Crea sito

Il nuovo Feudalesimo intenzionale: Vasalli, Valvassini e Valvassori

Strategie di blocco: la ri-feudalizzazione intenzionale dell’Inghilterra

Le forze della Tecnocrazia hanno portato l’Inghilterra sulla strada del neo-feudalesimo dove i baroni governano i servi. Una disposizione così crudele è il motivo per cui l’età storica del feudalesimo è stata chiamata “i secoli bui”. Questa mega tendenza si è diffusa in Inghilterra da molti anni, ma ora è ovvia. ⁃ TN Editor

E così arriviamo al 23 marzo e al primo compleanno del blocco. O, come le chiamiamo qui, le due settimane più lunghe della storia.

1 anno. 12 mesi di calendario. 365 giorni sempre più estenuanti.

È passato molto tempo da quando “2 settimane per appiattire la curva”, è diventata un’ovvia bugia. Qualche volta a luglio si è trasformato in uno scherzo malato. La curva è stata appiattita, il NHS protetto e l’applauso è stato caloroso e significativo.

… e niente di tutto ciò ha fatto alcuna differenza.

Questo non era un sacrificio per il “bene superiore”. Non è stata una decisione difficile con argomenti da entrambe le parti. Non era uno scenario rischio-beneficio. I “rischi” erano infatti certezze, ei “benefici” del tutto fittizi.

Perché i blocchi non funzionano. È davvero importante ricordarlo.

Anche se sottoscrivi la convinzione che “Sars-Cov-2” sia un’entità unica e discreta (che è tutt’altro che provata), o che sia incredibilmente pericolosa (il che è dimostrabilmente falso), il blocco non ha funzionato, in nessun modo, limitare questa presunta minaccia.

Blocchi. Non farlo. Opera.

Non fanno alcuna differenza, le curve non si appiattiscono e il numero R0 non scende e le vite non vengono salvate (al contrario, come abbiamo visto tutti).

Guarda i grafici.

Questo, confrontando le “morti di Covid” nel Regno Unito (blocco) e in Svezia (nessun blocco):

O questo, confrontando “Morti Covid” in California (blocco) e Florida (nessun blocco):

Dalla Bielorussia alla Svezia, alla Florida, dal Nicaragua alla Tanzania, le prove sono chiare. “Covid”, qualunque cosa significhi in termini reali, non è influenzato dai blocchi.

Mettere l’intera popolazione agli arresti domiciliari non giova alla salute pubblica. In effetti, è (piuttosto prevedibile) incredibilmente controproducente.

Sono  stati discussi a morte i danni causati dalla chiusura delle imprese, dalla limitazione dell’accesso all’assistenza sanitaria, dal  rinvio di cure e diagnosi, dal  rinvio di interventi chirurgici, dall’aumento della depressione,  dall’impennata della disoccupazione e dalla povertà di massa. La portata dell’impatto non può essere sopravvalutata.

Il dottor David Nabarro, inviato speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità per Covid-19, ha detto questo dei blocchi  a ottobre:

Noi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità non sosteniamo i blocchi come mezzo principale di controllo del virus […] guarda solo cosa è successo all’industria del turismo … guarda cosa sta succedendo ai piccoli agricoltori […] sembra che potremmo avere un raddoppio della povertà mondiale entro il prossimo anno. Potremmo avere almeno un raddoppio della malnutrizione infantile […] Questa è una terribile, orribile catastrofe globale”.

Una  terribile catastrofe globale. Un  raddoppio della malnutrizione infantile.

La “pandemia” non ha fatto questo, i blocchi hanno fatto quello. Non avrebbero mai raggiunto i loro obiettivi dichiarati. E per di più, non sono mai stati  concepiti  per raggiungere questi obiettivi.

Troppo spesso il linguaggio morbido nei media parla di “valutazioni errate” o “errori” o “incompetenza”. Presunti critici affermano che il governo “è andato nel panico” o “ha reagito in modo eccessivo”. Questa è una sciocchezza. La scusa più semplice e sdolcinata che sia mai esistita.

“Whoops” , dicono, con un’alzata di spalle enfatica e un ghigno divoratore di merda  “Immagino che abbiamo fatto un pasticcio!” . Poco lusinghiero, ma meglio della verità.

Perché la verità è che il governo non si sbaglia, non ha paura o è stupido … sono maligni. E disonesto. E crudele.

Tutta la sofferenza del blocco era del tutto prevedibile e deliberatamente imposta. Per ragioni che non hanno nulla a che fare con l’aiutare le persone e tutto il necessario per controllarle.

È stato più che evidente per la maggior parte delle ultime cinquantadue settimane che l’agenda del blocco non era la salute pubblica, ma la posa delle basi per la “nuova normalità” e il “grande ripristino”.

Una serie di programmi progettati per minare completamente le libertà civili in tutto il mondo, invertendo decenni (se non secoli) di progresso sociale. Una ri-feudalizzazione della società, con il 99% che indossa allegramente il camice da contadino “per proteggere i più vulnerabili”, mentre l’élite fa proselitismo sul valore delle regole che ammettono felicemente non si applicano a loro.

E tutti abbiamo avuto vite rovinate e un anno di tempo prezioso sprecato. Per niente. Sei stato rinchiuso per due settimane che sono durate 365 giorni. Per niente.

… o meglio, per tutto. Perché è quello che stanno cercando di portarci via. Qualunque cosa. E l’unico modo per fermarli è non lasciarli. Per negare semplicemente il consenso.

Non lasciamo che il blocco abbia un secondo compleanno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

LA FORMA COLLETTIVA & LA FORMA INDIVIDUALE

Perché le forze positive non intervengono?

di Tom Minderle (Montalk) dal Sito Web PatrickHerbert versione spagnola traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese Versione in spagnolo

Le forze positive stanno intervenendo ma solo in proporzione alla violazione.

Però potremmo ugualmente chiedere:

Perché le forze STS (alieni negativi – Service to Self) non si sono semplicemente presentate con truppe d’assalto e impianti di controllo mentale pronti a partire secoli fa, quando non avevamo armi avanzate per conquistare il mondo?

Perché questo lento processo di infiltrazione, inganno, programmazione delle masse, ecc…?

Beh, è perché ci sono regole daseguire, proprio come un gioco di sport.

Ci sono arbitri.

Solo perché una parte viene battuta nel gioco non significa che gli arbitri intervengano.

Intervengono solo quando le regole vengono violate…

Quindi le forze SAA (positive – Servizzi ad Altri) usano contromisure proporzionali.

Pertanto, se la minaccia finora è stata eseguita tramite:

infiltrazione, inganno, programmazione e lavoro tramite persone al potere per implementare “certe cose” con la forza,

… devono usare tattiche come:

verità, risveglio, prove, contraccolpo della maggioranza e chiunque sia al potere che si allinea con tutto ciò…

Se, tuttavia, un giorno le forze negative si manifestasser apertamente e prendessero il controllo attivamente, allora possono presentarsi anche quelle positive per contrastare tutto questo, soprattutto se alcune regole vengono sorpassate.

Il punto è:

tutte le parti stanno lavorando all’interno di una serie di regole che non vogliono o non possono violare senza conseguenze…

Sto parlando di gruppi di sorveglianti di terze parti che lavorano per conto della struttura divina.

Il problema è che se la maggioranza di una popolazione va d’accordo con qualcosa, e se è coinvolta una scelta karmica (come con la Seconda Guerra Mondiale) che serve a uno scopo più alto anche nella sua sofferenza, quindi la volontà divina e i gruppi di sorveglianti non possono intervenire.

Potresti avere una protezione personale individuale che ti aiuta a superarlo, ma ciò che accade alla maggioranza tende collettivamente ad essere quello che è.

La storia mostra quanto a volte le cose possano andare male.

I miracoli avvengono più a livello individuale che a livello collettivo.

Perché individualmente siamo casi unici.

Perché una persona sembra avere la protezione divina, mentre un’altra muore in un incidente o viene sacrificata da bambina?

Ci sono fattori complicati coinvolti come:

  • trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato
  • o contratti e accordi dell’anima
  • o schemi karmici autoimposti

…e così via.

Nella forma collettiva è più semplice.

Riguarda:

  • scelte contro conseguenze
  • inganno contro verità
  • giocatori positivi contro giocatori negativi
  • amplificazione del potere in cui un piccolo numero di persone influisce su un gran numero tramite il contratto sociale,

… e come nasce una società.

Ma certo

più le forze negative aumentano il loro controllo, maggiore sarà l’intervento.

I positivi fanno solo quello che devono fare, non di più.

Non più e interferiscono con il nostro processo di apprendimento.

Usano:

jujitsu spirituale, effetto farfalla, sincronismo, tempismo magistrale, semina di idee attraverso persone disponibili,

…e così via…

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/mistic/sas14.htm

®wld

IL TRADIMENTO DELLA SCIENZA

La medicina è diventata una religione e per il mito della salute siamo disposti ad accettare ogni imposizione.

Dialogo con Giorgio Agamben

Nuda vita

Nella medicina si stanno facendo strada i concetti di personalizzazione e di predizione: grazie a nuovi strumenti diagnostici ed ai big data pretendedi predire, individualmente, il rischio di sviluppare durante la vita determinate malattie. Una volta noti tali rischi si possono indirizzare le persone verso opportuni stili di vita. In aggiunta a questi screening di predisposizione genetica, le nuove tecnologie note come “wearables” permettono il costante monitoraggio di determinati parametri vitali. Oggi sono prevalentemente usate dagli sportivi mossi dalla ricerca di un continuo miglioramento delle proprie performance ma presto potranno essere estese a tutti i cittadini. Una tale impostazione della medicina sembra dirigerci verso quello che Lei ha definito come vita ridotta a condizione biologica, “nuda vita”. Tuttavia, molti scienziati nutrono forti dubbi sulla realizzabilità – etica e tecnica – di tale scenario.Ci può condividere una riflessione su questo argomento? Inoltre, cosa pensa si debba fare per invertire la rotta?

Nella prospettiva che lei delinea, decisivo è il passaggio della soglia in cui personalizzazione, predizione e screening non si traducono semplicemente in consigli e suggerimenti di stili di vita, ma diventano un obbligo giuridico. Questa soglia oggi è stata oltrepassata e quello che in passato si presentava come un diritto alla salute, si è trasformato in un’obbligazione da adempiere a qualsiasi prezzo. La causa di mortalità più frequente nel nostro paese sono le patologie cardiovascolari ed è noto che queste potrebbero forse diminuire se si praticasse una forma di vita più sana e ci si attenesse a un’alimentazione particolare. Ma a nessun medico era mai venuto in mente che le forme di vita e di alimentazione che consigliavano ai pazienti potessero diventare oggetto di una normativa giuridica, che decretasse ex lege come si deve vivere e che cosa si deve mangiare, trasformando l’intera esistenza in un obbligo sanitario. Del resto questo era escluso dal giuramento professionale del medico, che menziona espressamente “il rispetto dei diritti civili circa l’autonomia della persona”.

È quello che è ora avvenuto per il Covid-19 e, almeno per ora: la gente ha accettato non soltanto di rinunciare alle proprie libertà costituzionali, alle relazioni sociali e alle proprie convinzioni politiche e religiose, ma ha lasciato che i propri cari morissero da soli e senza funerale. In questo senso si può dire che l’esistenza umana è stata ridotta a un dato biologico, a una nuda vita che occorre salvare a qualsiasi costo, nonostante il fatto che l’IFR, il tasso reale di mortalità della malattia sia, secondo gli studi riportati nella vostra rivista, inferiore all’1%. Quel che è avvenuto è che, attraverso un processo di medicalizzazione crescente della vita, l’unità dell’esperienza vitale di ogni individuo, che è sempre inseparabilmente insieme corporea e spirituale, si è scissa in un’entità puramente biologica da una parte e in un’esistenza sociale, culturale e affettiva dall’altra. Questa frattura è secondo ogni evidenza un’astrazione, ma un’astrazione potente, alla quale gli uomini hanno sacrificato le loro condizioni normali di vita. Ho detto che la scissione della vita è un’astrazione, ma voi sapete che la medicina moderna intorno alla metà del XX secolo ha realizzato questa astrazione attraverso i dispositivi di rianimazione, che hanno permesso di mantenere a lungo un corpo umano in stato di pura vita vegetativa. La camera di rianimazione, con i suoi meccanismi di respirazione e di circolazione sanguigna artificiali e le sue tecnologie di mantenimento della temperatura corporea, attraverso i quali un corpo umano è tenuto indefinitamente in sospeso fra la vita e la morte è una zona oscura, che non deve uscire dai suoi confini strettamente medici. Ciò che è invece avvenuto con la pandemia è che questa vita puramente vegetativa, questo corpo artificialmente sospeso fra la vita e la morte è diventato il nuovo paradigma politico, sul quale i cittadini devono regolare il loro comportamento. Il mantenimento a ogni prezzo di una nuda vita astrattamente separata da quella intellettuale e spirituale e imposta come criterio non di vita, ma di mera sopravvivenza è il dato più impressionante nella situazione che stiamo vivendo.

