Crea sito

CACCIATORI DI PIANETI

Image credit:  Caltech/R. Hurt (IPAC)

 Il massivo Pianeta X sta ora diventando una priorità per i cacciatori di pianeti 

Siamo sempre più vicini alla scoperta del massiccio pianeta X all’esterno del sistema solare. Ho sentito questa relazione, l’altra sera dalle notizie della BBC, un argomento che indica la serietà con cui questo tema viene ora preso dalla comunità scientifica:

“Astronomi americani dicono di avere consistenti prove che ci sia un nono pianeta del nostro sistema solare (nono pianeta invece del decimo perché Plutone è stato declassato da pianeta ad asteroide) in orbita ben oltre il nano pianeta Plutone. La squadra, del California Institute of Technology (Caltech), non ha ancora osservazioni dirette per confermarne la presenza. Gli scienziati hanno dedotto e affermato questa scoperta in base al modo in cui gli altri oggetti celesti lontani si muovono. Se fosse confermato, il putativo pianeta avrebbero 10 volte la massa della Terra.

“Gli astronomi del Caltech hanno una vaga idea in quale parte del cielo si dovrebbe trovare, il loro lavoro è quello di approntare una ricerca per poterlo rintracciare.” Il dottor Mike Brown ha detto che ci sono molti telescopi sulla Terra che in realtà hanno la possibilità di essere in grado di trovarlo.” E io sto veramente sperando che (come a suo tempo annunciammo questo), la gente cominci una ricerca in tutto il mondo per trovare il nono pianeta.”

I calcoli fatti del gruppo suggeriscono che l’oggetto orbita mediamente 20 volte più lontano dal Sole, di quanto non faccia l’ottavo – e attualmente più esterno – il pianeta Nettuno, che si muove circa 4,5 miliardi di km dalla nostra stella. Ma a differenza dei circolari sentieri tracciati dai principali pianeti, questo oggetto romanzesco sarebbe in una traiettoria molto più ellittica, compresa tra i 10.000 e i 20.000 anni per completare un giro intorno al Sole “(1)

Il dottor Mike Brown è un accademico leader nella caccia dei pianeti, e per lui fare questa pubblica dichiarazione è del tutto senza precedenti. Si può solo supporre che la sua squadra abbia sperimentato una perdita delle loro credibilità, spingendolo ad andare pubblico con un documento scritto sull’Astronomical Journal (2). Dopo tutto, è solo un mese da quando è stata fatta una simile speculazione – un tempo abbastanza breve da quando gli scienziati lavorano presso il grande centro di Atacama in Cile – sono stati ampiamente criticati dagli astronomi e tacciati di presunzione (3). Perché rischiare una simile critica se non erano sicuri di quello che stavano proponendo? Chiaramente c’è una grande e cresciuta eccitazione che sta accadendo in questo momento, la posta in gioco è davvero molto alta. Ecco cosa il dottor Mike Brown ha detto il mese scorso circa le due proposte presentate dalle squadre Atacama:

“Mike Brown, al California Institute è un luminare di spicco sulla tecnologia astronomica autodefinitosi “Pluto killer” per aver scoperto diversi grandi TNO che hanno detronizzato il primo pianeta Plutone, e su Twitter, ha scatenato un altro argomento statistico rivendicando i nuovi pianeti.” Se è vero che ALMA accidentalmente ha scoperto un esterno oggetto massiccio del sistema solare nel suo piccolo, piccolo, piccolo, campo di vista, “Brown Twittando,” ha suggerito che ci sono qualcosa come 200.000 pianeti delle dimensioni della Terra nel sistema solare esterno. Il che, ehm, è tutto dire no.

“In seguito, ancora meglio”, ha aggiunto, “Ho appena realizzato che l’esistenza di questa moltitudine di pianeti delle dimensioni della Terra potrebbero destabilizzare l’intero sistema solare con conseguenze catastrofiche per il genere umano portandolo all’estinzione.” Detto questo, Brown ha inoltre dichiarato: “l’idea che ci potrebbero essere grandi pianeti in agguato nel sistema solare esterno è perfettamente plausibile”. (4)

Quindi, pur riconoscendo il reale potenziale per la presenza di grandi pianeti sconosciuti là fuori, rimaneva scettico sulla squadra di Atacama e della fortuna di imbattervi in ​​un tale oggetto dato i minuscoli campi visivi su cui stavano studiando, e su quando hanno avuto questi segnali di ritorno. E’ ormai chiaro che da diverso tempo sono stati a caccia di questo oggetto.

