Crea sito

Se sai come pensano, è molto facile prevedere dove stanno andando

nda: questo sta accadendo anche da noi, lo vediamo tutti i giorni e … non penso che il nuovo “assembramento” di governo si scosti da questa linea della “globale élite”

************************************************

L’ultimo programma americano dei globalisti si è concentrato sullo schiacciamento della classe media: ecco come fermarlo

Questa settimana sono successe due cose che dovrebbero attirare la tua attenzione.

E, no, uno di loro non è il secondo processo di impeachment da cartone animato di un ex presidente. Non lasciare che i media ti attirino in questo dramma.

Come hanno dimostrato i primi due giorni del processo, questo non è altro che una teatralità guidata dalle emozioni.

I democratici sono noti per aver ucciso i fatti e fatto appello alle emozioni basse delle persone, e questo processo è più o meno lo stesso.

Il suo scopo ha poco a che fare con l’ex presidente e tutto a che fare con voi, signori e signora conservatori americani.

Se possono criminalizzare l’ex presidente, o almeno offuscare la sua reputazione in modo irreparabile, lo useranno per criminalizzare e/o offuscare coloro che hanno sostenuto le sue politiche americane. Questo è quello che cercano davvero, quindi non lasciarli entrare nella tua testa. Chiamalo per quello che è, apertamente e con coraggio. Il teatro drammatico intendeva influenzare gli ignoranti e i disinformati.

L’ignorante sarà ignorante. Lasciali andare.

Mentre milioni sono immersi in questo spettacolo secondario, le élite globaliste del Forum economico mondiale di Davos ei loro compagni delle Nazioni Unite, l’FMI, l’UE, la famiglia reale britannica e il Vaticano stanno tramando a porte chiuse con la Cina e il nuovo fantoccio della Cina. Il regime di Washington su come attuare il ripristino dell’economia globale.

Il “Great Reset”, come lo hanno definito, riguarda davvero la distruzione della classe media americana. Vogliono rendere tutto più costoso, dal carburante che alimenta la tua automobile e i camion che trasportano il tuo cibo, alle tariffe dei servizi e tutti i prodotti manifatturieri. I prezzi del cibo sono sensibili ai prezzi del carburante e quindi puoi contare sull’aumento della bolletta del cibo con il resto degli articoli di cui hai bisogno per sopravvivere.

I progettisti del Great Reset si vantano apertamente che con il loro nuovo sistema pianificato “non possiedi nulla e sarai felice“. I combustibili fossili saranno eliminati, ad eccezione della Cina, che li utilizzerà per altri 30 anni, secondo gli Accordi sul clima di Parigi, su cui Biden ci ha riconnesso dopo che il precedente presidente ci ha fatto uscire. Se queste persone avranno successo, sarai così povero che sarai costretto ad affittare quella che chiamano una “dimora efficiente” dal governo o da qualche capitalista aziendale leccacristalli sostenuto dal governo.

Allora, a cosa dovresti prestare attenzione questa settimana se non l’impeachment?

Prima di tutto, il nuovo segretario dei trasporti americano, Pete Buttigieg, figlio di un comunista, dice che dobbiamo avere una “conversazione nazionale” sul fatto che il governo debba incaricare le compagnie aeree di richiedere un test COVID negativo o una prova di vaccinazione per le persone che si imbarcano su tutti i voli, stranieri e nazionali. Avevo previsto che sarebbe successo mesi fa e ora Buttigieg diventa il primo funzionario del governo a suggerire che sarebbe stata una grande idea. Immagina un comunista che vuole limitare la libertà di movimento delle persone. Che scioccante.

Il prossimo passo dopo aver richiesto agli americani di mostrare i loro documenti prima di imbarcarsi sui voli sarà richiedere loro lo stesso per rinnovare la patente di guida. Sta arrivando. Se lo slancio verso la tirannia della salute non viene rallentata, sta arrivando.

In secondo luogo, l’amministrazione Biden ha annunciato di voler lanciare una campagna di sensibilizzazione sui vaccini da 1 miliardo di dollari [cioè propaganda].

Supponendo che l’industria sia in grado di aumentare la produzione, dovresti aspettarti di essere propagandato, costretto, incentivato, corrotto e ingannato da persone che vogliono ottenere questo agente biologico sperimentale nelle tue vene entro la fine di quest’anno.

Questo di per sé dovrebbe renderti diffidente. Perché sono così disperati che questo agente biochimico sconosciuto venga iniettato in tutti, anche nei bambini? Mi dispiace ma non credo che siano così preoccupati per la salute delle persone anziane, che sono più suscettibili al virus Wuhan. Sappiamo che il CDC e il suo cast di supporto di bugiardi dei media hanno notevolmente esagerato il conteggio delle morti e sottovalutato il fatto che ci sono diversi trattamenti terapeutici molto efficaci per il virus Wuhan. 

Ma non possono lasciare che il virus svanisca dal regno delle cose spaventose che ti tengono distratto e nella paura.

Finché sei distratto e nella paura continuerai a essere disinformato sulle cose che dovresti legittimamente temere – cose che alterano permanentemente la vita che presto verranno giù per il picca con il Green New Deal e il Great Reset, che sono pianificati per lavorare mano nella mano per distruggere i tuoi posti di lavoro, i tuoi risparmi, la tua salute e il tuo modo di vivere.

Guarda l’ultimo video di propaganda del World Economic Forum sul Great Reset di seguito:

Ricorda, hanno bisogno che tu sia mentalmente ed emotivamente fuori dal gioco, totalmente disperato, stanco, confuso e depresso per farti accettare i piani orribili che hanno escogitato per il tuo futuro. Ciò include una vita in un minuscolo appartamento in città dove non possiedi nulla e svolgi la maggior parte delle funzioni di base della vita in un mondo virtuale online.

Non ci saranno contanti, il che significa che ogni transazione è tracciabile e ogni espressione della tua individualità è osservata e ascoltata per assicurarti che sia approvata dai sorveglianti del Grande Fratello nella Big Tech. Oh, ma vogliono il tuo contributo nel nuovo sistema, dicono, e stanno progettando quel sistema in modo che sia più “inclusivo” del vecchio sistema capitalista. Si. Giusto.

È per questo che i conservatori non possono nemmeno rimanere sui social media e coloro che riescono a mantenere i propri account li stanno facendo censurare e verificare i fatti quando la sinistra può farla franca dicendo quello che vogliono su quelle piattaforme?

La sinistra è maestra in incrementalismo. Ma se sai come pensano, è molto facile prevedere dove stanno andando due o tre gradini lungo la strada.

La sinistra si occupa sempre di limitare le libertà fondamentali, che si tratti della libertà di parola, di riunione, di movimento, il diritto di portare armi, sono al 100% contro tutte le libertà tradizionali che le persone danno per scontate in America. Ma sanno che se li mettessero fuori legge tutti in una volta avrebbero indotto le persone a svegliarsi e respingere, con forza. Quindi invece si muovono metodicamente, ma sempre spingendosi oltre.

Fedeli alle loro tendenze totalitarie, questi uomini di sinistra sono anche globalisti. Ciò significa che odiano l’America, non perché è l’America, ma perché è libera. Un popolo forte, libero e indipendente non è facile da portare in giro con un anello al naso del governo. Ma le persone disperate, impoverite e timorose sono facilmente guidate.

Quindi spegni le “notizie” e sintonizzati sulla dinamica reale che si sta svolgendo davanti ai nostri volti, la scivolata nel totalitarismo sotto le spoglie del Grande Reset globale.

Preparati a essere chiamato con nomi. Sarai considerato pericoloso per queste élite al potere perché sanno che sai di cosa si tratta. Ti chiameranno un “teorico della cospirazione” e un divulgatore di “disinformazione”. Ma è un piccolo prezzo da pagare per salvare il nostro Paese. E l’unico modo per salvarlo è parlare più audacemente che mai con la luce della verità.

Invece di lasciare che i media delle fake news ci distraggano e ci conducano ai loro spettacoli di distrazione, concentriamo le nostre menti e le nostre energie creative altrove.

L’obiettivo, a mio parere, dovrebbe essere quello di educare le nostre famiglie e i nostri amici su ciò che sta per accadere e far uscire i nostri figli dalle grinfie degli indottrinatori sponsorizzati dallo stato che stanno violentando le loro giovani menti e riempiendole di bugie dannose.