Verità e falsificazione

Nel 2016 “Nature” ha pubblicato i risultati di una Survey dalla quale è emerso che oltre 1.500 scienziati non erano riusciti a riprodurre i dati ottenuti da colleghi. Uno stesso problema lo aveva riscontrato nel 2011 il dott. Glenn Bagley, ai tempi direttore del dipartimento di oncologia della multinazionale Amgen, il quale prima di investire diversi milioni di euro in un progetto di ricerca per un nuovo farmaco, aveva deciso di replicare i 53 esperimenti a partire dai quali si basava la loro strategia di sviluppo di un nuovo farmaco: riuscì a replicarne solo l’11%.Paradossalmente mai come oggi la scienza sta affrontando una profonda crisi di credibilità in quanto ad affidabilità dei dati che produce e a veridicità delle affermazioni. Nonostante ciò, sembra quasi impossibile far emergere sia a livello di opinione pubblica, sia a livello di opinioni accademiche, ipotesi e risultati diversi da quelli che vengono universalmente riconosciuti come “verità scientifiche”. Verità sulla base delle quali spesso vengono anche prese decisioni politiche ed economiche. Lei ha recentemente pubblicato un intervento dal titolo “Sul vero e sul falso”. Ci aiuta ad indagare meglio questo tema?

Qui si può toccare con mano che il problema della verità non è un astratto problema filosofico, ma qualcosa di estremamente concreto, che determina in maniera consistente la vita degli esseri umani. Per quel che concerne la verità scientifica, già Thomas Kuhn, in un libro ormai famoso, aveva mostrato che il paradigma ogni volta dominante in una comunità scientifica non è necessariamente il più vero, ma semplicemente quello che è in grado di procurarsi il più grande numero di seguaci. Ma questo è vero anche al di fuori delle verità scientifiche. L’umanità sta entrando in una fase della sua storia in cui la verità viene ridotta a un momento nel movimento del falso – o, più precisamente, nel dispiegamento onnipervasivo di un linguaggio che non contiene più in sé alcun criterio che permetta di distinguere ciò che è vero da ciò che è falso. Vero è quel discorso che viene dichiarato tale e che deve essere tenuto per vero anche se la sua non verità venisse dimostrata. Ma, in ultima analisi, essenziale per il sistema è che venga meno ogni distinzione fra il vero e il falso. Di qui la confusione crescente fra notizie contrastanti diffuse dagli stessi organi ufficiali. In questo modo è il linguaggio stesso come luogo della manifestazione della verità che viene messo in questione.

Ma che cosa avviene in una società che ha rinunciato alla verità e in cui gli uomini possono soltanto osservare muti il movimento multiforme e contraddittorio della menzogna? Per arrestare questo movimento occorre che ciascuno abbia il coraggio di porsi senza compromessi la sola domanda che conta: che cos’è una parola vera? Tutti ricordano nel Vangelo la famosa domanda di Pilato a Gesù, che Nietzsche considerava “la battuta più sottile di tutti i tempi”: “che cos’è la verità?”. In realtà, Pilato rispondeva all’affermazione immediatamente precedente di Gesù “Io sono venuto al mondo per testimoniare della verità”. Non vi è, infatti, esperienza della verità senza testimonianza: vera è quella parola per la quale non possiamo non impegnarci a dare personalmente testimonianza. E qui si misura la differenza fra una verità scientifica e una verità filosofica: mentre una verità scientifica è (o, almeno, dovrebbe) essere indipendente dal soggetto che la enuncia, la verità che è qui in questione è tale solo se il soggetto che la pronuncia si mette integralmente in gioco in essa – è, cioè, una veridizione e non un teorema. Di fronte a una non verità imposta normativamente possiamo e dobbiamo testimoniare.

La scomparsa delle ipotesi

In un suo intervento ha fatto notare come molto spesso il concetto di “notizia” abbia scalzato quello di “idea” introducendo così il termine notizia falsa come arma di silenziamento di quelle che in realtà sono idee o ipotesi diverse. Come mai secondo Lei anche se certe falsità vengono ben documentate vi si continua a credere a prescindere dal livello culturale dell’interlocutore? Quali strategie di comunicazione dovrebbe adottare uno scienziato che abbia una convincente documentazione a falsificazione delle narrazioni ufficiali?

In una società che non è più in grado di distinguere il vero dal falso, la notizia tende necessariamente a sostituirsi alla realtà ed è su questa onnipervasiva sostituzione della notizia alla realtà che operano i media. I media sono oggi uno strumento essenziale della politica proprio perché assicurano questa sostituzione, così essenziale al funzionamento del sistema. In un mondo in cui esistono solo notizie, vera è solo la notizia dominante e, al limite, nessuna notizia è più vera di un’altra; di qui la necessità di istituire, come il nostro governo non ha mancato di fare, una commissione incaricata di decidere quali notizie debbono essere considerate vere e quali false. Negli appunti presi durante la seconda guerra mondiale, Heidegger definisce l’età che stava vivendo come “una macchinazione dell’in-sensato”, in cui un’assoluta assenza di senso viene formulata in un algoritmo e incessantemente calcolata. È qualcosa di simile che abbiamo oggi sotto gli occhi.

Il giuramento tradito

Il primo punto della versione italiana moderna del giuramento di Ippocrate recita: giuro di esercitare la medicina in autonomia di giudizio e responsabilità di comportamento contrastando ogni indebito condizionamento che limiti la libertà e l’indipendenza della professione. Quanto spazio resta oggi all’autonomia dei medici? Si sta forse trasformando la figura stessa del medico in qualcosa di nuovo? Come vede il futuro rapporto di fiducia tra medico e paziente? Lei personalmente come si rapporta con il suo medico e con la gestione della propria salute?

Quello che lei ha menzionato è solo uno dei punti del giuramento professionale che sono oggi sistematicamente trasgrediti. Oltre ai punti 4 e 5 che ho citato prima sul rispetto dei diritti civili e dell’autonomia della persona del paziente, in questione è anche il punto 15, che impone “di rispettare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che osservo o che ho osservato, inteso o intuito nella mia professione o in ragione del mio stato o ufficio”. Mentre in passato questo segreto è stato sempre osservato, oggi chiunque risulti positivo (non solo malato, anche semplicemente positivo) viene pubblicamente denunciato come tale e isolato. Conseguentemente anche il punto 6, che impone di “curare ogni paziente con scrupolo e impegno, senza discriminazione alcuna” viene trasgredito. Siamo arrivati al punto che i malati positivi non vengono visitati dal medico. È difficile mantenere un rapporto di fiducia individuale con un medico che agisce anche come rappresentante di un sistema di governo. Medicina e potere, terapia e normativa devono restare separati.

La medicina come religione

In diversi interventi Lei ha presentato l’idea che oggi la medicina e la scienza siano diventate una religione. Molti medici e scienziati che la leggeranno tuttavia faranno fatica a percepire sé stessi come rappresentanti di questa religione. Forse stiamo usando un unico terme, quello di medicina o quello di scienza, per nominare due concetti diversi? Ci aiuta a definire meglio quella medicina e quella scienza che sono diventate religione?

L’analogia che suggerivo non è soltanto metaforica. Se chiamiamo religione ciò in cui gli uomini credono di credere, certamente la scienza è oggi una religione. Ma in ogni religione occorre distinguere fra l’apparato dogmatico (le verità in cui bisogna credere) e il culto, cioè i comportamenti e le pratiche che ne derivano. Come il comune credente poteva ignorare i dogmi e le eresie di cui i teologi discutevano appassionatamente, così oggi l’uomo comune può ignorare completamente le teorie scientifiche di cui discutono gli scienziati. Ma dal punto di vista del culto, cioè delle sue pratiche e dei suoi comportamenti, in particolare per quanto concerne la medicina, egli ne è determinato in misura crescente. E come la religione cristiana si proponeva attraverso il culto la salvezza, così la medicina mira attraverso la terapia alla salute: in un caso dal peccato e nell’altro dalla malattia, ma l’analogia salta agli occhi. La salute non è in questo senso che una secolarizzazione di quella “vita eterna” che il cristiano sperava di ottenere attraverso le sue pratiche cultuali. Se già la medicalizzazione della vita negli ultimi decenni era andata crescendo oltre ogni misura, nella situazione che stiamo oggi vivendo, essa è diventata permanente e onnipervasiva. Non si tratta più di assumere dei farmaci o di sottoporsi se necessario a una visita medica o a un’operazione chirurgica: la vita intera degli esseri umani deve diventare in ogni istante il luogo di un’ininterrotta celebrazione cultuale. Il nemico, il virus è invisibile e sempre presente e deve essere combattuto senza una possibile tregua, in ogni momento della propria esistenza.

Transumanesimo

Sempre maggiori finanziamenti alla scienza provengono dal settore dell’info tech. Questi stanno indirizzando numerose ricerche verso la fusione uomo-macchina che da un lato rappresenta un nuovo mercato e dall’altro una nuova promessa: potenziale le facoltà umane e prolungare la vita. Cosa pensa di questa progressiva digitalizzazione e robotizzazione della vita?

Credo che sia opportuno considerare il fenomeno di cui lei parla nella prospettiva dello sviluppo della specie umana. È ormai passato quasi un secolo da quando un geniale scienziato olandese, Ludwik Bolk, a cui si deve l’idea della pedomorfosi o immaturità costitutiva dell’homo sapiens, aveva previsto che gli apparati tecnici cui l’uomo si affida in misura crescente per poter sopravvivere come specie avrebbero raggiunto un punto di esasperazione estrema in cui si sarebbero rovesciati nel loro opposto e avrebbero finito per causare la fine della specie. Paul Alsberg già negli anni venti del XX secolo ha mostrato che nella proiezione tecnologica esterna delle funzioni degli organi corporei, quel che in realtà avviene è che questi organi vengono progressivamente disattivati a favore degli strumenti artificiali che li sostituiscono. Mentre l’animale adatta le proprie funzioni corporee alle condizioni naturali, l’uomo le disattiva per affidarle a strumenti artificiali. A ogni progresso tecnico esosomatico corrisponde così un regresso delle funzioni endosomatiche. Ma se questo regresso si spinge oltre un certo limite, la sopravvivenza stessa della specie viene messa in questione. Credo che ci troviamo oggi su questa soglia. Ma l’esperienza insegna che non sempre ciò che sembra ineluttabile avviene. Nelle parole di Euripide: “ciò che ci aspettavamo non si è compiuto e gli dei trovano una via per l’insperato”.

Linguaggio

Lei ha fatto notare come gli stessi termini sembrano scelti per sostenere un paradigma di organizzazione della società. Ad esempio, il termine “distanziamento sociale” avrebbe potuto essere diverso come distanziamento personale o distanziamento fisico. Pensa ci sia una regia del linguaggio oppure che siamo già talmente immersi in un nuovo paradigma di governo che questo linguaggio emerge spontaneamente a tutti i livelli della società? Una sorta di evoluzione naturale? Molti scienziati lottano da tempo contro termini fuorvianti e inappropriati eppure, nonostante numerose argomentazioni forti, non si riesce ad intervenire sul linguaggio universale. Quali sono i meccanismi che rendono acquisiti e consolidati determinati termini?

