Crea sito

Trasformazione globale

Wikimedia Commons, Gregory “Slobirdr” Smith 

Aumento della tecnocrazia: l’orso di Troia della trasformazione globale 

Postato da: Patrick Wood

Sì, questo è un gioco di parole tratto dal titolo del mio libro del 2014,

Technocracy Rising: The Trojan Horse of Global Transformation, ma si adatta perfettamente.

Con il coronavirus come fattore scatenante, tutti i mercati azionari globali sono ora entrati in un mercato ribassista, in calo del 20% rispetto ai picchi più recenti. Lo shock finanziario di staccare fino a $ 30 trilioni di dollari in azioni è stato appena avvertito, ma gli analisti stanno già avvertendo di importanti difetti strutturali che potrebbero rivelarsi esistenziali per gli attuali sistemi finanziari ed economici globali.

In altre parole, il collasso del sistema economico esistente lascerebbe un vuoto che alla fine dovrebbe essere colmato, ma la grande domanda è, riempita di cosa?

I tecnocrati sono pronti a rispondere a questa domanda: sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia. Lo sviluppo sostenibile è la versione di Technocracy delle Nazioni Unite, originariamente definita come un sistema economico basato sulle risorse che dipende dal controllo totale su risorse, produzione e consumo e in cui l’energia è la valuta principale. I concetti di domanda e offerta vengono eliminati e ogni cosa viene valutata in base all’energia che ha investito nella sua produzione.

Per tutti coloro che pensano che questa sia una follia, considera che questo è esattamente ciò di cui parla la cosiddetta ideologia del New Deal verde. Grazie al persistente incoraggiamento delle Nazioni Unite, il colore “verde” è già stato stampato su ogni nazione sulla terra.

Quando a tutti questi pensatori verdi viene presentato questo vuoto di capitalismo collassato e libera impresa, cosa pensi che richiederanno? Una ricostruzione dello stesso sistema?

Quasi. Daranno invece la colpa al capitalismo e alla libera impresa di ottenere ciò che meritava per “distruggere” il mondo in primo luogo. Dopotutto, credono che sia stato il motore dell’esacerbazione del riscaldamento globale da parte dell’uomo. Il capitalismo diventerà un paria e le richieste di qualcosa di “nuovo” saranno gridate dai tetti delle case (e dai grattacieli).

La ricaduta economica risultante dall’attuale tracollo globale vedrà i governi e le banche centrali spargere carichi di finanziamenti di nuovi incentivi forniti dai contribuenti per riprendersi dalla spirale discendente. Guarda dove vengono spesi i soldi. Sarà per “lavori verdi”, infrastrutture verdi e altri progetti di sviluppo sostenibile.

Proprio come l’11 settembre ha dato vita allo stato di sorveglianza totale, il coronavirus introdurrà un nuovo sistema economico. Mentre ciò sta avvenendo, lo stato di sorveglianza totale sarà ulteriormente rafforzato dalla spesa per l’Internet of Things, i progetti di ingegneria sociale, l’intelligence geospaziale, ecc.

Anche il testo della famosa ballata di Bob Dylan si adatta perfettamente: The Times They Are a-Changin’:

Venite intorno gente
dovunque voi siate
ed ammettete che le acque
attorno a voi stanno crescendo
e accettate che presto
sarete inzuppati fino all’osso.
E se il tempo per voi
significa qualcosa
fareste meglio a cominciare a nuotare
o affonderete come pietre
perché i tempi stanno cambiando.
Venite scrittori e critici
che profetizzate con le vostre penne
e tenete gli occhi ben aperti
l’occasione non si ripeterà
e non parlate troppo presto
perché la ruota sta ancora girando
e non c’è nessuno che può dire
chi sarà scelto
dato che il perdente di adesso
sarà il vincitore di domani
perché i tempi stanno cambiando.
Venite senatori, membri del congresso
rispondete alla chiamata
e non rimanete sulla porta,
non bloccate l’atrio
perché quello che si farà male
sarà colui che ha cercato di impedirci l’ingresso
c’è una battaglia fuori
e sta infuriando
Presto scuoterà le vostre finestre
e farà tremare i vostri muri
perché i tempi stanno cambiando.
Venite madri e padri
da ogni parte del paese
e non criticate
quello che non potete capire
i vostri figli e le vostre figlie
sono al dì la dei vostri comandi
la vostra vecchia strada
sta rapidamente finendo.
Per favore spostatevi dalla nuova
se non potete dare una mano
perché i tempi stanno cambiand
La linea è tracciata
La maledizione è lanciata
Il più lento adesso
sarà in seguito più veloce
e cio che ora è il presente
diventerà passato
L’ordine sta rapidamente
scomparendo.
E il primo di adesso
sarà l’ultimo
perché i tempi stanno cambiando.

Fonte:  https://www.technocracy.news/

https://www.instagram.com/tv/B9qzGlsoMWc/?igshid=1tft56faog5sf

https://altrarealta.blogspot.com/

 

®wld

In Fuga da Gaia per Axiom

 

Miliardari Tecnocrati Tramano di Lasciare la Terra “Morente” 

Postato da: Michael Moran via DailyStar (Regno Unito)

Gli stessi tecnocrati che guidano la società e il mondo fisico terrestre sono i primi che vogliono scendere dal pianeta quando muore a causa di cambiamenti climatici, sovrappopolazione, malattie, ecc. Avremmo meno problemi se lo obbligassero. 
 
Il desiderio di raggiungere il cielo è antico quanto la Torre di Babele ed è stato rappresentato nell’arte e nella letteratura per centinaia di anni. Ora che esiste la tecnologia per farlo davvero, I Tecnocrati lo sta facendo. Marte è più inospitale del deserto del Sahara in piena estate, eppure si illudono che Marte sia preferibile che vivere sulla terra. Editor TN

Coronavirus, cambiamenti climatici, sovrappopolazione, innalzamento del livello del mare e minaccia sempre presente della guerra nucleare. Molte persone lascerebbero questo pianeta se possibile. E forse poche persone possono. 

Numerosi multi-miliardari – in particolare Elon Musk, Jeff Bezos, Richard Branson e Yuri Milner – hanno riversato enormi blocchi delle loro fortune nei viaggi nello spazio. 

Forse stanno solo sperperando la loro ricchezza inimmaginabile sui razzi nello stesso modo in cui i semplici milionari potrebbero comprare yacht.

Ma alcune persone ipotizzano che i mega-ricchi stiano pianificando di fuggire fuori dal pianeta. 

In un articolo del New York Times intitolato “I ricchi stanno progettando di lasciare questo pianeta depresso”, Michael Suffredini, che sta guidando la creazione di una nuova stazione spaziale “di lusso” chiamata Axiom, ha rivelato i dettagli del suo habitat orbitale di design.

Ha previsto che una vacanza su Axiom sarebbe costata 55 milioni di dollari, e non solo aveva reclutato il famoso designer francese Philippe Starck per creare gli interni della stazione, ma era vicino a fare un accordo con una grande casa di moda europea per fornire tute spaziali su misura. 

Ha detto che tre persone si erano già registrate anche se la stazione spaziale non era ancora stata lanciata. La stazione è prevista per ricevere i suoi primi ospiti nel 2022. 

Elon Musk non ha nascosto il suo piano per stabilire un insediamento permanente su Marte. Ha sottolineato l’importanza di garantire che l’umanità sia una specie multi-pianeta in modo che sembrino di essere lasciati indietro se dovesse accadere il peggio.

Musk dice: “Il secolo scorso, abbiamo avuto due enormi guerre mondiali, tre se conti la Guerra Fredda”. 

Mentre il miliardario di PayPal non prevede un conflitto globale presto, dice: “Penso che sia improbabile che non avremo mai più un’altra guerra mondiale”.

Ma il noto teorico dei media americano Douglas Rushkoff ha scritto che la direzione generale dello sviluppo tecnologico consisteva nel creare una via di fuga per i super ricchi. 

Ha sottolineato che i robot da combattimento serviranno molto bene a proteggere i buchi sotto terra dei miliardari rimasti sulla Terra una volta che il cambiamento climatico ha raggiunto il suo fine-gioco e ha descritto la colonia di Marte pianificata da Elon Musk come “meno che una continuazione della diaspora umana che una scialuppa di salvataggio per il elite.”  

Leggi la storia completa qui …  

Fonte: https://www.technocracy.news/ 

®wld 

#Mainstream Media – Censura

Soros e Gruppi Cnnessi cercano di eliminare gli scettici del clima su YouTube

I sostenitori della tecnocrazia come George Soros odiano i critici che li affrontano con fatti che confutano la loro propaganda. Questa non è una nuova rivelazione, ma la battaglia della censura sta crescendo e diventa sempre più brutta di giorno in giorno. ⁃ Editor TN

La censura continua, poiché un gruppo collegato a George Soros ha unito le forze con i media mainstream per garantire che gli scettici sul clima siano messi a tacere su YouTube. Il gruppo Avaaz, gruppo no profit di sinistra, ha pubblicato un rapporto il 16 gennaio sul suo sito Web in cui si afferma che YouTube “sta guadagnando trasmettendo disinformazione” a milioni di persone dando troppa importanza ai video sulla negazione del clima.

I media indipendenti indipendenti si stanno impegnando in una campagna motivata politicamente per costringere YouTube a demonetizzare e nascondere qualsiasi video che neghi il cambiamento climatico. Indipendentemente dai fatti o dalle prove scientifiche rivelate nei video, se uno non si sottomette alla religione del cambiamento climatico, saranno messi a tacere se Avaaz ha qualcosa da fare al riguardo.

Il rapporto è una campagna di intimidazione non mascherata, in quanto non solo elenca i principali inserzionisti che pubblicano annunci su video che mettono in dubbio la legittimità della minaccia che il cambiamento climatico rappresenta per l’umanità, ma li chiede esplicitamente di esercitare pressione sulla piattaforma come mezzo di porre fine alla cosiddetta disinformazione.

Nonostante i risultati siano stati pubblicati proprio ieri, molti siti mainstream hanno pubblicato articoli lunghi non molto tempo dopo, che contenevano citazioni di coloro che hanno lavorato al rapporto. I tempi che suggeriscono che alcuni siti Web selezionati hanno avuto un accesso anticipato, chiarendo quale agenda è stata promossa, tanto più che hanno tutti gli stessi punti di discussione. Vice, Time, Gizmodo, The Verge e innumerevoli altre entità di notizie vogliono che YouTube punisca i creatori che non rispettano la linea ideologica “corretta”. L’obiettivo è quello di demonetizzare, e quindi censurare, gli individui in quanto saranno meno inclini a lavorare sul contenuto da cui non potranno trarre profitto. RT

Nell Greenburg, direttore della campagna di Avaaz, afferma che il rapporto non riguarda la rimozione di contenuti e censura, tuttavia, che contraddice il messaggio stesso del rapporto. Esiste un chiaro tentativo di nascondere i contenuti mentre il rapporto mette in discussione la promozione di tali video nella casella “avanti successivo” sul sito. È semantica a questo punto, ma nascondere i video farebbe del male ai creatori e li dissuaderebbe dal persino provare a condividere i loro pensieri. È un modo indiretto di rimuovere “il pensiero sbagliato”. La narrativa ufficiale è l’unica narrativa e quando si tratta di dominare gli altri, queste persone vogliono essere al top.

I diritti umani di base sono attaccati da tutti i tipi di gruppi. Ed è abbastanza sicuro affermare che YouTube risponderà alle richieste di questo gruppo, mettendo a tacere e demonetizzando chiunque sia stato sorpreso a non pappagallo sulla narrazione orwelliana che la classe dirigente tramanda.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

*********************************

#TgByoblu 10 – IL DITTATORE POTENZIALE (SECONDO SOROS)

®wld

Siamo sulla cuspide di cambiamenti colossali

Brookings: chiunque vincerà la corsa all’IA governerà il mondo

Il Brookings Institution è un think tank di vecchia generazione strettamente allineato con la Commissione Trilaterale che originariamente concepì il Nuovo Ordine Economico Internazionale; oggi questo è noto come sviluppo sostenibile, noto anche come tecnocrazia.
 
L’implicazione di base è che ci sarà un vincitore nell’intelligenza artificiale che governerà il mondo. Non importa davvero chi lo sta controllando, perché tutto il mondo soccomberà. ⁃ Editor TN

Un paio di anni fa, Vladimir Putin ha avvertito i russi che il paese che ha guidato le tecnologie che usano l’intelligenza artificiale dominerà il mondo. Aveva ragione a essere preoccupato. La Russia è ora un giocatore minore, e la gara sembra ora essere principalmente tra gli Stati Uniti e la Cina. Ma non contare ancora l’Unione Europea; l’UE è ancora un quinto dell’economia mondiale e ha sottovalutato i punti di forza. La leadership tecnologica richiederà ingenti investimenti digitali, rapida innovazione dei processi aziendali e sistemi fiscali e di trasferimento efficienti. La Cina sembra avere il vantaggio nel primo, gli Stati Uniti nel secondo e l’Europa occidentale nel terzo. Uno su tre non lo farà, e anche due su tre non saranno sufficienti; chi fa tutti e tre i migliori dominerà il resto.

Siamo sulla cuspide di cambiamenti colossali. Ma non devi accettare la parola del signor Putin, né la mia. Questo è ciò che dice Erik Brynjolfsson, direttore della MIT Initiative on the Digital Economy e uno studente serio sugli effetti delle tecnologie digitali:

“Questo è un momento di scelta e opportunità. Potrebbero essere i migliori 10 anni davanti a noi che abbiamo mai avuto nella storia umana o uno dei peggiori, perché abbiamo più potere di quanto non abbiamo mai avuto prima”.

Per capire perché questo è un momento speciale, dobbiamo sapere come questa ondata di tecnologie è diversa da quelle precedenti e come è la stessa. Dobbiamo sapere cosa significano queste tecnologie per persone e aziende. E dobbiamo sapere cosa possono fare i governi e cosa stanno facendo. Con i miei colleghi Wolfgang Fengler, Kenan Karakülah e Ravtosh Bal, ho cercato di sminuire le ricerche di studiosi come David Autor, Erik Brynjolfsson e Diego Comin fino alle lezioni per i laici. Questo blog utilizza il lavoro per prevedere le tendenze nel prossimo decennio.

4 CENNI, 3 FATTI

È utile pensare al cambiamento tecnico come avvenuto in quattro ondate dal 1800, provocato da una sequenza di “tecnologie di uso generale” (GPT). I GPT sono meglio descritti dagli economisti come “cambiamenti che trasformano sia la vita familiare che i modi in cui le aziende conducono affari”. I quattro GPT più importanti degli ultimi due secoli sono stati il ​​motore a vapore, l’energia elettrica, la tecnologia dell’informazione (IT) e artificiale intelligenza (AI).

Tutti questi GPT hanno ispirato innovazioni complementari e cambiamenti nei processi aziendali. I fatti solidi e rilevanti sul progresso tecnologico hanno a che fare con il suo ritmo, i suoi prerequisiti e i suoi problemi:

  • Il cambiamento tecnologico sta diventando più veloce. Mentre il ritmo dell’invenzione potrebbe non aver accelerato, il tempo tra l’invenzione e l’implementazione si è ridotto. Sebbene i ritardi di implementazione medi siano difficili da misurare con precisione, non sarebbe una grossolana semplificazione affermare che sono stati dimezzati con ogni ondata GPT. Sulla base delle prove, il tempo tra l’invenzione e l’uso diffuso è stato ridotto da circa 80 anni per il motore a vapore a 40 anni per l’elettricità e quindi a circa 20 anni per l’IT (Figura 1). Vi sono ragioni per ritenere che il ritardo nell’implementazione delle tecnologie legate all’IA sarà di circa 10 anni. Con l’accelerazione del cambiamento tecnologico e i vantaggi della prima mossa come sempre, la necessità di investimenti grandi e coordinati sta crescendo.
  • Saltare è praticamente impossibile. Mentre una tecnologia per scopi speciali come i telefoni di rete fissa può essere saltata a favore di una nuova tecnologia che fa la stessa cosa, ad esempio, i telefoni cellulari, è difficile per i paesi scavalcare le tecnologie di uso generale. Perché un paese ne superi un altro, deve prima recuperarlo. Il progresso tecnologico è un processo cumulativo. Le innovazioni dei processi aziendali necessarie per utilizzare il motore a vapore erano necessarie per consentire alle aziende di sfruttare l’energia elettrica. Più ovviamente, l’elettricità era un prerequisito per la tecnologia dell’informazione. I regolamenti che facilitano o ostacolano il progresso tecnico, l’istruzione e le infrastrutture e gli atteggiamenti nei confronti del cambiamento sociale che accompagna le nuove tecnologie contano tanto quanto le tecnologie, sottolineando la necessità di politiche complementari che modellano l’economia e la società.
  • L’automazione sta riducendo la quota di lavoro, non lo spostamento del lavoro. Mentre oggi la preoccupazione più comunemente espressa è che la diffusione dell’intelligenza artificiale sostituirà i lavoratori con macchine intelligenti, gli effetti dei precedenti GPT sono meglio sintetizzati riducendo la quota di guadagni della manodopera nel valore aggiunto. Ma l’ evidenza suggerisce anche che dagli anni ’70 l’automazione in economie relativamente avanzate ha messo sotto pressione i guadagni della manodopera. In altre parole, la preoccupazione non dovrebbe essere la disoccupazione diffusa, ma il fatto che i redditi stiano diventando sempre più distorti a favore del capitale sul lavoro. Ciò significa che i paesi che hanno accordi efficaci per affrontare le preoccupazioni distributive hanno un vantaggio rispetto a quelli che non lo fanno.

Leggi la storia completa qui …

Fonte: https://www.technocracy.news/

La fomentazione e ascesa del tecnopopulismo

 

Wikipedia Commons 

L’istabilità globale e l’ascesa del tecnopulismo

di Andy Langenkamp dal Sito Web TheHill traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in inglese 

Andy Langenkamp è analista politico senior presso ECR Research e commentatore politico, specializzato nella valutazione delle ripercussioni sui mercati finanziari di eventi economici e geopolitici.

Le persone di sinistra si ribellano nelle strade di tutto il mondo per protestare contro qualsiasi status quo esistente, ma mentre si fondono inconsapevolmente con la tecnocrazia che potrebbero per principio anche odiare, stanno fomentando l’ascesa del tecnopopulismo.  

fonte

Il mondo sta diventando più instabile

Dalle nazioni in via di sviluppo ai paesi ricchi, le persone scendono in strada. 