Ecco le mie priorità per il 2021:

  • Diffondere la verità sul non vaccino sperimentale promosso dall’establishment.
  • Prepararsi per l’imminente assalto economico del debito e dell’iperinflazione, che creerà così tanta miseria da indurre le persone a mendicare qualcosa di nuovo. I globalisti saranno pronti con il loro Great Reset, che richiederà la sostituzione delle valute globali con una nuova non valuta digitale.
  • Prepararsi alla scarsità di cibo e possibilmente alle sfide idriche Bill Gates non sta comprando terreni agricoli per niente. Spera di influenzare l’approvvigionamento di cibo e acqua. La maggior parte della superficie agricola che sta acquistando è lungo i corsi d’acqua. Ci deve essere una ragione.
  • Trovare una chiesa che non si concentri sul vangelo sociale/giustizia sociale ma riconosca i segni dei tempi e l’urgenza del momento, che richiede una guerra spirituale per rendere i cristiani induriti dalla battaglia e preparati per la persecuzione sotto l’imminente governo tecnocratico globale.
  • Rifiutare e sfidare le restrizioni governative sulla base di dati falsificati sul virus Wuhan. Ogni minuto speso sfidando questi editti incostituzionali e convincendo altri a fare lo stesso pagherà dividendi in libertà preservate per i vostri figli e nipoti. Inizia con la maschera. Toglila quando possibile. Ciò significa che ogni negozio. Supera i limiti anche con i tuoi medici. Ho sentito innumerevoli casi in cui uno studio medico ha cercato di dire a un paziente di venire mascherato e il paziente ha rifiutato, solo per vedere il medico di nuovo.
  • Trova un’opzione scolastica alternativa per i tuoi figli che non comporti il ​​lavaggio del cervello e la formazione di “cittadini globali”. Vogliamo che i nostri giovani siano cittadini americani.
  • Fai il punto di tutte le tue relazioni d’affari – dove fai banca, dove acquisti beni e servizi, dove trovi fonti di intrattenimento – e taglia tutto ciò che sta sostenendo attivamente con denaro o politiche l’agenda globalista per distruggere l’America distruggendo la sua classe media e i suoi valori giudaico-cristiani.
  • Elabora un piano su come vivrai in una società sempre più ostile e totalitaria. Ciò implica cose a cui non abbiamo mai dovuto pensare prima. Il più importante in questo momento è il non vaccino sperimentale che viene spinto dal governo, dai media, da molti datori di lavoro aziendali, dalle compagnie aeree, ecc. Se hai mai sognato di avviare una piccola impresa, forse questo è il momento di lasciare il tuo lavoro aziendale e fare il salto.

Anche i media conservatori sono stati deludenti nella loro copertura dei non vaccini sperimentali che il nostro governo ha permesso di immettere sul mercato prima ancora che potessero essere testati per gli effetti a lungo termine sulla salute umana.

Ci sono alcune fonti indipendenti di notizie di salute di cui mi fido: Dr. Joseph Mercola sito web, del Dr. Sherri Tenpenny sito e tecnocrazia Notizie. Ma non vedo Fox, Newsmax o anche One American News Network [OANN] fare rapporti approfonditi sulla sicurezza, sia a breve che a lungo termine, di questi non vaccini sperimentali.

Ora che Joe Biden è stato installato nell’ufficio del presidente,  promette di aumentare le restrizioni basate sui virus e di usarle per ostacolare ulteriormente la tua capacità di viaggiare.

Questo è pericoloso. Una delle cose che ha reso grande l’America è stata la sua classe media forte e indipendente, dove le persone potevano permettersi di possedere proprietà e muoversi liberamente in auto. Ma l’auto e la proprietà della casa sono entrambe sotto attacco dal Great Reset e dagli Accordi sul clima di Parigi, da cui prendono spunto John Kerry e il resto dei consiglieri elitari di Biden.

La verità è che il virus Wuhan non è mai stato così spaventoso e mortale come i media hanno pensato che fosse quando il precedente presidente era in carica.

Un nuovo studio peer-reviewed pubblicato da un gruppo di 10 studiosi di scienze conferma ciò che LeoHohmann.com ha riportato nell’ottobre 2020, che il test PCR è orribilmente inaffidabile come strumento diagnostico. Anche l’OMS ammette che il test PCR genera troppi falsi positivi .

Lo studio peer-reviewed di 25 pagine ha concluso che  testare inesattezze combinate con  procedure e metodi non scientifici ha  portato a massicci picchi di falsi positivi in ​​”casi”, che i media hanno poi riportato come fatto nei mesi precedenti le elezioni del 2020:

“Il CDC ora richiede legalmente agli americani dal sangue rosso di indossare maschere per il viso su tutti i trasporti pubblici mentre i globalisti cercano di spingere il concetto di “doppia maschera” sulla popolazione. Dopo l’elezione,

l’Organizzazione mondiale della sanità ammette  che i test PCR non sono del tutto affidabili al primo tentativo e potrebbe essere necessario un secondo test. Ciò corrisponde alla silenziosa ammissione di CDC di   aver combinato i risultati dei test virali e degli anticorpi per i suoi numeri di caso e che le persone possono risultare  positive a un test degli anticorpi se hanno anticorpi di una famiglia di virus che causano il comune raffreddore“.

Non solo il numero di casi è esagerato, lo è anche il numero di morti.

Il CDC ha ammesso mesi fa che solo il 6% delle persone contate come uccise da COVID è morto per COVID da solo. L’altro 94 per cento aveva almeno un’altra comorbilità.

Le mie preoccupazioni per i vaccini sperimentali forniti da Pfizer, Moderna e Johnson e Johnson non sono relegate al fatto che hanno usato linee cellulari di bambini abortiti per testare o sviluppare i loro trattamenti – questo è un motivo sufficiente perché qualsiasi cristiano li rifiuti – ma si basa anche sul fatto che non sono affatto vaccini. Il governo ei media ci mentono ancora una volta promuovendo questi agenti biochimici sperimentali come “vaccini”.

Un vaccino è un trattamento una tantum che offre un’immunità per tutta la vita a una malattia estremamente mortale o debilitante come il vaiolo o la poliomielite. Un vaccino richiede la coltivazione dell’agente patogeno e l’iniezione di una piccola porzione di esso nel corpo di una persona, quanto basta in modo che sia in grado di combatterlo e il suo sistema immunitario quindi riconosce e attacca lo stesso patogeno se dovesse mai essere incontrato di nuovo nel mondo naturale.

Il trattamento che stanno spingendo per COVID, che chiamano vaccino, non soddisfa nessuno dei criteri di cui sopra.

Due dosi non sono garantite per proteggerti da COVID e anche se la doppia dose ti protegge è solo per pochi mesi, forse fino a un anno, non per tutta la vita. Avrai bisogno di un nuovo vaccino ogni anno, proprio come il vaccino antinfluenzale. Non è un vaccino!

Coloro che spingono il vaccino hanno mentito su cosa servirà per ottenere l’immunità di gregge. All’inizio, il dottor Anthony Fauci, forse l’uomo più disonesto che abbia mai visto ricoprire una posizione di governo [e questo la dice lunga], ha detto che ci vorrebbe il 60% della popolazione vaccinata per ottenere l’immunità di gregge. Ora lo ha portato all’80%, ora sta anche facendo una campagna per i genitori affinché i loro figli piccoli vengano vaccinati.

Le stesse persone che hanno mentito sull’efficacia di indossare la maschera ora mentono sul vaccino. Vai a capire.

Fonte: https://leohohmann.com/

®wld

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

C’è una buona ragione per cui la Bibbia avverte: “Dove non c’è visione, il popolo perisce” (Prov. 29:18). Nel caso del colpo di stato della Tecnocrazia, chi non vedrà, non potrà vedere. La loro schiavitù tecnocratica sarà sulle loro stesse teste. Abbiamo avvertito dall’inizio del panico pandemico che l’intero schema era una frode intenzionale.

Ci sono proteste giganti in tutto il mondo che chiedono la cessazione dei blocchi e la restituzione della libertà. Quei manifestanti possono non avere alcuna comprensione del quadro generale, ma comprendono il dolore della disoccupazione, della privazione sociale, delle relazioni rovinate e della fame. ⁃ TN Editor

La “guerra nella nebbia” è un termine usato per descrivere l’incertezza, il caos e la confusione che possono verificarsi durante la battaglia. Ciò che pensavi fosse vero entrando in battaglia potrebbe essere capovolto, offuscando il tuo giudizio mentre cerchi di prendere decisioni in una sorta di realtà sospesa.

In questo momento stai vivendo una guerra nel mezzo di una nebbia  – una nebbia di guerra COVID – secondo Jeffrey Tucker, direttore editoriale dell’American Institute for Economic Research (AIER): “Spesso non è chiaro chi sta prendendo decisioni e perché, e cosa le relazioni sono tra le strategie e gli obiettivi. Anche la logica può diventare sfuggente poiché la frustrazione e il disorientamento sostituiscono la chiarezza e la razionalità”. 1

Questa descrizione è tipicamente riservata al disorientamento della battaglia, ma ora si applica in modo inquietante bene alla nebbia che circonda la mitigazione della malattia COVID-19. Se desideri un esempio concreto, guarda la sequenza temporale del video sopra, che ti porta da gennaio 2020, quando l’uso delle maschere era sconsigliato, a dicembre 2020, quando le maschere sono diventate obbligatorie in molte aree. 2

Marzo: le maschere per il viso non possono proteggere dal nuovo coronavirus

Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità, è stata descritta in un video, mostrando una maschera usa e getta. Ha detto: “Maschere mediche come questa non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole … L’OMS raccomanda l’uso di maschere solo in casi specifici”. 3

Questi casi specifici includono se hai tosse, febbre o difficoltà a respirare. In altre parole, se sei attivamente malato e mostri sintomi. “Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate”, ha continuato.

Nel marzo 2020, il Surgeon General degli Stati Uniti ha accettato pubblicamente, twittando un messaggio in cui si afferma: “Sul serio, gente, smettetela di comprare maschere!” e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell’impedire al grande pubblico di contrarre il coronavirus. 4  Al 31 marzo 2020, l’OMS sconsigliava ancora l’uso di maschere per il viso per le persone senza sintomi, affermando che “non esiste alcuna prova” che tale utilizzo della maschera prevenga la trasmissione di COVID-19. 5

Giugno: il pubblico dovrebbe indossare una maschera per il viso

Entro il 6 giugno 2020, la retorica era cambiata. Citando “l’evidenza in evoluzione”, l’OMS ha invertito la sua raccomandazione, con Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, che consiglia ai governi di incoraggiare il pubblico in generale a indossare maschere dove c’è una trasmissione diffusa e l’allontanamento fisico è difficile. 6

Questo incoraggiamento si è trasformato in mandati in molte aree, con  minacce di multe  per coloro che non si sono conformati. Nella contea di Humboldt, in California, ad esempio, chiunque abbia violato l’ordine di indossare coperture per il viso in pubblico potrebbe essere multato da $ 50 a $ 1.000 e / o affrontare 90 giorni di carcere per ogni giorno in cui si è verificato il reato. 7

A Salem, nel Massachusetts, potresti anche essere multato per non aver indossato una maschera in pubblico, comprese le aree comuni all’interno di un condominio. 8  Qual è l’evidenza in evoluzione a cui si riferiva l’OMS che li ha indotti a invertire la loro posizione sulle maschere per il pubblico in buona salute in un periodo di soli due mesi? Ciò non è chiaro, ma si è verificato uno sviluppo interessante.

CHI: trasmissione asintomatica “molto rara”

Durante un briefing con la stampa dell’8 giugno 2020 – appena due giorni dopo che Ghebreyesus aveva consigliato alle persone sane di iniziare a indossare maschere – Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la pandemia COVID-19, ha chiarito che le persone che hanno COVID-19 senza alcun i sintomi  trasmettono “raramente” la malattia  ad altri. 9

Le linee guida provvisorie dell’OMS del 5 giugno 2020 supportano la dichiarazione di Kerkhove, osservando: “Gli studi completi sulla trasmissione da individui asintomatici sono difficili da condurre, ma le prove disponibili dal tracciamento dei contatti riportate dagli Stati membri suggeriscono che le persone con infezione asintomatica hanno molte meno probabilità di trasmettere il virus rispetto a coloro che sviluppano i sintomi. ” 10

Se questo è il caso, tuttavia, la raccomandazione che le persone sane e asintomatiche indossino maschere per il viso o siano rinchiuse nelle loro case non ha senso, evidenziando solo un caso della “nebbia COVID” in corso.

Per non essere richiamato sulle loro sfacciate contraddizioni, il 9 giugno 2020, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha rapidamente fatto marcia indietro la dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano “male interpretate o forse non abbiamo usato le più elegante parole per spiegarlo. ” 11  Van Kerkhove ha anche affermato che i dati che ha menzionato provenivano solo da un “piccolo sottoinsieme di studi” e ha aggiunto: 12

“Non stavo affermando una politica dell’OMS o qualcosa del genere. Stavo solo cercando di articolare ciò che sappiamo. E in questo, ho usato la frase “molto raro” e penso che sia un malinteso affermare che la trasmissione asintomatica a livello globale è molto rara”.

10 milioni di persone, non un caso di trasmissione asintomatica

Dopo la debacle della diffusione asintomatica dell’OMS, il discorso su questo argomento si è notevolmente attenuato. 13  Ma, in silenzio, uno studio fondamentale che ha coinvolto 9.899.828 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, è stato pubblicato su Nature Communications. 14  I partecipanti sono stati testati per COVID-19 tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020.

Non sono stati identificati nuovi casi sintomatici e 300 casi asintomatici. Tra i 300 casi asintomatici, sono stati identificati 1.174 contatti stretti e nessuno di loro è risultato positivo per COVID-19.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,31%) sono risultati nuovamente positivi, ma, cosa importante, nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori, “le colture di virus erano negative per tutti i casi asintomatici positivi e ripositivi, indicando l’assenza di “virus vitale” nei casi positivi rilevati in questo studio”. 15  Tucker ha spiegato: 16

“La conclusione non è che la diffusione asintomatica sia rara o che la scienza sia incerta. Lo studio ha rivelato qualcosa che non accade quasi mai in questo tipo di studi. Non c’era un caso documentato. Dimentica i rari. Dimentica anche il precedente suggerimento di Fauci secondo cui la trasmissione asintomatica esiste ma non guida la diffusione. Sostituisci tutto ciò con: mai. Almeno non in questo studio per 10.000.000″.

Una meta-analisi di 21.708 persone a rischio, di cui 663 positive per COVID-19 e 111 asintomatiche, ha anche scoperto che i tassi di trasmissione asintomatica possono effettivamente essere “inferiori a quelli di molti studi altamente pubblicizzati”. 17  Hanno suggerito che la prevalenza di casi di COVID-19 asintomatico è di 1 su 6 e hanno scoperto che il rischio relativo di trasmissione asintomatica era del 42% inferiore al rischio di trasmissione sintomatica.

In una versione prestampata del loro studio, i ricercatori hanno osservato: “Le nostre stime della proporzione di casi asintomatici e della loro velocità di trasmissione suggeriscono che è improbabile che la diffusione asintomatica sia un fattore determinante per i cluster o la trasmissione comunitaria dell’infezione …” 18  Come ha osservato Tucker: 19

“Continuiamo a sentire come dovremmo seguire la scienza. Il reclamo è ormai stanco. Sappiamo cosa sta realmente accadendo.

La lobby del lockdown ignora tutto ciò che contraddice la loro narrativa, preferendo aneddoti non verificati a un vero studio scientifico di 10 milioni di residenti in quello che è stato il primo grande hotspot al mondo per la malattia che stiamo cercando di gestire. Ti aspetteresti che questo studio sia un’enorme notizia internazionale. Per quanto ne so, viene ignorato.”

Se la diffusione asintomatica è rara, perché maschere e blocchi?

La diffusione asintomatica diffusa è l’unica ragione per cui i blocchi e l’uso di maschere tra i sani hanno senso. Per mesi, i funzionari sanitari hanno perpetuato il mito della diffusione asintomatica per aumentare la paura.

Ora, poiché le persone sono sempre più desiderose di tornare a un certo senso di normalità,  si dice che un ceppo di SARS-CoV-2 mutato , che è presumibilmente più virulento, sia emerso e abbia portato a nuove e più severe restrizioni di blocco nel Regno Unito 20

Questa perpetuazione della paura si è estesa ben oltre lo scopo iniziale dei blocchi, che era quello di appiattire la curva ed evitare di sovraccaricare gli ospedali. Come ha sottolineato Tucker, tuttavia, questo è gradualmente cambiato in modo tale che ora dobbiamo affrontare blocchi a tempo indeterminato: 21

“Il primo round di blocchi non riguardava la soppressione del virus, ma il rallentamento per un motivo: preservare la capacità dell’ospedale. Se e in che misura la “curva” sia stata effettivamente appiattita sarà probabilmente discusso per anni, ma a quel tempo non si trattava di estinguere il virus. Il volume delle curve, alte e veloci o corte e lunghe, era lo stesso in entrambi i casi. Le persone avrebbero preso il bug fino a quando non si fosse esaurito (immunità di gregge).

Gradualmente, e talvolta quasi impercettibilmente, la logica dei blocchi è cambiata. L’appiattimento delle curve è diventato un fine in sé, a parte la capacità ospedaliera. Forse questo era perché il problema dell’affollamento degli ospedali era estremamente localizzato in due distretti di New York mentre gli ospedali di tutto il paese venivano svuotati per i pazienti che non si presentavano: 350 ospedali licenziati i lavoratori”.

La scienza è ciò che dovrebbe essere usato per dettare la politica, ma non è questo che sta accadendo. I test in corso su persone asintomatiche si stanno aggiungendo al problema, poiché i test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) vengono utilizzati anche come giustificazione per tenere bloccate ampie porzioni del mondo.

Il problema è che un test PCR positivo   non significa che sia presente un’infezione attiva. Il tampone PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario nel DNA. Tuttavia, gli snippet genetici sono così piccoli che devono essere amplificati per diventare distinguibili.

Ciò che fa è amplificare qualsiasi sequenza, anche insignificante, di DNA virale che potrebbe essere presente al punto che il test risulta “positivo”, anche se la carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo. Questi casi “positivi” stanno mantenendo viva la narrativa sulla pandemia.

Caso in questione, tra il 22 marzo e il 4 aprile 2020, 215 donne incinte ricoverate in un ospedale di New York City sono state sottoposte a screening al momento del ricovero per i sintomi di COVID-19 e testate per il virus. Solo l’1,9% delle donne presentava febbre o altri sintomi di COVID-19 e tutte quelle donne sono risultate positive.

Delle restanti donne che sono state testate anche se non avevano sintomi, il 13,7% era positivo. Ciò significa che, nel complesso, l’87,9% delle donne risultate positive al test per SARS-CoV-2 non presentava sintomi, 22  e la ricerca travolgente suggerisce che probabilmente non avrebbero trasmesso il virus nemmeno ad altri.

Le maschere sono inefficaci

Cosa dice la scienza sulle maschere per prevenire l’infezione da COVID-19? Il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 persone per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione.

Il “Danmask-19 Trial“, pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine, 23 ha  rilevato che tra i portatori di maschere l’1,8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2,1% (53 ) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l’uso, i risultati sono rimasti gli stessi – 1,8% (40 persone), il che suggerisce che l’adesione non fa alcuna differenza significativa.

Rational Ground ha anche esaminato i casi COVID-19 dal 1 maggio 2020 al 15 dicembre 2020, in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, con e senza  mandato di maschera . Tra gli stati senza mandato di maschera, sono stati contati 17 casi ogni 100.000 persone al giorno, rispetto ai 27 casi ogni 100.000 persone al giorno negli stati con mandato di maschera 24  – I casi COVID-19 erano più alti nelle aree con mandati di maschera che senza.

I risultati mettono ulteriormente in dubbio l’efficacia delle maschere obbligatorie per prevenire il COVID-19, così come un’indagine caso-controllo su persone con COVID-19 che hanno visitato 11 strutture sanitarie statunitensi. Il rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha rivelato i fattori associati alla contrazione della malattia, 25  compreso l’uso di coperture facciali in tessuto o maschere nei 14 giorni prima di ammalarsi.

La maggioranza di loro – il  70,6% – ha riferito di aver indossato “sempre” una maschera , ma si è comunque ammalata. Tra gli intervistati che si sono ammalati, 108, ovvero il 70,6%, hanno affermato di indossare sempre una maschera, rispetto a sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “non farlo mai”, e altri sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “raramente “Ha fatto.

Nel complesso, ciò mostra che, degli adulti sintomatici con COVID-19, il 70,6% indossava sempre una maschera e si ammalava ancora, rispetto al 7,8% di quelli che lo facevano raramente o mai. 26

Vedere attraverso la nebbia

Un’abbondanza di prove suggerisce che bloccare l’uso di maschere salutari e obbligatorie per coloro che non hanno sintomi è irrazionale, nella migliore delle ipotesi, e pericoloso, nel peggiore dei casi, considerando che sia le maschere che i blocchi sono associati a  effetti negativi  propri. 27  Secondo Tucker: 28

“Con una solida evidenza che la diffusione asintomatica non ha senso, dobbiamo chiederci: chi prende le decisioni e perché? Di nuovo, questo mi riporta alla metafora della nebbia. Stiamo tutti sperimentando confusione e incertezza sulla precisa relazione tra le strategie e gli obiettivi di una panoplia di regolamenti e stringenze che ci circondano.

Anche la logica è diventata elusiva – persino confutata – poiché la frustrazione e il disorientamento hanno sostituito ciò che ricordiamo vagamente come chiarezza e razionalità della vita quotidiana”.

Vivere in una tale nebbia può intimidire, ma lo scopo di questo articolo non è quello di diffondere più paura ma, piuttosto, di potenziarti con le informazioni. La guerra nella nebbia, dopotutto, non è sempre un impedimento. Può anche essere usato per ottenere un vantaggio, 29  e  vedere attraverso la nebbia  è il primo passo per vincere la guerra.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld

AVVISO AI NAVIGANTI

AVVISO AI NAVIGANTI

di: Dottor Roberto Slaviero 19.11.20

Guardavo oggi dei video di Discoteche aperte e festanti a Wuhan in Cina e a Taiwan, con migliaia di partecipanti senza maschera logicamente, appiccicati come ai tempi storici di Ibiza, con i Disc jockey più famosi del pianeta!

Guardavo inoltre le spiagge brasiliane, strapiene di persone sotto il sole, alla faccia dei fottuti media, che parlano di centinaia di migliaia di positivi: positivi si, per la vita, a 40 gradi sotto il sole, sorseggiando una Skol o Antartica e sgranocchiando magari un gallettino allo spiedo, super … l’ho già fatto molte volte nel passato, sulla Praia di Copacabana o Ipanema!

Guardavo invece la triste Argentina, dopo oltre 6 mesi di chiusura, praticamente azzerata e fallita; i riccastri, nel frattempo si sono comprati praticamente tutta la Patagonia.

L’Argentina, è stata colonizzata a fine seconda guerra dai nazisti, fuggiti dal Terzo Reich.

Tra le altre cose, già l’anno scorso avevano emanato leggi naziste, del tipo; se non ti vaccini, niente patente e passaporto…

Ieri il Bundestag tedesco, ha dato pieni poteri al Ministro della Salute, che potrà emanare in situazioni di criticità sanitaria, qualsiasi provvedimento restrittivo o cautelativo per la salute della popolazione; la puzza del Terzo Reich, riaffiora prepotentemente!

Australia in lieve riapertura voli aerei, ma sempre in dittatura e Nuova Zelanda invece ancora praticamente isolata.

https://www.flightradar24.com/-43.9,172.02/4

Dalla Nuova Zelanda si vola in Antartide, abbiamo diverse basi militari là…non si sente più parlare di Antartide, da molto tempo mi pare; se la staranno godendo i ricercatori e militari, nelle calde ed attrezzate basi?

O, con quel freddo intenso, sono tutti crepati per Covid? Oggi ne ho sentita sparare un’altra molto grossa, da un nuovo idiota para…virologo di turno: il freddo forse ci aiuterà!

Ma non era col caldo, che le cariche virali schiattano? Beh dai…confondiamo le menti già ottuse degli omuncoli.

Freddo e caldo nelle giuste proporzioni, possono farci comodo per sparare cagate galattiche pseudoscientifiche; importante è che i sudditi tacciano ed ubbidiscano.

In Francia, il Presidente praticamente ha esautorato il Parlamento e prende le decisioni, convocando settimanalmente il Consiglio di Difesa!

Là, son già due anni che pestano a ripetizione e a morte i Gilet gialli.

Tira una brutta aria in Europa! in Italia? Si divertono con i colori…e vogliono annientare definitivamente la ex quinta potenza mondiale di fine anni 80!

Qualche regione, tenta di fare test e tamponi a tappeto sui soggetti sani, per evidenziare eventuali positivi asintomatici ed isolarli!

Ho studiato un po’ di microbiologia e…di che…azzo stan parlando: il contagio avviene attraverso le Goccioline di Pflugge, da persone malate, con tosse, febbre ed una sintomatologia tipica influenzale.

Questa Panzana, che i sani asintomatici, sono fonte di infezione, fa gridare e rigirare nella tomba i grandi del passato, tipo Koch e Pasteur!

Le 4 regole di Koch, per evidenziare l’agente patogeno, le avete rispettate, oscuri personaggi di una sanità falsa e sull’orlo del precipizio?

Perché sapete, più si dicono bugie e più le persone che le dicono si convincono e vogliono convincere tutti gli altri!