Il rapporto fra l’uomo e il linguaggio, l’esperienza che il parlante ha della sua lingua non è qualcosa di semplice ed è forse il primo problema di cui il pensiero deve occuparsi. Il linguaggio è qualcosa che gli uomini cercano di padroneggiare e manipolare e, nello stesso tempo, esso è ciò da cui sono già sempre dominati e determinati, cioè qualcosa con cui si deve necessariamente fare i conti. Va da sé che la grande trasformazione operata dalla tecnologia e dalla scienza moderna non sarebbe stata possibile senza un cambiamento profondo nell’esperienza del linguaggio. Il mondo antico non poteva né voleva aver accesso alla scienza e alla tecnologia in senso moderno perché – malgrado lo sviluppo della matematica (significativamente non in forma algebrica) – la sua esperienza del linguaggio non permetteva di riferirsi al mondo in un modo che si pretendesse indipendente da come esso si rivelava nella lingua. Il linguaggio non era uno strumento neutrale, che poteva essere sostituito da  cifre e algoritmi, ma il luogo in cui le cose innanzitutto si rivelano e comunicano nella loro verità. Solo la riduzione della lingua a strumento neutrale, che si compie con Ockham e il tardo nominalismo, permette quella delinguisticizzazione della conoscenza che culminerà nella scienza moderna. E solo quando la verità si sposta dall’ambito delle parole e della lingua in quello dei numeri e della matematica, il linguaggio, divenuto un sistema di puri segni convenzionali, sembra essere, almeno in apparenza, dominabile e manipolabile, non è più il luogo di una possibile verità. Ma proprio un linguaggio senza  più rapporto con la verità può diventare una prigione, una sorta di macchina che sembra funzionare da sé e da cui non sembra possibile uscire. Forse gli uomini non sono mai stati così inermi e passivi di fronte a un linguaggio che li determina in misura crescente.

Filosofia della natura

Un tempo la scienza veniva identificata come “Filosofia della Natura” e persone come Goethe che si interessavano di scienza, di filosofia e di letteratura erano considerate come massima espressione dell’intelligenza. Oggi la scienza si è indirizzata verso una sempre maggiore specializzazione che ha indubbiamente portato ad enormi avanzamenti tecnico-scientifici. Si tratta di due percorsi radicalmente divergenti. Cosa consiglia a quei giovani studenti e ricercatori che oggi muovono i loro primi passi nel mondo della scienza?

Un momento importante nella storia dell’occidente è quando la filosofia si rende conto di non poter più esercitare un controllo sulla scienza, perché la scienza si è resa del tutto autonoma rispetto ad essa. In Kant ciò è perfettamente chiaro e la sua filosofia rappresenta l’ultimo tentativo di mantenere un rapporto con la scienza, ponendosi come una dottrina della conoscenza in grado di fissare dei limiti all’esperienza possibile. Non credo che oggi qualcosa del genere sia tra i compiti della filosofia. Il rapporto fra pensiero e scienza non si gioca sul piano della conoscenza. La filosofia non solo non è una scienza, ma nemmeno si può risolvere in una dottrina della conoscenza, della quale del resto la scienza ha dimostrato di non avere alcun bisogno. La filosofia è sempre etica, implica sempre una forma di vita. Ma questo vale per ogni singolo uomo e quindi anche per ogni scienziato che non voglia rinunciare a essere umano. Certo gli scienziati hanno dimostrato di essere pronti a sacrificare senza scrupoli l’etica agli interessi della scienza, altrimenti non avremmo visto illustri scienziati servirsi dei deportati nei lager nazisti per i loro esperimenti. Quello che ricorderei a un giovane che muove i primi passi nella scienza è di non sacrificare mai un principio etico alla propria volontà di sapere.

Resistenza

Lei ha parlato della necessità di sviluppare nuove forme di resistenza. Cosa intende? Ci può fare degli esempi?

Io sono un filosofo e non uno stratega. Naturalmente la lucida coscienza della propria situazione è la prima condizione per trovare una via d’uscita. Posso solo aggiungere che non credo che la via d’uscita passi oggi necessariamente, come si è forse troppo a lungo creduto, attraverso una lotta per la conquista del potere. Non vi può essere un potere buono – e quindi nemmeno uno Stato buono. Noi possiamo solo, in una società ingiusta e falsa, attestare la presenza del giusto e del vero, possiamo solo, nel mezzo dell’inferno, testimoniare del paradiso.

*L’intervista è stata realizzata da Andrea Pensotti e pubblicata in origine su “Organisms. Journal of Biological Sciences” (Sapienza Università di Roma); la si riproduce per gentile concessione

La Redazione

FONTE https://www.lintellettualedissidente.it/controcultura/filosofia/agamben-intervista/

Pubblicato sul sito web: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Perché oltre 500 medici dicono che la pandemia è un crimine globale? Cosa sanno loro, che noi non sappiamo?

Covid 19 Coronavirus Nuovo ordine mondiale 

Premessa:

(ndr – corsivo mio, i link all’interno dell’articolo sono tradotti in automatico per una migliore fruizione, per chi volesse leggere il post in originale in lingua inglese, lo potete trovare QUI

Prova definitiva: Covid-19 è stato pianificato per inaugurare il Nuovo Ordine Mondiale

1. I medici dichiarano che la pandemia è stata pianificata

Un gruppo di oltre 500 medici in Germania chiamato “Medici per l’informazione” ha rilasciato una dichiarazione scioccante durante una conferenza stampa nazionale:(1)

‘Il panico Corona è un gioco. È una truffa. Una truffa. È giunto il momento di capire che siamo nel bel mezzo di un crimine globale.’

Questo folto gruppo di esperti medici pubblica un giornale medico in 500.000 copie ogni settimana, per informare il pubblico sulla massiccia disinformazione nei media mainstream.

Organizzano anche proteste di massa in Europa, come quella del 29 agosto 2020 in cui 12 milioni di persone si sono iscritte e diversi milioni si sono effettivamente presentati.

Perché questi oltre 500 medici dicono che la pandemia è un crimine globale? Cosa sanno loro, che noi non sappiamo?

Protesta pandemica pianificata Berlino 1 

Una delle tante proteste contro la “plandemia” che non vedrete nemedmainstream

2. Centinaia di medici spagnoli dicono che la pandemia è pianificata

In Spagna un gruppo di 600 medici chiamati “Medici per la verità”, ha rilasciato una dichiarazione simile durante una conferenza stampa.

Medici per la verità, Spagna

‘Covid-19 è una falsa pandemia creata per scopi politici. Questa è una dittatura mondiale con una scusa sanitaria. Chiediamo ai medici, ai media e alle autorità politiche di fermare questa operazione criminale, diffondendo la verità’. (2)

Germania e Spagna sono solo due esempi. Esistono grandi gruppi simili di centinaia di esperti medici in paesi di tutto il mondo.

Negli Stati Uniti un documentario chiamato PLANDEMIC, che denuncia COVID-19 come operazione criminale, è supportato da oltre 27.000 medici!

Perché queste migliaia di professionisti medici in tutto il mondo affermano che la pandemia è un crimine? A quali informazioni hanno accesso, che non riceviamo dai media mainstream?

Ti invito a guardare i seguenti fatti con una mente aperta e poi a trarre le tue conclusioni …

3. Nel 2015 è stato brevettato un metodo di prova per… COVID-19

Nel 2015 Richard Rothschild ha brevettato un “Sistema e metodo di test per COVID-19” , con un’organizzazione governativa olandese.

L’hai preso? Nel 2015,  quattro anni prima che la malattia esistesse, è  stato sviluppato un metodo di test per COVID-19. (2B)

Brevetto Rothschild Covid 19 

Fai un respiro profondo e lascia che affondi per un po’…

4. Milioni di kit per test COVID-19 venduti nel 2017 e nel 2018

Come sappiamo la nuova malattia COVID-19 è apparsa in Cina verso la fine del 2019. Pertanto è stata denominata COVID-19 che è l’acronimo di Corona Virus Disease 2019 .

I dati della World Integrated Trade Solution, tuttavia, mostrano qualcosa di sorprendente:

“Nel 2017 e nel 2018, due anni prima di COVID-19, sono stati distribuiti in tutto il mondo centinaia di milioni di kit di test per COVID-19.”

Esportazione di kit di test Covid 19 in tutto il mondo 

‘Presto! Nascondilo!!’

Questi dati sconcertanti sono stati scoperti da qualcuno il 5 settembre 2020, che li ha pubblicati sui social media. Il giorno dopo è diventato virale in tutto il mondo.

Il 6 settembre il WITS cambiò improvvisamente la designazione originale “COVID-19” nel vago “Kit per esami medici”.

Questo non è consentito nel commercio, perché devi sempre essere specifico. Esistono molti tipi di kit di test per diverse malattie.

Il fatto che abbiano rimosso la specifica “COVID-19”, dopo che questi dati sono diventati noti in tutto il mondo, dimostra che non vogliono che nessuno lo sappia.

Tuttavia si sono dimenticati di eliminare un dettaglio: il codice prodotto per questi “kit per test medici” è 300215 che significa: “kit per test COVID-19”.

Codice prodotto Covid19

La loro copertura è arrivata troppo tardi: questa informazione critica è stata scoperta e viene rivelata da milioni di persone in tutto il mondo. Puoi scaricare un PDF che mostra i dati originali di questo sito web . .

Due anni prima dello scoppio del COVID-19 gli USA, l’UE, la Cina e le nazioni di tutto il mondo iniziarono ad esportare milioni di strumenti per test diagnostici per … COVID-19, una malattia che presumibilmente non esisteva nemmeno allora.

6. Il “progetto” COVID-19 è previsto fino al 2025

La Banca Mondiale mostra che COVID-19 è un progetto che dovrebbe continuare fino … alla fine di marzo 2025! Quindi l’intenzione è di continuarlo per altri CINQUE ANNI. (2C)

Programma Covid 2025 1 

7. Anthony Fauci ha garantito una pandemia entro i prossimi due anni

Nel 2017 Anthony Fauci ha fatto una previsione molto strana, con una certezza ancora più strana.

Con piena fiducia Fauci ha annunciato che durante il primo mandato del presidente Trump sarebbe sicuramente avvenuta un’epidemia a sorpresa di una malattia infettiva.

Ecco cosa ha detto: (3)

“NESSUNA DOMANDA che ci sarà una sfida per la prossima amministrazione nell’arena delle malattie infettive.

“Ci sarà uno SCOPPIO SORPRESA.  Non c’è DUBBIO nella mente di nessuno su questo.”

Come può Fauci garantire che si verifichi un’epidemia a sorpresa durante il primo mandato dell’amministrazione Trump? Cosa sapeva lui, che noi non sappiamo?

Citazione di Anthony Fauci - previsione del coronavirus 

8. Bill e Melinda Gates hanno garantito un’imminente pandemia globale

Nel 2018 Bill Gates ha annunciato pubblicamente che era in corso una pandemia globale che avrebbe potuto spazzare via 30 milioni di persone. Ha detto che probabilmente questo sarebbe accaduto nel prossimo decennio. (4)

Melinda Gates ha aggiunto che un virus ingegnerizzato è la più grande minaccia per le discipline umanistiche e ha anche assicurato che questo avrebbe colpito l’umanità nei prossimi anni. (5)

‘Una pandemia globale è IN CORSO. Un virus ENGINEERED è la più grande minaccia per le discipline umanistiche. Questo accadrà nel PROSSIMO DECENNIO.’ – BILL GATES, nel 2018

Bill Gates sul coronavirus nel 2018

Lascia che la loro scelta di parole risuoni nella tua mente per un momento …

Affermano che la densa popolazione del mondo garantisce questa imminente pandemia globale.

Ma siamo onesti: la maggior parte della terra è disabitata . Sorvola l’America in aereo e guarda fuori dal finestrino. Vedi spazio vuoto la maggior parte del tempo, con poche città qua e là. La maggior parte degli Stati Uniti è ancora aperta e vuota .

Lo stesso vale per il resto del mondo.

Australia, Russia, India, Cina, America, Africa … è per la maggior parte deserto . Il nostro pianeta non è così popolato come Bill Gates vuole farci credere. Questa mappa del mondo lo mostra chiaramente …

Terra vuota

La maggior parte della terra è totalmente priva di qualsiasi presenza umana. Quindi l’idea che il mondo sia enormemente sovrappopolato e che sia quindi destinato a dare origine a un’imminente pandemia globale è una bugia.

[I poteri che non dovrebbero esserlo usano anche questa scusa per giustificare una riduzione della popolazione mondiale, cioè lo spopolamento]

The Gates ha anche affermato che il viaggio aereo avrebbe sicuramente creato una pandemia globale. Ma innumerevoli persone hanno viaggiato in aeroplano nel secolo scorso.

Ciò ha dato luogo a continue epidemie di pandemie globali? Ovviamente no!

I loro argomenti per cui hanno garantito una pandemia globale nei prossimi anni sono bugie. Allora qual è la loro base reale per fare previsioni così garantite?

9. Fare pratica per una pandemia

Pochi mesi prima dell’epidemia, Bill Gates, il primo rivenditore di vaccini al mondo, ha organizzato un evento a New York City. Indovina di cosa si trattava? Era un “esercizio pandemico di coronavirus”.

Sì, avete letto bene:

Bill Gates ha organizzato un’esercitazione sulla pandemia di coronavirus, proprio prima che accadesse!

Pandemia pianificata da Event201

Sul grande display dell’auditorium si vede stampato il testo: “Dobbiamo prepararci per l’evento che diventa una pandemia”. Questo esercizio pandemico si chiamava Event201 e si è svolto nell’ottobre 2019, letteralmente subito prima dello scoppio.

 

La loro conclusione è stata che tutta l’umanità deve essere vaccinata …

Evento 201 coronavirus

10. Eccitazione per la vendita di vaccini nel prossimo anno

Poco dopo questo “esercizio per una pandemia di coronavirus” Bill Gates ha twittato:

“Sono particolarmente entusiasta di ciò che il prossimo anno potrebbe significare per uno dei migliori acquisti nel campo della salute globale: i vaccini”. – Bill Gates, 19 dicembre 2019

Tweet Bill Gates Single

Pensa a questo: il rivenditore di vaccini nr 1 al mondo garantisce che nei prossimi anni si verificherà una pandemia globale e sua moglie ha detto che dovremmo tutti temere un virus ingegnerizzato che è “in arrivo”. Poi organizzano un esercizio per un’imminente pandemia globale e dicono che i vaccini saranno l’unica soluzione. Successivamente Bill Gates twitta quanto sia entusiasta di vendere vaccini nel prossimo anno. Subito dopo, scoppia la pandemia annunciata.

Infatti, subito Bill Gates proclama che l’unica soluzione per l’umanità è comprare i suoi vaccini …

11. Pandemia di coronavirus del 2020 prevista nel 2013

Nel 2013 un musicista ha scritto una canzone chiamata PANDEMIC. Nei suoi testi ha descritto una pandemia globale che uccide milioni di persone, chiude le economie e dà luogo a rivolte.

La sua canzone descriveva letteralmente in grande dettaglio ciò che stiamo vedendo nel nostro mondo oggi, sette anni dopo.

Ha anche menzionato l’anno esatto della pandemia: il 2020 e il tipo specifico di virus: un coronavirus. (6)

Questa è una frase nei suoi testi del 2013:

“2020 combinato con CoronaVirus, impilamento dei corpi.”

Questa canzone prevedeva anche le rivolte che ora imperversano in tutta l’America:

‘Lo Stato è in rivolta, usando la strada fuori. Sta arrivando alle tue finestre.

Come poteva questo musicista sapere nel 2013 che una pandemia di coronavirus sarebbe scoppiata nel 2020 e che durante questa pandemia sarebbero scoppiate rivolte? Lui spiega:

‘Ho fatto ricerche nel 2012 e ho letto le cosiddette “teorie del complotto”. Sai, quelle indagini che i media non vogliono che esaminiamo. Secondo queste teorie, le pandemie sarebbero dovute accadere nel decennio 2020-2030. Così ho scritto la canzone Pandemic al riguardo.”

12. Global Preparedness Monitoring Board nel settembre 2019: “Preparati a una pandemia globale di coronavirus”

Nel settembre 2019, anche subito prima dell’epidemia, il Global Preparedness Monitoring Board ha pubblicato un rapporto intitolato “A World At Risk”.

Ha sottolineato la necessità di essere preparati per … un’epidemia di coronavirus!

Preparazione della pandemia

Sulla copertina del rapporto c’è la foto di un coronavirus e di persone che indossano maschere facciali.

Nella relazione si legge il seguente paragrafo interessante:

“Le Nazioni Unite (compresa l’OMS) conducono almeno due esercizi di addestramento e simulazione a livello di sistema, incluso uno per coprire il rilascio deliberato di un agente patogeno respiratorio letale.”

L’hai preso?

Si sono esercitati per il rilascio deliberato di un agente patogeno respiratorio letale.

13. Annuncio dell’epidemia dalla Cina

Simulazione pandemica

Nel 2018 The Institute for Disease Modeling ha realizzato un video in cui mostrano un virus influenzale originario della Cina, dall’area di Wuhan, e diffuso in tutto il mondo, uccidendo milioni di persone. L’hanno chiamata “Una simulazione per una pandemia influenzale globale”. Questo è esattamente quello che è successo, due anni dopo.

Perché hanno detto che sarebbe arrivato dalla Cina? Perché non l’Africa, dove sono presenti molte più malattie? O perché non il Sud America? O l’India? Come potevano sapere che ci sarebbe stato un virus influenzale proveniente dalla Cina e persino mostrare Wuhan come l’area di origine, che avrebbe infettato il mondo intero?

Questo coronavirus è stato progettato?

Da dove viene il virus? Uno dei massimi esperti mondiali di armi biologiche è il dottor Francis Boyle. È convinto che provenga da un laboratorio di armi biologiche a Wuhan, il Bio Safety Lab Level 4.

Questa struttura è specializzata nello sviluppo di … coronavirus!

Prendono i virus esistenti e li “trasformano in armi”, nel senso che li rendono molto più pericolosi, da usare come arma biologica.

Nel seguente video clip di due minuti si vede un portavoce dell’amministrazione Trump, l’esperto di armi biologiche Dr. Francis Boyle e il presidente Trump parlare di come questo virus sia arrivato dal laboratorio di Wuhan.

La dottoressa Li-Meng Yan, una virologa cinese (MD, PhD) è fuggita dal paese, ha lasciato il suo lavoro in una prestigiosa università di Hong Kong ed è diventata un’informatrice. È apparsa alla televisione britannica dove ha affermato che SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, è stato creato da scienziati cinesi in un laboratorio e ha offerto prove a sostegno delle sue affermazioni. Puoi leggere di più sull’argomento QUI.

Ora arriva la parte più interessante:

14. Nel 2015 Anthony Fauci ha donato a questo laboratorio 3,7 milioni di dollari.

Calcola questo: lo stesso uomo che ha garantito un’epidemia a sorpresa di un virus nei prossimi due anni, ha donato quasi 4 milioni di dollari a un laboratorio che sviluppa coronavirus.

Nella breve clip qui sotto puoi vedere un giornalista chiedere al presidente Trump di questa sovvenzione data da Fauci al laboratorio di Wuhan.

Ci sono tuttavia più opzioni a Wuhan da cui questo virus potrebbe aver avuto origine. Alcuni credono che provenga dal Wuhan Virology Institute, dove lavorano anche per armare i coronavirus.

15. Esperimenti biologici cinesi per infettare gli esseri umani con Coronavirus esposti nel 2015 dai media statali italiani

Cinque anni fa, la RAI – Radiotelevisione Italiana, società di media statale italiana – ha denunciato gli oscuri sforzi della Cina sui virus.

Il video, trasmesso nel novembre 2015, mostrava come gli scienziati cinesi stessero conducendo esperimenti biologici su un virus connesso alla SARS ritenuto essere il Coronavirus, derivato da pipistrelli e topi, chiedendosi se valesse la pena rischiare per poter modificare il virus per la compatibilità con gli organismi umani.

Di seguito una trascrizione della trasmissione italiana tradotta in inglese:

Esperimenti biologici cinesi

Gli scienziati cinesi hanno creato un supervirus polmonare da pipistrelli e topi solo per motivi di studio, ma ci sono molti aspetti discutibili in questo. Vale il rischio? È un esperimento, ovviamente, ma è preoccupante.

Preoccupa molti scienziati: si tratta di un gruppo di ricercatori cinesi che associa una proteina presa dai pipistrelli al virus della SARS, la polmonite acuta, derivata dai topi.

L’output è un super coronavirus che potrebbe colpire gli esseri umani. – (Fonte qui , dove puoi leggere di più)

16. I film hanno predetto la pandemia di coronavirus

La programmazione predittiva è il processo per informare la popolazione sugli eventi che si verificheranno presto.

Negli ultimi anni sono stati prodotti diversi film e serie televisive, su … una pandemia globale di coronavirus!

Il film ” Dead Plague” descrive una pandemia globale con un coronavirus e menziona persino l’idrossiclorochina come cura.

Un altro film intitolato “Contagion” mostra come un coronavirus si diffonde a livello globale con conseguente allontanamento sociale, maschere facciali, blocchi, lavarsi le mani ecc.

Letteralmente tutto ciò che vediamo ora, è previsto in dettaglio in questi film.

17. Pandemia rappresentata durante i giochi estivi delle Olimpiadi del 2012

A proposito di programmazione predittiva: durante lo spettacolo di apertura delle Olimpiadi estive del 2012, si è giocata una pandemia di coronavirus agli occhi di tutto il mondo.

Decine di letti d’ospedale, un gran numero di infermiere che diventavano burattini di un sistema di controllo, morte in agguato, un gigante demoniaco che si levava nel mondo, e l’intero teatro era illuminato in modo tale che visto dal cielo sembrava un coronavirus.

Coronaviru Solympics 2012

Giochi estivi alle Olimpiadi del 2012. 2

Giochi estivi alle Olimpiadi del 2012

Perché i Giochi Olimpici hanno mostrato una pandemia di coronavirus, nel loro spettacolo di apertura?

18. Blocco mondiale previsto nel 2008

Robin coronacrisis

L’autore e investigatore Robin de Ruiter ha predetto nel 2008 che ci sarebbe stato un blocco globale.

Ha detto che lo scopo di questo sarebbe quello di creare un nuovo mondo di controllo autoritario.

Poiché gran parte di ciò che ha scritto nel 2008 sta accadendo proprio davanti ai nostri occhi, questo libro è stato ripubblicato.

19. I giornalisti hanno previsto una pandemia pianificata

Nel 2014 il giornalista investigativo Harry Vox ha predetto una pandemia globale pianificata e ha detto perché la “ classe dirigente ” avrebbe fatto una cosa del genere:

‘Non si fermeranno davanti a nulla per completare il loro kit di strumenti di controllo. Una delle cose che mancavano dal loro kit di strumenti erano le quarantene e il coprifuoco. Il piano è quello di infettare centinaia di migliaia di persone e creare la prossima fase di controllo.’ (7)

coronavirus nwo

20. “Scenario per il futuro”

Questo famoso ricercatore fa riferimento a un famoso documento della Fondazione Rockefeller in cui tutto ciò che vediamo accadere ora è letteralmente previsto in grande dettaglio: la pandemia globale, i blocchi, il collasso dell’economia e l’imposizione del controllo autoritario.

È tutto descritto con una precisione spaventosa … dieci anni prima che accadesse !

Documento Rockefeller 2010

Il documento è intitolato “Scenario per il futuro della tecnologia e dello sviluppo internazionale”. (9)

Questo dice tutto: uno scenario per il futuro. Ha un capitolo chiamato “LockStep” in cui viene segnalata una pandemia globale come se fosse accaduta in passato, ma che è chiaramente intesa come una prova per il futuro.

scenario per il futuro -rockefeller

Operazione Lockstep della Fondazione Rockefeller:  “Sotto l’apparenza di una pandemia, creeremo uno stato carcerario”

Lo “Scenario per il futuro” continua con il confronto di due diverse risposte alla loro prevista pandemia: solo gli Stati Uniti hanno “fortemente scoraggiato” il volo, mentre la Cina ha imposto la quarantena obbligatoria per tutti i cittadini.

La prima risposta è accusata di diffondere ancora di più il virus, mentre viene lodata l’imposizione di un blocco soffocante. Quindi prosegue descrivendo l’attuazione del controllo totalitario:

“Durante la pandemia, i leader nazionali di tutto il mondo hanno mostrato la loro autorità e imposto regole e restrizioni ermetiche, dall’obbligo di indossare maschere per il viso ai controlli della temperatura corporea all’ingresso di spazi comuni come stazioni ferroviarie e supermercati”.

Chiaramente la flessione dell’autorità è la risposta desiderata. Ma c’è di peggio, secondo questo ‘Scenario del futuro’:

“Anche dopo che la pandemia è svanita, questo controllo e supervisione più autoritari dei cittadini e delle loro attività si è bloccato e si è persino intensificato “.

“Nei paesi sviluppati, questa maggiore supervisione ha assunto molte forme: ID biometrici per tutti i cittadini, ad esempio, e una regolamentazione più rigorosa delle industrie chiave la cui stabilità era ritenuta vitale per gli interessi nazionali”.

Fondazione Rockefeller - coronavirus NWO

Manuale per il controllo globale

Ora che la pandemia annunciata è effettivamente qui, la stessa Fondazione Rockefeller si è presentata con il secondo passo: un manuale su come implementare nuovi sistemi di controllo durante questa pandemia. Solo quando tutte le reti di controllo necessarie saranno state installate, il mondo potrà riaprirsi. 

Documento Rockefeller Covid 1

Quando combini i due documenti Rockefeller, vedi il piano:

1) Per prima cosa annunciano una pandemia globale con un coronavirus e dicono a cosa dovrebbe portare: un livello completamente nuovo di controllo autoritario.
2) In secondo luogo forniscono passaggi pratici su come applicare questo sistema di controllo.

Queste sono illustrazioni e citazioni dalla loro guida:

Controllo globale

“Le app digitali e il software di monitoraggio protetto dalla privacy dovrebbero essere ampiamente utilizzati per consentire un monitoraggio dei contatti più completo.”

“Per controllare completamente l’epidemia di Covid-19, dobbiamo testare la maggior parte della popolazione su base settimanale .”

ID digitale

Secondo il loro “Scenario del futuro”, l’intera popolazione mondiale dovrebbe ottenere un ID digitale che indichi chi ha ricevuto tutti i vaccini. Senza vaccinazioni sufficienti, l’accesso a scuole, concerti, chiese, trasporti pubblici ecc. Sarà negato.

Ora nel 2020 questo è esattamente ciò che Bill Gates e molti governi chiedono. 

21. Bill Gates ha negoziato un accordo per la ricerca di contatti da 100 miliardi di dollari con il deputato democratico sponsor del disegno di legge sei mesi PRIMA della pandemia di Coronavirus 

Le rivelazioni scioccanti sono state svelate sul Podcast Thomas Paine e sul Moore Paine Show su Patreon dai due investigatori.

nove mesi dopo gli incontri con la Fondazione Gates in Ruanda – Bobby L. Rush, un democratico dell’Illinois, ha introdotto lHR 6666 da $ 100 MILIARDI il COVID-19 Testing, Reaching and Contacting Everyone (TRACE) Act.

I contatti di tutti devono essere controllati

In un video del governo trapelato (10) vediamo una conversazione tra l’ex presidente americano Bill Clinton e Andrew Cuomo, il governatore dello stato di New York.

Discutono su come impostare un grande sistema di controllo per testare l’intera popolazione e controllare tutti i loro contatti. Discutono su come costruire un esercito per eseguire questo sistema di controllo.

Anthony Fauci e Cuomo

Un livello completamente nuovo di controllo globale

Bill Gates ha anche chiarito che solo le persone che sono state vaccinate contro il Covid-19  dovrebbero essere autorizzate a viaggiare, andare a scuola, partecipare a riunioni e lavorare. (11)

Gli ID digitali dei vaccini sono già in fase di sviluppo (12) e Gates ha un brevetto sulla tecnologia che consente di rintracciare il corpo di un individuo ovunque. Questa tecnologia è chiamata WO2020-060606(13).

Anche molto interessante da notare: un enzima chiamato LUCIFERASE è ciò che fa funzionare il vaccino impiantabile Bill Gates

Inoltre, Gates vuole creare una rete di monitoraggio globale, che seguirà tutti coloro che sono entrati in contatto con Covid-19 (14).

Il piano: iniettare all’umanità un vaccino che altera il DNA

Il famoso giornalista investigativo Anthony Patch ha svolto anni di ricerca sui piani per controllare il mondo, attraverso pandemie create e vaccini obbligatori. Durante un’intervista nel 2014 questo ricercatore ha predetto quanto segue:

“Rilasceranno un coronavirus artificiale. Di conseguenza le persone chiederanno un vaccino per proteggerle. Questo vaccino aggiungerà un terzo ceppo di DNA al corpo di una persona, rendendola essenzialmente un ibrido.

‘Una volta che una persona viene iniettata, quasi immediatamente il suo DNA subisce una trasformazione. Questo cambiamento genetico farà sì che le persone perdano la capacità di pensare da sole, senza nemmeno che si rendano conto di ciò che è successo. Così possono essere controllati più facilmente, per diventare schiavi dell’élite.’

Ovviamente sembra folle ed è davvero folle. Eppure dobbiamo essere consapevoli che questo investigatore professionista non è uno sciocco. Ha fatto anni di ricerche e questo è ciò che ha scoperto negli anni.

Dobbiamo stare attenti a non rifiutare una solida conoscenza, basata su anni di ricerca, semplicemente a causa della nostra mancanza di comprensione in questi argomenti.

20 anni di ricerca dicono: il vaccino cambierà il nostro DNA

La dottoressa Carrie Madej ha diretto due grandi cliniche in Georgia, prima di recarsi nella Repubblica Dominicana per svolgere attività umanitarie. Ha studiato DNA e vaccini negli ultimi vent’anni e ha realizzato un video urgente in cui avverte che esiste un piano per iniettare all’umanità vaccini molto pericolosi per Covid-19.

Lo scopo di questi nuovi vaccini sarà duplice:

1) riprogramma il nostro DNA e rendici ibridi più facili da controllare.

2) connetterci all’intelligenza artificiale attraverso un ID vaccino digitale, che aprirà anche un nuovo regno di controllo.

Questa esperta medica afferma di aver osservato più volte come le malattie sono state diffuse sulle popolazioni tramite aerei. Per motivi di soddisfazione non è in grado di condividere maggiori dettagli in merito in pubblico.

Spopola la terra per mezzo di epidemie organizzate

Il dottor John Coleman è un famoso ufficiale dell’intelligence della CIA che ha scritto un libro intitolato “The Committee of 300“.

In esso spiega come le società segrete manipolano i governi, la sanità, le industrie alimentari, i media e così via. Questo libro può essere trovato sul sito web della CIA. (15)

Uno degli obiettivi primari delle tante società segrete, che controllano governi e media, è spopolare la terra.

Potete trovare un elenco di 32 ‘élite’ che sostengono e promuovono (secondo le loro stesse affermazioni) lo spopolamento QUI ..

DR. JOHN COLEMAN, UFFICIALE DELL'INTELLIGENZA DELLA CIA

Il dottor Coleman dice quanto segue sulla loro strategia:

“Almeno 4 miliardi di mangiatori inutili saranno eliminati entro il 2050 mediante guerre limitate ed epidemie organizzate di malattie mortali ad azione rapida …” – DR. JOHN COLEMAN, UFFICIALE DELL’INTELLIGENZA DELLA CIA

Mantieni l’umanità sotto i 500.000.000

Nel 1980 in Georgia fu eretto un monumento in granito, chiamato Guidestones. Un insieme di 10 linee guida è inscritto sulla struttura in otto lingue moderne e un messaggio più breve è inscritto nella parte superiore della struttura in quattro scritture linguistiche antiche.

Georgia Guidestones

La prima linea guida è la seguente:

1. Mantenere l’umanità sotto i 500.000.000 in perpetuo equilibrio con la natura.

L’ufficiale della CIA, il dottor Coleman, ha rivelato che uno dei loro metodi per “mantenere l’umanità” è causare “epidemie organizzate di malattie mortali ad azione rapida”.

Usare i vaccini per ridurre l’umanità

Durante un discorso TED Bill Gates ha fatto eco a questo obiettivo, quando ha letteralmente affermato che i nuovi vaccini possono essere utilizzati per ridurre la popolazione mondiale del 10-15%! (16)

Bill gates - spopolazionista e rivenditore di vaccini

“Ora ci sono 6,7 miliardi di persone sulla terra e presto saranno 9 miliardi. Tuttavia, possiamo ridurre questo numero dal dieci al quindici percento se facciamo un buon lavoro con nuovi vaccini, assistenza sanitaria e controllo delle nascite”. – BILL GATES, RIVENDITORE DI VACCINI

Vaccino Covid19 per il controllo della popolazione?

Mike Adams è uno scienziato alimentare pubblicato, autore del popolare libro scientifico Food Forensics e fondatore di CWC Labs accreditati ISO.

Anni fa ha detto quanto segue:

“Un’arma biologica progettata verrà rilasciata nei centri abitati. Ci saranno richieste di massicci finanziamenti governativi per l’industria dei vaccini per elaborare un vaccino. Miracolosamente, avranno sviluppato un vaccino a tempo di record. Tutti saranno tenuti a mettersi in fila e prendere questo vaccino.”

C’è effettivamente un rilascio di un’arma biologica ingegnerizzata, seguito da un mandato sui vaccini, massicci finanziamenti governativi per l’industria dei vaccini e un vaccino che viene sviluppato a tempo di record.

Il resto del suo messaggio è che questo vaccino inizierà lentamente a uccidere milioni – se non miliardi – di persone nel corso di pochi anni. Sarà un vaccino kill-switch, progettato per ridurre la popolazione mondiale.

SOMMARIO: ERA PIANIFICATA LA PANDEMIA?

Migliaia di medici definiscono la pandemia un crimine globale e una dittatura mondiale con una scusa sanitaria.

Due anni prima che il Covid-19 arrivasse sulla scena globale, l’Unione Europea, gli Stati Uniti, la Cina e altre nazioni iniziarono improvvisamente a esportare decine di milioni di kit per il Covid-19.

Nel 2013 un musicista prevede una pandemia globale con un coronavirus e afferma che ciò accadrà nel 2020. Lo sapeva a causa delle indagini personali sulle cosiddette “teorie del complotto”.

Nel 2017 Anthony Fauci ha garantito uno scoppio a sorpresa di una malattia infettiva durante il primo mandato dell’amministrazione Trump.

Poco prima dello scoppio di una pandemia di coronavirus, Bill Gates ha organizzato un esercizio globale sulla pandemia di coronavirus: Event201.

Appena prima dello scoppio, il Global Preparedness Monitoring Board ha detto al mondo di essere pronto per una pandemia di coronavirus.

Nel 2018 l’Institute for Disease Modeling ha annunciato una pandemia globale con un virus influenzale, originaria della Cina nell’area di Wuhan.

Nel 2018 Bill e Melinda Gates hanno annunciato che nei prossimi anni ci sarebbe stata una pandemia globale di un virus ingegnerizzato.

Il coronavirus SARS-CoV-2 è stato creato nel Bio Safety Lab Level 4 di Wuhan, che ha ricevuto milioni di dollari da Anthony Fauci.

Diversi film hanno descritto la pandemia di coronavirus con grande dettaglio e menzionano persino l’idrossiclorochina come cura.

Le Olimpiadi estive del 2012 hanno giocato una pandemia di coronavirus durante il loro spettacolo di apertura.

Il giornalista investigativo Harry Vox aveva previsto nel 2014 che sarebbe stata causata una pandemia globale, quindi la “classe dirigente” avrebbe potuto attuare un livello più elevato di controllo autoritario.

Il giornalista investigativo Anthony Patch ha predetto una pandemia globale con un virus artificiale, che sarebbe stato utilizzato per forzare un vaccino che altera il DNA sull’umanità.

La dottoressa Carrie Madej ha studiato DNA e vaccini per decenni e afferma che il piano è quello di utilizzare il vaccino Covid-19 per avviare il processo del transumanesimo: riprogrammare il DNA umano.

L’ufficiale della CIA Dr. John Coleman ha studiato le società segrete e afferma che il loro obiettivo è quello di spopolare la terra per mezzo di pandemie organizzate di malattie mortali ad azione rapida.

Nello stato della Georgia è stato eretto nel 1980 un enorme monumento con dieci linee guida per l’umanità, in otto lingue. Il primo di questi “Dieci Comandamenti” è che l’umanità deve essere ridotta a mezzo miliardo di persone.

Bill Gates ha detto durante un discorso TED che i nuovi vaccini possono essere utilizzati per ridurre la popolazione mondiale del 10-15%.

Il ‘ranger della salute’ Mike Adams ha predetto anni fa ciò che vediamo accadere ora: il rilascio di un’arma biologica ingegnerizzata, seguito da un mandato sui vaccini, massicci finanziamenti governativi per l’industria dei vaccini e un vaccino che viene sviluppato a tempo di record. Ha anche predetto che questo vaccino ucciderà innumerevoli persone nel corso di un paio d’anni.

Nel 2010 la Fondazione Rockefeller ha pubblicato lo “Scenario per il futuro …” in cui descrive una imminente pandemia globale, che dovrebbe portare all’attuazione di un controllo autoritario sulle persone, che poi si intensificherà dopo la pandemia.

Nel 2020 pubblicano un manuale su come creare questo mondo di controllo, con una guida passo passo. Dicono che la vita non può tornare alla normalità, finché il mondo non è diventato “bloccato” con questo controllo dall’alto verso il basso da parte dei governi autoritari.

Vediamo infatti che Bill Gates e molti altri in tutto il mondo stanno immediatamente prendendo il controllo in modi senza precedenti, con l’applicazione di ID vaccinali, microchip che verranno impiantati nelle persone, che impongono l’uso di maschere facciali, distanziamento sociale, blocchi forzati, tracciamento dei contatti estremi , e così via.

Parte di questo controllo dall’alto verso il basso è l’estrema censura di ogni singola voce da parte di medici, scienziati o altri esperti che criticano ciò che sta accadendo.

Tutte le previsioni sono state fatte poco prima che accadesse

Nota che ogni singola previsione di questa pandemia è stata annunciata pochi anni o addirittura mesi prima che accadesse. Questo è significativo.

Gates e Fauci mentono al loro pubblico quando dicono che “la storia ci dice che questo accadrà”, ma non ci sono basi storiche per garantire che una pandemia globale di coronavirus si verifichi entro pochi mesi o anni.

Mai nella storia si è verificato nulla di simile, su scala così globale.

Il fatto che un evento storicamente unico sia stato predetto in grande dettaglio – da film, spettacoli, investigatori, medici, coloro che finanziano i laboratori che sviluppano questi virus, coloro che guadagnano miliardi da queste pandemie, coloro che vogliono creare un livello completamente nuovo di controllo nel nostro mondo, ecc. – mostra che era pianificato.

Ci sono segni che la pandemia sia stata manipolata?

Finora abbiamo esaminato le indicazioni che la pandemia era stata pianificata in anticipo. Se è davvero orchestrato, allora dovrebbe essere ovvio anche durante la pandemia. Una pandemia pianificata è anche una pandemia controllata.

Il piano per controllare il mondo

Potresti aver già sentito la parola “globalisti”, ma per coloro che non la conoscono: queste sono persone in tutto il mondo che pianificano di creare un governo globale, in modo che possano avere il controllo globale totale su salute, religione, finanze – qualunque cosa.

Gli attori principali in questo sono le Nazioni Unite, il Forum economico mondiale, l’Organizzazione mondiale della sanità, l’Unione europea, il Fondo monetario internazionale e molti altri.

Recentemente si sono riuniti in un evento chiamato DAVOS, dove hanno espresso come la pandemia verrà utilizzata per implementare i loro piani.

Ecco alcune delle dichiarazioni che hanno fatto: (18)

‘Questo è il momento storico nel tempo, non solo per combattere il virus, ma PER MODELLARE IL SISTEMA.
La pandemia rappresenta una finestra di opportunità per RESETTARE IL NOSTRO MONDO.

Il mondo deve agire congiuntamente e rapidamente per RINNOVARE TUTTI GLI ASPETTI delle nostre società ed economie, dall’istruzione ai contatti sociali e alle condizioni di lavoro.

OGNI PAESE, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni settore, dal petrolio e gas alla tecnologia, deve essere TRASFORMATO.’ – Klaus Schwab, finanziatore del World Economic Forum

Uno dei principali leader del gobalismo, è il World Economic Forum, fondato da Klaus Schwab. Ha creato una “ruota che gira” con tutti i loro obiettivi. In esso possiamo vedere i seguenti tre “progetti”: Covid19 seguito da Global Governance e Internet Governance.

Reset globale

Reset globale: governance di Internet

Buona lettura: la risposta al coronavirus è il nuovo ordine mondiale / Agenda 2030

Nessuno vuole queste organizzazioni

Non un solo essere umano sulla terra ha votato per l’esistenza di queste organizzazioni, figuriamoci per prendere il pieno controllo delle nostre vite, famiglie, comunità, lavoro, salute, industrie, ecc. il nostro intero futuro.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità si presenta come il capo globale della nostra salute, senza che nessuno di noi abbia scelto per loro.

Applicano una tirannia nei media tradizionali e nei social media, dove non è consentita alcuna espressione di competenza medica o scientifica, a meno che non sia in linea con le linee guida di questa organizzazione “mondiale”.

Decine di migliaia di medici e scienziati sono stati censurati in tutto il mondo, da Facebook, Youtube e Twitter. Perché? Perché questi giganti dei social media affermano che SOLO ciò che dice l’Organizzazione mondiale della sanità è vero.

Tutta l’umanità deve sottomettersi a queste persone che si sono posizionate su tutti noi, senza mai chiedere la nostra opinione o nemmeno consultarsi con altri esperti medici.

In effetti, ogni singolo esperto medico che si pronuncia contro le proprie decisioni viene censurato.

Ciò significa perdita completa della libertà medica, perdita della libertà di parola, perdita della vera scienza, perdita del vero giornalismo e imposizione di dittature da parte di organizzazioni per le quali nessuno ha votato, guidate da persone che nessuno voleva e tuttavia si appropriano semplicemente del nostro mondo.

Sono i bulli grossi e cattivi nel parco giochi, che giocano a fare il capo su tutti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è gestita da un terrorista

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, è un membro di un violento partito comunista rivoluzionario in Etiopia, il Fronte di liberazione popolare del Tigray. (19)

Chi terrorista

Il Department of Homeland Security afferma chiaramente:

“Il TPLF si qualifica come organizzazione terroristica di livello III … sulla base delle sue attività violente …”

Lascia che questo ti arrivi:l’uomo che dirige l’Organizzazione Mondiale della Sanità è letteralmente un terrorista comunista, che è stato coinvolto nell’omicidio di migliaia di persone innocenti, cercando di imporre il comunismo all’Etiopia.

E quest’uomo sta maltrattando il mondo intero, dicendo a tutti noi cosa possiamo e non possiamo fare, censurando ogni professionista medico che ha un’opinione diversa, chiedendo obbedienza cieca a tutta l’umanità, mentre impone il mandato di essere vaccinati dal loro sponsor finanziario numero uno : Bill Gates.

È questo il mondo in cui vuoi vivere d’ora in poi?

Sempre più pandemie, fino a quando l’umanità non si sottomette

Questi globalisti minacciano persino l’umanità con più sofferenza, se non ci sottomettiamo al loro controllo totale. Il principe Carlo si è recentemente unito a DAVOS e ha dichiarato pubblicamente:

“Ci saranno sempre più pandemie, se non facciamo” il grande ripristino “ora.” (18)

Bill Gates lo chiama già “pandemia uno” e parla di “pandemia due e tre”.

L’investigatore che nel 2013 aveva previsto che si sarebbe verificata una pandemia di coronavirus nel 2020, seguita da rivolte, ha affermato che il piano è quello di creare una serie di pandemie nel periodo 2020-2030.

Questo decennio è il periodo di tempo selezionato per trasformare il mondo in una grande repubblica delle banane, gestita da folli uomini assetati di potere, che spopolano la terra e schiavizzano il resto dell’umanità.

Stanno progettando di provocare tutte le pandemie necessarie, al fine di spezzare la schiena dell’umanità, finché tutti non si sottometteranno al loro controllo globale.

Stai cominciando a capire perché più di 500 medici dalla Germania, 600 medici dalla Spagna, migliaia di esperti medici dagli Stati Uniti e molti altri in tutto il mondo definiscono questa pandemia un “crimine globale”?

I leader della Chiesa cattolica avvertono l’umanità

Un arcivescovo e diversi cardinali della Chiesa cattolica romana hanno scritto una lettera all’umanità, per avvertirci di una tirannia globale sotto le spoglie del Covid-19.

Questo è un estratto di questo messaggio storico, che è stato tradotto in molte lingue ed è stato inviato ai leader di tutto il mondo. (20)

“Abbiamo motivo di ritenere, sulla base dei dati ufficiali sull’incidenza dell’epidemia in relazione al numero di morti, che ci siano potenze interessate a creare panico tra la popolazione mondiale con l’unico scopo di imporre in modo permanente inaccettabili forme di restrizione sulle libertà, sul controllo delle persone e sul monitoraggio dei loro movimenti. L’imposizione di queste misure illiberali è un inquietante preludio alla realizzazione di un governo mondiale al di fuori di ogni controllo”.

C’è speranza? Cosa possiamo fare?

C’è qualche speranza per il nostro futuro o ci siamo arresi alle mani spietate di questi malvagi mega miliardari che vogliono spopolare la terra e prendere il controllo totale sull’umanità?

Spero 1

Sì, c’è speranza. Il futuro è più luminoso di quanto possiamo persino immaginare!

Questo non è uno scenario triste e negativo, ma un campanello d’allarme affinché l’umanità smetta di credere ciecamente ai media mafiosi e ai politici perversi, e insorga come una cosa sola per un futuro di libertà.

Vi invito ad unirvi a un movimento unico e storico di Global Freedom Fighters, che guiderà l’umanità in una nuova era di speranza, restaurazione e più libertà di quanto abbiamo mai conosciuto.

Fonte: StopWorldControl.com / Riferimenti:

1: gruppo tedesco di medici per informazioni

2: gruppo spagnolo di Medici per la verità

2B:  Richard Rothshild ha brevettato un metodo di prova per COVID-19 nel 2015

2C: La Banca Mondiale mostra la data di fine prevista del progetto COVID-19

3: Fauci garantisce uno scoppio nei prossimi due anni.

4: Bill Gates ha annunciato una pandemia globale

5: Melinda Gates afferma che la più grande minaccia per le discipline umanistiche è un virus ingegnerizzato

6: Testi della canzone del 2013 che prediceva una pandemia di coronavirus nel 2020

7: Harry Vox ha predetto la pandemia globale

8: Robin de Ruiter prevedeva blocchi

9: Scenario per il futuro descritto come una pandemia globale

10: Andrew Cuomo parla con Bill Clinton del controllo autoritario

11: Bill Gates parla di un ID digitale per controllare le persone

12: Collegamento dei vaccini a un ID digitale

13: Gates ha un brevetto sulla tecnologia per tracciare un corpo ovunque

14: Gates vuole un sistema di monitoraggio globale

15: Scarica il libro dell’ufficiale della CIA Coleman

16: Gates parla di ridurre la popolazione mondiale usando i vaccini

17:  Decine di milioni di kit di prova Covid-19 sono stati esportati da UE, USA, Cina, ecc. Nel 2017 e nel 2018

18:  DAVOS e il raduno dei globalisti

19:  Il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è membro di un violento gruppo terroristico

20: Lettera dell’arcivescovo e dei cardinali all’umanità

Fonte: https://humansarefree.com/2020/09/proof-covid-19-planned-new-world-order.html

*************************************

LIBERARE L’UMANITÀ DAGLI PSICOPATICI CHE L’HANNO RESA SCHIAVA – David Icke – (nda: sottotitolato in italiano)
 ®wld 

La Fede dei Dati nel truffatore moderno

I dati sono la nostra nuova falsa religione?

 

Nella falsa religione dei dati, l’eresia richiede dati che non vengono raccolti perché potrebbero rivelare realtà poco redditizie non remunerative.

Ecco come inizia ogni truffatore moderno:  diamo un’occhiata ai dati.  Ogni truffatore moderno inizia con un serio appello a  guardare i dati  perché il truffatore ha assemblato i dati per ingrassare le diapositive del truffatore.
Siamo stati indottrinati in una nuova e falsa religione, la  fede dei dati.  Siamo stati indottrinati incessantemente con la convinzione quasi religiosa che “i dati non mentono”, quando la realtà è che i  dati ci fuorviano costantemente perché questo è l’intento.
Nessuno nella  falsa religione dei dati  osserva mai ciò  che non misuriamo  perché ciò svelerebbe verità dirompenti.  Il mio ultimo libro  Will You Be Più ricco o povero ?: Profitto, potere e intelligenza artificiale in un mondo traumatizzato  guarda a tutte le conseguenze che non misuriamo e dato che non lo misuriamo, supponiamo  che non esista.  Questo è il gioco finale della  falsa religione dei daticiò che in realtà è importante non viene misurato e quindi non esiste, mentre ciò che viene misurato è abilmente impacchettato per supportare una narrativa che arricchisce quelli dietro lo schermo di “obiettivi basati sui dati scienza.”
La truffa basata sui dati può essere costruita in vari modi.  Alcuni punti di dati possono essere estrapolati abilmente per “dimostrare” qualche pretesa di egoismo, un po’ di dati possono essere evocati in un modello che proprio per supportare l’opzione di politica più redditizia, i punti di dati scomodi possono essere eliminati di nascosto tramite “filtro” “I trucchi statistici” possono essere invocati (con un’ondata di questa bacchetta magica …) per dichiarare dati semi-casuali “statisticamente significativi”, e così via, in un flusso quasi infinito di trucchi.
Allegato n. 1: il tasso ufficiale di inflazione.  Ecco i dati elevati all’abilità artistica. Come ho spiegato  nell’aggiornamento dell’indice Burrito: Burrito Cost Triple, aumento dell’inflazione ufficiale del 43% rispetto al 2001  (31 maggio 2018), i dati non gestiti da mele a mele mostrano che l’inflazione sta riducendo drasticamente il potere d’acquisto dei salari, una dinamica che non è distribuita in modo uniforme:  L’inflazione non è equamente distribuita: i protetti sono buoni, i non protetti sono servi del debito indeboliti  (25 maggio 2017).
Mentre le statistiche ufficiali sull’inflazione indicano un tasso annuo del 2,5%, le stime non manipolate (ad esempio l’indice Chapwood) rilevano che l’inflazione è a nord del 10% nelle principali aree urbane statunitensi
La borsa dei trucchi degli indovini di dati ufficiali include “aggiustamenti edonici” completamente falsi e inventati che magicamente abbassano il prezzo di beni e servizi del mondo reale.  Le auto sono presumibilmente “più economiche” ora perché sono molto più sicure e affidabili. Forse, ma possiamo essere onesti e ammettere che costano molto di più rispetto a una generazione fa?
I poveri sciocchi che danno centinaia di milioni di dollari ai truffatori del Big Data Marketing apparentemente non capiscono la debolezza della “scienza”.  Mentre Mark, Jesse e io discutiamo nel nostro ultimo Salon,  Algorithmic Guerrilla Warfare, alcuni punti di dati intenzionalmente fuorvianti trasformano l’intera “scienza” del Big Data Marketing nella famigerata “immondizia, immondizia”.
E così eccoci nel mezzo di una pandemia, e le battaglie su “cosa ci dicono i dati” sembrano più guerre di religione che scienza.  Tutti hanno tanta fretta di evocare un profitto redditizio o fare grandi affermazioni per la loro narrativa che  ciò che non stiamo misurando  viene ignorato
Ecco i dati grezzi che vorrei vedere raccolti:
  1. Qual è la percentuale di persone di età inferiore ai 50 anni che non hanno condizioni di salute croniche che risultano positive ai test si ritrovano con sintomi gravi che li rendono inabili per settimane o mesi?
  2. Qual è la percentuale di queste persone più giovani e più sane che presentano sintomi gravi che hanno danni agli organi che non guariscono in pochi mesi?
  3. Qual è la percentuale di persone che avevano anticorpi per il virus che si ritrovano di nuovo con la malattia qualche mese dopo?
La raccolta di questi dati non è banale e quindi potrebbe non essere mai raccolta, in parte perché i risultati potrebbero non supportare le narrative approvate:  qualunque dato non raccogliamo non esiste e non può interrompere i nostri modelli, i nostri centri di profitto, narrazioni, politiche, ecc.
Nella falsa religione dei dati, l’eresia richiede dati che non vengono raccolti perché potrebbero rivelare realtà poco redditizie e non redditizie.  Molto più sicuro bruciare gli eretici sul rogo piuttosto che lasciarli mettere in discussione i contro.
Ti potrebbero interessare:

Quarzi – Zirconi o Diamanti?

 

Foto di https://www.needpix.com/

Fake News e proiezione malattie del nostro tempo … ma una cura c’è  

di Anna Polodal Sito Web Pressenza

  • Accuse a Corbyn dopo le elezioni nel Regno Unito

  • Voto della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti a favore dell’impeachment di Trump
  • Salvini accusato di sequestro di persona e abuso d’ufficio per i 131 migranti bloccati per tre giorni a bordo della nave Gregoretti della Guardia costiera italiana

Queste tre vicende, in apparenza distanti tra loro, hanno in realtà degli elementi in comune che si possono riassumere in tre parole:

fake news e proiezione…

Cominciamo da Jeremy Corbyn:

viene accusato di aver portato il Partito Laburista alla disfatta nelle elezioni di una settimana fa.

E’ vero, i laburisti hanno perso, ma questo dato va letto alla luce del sistema elettorale uninominale vigente nel Regno Unito, in base al quale viene eletto il candidato che nel collegio ha preso il maggiornumero di voti I laburisti hanno perso l’8% dei voti rispetto alle elezioni del 2017 e i conservatori hanno guadagnato l’1,3%

L’aumento complessivo dei voti conservatori dunque è limitato, ma gli effetti sulla composizione del Parlamento li portano ad avere la maggioranza assoluta dei seggi.

 Passiamo alle altre accuse rivolte a Corbyn, puntualmente smontate dall’articolo pubblicato nel sito I Diavoli:

Ha spostato il partito troppo a sinistra.

E infatti ha preso solo un milione di voti più di Ed Miliband e Tony Blair e due milioni più di Gordon Brown, gli ultimi candidati centristi del Labour.

È un vecchio rottame, figlio di antiche ideologie che non tengono il passo con il contemporaneo. E infatti ha stravinto nella fascia di età 18-30 e vinto in quella 30-50. Ha perso di poco tra gli over 50 e di molto tra gli over 65.

Terzo elemento, la campagna di odio e calunnie denunciata da Ken Loach sul Manifesto:

E’ stata scatenata un’ondata di odio nei confronti di Corbyn e dei leader della sinistra, un livello di violenza che non avevamo mai visto.

Un uomo di pace è stato chiamato terrorista. Un uomo che ha passato tutta la vita a combattere il razzismo è stato tacciato di essere razzista.

Ma questa accuse purtroppo sono arrivate anche dall’ala destra del partito laburista.

E così Blair, un criminale che ha trascinato il paese in una guerra illegale come l’invasione dell’Iraq sulla base di prove false (le famose armi di distruzione di massa di Saddam Hussein, mai trovate perché inesistenti) si permette di criticare e dare lezioni a un politico e un attivista che nel 2017 ha ricevuto il Premio per la Pace Seán MacBride, assegnato dall’International Peace Bureau a una persona o a un’organizzazione che si è distinta per il suo lavoro per la pace, il disarmo e i diritti umani.

Una notizia passata del tutto sotto silenzio dai media mainstream.

Sulla stessa linea di Blair le accuse di aver causato la sconfitta laburista con un programma troppo radicale avanzate dai suoi omologhi italiani, Renzi in testa.

Ecco come risponde Cremaschi di Potere al Popolo:

Il Manifesto del Labour prevede: vaste nazionalizzazioni, sanità scuola università pubbliche gratuite, tasse ai ricchi, controllo sui capitali, riconversione ecologica, riduzione dell’impegno NATO e taglio al nucleare, sostegno ai palestinesi.

Quando in Italia un partito con questo programma prenderà il 32% (i voti della Lega), si potranno dare lezioni a Corbyn.

Passiamo ora alla reazione scomposta di Donald Trump al voto favorevole all’impeachment espresso dalla Camera dei Rappresentanti:

un uomo che si è distinto fin dalla campagna elettorale di 4 anni fa per le sue dichiarazioni razziste, misogine e cariche di odio e una volta eletto ha continuato con lo stesso stile, ha dichiarato:

Democratici consumati dall’odio, vogliono annullare le elezioni.  

Dopo tre anni di caccia alle streghe, bufale, vergogne, truffe, i democratici stasera stanno cercando di annullare il voto di decine di milioni di patrioti americani” e ha accusato l’opposizione di abuso di potere.

Tutto questo detto da chi ha attuato politiche disumane, separando le famiglie di migranti alla frontiera tra Messico e Stati Uniti e mettendo in gabbia dei bambini e da quattro anni alimenta l’odio e la paura per il diverso… 

Qui entriamo nel campo del secondo elemento,

quello della proiezione, ossia un meccanismo di difesa definito in psicologia arcaico e primitivo, che consiste nello spostare sugli altri sentimenti e caratteristiche propri, accusandoli dei difetti che in realtà ci appartengono. In questo caso, presentarsi come vittima e accusare gli altri dei propri comportamenti.

Lo stesso atteggiamento tenuto dall’ex Ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini, un vero campione in questo campo.

Carola Rackete lo ha denunciato per diffamazione per la violentissima campagna condotta contro di lei e la ONG Sea Watch, definita,

un’organizzazione illegale e fuorilegge” i cui membri sono “complici di scafisti e trafficanti, delinquenti, sequestratori di esseri umani”.

E questo sono solo alcuni esempi del linguaggio usato dall’ex Ministro degli Interni nei confronti della Sea Watch e di tutte le altre ONG che salvano vite in mare.

Accuse poi riprese dai suoi sostenitori attraverso i social media e nel caso di Carola Rackete anche nella realtà, sconfinando in commenti di incredibile violenza e volgarità.

Come dimenticare gli insulti vergognosi che l’hanno accolta allo sbarco a Lampedusa? 

Peccato che i veri complici di delinquenti e sequestratori di esseri umani siano proprio i governi italiani che hanno stretto accordi con la Libia (da quello Gentiloni, ai due governi Conte), finanziando la Guardia Costiera che intercetta i migranti e li riporta nell’inferno dei campi di detenzione.

E peccato anche che il tribunale dei ministri di Catania abbia appena chiesto al presidente del Senato l’autorizzazione a procedere per sequestro di persona nei confronti di Salvini per non aver assegnato un porto sicuro alla nave Gregoretti della Guardia costiera italiana.