Le proteste stanno portando a spargimenti di sangue dal Sud America all’Asia. Le ragioni delle proteste sono diverse, ma ci sono una serie di domande latenti:

Perché non tutti beneficiano in egual misura dell’aumento della prosperità?

Perché le nostre libertà sono colpite?

Perché le élite politiche si arricchiscono?

Le manifestazioni e il profondo malcontento possono essere ricondotti alla crisi del neoliberalismo e alla risposta populista a questo. 

Le proteste possono quindi essere viste come una faccia della medaglia, con l’altra che è la cuspide dell’America corporativa che chiede un focus oltre l’onnipotente azionista. 

Ad agosto, la Business Roundtable (BR) ha preso le distanze dall’adagio secondo cui l’unica ragione di esistenza delle società è quella di soddisfare i propri azionisti, sostenendo che anche gli interessi dei dipendenti, dei clienti e della società nel loro insieme dovrebbero avere un posto di rilievo nelle operazioni del mondo degli affari.

L’appello di BR arriva quando le élite imprenditoriali temono che i governi e le popolazioni prendano in mano la situazione, ad esempio attraverso imposte molto più elevate su profitti, espropri, frazionamento di società, ecc.

In sostanza, la più importante questione politico-economica contemporanea è come riunire tre obiettivi nel miglior modo possibile:

  • crescita economica ragionevole o elevata
  • una divisione più equa della prosperità (è ovviamente possibile discutere all’infinito di ciò che è giusto)
  • la protezione della terra, in modo che anche le generazioni future possano condurre una vita buona

Il populismo potrebbe offrire qualcosa di buono in questo senso, se ha davvero svegliato l’élite e incoraggiato le riforme prima che l’intero sistema minacci di essere abbattuto.

La storia degli Stati Uniti ce lo dimostra…

Alla fine del 19°secolo, la disuguaglianza era sfuggita al controllo. Il passaggio da una società agricola a una industriale ha fatto sì che in particolare molti agricoltori finissero in bancarotta.

Una depressione di 10 anni, dal 1873 in poi, causò ancora più sofferenza. Il governo era abbastanza impotente e fece poco.

L’emergente ondata di populismo ha trovato la sua espressione nel Partito Popolare, noto anche come Partito Populista, e nel suo programma di partito, la Piattaforma Omaha del 1892 c’era il seguente frammento:

Ci troviamo nel mezzo di una nazione portata sull’orlo della rovina morale, politica e materiale.

La corruzione domina l’urna, le legislature, il congresso e tocca persino la veste d’ermellino. 

Le persone sono demoralizzate…

Le istituzioni erano molto preoccupate.

Per molto tempo, è parso che il Partito Populista fosse sulla buona strada per prendere il potere, ma è crollato.

Tuttavia, ha aperto la strada alle riforme delle istituzioni politiche ed economiche da parte dei presidenti Roosevelt, Taft e Wilson, che hanno contribuito a rendere la democrazia capitalista più gratificante per le masse e a prevenire il collasso dell’intero sistema.

In questo senso, il populismo è radicato nella democrazia ed è forse un meccanismo di correzione necessario.

Come affermano Daron Acemoglu e James A. Robinson:

Quando lo stato e le élite diventano troppo potenti, aprono la strada al dispotismo che mette a tacere o costringe gli altri a seguirlo (pensate alla Cina).

Ma… quando quelle che non sono élite diventano troppo potenti, il risultato non è la libertà ma lo sgregamento dello stato.

Mentre disobbediscono e smantellano le istituzioni statali, quelle istituzioni si atrofizzano, le leggi diventano inefficaci, la libertà viene erosa e le funzioni chiave del governo sono emarginate.

Il pendolo oscilla continuamente avanti e indietro tra la troppa potenza dell’élite e la ribellione delle masse.

È importante seguire una via di mezzo – con l’elite insediata in modo abbastanza sicuro tanto da facilitare il corretto funzionamento delle istituzioni della democrazia capitalista, ma non nella misura in cui prevalgano il clientelismo e la corruzione.

Allo stesso tempo, la società nel suo insieme dovrebbe beneficiare sufficientemente della crescita della prosperità ed essere sicura nella consapevolezza di poter chiamare l’élite a renderne conto quando è necessario. Le parti si sono allontanate troppo da questo corso intermedio.

– Da un lato, c’è il campo con un atteggiamento TINA(There Is No Althernative):

non esiste alternativa alla democrazia liberale.

A volte sono diventati ciechi ai lati oscuri della democrazia liberale, e questo ha portato a una tecnocrazia che è sfuggita al controllo, con i politici che sono essenzialmente manager

– D’altra parte, hai i nazionalisti come contromovimento, che si stanno spostando verso l’autoritarismo in molti luoghi costringendo i giudici a ritirarsi, soffocando la stampa e inclinando il campo da gioco in modo permanente contro gli avversari.