E i morti e gli ospedali? Oltre 600.000 morti in Italia annualmente; di questi, pare che oltre 50mila muoiano per infezioni contratte in ospedale…ma mi son rotto veramente di dire le stesse cose!

CERCATE DI CURARE LE PERSONE A CASA, SE VOLETE EVITARE COLLASSAMENTI NEGLI OSPEDALI.

Create dei nuclei di medici, che assistano le persone malate a casa e che possano ricettare i farmaci, come si faceva in passato…e non remoto; SCRIVERE LE RICETTE A PENNA, AVENDO VISITATO IL PAZIENTE IN CASA!

E ma…è tutto elettronico adesso…retaggi del passato e quindi: tutte le persone malate, vanno negli ambulatori e nei pronto soccorso…TANTE PERSONE MALATE INSIEME SI, COSTITUISCONO FOCOLAI CONTAGIOSI!

Negli ospedali mancano medici ed infermieri, perchè se hanno il raffreddore e quindi risultano positivi, devono stare in quarantena!

Per questo stanno collassando le strutture, non per il corona! Avete assunto personale medico in questi 6 mesi?

COMUNQUE, AVVISO AI NAVIGANTI: isolando e chiudendo le persone in casa, il sistema immunitario, creato dal Creatore per proteggere dai continui scambi interpersonali gli umani, che attraverso l’allenamento (goccioline di Pflugge) si attiva e si rinforza, OTTERRETE L’ESATTO CONTRARIO!

Ovvero: quando arriveranno le solite virosi invernali, molti saranno indeboliti e si ammaleranno sempre più!

Ma il loro obbiettivo, oltre che di distruzione economica, è la vaccinazione: quale, oltre a quella antinfluenzale normale, già fatta nella prima decade di ottobre?

La Pfizer, prima ha detto che il loro vaccino “coronato” è efficace al 90%, poi ieri è passato al 95 %, poiché un altro concorrente aveva detto; il nostro e’ al 93,5 %…e lo Sputnik…91 o 92 % …nel frattempo il Ceo del Pf…ha venduto azioni, dopo la loro esplosione verso l’alto, in seguito all’annuncio della scoperta, ed ha incassato milionate!

Che comportamento moralmente ineccepibile! E la conservazione dei vaccini; uno a – 80 altri tra i +2 e +8, normali condizioni! Affari su affari per produrre enormi frigo a – 80…che schifezza infinita!

COME USCIRE DA QUESTA TRAGEDIA?

Tornare alla vita normale e riaprire tutto, subito, senza tentennamenti!

Il sistema immunitario farà il suo lavoro, anche in condizioni estreme, tra onde 5G e veleni tossici ambientali.

TORNIAMO AL BUON SENSO, ALTRIMENTI SARA’ UN MASSACRO DA TUTTI I PUNTI DI VISTA.

Ed in poco tempo, tra tragedie sanitarie, distruzione sociale e povertà, la lunga ombra di una guerra terribile, avanzerà nuovamente, anche su di un’Europa che 100 e 70 anni fa, ha subito distruzioni immani.

DONNE E UOMINI SANI DI MENTE, RIPRENDETEVI DALL’OBLIO!

Ingoiare sempre bocconi amari, nel nome del “presunto“ bene comune, porterà alla fine della nostra società, cosi come l’abbiamo conosciuta negli ultimi 70 anni!

Bene comune si, ma basato su di una logica e corretta narrazione degli eventi e non su un continuato e perpetrato FALSO IDEOLOGICO!

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo ed interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato  a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge, NON può in nessun caso VIOLARE i limiti imposti dal rispetto della persona umana.” 

Art 32, Costituzione Italiana

Altri commenti mi paiono superflui.

Auguri a tutti!

Fonte:http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

Il Virus Dormiente

Oxford: il virus non viaggia, era qui e qualcosa l’ha attivato

Altro che Cina: il coronavirus potrebbe essere rimasto inattivo un po’ in tutto il mondo per chissà quanti anni, prima di riattivarsi grazie a nuove condizioni ambientali favorevoli. È la tesi di Tom Jefferson, medico al Center for Evidence-Based Medicine (Cebm), con sede al Dipartimento di Scienze della salute delle cure primarie di Nuffield, presso l’Università di Oxford, nel Regno Unito. Jefferson – secondo quanto riporta il quotidiano inglese “The Telegraph” – sostiene che ci siano prove sempre più consistenti che il virus fosse già altrove, ben prima che emergesse a Wuhan. Una teoria, scrive Biagio Simonetta sul “Sole 24 Ore“, che farebbe traballare tutto ciò che sappiamo fino ad oggi, su questa pandemia. «La tesi si rafforza grazie alla scoperta di alcuni virologi spagnoli, che la scorsa settimana hanno annunciato di aver trovato tracce del coronavirus in campioni di acque reflue raccolti nel marzo 2019, circa dieci mesi prima che Wuhan diventasse il focolaio del mondo». Anche in Italia, ricorda sempre il “Sole”, alcune tracce del virus sono state rinvenute nei campioni di acque reflue di Milano e Torino risalenti a metà dicembre 2019. E in Brasile una analisi analoga riporta a novembre.

Tom Jefferson ritiene che molti virus siano inattivi in tutto il mondo, e a un certo punto emergano quando le condizioni diventano favorevoli. Un meccanismo che potrebbe anche voler dire che i virus riattivati possano svanire rapidamente dopo un L'epidemiologo inglese Tom Jeffersonpicco. «Dov’è oggi il virus Sars 1? È appena scomparso», ha detto il medico inglese al “Telegraph”, aggiungendo: «Dobbiamo porci queste domande. Dobbiamo iniziare a ricercare l’ecologia del virus, capire come ha avuto origine, come è mutato. Penso che il virus fosse già qui, e “qui” significa ovunque. Potremmo essere davanti a un virus dormiente che è stato attivato dalle condizioni ambientali». Per sostenere la sua teoria, Jefferson – che è anche professore alla Newcastle University – ricorda che a inizio febbraio c’è stato un caso di coronavirus alle Isole Falkland: «Com’è arrivato laggiù? Chi lo ha portato?». E poi ancora: «Una nave da crociera è andata dalla Georgia del Sud a Buenos Aires, i passeggeri sono stati sottoposti a screening e poi, l’ottavo giorno, quando hanno iniziato a navigare verso il Mare di Weddell, è emerso il primo caso di infezione. Dov’era il virus? Nel cibo preparato che era stato scongelato e attivato?».

L’esperto ricorda che stranezze come questa si erano già verificate con l’influenza spagnola: nel 1918, circa il 30% della popolazione delle Samoa (isole dell’oceano Pacifico meridionale) morì di spagnola, «senza aver avuto alcuna comunicazione con il mondo esterno». La spiegazione di quanto accaduto allora potrebbe essere la segente: «Questi virus non vengono né vanno da nessuna parte», afferma Jefferson: «Sono sempre qui e qualcosa li accende, forse la densità umana o le condizioni ambientali. E questo è ciò che dovremmo cercare». Lo stesso dottor Jefferson ritiene che il virus possa essere trasmesso attraverso il sistema fognario o servizi igienici condivisi, non solo attraverso goccioline espulse parlando, tossendo e starnutendo. E per questo, insieme al collega Carl Henegehan (direttore del Cebm) chiede un’indagine approfondita, simile a quella condotta da John Snow nel 1854, che dimostrò come il colera si stesse diffondendo a Londra da un pozzo infetto a Soho. Per i due medici inglesi, insomma – conclude il “Sole” – si deve cambiare l’approccio di ricerca sul coronavirus, perché la teoria della trasmissione respiratoria non sarebbe del tutto convincente: «I focolai devono essere investigati correttamente. Bisogna Leonardo Settifare ciò che John Snow ha fatto con il colera. Mettere in discussione tutto, e iniziare a costruire ipotesi che si adattano ai fatti. Non viceversa».

Guardando all’Italia, e basandosi sempre sulle conclusioni di Jefferson, i meteorologi de “IlMeteo.it” puntano l’indice contro l’inquinamento atmosferico. «La correlazione tra virus e pessima qualità dell’aria – scrivono – è emerso, in particolare, da uno studio curato da ricercatori italiani e da medici della Società italiana di Medicina Ambientale (Sima): le polveri sottili avrebbero esercitato un cosiddetto “boost”, ovvero un’accelerazione nel contagio dell’infezione». Conferma Leonardo Setti, ricercatore dell’Università di Bologna: «Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio in Pianura Padana hanno prodotto un’accelerazione alla diffusione del Covid-19. L’effetto è più evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai». Altri virus potrebbero dunque essere dormienti, in attesa di essere “attivati” magari dall’inquinamento? E se davvero la diffusione del coronavirus non dipendesse direttamente dalla respirazione? «Se questo fosse confermato, le varie misure di restrizione e di protezione che stiamo ancora adottando (lockdown, mascherine, distanziamento sociale, guanti, sanificazioni) potrebbero risultare inutili». In compenso, chiosano gli specialisti de “IlMeteo.it”, «sempre col beneficio del dubbio», ci sarebbe anche una bella notizia: «Il virus potrebbe andarsene via da solo, così come è arrivato».