L’interesse di Dr Brown risiede nei movimenti anomali degli oggetti sferici estesi e sparsi situati appena oltre la cintura Kuiper, nonché raggruppamenti non casuali di alcuni KBOs stessi (2). Penso di non sbagliarmi nel pensare che più di una volta questi oggetti si siano manifestati (senza dubbio a molti dalla sua squadra,) una presenza suggestiva sempre più discernibile sta emergendo, per la presenza di un grande pianeta. Chiaramente il lavoro è in corso:

“L’analisi continua per entrambi gli oggetti del sistema solare esterni lontani e fortemente inclinati che ci offrono l’opportunità di testare la nostra ipotesi, oltre ad altre che vincolano le masse e gli elementi orbitali di pianeti lontani.” (2)

Sembra avere un’idea di dove si trova e come chiamarlo il ‘Nono Pianeta’ e di quanto sia grande; quanto tempo ci vuole per spostarsi intorno al Sole (nella sua “un’orbita molto ellittica”), e quanto lontano si trova.

Secondo il comunicato stampa Caltech, il Dr Brown ha lavorato a stretto contatto per qualche tempo sul puzzle di questo Pianeta X con il dynamicist dottor Konstantin Batygin:

“Anche se inizialmente siamo rimasti molto scettici sul fatto che questo pianeta potesse esistere, abbiamo continuato ad indagare la sua orbita e quali conseguenze avrebbe avuto per il sistema solare esterno, Batygin un professore e assistente di scienza planetaria dice: siamo sempre più convinti che è là fuori“. “Per la prima volta in oltre 150 anni, ci sono prove inoppugnabili che il censimento planetario del sistema solare è incompleto.”

Image credit:  Caltech

“… Batygin e Brown si resero conto che i sei oggetti più distanti (già menzionati da [Chad] Trujillo e [Scott] nella loro lontana collezione originale del pastore [KBO-fascia di Kuiper]) tutti seguono orbite ellittiche che puntano nella stessa direzione dello spazio fisico. Questo è particolarmente sorprendente perché i punti estremi delle loro orbite si muovono intorno al sistema solare, e viaggiano a velocità diverse.

“Brown dice: è quasi come avere sei mani, un orologio dove tutto si muove a velocità diverse, e quando ti capita di guardare in alto, sono tutti esattamente nello stesso luogo”. Le probabilità che questo possa accadere sono qualcosa come 1 possibilità su 100. Ma per di più, le orbite dei sei oggetti sono tutte inclinate nello stesso modo-puntando di circa 30 gradi verso il basso nella stessa direzione rispetto al piano degli otto pianeti conosciuti. La probabilità che questo accada è di circa 0.007 per cento. “Sempre Brown ci dice: fondamentalmente non dovrebbe accadere in modo casuale”. “Così abbiamo pensato che qualcos’altro deve aver plasmato queste orbite.” (5)

Alcuni di questi dati, stranamente, ha una certa assonanza che ci ricorda il lavoro di Zecharia Sitchin (6) – in particolare i 30 gradi dell’inclinazione verso il basso dell’influenza gravitazionale del pianeta sconosciuto. E’ molto ellittica. Si pensa sia almeno dieci volte la massa della Terra (2). Si pensa inoltre che si trovi a una distanza di circa 600 unità astronomiche, con un’orbita di decine di migliaia di anni – molto vicino alle mie conclusioni di qualche anno fa, inoltre mi sono reso conto che l’assunzione di Sitchin riguardo all’orbita di 3600 anni era probabilmente troppo esigua vedi figura (7).

La facilità per scoprire questo oggetto dipenderà molto dal punto di dove attualmente risiede la sua orbita. Se poi si dovesse trovare vicino al perielio, sulla Terra ci sono un gran numero di telescopi in grado di scoprirlo. Se, tuttavia, dovesse essere vicino al suo punto più lontano, o all’afelio, allora solo i più grandi telescopi del mondo, come i gemelli telescopi di 10 metri al Keck Observatory e il telescopio Subaru, il Mauna Kea alle Hawaii, saranno in grado di rilevarlo. Il dottor Brown spera che un rilascio anticipato di questo lavoro spingerà le comunità scientifiche ad azionare i loro telescopi. Auspicando che comprendano la sua superiore reputazione come cacciatore di pianeti, questo gli impedirà di essere sonoramente cestinato dai suoi pari, come è accaduto il mese scorso agli scienziati di Atacama. Ma non solo, questa proposta aprirà molte porte riguardanti ‘Nibiru’, che porterà a un enorme interesse pubblico per portare allo svolgimento questa scienza.

Ma perché finora è stato eluso il rilevamento di questo oggetto? Perché il telescopio a infrarossi Sky Survey WISE non ha scoperto il Nono Pianeta? Dopo tutto, la sua massa è molto consistente, inoltre, e relativamente vicino (è posizionato nello spazio tra la fascia di Kuiper e la nube di Oort interna). Questa  è una questione critica, gli scienziati che lavorano sui dati del WISE sembravano senza mezzi termini escludere questa possibilità, dichiarando che nessun pianeta delle dimensioni di Saturno potrebbe essere in agguato all’interno di 10.000 AU (unità astronomiche (8). Al contrario, il Nono Pianeta potrebbe essere meramente a 600 AU, o meno, anche se in fin dei conti per Batygin e Brown fosse stato molto più piccolo di Saturno. Anche in questo caso WISE lo avrebbe individuato?

Quindi qual è la probabilità di poterlo trovare? Nella loro mole di dati, il dottor Batygin e il dottor Brown sembrano essere focalizzati su questi oggetti, i parametri della sua posizione, la massa e le orbite che nel tempo si stanno restringendo. Al momento, stanno ancora giocando con una vasta gamma di valori, e conducono l’equivalente di una wargames astrofisica. Non ci sono le suggerite coordinate per la sua posizione, o anche un vago e grezzo suggerimento per poter far lavorare i migliori osservatori del mondo.

Il loro modello di previsioni è intrigante, possono indirettamente aiutarli a trovare questa perturbazione del Nono Pianeta:

“Siamo giunti a un unica previsione che nasce nel contesto della risonanza del nostro modello che la perturbazione consente l’esistenza di una popolazione supplementare di KBOs alto perielio che non presentano lo stesso tipo di raggruppamento orbitale come oggetti identificati. Sforzi osservazionali volti a scoprire tali oggetti, nonché rilevare direttamente la lontana perturbazione costituisce di per sé il miglior percorso per testare la nostra ipotesi. “(2)

Quindi, non è solo il proverbiale ago nel pagliaio che cercano, ma anche un po’ di accompagnamento ad alta inclinazione. E forse, questo è quello che sperano gli osservatori di scoprire, ampliando il loro set di dati in modo sostanziale.

In definitiva gli autori ritengono che l’origine di questo oggetto distante, il Nono Pianeta potrebbe aver iniziato la sua vita come un gigante gassoso tra i giganti di ghiaccio Urano e Nettuno, prima di essere fuoriuscito da questa zona disperdendo la sua ‘componente gassosa della [primordiale] nebulosa’. Ma, allo stesso tempo, non sembrano escludere completamente un oggetto molto più grande di 10 masse terrestri, in particolare se l’orbita è altamente eccentrica:

“Dopo aver individuato un insieme illustrativo di proprietà orbitali della perturbazione nel caso planare, abbiamo dimostrato che un oggetto inclinato con parametri simili può ritagliarsi dinamicamente una popolazione di particelle che si collocano sia absidali che nodali. Tali ammassi e famiglie di corpi celesti orbitano nello spazio fisico, in accordo con i dati. Anche se il modello qui proposto è caratterizzato intrinsecamente da una moltitudine che degenerano uno rispetto all’altro, i nostri calcoli suggeriscono che se un perturbatore orbita su un ‘~ 700 AU, e’ ~ 0,6 dovrebbe essere leggermente più massiccio (ecco per esempio, un fattore di alcuni) m ‘= 10 M E per produrre l’effetto desiderato.” (2)

Che, per me, sono dove si possono ancora ottenere cose molto interessanti!

Scritto da Andy Lloyd, 20 Gennaio 2016 http://www.andylloyd.org/darkstarblog34.htm

Riferimenti:

1)  BBC News “Case made for ‘ninth planet'” 20th January 2016 http://www.bbc.co.uk/news/science-environment-35365323

2)  K. Batygin & M. Brown “Evidence for a Distant Giant Planet in the Solar System” 20th January 2016, The Astronomical Journal, Volume 151, Number 2, http://iopscience.iop.org/article/10.3847/0004-6256/151/2/22

3)  A. Lloyd “Atacama Astronomers Claim Double Discovery of Planet X” 12th December 2015 http://www.andylloyd.org/darkstarblog33.htm

4)  Lee Billings “Astronomers Skeptical Over “Planet X” Claims” 10th December 2015 http://www.scientificamerican.com/article/astronomers-skeptical-over-planet-x-claims/

