Archivi tag: Vladimir Putin

Men in Black del Governo Ombra

 

L’NSA Whistleblower parla di Julian Assange e del “governo ombra”

Di Arjun Walia 

  • I fatti: William Binney, dipendente di lunga data della NSA di alto rango, condivide le sue opinioni sull’arresto di Julian Assange e che ha davvero il controllo.
  • Rifletti su: Perché continuiamo a credere che un presidente possa apportare cambiamenti? Perché continuiamo a eleggere e votare senza affrontare la vera questione alla base delle decisioni prese in politica? Perché non rivolgersi al governo segreto e alla sua stretta di mano sulla politica? 

Ancora oggi, se dici alla maggior parte delle persone che esiste un “governo invisibile” o un governo ombra di portata internazionale, potrebbero chiamarti un teorico della cospirazione o darti uno sguardo divertente. Ciò è in gran parte dovuto alla mancanza di istruzione, in particolare di autoistruzione, di una popolazione che è formata per andare a scuola, trovare lavoro e “godersi” la vita. Certo, va tutto bene e dandy, ma negare e condannare un pensiero o un’idea senza alcuna indagine è sicuramente l’apice dell’ignoranza. Non solo è l’apice dell’ignoranza, ma impedisce anche all’umanità di andare avanti. Affinché possiamo andare avanti, dobbiamo identificare correttamente i nostri problemi e non aiuta quando i problemi più importanti che devono essere identificati non sono nemmeno creduti a causa del lavaggio del cervello di massa e della mancanza di istruzione. Nessuno pensa da solo, invece si basano semplicemente sui media dell’establishment, che non è stato altro che un’enorme macchina di propaganda sin dal suo inizio.

L’idea di un governo ombra non deriva solo dalle dichiarazioni di numerosi politici globali e “leader mondiali”, è stata dimostrata da cambiamenti politici e decisioni che non sono a favore delle persone o del pianeta, che rivelano come le nostre agenzie di regolamentazione federali sono gestite da interessi canaglia. Il CDC e le “Spider Papers” sono uno dei tanti grandi esempi, insieme a più informatori di più agenzie.

I partiti politici non supportano più il popolo ed è difficile dire se lo abbiano mai fatto davvero. Il governo e la politica sono ora semplicemente, come ha sottolineato il presidente Theodore Roosevelt, “strumenti di interessi corrotti che li usano nel martialling [sic] per servire i loro scopi egoistici”. Ha affermato che “Dietro il governo apparente si trova in trono un governo invisibile a causa di nessuna fedeltà e nessuna responsabilità nei confronti della gente. Distruggere questo governo invisibile, confondere la cattiva alleanza tra affari corrotti e politica corrotta è il primo compito della statualità del giorno”.

Questo è il potere invisibile che esiste oggi. Roosevelt non è stato l’unico, nel suo discorso di addio, il presidente Eisenhower ha avvertito dell’ascesa del potere mal posto che “esiste” e “persisterà” all’interno del complesso industriale militare.

Non molto tempo fa, il presidente Vladimir Putin ha spiegato come, dopo essere stato eletto un presidente negli Stati Uniti, “uomini in giacca e cravatta scura” entrano e fondamentalmente gestiscono lo spettacolo. (fonte)

Secondo il presidente Woodrow Wilson:

Da quando sono entrato in politica, ho avuto le opinioni degli uomini principalmente confidate in privato. Alcuni dei più grandi uomini degli Stati Uniti, nel campo del commercio e della produzione, hanno paura di qualcuno, hanno paura di qualcosa. Sanno che esiste un potere da qualche parte così organizzato, così sottile, così attento, così interconnesso, così completo, così pervasivo, che è meglio che non parlino al di sopra del loro respiro, quando ne parlano viene emessa una condanna. (La nuova libertà, un appello all’emancipazione delle generose energie di un popolo, scritto nel 1913)

Sembra che John F. Hylan, sindaco di New York City dal 1918 al 1925 avesse ragione nel dire che “la vera minaccia della nostra Repubblica è il governo invisibile, che come un polpo gigante si estende sulle gambe viscide delle nostre città, stati e nazione“.

Alla fine della giornata, se segui i soldi, non è difficile capire chi sia questo “governo invisibile” a cui molti hanno fatto riferimento. Una cosa è abbastanza chiara, non sembra che abbiano troppa preoccupazione per l’umanità o il pianeta Terra. Ci sono così tante prove che mostrano che l’élite finanziaria globale (vari membri di grandi politiche, corporazioni, Hollywood, famiglie reali, persone in posizioni di grande potere, il Vaticano, ecc.) Sono impegnate in alcuni comportamenti molto psicopatici. Ma sei davvero sorpreso? Guarda il mondo, i suoi sistemi e tutti gli aspetti che circondano l’umanità … è davvero un riflesso dei “leader” psicopatici. Ed è un riflesso del fatto che siamo totalmente ignari di esso a causa del lavaggio del cervello di massa. Tuttavia, in molti casi, sosteniamo e difendiamo questi sistemi e non accettiamo altro … Ci rifiutiamo di riconoscere cose che qualsiasi persona abbastanza intelligente dovrebbe essere in grado di vedere con un po’ di indagine.

Questo è il motivo per cui ho sentito il bisogno di condividere l’intervista qui sotto di William Binney. Binney è un ex funzionario dell’intelligence di alto livello presso la National Security Agency, che è diventata informatore dopo oltre 30 anni con l’agenzia. Ha emesso un fischio, come ha fatto Edward Snowden, dopo l’11 settembre sui programmi di raccolta e sorveglianza dei dati di massa dell’agenzia, insieme a J. Kirk Wiebe e Edward Loomis, altri due impiegati dell’agenzia.

Da allora, è stato abbastanza schietto e ha contribuito a far luce su molte altre questioni. Ha anche affermato che i programmi di sorveglianza dell’NSA non hanno nulla a che fare con la sicurezza della popolazione, ma sono piuttosto mezzi per continuare ulteriormente il “controllo totale della popolazione”. (Fonte)

Ciò avrebbe senso e confermerebbe anche tutte le prove che dimostrano le connessioni tra le organizzazioni terroristiche e il complesso industriale governativo / militare, comprese le prove che dimostrano il loro coinvolgimento nel finanziamento, nel sostegno e nella creazione di queste organizzazioni. Nonostante tutto, sostengono di “inseguire” gli stessi terroristi che sostengono in nome della democrazia.

Nell’intervista che segue, Binney fa riferimento anche al governo ombra per quanto riguarda Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, in particolare per quanto riguarda il suo recente arresto e detenzione.

Di seguito una citazione dell’intervista:

Per me, questa è semplicemente una continuazione dell’acquisizione del mondo da parte dei governi ombra del mondo e delle loro relazioni a livello internazionale. Sono sempre lì, non vengono votati dentro e fuori. Controllano tutte le informazioni che vengono fornite al presidente, ad esempio, per prendere decisioni. Possono personalizzare ciò che vogliono che faccia lui focalizzando alcune informazioni su di lui e tenendone gli altri lontani come il blocco dell’ombra. Non permettono ad altre opinioni di arrivare a lui in modo che non abbia l’opportunità di vedere un’altra visione. Hanno la maggior parte dei media mainstream chiusi e fanno quello che vogliono e che fanno adesso, ma è un po ‘come il chiodo nella bara che dice: “se mai fai qualcosa che espone tutti i crimini che stiamo commettendo o la criminalità che stiamo facendo dietro le quinte, se mai lo farai, arriveremo a te.”

Nell’intervista menziona anche come usano la “sicurezza nazionale” come scusa per fare tutto in segreto, e come è diventato un nome usato per giustificare segreti che sono molto poco etici e sbagliati.

E c’è il pericolo molto grave che un’annunciata necessità di maggiore sicurezza venga colta da coloro che sono ansiosi di espandere il suo significato fino ai limiti della censura e dell’occultamento ufficiali. Che non intendono permettere nella misura in cui è sotto il mio controllo. – JFK (fonte)

C’è un sacco di buon cibo per pensare, quindi assicurati di dare un’occhiata all’intervista.

Il messaggio è per tutti gli altri nel mondo, o sei conforme a ciò che ti diciamo di fare, o ti faremo questo.

The Takeaway

L’influenza del “governo segreto” è esattamente il motivo per cui vediamo così tanti presidenti che parlano contro certe cose durante le loro campagne, e poi all’improvviso fanno un centottantottesimo grado di ribaltare le loro promesse una volta che sono in carica. I presidenti, insieme ad altri politici, sono probabilmente ricattati, estorti, sottoposti a lavaggio del cervello o tenuti lontani da certe narrazioni e prospettive. Molti di loro non sono stati altro che marionette per l’élite globale. Alcuni lo fanno volentieri, altri inconsapevolmente. Se una cosa è vera sulla politica globale, è che ciò che ci viene presentato è lontano dalla verità per quanto riguarda ciò che sta realmente accadendo dietro le quinte.

Arjun Walia – Mi sono unito al team CE nel 2010 poco dopo aver finito l’università e sono stato grato per il fatto che sono stato in grado di farlo da allora poiché Ci sono molte cose che accadono sul pianeta che non risuonano con me, e io volevo fare quello che potevo per svolgere un ruolo nella creazione del cambiamento. È stato grandioso apportare cambiamenti nella mia vita e creare consapevolezza e non vedo l’ora di altri progetti che vadano oltre la consapevolezza, entrino in azione e attuazione. Quindi rimanete sintonizzati [email protected]

Questo articolo proviene da Evoluzione collettiva.  

Fonte: https://www.activistpost.com/ 

®wld

Il 5G la nuova via della seta Tecnologica

 

I segreti del 5G, tra spionaggio e controllo militare delle masse: Di Maio ci ha venduti ai cinesi (del Partito Comunista)

di Maurizio Martucci

Bonariamente è ‘la via della seta digitale’, ma ha tutte le caratteristiche di una vera e propria guerra di spionaggio industriale, una partita a Risiko nello scacchiere internazionale, dove la posta in palio per la post-globalizzazione sarebbero le sorti dell’umanità nel wireless di quinta generazione. In ballo, oltre investimenti miliardari e salute pubblica minacciata da un nuovo tsunami di inesplorate microonde millimetriche, anche servizi segreti, lobby del datismo e cyberspionaggio nell’infrastruttura digitale, la rete dell’Internet delle cose: con buona pace di Marco Polo e la ‘seta’ nei collegamenti tra antica Roma e impero d’Oriente, chi controllerà il 5G potrà come detenere il mondo? Quantomeno, così pare, la sua stabilità nel controllo di intelligence e security!

Sarebbe questo lo scenario segreto dietro la forsennata corsa al 5G. Le schermaglie di facciata tra USA e Cina per la leadership sul primato sull’intelligenza artificiale non sarebbero altro che un deterrente, se è vero come il proibizionismo di Donald Trump sia finito su Giappone, Australia e Nuova Zelanda, dove alle cinesi Zte e Hawuei sono stati interdetti appalti pubblici e forniture aziendali pel 5G (in USA previsto poi nel 2019 un ordine esecutivo di emergenza nazionale per impedire alle aziende statunitensi l’utilizzo di apparecchiature di telecomunicazione made in China).

 

In questa spy story, l’anomalia occidentale è rappresentata proprio Italia, o meglio, da Luigi Di Maio e i suoi deputati, decisi a fare del 5G italiano la testa d’ariete cinese in Europa, mentre Hawuei viene ostacolata in Germania, Francia, Gran Bretagna, Belgio e Norvegia: lo si era capito già a Settembre quando, pretesa con forza la delega dello Sviluppo Economico appena insediato Conte al Colle, DI Maio aveva partecipato al summit di Hauwei in Parlamento (c’erano anche i sottosegretari Geraci e Tofalo, la deputata Liuzzi e i Sindaci di Roma e Genova Raggi e Bucci). “Abbiamo rapporti molto costruttivi con il governo italiano – nell’occasione aveva detto Thomas Miao di Huawei Italy – siamo felici che abbia accettato il nostro invito a parlare di rivoluzione 5G, infrastrutture, è fondamentale interloquire con le pubbliche amministrazioni”.

 

Non confondano le recenti audizioni in Commissione Trasporti dei vertici di Vodafone Italia (27/11), TIM Spa, Wind Tre (14/12) e Fastweb (17/12) che puntano sull’innalzamento per legge dei valori soglia dell’irradiazione elettromagnetica (da 6 V/m a 61 V/m?), prevista nel documento elettorale del MoVimento 5 Stelle, perché che Di Maio spostasse l’ago della bilancia in favore del Dragone smarcandosi da Trump (e pure da Putin) lo si era capito nel workshop sulla ‘via della seta digitale’ organizzato nell’ambasciata cinese a Roma, quando l’ambasciatore Li Ruiy senza mezzi termini aveva detto che “il XIX congresso del Partito Comunista Cinese ha ribadito la volontà di realizzare un sistema economico moderno, accelerare lo Stato innovativo, perfezionare il sistema del mercato socialista e farlo arrivare a un’apertura complessiva”. Scrivendo sull’ultimo G20 in Argentina e dell’incontro tra Trump e Xi, anche il quotidiano comunista italiano Il Manifesto ha sostenuto come “di sicuro il partito comunista cinese ha affermato il proprio impegno nello sviluppo della tecnologia 5G”, mentre secondo indiscrezioni da Pechino, China Telecom e China Unicom starebbero per allearsi in ottica 5G creando nuovo gigante da 600 milioni di abbonati controllato dal governo rosso, legato al Dipartimento del Lavoro del Fronte unito, strumento del Partito comunista cinese (il motivo per cui, a differenza di Di Maio, Trump blocca Zte e Hauwei in USA). Ma non è tutto, perché secondo il Quotidiano del popolo (massimo organo di stampa del Partito comunista cinese) avrebbe la tessera del partito anche Jack Ma, fondatore del colosso dell’ecommerce Alibaba che – come in un rompicapo – nel “Russian direct investment fund” (un fondo d’investimenti collegato al Cremlino) punterebbe a collegare la Cina con la Russia di Putin.

 

E qui entrano in gioco Di Maio e l’anomalia dell’entourage pentastellato, criticato anche da Il Sole 24 Ore (organo di Confindustria). Con due missioni internazionali compiute in soli due mesi, a Novembre il ministro dello sviluppo economico era volato a Shanghai per il ‘China International Import Expo’: incontrato il presidente cinese Xi Jinping, segretario generale del Partito Comunista Cinese (dietro le multinazionali hi-tech ci sono le grandi banche governative, Bank of China e Industrial & Commercial Bank of China fondata dall’ex ufficiale dell’esercito di Liberazione popolare cinese Ren Zhengfei), Di Maio ha incassato i dubbi del senatore centrista Giuseppe Esposito, già vice presidente del Copasir (comitato parlamentare di vigilanza sui servizi segreti per la sicurezza della Repubblica) secondo cui “non viene ancora posta la giusta importanza sul ruolo dell’infrastruttura. Chi controlla le reti controlla tutte le informazioni, anche h24”. Il nodo, quindi, sarebbe proprio lo spionaggio industriale, ovvero il controllo di una quantità impressionante di dati che, con Zte e Hauwei, finirebbero nelle mani dei cinesi: nonostante la smentita di circostanza di Zte Italia, con l’apertura del Tecnopolo d’Abruzzo a L’Aquila è indubbio però come l’azienda fatta fuori in mezzo occidente annuncia investimenti da 500 milioni di euro in Italia solo nei prossimi 5 anni, mentre per il New York Times Huawei avrebbe speso 600 milioni di dollari per la ricerca 5G dal 2009, destinati 800 milioni solo per il 2018.

 

Ma non è finita. L’ultimo appello del Comitato di tutela per l’Ambiente Monte Porzio Catone (Roma), promotore della raccolta firme Stop 5G (quasi quota 6.500 firme), apre poi un altro scenario, a dir poco apocalittico, tirante in ballo persino armi a microonde, note anche come Active Denial System (ADS), sviluppate dalle forze armate statunitensi per il controllo delle masse (il cosiddetto “goodbye effect” sperimentato in Afghanistan e che – secondo una nota dell’Aeronautica USA – causerebbe anche gravi ustioni).

Nel video dimostrativo dell’esercito americano – preoccupato scrive il comitato dell’hinterland capitolino – vedete come può essere utilizzato per evitare proteste e sommosse nella cittadinanza. Immaginiamo che i prossimi ripetitori 5G potranno essere posizionati nelle grandi città, magari su ogni palazzo in modo che ogni cittadino potrà essere irradiato (se necessario), conoscendo la sua posizione grazie alle trasmissioni TLC. Se a questa considerazione aggiungiamo gli ultimi studi del prof. Ben Ishai del dipartimento di Fisica dell’Università Ebraica in cui si evince che le frequenze adoperate per il 5G entrano in perfetta risonanza con i dotti sudoripari trasformandoli in migliaia di antennine elicoidali, che assorbono e ritrasmettono il segnale 5G (dentro e fuori del nostro corpo), lo scenario che si viene a delineare è alquanto allarmante”.

Riproduzione consentita, citando fonte e autore

®wld 

Mentre i media parlano tutti ad’unisono … Ecco alcune Considerazioni della rete

Il professore emerito del MIT ha dichiarato che l’ultimo attacco chimico in Siria non è stato l’atto di Assad

Arjun Walia 14 aprile 2018

Il terrore e la guerra sono stati pesantemente parte del nostro pianeta per l’ultimo secolo, e nonostante il fatto che questi tipi di attività non sembrino essere naturali per l’essere umano medio e empatico, sono ancora portati avanti mentre il mondo guarda con incredulità e cuore spezzato. Chi vuole veramente la guerra?

Alla fine della giornata, questi sono gli esseri umani che stanno eseguendo la volontà di un altro, che non si batterà mai, e questa sembra essere una forma di lavaggio del cervello. Lo scopo di questo articolo è quello di esplorare cosa sta realmente accadendo e perché questo è importante per noi da realizzare prima che possiamo aspettarci che i cambiamenti accadano.

I recenti attacchi chimici in Siria naturalmente si sono verificati, questa non è la domanda qui. Invece, stiamo suggerendo che questi attacchi siano condotti da un gruppo di persone, che lavorano per un altro gruppo di persone potenti, ma sono incolpati di un altro. In questo caso, il presidente Bashar Al-Assad e il governo siriano sono quelli accusati di un attacco che probabilmente non hanno commesso. Vedremo perché più avanti nell’articolo.

Con questa comprensione, si noti che questa è ancora considerata una bandiera falsa. Un evento che è accaduto in realtà, ma che non è così come sembra di portare avanti un programma. Gli eventi con flag false comprendono sia eventi reali che eventi.

Capire come e perché

Solo negli ultimi 10 anni, è sorprendente quanta informazione sia emersa da fonti credibili su come ciò che viene detto dai principali organi di informazione riguardo a eventi importanti, in particolare la geopolitica internazionale, sia semplicemente falso.

Non è difficile da credere, ad esempio, prendere le relazioni dei governi con i media. Un documento della CIA afferma che la task force della CIA “ora ha relazioni con i giornalisti di tutti i principali servizi di filo, giornali, notizie settimanali e reti televisive della nazione” e che “questo ci ha aiutato a trasformare alcune storie di ‘insuccesso dell’intelligence’ in” storie di successo dell’intelligence, e ha contribuito all’accuratezza di innumerevoli altri. “Inoltre, spiega come l’agenzia ha” persuaso i giornalisti a posticipare, cambiare, detenere o addirittura scartare storie che avrebbero potuto influire negativamente sugli interessi di sicurezza nazionale o fonti e fonti compromesse metodi. “Abbiamo anche visto diversi giornalisti pluripremiati uscire e suonare il fischio dell’influenza governativa e corporativa sui media.

Articoli CE correlati:

3 giornalisti di media mainstream popolari si riuniscono per raccontare la verità su Tell Lie Vision

Documenti della CIA declassificati Mostra il controllo delle agenzie rispetto ai media e all’università mainstream

L’11 settembre potrebbe forse essere uno degli esempi migliori e più noti. Molte persone, inclusi accademici e politici, hanno espresso la loro preoccupazione che il Deep State (all’interno del governo degli Stati Uniti) abbia effettuato questi attacchi per giustificare l’invasione del Medio Oriente. Questo è il motivo per cui almeno metà della popolazione americana non ha creduto alla spiegazione ufficiale del governo degli eventi emersi quel giorno, non perché fossero “teorici della cospirazione”, ma a causa di tutte le prove. Più di un decennio dopo sono emersi numerosi studi peer-reviewed da parte di scienziati e ingegneri che sottolineano al mondo che non è possibile che gli aerei abbiano potuto abbattere il WTC 1 e 2, non dimenticarsi di 7. Nulla affatto lo ha colpito costruzione.

