Crea sito

L’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa

Tecno-censura: la via scivolosa dalla censura E della “disinformazione” al tacere la verità

John W. Whitehead, Rutherford
Waking Times

“Se la libertà significa qualcosa, significa il diritto di dire alle persone ciò che non vogliono sentire” – George Orwell

Questa è la china scivolosa che porta alla fine della libertà di parola come una volta la conoscevamo.

In un mondo sempre più automatizzato e filtrato dalla lente dell’intelligenza artificiale, ci troviamo in balia di algoritmi inflessibili che dettano i confini delle nostre libertà.

Una volta che l’intelligenza artificiale diventerà una parte pienamente integrata della burocrazia governativa, ci sarà poco ricorso: saremo soggetti ai giudizi intransigenti dei tecno-governanti.

Ecco come inizia.

L’avvertimento di Martin Niemöller sull’allargamento della rete che ci intrappola tutti è ancora valido.

“Prima sono venuti per i socialisti e io non ho parlato, perché non ero un socialista. Poi sono venuti per i sindacalisti e io non ho parlato, perché non ero un sindacalista. Poi sono venuti per gli ebrei e io non ho parlato, perché non ero ebreo. Poi sono venuti per me e non c’era più nessuno a parlare per me.

Nel nostro caso, tuttavia, è iniziato con i censori che inseguivano gli estremisti sputando i cosiddetti “discorsi di odio” e pochi si sono espressi perché non erano estremisti e non volevano vergognarsi di essere percepiti come politicamente scorretti.

Poi i censori di Internet sono stati coinvolti e hanno inseguito gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulle elezioni rubate, sull’Olocausto e su Hunter Biden , e pochi hanno parlato, perché non erano estremisti e non volevano essere evitati per sembrare in disaccordo con la maggioranza. .

Quando i tecno-censori inseguivano gli estremisti che lanciavano “disinformazione” sulla pandemia COVID-19 e sui vaccini, i censori avevano sviluppato un sistema e una strategia per mettere a tacere i non conformisti . Tuttavia, pochi hanno parlato.

Alla fine, “noi il popolo” saremo quelli nel mirino.

Ad un certo punto o in un altro, a seconda di come il governo ei suoi alleati aziendali definiscono ciò che costituisce “estremismo,” noi il popolo “potremmo essere tutti considerati colpevoli di qualche crimine di pensiero o altro.

Quando arriverà quel momento, potrebbe non esserci più nessuno a parlare o parlare in nostra difesa.

Qualunque cosa tolleriamo ora – qualunque cosa su cui chiudiamo un occhio – qualunque cosa razionalizziamo quando viene inflitta ad altri, sia in nome della giustizia razziale o della difesa della democrazia o della lotta al fascismo, alla fine tornerà a imprigionarci, tutti e tutti.

Guarda e impara.

Dovremmo allarmarci tutti quando voci di spicco dei social media come Donald Trump, Alex Jones, David Icke e Robert F.Kennedy Jr. vengono censurate, messe a tacere e fatte scomparire da Facebook, Twitter, YouTube e Instagram per dare voce a idee che sono ritenute politicamente scorretto, odioso, pericoloso o complottista.

La questione non è se il contenuto del loro discorso fosse legittimo.

La preoccupazione è cosa succede dopo che obiettivi così importanti sono stati messi con la museruola. Cosa succede una volta che i tecnocensori aziendali volgono gli occhi sul resto di noi?

È un pendio scivoloso dalla censura delle cosiddette idee illegittime al tacere la verità. Alla fine, come aveva predetto George Orwell, dire la verità diventerà un atto rivoluzionario.

Siamo su una traiettoria in rapido movimento.

Ci sono già richieste all’amministrazione Biden di nominare uno “zar della realtà” per contrastare la disinformazione, l’estremismo interno e la cosiddetta “crisi della realtà” della nazione.

Sapendo ciò che sappiamo sulla tendenza del governo a definire la propria realtà e ad attaccare le proprie etichette a comportamenti e discorsi che sfidano la sua autorità, questo dovrebbe essere motivo di allarme in tutto lo spettro politico .

Ecco il punto: non devi amare Trump o nessuno degli altri a cui è stata messa la museruola, né devi essere d’accordo o persino simpatizzare con le loro opinioni, ma ignorare le ramificazioni a lungo termine di tale censura sarebbe pericolosamente ingenuo. .

Come sottolinea giustamente Matt Welch, scrivendo per Reason , “ Le modifiche proposte alla politica del governo dovrebbero sempre essere visualizzate con il team avversario responsabile dell’implementazione.

In altre parole, qualunque potere tu permetta al governo e ai suoi agenti corporativi di rivendicare ora, per il bene del bene superiore o perché ti piacciono o ti fidi dei responsabili, alla fine sarà abusato e usato contro di te da tiranni di tua stessa creazione.

Come scrive Glenn Greenwald per The Intercept :

L’evidente errore che si trova sempre al centro dei sentimenti pro-censura è la convinzione ingenua e delirante che i poteri di censura saranno impiegati solo per sopprimere le opinioni che non piacciono, ma mai le proprie opinioni … Facebook non è un genitore benevolo, gentile, compassionevole o un attore sovversivo e radicale che controllerà il nostro discorso al fine di proteggere i deboli e gli emarginati o servirà come un nobile controllo delle offese dei potenti. Faranno quasi sempre esattamente l’opposto: proteggere i potenti da coloro che cercano di minare le istituzioni d’élite e rifiutare le loro ortodossie. I giganti della tecnologia, come tutte le società, sono tenuti per legge ad avere un obiettivo fondamentale: massimizzare il valore per gli azionisti.Useranno sempre il loro potere per placare coloro che percepiscono detengono il più grande potere politico ed economico.

Benvenuti nell’era del tecnofascismo.

Rivestito di tirannica ipocrisia, il tecnofascismo è alimentato da colossi tecnologici (sia aziendali che governativi) che lavorano in tandem per raggiungere un obiettivo comune.

Finora, i giganti della tecnologia sono stati in grado di eludere il Primo Emendamento in virtù del loro status non governativo, ma nella migliore delle ipotesi è una distinzione dubbia. Certamente, Facebook e Twitter sono diventati gli equivalenti moderni delle piazze pubbliche, i tradizionali forum sulla libertà di parola, con Internet stesso che funge da utilità pubblica.

Ma cosa significa per la libertà di parola online: dovrebbe essere protetta o regolamentata?

Quando viene data una scelta, il governo sceglie sempre l’opzione che espande i suoi poteri a scapito dei cittadini. Inoltre, quando si tratta di attività di libertà di parola, regolamentazione è solo un’altra parola per indicare la censura.

In questo momento, è trendy e politicamente opportuno denunciare, mettere a tacere, urlare e svergognare chiunque le cui opinioni sfidano le norme prevalenti, quindi i giganti della tecnologia si stanno allineando per placare i loro azionisti.

Questa è la tirannia della maggioranza contro la minoranza – esattamente la minaccia alla libertà di parola che James Madison ha cercato di impedire quando ha redatto il primo emendamento alla Costituzione – marciando al passo con il tecnofascismo.

Con l’intolleranza come la nuova lettera scarlatta dei nostri giorni, ora ci troviamo governati dalla folla.

