Archivi tag: tavolette d’argilla

Diventare umani nell’epopea di Gilgamesh

 

Parte di una tavoletta di argilla neo-assira contenente tre colonne di iscrizione cuneiforme dal tablet 6 di The Epic of Gilgamesh. Per gentile concessione dei Trustees del British Museum.

Tra divinità e animali – Diventare umani nell’epopea di Gilgamesh

by Sophus Helle February 19, 2019 from AEON Website  Spanish version 

L’Epopea di Gilgamesh è un poema babilonese composto nell’antico Iraq, millenni prima di Omero.

Racconta la storia di Gilgamesh, re della città di Uruk. Per frenare la sua energia irrequieta e distruttiva, gli dei creano un amico per lui, Enkidu, che cresce tra gli animali della steppa.

Quando Gilgamesh viene a conoscenza di questo uomo selvaggio, ordina che venga estratta una donna di nome Shamhat per trovarlo.

Shamhat seduce Enkidu, e i due fanno l’amore per sei giorni e sette notti, trasformando Enkidu dalla bestia all’uomo . La sua forza è diminuita, ma il suo intelletto si espande e diventa capace di pensare e parlare come un essere umano.

Shamhat ed Enkidu viaggiano insieme in un campo di pastori, dove Enkidu impara le vie dell’umanità.

Alla fine, Enkidu si reca da Uruk per affrontare l’abuso di potere di Gilgamesh, ei due eroi lottano l’uno con l’altro, solo per formare un’amicizia appassionata.

Questa, almeno, è una versione dell’inizio di Gilgamesh, ma in effetti l’epopea è passata attraverso diverse edizioni.

È iniziato come un ciclo di storie in lingua sumera, che sono state poi raccolte e tradotte in una singola epopea in lingua accadica.

La prima versione dell’epopea fu scritta in un dialetto chiamato Old Babylonian , e questa versione fu successivamente rivista e aggiornata per creare un’altra versione, nel dialetto standard babilonese , che è quella che la maggior parte dei lettori incontrerà oggi.

Gilgamesh non solo esiste in una serie di versioni diverse, ciascuna versione è a sua volta composta da molti frammenti diversi. Non esiste un singolo manoscritto che trasporta l’intera storia dall’inizio alla fine.

Piuttosto, Gilgamesh deve essere ricreato da centinaia di tavolette di argilla che sono diventate frammentarie nel corso dei millenni.

La storia ci viene presentata come un arazzo di frammenti, messo insieme dai filologi per creare una narrativa approssimativamente coerente (circa quattro quinti del testo sono stati recuperati). Lo stato frammentario dell’epica significa anche che viene costantemente aggiornato, poiché gli scavi archeologici – o, troppo spesso, illegali – portano alla luce nuove tavolette, facendoci riconsiderare la nostra comprensione del testo.

Nonostante abbia più di 4000 anni, il testo rimane in evoluzione, cambiando ed espandendosi ad ogni nuova scoperta.

La scoperta più recente è un minuscolo frammento che era stato trascurato nell’archivio del museo della Cornell University di New York, identificato da Alexandra Kleinerman e Alhena Gadotti e pubblicato da Andrew George nel 2018 (un altro frammento del vecchio Gilgameš babilonese).

All’inizio, il frammento non sembra molto:

16 linee spezzate, la maggior parte delle quali già note da altri manoscritti.

Ma lavorando sul testo, George notò qualcosa di strano.

La tavoletta sembrava conservare parti sia della versione babilonese antica che della versione standard babilonese, ma in una sequenza che non si adattava alla struttura della storia come era stata intesa fino ad allora.

Il frammento proviene dalla scena in cui Shamhat seduce Enkidu e fa sesso con lui per una settimana.

Prima del 2018, gli studiosi credevano che la scena esistesse sia in una versione babilonese sia in una versione standard babilonese, che forniva resoconti leggermente diversi dello stesso episodio:

Shamhat seduce Enkidu, fanno sesso per una settimana, e Shamhat invita Enkidu a Uruk.

Le due scene non sono identiche, ma le differenze potrebbero essere spiegate come risultato dei cambiamenti editoriali che hanno portato dall’antico babilonese alla versione standard babilonese.

Tuttavia, il nuovo frammento sfida questa interpretazione. Un lato della tavoletta si sovrappone alla versione standard babilonese, l’altra alla versione antico babilonese.

In breve, le due scene non possono essere versioni diverse dello stesso episodio:

la storia includeva due episodi molto simili, uno dopo l’altro.

Secondo George, sia l’antica versione babilonese che quella standard babilonese funzionavano così:

Shamhat seduce Enkidu, fanno sesso per una settimana, e Shamhat invita Enkidu a venire su Uruk. I due poi parlano di Gilgamesh e dei suoi sogni profetici.

Poi, si scopre, hanno fatto sesso per un’altra settimana, e Shamhat invita di nuovo Enkidu a Uruk.

All’improvviso, la maratona d’amore di Shamhat e Enkidu era stata raddoppiata, una scoperta che il Times pubblicizzò con il titolo “Ancient Sex Saga Now Twice As Epic“.

Ma in realtà, c’è un significato più profondo per questa scoperta.

La differenza tra gli episodi può ora essere compresa, non come cambiamenti editoriali, ma come cambiamenti psicologici che Enkidu subisce quando diventa umano. Gli episodi rappresentano due fasi dello stesso arco narrativo, dandoci una visione sorprendente di cosa significasse diventare umani nel mondo antico.

La prima volta che Shamhat invita Enkidu a Uruk, descrive Gilgamesh come un eroe di grande forza, paragonandolo a un toro selvaggio.

Enkidu risponde che verrà davvero a Uruk, ma non farà amicizia con Gilgamesh:

lo sfiderà e usurpherà il suo potere.

Shamhat è costernato, esorta Enkidu a dimenticare il suo piano e descrive invece i piaceri della vita di città:

musica, feste e belle donne.

Dopo aver fatto sesso per una seconda settimana, Shamhat invita di nuovo Enkidu a Uruk, ma con un’enfasi diversa.

Questa volta non si sofferma sulla forza rialzista del re, ma sulla vita civile di Uruk:

“Laddove gli uomini sono impegnati in lavori di abilità, anche tu, come un vero uomo, farai un posto per te stesso.”

Shamhat dice ad Enkidu di integrarsi nella società e trovare il suo posto all’interno di un tessuto sociale più ampio.

Enkidu è d’accordo:

‘il consiglio della donna ha colpito a casa nel suo cuore’.

È chiaro che Enkidu è cambiato tra le due scene.

La prima settimana di sesso avrebbe potuto dargli l’intelletto per conversare con Shamhat, ma pensa ancora in termini animali:

vede Gilgamesh come un maschio alfa da sfidare.

Dopo la seconda settimana, è diventato pronto ad accettare una visione diversa della società. La vita sociale non riguarda la forza e le affermazioni del potere, ma anche i doveri e le responsabilità della comunità.

Posto in questo graduale sviluppo, la prima reazione di Enkidu diventa tanto più interessante, come una sorta di passo intermedio sulla via dell’umanità.

In poche parole, quello che vediamo qui è un poeta babilonese che guarda la società attraverso gli occhi ancora selvaggi di Enkidu. È una prospettiva non completamente umana sulla vita di città, che è vista come un luogo di potere e orgoglio piuttosto che abilità e cooperazione.

Cosa ci dice questo?

Impariamo due cose principali.

  • Primo, che l’umanità per i Babilonesi era definita attraverso la società. Essere umani era un affare chiaramente sociale, e non solo ogni tipo di società:

era la vita sociale delle città che ti rendeva un ‘vero uomo’.

La cultura babilonese era, in fondo, una cultura urbana.

Città come Uruk, Babilonia o Ur erano i mattoni della civiltà e il mondo fuori dalle mura della città era visto come una terra incolta pericolosa e incolta.
  • Secondo, impariamo che l’umanità è una scala mobile.Dopo una settimana di sesso, Enkidu non è diventato completamente umano. C’è uno stadio intermedio, in cui parla come un umano ma pensa come un animale.

Anche dopo la seconda settimana, deve ancora imparare come mangiare il pane, bere birra e indossare i vestiti. In breve, diventare umani è un processo passo-passo, non un o / o binario.

Nel suo secondo invito a Uruk, Shamhat dice:

“Ti guardo, Enkidu, sei come un dio, perché con gli animali ti trovi in ​​mezzo alla natura?”

Gli dèi sono qui raffigurati come il contrario degli animali, sono onnipotenti e immortali, mentre gli animali sono ignari e destinati a morire.

Essere umani deve essere posizionato da qualche parte nel mezzo:

non onnipotente, ma capace di lavoro qualificato; non immortale, ma consapevole della propria mortalità.

In breve, il nuovo frammento rivela una visione dell’umanità come un processo di maturazione che si svolge tra l’animale e il divino.

Uno non è semplicemente nato umano:

essere umani, per gli antichi babilonesi, significava trovare un posto per se stessi all’interno di un campo più ampio definito dalla società, dagli dei e dal mondo animale. 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Articoli correlati: La prima vera Opera Letteraria della Storia

                                       Il mito di Gilgames

®wld

La sfida di risuscitare una lingua antica

 

La lingua parlata in tempi antichi a Babilonia rinasce dopo aver taciuto per duemila anni

Quasi 2000 anni dopo essere caduto in disuso, uno specialista di linguistica presso l’Università di Cambridge, il dott. Martin Worthington, ha imparato a parlare con l’antico babilonese, e non sta solo facendo campagne per farla rivivere come una forma di comunicazione orale, ma anche Ha anche realizzato un film in questa antica lingua.

