Archivi tag: Wikileaks

Almanacco di luglio 2019

 

I fans di Jovanotti saranno cavie umane da 5G

Dopo il Festival di San Remo, Matera capitale europea della cultura e gli stadi di calcio di Roma e Udine, prosegue la colonizzazione tecnologica dei più rilevanti eventi d’intrattenimento d’Italia attraverso la sperimentazione del pericoloso 5G, introdotta senza valutazioni preliminari sui rischi per umanità ed ecosistema. Alla viglia dell’unica tappa nel Lazio del Jova Beach Party, la TIM ha infatti ufficializzato l’introduzione di test dell’Internet delle cose nel tour estivo di Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti. Il 5G sarà sperimentato su 15 spiagge italiane, da Viareggio a Barletta, da Vasto a Policoro, cominciando oggi a Marina di Cerveteri (Roma) con droni in aria, giochi e video in Virtual Reality a ridosso del monumento naturale della palude di Torre Flavia. Segue QUI

 

 

 

Punch Hawaiian: Il Drone di dimensioni come un campo da calcio diffonderà 5G verso le isole Hawaii – Azione urgente necessaria   

By B.N. Frank 

L’ industria delle telecomunicazioni non ha fornito prove scientifiche che il 5G sia sicuro e molte ricerche hanno dimostrato che non lo è (vedi 1, 2). Medici, funzionari eletti, ambientalisti, esperti di sicurezza, la US Navy, società di servizi pubblici e altro hanno cercato di fermare la distribuzione 5G per una serie di motivi convincenti. Poche persone si stanno iscrivendo ad esso dove è già stato installato e gli utenti si lamentano che il 5G sta facendo surriscaldare i loro telefoni e modem. Indipendentemente da ciò, le società di telecomunicazione e i sostenitori continuano a promuoverlo e installarlo ovunque sia possibile – sopra e sotto.  Continua QUI in lingua inglese. 

 

Nessuna frode scientifica

di Pier Giuseppe Pelicci, Pier Paolo Di Fiore 

Negli scorsi giorni una serie di articoli ha riferito della richiesta di archiviazione delle indagini condotte dalla Procura di Milano in merito a presunte frodi scientifiche che hanno coinvolto, fra gli altri, gli oncologi Pier Giuseppe Pelicci e Pier Paolo Di Fiore. Riportiamo qui sotto la loro dichiarazione affidata a Scienza in rete.

Nel gennaio 2016 abbiamo ricevuto un’informazione di garanzia dalla Procura di Milano per alcune ipotesi investigative concernenti possibili condotte di falsificazione di dati in ambito scientifico. Dieci giorni fa circa abbiamo letto su una testata nazionale che i Pubblici Ministeri titolari dell’indagine hanno richiesto, al Giudice delle Indagini Preliminari (GIP), la completa archiviazione dell’inchiesta. Nelle motivazioni, riportate dai media, i PM affermano che avrebbero sostanzialmente “accertato” quella che loro definiscono una “frode scientifica” ma che non esisterebbe in Italia una legge che consenta di perseguire questo tipo di illeciti. Segue QUI

 

 

  

Scam Green New Deal distrutto da un nuovo studio scientifico sul riscaldamento globale

Inserito da: Tyler Durden 

AOC, Justice Democrats, New Green Deal, zeloti e tecnocrati di tutto il mondo, digrignano i denti per questa nuova ricerca. Gli scienziati hanno concluso che ” il cambiamento climatico antropogenico non esiste nella pratica”. Editor TN Editor

Un nuovo studio scientifico potrebbe svelare precisi e profondi presupposti fondamentali alla base della controversa legislazione sul clima e di iniziative come il New Deal verde, ovvero il grado in cui il “cambiamento climatico” è guidato da fenomeni naturali rispetto a problemi creati dall’uomo come impronta di carbonio . Scienziati in Finlandia hanno trovato “praticamente nessun cambiamento climatico antropogenico [causato dall’uomo] ” dopo una serie di studi.

“Durante gli ultimi cento anni la temperatura è aumentata di circa 0,1 ° C a causa dell’anidride carbonica. Il contributo umano era di circa 0,01° C”, i ricercatori finlandesi affermano senza mezzi termini in una serie di articoli.

Questo è stato collaborato da un team della Kobe University in Giappone, che ha promosso la teoria dei ricercatori finlandesi: “Nuove prove suggeriscono che particelle ad alta energia provenienti dallo spazio conosciute come raggi cosmici galattici influenzano il clima della Terra aumentando la copertura nuvolosa, causando un ‘ effetto ombrello”, “lo studio appena pubblicato ha trovato, una sintesi della quale è stata pubblicata sulla rivista Science Daily. I risultati sono estremamente significativi dato che questo “effetto ombrello” – un evento del tutto naturale – potrebbe essere il principale fattore del riscaldamento del clima e non i fattori causati dall’uomo.Continua QUI in lingua inglese. 

 

  

Il ministro del Regno Unito ribadisce che Assange non verrà estradato in nessun paese con pena capitale

Assange sta scontando una pena di 50 settimane in Gran Bretagna per aver saltato la cauzione dopo aver trascorso sette anni nell’ambasciata ecuadoriana a Londra per scappare da quello che ha definito un caso politicamente motivato contro di lui. Il fondatore di WikiLeaks affronta l’estradizione negli Stati Uniti per presunti attacchi informatici, accuse che lui nega.

Il ministro di Stato britannico per l’Europa e le Americhe, Alan Duncan, ha riaffermato che il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, non verrebbe estradato “dovunque potrebbe essere condannato a morte”, riporta l’agenzia indipendente spagnola EFE.

Il comunicato ha citato Duncan nel suo discorso durante una conferenza stampa congiunta con il ministro degli Esteri ecuadoriano Jose Valencia, secondo cui un accordo rilevante sull’estradizione di Assange è stato concluso all’inizio di questo mese e che Londra è preoccupata per la sua salute.

Continua QUI in lingua inglese

 

Paul Krugman, premio Nobel per l’Economia nel 2008, mostra sul New York Times quanto e attraverso quali sistemi l’agenda politica degli straricchi – volta, molto banalmente, a tutelare i loro interessi di classe, per esempio a ottenere tasse più basse tagliando sui servizi sociali – venga imposta all’opinione pubblica e spacciata per l’unica strategia “responsabile”. I desideri dei più ricchi vengono trasformati in “quello che è giusto fare”, anche quando in realtà danneggiano non solo le persone meno abbienti, ma anche l’economia di un Paese nel suo insieme. Ecco perché ridurre l’eccesso di ricchezza è anche un modo per ottenere un sistema politico più sano. 

Di Paul Krugman, 22 giugno 2019 

Tra un paio di giorni parteciperò a una conferenza all’Istituto di politica economica sul “disturbo da ricchezza eccessiva” – ovvero i problemi e i pericoli che nascono dall’estrema concentrazione di reddito e ricchezza ai vertici della società. Mi è stato chiesto di tenere un breve discorso introduttivo, concentrandomi sulle distorsioni create da un’elevata disuguaglianza nella politica e nella strategia dei governi, e ho cercato di mettere ordine nei miei pensieri. Quindi ho pensato che avrei potuto mettere nero su bianco questi pensieri, per dare loro una diffusione più ampia.