“La guerra globale al terrorismo è un’impresa statunitense, che è falsa, si basa su premesse false. Ci dice che in qualche modo l’America e il mondo occidentale stanno perseguitando un nemico fittizio, lo stato islamico, quando in realtà lo stato islamico è pienamente sostenuto e finanziato dall’alleanza militare occidentale e dagli alleati americani nel Golfo Persico. “- Dr. Michel Chossudovsky, professore emerito all’Università di Ottawa, ha parlato alla Conferenza internazionale sul Nuovo Ordine Mondiale, organizzato e sponsorizzato dalla Perdana Global Peace Foundation.

Cosa è successo in Siria

Questo è il motivo per cui parlare di ciò che è successo in Siria è importante perché sappiamo che questi eventi sono usati per infiltrarsi e presumibilmente portare la democrazia in questi paesi in difficoltà. Ma ancora, li stiamo mettendo in difficoltà per poter entrare e invadere, facendolo apparire completamente giustificabile e persino umanitario agli occhi delle masse? È questo che i nostri ‘leader’ stanno davvero facendo?

Il presidente siriano Bashar Al Assad sarà il primo a dirvi:

Ma molti altri nel regno della politica globale e del mondo accademico faranno lo stesso, e uno degli ultimi a farlo è il professore del Massachusetts Institute of Technology Theodore Postol, che ha scritto una recensione preliminare delle dichiarazioni del governo degli Stati Uniti all’inizio di questa settimana e ha condiviso le sue scoperte con il mondo.

Si tratta di un rapporto di sei pagine che, secondo lui, “dimostra inequivocabilmente che l’ipotesi alla Casa Bianca non è corretta”. Postol afferma che questa ipotesi era “totalmente”. ingiustificato … e nessun analista dell’intelligence competente avrebbe accettato che questa ipotesi fosse valida.”

Sta affermando che il rapporto ufficiale sull’attacco rilasciato dal governo degli Stati Uniti non è stato fatto da esperti di intelligenza intelligente, di buon cuore e competenti, “a meno che non fossero motivati ​​da fattori diversi dalle preoccupazioni sull’accuratezza del rapporto”.

Si tratta di accuse di carattere emotivo, ed è ovvio che molte persone, anche all’interno degli Stati Uniti, si sentono fortemente motivate, nonostante la retorica opposta dei media mainstream.

La sua prova chiave provenne da una serie di fotografie del cratere in cui il contenitore contenente il gas di sarin era presumibilmente caduto. Nella fotografia, diversi uomini che ispezionano il sito indossano guanti medici e indumenti larghi.

 Egli afferma,

“Se ci fosse qualche sarin presente in questa location quando questa fotografia è stata scattata, tutti nella fotografia avrebbero ricevuto un sarin letale o debilitante … Il fatto che queste persone fossero vestite in modo così inadeguato o suggerisce una completa ignoranza delle misure di base necessarie per proteggere un individuo dall’avvelenamento di sarin, o che sapevano che il sito non era seriamente contaminato.”

È bello vedere figure accademiche di spicco come questo affermare la verità, invece di tacere per un assegno.

La cosa divertente è che è stato il direttore della CIA, Mike Pompeo, a confermare che è stata la CIA a concludere che il governo siriano era dietro questi attacchi. O dovremmo semplicemente dire semplicemente lo Stato profondo, che sembra ora aver completamente preso in mano l’ amministrazione di Donald Trump, come con la maggior parte dei presidenti prima di lui.

A livello personale vorrei dire che la quantità di prove che mostrano ciò che sta realmente accadendo riguardo agli attacchi in Siria è schiacciante. Vari politicanti e accademici di buon cuore lo stanno esponendo per la gente senza mezzi termini, sono fatti fabbricati dall’alleanza militare occidentale, lo Stato profondo, per giustificare l’infiltrazione e il bombardamento che sta avvenendo attualmente in Siria. Si tratta di un programma di acquisizione, camuffato da missione di salvataggio?

Un altro punto chiave è la cronologia a cui hanno avuto luogo entrambi i recenti attacchi chimici siriani.

Il 30 marzo 2017, la Reuters ha riferito che la Siria non era più una priorità degli Stati Uniti. 5 giorni dopo l’attacco del gas in Siria e gli Stati Uniti rispondono con 59 missili Tomahawk.

Fino al 29 marzo 2018 e Trump dichiara che gli Stati Uniti “verrebbero fuori dalla Siria molto presto”, poche ore dopo che il Pentagono ha evidenziato la necessità per le truppe statunitensi di rimanere nel paese per l’immediato futuro. “Stiamo bussando all’inferno per ISIS. Usciremo dalla Siria molto presto. Lascia che le altre persone si occupino di questo ora “, ha detto Trump ai sostenitori di un evento dell’Ohio sulle infrastrutture, come riportato dalla CNN.

Pochi giorni dopo, il 7 aprile 2018, i White Helmets riferiscono che Assad aveva nuovamente gasato la sua stessa gente.

Quindi, l’8 aprile 2018, gli Stati Uniti incolpano Russia, Iran e Siria per gli eventi.

Isteria russa

Ciò che è anche interessante menzionare è che altri leader mondiali hanno visto questo dopo l’ultimo presunto attacco di armi chimiche in Siria avvenuto l’anno scorso. Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato pubblicamente che questo attacco era una “falsa bandiera” e che “altri sono in preparazione in Siria”.

In una conferenza stampa congiunta con il presidente italiano Sergio Mattarella a Mosca, Putin ha detto:

“Abbiamo notizie da più fonti che false bandiere come questa – e non posso chiamarla altrimenti – sono in preparazione in altre parti della Siria, inclusa la periferia meridionale di Damasco. Hanno in programma di piantare qualche sostanza chimica lì e accusano il governo siriano di un attacco”.

Non molto tempo fa, nel suo discorso al 13° incontro annuale del Valdai International Discussion Club, ha espresso come la comunità globale si stia stancando dei poteri e di come continuano a “sfornare minacce, minacce immaginarie e mitiche come la “Minaccia militare russa”, “spiegando come sia un” business redditizio che può essere usato per pompare denaro nuovo in bilanci della difesa a casa, convincere gli alleati a piegarsi verso gli interessi di una sola superpotenza, espandere la NATO e portare le sue infrastrutture, unità militari e armi più vicine ai nostri confini”.

Quindi prosegue descrivendo la propaganda anti-russa che gli Stati Uniti hanno diffuso negli ultimi anni:

“Un altro problema mitico e immaginario è quello che posso solo chiamare l’isteria che gli Stati Uniti hanno scatenato su presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali americane. Gli Stati Uniti hanno molti problemi veramente urgenti, a quanto pare, dal colossale debito pubblico all’aumento delle violenze delle armi da fuoco e ai casi di azioni arbitrarie da parte della polizia”.