Pubblicato su: https://www.libreidee.org/

Correlazione:

I NUMERI DELLA MENZOGNA

Lo Studio di febbraio, è ancora vero

®wld

Oggi non ci sono dirigenti politici occidentali che vedono oltre il proprio naso

JPEG - 20.7 Kb

La trasformazione delle società per il COVID-19 annuncia la militarizzazione dell’Europa

Riportiamo un dibattito con un gruppo di studenti, ove Thierry Meyssan spiega come le risposte politiche al COVID-19 non abbiano scopo sanitario. Un gruppo transnazionale, in parte individuabile, cerca di approfittarsi dell’epidemia per imporre una trasformazione profonda alle società europee, come già utilizzò gli attentati dell’11 settembre 2001 per trasformare gli Stati Uniti. Siamo ancora in tempo per opporci alla gerarchizzazione del mondo futuro.

 

Domanda: Secondo lei, chi ha fabbricato il COVID-19?

Thierry Meyssan: La mia analisi è esclusivamente politica. Non mi pronuncio su questioni mediche, soltanto sulle decisioni politiche.

Generalmente un’epidemia è un fenomeno naturale, ma può essere anche un atto di guerra. Il governo cinese ha pubblicamente chiesto agli Stati Uniti di far luce sull’incidente del laboratorio militare di Fort Detrick; il governo statunitense ha a sua volta chiesto altrettanta trasparenza per il laboratorio di Wuhan. Entrambi gli Stati hanno ovviamente rifiutato di aprire i propri laboratori. Non si tratta di cattiva volontà, ma di necessità militare. Non ci resta che prenderne atto.

La questione è del resto irrilevante perché, con il passare dei giorni, entrambe le ipotesi sono apparse infondate: né gli USA né la Cina controllano il virus. Quindi da un punto di vista militare il COVID-19 non è un’arma, bensì un flagello.

Quindi lei non esclude che il virus possa essere accidentalmente uscito da uno di questi laboratori?

È un’ipotesi, che però non porta da alcuna parte. Dobbiamo escludere la possibilità di un sabotaggio perché non giova ad alcuno. Potrebbe essersi trattato di un incidente, ma in tal caso la responsabilità sarebbe individuale e non avrebbe senso farla ricadere su uno Stato.

Qual è il suo giudizio sulle reazioni politiche all’epidemia?

Il ruolo dei dirigenti politici è proteggere la popolazione. Per questo motivo, in tempi normali, devono preparare il Paese ad affrontare le crisi che potrebbero sopraggiungere. Ebbene, l’Occidente si è trasformato in modo tale da perdere di vista questa vocazione: gli elettori esigono che gli Stati costino il meno possibile e che i politici li gestiscano come grandi imprese. Di conseguenza, oggi non ci sono dirigenti politici occidentali che vedono oltre il proprio naso. Uomini quali Vladimir Putin o Xi Jinping sono bollati “dittatori” solo perché hanno una visione strategica del proprio compito; sono considerati esponenti di una scuola di pensiero che gli Occidentali giudicano superata.

Di fronte a una crisi i dirigenti politici devono agire. Gli Occidentali sono invece stati colti alla sprovvista, totalmente impreparati. Furono scelti perché capaci di far sognare un futuro radioso, non per sangue freddo, capacità di adattamento nonché autorevolezza. Molti di loro sono persone che umanamente ben rappresentano i propri elettori, dunque non posseggono alcuna di queste qualità. Prendono le misure più radicali soltanto per timore di essere accusati di non aver fatto abbastanza.

Nell’attuale crisi i nostri politici hanno trovato un esperto, il professor Neil Ferguson dell’Imperial College of London, che li ha convinti che stava arrivando l’Angelo della Morte: 500 mila morti in Francia, ancor più nel Regno Unito, oltre il doppio negli Stati Uniti. Profezie 2.500 volte superiori al tasso di mortalità in Cina. Ferguson è uno statistico avvezzo a preconizzare calamità senza timore di esagerare. Per esempio, predisse che l’influenza aviaria avrebbe ucciso 65 mila britannici, ma ne morirono 457 [1]. Fortunatamente Boris Johnson l’ha estromesso dal SAGE [comitato di consulenza scientifica per le emergenze], ma il danno è fatto [2].

Sicché, presi dal panico, i politici si sono precipitati a cercare consiglio da un’autorità sanitaria internazionale. Dal momento che l’OMS non considerava, a giusto titolo, quest’epidemia prioritaria rispetto a malattie ben più mortali, si sono rivolti alla CEPI [Coalition for Epidemic Preparedness Innovations], di cui tutti conoscevano il direttore, dottor Richard Hatchett, per averlo incontrato al Forum economico di Davos o alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco. Ciascuno di loro era stato almeno in un’occasione contattato da Hatchett, in questua di finanziamenti per l’industria vaccinale.

Si dà il caso che, quando lavorava alla Casa Bianca, Hatchett sia stato uno dei due autori dell’aspetto sanitario del progetto politico mondiale di Donald Rumsfeld [3]. Nel 2001 Rumsfeld pianificò una divisione geografica dell’economia mondiale: le materie prime sarebbero arrivate dalle zone instabili, i prodotti sarebbero stati trasformati negli Stati stabili (fra cui Russia e Cina), le armi sarebbero state prodotte soltanto negli USA. Conveniva perciò militarizzare la società statunitense e trasferire la maggior parte dei lavoratori in fabbriche di armamenti. Nel 2005 Rumsfeld incaricò il dottor Hatchett di preparare un piano d’isolamento domiciliare obbligatorio per l’intera popolazione, da attivare in caso di attacco bioterroristico, paragonabile a quello all’antrace del 2001, contro il Congresso e i grandi media.

Il dottor Richard Hatchett ha rispolverato il piano e l’ha presentato ai dirigenti occidentali in cerca di consigli. Deve essere ben chiaro che l’isolamento obbligatorio generalizzato non è mai esistito ed è cosa diversa dall’isolamento dei malati. Quello generalizzato non è affatto una misura sanitaria, bensì un mezzo per trasformare le società. La Cina non vi ha fatto ricorso né con l’epidemia H1N1 [4], quello della SARS [5], né con quella COVID-19 [6]. L’isolamento della città di Wuhan a inizio 2020 è stato una misura politica del governo centrale per riprendere il controllo di una provincia mal gestita dal potere locale. Non si è trattato di una misura sanitaria.

Nessuno studio epidemiologico al mondo ha mai preso in considerazione l’isolamento generalizzato obbligatorio, tanto meno l’ha consigliato.

Può darsi, però in Francia siamo isolati non per combattere la malattia, ma per scaglionarla nel tempo, così da non sovraccaricare gli ospedali e non essere costretti a scegliere chi salvare e chi invece lasciar morire.

Nient’affatto. Quest’argomentazione è posteriore alla decisione dell’isolamento. Altro non è che una scusa di cui i politici si sono serviti per mascherare la propria inettitudine gestionale. Sicuramente in due regioni francesi i reparti di rianimazione degli ospedali pubblici si sono rapidamente saturati. Pazienti che avevano bisogno della rianimazione sono stati trasferiti in altre regioni, persino in Germania. Nelle cliniche private c’erano però molti letti disponibili.

È quanto ho detto all’inizio di questa conversazione: i nostri dirigenti politici sono inadeguati a gestire le crisi. Il concetto che hanno di Stato impedisce loro di agire. Sono incapaci di pensare un coordinamento tra settore pubblico e privato, eccezion fatta per alcuni presidenti di regione. Non si tratta in questo caso della tradizionale opposizione fra Stato centrale e regioni. Faccio un esempio: all’inizio dell’epidemia i laboratori privati non avevano mezzi per effettuare test di depistaggio su larga scala, il governo non è stato però in grado di requisire per ragioni di salute pubblica i laboratori del ministero della Ricerca e, soprattutto, dell’Agricoltura. Eppure, ricercatori e veterinari continuavano a offrire la propria disponibilità.

D’accordo per gli ospedali e i test, ma lei ha contestato anche le mascherine.