Coloro che osano esprimere un’opinione o usare una parola o un’immagine tabù che va contro le norme accettate sono i primi in fila per essere svergognati, rimproverati, messi a tacere, censurati, licenziati, scacciati e generalmente relegati nel mucchio di polvere degli ignoranti, bulli dallo spirito meschino che sono colpevoli di vari “crimini verbali” e banditi dalla società.

Ad esempio, un professore della Duquesne University è stato licenziato per aver usato la parola N in un contesto accademico. Per riavere il suo lavoro, Gary Shank dovrà seguire un corso di formazione sulla diversità e ristrutturare i suoi programmi di lezione.

Questo è ciò che oggi viene considerato libertà accademica in America.

Se gli americani non difendono rumorosamente il diritto di una minoranza di uno di sottoscrivere, per non parlare di voce, idee e opinioni che possono essere offensive, odiose, intolleranti o semplicemente diverse, scopriremo presto che non abbiamo diritti qualunque cosa (parlare, riunirsi, essere d’accordo, in disaccordo, protestare, accettare, rinunciare o forgiare i nostri percorsi come individui).

Non importa quale sia il nostro numero, non importa quale sia il nostro punto di vista, non importa a quale partito potremmo appartenere, non passerà molto tempo prima che “noi popolo” costituiamo una minoranza impotente agli occhi di uno stato fascista alimentato dal potere. spinto a mantenere il suo potere a tutti i costi.

Siamo quasi a quel punto adesso.

La costante e pervasiva censura che ci viene inflitta dai giganti della tecnologia aziendale con la benedizione dei poteri forti minaccia di portare a una ristrutturazione della realtà direttamente dal 1984 di Orwell , dove il Ministero della Verità controlla il discorso e assicura che i fatti sono conformi a qualsiasi versione della realtà abbracciata dai propagandisti del governo.

Orwell intendeva il 1984 come un avvertimento. Invece, viene utilizzato come manuale di istruzioni distopico per l’ingegneria sociale di una popolazione conforme, conformista e obbediente al Grande Fratello.

Niente di buono può venire dalla tecno-censura.

Ancora una volta, per citare Greenwald:

Il potere di censura, come i giganti della tecnologia che ora lo detengono, è uno strumento di conservazione dello status quo. La promessa di Internet fin dall’inizio era che sarebbe stato uno strumento di liberazione, di egualitarismo, consentendo a coloro che non avevano denaro e potere di competere in modo equo nella guerra dell’informazione con i governi e le società più potenti. Ma proprio come è vero per consentire a Internet di essere convertito in uno strumento di coercizione e sorveglianza di massa, niente ha fegato che prometta, quel potenziale, come il potere di padroni aziendali e monopolisti irresponsabili di regolare e sopprimere ciò che può essere ascoltato .

Come chiarisco nel mio libro Battlefield America: The War on the American People , questi censori di Internet non agiscono nel nostro migliore interesse per proteggerci da pericolose campagne di disinformazione. Stanno gettando le basi per prevenire qualsiasi idea “pericolosa” che potrebbe sfidare la morsa dell’élite del potere sulle nostre vite.

Pertanto, è importante riconoscere la prigione del pensiero che si sta costruendo intorno a noi per quello che è: una prigione con una sola via di fuga: libertà di pensiero e libertà di parola di fronte alla tirannia.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando

Illustrazione di ktsdesign / Shutterstock

Il mondo infestato dagli alieni

Schermare l’ipotesi di un oggetto alieno di un animale domestico suggerendo che non viene preso sul serio a causa di un difetto nel modo in cui facciamo scienza è giocare un gioco falso con i fatti.

Sapete che ci sono molti scienziati che dedicano la loro vita lavorativa a tracciare abilmente le parti più modeste del nostro sistema solare, parti che probabilmente nessuna delle nostre specie vedrà mai da vicino? Pezzi che, individualmente, sono semplici puntini nella nuvola di milioni di avanzi planetari così primordiali che circondano il nostro sole. O sei consapevole che c’è chi passa giorno dopo giorno a lottare per misurare e decodificare le straordinarie danze orbitali di esopianeti irraggiungibili, o per rilevare e interpretare i delicati spettri che rivelano la composizione di atmosfere aliene a decine di trilioni di miglia di distanza?

Se non loro, allora che dire di coloro che, per decenni, hanno affrontato alcune delle domande più scoraggianti sul fenomeno che chiamiamo vita stessa, incluso come è iniziata qui sulla Terra miliardi di anni fa, e come potrebbe essere iniziato in qualsiasi altro luogo in il cosmo? E riesci a ricordare che ci sono scienziati devoti e di talento che perseguono la squisita possibilità che da qualche parte ci siano menti aliene che inviano segnali strutturati e ricchi di informazioni, o ripropongono i loro ambienti in modi in cui noi, altri frammenti di vita pensante, potremmo essere in grado di individuare attraverso il vuoto spalancato dello spazio interstellare?

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando.

Se potessi rispondere di sì a una di queste domande, ben fatto. Sei un cittadino ben informato del pianeta Terra, consapevole dei continui sforzi dell’umanità per dare un senso alla natura della realtà. Se, d’altra parte, non potessi rispondere affermativamente, forse non sbatteresti un occhio davanti ad articoli di giornale o titoli televisivi chiedendoti perché (oh perché?!) gli scienziati non si assumeranno il compito di “cercare alieni”. “Più seriamente? O articoli che insistono su quanto sia conservatrice la scienza quando si tratta di “pensare fuori dagli schemi”, specialmente se l’argomento è stato abusato così tante volte nel corso dei secoli letteralmente che i ricercatori ora hanno poca scelta se non quella di applicare estrema cura e cautela.

Se al momento non siete al corrente delle vostre notizie scientifiche, mi riferisco a una recente raffica di parole e opinioni che sono state, in parte, innescate dalla pubblicazione del libro Extraterrestrial dell’astrofisico teorico Avi Loeb, in cui egli tenta di dimostrare che un recente oggetto interstellare che attraversa il nostro sistema solare (l’oggetto ‘Oumuamua) potrebbe essere stato un pezzo di tecnologia, presumibilmente anche una vela leggera che rotola da un’astronave aliena, piuttosto che un pezzo di roccia ghiacciata e gas. Loeb scrive anche di come la scienza a volte possa essere eccessivamente conservatrice, indirizzando le sue lamentele in particolare sulla reticenza di elevare la questione della vita aliena a un posto più prominente nelle nostre ipotesi su ciò che vediamo nell’universo che ci circonda.

Ma basta aver trascorso un po ‘di tempo di recente nei corridoi delle chiamate scientifiche Zoom o sui social media per vedere l’infelicità espressa da molti ricercatori su tutto questo. Quell’infelicità raggiunge un livello rovente ogni volta che viene pubblicato un nuovo pezzo d’opinione che riprende questo particolare filo. Più recentemente (almeno mentre scrivo questo), è l’apparizione sul New York Times di un articolo di opinionecon il titolo “Gli alieni devono essere là fuori: perché non li cerchiamo?”, scritto dall’editorialista Farhad Manjoo. Penso che sia giusto dire che il tono del titolo, suggerendo erroneamente che la vita aliena esiste perché pensiamo che debba e che non stiamo prestando attenzione, riflette gran parte della spinta del contenuto. Raggiungendo un apice di sorta quando il pezzo usa i pensieri di Loeb sull’argomento per ammonire la scienza e le agenzie di finanziamento della scienza, per la loro “chiusura mentale” e “scetticismo riflessivo” quando si tratta di considerare cose esotiche (sì, aliene) nel mix per spiegare fenomeni cosmici nuovi o inaspettati. 

Ciò che è così incredibilmente deludente per uno scienziato come me e per tanti miei colleghi in discipline correlate – dall’astronomia alla scienza planetaria, all’astrobiologia – è che non ci sono altre voci rappresentate in questo tipo di scrittura. Nessun frammento o citazione dalle centinaia di scienziati che sono gli esperti mondiali su questioni come ‘Oumuamua, o altri oggetti extraterrestri, dagli asteroidi alle comete a (sì) blocchi interstellari, o alla Ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI), o esopianeti, o in effetti la stessa ricerca delle cosiddette firme tecnologiche che viene menzionata fugacemente. E questo articolo non è affatto l’unico in quella strana incompletezza, dove la “due diligence” sembra essere uscita dalla finestra.

In realtà ci sono persone che pensano a tutte queste domande scientifiche, settimana dopo settimana. Scavano montagne di dati e sudano sangue per comprendere la delicata natura delle misurazioni astronomiche e della strumentazione. Costruiscono veicoli spaziali per andare in altri mondi, così come asteroidi e comete, finanziati da agenzie nazionali come NASA, ESA, JAXA, CNSA e altre. Queste persone sono entusiaste e motivate, motivate proprio da questi stessi enigmi extraterrestri: siamo soli? Da dove veniamo noi o qualsiasi altra vita?

Questi scienziati, inclusi quelli come la straordinaria Jill Tarter, una delle forze motrici e delle voci dietro SETI negli ultimi 40 anni, hanno spinto i loro strumenti e le loro abilità ai limiti assoluti nella ricerca di prove di vita extraterrestre. Spesso di fronte a un intenso scetticismo. Nonostante questo sforzo, non ci sono state prove fino ad oggi di vita extraterrestre. Ma questa mancanza di prove non è dovuta al fatto che l’impresa scientifica è uniformemente conservatrice, rigida e di vedute chiuse, come suggerito da Loeb e ripreso acriticamente da alcuni editorialisti. È perché nessuna scoperta o evento è salito al livello in cui è inspiegabile in qualsiasi altro modo. Potrebbero maggiori finanziamenti e sostegno cambiare questa storia? Forse, ma lo stesso si potrebbe dire per quasi ogni altra ambiziosa impresa scientifica, e la risposta non può essere conosciuta in anticipo.

Una proposta secondo cui un fenomeno come ‘Oumuamua è un artefatto alieno incontrerà sicuramente un respingimento. Ma questo respingimento è fondato. È il risultato del vasto lavoro di esperti scientifici proprio su questo tipo di visitatore interstellare. I nostri modelli di formazione di stelle e pianeti hanno a lungo ipotizzato l’esistenza di residui di materiale solido (planetesimi) che potrebbero trascorrere eoni spostandosi attraverso lo spazio interstellare. Hanno delineato come un intruso come ‘Oumuamua sarebbe una straordinaria scoperta. Ma sarebbe una scoperta sbalorditiva che riflette i processi naturali; serbatoi di questi planetesimi – già suggeriti dalla luce nebbiosa vista intorno ad alcune altre stelle – che possono essere espulsi e dispersi nello spazio interstellare in quantità che possono essere perfettamente coerenti con le possibilità che il nostro sistema solare venga visitato da uno.Proprio per questo un’agenzia come l’ESA sta sviluppando il proprioComet Interceptor Mission, per essere pronti a inseguire futuri visitatori interstellari.

Fonte: https://nautil.us/blog/the-alien_haunted-world

®wld

A-L-E-X-A … PARLA CON IL CINQUE GI

LA GABBIA DEL CINQUE GI – IL DOCUMENTARIO DI JAMES CORBETT [VIDEO]

Sinossi del documentario di James Corbett -The 5G Dragnet- tradotta in Italiano

Le società di telecomunicazioni si sono lanciate nell’implementazione della tecnologia cellulare di quinta generazione. Ma il mondo del 5G è un mondo dove tutti gli oggetti sono connessi tra loro e continuamente scambiano dati. L’oscura verità è che lo sviluppo di reti 5G e la moltitudine di prodotti connessi che vedremo nascere nelle infrastrutture delle città smart globali, rappresenta la più grande minaccia alla libertà della storia umana.

James Corbett

Introduzione di Giulio Bona, traduttore e doppiatore del documentario:

James Corbett, Canadese di nascita, Giapponese di adozione, giornalista indipendente, analizza molto lucidamente l’attuale stato di questa nuova tecnologia, che si sta sviluppando ultimamente. Mai nella storia c’è stata una repulsione così diffusa tra il popolo, ed alla stessa misura una così grande ostinazione da parte delle multinazionali, per l’implementazione di una tecnologia così inutile, frivola, nociva per la salute, e soprattutto, che distrugge la libertà e la privacy degli individui.

In un mondo dove il cancro ed i tumori sono tra le cause più diffuse di morte, e dove è anche ultra risaputo che le radiazioni sono tra le maggiori cause di queste malattie, oggi ci stiamo impegnando in una saturazione completa dell’etere di onde e radiazioni. Il 5G porterà questo e molto altro, e senza un motivo o un bisogno apparente di questa tecnologia.

Il motivo per molti definiti “complottisti” è la costruzione di un’infrastruttura che raccoglierà costantemente dati in tempo reale sulla normale vita delle persone, questi dati verranno poi trattati dalle raffinatissime intelligenze artificiali, le quali potranno estrarre profili accurati e prevedibili delle persone comuni. Queste informazioni poi chissà dove vengono portate, come vengono elaborate, o chi, magari tra i servizi di intelligence, prende vantaggio da queste stesse informazioni.

Potere prevedere o controllare le persone nella propria intimità è il sogno proibito di tutti i tiranni della storia, probabilmente essi stessi credono che nella storia abbiano sempre fallito perché non potevano prevedere le mosse del popolo così nel dettaglio, così da vicino, se solo avessero potuto…

Be’, oggi si può! La tecnologia di oggi ce lo consente. E questo non è “complottismo”, è un semplice dato di fatto.

Ed io mi chiedo… Ma quale potrebbe essere il motivo primario per questa ostinazione, investimenti e sforzi per: installare decine di migliaia di sensori e trasmettitori, allacciarli tutti a delle strutture centralizzate di raccolta dati, mandare in orbita migliaia di nuovi satelliti, mandare una marea di pubblicità, coinvolgere i politici, trattare con leggerezza o volutamente ignorare gli studi sulla salute, mentire nei progetti dei nuovi dispositivi installando dispositivi nascosti e miniaturizzati dentro di essi (la dottoressa Shoshana Zuboff ha fatto uno splendido studio su questo), inondare il mercato di suddetti dispositivi, stanziare miliardi e spenderli tutti, stanziare altri miliardi e spenderli tutti, corrompere, avere gente nei posti chiave delle autorità di controllo preposte a proteggere il pubblico… è veramente uno sforzo MASTODONTICO per avere i telefonini che vanno più veloce o per fare in modo che il frigo ordini da solo la birra quando sta per finire!

Corbett si focalizza poco sull’aspetto della salute, lui si preoccupa molto di più di ciò che riguarda sia le libertà individuali che la semplice privacy. Tutti i dati raccolti da questi oggetti smart, se usati impropriamente possono diventare letteralmente un incubo distopico per le persone. L’aspetto della salute non va sottovalutato, ma se in futuro queste compagnie ed entità che stanno spingendo per questo, riusciranno a rendere questa tecnologia innocua per quanto riguarda la salute, non ci sarà più alcuna scusa per non fare un uso selvaggio di essa che avvantaggierà solo coloro che sono al potere.

Le persone crederanno di usare queste tecnologie ma sarà l’esatto contrario, queste tecnologie sfrutteranno le persone come risorse. Ma poniamoci anche un’altra domanda: coloro che possiedono oggi queste tecnologie sono davvero meritevoli della nostra fiducia?

Crediamo davvero che Google o Facebook o qualunque società di comunicazione, applichi alcuna etica nelle loro politiche aziendali? Sono compagnie private che (per statuto) vogliono 2 cose: tendere al monopolio sul mercato e fare soldi.

Questo è troppo potere persino nelle mani delle entità pubbliche statali, che in tanti esempi nella storia hanno abusato del proprio potere a discapito del popolo. Figuriamoci se in mano di compagnie private il cui unico scopo è soffocare la concorrenza e riempirsi le tasche. Non credo sia complottismo avere sfiducia di queste entità sia statali che private, ritengo sia molto ingenuo ed incosciente pensare il contrario, historia docet.

La previsione di Corbett è che se questa tecnologia sarà implementata, funzionerà esattamente come una rete da pesca che intrappola le sue prede mentre viene trascinata in mare. In lingua Italiana ho pensato che la “Gabbia”, che si chiude sulla sua preda, fosse una figura retorica equivalente e della stessa efficacia.

Ricordate che la preda viene sempre attratta dentro la gabbia da luci e suoni magici… e bellissimi… e che la preda siamo noi.

Buona Visione.

FONTE

Pubblicato su: https://www.nogeoingegneria.com/

®wld

Benvenuti a Venezia, in un mondo post covid dove ti stanno guardando, ovunque tu vada

Venezia osserva ogni mossa dei turisti

Di: Julia Buckley, CNN
(CNN) – Ti stanno guardando, ovunque tu vada. Sanno esattamente dove ti fermi, quando rallenti e acceleri, e ti contano dentro e fuori dalla città.
Inoltre, stanno monitorando il tuo telefono, in modo che possano dire esattamente quante persone del tuo paese o regione si trovano in quale area e in quale momento.
E lo stanno facendo nel tentativo di cambiare il turismo in meglio.
Benvenuti a Venezia in un mondo post-Covid. La città canale potrebbe essere stata conosciuta come La Serenissima, o La Serenissima, durante i suoi secoli governando le onde come potente Repubblica di Venezia.
Negli ultimi anni, però, le cose sono diventate un po’ meno serena, grazie ai quasi 30 milioni di visitatori che ogni anno scendono sulla città di appena 50.000 abitanti.
Prima che il Covid-19 colpisse, i turisti arrivavano in numero spesso ingestibile, soffocando le strade principali e riempiendo i vaporetti. Le autorità avevano tentato varie misure, dall’introduzione di linee separate per i residenti alle principali fermate del vaporetto (vaporetto) all’introduzione di tornelli che avrebbero filtrato i turisti nei giorni di punta. Una prevista “tassa di ingresso”, prevista per il debutto nel 2020, è stata posticipata a gennaio 2022 , a causa della pandemia.
Ma oltre a controllare il passaggio, le autorità volevano monitorare il turismo stesso – non solo registrando gli ospiti durante la notte ma, in una città in cui la stragrande maggioranza dei visitatori sono escursionisti, contando esattamente chi è in città – e dove vanno.
Entra nella sala di controllo di Venezia.

Una ‘torre di controllo’ all’avanguardia

La sala di controllo registra tutto, dal livello dell’acqua ai principali percorsi che le persone stanno percorrendo in città. Julia Buckley

Sull’isola del Tronchetto, accanto al ponte di due miglia che separa Venezia dalla terraferma italiana, è stata inaugurata nel settembre 2020 la Sala di Controllo. Ex magazzino abbandonato dagli anni ’60, fa parte di una nuova sede della polizia cittadina e governo – una “torre di controllo” autodefinita per la città.
L’edificio ha uffici per il sindaco, altri dignitari e una grande sala TVCC, con telecamere che trasmettono immagini da tutta la città, sorvegliate dalla polizia.
Fin qui tutto normale. Ma poi, dall’altra parte del corridoio, c’è la Smart Control Room, un’altra banca di schermi con immagini e informazioni che arrivano in diretta da tutta la laguna. Tuttavia, non vengono monitorati per il crimine; stanno fornendo informazioni alle autorità che creeranno un profilo delle orde di persone che visitano Venezia. La speranza è che la raccolta delle informazioni non solo tenga traccia dei passi ora, consentendo alle autorità di attivare i tornelli e iniziare a far pagare per l’ingresso nei giorni di punta. Alla fine, sperano che i dati contribuiranno a creare un piano di turismo più sostenibile per il futuro.

Come monitorare il turismo

Una simulazione delle principali arterie percorse in città. Julia Buckley

“Questo è il cervello della città”, dice Marco Bettini, condirettore generale di Venis, la società tecnologica e multimediale con sede a Venezia che ha costruito il sistema.
“Sappiamo in tempo reale quante persone ci sono in ogni parte [della città] e da quali paesi provengono”.
Fa clic sul feed video del Canal Grande – l ‘”autostrada” di Venezia, come la chiama lui – per osservare il traffico.
“C’è un’enorme pressione del traffico qui”, dice. I vaporetti pubblici, le barche che consegnano merci, i taxi, i residenti che sfrecciano sulla “strada” con le loro barche private e, naturalmente, quelle famose gondole – stanno tutti spingendo per lo spazio sul Canal Grande. Senza corsie designate, può essere un libero per tutti.
Ma il nuovo sistema non solo registra cosa sta succedendo; analizza il traffico, riconoscendo i diversi tipi di imbarcazioni, dalla gondola al “topo”, essenzialmente un water-truck. Quindi memorizza i numeri. E corrisponde anche agli orari dei trasporti pubblici, registrando se un vaporetto è in ritardo e, in tal caso, di quanti minuti.
I lavoratori possono anche attivare una “macchina del tempo” per guardare indietro – finora, ad esempio, ci sono state più di 1.000 barche che passavano sotto il ponte principale di Piazzale Roma, il principale punto di ingresso della città.
Tuttavia, sono i numeri dei pedoni che interessano di più le autorità che esaminano i modelli di turismo. Il sistema non solo conta i visitatori in prossimità delle telecamere poste in giro per la città, ma, in collaborazione con TIM (Telecom Italia, il più grande operatore di telecomunicazioni in Italia), analizza chi sono e da dove provengono.
In questo giorno d’inverno, prima che il Veneto entrasse in un altro semi-blocco, ad esempio, finora, 13.628 persone sono entrate a Venezia e 8.548 sono uscite. Nell’ora dopo le 7 del mattino, 1.688 persone sono arrivate a Piazzale Roma (la porta della città su strada e tram) – i pendolari.
Alle 10, gli arrivi hanno raggiunto il picco di 2.411: molto probabilmente gli escursionisti.

