Archivi tag: Viracocha

Puma Punku – La porta del Puma

 Puma Punku è la prova degli antichi astronauti?

Situato a soli 45 miglia a ovest di La Paz, sulle alte montagne delle Ande, si trovano le misteriose rovine di un sito archeologico chiamato Puma Punku. 

Questo antico sito ospita pietre megalitiche che molti ricercatori affermano essere tra le più grandi del pianeta. Alcuni dei megaliti misurano fino a 26 piedi di lunghezza e pesano più di 100 tonnellate ciascuno.

Questo incredibile sito è stato costruito migliaia di anni fa da una cultura estremamente avanzata. Oggi, Puma Punku è considerato un grande complesso di templi o un gruppo di monumenti che fa parte del sito di Tiwanaku vicino a Tiwanaku, in Bolivia. 

Tiwanaku è significativo nelle tradizioni Inca perché si ritiene che sia il luogo in cui è stato creato il mondo. Puma Punku significa “La porta del Puma”. 

Come notato dallo specialista andino, il professore di antropologia dell’Università di Binghamton, WH Isbell, una data radiocarbonica è stata ottenuta da Vranich da materiale organico proveniente dallo strato più basso e più antico del tumulo che forma il Puma Punku. Questo strato è stato depositato durante la prima delle tre epoche costruttive e risale alla costruzione iniziale del Puma Punku a 1510 ± 25 BP 

Puma Punku è così unico nel modo in cui è stato costruito, modellato e posizionato, che è il sito più intrigante e antico del pianeta. Gli studiosi mainstream ritengono che i blocchi trovati a Puma Punku siano stati formati a mano con strumenti primitivi di pietra. Ma alcuni ricercatori sottolineano l’intricata lavorazione della pietra come prova dell’uso della tecnologia di precisione avanzata. 

In che modo esattamente persone così primitive, vivendo migliaia di anni fa, hanno prodotto una pietra così perfetta? È possibile che gli antichi costruttori di Puma Punku abbiano fabbricato le pietre megalitiche con tecnologie avanzate? Strumenti di precisione che avrebbero potuto aiutarli a realizzare queste meraviglie di ingegneria e costruzione, tagli puliti, angoli precisi, sarebbe davvero possibile senza l’ausilio della tecnologia “moderna”? Molte persone oggi lo trovano abbastanza improbabile. 

Se guardi attentamente le pietre, puoi vedere alcune pietre intricate, come se usassero macchine utensili o addirittura laser. È incredibile. 

A Puma Punku troverai queste pietre incredibili con angoli retti perfetti, e alcune pietre hanno piccoli fori che sono stati equamente distanziati lungo questo solco, il che ti fa pensare se sia possibile o meno che gli antichi costruttori di Puma Punku usassero una sorta di macchinari avanzati. 

Un incubo trasportazionale e logistico

Dopo anni di ricerche, gli archeologi hanno detto che le massicce pietre sono state scavate in cave a oltre 60 miglia di distanza e poi rotolate su Puma Punku su tronchi. 

Tuttavia, ciò che sembra dimenticare qui e ciò di cui nessuno parla è il fatto che il sito archeologico di Puma Punku si trova a un’altitudine di 12.800 piedi. Ciò significa che si trova sopra la linea dove cresce l’albero naturale, quindi questo significa che nessun albero è cresciuto in quell’area, il che significa che non sono stati abbattuti alberi per usare rulli di legno.

Questo ci porta alla domanda ovvia su come gli antichi costruttori di Puma Punku trasportarono enormi blocchi di pietra verso la loro destinazione? Certo, avrebbero potuto importare tronchi da altre parti, ma a quell’epoca sarebbe stato un incubo il trasporto, e persino un’enorme forza lavoro non sarebbe stata sufficiente per queste massicce pietre arrivare a destinazione. 

Abbiamo semplicemente troppe domande sulla tecnologia utilizzata, i trasporti, la logistica, ecc., Ed è difficile credere che tutto ciò sia stato ottenuto senza l’uso di utensili elettrici e forme avanzate di trasporto.

Spostare questi massicci blocchi di granito dalle loro cave e portarli a Puma Punku avrebbe richiesto un tipo di tecnologia avanzata, con cui le culture antiche avrebbero potuto sollevare queste pietre massicce e metterle nelle loro posizioni. 

