Archivi tag: Tecnologia

Wi-Fi – 5G quello che devi sapere

5G: potenti onde millimetriche alle persone ovunque

Il tecnico Cell Tower emette l’allarme sui pericoli del 5G

di Phillip Schneider
Waking Times

Quasi nulla dimostra più chiaramente l’arroganza del governo e delle corporazioni rispetto all’implementazione del 5G, o ciò che il presidente Trump chiama “una corsa che dobbiamo vincere”.

I pericoli del 5G sono enormi e travolgenti poiché la nostra privacy, salute e libertà sono tutti a rischio a causa della tecnologia di quinta generazione. Mentre il nostro governo promuove i suoi benefici economici, medici, scienziati e persino meteorologi in tutto il mondo stanno suonando l’allarme per le implicazioni della tecnologia.

Ma di recente, un installatore di una torre cellulare, o un “scalatore di torri”, come lui stesso si definisce, ha iniziato a parlare del pericolo che il 5G rappresenta per la nostra salute.

Il suo video è diventato relativamente virale da quando è stato pubblicato a metà giugno e da allora ha seguito alcuni altri che parlano del 5G. Con le sue stesse parole, spiega quanto sia stata pericolosa l’installazione della tecnologia 4G.

“Se avvicini la radiofrequenza, surriscalda le molecole d’acqua nel tuo cervello, negli occhi e nei testicoli … Potresti renderti sterile o avere un mal di testa da spaccare per giorni, o, ho cucinato la parte superiore del mio cranio e mi ha lasciato inutile per il resto del giorno.”

Questo è solo con il 4G. Tuttavia, a causa della lunga lunghezza d’onda del 4G, l’unico vero danno che può essere fatto si verifica a distanza molto breve, a pochi metri dal punto di dispersione della torre cellulare.

Ricorda che la tecnologia 4G funziona entro un intervallo di circa 1,5 – 2,8 megahertz. Il 5G, d’altra parte, trasmette in frequenze di gigahertz, che è circa 1500 volte più intenso di ciò su cui si basa il 4G.

LEGGI: PROMINENTE PROFESSORE DI BIOCHIMICA – IL 5G È L’IDEA PIÙ STUPIDA NELLA STORIA DEL MONDO

Inoltre, i trasmettitori 5G non saranno costruiti in alto su una montagna fuori pericolo come le torri 4G. Saranno sistemati negli uffici, agli angoli delle strade, all’interno della tua auto e in casa. Gli effetti a lungo termine del 4G non sono ancora noti, ma il 5G ci porterà a un livello completamente nuovo di pericolo imminente per la nostra salute.

“Per non parlare di cosa farà al tuo cervello, ai tuoi occhi e ai tuoi testicoli o ovaie solo dal surriscaldamento che la radiofrequenza farà a distanza ravvicinata. Ma poiché è così potente, così compatto e fortemente irradiato, sarà letteralmente in grado di rompere i legami che tengono insieme le tue cellule – ed è così che arriveranno i tumori.”

Gli scienziati hanno anche parlato dei pericoli per la salute del 5G, sostenendo affermazioni. A giugno, un team di meteorologi ha scritto una lettera alla FCC specificando in dettaglio l’impatto che il 5G avrà sui sistemi informativi del NOAA. Sostengono che condividendo lo spettro radio con i gestori di telefonia mobile, si ritarderanno importanti informazioni salvavita sulle catastrofi naturali che potrebbero finire per costare molte vite in caso di emergenza.

Frank Clegg, ex presidente di Microsoft Canada, avverte anche dei pericoli del 5G in un panel che ha messo insieme per gli spettatori televisivi canadesi.

“[5G] richiede l’installazione di un’infrastruttura completamente nuova di migliaia di piccole antenne cellulari nelle città in cui verrà installata.” – Frank Clegg

Molti scienziati e medici concordano sul fatto che il 5G può rappresentare un grande rischio per la nostra salute.

“I sintomi più comuni includono mal di testa, affaticamento, ridotta capacità di concentrazione, acufene, irritabilità e insonnia. Anche gli impatti sul cuore e sul sistema nervoso sono fonte di grande preoccupazione.” – Dr. Riina Bray, Ingegnere Chimico, MD

“Alle frequenze più basse, gli scienziati prevedono danni agli occhi, perdita di popolazioni di insetti che sono già in declino, batteri resistenti agli antibiotici ed effetti fisiologici sul sistema nervoso e sul sistema immunitario”. – Dott. Magda Havas, Professore e Ricercatore, PhD

Se il 5G viene diffuso in tutto il paese, aumenterà drasticamente la vicinanza di potenti onde millimetriche alle persone ovunque, specialmente a quelle che vivono nelle città e nelle aree urbane.

Come ormai tutti sappiamo, il governo federale e le sue agenzie di regolamentazione non lavorano per il popolo. Questa non è una novità, ma dimostra che non possiamo fare affidamento sul governo per prendere decisioni importanti sulla nostra vita o per dirci la verità su grandi industrie come le telecomunicazioni.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

*****************************

Snowden afferma di non utilizzare il WiFi: ecco perché

di  NaomiBrockwell

Waking Times

Snowden ha detto questo:

Non userei il WiFi a casa, perché le mappe globali dell’ID univoco di ogni punto di accesso wireless, incluso il tuo, sono gratuite e costantemente aggiornate. Vorrei usare Ethernet; sì, Ethernet su un telefono.

Usi ethernet sul tuo telefono? Spiego perché non dovresti accendere il tuo router WiFi e perché non dovresti trasformare il tuo telefono in un hotspot. È scioccante quanto non sia sicuro la tua posizione.

Wigle.net offre una straordinaria risorsa per la mappatura WiFi. Rispettano inoltre la privacy di chiunque richieda la rimozione delle proprie informazioni dal database. Per rimuovere i record del punto di accesso dal loro database, inviare un’e-mail a: WiGLE-admin [at] WiGLE.net (includere BSSID (MAC) nelle richieste di rimozione).

Inoltre, aggiungi il tag ‘nomap’ o ‘optout’ al tuo SSID per impedire ad altri siti Web di tracciare la tua posizione.

ENORME grazie a tutti su Reddit e Twitter che hanno risposto alle mie domande al riguardo e all’articolo su osintcurio che è stato di grande aiuto!https://osintcurio.us/2019/01/15/trac…

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld  

Ultimo almanacco del 2019

Stop 5G, Sasco (ex IARC): “cellulari-tumori-bambini, un diritto sapere.” Arazi (PhoneGate): “ci ingannano da decenni.” CONVEGNO INTERNAZIONALE STOP5G – TERZAPARTE Leggi l’articolo QUI

************************

Non stupisce affatto scoprire che il personaggio di Greta Thunberg, simbolo dell’ambientalismo contemporaneo, è stato meticolosamente costruito fin dal primo giorno. Mentre si consuma il rito squallido di una sedicenne che impartisce lezioni nei contesti più variegati – dagli asili ai prestigiosi summit scientifici – i potenti della terra vengono spinti a dichiarare improbabili “emergenze climatiche” a fronte delle quali prendono provvedimenti ridicoli, che spesso si traducono nel versare un inutile, quindi dannoso obolo alle autorità climatiche internazionali. Leggi l’articolo intero QUI

************************

Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla nominati nella causa per decessi e lesioni di minori per il cobalto
I telefoni cellulari, i computer e altre tecnologie digitali, elettroniche e wireless richiedono ingredienti spesso chiamati “minerali di conflitto” per funzionare (vedere 1 , 2). Ci sono ragioni per cui vengono chiamati in questo modo: estrarre per loro è pericoloso, a volte mortale, e spesso coinvolge bambini sfruttati. 
Grazie ad Annie Kelly per le indagini e The Guardian per aver pubblicato i dettagli di un’altra tragica situazione che coinvolge i “minerali dei conflitti”: 
Continua QUI in lingua inglese
************************
Confermato: gli abortisti sono davvero i servi di Satana – guarda questo straordinario video che è stato BANNATO da YouTube

Un gruppo pro-vita noto come “Created Equal” ha pubblicato un nuovo potente documentario intitolato Abortion: A Doctrine of Demons che espone i molti legami inestricabili tra satanismo e industria dell’aborto.


AGGIORNAMENTO: Il video è stato vietato da YouTube, ma è stato pubblicato su Brighteon.com, l’alternativa vocale gratuita a YouTube. Vedi sotto… 

Leggi e guarda il video QUI in lingua inglese

************************

Falsa storia degli Stati Uniti: in che modo “l’eccezionalismo americano” nasconde la vergogna, crea stupidità e imperialismo pericoloso

Di S. Brian Willson

Premessa

La cultura e lo stato nazionale degli Stati Uniti d’America sono fondati sulla spossessiva e forte espropriazione degli altri. Potresti persino chiamarlo una versione precedente del fascismo: disumanizzazione istituzionale per profitto privato. È stato creato un mito o una grande menzogna che siamo un popolo eccezionale, che previene efficacemente apertamente l’importante sensazione di vergogna sociale e, a sua volta, blocca qualsiasi responsabilità o autentica indagine sulle nostre origini genocide costruite su terra e lavoro rubati, che ha ucciso milioni di persone impunemente.

Quindi, viviamo per fantasia della nostra superiorità, che funzionalmente ci rende stupidi, come in uno stupore. Applicando la regola dell’esclusione legale alla cultura in generale, gli Stati Uniti sono il “frutto dell’albero velenoso”, come con la maggior parte delle “civiltà”, fondate su terre e manodopera rubate con forza, quindi prive di validità morale o legale.

Leggi l’articolo in lingua inglese QUI

************************

************************

  

IL CASO DELLA GUERRA AMBIENTALE

Il paese di fronte ad uno scenario di conflitto bellico.

Di Marcos A. Peñaloza- Murillo

Gli sviluppi scientifici ed i progressi tecnologici possono essere usati per lo studio e per un uso pacifico dell’ ambiente naturale, traducendosi in risorse che favoriscono il benessere, la salute e la sicurezza internazionale dell’umanità (Golden & DeFelice- 2006) 

Dalla scoperta, nel 1946, di Irving Langmuir (Premio Nobel 1946) e di Vicente Schaefer, nel laboratorio della compagnia nordamericana General Eletric, che un pezzo di ghiaccio secco potrebbe creare una tormenta di neve virtuale, molti sono stati i tentativi di riprodurre la pioggia artificiale. Progetti come il Whitetop (Università di Chigago) a fine degli anni 50, il National Hail Research Experiment (Fondazione Nazionale per la Scienza, NSF), il Colorado River Basin Pilot Project (Ufficio Reclami) ed il Florida Area Cumulus Experiment I e II (Amministrazione Nazionale Atmosferica e Oceanica, NOAA) durante gli anni 60 e 70, sono stati portati avanti negli Stati Uniti per far piovere come risultato di iniezioni relativamente piccole di materiali chimici nelle nubi, come lo ioduro di argento (Kerr, 1982a, 1982bb, Lambright & Changnon, 1989). L’articolo continua QUI  

®wld

La rete 5G, come arma di capacità ad alta tecnologia

L’uso militare nascosto della tecnologia 5G

By Manlio Dinucci

Al vertice di Londra, i 29 paesi membri della NATO hanno concordato di “garantire la sicurezza delle nostre comunicazioni, incluso il 5G”. Perché questa quinta generazione di trasmissione mobile di dati è così importante per la NATO?

Mentre le tecnologie precedenti erano state perfezionate per creare smartphone sempre più avanzati, il 5G è progettato non solo per migliorare le loro prestazioni, ma principalmente per collegare sistemi digitali che necessitano di enormi quantità di dati per funzionare automaticamente. Le più importanti applicazioni del 5G non saranno destinate all’uso civile, ma al dominio militare.

Le possibilità offerte da questa nuova tecnologia sono spiegate dalle applicazioni di difesa della 5G Network Technology, pubblicate dal Defense Science Board, un comitato federale che fornisce consulenza scientifica al Pentagono –

“L’emergere della tecnologia 5G, ora disponibile in commercio, offre al Dipartimento della Difesa l’opportunità di sfruttare, a costi minimi, i vantaggi di questo sistema per le proprie esigenze operative”.

In altre parole, la rete commerciale 5G, costruita e attivata da società private, sarà utilizzata dalle forze armate statunitensi con una spesa molto inferiore a quella necessaria se la rete dovesse essere istituita con un obiettivo esclusivamente militare. Gli esperti militari prevedono che il sistema 5G svolgerà un ruolo essenziale per l’uso di armi ipersoniche – missili, compresi quelli con testate nucleari, che viaggiano a una velocità superiore a Mach 5 (cinque volte la velocità del suono). Per guidarli su traiettorie variabili, cambiando direzione in una frazione di secondo per evitare missili intercettori, è necessario raccogliere, elaborare e trasmettere enormi quantità di dati in pochissimo tempo. La stessa cosa è necessaria per attivare le difese in caso di attacco con questo tipo di arma – poiché non c’è abbastanza tempo per prendere tali decisioni, l’unica possibilità è fare affidamento sui sistemi automatici 5G.

Questa nuova tecnologia svolgerà anche un ruolo chiave nella rete di battaglia. Con la capacità di collegare simultaneamente milioni di ricetrasmettitori all’interno di un’area definita, consentirà al personale militare – dipartimenti e individui – di trasmettere l’un l’altro, quasi in tempo reale, mappe, foto e altre informazioni sull’operazione in corso.

Il 5G sarà anche estremamente importante per i servizi segreti e le forze speciali. Consentirà sistemi di controllo e spionaggio che sono molto più efficienti di quelli che usiamo oggi. Migliorerà la mortalità dei droni assassini e dei robot di guerra dando loro la capacità di identificare, seguire e colpire le persone sulla base del riconoscimento facciale e di altre caratteristiche. La rete 5G, come arma di capacità ad alta tecnologia, diventerà anche il bersaglio di attacchi informatici e azioni di guerra condotte con armi di nuova generazione.

Oltre agli Stati Uniti, questa tecnologia è in fase di sviluppo da parte della Cina e di altri paesi. Il disaccordo internazionale relativo al 5G non è quindi solo commerciale. Le implicazioni militari del 5G sono quasi del tutto ignorate, perché i critici di questa tecnologia, compresi molti scienziati, stanno concentrando la loro attenzione sui suoi effetti tossici per la salute e l’ambiente, a causa dell’esposizione a campi elettromagnetici a bassissima frequenza. Questo impegno è ovviamente della massima importanza, ma deve essere collegato alla ricerca sull’uso militare di questa tecnologia, finanziata indirettamente da utenti ordinari. Una delle sue maggiori attrazioni, che favorisce la diffusione degli smartphone 5G, sarà la possibilità di partecipare, in abbonamento, a giochi di guerra di impressionante realismo a diretto contatto con giocatori di tutto il mondo. In questo modo, senza accorgersene, i giocatori finanzieranno la preparazione alla guerra, ma questa volta sarà una vera guerra.

Questo articolo è apparso il 10 dicembre sul quotidiano italiano Il Manifesto. Traduzione: Pete Kimberley

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione.

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

Articolo correlato: Il 5G è arrivato nella Smart City di Milano

®wld

Bambini: come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia

 

Una nuova ricerca mostra cosa fa stare troppo tempo sullo schermo per lo sviluppo del cervello dei bambini

Di Alanna Ketler

In breve:

I fatti

Sono emerse ulteriori ricerche che dimostrano che troppo tempo sullo schermo può essere dannoso per lo sviluppo del cervello.

Riflettere su:

Come è cambiata l’infanzia per neonati e giovani adolescenti? Sono stati effettuati test di sicurezza adeguati sui nostri gadget preferiti? Dovrebbero essere ammessi a scuola?

Negli ultimi dieci anni circa, il modo in cui viviamo la nostra vita è drasticamente cambiato per molti di noi. Gli schermi (smartphone, tablet, computer, televisori) sono diventati parti integranti della nostra vita che non notiamo nemmeno quanta attenzione abbiamo prestato a questi dispositivi. Per impostazione predefinita, anche i bambini sono esposti a più tempo sullo schermo e le implicazioni di questo stanno finalmente emergendo. Una nuova ricerca mostra come più di due ore di schermo al giorno possano danneggiare l’integrità strutturale della materia bianca nel cervello dei bambini in età prescolare, danneggiando potenzialmente lo sviluppo delle loro abilità linguistiche e di alfabetizzazione.

Per favore, comprendi: l’intenzione di condividere queste informazioni non è di vergognare, giudicare o puntare il dito contro alcun genitore. Capisco che essere genitori è difficile e stressante e che a volte indossare un cartone animato o lasciarli giocare è ciò che serve per ottenere qualsiasi tipo di pausa per te stesso. Questo ha semplicemente lo scopo di aumentare la consapevolezza di un problema nella speranza di mitigare gli effetti dannosi.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di limitare l’uso per 2-5 anni a un massimo di un’ora al giorno di ciò che considerano “programmazione di alta qualità” e idealmente, guardandolo con loro per aiutarli nell’apprendimento e nella digestione del nuova informazione.

Oltre questo periodo di tempo ha il potenziale per danneggiare lo sviluppo del cervello dei bambini, secondo uno studio condotto da ricercatori del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. Quei bambini con una maggiore esposizione al tempo dello schermo avevano una “bassa integrità microstrutturale” della sostanza bianca del cervello, un’area collegata al linguaggio e alla funzione cognitiva.

Lo studio

Durante lo studio, che ha coinvolto 47 bambini di età compresa tra 3 e 5 anni, è stata utilizzata una tecnologia chiamata ScreenQ per tracciare il tempo dello schermo in conformità con le raccomandazioni AAP. I fattori studiati includevano l’accesso agli schermi, la frequenza e la durata dell’uso, il tipo di contenuto visualizzato e la presenza o meno di un adulto durante la visione e se il contenuto veniva discusso o meno con il bambino.

Più alto è il punteggio ScreenQ, più tempo si è verificato sullo schermo. Le scansioni MRI sono state utilizzate per valutare il cervello dei bambini. È stato rivelato che più tempo sullo schermo era dannoso per la materia bianca nel loro cervello.

“Anche se non siamo ancora in grado di determinare se il tempo sullo schermo causa questi cambiamenti strutturali o implica rischi a lungo termine per lo sviluppo neurologico”, ha dichiarato il dott. John Hutton, direttore del Centro di lettura e letteratura presso Cincinnati Children e autore principale dello studio in un comunicato stampa, “Questi risultati giustificano ulteriori studi per capire cosa significano e come impostare limiti adeguati sull’uso della tecnologia”.

Il tempo di visualizzazione è particolarmente dannoso per i bambini di età inferiore ai due anni e l’AAP raccomanda di evitare del tutto l’uso dei media digitali, ad eccezione delle chat video occasionali.

Evita o limita il tempo di schermatura per la salute dei bambini

Tieni presente che se questi schermi sono dannosi per la salute dei tuoi figli, è probabile che abbiano un impatto anche sui tuoi. I bambini imparano con l’esempio, a loro piace copiare ciò che fanno i loro genitori e gli altri adulti. Se sei costantemente al telefono o davanti alla televisione, i tuoi figli potrebbero sentirsi più inclini a imitare ciò che fai. Se ti vedono leggere un libro, uscire e rimanere attivo, è più probabile che sviluppino queste abitudini per se stessi.

Sono in corso ulteriori ricerche sulle potenziali implicazioni per la salute di troppo tempo sullo schermo, ma c’è già abbastanza per dimostrare che è possibile iniziare a monitorare e limitarlo ora. Non c’è bisogno di aspettare, questo gioverà solo a te e ai tuoi bambini! Immagina tutto il tempo di qualità che potrebbe essere speso se gli schermi non fossero parte integrante dell’immagine.

Non sono solo gli schermi a destare preoccupazione, ma anche ciò che li accompagna: troppo tempo sullo schermo equivale a troppo tempo trascorso a sedere, un potenziale danno agli occhi e una maggiore esposizione ai campi elettromagnetici (EMF).

Naturalmente la nostra società sta avanzando verso l’uso di sempre più tecnologia nelle nostre vite, tuttavia c’è un tempo e un posto per la tecnologia. Dobbiamo assicurarci di utilizzare la tecnologia e non viceversa. Anche se i tuoi figli sono più grandi, potresti prendere in considerazione attività senza schermo e periodi durante i quali sei presente insieme. Forse passare il tempo all’aperto, giocare a carte o giochi da tavolo, cucinare o cucinare, andare a nuotare: le possibilità sono infinite! Abbiamo appena dimenticato cosa facevamo prima che gli schermi prendessero il sopravvento, e non è nemmeno passato tanto tempo!

Articoli correlati:  

50 cose che potresti fare invece di fissare uno schermo


Sei dipendente da “The Scroll?” Questo è il momento di affrontare la dipendenza da smartphone e riprendere il tuo potere

Fonye Articolo: https://www.collective-evolution.com/ 

 ®wld

Lo tsunami elettromagnetico dell’Internet delle cose

E noi dovremmo fidarci di questi: colosso del 5G ammette corruzione e tangenti ai politici di mezzo mondo (sono quelli che non vogliono studi sulla salute) 

di Maurizio Martucci

Regali di lusso, viaggi e divertimenti a dirigenti e funzionati statali per ingraziarseli e vincere agevolmente appalti pubblici. In pratica tangenti e favori alla politica “allo scopo di aumentare il profitto”. Coinvolta in un processo per corruzione, il Dipartimento di giustizia americano ha comunicato che Ericsson, leader incontrastato in Europa per i brevetti sul 5G e fornitore di rete per TIM, ha preferito patteggiare una pena da oltre 1 miliardo di dollari nel procedimento che accusa la multinazionale svedese di essere parte di un sistema illecito longevo ben 17 anni, condotto in 5 diverse nazioni tra Asia e Medio Oriente, “uno schema per pagare tangenti, falsificare i libri contabili e chiudere un occhio sulla corruzione, in Paesi come Cina, Vietnam, Indonesia e Kuwait“. 

Operante in 180 paesi nel mondo per la fornitura di tecnologie e servizi di comunicazione, proprio un giorno prima della notizia bomba lanciata dalla giustizia d’America, l’amministratore delegato di Ericsson aveva tuonato contro i presunti ostacoli al 5G, ovvero “quadro normativo ed eccessiva cautela“, adottati da politici propensi, magari, più al principio di precauzione e alla tutela della salute pubblica piuttosto che al grande salto nel buio prospettato dallo tsunami elettromagnetico dell’Internet delle cose.

Da qui la domanda lecita e spontanea: visto che sempre dagli USA è stato chiarito come la lobby del 5G non abbia investito il becco di un dollaro in una preliminare ricerca scientifica per chiarire gli effetti a breve-medio-lungo termine per la popolazione altrimenti irradiata da possibili cancerogene radiofrequenze totalmente inesplorate, visto che sia il Parlamento Europeo (“Sul 5G investiti 700 milioni di euro, ma non per valutazione sulla salute umana“) che quello italiano (bocciata la moratoria nazionale) ritengono espressamente non necessari studi né valutazioni sanitarie sul 5G nonostante gli appelli contrari lanciati anche da ampia parte della comunità medico-scientifica internazionale, visto che la lobby preme per l’innalzamento del limite soglia a 61 V/m, vista la fretta che hanno nel condurre forsennatamente a termine il lancio del 5G nonostante l’opposizione ferma di quasi 100 Comuni d’Italia, visti i troppi scandali per conflitti d’interessi e legami con l’industria che già in passato hanno coinvolto numerose figure cardine (messi in posti chiave) che invece avrebbero dovuto proteggere la popolazione dall’elettrosmog, vista l’assenza (voluta? forzata?) di un programma politico per una nuova stagione di riforma sui pericoli dell’irradiazione ubiquitaria, vista infine l’ammissione di corruzione di Ericsson, artefice di un sistema di tangenti che ha avuto per lunghi 17 anni proprio in funzionari e dirigenti statali i beneficiari degli illeciti…. beh, allora visto e considerato tutto quanto sopra, noi dovremmo fidarci di questi signori che propinano – a forza di spot pubblicitari – l’immagine di un futuro scintillante e fantascientifico, vendendo di fatto tecnologia non sicura, cioé pericolosa per umanità ed ecosistema? Noi no, non ci fidiamo. L’Italia consapevole non si fida affatto. E non è disposta a fare da cavia.

Fonte articolo: https://oasisana.com/

®wld

Giovani: Curiose escrescenze ossee simili a spine

in foto: Credit: Scientific Reports

Gli smartphone trasformano il nostro cranio: sempre più giovani hanno strane spine ossee

Analizzando con i raggi X il cranio di 1200 adulti tra i 18 e gli 86 anni, due scienziati australiani hanno rilevato che il 41% dei giovani tra i 18 e i 30 anni presenta delle curiose spine ossee alla base dell’osso occipitale. Si tratta di esostosi o entesofiti, che si formerebbero in risposta allo stress muscolo-scheletrico causato dalla postura errata per guardare costantemente gli schermi di smartphone e tablet.

Alla base del cranio dei giovani, nella zona occipitale, si stanno formando delle curiose escrescenze ossee simili a “spine”, che gli scienziati chiamano esostosi o entesofiti. Sono depositi benigni di tessuto osseo extra che si starebbero generando in risposta a uno specifico stress muscolo-scheletrico, quello derivato dal piegare in avanti la testa per guardare gli schermi di smartphone e tablet, un “passatempo” al quale in tantissimi dedicano 4 o 5 ore al giorno, se non di più. A ipotizzare l’associazione tra queste curiose escrescenze e l’uso di dispositivi tecnologici sono stati due ricercatori australiani, i professori David Shahar e Mark GL Sayers dell’Università della Sunshine Coast.

La ricerca. I due scienziati, che lavorano presso la Scuola di scienze della salute e dello sport dell’ateneo del Queensland, hanno analizzato con i raggi X il cranio di 1.200 adulti australiani con un’età compresa tra i 18 e gli 86 anni. Curiosamente, il 41 percento dei giovani tra i 18 e i 30 anni presentava queste curiose escrescenze alla base del cranio. In alcuni erano lunghe circa un centimetro, ma in altri arrivavano addirittura a 3 centimetri. “Faccio il medico da 20 anni, e solo nell’ultimo decennio ho osservato che sempre più miei pazienti presentano questa escrescenza sul cranio”, ha dichiarato in una recente intervista alla BBC il professor Shahar. Queste spine ossee sono state documentate dalle radiografie anche in passato, ma le dimensioni e i numeri coinvolti erano sensibilmente inferiori rispetto a quelli odierni, segnale che il “volano” potrebbe essere proprio la tecnologia.

Le esostosi. Le esostosi o entesofiti si stanno generando in un punto specifico, l’entesi (inserzione di muscoli e legamenti) alla base dell’osso occipitale del cranio, dove si trova la protuberanza occipitale esterna (EOP). Quest’area, dove si “allacciano” muscoli e legamenti del collo, permette i movimenti della testa e di sostenerne il peso, in media circa 4,5 chilogrammi. È proprio sulle entesi che, in risposta allo stress meccanico, a un trauma, all’invecchiamento o a condizioni genetiche, possono formarsi questi accumuli extra di tessuto osseo. Quelli rilevati da Shahar e Sayers sarebbero legati alla postura errata dovuta alla costante osservazione dei dispositivi mobili, con la testa piegata in avanti. In pratica, le “spine” si originerebbero per rinforzare il complesso dell’entesi sollecitato in modo anomalo. Naturalmente anche prima dell’era tecnologica non mancavano le occasioni per stare con la testa piegata in avanti, ad esempio quando si dedicava più tempo a leggere e scrivere, ma quello che oggi trascorriamo con smartphone e tablet in mano è sensibilmente superiore. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

Andrea Centini

Fonte: https://scienze.fanpage.it/

®wld

Poi è arrivata Internet

Internet-pericoli e domande dell’era “Zuckerberg” 

Di Roberto Savio November 14, 2019 from OtherNews Website Editore di OtherNews, Roberto Savio italo-argentino 

è un economista, giornalista, esperto di comunicazione, commentatore politico, attivista per la giustizia sociale e climatica e fautore di una governance globale anti neoliberista. Direttore delle relazioni internazionali del Centro europeo per la pace e lo sviluppo. È co-fondatore dell’agenzia di stampa Inter Press Service (IPS) e del suo presidente emerito.

Roma, 14 novembre

Quest’anno il Worldwide Web ha trent’anni. Per la prima volta dal 1435, un cittadino brasiliano potrebbe scambiare opinioni e informazioni con un altro in Finlandia.

Internet, l’infrastruttura di comunicazione per il Web è un po ‘più vecchia.

È stato sviluppato dall’ARPANET, un progetto del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti sotto la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA).

I militari lo progettano per decentralizzare le comunicazioni in caso di attacco militare.

Tale rete ha permesso agli scienziati di comunicare via e-mail nelle università.

Quindi nel 1989 Tim Berners-Lee al CERN in Svizzera ha inventato Hyperlink e Worldwide Web (www – il Web) passando rapidamente dagli scienziati automatizzando la condivisione delle informazioni tra università e istituti di ricerca ai primi siti Web ora disponibili al pubblico.

Nel 2002 i primi siti di social media sono iniziati come siti web specializzati.

