Archivi tag: Visegrad

EU: Più piccioni con una Fava

 

 

NOVITA’ IN CORSO NELL’EURO-DITTATURA (Spartizioni e maskirovka).

 

Di Maurizio Blondet  

 

Chi, fra i media e i politicanti, vi racconta che nella UE vige “Lo stato di diritto”, quella libertà sotto legge che invece “sovranisti” e “populisti” starebbero distruggendo, dovrebbe leggere il documento dell’ombdusman europoide il quale attesta: la nomina di Martin Selmayr a segretario generale (ossia il burocrate di carriera che assiste il Commissario, un politico, nel nostro caso Juncker) è stata fatta in modo estremamente irregolare, senza concorso e con forzature e violenze delle norme, da interessare il codice penale – se appunto in Europa vigesse il diritto. 

 

Della questione abbiamo già parlato in un articolo del marzo 2018:  

 

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/ 

 

Dato il sempre più evidente effetto disabilitante dell’alcolismo di Juncker, che la cosca dominante tedesca aveva fatto “eleggere” anni fa, la medesima cosca tedesca ha pensato di affiancargli un segretario generale attivo, giovane, capace di sostituire in tutto il sempre più vacillante e vaneggiante ubriacone. La scelta non poteva che cadere su Selmayr, perché già di fatto era insieme il badante e vero capo del governo europeo. Abbiamo infatti appreso da Libération che Juncker “non ha mai presieduto una sola volta le riunioni di gabinetto”, ossia l’atto più altamente politico, il consiglio dei ministri – e in queste appariva a spadroneggiare, sulla poltrona dell’alcolizzato, il Selmayr: senza che nessuno dei presenti”ministri” sollevasse un sopr4acciglio. Si potrebbe addirittura sostenere che tutte le decisioni del “governo europeo” non presiedute da Juncker siano invalide.

 

Se ci fosse un giudice a Berlino, volevo dire a Bruxelles.

 

Non c’è. Però c’è l’ombdusman. E’ una bella istituzione. Tale ombdusman ha effettivamente scritto nero su bianco che Selmayr è stato fatto segretario generale “senza concorso né competizione”, che sono obbligatori; senza che fosse “reso pubblico che il posto era vacante” (notate: un “posto” che dà il potere su 33 mila dipendenti e su tutti i dossier che contano, per cui è ovviamente il segretario a fare le pulci ad ogni bilancio nazionale – e quelli dell’Italia a Selmayr non sono mai piaciuti). Anzi di più: che quel posto fosse vacante, perché il precedente segretario (di nome Italiener…) aveva lasciato la poltrona nel gennaio 2018, “questa informazione era conosciuta solo dal presidente [Juncker] e da mister Selmayr [il badante teutonico].

https://www.ombudsman.europa.eu/en/recommendation/en/102651

 

 

Vedete, dirà l’europeista, che un giudice a Berlino (a Bruxelles) c’è dopo tutto? Visto che denuncia questo trucco così terronico fra Juncker e Selmayr, che i concorsi truccati di cui ci si lamenta in Italia in certe università o nelle regioni meridionali, sono al confronto modelli di trasparenza e legalità svedese? E invece no, ingenuo europeista: perché dopo questa denuncia dell’ombdusman, mica succede niente. Specificamente, Selmayr mantiene il posto potentissimo di segretario generale (e agente degli interessi tedeschi), non viene obbligato a lasciarla poltrona perché venga aggiudicata con un vero concorso. 

 

Questo è “lo stato di diritto” nella UE. Quello della orwelliana Fattoria degli Animali, ma con una furbesca creatività “meridionale” da parte tedesca, da far sembrare la Regione Sicilia una raccolta di ingenui legalisti.

https://www.maurizioblondet.it/la-ue-dittatore-non-vi-avvertito/

 

Ma tranquilli: “Ciò che azzererà Selmayr non saranno le circostanze della sua nomina, bensì la nomina di un Presidente della Commissione tedesco, sempre più probabile”, scrive Wolfgang Munchau, il corrispondente da Bruxelles per il Financial Times. 

 

Difatti, vista la proossima decadenza di Juncker, la Merkel ha già scelto il nuovo presidente della Commissione, che ovviamente sarà “eletto” regolarmente dai suoi stati-satelliti. Ecco presentato il nuovo candidato del Partito Popolare Europeo (PPE): si chiama Manfred Weber, bavarese, anti—italiano, sarà messo lì per imporre alla BCE di “terminare l’acquisto di titoli pubblici al più presto possibile”, e impedire ogni timida unione bancaria che obblighi la Germania a contribuire, in caso di crisi, per esempio accettando una assicurazione europea sui depositi fino a 100 mila euro anche per gli euro depositati nelle banche del Sud.

 

Più precisamente: Weber perseguirà l’indurimento di quella politica “europeista” ma in realtà anti-UE, di stampo tedesco, che persino il direttore generale di Bankitalia Salvatore Rossi – con insolita franchezza – un fallimento. 

 

“Lo scopo originario dell’Unione bancaria è stato accantonato”, ha riconosciuto il direttore: la sfiducia tra i Paesi dell’Eurozona ha definitivamente affossato l’assicurazione comune sui depositi, cioè l’obiettivo di tutti gli ultimi governi italiani. 

 

Viviamo “la chiara sconfitta di una strategia europea che ha accomunato gli esecutivi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni …” , che hanno ceduto tutto ai tedeschi per la speranza di ottenere una “unione bancaria” che Berlino non ha mai e poi mai lasciato sperare, anzi è stato ben chiaro: Nein. 

 

Bankitalia: la UE è fallita 

 

Bankitalia dunque certifica il fallimento dei governi da Monti a Gentiloni, dei sacrifici che hanno imposto al Paese inutilmente . Dando ragione dunque ai Savona, Bagnai, Borghi.

 

Ha detto: “in sostanza, le nostre banche sono divenute europee solo in un senso, ovvero in quanto vigilate e sottoposte a risoluzione a livello europeo”, ma non saranno soccorse in caso di crisi: perché in quel caso, ogni paese dell’eurozona è lasciato a se stesso – ma non libero di inventare i mezzi non-convenzionali, perché sotto la sorveglianza di Francoforte. “Alle banche è stata imposta una camicia di forza volta a garantire che, in caso di fuga dai titoli di Stato emessi da un sovrano, le banche di quel paese non verranno salvate dai contribuenti, di quello stesso paese o di altri”. Traduzione: quel tanto di Unione Bancaria accettata da Berlino “è servita esclusivamente ad impedire che lo Stato Italiano salvasse le Banche Italiane”, imponendo la spoliazione dei depositanti “, “un vero e proprio prelievo forzoso contro le famiglie, contro le imprese e solo nell’interesse delle grandi banche” (citazione di Renato Brunetta).

 

Leggere per credere fino a che punto il direttore condivide le valutazioni di qusto governo, naturalmente senza dirlo:

 

https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/interventi-direttorio/int-dir-2018/rossi-30.08.2018.pdf

 

Ora, dopo simili enunciazioni, persino l’opposizione del PD ed altre “sinistre” dovrebbe riconoscere le buone ragioni del governo “sovranista populista”, e in Europa unirsi ad esso per contestare l’austeritarismo fallimentare. Invece gongola che l’Europa lo farà cadere, e torneranno di nuovo al potere loro – per continuare a fare la politica di austerità di Monti , Renzi, Letta e Gentiloni, già certificata fallimentare – dal direttore dei Bankitalia, mica da Borghi. Che signifca: l’ultimo saccheggiodei risparmi italiani per “salvare” l banche. 

 

Naturalmente accetteranno il nuovo presidente della Commissione “eletto” per volontà della Merkel. 

 

La quale, facendo eleggere Manfred Weber, prenderà più piccioni con una fava. Sanerà la sua malconcia relazione con il partito democristo-bavarese, CSU, a cui Weber appartiene. Spera di portare via voti ai partiti populisti europei, e specialmente al tedesco AfP, che nei sondaggi appare ormai il secondo partito, ma anche alla nuovissima formazione (Aufstehen, “alzarsi in piedi”) , anti-immigrati da “sinistra”, fondata da Sahra Wagenknecht, copresidente del gruppo della Linke, il partito della sinistra radicale tedesca. 