Puoi leggere l’intera trascrizione e guardare qui il video dei suoi commenti qui.

No, questa non è la propaganda russa o le notizie false, è semplicemente l’informazione che è verificabile, sta a noi lettori e persone guardare più di una prospettiva su qualcosa.

La narrativa di falsa bandiera, prima di alcuni anni fa, non è mai stata sollevata da questi “leader” mondiali. Ora sembra essere un termine comune, così come lo stato profondo. La verità non è verità perché un politico dice che lo è. Possiamo tutti fare il nostro pensiero critico e la nostra ricerca indipendente invece di dare la nostra percezione alla televisione. Se lo facessimo, vedremmo una storia diversa, e sarebbe molto più facile decifrare commenti onesti e disonesti che emergono dalla bocca della maggior parte dei politici, ma non tutti.

Ecco alcuni articoli CE relativi all’ultimo attacco chimico che ha avuto luogo in Siria:

Il principale consigliere politico di Assad dice che lo sciopero dei missili Usa ha ucciso il popolo che lottava contro i terroristi

Assad afferma che l’attacco chimico della Siria è stato fabbricato e gli Stati Uniti sono a braccetto con i terroristi

Il giornalista americano popolare, Ben Swann, spiega come non ci sia stato un attacco di Sarin Gas da parte di Assad in Siria

Il Pentagono spende $ 2,2 miliardi per armare ribelli siriani e documenti falsi

Perché tutto questo è così rilevante?

Questo perché è uno dei tanti esempi di come la nostra percezione, la nostra stessa coscienza umana, viene manipolata e utilizzata per servire la volontà di un gruppo canaglia di élite finanziaria. La sofferenza umana non necessaria sta avvenendo e noi la stiamo permettendo rimanendo inconsapevoli e invocando la guerra basata sulla loro tattica manipolativa. Siamo spinti in uno stato di paura nel pensare che ci sono così tanti nemici fuori per prenderci tutto il tempo e questa paura ci rende facili da manipolare. Quando iniziamo a vedere la verità, iniziamo a riprendere il potere e improvvisamente le loro tattiche non hanno lo stesso potere di quello che vediamo oggi.

È anche importante riflettere sul fatto che il nostro patriottismo nei confronti del nostro Paese può spesso essere fuorviato, poiché stiamo unendo gli eserciti e proteggendo le persone sulla base di idee che non sono reali.

Questo tipo di manipolazione della coscienza avviene a tutti i livelli, e non solo con argomenti geopolitici.

Non più di cinque anni fa, suggerendo che eventi come questi sono atti di falsa bandiera ricevettero una critica così dura, oggi sembra che sempre più persone abbiano effettivamente fatto ricerche indipendenti e ora possono vedere cose che stanno diventando, agli occhi di molti, estremamente ovvio. Quindi stiamo espandendo il modo in cui vediamo le cose.

Eventi come l’11 settembre e gli eventi che si sono svolti in Siria e in tutto il Medio Oriente, sebbene visti da alcuni come oscuri, hanno effettivamente offerto un enorme scopo all’umanità nel vedere la verità. Per quanto sia difficile da dire, senza che questi eventi portino a compimento il loro modo di essere, saremmo molto più aperti alla manipolazione e all’inganno, ma come risultato di alcuni di questi eventi, è stata creata una controreazione di milioni di persone che si svegliano e vedere attraverso le bugie.

Ancora una volta, ci sono più esempi, come la Libia. Tutto sembra essere parte del piano più profondo.

Sta accadendo un cambiamento di coscienza, e ciò che è incoraggiante è che non sta accadendo solo a noi, io e te, ma sta accadendo anche con individui nel profondo stato, nel regno della politica occidentale. Una grande divisione si sta verificando nello stato profondo e sta causando molti cambiamenti positivi a questo vecchio regime.

Questo è ciò che è necessario, perché alla fine della giornata, è un cambiamento che deve avvenire all’interno di tutti gli individui su questo pianeta se vogliamo andare avanti insieme come una razza umana. Uno in cui la nostra coscienza e percezione della realtà è nostra e non programmata in noi.

Fonte: http://www.collective-evolution.com/

********************************

Mentre i media parlano tutti ad’unisono … Ecco alcune Considerazioni della rete 

 La denuncia di Mosca

https://guardforangels.altervista.org/blog/2018/04/la-denuncia-di-mosca/

Raid Usa sulla Siria. Ma quel potere ci teme: deve mentirci http://www.libreidee.org/2018/04/raid-usa-sulla-siria-ma-quel-potere-ci-teme-deve-mentirci/

PORTARE L’ITALIA FUORI DAL SISTEMA DI GUERRA FINCHE’ SIAMO IN TEMPO http://www.nogeoingegneria.com/news/portare-litalia-fuori-dal-sistema-di-guerra-finche-siamo-in-tempo/

@@@@@@@@

Gli USA bombardano la Siria 

Viene una certa nausea, a vedere le stesse dinamiche che si ripetono all’infinito. Gli americani inventano false flags, i media gli fanno da cassa di risonanza, e poi gli americani attaccano il bersaglio che avevano scelto già molto prima della false flag. https://www.luogocomune.net/LC/16-geopolitica/4905-gli-usa-bombardano-la-siria

Putin: attacco all’Atto di aggressione della Siria contro lo Stato sovrano 

I paesi occidentali colpiscono la Siria, anche se né gli esperti militari russi, né i residenti locali hanno confermato il fatto di un attacco chimico nella città di Douma, ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin.  https://sputniknews.com/world/201804141063547305-kremlin-syria-strike-damascus/

FANTASTICO SPUTTANAMENTO DI TUTTA L’OPERAZIONE “ATTACCO CHIMICO A DOUMA”!!! http://fulviogrimaldi.blogspot.it/2018/04/fantastico-sputtanamento-di-tutta_13.html

Guerra in Siria, ecco perché l’Italia non deve cascarci di nuovo (almeno stavolta)

Adesso forse sì che avremo un Governo, visto che ci dobbiamo attrezzare alla guerra di Usa-Francia-Regno Unito alla Russia per interposta Siria. https://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=60393

®wld

Almanacco di marzo 2018

Putin: Usa fermatevi, abbiamo missili iper-sonici ‘imparabili’