In pratica, bloccando a bordo della nave 131 migranti Salvini ha abusato dei suoi poteri.

La stessa accusa avanzata nel caso della nave Diciotti:

in quell’occasione l’autorizzazione a procedere venne negata grazie al voto dei 5Stelle, che invece ora hanno dichiarato che voteranno a favore.

Ed ecco la reazione di Salvini, dai toni molto simili a quelli di Trump davanti alla notizia della richiesta di impeachment:

Rischio fino a 15 anni di carcere.

Ritengo che sia una vergogna che un ministro venga processato per aver fatto l’interesse del suo paese. Sono indagato perché ho difeso la sicurezza, i confini e la dignità del mio paese, incredibile…

Quale antidoto si può opporre allora a questo diluvio di falsità e malafede? Forse basterebbe ricordarsi il grido del bambino “Il re è nudo!” nella fiaba di Andersen.

Dire la verità, smascherare complicità, omissioni, viltà, calunnie e menzogne:

è questo il compito dei media indipendenti.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld 

****************************

Il PD come un diamante? Domenica prossima vedremo 

Manca una settimana e vedremo nonostante quanto si sia detto dalla sconfitta del PD nelle Marche, se il PD come i diamanti è per sempre o meno in Emilia Romagna, domenica 26 con le Regionali!  

Sinceramente me ne importa poco, come poco mi importa che torni a governare Salvini che per quanto mi riguarda il suo unico fine è stato vedere se aveva la capacità di mantenere le promesse elettorali per cui era stato votato, quindi più che altro per avere la dimostrazione se dopo tanti quaquaraqua si fosse messo in fila un’altro e per quanto mi riguarda, non è che si sia proprio meritata tutta la mia fiducia!  

Ora, passi per aver impedito il proliferarsi degli sbarchi, ma che fine ha fatto la promessa di togliere la Nazione Italia dal pantano europeo? Eh già, perché per completare la prima promessa, ovvero “stop ai clandestini” e poi rimani mani e piedi in una Comunità che ti rifila anche i propri, dopo aver con le navi Ong disatteso il Trattato di Dublino, dove ogni nave rappresenta in mare il primo paese di sbarco e se trasportati in Italia per qualsiasi clandestino questo non è il primo paese di sbarco semmai il secondo, e non vai poi a Bruxelles a montare un casino decretando l’uscita dell’Italia dalla Comunità, peraltro lasciando loro con il cerino acceso in mano, poi hai ben poco da recriminare, se pensi di poter cambiare l’Europa rimanendovi mani e piedi dopo che ti hanno messo ai ceppi, solo un idiota può pensare di farlo e visto che non sono tempi di seguire idioti, ma di seguire semmai gente con le palle tipo Enrico Mattei style, ma dove vuoi andare paragrafando una mitica canzone – se la banana non ce l’hai? – eh già perché se non metti in conto di contare in Europa come un pesciolino, quando nuotano nella vasca europea squali come Francia e Germania e Nazioni come Olanda e Lussemburgo pensano di farti il culo senza averne capitolo né capacità, non puoi fare altro che attendere il tuo turno per finire nelle loro fauci, dopo esserci peraltro già finito in quasi venti anni di europa dove già il 50% delle nostre risorse sono andate perse, non puoi proprio pensare che rimanere in questa Europa sia il fare migliore, specie quando il resto del mondo ti dice scappane al più presto, avendo questi capito che l’Europa cosi composta è una trappola per l’Italia e tu che dici di operare per il bene dell’Italia no, indica che chi non è in grado di risolvere il problema entra a farne parte e Salvini da questo punto di vista entra a tutto titolo a farne parte! Punto.  

Con quanto appena espresso, spero sia chiaro il mio punto di vista. Salvini non è la soluzione per uscire da questo giro di giostra ipocrita su cui la sinistra con Prodi ha tenuto tanto a farci salire, il fatto stesso poi, che il Movimento non abbia capito che con 113 basi militari americane sul territorio, non è poi alla Cina che devi rivolgerti per gli investimenti ancora meno per investimenti sul 5G, consapevoli peraltro che il precedente Governo Renzi finanziando la Clinton e dando a Obama affidamento, nonostante tutto vince in America l’antagonista politico Trump, con evidenza di politica estera nei sai quanto un giardiniere in Sala Server e… tranquilli che si vede! Anche perché prima di rivolgerti alla Cina, si doveva mettere in conto, che se non vuoi avere a che fare con l’America, non puoi farlo se prima non ti sganci chiudendo tutte le basi e chiedere supporto alla Russia mettendoti almeno sotto il suo protettorato, annullandole se non altro prima, tutte le sanzioni rimesse loro con la Comunità che hai frequentato per 20 anni, uscendo oltre che dall’Europa anche dalla Nato, pensare invece come ha fatto Di Maio di poter passeggiare impunemente sulla Via della Seta, senza che questo non avesse un costo, se lo hai fatto indica che più che deficiente sei un perditempo a tempo pieno! E non a caso anche questo si vede! Cosi come si vede l’improduttività di un Ministero che non si può mettere in mano a chi ha la sola esperienza di vendere lacci, noccioline e cornetti gelato sugli spalti del San Paolo diventa di un’inutilità a tutto tondo se messo in un Ministero, che dopo quello che si occupa di economia, è il secondo che si occupa del benessere della Nazione e non può presiederlo il primo sprovveduto, solo perché questi è nelle grazie di Grillo e in un anno di governo ha già perso oltre il 50% del sostegno dei votanti! Anche perché checché ne dicano i vari soloni scorreggioni del PD, che amano definirsi senza esserlo intellettuali o filosofi mancando principalmente di qull’intelletto che dovrebbe fare la differenza, anche perché se ne avessero… non potrebbero in alcun modo sostenere una vergogna come l’attuale Governo come tutti i precedenti di sinistra che si sono susseguiti, che tutto hanno come pretensiosità che quello di volere il bene della Nazione. la quale, passo dopo passo si avvia verso il precipizio senza però nessuno che metta come merita, un freno. 

In ogni caso Domenica avremo modo di capire se la gente comune che paga per tutti ogni cosa, avrà capito o meno se è il caso di uscire dalla buca, nella quale la politica di sinistra ha buttato la gente sprovveduta, che ha finora dato loro fiducia. 

Fonte: https://dammilamanotidounamano.altervista.org/

®wld

Professor Barbero, la pianti di dire la verità sull’Europa

Oh, Barbero! Che hai fatto

Lo storico piemontese Alessandro Barbero è l’intellettuale italiano oggi maggiormente coccolato dai media. Non è divisivo come Vittorio Sgarbi e Diego Fusaro, non si acconcia da hipster come Massimo Cacciari e non si improvvisa tuttologo di calcio come Mughini. Barbero buca il video con il suo aplomb anglosassone ed i suoi occhiali da secchione; sa catturare l’attenzione anche dello spettatore più pigro grazie ad una voce entusiasta e così “chiara e distinta” da far impallidire le idee di Cartesio. E’ simpatico, Barbero, anche quando ti dice cose che non avresti mai immaginato e ti fa sentire ignorante. 

Non solo. Barbero è riuscito ad imporsi come il conferenziere più amato dagli italiani anche sul web, dove spopolano i suoi video-pipponi lunghi due ore su figure storiche come Carlo Magno e Napoleone. Roba che Paolo Mieli non ci dorme la notte, per l’invidia!  

Ecco perchè il medievalista torinese è riuscito in questi anni ad uscire dalle polverose stanze dell’Accademia per entrare nei salotti buoni della televisione. Non è raro vederlo come conduttore a Rai Storia oppure a fianco di Piegiorgio Odifreddi a riempire i teatri. Insomma, Barbero è uno storico che sembra venire dal mondo anglosassone: uno storico che ce l’ha fatta. 

Eh già, perchè mentre in Italia l’allegra brigata del Ciccap è riuscita a convincerci tutti che al primo potere ed al quarto potere devono sedere solo i positivisti in stile Piero Angela and Son, altrove anche i classicisti, i filosofi e gli storici hanno un ruolo che non rimane relegato ai banchi di scuola. Boris Johnson – pochi lo sanno – è un classicista, Noam Chomsky un filosofo ed un sociologo, Henry Kissinger, uno storico. 

Barbero, dunque, è uno dei pochissimi umanisti che in questo Paese non è costretto a sbarcare il lunario dando ripetizioni di latino agli studenti del ginnasio. 

Fino a quando… 

Fino a quando, poco prima di natale, Massimo Bernardini non ha commesso il passo falso di intervistarlo sulla democrazia. In quel di Reggio Emilia, per l’esattezza al Teatro Asioli di Correggio, il conduttore di Tv Talk ha (mal)pensato di portare Barbero sulla strada dell’europeismo convinto. Un dialogo che nelle intenzioni del giornalista doveva condurre il pubblico emiliano (e come tale di sinistra per definizione) nel petaloso mondo dell’invincibile Europa, dell’euro irreversibile, e dell’antisovranismo militante. 

Qualcosa, però, è andato storto. 

Non senza lo stupore dell’intervistatore e del pubblico, sull’Eurosistema Barbero ha avuto l’ardire di dire la verità. 

Dopo aver chiarito la funzione principale dei parlamenti in una democrazia moderna (legiferare e controllare l’operato dei governi), il dialogo è andato circa così: 

Barbero. “La costituzione vuol dire: eleggiamo un parlamento! dalla rivoluzione francese in poi i popoli hanno voluto le costituzioni ed in esse il ruolo del Parlamento è chiarissimo. Il popolo ha detto eleggiamo un parlamento. Ed il governo? Il governo deve rispondere al parlamento!!! 

Su queste cose c’è una confusione enorme oggi, anche nel nostro Paese. Storicamente, la differenza tra PARLAMENTO e GOVERNO è chiarissima. Il governo prende le deicisioni dopo essere stato nominato da un Presidente della Repubblica (una volta era il Re). Non è un dettaglio da niente… il presidente della repubblica, che è un po’ come l’equivalente del Re, nomina il governo. Ma il governo deve avere l’approvazione del parlamento eletto dal popolo. Il parlamento serve a quello! Quando il parlamento non vota la fiducia, il governo cade. 

Ora, io come molti non ho le idee chiarissime di come funzioni l’Europa, ma non mi sembra proprio che funzioni così… 

Non mi sembra che tutti i giorni la commissione europea prenda le decisioni e debba poi andare tutti i giorni in Parlamento col rischio di cadere perchè ai rappresentanti del popolo non va bene… 

A me non sembra che funzioni così (e se funziona così riesce a non farlo vedere molto bene), e la gente questo lo percepisce”. 

Giornalista. “Però da 40 anni noi stiamo votando direttamente questo Parlamento Europeo. Tutti gli europei votano il parlamento, mandiamo rappresentati dal 1979”. 

Barbero. “Ma – chiedo per sapere… – il Parlamento Europeo, può far cadere il governo europeo?” 

A questo punto, sul teatro Asioli cala il gelo.  

Bernardini non risponde. 

Il pubblico non fiata. 

In pochi secondi, in una riga dattiloscritta, seppur con educazione e attraverso la forma dubitativa della domanda, Alessando Barbero – storico dei media ufficiali – dice quello che tutta la controinformaione degna di questo nome urla da anni fino a farsi uscire le vene dal collo, e cioè che 

L’UNIONE EUROPEA NON E’ UNA DEMOCRAZIA 

Insomma, il Re è nudo, solo che stavolta a dirlo non è stato un bambino, ma uno dei più grandi accademici italiani.

Allora faccio un appello allo stimato storico torinese: professore si fermi qua! 

Professore si fermi ora!

Vuole continuare ad andare da Piero Angela? Vuole rimanere in cima alle classifiche dei libri e pubblicare per Sellerio, Laterza e tutta la compagnia? Vuole continuare ad essere invitato dai media che contano e ad essere osannato nei teatri? 

Allora la pianti di dire la verità sull’Europa. E’ pericolosissimo! A sto punto, non mi stupirei se la sbattessero fuori dall’Università.  Ma cosa le è saltato in mente? Preghiamo. 

**************************