d.C.

La prospettiva che la data profetizzata e cruciale sia asta a quel tempo di molto interesse, e merita spiegazioni e analisi. La presunta data nasce dal fatto che in quell’anno (a seconda di come lo si calcola) l’unità di tempo chiamata Baktum completerà il suo tredicesimo giro. Poiché un Baktum dura 144.000 giorni, si tratta di una sorta di pietra miliare.

In questo scenario bisogna però evidenziare alcuni errori, o ipotesi fallaci. Il primo è che Baktum non fa parte dei due calendari ciclici che si uniscono a formare il ciclo di 52 anni (Haab e Rzolkin), bensì è parte integrante di un terzo calendario, molto più antico, chiamato del Conto Lungo. Venne introdotto dagli Olmechi – Africani giunti in Mesopotamia quando Thoth venne esiliato dall’Egitto; il conto dei giorni iniziò proprio da quell’evento, così che il Giorno Uno del Conto Lungo – secondo gli studiosi – coincideva con l’agosto 3113 a.C. I glifi in quel calendario rappresentano le seguenti sequenze di unità:

1 Kim                                 = 1 giorno

1 Uinal          = 1 Kim x 20  = 20 giorni 

1 Tun           = 1 Kim x 360 = 60 giorni

1 Ka-tun      = 1 tun x 20    = 7.200 giorni

1 Bak-tun  = 1 Katun x 20   = 144.000 giorni

1 Pictun    = 1 Bak-tun x 20 = 2.880.000 giorni   

Queste unità, ciascuna il multiplo della precedente, proseguiva oltre il Baktun, con glifi sempre più grandi. Ma poiché i monumenti maya non andavano mai oltre i 12 Baktun, i cui 1.728.000 giorni andavano già oltre l’esistenza dei Maya, il 13° Baktun sembra una vera e propria pietra miliare.

Inoltre la tradizione maya affermava che l’attuale “Sole” – o Era – sarebbe terminato con il 13° Baktun, quindi dividendo il suo numero in giorni (144.000 x 13 = 1.872.000) per 365,25 abbiamo come risultato 5.125 anni; se sottraiamo il 3113 a.C., otteniamo il 2012 d.C.

E’ stata una predizione eccitante ma decisamente inquietante. Tuttavia la correttezza di questa data è stata messa in dubbio, già un secolo fa da studiosi (del calibro di Frirz Buck, El Calendario Maya en la Cultura de Tiahuanacu) che hanno evidenziato che, come indica la lista sopracitata, il moltiplicatore (e dio conseguenza divisore) dovrebbe essere 360, numero matematicamente perfetto del calendario, e non 365,25.

In questo modo, i 1.872.000 giorni danno 5.200 anni – un risultato perfetto, perché rappresenta esattamente 100 “cicli” del numero magico di Thoth, il 52. Calcolato in questo modo, l’anno magico del Ritorno di Thoth sarebbe  il 2087 d.C. (5200-3113= 2087).

Possiamo aspettare anche questa data; l’unico difetto è che il Conto Lungo è un tempo lineare e non ciclico, necessario affinché i suoi giorni possano fluire nel quattordicesimo Baktun, nel quindicesimo e così via.

Tutto ciò, comunque, non elimina il significato di un millennio profetico. Poiché la fonte del “millennio” in quanto tempo escatologico ha le sue origini negli scritti ebraici apocrifi del II° secolo a.C. la ricerca del significato deve andare in quella direzione. Infatti il riferimento a “,mille” – un millennio – per definire un’era affonda le radici nell’Antico Testamento. Il Deuteronomio (7, 9) attribuiva alla durata dell’alleanza di Dio con Israele un periodo di “mille generazioni” – affermazione questa ribadita (I Cronache 16, 15) allorché Davide portò a Gerusalemme l’Arca dell’Alleanza. I Salmi hanno applicato ripetutamente il numero “mille” a Yahweh, ai suoi miracoli, e persino al suo carro (Salmo 68, 17). 

Il proseguo di questo articolo parlerà di Tempo Celeste, Tempo Divino e precessione di Ere zodiacali

Tratto dal Libro: “Il Giorno degli Dei” p: 302-303-304-305

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Montagne Sacre

I MONTI SACRI DELL’ANTICHITÀ

In questa breve esposizione parlerò dei “Monti Sacri dell’Antichità”, spesso dimenticati dalle narrazioni storiche ma, di vitale importanza nell’ambito delle ricerche archeologiche legate al nostro passato antropologico e religioso.

Monte del Tempio: monte Moriah

Il monte Moriah (“Monte che indica la via, che addita”), il monte centrale dei tre sui quali sorge Gerusalemme, tra il monte Zophin (“Monte degli osservatori”) a nord e il monte ziom (“Monte del segnale”) a sud. E’ chiamato così perché sulla sua piattaforma venne costruito il Tempio dedicato a Yahweh. Circondata da un muro, la piattaforma rialzata contiene la sacra Even Sharit (“Pietra della fondazione”) dove sia la tradizione, sia gli studi archeologici, indicano che si trova il Sancta Sanctorum del Tempio (ora inglobato nel Duomo della Roccia, è diventato un tempio mussulmano.

A ovest, l’antica piattaforma è supportata dal Muro Occidentale, contemporaneo al Tempio, le cui fondamenta poggiano direttamente sul substrato roccioso. Rovine che risalgono all’epoca di Gesù di Nazareth indicano che l’accesso del pubblico al Tempio avveniva attraverso una scala cerimoniale, nonché attraverso le porte del muro meridionale.

Il Monte Moriah (“Monte che indica la via”) è il monte centrale dei tre monti di Gerusalemme, dove venne costruito il Tempio e dove era ubicato il Centro di controllo missione postdiluviano degli Anunnaki.

Monte Olimpo 

Il Monte Olimpo, che secondo le leggende dell’antica Grecia era la dimora dei “dodici” dèi, dèi che a capo dei quali era Zeus.

“Il Monte Olimpo si trova nel Nord della Grecia: altissimo e inaccessibile, sempre avvolto dalle nuvole, fu ritenuto la dimora degli dèi, che per questo motivo furono chiamati anche olimpici. E il termine olimpico, sta a indicare le vite beate delle divinità, è ancora oggi sinonimo di imperturbabile calma” 

Monte Sinai 

 Il Monte Sinai, è il monte sul quale il Libro dell’Esodo, atterrò Yahweh a bordo del suo Kavod difronte al popolo israelita, e dove Mosè ricevette le tavolette con i Dieci Comandamenti. I monaci del monastero di Santa Caterina, nella parte meridionale montuosa del Sinai, chiamano “Monte di Mosè” un monte che si trova lì accanto e lo identificano come il biblico monte Sinai.

Questa identificazione presuppone che l’Esodo abbia seguito quella che gli studiosi chiamano una “Via meridionale”. Per ragioni addotte in alcuni libri, l’approcio è che si tratti di una “Via centrale”, in base alla quale il vero monte Sinai si troverebbe più a nord, nella zona pianeggiante della penisola.

Il monte si presume possa essere legato alle strutture postdiluviane degli Anunnaki, il “monte Masu” è lo stesso monte dove Gilgamesh si recò per essere trasportato in cielo.

Monte Zaphon

Il monte Zaphon, viene indicato in ebraico come il “monte del Nord” – nome biblico di un picco nella regione settentrionale di Cannan; il nome poteva anche significare in ebraico “Monte del segreto nascosto”. Poiché la narrazione epica cananea di Kerer descrive il monte come “il monte di Ba’al” e il suo “recinto sacro (…) recinto dell’ampia misura”, con i suoi trilithon da oltre 1200 tl. Nella zona di Ba’albek in Libano.

Monti Tauro 

I monti del tauro si trovano nella catena montuosa in Asia Minore (odierna turchia) che corre in direzione est-ovest lungo una buona parte della regione meridionale del paese, con vette che raggiungono i 3.048-3.657 metri; da questi monti nascono i fiumi Tigri, Eufrate e i loro affluenti.

 

Gli Ittiti e altri popoli dell’Anatolia vi estraevano l’argento e, in seguito lo stagno; l’ipotesi è che dopo il Diluvio il dio Teshub/Adad portò con sé esperti minatori dall’Anatolia per estrarre oro e stagno nella regione del lago Titicaca in Sud America.

Monti Zagros

I monti Zagros sono una catena montuosa che forma il confine orientale della pianura mesopotamica e che segna l’inizio dell’altopiano montuoso dove si trova il regno di Elam, diventato poi la Persia/Iran.

Elam è l’antico regno nelle terre montuose a sud-est di Sumer; citato la prima volta nella Bibbia come la Terra di Elam, figlio di Sem; la sua capitale era Susa, era la Shushan dei tempi persiani citata nella Bibbia.

Estensione della civiltà sumera, Enlil la assegnò a suo figlio Ninurta (che gli Elamiti chiamavano In-shushinak, “Signore di Shushin”). Gli Elamiti erano un popolo guerriero e ottimi produttori di armi in metallo, fornivano truppe per diverse campagne militari, come la “Guerra dei re”, descritta nel capitolo 14 della Genesi.  

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Il Diluvio Sumero Accadico

“una terza categoria tra gli umani” a quando la quarta?

Finché gli archeologi non scoprirono tracce delle civiltà mesopotamiche e non decifrarono la letteratura accadica e sumerica, il racconto biblico restò l’unica fonte sull’episodio del Diluvio, confortato solo da sparsi e primitivi riferimenti mitologici. La scoperta dell’accadica Epica di Gilgamesh mise invece il Diluvio biblico in buona compagnia, collocandolo in una prospettiva molto più antica, accanto ad altri testi e frammenti dell’originale sumerico.

Il protagonista mesopotamico del Diluvio era Ziusudra nella versione sumerica (Utnapishtim in quella accadica): dopo il Diluvio egli venne portato nella Dimora Celeste degli dèi e là visse per sempre felice. Quando, nella sua ricerca dell’immortalità, Gilgamesh arrivò alla Dimora Celeste, chiese consiglio a Utnapishtim a proposito della vita e della morte.

Questi rivelò a Gilgamesh – e attraverso di lui a tutta l’umanità che venne dopo il Diluvio – il segreto della sua sopravvivenza, “una faccenda occulta, un segreto degli dèi”: la vera storia, forse, del Diluvio universale. Il segreto di cui parlava Utnapishtim era che prima che il Diluvio si riversasse sulla Terra in tutta la sua violenza, gli dèi tennero una riunione in cui votarono la distruzione dell’umanità.

Il voto e la decisione vennero tenuti segreti. Enki, tuttavia, chiamò Utnapishtim, re di Shuruppak, e lo informò della catastrofe che stava per abbattersi sulla Terra. Dovendo parlare di nascosto agli altri dèi, Enki si rivolse a Utnapishtim da dietro un paravento di canne. Il re dapprima non capì le sue parole, ma poi queste si fecero sempre più chiare: “Uomo di Shuruppak, figlio di Ubar-Tutu:

distruggi la tua casa e costruisci una nave!
Rinuncia a tutto ciò che possiedi, pensa solo alla vita!
Lascia tutti i tuoi averi e metti in salvo l’anima.
A bordo della nave metti il seme di ogni essere vivente.
Questa è la nave che devi costruire;
grande abbastanza da contenere ciò che ti ho detto.”

Il parallelismo con il racconto biblico è più che evidente: in entrambe le versioni sta per arrivare un Diluvio; un solo uomo viene preavvertito; egli deve salvarsi preparando un’apposita imbarcazione, e deve prendere con sé “il seme di ogni  cosa vivente”. E tuttavia la versione babilonese è più plausibile. La decisione di distruggere e il tentativo di salvare non sono propositi contraddittori di una sola divinità, ma atti compiuti da divinità diverse.

Inoltre, la decisione di mettere in guardia e salvare il seme dell’umanità è l’atto di sfida di una divinità (Enki), che agisce in segreto e in contrasto con la decisione unanime degli altri Grandi Dèi. Perché mai Enki si arrischiò a sfidare gli altri dèi? Voleva solo che si conservasse la sua “meravigliosa opera d’arte” oppure agiva sullo sfondo di una nascente rivalità o inimicizia tra sé e suo fratello Enlil?

Effettivamente la vicenda del Diluvio sembra proprio confermare l’esistenza di un conflitto tra i due fratelli. Utnapishtim pose a Enki un’ovvia domanda: come poteva spiegare agli altri cittadini di Shuruppak la costruzione di questo strano vascello (l’arca) e l’abbandono di tutti i suoi beni? Enki gli diede questo consiglio:

Così parlerai a loro:
«Ho appreso che Enlil mi è ostile,
e perciò non posso stare nella vostra città,
né mettere piede nel territorio di Enlil.
Perciò scenderò all’Apsu,
e abiterò con il mio signore Ea».

La scusa, dunque, era che, in quanto seguace di Enki, Utnapishtim non era più ben accetto in Mesopotamia, e perciò doveva costruire un’imbarcazione che lo portasse nel Mondo Inferiore (l’Africa meridionale, come abbiamo visto): là egli avrebbe vissuto tranquillo con il suo signore, Ea/Enki. I versi che seguono accennano a una grande siccità o carestia che in quel momento affliggeva la Mesopotamia: su consiglio di Enki, Utnapishtim doveva far credere ai suoi concittadini che la sua partenza avrebbe posto fine alle loro sofferenze; se egli se ne fosse andato, ogni ricchezza sarebbe ritornata nella loro terra.

Ed effettivamente essi ci credettero, al punto che contribuirono attivamente alla costruzione   dell’arca uccidendo e servendo ogni giorno torelli e pecore e fiumi di “mosto, vino rosso, olio e vino bianco”. Utnapishtim li incoraggiava a lavorare più in fretta; persino i bambini aiutavano a trasportare il bitume che serviva a rendere impermeabile l’imbarcazione.

«Il settimo giorno la nave era finita. Non fu facile metterla in acqua ed essi dovettero spostare le tavole del pavimento sopra e sotto più volte, finché due terzi della struttura non furono entrati nell’acqua» dell’Eufrate. Poi Utnapishtim fece salire a bordo dell’arca tutti i suoi familiari e parenti e «tutte le creature viventi che aveva», come pure «gli animali del campo e le bestie selvatiche del campo».

Spingendosi però un gradino più avanti di Noè, Utnapishtim stipò a bordo anche tutti gli artigiani che l’avevano aiutato a costruire la nave. Egli stesso avrebbe dovuto salire a bordo a un segnale convenuto con Enki, un segnale che avrebbe dato Shamash, il dio preposto al funzionamento dei razzi fiammeggianti. Gli ordini di Enki erano:

Quando, all’imbrunire, Shamash farà tremare [la terra] e dal cielo cadrà una pioggia di eruzioni, sali sulla nave e sbarra l’entrata!

Non sappiamo quale fosse il legame tra quello che sembrerebbe il lancio di un razzo spaziale da parte di Shamash e il momento in cui Utnapishtim doveva salire a bordo dell’arca e chiudersi dentro. Comunque sia, il momento arrivò; il razzo spaziale provocò un “tremore all’imbrunire” e vi fu una pioggia di eruzioni. Utnapishtim «sbarrò tutta la nave» e «affidò la struttura insieme   al suo contenuto» a «Puzur-Amurri, il Nocchiero».

La tempesta arrivò “con le prime luci dell’alba”. Si udì un tuono spaventoso e un’enorme nuvola nera si alzò dall’orizzonte. L’uragano spazzò via i pali che sostenevano gli edifici e i moli; anche le dighe cedettero. Sopraggiunse l’oscurità e «tutto ciò che prima era stato luce ora si fece nero»; «tutta la terra fu scossa come fosse un vaso». Per sei giorni e sei notti infuriò la “tempesta del sud”. E più soffiava, più si faceva impetuosa, sommergeva le montagne, abbatteva i popoli come fossero mandrie…

Quando arrivò il settimo giorno, la tempesta del sud portatrice di inondazioni finalmente placò la furia con la quale, come un esercito, aveva combattuto. Il mare si acquietò, l’uragano si calmò, l’inondazione si arrestò. Guardai il cielo: era tornata la quiete. E tutta l’umanità era ritornata argilla. Si era dunque compiuta la volontà di Enlil e dell’assemblea degli dèi.

A loro insaputa, tuttavia, si era compiuta anche la volontà di Enki: una barca aveva messo in salvo, attraverso la furia delle acque, uomini, donne, bambini e altre creature viventi. Finita la tempesta, Utnapishtim «aprì un portello della nave; la luce mi inondò il volto». Si guardò intorno: «il paesaggio era piatto come un tetto spianato». Allora si sedette e pianse, «calde lacrime mi rigarono il volto». Sulla distesa del mare cercò con gli occhi la costa, ma non la vide.

Poi: Vide che emergeva una regione montuosa; sul Monte della Salvezza la nave si era fermata; il Monte Nisir [“salvezza”] aveva trattenuto la nave, impedendole di muoversi. Per sei  giorni Utnapishtim guardò fuori dall’arca che non poteva muoversi, imprigionata com’era tra le cime del Monte della Salvezza – le bibliche vette dell’Ararat.

Poi, come Noè, mandò una colomba in cerca di una terra dove potersi accampare, ma l’uccello tornò indietro. Fu quindi mandata una rondine, ma anch’essa tornò indietro. Infine fu la volta di un corvo: esso volò via e finalmente trovò un posto adatto. Utnapishtim allora liberò tutti gli uccelli e gli animali che aveva portato con sé, e uscì a sua volta. Subito costruì un altare “e offrì un sacrificio” – proprio come aveva fatto Noè.

Ma ecco che subito emerge nuovamente la differenza tra la singola divinità e la molteplicità di dèi: quando Noè offrì il sacrificio, «Yahweh annusò il profumo allettante»; ma quando fu Utnapishtim a offrire il sacrificio, «gli dèi annusarono il dolce profumo e accorsero come mosche attorno a colui che compiva il sacrificio».

Nella versione della Genesi, fu Yahweh che giurò di non distruggere mai più il genere umano; in quella della Genesi, invece, fu la Grande Dea che giurò:

«Non   dimenticherò…
ricorderò questi giorni, non li dimenticherò mai».

Non era questo, però, il problema più urgente. Quando infatti Enlil arrivò a controllare i risultati del suo piano, certo non aveva per la testa allettanti profumi di cibo. Il suo primo impulso fu quello di infuriarsi quando scoprì che qualcuno era sopravvissuto. «Qualche anima vivente è riuscita a sfuggire? Nessun uomo doveva sopravvivere alla distruzione!». Ninurta, figlio ed erede di Enlil, puntò immediatamente il dito accusatore contro Enki:

«Chi, se non Ea, poteva elaborare un piano di salvezza? È lui che sa ogni cosa!». Lungi dal negare le proprie responsabilità, Enki si lanciò in una delle più eloquenti arringhe difensive del mondo antico. Cominciò con una serie di lodi a Enlil per la sua grande saggezza, e insinuò che proprio per questo non era possibile che egli volesse dimostrarsi “irragionevole”. Quindi,   mescolando smentite a confessioni, continuò:

«Non sono stato io a svelare i segreti degli dèi»;
io ho soltanto lasciato che un uomo, straordinariamente saggio, comprendesse da sé qual era il segreto degli dèi. E se davvero questo terrestre è tanto saggio, Enki suggerì a Enlil, non ignoriamo le sue capacità. «Ora decidi pure che cosa vuoi fare di lui!».

Tutto ciò, dice L’Epica di Gilgamesh, era il “segreto degli dèi” che Utnapishtim rivelò a Gilgamesh. Quindi egli passò a raccontargli l’evento finale. Influenzato dalle argomentazioni di Enki, Enlil salì a bordo della nave.

Tenendomi per mano, mi condusse a bordo;
e condusse a bordo anche mia moglie
facendola inginocchiare al mio fianco.
In piedi tra noi due,
ci toccò la fronte e ci benedisse:
«Finora Utnapishtim è stato solo un uomo;
d’ora in poi lui e sua moglie
saranno per noi come dèi.
Utnapishtim dimorerà nel Luogo Lontano,
alla Bocca delle Acque!».

Così si concluse il racconto di Utnapishtim a Gilgamesh. Quando si fu trasferito nel Luogo Lontano, Anu ed Enlil Gli diedero vita, come un dio, lo elevarono alla vita eterna, come un dio. Ma che ne fu del resto del genere umano? Il racconto biblico finisce dicendo che Dio benedisse l’umanità e le consentì di “crescere e moltiplicarsi”. Anche le versioni mesopotamiche sulla vicenda del Diluvio terminano con alcuni versi che parlano della possibilità, per il genere umano, di procreare.

Anche se parzialmente mutilati, i versi parlano dell’istituzione di “categorie” umane:…Che vi sia una terza categoria tra gli umani: che vi siano tra gli umani donne che partoriscono e donne che non partoriscono. Vi furono anche, a quanto sembra, nuove direttive per i rapporti sessuali:

Regolamenti per la razza umana: che il maschio … alla giovane fanciulla … Che essa … Il giovane uomo alla giovane donna … Quando il letto è preparato, la sposa e suo marito giacciano insieme.

Con l’astuzia, dunque, Enlil era stato battuto. L’umanità era salva e ormai in grado di procreare. Gli dèi avevano aperto la Terra all’Uomo.

http://ningizhzidda.blogspot.it/