Archivi tag: telefonia cellulare

Bambini: come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia

 

Una nuova ricerca mostra cosa fa stare troppo tempo sullo schermo per lo sviluppo del cervello dei bambini

Di Alanna Ketler

In breve:

I fatti

Sono emerse ulteriori ricerche che dimostrano che troppo tempo sullo schermo può essere dannoso per lo sviluppo del cervello.

Riflettere su:

Come è cambiata l’infanzia per neonati e giovani adolescenti? Sono stati effettuati test di sicurezza adeguati sui nostri gadget preferiti? Dovrebbero essere ammessi a scuola?

Negli ultimi dieci anni circa, il modo in cui viviamo la nostra vita è drasticamente cambiato per molti di noi. Gli schermi (smartphone, tablet, computer, televisori) sono diventati parti integranti della nostra vita che non notiamo nemmeno quanta attenzione abbiamo prestato a questi dispositivi. Per impostazione predefinita, anche i bambini sono esposti a più tempo sullo schermo e le implicazioni di questo stanno finalmente emergendo. Una nuova ricerca mostra come più di due ore di schermo al giorno possano danneggiare l’integrità strutturale della materia bianca nel cervello dei bambini in età prescolare, danneggiando potenzialmente lo sviluppo delle loro abilità linguistiche e di alfabetizzazione.

Per favore, comprendi: l’intenzione di condividere queste informazioni non è di vergognare, giudicare o puntare il dito contro alcun genitore. Capisco che essere genitori è difficile e stressante e che a volte indossare un cartone animato o lasciarli giocare è ciò che serve per ottenere qualsiasi tipo di pausa per te stesso. Questo ha semplicemente lo scopo di aumentare la consapevolezza di un problema nella speranza di mitigare gli effetti dannosi.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di limitare l’uso per 2-5 anni a un massimo di un’ora al giorno di ciò che considerano “programmazione di alta qualità” e idealmente, guardandolo con loro per aiutarli nell’apprendimento e nella digestione del nuova informazione.

Oltre questo periodo di tempo ha il potenziale per danneggiare lo sviluppo del cervello dei bambini, secondo uno studio condotto da ricercatori del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. Quei bambini con una maggiore esposizione al tempo dello schermo avevano una “bassa integrità microstrutturale” della sostanza bianca del cervello, un’area collegata al linguaggio e alla funzione cognitiva.

Lo studio

Durante lo studio, che ha coinvolto 47 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, è stata utilizzata una tecnologia chiamata ScreenQ per tracciare il tempo dello schermo in conformità con le raccomandazioni AAP. I fattori studiati includevano l’accesso agli schermi, la frequenza e la durata dell’uso, il tipo di contenuto visualizzato e la presenza o meno di un adulto durante la visione e se il contenuto veniva discusso o meno con il bambino.

Più alto è il punteggio ScreenQ, più tempo si è verificato sullo schermo. Le scansioni MRI sono state utilizzate per valutare il cervello dei bambini. È stato rivelato che più tempo sullo schermo era dannoso per la materia bianca nel loro cervello.

“Anche se non siamo ancora in grado di determinare se il tempo sullo schermo causa questi cambiamenti strutturali o implica rischi a lungo termine per lo sviluppo neurologico”, ha dichiarato il dott. John Hutton, direttore del Centro di lettura e letteratura presso Cincinnati Children e autore principale dello studio in un comunicato stampa, “Questi risultati giustificano ulteriori studi per capire cosa significano e come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia”.

Il tempo di visualizzazione è particolarmente dannoso per i bambini di età inferiore ai due anni e l’AAP raccomanda di evitare del tutto l’uso dei media digitali, ad eccezione delle chat video occasionali.

Evita o limita il tempo di schermatura per la salute dei bambini

Tieni presente che se questi schermi sono dannosi per la salute dei tuoi figli, è probabile che abbiano un impatto anche sui tuoi. I bambini imparano con l’esempio, a loro piace copiare ciò che fanno i loro genitori e gli altri adulti. Se sei costantemente al telefono o davanti alla televisione, i tuoi figli potrebbero sentirsi più inclini a imitare ciò che fai. Se ti vedono leggere un libro, uscire e rimanere attivo, è più probabile che sviluppino queste abitudini per se stessi.

Sono in corso ulteriori ricerche sulle potenziali implicazioni per la salute di troppo tempo sullo schermo, ma c’è già abbastanza per dimostrare che è possibile iniziare a monitorare e limitarlo ora. Non c’è bisogno di aspettare, questo gioverà solo a te e ai tuoi bambini! Immagina tutto il tempo di qualità che potrebbe essere speso se gli schermi non fossero parte integrante dell’immagine.

Non sono solo gli schermi a destare preoccupazione, ma anche ciò che li accompagna: troppo tempo sullo schermo equivale a troppo tempo trascorso a sedere, un potenziale danno agli occhi e una maggiore esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

Naturalmente la nostra società sta avanzando verso l’uso di sempre più tecnologia nelle nostre vite, tuttavia c’è un tempo e un posto per la tecnologia. Dobbiamo assicurarci di utilizzare la tecnologia e non viceversa. Anche se i tuoi figli sono più grandi, potresti prendere in considerazione attività senza schermo e periodi durante i quali sei presente insieme. Forse passare il tempo all’aperto, giocare a carte o giochi da tavolo, cucinare o cucinare, andare a nuotare: le possibilità sono infinite! Abbiamo appena dimenticato cosa facevamo prima che gli schermi prendessero il sopravvento, e non è nemmeno passato tanto tempo!

Articoli correlati:  

50 cose che potresti fare invece di fissare uno schermo


Sei dipendente da “The Scroll?” Questo è il momento di affrontare la dipendenza da smartphone e riprendere il tuo potere

Fonye Articolo: https://www.collective-evolution.com/ 

 ®wld

La radiofrequenza e i suoi effetti sul cervello

Neurochirurgo: le radiazioni EMF possono causare perdite nella barriera del cervello

Postato da: Marco Torres via PreventDisease

 

“La scienza industriale alla base delle radiazioni EMF è più corrotta di quella delle scienze climatiche, e lo è stata sin dall’inizio. Con l’imminente lancio del 5G, non sono stati condotti studi scientifici sull’esposizione all’uomo a nessuna distanza. ⁃ Editor TN”

Neurochirurgo e ricercatore Dr. Leif Salford ha condotto numerosi studi sulle radiazioni di radiofrequenza e sui suoi effetti sul cervello. Il dottor Salford ha definito “terrificanti” le potenziali implicazioni di alcune sue ricerche. Alcune delle conclusioni più preoccupanti derivano dal fatto che i livelli più deboli di esposizione alle radiazioni wireless hanno causato il massimo effetto nel causare la perdita della barriera emato-encefalica.

Da quando ha iniziato la sua linea di ricerca nel 1988, il dott. Leif Salford e i suoi colleghi del Lund University Hospital in Svezia hanno esposto oltre 1.600 animali sperimentali a radiazioni di basso livello. I loro risultati furono coerenti e preoccupanti: le radiazioni, compresa quella dei telefoni cellulari, causarono la fuoriuscita della barriera emato-encefalica, la prima linea di difesa del cervello contro le infezioni e le sostanze chimiche tossiche.

I ricercatori di 13 altri laboratori in 6 paesi diversi avevano riportato lo stesso effetto, ma nessuno aveva dimostrato se ciò avrebbe comportato danni a lungo termine. In uno studio pubblicato nel giugno 2003 su Environmental Health Perspectives, il team di Salford ha ripetuto l’esperimento su altri 32 animali, ma questa volta ha aspettato otto settimane prima di sacrificarli ed esaminarne il cervello. In quegli animali che erano stati esposti a un telefono cellulare, fino al due percento dei neuroni in tutte le aree del cervello erano ridotti e degenerati.

Siamo stati avvertiti nel 2010: da allora, 4G e 5G …

Salford, presidente del Dipartimento di Neurochirurgia della sua istituzione, ha definito le abberranti implicazioni “terrificanti”. “Abbiamo buone ragioni per credere”, ha detto, “che ciò che accade nel cervello dei topi accade anche nell’uomo”. Riferendosi agli adolescenti di oggi, gli autori dello studio hanno scritto che “un’intera generazione di utenti può subire effetti negativi, forse già nella mezza età”.

Talvolta viene sollevato un argomento (non necessariamente accurato) a coloro che esprimono preoccupazione per le radiazioni provenienti da contatori “intelligenti”, Wi-Fi, ecc., Secondo cui le radiazioni emesse da questi dispositivi sono a un livello così basso che il pubblico non deve preoccuparsene . Tuttavia, gli studi del Dr. Salford hanno mostrato l’apertura della barriera emato-encefalica da livelli molto bassi di radiazioni. In effetti, Cindy Sage e il Dr. David Carpenter scrivono in un articolo del 2008 ( Implicazioni sulla salute pubblica delle tecnologie wireless ) che è stato “il livello di esposizione più debole [che] ha mostrato il massimo effetto nell’aprire la BBB [barriera ematoencefalica]”.

La dott.ssa Devra Davis, autrice di “Disconnect”, spiega la scienza delle radiazioni dei telefoni cellulari in un modo molto completo. Ad esempio, mostra le foto di due cellule, una il cui DNA è stato danneggiato dalla radiazione “gamma” (che è ciò che è stato emesso a Hiroshima) e un’altra cellula danneggiata da radiazioni pulsanti non ionizzanti di basso livello (da un telefono cellulare). Entrambe le cellule sembrano molto danneggiate rispetto a una cellula normale; ma continua persino a dire che il DNA della cellula esposta alle radiazioni del telefono cellulare sembra peggiore. Discute anche della campagna per screditare scienziati rinomati e i loro studi, alcuni di questi studi stimabili sono in circolazione dal 1972 (Frey).

Nel maggio del 2011, il funzionario dell’Organizzazione mondiale della sanità ha riconosciuto che le radiazioni wireless come quelle emesse da “contatori intelligenti” sono un possibile agente cancerogeno. Dopo decenni di ricerche prevenute finanziate a livello aziendale e sostenute come “standard di settore”, ci sono centinaia di studi scientifici indipendenti sottoposti a revisione paritaria che ora mostrano che esiste un chiaro pericolo per la salute con la tecnologia che emette radiazioni wireless nella gamma di “contatori intelligenti” fare. Nel frattempo, decine di migliaia di persone con un “contatore intelligente” installato, hanno contratto malattie, insonnia, eruzioni cutanee, mal di testa e peggio. E molti sono stati costretti a lasciare le loro case interamente, a causa di effetti sulla salute. Inoltre, nei condomini in cui sono installati oltre 30 “contatori intelligenti” in un unico locale elettrico, i pericoli sono ancora più elevati. Non sono stati condotti studi sulla salute a lungo termine su questo elevato livello di radiazione elettromagnetica.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

 

Risucchiati in un ciclo infinito di tecno stress sui social media

   

Technostress: come i social media ci impediscono di staccarci da loro, facendoci immergere ancora di più, anche quando ci rendono infelici.   

Di Monideepa Tarafdar, Lancaster University; Christian Maier, Università di Bamberga e Sven Laumer, Università Friedrich – Alexander Erlangen – Nürnberg (FAU)  

Se ti trovi mai in attesa di una vacanza perché sarai in grado di spegnere lo smartphone, allora forse stai soffrendo di “tecnostressasui social media. Il flusso costante di messaggi, aggiornamenti e contenuti che le app di social media trasmettono direttamente nelle nostre tasche a volte può sembrare un sovraccarico sociale, invadendo il tuo spazio personale e obbligandoti a rispondere per mantenere amicizie.

Penseresti che una ovvia risposta a questo problema sarebbe quella di smettere di usare i nostri dispositivi o eliminare le app. Ma abbiamo recentemente pubblicato una ricerca che mostra che, di fronte a questa pressione, molti di noi finiscono per scavare più a fondo e usare i nostri telefoni più frequentemente, spesso in modo compulsivo o persino avvincente.

La saggezza convenzionale implica che quando le persone si trovano ad affrontare una situazione sociale stressante, ad esempio, una discussione con qualcuno – affrontano lo stress prendendo le distanze. Fanno una passeggiata, vanno a correre, giocano con i loro bambini. Ma quando le situazioni stressanti derivano dall’uso dei social media, scopriamo che le persone tendono ad adottare una delle due strategie di coping molto diverse.

Abbiamo esaminato 444 utenti di Facebook dalla Germania tre volte in un anno per scoprire come hanno risposto alla tecnostress dei social media. A volte, come ci aspettavamo, si sono deviati o si sono distratti con attività non correlate come gli hobby. Ma controintuitivamente, abbiamo scoperto che era più comune per le persone distrarsi utilizzando ancora di più i social media.

 

I social media hanno molte funzionalità per tenerci agganciati. 13_Phunkod / Shutterstock 

Le app e i siti Web di social media sono ciò che chiamiamo tecnologie ricche di funzionalità, il che significa che ci sono molti modi per usarle. Su Facebook, puoi giocare, leggere le notizie, pianificare una vacanza guardando i post relativi ai viaggi o chattare con i tuoi amici. Ognuna di queste azioni viene eseguita in un contesto diverso e ti porta in un regno diverso all’interno dell’app. Ciò ti consente di visualizzare una singola app in diversi modi.

Quindi, se, ad esempio, provi la tecnostress sui social media dal post di un amico sulla crudeltà verso gli animali o sulla perdita di un gioco, puoi “allontanarti” da quello stress deviando la tua attenzione su qualcosa di più piacevole e rilassante all’interno dell’app.

Tali deviazioni sembrano inizialmente innocue. Ma possono risucchiarti in un ciclo infinito di tecnostress di social media e diversione di social media che ti tiene bloccato sulla fonte del tuo stress. Questo può anche formare un sintomo di dipendenza, in cui cerchi costantemente una soluzione a breve termine proprio dalla cosa che ti sta causando problemi a lungo termine. In modo allarmante, abbiamo scoperto che più usi i social media, maggiore è la probabilità che tu lo faccia.

La preoccupazione per i potenziali effetti negativi dei social media ha portato i governi a iniziare ad agire per proteggere i cittadini. I legislatori statunitensi hanno proposto di vietare le funzionalità dei social media che potrebbero avere proprietà di dipendenza, come feed di contenuti infiniti e riproduzione automatica di video.

Il comportamento modella effetti dannosi

Tuttavia, sebbene tali funzionalità possano essere progettate per far sì che le persone utilizzino i social media più a lungo, è anche chiaro che è il modo in cui le persone usano le loro app e il modo in cui reagiscono ai social media che modella eventuali effetti dannosi. Se le persone vedono i social media come uno stress e un creatore di stress, allora hanno maggiori probabilità di aumentare il loro uso in risposta alla pressione che genera.

Il primo passo per affrontare questo tipo di reazione è la consapevolezza. Se possiamo diventare più consapevoli di tutti i diversi modi in cui ci comportiamo sui social media, avremo maggiori probabilità di separare gli effetti dannosi da quelli più favorevoli, evitando così di usarli in modo dannoso.

Quindi la prossima volta che ti senti tecnostressa dai social media, potrebbe essere meglio mettere il telefono completamente giù piuttosto che cercare un rifugio ancora più profondo nelle tue app. Altrimenti, prima di saperlo, potresti aver passato minuti o addirittura ore di tempo “morto” a fare altro che passare da una funzione all’altra per deviarti.

Monideepa Tarafdar, professore di informatica, Università di Lancaster; Christian Maier, Professore assistente, Dipartimento di sistemi e servizi di informazione, Università di Bamberga e Sven Laumer, Professore di sistemi di informazione, Università Friedrich – Alexander Erlangen – Norimberga (FAU)

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale

Credito di immagine superiore: Pixabay

Fonte: https://www.naturalblaze.com/

®wld

IL 5G DARA’ IL COLPO DI GRAZIA ?

 

CELLULARI E WIFI STANNO DANNEGGIANDO GLI UCCELLI, API E INSETTI; IL 5G DARA’ IL COLPO DI GRAZIA ? 

L’estinzione di molte specie, 200 specie di piante, uccelli, animali, pesci, anfibi, insetti e rettili che vengono portati all’estinzione ogni giorno, non è una novità, vista la profusione con cui usiamo i veleni in agricoltura e non solo. Ma se l’ecatombe si verifica ai tropici, in mezzo a una foresta sufficientemente lontana dagli effluvi di Bayer-Monsanto e inquinamento, allora c’è di che preoccuparsi. Lo riporta un nuovo studio. La causa del crollo di presenze di insetti nella foresta pluviale portoricana o nelle riserve naturali tedesche, quindi in luoghi non interessati dall’uso di pesticidi o altra contaminazione, non può che essere il riscaldamento del pianeta? E’ davvero una spiegazione plausibile e sufficiente? E in che modo dovrebbe avvenire lo sterminio?

Non sono mai presi in considerazione gli effetti di radiazioni elettromagnetiche presenti.

A Porto Rico, per tornare a questa ultima scoperta, è in funzione dal 1959 il riscaldatore ionosferico Arecibo. Nella foresta ‘incontaminata’ troviamo torri di comunicazione assai imponenti. Non c’entrano niente con la scomparsa degli insetti?

Mai e poi mai si tiene conto delle condizioni atmosferiche modificate da agenti chimici e microonde. Mai si parla delle possibili conseguenze del danneggiamento dell’ ozonosfera.

Come mai?

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE EMESSE DA TELEFONI CELLULARI E WIFI STANNO DANNEGGIANDO GLI UCCELLI E LE API;

LA TECNOLOGIA 5G PUO’ PEGGIORARE LA SITUAZIONE

La tecnologia sta letteralmente distruggendo la natura, con un nuovo rapporto che conferma ulteriormente che le radiazioni elettromagnetiche delle linee elettriche e delle reti cellulari possono disorientare uccelli e insetti e distruggere la salute delle piante. Il documento avverte che mentre le nazioni passano alla tecnologia 5G questa minaccia potrebbe aumentare.

Nella nuova analisi, EKLIPSE, un ente di revisione finanziato dall’UE e dedicato alla politica che potrebbe avere un impatto sulla biodiversità e sull’ecosistema, ha esaminato oltre 97 studi su come le radiazioni elettromagnetiche possono influenzare l’ambiente. Ha concluso che questa radiazione potrebbe rappresentare un potenziale rischio per l’orientamento degli uccelli e degli insetti e per la salute delle piante, secondo il giornale The Telegraph.

Questa non è una novità, poiché studi risalenti da anni sono giunti alla stessa conclusione. Infatti, uno studio del 2010ha persino suggerito che questa radiazione elettromagnetica potrebbe giocare un ruolo nel declino di alcune popolazioni di animali e insetti. Le onde radio possono disturbare la “bussola” magnetica usata da molti uccelli e insetti migratori. Le creature potrebbero disorientarsi, ha riferito AFP.

Le radiazioni elettromagnetiche interferiscono anche con l’orientamento di insetti, ragni e mammiferi e potrebbe persino disturbare il metabolismo delle piante, secondo il The Telegraph.

Come risultato di questa recente scoperta, l’ente caritatevole britannico Buglife ha ammonito che i piani per installare trasmettitori 5G potrebbero avere “gravi conseguenze” sull’ambiente, secondo il The Telegraph. Per questo motivo, raccomanda che questi trasmettitori non siano posizionati su lampioni a LED, che attirerebbero gli insetti e aumenterebbero la loro esposizione.

5G è una tecnologia wireless di quinta generazione che trasmette dati ad alta velocità. Verrà utilizzato su impianti dei gestori di telefonia mobile per telefonia mobile e traffico dati.

Inoltre, l’organizzazione caritatevole ha richiesto ulteriori studi su questa minaccia.

“Applichiamo limiti a tutti i tipi di inquinamento per proteggere l’abitabilità del nostro ambiente, ma ancora, anche in Europa, i limiti di sicurezza delle radiazioni elettromagnetiche non sono stati determinati, per non dire applicati”, ha dichiarato Matt Shardlow, CEO di Buglife, segnala il The Telegraph.

Negli Stati Uniti, AT & T prevede di essere il primo ad avere la tecnologia 5G disponibile e avvierà la rete in 12 città entro la fine dell’anno, secondo quanto riportato da PC Mag.

Riferimenti:

[1] Newsweek, Radiation from cell phones, wifi are hurting the birds and the bees; 5G may make it worse, 19 May 2018, Dana Dovey

[2] EKLIPSE Study

[3] The Telegraph, Electromagnetic radiation from power lines and phone masts poses ‘credible’ threat to wildlife, report finds, 18 May 2018, Sarah Knapton

[4] 2010 Report on Possible Impacts of Communication Towers on Wildlife including Birds and Bees.

[5] AFP, Radio waves affect migrating birds, 8 May 2014

[6] PC MAG, What Is 5G? 20th March 2018, Sasha Segan.

FONTE http://www.elettrosmogsicilia.org/notizie/105-2018/361-le-radiazioni-elettromagnetiche-stanno-danneggiando-gli-uccelli-e-le-api

Studio di Ulrich Warnke and others published

BEES, BIRDS AND MANKIND.

Effects of Wireless Communication Technologies.

https://www.researchgate.net/publication/241538484_BEES_BIRDS_AND_MANKIND

 

Fonte:  http://www.nogeoingegneria.com/

®wld

 

5G: La fascia delle microonde che penetrano nella pelle umana

 

Generazione 5G: controllo globale e cancro serviti caldi 

Marcello Pamio 

Sarà una delle rivoluzioni tecnologiche più imponenti del nostro tempo e avrà effetti e ripercussioni sulla vita e sulla salute di miliardi di persone.

Mi riferisco al “5G”: la nuovissima generazione di trasmissioni dati, che permetterà di connettere ad altissima velocità miliardi di dispositivi che oggi sono semplici elettrodomestici “passivi”.

A breve gli oggetti dentro e fuori casa si trasformeranno in “esseri attivi”: frigoriferi, tivù, radio, forni, perfino abiti e qualsiasi oggetto elettronico o meno.
Secondo le previsioni, oltre 20 miliardi di dispositivi saranno interconnessi con la Rete entro il 2020.
 

Attualmente sarebbero “solo” più o meno 6 miliardi. 

La connessione di quinta generazione renderà possibile lo sviluppo della telemedicina, dell’auto a guida autonoma e delle cosiddette città intelligenti, dove tutto è costantemente tenuto sotto controllo elettronico.

La “G” sta per “Generation” e infatti è la quinta generazione del cosiddetto standard per la trasmissione dati attraverso una rete di telefonia mobile. I precursori sono stato l’1G (il famoso e obsoleto «TACS») in cui i segnali radio erano “analogici”, il 2G (il GSM), il 3G (UMTS) e l’ultimo 4G (LTE, long term evolution, “evoluzione a lungo termine”).

Attenzione che a differenza delle altre generazioni, il 5G non è solo una nuova “interfaccia radio” perché qui la rete da “fisica” diventa “virtuale”, qui si vuole inglobare tutto…   

Rischi elettromagnetici 

Qualsiasi tecnologia presenta dei rischi, e quando si è nell’ambito delle onde elettromagnetiche tali rischi sono estremamente pericolosi perché riguardano la salute.

Con la nuova generazione ci potranno essere anche rischi di cyber-attacchi sulle future reti mobili, le quali conterranno informazioni personali e dati sensibili oggi inimmaginabili.

L’intero globo e tutti i dati umani finiranno nei server o nei cloud virtuali, mettendo a rischio la sicurezza planetaria. 

Sul fronte dell’inquinamento delle onde elettromagnetiche invece, coloro che speculano e guadagnano stanno chiedendo la revisione delle regole italiane sui limiti elettromagnetici che rappresentano un freno alla realizzazione della futura rete. 

Come sempre la follia e la cupidigia umane rasentano il paradosso: invece di diminuire i limiti attuali che sono di per sé troppo alti per garantire la sicurezza della salute, questi sciacalli chiedono di eliminare e/o abbassare tali limiti per far posto alla nuova tecnologia.

Il punto cruciale è il seguente: per raggiungere velocità così elevate è necessario utilizzare uno spettro di frequenza finora mai utilizzato. Il 5G sfrutta le onde millimetriche, vale a dire onde radio tra 30 e 300 GHz. Stiamo parlando di uno spettro di frequenza talmente elevato che nessuno Stato ha ancora assegnato, anche perché fino a qualche anno fa era impensabile utilizzare questo spettro per la comunicazione. Siamo nella fascia delle microonde, la cui frequenza va appunto da 250 MHz a 300 GHz, e la lunghezza d’onda da 1 mm a 10 cm. 

Queste onde attraversano i muri come fossero di carta e possono penetrare di qualche millimetro l’epidermide umana. Questa caratteristica particolare, come verrà spiegato tra poco, viene sfruttata nelle armi-non-letali a energia diretta in dotazione al Pentagono.

La caratteristica principale del 5G, che lo differenzierà dai precedenti standard, è la velocità di connessione: secondo gli operatori dovrebbe viaggiare 100-1000 volte più veloce dell’attuale 4G.

Ma come sempre il rovescio della medaglia è molto insidioso e pericoloso…

Italia e le sperimentazioni del 5G

L’Italia è il paese-cavia ideale per le lobbies. Lo sappiamo molto bene.

Con qualche spicciolo è possibile testare di tutto. Non è un caso che siamo l’unico paese al mondo a inoculare sulla popolazione infantile oltre 10 vaccini obbligatori, senza avere nessuno studio o trials clinici che ne garantiscano la sicurezza.

Quindi potevamo perdere anche questa sperimentazione? Ovviamente no, e infatti il nostro Paese è stato tra i primi in Europa e nel mondo ad avviarla. 

Sono diverse le città scelte per le sperimentazioni (che sono già avviate): Milano, Prato, l’Aquila, Bari, Matera sono le cinque città dove il Ministero dello Sviluppo Economico ha fatto partire la sperimentazione del 5G, alle quali si sono aggiunte Roma e Genova. 

Città distribuite lungo tutto lo stivale che permetteranno di testare al meglio le potenzialità della nuova tecnologia e mettere alla prova le capacità degli operatori italiani di realizzare un’infrastruttura tecnologicamente all’avanguardia nel giro di pochi mesi.

Frequenze & appalti 

Il governo Conte, quello del grande “cambiamento”, ha appaltato le frequenze del 5G.
Le frequenze in gioco sono: 700 MHz, 3.700 MHz e 26 GHz.

Ad accaparrarsi i blocchi i soliti noti: Iliad, Telecom, Vodafone, Fastweb e Wind-Tre.
I 700 MHz sono andati a Iliad, Vodafone e Telecom.
I 3.700 MHz sono andati a Telecom, Vodafone, Wind-Tre e iliad
I 26 GHz invece a Telecom, Iliad, Fastweb e Wind-Tre Soltanto Telecom e Vodafon hanno investito 4,8 miliardi di euro!
Il governo ha fatto Bingo perché è stato ampiamente superato l’obiettivo minimo: l’asta per il 5G porterà ben 6,55 miliardi di euro, oltre 4 miliardi in più dei 2,5 miliardi preventivati come soglia minima! 

 
Infrastrutture per 5G

La nuova tecnologia impiegherà un’infrastruttura differente rispetto a quella del passato (a livello d’antenne e non solo) e protocolli comunicativi in grado di garantire una maggior capacità di banda, una maggior velocità di connessione e una minor latenza.

Vi sarà quindi l’implementazione di «piccole cellule», di cui si ignora il numero, ma sicuramente elevatissimo, che non andranno a sostituire le altre, ma a sommarsi alle attuali reti wireless in uso da Telecom (17.000), Vodafone (altrettanti), Wind Tre (26.000). 

In Italia complessivamente ci sarebbero già 60.000 antenne di telefonia mobile, con quelle per il 5G raggiungeremo un numero folle.

Le antenne del 5G dovranno per forza di cosa crescere come funghi in ogni dove. 

Attualmente le antenne per la telefonia sono distanti tra loro qualche centinaio di metri o qualche chilometro, per la nuova tecnologia dovranno essere presenti ogni cento metri e anche meno.

Le città e le campagne saranno invase da antenne: tetti, alberi, lampioni, campanili, ecc. 

Ma tutto questo è per il nostro stile di vita, per il nostro ben-essere.

Pensate: potremo guidare la nostra autovettura seduti comodamente sul water di casa, mentre sorseggiamo una tazzina di caffè macchiato. Oppure potremo farci controllare a distanza la prostata dal medico urologo, grazie ad una app dello smartphone e un piccolo sensore che va infilato nel retto collegato al cellulare con cavo usb, e questo anche se il dottore è in vacanza e si sta rilassando alle isole Fiji. Ma sarà anche possibile, sempre dal cesso ma questa volta dell’ufficio, controllare se nel frigo di casa vi sono alimenti scaduti; se per esempio dobbiamo fermarci a comprare il latte parzialmente scremato con il quale macchiamo il caffè che beviamo alla mattina sopra il water…
Questa sì che è tecnologia!

Armi ad energia diretta

L’esercito statunitense ha sviluppato un sistema di controllo della folla non letale, chiamato «Active Denial System» (ADS). Dei veri e propri cannoni portatili montati su camion sparano onde millimetriche a radiofrequenza nella frequenza dei 95 GHz (esattamente lo spettro che rientra nel 5G) in grado di penetrare l’epidermide di 0,4 mm delle persone, producendo istantaneamente un’intollerabile sensazione di riscaldamento che li porta alla fuga.

 

Esattamente come il forno a microonde che purtroppo ancora molte persone usano in cucina, questi cannoni militari vanno a scaldare gli strati di acqua contenuta sotto la pelle…

Quindi per dare avvio al «Progetto 5G», migliaia di antenne, cioè piccoli cannoni («armi non letali»), saranno disseminati nelle città di tutto il mondo.

Quale sarà l’effetto sulla salute pubblica di un bombardamento costante di microonde? L’effetto sugli animali lo sappiamo già… 

5G e la strage degli innocenti (uccelli) 

In giro per il mondo si stanno verificando delle cose molto strane. 

Casualmente nelle città scelte per la sperimentazione del 5G avvengono delle morie di uccelli da film di Hitchcock.

A Roma oramai lo hanno definito «l’incubo storni», in pratica uccelli dal cielo cadono stecchiti in terra come le mosche. Un vero e proprio disastro sia per i residenti che per gli automobilisti. 

La stessa stranissima cosa sta avvenendo anche a l’Aquila.
Sono in corso indagini, ma al momento gli esperti interpellati non sanno dare nessuna spiegazione, anche perché forse non stanno seguendo la pista giusta, quella delle microonde!
 

La realtà è che migliaia di uccelli precipitano dal cielo… 

Sappiamo benissimo che le onde possono disturbare seriamente l’orientamento spaziale degli animali che usano da sempre il campo magnetico terrestre (uccelli migratori, cetacei, delfini, ecc.). 

Qui però gli uccelli vengono letteralmente stecchiti sul colpo!

Il mistero della Smart-Dust 

Si chiama «Polvere intelligente» (smart-dust) e il Pentagono l’ha definita «la tecnologia strategica dei prossimi anni».[1]  

Si tratta di un “pulviscolo intelligente” composto da miliardi di microscopici computer, della dimensione di un millimetro cubo, in grado però di incorporare sensori elettronici, capacità di comunicare via onde radio, software e batterie.
Questa “polvere” in grado di captare calore, suoni e anche movimenti, si può disperdere su territori immensi, anche grazie all’avio dispersione in cielo (tramite le scie chimiche).

 

Quando si parla di ricerche militari fantascientifiche il nome DARPA, braccio scientifico del ministero della Difesa, non manca mai. Dietro la smart-dust infatti c’è la «Defense Aduanced Research Projects Agency» (Darpa), l’Agenzia potentissima che ha inventato, tra le altre cose, Internet.
Per la polvere magica la Darpa si è affidata al dipartimento di ingegneria elettronica e informatica di Berkeley!

La rivoluzione di questi microsensori diffusi nell’ambiente «diventerà la primaria fonte di superiorità nei sistemi di armamento», come hanno candidamente dichiarato nel sito ufficiale www.darpa.mil.

Il problema è che la smart-dust abbinata sinergicamente alla tecnologia 5G potrà rappresentare il pericolo numero uno per la libertà, perché fornirà gli strumenti perfetti per il controllo globale assoluto.

Come sempre, purtroppo la realtà supera ogni più fervida immaginazione… 

Conclusione

Dopo quanto detto diventa di vitale importanza impedire lo sviluppo della quinta generazione.

Rifiutiamo telefoni, smartphone e qualsiasi altro apparecchio e/o elettrodomestico nato per il 5G, o anche solo predisposto e implementabile alla nuova tecnologia militare!

Il nostro futuro e quello dei nostri figli lo abbiamo nelle nostre mani oggi.

Ricordiamo che i bambini sono gli esseri (come gli animali) più a rischio di ammalarsi, proprio perché si trovano nella fase delicata di crescita e di sviluppo.
Sarà un caso ma nel nostro paese i tumori in età pediatrica stanno crescendo a ritmo pandemico, e l’Italia vanta il triste primato a livello europeo.
 

Se non vogliamo avere il primato di mortalità infantile anche a livello mondiale, pensiamoci molto seriamente e subito… 

Per maggiori informazioni  

http://www.tankerenemy.com/2007/09/smurt-dust-ecco-la-polvere-che-spia.html?m=1

http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/sistemi-radar/smart-dust-una-griglia-di-controllo-globale/

[1] «Smart-Dust: ecco la polvere che spia», Federico Rampini «La Repubblica» del 31 ottobre 2002  

Fonte: https://disinformazione.it/ 

®wld

I danni dello smartphone

 

L’esposizione prolungata alla luce blu dei telefoni cellulari può portare alla degenerazione maculare 

(Naturale News) Il tuo smartphone ti rende cieco? Una nuova ricerca ha confermato che la luce blu emessa dai telefoni cellulari e altri gadget può causare danni permanenti ai tuoi occhi e, infine, può persino portare alla cecità. Poiché il tempo passato a guardare lo schermo continua ad aumentare, aumenta anche il rischio di degenerazione maculare da troppa luce blu. Come gli scienziati ora sanno, la luce blu è fondamentalmente una campana a morto per la tua retina. 

Per i giovani di oggi, che sono stati esposti alla luce blu per tutta la loro vita, questo rischio è particolarmente preoccupante. Mentre non è un segreto che i bambini trascorrono troppo tempo incollati ai loro schermi, sta diventando sempre più chiaro che gli effetti dei cellulari sulla salute umana non sono ancora completamente compresi. 

Sia che si parli degli effetti dannosi della luce blu, sia degli effetti che causano il cancro delle radiazioni dei cellulari, gli scienziati stanno veramente imparando i risultati sulla salute delle nuove tecnologie dopo che questi prodotti sono stati sviluppati e messi in uso.

https://www.naturalnews.com/2018-10-30-prolonged-exposure-to-blue-light-from-mobile-phones-macular-degeneration.htmlClicca QUI per vedere il video sopra esposto 

La luce blu fa male ai tuoi occhi 

Scienziati dell’Università di Toledo affermano che la connessione tra la luce blu e la degenerazione maculare è impossibile da ignorare. 

Il dott. Ajith Karunarathne, un assistente professore del dipartimento di chimica e biochimica dell’università, ha spiegato: “Siamo esposti continuamente alla luce blu e la cornea e la lente dell’occhio non possono bloccarla o rifletterla”

“Non è un segreto che la luce blu danneggia la nostra visione danneggiando la retina dell’occhio”, ha aggiunto Karunarathne. La luce blu ha una lunghezza d’onda corta che causa la formazione di molecole tossiche nelle cellule sensibili alla luce dell’occhio. Queste tossine uccidono le cellule oculari sensibili alla luce, che sono necessarie per la visione. 

Come succede? La retina è una vitamina essenziale per i tuoi occhi. Le cellule sensibili alla luce nell’occhio dipendono dalla retina per rilevare la luce e inviare segnali al cervello. Ma quando la retina è esposta alla luce blu, diventa mortale. 

Kasun Ratnayake, un dottorato di ricerca lo studente che ha lavorato allo studio, ha spiegato, “Se fai brillare la luce blu sulla retina, la retina uccide le cellule dei fotorecettori mentre la molecola di segnalazione sulla membrana si dissolve.” 

Come spiega Green Med Info : 

Mentre la cornea e la lente dell’occhio sono trasparenti alla luce blu, questo spettro di luce eccita le molecole retiniche, creando sottoprodotti di condensazione chiamati lipofuscins: materiali fototossici, non degradabili che causano la degenerazione maculare. Questa “retina eccitata dalla luce blu” provoca cambiamenti irreversibili alla membrana plasmatica dell’occhio, interrompendo la sua funzione e causando danni ossidativi al nucleo della membrana. In poche parole, una luce blu brillante sulla retina uccide le cellule dei fotorecettori. 

Una volta che le cellule fotorecettrici sensibili alla luce dell’occhio sono morte, sono morte definitivamente. 

Attualmente, gli esperti affermano che gli adulti di età pari o superiore a 50 anni sono a rischio più elevato. L’alfa tocoferolo, un nutriente antiossidante naturale, può prevenire la morte dei fotorecettori nelle persone più giovani, ma i benefici diminuiscono con il passare del tempo. Per il set over-50, la degenerazione maculare da esposizione alla luce blu è una preoccupazione importante. 

I benefici protettivi dell’alfa tocoferolo (un tipo di vitamina E) sono promettenti, ma per i bambini i rischi di esposizione alla luce blu sono ancora poco conosciuti, soprattutto a lungo termine. Tuttavia, non è irragionevole sospettare che i bambini piccoli possano effettivamente essere più suscettibili agli effetti tossici della luce blu rispetto agli adulti, dato che non sono ancora in fase di sviluppo. 

Potrebbero volerci decenni agli scienziati per capire quale esposizione permanente alla luce blu fa agli occhi. Per i bambini, le fonti suggeriscono che i genitori impongono limiti sullo schermo, insieme a tempi designati “screen-free”, per aiutare a minimizzare l’esposizione. Anche gli adulti dovrebbero limitare il proprio tempo sullo schermo. 

Vedi più copertura di storie su problemi con la tecnologia su Glitch.news. 

Le fonti per questo articolo includono:  

GreenMedInfo.com  

AllAboutVision.com  

Independent.co.uk  

Fonte: https://www.naturalnews.com/ 

®wld

Un universo di incognite relative alla salute umana

 

La 5G spiegata dal ricercatore Arthur Firstember – siete avvisati  

 

di Catherine J. Frompovich  27 Agosto 2018  dal Sito Web ActivistPost  traduzione di Nicoletta Marino  Versione originale in inglese Versione in spagnolo 

 

Taos, Nuovo Messico 

12 Agosto 2018  

 

Un simposio di un giorno intero sul 5G è stato fatto a Taos, Nuovo Messico, domenica 12 agosto 2018.

Arthur Firstenberg ha parlato della storia, della scienza e ha descritto 5G, includendo 5G nei satelliti dello spazio, e i loro effetti previsti su tutti gli esseri viventi.

 

Cliccate sugli audio più avanti per accedere ai 34:23 minuti di Arthur Firstenberg sui sorprendenti fatti sull’informazione relativamente conosciuta e con tutta probabilità deliberatamente non fatta circolare,

Questa ricerca riguarda gli effetti nocivi sulla salute delle radiazioni di onde millimetriche di 5G emesse da migliaia di satelliti ionosferici, oltre a torri telefoniche 5G collocate all’esterno delle case, ad esempio, porte d’ingresso o finestre vicino alla camera da letto, senza che tu possa protestare contro di loro,

 

Non ci siamo evoluti con le microonde;
queste sono estranei a noi.

 

Dopoaver ascoltato la notevole conoscenza di Arthur basata sulle ricerche decennali dopo essere stato obbligato ad abbandonare la scuola di medicina visto che era diventato sensibile all’elettromagnetismo, agli utenti dei telefoni cellulari e ai dipendenti della tecnologia intelligente.  

 

 

Dovreste rendervi conto che esiste un “universo” di incognite relative alla salute umana, agli impatti ambientali e agli altri problemi dannosi che si materializzeranno come risultato del fatto che la 5G non la stanno studiando, fermandola completamente, ma la stanno accelerando con l’utilizzo smodato di dispositivi senza i quali Abbiamo vissuto fino a meno di 25 anni fa, inoltre c’è una mancanza di divulgazione ristretta delle capacità della 5G, che l‘esercito degli Stati Uniti utilizza come “armi di energia diretta“. [1-2]  

 

 

Fox News ammette che il governo degli Stati Uniti usa i Laser.   

 

Armi a energia diretta

 

Statisticamente, l’ipersensibilità elettromagnetica è un problema per la salute globale che aumenterà esponenzialmente quando ci sono 20.000 satelliti che inviano frequenza di onde millimetriche che nessuno sa relamente come trattare né come proteggersi dai loro impatti negativi sulla salute.  

I “Cappelli di carta d’alluminio” non aiuteranno

   

Non ci sarà nessun luogo dove nascondersi o trovare sollievo dalle frequenze millimetriche che la ricerca ha dimostrato che farà sì che i nostri corpi sentano che abbiamo delle continue e orribili scottature da sole e attiverà le nostre ghiandole sudorifere a lavorare delle ore extra oltre a provocare un severo danno agli occhi.

 

Utenti di tecnologia a microonde, valgono veramente la pena di fattori di rischio per la salute adesso anonimi che derivano dall’uso dei telefoni cellulari e dai microonde che contamineranno il paneta, l’umanità e l’ambiente?  

Esiste una possibilità più grande che tutti contraggono un forma di cancro poiché le microonde rompono la catena del DNA che una delle cause del cancro.   

Né il corpo umano né niente sul pianeta Terra è stato sottopsto a microonde fatte dall’uomo nei limiti millimetrici di 24 GHz e di più fino a 90 GHz …  

Rammentate che un GHz equivalle a un Bilione di Hertz (oscillazioni di frequenza di energia al secondo).

Adesso fate i calcoli e cercate di immaginare come reagirà il vostro corpo davanti a milioni di milioni di oscillazioni di frequenza che vi colpiscono ogni secondo al giorno, solo per poter bramare un dispositivo “intelligente”.  

Bibliografia

https://news.usni.org/2018/02/21/report-congress-army-directed-energy-weapons

https://healthimpactnews.com/2017/can-new-5g-technology-and-smart-meters-be-used-as-weapons/  

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld