Crea sito

PROTOCOLLO CORONA

di: Dottor Roberto Slaviero collaboratore

13.04.20

Grazie all’impegno, all’intelligenza ed alla ricerca di altre strade terapeutiche, alcuni clinici specialisti di genio italico, hanno scoperto la cura per l’infezione da corona!

 

Il problema non è respiratorio, ma cardiovascolare; la morte avviene per mancanza di ossigenazione, poiché si formano nel sangue, dopo molti giorni di febbre alta, delle micro trombosi, che a livello polmonare riducono lo scambio CO2 ed O2!

 

Quindi la cura va fatta a monte e cioè, si devono sciogliere i trombi sanguigni, cosa facilmente realizzabile con un vecchio farmaco chiamato eparina o meglio l’enoxieparina.

 

Quindi ricapitolando:

 

– dopo molti giorni di febbre alta, si innesta una cascata infiammatoria citochinica, che può produrre delle trombosi nel sangue.

– i coaguli sanguigni bloccano a livello polmonare lo scambio tra anidride carbonica ed ossigeno portando alla morte, ed anche l’intubazione spesso non è in grado di risolvere la situazione, poiché il problema è il coagulo e non il virus

– nella prima fase, usando un altro vecchio farmaco, noto come antimalarico ed anti artritico, la Clorochina, si blocca la reazione infiammatoria.

– si possono usare altri farmaci specifici antiinfiammatori, che bloccano la cascata infiammatoria della COX-2 o cicloossigenasi 2, quali ad esempio il Celecoxib

– anche il cortisone, non nella fase iniziale, potrebbe disinnescare la reazione infiammatoria che poi degenera in trombosi: nella fase iniziale il cortisone, essendo un immunosoppressore, potrebbe ridurre la reazione immunitaria, che porta alla guarigione spontanea.

– in questi casi, l’utilizzo ad esempio di ibuprofene ed acido acetil salicilico, che agiscono anche sulla COX1, vanno evitati.

 

E qui mi viene in mente la strage della Spagnola del 1918-20, dove sembrerebbe che, un uso spropositato a dosi massicce di Aspirina, sia stata la causa di milioni di morti.

https://www.nogeoingegneria.com/effetti/salute/1918-influenza-spagnola-influenza-killer-o-aspirina-killer/

 

Quindi, grazie all’ingegno di clinici italici, il problema è brillantemente risolto!

Adesso le cose cambiano e probabilmente cambieranno le cure per altre forme infettive virali, avendo capito il meccanismo di azione!

Fantastico!

 

E i cosiddetti virologi o infettivologi, presenti nei salotti di Tv Pravda (Rai, Mediaset etc) cosa diranno ora? Attendono con ansia il vaccino di Gates e soci per inocularlo con mucho gusto?

 

Avete visto che e’ tutto più semplice, usando con genialità vecchi farmaci, meno costosi?

 

E avete capito che sono i medici specialisti fisiologi, cardiologi ed anatomopatologi, che in silenzio,  studiando e ragionando hanno risolto il problema, senza andare a Tv Pravda a dire stronzate di parte; vergognatevi e speriamo spariate presto da Tv e radio!

 

E adesso?

 

Riapriamo le prigioni casalinghe? Si può benissimo curare in casa il corona nelle fase iniziali, con il protocollo sopra descritto!

 

Siete stati smascherati e vediamo quanto durerete con la vostra incapacità gestionale e con i vostri subdoli consiglieri, anche sanitari, di parte, del famigerato Unico pensiero scientifico!

 

La Presidente della Commissione europea (non eletta dai popoli), tale tedesca, con sorrisi  falsi e  fastidiosi, Ursula von der Leyen dice:

 

  • – teniamo gli anziani a casa fino a fine anno
  • – mi raccomando, non prenotate le ferie

 

Non so cosa mangino o bevano, o quali pastiglie prendano,  questi presidenti non eletti; quello di prima, Juncker, si dice facesse colazione col cognac, ed oltre a non far pagare tasse in Lussemburgo ai colossi delle multinazionali, quando era primo ministro lussemburghese, da presidente della Commissione europea, era molto preoccupato di cosa pensassero i presidenti degli altri pianeti del sistema solare.

https://www.youtube.com/watch?v=hiOzbRM8AHE

 

Forse una visita psichiatrica a loro ed altri funzionari europei, al posto dei tamponi corona, non sarebbe male.

