Archivi tag: via lattea

L’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo.

 

 Foto di dominio pubblico

Gli Umani sono fatti di particelle provenienti da lontane galassie – siamo visitatori Extragalattici della Via Lattea

Magari non ci pensiamo spesso, ma condividiamo una relazione molto speciale con lo spazio…

Molti anni fa, il famoso astronomo e cosmologo Carl Sagan (1934-1996) disse che siamo fatti di polvere da stelle

Oggi sappiamo che è vero. Gli astronomi hanno scoperto che gli umani sono fatti di particelle che provengono da galassie lontane.

Ciò significa che siamo i visitatori extragalattici di quella che pensiamo sia la nostra galassia, la Via Lattea.  

“L’azoto nel nostro DNA, il calcio nei nostri denti, il ferro nel nostro sangue e il carbonio nelle nostre torte di mele, sono state creati all’interno di stelle collassanti.
Siamo fatti di stelle”, disse Carl Sagan.

E’ da molto tempo che gli astronomi sono consapevoli che gli elementi sono stati forgiati nelle stelle che si spostavano da una galassia all’altra, ma trovare il nostro posto nell’universo non è stato facile.

Mentre stavano eseguendo delle simulazioni al computer, gli astrofisici della Northwestern University di Evanston, Illinois – scoprirono che più della metà della materia nella Via Lattea veniva trasportata attraverso i venti intergalattici.

Di conseguenza, ognuno di noi, in parte è fatto di materia extragalattica.

“Dato che una buona quantità di materia di cui siamo formati potrebbe provenire da altre galassie, potremmo considerarci dei viaggiatori spaziali o extragalattici.

È probabile che gran parte della materia della Via Lattea si trovasse in altre galassie, prima di essere espulsa da un vento potente, viaggiare attraverso lo spazio intergalattico e alla fine trovare la sua nuova casa nella Via Lattea”, disse Daniel Anglés-Alcázar, del dipartimento di astrofisica della Northwestern University.

Secondo Daniel Anglés-Alcázar, la metà degli atomi intorno a noi, incluso quelli nel sistema solare, nella Terra e in ognuno di noi, non proviene dalla nostra galassia ma da altre galassie distanti fino a un milione di anni luce.

Anche se nella ricerca volta a determinare il ruolo degli umani sul pianeta Terra, si guarda maggiormente ai libri di storia e alle scoperte archeologiche, ci sono alcuni che guardano le stelle e cercano nel Cosmo le risposte sull’umanità…

 

 

Ad esempio, il dottor Ellis Silver, rinomato ambientalista ed ecologista, ha avanzato una teoria controversa in cui insinua che gli umani si siano evoluti da qualche altra parte nella galassia; per cui siamo degli alieni che vivono su questo pianeta.

Come menzionato in un nostro precedente articolo, le argomentazioni di Silver si basano principalmente sulla nostra fisiologia che lui considera sorprendentemente inadatta e mal equipaggiata per l’ambiente terrestre.

Silver pensa che l’umanità possa essersi evoluta su un altro pianeta e che poi sia stata portata qui come una specie altamente sviluppata.

Inutile dire che la controversa teoria di Silver ha fatto nascere molti dibattiti.

Ora che sappiamo che siamo fatti di stelle, e che le particelle del nostro corpo provengono da galassie lontane, possiamo guardare il cielo riflettendo di più sul nostro ruolo nell’Universo; tuttavia, non abbiamo ancora risolto il mistero del nostro DNA codificato e neppure conosciamo l’identità del “programmatore“…

di Cynthia MacKanzie
dal Sito Web MessageToEagle 
traduzione di Claudiordali  
 

 

 *************************

 

Dio gioca a dadi? Il nostro inconscio decide cosa fare prima che lo sappiamo?

Una delle grandi domande nella storia dell’umanità è quella che riguarda la libertà o il determinismo dell’esistenza umana e dell’universo. Ci sono diversi modi per capire questa domanda. Si suggerisce che l’intero universo è concatenato dalla causalità al punto che se in un dato momento del tempo conoscessimo le posizioni e le velocità di tutte le particelle nell’universo, potremmo calcolare il loro comportamento in qualsiasi altro momento nel tempo. Ciò ha causato a Laplace di dire a Napoleone che non ha visto la figura di Dio in nessun punto del suo sistema: “Non ho bisogno di questa ipotesi”. Una volta che l’universo fu messo in moto, o nelle parole di Stephen Hawking, una volta che il fuoco era stato soffiato alle equazioni, la partecipazione di Dio non era necessaria. L’universo funzionava da solo, come un perfetto orologio svizzero. Da qui la famosa frase di Einstein, “Dio non gioca a dadi”, l’universo è razionale ed è governato da leggi esatte che rendono possibili le previsioni e in definitiva determinano i nostri destini individuali.  
 
Einstein trovò una certa calma nella visione deterministica dell’universo e in uno dei suoi scritti cita Schopenhauer: “Un uomo può fare quello che vuole ma non può volere ciò che vuole”, una frase piuttosto enigmatica che servì Einstein come consolazione, perché secondo lui, lo faceva rilassare e prendere le cose con umorismo, perché alla fine non era responsabile della sua vita, c’era una “volontà”, cieca ma perfettamente intelligente, (la natura stessa, il “Dio di Spinoza”) spostando il cosmo legittimamente. Schopenhauer in The World as Will and Representation ha scritto: “Nessun uomo può fare diversamente come ha fatto e nessuna verità è più certa di questo, che tutto ciò che accade, sia piccolo che grande, necessariamente avviene completamente.” Lo stato delle cose è determinato da ciò che è appena accaduto, dice Schopenhauer, così che tutti gli eventi, dopo tutto, erano già determinati dal primo evento nella catena causale. Perché quel primo stato di cose, arbitrariamente stipulato, avrebbe irrevocabilmente determinato e fissato nella sua origine lo stato che lo ha successo, sia nell’insieme sia nei più piccoli dettagli, questo secondo farebbe lo stesso con il prossimo e così via, per secoli a venire … “Se vuoi mantenere un universo completamente causale, senza il possibile intervento di una divinità o di un’intelligenza trascendente, in un certo modo devi abbandonare l’idea di libertà.  
 
Un’altra lettera per la visione deterministica della realtà viene mischiata dagli esperimenti di Benjamin Libet. Nel suo famoso studio del 1983, Libet ha chiesto a diversi volontari di premere un pulsante nel momento desiderato, osservando un orologio speciale che permetteva loro di osservare il tempo con grande precisione. Comunemente le persone pensavano che stavano decidendo di premere il pulsante 200 millisecondi prima che le loro mani si muovessero – tuttavia, gli elettrodi hanno rivelato che l’attività nel cervello che controlla il movimento si verifica 350 millisecondi prima che venga presa una decisione, che Suggerisce che la nostra mente inconscia è responsabile e “decide” quando premere il pulsante. Alcune persone hanno visto questo esperimento come la prova che non siamo liberi, c’è una determinazione elettromagnetica nei nostri atti di cui non siamo a conoscenza. Il libero arbitrio sarebbe un’illusione post-hoc generata dal cervello.  
 
Lo stesso Libet credeva nell’esistenza di una forma di libero arbitrio. “Il processo di volatilità inizia nel cervello inconsciamente”, scrive, “ma la funzione cosciente potrebbe ancora controllare il risultato, può porre il veto all’atto”. Qui potremmo avere una regressione infinita, perché potremmo dire che anche il veto è iniziato inconsciamente. Ma l’idea di Liber è più sottile, sarebbe un’interazione tra le iniziative deterministiche che sorgono nel cervello e la libera possibilità di eseguirle o di porre il veto su di loro.  
 
Il ruolo della coscienza libera sarebbe, quindi, non iniziare un atto volontario, ma controllare se l’atto si verifica o meno. Possiamo quindi vedere iniziative inconsce per atti volontari come “ribollire nel cervello”. La coscienza volitiva seleziona quindi quale di queste iniziative avanza verso l’atto e che veto e abortisce, senza che l’atto accada.  
 
Libet ha notato che questa intima combinazione di bisogno e libertà, senza cancellarsi l’un l’altro, si adatta alla comprensione della libertà del teismo. L’individuo è soggetto a impulsi che nascono senza essere in grado di controllarli, per esempio, i cosiddetti impulsi della “carne”, ma ha la facoltà di non perseguirli, una capacità che si sviluppa come parte della coltivazione della moralità. Ciò coincide con la nozione che il mondo sia stato creato liberamente da una divinità e che l’uomo sia libero, essendo l’immagine della divinità, ma d’altra parte non è un sovrano completo del mondo, perché il suo essere è stato dato a lui e le leggi del mondo in cui esistono sono state stabilite indipendentemente dalla loro volontà. Non è una questione di pura libertà incondizionata, come vorrebbero alcuni idealisti tedeschi, ma di una libertà che si esercita all’interno di un quadro prestabilito. Un esempio utile potrebbe essere un gioco, ci sono alcune regole che il giocatore deve seguire, alcune che sono addirittura impossibili da violare, ma all’interno di quel quadro ha la capacità di eseguire determinati atti liberamente  
 
Un’altra critica che è stata fatta ai deterministi che interpretano l’esperimento di Libet come la prova che il libero arbitrio non esiste è molto semplice. Questa conclusione dipende dalla premessa che sappiamo cos’è la coscienza e quindi possiamo dire, alla luce dell’esperimento, che le nostre decisioni sono inconsce. Ma la verità è che la scienza non ha una definizione soddisfacente di coscienza. Non sappiamo cosa sia la coscienza, il cosiddetto duro problema della scienza. Sebbene sia fuori controllo, non si può escludere che gli stessi strumenti di misurazione abbiano una qualche forma di coscienza, secondo la nozione di panpsichismo, o che siano influenzati dalla coscienza della persona esperta.
 
“Come possiamo stabilire che questi eventi accadono millisecondi prima delle loro controparti coscienti se non sappiamo in cosa consista questa controparte conscia? Come possiamo quindi tradurre quegli eventi neuronali in termini di coscienza?”, Commenta Roberto Calasso in Incompatible News. In altre parole, l’esperimento parte dal presupposto che la coscienza è un evento che si traduce in segnali elettrici che possono essere misurati e solo quello. Qualcosa che non è stato dimostrato molto meno.
 
In contraddizione con l’idea di Einstein. Stephen Hawing ha detto che Dio gioca a dadi. Hawking sottolinea che, nel caso del principio di indeterminazione, almeno era ancora possibile prevedere una combinazione di posizione e velocità (un calcolo di probabilità). Ma con ciò che è stato scoperto intorno alla fisica dei buchi neri, anche questo scompare. Una teoria suggerisce che l’informazione di una particella che cade in un buco nero può essere persa – e quindi non siamo in grado di calcolare la posizione o la velocità di un’altra particella con cui è intrecciata – che rovina la nozione di universo prevedibile e deterministico. Secondo Hawking: “Einstein aveva doppiamente sbagliato … Non solo Dio gioca a dadi, ma a volte ci confonde gettandoli dove non possiamo vederli”. A sua difesa, va detto che Einstein era consapevole di questi problemi e credeva che l’apparente casualità dell’universo fosse solo un comportamento statistico non fondamentale per le leggi dell’universo e che avrebbe dovuto essere spiegato in futuro con una teoria delle variabili nascoste (il fisico David Bohm ha postulato un’interessante alternativa che, tuttavia, non è stata accettata dalla comunità scientifica).
 
Una famosa interpretazione della meccanica quantistica suggerisce che ciò che realmente esiste non sono particelle con una determinata posizione e velocità, ma piuttosto ondate di probabilità dalle quali si originano casualmente – o da un processo misterioso – o dalla realtà che sperimentiamo. Finché non viene fatta un’osservazione, tutti gli stati si sovrappongono. Ancora più radicale, la “teoria dei multiversi” suggerisce che con ogni decisione o misura viene creato un universo parallelo. 
 
Una soluzione interessante a questo problema è postulata dal Vedanta. Il mondo è governato dal karma, equivalente alla causalità, con l’aggiunta dell’intenzione mentale. Ogni evento che viviamo è il risultato dei nostri atti precedenti, ai quali siamo soggetti da un tempo immemorabile. Ma il mondo stesso è un’illusione. L’individuo non è chi pensa di essere. Vive avvolto nella maya, l’illusione di essere un’anima individuale in un corpo. In realtà non è il karma o la causalità che lo lega, ma la sua ignoranza. Una volta che si risveglia alla conoscenza della sua vera natura, il sogno della causalità viene annullato. Questo risveglio è codificato nel riconoscimento della frase della Upanishad: Tat tvam asi, tu sei quello. Vale a dire, l’essere che pensa che esista in un corpo nella realtà è tutto, nulla esiste al di fuori di esso. Il mondo è un sogno. Dal punto di vista dell’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo. Dal punto di vista dell’Atman, il mondo è il suo sogno, e il momento in cui riconosce questo si risveglia.

