Crea sito

Il tempo che non hai mai avuto oggi ce l’hai

 

Visto che siete in casa e di tempo ne avete, vista la quarantena imposta, consiglio di guardarvi in piena libertà questo video sotto esposto, per carità nulla di cui questo blog ne abbia già parlato in dieci anni di attività, ma questo video raccoglie tutto, a partire dalla religione, fino ad arrivare a ogggi, manca solo il #CORONAVIRUS, l’astuta arma per condizionare e obnubilare il cervello, con la paura della morte, paura che insita in tutti gli esseri viventi e non per niente peregrina visto che si muore veramente per questa epidemia, oggi pandemia, pandemia che nei decenni e secoli scorsi si è sempre verificata, falciando migliaia di vite, come le guerre che si sono succedute fin dagli albori della storia umana.

Buona visione 

 

®wld

Inflazione & diversi Universi

Strabiliante! Questa è la Terra rispetto al resto dell’Universo

In poche parole, è una delle migliori rappresentazioni grafiche di ciò che veramente c’è là fuori.

“Ci sono più stelle nel nostro Universo che granelli di sabbia su tutte le spiagge della Terra.”

Nella Via Lattea, ci sono da 100 a 400 miliardi di stelle e più di 100 miliardi di galassie nell’Universo – forse fino a 500 miliardi. Se si moltiplicano le stelle delle galassie, nella parte bassa, si ottiene 10 miliardi di miliardi di stelle, o 10 sestilioni di stelle nell’Universo, un 1 seguito da 22 zeri. Nella fascia alta, è di 200 sestilioni.

Le dimensioni dell’universo è al di là del comprensibile, una cosa è certamente vera, abbiamo notevolmente sottovalutato tutto ciò che riguarda l’universo.

I “limiti” dell’universo visibile dalla Terra è di uno sbalorditivo 46.5 miliardi anni luce in tutte le direzioni. Cioè, un diametro di 93 miliardi di anni luce. Un anno luce è pari a 9.46 miliardi di chilometri. Il calcolo è enorme, e tuttavia, è solo la parte dell’universo che possiamo vedere.

L’universo è tutto quello che comprende a noi noto: materia, energia, spazio e tempo. Le scale dell’universo sono così grandi che non possiamo nemmeno immaginarle.

Attualmente, è impossibile sapere l’esatta dimensione dell’Universo. Potrebbe anche essere infinito, anche se non sembra probabile.

Non sapendo che forma ha non aiuta molto dal momento che non siamo in grado di calcolare quale sia la sua dimensione. Inoltre, continua ad espandersi. Sulla dimensione dell’universo, sappiamo solo quello che è visibile dalla Terra.

La verità è che tutto ciò che riguarda l’universo e di conseguenza all’interno IT è un mistero.

Se l’universo ha circa solo 13,8 miliardi di anni, come possono esistere oggetti più distanti da esso? Non è possibile che si sia spostato più velocemente della velocità della luce, giusto? La risposta sta nell’inflazione dell’Universo. In cosmologia fisica, inflazione cosmica, l’inflazione cosmologica, o semplicemente inflazione, è una teoria di esponenziale espansione di spazio nell’universo primordiale. L’epoca inflazionistica è durato dal 10-36 secondi dopo l’ipotizzata singolarità del Big Bang a volte tra il 10-33 e 10-32 secondi dopo la singolarità.

Secondo gli esperti, l’inflazione è l’origine di tutto: dello spazio stesso, di tempo e di tutte le leggi fisiche, tra cui il limite della velocità della luce. Tutto è creato dall’inflazione stessa. Quindi il rigonfiamento dell’universo non è soggetto al limite della velocità della luce. L’inflazione crea un nuovo spazio tra gli oggetti e le distanze.

Finora gli astronomi hanno usato modelli diversi per determinare le dimensioni del cosmo. Un modello suggerisce che se l’universo si sta espandendo alla velocità della luce durante l’inflazione, la sua dimensione deve essere di 10 ^ 23 volte più grande l’universo visibile.

Ci sono altri modelli basati sulla curvatura dell’universo per determinare le dimensioni: se l’universo fosse chiuso (come se fosse una sfera), piano o aperto. In questi ultimi due casi, l’universo dovrebbe essere infinito.

E se ci fossero diversi universi, e non uno solo? Beh, sarebbe strabiliante!

http://www.ancient-code.com/ 

La settima Stazione: la Terra

Il potere del sette

La nostra vita quotidiana è regolata dalla settimana fatta di sette giorni, un numero dispari che non concorda né con il nostro sistema decimale (= in base dieci, come il numero delle dita in due mani), né con il sistema sessagesimale sumero (= in base sessanta) che usiamo tuttora in geometria, astronomia e nella misurazione del tempo.

Questa scelta insolita è spiegata dal racconto biblico della Creazione, che ha coperto un arco di tempo di sette giorni (compreso quello finale di riposo e di revisione). Questo sette biblico è a sua volta spiegato dalle sette tavolette dell’Enuma Elish, l’epica mesopotamica della Creazione.

Ma perché il testo è inciso in sette tavolette? Il numero sette (compreso il diciassette e il settanta) compare in quasi tutti i più importanti eventi, comandamenti e profezie della Bibbia, per un totale di circa seicento volte.

E’ anche il numero chiave nel Nuovo Testamento, compreso il profetico libro dell’Apocalisse, come pure i libri pseudepigrafici (come le sette classi di angeli nel libro di Enoch).

Lo stesso discorsi vale per la tradizione egizia, a partire dalle questioni degli dèi: la prima dinastia divina era costituita da sette dèi (da Ptah a Horus), e in tutto ci furono 49 )= 7×7) sovrani divini e semi-divini fino a quando ebbe inizio il regno dei faraoni. Le origini in Mesoamerica sono attribuite a sette tribù, e così via.

In realtà il stette cominciò a essere considerato un numero potente dagli Anunnaki che giunsero sulla Terra da Nibiru. Nippur, il centro di controllo della missione, era la settima città sulla terra.

C’erano sette saggi e i “sette che giudicano”. Gli Ziggurat avevano sette piani e le stelle venivano localizzate con lo “stilo di sette numeri”. Un dio aveva la “settuplice arma” e c’erano sette “armi del terrore“. La liberazione del Toro celeste diede avvio a sette anni di carestia; quando si inaugurava un tempio, venivano pronunciate sette benedizioni. Eccetera, eccetera.

Si ipotizza che l’origine di tutto ciò sia la posizione della terra come settimo pianeta dal punto di vista degli Anunnaki. Secondo la mappa <<Enlil passò accanto a sette pianeti>> per raggiungere la Terra, cominciando a contare da Plutone (oggi declassificato a poco più di un asteroide e/o satellite), proseguendo con Nettuno e Urano come secondo e terzo, Saturno e Giove come quarto e quinto e la Terra come settimo.

Il simbolo celeste della Terra era quindi costituito da sette punti, come si possono vedere sui monumenti assiri (insieme ai simboli della Luna, di Nibiru e del Sole, e delle divinità a essi associati.  

  

http://ningizhzidda.blogspot.it/