Monitoraggio dei visitatori per paese e area

Le autorità sperano che il monitoraggio dei visitatori li aiuti a capire meglio il flusso di turisti. Julia Buckley

Le autorità possono vedere da dove provengono questi nuovi arrivati ​​analizzando i dati del telefono (le informazioni sono tutte aggregate automaticamente, quindi non è possibile raccogliere dati personali).
Secondo Bettini ci sono 97 persone nell’area intorno a Piazza San Marco questo sabato pomeriggio, di cui solo 24 non italiane.
E fino ad oggi le persone nell’area sono state 955, di cui 428 provenienti dall’estero. Dei 527 italiani, solo 246 sono residenti a Venezia (se un cellulare è regolarmente registrato in città, viene conteggiato come residente).
“Come puoi vedere, il numero di escursionisti – è elevato”, dice Bettini. Questa è un’informazione cruciale, perché questi turisti “mordi e fuggi” di solito sono accusati di causare il maggior danno alla città in difficoltà. Tendono ad arrivare da altre parti d’Italia – spesso dalle località balneari in una giornata di brutto tempo – e raramente spendono soldi, portando il proprio cibo e mangiando picnic illeciti sui ponti e sul lungomare. Ma dal momento che non pernottano, non possono essere contati dalle autorità – fino ad ora.
Contare gli escursionisti e monitorare dove tendono a visitare e quali strade prendono, potrebbe essere cruciale per una città che ha fatto ricorso a chiudere le sue arterie principali ai non locali nei periodi di punta nel tentativo di diffondere le persone in tutta la città.
Come afferma Valeria Duflot, co-fondatrice di Venezia Autentica un’impresa sociale online che si occupa di turismo sostenibile: “Il problema non è che Venezia ha troppi visitatori. Il problema è che tutti i visitatori vanno negli stessi due luoghi: Piazza San Marco e il Ponte di Rialto”.

Di dove sei?

Lavorando con un operatore telefonico, le autorità possono risalire alla provenienza di coloro che si trovano attualmente in città. Julia Buckley

Gli italiani vengono registrati in base alla regione in cui vivono. Degli stranieri, il sistema si scompone da dove provengono (i dati si basano su dove è registrato il loro cellulare, quindi molto probabilmente il loro paese di origine) e li visualizza come barre su un mappa sulla città – una rappresentazione grafica del sovraffollamento in tempo reale, con colori che vanno dal bianco al rosso man mano che i numeri aumentano.
Oggi, il 36% dei visitatori stranieri è tedesco, seguito da svizzeri (16%) e britannici (13% – questa visita è avvenuta prima che la nuova variante britannica vedesse i viaggiatori britannici banditi dall’Italia). Solo l’1,312% dei visitatori proviene dagli Stati Uniti, anche se, dato che i viaggiatori americani sono ancora banditi dall’Unione Europea, è una sorpresa che sia anche così tanto.
E oggi a Venezia sono state registrate 85.000 persone. Un numero molto maggiore, 177.000, sono stati a Mestre, sulla terraferma. Sulle isole – dove luoghi come Burano e Murano sono frequentati dai turisti – ci sono 5.700 persone, questo sabato pomeriggio.
C’è molto di più su cui le autorità tengono sotto controllo: la velocità con cui le persone si muovono in luoghi come Piazza San Marco (inizia a correre e la macchina ti evidenzia), i livelli di marea in tutta la laguna (cruciale per monitorare le inondazioni dell’acqua alta e determinare quando nuove barriere contro le piene del Mose dovrebbero essere innalzate).
Ci sono voluti tre anni per costruire il sistema, al costo di 3 milioni di euro (3,5 milioni di dollari). E sebbene alcuni potrebbero criticare le implicazioni sulla privacy (sebbene non vengano registrati dati personali, tu e la tua provenienza venite essenzialmente registrati mentre vi spostate per la città), le autorità sono molto orgogliose.
“Nel 2021, Venezia festeggia il suo 1.600 ° anniversario”, afferma Bettini. “E festeggeremo con la tecnologia”.
Fonte: https://edition.cnn.com/travel/article/venice-control-room-tourism/index.html

Le radici del Piano COVID – del cartello IG Farben

fonte

di Jon Rappoport dal sito web NoMoreFakeNews

La conoscenza di un crimine in corso all’interno di una società si trasforma in una cospirazione del silenzio, condivisa da molti dipendenti

Ma mentre sali la scala aziendale, QUALCUNO non solo lo sa, ma INTENDE continuare a commettere il crimine. Questa è la mia conclusione, dopo 30 anni di indagini su comportamenti medici criminali, compreso l’omicidio di massa.

Ecco uno sfondo profondo, che illumina l’attuale ruolo di leader farmaceutico nella frode e nella devastazione COVID:

Nel 1933, il più grande cartello del mondo, IG Farben, ha permesso l’ascesa al potere di Hitler.

Farben:

prodotti farmaceutici, coloranti, prodotti chimici, sintetici …

Durante la seconda guerra mondiale, Farben fece spedire prigionieri da Auschwitz alla sua struttura vicina, dove furono condotti su di loro terribili esperimenti medico / farmaceutici.

Per i resoconti, leggi The Devil’s Chemists – 4 Conspirators of the International Farben Cartel who Manufacture Wars , di Josiah DuBois , e The Crime and Punishment of IG Farben , di Joseph Borkin . Alla fine della guerra, i dirigenti di Farben furono processati e, nonostante gli sforzi di Telford Taylor , il procuratore capo degli Stati Uniti e il procuratore aggiunto, Josiah DuBois , le condanne emesse furono lievi …

Ad esempio, Fritz Ter Meer,

un dirigente di alto rango della Farben, fu processato per omicidio medico di massa e schiavitù, e condannato a irrisori sette anni di carcere.

È stato rilasciato dopo tre anni e ha ricoperto la carica di presidente del comitato consultivo della Bayer, un “ramo sull’albero” della IG Farben.

C’erano chiare ragioni per condanne leggere per i dirigenti di Farben.

Primo, la ricostruzione dell’Europa era vista come un baluardo contro l’aggressivo comunismo sovietico.

I criminali di guerra di Farben erano “necessari” per organizzare la nuova Europa.

Ancora più importante, stava nascendo un mondo completamente nuovo e le mega-corporazioni e i cartelli erano al centro di esso.

Sarebbero i motori che guidano l’economia globale e controllano le risorse naturali del pianeta.

Era il colonialismo con una faccia diversa, la Compagnia delle Indie Orientali che si basava sulla tecnologia e sull’industria e una portata planetaria al di là di qualsiasi cosa mai tentata.

Così i magnati di Farben, e quelli come loro, erano visti da molti come progettisti altamente competenti della nuova “pace e prosperità”.

E oh sì … c’era una terza ragione per cui i dirigenti della Farben se la passavano così alla leggera.

I loro potenti partner del cartello in tutto il mondo volevano continuare rapporti proficui con questi fratelli nazisti …

Alcuni dei partner internazionali altamente influenti:

Si potrebbe dire che, dopo la guerra, l’emergente colosso farmaceutico globale era una reincarnazione del modello Farben:

  • profitto prima della sicurezza
  • sperimentazione medica letale oltre ogni limite legale
  • l’uso di farmaci / vaccini come mezzo di controllo

Quel modus operandi è sopravvissuto fino ad oggi e ha prosperato oltre le previsioni. Ha anche danneggiato, distrutto e ucciso molte più persone di quanto il nazista Farben avesse sognato.

Ho spesso citato la recensione della dottoressa Barbara Starfield del 26 luglio 2000 sul Journal of the American Medical Association ,

La salute degli Stati Uniti è davvero la migliore al mondo?”

Starfield ha affermato in modo conservativo che ogni anno,

il sistema medico statunitense uccide 106.000 persone per somministrazione diretta di farmaci approvati dalla FDA . Questo si traduce in più di un milione di morti ogni decennio.

E non stiamo nemmeno parlando degli altri milioni di persone gravemente mutilate.

Né i vaccini fanno parte di questa stima.

L’orribile programma medico è una diretta continuazione del piano IG Farben.

E ora abbiamo la frode chiamata COVID-19 …

L’uccisione – dei fragili e degli anziani – passa attraverso la terrificante diagnosi della “malattia pandemica”, più l’isolamento forzato dalla famiglia e dai propri cari.

Nessun virus necessario …

La mutilazione e l’uccisione arrivano anche con la somministrazione del farmaco tossico preferito, Remdesivir, e l’uso di ventilatori respiratori più sedazione …

In un ampio studio di New York ( Presenting Characteristics, Comorbidities, and Outcomes Among 5700 Patients Hospitalised with COVID-19 in the New York City Area – by JAMA), il tasso di mortalità tra i pazienti anziani sottoposti a ventilatori è stato uno sbalorditivo 97,2%. Le carcerazioni COVID giustificate dal punto di vista medico hanno devastato milioni di vite. Questo pubblico prigioniero è ora sottoposto al più grande esperimento medico della storia:

la somministrazione di un vaccino che è stato approvato rapidamente e utilizza una tecnologia RNA mai approvata per uso pubblico prima – a causa dei suoi pericoli …

Il vantaggio principale di questo vaccino va al moderno Farben nexus delle aziende farmaceutiche:

La tecnologia RNA, finalmente approvata, consente una produzione molto più rapida, semplice ed economica di vaccini e farmaci …

Pertanto, i ricercatori possono affermare di scoprire dozzine di “nuovi virus” che richiedono vaccini.

Dai test alla produzione di massa di vaccini … questione di pochi mesi, non anni …

Gravi reazioni avverse ai nuovi vaccini COVID si stanno accumulando … all’ultimo conteggio, un 3% riferito di coloro che hanno ricevuto i colpi.

Puoi FACILMENTE moltiplicarlo per un fattore dieci per ottenere un’immagine più accurata.

Funzionari della sanità pubblica e capi di governo scriveranno queste reazioni come “malattia COVID” e continueranno a promuovere il vaccino sperimentale – e avvertiranno che il rifiuto diffuso di prendere i colpi porterà alla necessità di nuovi livelli di carcerazione.

L’intero programma di distruzione – dalla seconda guerra mondiale in poi – in realtà dal 1910 e dal famigerato rapporto Flexner – è stato mirato a,

indebolendo le popolazioni, rendendole più facili da controllare

L’intero programma è stato intenzionale, ai massimi livelli.

L’amministrazione in corso del programma è stata essenzialmente portata avanti da ignoranti, ciechi, persone con il lavaggio del cervello, codardi, che formano una vasta burocrazia senza volto che assomiglia alla struttura della macchina nazista:

“Stavo solo eseguendo gli ordini …”

Ma ancora una volta, ai massimi livelli, è intenzionale.

Guerra con altri mezzi …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/sociopolitica2/sociopol_igfarben10.htm

**************************************

®wld

Un nuovo satellite può scrutare all’interno degli edifici, di giorno o di notte

Un nuovo satellite può scrutare all’interno degli edifici, di giorno o di notte

La risoluzione è così nitida che puoi vedere all’interno delle singole stanze.

Dan Robitzski

Alcuni mesi fa, una società chiamata Capella Space ha lanciato un satellite in grado di acquisire immagini radar nitide di qualsiasi parte del mondo, con una risoluzione incredibile, anche attraverso le pareti di alcuni edifici.

E a differenza della maggior parte della vasta gamma di satelliti di sorveglianza e osservazione in orbita attorno alla Terra, il suo satellite Capella 2 può scattare un’immagine nitida durante la notte o il giorno, con la pioggia o con il sole.

“Si scopre che metà del mondo è di notte e metà del mondo, in media, è nuvoloso”, ha detto a Futurism il CEO Payam Banazadeh, ex ingegnere di sistema presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA. “Quando si combinano questi due elementi, circa il 75 per cento della Terra, in un dato momento, sarà nuvoloso, di notte o entrambe le cose. È invisibile per te e quella parte si sta muovendo.”

Mercoledì, Capella ha lanciato una piattaforma che consente ai clienti governativi o privati ​​di richiedere immagini di qualsiasi cosa nel mondo, una capacità che diventerà più potente solo con l’implementazione di sei satelliti aggiuntivi l’anno prossimo. È inquietante dal punto di vista della privacy? Sicuro. Ma Banazadeh afferma che colma anche numerosi buchi nel modo in cui gli scienziati e le agenzie governative sono attualmente in grado di monitorare il pianeta.

“Ci sono molte lacune nel modo in cui stiamo attualmente osservando la Terra dallo spazio – la maggior parte dei sensori che usiamo per osservare la Terra sono sensori di imaging ottico”, ha detto. “Se è nuvoloso, vedrai le nuvole, non cosa sta succedendo sotto le nuvole. E se non c’è molta luce, sarà davvero difficile ottenere un’immagine che sia utile”.

Al contrario, Capella può scrutare attraverso la copertura nuvolosa e vedere altrettanto bene alla luce del giorno come nell’oscurità totale. Questo perché invece dell’imaging ottico, utilizza radar ad apertura sintetica o SAR.

Roswell International Air Center, Nuovo Messico. Immagini SAR fornite da Capella Space.

Il SAR funziona in modo simile a come i delfini ei pipistrelli navigano utilizzando l’ecolocalizzazione. Il satellite trasmette un potente segnale radio a 9,65 GHz verso il suo bersaglio, quindi raccoglie e interpreta il segnale mentre rimbalza in orbita. E poiché il satellite invia il proprio segnale anziché catturare passivamente la luce, a volte quei segnali possono persino penetrare attraverso il muro di un edificio, scrutando l’interno come la visione a raggi X di Superman.

“A quella frequenza, le nuvole sono praticamente trasparenti”, ha detto Banazadeh a Futurism. “Puoi penetrare nuvole, nebbia, umidità, fumo, foschia. Quelle cose non contano più. E poiché stai generando il tuo segnale, è come se stessi portando una torcia. Non ti importa se è giorno o notte.”

Capella non ha inventato la SAR. Ma Banazadeh afferma che è la prima azienda statunitense a offrire la tecnologia e la prima al mondo a offrire una piattaforma più accessibile per i potenziali clienti.

“Parte della sfida in questo settore è che lavorare con i fornitori di immagini satellitari è stato difficile”, ha spiegato. “Potrebbe essere necessario inviare un sacco di e-mail per scoprire come potrebbero raccogliere le immagini per te. In alcuni casi, potrebbe essere necessario inviare un fax.”

Un’altra innovazione, dice, è la risoluzione alla quale i satelliti di Capella possono raccogliere le immagini. Ogni pixel in una delle immagini del satellite rappresenta un quadrato di 50 centimetri per 50 centimetri, mentre gli altri satelliti SAR sul mercato possono scendere solo a circa cinque metri. Quando si tratta di discernere effettivamente ciò che stai guardando dallo spazio, ciò fa un’enorme differenza.

I paesaggi urbani sono particolarmente intriganti. I grattacieli spuntano dalla Terra come funghi spettrali e spigolosi e, se guardi attentamente, noti che puoi vedere direttamente attraverso alcuni di essi. Non sarai in grado di farlo sull’immagine qui sotto perché è troppo compressa, ma Banazadeh ha detto che l’immagine originale era così dettagliata che potresti controllare le singole stanze.

Tokyo. Immagini SAR fornite da Capella Space.

In questo momento, è la migliore risoluzione possibile con SAR. Non a causa dei limiti tecnologici – Capella spera di migliorare con i successivi lanci di satelliti lungo la strada – ma a causa della legge statunitense.

E, cosa interessante, quel limite di risoluzione è l’unico limite che la legge pone a servizi come quello di Capella. Finché l’azienda non migliora la risoluzione un pelo oltre quella che è ora, Banazadeh ha affermato che i suoi satelliti possono visualizzare qualsiasi parte del mondo richiesta da un cliente pagante, anche tecnicamente l’interno di una casa.

Quei clienti, ha spiegato, potrebbero essere agenzie governative che monitorano un militare ostile per il movimento o rintracciano un aeroporto per l’attività. È qui che entra in gioco quella visione che penetra nel muro. Banazadeh ha fornito l’esempio di un aeroporto in cui gli aerei nascosti sotto una tettoia sono diventati chiari come il giorno grazie ai satelliti SAR. I clienti potrebbero anche essere scienziati che scrutano attraverso le spesse nuvole della foresta pluviale amazzonica per monitorare la deforestazione, o persino investitori che controllano le catene di approvvigionamento globali.

Le possibilità abbondano. Addestra due satelliti SAR sullo stesso bersaglio e possono effettivamente visualizzare i bersagli in tre dimensioni fino a minime differenze di altezza. Banazadeh ha detto che un gruppo sta già usando quel trucco per misurare la quantità di petrolio immagazzinata in serbatoi di petrolio scoperti o quanto viene estratto da una miniera a cielo aperto in un dato giorno – e usando queste informazioni come proxy per il valore di vari prodotti. Ciò può anche aiutare le autorità a monitorare l’infrastruttura per possibili problemi di sicurezza: il SAR può monitorare quanto il terreno sopra un tunnel affonda nel tempo, ad esempio.

“Stiamo rendendo molto facile per le persone con ogni tipo di background interagire con un’azienda come noi, e questo inevitabilmente porterà più utenti che in precedenza non potevano accedere a questo mercato”, ha detto Banazadeh. “Questa è la nostra speranza.”

https://futurism.com/new-satellite-buildings-day-night

®wld

La tecnologia sta diventando decisamente inquietante

“Great Reset” Transhumanism: Merging Man & Machine
Immagine: HadelProductions / E + / Getty Images Plus

Transumanesimo “Great Reset”: fusione di uomo e macchina

 

Sotto il nuovo ordine mondiale immaginato dai fautori del “Great Reset” sostenuto dalle Nazioni Unite, gli esseri umani saranno fusi con macchine e tecnologia. Letteralmente. Forse la cosa più incredibile è che i globalisti di Deep State dietro gli sforzi stanno uscendo allo scoperto. In questi giorni, stanno apertamente e letteralmente proclamando la loro intenzione di abolire la proprietà privata della proprietà e persino di fondere microchip nel cervello delle persone che saranno in grado di leggere e manipolare i pensieri degli individui.

Proprio l’anno scorso, i piani spacciati sotto lo stendardo del “Great Reset” sarebbero stati liquidati come “folli teorie del complotto”. Oggi, i migliori globalisti come il capo del World Economic Forum Klaus Schwab, il capo delle Nazioni Unite (e leader socialista) Antonio Guterres, il leader del FMI Kristalina Georgieva e altri stanno strombazzando la loro agenda dai tetti. Anche i leader mondiali come il primo ministro canadese di estrema sinistra Justin Trudeau lo stanno facendo, nonostante gli sforzi frenetici dei falsi media per minimizzare il significato.

Come ha riportato The New American quest’estate, poco dopo che è stato svelato il programma del “Great Reset“, ci sono molti elementi nella trama. Tutto deve cambiare, dall’istruzione e dal business all’economia e alla governance globali, hanno dichiarato i sostenitori del Great Reset durante il vertice annunciando lo schema. Tuttavia, un settore che non ha ricevuto altrettanta attenzione è il piano per fondere gli esseri umani con la tecnologia con il pretesto di “migliorare” l’umanità.

Il capo del WEF Schwab, il principale marketer del Great Reset che ha recentemente pubblicato un libro con quel titolo, ha affermato che un elemento chiave del “reset” sarà la cosiddetta “Quarta rivoluzione industriale”. E in dichiarazioni molto pubbliche, ha spiegato cosa significa: fondere l’uomo con le macchine. “Ciò a cui porterà la quarta rivoluzione industriale è una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica”, ha spiegato Schwab in un discorso al Consiglio di Chicago per gli affari globali.

Schwab, il cui accento e comportamento lo fanno sembrare quasi una caricatura di un cattivo cattivo dei cartoni animati, nel 2016 ha persino scritto un libro sull’argomento intitolato Shaping the Future of The Fourth Industrial Revolution . In esso, l’intrigatore globalista spiega come gli incombenti cambiamenti tecnologici consentiranno ai governi di “intromettersi nello spazio fino ad ora privato delle nostre menti, leggere i nostri pensieri e influenzare il nostro comportamento”. 

“Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale non si fermeranno a diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi”, ha continuato Schwab. “In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello”.

Tra queste tecnologie ci sono “microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo”, ha spiegato Schwab. Questi “dispositivi impiantabili”, ha continuato Schwab, “probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone ‘integrato’ e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali”.

Ancora più inquietante, forse, è che Schwab abbia suggerito che queste tecnologie sarebbero state utilizzate dai governi per determinare chi può viaggiare e anche per scopi “pre-crimine”. “Man mano che le capacità in quest’area migliorano, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone”, ha spiegato, aggiungendo che le autorità potrebbero “Una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo.”

In un post sul sito web del WEF della parlamentare danese Ida Auken, la direzione e gli obiettivi di tutto questo transumanesimo diventano più chiari. “Benvenuti nell’anno 2030”, scrive Auken. “Non possiedo nulla”, inclusa una casa, e “non ho una vera privacy. No dove posso andare e non essere registrato. So che, da qualche parte, tutto ciò che faccio, penso e sogno è registrato. ” Ma la sua più grande preoccupazione sono coloro che si rifiutano di partecipare. 

“La mia più grande preoccupazione sono tutte le persone che non vivono nella nostra città”, spiega Auken, sottolineando che alcuni individui testardi si sono rifiutati di fondersi con le macchine. “Quelli che abbiamo perso per strada. Quelli che hanno deciso che fosse troppo, tutta questa tecnologia. Quelli che si sentivano obsoleti e inutili quando i robot e l’intelligenza artificiale hanno assunto gran parte del nostro lavoro. Coloro che si sono arrabbiati con il sistema politico e si sono rivoltati contro di esso”.