 

In una seconda parte di questo articolo, che dovrebbe rimanere incompiuta proprio a causa della complessità del problema, considereremo la nozione indù del tempo come un “lancio di dadi”.

Fonte: https://pijamasurf.com/

  *************************

L’intuizione è la più alta forma di intelligenza, secondo lo psicologo
Di Mayukh Saha / Teoria della verità
 

Secondo Gerd Gigerenzer, che lavora presso l’Istituto Max Planck per lo sviluppo umano, la vera intuizione sta avendo l’istinto necessario per capire su quali conoscenze dobbiamo concentrarci e su cosa possiamo permetterci di dimenticare.

Nel suo lavoro “Gut Feelings: The Intelligence of the Unconscious”, Gerd spiega come l’intuizione e la razionalità possano andare di pari passo usando se stesso come esempio. Mentre è immerso nella sua ricerca, spesso ha una sensazione che di solito porta avanti perché sa solo che gli darà la risposta. Ma controlla anche due volte usando formule scientifiche per capire le ragioni dietro le sue intuizioni. Ma quando si tratta di questioni personali, si dedica esclusivamente a ciò che la sua intuizione gli dice.

Allora, dove sta l’intuizione? Non è stato formalmente riconosciuto come intelligenza. Cosa significa questo per una persona che ha un’intuizione più acuta?

L’intuizione è una forma di intelligenza, ma ha bisogno di andare insieme ad altri fatti. Chi possiede già la curiosità intellettuale e è disposto a lavorare sodo per imparare di più è sicuramente intelligente. Non puoi semplicemente sederti e aspettare che la conoscenza ti colpisca. È necessario guidare l’esplorazione di un argomento e esaminarne tutti gli aspetti. Quando la tua intuizione ti dà una sensazione allora, quella è sicuramente una forma di intelligenza e molto importante per quello.

Un modo per capire l’intuizione è guardarla come se avesse una comprensione dell’intelligenza collettiva. Se guardiamo al modo in cui il world wide web viene messo insieme, l’organizzazione dei siti dipende dall’intuizione, in modo che gli utenti siano in grado di comprendere meglio il loro funzionamento e possano facilmente orientarsi. Ci sono voluti anni per sviluppare questo concetto di rimozione di informazioni non necessarie per essere compreso. Internet era un tempo abbastanza caotico prima.

Secondo Theo Humphries, affinché un progetto sia vero basato sull’intuizione, deve essere capace di essere compreso anche quando non ci sono tutorial. Gli utenti devono essere in grado di capirlo perché deve far parte dell’intelligenza collettiva che tutti condividiamo.

Quando l’intuizione e la disciplina vanno di pari passo, si ottengono risultati straordinari. Le basi di ogni argomento devono essere apprese, la logica deve essere ricercata e la tua intelligenza deve essere esercitata affinché la tua intuizione sia veramente potente. Più studi, più intensa sarà la tua intuizione. Non puoi semplicemente oziarti in giro e poi essere offeso quando gli altri non si fidano del tuo istinto, perché sono solo un colpo nell’oscurità.

Molti di noi avrebbero sentito parlare della teoria di Einstein sull’intuizione. Credeva che l’intuizione fosse un dono e la razionalità un servitore. La società tende a lodare il servo ma dimentica che il dono esiste. Ci sono momenti in cui la tua razionalità ti può condurre lungo la strada sbagliata, quindi avrai bisogno della tua intuizione per riportarti in carreggiata. Se senti che qualcosa non va, è la tua mente intuitiva che ti avverte che devi pensare in un modo diverso.

Coloro che sono intelligenti prestano attenzione a questi avvertimenti. I migliori tra noi usano questo istinto per correre grandi rischi e sono quelli che hanno veramente successo. Disciplinare il tuo intuito è la chiave.

Credito immagine: 123RF

 

L’alterazione dello spettro naturale

 

Terra formazione del pianeta terra e della coscienza umana  Interferenze elettromagnetiche 

 by Buck Rogers January 24, 2018 from WakingTimes Website   

Il lancio del 5G sta accadendo ora, nonostante molte legittime preoccupazioni sulla sicurezza pubblica, e nonostante il fatto che l’ex presidente della FCC sia diventato lobbista aziendale, Tom Wheeler è più interessato a fare soldi che alla nostra salute. 

Secondo Wheeler, il lancio di 5G richiederà un enorme aumento del numero di torri cellulari, tutte le frequenze elettromagnetiche di pompaggio (EMF) molto più alte di 4G nel nostro ambiente.

“Per fare in modo che funzioni, il build-out del 5G sarà molto impegnativo per le infrastrutture, e richiederà una distribuzione massiccia di piccole celle”. Tom Wheeler

Esperti e leader del settore vi diranno che non c’è nulla di cui avere paura, eppure simili al lancio di farmaci psicotropi, come antidepressivi e farmaci per l’ADHD, questi prodotti sono semplicemente troppo nuovi per noi per avere una comprensione degli effetti a lungo termine. 

Inoltre, il 5G è solo un nuovo componente nell’assalto elettromagnetico sul pianeta terra. 

E mentre abbiamo molte prove che dimostrano che le radiazioni elettromagnetiche sono dannose per la salute umana (i telefoni cellulari causano cancro, disturbi del sonno, disturbi dell’attenzione e problemi comportamentali), sappiamo molto poco di ciò che sta facendo la saturazione del pianeta terra con EMF e la salute dell’ambiente. 

Inoltre, la terra viene sommersa da una serie di altre tecnologie che alterano la naturale frequenza di trasmissione del pianeta:

… sono tutti da includere nell’elenco delle tecnologie che aggiungono livelli di interruzione EMF.  

In presenza di molti eventi insoliti e presagi nel mondo naturale, come,

… vale la pena chiedersi quali effetti ha lo spiegamento di campi elettromagnetici sul pianeta e quali interessi vengono serviti in tutto questo.

