Archivi tag: web

Sporchi Trucchi sull’imperiale rete web globale

 

Protesta di Splinternet: interrompi gli attivisti di ACTA 2 Inizia la petizione online per salvare Internet da consegnare alla Commissione europea

Di Aaron Kesel

Stop Gli attivisti di ACTA 2 composti da anonimi, pirati e sostenitori della libertà di Internet hanno lanciato una nuova petizione di Change.org da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio dopo le elezioni europee, con nuovi politici pronti a conquistare la leadership.

Le elezioni europee si svolgeranno tra il 23 maggio e il 26 maggio, a quel punto nuovi politici prenderanno il posto degli ultimi funzionari pubblici che hanno tradito il popolo europeo vendendo il loro Internet per un filtro di upload e una tassa di collegamento che cambierà il mondo come sappiamo esso. Tuttavia, le carni fresche che entrano in carica hanno la possibilità di invertire le cose rovinate dai loro predecessori e rendere le cose giuste per il popolo europeo che in precedenza si è opposto alla direttiva in una petizione di 5,2 milioni di persone che è stata consegnata al Parlamento europeo chiedendo la fine le proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

Gli attivisti si sono incontrati nelle strade di tutta Europa in diverse occasioni in passato per manifestare il loro malcontento per il disegno di legge ACTA 2 dell’UE.

Il 23 marzo, gli attivisti si sono incontrati per la prima volta nelle strade per combattere contro le società di copyright e i burocrati della UE che cercano di distruggere Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019, in tutta Europa, come riportato da Activist Post .

Nonostante le proteste in tutta Europa, i deputati hanno votato il 15 aprile per ridisegnare con successo Internet con una direttiva sulla censura mascherata da una proposta di copyright, approvata in un voto di 22 paesi a favore della legge.

Solo sei paesi – Italia, Svezia, Polonia, Finlandia, Paesi Bassi e Lussemburgo – hanno votato contro la proposta di direttiva che cambierà Internet come la conosciamo.

ACTA 2 ha richiesto tutti i trucchi sporchi nel libro per passare il voto iniziale.

Durante il processo di votazione, ci sono stati numerosi politricks da parte del Gruppo PPE e altri partiti politici coinvolti nella direttiva sul copyright, o ACTA 2, come tentare di cambiare la data di voto, intimidire i politici minacciandoli con cattiva stampa e persino modificare i numeri degli articoli prima al voto.

Se ciò non bastasse, un rapporto di una pubblicazione tedesca ha rivelato che la vera ragione per cui la Germania ha ceduto in Francia a febbraio è perché il paese è stato corrotto nei negoziati per ottenere l’approvazione per il gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia.

Con il superamento di ACTA 2 ciò significa che i paesi membri dell’UE hanno due anni per conformarsi alla stesura delle proprie leggi nazionali. Questo sicuramente stimolerà proteste e battaglie legali in tutta Europa per i prossimi anni. A meno che attivisti e hacktivisti che usano Change.org abbiano qualcosa da dire contro.

La petizione afferma:

Come probabilmente saprai, è stata introdotta una direttiva sul copyright nell’Unione europea che cambierà per sempre la nostra Internet.

L’articolo 11 e l’articolo 13 (ora chiamato articolo 15 e articolo 17) introdurranno un #uploadfilter e un #linktax. Questo è inaccettabile per noi.

Chiediamo alla nuova Commissione europea di introdurre una nuova direttiva che abroga l’attuale direttiva sul copyright, compresi gli articoli 15 e 17 ampiamente criticati (noti in precedenza come articoli 11 e 13). Il modo in cui ciò viene fatto dipende da voi, ma non diamo il nostro consenso a lanciare QUALSIASI legge che introduca la censura di Internet e costringa i proprietari del sito Web a monitorare proattivamente i loro servizi.

Per chiunque consideri la firma: tra il 23 e il 26 maggio 2019 ci saranno nuove elezioni nell’UE. Questa petizione deve essere consegnata alla nuova Commissione Europea. Diamo loro un chiaro messaggio che vogliamo che creino una nuova direttiva che invalida l’attuale direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, adottata dal Parlamento europeo il 26 marzo e approvata dal Consiglio dell’Unione europea il 15 aprile 2019.

Vuoi saperne di più?

Unisciti a # StopACTA2 su Discord: https://discord.gg/UgvYn3F

Visita il sito Web: https://www.stopacta2.org/en/

In retrospettiva, i nuovi politici che conquistano i leader dei paesi possono rappresentare la gente, la libertà e la trasparenza di Internet o finire un obiettivo dei cittadini di Internet sovrani e distruggere le tue carriere politiche mentre rispondono alle telefonate arrabbiate che spiegano perché ignori la volontà della gente . La scelta, ovviamente, è tua; la decisione di opporsi a te è nostra!

Attualmente, la nuova petizione da consegnare alla Commissione europea il 26 maggio ha un totale di 1.007 persone che hanno firmato al momento della presente relazione.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Nel frattempo, il Regno Unito stesso nel processo di uscita dall’UE, ha approvato un orribile disegno di legge che renderà illegale la sorveglianza di qualsiasi “propaganda terroristica” (non chiaramente definita) che rechi una condanna a 15 anni, una legge sulla pornografia e l’introduzione del la prima agenzia mondiale per la sicurezza delle normative su Internet, come riportato da Activist Post .

In altre parole questo sta portando a uno “splinternet”, un termine reso popolare l’anno scorso dall’ex CEO di Google Eric Schmidt che ha predetto che Internet sarebbe crollato in due parti: una guidata dai cinesi e l’altra guidata dagli Stati Uniti. Conosco il Regno Unito, l’ex paese dell’UE sembra guidare lo sforzo insieme agli attuali paesi membri dell’Unione Europea.

Per dirla chiaramente, stanno usando il sistema legale come mezzo per dividere Internet; questo porterà i webmaster a dover seguire le leggi di più paesi e dover pagare per un filtro di upload e collegare le tasse o semplicemente bloccare i paesi che supportano tali sistemi.

Un recente articolo della Associated Free Press intitolato: “Rompere Internet: nuove regole sulla rete globale imperiale” evidenzia il problema chiave con cui i singoli paesi creano le proprie leggi regolatorie per un sistema creato per consentire la connettività tra nazioni senza frontiere. Internet è globale, un World Wide Web, quindi questo significa che i proprietari di siti Web dovranno conformarsi alle leggi di più paesi; questo soffoca non solo la libertà di informazione, ma può anche danneggiare le piccole imprese che non sono giganti aziendali come Google o Facebook.

Inoltre, la legislazione di Internet in conflitto da parte di più paesi finirà per frammentare le informazioni tra reti e paesi. Già, con il passare del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), come riportato da Gizmodo, abbiamo visto questo prendere forma.

Ora, se visiti decine di siti Web di notizie americane da un indirizzo IP basato sull’UE, alcuni dei siti di notizie affermano quanto segue o qualcosa di simile: “Purtroppo, il nostro sito Web non è attualmente disponibile nella maggior parte dei paesi europei. Siamo impegnati sulla questione e ci impegniamo a esaminare le opzioni che supportano la nostra gamma completa di offerte digitali per il mercato dell’UE. Continuiamo a identificare soluzioni tecniche di conformità che forniranno a tutti i lettori il nostro pluripremiato giornalismo “.

L’Electronic Frontier Foundation (EFF) ha precedentemente avvertito che le politiche proposte all’interno di ACTA 2 aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa e creeranno uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

EFF rileva che la petizione originale degli attivisti consegnati al Parlamento è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le società statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano negoziare migliori affari in), e perché questi filtri censureranno enormi quantità di materiale legittimo.

Come Activist Post ha riferito continuamente, l’Articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sul contenuto che gli utenti postano sui loro siti web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di upload per proteggersi dalle enormi richieste dei proprietari e delle agenzie che lavorano su per loro come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti sconvolgenti apportati al conto in un post sul blog .

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.


Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole aziende o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il FEP ha dichiarato lo scorso mese che questa battaglia non è finita, che le leggi possono ancora essere impugnate in tribunale, i cittadini dell’UE dovranno organizzare e sostenere gruppi indipendenti di diritti digitali europei.

In un post sul blog, Danny O’Brien, direttore internazionale della Electronic Frontier Foundation (EFF), ha definito il passaggio della legge sul copyright “un sorprendente rifiuto della volontà di cinque milioni di petizioni online e oltre 100.000 manifestanti questo fine settimana”.

Se ritieni che la legislazione dell’UE in materia di internet non ti riguardi, allora ti sbagli e non capisci come funziona Internet.