Puma Punku è semplicemente messo in uno di quei posti dove quando guardi quelle incredibili costruzioni, manipolate con quella stessa perfezione, la tua immaginazione si accende, ci sono così tante possibilità a questo punto, e le spiegazioni archeologiche convenzionali semplicemente non sono sufficienti. 

Le domande giuste devono essere poste e ci sono così tanti misteri che circondano Puma Punku … dai materiali usati per aiutarli nelle costruzioni … ai metodi di costruzione e al trasporto dei blocchi e la risposta probabilmente sta di fronte a noi. 

Tiahuanaco, altrettanto stupendo e mistificante 

Nel 1549, mentre cercava la capitale dell’Impero Inca, i conquistatori spagnoli guidati da Pedro Cieza de León attraversarono la Bolivia e trovarono le rovine di un sito archeologico chiamato Tiahuanaco. A meno di un quarto di miglio a nord-est di Puma Punku, i ricercatori moderni ritengono che Tiahuanaco fosse un tempo il centro della civiltà con più di 50.000 abitanti. 

 

In effetti, Tiahuanaco è probabilmente la più grande cultura americana di cui molte persone non abbiano sentito parlare. Era uno degli antecedenti più importanti degli Inca e della loro storia. Il livello di realizzazione nell’architettura, nello sviluppo politico, nell’agricoltura, nelle industrie era diverso da qualsiasi altra scoperta in Sud America, e molti studiosi concordano sul fatto che Tiahuanaco fu misteriosamente abbandonato intorno al 1100 d.C., per ragioni che ancora non conosciamo.

Tuttavia, numerosi scavi hanno rivelato una grande quantità di informazioni su Tiahuanaco. Negli anni ’60, il governo boliviano ha scavato e dissotterrato il tempio sotterraneo a Tiahuanaco. 

All’interno delle mura del cortile sommerso quadrato, i ricercatori hanno scoperto centinaia di misteriose teste di pietra con una vasta gamma di funzioni. 

La maggior parte degli studiosi e degli autori concorda sul fatto che ci sono tutte le razze umane rappresentate a questo muro, anche i crani allungati, le persone che indossano turbanti, le persone con il naso largo, le persone con il naso sottile, le persone con labbra carnose, le persone con labbra sottili e alcuni dei le statue sono particolarmente insolite perché non sembrano rappresentare la popolazione locale.

Questi luoghi misteriosi sembrano rappresentare ogni tipo e forma della testa umana esistente sul pianeta. 

Due di loro, che sono molto intriganti, sono stati creati in bianco, e assomigliano molto alle teste aliene grigie, dicono gli ufologi. 

Viracocha, il dio creatore andino 

Una statua gigante al centro del tempio sommerso raffigura il dio creatore, noto come Viracocha. Curiosamente, Viracocha è stato raffigurato con molte caratteristiche diverse da quelle della popolazione nativa. Questo solleva una domanda interessante; Perché gli abitanti di Tiahuanaco dovrebbero raffigurare il loro dio più prominente con caratteristiche diverse dalle loro? 

Ad esempio, Viracocha era raffigurato con barba e baffi, qualcosa di molto insolito perché gli indiani d’America non hanno barba e baffi. Allora, chi era Viracocha, ed è possibile che ci sia qualcosa di più per lui di ciò che siamo stati indotti a credere? 

Scrittura sumera in America? 

Uno dei più affascinanti reperti archeologici mai scoperti vicino a Tiahuanaco è la famosa ciotola Fuente Magna.

L’artefatto è una ciotola di ceramica, e ha scritto sulla sua superficie una scrittura geroglifica sumerica e proto-sumera. Questo è un problema enorme per gli studiosi mainstream poiché queste due civiltà non sono mai state collegate e si trovano dall’altra parte del mondo. 

 

In effetti, queste due antiche culture erano separate da più di 8.000 miglia, eppure la Fuente Magna Bowl disegna un collegamento diretto tra gli antichi Sumeri e Tiahuanaco e Puma Punku. 

https://ancient-code.com/ 

®wld

Metalli Divini

Sud Africa, trovata una metropoli di 200.000 anni realizzata dagli Anunnaki?

