Archivi tag: testi indù

Il Fuoco degli dei

 

Fuoco degli dei, armi mitologiche del passato antico

by Ivan

Armi mitologiche

Una delle storie più conosciute della mitologia greca è la leggenda di Prometheus. Questo potente Titano governò il Regno del fuoco, e in un atto di sfida passò la sua sacra conoscenza all’umanità (nonostante gli ordini di Zeus di mantenere questa conoscenza proibita). Questo strumento di calore ha permesso ai nostri antenati di sopravvivere al freddo, cuocere vasi di argilla, e per piantare chiare foreste. Ha letteralmente aiutato l’umanità a salire dall’età della pietra a un mondo di cultura e tecnologia.

Ma secondo la mitologia indù, questo dono ardente andò ben oltre l’uso primitivo di fusione del metallo e alla cottura della carne. Nelle mani degli dèi, il fuoco era uno strumento profondo e mortale, capace di incenerire i nemici e annientare intere civiltà.

Agneyastra era una di queste armi, creata dal Dio del fuoco Agni. È stato descritto come una fiamma a forma di freccia che richiedeva una grande conoscenza e abilità per poterla usare. La leggenda dice che l’Agneyastra è stata utilizzata dall’eroe Sagara per annientare con le fiamme i suoi nemici.

Un’altra arma, creata dal Dio Vishnu, fu la Narayanastra che lanciava una miriade di missili sui suoi nemici. Si diceva che l’intensità del fuoco aumentava, più un nemico resisteva e diminuìva quando mostrarono la loro sottomissione. Per mantenere un equilibrio, questa arma poteva essere usata una sola volta. Se qualcuno avesse tentato di usarla due volte, avrebbe divorato chi la stava usando e tutto il suo esercito al seguito.

Il Brahmastra (forgiato dal Signor Brahma,) era una delle armi più letali della mitologia. Venivano richiesti giorni di intensa meditazione per attivarla, e quando veniva lanciata, quasi nulla poteva fermarla. Dopo l’impatto, si verificava un potente inferno capace di annientare un’intera nazione. L’arma creava anche gravi danni ambientali (non dissimili alle ricadute radioattive). Dovunque i Brahmastra fossero cadute, la terra circostante sarebbe diventata sterile per tutta la vita biologica.

Infine, c’era l’arma più letale di tutti, il Pashupatastra. Sia Shiva che Kali si diceva che avessero posseduto questo dispositivo, che fu dimesso dal potere e dal pensiero di essere usata. Era vietato l’essere usata contro nemici minori. Questa arma catastrofica è stato detto di essere in grado di distruggere la creazione e sconfiggere tutta la vita. L’eroe indù, Arjuna, ottenne quest’arma da Signore Shiva, ma non la usò mai, aveva paura di distruggere il mondo.

Tutte queste armi potenti suonano in modo poco consono agli strumenti di distruzione di massa che abbiamo oggi. Forse gli dei avevano un messaggio per noi. Non è un caso che Oppenheimer, creatore della bomba atomica, usò questa citazione della mitologia indù “ora sono diventata la morte, il distruttore dei mondi”. Viviamo in un’epoca in cui il fuoco degli dei è ora a nostra disposizione. È possibile che ci fosse un motivo per cui Zeus proibì a Prometeo di condividere questa sacra conoscenza? Possiamo veramente fidarci del fuoco degli dei?

https://www.ancient-code.com

®wld

Antiche Civiltà hanno sperimentato cose incredibili?

I testi suggeriscono che di 12.000 anni fa una bomba atomica è esplosa sulla terra distruggendo la civiltà? 

Questo testo di 12.000 anni fa rivela che in un lontano passato una bomba atomica esplose sulla Terra? 

Più di 12.000 anni fa, un evento incredibile ha lasciato un segno nell’antica civiltà indù. 

Innumerevoli testi antichi descrivono storie affascinanti che molti autori credevano, accadute migliaia di anni fa sulla Terra. Mentre molte antiche civiltà in tutto il mondo hanno lasciato un segno nella storia con innumerevoli scritture, monumenti e oggetti antichi che ci costringono a rivalutare ciò che sappiamo della storia, molti di questi racconti sono percepiti con la nozione di incredulità dagli studiosi mainstream. Alcuni chiamano questi racconti come mitologia, alcuni si riferiscono ad esso come al folklore, ma la verità è che ci sono innumerevoli testi antichi che indicano come antiche civiltà in tutto il mondo abbiano sperimentato cose incredibili, e si sono assicurati di documentarle nel modo migliore possibile. 

Per quanto possa sembrare discutibile, molte persone in tutto il mondo credono che ci sia un’alta probabilità che nel lontano passato, decine di migliaia di anni fa, l’umanità fosse stata visitata da esseri, non della Terra. Molte persone credono ancora che siamo stati visitati ancora oggi, e ci sono ampie prove che suggeriscono che siamo continuamente visitati dalle civiltà, non della Terra. Oggi, le prove delle visite possono essere trovate in innumerevoli immagini, video e registrazioni messe a disposizione del pubblico. Ci sono innumerevoli video e immagini di presunti avvistamenti UFO. Alcuni potrebbero non essere reali, ma alcuni potrebbero essere veritieri. 

Tuttavia, come avrebbe potuto l’umanità antica, migliaia di anni fa, documentare ciò che avevano visto? Immaginate di vivere 10.000 anni fa da qualche parte in India, e alzi lo sguardo verso il cielo e vedi quello che oggi si chiama UFO. Come potresti documentare meglio questa esperienza? 

Le antiche civiltà di tutto il mondo hanno fatto ricorso all’arte rupestre, ai petroglifi, ai geoglifi, all’arte della ceramica e persino alla scrittura. Dagli dei che discesero dal cielo, menzionati in numerose antiche culture in tutto il mondo, a incredibili “dischi” volanti menzionati dagli antichi egizi migliaia di anni fa, prove che suggeriscono che siamo stati visitati da antichi alieni si possono trovare tutt’intorno a noi. 

Possibili prove scritte di antichi contatti alieni e di tecnologie avanzate esistenti sulla Terra migliaia di anni fa possono forse essere trovate se diamo un’occhiata al Mahabharata e al Ramayana. 

Si ritiene che questi antichi testi documentino incredibili tecnologie e storie di ciò che molti credono siano la prova che gli alieni siano tra noi in carne e ossa. 

Il Mahabharata è una delle due grandi epopee sanscrite nell’antica India, l’altra è il Ramayana.

Consiste di 100.000 versi divisi in 18 parti o libri equivalenti a otto volte l’Iliade e l’Odissea combinati.

 Il sacrificio del serpente di Janamejaya. Credito dell’immagine: Wikimedia Commons.  

Questi antichi testi sono più di una narrazione storica.  

È una combinazione di fatti, storie di leggende e miti. 

Una vasta collezione di discorsi didattici scritti in una lingua meravigliosa, che alimentano tutta la mitologia indù e creano una delle principali religioni mondiali: l’induismo. 

Tra questi testi storici, vediamo una storia di un evento devastante che si è verificato migliaia di anni fa. Questo evento, incomparabile a qualsiasi altro storico anche nella storia antica, sembra molto familiare agli eventi che hanno scosso la storia moderna: l’uso di bombe atomiche. 

Lo storico Kisari Mohan Ganguli, sostiene che il Mahabharata e il Ramayana sono pieni di descrizioni di grandi olocausti nucleari che sembrano avere proporzioni incredibilmente più alte di quelle di Hiroshima e Nagasaki.  

Curiosamente, quando uno studente chiese al Dr. Oppenheimer se il primo ordigno nucleare esploso fosse quello di Alamogordo. durante il Progetto Manhattan, ha risposto … Beh. Nei tempi moderni, , certo 

Quindi, cosa dice quel testo antico? E come si può essere sicuri che descriva effettivamente un evento nucleare, che si è svolto sulla Terra migliaia di anni fa? 

 Un’illustrazione manoscritta della Battaglia di Kurukshetra, combattuta tra i Kaurava e i Pandava, registrata nell’epopea di Mahabharata. Credito dell’immagine: Wikimedia Commons. 

L’antico testo indù, il Mahabharata:  

“Gurkha, vola con un Vimana veloce e potente,
lanciato come un singolo proiettile
carico del potere dell’universo.
 

Una colonna incandescente di fumo e fiamme,
brillante come diecimila soli,
è aumentato con tutto il suo splendore. 
 

Era un’arma sconosciuta,
un fulmine di ferro,
un gigantesco messaggero di morte,
che ha ridotto in cenere
l’intera razza dei Vrishnis e degli Andhaka. 
 

I cadaveri erano così bruciati
da essere irriconoscibili. 

Capelli e unghie cadevano;
Le ceramiche si sono rotte senza causa apparente,
e gli uccelli diventarono bianchi. 
 

… Dopo poche ore
tutti i prodotti alimentari erano infetti …
… per sfuggire a questo fuoco
i soldati si gettarono nei torrenti
per lavarsi togliendosi il loro equipaggiamento.”

Un secondo passaggio:  

“Dense frecce fiammanti,
come una grande doccia,
emesso sulla creazione,
che comprende il nemico.
Una densa oscurità si insinuò rapidamente sui padroni di Pandava.
Tutti i punti di orientamento erano persi nell’oscurità.
Il vento feroce cominciò a soffiare
Le nuvole ruggirono verso l’alto,
inondando di polvere e ghiaia. 

Gli uccelli gracchiarono follemente … gli stessi elementi sembravano disturbati.  Il sole sembrava oscillare nei cieli La terra tremò, bruciato dal terribile calore violento di quest’arma.  

Gli elefanti hanno preso fuoco
e correvano avanti e indietro in delirio …
su una vasta area,
altri animali si accasciarono a terra e morirono.
Da tutti i punti cardinali, 
le frecce fiammanti piovevano continuamente e ferocemente.”- Il Mahabharata 

Il testo sopra descritto descrive un evento violento e terribile, che molti autori sostengono, può essere paragonato solo a una bomba nucleare che esplode sulla Terra. 

Tuttavia, ci sono molti altri riferimenti nel Ramayana che sembrano molto simili a quelli descritti nel testo sopra.  

Ma ci sono prove, oltre ai testi che sostengono la teoria che un ordigno nucleare è detonato sulla Terra migliaia di anni fa?  

Secondo i teorici degli antichi astronauti, c’è.  

Le prove, si noti che i teorici degli antichi astronauti, sono state trovate nel 1992, quando i ricercatori hanno scoperto nel Rajasthan, a 16 chilometri a ovest di Jodhpur, uno strato di cenere radioattiva, che copre un’area di circa otto chilometri quadrati.  

La radiazione era presumibilmente così intensa che oggi contamina ancora l’area.  

Gli antichi siti archeologici di Harappa e Mohenjo-Daro sono trattati come un altro importante elemento di prova: lì gli esperti hanno scoperto scheletri sparsi in tutta la zona quasi come se un evento improvviso ed estremamente distruttivo fosse avvenuto lì, devastando intere città.  

“(Era un’arma) così potente che potrebbe distruggere la terra in un istante Un grande suono in ascesa con fumo e fiamme E su di esso vi si trovava la morte …” – Il Ramayana

Quindi cosa è successo veramente migliaia di anni fa? Che cosa ha documentato l’uomo antico in questi antichi testi? È davvero possibile che un ordigno simile a una bomba atomica sia esploso sulla Terra, circa 12.000 anni fa?

Il Mahabharata e il Ramayana descrivono davvero le armi nucleari? Se sì, da dove venivano queste armi? Gli dei?

Se una bomba atomica è realmente esplosa in passato, avrà lasciato la prova visibile di un cratere? I teorici degli antichi astronauti dicono di sì e indicano un cratere con 2154 metri di diametro, situato a 400 chilometri da Mumbai. 

La data in cui il cratere si è formato, secondo gli esperti, va da 12.000 a 50.000 anni fa. 

Credito immagine in evidenza: Shutterstock 

https://ancient-code.com/  

*****************************

Articoli correlati:

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

“Le Sette città Rishi”

®wld

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Antiche e potenti armi nucleari?
Descritte in antichi testi millenari

I testi antichi descrivono le armi potenti che gli dèi usavano sulla Terra migliaia, persino forse decine di migliaia di anni fa. “… Una colonna incandescente di fumo e di fiamma, luminosa più di dieci mila soli, si alzò in tutto il suo splendore. Era un’arma sconosciuta e un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte, che ridusse in cenere l’intera razza … “

E se le civiltà antiche avessero interpretato erroneamente i visitatori alieni come “dei”?

Quando diamo un’occhiata alla storia e leggiamo attraverso gli innumerevoli testi antichi lasciati da civiltà diverse in tutto il pianeta, notiamo una grande quantità di informazioni, che menzionano gli dei – che discendevano dal cielo – portando armi potenti sulla Terra, cose che gli antichi non avevano mai visto prima.

Ma queste “antiche armi” sono solo forse parte del folklore e dei miti? Che cosa accadrebbe se questi testi antichi non le descrivessero come mito e leggende, ma le armi reali, portate da civiltà straniere avanzate che furono interpretati come dèi?

Curiosamente, un recente studio – intitolato “Specie Indigene Tecnologiche” presentato da Jason Wright, assistente di astrofisica e astronomia della Pennsylvania State University, suggerisce che il nostro pianeta e altri corpi celesti nel nostro sistema solare siano stati abitati, nel lontano Passato da stranieri antichi. Il professor Wright suggerisce che le descrizioni tecniche extraterrestri potrebbero essere estremamente vecchie, limitando i luoghi che potrebbero ancora essere trovati sotto le superfici di Marte e la Luna, o nel sistema solare esterno.

Se diamo un’occhiata alla mitologia antica greca e indù, le armi degli dei sono degli attrezzi profondamente mortali capaci di incenerire dei nemici e di sottomettere intere civiltà.

L’attrezzo creato dall’antico Dio Hindu Vishnu era il Narayanastra – l’arma personale del Signore Vishnu.

Questa Astra (“arma” in sanscrito) a sua volta spara una potente quantità di missili mortali contemporaneamente. L’intensità della portata aumenta con un aumento della resistenza. L’unico modo di difendersi verso questo missile è quello di mostrarsi totalmente remissivi prima che i missili colpiscano. Questo a sua volta, farà sì che questa arma si arresti risparmiando l’obiettivo.

È interessante notare che se questa arma venisse utilizzata SOLO due volte invece di una, potrebbe allora distruggere entrambi gli eserciti.

Forgiata dal Signore Brahma era il Brahmastra. Questa arma feroce è descritta in un certo numero di purana – un vasto genere di letteratura indiana su una vasta gamma di argomenti – come arma molto distruttiva. Si dice che quando il Brahmastra veniva usato, non c’era né un contrattacco né una difesa che potesse fermarlo.

Il Brahmastra non ha mai perso la sua efficacia e veniva utilizzato con un intento molto specifico contro un nemico o un esercito individuale, in quanto il bersaglio era sottoposto a una distruzione completa.

Tuttavia, forse il dettaglio più importante del Brahmastra era il suo danno collaterale. Secondo i testi antichi, la terra in cui l’arma fu usata, tutta la vita dentro e intorno a essa esistita, diventava BARRATA. Gli uomini e la donna esposti ad essa sono diventati infertili. Dopo l’uso dell’arma, le piogge diminuirono e sulla terra crebbero fessure.

Infatti, il Brahmastra è menzionato negli epici e nei Veda come arma di ultima istanza e non è mai stata usata per combattere.

Nell’antico Mahabharata, si dice che questa arma sia un singolo proiettile carico di tutto il potere dell’universo.

L’evoluzione di questa arma terrificante è l’Astra Brahmashirsha. Si dice che l’astra di Brahmashirsha sia quattro volte più forte del Brahmastra. Nel Mahabharata, si spiega che quando questa arma fu evocata e usata ci sarebbero state fiamme, tuoni e la caduta di mille meteoriti, accompagnati da un gran frastuono e tremolio della terra.

Un’altra arma terribile – che ha lasciato scenari apocalittici – era il Pashupatastra. Pashupatastra è l’arma più distruttiva, potente e irresistibile di tutte le armi menzionate nella mitologia indù. Si dice che questa terribile arma antica sia in grado di distruggere ogni forma di vita.

Una narrazione dalla traduzione di Kisari Mohan Ganguli di Mahabharata riguardo al potere di Pashupatastra:

O tu delle braccia potenti, quell’arma (Pashupatastra) è superiore al Brahma, alla Narayana, all’Indra, all’Agneya e alle armi Varuna. In verità, è in grado di neutralizzare ogni altra arma dell’universo. Fu con quell’arma in tempi antichi che l’illustre Mahadeva aveva bruciato e consumato in un momento la tripla città delle Asura. Con la massima facilità, Mahadeva, usando quella singola freccia, ha raggiunto tale obiettivo. Quell’arma, sparata dalle braccia di Mahadeva, può, senza dubbio, consumare in metà del tempo, con l’innesco di uno scintillio degli occhi, tutto l’universo con tutte le sue creature mobili e immobili. Nell’universo non esiste nessuno che non possa essere ucciso da quell’arma compreso anche le divinità, incapaci di salvarsi.

Guardando la versione tradotta del Mahabharata, molti sono d’accordo che evidentemente descrive di come gli ‘Dei’ usavano armi avanzate sulla Terra decine di migliaia di anni fa. Gli eventi catastrofici che hanno scosso i continenti sono descritti nel modo seguente:

Gurkha, battendo un rapido e potente Vimana, ha lanciato un singolo proiettile carico di tutto il potere dell’Universo. Una colonna incandescente di fumo e di fiamma, luminosa di diecimila soli, si alzò in tutto il suo splendore. Era un’arma sconosciuta e un fulmine di ferro, un messaggero gigantesco di morte, che ridusse in cenere l’intera razza dei Vrishnis e degli Andhakas.

I cadaveri erano così bruciati da essere irriconoscibili. I capelli e le unghie caddero. La ceramica si è rotta senza alcuna causa apparente e gli uccelli sono diventati bianchi. Dopo poche ore, tutte le fonti alimentari sono state infettate …, per sfuggire a questo fuoco; I soldati si gettarono in torrenti per lavare se stessi e tutte le loro attrezzature.

Dopo aver letto quanto sopra, non si nota una somiglianza con le armi che abbiamo oggi? È come se la storia si ripetesse. Questi antichi testi indù descrivono ciò che oggi può essere interpretato come la bomba nucleare.

Le terribili conseguenze descritte dall’uso di armi antiche quali Brahmashirsha Astra, Pashupatastra e Brahmastra sono estremamente simili a quelle dopo la detonazione di una bomba nucleare. Ci sono scienziati che stimano che se ci fosse una guerra nucleare che causi 100 esplosioni nucleari come quelle di Hiroshima sulle città, potrebbero significativamente causare una  perdita di vite in decine di milioni dai soli effetti climatici a lungo termine. L’ipotesi climatologica è che se ogni città avesse un fuoco causato da una esplosione, un’enorme quantità di fuliggine potrebbe essere gettata nell’atmosfera che potrebbe ricoprire la terra, tagliando la luce solare per anni e provocando la rottura delle catene alimentari, in quello che si chiama un inverno nucleare.

Cosa succederebbe se … gli antichi non avessero descritto leggende e miti quando parlavano della Brahmashirsha Astra, del Pashupatastra e del Brahmastra, ma di armi reali portate sulla Terra dagli Dei, che avrebbero potuto essere carne e sangue alieno?

Manoscritto illustrazione della battaglia di Kurukshetra
Credito immagine: WikimediaCommons. 

Chiediti, quali sono le definizioni di “Dio” e quelle di un alieno? Nessuno può dire che questi due termini non possono essere combinati o che un significato simile non li definisca.

Fermiamo l’immagine per un secondo, come se fossimo dei viaggiatori di oggi nell’antico Egitto di 2000-3000 anni fa, arrivando in aerei jet, elicotteri, e con le nostre tavolette, smartphone e armi potenti.

Come interpreterebbero quelle antiche persone in Egitto? Ci considererebbero come uomini comuni?

Credo che ci farà distinguere dal resto, dandoci una nozione di potere, semplicemente perché gli antichi umani allora non avrebbero riconosciuto la nostra tecnologia, non lo avrebbero capito, quindi è molto probabile che gli antichi popoli ci avrebbero categorizzato Come “Dei” che venivano a visitarli dal cielo, in un volare di uccelli con ali scintillanti, producendo fumo, fuoco e rumore estremo durante l’atterraggio … Molto come le descrizioni degli dèi antichi in Mesoamerica e in Asia, quando i serpenti o i Dragoni piumati arrivarono dalle stelle, Creando caos e danni nell’atterraggio.

Curiosamente, il ricercatore scientifico del progetto di Manhattan, il Dott. J. Robert Oppenheimer, che apparentemente aveva familiarità con gli scritti antichi sanscriti sapeva che avevano avuto esplosioni atomiche nel passato lontano sulla Terra.

In un’intervista condotta dopo aver visto il primo test atomico, ha citato la Bhagavad Gita:

“Ora sono diventata la morte, il distruttore dei mondi. Suppongo che tutti ci siamo sentiti così.”

Inoltre, quando uno studente ha chiesto al dottor Oppenheimer se il primo dispositivo nucleare è stato fatto in quel di Alamogordo. Durante il Progetto Manhattan, ha risposto … beh … sì. In tempi moderni, sì, naturalmente.

Ma dove sono le prove se tali armi esistevano nel lontano passato?

Nel Pakistan moderno, nelle vicinanze delle rive del fiume Indus, possiamo trovare uno dei siti archeologici più enigmatici della superficie del pianeta, che una volta apparteneva ad una delle più antiche civiltà del pianeta, la Valle dell’Indo Civiltà- Mohenjo-Daro.

Insieme a Harappa si trovano circa settanta chilometri più a nord-est, Mohenjo-Daro e Harappa sono due delle più antiche città appartenenti alla civiltà della Valle dell’Indo.

È interessante notare che, proprio come l’antica civiltà sumera, la Valle dell’Indo sembrava essere emersa improvvisamente, senza alcuna traccia di una precedente evoluzione prima dell’apparizione di Harappa e Mohenjo-Daro.

Ma se l’apparenza di una tale civiltà sorprendente rimane un mistero, la loro scomparsa è ancora più affascinante fu inizialmente attribuita all’arrivo di persone invasive di origine indoeuropea.

Curiosamente, gli esperti hanno trovato diversi resti scheletrici a Mohenjo Daro. Secondo gli esperti, la morte è arrivata molto rapidamente.

È interessante notare che esiste un cosiddetto epicentro di circa 45 metri di diametro al centro della città in cui il terreno e gli edifici sembrano essere cristallizzati come se fossero esposti ad una fonte di calore massiccia.

Negli edifici situati vicino al centro della città, i ricercatori hanno scoperto che i mattoni delle pareti che si affacciano verso l’esterno e che guardano lontano dall’epicentro sono anch’esse fuse.

Tuttavia, secondo i ricercatori, questo potrebbe essere stato raggiunto solo  esponendo gli edifici ad una temperatura di oltre 1500° C.

Che tipo di armi avrebbe potuto causare tali effetti devastanti sia alle persone che agli edifici circostanti?

È possibile e che, come alcune persone sostengano, Mohenjo-Daro sia stata davvero distrutta da un’esplosione nucleare.

http://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.it/

Articoli correlati:

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”
“Le Sette città Rishi”
Le guerre dell’antico passato – storia ignorata
I misteriosi Figli delle Stelle