5)  Caltech Press Release “Caltech Researchers Find Evidence of a Real Ninth Planet” 20th January 2016 https://www.caltech.edu/news/caltech-researchers-find-evidence-real-ninth-planet-49523

6)  Zecharia Sitchin “Genesis Revisited” p326, Avon 1990

7)  Andy Lloyd “Dark Star: The Planet X Hypothesis” Timeless Voyager Press, 2005

8)  W. Clavin & J. Harrington “NASA’s WISE Survey Finds Thousands of New Stars, But No ‘Planet X'” 7th March 2014 http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?release=2014-075

  Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

 La notizia è stata ufficializzata oggi anche dai telegiornali e carta stampata come “Repubblica”

“IPOTESI NIBIRU”

Dove si trova il Pianeta X Nibiru? L’inutile eterna ricerca del pianeta sfuggente.

La ricerca di questo enigmatico corpo celeste iniziato quasi un secolo fa, (e che fino ad oggi i ricercatori non hanno ancora presentato le prove della scoperta di Nibiru o Pianeta X), è uno degli oggetti celesti che si pensa risiedere all’interno del nostro sistema solare.

Sebbene sia stato affermato che il pianeta è stato effettivamente scoperto nel 1930, i ricercatori credono ancora che il misterioso pianeta potrebbe essere da qualche parte là fuori, ancora in attesa di essere scoperto. 

Per decenni, gli esperti astronomi hanno lasciato aperto il dibattito sull’esistenza del Pianeta X, un grande corpo celeste che presumibilmente orbita attorno al bordo esterno del nostro sistema solare, ma finora non è stato trovato un solo corpo celeste che si adatta alle descrizioni del Pianeta X Nibiru.

Nonostante l’assenza di prove inconfutabili che dimostrino l’esistenza di tale pianeta, la ricerca dell’enigmatico corpo celeste è durata per decenni, lasciando la speranza ai ricercatori di tutto il mondo che un giorno, il misterioso pianeta salirà dalle ombre per dimostrare di essere più di un mito moderno.

Nel 1846, l’astronomo francese Urbain Leverrier ha osservato perturbazioni inspiegabili nell’orbita di Urano, perturbazione che si è rivelata per effetto gravitazionale di un altro pianeta. Questo, quando (grazie a Leverrier), è stato trovato un nuovo pianeta nel nostro sistema solare, quel pianeta è Nettuno.

Dopo alcuni anni, disturbi simili sono stati rilevati anche nell’orbita di Nettuno, i ricercatori hanno pensato che queste perturbazioni potrebbero essere causate anche dall’orbita di un altro pianeta. Il Pianeta X era il termine introdotto da Percival Lowell, un milionario degli Stati Uniti e appassionato dello spazio, che è morto senza trovare il presunto pianeta. Tuttavia, nel 1930, Clyde Tombaugh William ha avvistato un oggetto celeste che ha creduto spiegasse le perturbazioni dell’orbita di Nettuno, questo è quando scoprì Plutone.

Nel 2008, i ricercatori astronomi giapponesi hanno annunciato che secondo i loro calcoli, ci dovrebbe essere un pianeta “sconosciuto”, ad una distanza di circa 100 AU (unità astronomiche), che ha una dimensione fino a due terzi del pianeta Terra. Si pensa che questi calcoli possano sostenere l’ipotesi dell’esistenza di Nibiru o Pianeta X.

Le agenzie di stampa di tutto il mondo sono state molto interessate a questo misterioso corpo celeste alle frontiere esterne del nostro sistema solare. Secondo il Washington Post scrive quanto segue:

“Un corpo celeste presumibilmente grande come il pianeta gigante Giove, è possibile che sia molto vicino alla Terra, rendendolo parte del nostro sistema solare, il corpo celeste è stato trovato nella direzione della costellazione Orione da un telescopio a infrarossi orbitante a bordo di un satellite astronomico USA … Gerry Neugebauer, chief scientist IRAS ha detto: ‘Tutto quello che possiamo dire è che non sappiamo di cosa si tratta’”.

Ma il Washington Post, non è stata l’unica agenzia di stampa a scrivere dell’enigmatico corpo celeste.

Secondo il rapporto delle US News mondiali, il Pianeta X o Nibiru esiste, ecco cosa dice l’articolo:  

“L’attrazione della luce solare, sta misteriosamente influenzando le orbite di Urano e Nettuno, è una forza invisibile che gli astronomi sospettano possa essere il Planet X – il 10° residente del nostro sistema solare. L’anno scorso, il satellite astronomico a infrarossi (IRAS), gravitava in un’orbita polare a 560 miglia dalla Terra, il satellite ha rilevato il calore di un oggetto distante circa 50 miliardi di miglia che è ora oggetto di intensa speculazione.” 