METALLURGIA

L’uso dei metalli da parte dell’uomo è iniziato con l’oro ed è continuato con argento e rame – metalli che si trovano allo stato puro in natura. Reperti archeologici indicano che l’uso di “pietre tenere” (ossia i metalli), martellandole e dando loro forme utili, cominciò nel vicino Oriente nel IV millennio a.C.; l’uso di metalli puri si trasformò in metallurgia nel IV millennio a.C. con l’introduzione della lega di rame e stagno chiamata bronzo; i progressi tecnologici nella lavorazione dei minerali metallici introdussero l’Età del Ferro nel II millennio a.C. 

A differenza dell’archeologia, le antiche credenze in tutto il mondo, che trattano la successione delle età dei metalli (a partire dall’Età dell’Oro), assegnavano invariabilmente a queste tre ère una ben maggiore antichità.

Anche le narrazioni sumere degli Anunnaki, che descrivono il loro arrivo sulla terra alla ricerca di oro e la creazione di Bad-Tibira come centro metallurgico nell’Edin, fanno risalire questi eventi a un periodo precedente il Diluvio.

Anche nella Bibbia si trovano riferimenti all’uso del metallo prima del Diluvio: osservando ad esempio che uno dei fiumi dell’Eden scorreva da dove <<giungeva il buon oro>> e notando che Tubalkain (della stirpe esiliata di Caino) era <<il fabbro, padre di quanti lavorano l’oro, il rame e il ferro>>. (Genesi 4,22). 

Secondo le iscrizioni sulle mura del tempio a Edfu, in Egitto, il dio Horus donò ai suoi sostenitori umani armi di “ferro divino” forgiate in una fonderia che lui aveva creato in quel luogo.

Attività estrattiva delle miniere

Pur se in linea di massima viene considerata parte integrante dell’argomento metalli e metallurgia, l’estrazione mineraria svolse un ruolo importante negli affari degli Anunnaki, come è descritto chiaramente nell’Epica di Atra-Hasis e in altri testi citati da ZS.

Essendo stati costretti a lavorare nelle miniere per estrarre l’oro di cui avevano bisogno, gli Anunnaki assegnati a tale lavoro si ribellarono, l’ammutinamento sfociò nella creazione di un “Lavoratore Primitivo” – l’Homo Sapiens – affinché lavorasse al posto loro.

Oro (Gush.kin, Ku.gi).

“L’Oro Lucente estratto dalla Terra”; anche Zu.ab. “Ciò che brilla proviene dalle profondità primordiali”, da cui deriva probabilmente (H) Zahab, “oro”): minerale prezioso e lucente che si trova sia sotto forma di filoni nelle viscere della Terra, sia come pepite nei letti dei fiumi o come granelli mescolati all’acqua di mare.

E’ il metallo più malleabile e duttile conosciuto: può essere allungato, ridotto in fili sottilissimi, in lamine, in fogli, in grani o polvere (oggi persino essere ridotto ai suoi atomi). Si può fondere, colare, forgiare, martellare e si può legare ad altri metalli; non è corrosivo ed è un perfetto conduttore elettrico.

Primo metallo noto al genere umano, sin dall’inizio venne considerato proprietà degli dèi che lo usavano per comunicare con l’umanità (il bastone d’oro che Viracocha consegnò in Perù; i Cherubini d’oro sull’Arca dell’alleanza per ascoltare Yhaweh). 

Sia nel Vecchio sia nel Nuovo Mondo, le dimore divine e i Sancta Sanctorum erano interamente rivestiti del prezioso metallo a formare recinti d’oro, decorati con emblemi d’oro, oggetti rituali in oro e perfino utensili in oro.

Secondo i testi sumeri, gli Anunnaki estraevano l’oro dall’Africa sud-orientale (Arali, “luogo dei filoni lucenti”), dalle miniere dell’Ab.zu (“Profonda sorgente primordiale”). I testi attribuivano la decisione degli dèi di creare l’uomo alla necessità di avere dei lavoratori primitivi in grado di sostituire gli Anunnaki nelle miniere, dopo l’ammutinamento di questi ultimi, stufi delle condizioni proibitive in cui erano costretti a lavorare.