Sì, ormai da un secolo è dimostrata l’utilità delle mascherine chirurgiche nei blocchi operatori e durante le cure post-operatorie. Sono però situazioni che nulla hanno a che vedere con quanto sta accadendo oggi.

Adesso moltissimi sindacati e accademie raccomandano l’obbligo per tutti della mascherina nei luoghi pubblici. L’uso della mascherina è rassicurante, ma non serve contro il COVID-19. Del resto, in mancanza di mascherine chirurgiche, si arriva persino a indossare un pezzo di tessuto qualsiasi che copre naso e bocca, ma privo delle capacità di filtraggio delle mascherine chirurgiche. Contrariamente a una convinzione diffusa, la contaminazione non avviene attraverso gli schizzi di saliva, bensì attraverso il virus che questi disseminano nell’aria, fino a una distanza di otto metri da chi strilli o starnutisca. Inoltre, per essere contaminati è necessario essere ricettivi al virus, e non tutti lo siamo. Per sviluppare la malattia occorre un sistema immunitario debole.

Siccome non sanno cosa fare, i nostri governanti ricorrono all’isolamento generalizzato e all’obbligo delle mascherine per tutti. Non è dimostrato che queste misure abbiano un impatto sull’epidemia, però tutti lo credono. È l’affossamento della cultura occidentale: un tempo si ragionava pacatamente, oggi portiamo feticci, indossiamo mascherine, sprofondiamo nella magia.

In Francia un bambino è morto di COVID-19.

Quel che è vero in termini individuali è assolutamente falso in termini collettivi. L’età media dei deceduti in Francia è di 84 anni! Questo significa che oltre la metà dei morti aveva oltre 84 anni.

Ma allora se l’isolamento è assurdo e le mascherine servono a nulla, cosa si deve fare?

Non ho detto che l’isolamento è assurdo di per sé. Parlo dell’isolamento come misura obbligatoria e cieca. In tutte le epidemie bisogna isolare le persone malate, ma soltanto queste. Non riconosco legittimità a un potere che istituisce ammende, manda in prigione, persino spara su cittadini che rifiutano di essere messi agli arresti domiciliari a tempo indeterminato.

Non si tutela la salute pubblica con le imposizioni, ma con la fiducia. Nessuno deve essere protetto da sé stesso. Mi sembra indegno impedire a persone anziane di vedere la propria famiglia, qualora lo desiderino. Forse saranno contagiate, forse si ammaleranno e forse moriranno, ma sarà per loro scelta; la vita è un lungo cammino per prepararvisi e i vecchi hanno diritto di scegliere tra vivere con i propri famigliari invece che qualche anno in più.

Le epidemie si affrontano sempre nello stesso modo. Misure igieniche – lavarsi e aerare – e isolamento dei malati, a casa loro o in ospedale per essere curati. Tutto il resto è spettacolo. Occorre tornare alle misure di base, non inventare costrizioni.

Com’è possibile che i nostri dirigenti ci abbiano imposto un progetto fascista USA?

Capisco cosa intendete per fascista, ma in questo caso non è un aggettivo appropriato. Il fascismo è un’ideologia nata in risposta alla crisi del capitalismo del 1929; Rumsfeld ne possiede alcune caratteristiche, ma pensa a partire da un mondo diverso.

Il dottor Hatchett non è mai stato chiamato a rendere conto negli USA del suo progetto totalitario. Donald Rumsfeld neppure. Alla fin fine, nessuno ha mai dovuto rispondere di quanto è accaduto dopo l’11 settembre 2001: abbiamo collettivamente deciso di non far luce sugli attentati. Questo crimine è all’origine di una catena di conseguenze. L’amministrazione Obama ha continuato a mettere fedelmente in atto il progetto Rumsfeld in Libia, Siria e Yemen (dottrina Cebrowski). E poiché l’amministrazione Trump vi si è fermamente opposta, vediamo gli ex collaboratori di Rumsfeld proseguirne l’opera attraverso altre strutture, al di fuori dello Stato federale USA. Che ci piaccia o no, tutto questo continuerà fino a quando non sarà riaperto il dossier dell’11 Settembre.

Scusi se torno indietro, ma se l’isolamento obbligatorio e generalizzato non è che una misura autoritaria senza scopo sanitario, perché è così difficile uscire dall’isolamento?

Non è difficile. Occorre solo riappropriarci della libertà. Il problema è che oggi non si conosce il virus molto meglio di due mesi fa e che siamo impelagati in conoscenze immaginarie.

Le curve epidemiologiche sono pressoché uguali in tutti i Paesi colpiti, quali che siano le misure messe in atto. Soltanto due tipi di Paesi se ne distaccano: quelli che per ignote ragioni non ne sono stati colpiti, per esempio le nazioni della penisola indocinese (Vietnam-Laos-Cambogia-Tailandia), e quelli che, come Taiwan, hanno reagito molto più velocemente degli altri, isolando immediatamente gli ammalati e curandoli. Perciò, in qualsiasi modo si esca dall’isolamento ci sarà sicuramente un numero più o meno grande di persone contaminate, ma questo non dovrebbe influire.

I governi continueranno a imporre l’isolamento obbligatorio fino alla scoperta di un vaccino?

Non sappiamo se un giorno si troverà un vaccino. Da 35 anni se ne sta cercando uno contro l’AIDS. Del resto, è improbabile che l’epidemia COVID-19 duri più a lungo di quella degli altri coronavirus, la SARS o la MERS.

Il vaccino nonché i nuovi farmaci sono sfide economiche ragguardevoli. Alcune industrie farmaceutiche sono pronte a tutto pur d’impedire che i medici curino le persone con farmaci a buon mercato. Ricordatevi che, quand’era alla guida di Gilead Science, Donald Rumsfeld fece chiudere la fabbrica di Al-Shifa, che produceva farmaci contro l’AIDS, senza corrisponderle le royalties: la fece bombardare dal democratico Bill Clinton, affermando che apparteneva ad Al Qaeda, cosa assolutamente falsa. Ed è proprio il dottor Hatchett che oggi dirige la più importante coalizione vaccinale, la CEPI.

Cosa accadrà adesso?

In qualche settimana abbiamo visto lacerazioni notevoli in alcune società. In Francia sono state sospese alcune libertà fondamentali, come quella di tenere riunioni e manifestare. Tredici milioni di lavoratori sono stati messi in disoccupazione parziale. Sono temporaneamente diventati degli assistiti. La scuola riaprirà, ma non sarà obbligatoria: i genitori potranno decidere se mandarvi o no i figli. E così via. Tutto questo non è conseguenza dell’epidemia, ma, come detto, delle modalità di reazione all’epidemia di politici inetti.

L’isolamento generale obbligatorio era stato immaginato dall’équipe di Donald Rumsfeld per trasformare la società USA. Il progetto non è stato applicato negli Stati Uniti, bensì, dopo 15 anni, in Europa. Il trasferimento da un continente all’altro illustra il carattere transnazionale del capitalismo finanziario, di cui Rumsfeld è mero prodotto. Non c’è ragione perché coloro che hanno finanziato l’équipe Rumsfeld ora non portino avanti il loro progetto politico in Europa.

Se ci riusciranno, nei prossimi anni grandissima parte dei lavoratori europei sarà trasferita nell’industria degli armamenti. La NATO – che il presidente Macron riteneva in stato di morte cerebrale – nonché il suo elemento civile, l’Unione Europea – i cui membri nelle ultime settimane si sono sbranati l’un l’altro per rubarsi carichi di mascherine – saranno riorganizzati. NATO e UE continueranno la distruzione sistematica, iniziata nel 2001, di tutte le strutture statali del Medio Oriente Allargato, poi passeranno al Bacino dei Caraibi.

Tuttavia gli uomini di Rumsfeld hanno commesso un errore. Volendo mascherare il progetto del 2006, quando hanno imposto l’isolamento obbligatorio generalizzato hanno dato l’impressione d’ispirarsi al modello cinese. Così la Cina ha soppiantato di fatto gli Stati Uniti come referente intellettuale degli europei. Diventerà perciò un bisogno ossessivo l’impedirle di costruire le vie della seta. La Cina dovrà essere contenuta a ogni costo.

Le epidemie non provocano rivoluzioni, ma le guerre e i disastri economici le fomentano. Per l’incapacità dei governanti, le economie della UE sono oggi rovinate e ci stiamo preparando alla guerra. Stiamo per attraversare un’epoca di transizione, da cui potrà nascere il meglio come il peggio.

L’evoluzione del mondo sarà la risposta alla sparizione delle classi medie che implica la globalizzazione finanziaria – denunciata dai Gilet Gialli – così come la seconda guerra mondiale fu la risposta all’indebolimento degli imperi coloniali e alla crisi del capitalismo dei cartelli del 1929.