Inoltre, un articolo pubblicato su Newsweek il 13 luglio del 1987, la NASA ha rivelato che potrebbe esserci un decimo pianeta che orbita intorno al nostro Sole. Secondo il ricercatore e scienziato John Anderson della NASA, il Planet X potrebbe in realtà essere là fuori, ma non in prossimità dei nostri pianeti. L’articolo di Newsweek afferma: 

“se John Anderson ha ragione, due degli enigmi più intriganti della scienza spaziale potrebbero essere risolti: che cosa ha causato irregolarità misteriose nelle orbite di Urano e Nettuno nel corso del 19° secolo? E che cosa ha ucciso i dinosauri 26 milioni di anni fa?” 

È interessante notare che Robert Sutton Harrington, un astronomo americano che lavorava presso la United States Naval Observatory (USNO). ha scritto un articolo molto interessante nel 1988 sull’Astronomical Journal. Harrington ha ipotizzato che un pianeta tre o quattro volte le dimensioni della Terra potesse esistere, la sua posizione sarebbe di tre o quattro volte più lontano dal Sole di Plutone. Secondo modelli matematici che sono stati presentati, si ritiene che il Pianeta X o Nibiru, ha un’orbita ellittica estrema di 30 gradi.

Harrington è diventato un credente nell’esistenza del Pianeta X oltre Plutone e si è impegnato nelle ricerche di esso, con risultati positivi provenienti dalla sonda IRAD nel 1983. 

Tuttavia, la ricerca del Pianeta X ha continuato a crescere paventando ogni sorta di teorie, molte delle quali fanno parte della pseudoscienza. Molti credono che il pianeta X sia a tutti gli effetti Nibiru, il pianeta della razza extraterrestre chiamata con il nome Anunnaki, venuta sulla Terra in un lontano passato e avviato così la civiltà come la conosciamo.

I Teorici degli Antichi Astronauti credono che l’orbita di Nibiru intorno al sole possa essere estremamente ellittica, e in base ai testi, si trovi ben oltre l’orbita di Plutone. Per completare la sua orbita dall’apogeo al perigeo intorno al Sole impiega circa 3600 anni. Nibiru si crede possa essere il pianeta natale degli Anunnaki.

L’avvicinarsi di Nibiru verso i pianeti del nostro sistema solare potrebbe rappresentare una minaccia enorme viste le sue caratteristiche gravitazionali. Secondo gli antichi testi cuneiformi, che si ritiene essere alcuni degli scritti più antichi e conosciuti fino ad oggi, tornano indietro di almeno 6.000 anni.

Questi scritti spiegano la storia di una razza di esseri chiamati Anunnaki. Gli Anunnaki vennero sulla Terra da un pianeta del nostro sistema solare chiamato Nibiru. Purtroppo, molte persone non ne hanno mai sentito parlare, perché, secondo la scienza ufficiale il pianeta chiamato Nibiru non esiste. Tuttavia, secondo Sitchin, la presenza di Nibiru è molto importante per il passato e il futuro dell’umanità.

Secondo una teoria denominata ‘ipotesi Nemesis’, il pianeta supposto, che si trova oltre l’orbita di Plutone e le sue lune, è, infatti, una stella scura in orbita intorno alla nube di Oort, che fondamentalmente trasforma la nostra Stella in un sistema binario, che è, (se esiste) il misterioso oggetto celeste. Questa teoria è stata esclusa da numerosi astronomi e indicata come impossibile.

Secondo John Matese, Patrick Whitman e Daniel Whitmire della University of Louisiana a Lafayette, il corpo celeste situato nel nostro Sistema Solare nella nube di Oort è, infatti, un ipotetico gigante gassoso. Tuttavia, nel 2014, la NASA ha annunciato che l’indagine WISE aveva escluso qualsiasi oggetto con le caratteristiche di Tyche, indicando che Tyche come ipotizzato da Matese, Whitman, e Whitmire non esiste.

Ivan è uno scrittore freelance, redattore capo di ancient-code.com, scrive anche per EWAO, condivide le sue conoscenze online sulle origini antiche.

Storia, Archeologia, Spazio e misteri del mondo sono alcuni dei temi di cui scrive. 

http://www.ancient-code.com 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da