I principali finanziatori del film diretto dal Dr. Worthington, membro del St John’s College, erano la Philological Society, il Thriplow Benevolent Fund, l’Università di Cambridge e vari college di Cambridge, che consentivano agli studenti di produrre il primo film al mondo nell’antica Babilonia. Secondo un articolo pubblicato su The Telegraph, gli studenti attori “hanno drammatizzato una storia popolare di una tavoletta di argilla del 701 a.C. intitolato ‘Il povero uomo di Nippur‘.”

La vecchia storia racconta la storia di un pastore di capre che picchia il sindaco di una città “tre volte” per vendicarsi di aver ucciso una delle sue capre.

Per due decenni, il dott. Worthington ha studiato l’antica lingua mediorientale usata in passato “dai re babilonesi della Mesopotamia, i faraoni egizi ei potentati del Vicino Oriente”, secondo The Telegraph.

  Tavoletta in terracotta “Inanna preferisce il contadino”. Qui, in questo mito, Enkimdu (dio dell’agricoltura) e Dumuzi (dio del cibo e della vegetazione) cercano di conquistare la mano della dea sumera Inanna. Iscrizione in lingua sumera trovata a Nippur (attuale Nuffar, Governatorato di Al-Qadisiya, Iraq). Prima metà del secondo millennio a. C., Museo dell’antico est, Istanbul. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg / CC BY SA 4.0 )

Un articolo pubblicato sul Daily Mail spiega in che modo gli scienziati “hanno creato un archivio unico di registrazioni di diversi lettori di storie e iscrizioni babilonesi e organizzato una conferenza annuale per sei formatori interessati allo studio dell’antica Mesopotamia e dell’antico Egitto”. Le registrazioni del Dr. Worthington con le letture dei miti e poesie babilonesi nella loro lingua originale sono disponibili online all’indirizzo: https://www.soas.ac.uk/baplar/recordings/

E dove molti accademici e cineasti sono spesso portati via dall’ego, in cerca di riconoscimento e ammirazione, gli obiettivi del Dr. Worthington sono esemplari, essendo stati un pioniere nel parlare babilonese nella convinzione che “permette agli studenti di godere della magia di autenticità e connettere con parole un mondo perduto e distante. “E non possiamo non rispettare quell’atteggiamento, dal momento che la ricerca di metodi di insegnamento innovativi e il fatto di dare vita a un curriculum che altrimenti sarebbe piuttosto grigio, definisce grandezza nel campo dell’istruzione.

  George Heath-Whyte interpreta Gimil-Ninurta nell’antica opera babilonese “Il povero uomo di Nippur”. ( Dipartimento di Archeologia, Università di Cambridge 

La sfida di risuscitare una lingua antica

Dal momento che nessuno ha mai provato a parlare la lingua babilonese, usata dagli antichi popoli che dominavano quello che ora è l’Iraq, il dott. Worthington non aveva alcun riferimento per essere in grado di misurare l’accuratezza delle loro vocalizzazioni. Un articolo pubblicato su Heritage Key analizza la sfida di sapere come “il babilonese, o qualsiasi altra lingua morta, suonava” spiegando che l’accuratezza si basa su “strategie e tecniche diverse”. A volte i ricercatori usano parole babilonesi e assire trascritte in alfabeti diversi da quelli cuneiformi, ma spesso “il suono è dedotto pericolarmente da uno studio attento delle combinazioni di lettere e dei modelli di ortografia, usando i testi cuneiformi originali”

Questo piccolo cilindro di terracotta registra le opere eseguite sulle mura della città di Babilonia per ordine del re Nabopolassar. Trovato in Babilonia, Mesopotamia, Iraq. Periodo neobabilonese, 625-605 a. C. British Museum, Londra. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg) / CC BY SA 4.0

“Essenzialmente è un lavoro da detective”, ha sottolineato il dott. Worthington, aggiungendo che: “Non sapremo mai con certezza se un babilonese abbia approvato i nostri tentativi di pronuncia, ma guardando da vicino le fonti originali possiamo fare una buona ipotesi. “Il ricercatore ha commentato ai giornalisti del Telegraph che dal 2000 aveva studiato” lettere di spie, trattati tra stati, corrispondenza diplomatica, incantesimi e prescrizioni mediche “. Studenti che cercano di apprendere la lingua nel loro corso universitario di assiriologia dice loro che “le strutture sono molto regolari” e nelle parole di Worthington “la maggior parte degli studenti scopre che ad un certo punto, spesso quando sono in giro da sette mesi, improvvisamente lo” prendono “: le strutture si inseriscono nel suo posto.”

Filmare una vecchia storia

Il Dr. Worthington ha diretto il film, che è stato coprodotto con Kathryn Stevens dell’Università di Durham, e ha avuto la sua anteprima internazionale al St John’s College il 27 novembre. Il film, che è ora disponibile su YouTube, è stato aperto dal più anziano assiriologo del mondo, James Kinnier Wilson, 97 anni, che ha insegnato all’Università di Cambridge per 34 anni.

La trama del film è basata su un antico rilievo del British Museum in cui “due crudeli demoni felini armati di pugnali rappresentano le tre percosse che il sindaco ha dato al povero Nippur”. Secondo le parole del dott. Worthington , “non volevano gli studenti che rappresentano la lotta nel film, quindi hanno usato il sollievo con i suoni dietro “. Per quanto riguarda la ricerca della verità essenziale della vecchia storia, secondo il Dr. Worthington “potrebbe essere interpretato come un’allegoria di come, anche se “il i quadri intermedi “erano là fuori a prenderti, un essere gentile superiore si prendeva cura di te, proprio come fa il re nella storia dando al povero un carro di guerra“.

Sennacherib sul suo carro durante la guerra in Babilonia,  rilievo del suo palazzo a Ninive. (Pubblico dominio

Immagine di copertina: Immagine del rilievo della Tavoletta di Shamash, stanza 55 della British Library. Scoperto a Sippar (presente Tell Abu Habbah), antica Babilonia; risale al IX secolo a.C. e mostra il dio solare Shamash sul suo trono che riceve il re babilonese Nabu-apla-iddina (888-855 a.C.), affiancato da due divinità intercessori. Il testo, in lingua babilonese, racconta come il re costruì una nuova statua per adorare il dio e accordò privilegi al suo tempio. Fonte: Prioryman / CC BY SA 4.0

Autore: Ashley Cowie

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su www.ancient-origins.net ed è stato tradotto con il permesso

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

®wld

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata

 

Zecharia Sitichin aveva ragione riguardo gli Anunnaki e un pianeta extra nel nostro sistema solare?

di Arjun Walia   

La storia antica è piena di strane storie documentate, che sfortunatamente continuiamo a ignorare, ma stiamo migliorando e la mente umana collettiva si sta aprendo a nuove spiegazioni per la natura della realtà e una miriade di altri argomenti, come per esempio, la storia umana. 

Molte “leggende” del nostro mondo antico sembrano essere in fase di riscoperta, un grande esempio sarebbe la correlazione tra le antiche credenze spirituali orientali e la fisica quantistica, con la sua forte correlazione e dipendenza dalla coscienza. Un altro esempio potrebbero essere le antiche pratiche sanitarie, comunemente chiamate medicina naturopatica. L’esempio in questo articolo si occupa di antiche tradizioni di esseri appartenenti ad altri mondi, ed è ancora più interessante a causa della moderna rivelazione di UFO che stiamo vedendo e l’evidenza che suggerisce che alcuni di loro potrebbero essere extraterrestri è piuttosto affascinante, almeno per quelli che hanno avuto il tempo di guardare. 

Quando si contempla specificamente gli extraterrestri, ci sono molti esempi tra cui scegliere. Che siano gli Uomini delle stelle a parlare delle storie dei Nativi del Nord America, o i presunti incontri moderni con diversi tipi di esseri extraterrestri, credetemi, non c’è differenza. 

Forse una delle storie più famose viene dal lavoro di Zecharia Sitchin, un uomo e autore di molti libri che propongono una spiegazione per le origini umane che coinvolgono gli antichi astronauti. Il famoso ricercatore Jim Marrs nel suo libro, Our Occulted History, descrive bene il lavoro di Sitchin e le sue scoperte, 

“In diversi racconti incisi permanentemente nelle loro tavolette d’argilla, gli antichi scribi sumerici fornivano maggiori dettagli sulla fonte della loro conoscenza. Hanno scritto che 432.000 anni prima del Grande Diluvio, gli Anunnaki arrivarono e insegnarono loro le basi della civiltà … Secondo le interpretazioni di Zecharia Sitchin e molti altri, il termine Anunnaki significa “quelli che sono venuti dai cieli sulla Terra”. Nella narrativa di Sitchin, questi erano astronauti del pianeta Nibiru che hanno viaggiato attraverso la fascia degli asteroidi e inizialmente sono sbarcati nel Golfo Persico.” 

Marrs, continua descrivendo come una volta lì, cominciarono a colonizzare e cercare l’oro, oltre a manipolare il DNA dei “primitivi” sulla Terra, che alla fine divennero i re e le famiglie aristocratiche sulla Terra, che alla fine portarono alla devastazione e guerra in tutto il mondo. 

Storie di altri esseri del mondo sono presenti anche in molte leggende africane della creazione, come il popolo Zulu, che significa “cielo”. La loro connessione con le storie di Zecharia Sitchin è piuttosto affascinante, poiché le storie di questi “Dei” hanno gli stessi aspetti attribuiti agli Anunnaki nelle tavolette sumeriche. Se vuoi ascoltare alcuni esempi di storie, basta digitare su Google Credo Mutwa. Anche il ricercatore sudafricano Michael Tellinger lo descrive abbastanza bene, questo è un altro estratto dalla nostra storia occulta. 

“La maggior parte della mitologia africana parla delle stesse cose, gli dei del cielo, l’abelungu che discese dal cielo. Hanno creato il popolo, per estrarre l’oro. Credo Mutwa (e uno sciamano africano) ci dice che Abantu in Zulu significa i figli di Antu. Antu è la dea sumera dell’Abzu, da cui proviene l’oro. Lord Enki è anche conosciuto come Enkei come il creatore-dio, l’uomo di medicina sumero. Ha clonato una specie. Il suo simbolo è sul simbolo medico, caduceo. Questo è uno dei più antichi simboli sulla terra codificati con così tanta conoscenza e informazione che possiamo dedicare solo una conferenza su di esso.” 

Un altro esempio potrebbe essere Quetzalcoatl, considerato un racconto mitico. Il cronista spagnolo, Juan de Torquemada, afferma che Quetzalcoatl era “un uomo dalla carnagione chiara e rubiconda con una lunga barba”. Il ricercatore Graham Hancock lo descrive come segue

“Una persona misteriosa … un uomo bianco con un possente corpo, fronte ampia, occhi grandi e una barba fluente. Era vestito con una lunga veste bianca che arrivava fino ai piedi. Condannò i sacrifici, ad eccezione di frutta e fiori, ed era conosciuto come il dio della pace. Quando si parla di guerra, si dice che si sia tappato le orecchie con le dita”. (Fonte) 

Ora, è importante tenere presente che ci sono qui molte più storie in molti periodi di tempo. La Mesopotamia sembra davvero un luogo in cui il contatto extraterrestre si stava verificando frequentemente, e stiamo vedendo cosa potrebbe aver avuto luogo. Ci sono storie di contatti amichevoli tra varie tribù del Nord America, e ci sono diversi tipi di esseri, descrizioni diverse, eppure tante somiglianze. 

Ad essere onesti, come disse una volta l’Astronauta Story Musgrave, “ci sono probabilmente trilioni di razze diverse là fuori che fanno viaggi tra le stelle”. 

“C’è un altro modo, che si tratti di wormhole o di spazio di warping, che ci sia un modo per generare energia in modo da poterlo estrarre dal vuoto, e il fatto che siano qui ci mostra che hanno trovato un modo.”

Jack Kasher , Ph.D, Professore emerito di fisica, Università del Nebraska. 

La storia della narrazione umana potrebbe non essere come viene raccontata, il modo in cui viene detto ora è abbastanza noioso, secondo me, siamo bloccati sul creazionismo e sull’evoluzione come le nostre uniche due opzioni quando potrebbe essere qualcosa di molto più grande e più complesso e selvaggio, con un po’ di mix di tutto, forse. L’unica certezza è che ciò che ci viene insegnato non sembra adattarsi a tutte le strane scoperte che sono state fatte negli anni di giganti e strani teschi umanoidi / corpi

Il nostro mondo è intriso di segretezza, e quelle che vengono percepite come le idee più “stravaganti”, in molti casi, di solito hanno la massima validità. La verità non si ferma, è sempre lì. Tuttavia, la percezione umana della verità e la reazione ad essa determinano ciò che creiamo come verità. Se tutti crediamo che qualcosa lo sia, lo potrebbe essere? Ma quelle sono discussioni più profonde, il punto è che ci sono verità che rimangono, quando l’umanità sceglierà di accettarle così da poter passare da quelle che non risuonano, è una storia diversa, ma stiamo facendo un buon lavoro di ricerca. 

Secondo Sitchin, circa mezzo milione di anni fa questi esseri Anunnaki vennero sulla Terra perché il nostro pianeta e il loro pianeta si trovavano nelle immediate vicinanze. 

Il lavoro di Sitchin è stato criticato e respinto dal mondo accademico tradizionale, allo stesso modo quello della parapsicologia. Ad esempio, un professore di statistica presso la UC Irvine ha pubblicato un documento che mostra che gli esperimenti parapsicologici hanno prodotto risultati molto più forti di quelli che mostrano una dose giornaliera di aspirina per aiutare a prevenire un attacco di cuore. 

Quando spingi i confini delle credenze, non importa quanti ricercatori, studiosi e accademici sono d’accordo con te, ci sarà sempre il grande che non lo fa e quella è la persona che otterrà la maggior pubblicità per screditarti, al fine di mantenere una sorta di status quo. Questo è quello che è successo a molte persone, incluso Sitchin, ma c’è una ragione per cui milioni di persone sono così affascinati da tutte le connessioni fatte da lui, e da coloro che hanno seguito il suo lavoro o fanno ricerche in un’area simile. 

Ad esempio, Paul Von Ward, un importante autore, ricercatore e psicologo ha scritto, 

“Anche se non sono d’accordo con la sua cosmologia … la sua delucidazione dei dettagli storici e la loro connessione ad altri campi della conoscenza si alzano sotto una revisione comparativa con il lavoro di altri studiosi. Il suo sommario di informazioni relative agli “antichi dei” conosciuti in Sumeria come gli Anunnaki presenta una miscela coesiva e difendibile di materiale testuale e interpretazione giudiziosa”. 

Un autore che ha studiato più di trecento traduzioni di antichi scritti mesopotamici e vedici, scrive CL Turnage, 

“Dopo aver studiato la teoria di Sitchin, ho iniziato la mia personale contemplazione dell’epopea biblica pre-biblica dell’Enuma Elish. Fu da uno studio di questa narrazione che Sitchin divenne consapevole del pianeta Nibiru e del suo insediamento all’interno del nostro sistema solare. Questo racconto è stato originariamente scritto su sette tavolette d’argilla, ognuna corrispondente a un giorno della creazione … Dopo il mio studio di queste cronache, sono d’accordo con le scoperte di Sitchin.”

Nondimeno, i fatti affascinanti rimangono inspiegabili a meno che non prendiamo una prospettiva extraterrestre. Prendiamo ad esempio che i Sumeri antichi stavano descrivendo accuratamente i pianeti Urano, Nettuno e Plutone … Questi pianeti non possono nemmeno essere visti senza un telescopio.

Il decimo pianeta  

Questo tipo di cose è stato abbastanza popolare in certi punti della storia umana. Nel 1981 gli scienziati stavano contemplando la possibilità di prove strane che suggerivano un ulteriore corpo solare nel nostro sistema. 

Il libro di Marrs continua descrivendo un articolo di Hugh McCann, uno scrittore per il Detroit News all’epoca, 

“Se le nuove prove dell’US Naval Observatory di un decimo pianeta nel sistema solare sono corrette, potrebbe provare che i Sumeri … erano molto più avanti rispetto all’uomo moderno in astronomia”. 

I Sumeri lo chiamavano il 12° pianeta, ma contano la luna e il sole, quindi ha un senso. 

Il 30 dicembre 1983, il Washington Post aveva un titolo in prima pagina che diceva: 

“Un corpo celeste grande quanto il pianeta gigante Giove e possibilmente così vicino alla Terra che lo farà parte di questo sistema solare, è stato trovato nella direzione della costellazione di Orione da un telescopio orbitante a bordo dell’IRAS (Infrared Astronomical Satellite) statunitense. Così misterioso è l’oggetto che gli astronomi non sanno cosa sia …” 

Ciò che viene in mente sono le recenti dichiarazioni dell’astronauta dell’Apollo 15 Al Worden, 

“Noi Siamo gli alieni, ma pensiamo che siano qualcun altro, ma siamo noi che siamo venuti da qualche altra parte. Perché qualcun altro doveva sopravvivere, e hanno preso una piccola astronave spaziale e sono venuti qui, sono atterrati e qui, hanno iniziato la civiltà, questo è quello che credo. E se non mi credi, vai a prendere libri sugli antichi Sumeri e vedi cosa hanno da dire a riguardo, te lo diranno subito “. 

I suoi commenti differiscono in modo significativo dal dott. Edgar Mitchell, che ha affermato di “essere abbastanza privilegiato per essere presente sul fatto che non siamo soli in questo pianeta” e che “siamo stati visitati molte volte”. 

Il nostro mondo è intriso di segretezza, pensi che se un tale corpo nel nostro sistema solare fosse scoperto che avremmo persino sentito qualcosa a riguardo? Molto probabilmente no. 

Un grande esempio è la recente rivelazione di UFO da parte del governo degli Stati Uniti attraverso le To The Stars. Puoi leggere di più su questo in dettaglio nell’articolo collegato sotto. 

Ancora una volta, la storia degli Anunnaki potrebbe essere vera, ma è stato tanto tempo fa, e se quel pianeta esiste, forse anche le cose sono cambiate. Stiamo esaminando, semmai, un piccolo racconto di contatti extraterrestri che si è verificato nella storia di questo pianeta.  

Se vuoi leggere altri nostri articoli sull’argomento UFO / Extraterrestri, puoi cliccare qui.

L’enigma Anunnaki

L’enigma dietro gli Anunnaki, creatori della nostra civiltà 

Gli Anunnaki (anche trascritti come Anunaki, Anunna, Ananaki) sono un gruppo di divinità che appaiono nelle leggende mitologiche degli antichi Sumeri, Accadi, Assiri e dei Babilonesi.

Gli Anunnaki sono le divinità più influenti del pantheon, erano i discendenti di An, il dio dei cieli, e la loro funzione primaria è quella di giudicare le sorti dell’umanità.

Secondo la mito-patia mesopotamica, gli Anunna erano, inizialmente, gli dei più potenti del cielo che sono vissuti con Anu.

Nel poema Enûma Elish, è stato Marduk che ha creato l’umanità e poi ha diviso l’Anunna tra cielo e terra e ha assegnato loro i vari compiti. Allora gli Anunna, riconoscenti a Marduk, fondarono Babilonia e costruirono un tempio in loro onore chiamato Esagila.

La reinvenzione del termine Anunnaki attraverso la sua forma accadica, Anunnaki, è emersa nel 1964 dopo la pubblicazione sull’antica Mesopotamia: “ritratto di una civiltà morta” dell’assiriologo Adolph Leo Oppenheim, che ha popolarizzato questo concetto.

Successivamente, è stato Zecharia Sitchin che ha ulteriormente diffuso il termine degli Anunnaki.

Immagine: Abaddon- la caduta di Ur da berov 

I primi usi conosciuti del termine Anunnaki provengono da iscrizioni scritte durante il regno di Gudea e dalla terza dinastia di Ur.

Nei primi testi il ​​nome viene applicato alle più importanti e potenti divinità dell’antico pantheon sumero: i discendenti dal cielo-dio An.

Zecharia Sitchin, dagli anni ’70, pubblica una dozzina di libri conosciuti come Cronache della Terra  che si sono ulteriormente occupati nello studio degli antichi Anunnaki.

Nei libri pubblicati da Sitchin, le tavolette d’argilla sumeriche scritte in carattere cuneiforme e i testi biblici, sono stati tradotti nella loro scrittura originale, rivelando dettagli affascinanti che rapidamente hanno guadagnato popolarità tra i lettori.

Nel libro Il 12° pianeta, l’autore descrive l’arrivo degli Anunnaki sulla Terra circa 450.000 anni fa da un presunto pianeta chiamato Nibiru. Gli Anunnaki erano esseri molto alti, circa 3 metri di altezza, pelle pallida, capelli lunghi e barba, si sarebbero insediati in Mesopotamia e, mediante l’ingegneria genetica, accelerarono l’evoluzione del Neanderthal a Homo Sapiens contribuendo alla loro genetica e quindi creando l’umanità.

La storia di come gli Anunnaki hanno creato l’umanità è abbastanza simile alla creazione divina dell’uomo da parte di Dio scritto nella Bibbia. La storia dice che Enki ha preso dell’argilla e gli ha dato forma, nonostante il suo primo tentativo non sia riuscito.

I primi uomini consideravano gli antichi Anunnaki come dei, perché erano estremamente intelligenti per via delle loro tecnologie possedute che l’umanità non aveva mai visto prima.

Alcuni autori sostengono che la prova dell’esistenza degli Anunnaki può essere trovata nella Bibbia, dove vengono chiamati “Nefilim”, anche se alcune altre traduzioni li chiamano “giganti”.

Secondo gli scritti di Sitchin, la tecnologia e il potere degli Anunnaki sono ancora lontani dalla nostra portata, poiché gli Anunnaki 450.000 anni fa avevano la capacità di viaggiare nello spazio e la scienza dell’ingegneria genetica.

Si ritiene che gli antichi Anunnaki avessero notevolmente contribuito allo sviluppo della Terra con la loro tecnologia ancora sconosciuta e che fossero coinvolti nella costruzione di piramidi e in numerosi luoghi megalitici in tutto il mondo.

Le ipotesi di Sitchin sono state duramente criticate e licenziate da scienziati, storici e archeologi che non condividevano le sue “traduzioni” di testi antichi e la sua incomprensione della fisica.

Quindi chi erano gli Anunnaki? Erano solo parte di una grande mitologica leggenda antica? O, come molti autori affermano, è possibile che le antiche divinità mesopotamiche siano infatti quelle responsabili della creazione della nostra civiltà?

Immagine in primo piano di DElevit

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Articoli correlati: 

IL PIANETA DEGLI DEI

“IL DIALOGO” 

la sensibilità accademica sta facendo gridare i critici “al sacrilegio”

Sitchin & Il soggettivo business accademico

La bollatura degli “studiosi”: “I MITI”

ADDIO A ZECHARIA SITCHIN

Antichi Sigilli che raccontano la storia umana

 

Il segno della storia:
Gli incredibili antichi sigilli cilindrici sumeri

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri sono considerati senza dubbio alcuni degli oggetti più interessanti mai recuperati dall’antica Mesopotamia.

Un sigillo cilindrico è un piccolo oggetto decorato con immagini, parole, o in alcuni casi, entrambi incisi sulla sua superficie in modo intricato.I sigilli cilindrici mesopotamici sono importanti per gli studiosi dal momento che spesso raccontano la storia di una linea temporale di una specifica civiltà. Gli antichi sigilli cilindrici sumeri hanno lasciato un segno nella vera storia

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri venivano usati facendoli roteare su di una base di argilla fresca, una tavoletta che veniva impressa dal cilindro.

Quando l’argilla si essiccava, l’immagine rimaneva impressa sulla sua superficie. Queste impronte sono state utilizzate dagli antichi Sumeri per una varietà di scopi, ivi incluse le operazioni commerciali, decorazione, e la corrispondenza. La stampa del cilindro è stata considerata come una parte estremamente importante della vita quotidiana nell’antica Mesopotamia.

Dimensione dei sigilli impressi nell’argilla fresca, (impressioni moderne/ correnti)

I sigilli cilindrici erano noti in sumero come kishib e kunukku in accadico e sono stati utilizzati da tutti, sia dai reali che dagli schiavi.

I cilindrici sigilli sono stati fatti da un ‘sealcutter’ noto come burgul in sumerico e come purkullu in lingua accadica

Le immagini lasciate dai sigilli sulla tavoletta d’argilla erano piuttosto complesse e belle.

I sigilli cilindrici sono stati utilizzati da culture del Vicino Oriente antico, tra i Sumeri, Accadi, Ittiti, e Persiani.

Secondo gli esperti, l’origine di questi intriganti oggetti sono originari del periodo tardo Neolitico, intorno al 7600-6000 a.C., nella moderna Siria. Ci sono alcuni studiosi che sostengono che i sigilli cilindrici abbiano avuto origine in Sumer, il moderno Iraq.

I sigilli cilindrici sumeri erano solitamente creati di pietre (talvolta pietre dure) di diversi tipi. Gli antichi utilizzavano l’ametista, l’ossidiana, tra gli altri elementi usati c’era anche l’ematite. Tuttavia, gli esperti hanno riscontrato che per produrre questi oggetti in tempi antichi sono stati usati altri materiali come: vetro, ceramica, oro, argento, legno, osso e avorio.

Questi sigilli cilindrici sumeri, oltre di essere considerati simboli di status e amuleti, venivano usati anche per altri usi pratici.

Sigillo cilindrico e impressione mesopotamica di argilla calcarea del culto di  Shamash, (Louvre)

Essi sono stati usati per firmare documenti scritti su tavolette d’argilla. Utilizzandolo come un timbro, veniva impresso sulla superficie di una tavoletta di argilla fresca, così facendo un individuo avrebbe potuto certificare che il documento era autentico.

Questa necessità di autenticare i documenti si è manifestata con l’aumento della burocrazia che ha avuto luogo in Mesopotamia nel IV millennio a.C., in particolare nelle regioni meridionali, dove la burocrazia era più complessa.
Nel mondo degli affari e del commercio, i sigilli cilindrici sono stati usati per memorizzare e certificare le merci evitando la manomissione o il furto. In questo modo, le impressioni fatte dai sigilli cilindrici d’argilla, che sono stati trovati, venivano usate per sigillare vasetti e lo stoccaggio, sulle porte dei magazzini nell’antica Sumer.

Il disegno dei sigilli cilindrici sumeri ha sempre suscitato grande interesse tra gli esperti, principalmente a causa degli intagli intricati che coprono soggetti molto diversi.

Come viene fatto notare dagli esperti, i motivi erano solitamente concentrati su tre motivi principali: combattimento, banchetti e temi religiosi.

Sulla loro superficie, possiamo vedere le divinità, gli esseri umani, le piante, gli animali e l’iconografia religiosa. Tra gli altri disegni che si possono osservare sui sigilli cilindrici sono motivi geometrici e iscrizioni in scrittura cuneiforme.

Come notato da Ancient.eu, ci sono due stili di sigillo cilindrico: lo stile Uruk e lo stile Nasr Jemdet che si riferiscono ai motivi utilizzati e il modo in cui i sigilli sono stati intagliati. Gli autori Megan Lewis & Marian Feldman hanno commentato su questo, scrivendo:

Lo stile dei sigilli di Uruk mostrano animali e figure rappresentate in modo eccezionalmente naturalistico, suggerendo che gli incisori tenevano a una mirata chiarezza espressiva. I motivi sono narrazioni e rituali che coinvolgono i templi, le barche e le offerte agli dei, così come le rappresentazioni del mondo naturale negli accordi gerarchici. Essi sono abilmente tagliati, dettagliati, e la loro composizione tende ad essere equilibrata ed esteticamente piacevole. I sigilli in stile Nasr Jemdet, lo stile Uruk, sono meno dettagliati di guarnizioni e si caratterizzano per l’uso pesante di frese e dischi di taglio, che rispettivamente producono segni circolari e lineari. Motivi comuni del Nasr in stile Jemdet includono le donne con le trecce coinvolte nel lavoro domestico e gli allevamenti di animali davanti a templi.

Se diamo uno sguardo alla documentazione archeologica, troveremo che gli archeologi hanno scoperto molti sigilli cilindrici e di come le tavolette d’argilla siano  state stampate.

Ci sono numerosi sigilli cilindrici nei musei di tutto il mondo.
Il Museo di Baghdad, per esempio, ha una collezione di 7.000 sigilli cilindrici, sebbene la maggior parte di loro siano stati saccheggiati quando nel 2003 Baghdad cadde nelle mani delle truppe statunitensi .

Questi pezzi archeologici di valore non sono ancora stati recuperati.

Riferimento:

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da