 

Tra l’altro anche l’Olanda, che pare non ci ami troppo, ospita fiscalmente multinazionali, anche italiane con % di tassazione ridicole; bella merda questa Europa!

 

Comunque, visto che ci vorrebbero far fuori con Mes o robe varie, lo Zio Sam ci sta prendendo in custodia

https://www.whitehouse.gov/presidential-actions/memorandum-providing-covid-19-assistance-italian-republic/

 

In effetti siamo una loro colonia dal dopo guerra e ci tengono particolarmente; il tentativo giallo-verde di darci in pasto alla digitalizzazione cinese, non è stata gradita dall’Amministrazione di Donald!

 

Ma veniamo adesso al personaggio che Conte ha scelto, per la fase di ricostruzione: l’ex Ceo di Vodafone

 

Mi chiedo;

 

ma tra tutti i ministri, sottosegretari, direttori dipartimentali che paghiamo profumatamente, non c’era nessuno in grado di farlo?

 

Ah ah … scusate scusate … fuoco fuochino … bisogna 5gizzare la penisola e chi meglio del ex Vodafone può farlo?

 

Huawei … fatti da parte!

 

A nessuno interessa il fatto però,  che, come abbiamo visto,  le emissioni su bande Giga riducono la forza immunitaria del Sapiens, che quindi si ammala di più: vedi Wuhan, prima città totalmente 5G nel pianeta.

 

In Lombardia tra inquinamento, polveri sottili e 5G, si è formato un cocktail ben mortale. Il sangue di molti, non è più fluido ed ossigenato e succede quello descritto prima … altro che virus cattivo!

 

Ma con il virus cattivo, si può imprigionare la gente, si può impaurire la popolazione e si può distruggere un economia e papparsela tutta!

 

Adesso veniamo agli eletti a Camera e Senato!

 

Vi invito a contattare chi avete votato alle ultime elezioni, per chiedere se hanno mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale! Se non le hanno mantenute o peggio, se hanno fatto il contrario, facendosi comprare, vi invito ad andarli a trovare fisicamente e fare una chiacchierata, diciamo esauriente, in modo tale che raddrizzino la schiena e smettano di fare i pagliacci o falsi oppositori!

 

Ieri è risorto Cristo e questa notizia della scoperta della cura del corona, deve accompagnare la nostra resurrezione.

 

Mai più delegare persone inette o malvagie od affariste, per rappresentarci nella politica.

Controllare sempre il loro operato e se necessario intervenire fisicamente. Create dei comitati in ogni Comune, per pretendere a gran voce la moratoria sul 5G.

 

Toglietevi la paranoia delle maschere e delle distanze ed invece cercate di vivere in zone più pulite e/o pretendete la riduzione di Elettrosmog e fumi e discariche tossiche.

 

Siate più umili e accontentatevi della tecnologia in vostro possesso e non acquistate le novità 5G.

 

Se non fermeremo questo mostro tecnologico che avanza ed il business miliardario delle Intel Artificiali, la conta dei morti tra qualche anno sarà impressionante, come già previsto da alcuni

http://www.deagel.com/country/

 

Il Sole, come descritto in un mio precedente articolo,

https://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?luminositasolareemutamenti

 

sta facendo la sua parte, per purificare il pianeta dalle malvagità; ma non sarà una scampagnata, come ricordano i tempi antichi di Atlantide e del/dei Diluvi. Il genere umano pecca di superbia e a cicli viene resettato.

 

A noi, dotati comunque di libero arbitrio, resta la possibilità di intraprendere la via giusta e smascherare i vili, i falsi oppositori ed i malvagi: cosi facendo, magari, limitiamo i danni catastrofici della pulizia, che a cicli la Creazione adotta.

 

E qui, sebbene non sia molto frequentatore di Chiese, lo scandalo delle Chiese chiuse, che il Vaticano ha permesso, è la più vile arresa  al Male, anzi; una complicità, spero dovuta a errati consigli dei loro medici!

 

In supermercato si, ed in chiesa no!

 

Il Vescovo odierno di Roma, sebbene in abito bianco, l’ha combinata grossa; ha fiaccato le speranze dei più bisognosi, facendo presagire una strage da corona, ed  ha contribuito psichicamente alla depressione e mancanza di gioia e speranza, soprattutto negli anziani, che può portare a morte precoce!

