Archivi tag: viaggiare nello spazio

Le basi di una premessa sbagliata

Gli studi suggeriscono la possibilità che l’essere umano non possa compiere viaggi interplanetari 

 Di: pijamasurf – 07/08/2019

Un viaggio su Marte potrebbe essere più di quanto il corpo umano sia in grado di supportare

Di fronte alle previsioni del riscaldamento globale, molti scienziati e in particolare i grandi imprenditori della tecnologia immaginano la sopravvivenza dell’essere umano su un altro pianeta. Un viaggio su Marte per condizionare questo pianeta o la stella più vicina. La logica di questo è qualcosa del tipo:

“Non importa se distruggiamo le condizioni che rendono la vita possibile per noi, perché la nostra tecnologia è così potente che possiamo andare da qualche altra parte e continuare ad evolvere”.

Ma tutto questo piano potrebbe basarsi su una premessa sbagliata: che l’essere umano possa sopravvivere a un lungo viaggio nello spazio. Lo studio più importante a questo proposito, il cosiddetto “studio dei gemelli” della NASA è stato appena pubblicato ei risultati lasciano molti dubbi.

Lo studio integra il lavoro di oltre 10 università e 82 ricercatori e chiede semplicemente “gli esseri umani sono fatti per lo spazio”. Sebbene lo studio non sia del tutto conclusivo, si suggerisce che un viaggio nello spazio su Marte sarebbe estremamente pericoloso per un essere umano. Un viaggio su Marte sarebbe durato tre anni e gli effetti dello spazio sul sistema metabolico, sul sistema immunitario o sulla radiazione spaziale, diete, assenza di peso, disturbi dei ritmi circadiani e così via, potrebbero apparentemente essere mortali per un essere umano.

Ciò non significa che sia impossibile, ma forse implica che l’essere umano dovrebbe modificarsi per poter intraprendere questo viaggio e, quindi, significherebbe forse che l’essere umano è solo veramente umano sulla terra, con queste condizioni.

Gli studi hanno dimostrato che gli astronauti che hanno vissuto lunghi periodi sulla Stazione Spaziale Internazionale hanno subito perdite significative di capacità cognitive, e questo è avvenuto anche sei mesi dopo il ritorno a casa.

Che rivela sotto una certa luce il pensiero di Heidegger, che vedendo la prima immagine della Terra dallo spazio, invece di sentire l’euforia del conquistatore sentito dalla maggioranza, sentì l’orrore dello sradicamento, per il pensatore tedesco, l’essere umano è un solo essere con la Terra. 

Fonte: https://pijamasurf.com/ 

®wld 

Tra fantascienza e realtà

L’intelligenza artificiale che può scrivere testi falsi è considerata troppo pericolosa

Testi profondamente falsi: la macchina su misura per una post-era

Gli ultimi 3 anni su Internet sono stati dominati dalla consapevolezza incipiente del pericolo di notizie false e dalla persuasione di elettori o consumatori attraverso algoritmi che alimentano le loro informazioni in tempo reale per manipolare il loro comportamento online. Questo rischio, che alcuni considerano contrari alla democrazia e all’autonomia, potrebbe avere un nuovo attore con lo sviluppo di programmi che riescono a scrivere articoli che possono facilmente essere tramandati da scritti umani, a un punto indistinguibile o quasi indistinguibile.

Un paio di settimane fa la piattaforma OpenAI ha annunciato di essere preoccupata per il potenziale uso dannoso del suo modello GPT2, che è stato definito ” deep fake for texts”. La compagnia, che ha Elon Musk tra i suoi investitori, ha detto che non rilascerà le informazioni nelle sue indagini per timore che questa tecnologia abbia conseguenze negative. Il modello GPT2 è in grado di generare testo plausibile una volta che è stato alimentato con un testo, qualcosa di simile a un’idea da sviluppare che si collega ad altre informazioni.

Il sistema differisce dagli altri programmi in quanto mantiene lo stesso tema e la stessa sintassi e crea passaggi standard che sembrano scritti da una persona. Questa piattaforma è stata addestrata con oltre 10 milioni di articoli. Da un lato, questo è molto interessante, perché questo modello può eseguire compiti come la traduzione e il riassunto dei testi. Ma d’altra parte ha un potenziale che sebbene possiamo immaginare dove potrebbe portare, è davvero quasi illimitato nelle possibilità di usi che possono essere dati per ingannare e manipolare. Ad esempio, il sistema può generare innumerevoli recensioni di prodotti positivi o negativi. Potrebbe produrre innumerevoli messaggi di spam e persino studiare database per generare e-mail che cercano di truffare le persone. O teorie cospirative o testi orientati a provocare determinati gruppi sociali o politici. Potrebbe produrre intere notizie false o siti di informazione a fini di propaganda.