“Sconosciuta per la maggior parte, è diventato estremamente chiaro approssimativamente nel 2025 che i governi hanno in effetti reingegnerizzato (geoingegneria) l’atmosfera terrestre, i suoi oceani e la griglia elettromagnetica del pianeta per facilitare l’uso della tecnologia scalare e sonora in modo tale da risultare dannoso e in alcuni casi dannosi a livello globale.” Timeline Collapse & Universal Ascension EM Nicolay e HL Jang

Gli esseri umani sono esseri di frequenza, come lo sono tutte le creature e le piante su questo pianeta. Un pianeta che è di per sé un organismo vivente, che trae energia dal sole, dal nucleo galattico e dall’universo più grande per il sostentamento. 

La terra ha una frequenza di risonanza, conosciuta come la risonanza di Schumann, e basta guardare indietro di qualche generazione per vedere un momento in cui la vita sulla terra era più armoniosamente in equilibrio. 

Considerando le potenziali conseguenze a lungo termine di bagnare il pianeta nei campi elettromagnetici e interrompere le naturali firme di frequenza della vita, ci si deve chiedere quale danno stiamo causando.  

La scala dell’assalto EMF è così massiccia e globale che i risultati potrebbero sembrare più simili a un progetto di terraforming, cambiando per sempre la composizione della terra interrompendo la vita ad ogni livello.

Terraforming è,

“l’ipotetico processo di modificare deliberatamente l’atmosfera, la temperatura, la topografia di superficie o l’ecologia (simile a quella di un pianeta) per essere simile all’ambiente della Terra per renderlo abitabile dalla vita terrestre”. Il pianeta Terra è stato trasformato in terra da non umani?

Nel nostro caso, ciò implicherebbe che la terra viene preparata per l’occupazione da una qualche forma di coscienza non umana. 

Facendo la connessione tra l’interruzione delle frequenze naturali della terra e un potenziale programma più grande di alterazione della coscienza umana mentre distrugge il pianeta terra, Mr. Electro Magnetics spiega il legame tra le frequenze galattiche e la rapida trasformazione della vita sulla terra. 

Considera quanto segue:

“Un essere umano è paragonabile a un circuito risonante o a una cavità risonante: un energy cup.

Una cavità risonante è costituita da reattanza capacitiva e reattanza induttiva. La combinazione di reattanza capacitiva e reattanza induttiva è abbinata alla frequenza dell’energia che si muove attraverso di loro.

La combinazione di reattanza capacitiva e reattanza induttiva determina anche la velocità dell’energia nel mezzo.  

Il corpo fisico del gruppo dell’anima umana è una combinazione unica di DNA-RNA progettata per entrare in risonanza con l’energia specifica nel suo ambiente – in particolare con il nostro Sole e gli altri pianeti nel nostro Sistema Solare – e specialmente con le griglie energetiche della Terra.   

Energia emessa dal nucleo centrale galattico è supportato dalle numerose cavità risonanti che si estendono, estendendosi dal Nucleo Galattico, che invia le sue energie alla nostra galassia, il nucleo della Via Lattea, attraverso il nostro Sole, sulla magnetosfera terrestre e nella griglia energetica del nostro pianeta per essere assorbito dagli esseri che abitano la Terra.   

Le energie che provengono dal Centro Galattico centrale rappresentano l’intero spettro delle frequenze, come si dice “dalla DC alla luce del giorno”. 

Questo vasto spettro non sarà utilizzabile allo stesso modo per tutte le forme di vita, per tutti gli esseri a meno che l’energia specifica non corrisponda alla frequenza di risonanza degli esseri. 

Ci deve essere un po ‘di downshift in frequenza, o in termini di elettromagnetismo, attenuazione e o spostamento di frequenza. 

L’intensità dell’intero spettro delle forme d’onda di frequenza è semplicemente troppo grande per essere assorbita da tutti. Queste energie devono essere trasformate o ridotte gradualmente da una serie di trasformazioni, in modo che le forme d’onda di frequenza siano utilizzabili dall’utente finale. 

Quindi tutti gli esseri hanno i loro sistemi di filtraggio unici.   

Ad esempio, quando vogliamo bere acqua e tentiamo stupidamente di bere dalle cascate del Niagara o da un enorme fiume che scorre rapidamente – per bere da un volume così grande di acqua, si deve ridurre il flusso (o l’energia) in un serie di passi verso il basso.

Proprio come non possiamo facilmente bere da una grande fonte di acqua che scorre, il nostro corpo non può assorbire la grande intensità dell’intero spettro di frequenze provenienti dal nucleo galattico. Queste energie devono essere attenuate, trattenute, trasformate e ridotte da una serie di conversioni.   

Con tali trasformazioni l’intensità delle energie può essere ridotta e regolata.

L’energia emessa dal nucleo galattico ha l’elemento di intensità, così come lo spettro delle frequenze. Le energie nel Nucleo Galattico devono essere ridotte in intensità di forma per essere armonicamente ricevute e utilizzabili dal gruppo Anima Angelica Umana. 

Senza una riduzione dell’intensità, il corpo che riceve tale energia friggerebbe e brucerebbe come un tostapane collegato a una fonte di altissima tensione.   

Il nucleo centrale galattico conterrà naturalmente l’intero spettro di frequenze in questo universo. L’aspetto della frequenza delle energie provenienti dalla nostra Via Lattea Galactic Core deve anche contenere l’intero spettro. 

Eppure solo certe frequenze sono adatte per le forme di vita umana. 

Altre forme di vita, come le varie razze extraterrestri, devono avere energie compatibili per il loro miglior uso. Ogni forma di vita richiede energia in una relazione armonica specifica. 

Poiché il nostro pianeta Terra contiene un nucleo di ferro, rispondiamo meglio alle frequenze di un multiplo di 60 cicli (circa). Le frequenze Schumann della Terra sono circa 7,5 cicli, 15 cicli, 30 cicli e 60 cicli – e multipli di essi.   

Considerando gli sforzi in corso dei Rettiliani Draco e dei Grigi Zeta Reticuli per terraformare e alterare il nostro pianeta terra, possiamo supporre che la nostra naturale risonanza con una frequenza di 60 cicli non sia compatibile con queste razze aliene che ci stanno invadendo. 

Sembra logico che stiano tentando di cambiare le frequenze terrestri per renderlo più compatibile con le esigenze del proprio corpo. Forse stanno trasformando il nostro pianeta per essere più compatibili con i loro corpi, il loro sangue. 

In effetti stanno ‘scalando’ le frequenze di risonanza che hanno assicurato la nostra sopravvivenza, le nostre esigenze di vita – nei loro bisogni energetici. 

Il successo dell’alterazione, della “metallizzazione” e dell’armamento della nostra atmosfera terrestre ha lo scopo di permettere agli alieni invasori di incarnarsi in massa nei loro ibridi e di spingere il gruppo dell’Anima Angelica Umana dal nostro pianeta. 

Fortunatamente la nostra Madre Terra non è progettata per accettare una tale permanente alterazione e terraformazione. Alla fine gli alieni non ci riusciranno. 

Secondo EM Nicolay, il nostro pianeta tornerà a sostenere il suo gruppo Soul, che è stato legittimamente designato.” Mr. Electro Magnetics 

La teoria secondo cui altri esseri del mondo stanno contribuendo all’alterazione dello spettro naturale delle frequenze elettromagnetiche va ben al di sopra e al di là di tutto ciò che la scienza moderna sta assumendo. 

Molti che operano nei regni spirituali e metafisici, tuttavia, hanno a lungo avvertito della presenza di esseri di altri mondi che operano da gamme di frequenze esterne a quelle della percezione umana.

L’interferenza elettromagnetica con le frequenze risonanti della terra e degli esseri umani non è una teoria, resta solo da vedere quale sia il gioco finale e chi è in grado di beneficiare di questo tipo di inquinamento.

“Raggiungere un livello di coscienza e frequenza vibratoria appropriato, e in Risonanza con gli strati superiori della Coscienza di Dio – che sono davvero infiniti – è anche la chiave per l’Illuminazione.

Nessuno, niente, nessuna prigione di frequenza di recinzione spaziale, né tecnologia Draco o Zeta, il loro avvelenamento dell’atmosfera, terra, acqua e il nostro corpo con metalli tossici, alluminio, bario, litio, ecc. dal raggiungere il Dio, dentro di te e Colui che sei.

Le frequenze più alte sono più potenti delle energie tiranniche che cercano di illuderti e ti legano alle loro illusioni.” 

V. Susan Ferguson 

http://www.bibliotecapleyades.net/scalar_tech/esp_scalartech56.htm

Inflazione & diversi Universi

Strabiliante! Questa è la Terra rispetto al resto dell’Universo

In poche parole, è una delle migliori rappresentazioni grafiche di ciò che veramente c’è là fuori.

“Ci sono più stelle nel nostro Universo che granelli di sabbia su tutte le spiagge della Terra.”

Nella Via Lattea, ci sono da 100 a 400 miliardi di stelle e più di 100 miliardi di galassie nell’Universo – forse fino a 500 miliardi. Se si moltiplicano le stelle delle galassie, nella parte bassa, si ottiene 10 miliardi di miliardi di stelle, o 10 sestilioni di stelle nell’Universo, un 1 seguito da 22 zeri. Nella fascia alta, è di 200 sestilioni.

Le dimensioni dell’universo è al di là del comprensibile, una cosa è certamente vera, abbiamo notevolmente sottovalutato tutto ciò che riguarda l’universo.

I “limiti” dell’universo visibile dalla Terra è di uno sbalorditivo 46.5 miliardi anni luce in tutte le direzioni. Cioè, un diametro di 93 miliardi di anni luce. Un anno luce è pari a 9.46 miliardi di chilometri. Il calcolo è enorme, e tuttavia, è solo la parte dell’universo che possiamo vedere.

L’universo è tutto quello che comprende a noi noto: materia, energia, spazio e tempo. Le scale dell’universo sono così grandi che non possiamo nemmeno immaginarle.

Attualmente, è impossibile sapere l’esatta dimensione dell’Universo. Potrebbe anche essere infinito, anche se non sembra probabile.

Non sapendo che forma ha non aiuta molto dal momento che non siamo in grado di calcolare quale sia la sua dimensione. Inoltre, continua ad espandersi. Sulla dimensione dell’universo, sappiamo solo quello che è visibile dalla Terra.

La verità è che tutto ciò che riguarda l’universo e di conseguenza all’interno IT è un mistero.

Se l’universo ha circa solo 13,8 miliardi di anni, come possono esistere oggetti più distanti da esso? Non è possibile che si sia spostato più velocemente della velocità della luce, giusto? La risposta sta nell’inflazione dell’Universo. In cosmologia fisica, inflazione cosmica, l’inflazione cosmologica, o semplicemente inflazione, è una teoria di esponenziale espansione di spazio nell’universo primordiale. L’epoca inflazionistica è durato dal 10-36 secondi dopo l’ipotizzata singolarità del Big Bang a volte tra il 10-33 e 10-32 secondi dopo la singolarità.

Secondo gli esperti, l’inflazione è l’origine di tutto: dello spazio stesso, di tempo e di tutte le leggi fisiche, tra cui il limite della velocità della luce. Tutto è creato dall’inflazione stessa. Quindi il rigonfiamento dell’universo non è soggetto al limite della velocità della luce. L’inflazione crea un nuovo spazio tra gli oggetti e le distanze.

Finora gli astronomi hanno usato modelli diversi per determinare le dimensioni del cosmo. Un modello suggerisce che se l’universo si sta espandendo alla velocità della luce durante l’inflazione, la sua dimensione deve essere di 10 ^ 23 volte più grande l’universo visibile.

Ci sono altri modelli basati sulla curvatura dell’universo per determinare le dimensioni: se l’universo fosse chiuso (come se fosse una sfera), piano o aperto. In questi ultimi due casi, l’universo dovrebbe essere infinito.

E se ci fossero diversi universi, e non uno solo? Beh, sarebbe strabiliante!

http://www.ancient-code.com/ 

Religione & Sviluppo Tecnologico

 

Il SETI e le religioni extraterrestri

 L’affermazione se esista un’intelligenza extraterrestre o non esista può essere vista in parallelo se esista un Dio oppure no. Alcuni dicono che ci sono prove sufficienti dell’esistenza per entrambi. Se mettiamo da parte i rapimenti e i miracoli, vero è che l’assenza di prove non è è prova di assenza per entrambi. Tuttavia, se uno rileva la prova di una intelligenza extraterrestre, si romperà la simmetria di queste due affermazioni e, di fatto, sarà una prova che sarà incompatibile con l’esistenza di Dio o almeno delle religioni organizzate.  

 

 E’ tutta una questione di spazio e tempo.

 Le civiltà tecnologiche non possono avere la stessa ubicazione – mediamente non possono essere vicino a noi nello spazio e nel tempo – a meno che tali civiltà tecnologiche siano di lunga durata. Non sto parlando di circa 100 anni o 1.000 anni. Sto parlando dell’età delle stelle o galassie.