 

Segni dei Tempi e probabilmente  dopo molte disgrazie, come da varie profezie, anche la Chiesa sarà riformata … ma questi sono affari esclusivi dei porporati, a meno che, i praticanti non comincino ad intervenire direttamente e fisicamente nella disputa, senza paura del castigo “divino“!

 

Ai posteri la lettura dei prossimi eventi.

 

Ai Medici clinici, che hanno cercato un’altra via, per la ricerca della verità, dico; Mille volte Grazie! Ci avete rischiarato l’esistenza e colmati di gioia e speranza!

 

Ai falsi untori del pensiero unico scientifico, dico; avete il mio totale disprezzo, soprattutto perché avete tradito gli antichi insegnamenti dei padri della medicina, che sempre hanno cercato vie diverse per la cura delle malattie umane!

 

“Vis Medicatrix Naturae”  Galeno

“Le cose sacre devono essere insegnate solo alle persone pure, è un sacrilegio comunicarle ai profani, prima di averli iniziati ai misteri della scienza“ Ippocrate di Kos Cap 21-8

“Ma per i vili e gli increduli, gli abbietti e gli omicidi, gli immorali e i fattucchieri, gli idolatri e tutti i mentitori, è riservato lo stagno ardente di fuoco e di zolfo. è questa la seconda morte”
Apocalisse di Giovanni.

 

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

 

®wld

HIV-AIDS … 35 ANNI DOPO

Ricevo dall’amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico

Il 4 novembre 1983 la Dottoressa immunologa francese Barre-Sinoussi dell’Istituto Pasteaur di Parigi, guidato dal Prof Luc Montagnier, isolò per la prima volta il virus HIV, ritenuto in seguito dalla stragrande maggioranza della ricerca scientifica, la causa della Sindrome di Immunodeficienza Acquisita – IDS.   

Il 23 aprile 1984 il Ministro della Sanità Usa, i direttori del CDC e NIH americani ed il virologo Robert Gallo, annunciarono congiuntamente che un Virus sconosciuto, poi identificato con il virus Hiv, era la probabile causa dell’Aids.

L’unica prova addotta era la presenza di anticorpi contro il “Virus dell’ Aids” in molti dei malati analizzati da Gallo e suoi collaboratori, ma non in tutti.  

Già ancora negli anni 90, il virologo e scopritore dei Retrovirus, Peter Duesberg e collaboratori non trovarono in tutti i malati di Aids, gli Anticorpi anti- Hiv!!

Lo stesso Duesberg nel 1996 e l’anno precedente alcuni politici Usa tra i quali Gutknecht, denunciarono che, nonostante gli oltre 50 miliardi di dollari spesi negli Usa, non disponiamo né di un vaccino né di un farmaco efficacie anti-Aids.

Nel 1998 il presidente Usa Bill Clinton, nella Prima Giornata di Sensibilizzazione del vaccino contro l’Hiv, fece un discorso tipo JFK sui viaggi futuri sul Pianeta Luna, dicendo: 

“non si tratta più di chiederci se siamo in grado di sviluppare un vaccino per l’Aids, ma dobbiamo solo chiederci … Quando!! Non potrà arrivare troppo presto“

A pensar male, come diceva Andreotti, spesso ci si azzecca e mi pare che varie Fondazioni, tra cui la Clinton, oggi non navighino in acque salubri, ed alcune vengano inoltre accusate di utilizzo di denaro dei contribuenti non proprio corretto; nel campo della ricerca spesso si adottano fondamenti scientifici non proprio imparziali … solo Business … niente più!!  

La vicenda Aids muove ed ha mosso migliaia e migliaia di miliardi in ricerca di farmaci e di un vaccino che continua tuttora.  

Dal sito di ricerca Janssen – Johnson&Johnson rilevo alcune notizie recenti (27.01.19).  

Sponsorizzati dalla Fondazione Gates Bill e Melinda, stanno testando in Sud Africa il vaccino HVTN702 ,detto Uhambo, che agirebbe su di un sottotipo di HIV, prevalentemente presente nell’Africa meridionale, conosciuto come Clade C.  

Un altro vaccino chiamato HVTN705, detto Imbokodo, è sponsorizzato da Janssen Vaccines e da Gates Foundation.  

Tale regime di vaccinazione è basato su cosiddetti immunogeni mosaico, che indurrebbero una risposta immunitaria contro UNA GRANDE VARIETA’ DI CEPPI VIRALI, responsabili dell’infezione da HIV in tutto il mondo!!

Sorge spontanea una domanda?

HIV è un virus oppure una Gamma di Virus, come risulterebbe dalla ricerca vaccinale sopra citata?

Ho spiegato cos’è un virus in un precedente articolo 

http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?virusdnaproporzionedivin

Trattasi essenzialmente di entità biologiche parassite che utilizzano una cellula “ospite” per replicarsi.

Sono le entità più presenti sul pianeta e noi viviamo congiuntamente immersi tra loro …  

Vedremo in futuro cosa accadrà su questa via di ricerca … che mi pare abbia molti punti interrogativi!! 

Torniamo agli anni 80 e vediamo come venne dichiarata questa sindrome di immunodeficienza, dopo le affermazioni di Gallo del 1984 e le malattie che ne conseguono: malattie anche mortali.

Nel 1985, ad un anno dall’annuncio di Robert Gallo, il CDC (Center for Disease Control and Prevention), diede una nuova definizione dell’Aids, rispetto agli anni precedenti, ove si certificava essenzialmente, che tali malattie immunosoppressive si sviluppavano prevalentemente nelle comunità gay americane; comunità nelle quali si faceva uso spesso di sostanze stupefacenti con effetti immunosoppressivi (principalmente Nitriti-Popper in grado di rilassare lo sfintere anale, nonché metamfetamine, cocaina, eroina etc.)

La Sindrome di Immunodeficienza e le malattie ad essa correlate, parevano svilupparsi da comportamenti non troppo salubri, che a lungo termine, riducevano le difese immunitarie e scatenavano vari tipi di malattie degenerative che conducevano alla morte.

Dopo appunto la dichiarazione di Gallo tale Sindrome divenne:  

MALATTIA INFETTIVA e non più una malattia dipendente dai comportamenti personali degli individui, che contraevano tali patologie.  

In tal modo il virus HIV divenne l’unico criterio diagnostico definitivo per l AIDS. 

Tale virus era in grado di causare 30 malattie mortali, pur non causando di per se nessuna specifica malattia; dal momento che, ciascuna delle 30 malattie, poteva essere dovuta a cause già in precedenza NOTE (senza Hiv).   

Quindi a partire dal 1985 il dogma divenne:  

  • – Una qualsiasi delle 30 malattie + HIV = AIDS  
  • – Una qualsiasi delle 30 malattie senza HIV = una qualsiasi delle 30 malattie…

Che si trovi una sieropositività ad un virus o batterio è normalissimo, senza avere sofferto di tale malattia in acuto. 

Se siete venuti in contatto ad esempio, con il virus epatite A o B, senza avere poi sviluppato la malattia conclamata, nel vostro sangue risulterà una sieropositività a tale virus; il vostro sistema immunitario ha reagito e vi ha difesi da tale infezione!!  

Quindi in termini assoluti, ricercare una sieropositività per un singolo virus, per 30 tipi di malattie differenti, non è molto corretto dal punto di vista scientifico … a mio modesto parere.   

E’ comodo comunque, per sviluppare settori di ricerca improntati su un bel Business, fare tali accostamenti.   

Andate a vedere quanti medici od infermieri abbiano contratto l’Aids, curando e medicando tali malati … quasi nessuno o nessuno; dipende dalle statistiche ed ai criteri con le quali vengano effettuate. 

Se fosse una malattia infettiva tipo influenza, avremmo avuto ed avremmo tuttora epidemie mortali con milioni di morti!!  

E l’Africa, si dirà ???  

Ed i bambini africani sieropositivi??  

Ragazzi … la malnutrizione e l’acqua infetta e la mancanza di igiene … non serve il Virus per distruggere il sistema immune e portare alla morte … lo capisce anche un menomato mentale!!  

Nei rapporti sessuali “spinti”, il contatto poi tra secrezioni plasmatiche sanguigne, non porta molta salute…..e le siringhe che si passano da braccio a braccio per iniettarsi le droghe … neanche quelle molto salutari!

Batteri e virus di tutti i tipi … ce ne sono a bizzeffe!!  

Non serve sempre evocare fantomatici Virus, per spiegare malattie anche gravi.  

Più importante è verificare i comportamenti delle persone che contraggono le malattie!!   

A lungo termine il sistema immune crolla e non per forza deve essere un virus che lo fa crollare!!

Esempio conclamato di quanti sieropositivi NON abbiano poi contratto la malattia terminale mortale … ma anzi siano spontaneamente guariti…   

Terrorismo psicologico che ha rovinato migliaia di persone e portato al suicidio moltissimi di loro.  

Peggio che ai tempi della caccia alle streghe … mondo infame solo per affari sporchi!!

Capite poi che a sfondo moralistico – religioso, una malattia trasmessa anche sessualmente ed in più infettiva, offre il massimo potere alla casta dirigente, che vuole mantenere l’uomo schiavo ed intimorito!!   

E’ molto più facile contrarre per via sessuale la gonorrea o la sifilide per mancanza di igiene o per comportamenti più libertini, che l AIDS!!   

Torniamo agli anni 80, nei quali si, già c’era il business farmaceutico, ma rispetto ad oggi, ove il 99% dei ricercatori è allineato ai voleri delle multinazionali del settore, vi era ancora una certa libertà di pensiero e di ricerca libera. “Sussistono prove schiaccianti che le anfetamine accelerano il decorso verso l’Aids conclamata,negli Hiv positivi”. 

E’ documentato che i cristalli (anfetamine) mangiano le Cellule T (sentinelle difensive immunitarie) a colazione pranzo e cena“ (Sadownick 1994).  

Nei primi anni 90 in Francia si cita il caso di 71 bambini nati da madri che si “bucavano” in gravidanza e che vennero al mondo affetti da immunodeficienza con malattie ad essa correlate. 

Dopo un paio di anni, 61 di loro recuperarono la salute,una volta venuto a cessare il rifornimento di droga materna: il livello delle cellule-T tornò normale, nonostante la presenza di Hiv. Dei 10 che non guarirono, alcuni erano stati trattati con Azidotimidina (AZT) agli albori di questa terapia (Blanche et alii 1989-1994).  

Da un altro studio condotto in Europa su bambini nati da madri tossicodipendenti, si evinse che il 60% di essi guarirono da polmonite,infezioni batteriche,mughetto ed infezioni cripto-sporidali, ed a 6 anni di età erano in buona salute nonostante la presenza di Hiv (The European Collaborative Study 1994). 

Circa il 40% di questi bambini Hiv-positivi morirono anche se trattati con AZT.

Molti altri studi negli anni 80-90 dimostrarono che il consumo persistente di droghe stupefacenti,dette ricreative, causano malattie sidaliche (Aids correlate). 

L’AZT (Azidotimidina) nacque come farmaco anticancro negli anni 60, ma venne abbandonato vista la sua tossicità.

https://it.wikipedia.org/wiki/AZT

Gli stessi farmaci che dovrebbero rimediare alla sindrome di immunodeficienza, causano anch’essi immunodeficienza.

Azt e ganciclovir abbinati, producono pancitopenia, ovvero riduzione di tutte le cellule presenti nel sangue 

(Jacobson 1988)  

https://it.wikipedia.org/wiki/Pancitopenia

Un miscuglio di farmaci (amfotericina, co-trimoxazolo, adriamicina, vinblastina, vincristina ed altri) producono effetti nefrotossici, citotossici e mielo-soppressivi, che possono accrescere il rischio di tossicità ematologica in malati curati con Azt (Fogelman 1994).

Cioè sono immuno-soppressivi, poiché uccidono cellule immunitarie, intossicandole!!  

Si potrebbe andare avanti con altre centinaia di studi:

“sessanta giorni dopo aver cominciato a curarmi per abuso di sostanze stupefacenti,appresi di essere sieropositivo” dice tale Cobb Roger di Filadelfia che si strafaceva con crack, cocaina ed altro … “cominciai a curarmi con Azt per 14 mesi …sparuto in viso, pelle cinerea, dimagrivo a vista d’occhio … ogni sorta di malanni. Contro il parere del mio medico, smisi di prendere Azt e decisi di provare qualcos’altro. Son tornato a somigliare a me stesso” (Freeman 1994) 

Tale Cobb si laureò poi a 40 anni in scienze sociali.

Penso che il grave errore che sta facendo la ricerca medico-farmaceutica, sia l’andare avanti in un unica direzione, voluta dal sistema di potere scientifico vigente e dai suoi interessi prettamente economici: potere, che non accetta visioni diverse e quindi approcci di cure diverse, come proposte da grandiosi ricercatori quali, per fare un nome, Peter Duesberg.  

Egli dopo aver messo in dubbio che l’Aids non aveva origine principalmente virale, ma comportamentale, essenzialmente per uso di sostanze stupefacenti, venne messo “alla berlina” come si dice; e come lui altri ricercatori indipendenti, moralmente e professionalmente integri!!   

Lo stesso Luc Montagnier ha avuto dei ripensamenti, invecchiando, su Hiv-Aids; ha inoltre stupito la maggior parte della comunità scientifica, ammettendo l’efficacia dell’omeopatia e parlando inoltre di una possibile connessione tra autismo ed eccessi di vaccinazioni. 

Parla inoltre della cura dell’Aids, attraverso una corretta alimentazione, una migliore igiene e stili di vita più salutari; afferma anche, di come la flora intestinale sia essenziale per la prevenzioni di malattie di tutti i generi.  

Infatti, aggiungo, il sistema immune è per l’80% presente nell’intestino ed oggi si comincia a parlare di Microbioma come di un importantissimo organo del corpo a se stante ed estremamente importante per il mantenimento della salute!! Anche di lui, pur Premio Nobel nel 2008, non se ne sente più parlare!!

Nonostante comunque la Dittatura scientifica in atto, valgono sempre e comunque in medicina i principi: 

  • – primo non nuocere  
  • – valutazione rischio-beneficio dei trattamenti  

E chi di noi si sente ancora moralmente integro deve difendere tali principi!!   

Il resto fa solo parte di sporchi giochi di potere e di soldi, soldi e soldi, che qualcuno intasca sulla pelle delle persone affette da patologie, soprattutto gravi e debilitanti!!   

La vita è molto semplice e grandiosa ed il nostro corpo, se non intossicato sin dalla infanzia, o come abbiamo visto già nella gravidanza di madri disperate ed irresponsabili, sa come difendersi con l’immunità donataci dalla Creazione!! 

La realtà oggi è manipolata più che mai e molti non afferrano più il senso del reale!!  

“il difficile sta nel saper scorgere ciò che la realtà ha di favoloso” Massimo Gorkij  

…e di semplicemente fantastico, aggiungo!!   

Onore e rispetto per chi ha il coraggio di contrastare questa macchina distruttrice del pensiero UNICO!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

anticorpi anti-anticorpi

In figura un mio breve schema dell’evoluzione storica della medicina scientifica, con alcuni importanti personaggi e i concetti-chiave.

Pillole di storia della medicina

Pubblicato anche sul blog “Disinformazione
 
Ai miei tempi l’immunologia non esisteva. Dico ai miei tempi intendendo quando studiavo medicina, anni ‘70. Ora sono appena andato in pensione (come docente, mentre continuo a fare ricerca in università). Quando mi sono iscritto all’Università di Trieste, nessuno insegnava Immunologia, la disciplina proprio non esisteva.
 
L’anno in cui mi sono laureato (1976) in alcune università cominciavano a dare i corsi. Cosa è successo? I sistemi di difesa dalle malattie, fino ad allora, erano di competenza della Patologia Generale (la “MIA” materia), quella disciplina che per vocazione indaga le cause e i meccanismi delle malattie e delle reazioni ad esse.
 
Poi, alcuni patologi generali hanno capito che antigeni, anticorpi e linfociti erano un argomento “emergente” e vi ci sono buttati a tuffo, sviluppando una nuova branca, che presto si è resa autonoma. Come si sa, l’università genera cattedre ed è sempre in evoluzione. Nulla di male, anzi. Ma quello che qui interessa è il “successo” dell’Immunologia e il contemporaneo “declino” della Patologia generale.
 
Quest’ultimo presto si spiega: la Patologia Generale è una materia difficilissima perché ha a che fare con la complessità dell’organismo visto come un “sistema” ed è costretta, però, ad un approccio sperimentale riduzionista e per questo dedicato ai dettagli.
 
Altrimenti non si pubblica e non si fa carriera, visto che ai concorsi “pesano” più il numero dei lavori fatti che la qualità (tirando un velo pietoso sugli altri “requisiti” necessari per vincere un concorso universitario).
 
Mangiata la foglia, i patologi si sono buttati a gruppi in settori molto più applicativi e quindi remunerativi in termini di pubblicazioni e di cattedre: oncologia, patologia molecolare, tossicologia, patologia clinica o, appunto, immunologia.
 