Molte delle attuali proteste in tutto il mondo sono il risultato di sistemi politici che offrono risposte inadeguate agli eccessi e agli spiacevoli effetti collaterali della globalizzazione, del libero mercato e delle burocrazie soffocanti.

Le persone stanno cercando febbrilmente modi di conciliare crescita, maggiore uguaglianza e sostenibilità in un’era di globalizzazione, l’enorme potere delle multinazionali e le forme di corruzione del vertice che sono chiaramente più visibili grazie a Internet e ad altre tecnologie moderne, mentre le proteste possono anche guadagnare slancio più facilmente.

Un’interazione negativa nasce tra più disordini e una crescita globale bassa persistente.

L’FMI e altre organizzazioni hanno continuato a ridurre le previsioni di crescita. Il dollaro si rafforzerà a medio termine, in parte a causa dello status di bene rifugio sicuro che ha ancora. Anche i prezzi delle materie prime continueranno ad essere sotto pressione.

Ciò è sfavorevole a molti mercati emergenti che sono già colpiti dalla turbolenza:

dipendono generalmente dalle esportazioni di materie prime e hanno stipulato enormi quantità di prestiti in dollari, il che rende i loro debiti sempre più difficili da sopportare.

Questo crea ancora più insoddisfazione e minaccia di innescare un circolo vizioso.

Inoltre, perché queste economie emergenti hanno popolazioni molto giovani e i giovani hanno maggiori probabilità di scendere in piazza.

Poi è probabile che la frustrazione continui ad aumentare, poiché l’ascesa democratica si è arrestata in tutto il mondo e le proteste sono certamente aumentate, ma il loro tasso di successo è diminuito enormemente.

Due decenni fa, sette proteste su 10 che chiedevano grandi riforme hanno portato a cambiamenti. 

Dalla metà del decennio precedente, questa percentuale è scesa costantemente al 30 percento.

L’instabilità mondiale crea anche ancora più incertezza tra multinazionali nei paesi occidentali sulla sostenibilità delle catene di produzione internazionali.

Questo li costringe a continuare a ridurre gli investimenti e assumere meno nuovo personale.

Chiaramente, a questo punto, gli sviluppi politici globali indicano un rafforzamento della pressione al ribasso sulla crescita economica invece di agire come fattori scatenanti per affrontare la debole crescita in misura sufficiente.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld 

La saggezza, è il più grande bisogno umano

 

“La gabbia del 5G”: Pandora TV trasmette il docu-film (in italiano) del giornalista investigativo James Corbett (che cita OASI SANA)
Pluripremiato giornalista investigativo, James Corbett ha prodotto il docu-film d’inchiesta sul lato oscuro del 5G, messo on-line da Pandora TV diretta dall’ex europarlamentare e giornalista Giulietto Chiesa, tra gli oltre 300 accreditati alla Camera dei Deputati nel riuscitissimo e recente convegno internazionale dal titolo “Moratoria nazionale, 5G tra rischi per la salute e principio di precauzione” promosso dall’Alleanza Italiana Stop 5G. 
Ecco il docu-film sottotitolato in italiano: parlando di moratoria e azioni per la prevenzione del danno, Corbett cita OASI SANA come fonte per la mozione approvata nel Consiglio Comunale di Firenze.
******************************
Dati, dati ovunque
Ma non un’oncia di saggezza
by Lilian Coral
November 13, 2019
from KnightFoundation Website
Lilian Coral è direttore della Knight Foundation per la strategia nazionale e l’innovazione tecnologica. 
Seguila su Twitter @lcoral.

I dati sono la linfa vitale della tecnocrazia.

  • Riempie le vele dell’IA.
  • È il nuovo olio del 21° secolo.
  • È il gusher dell’Internet of Things.
  • Il sistema ferroviario in tempo reale è il 5G.
La parola “abbastanza” non è nel dizionario dei Technocrati.
La Knight Foundation è alla ricerca di idee più innovative su come raccogliere e utilizzare i dati nella “casa intelligente” e nella “città intelligente”.
Il problema, ovviamente, è che nessuna quantità di dati provocherà mai la saggezza, che è il più grande bisogno umano nel mondo moderno.
fonte
Il potere dei dati aperti per trasformare e coinvolgere le comunità: un appello per idee
Il 13 novembre, Knight Foundation
modi trasformazionali in cui i dati possono essere utilizzati
costruire comunità più forti, fiorenti e più coinvolte.
Knight’s Lilian Coral condivide i dettagli di seguito.
Vedi il comunicato stampa quie
registrati per un webinar informativo qui.
Immagina, all’incrocio principale vicino a casa tua, di vedere strisce pedonali dipinte di fresco e nuovi segnali che avvisano veicoli, ciclisti e pedoni del traffico in arrivo.
L’anno scorso, il quartiere era preoccupato a causa di numerosi incidenti nella zona.
Impressionato che la città abbia finalmente fatto qualcosa su questo problema, chiedi a Siri di far sapere al tuo membro del consiglio locale che sostenga gli sforzi per migliorare la sicurezza dei pedoni.
Ricevi un avviso sul tuo cellulare, ringraziandoti per il tuo feedback e subito dopo vedi una notifica di Facebook sulla riunione del municipio virtuale del dipartimento di pianificazione per ripensare l’angolo rovinato in fondo alla strada.
Dato che hai idee per aggiungere altre attività all’aperto, decidi di partecipare.
Questa visione si basa sulla potenza dei dati aperti.
Tale incrocio è stato identificato in base ai dati di collisione e infortunio. I segnali raccolgono dati su piloti e modelli di utilizzo. Il feedback dei residenti può essere raccolto da diverse piattaforme o servizi, pubblici o privati.
Tale feedback deve quindi essere condiviso – come punti di dati – con il dipartimento di pianificazione o condiviso tramite applicazioni connesse a Siri.
Quando i dispositivi digitali come i nostri telefoni cellulari ci semplificano la vita, lo fanno attraverso lo scambio di dati affidabile e senza soluzione di continuità. Gran parte di questi dati viene sfruttato per migliorare i servizi commerciali: i nostri ordini di cibo, le quote di guida e i siti di social media in cui ci colleghiamo con la famiglia e gli amici.
Ma questa è solo la punta dell’iceberg.
Il potere dei dati – in particolare i dati “aperti”, resi disponibili dal governo e, in alcuni casi, dalle società private – si estende anche alla possibilità di informare e coinvolgere meglio i residenti, incoraggiandoli a partecipare ad attività più focalizzate sul piano civico.
È in questo contesto che Knight Foundation sta emettendo un invito aperto a presentare idee che promuovono il concetto di open data e impegno civico per incoraggiare una nuova serie di approcci trasformativi per l’utilizzo, la comprensione e l’azione con i dati pubblici.
I destinatari selezionati possono guadagnare una quota fino a $ 1 milione in finanziamenti per le loro idee e progetti.
Se incontriamo persone negli spazi digitali:
Ci avanziamo nuovi approcci per la condivisione, la visualizzazione, l’interpretazione e la comunicazione con i dati?
Quali sono alcuni modi alternativi per raccogliere e analizzare i dati per informare decisioni più intelligenti e collaborative?
Quali sono i modi facili da usare per servire, responsabilizzare e coinvolgere i residenti e aiutarli a costruire comunità più forti e più fiorenti?
L’idea dell’accesso del pubblico ai dati aperti non è nuova.
Oltre al governo, altre imprese private pubblicano attivamente dati aperti.
Per esempio,
Il portale Open Data di Uber Movement fornisce dati anonimi di oltre 2 miliardi di viaggi Uber per il riutilizzo non commerciale.
Questo volume di dati, sebbene tecnicamente “aperto”, non è effettivamente accessibile agli esperti non tecnici.
Molti residenti non sono “cittadini scienziati” e gli sforzi per addestrarli a diventare più esperti di dati sono lenti e li costringono a guadagnare il diritto di impegnarsi civicamente in un’era digitale.
Ma la visione di fare di più con i dati, compreso il coinvolgimento diretto con il governo, è viva e vegeta.
Esempi fiorenti di utilizzo di dati civici che non si basano su competenze tecniche – ma incontrano i residenti dove si trovano – mostrano il potenziale per un impatto significativo sulla comunità.
Lavorando con organizzazioni già focalizzate sull’uso dei dati per coinvolgere le comunità e concentrando i finanziamenti su una massa critica di progetti in un ristretto insieme di comunità, Knight Foundation può ottenere spunti sulle pratiche di successo che avvicinano le comunità a una visione partecipativa, inclusiva e impegnata comunità.
Il nostro nuovo appello aperto sui dati per l’impegno civico fa parte del più ampio lavoro di Knight in Smart Cities, che cerca di supportare comunità più forti e più impegnate consentendo alla voce della comunità di riflettersi nella progettazione e nell’uso della tecnologia.
Che sia,
dati relativi a incidenti e collisioni, punteggi del parco, pedonabilità, densità abitativa, informazioni del governo locale o informazioni demografiche,
… tutti questi punti dati hanno l’opportunità di cambiare radicalmente il modo in cui i residenti interagiscono con i vicini, il governo e la loro comunità.
Se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi con dati aperti, dobbiamo sbloccarne l’uso per milioni di americani (… e altri in tutto il mondo) che cercano di partecipare alle loro comunità e prendere decisioni più informate che generano equità, inclusioni e partecipazione…

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Quello che all’estero pensano di noi italiani

Wikimedia Commons, di Saffron Blaze  

Il Populismo si lega naturalmente alla tecnocrazia in Italia  

Postato da: Carlo Accetti,

Il movimento populista italiano continua ad abbracciare la tecnocrazia per formare un’alleanza naturale chiamata “tecnopopulismo”. I primi articoli di TN sono apparsi a metà 2018, e ora il globalista Financial Times l’ha notato. 

Il tecnopopulismo è la tendenza più pericolosa nella società moderna perché i populisti generalmente rifiutano la globalizzazione ma poi si rivolgono alla tecnocrazia per gestire le loro società distrutte, non rendendosi conto che la tecnocrazia è la massima espressione della globalizzazione. 

Guarda anche:  

Il tecnopopulismo nasce in Italia fondendo tecnocrazia e populismo  

Instabilità globale e ascesa del tecnopopulismo  

L’argomento del tecnopolimismo come soluzione ai problemi economici 

⁃ Editor TN

Il nuovo governo di coalizione italiano, composto dal Movimento a cinque stelle e dal Partito democratico, è stato elogiato a livello internazionale in una pletora di improbabili complimenti da Jean-Claude Juncker, presidente uscente della Commissione europea e presidente degli Stati Uniti Donald Trump in Vaticano.

Questa alleanza di ex nemici giurati non può essere spiegata semplicemente come uno sforzo per mantenere la Lega nazionalista di estrema destra di Matteo Salvini fuori dal potere. Piuttosto, il nuovo esperimento politico italiano rappresenta anche una sintesi delle due forze principali che hanno definito la politica europea negli ultimi dieci anni: populismo e tecnocrazia.

Il movimento a cinque stelle è un partito populista per antonomasia. È cresciuto per la prima volta alla ribalta attraverso le veemente denunce del suo fondatore e leader carismatico Beppe Grillo sulle élite politiche (la casta) e rimane impegnato in una forma dal basso verso l’alto di democrazia diretta, che mette da parte il ruolo del Parlamento e delle istituzioni intermedie.

Tuttavia, il partito chiede ora un “governo responsabile” per evitare uno scontro con l’UE sul prossimo bilancio. Grillo ha anche suggerito che la squadra di governo dovrebbe essere composta da “tecnici” indipendenti, sebbene alla fine solo alcuni ministeri chiave non siano stati assegnati a funzionari esplicitamente partigiani.

Il PD è stato storicamente il partito della proprietà e della stabilità istituzionali. Si schierò dalla parte del sistema giudiziario del paese nella sua lotta contro l’ex primo ministro Silvio Berlusconi e fu uno dei principali sostenitori del governo tecnocratico di Mario Monti dopo la crisi economica del 2011. Tuttavia, ora chiede una “svolta radicale” nel modo in cui il paese è gestito e ha proposto che il nuovo dirigente sia etichettato come “governo della novità”.

Ciò che sta prendendo forma in Italia è un incrocio paradossale di populismo e tecnocrazia – o tecno-populismo. Coniuga un appello contro l’establishment e chiede un radicale cambiamento politico con rivendicazioni di responsabilità istituzionale e competenza fiscale, volte a rassicurare i partner internazionali e gli investitori globali. Ciò che li tiene insieme è ciò a cui entrambi si oppongono.

Lungi dall’essere in contrasto tra loro, populismo e tecnocrazia sono in realtà due facce della stessa medaglia. Come ha sottolineato lo scienziato politico Jan-Werner Müller, “il populismo sostiene che esiste solo una volontà autentica del popolo”, mentre “la tecnocrazia sostiene che esiste solo una soluzione politica corretta”. Condividono quindi una tensione profondamente anti-politica: ognuno afferma di possedere una sorta di “verità” che rende superflua la politica parlamentare e li porta a vedere gli avversari come nemici.

Non è un caso che sia il sig. Grillo sia l’ex primo ministro del PD, Matteo Renzi, abbiano descritto il sig. Salvini come un “barbaro”. Eppure Five Star sta appena uscendo da una coalizione con la Lega, e il governo di Renzi una volta ha fatto affidamento sui voti del centro-destra per mantenere il “pericoloso” Movimento a cinque stelle fuori dal potere.

In un sistema in cui il populismo e la tecnocrazia sono le uniche opzioni disponibili, ogni governo è tenuto a presentarsi come un modo per evitare la catastrofe, poiché l’opposto di “una volontà autentica del popolo” o “una soluzione politica corretta “Deve essere un errore politico o una cattiveria.

Leggi la storia completa qui … 

Fonte: https://www.technocracy.news/ 

®wld