 

Merkel deve aver visto questo sondaggio: quale è la prima preoccupazione degli elettorati in Eurpèa? “L’immigrazione”. E la seconda? “Il terrorismo”. Solo gli italiani rispondono “La disoccupazione”

 

 

 

Quindi, ecco l’opportuno riposizionamento del PPE e guida germanica: anche il leader del PP e prossimo presidente , il sullodato Weber, è su posizioni esplicitamente anti-immigrati, anzi identitarie e religiose : ecco una delle sue frasi celebri con cui si fa propaganda , e guardate su che sfondo l’ha fatta stampare – una chiesa, un crocifisso. E la frase suona così:

 

“Se vogliamo difendere il nostro modo di vita dobbiamo sapere cosa ci determina. L’Europa necessita di un dibattito sulla identità e la cultura dominante”. 

 

Insomma avremo uno che promuove altri anni di austerità tedesca alla Monti, l’egemonia economica e il surplus tedesco, ma in veste di Crociato e Nostalgico della Vittoria di Vienna contro li turchi. 

 

Ha infatti, lo credereste?, “forti relazioni con membri dell’Europa centrale e dell’Est , il cui peso nel PPE è cresciuto”: polacchi, ungheresi, austriaci, gruppo di Visegrad… 

 

Assisteremo a incontri di Weber con Orban, salutati di nostri media che hanno demonizzato l’incontro di Salvini, come il nuovo e vero europeismo ? A una politica di cristianesimo anti-musulmani che sarà elogiata ed imitata dal PD e dalla Boldrini? 

 

Certo è che gli europeisti di ieri, da Mogherini a Tusk, sentono un effetto di spiazzamento, ma già si adeguano. Donald Tusk, che ora che è in scadenza può dire la verità, ha notato: “Le posizioni di Merkel e Orban sono reciprocamente compatibili”. Il partito Fidesz potrà rimanere nel PPE….   

 

https://uk.reuters.com/article/uk-eu-merkel/merkel-backs-bavarian-ally-as-centre-rights-eu-commission-candidate-media-idUKKCN1LF2OF 

 

Una bella gara fra un sovranista piccolo e la politica super-sovranista di Berlino: sovrana non solo a casa sua, ma in casa d’altri. 

 

Una sola preoccupazione: una campagna di Weber come capo del PPE e presidente di Commissione anti-immigrati e identitario non andrà in rotta di collisione con l’impegno di Macron di combattere contro “il populismo”? C’è chi se lo domanda.  

 

http://www.votewatch.eu/blog/does-weber-have-enough-support-to-become-president-of-the-european-commission/ 

 

Infatti Macron ha già protestato: “Uno non può sostenere Merkel e Orban allo stesso tempo”; ha strillato secondo Spiegel.  

 

http://www.spiegel.de/politik/ausland/emmanuel-macron-zu-manfred-weber-man-kann-nicht-gleichzeitig-merkel-und-orban-unterstuetzen-a-1226935.ht

 

Ma sì che si può. Merkel non ha imparato la lezione del suo creatore, Attali? “Non possiamo lasciare la nazione ai nazionalisti”

https://www.maurizioblondet.it/la-caduta-di-macron-decisa-dai-suoi-creatori/

 

Il nuovo europeismo è “bandiera sangue e suolo” più globalizzazione, “cristianesimo” e niente Unione Bancaria, i Templari più la Troika e la disoccupazione di massa. Basta che non siano Salvini e Di Maio. Basta che il Sud resti in recessione profonda e disoccupazione. Basta rispettare il 3%.  

 

 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

 

®wld

L’Italia a Bruxelles: un’offerta che non dovrebbe rifiutare

  

La roccia populista incontra il difficile posto nell’UE

Di Tom Longo   

Le cose si stanno muovendo rapidamente in Italia. Nel momento in cui provi a scrivere su ciò che sta accadendo, diventa obsoleto con il titolo successivo. Quindi, per questo pezzo voglio fare un passo indietro e guardare l’immagine più grande. 

Perché, una volta che la guardi in questo modo, non guarderai mai più l’Unione Europea allo stesso modo. 

L’UE è oltre ogni limite. Sanno che non possono lasciare che l’Italia lasci l’euro. Le mosse per fermare il Movimento a cinque stelle (M5S) e La Lega dalla formazione di un governo sono state pungenti e condannate al fallimento come i negoziati sulla Brexit.  

E la ragione di ciò è che non puoi governare senza il consenso della gente. La dirigenza dell’UE sta lavorando duramente per demoralizzare i britannici verso l’apparente inevitabilità del tradimento Brexit. George Soros sta ora pagando attivamente una campagna per tenere un secondo referendum. 

Probabilmente non apprezzeranno questo risultato, se dovesse accadere, rispetto a quello del primo.  

In Italia, gestiranno un simile libro di esercizi che hanno corso per demoralizzare la Grecia nei loro colloqui sul debito del 2015, ora che ai due partiti populisti è stato concesso di formare un governo.  

Ma basta guardare alla penisola iberica per vedere quale forte armamento un governo di cartello approvato dall’UE porta nel tempo. In primo luogo, i movimenti di secessione e la soppressione violenta e poi un rovesciamento politico. 

La carriera politica del premier spagnolo Mariano Rajoy è finita. E il motivo è dovuto alla sua brutale repressione sull’indipendenza della Catalogna l’anno scorso, mentre guidava un governo in stile cartello di Vichy. Rajoy non aveva alcun tipo di mandato popolare da governare. Ha semplicemente represso il movimento indipendentista catalano con una violenza sfrenata.  

E quell’incidente, insieme al consenso silenzioso dell’UE, ha posto la Spagna sulla strada che sta percorrendo oggi, respingendo a pieno titolo le richieste di Bruxelles / Berlino per l’austerità del settore pubblico mescolata con il completo rimborso del debito. 

Ma la Spagna non vuole essere governata da Bruxelles più di quanto la Catalogna voglia essere governata da Madrid, specialmente se Madrid è guidata da qualcuno le cui prime lealtà sono a Bruxelles. 

Prossima fermata la Gronda Italica

Con M5S e La Lega che costringono il presidente Mattarella ad accettare la realtà, il leader della Lega Matteo Salvini dimostra di saper suonare la politica populista fino in fondo. 

Questi due partiti euroscettici non possono essere divisi al primo segno di rifiuto delle élite che ogni giorno più italiani si diffidano. La lega ha raddoppiato il suo sostegno in meno di cinque mesi. Ora comanda un blocco di elettori grande quanto M5S. E questo dà loro un mandato ancora più forte per contrastare la corruzione a Roma. 

Ora che Mattarella ha ripiegato, è iniziata la prossima fase di attacco di Bruxelles all’Italia.  

Il presidente europeo Jean-Claude Juncker ha iniziato la pigra narrazione del Club Med prima che il nuovo primo ministro Guiseppe Conte prestasse giuramento. E’ un importante tassello per aiutare la Germania a mantenere la linea sulla rovinosa austerità imposta all’Italia dal 2011, che non ha fatto nulla per aiutare il paese e lo ha solo scavato ancora di più mentre porta il peso della rovinosa politica di immigrazione del cancelliere tedesco Angela Merkel.

Juncker ha detto: 

Ma non posso più accettare che tutto ciò che è sbagliato nel sud Italia è spiegato dal fatto che l’UE, la Commissione europea non farà abbastanza”, ha detto in una sessione di domande e risposte a Bruxelles.

Gli italiani devono prendersi cura delle regioni povere d’Italia. Ciò significa più lavoro, meno corruzione, serietà.

Li aiuteremo come abbiamo sempre fatto. Ma non giocare a questo gioco di carico con responsabilità dell’UE. Un paese è un paese, una nazione è una nazione. Prima i paesi, l’Europa in secondo luogo.

Queste parole provengono dallo stesso uomo che ha detto, “Non ci può essere alcuna opposizione democratica ai trattati europei”. Prima Paese? Penso che Juncker ne abbia avuto uno di troppo prima di passare davanti a quel microfono. 

No. Quello che succederà dopo è che Bruxelles inizierà l’ostruzionismo sulla ristrutturazione del debito e le regole fiscali. Proverà a sembrare che stia negoziando quando davvero non succederà nulla del genere. 

Ci sarà l’inevitabile “vergogna del debito” e il pieno disprezzo culturale. Il nuovo governo deve essere immune a queste tattiche se vogliono sopravvivere e invece attuare il suo programma e lasciare gli stufati di Bruxelles.  

L’Italia, alla fine, sarà costretta a fare ciò che è necessario, innescare il mercato con una nuova moneta nazionale, secondo il piano della coalizione per un Mini-BOT e rendere perfettamente chiaro agli elettori italiani che l’unico modo per riprendere il controllo L’Italia minaccia di bruciare l’intera zona euro lasciandola. 

Ci saranno sfide legali. Dichiarazioni incendiarie di persone come Juncker, politici tedeschi di ogni colore, il presidente della Commissione europea Donald Tusk e il resto. La FISM spargerà il suo sale sulle ferite e la stampa europea dipingerà gli italiani come spacciatori senza scrupoli che mordono la mano che li ha nutriti negli ultimi sette anni. 

Ci saranno mini-panici e quelli veri. Niente di tutto ciò importa. Quando devi dei trillioni bancari, non è un tuo problema.  

È della banca.  

La dura vendita

Per Salvini Lega e Di Maio, leader di M5S, il loro compito è quello di riflettere queste tattiche e amplificarle. L’unica ragione per cui l’UE ha tenuto in vita l’Italia non è per l’Italia ma per se  stessa. L’Italia avrebbe potuto uscire nel 2011 o il debito sarebbe stato svalutato, ma non è stata l’integrità dell’Unione europea a venire prima e Bruxelles ha orchestrato un rovesciamento del governo Berlusconi per far marciare il barattolo fino a oggi. 

Hanno bisogno di ricordare a tutti quello che è successo alla Grecia, che tre anni dopo ha ancora bisogno di ulteriori ristrutturazioni del debito perché in un euro troppo caro la Grecia non sarà mai competitiva sul mercato mondiale. 

Estendi e fai finta. Spruzza e prega 

Salvini, che sarà il nuovo ministro degli Interni in Italia, è l’uomo giusto per chiamare la leadership di Bruxelles i cattivi autocrati che sono. Ora è in una posizione adeguata per invertire le regole sull’immigrazione dell’UE e portarle alla vista degli occhi.  

Ripetutamente. 

La risposta sarà più autocrazia da Bruxelles. Aspettatevi più “panico” del mercato, perché il debito italiano diventa senza risorse quando la BCE smette di comprare per alcuni giorni, come la scorsa settimana. Queste sono tattiche intimidatorie insieme a minacce di azioni legali e simili. 

Ma questo rende semplicemente il suo lavoro e quello di Conte molto più facile da vendere agli elettori di un’Italia indipendente e sovrana. E, inoltre, non dimenticare mai chi è il principale perdente se il debito italiano fallisce?  

Non l’Italia. Possono esserne liberi per la lira sull’euro.  

Il grande perdente è la BCE e l’UE in quanto dovranno affrontare le perdite di aver comprato tutta questa spazzatura pensando di poterla usare come leva futura per far vergognare gli italiani.  

Dall’altro lato il presidente Trump sta stringendo Merkel, Juncker et.al. sulle tariffe. E mentre questo potrebbe dare il risultato positivo di spingere l’UE verso la Russia e la Cina indebolendo la NATO, rafforza anche la mano dei paesi di Visegrad, dal momento che non sono nella zona euro. 

La Polonia, l’Ungheria e il resto beneficeranno tutti delle tariffe in acciaio e alluminio di Trump, poiché gli investimenti si riverseranno e indeboliranno ulteriormente le sfide legali della Merkel su cose come il muro di confine dell’Ungheria e le leggi anti-ONG e le modifiche della Polonia al suo sistema giudiziario.  

Juncker parla di un bel gioco sul “paese prima”, ma solo quando promuove le ambizioni dell’UE. 

Anche se Juncker et.al. sono in grado di rompere gli italiani di nuovo e tenerli legati all’euro, sarà una vittoria di Pirro. Perché in nessun modo la Germania può continuare a sostenere l’intera UE senza una significativa rivalutazione e ristrutturazione dell’intero progetto. 

E quando avranno finito di insultare tutti per vincere la giornata, nessuno vorrà più essere governato da loro. Salveranno l’UE costringendo tutti ad affogarci. D’altra parte, Salvini e gli italiani faranno a Bruxelles un’offerta che non dovrebbe rifiutare:  

Lasciateci andare, diversamente l’Europa accetti la responsabilità per tutti allo stesso modo o facciamo saltare tutto.   

https://www.strategic-culture.org/ 

®wld