La spinta verso il transumanesimo e la fusione con i computer sta diventando particolarmente evidente nel sistema “educativo” in mezzo all’isteria che circonda COVID. Dallo spostare tutto online e mettere da parte gli insegnanti all’introduzione di intelligenza artificiale e algoritmi, la tecnologia sta diventando decisamente inquietante. Enormi aziende totalitarie come Google, che discrimina sfacciatamente cristiani e conservatori, sono attori chiave poiché raccolgono enormi quantità di dati sensibili sui bambini e manipolano palesemente il pubblico.

Il WEF, che sta guidando la spinta con l’aiuto delle Nazioni Unite e dell’FMI, è una potenza. Ogni anno riunisce miliardari e persino dittatori assassini di massa da tutto il mondo per promuovere il globalismo e la tecnocrazia con il pretesto di “aiutare” l’umanità. Naturalmente, tutte le principali società tecnologiche – Facebook, Alphabet, Microsoft e così via – sono intimamente coinvolte. Anche i miliardari marginali totalitari come George Soros sono attori chiave.

La spinta per il “Grande Reset” non è certo la prima volta che le élite hanno spacciato l’agenda transumanista. Al “Vertice mondiale del governo” del 2018 negli Emirati Arabi Uniti, i migliori globalisti e “leader mondiali” si sono riuniti per promuovere, tra gli altri temi chiave, la normalizzazione e la glorificazione dei “cyborg”. In effetti, la conferenza, che riunisce i massimi leader del governo e delle imprese, ha offerto un ruolo di primo piano a un autoproclamato “cyborg” di nome Neil Harbisson, il quale ha sostenuto che i governi devono facilitare la transizione ad almeno alcune persone che diventano “parte tecnologia, in parte umano.”

“Ho un’antenna che è impiantata nella mia testa, che mi permette di estendere la mia percezione della realtà oltre lo spettro visivo”, ha detto Harbisson, co-fondatore della Cyborg Society e della Transpecies Society che combattono per le persone che si “identificano” come non umano. “Riesco a percepire infrarossi e ultravioletti e ho anche una connessione Internet nella mia testa che mi consente di ricevere colori da altre parti del mondo o di connettermi ai satelliti in modo da poter inviare colori dallo spazio”.

L’anno prima, al Vertice mondiale del governo si sono riuniti i globalisti sotto una replica dell’“Arco di Baal”, un monumento al dio demone dei Cananei a cui si fa spesso riferimento nella Bibbia. Più di pochi commentatori lo hanno visto come un segno minaccioso.

A parte la fusione con macchine e tecnologia, le élite globaliste stanno anche spingendo per la modificazione genetica di tutto, compresi gli esseri umani. In effetti, il magnate di Microsoft Bill Gates ha apertamente spinto per tali schemi. Nel 2018, ha pubblicizzato la tecnologia di editing genetico in Foreign Affairs , il portavoce dell’organo globalista Deep State noto come Council on Foreign Relations. Più recentemente, ha celebrato i vaccini che alterano letteralmente il codice genetico di coloro che li ricevono.

Il movimento transumanista è stato ai margini, sotto il radar, per decenni. Alla fine degli anni ’90, l’economista svedese Nick Bostrom di Oxford e il “filosofo” britannico David Pearce hanno fondato la World Transhumanist Association. E più recentemente, nel suo libro Homo Deus, l’autore e storico israeliano Yuval Noah Harari ha anche spacciato l’idea che l’umanità sia sul punto di evolversi verso uno status divino attraverso la tecnologia. Alla fine, gli esseri umani sarebbero stati riprogettati utilizzando la modificazione genetica e “aggiornamenti” tecnologici.

“È molto probabile che, entro un secolo o due, l’Homo sapiens, come lo conosciamo da migliaia di anni, scomparirà”, ha detto recentemente Harari al Carnegie Council for Ethics in International Affairs. “Useremo la tecnologia per aggiornare noi stessi – o almeno alcuni di noi – a qualcosa di diverso; qualcosa che è molto più diverso da noi di quanto siamo diversi dai Neanderthal.” I media dell’establishment hanno ripetuto senza fiato la sua propaganda.

Naturalmente, il progresso del transumanesimo richiede la distruzione dei principi morali cristiani e la negazione delle verità fondamentali sull’umanità e sulla realtà rivelate nella Bibbia, hanno osservato gli analisti. In effetti, molti dei principali fautori del transumanesimo credono che il loro percorso verso la “vita eterna” implichi il caricamento della loro coscienza su un computer e la fusione con la tecnologia.

Uno degli esperti di spicco che si è espresso contro tutto questo è il dottor Miklos Lukacs de Pereny, professore di scienza e politica tecnologica presso l’Universidad San Martin del Perù. “La quarta rivoluzione industriale è letteralmente, come si suol dire, una rivoluzione trasformativa, non solo in termini di strumenti che utilizzerai per modificare il tuo ambiente, ma per la prima volta nella storia umana per modificare gli esseri umani stessi”, ha detto a LifeSiteNews, aggiungendo che credeva che l’isteria COVID-19 fosse stata progettata per consentire la trasformazione del Great Reset.

Anche se i leader mondiali ne parlano apertamente, in risposta a una reazione pubblica, i media falsi di estrema sinistra come il New York Times e la BBC sono attualmente impegnati in un frenetico “controllo dei danni”. Incredibilmente, stanno persino affermando falsamente che il Great Reset è una “teoria della cospirazione infondata”. Apparentemente lo scrittore del New York Times Davey Alba non ha familiarità con la definizione della parola cospirazione. Ha anche riferito dei suoi sforzi per infastidire le società di social media di Big Tech per censurare i commenti delle persone al riguardo.

Se i commenti sotto i suoi video su YouTube sono indicativi, il globalista Great Reset è meno popolare degli scarafaggi e dei pidocchi. Tuttavia, ciò non significa che il Deep State rinuncerà a cercare di far avanzare la sua agenda con lo slogan, che si adatta perfettamente alle Nazioni Unite e Biden, “Build Back Better” e agli schemi delineati nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. È fondamentalmente la stessa vecchia agenda del “Nuovo Ordine Mondiale”, completa con l’eliminazione della proprietà privata, della privacy, dell’autogoverno e degli stati-nazione, ora fusa con il transumanesimo. Coloro che apprezzano la verità, la libertà e l’umanità devono resistere.

Articoli Correlati:

UN-Backed “Great Reset” to Usher in New World Order

Creepy “World Government Summit” Targets America, Freedom

UN Agenda 2030: A Recipe for Global Socialism

In Davos, Globalists Hail Leadership of Communist Chinese Tyrant

Coronavirus: Deep State Assault on Economic Freedom

Establishment Pushing “Cashless Society” to Control Humanity

Review of Patrick Wood’s “Technocracy: The Hard Road to World Order”

At “World Government Summit,” Top Globalists Drop The Mask

World Government Summit Brings Together Top Globalists Under Baal’s Arch 

“Be Happy! That’s An Order!”

 

Fonte articolo: https://thenewamerican.com/

****************************************************

Leggi anche:  L’1% vs il 99%