  • LinkedIn è stato lanciato nel 2003 (Biblioteca Pleyades nel 2003)
  • FaceBook nel 2004
  • Twitter nel 2006
  • Instagram nel 2010,

…e così via…

La mia generazione ha considerato l’arrivo del Web come una “grande prospettiva” per la democrazia .

Veniamo dall’era di Gutenberg, un’era che nel 1435 cambiò il mondo.

Dai manoscritti redatti dai monaci per essere letti da alcune persone nei monasteri, l’invenzione del tipo mobile riutilizzabile ha fatto sì che in soli 20 anni già otto milioni di copie di libri stampati siano state distribuite in tutta Europa.

Tra le altre cose ha significato anche la creazione di informazioni.

Le persone che fino a quel momento avevano solo un orizzonte scarso al di là dei loro immediati dintorni, potevano improvvisamente accedere alle informazioni sul loro paese e persino sul mondo intero.

Il primo giornale fu stampato a Strasburgo nel 1605.

Da allora fino al 1989, il mondo era pieno di informazioni.

L’informazione aveva un limite molto serio.

Era una struttura verticale. Solo poche persone hanno inviato notizie a un gran numero di destinatari; c’è stato un piccolo feedback. Non era partecipativo, richiedeva ingenti investimenti di avvio, era facilmente utilizzato dai poteri economici e politici.

Nel Terzo mondo, il sistema dei media faceva parte dello Stato.

Nel 1976, l’88% dei flussi di notizie mondiali proveniva da soli tre paesi:

  • gli Stati Uniti
  • il Regno Unito
  • Francia

Sono incluse agenzie di stampa internazionali con sede in questi tre paesi,

  • Associated Press (AP)
  • United Press International (UPI)
  • Reuters
  • Agence France Press (AFP)

I media di tutto il mondo dipendevano dai loro servizi di notizie.

Alcune agenzie di stampa alternative, come Inter Press Services ( IPS ), sono riuscite a mettere un freno al loro monopolio. Ma ciò che questi media occidentali hanno pubblicato, nel complesso, è stata una finestra di parte sul mondo.

Poi è arrivata Internet e, con essa, è arrivata la comunicazione orizzontale.

Ogni destinatario era anche un mittente.

Per la prima volta dal 1435, i media non erano più l’unica finestra sul mondo.

Le persone che la pensano allo stesso modo potrebbero prendere parte alle interazioni sociali, culturali ed economiche.

Questo cambiamento è stato evidente nella Conferenza mondiale delle donne delle Nazioni Unite a Pechino , 1995.

Le donne hanno creato reti prima della conferenza e hanno presentato un piano d’azione comune.

I governi non erano così preparati, quindi la Dichiarazione di Pechino è stata una svolta, che era del tutto diversa dalle insipide dichiarazioni delle precedenti quattro Conferenze mondiali.

Un altro buon esempio è la campagna per eliminare le mine antiuomo, avviata dall’attivista canadese Jody Williams nel 1992.

Questo presto sbocciò in una grande coalizione di organizzazioni non governative di oltre 100 paesi.

Sotto la crescente pressione la Norvegia decise di presentare la questione alle Nazioni Unite, dove gli Stati Uniti, la Cina e altri produttori di mine antiuomo come l’URSS, cercarono di bloccare il dibattito, dichiarando che avrebbero votato contro di essa.

Agli attivisti non importava, e 128 paesi hanno adottato il Trattato sul divieto delle mine nel 1997 con voto contrario di Stati Uniti, Cina e URSS.

Un vasto movimento globale era più potente del tradizionale ruolo del Consiglio di sicurezza.

Internet era diventato lo strumento per creare coalizioni mondiali.

Questi sono solo due esempi di quanto Internet potrebbe cambiare il tradizionale sistema di sovranità dello stato della Westfalia come definito alla Conferenza di Westfalia nel 1648.

Internet ha attraversato le frontiere nazionali per avviare una nuova era.

Diciamo, per motivi di simbolismo, che Internet ci ha portato dall’era Gutenberg , all’era Zuckerberg , per citare l’inventore di Facebook e un esempio di ciò che è andato storto con questo mezzo …

Internet ci è venuto incontro con una forza senza precedenti.

  • ci sono voluti 38 anni perché la radio raggiungesse 50 milioni di persone

  • la televisione ha impiegato 13 anni
  • il Web a soli 4 anni
  • aveva un miliardo di utenti nel 2005
  • 2 miliardi nel 2011
  • ora ha 3½ miliardi di utenti, 3 miliardi di quelli che usano i social media …

Quindi i due pilastri tradizionali del potere,

  • il sistema politico
  • il sistema economico,

… dovevo anche imparare a usare Internet.

Gli Stati Uniti forniscono un buon esempio.

Tutti i media americani (pubblicazioni nazionali e regionali) prevedono la stampa di 50 milioni di copie al giorno.

I giornali di qualità – sia i fogli conservatori come il Wall Street Journal, sia quelli progressisti come il Washington Post o il New York Times – stampano insieme dieci milioni di copie al giorno.

Trump ha sessantatre milioni di follower su Twitter; leggono i tweet di Trump ma non comprano i giornali.

Il Web ha avuto due sviluppi imprevisti.

  • Uno era il drammatico rafforzamento della società dei consumi. Oggi i budget pubblicitari sono dieci volte più grandi dei budget per l’istruzione e l’educazione dura solo pochi anni rispetto a una vita di pubblicità.

    Con lo sviluppo dei social network, le persone – ora più consumatori che cittadini – sono diventate oggetti per la commercializzazione di beni e servizi e recentemente anche per campagne politiche.

    Tutti i sistemi di informazione e comunicazione estraggono i nostri dati personali, vendendoci come consumatori.

    Ora la TV può vederci mentre la guardiamo.

    Gli smartphone sono diventati microfoni che ascoltano le nostre conversazioni. L’idea di privacy è sparita. Se potessimo accedere ai nostri dati, scopriremmo di essere seguiti ogni minuto della giornata, persino nelle nostre camere da letto.

    Gli algoritmi segreti formano i profili di ognuno di noi.