Mentre il dibattito pubblico si è concentrato sull’ “uno per cento”, quello che è veramente in discussione qui è il ruolo dello 0,1 per cento, o forse dello 0,01 percento – il vero ricco, non “l”impiegato di Wall Street da 400.000 dollari all’anno” memorabilmente ridicolizzato nel film omonimo. Si tratta di un gruppo molto piccolo di persone, ma che esercita un’enorme influenza sulla politica. Come si esercita questa influenza? La gente parla spesso dei contributi alle campagne elettorali, ma questi sono solo uno dei canali esistenti. In effetti, identificherei almeno quattro modi in cui le risorse finanziarie dello 0,1% distorcono le priorità della politica. Segue QUI

 

 

   

Yahvè SpA: chi domina il mondo, oltre la geopolitica visibile 

Data fatidica, il 14 luglio: nel 1789 a Parigi veniva assaltata la Bastiglia, evento culminante della Rivoluzione Francese che segnò la fine dell’Ancien Régime, il sistema plurisecolare dell’assolutismo monarchico. Solo tre anni fa, invece – ma sempre in Francia, e sempre il 14 luglio – il killer franco-tunisino Mohamed Lahouaiej-Bouhle faceva strage a Nizza col suo camion, travolgendo i passanti sulla Promenade des Anglais: 86 morti e 302 feriti. Ovviamente l’attentatore era già stato segnalato alla polizia, come poco di buono. E ovviamente nessuno aveva pensato di controllare e sgomberare il suo camion bianco, fermo da giorni su quel lungomare divenuto “off limits” in vista della festa nazionale francese. E ancora: l’assassino – prima di essere freddato dalle forze dell’ordine, come d’abitudine, prima che potesse parlare – aveva anche avuto cura di lasciare a disposizione dei poliziotti i suoi documenti, ben in vista nell’abitacolo del veicolo. Un caso da manuale, secondo Gioele Magaldi, autore del saggio “Massoni”: un messaggio intimidatorio rivolto alla massoneria progressista, che considera proprio il 14 luglio la prima pietra miliare verso la conquista della democrazia, almeno in Occidente. Segue QUI 

 

 

 Ai Limiti della Docenza

A me i famosi “competenti” di cui tanto si parla ricordano più il cugino Gastone che Archimede Pitagorico. Lo scandalo dei concorsi truccati all’Università di Catania, il concorsone a Preside bloccato dagli studi legali e l’ancor più recente arresto del giudice Francesco Bellomo, dimostrano ancora una volta di che pasta siano fatti i famosi “competenti” del Belpaese e quanto sia aleatoria la loro pretesa di essere riconosciuti come tali. Nonostante le numerose evidenze di un culturame profondamente malato, i colpi di coda delle èlite intellettuali sono sempre più violenti e frequenti. Ma non fermeranno la tendenza in atto. 

 
Ai travasi di bile su twitter, da qualche tempo si sono aggiunti persino libri tematici nel tentativo di dimostrare che la critica pop alla cultura ufficiale si basa su atteggiamenti psicotici, su invidia, sulla diffusione dei social. La loro preoccupazione è grande, ed è giusto che sia così, perché l’impero che hanno ereditato sta per vacillare. In Italia ci sono persino politici che difendono con le unghie e con i denti le loro rendite di posizione elitaria nelle università e tra gli editori, pur affermando di rappresentare la midle class, o addirittura il proletariato. 
 
La realtà – per lor signori inaccettabile – è che i social media non c’entrano proprio un bel nulla con l’attacco alla loro credibilità
 
Segue QUI
 

PRIMA SONO VENUTI PER ASSANGE …

 

Più incursioni della polizia mentre la guerra sul giornalismo si intensifica in tutto il mondo

Di Caitlin Johnstone

La polizia federale australiana ha condotto due raid su giornalisti e sequestrato documenti in incidenti presumibilmente non correlati nel giro di soli due giorni.

Ieri l’AFP ha fatto irruzione nella casa della giornalista di News Corp Australia Annika Smethurst, alla ricerca di informazioni relative al suo rapporto investigativo lo scorso anno che hanno messo in evidenza il fatto che il governo australiano ha discusso la possibilità di darsi poteri senza precedenti per spiare i propri cittadini. Oggi hanno fatto irruzione nel quartier generale di Sydney dell’Australian Broadcasting Corp, sequestrando informazioni relative a un rapporto investigativo del 2017 sui possibili crimini di guerra commessi dalle forze australiane in Afghanistan.

In un terzo episodio, anche apparentemente non correlato, un altro giornalista australiano ha rivelato ieri che il Dipartimento per gli affari interni ha avviato un’indagine sulla sua relazione su una storia di richiedenti asilo che potrebbe portare a un caso criminale AFP, dicendo che è sotto pressione per rivelare il suo fonte.

AFP: Sono ancora sconcertato dal potere di questo mandato. Consente all’AFP di “aggiungere, copiare, eliminare o alterare” il materiale nei computer dell’ABC. Tutti gli australiani, per favore pensateci: da questo momento, l’AFP ha il potere di cancellare materiale nei computer dell’ABC. Australia 2019.

– John Lyons (@TheLyonsDen), 5 giugno 2019

“Perché l’AFP ha improvvisamente deciso di eseguire questi due raid dopo le elezioni?” Ha twittato l’editor politico australiano David Speers durante il raid di Sydney. “Le nuove prove sono appena emerse in entrambe le storie di Annika Smethurst e ABC ?!”

Perché davvero?

“Se queste incursioni non sono collegate, come riferito dall’AFP, si tratta di una coincidenza straordinaria”, ha twittato la corrispondente politica del capo della Conversazione , Michelle Grattan. “AFP ha bisogno di spiegare al più presto i tempi così lunghi dopo le storie. Non può essere così inefficiente! Deve essere una spiegazione – il che rende la rivendicazione “non connessa” ancora più strana. “

Strano davvero.

È vero che l’AFP ha formalmente negato che ci fosse qualche collegamento tra i due raid, ed è infatti difficile immaginare come i due potrebbero essere collegati oltre alla loro condivisione di un tema comune di denuncia del malaffare che il governo voleva mantenere segreto. Se è vero che non sono collegati, allora cosa è cambiato? Cosa potrebbe essere cambiato nel mondo per innescare questa improvvisa escalation dell’assalto del governo australiano alla stampa libera?

Bene, se come ho suggerito di recente non pensi in termini di singole nazioni separate, non è difficile pensare ad almeno una cosa che è cambiata.

L’Assange Effect sta prendendo piede in tutto l’impero centralizzato degli Stati Uniti. #auspol

La polizia federale australiana fa irruzione nella casa del giornalista di News Corp per presunta perdita di sicurezza nazionale https://t.co/LntOZRpwA1 via @abcnews

– Caitlin Johnstone (@caitoz) 4 giugno 2019

“La criminalizzazione e il crollo del giornalismo sulla sicurezza nazionale si sta diffondendo come un virus”, ha scritto oggi su Twitter WikiLeaks in risposta al raid della ABC. “Il precedente di Assange sta già avendo effetto. I giornalisti devono unirsi e ricordare che il coraggio è anche contagioso “.

“Le accuse di arresto e spionaggio contro Assange erano solo l’inizio, come molti nei media, anche quelli che odiano Assange, temevano”, ha twittato il direttore del consorzio News Joe Joe in risposta al raid della News Corp. “La casa di un giornalista australiano mainstream è stata perquisita mercoledì. mattina dalla polizia a causa di una storia su cui ha lavorato. “

“Notizie vergognose dall’Australia, quando la polizia fa irruzione negli uffici e nelle case dei giornalisti”, ha twittato il leggendario giornalista australiano John Pilger. “Un mandato consente loro di aggiungere, copiare, cancellare o modificare i file del computer in ABC. L’assalto a Julian Assange è stato un chiaro avvertimento per tutti noi: era solo l’inizio. “

Se ci pensate, sarebbe stato molto meno inquietante dell’alternativa se ci fosse una connessione tra i due raid, perché l’alternativa è molto più sinistra: che l’atteggiamento del governo australiano nei confronti della stampa libera è cambiato. E forse lo ha fatto, come l’Australia ha fatto per decenni, in linea con il comportamento del resto dell’impero centralizzato USA.

In un articolo per il Consortium News intitolato “Dopo l’attacco di Espionage Act di Assange, la polizia si muove contro altri giornalisti per pubblicare materiale classificato”, Joe Lauria ci ricorda che l’Australia non è la prima nazione all’interno dell’alleanza del potere occidentale ad assistere a tale escalation dal paradigma. spostamento carcere di Julian Assange nel Regno Unito.

Dopo l’accusa di spionaggio di #Assange, la polizia si sposta su più giornalisti per pubblicare materiale classificato https://t.co/9sfnYoaMB2

– Notizie del Consorzio (@Consortiumnews) 5 giugno 2019

“La polizia di Parigi ha arrestato due giornalisti che stavano coprendo le proteste della Vest gialla il 20 aprile”, scrive Lauria. “Uno dei giornalisti, Alexis Kraland, ha detto che è stato arrestato dopo aver rifiutato di essere perquisito e aver consegnato la sua telecamera alla polizia della stazione ferroviaria Gare du Nord. Il più grande sindacato di giornalismo in Francia ha chiesto spiegazioni alla polizia “.