Scordatevi di passarla liscia, dopo aver colpito la Russia con un “first strike”, un attacco nucleare preventivo come quello lungamente accarezzato dai neocon annidati alla Casa Bianca sotto la presidenza Obama: Mosca dispone di armi nuovissime e micidiali, in grado di annullare l’intero arsenale balistico statunitense. Ha del clamoroso, il recente annucio di Putin: i russi hanno a disposizione armamenti fino a ieri inimmaginabili. Missili atomici intercontinentali fulminei, non intercettabili: viaggiano a una velocità pari a 20 volte quella del suono, e non in base a un’orbita prestabilita. I missili Avangard e Sarmat sono a guida remota, pilotati a distanza e diretti sul bersaglio, su cui piombano dopo un volo a bassissima quota. In più, la Russia annuncia di aver varato il primo drone sommergibile della storia, un natante senza pilota in grado di filare a 200 chilometri orari a grande profondità, anch’esso armato con missili atomici. «Non esiteremo a impiegare questi armamenti – avverte Putin – per difendere il suolo russo e anche i nostri più vicini alleati». Il che, tradotto, «significa una sola cosa: la protezione strategica russa si estende alla Cina», sostiene Giulietto Chiesa su“Pandora Tv”. Di colpo, l’annuncio del Cremlino vanifica 15 anni di continue provocazioni da parte degli Usa, che hanno sostanzialmente accerchiato la Federazione Russa. Continua QUI

Tenere Trump e Netanyahu fuori dal carcere: Israele pianifica un attacco alla Siria con Trump, la Russia tradita

Trump sta minacciando la guerra nucleare a meno che Mueller non si ritiri dalle accuse contro il presidente. Questo è più che “distrazione”, questa è la vera “arte del patto”, il vero Trump, un gangster di New York armato di armi nucleari.

Gli Stati Uniti e Israele prevedono di utilizzare armi nucleari tattiche sviluppate segretamente per decapitare la Siria. Queste armi sono state sviluppate dal 1994 e sono state prodotte e dispiegate usando fondi preventivati ​​destinati a modernizzare la bomba nucleare B61. Includono armi nucleari “salate” con una carica di kiloton, molto piccola, che accecherà il radar russo e distruggerà le comunicazioni russe in Siria.

Trump ha appena licenziato il Segretario di Stato Tillerson per far avanzare la questione.

Tillerson è stato avvertito di rimanere in silenzio o di essere ucciso.

Nell’attentato all’attacco pianificato, due aerei russi sono stati abbattuti, uno in Siria, uno in Russia, parte di un piano per influenzare le elezioni russe. A Trump è stato detto che la Russia non risponderà a causa delle prossime elezioni.

Il piano si svolgerà nelle prossime 36 ore, a cominciare da un massiccio attacco missilistico a Damasco e dagli attacchi aerei statunitensi e israeliani per decapitare la Siria e uccidere il presidente Assad. La guerra di propaganda contro la Siria, amplificata al massimo negli ultimi giorni, è il “set up”. Continua QUI (L’articolo è in lingua inglese)

Rapporto MIL€X 2018: la spesa militare italiana per il 2018

I dati dell’Osservatorio Milex: la spesa militare vale l’1,4% del Pil. Pesa, oltre ai bilanci di Difesa, l’aumento dell’importo destinato al ministero dello Sviluppo per l’acquisto di nuovi armamenti. E una quota è destinata al Nuclear Sharing, le spese di mantenimento dell’arsenale nucleare Usa dislocato in Italia

Ammonta a 25 miliardi di euro la spesa militare italiana per il 2018, l’1,4 per cento del Pil, con un aumento del 4 per cento rispetto al 2017. Si tratta ormai di una tendenza di crescita avviata dal governo Renzi (con un 8,6 per cento in più rispetto al 2015) che non accenna a fermarsi. Nel 2018, infatti, crescono anche il bilancio del Ministero della Difesa (21 miliardi, il 3,4% in più rispetto al 2017) e i contributi del Ministero dello Sviluppo Economico all’acquisto di nuovi armamenti (3,5 miliardi di cui 427 milioni di costo mutui, ossia il 115% in più nelle ultime tre legislature).

A rivelarlo è il Rapporto MIL€X 2018,(1) (2) a cura di Enrico Piovesana, cofondatore dell’osservatorio sulle spese militari italiane e di Francesco Vignarca della Rete italiana per il Disarmo. Il dossier è stato presentato oggi presso la sala stampa della Camera dei Deputati alla presenza di Daniel Högsta, coordinatore della campagna ICAN (International Campaign to Abolish Nuclear Weapons), premio Nobel per la Pace 2017. Continua QUI

ACCELERAZIONI E SEGNI

di Maurizio Blondet 

Erdogan fa’ il saluto dei Lupi Grigi,  il gruppo  di estrema destra laicista

Oppure invoca l’aiuto del Superiore?

Tillerson cacciato: è  guerra all’Iran. 

Trump ha cacciato Tillerson e l’ha sostituito con Mike Pompeo, capo della CIA.  Il motivo è che Tillerson non era a favore del rigetto, da parte americana,   del patto sul nucleare con l’Iran; il che significa  che hanno vinto i neocon, che la  guerra a Teheran tanto desiderata da Sion si sta avvicinando (Netanyau era venuto a chiederla  pochi giorni fa in USA).  La nomina di Pompeo significa che anche la guerra in Siria continuerà e   anzi avrà un’escalation: i j vogliono la rivincita.  Mentre Tillerson viene cacciato senza nemmeno una letterina di addio, John McEntee, assistente personale del  presidente, è stato accompagnato fuori dalla Casa Bianca dalle guardie, che gli hanno impedito anche di raccogliere i suoi effetti personali.

Come ha scritto Zero Hedge, la Casa Bianca di Trump sta perdendo un alto membro dello staff ogni 17 giorni. Continua QUI

Carpeoro: avremo la solita merda, perché votiamo con odio

Nessuno si faccia illusioni: alla fine delle procedure istituzionali di rito, lente e macchinose, al governo ci sarà il solito schifo, fatto di politici “dimezzati” e proni ai diktat dell’élite finanziaria. Detto in francese: «Avremo la solita merda». Motivo? «Abbiamo votato come sempre: contro qualcuno, anziché per qualcosa. Ha vinto l’odio, ancora una volta. Inevitabile, quindi, che il risultato finale sia il nulla, il vuoto assoluto». Gianfranco Carpeoro non ha dubbi: nascerà comunque un governo, perché la “sovragestione” dei poteri forti teme un unico scenario, quello di nuove elezioni. Quale governo? Dipende dalla formula che alla fine prevarrà, dopo aver in ogni caso rottamato Matteo Renzi: l’ex premier «verrà “garrotato” lentamente, in modo che si tolga di mezzo e cessi di ostacolare l’unica soluzione percorribile, cioè quella di un esecutivo sostenuto dal Movimento 5 Stelle e dal Pd», opportunamente de-renzizzato. La sortita di Emiliano, che tifa per la convergenza verso i grillini? «Una candidatura personale, nel caso nel Pd prevalga la tentazione di un’alleanza aperta coi pentastellati». La discesa in campo di Calenda? Solo una variazione sul tema: «Sarebbe lo scivolo perfetto per riproporre la candidatura di Gentiloni, come capo di un “governo del presidente”, in ogni caso sempre sostenuto dai 5 Stelle e dal Pd senza più Renzi», ridotto al ruolo di semplice senatore e di fatto isolato, anche se a capo di una nutrita pattuglia di parlamentari a lui fedeli.  Continua QUI

APPELLO DEL COMITATO NO GUERRA NO NATO NO ALLE BOMBE NUCLEARI IN ITALIA 

Sono in fase di sviluppo negli Stati Uniti – documenta la U.S. Air Force – le bombe nucleari B61-12, destinate a sostituire dal 2020 le attuali B61 installate dagli Usa in Italia e altri paesi europei.

La B61-12 – documenta la Federazione degli scienziati americani (Fas) – non è solo una versione ammodernata della B61, ma una nuova arma nucleare: ha una testata nucleare a quattro opzioni di potenza selezionabili, con una potenza media pari a quella di quattro bombe di Hiroshima; un sistema di guida che permette di sganciarla a distanza dall’obiettivo; la capacità di penetrare nel terreno per distruggere i bunker dei centri di comando in un attacco nucleare di sorpresa.

Le B61-12, che gli Usa si preparano a installare in Italia, sono armi che abbassano la soglia nucleare, ossia rendono più probabile il lancio di un attacco nucleare dal nostro paese e lo espongono quindi a una rappresaglia nucleare. Secondo le stime della Fas, gli Usa mantengono oggi 70 bombe nucleari B61 in Italia (50 ad Aviano e 20 a Ghedi-Torre), 50 in Turchia, 20 rispettivamente in Germania, Belgio e Olanda, per un totale di 180. Nessuno sa però con esattezza quante effettivamente siano le B-61, destinate ad essere sostituite dalle B61-12.

Foto satellitari – pubblicate dalla Fas – mostrano che, per l’installazione delle B61-12, sono già state effettuate modifiche nelle basi di Aviano e Ghedi-Torre.

L’Italia, che fa parte del Gruppo di pianificazione nucleare della Nato, mette a disposizione non solo il suo territorio per l’installazione di armi nucleari, ma – dimostra la Fas – anche piloti che vengono addestrati all’attacco nucleare con cacciabombardieri italiani sotto comando Usa. Continua QUI

®wld 

AI – il prossimo passo della civiltà

 L’IA distruggerà la razza umana?  Credito dell’immagine: Shutterstock

Elon Musk avverte: l’Intelligenza Artificiale è altamente probabile che distrugga gli umani

Nonostante il fatto che ci siano molti che accolgono l’intelligenza artificiale dicendo che è il prossimo passo per la nostra civiltà, ci sono molti esperti in materia che hanno emesso un forte avvertimento quando si tratta di AI.

Elon Musk, fondatore di Tesla e SpaceX sostiene che l’Intelligenza Artificiale è altamente probabile che sia una minaccia per le persone.

L’uomo dietro SpaceX e Tesla desideravano che una manciata di grandi aziende finissero per controllare i sistemi di IA con un livello di potenza “estrema”.

Questo, secondo Musk, non è una buona idea e può risultare estremamente pericoloso per la nostra civiltà.

Il Rolling Stone riferisce che dopo aver fatto vedere il documentario sull’intelligenza artificiale al personale di Neuralink, ha detto che “forse c’è una probabilità del 5-10% di successo [di rendere l’intelligenza artificiale sicura]”. 

Mr. Musk avverte che dobbiamo procedere con attenzione quando si tratta di AI, ed è stato detto e chiesto alle compagnie che sviluppano sistemi di IA di rallentare al fine di garantire che non creino involontariamente qualcosa di estremamente pericoloso per gli umani. 

Ha detto a Rolling Stone che “Tra Facebook, Google e Amazon – e probabilmente Apple, – ma sembrano preoccuparsi più della privacy – quando in realtà hanno più informazioni su di te di quanto tu possa ricordare”. 

“C’è molto rischio nella concentrazione del potere. Quindi, se l’AGI [intelligenza artificiale generale] rappresenta un livello estremo di potere, dovrebbe essere controllato da poche persone su Google senza sorveglianza?” 

E probabilmente Musk ha ragione, sai, non possiamo lasciare una tecnologia potenzialmente pericolosa per la civiltà nelle mani di poche aziende, giusto? Questo è il motivo per cui Mr. Musk crede che dovremmo regolare proattivamente lo sviluppo dell’IA.

L’ultima volta che Mr. Musk ha parlato delle minacce che l’Intelligenza Artificiale rappresenta ha detto: “Ho un’esposizione all’IA più all’avanguardia di molti e penso che le persone dovrebbero essere davvero preoccupate. Continuo a far suonare il campanello d’allarme ma fino a quando la gente non vedrà i robot andare in strada a uccidere la gente, non sapranno come reagire perché sembra così etereo”.

Il presidente della Russia, Vladimir Putin condivide, in parte, la sua opinione, ma allo stesso tempo vede l’IA come una “opportunità colossale”

In una dichiarazione agli studenti, il leader russo ha affermato che qualsiasi paese che conduce la ricerca sull’intelligenza artificiale dominerà il pianeta. E avranno un sacco di potenziali vantaggi sia nel bene che nel male.  

Putin non poteva essere più esplicito e assicura che “l’intelligenza artificiale è il futuro, non solo per la Russia ma per tutta l’umanità”. 

Voleva anche, ed era sua intenzione, di avvertire dei possibili pericoli che, come sappiamo, sono difficili da prevedere:

L’intelligenza artificiale offre opportunità colossali, ma anche minacce difficili da prevedere. 

Putin ha avvertito che questa tecnologia aiuterà a progredire nella ricerca medica e in tutti i tipi di industrie, ma il vero timore è che possa anche essere la chiave di volta di una possibile guerra.

Subito dopo le dichiarazioni di Putin, Elon Musk ha usato il suo account Twitter per chiarire che è molto preoccupato, assicurando che tutto ciò ci porterà verso la terza guerra mondiale. 

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da  

Articoli in correlazione:

L’intelligenza artificiale sarà la guerra del futuro 

La cancrena sociale  

Armi Autonome – Droni Assassini 

DARKNET – encryptions quantistiche 

Baracuda con le chiavi della vita sulla Terra

L’intelligenza artificiale sarà la guerra del futuro

Il visionario transhumanista avverte che l’Europa è in ritardo per la “guerra dell’A.I. (Intelligenza Artificiale)”

Sembra che l’Europa non sia disposta a contendersi per la leadership globale dell’A.I., secondo un esperto francese sul transhumanisme può arrivare in ritardo al tavolo delle trattative.

Laurent Alexandre, imprenditore francese e visionario transhumanista, ha detto a Sputnik France che l’Europa sembra incapace di comprendere la natura dell’intelligenza artificiale e il suo ruolo nel futuro dell’umanità.

“Ci sono quattro entità geopolitiche: gli Stati Uniti con la sua Silicon Valley che hanno capito tutto, la Cina che si sta rapidamente affermando e la Russia che ha compreso l’equazione geopolitica anche se le manca il potere informatico della Silicon Valley o della Cina che, colui che raggiunge la leadership nell’intelligenza artificiale dominerà il mondo … E poi c’è l’Europa che non ha capito nulla e manca sia del potere tecnologico dell’US o della Cina e la visione geopolitica di Putin. In termini di tecnologia, Laurent ha detto: l’Europa non ha ancora realizzato che l’intelligenza artificiale è la guerra del futuro, l’Europa pensa che sarà in pace per i prossimi mille anni e ritorneranno a confrontarsi tra cervelli biologici e le entità geopolitiche”.

Il Presidente Google: la Cina “dominerà” gli Stati Uniti nell’AI entro il 2030  

Ha sottolineato che l’intelligenza artificiale è pronta a superare in alcune aree l’intelligenza umana, in quanto anche “l’A.I. non auto-consapevole può diagnosticare il cancro in modo più efficiente del miglior oncologo al mondo”.

Inoltre ha osservato che: 

“L’intelligenza e il rapido pensiero otterrà più soldi e opportunità di lavoro, mentre altri potranno trovarsi in un vicolo stretto. A causa del fatto di non aver migliorato le loro scuole tenendo conto della difficile situazione di coloro che sono meno capaci di riuscirci, affrontando il rischio dell’emersione degli “Dei” e delle “persone inutili”: l’emergere di un’aristocrazia intellettuale di minime dimensioni che governerebbe il mondo in cui un’orda di naufraghi deve combattere fondamentalmente con un reddito universale”.

PER SAPERNE PIÙ: ‘Invocazione del Demone’, ‘Torre di Babele’: Dibattito su Dio A.I. E Riscaldamento

Laurent ha anche affermato che i transhumanisti finiranno per diventare la maggioranza e, perché trasformeranno le tecnologie che aumenteranno il cervello prima dei “bio-conservatori”, i primi acquisiranno il primato mondiale del potere demografico e successivamente quello politico nel mondo.

Ha aggiunto che i conservatori come Alain Finkielkraut, che hanno affermato che Internet è la creazione peggiore dell’umanità, non contribuiscono al progresso. 

Laurent ha spiegato:

“Il tipo di conservatorismo spinto da Finkielkraut è inutile e sarà eliminato dal progresso tecnologico … Non possiamo lasciare che l’élite intellettuale ignori la situazione di milioni di persone meno dotate. Dobbiamo diminuire la diseguaglianza intellettuale: bisogna ridistribuire l’intelletto per evitare disuguaglianze”.

Fonte: https://sputniknews.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Articoli correlati:

La “SINGOLARITÀ” del Trans-umanesimo 

Tutti in corsa sulla supremazia dell’AI – Intelligenza Artificiale 

DARKNET – encryptions quantistiche

Tutti in corsa sulla supremazia dell’AI – Intelligenza Artificiale

 

Elon Musk: La concorrenza per la superiorità dell’AI (Intelligenza Artificiale) a livello nazionale sarà la “causa più probabile della III Guerra Mondiale”

In breve

Elon Musk ha usato Twitter per rispondere ai commenti di Putin sull’AI e la guerra mondiale, ribadendo di nuovo che crede sia più probabile che si verifichi una guerra mondiale in quanto gli Stati Uniti, la Russia e la Cina competono per la supremazia dell’AI più di qualsiasi qualsiasi altra causa.

L’AI va in guerra

Lunedì mattina, in risposta ad un articolo di The Verge che discute le osservazioni di Vladimir Putin sull’intelligenza artificiale (AI), Elon Musk ha usato Twitter per condividere le proprie opinioni.

Cina, Russia e presto tutti i paesi con una forte scienza informatica. La concorrenza per la supremazia dell’AI a livello nazionale sarà probabilmente la causa di una guerra mondiale.

– Elon Musk (@elonmusk) 4settembre 2017

Musk ha chiarito e crede che la guerra non sarà avviata da un leader mondiale, ma da una AI come una incursione preventiva:

La guerra potrà essere avviata non da un leader di paese, ma da una delle AI, se decide che un attacco preventivo è la via più probabile per la vittoria

– Elon Musk (@elonmusk) 4settembre 2017

Musk ha inoltre risposto a diversi utenti di Twitter nella discussione che ha seguito, concentrandosi principalmente sulla fitta relazione che c’è tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti

Se la Kerea del Nord (KN) lanciasse un missile nucleare sarebbe un suicidio per la loro leadership, in quanto la Sud Korea (SK), Stati Uniti e Cina invaderebbero e terminerebbero immediatamente il regime

– Elon Musk (@elonmusk) 4settembre 2017

La lista delle alleanze della NK sono molto basse e non destano preoccupazioni di alcun rischio esistenziale per la civiltà. La NK non ha legami di alleanze polarizzate che possano portare il mondo in guerra.

– Elon Musk (@elonmusk) 4settembre 2017

I governanti non hanno bisogno di seguire le normali leggi. Otterranno lo sviluppo dell’AI da parte delle aziende e se necessario anche con la forza delle armi.

– Elon Musk (@elonmusk) 4settembre 2017

I dominatori del mondo

Sappiamo già che gli Stati Uniti sono generalmente considerati leader mondiali nell’AI e nell’automatico apprendimento. Questa posizione è tuttavia debole, in particolare alla luce della forte concorrenza di altri paesi, nonché della crescente debolezza del sistema educativo, con conseguente diminuzione del numero di adulti con le competenze tecniche necessarie per sostenere e sviluppare le industrie STEM.

Goldman Sachs ha recentemente pubblicato un rapporto che cita la Cina come un potere dell’AI in arrivo e, prevedendo che la nazione continuerà a crescere nello sviluppo dell’AI, probabilmente raggiungerà l’obiettivo del 2030 per diventare un centro globale per l’innovazione dell’AI. A quel tempo, Goldman prevede che le industrie AI della Cina raggiungano un valore totale di produzione di 1 trilione di yuan (147,80 miliardi di dollari).

Anche la Russia sta mettendo un grande valore sullo sviluppo dell’AI. Come la Cina e gli Stati Uniti, il paese sta esplorando l’AI militarizzata sotto forma di velivoli veloci e di missili a lungo raggio. Venerdì Vladimir Putin ha commentato il paese che conduce lo sviluppo dell’AI “sarà il sovrano del mondo”, ma ha aggiunto che in termini di dominio l’AI da parte di una nazione, “sarebbe fortemente indesiderabile se qualcuno avrà una posizione sovrana e monopolista.”

Non è la prima volta che Musk sottolinea che l’AI rappresenta un rischio di guerra molto più grande della Corea del Nord. Infatti, Musk non è il solo nella sua idea che l’AI ​​provocherà la prossima guerra mondiale: Jack Ma, capo della Alibaba cinese, condivide questa credenza – e Alibaba è uno degli sviluppatori principali dell’AI in Cina, secondo la relazione di Goldman Sachs.

Fonte: https://futurism.com/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da