    Sulla base di questi profili, le piattaforme ci forniscono le notizie, i prodotti e le persone che questi algoritmi credono che ci piaceranno, isolandoci così nelle nostre bolle.

    L’intelligenza artificiale apprende dai dati che accumula.

    La Cina, con 1,35 miliardi di persone, fornirà ai suoi ricercatori più dati di Europa e Stati Uniti insieme. Internet ha dato vita a un’economia estrattiva digitale, in cui la materia prima non è più minerale, ma noi umani.

     

  • L’altro sviluppo che è andato storto è che l’economia estrattiva digitale ha creato ricchezza senza precedenti.

    Jeff Bezos, CEO di Amazon, è stato recentemente divorziato dalla moglie. Nell’insediamento ha ricevuto 36 miliardi di dollari, ma Bezos rimane tra le 10 persone più ricche del mondo.

    Questa è solo una storia di una realtà sempre più triste dell’ingiustizia sociale, in cui 80 delle persone più ricche del mondo detengono la stessa ricchezza di quasi tre miliardi di poveri.

    Un nuovo settore si sta evolvendo, il settore del “capitalismo di sorveglianza”, in cui i soldi non vengono ricavati dalla produzione di beni e servizi, ma dai dati estratti dalle persone.

    Questo nuovo sistema sfrutta gli esseri umani per offrire ai proprietari di questa tecnologia una concentrazione di ricchezza, conoscenza e potere senza precedenti nella storia.

    La capacità di sviluppare il riconoscimento facciale e altri strumenti di sorveglianza non risiede più nei regni della fantascienza. Il governo cinese ha già dato a tutti i cittadini un numero digitale, in cui convergono tutti i loro comportamenti “buoni” e “cattivi”.

    Se un cittadino scende al di sotto di un livello, ai suoi figli non sarà permesso di frequentare una buona scuola e il cittadino stesso, sebbene possa ancora viaggiare in treno, non avrà accesso agli aerei.

    Queste tecnologie saranno presto in uso in tutto il pianeta.

    La città di Londra ora ha 627.000 telecamere di sorveglianza, una per ogni quattordici cittadini; a Pechino è uno per ogni sette.

    Uno studio condotto da The Rand Corporation stima che entro il 2050 anche l’Europa avrebbe una telecamera per ogni sette cittadini.

L’interrelazione tra democrazia e Internet sta ora creando una tardiva consapevolezza nel sistema politico. Il Parlamento europeo ha appena pubblicato uno studio sull’impatto negativo di Internet.

Questi impatti sono:

  1. Dipendenza da Internet


    C’è unanimità tra medici e sociologi che sta arrivando una nuova generazione, una molto diversa dalla precedente.

    Oltre il 90% di quelli di età compresa tra 15 e 24 anni utilizza Internet, contro l’11% per gli over 55. I giovani trascorrono 21 ore settimanali sul PC e 18 ore su uno smartphone.

    Ciò lascia poco tempo all’interazione sociale e culturale.

    Il 4,4% degli adolescenti europei ora mostra un uso patologico di Internet “che influenza la propria vita e la propria salute”. L’American Academy of Psychology ha ufficialmente incluso Internet Addiction come nuovo disturbo.

    Gli studi di risonanza magnetica su quelli con disturbo della dipendenza da Internet (IAD) mostrano che presentano le stesse alterazioni della struttura cerebrale di coloro che soffrono di tossicodipendenza o alcolismo.

  2. Danneggiamento dello sviluppo cognitivo
    Viene dato un avvertimento particolare sui bambini di età inferiore ai due anni. Più di 20 minuti al giorno di utilizzo dello schermo riducono parte del loro sviluppo neurale. Le persone spinte all’isolamento tendono a sviluppare sintomi di angoscia, rabbia, perdita di controllo, ritiro sociale, conflitti familiari e incapacità di agire nella vita reale.

    Gli utenti di Internet nei test erano più veloci rispetto ai non utenti nel trovare i dati, ma erano meno in grado di conservare i dati.

  3. Sovraccarico di informazioni
    La condizione di disporre di troppe informazioni ostacola la capacità di comprendere un problema o di prendere decisioni efficaci, un problema importante per manager, consumatori e utenti dei social media. Secondo Microsoft, l’intervallo di attenzione per un titolo è passato da 12 secondi nel 2000 a 8 secondi nel 2016.

    L’intervallo di attenzione per la lettura è passato da 12 minuti a 8 minuti. Possono essere usati due nuovi termini: uno, il “cervello scoppiettante”, descrive un cervello meno abile ad adattarsi a un ritmo più lento della vita reale e poi c’è “Neuroplasticità”; cioè la capacità di alterare il proprio comportamento dopo una nuova esperienza.

    La frequente immersione nei mondi virtuali può ridurre la neuroplasticità e anche rendere più difficile l’adattamento al ritmo più lento della vita reale. La necessità di competere nella velocità tra i canali dei social media è ben nota.

    Ad esempio, Amazon stima che un secondo di ritardo nelle prestazioni costerebbe 1,16 miliardi di perdite all’anno nelle vendite.

  4. Effetti dannosi nella conoscenza e credenza
    Il fatto che i social media tendano deliberatamente a riunire utenti con visioni, gusti e abitudini simili, sta frammentando la società in modo negativo per la democrazia, dando luogo a sistemi chiusi che non consentono punti di vista alternativi. Gli adolescenti non discutono più argomenti significativi. Vanno nel loro mondo virtuale e se incontrano qualcuno di un altro gruppo, tendono a insultarsi a vicenda.

    Internet è pieno di notizie false e informazioni fuorvianti e gli utenti hanno grandi difficoltà a distinguere le informazioni “accurate” da quelle “imprecise”.

    Le camere dell’eco sembrano essere molto più pervasive e possono unire quelle con posizioni politiche e ideologiche più estreme e partigiane, minando quindi le possibilità di discorso e tolleranza civili, sostenendo la radicalizzazione.

  5. Danneggiamento dei confini pubblici / privati
    Internet offusca la distinzione tra privato e pubblico . La vita privata diventa pubblica. Ciò è particolarmente negativo per gli adolescenti che perdono il concetto di privacy, ad esempio inviando foto private su Internet.

    Un’osservazione importante è che ora gli adolescenti ottengono la loro educazione sessuale dalla pornografia, in cui le donne sono sempre un oggetto per soddisfare le fantasie sessuali degli uomini.

    Questo a sua volta sta creando una mancanza di rispetto per le donne e una nuova generazione che rischia, per nuove ragioni, di tornare a una società patriarcale.

    Le violazioni di gruppo delle ragazze adolescenti sono chiaramente il risultato di questa tendenza.

  6. Danneggiare le relazioni sociali
    Internet è chiaramente uno strumento potente per creare nuove comunità. Tuttavia, se usato negativamente, può anche danneggiare le comunità, a causa della migrazione a Internet di molte attività umane come shopping, commercio, socializzazione, tempo libero, attività professionali e interazione personale.

    Quella migrazione crea comunicazione impoverita, inciviltà e mancanza di fiducia e impegno.

  7. Danneggiare la democrazia


    Internet è stato uno strumento potente per la partecipazione e quindi per la democrazia.

    Tuttavia, lo studio rileva con preoccupazione che anche un numero crescente di attività sono dannose per la democrazia.

    Questi includono:

    1. L’incivilità di molti discorsi politici online
    2. Polarizzazione politica e ideologica, unicamente possibile utilizzando Internet
    3. Disinformazione e, in particolare, notizie false
    4. Manipolazioni degli elettori attraverso la profilazione basata sulle informazioni raccolte sui social media

    Sappiamo tutti cosa è successo alle elezioni americane con i dati di Cambridge Analytica , raccolti da Facebook, e in che modo migliaia di utenti e bot falsi sul web ora interferiscono pesantemente nelle elezioni.

Dovremmo aggiungere a questo studio alcune altre considerazioni.

  • Il primo è che ora la finanza è ora gestita anche da algoritmi.

    Gli algoritmi non solo decidono quando vendere o acquistare azioni, ma ora decidono anche dove investire.

    Il Exchange Exchange Traded Funds (ETFs) il mese scorso ha raggiunto quota 14.400 miliardi di dollari, più di quello negoziato dagli umani.

    Questa tendenza continuerà con lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e presto i finanziamenti diventeranno ancora più disumanizzati. Anche quando gli utenti di Internet si investono, anche loro saranno diretti da macchine e algoritmi.

     

  • Una seconda considerazione è che i giovani leggono sempre meno. Leggere un libro è molto diverso dallo scorrere uno schermo. Stiamo sperimentando una riduzione progressiva dei livelli di cultura. Non è raro avere studenti universitari che commettono errori di grammatica e ortografia. Ricordiamo che quando Internet era ancora nuovo, i suoi sostenitori ci dicevano:

non è importante saperlo, piuttosto è importante saperlo trovare.

Siamo sempre più dipendenti dai motori di ricerca, impariamo sempre meno e non siamo in grado di connettere quei dati in un sistema logico olistico personale.

È chiaramente necessario un regolamento per ridurre gli aspetti negativi di Internet e rafforzare i valori positivi.

I proprietari delle piattaforme di social media sono ora sottoposti a un maggiore controllo, quindi hanno intrapreso la strada dell’autoregolamentazione. Twitter, ad esempio, ha deciso che non può essere utilizzato per scopi politici.

Zuckerberg è un esponente dei miti del mercato che ci dicono che le buone notizie prevarranno automaticamente sulle notizie false .

Tranne che le piattaforme aiutano gli utenti a leggere e trovare solo ciò che vogliono, per mantenere la nostra attenzione, fornendoci ciò che è sorprendente, insolito e provocatorio.

Questo non è un mercato libero …

L ‘”era Zuckerberg” sta chiaramente creando una generazione completamente diversa, molto diversa dalle generazioni dell’era Gutenberg.

Questo solleva molte domande,

dalla privacy alla libertà di espressione (ora in mani private), da chi regolerà, cosa regolare e come.

Un bambino di cinque anni è ora molto diverso da un bambino di cinque anni di Gutenberg. Siamo in un periodo di transizione.

Il significato della democrazia sta cambiando. Le relazioni internazionali si stanno allontanando dalla ricerca di valori comuni attraverso il multilateralismo, verso una marea di visioni nazionaliste, xenofobe ed egoiste del mondo.

Termini come,

pace, cooperazione, responsabilità, partecipazione e trasparenza,

… stanno diventando obsoleti.

Ciò che è chiaro è che l’ attuale sistema non è più sostenibile . ..

Le politiche scompaiono dal dibattito, ora indicate solo come “politiche”.

Visione e paradigmi stanno diventando scarsi.

Oltre a tutto ciò, si profila la minaccia del cambiamento climatico; ma lo scorso anno le emissioni tossiche dei cinque maggiori paesi sono aumentate del 5%.

I giovani sono in gran parte assenti dalle istituzioni politiche, come dimostra il voto su BREXIT a cui ha partecipato solo il 23% della fascia di età 18-25 anni.

In questo preciso momento abbiamo grandi manifestazioni in tredici paesi in tutto il mondo.

In quelle strade partecipano i giovani, dimostrando spesso rabbia, frustrazione e violenza.

Se non riusciamo a riportare la comunicazione orizzontale su Internet e non la liberiamo dalla frattura commerciale dei giovani, il futuro è appena roseo.

Tuttavia, come dimostrano chiaramente le marce contro i cambiamenti climatici, se i giovani vogliono cambiare il mondo, i valori e la visione torneranno.

È evidente che Internet può essere uno strumento molto potente.

Ma chi risolverà questi fallimenti?

Internet diventerà uno strumento di partecipazione?

Come sarà fatto?

Queste sono domande che le istituzioni politiche, se si preoccupano davvero della democrazia, devono rispondere al più presto.

L ‘”era Zuckerberg” deve fare questa scelta adesso, tra qualche anno sarà già troppo tardi …

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

 

®wld