L’equazione di Drake, (che in realtà non si usa quasi mai), non è altro che un bel modo per organizzare la nostra ignoranza. Quando si scrive una qualsiasi equazione ci si attende che venga calcolata una risposta. Questo è impossibile. Non c’è una risposta a questa equazione se non con l’osservazione e l’esperimento.

  N = R* · fp · ne · fl · fi · fc · L

dove:

N   è il numero di civiltà extraterrestri presenti oggi nella nostra Galassia con le quali si può pensare di stabilire una comunicazioneR*   è il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Latteafp    è la frazione di stelle che possiedono pianetine   è il numero medio di pianeti per sistema solare in condizione di ospitare forme di vitafl    è la frazione dei pianeti ne su cui si è effettivamente sviluppata la vitafi    è la frazione dei pianeti fl su cui si sono evoluti esseri intelligentifc    è la frazione di civiltà extraterrestri in grado di comunicareL    è la stima della durata di queste civiltà evolute 

L’equazione di Drake dice che il numero di civiltà nella Via Lattea con cui possiamo attualmente comunicare potrebbe essere stimato prendendo il tasso medio di formazione stellare nella Via Lattea – e qui abbiamo davvero la possibilità di calcolare stelle simili al nostro sole che vivono abbastanza a lungo perché l’evoluzione sia possibile (sempre che l’evoluzione altrove abbia avuto lo stesso tempo che ha avuto il nostro pianeta) – per la frazione di stelle che hanno pianeti.

Ora sappiamo che i pianeti extrasolari sono poco più di 40 e considerando le attrezzature migliori che abbiamo sui telescopi possiamo trovare solo pianeti molto massicci con orbite di breve periodo. Forse dieci anni fa qualcuno avrebbe scommesso che non ne avremmo trovato nessuno. Ma, ancora non avevamo sufficienti strumenti di precisione per trovare altri pianeti. Oggi sappiamo qualcosa in più dei pianeti extrasolari, ma non abbastanza, in particolare su pianeti simili alla Terra.

Ora cerchiamo di entrare in una vera e propria speculazione.

  • Qual è la frazione di pianeti simili alla Terra la fuori su cui è cominciata la vita?
  • E di quella frazione di vita che ha avuto inizio, quanti hanno sviluppato un’intelligenza da poter essere riconosciuta?
  • E delle specie intelligenti là fuori, quanti di loro hanno sviluppato una civiltà tecnologica comunicativa che può essere percepita oltre le distanze delle stelle?
  • E per ultimo, per quanto tempo le civiltà e le loro comunicazioni sono durate?

Considerato tutto quello che sappiamo e tutto quello che non sappiamo,
Possiamo dire che attualmente il numero di civiltà nella nostra galassia che potrebbero comunicare è inferiore alla loro età in anni.Ora, ritenendo che la Via Lattea sia molto vecchia e molto grande – 10 miliardi di anni, e di 100.000 anni luce.Noi viviamo qui in questo posto alla periferia della Via Lattea che contiene 400 miliardi di stelle, circa un quarto delle quali, 100 miliardi, sono simili al sole. In quante stelle avremmo dovuto cercare per trovare una civiltà intelligente.E allora, a quale distanza avremmo dovuto cercare nelle molte stelle della Via Lattea?

E’ da circa 100 anni che abbiamo una tecnologia di comunicazione. Con questa tecnologia cerchiamo di trovare un’altra intelligenza tra circa quattro miliardi di stelle. Questo significa che avremmo dovuto cercare a circa 10.000 anni luce, in tutta la nostra galassia – il 10% della distanza in tutta la galassia.

Supponiamo che l’età giusta sia qualcosa come 13.000 o 15.000 anni, la quantità di tempo che abbiamo avuto finora come civiltà. Allora sarà come 1 a 30 milioni di stelle che si trovano entro i 1.700 anni-luce. Se le civiltà durassero un milione di anni, allora la ricerca dovrà essere fatta solo su 400.000, per trovarne una con 430 anni luce. E se le ultime civiltà con 400 milioni di anni, quindi 1 su 1.000 saranno sufficienti a rientrare nei 50, 60, 70 anni luce.

Il che sarà 1 su 1.000 dove attualmente vengono fatte le più sensibili ricerche del SETI (Il SETI è il nome collettivo per le attività scientifiche svolte per cercare vita extraterrestre intelligente). Per avere successo di trovare una vita intelligente extraterrestre da parte della nostra primitiva tecnologia, vuol dire che stiamo cercando qualcosa di molto vecchio. Così successivamente a breve termine implica che la tecnologia che rileveremo sarà molto più vecchia rispetto alla nostra. Anche se in futuro, (pensando alle nuove generazioni), non necessariamente sarà possibile trarre la stessa conclusione.

Pertanto, dobbiamo essere in grado di sopravvivere al tipo di stato in cui ci troviamo oggi – con la nostra infanzia tecnologica – longevi, non solo noi stessi ma anche il nostro pianeta. Tale longevità estrema è del tutto incoerente con il tipo di religione organizzata che conosciamo. Va ricordato che gli uomini non fanno mai completamente il male così allegramente come quando lo fanno per convinzione religiosa. In altre parole, in genere le persone cattive fanno cose cattive; persone buone fare cose buone. Ma, ci vuole la religione per portare una persona buona a fare qualcosa di veramente brutto.

La religione organizzata è una delle nostre più grandi minacce alla sopravvivenza. Tutta la gamma delle religioni che abbiamo oggi, sono relegate ad una delle forme più comuni di preghiera.

Ambrose Bierce ha definito il “pregare” come:

“dichiaratamente indegna la richiesta di un singolo di annullare le leggi dell’universo”.

Lo stato d’animo – la volontà di mettere da parte le leggi dell’universo a favore di qualche autorità superiore – consente fondamentalmente a una tantum di gratuita impunità. Questo tipo di impunità, consente alle persone di eludere le conseguenze delle proprie azioni, compresa la distruzione della specie e dell’habitat.

La religione organizzata è un’invenzione del nostro possibile, intelletto, e non solo del nostro, ma anche di altri intelletti.

HL Mencken ha detto:

“La più comune di tutte le follie è credere appassionatamente che il palpabile non sia vero. Questa è la principale occupazione del genere umano”.

Steven Pinker ci dice che l’evoluzione e l’intelligenza umana ha plasmato il modo in cui era quello di creare un sistema di moduli progettati per capire come funziona il mondo. Quando, (ancora agli inizi) non ne avevamo compreso il funzionamento. Originariamente i popoli (di conseguenza non ancora alfabetizzati), hanno inventato fantasmi e ipotesi sul futuro, garantendo poteri a oggetti ordinari senza averne inventati di diversi, ma solamente prendendo un banale oggetto caricandolo di potere.

Quindi, la religione organizzata è un’invenzione della mente, come ci dice Steven Pinker. Dio è una nostra invenzione.

Ci stiamo trasformando e dirigendo a sopravvivere in una civiltà tecnologica longeva, la religione organizzata ha bisogno di essere superata. Le guerre di religione sono state portate avanti in modo tradizionale per secoli.

Anche se qualcuno ha imposto dei trattati, i conflitti non sono mai del tutto finiti. Di esempi veramente orribili ci sono stati in passato come lo sono ancora nel presente.

L’unica soluzione possibile che possiamo auspicare oggi è superare la religione così come la conosciamo, con le sue sette e denominazioni, sviluppando una religione universale senza deviazioni, senza differenziazioni assolutamente completa e interessante per tutti. Una tale religione potrebbe essere in grado di coesistere per lungo tempo con lo sviluppo tecnologico, senza precipitare nelle peggiori tendenze umane.

Se Questo sviluppo è stato possibile per le altre civiltà, si potrebbe ipotizzare che, se e quando mai arriverà un messaggio, sarà un invito a far comprendere a tutti noi che le cose sono ben diverse da come le abbiamo ipotizzate. D’altra parte, se vogliamo auspicare di ricevere un messaggio laico di tale importanza, dovremo staccarci dalle religioni organizzate superandole.

di Jill Tarter

FONTE 

wlady

tra 300 miliardi di stelle

Secondo alcuni gli Stati Uniti sono impegnati in una seconda corsa con un altro avversario decisamente più potente dei russi. Fin dai primi anni 50 l’agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti era al corrente della presenza di basi aliene sulla luna, uno degli obiettivi della corsa allo spazio era raggiungere la Luna per scoprire esattamente che cosa stava succedendo e per scoprire che tipo di risorse avevano.

Ma perché gli extraterrestri dovrebbero stabilire una base sulla Luna su un satellite tanto piccolo e privo di vita con la Terra così vicina? La Luna è ricca di risorse minerali incustodite e tra le sue rocce e la sua sabbia si nasconde una sostanza invisibile che potrebbe presto cambiare il corso della vita sulla Terra.

ELIO-3

L’elio-3 è un sottoprodotto della potente reazione di fusione nucleare meglio nota come combustione del Sole. La sostanza invisibile viene sprigionata nello spazio, dove venti solari la diffondono in tutta la galassia. L’atmosfera terrestre evita che l’elio-3 raggiunga la superficie del nostro pianeta, ma la Luna è priva di atmosfera. Per miliardi di anni la sua superficie è stata bombardata da una corrente costante di elio-3.

Molti scienziati credono che un giorno la misteriosa sostanza possa essere usata nei reattori nucleari a fusione per produrre una quantità di energia pulita potenzialmente inesauribile, a differenza dei reattori moderni, pensano anche che i reattori nucleari a fusione alimentati a elio-3 in futuro renderanno possibile i viaggi interstellari. La domanda è: gli extraterrestri hanno già perfezionato questa tecnologia spaziale? E se si, la Luna potrebbe essere la prima sede di una miniera aliena?

Molti esperti temono che gli alieni siano venuti sulla Terra per prosciugarne le risorse naturali, alcune prove suggeriscono che possono aver estratto elio-3 dalla Luna per alimentare le loro navicelle spaziali, ma secondo altri rapporti la loro ricerca di energia non si fermerebbe al satellite terrestre.

Karners City – Texas 1971, è iniziato il turno di notte nella miniera di uranio a cielo aperto nella città, all’improvviso sopra la cava appare una luce accecante accompagnata da un fischio molto acuto, i minuti passano e la luce si affievolisce permettendo ai testimoni di individuare un enorme ufo. La navicella si alza lentamente e sparisce dalla vista. All’inizio nessuno crede ai sei testimoni, ma poco dopo si scopre che tutto l’uranio nel raggio di 75m. dal luogo dell’avvistamento, si è trasformato in una sostanza gessosa bianca e ha perso le sue proprietà radioattive.

Perché l’ufo di Karners City ha preso di mira una miniera di uranio, che cosa ha fatto la luce bianca ai depositi di minerali per neutralizzare la radioattività? La forse assorbita come carburante? Ma l’incidente di Karners City non è la prima manifestazione di interesse degli alieni ai materiali radioattivi della terra. Quattro anni prima era capitato un episodio simile proprio nella sede della sicurezza nazionale americana, dove sono stati disattivati 12 missili balistici nucleari.

Perché gli ufo hanno visitato prima una base missilistica americana e poi una miniera in Texas dove hanno assorbito la radioattività del minerale? I due episodi sono collegati? Gli extraterrestri hanno scoperto il potere dell’uranio e in seguito hanno sviluppato un modo per usarlo per i loro scopi? I depositi di uranio della Terra sono diventati una fonte di energia accessibile agli ufo?  E che cosa altro vogliono?

Le prove suggeriscono che gli alieni possono essere qui per saccheggiare le risorse naturali più preziose del pianeta. La Terra è ricca di ossigeno, acqua allo stato liquido, difficilmente reperibili in ogni altro luogo del sistema solare e addirittura dell’universo conosciuto. Ma la terra ospita qualcosa di ancora più raro, secondo alcuni esperti si tratterebbe addirittura della risorsa più preziosa di tutta la galassia.

Nel 1961 Frank Drake è un radio-astronomo che scruta la galassia in cerca di segnali che indichino la presenza di una forma di vita intelligente, formula una equazione per stabilire il numero di civiltà esistenti in tutta la Via Lattea. L’equazione tiene conto di sette fattori, tra cui il numero di stelle con pianeti, il numero di pianeti che permettono la vita intelligente e cosa più inquietante la durata di vita di una civiltà evoluta prima di essere distrutta da cause naturali o da se stessa.

La formula è conosciuta come l’equazione di Drake. Nel 1980 il famoso astronomo Carl Sagan usa questa equazione per stabilire che il numero di civiltà tecnologicamente avanzate presenti nella Via Lattea nello stesso momento non supera la decina.Tenendo conto che nella Via Lattea esistono circa 300 miliardi di sistemi stellari distribuiti in oltre 100.000 anni luce, la vita intelligente sarebbe finora la risorsa naturale della galassia e forse persino dell’intero universo.