“E il 10 maggio a San Francisco, la polizia ha usato le mazze per abbattere la porta, ha fatto irruzione nella casa di Bryan Carmody, un giornalista freelance, per ottenere, mentre era ammanettato, rivelare la sua fonte che gli ha fatto trapelare un rapporto della polizia sulla morte improvvisa il difensore civico eletto della città “, ha aggiunto Lauria. “La polizia ha portato via computer, fotocamere, telefoni cellulari e appunti.”

Quindi stiamo già vedendo uno schema. Puoi scegliere di ignorarlo o di respingerlo con una storia piacevole, oppure puoi riconoscere che sembriamo nel bel mezzo di un arresto rapido e inarrestabile della stampa libera nel mondo occidentale.

Non ci deve necessariamente essere una cospirazione pianificata centralmente dietro questa tendenza; può semplicemente essere il risultato naturale di un impero in difficoltà, visto che avrà bisogno di molta più guerra, menzogne ​​e inganno per evitare di collassare e rispondere di conseguenza. Una volta superata la linea di Assange, avrebbe potuto semplicemente essere un precedente per gli altri governi all’interno dell’impero per iniziare a fare cose che avrebbero già voluto fare comunque.

PRIMA SONO VENUTI PER ASSANGE …

Secondo raid della polizia federale australiana sui giornalisti australiani! 

Stessa ragione!

Per intimidire i whistleblowers / giornalisti dall’esporre le azioni sbagliate del Governo

Questo esattamente come la persecuzione di Julians!

Per coprire i crimini di guerra! https://t.co/vgU6OKQIrT

– Mrs Christine Assange (@AssangeMrs), 5 giugno 2019

Julian Assange è il punto di un punto interrogativo alla fine di una questione storicamente importante che ci viene richiesta in questo momento. Questa domanda si legge come segue: l’umanità desidera creare una società basata sulla verità e che detiene il potere di rendere conto o vuole l’esatto opposto?

Finora, la risposta generale di consenso a questa domanda è andata in qualche modo sulla falsariga di “In realtà stiamo bene con un tuffo a capofitto nella distopia orwelliana, grazie.” Ma come le implicazioni di questa risposta diventano più chiare e limpide, possiamo ancora vedere alcuni sussulti nell’altra direzione prima che sia troppo tardi.

Nota dell’autore:
Il modo migliore per aggirare i censori di internet e assicurarsi di vedere le cose che pubblico è iscriversi alla mailing list per il mio sito Web, che ti farà ricevere una notifica via email per tutto ciò che pubblico. Il mio lavoro è interamente supportato dai lettori, quindi se ti è piaciuto questo pezzo, considera di condividerlo, mi piace su Facebook, seguendo le mie buffonate su Twitter, buttando un po’ di soldi nel mio cappello su Patreon o PayPal, acquistando alcuni dei miei prodotti, acquistando il mio nuovo libro Rogue Nation: Psychonautical Adventures With Caitlin Johnstone, o il mio precedente libro Woke: A Field Guide per Utopia Preppers. Per maggiori informazioni su chi sono, dove sono e cosa sto cercando di fare con questa piattaforma, clicca qui. Tutti hanno il mio incondizionato permesso di ripubblicare o utilizzare qualsiasi parte di questo lavoro (o qualsiasi altra cosa abbia scritto) in qualsiasi modo a loro piaccia gratuitamente. 

Fonte: https://www.activistpost.com/

*******************************************

L’omicidio di Julian Assange

Julian Assange viene lentamente assassinato da “Her Majesty’s Prison Service” nella prigione di Belmarsh nel sud-est di Londra. La prigione è famosa per tenere persone che non sono mai state accusate di un crimine indefinitamente. Viene anche chiamata la versione inglese di Guantanamo, e tipicamente usata per detenere i cosiddetti terroristi, così chiamati dalla polizia britannica e dai servizi segreti e pubblicizzati dal MSM e dallo stabilimento britannico. Terroristi che diventano terroristi con continue e ripetute accuse, dalla propaganda dei media, ma non necessariamente dal fatto.

Ricorda, se una bugia viene ripetuta abbastanza spesso diventa la verità nelle menti indecenti degli ascoltatori. Il suo indottrinamento del pubblico per demonizzare qualcuno o un gruppo di persone, o un paese, che potrebbe diventare pericoloso per gli sforzi viziosi e criminali dell’impero. Questo è quello che stanno facendo con Julian Assange. Esattamente lo stesso principio viene applicato, anche se su scala diversa, contro il presidente Putin e contro la Russia e la Cina. E sembra funzionare in una società occidentale, sottoposta al lavaggio del cervello, gestita dalla loro leadership vassallica statunitense senza spina dorsale.

Sì, quello che sta succedendo a Julian Assange potrebbe accadere a qualsiasi giornalista che rivela la scomoda verità sull’impero e le macchinazioni criminali dei suoi seguaci, qualunque giornalista – o non giornalista, informatore, a tale proposito – chiunque osi alzarsi verso l’AngloSionista atrocità possono finire a Guantanamo o Belmarsh che è considerata una prigione di tipo A per uomini adulti, vale a dire, una prigione “seria”, dove detenuti “pericolosi” sono detenuti fino a quando il servizio carcerario di Sua Maestà ritiene necessario, e si tengono i trattamenti dei prigionieri segreto e includere la tortura.

Il caso di Julian Assange va ancora più lontano che infrangere tutte le regole della libertà di parola “democratica”. Il modo in cui viene trattato è una grave infrazione ai Diritti Umani. I governi statunitense e britannico intendono mettere a tacere e punire un campione di libertà di parola, torturandolo perché il mondo lo veda, e soprattutto come deterrente per i potenziali informatori e altri sostenitori della libertà di parola.

Julian Assange è stato condannato a una pena detentiva “provvisoria” di 50 settimane per aver saltato la cauzione, quando ha cercato e ottenuto un rifugio nel 2012 nell’ambasciata ecuadoriana. E perché ha saltato la cauzione? Perché stava per essere estradato in Svezia neofascista, che agendo in nome di Washington, lo accusò di stupro fasullo e accuse di cattiva condotta sessuale, da dove sarebbe stato probabilmente estradato negli Stati Uniti – dove avrebbe potuto affrontare un tribunale di canguri e un finto processo con possibile condanna a morte o detenzione indefinita a Guantanamo.

Ecco perché è saltato su cauzione e perché è scappato all’ambasciata ecuadoriana, perché l’ingiustizia occidentale era già stata giocata con falsa propaganda, per tutti, ma ciechi e indottrinati, per vedere. Rafael Correa, allora Presidente dell’Ecuador, vide la verità dietro a tutto e concesse asilo a Julian, e in seguito gli diede la cittadinanza ecuadoriana – che nel 2018 fu revocata dal traditore e successore fascista di Correa, l’impiantista statunitense Lenin Moreno, che, come premio, si dice, ha ottenuto un prestito del FMI di 4,2 miliardi di dollari USA per aiutare il governo a portare avanti il ​​suo programma di riforma economica neoliberale, il che significa annullare molti dei programmi sociali di miglioramento dell’eguaglianza economica per la popolazione ecuadoriana, attuati durante la presidenza Correa. 

Bene, quanto può essere malato? – Sfortunatamente, agire patologicamente o anche psicopaticamente nel mondo di oggi è pienamente accettato. È la nuova normalità. Ciò significa che viviamo in una società quasi malata, corrotta e completamente sottoposta al lavaggio del cervello, per essere precisi, la società occidentale. “Quasi-terminale” significa che c’è solo una scarsa speranza di guarigione per l’assoluta mancanza di coscienziosità della società occidentale. La speranza del risveglio delle persone occidentali sta svanendo, mentre scivola sempre più in profondità in un abisso senza fondo.

Julian Assange fu accusato per la prima volta da Washington di false accuse di pirateria informatica e cospirazione per frodare gli Stati Uniti. Di fatto, si tratta della pubblicazione 2010 di Wikileaks del famigerato video che circolava il mondo un milione di volte, raffigurante il mirato, dannoso “omicidio collaterale” di civili innocui da parte dell’equipaggio di un elicottero dell’esercito americano – e di altri dati di atti atroci dell’esercito americano rivelati da Chelsea Manning e pubblicati da Wikileaks. Chelsea Manning è stata ed è lei stessa al servizio di pene detentive.

Nonostante il fatto che questo piccolo video sia stato visto in tutto il mondo probabilmente da più di un miliardo di persone, nessuno è salito sulle barricate – in un’infinita dimostrazione di massa – per fermare lo stato canaglia e la macchina per uccidere gli Stati Uniti d’America dal crimini quotidiani e mortali. Nessuno. E l’uccisione continua. E Washington sta facendo del suo meglio per zittire ogni rivelazione futura delle loro atrocità, facendo tacere Julian Assange e intimidendo qualsiasi potenziale futuro rivelatore di verità.

Ora hanno 50 settimane, mentre è nascosto in una prigione britannica simile a Guantanamo, per ucciderlo lentamente a nome di e come un piccolo favore a Washington, così non deve essere estradato e gli Stati Uniti sono risparmiati dall’essere esposti al processo di canguro che Julian avrebbe altrimenti ricevuto. Se muore di morte “naturale” in una prigione britannica, Trump può lavare le sue mani insanguinate in innocenza, e quelli del Congresso che vogliono mandare uno squadrone della CIA per uccidere Assange – Ti prendo in giro, non si vergognano di dirlo apertamente – sarà anche in grado di imbiancare le loro menti criminali e sanguinose. Nessuno saprà mai cosa è realmente accaduto dietro le mura della prigione di Sua Maestà. – Ci saranno alcune fiammate nei media – e poi tutto si calmerà. Come di solito. Il fondatore di Wikileaks se ne andrà – e tutti i potenziali informatori e giornalisti che cercano la verità saranno in guardia. Obiettivo raggiunto.

Nel frattempo e per raggiungere quell’obiettivo, Julian è molto probabilmente torturato, possibilmente fisicamente e psicologicamente. Julian Assange ha subito “un’esposizione prolungata alla tortura psicologica”, ha detto l’esperto di torture delle Nazioni Unite, Nils Melzer, in un’intervista alla BBC, e ha esortato la Gran Bretagna a non estradare Assange a Washington. Secondo il tenente colonnello in pensione USAF, Karen Kwiatkowski, potrebbe essere stato drogato con farmaci psicotropi, come il 3-quinuclidinil benzilato, noto come BZ che produce allucinazioni, confusione mentale e perdita di memoria. Questo potrebbe essere stato il motivo, il motivo per cui non è stato in grado di parlare chiaramente e di partecipare a un’udienza della Corte svedese – e doveva essere trasferito nell’ala dell’ospedale del carcere di Sua Maestà a Belmarsh. Una delle poche immagini emerse al momento del suo trasferimento all’ospedale era uno di uno zombi.

Speriamo solo di sbagliarmi completamente in questo scenario – e che la pressione della gente (a questo punto sarebbe un miracolo) preda Julian sciolto dalle letali zanne dell’impero e dei suoi seguaci.

Il mondo occidentale continua a guardare – peggio ancora, sostengono persino il servizio carcerario di Sua Maestà, a cui è sottoposto Julian Assange. Hanno in gran parte applaudito il brutale arresto britannico di Julian Assange, quando la polizia lo ha trascinato fuori dall’ambasciata ecuadoriana in un furgone e in custodia cautelare, e ore dopo è stato condannato a 50 settimane con un’accusa fasulla per aver saltato la cauzione.

Cosa si può dire – non è detto meglio che da Paul Craig Roberts,

” Se il mondo rappresenta l’omicidio giudiziario USA / Regno Unito / svedese di un uomo innocente, il mondo non merita di esistere un altro secondo”. – Amen.

*
Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra o sotto. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su New Eastern Outlook.

Peter Koenig è un economista e analista geopolitico. È anche un esperto in risorse idriche e ambientale. Ha lavorato per oltre 30 anni con la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità in tutto il mondo nei settori dell’ambiente e dell’acqua. Tiene lezioni in università negli Stati Uniti, in Europa e in Sud America. Scrive regolarmente per la ricerca globale; ICH; RT; Sputnik; PressTV; Il 21 ° secolo; Telesur; Il Blog di Saker, il New Eastern Outlook (NEO); e altri siti internet. È autore di Implosion – An Economic Thriller su War, Environmental Destruction e Corporate Greed – fiction basato su fatti e su 30 anni di esperienza della World Bank in tutto il mondo. È anche un co-autore di The World Order and Revolution! – Saggi dalla resistenza. È un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

L’immagine in evidenza è da Media
La fonte originale di questo articolo è Global Research
Copyright © Peter Koenig, Global Research, 2019

 

Lussemburgo: la versione spaziale di The City of London

 

IL GRANDUCATO DI LUXEMSPACE È DI NUOVO …

Ci sono state molte notizie sullo spazio che verranno trasmesse dai Gizar questa settimana, quindi oggi sto dando il calcio d’inizio alla parte “legata allo Spazio” dei blog di questa settimana. TM lo ha notato ed è una di quelle storie “tranquille ma importanti”, e riguarda il nostro vecchio amico, il “Mouse che Ruggisce”, il Granducato di Lussemburgo, quel minuscolo paese bancario europeo che ha grandi ambizioni spaziali:

Lussemburgo e Stati Uniti concordano di approfondire la cooperazione nello spazio

Secondo l’articolo, il Granducato e gli Stati Uniti hanno firmato un memorandum d’intesa sullo sviluppo dello spazio, ma l’articolo dice poco su ciò che contiene questo memorandum d’intesa, oltre a notare questo:

I due paesi hanno firmato oggi un memorandum d’intesa per promuovere la ricerca, l’esplorazione, la difesa e il commercio spaziale e affrontare problemi come la riforma della regolamentazione e i detriti spaziali.

“Copre la più ampia gamma possibile di attività spaziali che i due paesi intraprenderanno come un’importante prossima ondata di crescita economica”, ha detto il segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross durante una visita in Lussemburgo per firmare l’accordo.

Etienne Schneider, vice primo ministro e ministro dell’economia lussemburghese, ha affermato che l’accordo è “un altro importante passo avanti” per rafforzare la cooperazione spaziale internazionale.

Sospetto fortemente, e probabilmente anche molti lettori di questo blog, che questo memorandum d’intesa contenga alcuni “protocolli segreti”. Ma c’è un accenno a ciò che sta accadendo, ed è forte:

Nel 2015, gli Stati Uniti hanno adottato lo Space Act per consentire l’esplorazione e lo sfruttamento commerciale delle risorse spaziali.

Nel 2017, il Lussemburgo ha introdotto una legge che garantisce alle compagnie spaziali la proprietà delle risorse acquisite nello spazio, il primo paese a farlo nell’Unione europea a 28 nazioni.

Ciò che questo fa presagire è che sono stati fatti accordi bilaterali per creare un modello che sorpassa i trattati internazionali esistenti, consentendo alle società spaziali private di rivendicare la proprietà delle risorse spaziali: se riesci ad arrivare e a estrarre le risorse, sono tue. Ciò che il coinvolgimento del Lussemburgo in tutto questo significa è che sta facendo un gioco, un grande gioco, per diventare la versione spaziale di The City of London, il centro terrestre di compensazione finanziaria interplanetaria, e le sue recenti mosse per piazzare satelliti in orbita e poi affittarli tende a confermare questo punto di vista.

A sostegno di questa speculazione ad alto numero di ottani, l’articolo rileva qualcos’altro:

Il Lussemburgo ha già firmato accordi spaziali con gli Emirati Arabi Uniti, il Giappone e la Cina, nonché con i paesi della Polonia, la Repubblica Ceca e il Belgio.

In totale, circa 20 società private coinvolte nel lavoro spaziale si sono stabilite in Lussemburgo, hanno riferito funzionari.

Ciò che questo suggerisce è che il Lussemburgo è (1) negoziare bilateralmente con altri paesi per farli riconoscere i diritti delle corporazioni stabilite in Lussemburgo per condurre affari spaziali, e (2) è forse anche negoziare per infrastrutture fisiche in quei vari paesi per supportare qualsiasi ruolo di chiarimento interplanetario che desidera svolgere.