Sebbene questa cautela sia ben accetta, d’altra parte è evidente che questa tecnologia in alcuni anni sarà sviluppata da altre persone e probabilmente può essere utilizzata per scopi dannosi. Quindi è importante preparare ed educare noi stessi. Ciò che sembra certo è che stiamo raggiungendo un punto in cui la tecnologia che creiamo è in grado di sfruttare rapacemente alcune delle nostre vulnerabilità mentali e il nostro livello morale e intellettuale in quanto una civiltà non è in grado di salvaguardare gli usi di questa tecnologia. che è preoccupante Sembra che viviamo nei tempi immaginati da Philip K. Dick:

Le false realtà creeranno falsi umani. Oppure, i falsi esseri umani genereranno false realtà e poi li venderanno ad altri esseri umani, trasformandoli infine in contraffazioni di se stessi. Quindi finiamo con umani falsi che inventano realtà false e poi li vendiamo ad altri falsi umani.

Fonte: https://pijamasurf.com/

®wld

La fantascienza ha a lungo raffigurato l’animazione sospesa come mezzo per raggiungere gli esseri umani nello spazio profondo – e la NASA sta arrivando all’idea. Immagine: Prometheus / Twentieth Century Fox.

Gli esseri umani devono essere “congelati” in tempo per viaggiare nello spazio mentre gli scienziati mirano a colonizzare altri pianeti

La fantascienza sta girando – ancora una volta – nella realtà. Gli scienziati prevedono di congelare gli astronauti all’interno di “ciminiere dormienti” in modo che possano resistere e sopravvivere a lunghi viaggi verso mondi alieni lontani nel cosmo. La tecnologia è prevista per essere testata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale nei prossimi 12 mesi.

I baccelli futuristici permetteranno agli astronauti di ‘ibernare’, dimostrando ancora una volta che la fantascienza e la realtà sono divise da linee molto sottili. Tecniche simili sono state disponibili in film popolari come Interstellar e il recente film Passeggeri.

Il prossimo passo ‘logico’ dell’umanità è portare la razza umana su un altro pianeta. Mentre ci prepariamo e ci prepariamo a visitare pianeti come Marte, dobbiamo iniziare a pensare alla tecnologia che ci permetterà di arrivare sani e salvi. Per raggiungere mondi lontani – oltre il nostro sistema solare – gli scienziati hanno iniziato a lavorare su “ciminiere dormienti”.

Marte, che attualmente è il pianeta numero uno che vogliamo visitare, può essere raggiunto – con la tecnologia di oggi – in circa sei mesi.

Per raggiungere Plutone, situato ai margini del nostro sistema solare, il veicolo spaziale senza equipaggio più veloce ha viaggiato per quasi dieci anni.

Ciò significa che per portare l’umanità in luoghi come Plutone, avremmo bisogno di molto della nostra tecnologia spaziale. Secondo gli scienziati, abbassando la temperatura corporea media di -37 gradi Celsius a circa 32 gradi Celsius, il nostro corpo si adatta e la frequenza cardiaca, così come la pressione sanguigna, viene ridotta, inducendo uno stato di sonno.

È interessante notare che i medici hanno già utilizzato questa tecnica per trattare i pazienti con arresto cardiaco e insufficienza cardiaca in modo che abbiano più tempo per valutare il danno.

Usando questa tecnica, i pazienti sono tenuti in uno stato comatoso che può durare fino a quattro giorni. Tuttavia, gli scienziati di Spaceworks – la società che sta sviluppando i pod utilizzando un metodo chiamato “ipotermia terapeutica” – crede che potrebbe far durare lo stato per mesi.

Il presidente di Spaceworks John A. Bradford ha dichiarato in un’intervista a Quartz: “Il nostro obiettivo è ottenere da giorni e settimane a mesi”.

Secondo Quartz, la cameradi stasi di Spaceworks probabilmente assomiglierà molto ai film di fantascienza, con alcune differenze chiave. “I pod di stasi personali hanno alcuni vantaggi. Puoi controllare individualmente la temperatura ambientale di tutti. Sono anche utili in caso di guasti o di emergenza come agenti patogeni “, afferma Bradford. Ma quel tipo di design aggiungerebbe molto peso all’astronave. Ecco perché gli ingegneri di Spaceworks si stanno orientando verso una camera di stasi aperta e condivisa. “Ci sarebbero alcuni bracci robotici e sistemi di monitoraggio che si prenderanno cura di [i passeggeri]. Avrebbero anche piccoli tubi transnasali per il raffreddamento e alcuni sistemi di riscaldamento, per riportarli dalla stasi”, afferma Bradford.

Il prossimo passo – secondo Spaceworks – è iniziare a testare i pod sugli animali, e questo potrebbe accadere entro un anno, con test umani da seguire nello spazio, a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld