Archivi tag: Vimana

Un tappeto magico composto di seta verde

Il Kebra Nagast-Re Salomone e il mistero dei tappeti volanti

by Ivan 

In breve: i tappeti volanti sono menzionati in numerose leggende. Ad esempio, si dice che il re Salomone possedesse un tappeto volante lungo sessanta miglia e largo sessanta miglia, capace di trasportare 40.000 uomini. 

In altre leggende, il re Phraate II, un re dei Parti ha ingaggiato il suo nemico mentre volava su un tappeto in grado di sparare luci e fuoco. 

Leggende di divinità e divinità che viaggiano in tempi antichi attraverso la Terra in potenti macchine volanti possono essere trovate in un certo numero di leggende in varie culture in tutto il mondo.

Secondo il libro sacro degli etiopi, ad esempio, il Kebra Nagast, che si credeva fosse stato scritto tra il V e il II secolo d.C., la regina Saba era dotata di un tappeto volante dal re Salomone.

La storia è di grande importanza e la sua importanza è segnata dal fatto che è scritta in uno dei più importanti testi antichi mai scritti.

Si ritiene che il lavoro contenga la genealogia della nuova dinastia salomonica.

Il Kebra Nagast, noto anche come il libro dei Re, sembra essere il libro più sacro e importante degli antichi etiopi.

Si ritiene che Sir Wallis Budge, uno studioso inglese che ha lavorato per il British Museum, abbia creato la prima traduzione in inglese del Kebra Nagast intitolato The Glory of the Kings.

The Flying Carpet, una rappresentazione dell’eroe del folklore russo, Ivan Tsarevich. Immagine di credito: Wikimedia Commons. Dominio pubblico 

Il Kebra Nagast è composto da 117 capitoli ed è considerato un’opera di letteratura composita.

Nell’antica opera letteraria, scopriamo come il re Salomone possedesse una sorta di dispositivo volante. Una macchina volante.

 

In aggiunta a ciò, il libro contiene resoconti su come l’Arca del patto arrivò in Etiopia con Menelik I, il primo imperatore salomonico dell’Etiopia, tradizionalmente ritenuto figlio del re Salomone.

Presumibilmente, Dio aveva conferito al re Salomone la comprensione del linguaggio degli uccelli e un certo numero di altri insegnamenti sacri denominati “il signore degli uomini, dei geni e degli uccelli”. 

Nelle leggende antiche, è descritto come volare attraverso l’aria con un tappeto “magico” composto di seta verde. 

Le leggende dicono che il tappeto volante di Salomone aveva la capacità di trasportare fino a 40.000 uomini mentre era in volo. 

La descrizione del tappeto volante di Solomon è sconcertante. Si dice che fosse lunga sessanta miglia e larga sessanta miglia: e “quando Salomone si sedette sul tappeto, fu preso dal vento, e salpò così rapidamente nell’aria che fece colazione a Damasco e cenò in Media“. 

Oltre a quanto sopra, un certo numero di antiche leggende in Medio Oriente parlano di come il re Salomone aveva in suo possesso un dispositivo volante che gli permetteva di viaggiare senza problemi in diversi posti in Medio Oriente, in un numero di montagne comunemente soprannominate Montagne di Salomone. 

Inoltre, un uomo chiamato Nicholas Rourke, che era un esploratore russo-americano viaggiò attraverso l’Asia e il Tibet e le sue montagne negli anni ’20 e affermò che i tibetani avevano leggende che parlavano del re Salomone che volava in Tibet con la sua magnifica macchina volante. 

Questo mi fa domandare se stiamo davvero parlando di un tappeto volante, o forse, come suggeriscono alcuni teorici dell’antica astronauta, di antiche macchine volanti, conferite all’uomo da un moccio dalla Terra?

Ma queste leggende non parlano di tappeti volanti come solo un mezzo di trasporto. In numerosi racconti, i tappeti volanti sono raffigurati come potenti armi.

Infatti, se guardiamo storie del II secolo aC, scopriamo come Phraates II, un re dei Parti impegnato in battaglia con Antioco VII, re dell’Impero seleucide. 

È qui che la storia diventa interessante.

La storia racconta che re Phraate volò “a bordo” di un tappeto volante dalle alture della montagna Zagros. Quando ha raggiunto il suo nemico, ha sparato, dal tappeto volante, fuoco e lampo. 

Dopo il suo attacco vittorioso, si dice che il re Phraates sia volato sopra le teste dei suoi soldati in un ricevimento trionfale. 

Secondo Hai ben Sherira dell’accademia talmudica, la biblioteca perduta di Alessandria era la patria di innumerevoli “tappeti magici”. 

Quindi, tappeti volanti o antichi Vimana? 

Se diamo un’occhiata all’antica mitologia indù, troveremo una serie di descrizioni che descrivono in dettaglio potenti macchine volanti chiamate Vimana. 

Si dice che questi possenti dispositivi volanti siano esistiti migliaia di anni fa, permettendo a “divinità” e “divinità” di percorrere grandi distanze e persino recarsi nello spazio.

Tutti questi incredibili “antichi dispositivi volanti” potrebbero essere i Carri degli dei di Erich Von Daniken menzionati nei suoi libri? 

Fonte: https://www.ancient-code.com/the-kebra-nagast-king-solomon-and-the-mystery-of-flying-carpets/

®wld 

Giocare a dadi tra milioni e millenni di anni …

Clonazioni, virus ed ipotesi sul passato 

Dott. Roberto Slaviero

Krebsforschungschungzentrum (centro di ricerca sul cancro nda) di Heidelberg, Dr Frank Lyko, ci porta a conoscenza di una incredibile mutazione avvenuta nel giro di pochi decenni di una specie di gambero, il Procambarus virginalis.

Cosa è successo; i ricercatori hanno scoperto che i genomi di tale specie sono praticamente identici, ovvero essi non si riproducono sessualmente ma si clonano da soli.

Tale specie pare sia un’evoluzione della specie madre nordamericana, il Procambarus Fallax, ed è arrivata negli acquari europei tra il 1990 e 1995, dove ha cominciato ad autogenerarsi, due o tre volte all’anno senza accoppiarsi con il maschio.

Notano i ricercatori, che normalmente ci vogliono migliaia se non milioni di anni per tali mutazioni, che invece è avvenuta adesso in pochi decenni! Notate i nomi dei gamberi… Virginalis e Fallax… sti biologi sono proprio dei simpaticoni!

Qualche giorno fa il mio caro amico e ricercatore delle menti umane, dr Di Spazio di Bolzano, mi segnala un’altra incredibile scoperta riguardante una proteina, la Arc, responsabile molto probabilmente della fissazione della memoria nel nostro cervello. Tale proteina agisce come un virus che infetta le cellule ospiti, e in questo caso però è essenziale per garantirci la memoria dei nostri accadimenti. Incredibile!

La scienza ufficiale ci ha fatto odiare i virus…Negli umani afflitti ad esempio da Alzhaimer, nella regione cerebrale dell’Ippocampo, regione deputata alla conservazione della memoria, tale proteina non è più presente e da ciò si suppone la sua enorme importanza per la memoria.

La cosa stupefacente è che i ricercatori pensano che tale “mutazione” sia avvenuta da un antichissimo evento virale, che ha interessato diverse specie di mammiferi e viene collocato nella storia tra i 350 ed i 400 milioni di anni fa!

Adesso qui bisogna cominciare a verificare i dati storici; poichè tra Big Bang, nascita delle galassie, evoluzione dei pianeti e delle specie animali si gioca come al Casinò, si danno i numeri!

Io non so come i ricercatori della proteina Arc parlino di fatti accaduti tra i 350 ed i 400 milioni di anni; parlare di decine, centinaia o migliaia di anni ha un senso ma di milioni… fantasticherie forse! Oggi pensiamo di conoscere gli avvenimenti storici più o meno abbastanza bene fino al 2.o millennio ante Cristum, ci spingiamo fino al 4.o millennio a.C., con l’ antica e misteriosa popolazione Sumera…recentemente si è scoperto il sito in Anatolia di Gobleki Tepe, datato circa tra il 10.mo e 9.no millennio a.C..

Cosa pensiamo inoltre di conoscere; tutte le popolazioni esistenti sul pianeta ci narrano di un evento catastrofico avvenuto, si pensa, tra il 10500 ed il 10000 avanti Cristo, il famoso diluvio.

Sappiamo poi che in tutto il pianeta esistono cavità sotterranee, con cunicoli che collegano varie regioni per migliaia e migliaia di km; ciò suppone che gli uomini abbiano vissuto sottoterra per migliaia di anni; mi viene in mente una enorme glaciazione sulla superficie, oppure la presenza in superficie di esseri non proprio amichevoli, chi lo sa!

Ne ho visitato una in Cappadocia … esperienza unica e non molto solare! Poi cosa pensiamo di sapere …, chiaramente non dalla scienza “ufficiale” dei vari Piero Angela e &., che hanno come obbiettivo il controllo mentale della pecora Homo sapiens.

Antichi testi sanscriti, affermano che in una regione dell’odierno Pakistan, a Mohenjo – Daro, avvenne circa nel 2000 a.C., una potente esplosione di tipo atomico.

Ricercatori dell’Universita di Roma, in seguito agli studi del ricercatore David Davenport e del giornalista italiano Ettore Vincenti, hanno confermato che i reperti da loro analizzati, supporrebbero che tali suppellettili, siano state sottoposte a temperature superiori ai 1500 gradi ed in tempi brevi, come può avvenire solo in eventi di tipo atomico! Hanno escluso eventi naturali, tipo terremoto, meteoriti e vulcani, in quanto le strutture, come pozzi, falde acquifere e strati geologici si sono mantenuti tali come allora!

Altri ricercatori, analizzando pietre e rocce parlano di altre esplosioni atomiche tra l’ odierno Egitto e Libia ed il ricercatore sumerologo Sitchin, era convinto che il famoso episodio biblico di Sodoma e Gomorra, si riferisse ad un attacco con armi atomiche, effettuato da uno degli Dei o Re, come li chiama la nostra Bibbia! Tali eventi sarebbero avvenuti più o meno negli stessi periodi storici del sopra citato evento Pakistano.

Quindi supponiamo che circa 4000 anni fa sul pianeta ci fossero esseri umani o non, in possesso di tecnologie avanzate, usate malevolmente, come ai nostri tempi, per distruggere gli altri!

Davenport, scomparso prematuramente (!?), studiando i Vimana indiani… diciamo i veicoli spaziali dell’antichità, creò una mappa stellare con delle rotte aeree di entrata sulla Terra provenienti da altri sistemi stellari, principalmente quelli delle costellazioni del Cane, del Toro, di Orione e Pleiadi.

Come riuscissero ad entrare sul pianeta Terra, avvolto dal Firmamento, se ciò fosse vero, non ci è dato sapere; ma le nostre conoscenze in materia sono limitatissime o nulle. Ma non voliamo troppo in alto, se nò perdiamo il senso della vita sul pianeta e facciamo il giochetto dei “voladores“, ben descritti da Carlos Castaneda!

Con la datazione del Carbonio 14 riusciamo più o meno a verificare la data storica di oggetti e roccie che abbiano “respirato” ossigeno… ma parliamo di decine di migliaia di anni, non di milioni. Come facciano i ricercatori a parlare di milioni e milioni di anni fa… chissà chi lo sa!

Ipotesi ragazzi miei, solo ipotesi non suffragate; o meglio, volutamente suffragate dalla scienza ufficiale, che ama farci fare voli pindarici nelle galassie o tra i dinosauri del passato, facendoci sognare basi su Marte e sulla Luna o viaggi su Orione…

Non riusciamo neanche ad uscire dall’orbita terrestre, quindi non oltre i 1000 km di altezza o meno, sebbene ci abbiano raccontato la farsa della Luna e continuino con la stazione orbitale Iss, posizionata in un orbita massima di 460 km di altezza, dove probabilmente la Termosfera misura 1500 gradi centigradi…

Tutt’al più sarà posizionata entro i 100 km di altezza, se non in qualche studio televisivo, tipo sbarco sulla Luna!

Dai creduloni, riaprite gli occhi!

C’è in atto (onda temporale zero) un importante evento universale, che vi permette cosi di riavvicinarvi alla realtà ordinaria, facendovi uscire dei mondi fantastici, e permettendovi inoltre di cercare di capire gli inganni vissuti dall’Umanità nel corso degli anni!

Nei mondi fantastici, magari reali, anzi molto reali sebbene in dimensioni più leggere, andateci di notte con i sogni, utilizzando la ghiandola pineale e la sua fase secretoria di Dimetiltriptamina (DMT).

Quando siete nello stato di veglia, vegliate affinchè gli impostori che ci comandano, vengano ridicolizzati e sputtanati nelle loro continue menzogne, con il fine di schiavizzarci e rubarci le nostre risorse, sia materiali che spirituali!

Homo Sapiens, riprenditi e ritorna attivo e sagace, come quando percorrevi il pianeta come nomade, felice nella libertà ed in contatto con la natura… le religioni non ti servivano allora per comprendere la grandezza del Creatore, lo capivi da solo guardando le foreste ed il cielo e odorando piante e corsi d’acqua!

Oggi sei costretto nelle città, schiavo del sistema opprimente, ma la tua genetica è quella del nomade, sebbene ti abbiano impestato con chimica, radiazioni, vaccini ed altri tossici, tentando cosi una riprogrammazione genetica in senso peggiorativo, in senso ultraschiavizzante

Se vuoi, tu sai come ritrovare l’ orgoglio dei momenti aurei vissuti attraversando senza paura e timore, le pianure, le montagne ed i corsi d’acqua del nostro meraviglioso pianeta Terra!

Se non ritrovi quell’ orgoglio e quella spinta di allora, i maledetti genetisti deviati ed i falsi politici, scienziati, storici e religiosi falsi, magari anche pervertiti contro la purezza umana, spegneranno per sempre la tua fiammella divina, calandoti nell’oblio assoluto!

FIAT VOLUNTAS..

AUTEM NOSTRORUM!

http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?clonazioniviruspassato   

Ashoka – 226 a.C.

I Nove Sconosciuti di Ashoka

Kerry Sullivan ha una Laurea in Scienze e Arti e attualmente è uno scrittore indipendente che approfondisce argomenti su temi religiosi e politici della storia.

In India c’è una legenda che tutti conoscono su un’organizzazione segreta che si suppone abbia una grande quantità di conoscenze avanzate.

Si crede che fu formata più di 2000 anni fa. C’è un forte sospetto sul fatto che i Nove Sconosciuti manipolino le tendenze politiche e sociali per ottenere obiettivi personali.

Un’organizzazione così segreta, però, è una realtà o semplicemente una leggenda?

Storia dell’Origine

La società dei Nove Sconosciuti fu formata poco dopo il 226 a.C. dall’imperatoreAshoka

Nipote del leggendario imperatore Chandragupta che unificò il subcontinente indiano, Ashoka era ansioso di mantenere l’eredità di suo nonno e di mantenere l’impero.

Nella regione tra Calcutta e Madras, i Kalingan resistettero al dominio imperiale, scatenando una guerra totale. Le forze di Ashoka, in numero superiore, uccisero più di 1.000.000 guerrieri di Kalinga e deportarono dalla regione più di 150.000 abitanti.

Nonostante avesse vinto la guerra, Ashoka era terrorizzato dalla carneficina che una tale vittoria portava con sé.

Da allora giurò di non utilizzare più la violenza.

  Un bassorilievo dell’India che potrebbe rappresentare  Ashoka al centro. Amaravati, distretto di Guntur, India. (CC BY SA 3.0) 

L’imperatore Ashoka è più conosciuto per la sua conversione al buddismo e per i suoi sforzi per diffondere la religione pacifica in tutta l’India, la Malesi, Cylon e l’Indonesia.

I suoi sforzi contribuirono all’espansione posteriore del buddismo verso la Cina, il Nepal, il Tibet e la Mongolia. Ashoka fu in vegetariano convinto ma non obbligò nessuno a farlo. In effetti era molto tollerante con le altre religioni.

Egli proibì comunque l’uso dell’alcool.

La cosa più importante fu:

“rinunciare all’idea di cercare di integrare le persone ribelli, dichiarando che l’unica vera conquista era quella di guadagnare i cuori degli uomini attraverso l’osservanza delle leggi sul lavoro e la pietà perché la sacra Maestà desidera che tutti gli esseri vivi godano della sicurezza, della pace e della felicità e di essere liberi per vivere a loro piacimento.”

Pauwels y Bergier

L’imperatore mise molto impegno in questa missione in cui cercò di impedire ai suoi simili di mettere la propria intelligenza al servizio del male, soprattutto quello che riguardava la guerra.

Il compito di prendere, conservare e mantenere tutta la conoscenza era troppo grande perché un imperatore lo facesse da solo, e non era meno importante, rispetto ai compiti necessari a governare un impero.

Fu così che Ashoka convocò nove delle menti più brillanti dell’India di quel tempo. Per ragioni di sicurezza, l’identità di questi uomini non fu mai resa pubblica.

Tutti insieme, questi geni formarono una società segreta che fu conosciuta come i Nove Sconosciuti.

L’inviato di Ashoka dichiara la pace.Esempio dalla storia delle Nazioni di Hutchinson. (Dominio pubblico) 

L’organizzazione riunì tutte le conoscenze scientifiche possibili, da scienze naturali a psicologia, fino alla composizione della materia

Con il timore che se gli uomini ordinari avessero ricevuto la conoscenza scientifica l’avrebbero utilizzata per distruggersi, fu permesso solo ai nove uomini di studiare e sviluppare le teorie scientifiche e la tecnologia.

Per svolgere meglio questo compito di enormi proporzioni, ognuno dei nove uomini fu incaricato di tenere un libro in particolare che egli avrebbe dovuto aggiornare, rivedere e in ultima istanza perfezionare la conoscenza.

Quando uno dei nove non poteva portare a termine il suo compito – per il desiderio di ritirarssi, per la precarietà della sua salute o per morte – l’incarico passava a un nuovo eletto.

Il numero dei membri della società è stato sempre di nove

Si suppone quindi che la società dei Nove Sconosciuti ha vissuto da oltre 2000 anni.

Il Libro del 1923 

Le congetture sul contenuto di ognuno dei nove libri varia molto.

Talbot Mundy, una scrittore inglese ha pubblicato un libro dal titolo The Nine Unknown Men nel 1923 e conteneva una lista dei nove libri.

Questa lista è stata accettata da tutti.

1) Propaganda: Il primo libro riguardava le tecniche di propaganda e di guerra psicologica. “La più pericolosa di tutte le scienze è quella di manipolare l’opinione delle masse poiché permetterebbe a qualsiasi persona di governare il mondo intero”. Questo secondo Mundy.

2) Fisiologia: Il secondo libro riguarda la fisiologia e spiega come uccidere una persona solo toccandola, conosciuto come “il tocco della morte” e si può seguendo semplicemente un impulso nervoso. Si dice che l’arte marziale dello judo sia il risultato “di elementi fuoriusciti” dal secondo libro.

3) Microbiologia: Il terzo volume riguarda la microbiologia e la biotecnologia.

4) Alchimia: Il quarto libro riguarda l’alchimia e la trasmutazione dei metalli. Secondo un’altra leggenda, in periodi di grande siccità, templi religiosi e organizzazioni di aiuto ricevettero grandi quantità di oro da una “fonte segreta

5) Comunicazione: Il quinto libro riguardava uno studio di tutti i mezzi di comunicazione, terrestre ed extraterrestre. Si deduce che i nove uomini sconosciuti sapessero della presenza extraterrestre.

6) Gravità: Il sesto libro riguarda i segreti della gravità e le istruzioni reali su come utilizzare gli antichiVimanas vedici, (come Vaiminika Shastra nella tecnologia aerospaziale).

7) Cosmogonia: Il settimo libro riguarda la settima cosmogonia e le materie dell’universo.

8) Luce: L’ottavo libro riguarda la luce compresa la velocità e la forma in cui utilizzarla come un’arma.

9) Sociologia: Il nono e ultimo libro riguarda la sociologia. Comprende regole per l’evoluzione delle società e i meodi per predire la loro decadenza.

(Mundy riassunto da Ancient Explorers)

Mito o Realtà? 

Sono stati reali i Nove Uomini Sconosciuti?

Ashoka avrebbe potuto sicuramente chiedere a nove uomini dall’identità sconosciuta di riunire la conoscenza scientifica soprattutto per quello che riguardava la la sua applicazione alla guerra. Quello è stato un tempo molto frammentario e si sa di altri imperatori che hanno avuto l’idea di una simile iniziativa.

Quegli uomini possono aver studiato le tattiche belliche di diversi imperi ed essersi esercitati fabbricando armi, l’uso dei cavalli/elefanti e forse anche l’uso della polvere da sparo.

Un gruppo antico, però, che vive in segreto per più di 2000 anni, mentre controlla gli avvenimenti mondiali dalle selve remote dell’India senza una minima quantità di armamentari moderni, di infrastrutture o tecnologia, è difficile da credere.

Per molti, la leggenda è solo una leggenda…

Fonti 

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

Il conflitto segreto del nostro mondo
La storia ignorata

Dal libro “The Cosmic Portale Orion”
Ricardo González
marzo 2017
Sito LegadoCosmico

Le guerre dell’antico passato sono state extraterrestri?

Un lungo manoscritto appartenente alla straordinaria e più completa scoperta del Mar Morto nel 1947, parla di una guerra tra i “figli della luce e i figli delle tenebre.”

La cosa interessante è che il manoscritto non solo anticipa la guerra fatta dagli umani – e che, alla luce del globale quadro corrente è non del tutto lontano – inverosimile – ma anche esseri divini si sono impegnati e confrontati contro un nemico molto oscuro:

“I Figli della luce che lottano contro i figli delle tenebre con una dimostrazione della potenza divina, in mezzo a un tumulto fragoroso, tra grida di dèi e degli uomini”.

Dei e uomini … da quanto siamo coinvolti nelle vicende di questi “dei”?

Secondo l’antico Mahabharata, un lungo testo indiano e presumibilmente epico “mitologico”, ci racconta di una feroce battaglia avvenuta nei cieli della Terra. Non a caso, questo documento, un lavoro monumentale, un centinaio di migliaia di versi, racconta di una “Grande Guerra”.

La vincitrice di questa guerra è stata la potente Indra, che ha combattuto con il suo veicolo alato, gli asura che si nascondevano tra le “nuvole” …

Gli inni del Rig Veda hanno descritto la “divinità”:

“Avanzavamo senza paura in un combattimento cruento, distruggendo castello dopo castello con la tua forza. Si Indra, con il tuo amico, hai reso il tuo nemico inoffensivo, hai tenuto lontano l’astuto Namuchi. Tu che hai dato la morte a Arancione, Parnaya … Tu che hai distrutto le cento città di Vangrida.

Hai shoccato le nobili creste del cielo quando, hanno osato far male a Sambara.

“Tornando al Mahabharata, si legge che Maia, un’altra curiosa “divinità” indù, ha costruito una grande macchina di metallo ed è stata portata in cielo …

Ciascuno degli “dei” come Indra, Yama, Varuna, Kuvera e Brama, avevano uno di queste macchine volanti metalliche chiamate “Vimana“.

Questi veicoli cosmici venivano modellati a forma di razzo, e navigavano nei cieli per l’effetto del mercurio che originava un grande vento.

Gli uomini alloggiati all’interno dei vimanas potevano percorrere grandi distanze in un istante …

Un altro riferimento intrigante lo fornisce Narada – il grande saggio di antica tradizione – che cita un appartenente all’Indra, che “volava nel cielo di città” “in città” ininterrottamente.

Come se non bastasse, questo portento era circondato da un bianco “muro”, che produceva lampi di luce nel cielo.

Il suddetto Mahabharata descrive anche quello che sembra un attacco atomico:

“La carica di un singolo proiettile aveva la forza dell’universo. Brillante come diecimila soli, una colonna incandescente di fumo e fiamme che aumentavano in tutto il suo splendore.

Era un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza di Vrishnis e Andhakas.

I corpi erano così terrificantemente bruciati che non potevano essere riconosciuti. Cadevano capelli e unghie: i vasi si rompevano senza nessun motivo, e gli uccelli diventavano bianchi.

Dopo un paio d’ore tutti i prodotti alimentari si sono infettati …

 … Per uscire da questo fuoco i soldati si gettavano nei fiumi, per lavare se stessi e le loro attrezzature … “

In seguito egli dice:

… Raggiunti dal vento che infausto soffiava …

Il sole sembrava girare intorno all’universo, bruciando con il suo calore, sembrava di avere la febbre … elefanti e altre creature della terra, bruciate dall’energia esplosiva, scapparono via …

La stessa acqua quando è stata riscaldata, le creature che vivevano in quell’elemento hanno cominciato a bruciare …

Sono stati gli “dei” a lanciare missili distruttivi dai loro veicoli volanti?

Nel Ramayana, un altro antico documento indù, parla di questi oggetti volanti misteriosi.

Secondo quanto riferito, le persone che usavano quei veicoli divini potevano viaggiare nei cieli della Terra e andare anche verso i loro mondi d’origine, e poi tornare sulla Terra.

Questo e altri poemi epici indù hanno descritto battaglie aeree con “missili”, potenti come i fulmini, capaci di distruggere, come abbiamo visto, tutto quello che si trovava nel loro cammino …

La scomparsa della città di Mohenjo-Daro in Pakistan, circa 3.500 anni fa, potrebbe essere correlata a questi fatti.

Come ora sappiamo, su quella città c’era un chiarore abbagliante, una grande esplosione con una luce accecante che ha fatto totalmente bollire le vicine costiere marine.

Cosa ha causato quella distruzione? Molti studiosi si riferiscono a quella città distrutta originariamente dei Sumeri in Mesopotamia.

Inoltre, negli archivi reali della cultura ittita si parla di un’altra “entità”, il “dio” Teshub – “il Divino Tormentatore” – e le loro pretese per il controllo delle regioni superiori della Terra, che indica che c’è stata una lotta aerea tra quegli esseri.

In aggiunta, vengono narrate le battaglie del Dio Kumarbi lanciate contro Teshub e, come se non bastasse, contro i loro discendenti …

Questi “dei” non solo hanno voluto distruggere:

Essi miravano ad eliminare anche tutte le tracce e il lignaggio del nemico.

Così come viene raccontato in altre culture del mondo riguardo alle alleanze, il vendicatore Kumarbi si è basato su altri “Dei” alleati per dare la battaglia finale.

Il filo comune è che gli Ittiti, anche se pronunciavano i nomi delle loro divinità nella propria lingua, scrivevano utilizzando la scrittura sumerica …

Riflettendo sul termine “divino” che impiegano i “DIN.GIR“, che in sumero significa:

“I Giusti sulle navicelle”.

Ma non tutti erano così “giusti” …

Tutti i riferimenti che noi abbiamo, sui lunghi poemi epici o proverbi, due linee indicando che gli dèi sono sempre stati in mezzo di terribili battaglie.

Gli epici ittiti, hanno evidenti con-notazioni sumere, il sanscrito ricorda anche la storia della battaglia finale tra Indra e il “demone” Vritra:

“E allora si potrebbe vedere una terrificante visione in cui Dio e demone Vritra impegnati in combattimento … ha sparato i suoi proiettili appuntiti, la loro incandescenza e fulmini …

Poi il fulmine ha cominciato a lampeggiare, la terra si spaccava – scossa dai raggi incandescenti … orgogliosamente lanciati da Indra … “

E improvvisamente la campana a morto di sventura stava suonando per di Vritra con scoppi e bracci di pioggia di ferro lanciati da Indra; trafitto, inchiodato, schiacciato con un urlo terribile il demone morente è caduto di testa …

E Indra lo uccise con un fulmine lanciato tra le spalle …”

Disegno Disegno di un Vimana.
In uno di loro era Indra?

L’aspetto delle vimanas ricorda la nave profeta Ezechiele.

La verità è scioccante a notare che questi “dei”, “angeli”, o enti del cielo, erano il mezzo a queste feroci battaglie spaziali.

 La nave del profeta Ezechiele,
come interpretato
dall’Ingegnere Aerospaziale J. Blumrich.

Oltre all’India o alle antiche culture del Medio Oriente, queste guerre sono menzionate anche nell’Apocalisse di San Giovanni (capitolo XII), dove Michele e i suoi angeli affrontare il drago.

Nella mitologia greca troviamo la rivolta degli dèi prima della divinità suprema:

Zeus.

Il risultato è stata una epica lotta che ha avuto luogo presso le bianche pareti dell’Olimpo.

Culture americane ricordano anche quelle battaglie, che per tradizione ha avuto inizio nel cielo “prima del diluvio”.

  • La guerra di quegli esseri ha causato la leggendaria “alluvione” del pianeta?
  • Quindi la caduta di Atlantide nella narrazione di Platone?

Di fatto, nel mondo c’è stato un “nuovo inizio” dopo la catastrofe di proporzioni inimmaginabili.

Il tempo e le leggende hanno nascosto il mistero. Un mistero che indica una comportamento bellicoso e distruttivo degli “dèi”, o, per chiamare le cose con il loro nome, alcuni gruppi alieni in visita nel nostro pianeta in quel momento.

Credo che di quelle “razze stellari” non troveremo una spiegazione soddisfacente solo nella già citata “quarantena di protezione planetaria“.

La sensazione è che lasciano le vecchie storie a quegli esseri, “conosciuti” come “dei” che sono  venuti a combattere sulla Terra, promettendo che un giorno sarebbero ritornati.

Credo che per qualche potente ragione – siano venuti nel nostro mondo con la missione di separarci prendendo direzioni e posizioni diverse.

E il conflitto di idee è stato innescato dall’azione militare …

La mitologia sumera suggerisce che tutto è cominciato dalla lotta di due “parti” in causa che ha seguito il “dio” Enlil – che, secondo le antiche scritture, ha voluto distruggere l’umanità per tre volte – e Enki, suo fratello, che ha cercato proteggere l’uomo.

In Egitto troviamo una storia simile tra Seth e Osiride. La controversia tra “dei” e l’uomo nel mezzo …

Riusciremo mai un giorno ad andare alla causa di queste dispute …?

http://www.bibliotecapleyades.net/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

I misteriosi Figli delle Stelle

E se poi, un bel giorno, scopri che non era vero niente?

Perché l’oro è così importante? L’oro, non il ferro, l’argento, altri metalli. Forse perché si suppone che l’oro, incorruttibile, possa isolare al 100% da radiazioni pericolose, provenienti da tecnologie avanzate? Lo affermano i controversi studiosi della cosiddetta paleo-astronautica, che si interrogano sul singolare interesse manifestato, per l’oro, da tutti gli “dèi” dell’antichità, chiamati Viracochas sulle Ande nel regno Inca, Túatha Dé Dànann in Irlanda, Elohim in Palestina, Annunaki in Mesopotamia, Theòi in Grecia, mentre Vimana è il nome che in India designa le antiche, ipotetiche astronavi dei Veda. E ancora: i semi-dei “venuti dal cielo” prendono il nome di Kachinas in Arizona, Muxul nello Yucatan presso i Maya, Dogu in Giappone, Wakinyan in Nord America presso i Lakota Sioux, Nommo in Mali presso i Dogo

Una cosa è sicura: a un certo punto, nella storia, l’oro viene improvvisamente apprezzato e ricercato, estratto, lavorato, tesaurizzato, utilizzato come valore di scambio. Tutti quegli esseri appassionati all’oro, spesso chiamati Figli delle Stelle perché comparsi a bordo di formidabili mezzi volanti, raffigurati in sculture e altorilievi ancora oggi visibili in diverse parti del mondo, instaurarono dominazioni di tipo coloniale, imponendo sempre – alle popolazioni assoggettate – lo stesso “sacrificio” quotidiano: bruciare, per loro, il grasso (inizialmente dei neonati primogeniti, poi solo di agnelli) presente in prossimità di certi organi, fegato e reni. Grasso che, una volta bruciato, produce un fumo inebriante e “calmante”, come spiegano nella Bibbia i sudditi di Jahwè, uno degli Elohim dell’area palestinese, divenuto celebre attraverso il drammatico racconto biblico.

Jahwè (o anche Jeohwà o Jihwì, a seconda delle vocalizzazioni convenzionali introdotte solo nel medioevo dai biblisti ebrei della scuola masoretica) era il dispotico, temutissimo padrone della famiglia di Giacobbe-Israele, poi successivamente trasformato, dalla teologia, in “Dio unico”. Nell’antica Roma, quello stesso grasso era chiamato “omentum”. Stesse disposizioni: era la parte “sacra”, cioè riservata esclusivamente agli “dèi”, perché fosse bruciata (“sacrificata”) solo per loro, pena la morte dei trasgressori. Quel particolare grasso che sovrasta gli organi interni non è come l’adipe, provvisorio e accumulato con l’alimentazione, ma è un grasso stratificato fin dall’infanzia, addirittura dalla nascita. Se bruciato, confermano i chimici, produce un fumo che sprigiona molecole pressoché identiche a quelle delle endorfine, fortemente psicotrope, il cui odore ricorda il profumo appetitoso che si libera dal barbecue durante una grigliata.

L’astronauta italiana Samantha Cristoforetti, di ritorno dallo spazio, ha dichiarato che, lassù, aleggia un odore di carne bruciata. Gli scienziati spiegano che quell’odore si diffonde, anche in un’astronave, man mano che si prolunga la missione, perché le condizioni ambientali all’interno del veicolo spaziale accelerano la morte di milioni di cellule epiteliali – morte che, appunto, produce quell’odore. Di recente, poi, ricercatori hanno scoperto che il vino rosso contiene una sostanza particolarissima, il resveratrolo, protegge le ossa da svariate complicazioni, inclusa la “friabilità” che colpisce lo scheletro negli astronauti esposti a lunghi soggiorni orbitali. La Bibbia racconta che Jahwè beveva vino spesso e volentieri (fece impiantare una vigna a Noè, subito dopo lo sbarco dall’Arca), mentre i testi sumero-accadici riferiscono che gli Annunaki gradivano molto la birra. Elohim, Dogu e tutti gli altri: Figli delle Stelle, scorrazzanti a bordo dei Vimana? “Vimàn” era il nome di una compagnia aerea del Bangladesh, ricorda Mauro Biglino.

“In India voliamo da tremila anni”, era uno slogan pubblicitario dell’Air India. El-Al è invece il nome della celebre compagnia israeliana.Se la tradizione rabbinica racchiusa nel Talmud ammette con assoluta tranquillità la presenza della manipolazione genetica nella Genesi – basta vedere come vennero al mondo Adamo ed Eva, disse il professor Egael Safran, rabbino e docente universitario di etica medica in Israele, all’epoca della clonazione della pecora Dolly – è davvero impossibile trascurare gli studi più recenti dei genetisti, che mettono in crisi l’evoluzionismo darwiniano: è come se fosse intervenuto qualcosa a “correggere” l’evoluzione, accelerandola – non solo per il Sapiens, ma anche per la pecora e la mucca, la patata, il grano. Cioè gli animali e i vegetali che popolavano il Gan Eden di cui parla la Bibbia, da cui i primi ibridi – Adamo ed Eva, appunto – furono allontanati preventivamente, prima cioè che potessero approfondire “le pratiche dell’albero della vita”, acquisendo cioè le medesime conoscenze e l’estrema longevità, dunque il medesimo potere, dei loro presunti “creatori”, gli Elohim, veri specialisti in genetica sperimentale, a quanto sembra. Emerge un’altra verità, dunque, sui cosiddetti “testi sacri”, da cui discende un impianto di pensiero – e di potere – almeno bimillenario.

Non stupisce, quindi, il grande successo dei bestseller di Biglino, pubblicati anche da Mondadori, né l’entusiasmo delle centinaia di persone che affollano le sue frequentissime conferenze. Di Biglino si può apprezzare innanzitutto la correttezza, nella sua impostazione preliminare: non metto in discussione l’esistenza di Dio, ripete, perché non ho le certezze degli atei; mi limito a dimostrare che quella della Bibbia non è una divinità ma solo un Elohim, di cui la stessa Bibbia nomina almeno una decina di “colleghi”, di equivalente status, senza peraltro mai spiegare il significato della parola Elohim, che nessuno al mondo conosce. Inoltre, nella Bibbia non sono presenti, mai, i concetti-chiave del monoteismo: creazione, eternità, immortalità, divinità. Il verbo tradotto con “creare” è Baraa, che significa dividere, separare (i cieli dalle acque, le acque dalle terre – Genesi). E della parola Olàm, ancora e sempre tradotta con “eternità”, e che in realtà significa “tempo molto lungo”, i dizionari raccomandano: non tradurla mai con il termine “eternità”.

Un anno fa, lo scorso 6 marzo, Biglino è stato protagonista, a Milano, di un importante confronto con eminenti teologi: un importante sacerdote e docente di teologia dell’università cattolica, un arcivescovo ortodosso, il rabbino capo della comunità ebraica di Torino e un insigne biblista, pastore valdese, co-autore di alcuni tra i più importanti dizionari di ebraico e aramaico antico. Nessuno ha messo in discussione le sue tesi. Tutti, al contrario, hanno ammesso che la Bibbia è stata ampiamente travisata. Ma lì si fermano: non denunciano, cioè, il fatto che venga ancora oggi regolarmente travisata. Dice Biglino: nel 95% dei casi, chi professa e propaga le grandi religioni monoteiste che si pretendono originate da quel libro (e quindi: Papi, vescovi, parroci, catechisti, pastori) non conosce neppure la lingua in cui quel libro è stato scritto. Pretende di “far dire” a quelle pagine determinate verità, per di più “sacre”, ma non conosce – alla lettera – il testo, nella lingua originaria.

Senza contare, poi, che la Bibbia resta una raccolta (non uniforme) di testi di epoche diverse, tutti senza fonte: non è possibile risalire con certezza neppure a un autore; nessuno dei testi biblici ha una chiara paternità – tantomeno i libri più famosi e celebrati, come quello attribuito al profeta Isaia. Anche per questo, mezzo secolo fa, i biblisti ebraici hanno varato il “Bible Project” con il compito, entro 200 anni, di ricostruire una Bibbia più attendibile. L’unica certezza, dicono, è che la Bibbia di oggi – riveduta e corretta per l’ultima volta dai masoreti all’epoca di Carlomagno – non è l’originale. Inoltre mancano una decina di libri, pure citati qua e là: quei libri sono scomparsi. E le incongruenze sintattiche presenti nella versione masoretica dimostrano il grado di manipolazione a cui quei testi sono stati sottoposti, nel corso dei secoli. Biglino dice: mi si rimprovera di offrire una lettura letterale del testo, anziché allegorica, simbologica, esoterica, teologica.

Va bene, teniamo pure conto di tutte le interpretazioni possibili. Ma aggiunge: perché privarci della versione letterale, sia pure di un testo che sappiamo essere così pesantemente rimaneggiato? Non si sa neppure in che lingua fosse scritto, l’originale: all’epoca della prima stesura della Genesi, per esempio, la lingua ebraica non esisteva ancora. Dunque non sappiamo come fossero scritte, né tantomeno pronunciate, le parole in esso contenute. Poi intervenne la traduzione in ebraico, ma con le sole consonanti; le vocali furono introdotte solo fra il VI e l’XVIII secolo dopo Cristo, quando appunto “Yhwh” divenne finalmente “Jahwè” (ma anche “Jihwì” e “Jeohwah”).

Nonostante tutto ciò, insiste Biglino, perché non provare a leggere il testo così com’è, dando per buona – per un attimo – l’idea che racconti fatti realmente accaduti? Si scoprirebbe, conclude, che la storia narrata – vera o falsa che sia – non è priva di coerenza. Ed è, tra l’altro, la fotocopia perfetta di molti altri libri antichi preesistenti, “sacri” e non, come la trilogia fondativa di un popolo geograficamente contiguo a quello ebraico, i sumero-babilonesi. Quei testi mesopotamici sono l’Atrahasis, l’Enuma Elish e l’Epopea di Gilgamesh. Raccontano tutti la stessa storia: e cioè l’arrivo (da cielo?) di individui potentissimi ma non onnipotenti, molto longevi ma non immortali, in possesso esclusivo di tecnologie fantascientifiche, decisi a colonizzare territori imponendo la loro legge (i comandamenti di Jahwè non sono 10, ma oltre 600) e stabilendo alleanze con singole tribù, in lotta perenne tra loro per la spartizione di piccoli territori. Il patto: voi lavorate per me (mi servite, mi nutrite, mi bruciate quel famoso grasso e mi obbedite in tutto) e io vi aiuto a conquistare “terre promesse”. Se disobbedite, vi stermino. Jahwè, è scritto nella Bibbia, arrivò a uccidere in massa 24.000 sudditi disobbedienti.