L’Immunologia era nata in realtà alla fine del Settecento con gli esperimenti di Jenner (in Cina molto prima!), ma era rimasta come “prassi” piuttosto che come “scienza” finché la chimica del Novecento non consentì di scoprire gli “Anticorpi”.

Ecco il primo grande successo mediatico: trovare un bel nome per un nuovo meccanismo. Un nome facile da capire e da diffondere. E un nemico da combattere: gli “Antigeni”.
 
Nel successo di una teoria medica, come in quello di un prodotto commerciale, pesa moltissimo l’immagine che ne viene fornita. Poco conta se la teoria sta in piedi o il prodotto vale, quel che conta è l’immagine. Gli “anticorpi” erano diventate le armi del nostro corpo che ci proteggono dal “nemico”, il batterio o il virus.
 
Poco conta che lo stesso Pasteur aveva messo in guardia: “il microbo è molto, ma il terreno è tutto”: tale concetto ovvio a dirsi era difficilissimo da mettere in pratica dai patologi. Costoro, come me, si sono dedicati a studiare i meccanismi di base con cui i leucociti uccidono i microbi, ma è veramente un settore poco… remunerativo! Meglio prendersela col microbo, anche con l’aiuto delle case farmaceutiche molto “prolifiche”.
 
Qualche successo pratico ovviamente ci voleva ed era facilmente dimostrabile con antibiotici e, in immunologia, con i sieri e i vaccini.
 
Poi sono venuti i “Linfociti killer”, le “Citochine”, le “Allergie” e via dicendo. Tutti campi in cui l’Immunologia ha guadagnato la sua grande popolarità e la sua fetta di “consumatori”. Tutte parole magiche che spiegavano e divulgavano il verbo della altrimenti arcana scienza moderna. Come non credere che se troviamo il mezzo di aumentare gli anticorpi saremo protetti da tutte le malattie? 
 
Certo, molti problemi clinici, se non tutti, coinvolgono il sistema immunitario e quindi la figura dell’immunologo o allergologo diventa preziosa (anche se “stretta” da altre figure specialistiche come il laboratorista, il dermatologo, il reumatologo ecc…).
 
Per restare sui vaccini, argomento della attualità, il campo si è dimostrato talmente appetibile da attrarre persino figure di scienziati diverse, che prima non se ne erano mai occupate, come i… virologi!
 
Questi avrebbero dovuto occuparsi dei fatti loro (capire i virus e le loro caratteristiche positive e negative nella evoluzione umana) ma a stare solo nei laboratori è faticoso e, a meno che non si faccia il bingo di una nuova grande scoperta da Nobel (esempio l’HIV), non si ricava molto.
 
Quindi i vaccini sono il nuovo business degli immunologi, dei virologi e della farmacologia (il servizio regionale di sorveglianza del Veneto è gestito da immunologi e farmacologi).
 
I poveri medici di base, che fanno un lavoro già di per se difficile, non sono degli scienziati (checché se ne dica) e devono attenersi a quel poco che ricordano dalle lezioni universitarie e “credere” alle società scientifiche che con periodici proclami passano loro il “verbo scientifico”, invero un poco annacquato e semplificato.
 
Purtroppo, o per fortuna, la Natura non si lascia facilmente incanalare negli slogan e nei giochi di parole o di potere. E la Scienza, quella vera, ha sviluppato l’immunologia scoprendo che gli anticorpi non sono così “buoni” come si pensava e che il nostro corpo, proprio per questo, produce SEMPRE degli anticorpi anti-anticorpi, per controllare il pericolo di ogni eccesso!

Poi ha scoperto che non ci sono solo i linfociti “killer” ma ci sono anche quelli “Helper”, “Soppressori” e mille altri tipi diversi che fanno cose diverse. 

 
Poi ha scoperto l’autoimmunità e che buona parte delle malattie del mondo moderno riconoscono come meccanismo patogenetico una eccessiva attivazione del sistema immunitario (e della infiammazione).
 
Poi ha scoperto che gli adiuvanti sono necessari per far funzionare i vaccino ma sono anche usati come benzina sul fuoco in precedenti focolai infiammatori dovuti a molte altre cause.
 
Ma i medici, poveretti, ormai non ci capiscono molto e sono costretti a rivolgersi alla “medicina basata sulle prove di efficacia”; il che significa (semplificando): “se un farmaco funziona statisticamente più di un placebo, inutile chiedersi perché funziona, quello si deve dare” a tutti, pena gravi sanzioni legali. E quindi: giù cortisone, giù antibiotici, giù antivirali, giù anti-TNF, farmaci di “nuova generazione”, che funzionano sempre meglio di quelli vecchi e meno costosi.
 