Oltre al FEP, 54 ONG e 40 accademici hanno pubblicato lettere aperte separate al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia ai diritti fondamentali, che porta al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Inoltre, 70 Internet e i luminari informatici si sono espressi in precedenza contro le disposizioni pericolose. Il gruppo, incluso – pioniere dell’Internet Vint Cerf, l’inventore del World Wide Web Tim Berners-Lee, co-fondatore di Wikipedia Jimmy Wales, co-fondatore del Mozilla Project Mitchell Baker, fondatore di Internet Archive Brewster Kahle, esperto di crittografia Bruce Schneier, e l’esperto di neutralità della rete Tim Wu.

L’informatore della NSA Edward Snowden ha criticato il voto, twittando in tedesco, “Non dimenticare mai cosa hanno fatto qui.”

Il fascismo di regolamentazione di Internet sta aumentando e non sembra essersi fermato presto. La domanda deve essere posta: dov’è Anonymous che ha aiutato a superare la legislazione orwelliana su Internet? Sembra che tutti siano stati tranquilli nonostante questa recente spinta in atto a portare via tutti i nostri diritti e libertà di Internet gratuiti un paese alla volta.

Se i diritti e le libertà di Internet devono essere mantenuti, le persone devono venire insieme, alzarsi e protestare come mai prima e lasciare che le loro voci, i tasti e i sit-in digitali siano ascoltati e sentiti in tutto il mondo. Altrimenti, rischiamo di entrare in un’era che sarà conosciuta come l’era oscura del 21 ° secolo in cui le informazioni vengono dimenticate a causa di controlli di polizia, censura attraverso filtri di upload o contenuti di propaganda terroristica e generalmente persi a causa del mancato pagamento di ogni link esterno su un sito web (link tax). Non si torna indietro una volta che questi sistemi e le agenzie di regolamentazione delle infrastrutture sono in atto.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet # Articolo 11, #Articolo13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Puoi firmare la petizione qui, per salvare Internet, esprimere la tua opinione contro lobbisti e burocrati dell’UE che cercano di distruggere il World Wide Web.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono:  wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org , un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

filtri e algoritmi censureranno enormi quantità di materiale legittimo

 

La EU E’ IMPAURITA: Tentativi di spostare l’ACTA 2 prima della data sul voto di protesta – Vedi Protest Map per salvare Internet

Di Aaron Kesel

Proteste in tutta Europa sono state pianificate da Anonymous, così come attivisti e politici dietro Pirate Parties International (PPI) per il 23 marzo, per combattere contro le società di copyright e i burocrati europei che cercano di distruggere Internet con il loro filtro sugli upload proposti e la tassa di collegamento, (Articolo 11 e articolo 13.) Nel frattempo, i burocrati stanno cercando di spingere il voto prima che ci sia una protesta su larga scala sulle le loro proposte per Internet.

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019 in tutta Europa.

Ora, Anons, Pirates e attivisti stanno pianificando manifestazioni di massa in tutta Europa per mostrare ai membri del Parlamento Europeo (MEP) che il consenso pubblico è contrario agli articoli proposti. Gli articoli 11, 12 e 13 sono stati pianificati per il voto a fine marzo.

Tuttavia, una rottura dello sviluppo riportata dal Partito dei Pirati, la tedesca Julia Reda potrebbe spingere per ulteriori proteste molto prima del 23 marzo. Reda osserva che Manfred Weber e il gruppo PPE stanno cercando di spingere per il voto per ACTA 2 la prossima settimana prima delle proteste pianificate ignorando la volontà della gente, Reda aggiunge che tutto questo è “preoccupante e oltraggioso per la democrazia”. Reda ha espresso il il voto anticipato dei cittadini europei che dovrebbroe contattare i leader dei gruppi politici.

In Parlamento, ci sono persino trattative in corso  per trarre il voto fin da giovedì – sono due giorni da adesso, il che ci offre pochissimo tempo per organizzarci contro.

Per impedire al voto © di essere travolto prima delle proteste #SaveYourInternet, rivolgiti ai leader dei gruppi politici:
@EPPgroup: @ManfredWeber
@TheProgressives: @UdoBullmann
@ECRgroup: @SyedKamall
@ALDEgroup: @guyverhofstadt
(Verdi e sinistra voteranno contro) – Julia Reda (@Senficon) 4 marzo 2019

Save The Internet, un’altra campagna per fermare il voto ACTA 2, ha anche espresso che il voto anticipato è stato un modo per i leader politici dell’UE di ignorare le proteste e portare avanti la loro crociata contro Internet. Il gruppo chiede “dimostrazioni spontanee di fronte a filiali CDU / CSU / PPE”.

L’approccio arrogante di CDU / CSU / EPP non può essere ignorato! Vogliono portare avanti il ​​voto. Dobbiamo agire ora! #Savetheinternet richiede dimostrazioni spontanee! Organizza le demo ovunque davanti alle filiali CDU/CSU/EPP! #SaveYourInternet #uploadfilter #Artikel13Demo pic.twitter.com/0zgRdHcbyY

– Savetheinternet.info (@uploadfilter) 4 marzo 2019

Julia Reda, membro della Pirate Party in Germania, annota gli ultimi sconvolgenti cambiamenti apportati al conto in un post sul blog.

  • I siti commerciali e le app in cui gli utenti possono inviare materiale devono compiere “migliori sforzi” per acquistare preventivamente licenze per tutto ciò che gli utenti possono eventualmente caricare, ovvero: tutti i contenuti protetti da copyright nel mondo. Un’impresa impossibile.
  • Inoltre, tutti i siti, ad eccezione di pochissimi (quelli piccoli e molto nuovi) dovranno fare tutto quanto è in loro potere per impedire che qualcosa possa mai andare online che potrebbe essere una copia non autorizzata di un’opera che un titolare di diritti abbia registrato con la piattaforma. Non avranno altra scelta se non quella di distribuire i filtri di caricamento, che sono per loro natura costosi e soggetti a errori.
  • Se un tribunale dovesse mai constatare che le proprie attività di concessione di licenze o di filtraggio non sono sufficientemente accanite, i siti sono direttamente responsabili delle violazioni come se li avessero commessi personalmente. Questa enorme minaccia porterà le piattaforme a rispettare in modo eccessivo queste regole per stare dalla parte della sicurezza, peggiorando ulteriormente l’impatto sulla nostra libertà di parola.

Reda afferma anche che per la tassa di collegamento, ci sarà il copyright extra per i siti di notizie, come quello che stai leggendo ora.

  • La riproduzione di più di “singole parole o estratti molto brevi” di notizie richiederà una licenza. Questo probabilmente coprirà molti dei frammenti mostrati comunemente accanto ai link oggi per darti un’idea di cosa essi portano. Dovremo aspettare e vedere come i tribunali interpretano cosa significa “molto breve” nella pratica – fino ad allora, il collegamento ipertestuale (con frammenti) sarà impantanato nell’incertezza giuridica.
  • Non vengono fatte eccezioni nemmeno per servizi gestiti da privati, piccole imprese o organizzazioni non profit, che probabilmente include blog o siti web monetizzati.

Il Partito dei pirati e anche la tedesca Julia Reda hanno lanciato una campagna denominata Pledge2019.eu contro coloro che hanno votato per ACTA 2 utilizzando le prossime elezioni affermando “se voti per i filtri di upload non voteremo per te”.

È lunedì, i deputati tornano a Bruxelles. È ora di dare loro una chiamata! 69 deputati hanno firmato il # Pledge2019 la scorsa settimana per votare contro l’articolo 13. Le proteste stanno funzionando, molti deputati tedeschi hanno firmato. Ma abbiamo solo settimane prima del voto finale di marzo! https://t.co/YnJDHDGViB pic.twitter.com/e7i2mspL3R

– Julia Reda (@Senficon) 4 marzo 2019

Come riportato in precedenza da Activist Post, l’articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sui contenuti pubblicati dagli utenti sui loro siti Web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di caricamento per proteggersi da rivendicazioni di titolari di copyright e agenzie che lavorano per loro per conto come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Anonimo, Pirati e altri attivisti hanno creato una mappa di protesta su Google per i manifestanti per trovare una dimostrazione vicino a loro, che sarà tenuta aggiornata con le prossime marce. Attualmente le marce sono previste per il 23 marzo; tuttavia, potrebbero esserci precedenti dimostrazioni urgenti aggiunte alle mappe aggiornate in un secondo momento.