Le civiltà non possono sopravvivere senza un’intelligenza collettiva in continua crescita ed evoluzione. E’ possibile che gli alieni siano venuti sulla terra per coltivare l’intelligenza umana e incorporarla alla propria? 

Il Sole, una fonte inesauribile di energia 
 

Le immagini della NASA hanno rivelato un misterioso oggetto non identificato grande quanto la Terra che si immerge al di sotto della superficie del Sole per poi ricomparire nello spazio aperto. Alcuni esperti ritengono che gli extraterrestri stiano usando il Sole come una stazione di rifornimento per le loro navicelle. Ma nuove immagini riprese da SOHO, l’osservatorio solare della NASA, potrebbero racchiudere la chiave del più grande mistero alieno dei nostri tempi.

Il Sole è un’immensa centrale energetica di una portata che quasi sfugge all’immaginazione, ed è la fonte di tutta la vita del pianeta Terra. Ma se qualcuno stesse armeggiando con quell’energia? Recentemente le tecnologie di ultima generazione per l’osservazione solare hanno rivelato qualcosa di scioccante, sono stati visti degli ufo volare vicino al Sole a una distanza finora ritenuta impossibile e persino immergersi nella sua superficie fino alle roventi profondità.

Non è una dimostrazione di forza perché in questo caso ci avrebbero già spazzati via. La comparsa di questi oggetti è spesso seguita da esplosivi venti solari che potrebbero avere conseguenze catastrofiche. Gli ufo stanno davvero visitando il nostro Sole? E se così fosse cosa significherebbe per il pianeta terra?

Un utente di youtube che si identifica come “xinister” esamina questi oggetti che si immergono nel Sole e scopre qualcosa di sorprendente: un’esplosione solare rivela uno strano oggetto rettangolare che galleggia nello spazio vicino la pianeta Mercurio, la sua sagoma presenta un impressionante somiglianza con i pannelli solari che si trovano sui nostri satelliti e stazioni spaziali, ma in quell’area non ci sono mezzi spaziali conosciuti, e questo fa dell’oggetto di Mercurio un ufo in piena regola.

Xinister posta le sue scoperte sulla famosa piattaforma video, creando immediato scalpore tra ufologi e scienziati. Ma questo non è il genere di attenzione che alla NASA piace ricevere. La NASA afferma che l’oggetto misterioso sia in realtà un filamento solare, cioè un potente getto di gas fuoriuscito dal Sole. Nonostante la spiegazione scientifica, l’agenzia interrompe bruscamente le immagini dal satellite stereo.

In un comunicato la NASA spiega che il satellite è andato in modalità di emergenza per le acquisizioni dei dati solari e che sta lavorando per riportare il mezzo spaziale al normale funzionamento. Perché la NASA interrompe il flusso di immagini dello stereo il giorno successivo alla rivelazione dell’ufo vicino a  Mercurio? Che i problemi tecnici dell’agenzia siano solo una coincidenza? O forse la NASA sta conducendo le proprie ricerche al riparo dagli sguardi del pubblico? Guarda QUI il video.

E’ un enorme voragine che appare sulla superficie del Sole e alcuni esperti credono che sia proprio in questa voragine che scompaiono gli enormi ufo che si tuffano al suo interno. Ritengono che la voragine sia in realtà un portale interstellare e una volta attraversato gli ufo riemergono da un altro portale, in una stella situata altrove nella galassia. In questo modo gli ufo possono percorrere enormi distanze interstellari in un batter d’occhio.

E con 300 miliardi di stelle nella sola galassia della Via Lattea, le possibili destinazioni sono praticamente infinite. Se questo fosse vero, allora una delle più grandi civiltà antiche della terra potrebbero avere un legame diretto con degli alieni di un altro sistema solare; e questo ha portato alcuni scienziati a pensare che un giorno potremmo scoprire che la nostra vera casa non è qui sulla terra ma piuttosto da un’altra parte in una galassia all’altro capo dell’universo.

Trascrizione di video presi da Youtube

wlady

Il Rapporto Condon

Condon come Robertson: la politica come più della scienza. Gli squallidi retroscena che portarono alla stesura di un documento «a due facce». Penosi tentativi di celare l’evidenza, puerile speranza di risolvere i problemi negandoli. 

Oggi sappiamo con certezza che la Commissione Condon analogamente al Giurì Robertson, non fu un evento scientifico ma politico. Il verdetto finale che proclamò la non significatività del fenomeno ufo a quindi la non utilità di continuare a studiarlo era stato preconcordato. Fra 1’altro, con l’espediente dell’inchiesta civile, l’Air Force perseguì lo scopo di liberarsi dell’onere del Progetto Blue Book; il quale, ormai screditato presso l’opinione pubblica, non era più in grado di assolvere la sua funzione istituzionale di indottrinamento antiufologico; una palla al piede, quindi, di cui era arrivato il momento di disfarsi.

All’atto delta sua creazione, tuttavia, il Comitato Condon fu salutato come il “deus ex machina” che avrebbe fatto finalmente sapere come stessero le cose in materia di ufo, ponendo termine all’annosa controversia tra ufologi a ufficialità. Gli squallidi retroscena delta Commissione erano infatti ancora inopinati.

Ma la verità non tardò ad emergere. I primi dubbi nacquero quando si apprese che i componenti delta Commissione erano in maggioranza psicologi; il che lasciava intendere che l’indagine mirasse a concentrarsi sui testimoni piuttosto che sui rapporti di avvistamento. Ulteriori dubbi si insinuarono quando il presidente delta Commissione, il Dr. Condon fece capire con alcune dichiarazioni pubbliche di essere pregiudizialmente scettico sugli ufo. Continua QUI

Alieni: Progetto segreto e Blue Planet Project 

Tratto da Vicenza ufo

Purtroppo è disponibile solo in lingua inglese, perché è stato messo a disposizione solo per i cittadini degli Stati Uniti d’America, visto che i seguenti studi e progetti di cui parla questo documento sono esclusivamente statunitensi. E’ facilmente reperibile in pdf e data la sua importanza ho deciso di tradurre per quanto mi sia possibile le pagine più interessanti. Quello che leggerete in questo documento potrebbe lasciarvi perplessi. Continua QUI Per le parti tradotte.