Quando il Diluvio distrusse tutto, emerse una nuova fonte di oro, pronta per essere raccolta: le pepite che abbondavano sul terreno esposto proprio dalle acque del Diluvio in Sud America, dando origine agli insediamenti e alle operazioni che ebbero come centro Tiahuanacu. Ciò spiega la quantità incredibilmente vasta di oro e manufatti d’oro razziata dai conquistadores spagnoli nelle terre andine del Sud America, i cui indigeni non erano assolutamente in grado di estrarre dalle miniere.

Lo Stagno (An.na):

metallo che, a differenza dell’oro, argento o rame, si trova molto raramente allo stato puro in natura. Veniva ricavato da un minerale, la cassiterite (ossido di stagno), seguendo un processo di estrazione complesso, composto da numerosi fasi: il minerale veniva combinato con il carbonio in apposite fornaci in grado di raggiungere temperature elevate; lo stagno fuso veniva raccolto e purificato attraverso un ulteriore processo di fusione.

E’ un metallo estremamente utile perché, mescolato in piccole porzioni al rame (poco più del 10%), forma una lega – il bronzo – che acquista una resistenza straordinaria. Nonostante la complessità dei processi metallurgici che hanno consentito il passaggio alla cassiterite al bronzo, a Sumer (dove lo stagno veniva chiamato An.na, “Pietra Celeste”) “L’età del Bronzo” risale al 3600 a.C., e da lì si diffuse poi lentamente, nell’arco di parecchi secoli, in tutto il Vicino Oriente.

Questa impresa dei Sumeri è ancora più importante se si considera il fatto che, mentre il rame si poteva ricavare dalle fonti del Vicino Oriente, relativamente poco distanti (Cipro, Creta), i minerali di stagno si trovavano in terre più lontane: nel subcontinente indiano e nel Lontano Oriente, nelle Isole Britanniche (Cornovaglia) o in Sud America (nei pressi del Lago Titicaca).

Nel libro Gli Dei dalle Lacrime d’Oro di ZS, viene citato un testo sumero in cui Inanna parla della presenza di stagno nel suo dominio nella Valle dell’Indo e fornisce la prova che gli Anunnaki ricavavano lo stagno a Tihuanacu in Bolivia – ancora oggi principale fonte mondiale di stagno. ZS si è chiesto persino se il nome della città derivi dalla parola accadica per stagno – Anaku – così che Ti-anaku significava letteralmente “Città dello stagno”

Ferro: Età del ferro (An.ta):

il passaggio dal bronzo al ferro, quale metallo più robusto per armi e utensili, richiedeva importanti progressi tecnologici, che andavano dall’estrazione mineraria, alla separazione delle scorie, alla raffinazione, alla fusione, alla colatura.

Prove archeologiche indicano che il cambiamento si verificò nell’antico Vicino Oriente nel 1200 a.C. circa. Prove testuali, tuttavia, suggeriscono una precoce familiarità con il ferro: leggende egizie di Horus e Seth in battaglia – molto prima dell’era faraonica – descrivono Horus che donava ai suoi seguaci umani <<armi che vennero forgiate>> (ossia fatte di ferro).

La Bibbia, nel capitolo 4 della Genesi racconta che Tubalkain, discendente di Caino, era un “fabbro, padre di quanti lavoravano il rame e il ferro”, presumibilmente già prima del Diluvio. Nel Deuteronomio, la Terra promessa è descritta – all’epoca dell’Esodo, nel XV secolo a.C. – come un <<paese dove le pietre sono ferro e dai cui monti scaverai il rame>>. 

Fonte: 

Le Cronache Terrestri Rivelate di Zecharia Sirchin 2009

p: 104-163-186-187-230

Articoli correlati:

La Maledizione dell’Oro  

L’Età dell’Oro, dell’Argento, del Bronzo e l’eroica età del Ferro  

Dov‘è finito tutto l’Oro del Mondo?  

Il Sud Africa è conosciuto come il più grande paese produttore di oro al mondo. La più grande zona di produzione d’oro del mondo è il Witwatersrand, la stessa regione dove l’antica metropoli si trova. Infatti nelle vicinanze di Johannesburg, una delle città più note del Sud Africa, è anche un luogo chiamato “Egoli”, che significa la città d’oro. (Continua QUI l’interessante articolo) 

Nin.Gish.Zid.Da