Una tale posizione in un sistema di compensazione interplanetaria darebbe a Lussemburgo un potere senza precedenti e preannuncia il modo in cui lo spazio cambierà completamente la natura del potere geopolitico. Ad esempio, “profondità strategica” arriverà a significare qualcosa di molto diverso da quello attuale, con profondità che significa paesi con molta terra – Cina, Russia, Brasile, Stati Uniti – e venire da me ridondanza infrastrutturale nello spazio, e una “profondità” e dispersione di risorse nello spazio. Con quel tipo di terreno di gioco, i paesi più piccoli come il Lussemburgo possono svolgere un ruolo strategico molto più ampio, ben oltre i limiti delle loro dimensioni fisiche terrestri. Il fatto che gli Stati Uniti, la Cina e il Giappone abbiano già concluso accordi con il Granducato suggerisce anche che vi è tacitamente, anche se a questo punto, un accordo segreto tra le grandi potenze che il Lussemburgo è il “centro designato” di tale sistema.

E questo significa, inevitabilmente, dovremo parlare della Luna, ma dovremo aspettare fino a domani per farlo …

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Il programma segreto spaziale Whistleblower afferma che gli umani sono su Marte dal 70

di Ancient Code

Un informatore del programma spaziale segreto afferma che gli esseri umani hanno viaggiato su Marte per decenni. È interessante notare che molti ex dipendenti della NASA e funzionari militari sono venuti avanti parlando dell’esistenza di un programma spaziale secretivo e la tecnologia che va ben oltre ciò che la società sa.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” Senatore Daniel K. Inouye

Marte è il posto numero uno nel sistema solare dove vogliamo davvero andare. Recentemente, durante il 67° Congresso Internazionale dell’Astronautical NI Guadalajara Mexico, Elon Musk, il capo di Tesla Motors e SpaceX ha annunciato che non solo sono gli esseri umani hanno intenzione di viaggiare su Marte nel prossimo futuro, ma stiamo andando a stabilire una colonia sulla superficie del pianeta rosso dove la gente vivrà.

Tuttavia, tutto questo non è nuovo in base all’informatore del programma spaziale segreto Corey Goode che ha rilasciato una dichiarazione che descrive l’attività umana su Marte, dicendo che l’umanità è stata sulla superficie del pianeta rosso per un lungo, lungo tempo.

Stranamente, non è il primo o l’unico ad averlo detto.

Molte persone hanno dichiarato che queste  ‘notizie’ non sono nuove, e ci sono documenti (WikiLeaks) che sostengono che le collaborazioni umane e aliene sono state fatte per un bel po’ di tempo.

Nella dichiarazione, Corey Goode scrisse:

“Marte fu visitato per la prima volta dai tedeschi fin dagli anni trenta, ma durante gli anni ’70, i programmi spaziali statunitensi stavano esplorando attivamente Marte e altri pianeti per stabilire basi. Nel 1980 il SSP statunitense è diventato-Solar Warden. Sotto progetto Solar Warden un vasto sviluppo e colonizzazione si è verificato su Marte e altri pianeti. Goode continua, “basi su Marte sono state costruite sotto la superficie.”

Ma non sembra assurdo? Beh, non è l’unico ad averlo detto, e se andiamo avanti e dare un’occhiata a una dichiarazione del senatore Daniel K. Inouye, ci renderemo conto per davvero di quanto profondo sia questo argomento.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” (fonte)

La cosa buffa è che secondo diverse affermazioni, gli esseri umani hanno avuto la tecnologia per il viaggio spaziale per lungo tempo:  

“Durante il mio incarico in Marina, abbiamo scoperto che i tedeschi stavano inventando la tecnologia spaziale fin dagli inizi del XX secolo.”William Tompkins.

La suddetta affermazione di Tompkins conferma i commenti fatti da Corey Goode che sono stati contrassegnati come “ridicoli” da molti.

Secondo Tompkins, tre sono i documenti declassificati che mostrano la tecnologia di viaggio spaziale tedesca. Egli sostiene che anche grazie al fatto di aver lavorato estremamente al suo interno ha Classificato, pensato, e creato armi per le aziende aerospaziali.

Oltre a Goode, un ex impiegato della NASA ha affermato che c’erano missioni segrete con equipaggio su Marte oltre 20 anni fa. In un’intervista con Coast-to-Coast AM, una donna di nome ‘Jackie’ ha parlato di esseri umani su Marte, qualcosa che è stato discusso tra gli altri presunti dipendenti della NASA per anni; ‘… Poi ho visto due uomini in tute spaziali-non le tute ingombranti che abbiamo usato normalmente, ma sembravano protettive. Sono arrivati oltre l’orizzonte a piedi per esploratore il viching…’

In aggiunta a quanto sopra, un ex Marine sostiene di aver anche lavorato su Marte. L’ufficiale in pensione conosciuto solo come capitano Kaye (pseudonimo), ha detto che non solo gli esseri umani sono stati su Marte in passato, ma hanno sviluppato un programma spaziale segreto e la flottiglia che opera nello spazio. Secondo l’ex Marine, fu pubblicato sul pianeta rosso per anni e la sua missione era quella di proteggere le cinque colonie umane dalle forme di vita indigene su Marte. Secondo il capitano Kaye, non solo ha trascorso anni su Marte, ma ha anche servito a bordo di un gigantesco vettore spaziale per tre anni.

Leggendo la dichiarazione di cui sopra e confrontandola con ciò che il senatore Daniel K. Inouye, ti fa davvero meraviglia se tutto quanto sopra sia stato possibile.

Il comunicato stampa pubblicato di recente ci racconta di più su questi programmi secretivi e su Marte:

Richardson, Texas, 13 ottobre, 2016 – on Tues, 11 Oct il presidente Barack Obama ha scritto un parere editoriale tramite CNN.com annunciando ai cittadini degli Stati Uniti che, “l’America ha fissato un chiaro obiettivo di inviare gli esseri umani su Marte dal 2030s… Facciamo ciò che è possibile prima di chiunque altro. Il problema qui è che durante una video intervista di novembre 2015 con Gaia.com, l’informatore Corey Goode dal programma statunitense Secret Space (SSP) ha detto, “ci sono esseri umani già su Marte, ed è stato colonizzato.” Nel dicembre 1986, Goode è stato reclutato in SSP – UNSAP (programmi di accesso speciale riconosciuti dall’ONU) sotto Project Solar Warden. È stato assegnato a un vascello di ricerca nello spazio per studiare il sistema solare dal 1986 dicembre – dicembre 2007.

Il Presidente Obama e il governo degli Stati Uniti si uniscono a una lista pesante di visionari del settore privato, come ad esempio il CEO di Boeing Dennis Muilenburg e Elon Musk (SpaceX), in quanto competono per fare un’ammaccatura storica nello spazio. Il 4 ottobre, secondo Bloomberg Technology, Muilenburg ha detto: “è la mia compagnia che manderà i primi umani su Marte, non Musk. Sono convinto che la prima persona a calpestare Marte arriverà lì in sella a un razzo Boeing.”

referenze: 

http://spherebeingalliance.com/blog/whistleblower-discloses-shocking-new-intel-humans-on-mars-since-the-1930s.html 

http://www.gaia.com/bio/corey-goode 

Immagine di http://www.boeing.com/boeing100/ 

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articolo correlato: Le cinque colonie di Marte

®wld

Di cosa hanno paura?

Assange e il peccato imperdonabile di sventrare le narrative ufficiali 

Di Charles Hugh Smith 

L’intero status quo globale è al culmine della fase di declino S-Curve.

C’è davvero un solo peccato imperdonabile nel regno politico, e questo sta distruggendo la narrativa ufficiale rivelando i fatti della questione. Questo è il motivo per cui gli informatori che rendono pubblico il meccanismo segreto delle menzogne ​​elaboratamente abili che sostengono tutte le narrative ufficiali sono perseguitati fino ai confini della Terra.

I dipendenti di entità statali come Ellsberg, Manning e Snowden sono legati da voti di segretezza e minacciati dalla promessa di una severa punizione. Gli estranei come Assange sono anche oltre il limite perché non possono essere accusati di essere traditori, poiché non hanno mai preso i voti di segretezza richiesti dallo Stato Profondo.

L’unica rivelazione più dannosa per tutte le bugie elaborate che costituiscono le narrative ufficiali è la verità rivelata in e-mail, documenti e conversazioni ufficiali. Questo è il motivo per cui virtualmente ogni documento e corrispondenza è ora “classificato”, quindi chiunque rilasci anche un rottame banale può essere condannato a marcire nel carcere federale.

In una recente intervista in C-SPAN, l’autrice Nomi Prins ha spiegato l’incredibile difficoltà di accedere ai documenti nelle biblioteche presidenziali ora perché praticamente tutto viene classificato. Le domande del Freedom of Information Act (FOIA) devono essere presentate e i ricercatori devono attendere anni per ottenere l’accesso alla corrispondenza di routine che era liberamente disponibile per tutti un decennio fa.

La paranoia ufficiale ha una correlazione del 100% con l’entità del danno arrecato alle narrative ufficiali da eventuali fughe di notizie sull’argomento. Di cosa hanno paura? Ecco la dinamica in gioco: più la narrativa è fragile, maggiore è la dipendenza da mezze verità e bugie, maggiore è l’urgenza ufficiale di schiacciare tutti gli informatori e mantenere una vigilanza simile alla Stasi contro ogni mormorio di dissenso o dubbio.

Se l’intero aggeggio non fosse così vulnerabile all’esposizione e così dipendente dalle bugie, perché la paranoia infinita? Questa paranoia si estende oltre l’attuale sistema di menzogne ​​nel passato, come esporre le menzogne ​​nei decenni passati mette in discussione le narrative ufficiali di oggi.

Ogni dubbio è estremamente pericoloso, come se anche un singolo thread si scateni, l’intera trama di statistiche sgomberate, false assicurazioni, mezze verità e menzogne ​​vere si sbroglia. Una volta che i documenti del Pentagono rivelarono i fatti della guerra in Vietnam, il sostegno alla narrativa ufficiale crollò essenzialmente da un giorno all’altro.

Nelle parole immortali di Jean-Claude Juncker, quando diventa serio, devi mentire , ed è sempre serio tutto il tempo.

L’intero status quo globale è al culmine della fase di declino S-Curve
. Da qui la vulnerabilità alla rottura delle sue narrazioni ufficiali e la panico paranoia dei suoi gestori.

Fonte: https://www.activistpost.com/l 

®wld

Almanacco di settembre 2018

NELLA UE, NE’ LIBERI NE’ soprattutto UGUALI

Maurizio Blondet

Heri dicebamus:

Ogni giorno  bisogna diventare più coscienti che quella verso questa UE è una vera lotta di liberazione  – per la  riconquista della libertà e dell’uguaglianza nel consesso europeo, dove siamo stati ridotti a inferiori e subalterni.

Una tizia dell’OCSE ci ingiunge di non abolire la legeg Fornero e accusa l’Italia di essere “un rischio per la prosperità europea”.

La  BCE e la Commissione  ci minacciano di apocalissi e ritorsioni se “sforiamo” il deficit dell’1,6 per cento,  negandoci il 2, e il 2,9 –  ma non era il 3, il limite per tutti gli altri? mentre  Macron sforerà il 3 per cento anche quest’anno come da almeno un quinquennio, senza ricevere  alcuna censura.

Quello che ci vien vietato  così  severamente è una spesa in deficit di 10-15 miliardi;  mentre  la BCE non si è accorta che la Danske Bank  ha, tra il 2007 e il 2015, riciclato 200  miliardi di euro – e il tutto nella filiale estone, ossia di un paese di 1,4 milioni di abitanti, il cui prodotto interno lordo è di 22 miliardi, ossia un decimo della cifra riciclata e fatta sparire. Ma   Danimarca ed Estonia non sono  un rischio per la prosperità dell’Europa – l’Italia lo è.

L’Italia  i cui “mercati esteri”, al contrario delle previsioni e desideri degli oppositori all’attuale governo, nemici interni in combutta con i nemici esterni, sono tornati a comprare i Buoni del TEsoro italiani: perché non credono affatto all’imminente default italiano minacciato dali tedeschi e francesi, e propagandato dagli italiani servi.

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2018/09/19/investitori-esteri-tornano-a-comprare-btp-a-luglio_037d3072-486d-4aa0-a884-1972ef4be6ec.html Continua QUI

5G, pericolo salute: in America 300 sindaci non lo vogliono! E in Italia una petizione da 5.000 firme pel Governo: “FERMATE IL 5G”!

di Maurizio Martucci

America dei controsensi, dal 1° Ottobre il 5G funzionerà a Houston, Indianapolis, Los Angeles e Sacramento, ma c’è pure chi dice no: se a Doylestown (Pennsylvania) da più d’un anno i funzionari rimbalzano tra tribunali statali e federali per fermare l’invasione di mini-antenne di quinta generazione, dopo le città di San Anselmo e Ross, anche il comune di Mill Valley (sempre in California) ha bloccato il 5G: troppo inquinamento elettromagnetico, esiste un fondato pericolo per la salute pubblica! Ricevute le protesta dei cittadini, i municipi si sono opposti all’installazione del wireless 5G per salvaguardare “la salute e la sicurezza della comunità”.

Lo stesso è accaduto a Palm Beach (Florida): i maligni dicono perché lì risieda nientemeno che il Presidente Trump (pare non gradisca vivere in un groviglio di radiofrequenze pulsate senza eguali!), ma il numero dei tecnoribelli potrebbe lievitare il 26 Settembre se la spunteranno i sindaci: oltre 300 primi cittadini della Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti ha infatti annunciato una maxi-denuncia contro la Commissione Federale delle Comunicazioni se proseguirà “con la forza ad installare il 5G sulle città che non lo vogliono”. Ciò, sostengono, “impedirebbe ai governi locali di esaminare adeguatamente l’impatto che gli impianti di trasmissione potrebbero avere su salute pubblica, sicurezza e benessere della comunità locale“.

A differenza della silente Italia (un vuoto d’informazione sui rischi sanitari ha accompagnato la posa della prima antennina 5G a Bari del sorridente e sprovveduto Di Maio), all’estero l’opinione pubblica si mobilita perché dibatte nel capire se e come il 5G potrebbe minare la salute pubblica. Dueesempi: in USA ne parla in prima serata Tv il seguitissimo Dottor Oz, mentre in Inghilterra un tabloid come il Mirror rilancia la storia di Neil Whitfield, 60enne britannico malato di cancro. Se vincerà il giudizio contro un colosso di telefonia mobile, previsto un risarcimento record di 1 milione di sterline! Continua QUI 

Corbyn: web di Stato, libero e trasparente, per i cittadini

 

Parliamoci chiaro: uno dei grandi problemi dei nostri tempi è che la politica e il diritto non riescono a stare al passo con i progressi tecnologici, specialmente a partire dall’avvento dell’era di Internet. È accaduto infatti che, mentre alcune grandi aziende informatiche si affermavano e diventavano rapidamente monopoli, i nostri parlamenti sono rimasti perlopiù inermi, sia perché vittime dell’illusione che rappresenta Internet come il regno delle libertà, il massimo terreno di realizzazione della democrazia, sia per semplice inadeguatezza e mancanza di preparazione in materia.

Si è dovuta attendere la totale scomparsa della privacy, prima di porsi il problema di come tutelarla. Si son dovuti perdere miliardi di euro in tasse, a fronte degli enormi fatturati di Google, Facebook e Amazon, prima di iniziare a discutere sulla possibilità di una “tassa del web”, da rimandare però in sede europea. I ceti politici invece inizialmente non hanno compreso le potenzialità offerte dai social network, perdendo bruscamente e a causa di ciò i loro consensi in favore di quelle nuove forze che invece ne hanno intuito i vantaggi in termini di propaganda, per poi farne, tutti insieme, un uso sistematico e spregiudicato, riducendo di fatto il loro rapporto con i cittadini ad una manciata di caratteri su Twitter (basti pensare che, a dispetto di una lunga tradizione che vedeva i candidati alla presidenza americani fare il proprio annuncio in discorsi tenuti nelle università, Hillary Clinton palesò le proprie intenzioni su Twitter). Continua QUI

UNISEX: LA VIA PER L’INDIVIDUO SENZA IDENTITA’

È notizia di queste ore che a New York, a partire da questo periodo, i genitori dei neonati potranno scegliere di far scrivere sul certificato di nascita di questi ultimi, invece di “maschio” o “femmina”, la dicitura “Gender X”. Questa è solo l’ultima follia di una ideologia che sempre più si sta affermando nelle istituzioni. In pochi hanno il coraggio di denunciare questa situazione; e quei pochi che questo coraggio lo hanno, sono violentemente attaccati e messi alla pubblica gogna. Una situazione di cui tutti dovete prendere coscienza: ne vale del vostro futuro e di quello dei vostri figli.

Esiste un libro “speciale” in Italia dal titolo UNISEX e con sottotitolo “Cancellare l’identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale” pubblicato da Arianna Editrice. Gli autori sono la giornalista Enrica Perucchietti e lo scrittore Gianluca Marletta. Perché questo libro è “speciale”? Perché è uno dei pochissimi libri esistenti che denunciano la così detta “ideologia gender” non tramite un altro credo dogmatico, bensì attraverso una vera e propria inchiesta molto documentata. A ogni affermazione, infatti, viene sempre riportata la documentazione e le fonti verificabili. Con UNISEX, dunque, a mio parere ci troviamo di fronte a una vera e propria opera di “giornalismo d’inchiesta”.

Inchiesta che, appunto, data la quantità di fonti riportate, non può che lasciare scioccato e basito il lettore per le conclusioni a cui questo libro arriva. Infatti non a caso gli autori hanno subito numerose minacce (persino di morte), evidentemente da chi queste conclusioni non le può accettare. Non solo. Il libro “vanta” anche periodici tentativi di screditamento. L’ultimo — avvenuto proprio durante la scrittura di questo articolo — sì è verificato su Wikipedia dove, alla voce “Omosessualismo”, l’ideologia gender viene definita come “complotto che vedrebbe il movimento omosessuale tentare di reclutare le giovani generazioni per distruggere l’umanità”. Continua QUI

Sarin per la Siria, l’influenza suina per la Russia, i medicinali avvelenati per gli Stati Uniti e molti georgiani morti per testare tutto

 By GordonDuff, Senior Editor

Al fine di rendere il mondo più sicuro, gli Stati Uniti stanno sviluppando un virus del colera armato presso il laboratorio Lugar di Tbilisi, in Georgia. Il tasso di mortalità proposto per questo “prodotto” sarà del 50% e non ci sarà alcun vaccino.

Per VT, sembra un’arma biologica, non una ricerca.

Il video è sottotitolato. Questa è una storia di VT, spezzata dal nostro Jeffrey Silverman che è dovuto andare a nascondersi.

I documenti di VT stanno dimostrando che gli Stati Uniti hanno spostato il loro programma di guerra batteriologica in Georgia e in altre nazioni vicino al confine russo. Lì, gli Stati Uniti stanno armando e testando una varietà di malattie sotto la copertura di “epidemie misteriose”.

VT detiene migliaia di pagine di documenti che descrivono violazioni di trattati che vietano lo sviluppo di armi biologiche e chimiche, gli unici trattati che gli Stati Uniti sono ancora firmatari.

È questo uno dei motivi per cui John Bolton ha minacciato di arrestare (assassinare?) I giudici presso la Corte penale internazionale dell’Aia se gli americani sono accusati di crimini di guerra?

Veterans Today racconta al pubblico russo dove proviene il gas velenoso usato all’interno della Siria.

I georgiani, che hanno stupidamente ospitato questo impianto di bio-armi dal 2011, ora soffrono di malattie inaudite. Continua QUI in lingua inglese

Assange rivela la più grande minaccia per l’umanità nell’ultima registrazione rilasciata

Prima di essere tagliato da quasi tutti i mezzi di comunicazione con il mondo esterno a marzo, il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che rimane nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, ha condiviso la sua prospettiva sulle minacce che l’umanità deve affrontare in relazione allo sviluppo e alla protezione dei dati.

Uno dei più famosi whistleblowers del mondo, Julian Assange, ricercato dagli Stati Uniti per aver fatto fuoriuscire documenti riservati attraverso il suo sito WikiLeaks sulla guerra in Iraq per quasi un decennio, ha predetto uno scenario cupo che è “molto instabile sulla civiltà tecnologica”, affermandolo ” non va avanti a lungo “a causa della concorrenza molto rapida nel mondo cablato.

“Può produrre intelligenze artificiali molto robuste che possono essere accoppiate con stati. Lo puoi vedere negli Stati Uniti e in Cina … queste due forze prenderanno tutto il mercato. E la rapida concorrenza tra di loro con il sostegno e il sostegno degli Stati dietro di loro, l’esacerbazione della competizione commerciale attraverso la competizione geopolitica porterà ad un desiderio incontrollabile di crescita della capacità di intelligenza artificiale, portando a un conflitto o una stucchezza molto grave. Questa è la nostra più grande minaccia”, ha detto nel video, registrato prima del suo quasi completo oscuramento e rilasciato dagli organizzatori del World Ethical Data Forum di Barcellona. 

Secondo il fondatore di WikiLeaks, “quella competizione geopolitica imbrigliata dalle più grandi società di intelligence artificiale” è pronta “per accelerare un processo che gli esseri umani non possono più controllare”. Continua QUI in lingua inglese

®wld

Informazioni dalla rete globale – World Wide Web

Giochi olimpici in Corea del Sud – Opportunità perfetta per un Attacco di False Flag?

La retorica di guerra che circonda la Corea del Nord su entrambe le sponde del Pacifico non è mai stata più aggressiva di quanto non fosse lo scorso anno (almeno non dopo la guerra di Corea). Ci sono alcune persone che vedono l’intera faccenda come una “distrazione”, una distrazione che non sarà mai un conflitto reale. Non sono d’accordo con questo sentimento per una serie di motivi.

La Corea del Nord è davvero una distrazione, ma ancora una distrazione in divenire. Vale a dire, battere il petto e scimmiottare la spada sono solo un preludio alla distrazione molto più efficace del combattimento e dell’invasione dal vivo in nome del cambio di regime e della “sicurezza nazionale”

L’articolo continua QUI in lingua originale

Mentre Trump emette i premi delle notizie false, WikiLeaks ricorda il mondo che ENTRAMBI I partiti sono bugiardi

Di RachelBlevins

Mentre gli stessi media che erano apertamente critici nei confronti del presidente Trump divennero i temi delle sue “Fake News Awards”, l’intero evento fu pieno di ipocrisia, e servì come rappresentazione del piatto che chiamava il bollitore nero – entrambe le entità hanno speso un una quantità significativa di tempo a mentire e ingannare il pubblico

WikiLeaks, è un’organizzazione che i media mainstream hanno tentato di rivendicare, è una società di propaganda pro-Trump, pro-Russia, ha preso su Twitter per sottolineare l’ipocrisia che circonda i premier:

“Mentre WikiLeaks, in quanto organizzazione di primaria importanza con un record di verifica perfetto, accoglie il dibattito sulle” false notizie “, va notato che, insieme alla stampa statunitense, l’amministrazione Trump è una fonte frequente di informazioni false”, ha affermato l’organizzazione. L’articolo continua QUI in lingua originale

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha incluso la risoluzione del conflitto in Ucraina come una priorità per il 2018

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha delineato 12 priorità per l’Organizzazione mondiale nel 2018. Tra questi, ha incluso la gestione delle crisi in Ucraina, Siria e altri punti caldi, per combattere il terrorismo, contrastando il cambiamento climatico globale e risolvendo i problemi migratori. L’articolo continua QUI in lingua originale

Guerra con l’Iran

La Guerra con l’Iran è il modo migliore per descrivere ciò che sta accadendo in questo momento con le recenti proteste iraniane. Sì, il popolo iraniano ha delle lagnanze legittime (soprattutto economiche) con il suo governo teocratico, che non è certo un bastione di libertà. Tuttavia, non c’è dubbio che queste proteste sono orchestrate dallo stesso faticoso asse USA-Israele (e si può aggiungere anche il Regno Unito) che è stato la forza trainante di tutte le guerre del Medio Oriente per almeno 50 anni.

Queste proteste sono solo l’ultima manifestazione di una politica anglo-sionista continua e incessante di prendere di mira l’Iran. Possono innescare ulteriori conflitti, o potrebbero essere domati, ma in entrambi i casi, ne capirai maggiormente comprendendo la lunga e profonda storia delle interferenze di Stati Uniti, Israele e Regno Unito in Iran. Subito dopo che Trump assunse l’incarico all’inizio del 2017, dichiarò chiaramente che voleva la guerra con l’Iran. Queste proteste sono ancora un altro modo in cui l’asse USA-Israele-Regno Unito sta mostrando che vuole la guerra con l’Iran – e farà di tutto per ottenerla. L’articolo continua QUI in lingua originale

Mel Gibson: Hollywood Elites “Uccisioni di innocenti bambini per bere il loro sangue”

La stella del cinema porta alla ribalta l’anello pedofilo dell’industria dello spettacolo.

In una scioccante esposizione, la star del cinema Mel Gibson ha portato alla ribalta l’epidemia di “parassiti” che “controllano Hollywood” che sono coinvolti nel sacrificio e nella pedofilia dei bambini. La star di Arma letale ha detto che “ogni studio di Hollywood viene comprato e pagato con il sangue di bambini innocenti “, aggiungendo che” la valuta più preziosa è il sangue dei bambini “. L’articolo continua QUI in lingua originale

“La chemioterapia promuove l’infiammazione, causa la diffusione del cancro”. Ancora un altro studio

Ancora un altro studio è stato pubblicato dimostrando il legame tra la chemioterapia e la promozione del cancro aggressivo. Abbiamo bisogno di ulteriori prove che l’industria del cancro da trilioni di dollari sia completamentetossica?

Pubblicato dal Beth Israel Deaconess Center, un articolo intitolato ” Double Edged Sword: Killing Cancer Cells può anche guidare la crescita del tumore ” ci dà il minimo su questi trattamenti tossici.

L’articolo riassume uno studio condotto da ricercatori del Centro che ha scoperto che i trattamenti radioterapici e chemioterapici che cercano di curare il cancro uccidendo le cellule tumorali stanno effettivamente causando la crescita dei tumori cancerogeni più grandi e più prolifici. L’articolo continua QUI in lingua originale

L’ECTOPLASMA

UN ECTOPLASMA SI AGGIRA PER L’EUROPA: SOROS E LA SUA MANIA DI ONNIPOTENZA  

di Federica Francesconi

Una presenza ectoplasmatica si aggira per l’Europa: George Soros, il miliardario ottuagenario la cui longa manus rattrappita sta dietro tutti i movimenti (contro) rivoluzionari del pianeta, le novità pseudoculturali, l’umanitarismo di facciata che nasconde interessi economici inconfessabili.
 
Osannato dal mondo della cooperazione, dalle ONG e dai partiti progressisti europei, l’arzillo nonnino è ormai diventato in Europa un’icona della filantropia, il difensore per eccellenza dei diritti umani e delle minoranze straniere e di genere. Ma sotto una crosta superficiale di santità questo personaggio nasconde ben altro, essendo il principale finanziatore a livello mondiale della sovversione contro-iniziatica che sta portando il mondo alla deriva. Poco noti al grande pubblico sono infatti gli intrecci loschi tra Soros e gli agenti della sovversione.  
 
Ma andiamo per ordine, cominciando col rivelare i legami torbidi tra Soros e il mondo della cooperazione, anche italiana. Stando al quotidiano “Il Sole 24 ore” Soros avrebbe di recente investito sui titoli di alcune cooperative rosse del Nord Italia diventando, con il 5% del capitale sociale, il terzo azionista di alcuni colossi che fanno capo alla Lega delle Cooperative, quella presieduta dal pacioccone Poletti, Ministro del Lavoro dell’attuale governo.
 
L’ingresso di Soros svela il passaggio del mondo della cooperazione italiana da un modello economico di tipo solidale a un modello capitalistico tout court, già da anni adottato dalle cooperative, che ancora oggi si ammantano di un idealismo e di una purezza che non hanno mai posseduto. Insomma, le mani del nonnino Soros sulla cooperazione italiana porta alla luce del sole quel che già si sapeva da tempo e che era sottaciuto da molti: la trasformazione di quel mondo in un potere forte in grado di esercitare pressioni lobbistiche sui governi (e la nomina di Poletti alla guida del Ministero del Lavoro ne è una prova tangibile). Soros finanzia anche la cooperazione bianca, di matrice cattolica.
 
Ben documentata è infatti la partecipazione di Soros alle attività filantropiche della Compagnia delle Opere, che fa capo al colosso cattolico Comunione e Liberazione. In concomitanza con l’aumento dei flussi migratori verso il nostro paese, molte cooperative bianche e rosse hanno di recente riconvertito le loro attività nel sociale, precedentemente concentrate in settori quali i servizi educativi e sanitari, in attività di accoglienza e di gestione dei profughi. E’ quindi nata negli ultimi anni una costellazione di strutture residenziali e di comunità per accogliere e integrare i clandestini portati in Italia dalle ONG che operano nel Mediterraneo per il salvataggio di costoro.
 
Altro aspetto, questa volta più noto, dell’intraprendenza “filantropica” di Soros è il suo legame a doppio filo con le ONG, specialmente con quelle che si occupano della promozione dei diritti umani, in paesi dove vengono a loro dire calpestati.
 
Attraverso la Open Society Foundation Soros ha creato in pochi anni una vera e propria ragnatela in cui sono state attirate migliaia di ONG, spesso politicizzate e ideologizzate in senso radical progressista, che operano come agenti di disturbo verso i governi legittimamente eletti di paesi non allineati. Il caso della Siria è emblematico: attraverso una machiavellica propaganda mediatica queste ONG hanno creato a tavolino la fola della Siria violatrice di diritti umani e diffuso l’immagine demoniaca di Assad dittatore sanguinario che tortura i suoi cittadini.  
 
Altro aspetto veramente inquietante della rete labirintica creata da Soros per destabilizzare il mondo è il generoso finanziamento che egli elargisce alle associazioni LGBTQ. Secondo i documenti decretatati da Wikileaks, l’organizzazione di Julian Assange, è Soros il principale finanziatore del movimento delle Pussy Riots, un gruppo punk di donne russe sciamannate che contesta con atti provocatori Putin e l’attaccamento del popolo russo alle tradizioni patrie, e le laide Femen ucraine, sospettate di simpatie naziste. Come è lo stesso Soros a finanziare, solo per fare un esempio tra i tanti, l’Arcigay e tante altre associazioni gay e gender.
 
Il filo rosso che unisce Soros alle ONG che operano nel Mediterraneo è poi noto a tutti (o quasi). E’ lui che finanzia le navi che solcano il Mediterraneo per soccorrere i clandestini caricati nelle carrette degli scafisti. Anche se più che di soccorso bisognerebbe parlare di complicità vera e propria tra gli operatori ONG e gli scafisti, come alcune recenti indagini della magistratura italiana hanno rivelato. D’altra parte i referenti delle ONG non nascondono, con un certo autocompiacimento, la loro stretta collaborazione con la Open Society Foundation sorosiana, e i bilanci di tali ONG palesano il finanziamento diretto da parte di essa.
 
Il legame tra il magnate ungherese e le ONG dei “profughi” è così stretto che quando il mese scorso il governo libico ha deciso di vietare alle navi ONG di accostarsi alle coste libiche per caricare i clandestini, Soros ha avuto un’esplosione di rabbia, tempestando di telefonate tutti i big della politica internazionale, ONU compresa, per bloccare la decisione del governo libico. E per sensibilizzare l’opinione pubblica occidentale Soros ha già pronto l’avvio di un nuovo movimento di protesta pro migrates, i No Borders, che si attiveranno con manifestazioni e provocazioni di ogni tipo in tutti i paesi europei. Solita strategia della manipolazione dell’opinione pubblica a suon di slogan e attivismo a pagamento, insomma. Cambiamo gli attori ma la trama e il regista restano uguali.
 
Che dire, per concludere, di questo magnate con il chiodo fisso della democrazia a tutti i costi? Ma che cosa intenderà mai il filantropo Soros con il termine “democrazia”? Potere al popolo, come l’etimologia suggerisce, o potere alle élite illuminate che sovrastano il popolo prendendo decisioni non condivise che peggiorano la qualità della vita? Democrazia come solidarietà e difesa delle fasce più deboli della cittadinanza o democrazia del denaro? Rispetto dell’autodeterminazione dei popoli o imposizione della democrazia attraverso campagne di demonizzazione o campagne militari? Lascio ai più lungimiranti l’ardua risposta.