La Francia ha già vissuto un dramma simile: nel 1880-81, quando il capitalismo industriale non riusciva a sfruttare gli operai a causa del nascente sindacato. Jules Ferry espulse alcune congregazioni religiose e creò la scuola laica obbligatoria per sottrarre i giovani all’influenza della Chiesa cattolica. Li fece educare da partigiani del militarismo, gli “ussari neri”. Ne fece dei soldati del proprio progetto coloniale. Per 35 anni la Francia ha sottomesso molti popoli stranieri, indi è entrata in rivalità con la potenza emergente dell’epoca, la Germania, precipitando nella prima guerra mondiale.

Assisteremo in Europa ai medesimi dibattiti vissuti vent’anni fa negli Stati Uniti. Dobbiamo assolutamente rifiutarci di venire imbarcati in crimini di tal fatta. Questa sarà la lotta dei prossimi anni, e toccherà a voi combatterla.

Traduzione
Rachele Marmetti
Giornale di bordo

DISCONNESSI DALLA REALTA’

https://filebin.net/fifg6enj7v2cri0o/Ecco_la_Verit__.mp4?t=rlflhnhd

Clicca sull’immagine per vedere il video Il video è sottotitolato, dopo averlo rimosso, ora è disponibile anche in audio lingua italiana.

  

***************************

Chiediamo indagini sulla “Bill & Melinda Gates Foundation” per negligenza medica e crimini contro l’umanità

Creato da CS aprile 2020

Mentre guardiamo agli eventi che circondano la “pandemia COVID-19”, varie domande rimangono senza risposta. Il 18 ottobre 2019, solo poche settimane prima che il ground zero venisse dichiarato a Wuhan, in Cina, si sono verificati due eventi importanti. Uno è “Event 201”, l’altro è il “Military World Games”, che non si tiene altro che Wuhan. Da allora è stata avviata una spinta mondiale per vaccini e monitoraggio biometrico. 

In prima linea c’è Bill Gates, che ha dichiarato pubblicamente il suo interesse a “ridurre la crescita della popolazione” del 10-15%, attraverso la vaccinazione. Gates, UNICEF e OMS sono già stati accusati in modo credibile di sterilizzare intenzionalmente i bambini kenioti attraverso l’uso di un antigene HCG nascosto nei vaccini contro il tetano. 

Il Congresso e tutti gli altri organi di governo sono abbandonati fino al completamento di un’indagine completa e pubblica. FONTE

*****************************

 

 

“Alexa”, quanto durerà il Coronavirus? Cosa? Se vuoi vedere i sottotitoli riduci la velocità del 50%  di: Dino tinelli

 

******************************

 

La pandemia delle bugie – STESSO FILMATO DELL’OSPEDALE PER BERGAMO E PER NEW YORKVIDEO  Di Carlo Fanni   

 

******************************

 

QUESTO E` LO STATO IN CUI STANNO VIVENDO GLI ITALIANI. DITTATURA PURA. (CONDIVIDETE) VIDEO (video/ascolto di 1 ora e 7 minuti) video di solo ascolto di Morris San 

 

******************************  

 

(ndr) L’ultimo video/ascolto qui sopra, non si differenzia molto da quello che è successo a Milano se  non per la multa data ai ristoratori, bar e baristi, oppure alla situazione che sta succdendo a Bolzano, oppre al sindaco di Messina, oggi il primo cittadino di Milano ha minacciato di chiudere i Navigli, dopo l’uscita di due mesi dagli arresti domiciliari; anche sul Lago di Como alcuni primi cittadini hanno “decretato” che lo spostamento verso le seconde case, si potrà fare dalle ore 8:00 alle ore 18:00 per manutenzione, per poi fare ritorno alla casa di residenza. 

 

Il fatto grave è che quello sopra nel video/audio è al limite se non oltre dei nostri diritti sanciti dalla Costituzione e, se passa come normale prassi, tutti noi possiamo trovarci nelle stesse condizioni, per qualsivoglia motivo non violento. 

 

In tutto questo mi stupisce che nessuno e dico nessuno, ha preso le difese di quel cittadino siciliano che manifestava pacificaente e si è trovato sei persone che lo hanno immobilizzato e portato all’ospedale in un reparto di psichiatria, tenuto sedato per oltre quattro giorni, così almeno riferisce il fratello avvocato nel video, dove alla fine si sente il malcapitato “dialogare” con il fratello avvocato biascicando.

 

®wld

5G, i sistemi di biometria installati di nascosto nelle scuole durante i blocchi del coronavirus

5G, i sistemi di biometria installati di nascosto nelle scuole durante i blocchi del coronavirus

(Natural News)

Poiché la maggior parte delle persone si siede a casa e attende pazientemente la loro liberazione dai blocchi di coronavirus di Wuhan (COVID-19), continuano a emergere notizie su attività potenzialmente nefaste che si svolgono sotto la copertura dell’oscurità mentre quasi nessuno sta guardando.

Una di queste attività prevede la presunta installazione di torri 5G e sistemi di biometria nelle scuole pubbliche, nonché all’interno e in cima ad altre strutture finanziate con fondi pubblici. Dato che molti abiti pubblici sono temporaneamente chiusi a causa del coronavirus di Wuhan (COVID-19), ora è il momento perfetto per essere dotati di tecnologie che, se gli studenti ei loro genitori fossero presenti su base giornaliera, sarebbero altrimenti molto più difficili da nascondere.

A metà marzo, il canale YouTube “Logic Before Authority” ha pubblicato un video in dettaglio un messaggio presumibilmente ricevuto da un membro di un consiglio scolastico locale che afferma che i distretti scolastici stanno installando di nascosto apparecchiature 5G nelle scuole pubbliche mentre gli studenti rimangono a casa indefinitamente con i loro genitori. E questa stessa fonte afferma che il Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti è quello che dirige queste installazioni.

Questo video è disponibile per la visualizzazione di seguito:

Se i lavoratori vengono sorpresi a entrare e uscire dalle scuole pubbliche, questa stessa fonte afferma che molti di loro vengono istruiti a dichiarare di essere presenti a fini di “disinfezione”. Ma a un’analisi più approfondita, questo non sembra essere vero, almeno non secondo i filmati video catturati da misteriosi furgoni da lavoro bianchi parcheggiati dietro una scuola sconosciuta.

Puoi guardare questo video qui sotto:

“Anche se non vediamo il nome o la posizione della scuola, il video mostra chiaramente furgoni per due società: Systems Plus Wisconsin e North American Mechanical, Inc”, riferisce Global Research (Canada). “Entrambe le società sembrano avere sede a Madison, nel Wisconsin.”

Systems Plus Wisconsin riattacca il telefono dopo che gli è stato chiesto se i loro furgoni sono associati alle installazioni 5G

Quando la persona che ha filmato tutti i furgoni bianchi della scuola ha deciso di contattare una società, Systems Plus Wisconsin, che ammette che installa sistemi di biometria, la persona sull’altra estremità del telefono ha riattaccato quando gli è stato chiesto se c’era qualcosa accadendo in relazione al 5G.

La parola 5G è quasi diventata una parolaccia, e qualcosa a cui anche le aziende che la trattano non vogliono più essere associate a causa dello stigma negativo che è attaccato ad essa. Se vuoi saperne di più sui pericoli del 5G, assicurati di dare un’occhiata al film documentario 5G Apocalypse: The Extinction Event .

Da quando sono stati pubblicati questi due video, molte altre menti curiose hanno controllato le loro scuole locali e osservato attività simili. I furgoni misteriosi che installano torri e antenne insolite sul terreno della scuola durante questi blocchi sono apparentemente più comuni di quanto si pensasse, il che sta scatenando un crescente contraccolpo pubblico.

I giornalisti cittadini, se vuoi, sono incoraggiati a uscire e dare un’occhiata e riferire ciò che trovano sui social media, su YouTube e persino direttamente nei loro consigli scolastici locali. Metti la pressione dove deve essere e chiedi risposte, altrimenti questo tipo di attività continuerà solo senza discussione.

“La nostra preoccupazione è che il 5G possa essere installato a nostra insaputa mentre siamo alle prese con la ricaduta della pandemia di COVID-19 e che l’installazione di sistemi biometrici potrebbe far parte di un’agenda più sinistra”, riporta Global Research .

Per tenere il passo con le ultime notizie sul coronavirus di Wuhan (COVID-19), assicurati di controllare Pandemic.news .

Le fonti per questo articolo includono:

GlobalResearch.ca

YouTu.be

YouTu.be

NaturalNews.com