Quello che Biglino contesta è che, nonostante le evidenze e le conferme provenienti dagli ambiti di studio più disparati (dall’esegesi ebraica all’autorevole École Biblique dei domenicani di Gerusalemme) le traduzioni erronee continuino a essere presenti nelle Bibbie attualmente stampate. In sintesi, il primo “problema” è proprio Dio. Nella Bibbia, semplicemente, non c’è, dice Biglino. C’è Jahwè, che però è sempre in compagnia dei “colleghi” Milkòm, Kamòsh, e tanti altri. Viene tradotto con “Altissimo” il nome Eliòn, che invece è un individuo «chiaramente indicato come il capo degli Elohim: è scritto nel testo biblico che ne presiede un’assemblea, nientemeno». E addirittura è tradotto coi termini “eterno” e “onnipotente” il nome El Shaddai, letteralmente invece “signore della steppa”, cioè l’Elohim nel quale si imbatté Abramo. Allo stesso modo, altri termini vengono sempre tradotti in modo consapevolmente inappropriato e fuorviante: Kavod, per esempio. Il contesto biblico lo presenta come un’arma da guerra, un oggetto volante e pericoloso, dotato di armamenti micidiali. Viene tradotto: “gloria”. Così, il “Kavod di Jahwè” diventa la “gloria di Dio”.

Quando appare, il Kavod solleva un gran vento, il Ruach – che viene tradotto “spirito”. Sotto il Kavod sono fissati 4 Cherubini. Mezzi meccanici volanti, secondo i rabbini: robot, monoposto. Per l’esegesi teologica cristiana, invece, i Cherubini sono “angeli”, così come gli altri “angeli”, incorporei e alati, che la Bibbia invece chiama Malachìm, presentandoli come individui in carne e ossa, di cui gli umani hanno paura – sono soldati, ufficiali degli Elohim, portaordini pericolosi e molesti, inquietanti. Si racconta di un angelo che apparve alla vista di Gedeone, «volando con leggerezza», per poi «scomparire», mentre nell’originale, in ebraico, il testo dice semplicemente che «il Malach» si fece vedere dal testimone, e poi «se ne andò camminando». Pura invenzione, il volo, così come l’attraversamento miracoloso del Mar Rosso: «Nel testo c’è scritto che Mosè e i suoi attraversarono solo uno Yam Suf, un canneto.

Nessun mare, tanto meno Rosso». Quanto agli “angeli”, più tardi, il fondatore del cristianesimo, Paolo di Tarso, raccomanda alle giovani donne di coprirsi il capo con il velo, se partecipano ad assemblee, e di farlo «a motivo degli angeli», poiché  – come si spiega in altri passi – sono sessualmente eccitabili e poco raccomandabili, violenti. Biglino “corregge” anche l’interpretazione della comparsa dell’Arcangelo Gabriele, quello dell’Annunciazione evangelica: «Gabriele non è un nome proprio ma solo un termine comune, funzionale: deriva da Ghevèr-El, e essere “il Ghevèr di un El”, per di più “arcangelo”, significa essere un potente ufficiale di alto grado».

Dallo studio condotto da Biglino appare evidente la fabbricazione artificiale di un culto, la cui radice viene attribuita a un libro debitamente leggendario, in quanto antico, scritto in una lingua sconosciuta ai più. Lo studioso contesta chi ritiene obbligatoria una  lettura necessariamente cifrata: «Quando furono scritti, i testi biblici, a saper leggere e scrivere erano in pochissimi: perché mai avrebbero dovuto nascondere il loro racconto sotto il velo simbolico-allegorico?».

La prima versione della Bibbia divulgata nel Mediterraneo oltre la Palestina, detta “Bibbia dei Settanta”, fu tradotta in greco ad Alessandria d’Egitto, secondo Biglino ricorrendo a una massiccia interpolazione interpretativa ispirata dal pensiero platonico, che – a differenza della Bibbia – contempla le nozioni filosofiche di trascendenza, divinità, creazione, eternità. Gli ebrei considerano la “Bibbia dei Settanta”, letteralmente, «una tragedia per l’umanità». Eppure, sottolinea lo stesso Biglino, è proprio quella Bibbia in greco ad aver poi originato quella in latino, che è alla base della teologia cattolica e quindi delle Bibbie in italiano per le famiglie. Il lavoro del ricercatore torinese non mette in crisi solo la teologia ufficiale su cui si basano le istituzioni religiose, ma anche l’esegesi alternativa fornita dall’esoterismo, acutamente suggestiva, fondata sulla lettura allegorica e simbolica del testo – lettura che, come quella cattolica, non mette mai in discussione la presenza della divinità nell’Antico Testamento.

Certo è singolare la diffusione, negli ultimi anni, di una tale quantità di informazioni, ormai di pubblico dominio, che riguardano in particolare l’interpretazione della storia antica, sacra e non, ma anche una radicale rilettura dell’approccio scientifico alla conoscenza, rivalutando sia i testi sacri, fondativi delle grandi religioni, sia l’opera di esoteristi particolarmente illuminanti – filosofi, medici, artisti, alchimisti, proto-scienziati – che tendono a fornire chiavi di interpretazione delle “leggi universali”, cioè le “leggi di natura” di cui, ogni tanto, affiorano nuove tracce anche in ambito scientifico, da indagini sull’energia e sulla reale consistenza della materia.  Da qui le più recenti riflessioni sulla percezione del tempo e della vita stessa, sulla cosiddetta Energia Oscura, sulla Materia Bianca cerebrale di cui i neurologi ammettono di essere a corto di informazioni.

Fisici come Vittorio Marchi e Giuliana Conforto sostengono che la realtà sensibile non sia altro che rappresentazione, e che il nostro cervello non percepisca che il 2% di quanto ci circonda, sulla Terra – per non parlare dell’universo, di cui non sappiamo molto, al di là del nostro piccolo sistema solare. Un numero sempre maggiore di storici e antropologi sospetta che la storia sia interamente da riscrivere: a quanto pare non furono gli egizi a erigere le piramidi; quelle scoperte in Bosnia sono più antiche e più grandi di quelle dell’Egitto. Né tanto meno conosciamo la storia misteriosa dei Sumeri, che sorsero all’improvviso come civiltà già formata, in possesso di conoscenze evolute (architettura, agricoltura, scrittura). Forse, ipotizza Biglino sempre prendendo la Bibbia alla lettera, i Sumeri erano la discendenza di Caino, che – essendo cresciuto nel Gan Eden – era stato formato e istruito dagli Elohim.

L’esegesi ebraica ormai sospetta che Abramo, storicamente, non sia mai esistito. Quantomeno, ipotizza Biglino, il personaggio biblico rispondente a quel nome era evidentemente un sumero, spinto dagli Elohim a vagare “lungi dalla casa di padre mio”, viaggiando fino in Palestina. Poi, i Sumeri scomparvero di colpo, in coincidenza con la distruzione delle città ribelli di Sodoma e Gomorra, operata dagli Elohim che impiegarono “l’arma dei terrore”, che sprigionò nell’atmosfera una nube letale – i venti dovettero sospingerla fino alla regione di Babilonia, dove è documentata la strage della popolazione (con sintomi da contaminazione nucleare) e la fuga precipitosa degli “dèi” locali, gli Annunaki, che presero il largo a bordo dei loro “carri celesti”, in tutto simili al Kavod di Jahwè. A morire, sul posto, restarono gli umani – o meglio gli Adàm, per dirla con Biglino: creazioni di laboratorio, “fabbricate” non si sa dove e poi “poste in Gan Eden”; riprodotte in serie per lavorare, come docili schiavi, per conto dei misteriosi Figli delle Stelle.

Fonte attiva: http://www.libreidee.org/ 

Articoli correlati  (Mauro Biglino)

Dogmatici & Religiosi

Ma Beth El – La Casa di El

Elohim – אלהים – Massimo Mazzucco intervista Mauro Biglino

“L’interpretazione biblica come libro di storia”

SUMER:

Spazio Porto Nel Sinai al tempo degli dèi

Ib.ru.um il nippuriano

Ninurta

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte

L’IRA DI “ERRA”

Sodoma & Gomorra

le armi degli dèi

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

I poemi epici indiani confermano l’ipotesi di un conflitto nucleare agli albori della Storia

Come la New York del recente film Independence Day, una metropoli del passato potrebbe essere stata rasa al suolo da una micidiale arma aliena, molto simile a un moderno ordigno atomico.

Questa è l’opinione di un ricercatore inglese che ha passato la vita a studiare le rovine di Mohenjo-Daro sede di una fiorente civiltà indiana scomparsa improvvisamente più di quaranta secoli fa. 

La civiltà dell’Indo

Tra il 2500 e il 2100 a.C. nella valle dell’Indo situata nell’attuale Pakistan fiorì una cultura che molti archeologi e storici non esitano a paragonare per magnificenza e splendore a civiltà come quella mesopotamica ed egizia.

Come queste ultime la civiltà dell’Indo sorse lungo il corso di un fiume (l’Indo per l’appunto) e sviluppò concezioni urbanistiche a dir poco rivoluzionarie, che si concretizzarono nella costruzione di grandi città (che per l’epoca erano vere e proprie metropoli) i cui resti, visibili ancora oggi, forniscono una testimonianza fondamentale di che cosa significava nel mondo antico pianificare a regola d’arte un centro urbano di notevoli dimensioni.

Le due più importanti città della civiltà dell’Indo erano Harappa e Mohenjo-Daro. La prima sorgeva a nord della valle la seconda verso sud-est. Per quanto si può giudicare dalle rovine riportate alla luce dalle spedizioni archeologiche, Harappa e Mohenjo-Daro erano città molto simili tra loro (ciascuna aveva un perimetro di oltre 5 km e contava, nel periodo di maggior espansione, una popolazione di 40.000 abitanti) e per le loro notevoli dimensioni sono considerate le città più grandi del mondo antico.

Questi centri urbani dotati di comfort molto simili allo standard odierno (servizi igienici, riscaldamento, rete fognaria efficiente…) sono stati progressivamente portati alla luce solo nel 1944 grazie all’opera di Sir Mortimer Wheeler, allora Direttore archeologico generale dell’India, che fu il primo a constatare con meraviglia il livello tecnologico raggiunto dai popoli dell’Indo.

Popoli che come spesso accade hanno lasciato un scrittura indecifrata a testimonianza della loro presenza.

Questa scrittura è un vero e proprio enigma. Gli studiosi hanno classificato circa quattrocento segni, per lo più presenti su sigilli e iscrizioni, ma sicuramente ve ne sono altri ancora da classificare. La scrittura è di tipo pittografico, e tra i molti tentativi di decifrazione va sottolineato quello di un gruppo di linguisti finlandesi i quali sostengono che i segni non descriverebbero direttamente le cose ma corrisponderebbero ai suoni mediante i quali venivano pronunciati.

Le iscrizioni sarebbero dunque molto simili a dei rebus, ma per risolvere la questione occorrerebbe una chiave di decifrazione, una sorta di stele di Rosetta che per il momento non è ancora venuta alla luce.

La furia di Indra

Ma l’aspetto più misterioso di questa civiltà riguarda la sua improvvisa scomparsa.

Fu una fine repentina, che la scienza ufficiale spiega con due ipotesi.

  • La prima prende in considerazione una serie di successive e disastrose inondazioni del fiume Indo, responsabili di aver indebolito un popolo da tempo impegnato a contrastarle.

  • La seconda chiama in causa le ripetute invasioni dei popoli Ari, e i segni di bruciatura trovati sui muri di Mohenjo-Daro, muti testimoni di una guerra cruenta, sembrerebbero confermare questa possibilità.

Quando le genti arie raggiunsero la valle provenendo da nord vi trovarono una popolazione fiaccata, indebolita, che conduceva una vita di stenti nelle vecchie gloriose città ormai in piena decadenza. Gli invasori non ci pensarono due volte ed approfittarono dell’occasione innescando un violento conflitto.

Di questa guerra dimenticata, secondo gli studiosi di letteratura indiana, si può trovar traccia nei testi mitologici e nelle antiche leggende del subcontinente indiano.

Nel Rigveda, testo sanscrito risalente al secondo millennio avanti Cristo, è scritto che il popolo di invasori Ari che giunsero in India intorno al 1500 a.C. erano guidati dal dio Indra, soprannominato “il distruttore dei forti” perchè era responsabile della distruzione di “novanta forti e cento antichi castelli”. Un tempo si pensava che questi forti appartenessero soltanto al mito ma le scoperte di Wheeler nella valle dell’Indo fanno propendere per un’interpretazione quasi letterale del testo.

Ci fu indubbiamente un conflitto di vaste proporzioni e naturalmente (come in Occidente per l’Impero romano nei confronti dei barbari, molti secoli più tardi), la civiltà in decadenza non poté far altro che soccombere sotto la spinta dei nuovi popoli.

Se fu davvero il mitico Indra a distruggere la città di Mohenjo-Daro, c’è da pensare che non ebbe certo la mano leggera. I corpi ritrovati nella città testimoniano che uomini, donne e bambini furono trucidati senza pietà. Gli scheletri e i muri dei palazzi ci rivelano anche che la città dovette subire una sorta di attacco finale che culminò in uno spaventoso rogo.

Questa fine improvvisa e drammatica viene spiegata come il risultato di un incendio scoppiato durante la battaglia, evento tutt’altro che raro nel corso di una guerra. Tuttavia qualcosa nella spiegazione convenzionale non torna.  

Distruzione atomica

In realtà Mohenjo-Daro fu distrutta da qualcosa di molto simile a un’esplosione atomica.

A sostenerlo per primo è stato David Davenport, un inglese nato in India ed esperto di letteratura sanscrita e di tradizioni popolari indiane. Per giungere a una simile conclusione Davenport è partito dal presupposto, peraltro condiviso da molti studiosi indiani, che i testi sanscriti non raccontano eventi mitologici ma fatti realmente accaduti ricoperti poi in seguito da una patina di mitologia.

Da questo punto di vista i poemi epici come il Ramayana o il Mahabharata riporterebbero la descrizione di veicoli volanti di ogni forma e dimenione e di armi che farebbero invidia agli arsenali strategici delle moderne potenze nucleari.

Ecco la descrizione tratta dal Mahabharata degli effetti di una di queste armi chiamata Agneya:

“Un missile sfolgorante che possedeva lo splendore del fuoco senza fumo venne lanciato. All’improvviso una densa oscurità avvolse gli eserciti. Tutti i punti cardinali vennero avvolti improvvisamente nelle tenebre. Venti terribili incominciarono a soffiare. Le nuvole ruggirono negli strati superiori dell’atmosfera, facendo piovere sangue. Gli stessi elementi sembravano confusi. Il Sole sembrava girare su se stesso. Il mondo, ustionato dal calore di quell’arma, sembrava in preda alla febbre. Gli elefanti, ustionati dall’energia di quell’arma, fuggivano in preda al terrore, cercando un riparo che li difendesse da quella forza terribile. Persino l’acqua si riscaldò, e le creature che vivono nell’acqua parvero bruciare. I nemici caddero come alberi arsi da un incendio devastatore. Enormi elefanti, bruciati da quell’arma, cadevano da ogni parte. Altri, ustionati, correvano qua e là, e barrivano spaventosamente nella foresta in fiamme. I destrieri e i carri, arsi dall’energia di quell’arma, sembravano moncherini d’alberi consumati nell’incendio di una foresta. Migliaia di carri caddero da ogni parte. Poi le tenebre nascosero tutto l’esercito …”

Il testimone oculare di quel terribile olocausto continua poi a descrivere gli effetti dell’arma devastatrice:

“Incominciarono a soffiare venti freddi. Tutti i punti cardinali divennero chiari e luminosi. Poi noi contemplammo uno spettacolo prodigioso. Arse dalla potenza terribile di quell’arma, le figure dei caduti erano divenute irriconoscibili. Noi non avevamo mai udito parlare di una simile arma, né mai l’avevamo veduta”.

A trasportare queste potenti armi, i cui effetti somigliano proprio alle conseguenze di un’esplosione nucleare, erano dei veicoli volanti che i testi sanscriti chiamano Vimana.

Nel Ramayana viene descritto uno di questi ordigni volanti che consente a Rama (che è allo stesso tempo l’eroe del poema epico indiano e l’incarnazione del dio Visnu sulla terra), dopo una battaglia, di sorvolare per ben duemila chilometri il territorio che lo separa dalla sua città. La descrizione del paesaggio visto dall’alto è molto particolareggiata e qualcuno si è chiesto come facesse l’autore del poema a conoscere in dettaglio la geografia aerea di un territorio così vasto.

Gli ultimi giorni di Mohenjo-Daro

Ma per tornare a Mohenjo-Daro, secondo Davenport, sempre nel Ramayana troviamo la descrizione di un episodio che potrebbe essere la cronaca degli ultimi giorni di quella città.


Si tratta di un passo del poema in cui viene narrata la distruzione del Regno di Danda, identificato con la mitica città di Lanka, roccaforte di Ravana, il più acerrimo avversario di Rama. Lanka significa isola, e guarda-caso Mohenjo-Daro si trovava proprio su un’isola nel corso del fiume Indo.

La distruzione del reame di Danda prende il via da un atto di violenza sessuale perpetrato da Danda stesso nei confronti della giovane Araga figlia del Divino Rishi Bhargava. Questi per vendetta scatena la terribile potenza di Indra contro l’avversario. Ma lasciamo la parola al testo del Ramayana:

“Commesso quel fiero e orribile misfatto, se ne ritornò Danda alla nobile sua città di Madhumanta … Avendo Danda per tal modo commessa un’opera atroce, ne ebbe quindi terribile castigo … ‘è giunta l’ora (qui è il Divino Rishi a parlare) dello sterminio di quell’insano e reo Danda e de’ suoi seguaci … d’ogni parte per lo spazio di cento yogani arderà Indra il reame di quel malvagio con una pioggia di polvere soverchiante. Quanti esseri si troveranno quivi, mobili ed immobili, tutti periranno in breve per quella pioggia di polvere; e per quanto si stende il reame di Danda, ogni qualunque altura diverrà infra sette giorni come un’immensa congerie di pioggia di polvere’ … e in sette giorni tutta quella contrada fu incenerita.”

Da un’esplosione nucleare? 

Le evidenze fisiche

Per Davenport è andata proprio così. Lo studioso inglese però non si è limitato a una semplice analisi filologica dei testi indiani. Si è anche recato in Pakistan, a Mohenjo-Daro, per cercare una conferma alle proprie teorie.

Qui ha raccolto alcuni indizi e reperti interessanti che ha fatto analizzare scrupolosamente dagli esperti del CNR di Roma i quali hanno fornito un responso sorprendente.

Gli oggetti da lui riportati (bracciali, anfore, pietre…) e raccolti nella zona della città che egli ritiene l’epicentro della presunta esplosione appaiono come fusi o per meglio dire vetrificati per effetto di un calore che gli esperti hanno stimato nell’ordine dei 1500 gradi, al quale è seguito un repentino raffreddamento. Non ci sono eventi catastrofici naturali in grado di provocare un simile effetto e tanto-meno è possibile chiamare in causa le armi convenzionali dell’epoca.

Un altro indizio importante è riscontrabile proprio sul luogo della catastrofe.

Uno studio sulle rovine bruciate della città ha messo in rilievo che la loro diversa altezza in rapporto al presunto epicentro può essere spiegabile se si prende in considerazione l’ipotesi di una grande esplosione in quota che avrebbe prodotto un’onda d’urto tale da abbattere le abitazioni in relazione alla distanza.

https://www.youtube.com/watch?v=sJel87l4PR0 Video

L’ombra dei “visitatori”

Dunque circa quattromila anni fa gli antichi abitanti dell’India sfrecciavano nei cieli a bordo di aerei non molto dissimili dai moderni cacciabombardieri e si fronteggiavano a suon di missili nucleari per dirimere contese territoriali e per riparare torti subiti?

In realtà l’ipotesi di Davenport si spinge ancora più in là. Egli fa notare che il Ramayana e il Mahabharata affermano che i protagonisti delle vicende descritte dai testi sanscriti, cioè i popoli Ari e dravidici non erano affatto in grado di pilotare i vimana da soli.

A farlo secondo Davenport erano degli esseri Extraterrestri.

“Nella valle dell’Indo – afferma lo studioso nel suo libro “2000 a.C. Distruzione atomica” (SugarCo – 1979) scritto in collaborazione con il giornalista italiano Ettore Vincenti – doveva essercene un buon numero (di extraterrestri), almeno fino al 300 a.C. Probabilmente il loro scopo era lo sfruttamento di alcuni giacimenti metalliferi, per il quale utilizzavano manodopera del posto. Quanto poi ai loro interventi diretti nelle guerricciole tra gli indigeni, si può ipotizzare che l’uso della loro sofisticata tecnologia militare voleva significare la loro capacità di porre fine a qualsiasi bega che disturbasse il quieto svolgimento della loro missione sulla Terra. Quando in seguito il loro programma di ricerche e di sfruttamento, si è concluso se ne sono andati, lasciando il loro ricordo impresso nella memoria degli indigeni, che lo tramandarono ai loro discendenti sotto forma di racconti, che con il passare del tempo si deformarono sempre più, trasformandosi in miti e leggende.”

La teoria è azzardata ma anche molto affascinante. Naturalmente gli archeologi ufficiali inorridiscono al solo pensiero di una simile spiegazione. Tuttavia per quanto azzardata è un’ipotesi che va confutata sulla base dei fatti e per questo la ricerca in questo campo dovrebbe essere portata avanti seriamente. Può darsi che le esplosioni atomiche e i vimana non c’entrino per niente ma allora bisogna spiegare il perché di quei curiosi effetti fisici rilevati sui reperti raccolti nella zona.

Sfortunatamente, però, le ricerche di Davenport si sono interrotte a causa della sua prematura scomparsa e nessuno ha finora deciso di continuarle. L’unica possibilità a questo punto è quella di sperare in una prossima decifrazione della scrittura di Mohenjo-Daro.

Chissà, forse la chiave dell’enigma sta proprio in quei misteriosi segni che purtroppo per ora ci risultano illeggibili.

LINK

Articoli correlati:

“Le Sette città Rishi”

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

Timeline Alternativa del Pianeta Terra

Corsivo mio:

per onor di cronaca, metto qui un link di una contrastante critica che mette in dubbio i dati riportati nell’articolo, inoltre, si mette in dubbio (per mancanza di prove) che il CNR di Roma abbia indagato, tranne una foto anonima di cui non si può dire nulla. Ognuno tragga le sue conclusioni.

La Storia dell’Umanità è intrisa di avvenimenti inspiegabili e, non è così peregrina l’ipotesi di civiltà passate possano avere avuto tecnologie che solo ora possiamo comprendere, tecnologie che potrebbero essere state portate da visitatori di altri mondi, come le civiltà atlantidee, sumerico-accadiche, Maya-Atza-Tolteka, Egizia, Greca, Druidica e via discorrendo.

Tutto il sapere umano è stato scolpito,scritto e verbalmente trasferito da umani ad altri umani; è arrivato fino a noi quello che siamo stati in grado di decifrare e quello che si è voluto far sapere, compresa la Bibbia e prima ancora l’Enuma Elish, da dove è stata poi redatta la versione ebraica in quel di Babilonia da un popolo tenuto in cattività.

Molte cose sono ancora occulte, molte cose sono mendaci; sappiamo solo quello che che una élite oscura occulta vuol farci sapere. Sta a noi fare ricerca per scoprire le vere nostre radici, per dare una risposta a cosa siamo, chi siamo e dove stiamo andando prima che si spenga la luce della nostra breve vita.

Un fatto è inconfutabile, difficilmente le generazioni future, sapranno di noi adesso, per via di una obsoleta e inadeguata comunicazione tecnologica che non sopravviverà a poche centinaia di anni; a differenza di quello che abbiamo trovato scritto e scolpito sulla pietra fin dall’età preistorica  caverne e monumenti che sono ancora lì a testimoniare un passato glorioso dei nostri avi; noi quel passato lo abbiamo distrutto nei vari secoli per la nostra dabbenaggine e, lo stiamo facendo ancora, da: Ipazia (Alessandria d’Egitto) a Pizarro (Impero Inca) all’Afghanistan (Budda millenari) all’Iraq (Museo di Baghdad) ecc. ecc. 

wlady

http://ningizhzidda.blogspot.it/