#StopACTA2 ha creato una mappa Google non censurata facile da usare per visualizzare TUTTE le proteste contro l’articolo 11 e l’articolo 13 del 23 marzo. Per favore, condividetelo in lungo e in largo! #SaveYourInternet #SaveTheInternet #UploadFilter #AxelVoss #EU #CopyrightDirective #Anonymoushttps://t.co/g5b0jF3hbm

– Anonimo (@YourMarkLubbers) 3 marzo 2019

Anonimi e Pirati di tutto il mondo invitano il grande pubblico a protestare come mai prima d’ora e invadere le strade dell’Europa per inviare un messaggio – giù le mani da Internet, aiuto per salvare Internet.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

La Electronic Frontier Foundation (EFF) avverte che le politiche proposte aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa creando uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo (e io aggiungo d’Italia ndr) di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate”, scrive EFF.

A dicembre, più di 4 milioni di petizioni avanzate di utenti e imprese di Internet sono state inviate al Parlamento europeo chiedendo la fine delle proposte ACTA2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

EFF rileva che la petizione è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le aziende statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano per negoziare accordi migliori) e perché questi filtri censurerà enormi quantità di materiale legittimo, grazie a errori e abusi algoritmici inevitabili.

Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra ai poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni. I nostri sforzi sembrano già avere un effetto mentre il PPE sta cercando di negare i piani per un voto anticipato:

Ehi, @EPPGroup, #Anonymous e #Pirates ti hanno morso la lingua? Ora vuoi negare il voto precedente?
Almeno se hai intenzione irretire la gente con la democrazia vuoi ammetterlo? #StopActa2 #SaveYourInternet #SaveOurInternt #SaveTheInternet #LinkTax #Uploadfilter pic.twitter.com/4B80jm2QrE – ⒶK #Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 4 marzo 2019

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: #stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, #SaveOurInternet #Articolo 11, #Articolo 13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, #ACTA2 #Anonimo.

Perché #ACTA2 farà in modo che tu debba essere molto ricco per eseguire un blog sul sito e il giornalismo indipendente svanirà. Permettendo ai governi e ai loro compari appaltatori di andare in giro e di inviarci rapporti falsi come il memo di Downing St per invadere i paesi. #StopActa2 #SaveYourInternet https://t.co/YCehnpWYzn

– ⒶK # Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 13 febbraio 2019

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono: wolnemedia, SoMee.Social, Bitchute, Presearch, blogmedia24, Anonymous Bites Back, wykop, polskapartiapiratow, Pirate Parties International, kontestacja, Hackread.com, inspro, Stowarzyszenie Libertarianskie, Anonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopACTA2.org, un sito Web gestito per supportare l’operazione Stop ACTA 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole.

Aaron Kesel scrive per Activist Post. Sostienici a Patreon. Seguici su Minds, Steemit, SoMee, BitChute, Facebook e Twitter. Pronto per le soluzioni? Iscriviti alla nostra newsletter premium Counter Markets.

Fonte: https://www.activistpost.com/

®wld

Una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet

 

Stop ACTA 2: proteste, blackout di Internet e azioni Hacktivist per arrivare al voto finale sugli articoli distopici 11 e 13 in UE

Di Aaron Kesel

Dopo un breve ritardo, i legislatori dell’Unione Europea stanno continuando il loro viaggio per censurare Internet e hanno concordato modifiche al testo degli articoli 11,12 e 13, secondo quanto riportato da The Independent. Nel frattempo, Anonymous e Pirates stanno pianificando azioni on-the-ground e online contro le direttive sul copyright proposte.

Germania e Francia hanno concordato una terribile versione di “compromesso” dell’articolo 13 in seguito a una discussione accesa, che pretende di proteggere le piccole imprese. Tuttavia, nella stampa fine della legge, non protegge quasi nessun sito web come sottolinea Julia Reda.

Per ottenere la protezione, il sito Web in questione deve soddisfare i seguenti criteri:

  • Meno di 3 anni
  • Hanno entrate inferiori a 10 milioni di euro (11 milioni di dollari)
  • Hanno meno di 5 milioni di visite uniche al mese

I nuovi articoli legislativi saranno presentati ai deputati, che decideranno le controverse regole sul copyright in una data successiva ad essere annunciata.

Sia gli attivisti che le multinazionali affermano che le nuove regole – in particolare l’articolo 11 e l’articolo 13 – cambieranno per sempre parti centrali di Internet.

Google e la sua consociata YouTube, così come Wikipedia e molti altri, hanno sostenuto che le nuove regole potrebbero impedire agli utenti Web di essere in grado di cercare e condividere contenuti liberamente come consentito dalle leggi vigenti.

Julia Reda, eurodeputata tedesca di Pirate Parties International e prominente oppositrice alle riforme, ha espresso indignazione:

L’accordo sporco tra Francia e Germania prevale, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla peggiore versione dell’articolo 13 ancora, la prossima interruzione dei negoziati con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora!

Prevalgono accordi sporchi tra Francia e Germania, per ora: il Consiglio è pronto a proseguire i negoziati sulla versione peggiore dell’articolo 13 ancora, i prossimi negoziati di arresto con il Parlamento. Chiama i tuoi deputati ora! https://t.co/tMqBgPkVz7 #SaveYourInternet #uploadfilters pic.twitter.com/u7n07CDeLC

– Julia Reda (@Senficon), 8 febbraio 2019

Come riportato in precedenza da Activist Post , l’articolo 13 è progettato per responsabilizzare i proprietari dei siti Web sui contenuti pubblicati dagli utenti sui loro siti Web, costringendo i proprietari dei siti Web a spostarsi dietro un filtro di caricamento per proteggersi da rivendicazioni di titolari di copyright e agenzie che lavorano per loro per conto come MPAA e RIAA. L’articolo 11 è un concetto ancora peggiore. Questo è stato soprannominato l’articolo “link tax”; se superato, il collegamento a qualsiasi materiale protetto da copyright è tassato.

Immagina di voler collegare a un articolo di notizie perché vuoi avere una discussione libera su di esso? Secondo la legge, l’utente potrebbe ora aver bisogno di pagare per collegare l’articolo di materiale protetto da copyright – follia assoluta!

Questo è qualcosa che “distruggerà il nostro Internet, e non possiamo accettarlo. Quindi stiamo combattendo. Attivisti, hacktivisti e pirati si stanno ora unendo sotto lo stendardo di StopACTA2”, scrive Anonimo Bites Back .

Anonymous Bites Back esprime inoltre che lo show radiofonico ospitato da Anons è in “pieno sostegno alle (di strada) proteste contro queste mosse orwelliane per censurare internet. Abbiamo già avuto diversi episodi su questo argomento e abbiamo in programma di unirci ai manifestanti per la strada e trasmettere in diretta alla nostra rete”.

Quindi cosa è cambiato da allora? Non tanto. Tuttavia, potrebbe essere una buona notizia che l’Italia è ora dalla nostra parte e ha denunciato gli articoli, dicendo al resto dell’UE di eliminare gli articoli 11 e 13 dalla direttiva sul diritto d’autore per proteggere gli utenti di Internet.

“La priorità per l’Italia è l’eliminazione della tassa di collegamento e dei filtri diretti o indiretti sui contenuti caricati dagli utenti delle piattaforme, insieme con un’estensione delle eccezioni al copyright che consente lo sviluppo dell’economia dei dati. In queste condizioni, l’Italia è pronta ad aderire a una proposta che dovrebbe venire dalla Presidenza rumena “, ha detto Luigi Di Maio, Ministro per lo Sviluppo Economico.

“Chiediamo un cambiamento a livello europeo – conclude il Ministro – dei famosi articoli 11 e 13 della direttiva. La rete deve essere mantenuta libera e neutrale perché è un’infrastruttura fondamentale per la libera espressione dei cittadini, del sistema italiano e della stessa Unione europea “.

Ciò significa che ufficiosamente i paesi che si sono opposti alla direttiva com’erano erano: Finlandia, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovacchia, Svezia e Malta. La Slovenia ha scelto di astenersi, la Polonia In, ha riferito. Ciò lascia 20 paesi, o 19 se la Brexit passa, per decidere il destino di Internet e la libertà di informazione.

Julia Reda, eurodeputata del Partito dei Pirati, osserva che gli utenti saranno ritenuti responsabili per eventuali violazioni del copyright che fanno su piattaforme Internet.

“I negoziatori hanno raggiunto un accordo sul nucleo dell’articolo 13, che cambierà internet così come lo conosciamo: vogliono rendere le piattaforme Internet direttamente responsabili di eventuali violazioni del copyright che i loro utenti commettono”, osserva Reda.

Reda inoltre esprime che i negoziati finali si trascineranno fino a più tardi questa settimana.

Il primo trilogo “finale” su #copyright sta iniziando ora. Probabilmente i negoziati si trascineranno fino a domani e mercoledì. Daremo un breve aggiornamento più tardi, stasera. #SaveYourInternet # Article13 #UploadFilters

– Julia Reda (@Senficon), 11 febbraio 2019

La Electronic Frontier Foundation (EFF) avverte che le politiche proposte aumenteranno la censura e la sorveglianza in tutta Europa creando uno stato Stasi. L’organizzazione per i diritti digitali chiede espressamente a persone provenienti da Germania, Svezia, Polonia e Lussemburgo di parlare.

“Il tuo governo nazionale dipende dalla tua buona volontà per vincere i voti per continuare il suo mandato. Questo è un momento raro nella legislazione europea quando le connessioni locali da parte dei cittadini contano più di società internazionali ben finanziate “, scrive EFF.

I sostenitori della lotta contro ACTA 2 includono  wolnemediaSoMee.SocialBitchutePresearchblogmedia24Anonymous Bites BackwykoppolskapartiapiratowPirate Parties International,  kontestacjaHackread.cominsproStowarzyszenie LibertarianskieAnonymous Info Army Poland, e Anon Ops Poland secondo il sito web StopActa2.org.

Numerose altre organizzazioni e individui stanno uscendo e parlano dei negoziati degli articoli 11, 12 bis e 13 e di ciò che è fondamentalmente sbagliato in loro.

Già 54 ONG, tra cui il FEP e 40 accademici, hanno emesso lettere aperte distinte al Consiglio dell’UE affermando che questi “testi rischiano di creare gravi impedimenti” o di Internet e dei suoi utenti.

Le ONG hanno dichiarato che l’attuazione dell’articolo 11 non è necessaria, ma anche un rischio per la maggior parte dei media e ostacola la capacità degli utenti di condividere informazioni. Allo stesso modo, notano che il requisito dell’articolo 13 per i filtri di caricamento “soggetti a errori, intrusivi e legalmente discutibili” rappresenta una minaccia per i diritti fondamentali, portando al blocco dei contenuti legittimi.

Gli accademici hanno espresso molte delle stesse preoccupazioni quando sono iniziate le voci che l’UE stava discutendo le potenziali politiche copywrong nel 2016.

Tuttavia, gli studiosi sottolineano che dubitano della “giurisprudenza della CGUE e del suo riferimento alla Carta europea dei diritti fondamentali e se l’articolo 13 della proposta di direttiva sul copyright sia effettivamente proporzionato, anche se l’articolo 17, paragrafo 2 della Carta europea prevede che la proprietà intellettuale devono essere tutelati, in quanto l’articolo 17, paragrafo 2, non ha la stessa base di calcolo degli articoli 7 e 11. Gli articoli 7 e 11 della Carta europea sono pilastri fondamentali di qualsiasi società democratica. Le violazioni del diritto d’autore non dovrebbero essere inserite troppo rapidamente nella stessa categoria dei reati gravi come la pornografia infantile “.

A dicembre, più di 4 milioni di petizioni avanzate di utenti e imprese di Internet sono state inviate al Parlamento europeo chiedendo la fine delle proposte ACTA 2 nei vari articoli per “riformare la legge sul copyright digitale”.

EFF rileva che la petizione è stata creata perché la legge porterà inevitabilmente alla creazione di filtri algoritmici sul copyright che solo le aziende statunitensi della Big Tech possono permettersi (rendendo il campo meno competitivo e quindi più difficile per gli artisti che lavorano per negoziare accordi migliori) e perché questi filtri censurerà enormi quantità di materiale legittimo, grazie a errori e abusi algoritmici inevitabili.

I settori creativi chiedono anche una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 con 14 organizzazioni che chiedono il blocco, secondo Creative Refresh un altro gruppo che supporta un “Internet gratuito e aperto”.

Settori creativi Chiedere una sospensione dei negoziati sull’articolo 13 #SaveYourInternet

LEGGI DI PIÙ QUI: https://t.co/EWFboialh2 pic.twitter.com/gYgpZgKbme

– Create.Refresh (@CreateRefresh) 15 gennaio 2019

Dietro le quinte, diversi movimenti stanno lavorando a un blackout di Internet simile al 2012 quando gli attivisti hanno combattuto contro l’ACTA originale proponendo leggi per Internet. Per mettere le cose in prospettiva più ampia per i lettori, ciò che sta accadendo nell’UE è l’ACTA sugli steroidi; le conseguenze se questo passa cambierà per sempre Internet. Ai siti web sarà richiesto di acquistare costosi e problematici filtri di caricamento, e il contenuto generato dagli utenti sembrerà quasi cessare di esistere perché sarà anche impossibile collegarsi al materiale di origine, inclusi i contenuti educativi. Oh e se ti piacciono i meme, anche quelli possono essere protetti da copyright e autorizzati.

Il fondatore di Wikipedia e WikiTribune, Jimmy Wales, ha twittato che avrebbe sostenuto un blackout di Internet per attirare l’attenzione sull’attuale crisi crescente.

Non dipende da me. Ma lo appoggerei, sì.

– Jimmy Wales (@jimmy_wales) 6 febbraio 2019

Nel frattempo, questo scrittore ha assistito a chiacchiere in varie stanze di chat su potenziali azioni di hacktivist se l’UE dovesse passare con queste proposte e molto di più se passassero. Ci sono anche attivisti che stanno organizzando proteste sul campo che saranno annunciate nelle prossime settimane.

Anonimi e Pirati di tutto il mondo invitano il grande pubblico a protestare come mai prima d’ora e invadere le strade dell’Europa per inviare un messaggio – mani da Internet, aiuto per salvare Internet.

Vi chiediamo urgentemente di fare tutto ciò che è in vostro potere per supportare il movimento StopACTA2 che è coordinato dall’equipaggio polacco StopACTA2 e dall’equipaggio di Anonymous Worldwide e molti altri tra cui Pirate Parties International con la sua co-presidente Bailey Lamon e il membro del consiglio Raymond Johansen.

Pirati e attivisti dei diritti d’autore

Pls segue @ stopActa2_eu combattendo l’articolo 11 e 13 in modo digitale e con gli stivali sul terreno. @PPInternational, coordinerà tra queste persone e gli sforzi #Pirate. Dietro di loro U troverà l’equipaggio #anonymous più efficace che ci sia oggi. pic.twitter.com/WDv3ELvg1v

– Raymond Johansen (@ RayJoha2), 13 gennaio 2019

La prima ondata di proteste di piazza in almeno 20 diverse città in 15 paesi si è svolta il 19 gennaio 2019 in tutta Europa. Condividi questo articolo, organizza insieme l’un l’altro e manda un messaggio, mostra i poteri che Internet appartiene al popolo e non alle corporazioni o alle élite assetate di potere che cercano di trarre profitto dalla libera condivisione di informazioni.

Sui social media, i sostenitori utilizzano i seguenti hashtag per le proteste digitali: # stopACTA2, #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, # Article11, # Article13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, # ACTA2 #Anonimo.

Puoi trovare ulteriori informazioni visitando StopActa2.org, un sito Web che viene eseguito per supportare l’operazione Stop Acta 2. Il sito Web verrà aggiornato con un elenco completo delle posizioni di protesta esistenti. Sei un organizzatore esperto che vuole aiutare a organizzarsi in Europa per protestare contro ACTA 2? Quindi contatta [email protected] per qualsiasi informazione, o se vuoi iniziare la tua protesta. Come dettagli di questo articolo, le carte sono impilate contro i deputati europei; più presenza vedono da noi le persone, più potranno ascoltare, invece di passare una doppia legge orwelliana draconiana che minaccia le libertà di Internet, così come le pubblicazioni indipendenti più piccole:

Perché # ACTA2 farà in modo che tu debba essere molto ricco per eseguire un blog sul sito e il giornalismo indipendente svanirà. Permettendo ai governi e ai loro compari appaltatori di andare in giro e di inviarci rapporti falsi come il memo di Downing St per invadere i paesi. # StopActa2 #SaveYourInternet https://t.co/YCehnpWYzn

– ⒶK # Unity4J (₿) (@ An0nAKn0wledge) 13 febbraio 2019

Ciò che è importante, e potrebbe essere una possibile occhiata al nostro futuro distopico orwelliano, Spagna e Francia – due paesi coinvolti in proteste (Francia con Gilets Jaunes e Spagna con la Catalogna libera) – stanno disperatamente spingendo ACTA 2. Ci si deve chiedere se questo sia per mettere a tacere le voci dissidenti online. Ad esempio, supponiamo che sia stato caricato un video di una manifestazione di strada. Se c’è un business visto in quel filmato, il video potrebbe quindi essere rimosso per “copyright”. Tutto ciò sarebbe fatto con il filtro di upload che rileverà il logo di un’azienda e impedirà il caricamento online del video. Allo stesso modo, il presidente della Francia Emmanuel Macron e il presidente della Spagna Mariano Rajoy potrebbero usare una nuova tattica: basta pagare qualcuno per cantare testi protetti da copyright come una canzone di Michael Jackson alla protesta e qualsiasi video caricato verrà segnalato.

Ora potrebbe sembrare folle o sciocco, ma quelli sono il tipo di tattica che potrebbe essere schierata se questi articoli passassero attraverso il Parlamento Europeo. “Sei stato colpito da; sei stato colpito da un criminale agevole e tutto quello che voglio dire è che a loro non importa davvero di noi. “

Aaron Kesel scrive per Activist Post. Sostienici a Patreon . Seguici su Minds, Steemit, SoMee, BitChute, Facebook e Twitter. Pronto per le soluzioni? Iscriviti alla nostra newsletter premium Counter Markets .

Credito immagine: LoboTaker / DeviantArt

Fonte: https://www.activistpost.com/

 

®wld

I fantasmi digitali del WEB

 

“Shadow Banning” – L’ombra che vieta – è solo la punta dell’iceberg – Siamo tutti fantasmi digitali ora   

di Charles Hugh Smith dal sito di OfTwoMinds 

Se esegui una ricerca sul divieto dell’ombra, troverai siti che affermano di aiutarti a identificare se Twitter o Instagram hanno messo al bando l’ombra del tuo account. 

L’idea di base del bando dell’ombra è quella di spoofare l’utente messo all’ombra a credere che i suoi messaggi pubblici siano visibili a tutti mentre in realtà i post sono visibili solo all’utente o in alcuni casi ai follower degli utenti.   

La definizione di Wikipedia di mettere al bando l’ombra è: 

“Il bando dell’ombra (chiamato anche divieto di occultamento, divieto fantasma o ghosting di commenti) è l’atto di bloccare o parzialmente bloccare un utente o il suo contenuto da una comunità online in modo che non sia immediatamente evidente all’utente che è stato bannato.” 

Ecco la descrizione di whatis.com : 

“Il bando delle ombre è controverso perché consente a un amministratore o moderatore di diventare effettivamente un censore e impedire ad utenti specifici di interagire con altri membri di una comunità online su base paritaria.”  

Il bando dell’ombra e il divieto totale sono solo la punta dell’iceberg: 

chiunque pubblichi contenuti sul Web o sui social media è soggetto a controlli molto più sottili e completamente opachi su quanto della tua presenza digitale è stata fantasma – non solo nelle community dei social media ma nelle ricerche e in che modo i link al tuo sito / contenuti e – posts dei tuoi contenuti sono gestiti dal cartello tecnologico che controlla ciò che è visibile e “trovato” sul web e sui social media. 

Questo cartello è dominato da Google e Facebook

Google controlla oltre il 90% di tutte le ricerche: 

quali risultati di ricerca vengono visualizzati, il peso attribuito ai collegamenti (il page rank assegnato ai siti Web) e una varietà di altri fattori che possono essere ammortizzati, rimossi, omessi o bloccati da algoritmi e / o censori umani (anche amministratori) senza ricorso e senza che il sito o l’utente siano informati.

 

Mentre questo grafico mostra la posizione dominante di Facebook e Google nelle entrate pubblicitarie digitali, è un proxy approssimativo per il loro predominio nella condivisione della mente, i dati dell’utente raccolti e il controllo su ciò che viene visualizzato e non visualizzato nei risultati di ricerca e nei social media.

  

Ora siamo tutti fantasmi digitali e quanta parte della tua ombra digitale è visibile al mondo è segreta / opaca. In caso di violazione delle politiche aziendali o delle leggi applicabili sulla censura (come interpretato dagli avvocati della società), la società ti informerà che il tuo account è stato bloccato o vietato.   

In questi casi, gli utenti e i creatori di contenuti vengono informati della loro presunta violazione.  

Ma questa parte visibile della censura web / social media è solo la punta dell’iceberg. La maggior parte della censura è invisibile e non rilevabile

Ecco un esempio di come questo potrebbe funzionare. 

Secondo quanto riferito, Facebook ha basato uno dei suoi programmi di censura sull’elenco di PropOrNot dimostrabilmente fasullo (e prodotto in modo anonimo) che è stato pubblicizzato dal Washington Post nel 2016. 

L’elenco dei siti accusati di essere dei punti di propaganda russi era un portasacco di siti web di sinistra, destra e centro, il cui unico “crimine” stava pubblicando un po’ di scetticismo sull’incoronazione di Hillary Clinton.

Quindi una lista anonima falsa diventa il fondamento degli sforzi di censura di Facebook. 

Questo è esattamente il modo in cui la polizia segreta dell’ex Unione Sovietica operava: 

un’associazione falsamente segnalata divenne il fondamento della sorveglianza e l’impostazione di varie trappole e insidie ​​per catturare elementi anti-sociali nell’atto di minare il regime. 

Che l’associazione fosse falsa non ha più importanza. Ciò che conta è il tuo nome nell’elenco.

Risulta che oftwominds.com sia entrato nella moderna lista NKVD-Stasi di PropOrNot, che nonostante sia stata smascherata ha preso vita da sola nel Nuovo Stato di Polizia di Facebook, Google, e altri …
Potresti aver sentito parlare del traffico di un sito web mirato che improvvisamente precipita letteralmente al 30% o al 40% letteralmente durante la notte.
 

  

Beh è vero. Molti siti di sinistra e destra segnalano il loro traffico misteriosamente e improvvisamente precipitano senza alcuna spiegazione da parte degli organi di censura (Facebook, Google, et al.)  

È successo a noi questo mese. 

Ho dati sul traffico che risalgono al 2005 e il mio traffico (visite e visualizzazioni di pagine) è rimasto notevolmente stabile per anni. Il numero dei miei post a settimana rimane lo stesso, il mio impegno sui social media rimane lo stesso (per quanto ne so, heh) e il mio page rank rimane lo stesso (5) (di nuovo, per quanto ne so).  

Quindi quando il mio traffico scende, noto come se un interruttore della luce fosse spento.   

Spero che apprezzerai l’ironia che molti, se non la maggior parte delle classifiche pubblicate sul mio sito, provengono dal sito di dati economici della Federal Reserve (FRED).  

Ma questo è simile al cittadino innocente impigliato dall’NKVD o dalla Stasi per crimini non specificati contro il popolo che protesta contro la sua innocenza e buona cittadinanza: 

niente di quello che conta. 

Ciò che conta è il tuo nome sulla lista, e i nostri amministratori sono obbligati a monitorare la tua presenza digitale e ti ghostano digitalmente,

  • aggiustando i risultati della ricerca per ammortizzare la tua presenza 
  • link sottopeso da altri siti 
  • jam tenta di ri-pubblicare i tuoi contenuti,

…e così via.

Niente di tutto ciò è visibile o riportato. Succede tutto dietro le porte chiuse di Facebook, Google et al.

Proprio come gli impiegati leali del NKVD e della Stasi venivano costantemente informati che erano il baluardo del popolo contro i nemici dello stato, impiegati di Facebook, Google et al. viene detto che stanno esternando “notizie false” e “propaganda” (come quelle del database economico della Federal Reserve) che è dirompente e che crea divisioni.  

In altre parole, sono bravi tedeschi che fanno le offerte dei loro padroni, per stipendi molto belli, bonus e opzioni azionarie. Nel frattempo, i redditi di quelli segretamente ghostati senza processo o ricorso precipitano insieme al loro traffico.

Il risultato netto della perversa magia della censura del cartello tecnico è che solo i pochi facoltosi possono permettersi di continuare a postare contenuti originali dopo che sono stati fantasma.

  • Anche se Facebook, Google et al. ci rassicurano che non siamo stati ghostati, perché dovremmo crederci? 
  • Poiché l’intero apparato di censura è gestito da società private e a scopo di lucro in totale segretezza, su quali basi le loro assicurazioni sarebbero credibili o verificabili? 

Quasi l’unico baluardo contro il fatto di essere messi a tacere dall’odierna tecnologia aziendale – NKVD – Stasi è Patreon – individui che forniscono supporto finanziario di voci indipendenti e analisi perché apprezzano gli analisti indipendenti e i creatori di contenuti.  

Non importa se ti consideri a sinistra, a destra o al centro.

Se vuoi resistere alla censura segreta di destra e di sinistra, ti preghiamo di prendere in considerazione di sostenere i commentatori indipendenti e gli analisti che hanno migliorato la tua vita con valore, intuizione o intrattenimento.

Grazie, patroni e sostenitori finanziari di oftwominds.com e altri creatori di contenuti indipendenti. Grazie a te, anche se il cartello tecnologico può farci male, il nostro contenuto non può essere cancellato del tutto.  

Almeno non ancora…  

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Almanacco di settembre 2018

NELLA UE, NE’ LIBERI NE’ soprattutto UGUALI

Maurizio Blondet

Heri dicebamus:

Ogni giorno  bisogna diventare più coscienti che quella verso questa UE è una vera lotta di liberazione  – per la  riconquista della libertà e dell’uguaglianza nel consesso europeo, dove siamo stati ridotti a inferiori e subalterni.

Una tizia dell’OCSE ci ingiunge di non abolire la legeg Fornero e accusa l’Italia di essere “un rischio per la prosperità europea”.

La  BCE e la Commissione  ci minacciano di apocalissi e ritorsioni se “sforiamo” il deficit dell’1,6 per cento,  negandoci il 2, e il 2,9 –  ma non era il 3, il limite per tutti gli altri? mentre  Macron sforerà il 3 per cento anche quest’anno come da almeno un quinquennio, senza ricevere  alcuna censura.

Quello che ci vien vietato  così  severamente è una spesa in deficit di 10-15 miliardi;  mentre  la BCE non si è accorta che la Danske Bank  ha, tra il 2007 e il 2015, riciclato 200  miliardi di euro – e il tutto nella filiale estone, ossia di un paese di 1,4 milioni di abitanti, il cui prodotto interno lordo è di 22 miliardi, ossia un decimo della cifra riciclata e fatta sparire. Ma   Danimarca ed Estonia non sono  un rischio per la prosperità dell’Europa – l’Italia lo è.

L’Italia  i cui “mercati esteri”, al contrario delle previsioni e desideri degli oppositori all’attuale governo, nemici interni in combutta con i nemici esterni, sono tornati a comprare i Buoni del TEsoro italiani: perché non credono affatto all’imminente default italiano minacciato dali tedeschi e francesi, e propagandato dagli italiani servi.

http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2018/09/19/investitori-esteri-tornano-a-comprare-btp-a-luglio_037d3072-486d-4aa0-a884-1972ef4be6ec.html Continua QUI

5G, pericolo salute: in America 300 sindaci non lo vogliono! E in Italia una petizione da 5.000 firme pel Governo: “FERMATE IL 5G”!

di Maurizio Martucci

America dei controsensi, dal 1° Ottobre il 5G funzionerà a Houston, Indianapolis, Los Angeles e Sacramento, ma c’è pure chi dice no: se a Doylestown (Pennsylvania) da più d’un anno i funzionari rimbalzano tra tribunali statali e federali per fermare l’invasione di mini-antenne di quinta generazione, dopo le città di San Anselmo e Ross, anche il comune di Mill Valley (sempre in California) ha bloccato il 5G: troppo inquinamento elettromagnetico, esiste un fondato pericolo per la salute pubblica! Ricevute le protesta dei cittadini, i municipi si sono opposti all’installazione del wireless 5G per salvaguardare “la salute e la sicurezza della comunità”.

Lo stesso è accaduto a Palm Beach (Florida): i maligni dicono perché lì risieda nientemeno che il Presidente Trump (pare non gradisca vivere in un groviglio di radiofrequenze pulsate senza eguali!), ma il numero dei tecnoribelli potrebbe lievitare il 26 Settembre se la spunteranno i sindaci: oltre 300 primi cittadini della Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti ha infatti annunciato una maxi-denuncia contro la Commissione Federale delle Comunicazioni se proseguirà “con la forza ad installare il 5G sulle città che non lo vogliono”. Ciò, sostengono, “impedirebbe ai governi locali di esaminare adeguatamente l’impatto che gli impianti di trasmissione potrebbero avere su salute pubblica, sicurezza e benessere della comunità locale“.

A differenza della silente Italia (un vuoto d’informazione sui rischi sanitari ha accompagnato la posa della prima antennina 5G a Bari del sorridente e sprovveduto Di Maio), all’estero l’opinione pubblica si mobilita perché dibatte nel capire se e come il 5G potrebbe minare la salute pubblica. Dueesempi: in USA ne parla in prima serata Tv il seguitissimo Dottor Oz, mentre in Inghilterra un tabloid come il Mirror rilancia la storia di Neil Whitfield, 60enne britannico malato di cancro. Se vincerà il giudizio contro un colosso di telefonia mobile, previsto un risarcimento record di 1 milione di sterline! Continua QUI 

Corbyn: web di Stato, libero e trasparente, per i cittadini

 

Parliamoci chiaro: uno dei grandi problemi dei nostri tempi è che la politica e il diritto non riescono a stare al passo con i progressi tecnologici, specialmente a partire dall’avvento dell’era di Internet. È accaduto infatti che, mentre alcune grandi aziende informatiche si affermavano e diventavano rapidamente monopoli, i nostri parlamenti sono rimasti perlopiù inermi, sia perché vittime dell’illusione che rappresenta Internet come il regno delle libertà, il massimo terreno di realizzazione della democrazia, sia per semplice inadeguatezza e mancanza di preparazione in materia.

Si è dovuta attendere la totale scomparsa della privacy, prima di porsi il problema di come tutelarla. Si son dovuti perdere miliardi di euro in tasse, a fronte degli enormi fatturati di Google, Facebook e Amazon, prima di iniziare a discutere sulla possibilità di una “tassa del web”, da rimandare però in sede europea. I ceti politici invece inizialmente non hanno compreso le potenzialità offerte dai social network, perdendo bruscamente e a causa di ciò i loro consensi in favore di quelle nuove forze che invece ne hanno intuito i vantaggi in termini di propaganda, per poi farne, tutti insieme, un uso sistematico e spregiudicato, riducendo di fatto il loro rapporto con i cittadini ad una manciata di caratteri su Twitter (basti pensare che, a dispetto di una lunga tradizione che vedeva i candidati alla presidenza americani fare il proprio annuncio in discorsi tenuti nelle università, Hillary Clinton palesò le proprie intenzioni su Twitter). Continua QUI

UNISEX: LA VIA PER L’INDIVIDUO SENZA IDENTITA’

È notizia di queste ore che a New York, a partire da questo periodo, i genitori dei neonati potranno scegliere di far scrivere sul certificato di nascita di questi ultimi, invece di “maschio” o “femmina”, la dicitura “Gender X”. Questa è solo l’ultima follia di una ideologia che sempre più si sta affermando nelle istituzioni. In pochi hanno il coraggio di denunciare questa situazione; e quei pochi che questo coraggio lo hanno, sono violentemente attaccati e messi alla pubblica gogna. Una situazione di cui tutti dovete prendere coscienza: ne vale del vostro futuro e di quello dei vostri figli.

Esiste un libro “speciale” in Italia dal titolo UNISEX e con sottotitolo “Cancellare l’identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale” pubblicato da Arianna Editrice. Gli autori sono la giornalista Enrica Perucchietti e lo scrittore Gianluca Marletta. Perché questo libro è “speciale”? Perché è uno dei pochissimi libri esistenti che denunciano la così detta “ideologia gender” non tramite un altro credo dogmatico, bensì attraverso una vera e propria inchiesta molto documentata. A ogni affermazione, infatti, viene sempre riportata la documentazione e le fonti verificabili. Con UNISEX, dunque, a mio parere ci troviamo di fronte a una vera e propria opera di “giornalismo d’inchiesta”.

Inchiesta che, appunto, data la quantità di fonti riportate, non può che lasciare scioccato e basito il lettore per le conclusioni a cui questo libro arriva. Infatti non a caso gli autori hanno subito numerose minacce (persino di morte), evidentemente da chi queste conclusioni non le può accettare. Non solo. Il libro “vanta” anche periodici tentativi di screditamento. L’ultimo — avvenuto proprio durante la scrittura di questo articolo — sì è verificato su Wikipedia dove, alla voce “Omosessualismo”, l’ideologia gender viene definita come “complotto che vedrebbe il movimento omosessuale tentare di reclutare le giovani generazioni per distruggere l’umanità”. Continua QUI

Sarin per la Siria, l’influenza suina per la Russia, i medicinali avvelenati per gli Stati Uniti e molti georgiani morti per testare tutto

 By GordonDuff, Senior Editor

Al fine di rendere il mondo più sicuro, gli Stati Uniti stanno sviluppando un virus del colera armato presso il laboratorio Lugar di Tbilisi, in Georgia. Il tasso di mortalità proposto per questo “prodotto” sarà del 50% e non ci sarà alcun vaccino.

Per VT, sembra un’arma biologica, non una ricerca.

Il video è sottotitolato. Questa è una storia di VT, spezzata dal nostro Jeffrey Silverman che è dovuto andare a nascondersi.

I documenti di VT stanno dimostrando che gli Stati Uniti hanno spostato il loro programma di guerra batteriologica in Georgia e in altre nazioni vicino al confine russo. Lì, gli Stati Uniti stanno armando e testando una varietà di malattie sotto la copertura di “epidemie misteriose”.

VT detiene migliaia di pagine di documenti che descrivono violazioni di trattati che vietano lo sviluppo di armi biologiche e chimiche, gli unici trattati che gli Stati Uniti sono ancora firmatari.

È questo uno dei motivi per cui John Bolton ha minacciato di arrestare (assassinare?) I giudici presso la Corte penale internazionale dell’Aia se gli americani sono accusati di crimini di guerra?

Veterans Today racconta al pubblico russo dove proviene il gas velenoso usato all’interno della Siria.

I georgiani, che hanno stupidamente ospitato questo impianto di bio-armi dal 2011, ora soffrono di malattie inaudite. Continua QUI in lingua inglese

Assange rivela la più grande minaccia per l’umanità nell’ultima registrazione rilasciata

Prima di essere tagliato da quasi tutti i mezzi di comunicazione con il mondo esterno a marzo, il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che rimane nell’ambasciata ecuadoriana a Londra, ha condiviso la sua prospettiva sulle minacce che l’umanità deve affrontare in relazione allo sviluppo e alla protezione dei dati.

Uno dei più famosi whistleblowers del mondo, Julian Assange, ricercato dagli Stati Uniti per aver fatto fuoriuscire documenti riservati attraverso il suo sito WikiLeaks sulla guerra in Iraq per quasi un decennio, ha predetto uno scenario cupo che è “molto instabile sulla civiltà tecnologica”, affermandolo ” non va avanti a lungo “a causa della concorrenza molto rapida nel mondo cablato.

“Può produrre intelligenze artificiali molto robuste che possono essere accoppiate con stati. Lo puoi vedere negli Stati Uniti e in Cina … queste due forze prenderanno tutto il mercato. E la rapida concorrenza tra di loro con il sostegno e il sostegno degli Stati dietro di loro, l’esacerbazione della competizione commerciale attraverso la competizione geopolitica porterà ad un desiderio incontrollabile di crescita della capacità di intelligenza artificiale, portando a un conflitto o una stucchezza molto grave. Questa è la nostra più grande minaccia”, ha detto nel video, registrato prima del suo quasi completo oscuramento e rilasciato dagli organizzatori del World Ethical Data Forum di Barcellona. 

Secondo il fondatore di WikiLeaks, “quella competizione geopolitica imbrigliata dalle più grandi società di intelligence artificiale” è pronta “per accelerare un processo che gli esseri umani non possono più controllare”. Continua QUI in lingua inglese

®wld

A proposito di Copyright

  

Se le idee e le azioni avessero limiti oggi non avremmo internet e programmi gratuiti, né mai saremmo andati nello spazio

Leggendo i vari commenti in giro su giornali e blog in questi giorni, dopo l’approvazione della discussa Legge da parte della Comunità Europea sul Copyright, è altresì evidente, che i più confondono i contenuti dell’intero web con i contenuti nei vari social network e nelle chat, dove ad esempio, ogni mattina si bruciano milioni di bit elettronici per darsi un buon giorno virtuale e nel resto della giornata i stessi utenti per la maggior parte, non sprecano neanche un bit per argomentare una nuova idea o aprire una intelligente discussione.  

Eppure il web dei nostri giorni è talmente pregno di informazioni, che neanche l’enciclopedia Treccani per quanto ritenuta valente è cosi completa! Questo peraltro, si è potuto ottenere col lavoro certosino di sommi e meno sommi i quali ognuno col suo sapere ha dato un contributo utile a qualcun altro. Certo in mezzo a tanta somma sapienza vi è anche spazzatura, come vi è nella casa più pulita che per mantenerla tale bisognerà pulirla a vita.

Quello che invece più sgomenta, è che gente a cui si è dato valore come artista o come scrittore non intende capire, che l’assurdità del copyright propagata per ben 50 anni così come lo è ora, non si può pretendere che per il lavoro di un giorno si sia pagati a vita, ma dove sta scritta questa assurda equazione? Se tutti adoperassimo questa massima il mondo sarebbe un piattume fatto di tanti primi giorni e niente altro.

Oh diamoci una svegliata eh!

È di questi giorni peraltro, la discussione se lavorare o meno oltre la classica settimana lavorativa anche il sabato e la domenica, ma lo capite si o no dove è che sta’ la truffa? C’è chi deve lavorare tutti i giorni per mangiare e chi invece deve campare di rendita lavorando per un giorno o per un mese e essere ripagato per questo tutta la sua vita? Ognuno nel suo lavoro è un artista mettetevelo bene in testa visto che lavorando state creando quindi non fatevi condizionare da nessuno, ognuno che mette il suo lavoro a disposizione degli altri è per far si che altri diano a questo lavoro un valore, anche perché se non fossero gli altri a determinarlo questo valore, il lavoro di ognuno sarebbe pari a zero, cosi come non potrebbe esistere il luminare se poi non ci fosse per lui prezioso un altro uomo, ignorato questo da tutti, che crea per lui gli attrezzi per permettergli di farlo lavorare al meglio. Diviene cosi conseguente, che se il secondo facesse male il suo lavoro, anche il primo non sarebbe nessuno o al massimo poco più, ma mai un luminare.

Sembra che oggi tutti dimentichino la massima, che i furbi esistono perché esistono i cretini, i quali, dopo essere stati fottuti da furbi di ogni tipo, i cretini proprio perché essendo cretini, gli danno anche ragione. Il Massimo della demenza.

Il Copyright nato in Inghilterra nel secolo scorso, è niente altro che una furbata che non determina un valore, ma una replica che spesso neanche l’autore stesso è stato capace di replicare. Quanti cantanti avete visto esordire con una valente canzone e poi scomparsi per sempre, oppure scrittori che dopo un titolo di grido non sono stati capaci di replicare il successo del primo libro e allora perché dovremmo pagare loro e ai loro eredi, diritti che credono di avere ma non hanno? Per meglio farlo comprendere, è come se la città di Roma per far vedere a romani e turisti il Teatro Flavio, meglio conosciuto come il Colosseo, considerato una delle sette meraviglie del mondo, facesse pagare un biglietto per la meraviglia che ci si appresta a visitare e poi uno permettere di visitarla, lo riterreste demenziale perché effettivamente è demenziale, cosi come lo è il Copyright e chi lo sostiene. Oppure se volete, facciamone uno ancora più semplice di esempio, la “Costituzione” la Costituzione fu opera di ingegno dell’Assemblea Costituente, se questi ne avessero messo il copyright, nessun nuovo politico avrebbe potuto modificarla come poi hanno fatto per adattarla ai loro comodi, noh?  

Se non siete d’accordo, argomentando se ne può discutere nei commenti. Argomentando però, senza mettere avanti diritti che però si vuole togliere ad altri. Grazie.

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/

Articoli correlati:

Intervista a Fabio Lugano sul Copyright e su Kim a Italia News Canale Youtube

Bavaglio al web in Europa: ce l’hanno fatta, ora sarà legge

Ecco cosa si nasconde dietro la Legge sul Copyright

®wld

Catturare l’attenzione in tre secondi

Immagineillustrata JaapArriens www.globallookpress.com

Ex impiegati di Facebook e Google Lottano contro la tecnologia che hanno costruito

06 Febbraio 2018 dal Sito Web RT traduzione di Nicoletta Marino Versioneoriginale in spagnolo

Queste persone Vogliono che prendiate coscienza dell’impatto che l’industria tecnologica ha sulla salute dei bambini.

Vecchi dirigente della Silicon Valley (California, Stati Uniti) che hanno aiutato a trasformare Google e Facebook in giganti tecnologici, hanno unito le loro forze per lottare contro la natura di dipendenza di queste industrie e il loro impatto sulla società.

Questi ex dipendenti di imprese tecnologiche hanno fondato il Center for HumaneTechnology (Centro per la Tecnologia Umana in italiano) per,

“invertire la crisi di attenzione digitale e riportare la tecnologia verso i migliori interessi dell’umanità”.

Allo stesso tempo hanno lanciato la campagna The Truthabout Tech (La verità sulla Tecnologia) centrata sull’impatto che questa industria ha sulla salute dei bambini.

Immagineillustrata Armin Durgut  www.globallookpress.com 

Questa iniziativa sarà finanziata dal gruppo di controllo dei media senza scopo di lucro Common Sense e con il capitale che si raccoglie in questa organizzazione, che cercherà di far prendere coscienza sul danno da dipendenza della tecnologia.

Una parte di questo sforzo sarà data con la realizzazione di una campagna in 55.000 scuole pubbliche degli Stati Uniti, diretta a educare gli studenti, i genitori e i professori sui pericoli della tecnologia, che comprende la depressione che può causare l’uso intensivo delle reti sociali.

“Eravamo dentro”

Uno dei creatori di questa iniziativa e vecchio gestore di prodotti di Google, Tristan Harris, assicura che,

essendo stato “dentro”, loro sanno “ciò che fanno” le imprese, “come parlano” e “come funziona l’ingegneria”, riporta il The New York Times.

Google e Facebook possiedono,

“i super computer più grandi del mondo”.

“Dove stiamo puntando con quelle?” si domandò Harris: “Ai cervelli delle persone, ai bambini”.

Il fondatore e direttore esecutivo di Common Sense, JimSteyer, ha spiegato che la sua campagna fu ispirata dalle iniziative antitabacco; si centra sui bambini vista la loro vulnerabilità e spera che serva affinché i direttori tecnologici cambino.

Il gruppo pianifica anche di lanciare Ledger of Harms (Libri che contabilizzano i Danni), in sito web diretto a guidare gli ingegneri delle grandi compagnie tecnologiche che sono preoccupati per gli incarichi che vengono chiesti loro che comprenderà soprattutto gli effetti sulla salute di diverse tecnologie e i modi per creare prodotti più salutari.

Alleanza senza precedenti

Il Centro per la Tecnologia Umana comprende un’alleanza senza precedenti di persone che hanno lavorato in alcune delle compagnie tecnologiche più grandi del mondo.

Oltre ad Harris ci sono:

  • Sandy Parakilas, che era un manager delle Operazioni Facebook
  • Lynn Fox, una vecchia dirigente delle Comunicazioni di Apple e Google
  • DaveMorin, un ex-dirigente di Facebook
  • Justin Rosenstein, colui che ha creato il tasto “Like” di Facebook
  • Roger McNamee, un investitore della prima epoca di Facebook
  • RenéeDiResta, una specialista in bots

http://www.bibliotecapleyades.net/

************************************ 

5 Verità ferrea sui segnali dei social media È tempo di lasciar perdere

Dimentica “leoni e tigri e orsi, oh mio!” L’affermazione più accurata delle principali paure per il 2018 sembra essere “pubblicità e portata ad algoritmi, oh mio!”, Mentre nessuno di questi termini è nuovo per il nostro lessico digitale, essi” Sicuramente si sono imposti alla ribalta di ogni mente del marketing digitale, grazie in gran parte ai recenti cambiamenti “ben intenzionati” annunciati da Mark Zuckerberg.

A quelli che sono strettamente utenti finali, questi cambiamenti sicuramente suonano molto bene, come ricordiamo tutti i giorni in cui i nostri newsfeed erano pieni di “John Smith è in palestra” e “Suzie Jones ha bisogno di un caffè”, piuttosto che “ISCRIVITI PER IL MIO WEBINAR GRATUITO”.

Ma tutto quello che “lo Zuck” sta facendo sembrare è che presto useremo e faremo viaggiare solo la nostra memoria verso i nostri amici e famiglie, che non potrebbero essere più lontani dalla verità. Vedremo ancora tanto contenuto “ingannevole” come lo siamo stati, tranne che ora lo vedremo solo da coloro che possono permettersi di metterlo davanti a noi.

Come gestore di social media per diverse aziende e marchi (incluso il mio), lasciatemi dire che questo articolo non intende essere uno sfogo per lamentarmi dello stato attuale dei social media. È per aiutarti a dare un senso a qualcosa di quello che sta succedendo, dal momento che sembra interessare anche mia zia che usa Facebook per nient’altro che cucinare video e giocare alla saga di Candy Crush.

Ecco 5 aspre verità per aiutarti a dare un senso a ciò che sta accadendo ai social media nel 2018:

Il passato è il primo

Mentre le statistiche relative al tempo medio che passiamo quotidianamente sui social media potrebbero suggerire che è solo l’inizio, sappiamo tutti che ha più a che fare con la sua forte attrattiva, piuttosto che con la qualità di ciò che offre.

Pensaci, quand’è l’ultima volta che hai sentito qualcuno che ti diceva che amano sinceramente scorrere le notizie? Non è detto che non esista alcun contenuto valido o utile sui social media, ma è innegabilmente invaso sia da ciò che è completamente insignificante sia da quello per cui è stato pagato.

Per le aziende e i marchi, i social media sono passati, perché: A) sono passati i giorni in cui i seguiti erano facili da coltivare e arrivare e, B) non è più possibile interagire anche con quelli che in precedenza hanno mostrato interesse per te senza pagare il massimo dollaro.

Per gli utenti finali, i social media sono passati, perché: A) continui a vedere sempre le stesse cose dalle stesse persone e, B) non ti puoi fidare molto di quello che vedi per molte delle ragioni per cui io sto andando a precisare sotto.

  1. È antisociale

Come può una piattaforma di SOCIAL media essere antisociale? Facile, essendo ciò che sono attualmente. Potremmo essere collegati a più persone di quanto i nostri sé più giovani (a seconda di quanti anni hai) avrebbero mai pensato possibile, ma quanto ne sappiamo veramente di loro?

I social media ci danno tutta l’illusione della socializzazione, mentre gradualmente ci rendono sempre più a disagio con l’interazione reale. Caso in questione: pensa a quanto anche una semplice telefonata da tutti tranne pochi numeri selezionati ti mette a disagio. Confrontalo (sempre a seconda di quanti anni hai) a come le telefonate di benvenuto sono cresciute nella tua famiglia.

Viviamo in un mondo in cui centinaia, se non migliaia, di noi si radunano ogni giorno su autobus e metropolitane per non scambiarsi più di un cenno cortese con uno o due altri. Proprio come i numeri di utilizzo dei social media sono in aumento, così come quelli relativi alla depressione e alla solitudine, pensi che esista una correlazione?

  1. Portare fuori il peggio di noi

A questo punto abbiamo tutti familiarità con il termine “cyber-bullo” e, mentre Internet nel suo complesso potrebbe essere responsabile della sua creazione, sui social media il cyberbullismo ha saldamente messo piede.

Proprio come l’alcol fornisce a molti di noi un livello di “coraggio liquido” per parlare, i social media ci forniscono la sicurezza sufficiente a vocalizzare apertamente il nostro dispiacere nei confronti di qualsiasi cosa. I commenti odiosi e maleducati sono diventati la norma, mentre le parole di sostegno e di incoraggiamento sembrano poche e lontane tra loro, tranne quando sono chiamate naturalmente da difficoltà o tragedie.

Anche se ti consideri uno dei “simpatici” online, probabilmente ne sei ancora influenzato attraverso il filtro conscio o subconscio applicato a tutto ciò che dici, piace o condividi per mitigare le tue possibilità di essere il destinatario di esso.

  1. Tutti vogliono i tuoi soldi

Che sia alimentato da necessità ben intenzionate o pura avidità, tutti alla fine cercano i tuoi soldi online. A questo punto dovremmo sapere che il webinar gratuito è solo il punto di partenza per una canalizzazione di vendita e che il titolo “click-bait” è per farti raggiungere il loro sito da unità pubblicitarie. E va bene.

La migliore difesa di fronte a questa realtà non è di evitarli del tutto, ma di pensare veramente in modo critico prima di agire su di essa. Come qualcuno che ha costruito un corso online da solo, e sta attualmente lavorando su un altro, so che sembra controproducente per me dire questo, ma so anche che il mio lavoro non avrà valore per tutti quelli che lo attraversano.

C’è molto valore da trovare in certe cose online, ma ciò che queste cose certe differiscono per ognuno di noi.

  1. Ti sta rendendo impaziente

L’articolo è un medium che muore lentamente; infatti, è quasi un miracolo che tu stia leggendo questa frase. Dai la colpa alla vite, dai la colpa ai feed di notizie, dai la colpa a Snapchat, qualunque sia il principale colpevole nella tua vita, siamo diventati tutti molto più impazienti e impegnativi online.

Spoiler alert: il tuo newsfeed è attualmente disseminato di video quadrati con titoli orecchiabili (alcuni dei quali sono dichiaratamente miei) e numerati articoli “list-icle” (come questo) per una ragione … è praticamente l’unica cosa che attira la tua attenzione 1 in ogni 50 tentativi! (non una statistica effettiva)

Sono ormai lontani i giorni in cui potremmo essere lentamente attirati in un punto di interesse, e qui per restare sono i giorni in cui la nostra attenzione deve essere catturata in 3 secondi o meno. Quindi, se sei stanco di vedere la stessa “schifezza” online, renditi conto che è lì solo perché l’abbiamo collettivamente portata a quel punto.

http://www.collective-evolution.com/

®wld