Guai dubitare della “Scienza”, la quale però timidamente alza la manina e dice: la prova di efficacia su popolazioni omogenee di malati non trova applicazioni facili nella pratica dove le persone sono vere, diverse, e non cavie.
 
Se poi ci si mettono di mezzo gli Ordini dei Medici, che in realtà non hanno alcuna competenza scientifica, a dettar legge e minacciare espulsioni, allora si capisce come i poveri medici siano poco inclini a riprendere criticamente le nozioni di base di immunologia e di farmacologia, così difficili.
 
E poi, i dubbi sono sciolti (anche) dal fatto che medici di medicina generale e pediatri sono specificamente remunerati per l’attività vaccinale e sono controllati dal “sistema sanitario nazionale” che sa esattamente quanti vaccini somministrano. Se ne fanno pochi, rischiano di passare per famigerati anti-vax.
 
A questo punto la storia si complica quando entrano in gioco la politica, la finanza e l’“informazione”: la gente, che paga cospicue tasse, vuole protezione, vuole certezze, vuole sicurezze. Bisogna sfruttare i vaccini! I nostri eroi al potere, ex rottamatori, partono con la campagna per rassicurare che lo stato “c’è” e per salvare posti di lavoro.
 
L’”informazione” viene quindi mobilitata da una parte per instillare paure di epidemie disastrose, dall’altra per far credere che la “Scienza” non sia “democratica” (sic) e che quindi gli oppositori tra la gente, che sospettano istintivamente l’inganno e cominciano a capire cosa ha mosso tutta la manovra (qui mi fermo per non sembrare un complottista), siano dei poveri ignoranti, o… politicamente di destra. Si diffonde, persino negli autogrill, un famoso libro con l’opinione che il vaccino non è un’opinione, altrimenti presentato come l’illuminato parere di un futuro premio Nobel.
 
Si annunciano in TV duecento morti di morbillo in Inghilterra (mai esistiti), i tre poveri morticini italiani da morbillo (contagiati in ospedale, morti non di morbillo ma di altre malattie complicate naturalmente da un’infezione) sono esibiti come trofei ai politici in Senato, pronti a votare secondo ordini di scuderia (in giugno persino si riesuma la notizia di un morto di aprile). Si diffonde la voce che per la pertosse non c’è cura.
 
Si riportano sui mass-media 18.000 (diciottomila) morti di influenza, “nonni” che sarebbero morti perché non si sono vaccinali.
 
Si inventa una nuova parola: il fatidico “gregge”. Parola magica che dovrebbe far capire ancora meglio che chi si rifiuta di vaccinarsi fa il male del popolo. Senza la benché minima prova che la soglia di copertura proclamata (95%) sia valida e applicabile ai 14 vaccini lorenziniani (10 obbligatori e 4 “raccomandati”).
 
Persino Grillo per un po’ viene imbambolato. Ma tant’è: anche se la scienza non è democratica, il gregge deve essere riguardato dai nostri politici democratici.
Si inventano pericoli provenienti dall’immigrazione, quando basterebbe controllare meglio gli immigrati.
 
I medici dubbiosi sono effettivamente minacciati o radiati, i vaccini sono imposti per legge, e chi non si adegua è reietto dalla società di cui la scuola è l’emblema più progredito.
 
I bambini sani non vaccinati sono considerati degli untori, quelli vaccinati che dovrebbero starsene a casa per non infettare gli altri, invece col loro bravo certificato entrano trionfalmente in classe.
 
Il tutto senza uno straccio di prova scientifica che di questi vaccini ci sia veramente bisogno, oggi, in Italia. E che siano efficaci per lo scopo che si propaganda.
 
Questo è un frammento della storia della medicina italiana. Historia magistra vitae. Detto in altri termini: la storia insegna, se ben studiata, ad apprezzare i progressi e non ripetere gli errori.
 
Post scriptum. Ho sempre insegnato anche l’immunologia e che i vaccini sono utili e necessari. Per la cronaca, i dubbi mi sono venuti quando gli Ordini hanno inquisito dei colleghi che avevano perplessità sui vaccini indiscriminati. Allora ho cominciato a ri-studiare l’argomento…