Crea sito

Il marchio di Caino

 

Dèi e altri antenati 

Prima Parte

Non sapremo mai il nome, ammesso che ne abbia avuto uno, dell’ominide di cui Ti.it fu usato da Ninmah nella miscela genetica per creare il lavoratore degli dèi: a causa dei vari tentativi fu infatti utilizzato più di un ominide.

Ma, grazie a ulteriori scoperte su tavolette cuneiformi, sappiamo di chi era l’essenza divina o la lingua di sangue usata in quel processo.

Ha importanza? Forse non molta, tenuto conto dei vari altri antenati genealogici e genetici che l’uomo terrestre ha avuto nel corso del tempo.

Ma se certi geni non muoiono mai, allora la questione è interessante, almeno dal punto di vista dal cosa sarebbe successo se, dato che la storia del genere umano, fin dagli inizi biblici, non è una odissea a lieto fine.

E’ un racconto più straziante di quelli di che Shakespeare od Omero abbiano mai potuto concepire: una creatura mirabile, “l’Adamo”, viene realmente creata per essere uno schiavo; messo in un rigoglioso Eden, il suo soggiorno viene interrotto per aver disobbedito a dio.

Reso in grado di procreare, Adamo è condannato a sbarcare il lunario lavorando la terra arrida, mentre Eva è destinata a partorire nel dolore. Mettono al mondo due figli, e sulla terra ci sono così quattro esseri umani; poi caino (un raccoglitore), geloso di Abele (un pastore), uccide suo fratello, riducendo il genere umano a tre individui…

Schiavitù, disobbedienza, fratricidio: fanno parte del nostro corredo genetico perché abbiamo ereditato in massima parte il DNA del regno animale terrestre o perché la linea di sangue selezionata dagli Anunnaki, i “geni alieni”, era quella di un giovane ribelle che aveva incitato i suoi compagni a uccidere Enlil?

Mentre in alcuni testi, compresi i riferienti alla creazione dell’uomo nell’Epica della Creazione, il dio il cui sangue fu usato venne giustiziato per essere stato il capo dei ribelli, altre versioni dell’Atra –Hasis spiegano che la scelta fu dovuta al fatto che il dio aveva il Te’ema giusto, tradotto con “essenza vitale” o “personalità” 8dal punto di vista genetico).

Dove non sono andati perduti del tutto, i segni cuneiformi che indicano il suo nome venivano letti Wéila (in accadico); nuove scoperte di tavolette effettuate a Sippar negli anni ’90 da archeologi iracheni lo chiamavano Alla in accadico e Nagar in sumero, un nome-epiteto che significa “artigiano del metallo”, specificatamente del rame.

Questo potrebbe suggerire una scelta deliberata (piuttosto che una semplice punizione), in considerazione del fatto anche il Nachash serpente/conoscitore di segreti nel racconto bibblico del giardino dell’eden deriva dalla stessa radice verbale in cui deriva Nechoshet, che in ebraico significa rame.

Il fatto che Nagar (e la sua sposa Allatum) siano elencati tra le divinità di Enki nelle varie liste di dèi rafforza il suo ruolo di capo nella insurrezione contro Enil.

Gli studiosi biblici concordano che l’episodio di Caino e Abele rientri nel conflitto interminabile e universale fra agricoltori e pastori per il controllo di terra e acqua.

Tali conflitti sono descritti nei testi sumeri come parte della storia dei primordi dell’umanità, un tema trattato in un testo chiamato dagli studiosi il mito del bestiame e del grano, in cui Enlil, è la divinità dell’Anshan (grano e agricoltura) ed Enki il dio del Lahar (gregge e pastorizia), ruoli portati avanti dal figlio di Enlil Ninurta, che (come raffigurato sul sigillo cilindrico VA-243, vedi figura) diede l’aratro agli uomini, e dal figlio di Enki Dumuzi, che era un pastore.

Come in altri esempi, la Bibbia ha fuso le due divinità (Enlil ed Enki) in un solo “Jahwe”  che accetta gli agnelli offertigli dal pastore (Abele), ma ignora le offerte dei “frutti della terra” fattegli dall’agricoltore (Caino).

Proseguendo il racconto di caino e Abele, la Bibbia dedica il resto del capitolo 4 della Genesi a caino e ai suoi discendenti. Timoroso di essere ucciso per il suo peccato, Caino riceve da Dio un “segno” protettivo visibile (il “marchio di Caino tanto amato dai predicatori della domenica) che durerà per “sette” generazioni.

(Se era trasmissibile di generazione in generazione, dev’essere stato un marcatore genetico).

Come nel racconto del Diluvio lo stesso “Jahweh”, che ce l’aveva con il genere umano ha cercato di eliminarlo ha poi fatto in modo di salvarlo attraverso Noè, anche qui “Jahweh”, dopo aver ignorato, condannato e punito Caino gli concede protezione e salvezza.

Ancora una volta vediamo che la Bibbia  unisce le azioni di Enki a quelle di Enlil attribuendole a un’unica divinità chiamata Jahweh.

Come viene risposto alla domanda di Mosè (Esodo 3,14), il nome significa “io sono colui che sono, un Dio universale che un volta agisce attraverso/come Enlil e un’altra attraverso/come Enki, o a volte mediante altre entità (dèi) che fungono da suoi emissari.

Continua nella “seconda parte” QUI – la “prima parte” che avete già letto) è solo riportata.

Articolo correlato:

CAINO

®wld

Anubi la sfinge?

 

Qual’era la Sfinge?

Di Robert Temple

Non c’è mai stata una risposta soddisfacente a ciò che la Sfinge effettivamente è o era. Chiunque si rechi a Giza può vedere da sé che c’è qualcosa di “sbagliato” nella Sfinge. Ci vuole solo un istante Il corpo è gigantesco e la testa è solo un brufolo. Gli egiziani non hanno mai fatto nulla del genere, erano sempre meticolosi riguardo alle proporzioni nella loro arte. Allora, com’è che abbiamo questo mostro con una piccola testa seduta lì nella sabbia, allora?

Ci sono molte altre cose sbagliate con la Sfinge. Loro sono:

  • La parte posteriore è piatta. Chi ha mai visto un leone con la schiena piatta, senza un grosso petto e senza criniera?
  • La Sfinge è seduta in un buco profondo nel terreno. Perché? Perché non è seduto da qualche parte in alto in modo che possa mettersi in mostra?
  • C’è un tempio in rovina proprio di fronte alla Sfinge, con un muro praticamente contro il suo naso, e nessuna porta in quel muro. Perché ostruire la vista della Sfinge dal fronte in questo modo? E se il tempio fosse per adorare la Sfinge, perché non c’è accesso dal tempio alla Sfinge, così che non puoi nemmeno arrivarci?
  • La fossa in cui si trova la Sfinge sembra essere profondamente erosa, come per i flussi d’acqua. Cosa ha causato tutto ciò? Sembra che l’acqua abbia riversato i lati. D’altra parte, non ci sono tali schemi di erosione verticale sulla Sfinge stessa, che invece ha chiari schemi di erosione orizzontale. Come si possono riconciliare questi due diversi modelli ad angolo retto l’uno con l’altro? E cosa potrebbe aver causato l’uno o l’altro?

Niente di tutto questo ha senso se ci pensate. Certo, molte persone non pensano. Stanno solo a bocca aperta e vanno avanti, il loro cervello in posizione neutrale.

Ma quando mia moglie Olivia ed io abbiamo visto per la prima volta la Sfinge molti anni fa, siamo rimasti lì stupiti ed entrambi hanno convenuto che l’intera faccenda era sbagliata, sbagliata, sbagliata.

Quindi ora, dopo molti anni di lavoro, pensiamo di aver trovato delle risposte. Naturalmente, ogni nuova idea su tutto ciò che “tutti conoscono” rende (1) la convinzione convenzionale che le persone si infuriano e (2) rende le persone anti-establishment felici. Nessun premio per indovinare da che parte sto.

Permettetemi prima di dichiarare la mia posizione su quello che è diventato qualcosa di una nozione radicata tra i miei colleghi anti-establishment. Non credo che la Sfinge abbia 12.500 anni. Né credo nella “pioggia antica”.

Credo che la Sfinge sia più antica di quanto si creda convenzionalmente. Ma non credo che sia più vecchio di migliaia di anni, o qualcosa del genere.

Credo che ci sia un’erosione dell’acqua nel sito della Sfinge, ma non credo che abbia avuto nulla a che fare con la “pioggia antica”, né credo che ci fosse qualcosa da erodere nel momento in cui una “pioggia antica” cadeva.

Allora, qual è la risposta?

Isola Sfinge e Fossato

L’acqua del Nilo in quei giorni, al momento dell’inondazione una volta all’anno (che non succede più a causa della diga di Assuan), arrivò direttamente al bordo del Tempio della Sfinge, dove ci sono anche banchine di fronte. Quindi quello che credo sia accaduto è che l’acqua del Nilo è stata fatta entrare nella Fossa della Sfinge, che ora chiamo Sphinx Moat, con alcuni semplici dispositivi di innalzamento dell’acqua, guidata lungo lo stretto canale tra il Tempio della Sfinge e il Tempio della Valle (il due strutture di fronte alla Sfinge) e il suo flusso era controllato da una serie di chiuse e porte d’acqua. I segni di queste chiuse e porte, con i loro numerosi fori per i bulloni e così via, non esistono più, perché su di loro sono state posate nuove pietre e cemento. Ma non preoccuparti! Ho fatto un sacco di fotografie di loro prima che scomparissero, e quelle sono tutte riprodotte nel nostro libro. Tutti possono quindi vedere tutto molto chiaramente. La ragione per cui il muro del tempio è di fronte alla Sfinge è di agire come la quarta barriera all’acqua. Il motivo per cui non c’è una porta nel muro è che avrebbe lasciato uscire l’acqua.

L’erosione orizzontale sul lato della Sfinge (dove non è coperta da “pietre di restauro”) è perché la Sfinge era seduta nel mezzo di un fossato pieno d’acqua. L’erosione verticale ai lati della fossa, in particolare il lato sud, è dovuta al dragaggio continuo del fossato dovuto alla sabbia trasportata dal vento che si accumula lì. Ogni volta che il Fossato veniva dragato, l’acqua veniva versata a torrenti sui lati, causando un’erosione verticale, accentuata dalle cavità naturali nella roccia calcarea.

Quindi penso che la Sfinge fosse, tra le altre cose, un’isola!

Questo risolve immediatamente l’enigma delle prove registrate dal quinto secolo aC storico greco Erodoto, che disse che il re Cheope fece entrare l’acqua dal Nilo per circondare un’isola a Giza. Ecco qui!

Di chi è la testa sulla Sfinge?

Quindi abbiamo un’isola. Ora cosa ne facciamo? E perché la testa del re Cheope ha le dimensioni di un brufolo sul davanti di questo grande leone dalla schiena piatta, circondato dall’acqua? Cosa sta succedendo?

Ma aspetta! Chi lo dice che è la testa del re Cheope? Alcuni dicono che è la testa del re Chephren, ma se hai mai visto la testa di Chephren su quell’enorme statua nel Museo del Cairo, sai che non assomigliano affatto, dal momento che Chephren ha una faccia lunga e la Sfinge ha una faccia tonda, solo un anticipo, e c’è anche molto altro che non è lo stesso.

A questo punto delle mie meraviglie, ho iniziato a sentirmi davvero a disagio. Generalmente so quando qualcosa non va bene. Potrei non sapere cosa si adatta, ma più spesso so cosa no.

E quella faccia non è né Cheops (non che noi sappiamo che aspetto ha davvero in ogni caso, poiché l’unica somiglianza di lui che sopravvive è una statuetta d’avorio alta tre pollici, che potrebbe essere tuo zio Tony o anche la tua ziae Madge per quella materia) né vecchia Chephren Long-Face. Allora, chi è?

Fu a questo punto che scoprii una di quelle fonti dimenticate che continuano a cadere nelle mie ginocchia, e in questo caso era un articolo scritto da un archeologo tedesco di nome Ludwig Borchardt molto prima che la Sfinge fosse scavata, quando solo la sua testa e il suo collo erano attaccare sopra la sabbia. Borchardt era solito andarci e guardarlo. A quei tempi, potevi guardare la Sfinge negli occhi e lui non avrebbe nemmeno battuto ciglio, anzi, gli rispose sorridendo. Al giorno d’oggi, è molto bloccato, con la testa alta sopra di noi se ci mettiamo ai suoi piedi, quindi non riesci a distinguere bene i dettagli della sua testa.

Borchardt ha avuto modo di pensare. Notò che la Sfinge indossava strisce di vernice per gli occhi (nessun commento, i faraoni hanno il diritto di fare ciò che vogliono come adulti consenzienti nella privacy della propria Sfinge), e sapeva che quelli non erano indossati nel periodo noto come l’Antico Regno, quando visse Cheope e Chefren. Notò i dettagli dei motivi a strisce nello strano copricapo indossato dalla Sfinge. La faccia doveva essere quella di un faraone, dal momento che questo copricapo era il sacro copricapo religioso del faraone noto come nemes . Ma Borchardt, che era a capo dell’Istituto tedesco al Cairo e quindi sapeva una cosa o due, si rese conto che quegli schemi a strisce non erano nemmeno usati nell’Antico Regno.

Cominciò a fare qualche ricerca sui copricapo di nemes , e scoprì che quei particolari motivi a strisce erano usati solo nel periodo del Medio Regno, centinaia di anni dopo Cheops e Chephren. Ha scritto tutto questo in forma tecnica e l’ha pubblicato in un distinto periodico accademico (in tedesco ovviamente, ma l’ho tradotto e appare come un’appendice del nostro libro), e ho concluso che la Sfinge era stata scolpita nel Regno di Mezzo Periodo, non nel periodo del Vecchio Regno.

Ma tutti ridevano del povero vecchio Borchardt. Chi ha mai sentito parlare di una cosa del genere? Il regno di mezzo! Borchardt deve essere impazzito! E poi la Sfinge fu scavata nel 1926 e infine completamente scavata nel 1936, ed era perfettamente chiaro a tutti che la Sfinge era molto più antica del Regno di Mezzo. Ma tutti hanno dimenticato che Borchardt non aveva mai visto il corpo della Sfinge nel momento in cui ha scritto l’articolo, parlava solo della testa.

Così ho riaperto il caso e ho concluso che la testa si è ricomposta nel Regno di Mezzo, proprio come ha detto Borchardt, e per di più, credo di poter persino identificare con precisione quale faccia del faraone sia. Certo, per scoprirlo, devi davvero vedere il libro.

Tuttavia, è tutto molto ben identificativo del volto sulla Sfinge. Alcune persone potrebbero essere soddisfatte solo facendo ciò. Ma no, è come guardare un film noir senza conoscere il finale. Anche se conosci whodunnit, vuoi comunque conoscere il motivo.

“Tutti conoscono” La Mentalità della mandria

Allora, qual era la Sfinge prima che la faccia di quel ragazzo fosse scolpita su di essa? Bene, per capirlo, devi cercare di capire che cosa fosse la Sfinge prima che quel faraone gli mettesse i suoi scalpelli. Questo attira l’attenzione sul dorso piatto. “Tutti sanno” che la Sfinge ha il corpo di un leone. Non appena sento che “tutti sanno” qualcosa, so che deve essere sbagliato. Ho una mentalità patologicamente anti-gregge. Tutto quello che devi fare è dirmi “tutti sanno” qualcosa, e io non lo crederò immediatamente. Questo perché le folle hanno sempre torto. Le folle hanno lo stesso senso di un mollusco.

Ho iniziato dalla premessa che la Sfinge non era affatto un leone. Milioni di persone lo vedono ogni anno, da ogni parte del mondo, e tutti “sanno” che è un leone. Ciò significa che non può essere uno. Loro “sanno” che è un leone perché gli è stato detto che è un leone. Ai tedeschi fu detto che Hitler era il loro salvatore e così “lo sapevano”, i russi tutti “sapevano” che Stalin era come un padre gentile, che si sarebbe preso cura di loro. Sì, tutti, o almeno tutti quelli che conoscevano, “sapevano” queste cose. E anche le persone una volta “sapevano” che la Terra era piatta e che il Sole girava intorno alla Terra. Quelle cose erano tutte “note”. Ma erano vere?

Se non era un leone, cos’era? Beh, doveva essere un animale con la schiena dritta, senza petto enorme e senza criniera. Doveva anche essere un animale che si accovacciava in quel modo con le zampe sporgenti di fronte. (È inutile guardare troppo da vicino le zampe, poiché sono completamente ricoperte di pietre di restauro, e sono state modellate per sembrare “ciò che tutti sanno”, al fine di riconfermare la falsità del consenso che tutti hanno accettato di credere in .)

Anubi – Guardiano della Necropoli

La Sfinge è accucciata lì all’ingresso della Necropoli come un guardiano. Bene, eccolo! È un cane da guardia! Gli antichi Egizi avevano un dio chiamato Anubis, che era un cane selvatico accovacciato, generalmente definito uno sciacallo (sebbene in senso stretto non ci fossero sciacalli in Egitto, e Anubis era in realtà una specie di cane selvaggio che ora è estinta). Anubis era il guardiano della Necropoli, il guardiano dei morti, ed era spesso raffigurato nella precisa posizione della Sfinge – e in modo famoso in una statua trovata nella tomba di Tutankhamon – così che la sua immagine è familiare a quasi tutti chi ha mai avuto un interesse nell’antico Egitto.

Nella Figura 1 mostro il disegno che ho commissionato che mostra come la testa ricamata della Sfinge è stata scolpita dal moncone del collo che è rimasto sulla Sfinge dopo che la statua originale è stata mutilata dalle masse scatenate che hanno distrutto tutto ciò che potevano sul Plateau di Giza durante il periodo del caos noto come il Primo Periodo Intermedio, tra il 2200 e il 2000 AC.

Era la cosa più facile del mondo battere le orecchie e il naso dalla Sfinge quando la Sfinge era Anubis. Non potevi rimetterli indietro perché la Sfinge era scolpita nella solida roccia, e comunque i pezzi dovevano essere fatti a pezzi. Quindi il futuro faraone esibizionista potrebbe persino dire a se stesso che stava facendo un atto pio e ‘restaurare’ la statua sfoggiando se stesso, proprio come, ad esempio, Madonna aiuta il mondo, vero? Tom Cruise sta anche salvando il mondo, ricordi? Sì, sappiamo tutti che tutte le celebrità stanno ottenendo le loro foto sui giornali solo per cause nobili, e non ha nulla a che fare con il voler che le persone li guardino, o con cose così basse come la vanità.

Parlando di stelle del cinema, la Sfinge è ora così botox e ha subito così tanta chirurgia plastica da “restauro” pazzo (che è tutto mostrato in grande dettaglio nel nostro libro) che potrebbe facilmente ottenere una parte principale in un successone. Ma il suo ‘lavoro da naso’ non è andato molto bene, perché manca ancora. Fu abbattuto nel 13 ° secolo da un imam fanatico di nome Sheikh Mohammed, che desiderava purificare l’Egitto dalle influenze non islamiche. Si è spinto fino al naso, almeno. (La storia che il naso è stato sparato dai soldati di Napoleone è falsa).

Quindi ora abbiamo un Anubis accucciato come un’isola, circondato da un piccolo lago. E finalmente abbiamo qualcosa che gli studenti dei testi antichi possono improvvisamente riconoscere. Per i più antichi testi egiziani sopravvissuti, noti come i Testi delle Piramidi, spesso si parla di un luogo sacro associato alla necropoli di Giza chiamata Lago di Jackal. Ed eccolo qui!

Adesso stiamo andando da qualche parte. Tutto comincia a dare un senso. Nel nostro libro raccogliamo i molti testi antichi che si riferiscono ad Anubi che custodiscono la Necropoli, situata a Giza, che si trova accanto a una strada rialzata, ed è molto grande. Riproduciamo anche rilievi a tombe della IV Dinastia di Giza che mostrano un gigantesco Anubi, che può essere inteso come rappresentazione attuale della Sfinge.

Camera segreta sotto la Sfinge

La maggior parte delle persone che sono incuriosite dai misteri egizi si sono interrogate a lungo sul fatto che ci possa essere una camera segreta sotto la Sfinge. Ho strisciato all’interno della Sfinge e descrivo il tunnel che esiste nella parte posteriore del corpo della Sfinge, così come il tunnel verticale scavato nella base rocciosa sotto la groppa della Sfinge, e riprodurre le foto di questi. Nella Figura 2 vedi una foto che Olivia ha preso da me con la mia testa che spuntava dal fondo schiena della Sfinge, il che forse dimostra quanto bene lo conosca.

Poi è successa una cosa incredibile. Mi sono imbattuto in un passaggio in uno dei vecchi libri che raccolgo, in questo caso pubblicato nel 1715, che descriveva una camera sotto la Sfinge e ne forniva una testimonianza oculare! Ero sbalordito. Il libro faceva riferimento a precedenti resoconti di questa camera, ma trascurava di dire chi li aveva scritti o quando erano stati pubblicati. Leggero problema! Come potevo trovare questi libri?

Se andavi nella British Library e dicevi a un bibliotecario che avevi bisogno di un libro pubblicato prima del 1715 che descrivesse una camera sotto la Sfinge, ti verrebbe detto di tornare quando avevi il nome dell’autore o il titolo del libro. Tutto quello che dovevo fare era “un libro che menziona la Sfinge prima del 1715”, quindi come ho fatto?

È qui che entrano in gioco le mie abilità speciali, che mi consentono di ottenere informazioni che altri non sembrano in grado di ottenere. Io sono quello che potreste chiamare un esperto di recupero di informazioni, e non ho bisogno di sapere nulla sul campo per ottenere le sue informazioni “nascoste”. Non esiste alcuna informazione nascosta o distrutta: è tutto lì nello spazio informazioni se si ha accesso. Tutti conoscono le e-mail che le persone pensano di aver cancellato dai nostri computer, ma che possono essere recuperate dagli esperti di recupero dati dei computer (come parte di un’indagine penale, ad esempio). Bene, c’è una versione più alta di quella, che consente a tutte le informazioni che siano mai esistite in qualsiasi forma materiale di essere accessibili dal regno interamente non-materiale di Information Space.

Sfortunatamente, non ho mai incontrato nessuno che sembra in grado di accedere a questo materiale in modo metodico e sistematico. La maggior parte degli esseri umani può accedervi in ​​modo debole e tremolante, attraverso quella che viene chiamata “intuizione” o “intuizione”. Forse è altrettanto giusto che l’accesso corretto a tutte queste informazioni sia limitato. Dopotutto, lo scopo del nostro essere qui nel mondo materiale è vedere come affrontiamo senza informazioni . Ecco perché le persone come me trovano così difficile comunicare ciò che sappiamo quando in qualche modo, in un modo che non capiamo, acquisiamo informazioni dallo spazio informazioni. Non è per lo più destinato alla circolazione, e forse non dovrei nemmeno farlo. Quando rivelo queste informazioni alle persone, non mi credono comunque, quindi generalmente non mi preoccupo.

Non posso spiegare come accedo. Mi sembra di “vedere attraverso la materia” in un modo che è difficile da descrivere, e vedo le informazioni dietro di esso dall’altra parte. La materia diventa sempre più trasparente per me ogni giorno, e non ci credo più. In una sola occasione ero così disperato che ho “violentato” lo spazio informazioni. Fu allora che il nostro amato cane Kim fu erroneamente bloccato in una stanza con un codice di sicurezza digitale. Poiché era vecchia e malata e aveva bisogno di acqua, e potrebbe altrimenti morire prima che potessi convincere qualcuno con il codice a venire, ho “acceduto” al codice numerico, l’ho preso a pugni, la porta si è aperta e l’ho rilasciata. Non l’ho fatto all’istante. Prima ho fatto due o tre tentativi isterici sbagliati e ho sprecato minuti preziosi a causa dell’eccessivo stress. Mi sono fatto provare a rimanere calmo e poi ho capito bene. Ciò significava che dovevo effettivamente accedere all’intero numero di diverse cifre, nessuna delle quali era nota a me. Davvero, non dovremmo fare questo genere di cose, ma il mio cane era più importante per me del protocollo.

Per me è importante anche un cane più grande, la Sfinge! Mi sento quasi affettuoso verso di lui come ho fatto io … beh, no, non sarebbe giusto per Kim. Ma mi piace anche la stella del cane. In effetti, io sono un succhiatore per i cani, lo sono davvero. Non sono una persona felina, anche se sono un grande fan della versione originale del film “Cat People” (1942). Guardalo prima o poi! Vedi la mia recensione sul mio sito web.

Alla fine sono riuscito a trovare i resoconti di testimoni oculari pubblicati nella sala al di sotto della Sfinge di 281 anni, comprese informazioni dettagliate su dove si trovava esattamente, le sue dimensioni e il fatto che contenesse i resti di una bara di legno. Poiché la camera è stata descritta come dotata di geroglifici sui muri, sono certo che ciò che gli archeologi chiamano “una sepoltura intrusa”, ma deve essere stata una reale, poiché un albero è stato accuratamente costruito e una camera tagliata in uno dei monumenti più importanti in Egitto, all’interno del recinto sacro della necropoli reale. L’asta fu sigillata con cemento da Émile Baraize nel 1926. Un secolo prima, Henry Salt sigillò anche alcune aperture e passaggi altrove nella Sfinge, e fu fortemente criticato per questo dal conte francese de Forbin. Tutto questo è descritto in dettaglio nel nostro libro. Quindi, sì, c’è una “camera segreta” sotto la Sfinge. E le informazioni contenute nel nostro libro dimostrano ciò al di là di ogni possibilità di dubbio. Ma no, non è originale e non risale al tempo della scultura della Sfinge. Inoltre, è vuoto, quindi non c’è oro o tesoro. Ma se potessimo solo leggere quello che dice sui muri!

Un’altra cosa che ho potuto dimostrare è che la Sfinge e le tre piramidi di Giza facevano parte di un unico concetto di design unificato dell’altopiano di Giza. La posizione e la dimensione della Sfinge sono determinate precisamente in relazione alle tre piramidi, in un modo mai notato prima. Questo è mostrato e spiegato a lungo nel libro, e non è davvero possibile riassumere quel materiale, poiché è troppo lungo e dettagliato per una breve descrizione. Posso dire, tuttavia, che faceva parte di un culto della resurrezione. Nel tentativo di spiegare questo in dettaglio, ho persino l’occasione di spiegare la vera natura di quei bizzarri rilievi in ​​una cripta a Denderah che hanno suscitato molte speculazioni, quelle con le “lampadine”, anche se sono più di 2.500 anni recente, e la loro unica connessione è attraverso il simbolismo.

Spero che tutti possano vedere molto attraverso il nostro libro e, chissà, magari anche leggerlo. Sono successe cose più strane.

© Copyright New Dawn Magazine, www.newdawnmagazine.com. Autorizzazione concessa a distribuire liberamente questo articolo per scopi non commerciali se non modificato e copiato integralmente, incluso questo avviso. 

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

®wld

Approfondimento su Anubis:

I Canidi (Anubis) 

Il Protettore dell’altro mondo.
Nella religione egizia, Anubi era la divinità che proteggeva le necropoli ed il mondo dei morti, per il quale veniva anche chiamato “Il Signore degli Occidentali”.

Prima divinità dell’Oltretomba, come recitano i “Testi delle Piramidi“, venne successivamente sostituito da Osiride già verso la V dinastia, ma restava il dio protettore del XVII nomos dell’Alto Egitto il cui capoluogo, Khasa, venne chiamato in epoca ellenistica Cinopoli, ossia “Città dei Canidi” per il culto che vi veniva celebrato.  

La Caduta dell’Impero Accadico

 

L’impero accadico all’epoca di Sargon I il Grande. Wikipedia.

Uno studio determina che La Caduta dell’Impero Accadico potrebbe essere dovuta a un Cabiamento Climatico

di Stephen Luntz dal Sito Web IFLScience traduzione di Nicoletta Marino  Versión original en ingles  Versione in spagnolo

Circa 4200 anni fa, il primo imperodella Mesopotamia, l’Impero Accadico, cadde, in concomitanza con grandi trasformazioni in Egitto e nella Valle dell’Indo, le altre due grandi civiltà dell’epoca.

Uno studio su determinate stalagmiti in Iran fa capire che un evento climatico generalizzato può essere stato il responsabile di tutto questo.

Le civiltà crescono e cadono per molte ragioni e le cause della scomparsa dell’Impero Accadico continuano ad essere controverse. La coincidenza sincronizzata di eventi lontani ha portato alcuni storici a propendere per una causa climatica.

Eppure la natura e l’esistenza stessa di questa causa climatica non è stata chiara come successe a metà dell’era dell’Olocene, caratterizzata da temèerature in gran parte stabili, senza un aumento conosciuto della attività vulcanica o di cambiamento nella produzione solare.

Quindi, quando un gruppo diretto dalla dott.ssa Stacy Carolin, dell’Università di Oxford, studiò stalagmiti della grotta Gol-e-Zard, nelle montagne di Alborz, in Iran, formatesi tra 5.200 e 3.700 anni prima, trovò che più o meno in quel periodo era successo qualcosa.

Il resoconto del gruppo (Precise Timing of Abrupt Increase in Dust Activity in the Middle East coincident with 4.2 ka Social Change), pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), dimostra che ci furono forti incrementi nella quantità di magnesio esistente in relazione con il calcio più o meno 4.510 e 4.260 anni prima, in concomitanza con una crescita più lenta e con cambiamenti negli isotopi di ossigeno delle stalagmiti.

Quei cambiamenti durarono tra 110 e 290 anni prima che la composizione delle stalagmiti tornassero ai livelli precedenti.

L’industria e l’attività estrattiva delle civiltà antiche a volte hanno lasciato l’impronta sul pianeta, ma non conosciamo nessun meccanismo a causa del quale gli Accadi sono stati sottoposti a un impatto osservato in grotte così distanti.

Pertanto sembra probabile che qualunque cosa sia stata la causa del cambiamento chimico trovato nelle stalagtiti e che ha coinciso con il declino degli Accadi invece che la causa del loro declino sia stata l’alterazione chimica di queste grotte lontane.

 Stalgmiti nella grotta di Gol-e-Zard, Iran.

Il cambiamento nella composizione delle stalagtiti sembra essere il risultato di un aumento di polvere che cade dalle montagne della Mesopotamia il che sembra essere una conseguenza di condizioni più secche esistenti all’ovest.

Oggi gli anni aridi dei deserti della Siria e dell’Iraq, si associano a un maggior deposito della polvere in Iran. La lenta crescita delle stalagtiti potrebbe essere anche un indice dell’esistenza di condizioni locali più secche.

I sedimenti del Mar Rosso e del Golfo dell’Oman, tra gli altri paleoclimi vicini, sono stati utilizzati per desumere che l’ovest dell’Asia fu sottoposto a un periodo arido molto importante nel periodo preso in considerazione, ma la datazione degli stessi è troppo imprecisa per vincolarla son sicurezza alcollasso accadico.

Invece le analisi delle stalagtiti danno un errore di soli 31 anni.

C’è un gan dibattito tra gli storici su qyanto il cambiamento climatico ha contribuito al collasso della civiltà accadica.

Non sappiamo perché la Mesopotamia divenne arida durante quel periodo però sembra che fece crollare quella civiltà e riguardò gravemente Egitto e la Valle dell’Indo.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Articolo correlato: Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica

®wld

La sfida di risuscitare una lingua antica

 

La lingua parlata in tempi antichi a Babilonia rinasce dopo aver taciuto per duemila anni

Quasi 2000 anni dopo essere caduto in disuso, uno specialista di linguistica presso l’Università di Cambridge, il dott. Martin Worthington, ha imparato a parlare con l’antico babilonese, e non sta solo facendo campagne per farla rivivere come una forma di comunicazione orale, ma anche Ha anche realizzato un film in questa antica lingua.

I principali finanziatori del film diretto dal Dr. Worthington, membro del St John’s College, erano la Philological Society, il Thriplow Benevolent Fund, l’Università di Cambridge e vari college di Cambridge, che consentivano agli studenti di produrre il primo film al mondo nell’antica Babilonia. Secondo un articolo pubblicato su The Telegraph, gli studenti attori “hanno drammatizzato una storia popolare di una tavoletta di argilla del 701 a.C. intitolato ‘Il povero uomo di Nippur‘.”

La vecchia storia racconta la storia di un pastore di capre che picchia il sindaco di una città “tre volte” per vendicarsi di aver ucciso una delle sue capre.

Per due decenni, il dott. Worthington ha studiato l’antica lingua mediorientale usata in passato “dai re babilonesi della Mesopotamia, i faraoni egizi ei potentati del Vicino Oriente”, secondo The Telegraph.

  Tavoletta in terracotta “Inanna preferisce il contadino”. Qui, in questo mito, Enkimdu (dio dell’agricoltura) e Dumuzi (dio del cibo e della vegetazione) cercano di conquistare la mano della dea sumera Inanna. Iscrizione in lingua sumera trovata a Nippur (attuale Nuffar, Governatorato di Al-Qadisiya, Iraq). Prima metà del secondo millennio a. C., Museo dell’antico est, Istanbul. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg / CC BY SA 4.0 )

Un articolo pubblicato sul Daily Mail spiega in che modo gli scienziati “hanno creato un archivio unico di registrazioni di diversi lettori di storie e iscrizioni babilonesi e organizzato una conferenza annuale per sei formatori interessati allo studio dell’antica Mesopotamia e dell’antico Egitto”. Le registrazioni del Dr. Worthington con le letture dei miti e poesie babilonesi nella loro lingua originale sono disponibili online all’indirizzo: https://www.soas.ac.uk/baplar/recordings/

E dove molti accademici e cineasti sono spesso portati via dall’ego, in cerca di riconoscimento e ammirazione, gli obiettivi del Dr. Worthington sono esemplari, essendo stati un pioniere nel parlare babilonese nella convinzione che “permette agli studenti di godere della magia di autenticità e connettere con parole un mondo perduto e distante. “E non possiamo non rispettare quell’atteggiamento, dal momento che la ricerca di metodi di insegnamento innovativi e il fatto di dare vita a un curriculum che altrimenti sarebbe piuttosto grigio, definisce grandezza nel campo dell’istruzione.

  George Heath-Whyte interpreta Gimil-Ninurta nell’antica opera babilonese “Il povero uomo di Nippur”. ( Dipartimento di Archeologia, Università di Cambridge 

La sfida di risuscitare una lingua antica

Dal momento che nessuno ha mai provato a parlare la lingua babilonese, usata dagli antichi popoli che dominavano quello che ora è l’Iraq, il dott. Worthington non aveva alcun riferimento per essere in grado di misurare l’accuratezza delle loro vocalizzazioni. Un articolo pubblicato su Heritage Key analizza la sfida di sapere come “il babilonese, o qualsiasi altra lingua morta, suonava” spiegando che l’accuratezza si basa su “strategie e tecniche diverse”. A volte i ricercatori usano parole babilonesi e assire trascritte in alfabeti diversi da quelli cuneiformi, ma spesso “il suono è dedotto pericolarmente da uno studio attento delle combinazioni di lettere e dei modelli di ortografia, usando i testi cuneiformi originali”

Questo piccolo cilindro di terracotta registra le opere eseguite sulle mura della città di Babilonia per ordine del re Nabopolassar. Trovato in Babilonia, Mesopotamia, Iraq. Periodo neobabilonese, 625-605 a. C. British Museum, Londra. (Osama Shukir Muhammed Amin FRCP (Glasg) / CC BY SA 4.0

“Essenzialmente è un lavoro da detective”, ha sottolineato il dott. Worthington, aggiungendo che: “Non sapremo mai con certezza se un babilonese abbia approvato i nostri tentativi di pronuncia, ma guardando da vicino le fonti originali possiamo fare una buona ipotesi. “Il ricercatore ha commentato ai giornalisti del Telegraph che dal 2000 aveva studiato” lettere di spie, trattati tra stati, corrispondenza diplomatica, incantesimi e prescrizioni mediche “. Studenti che cercano di apprendere la lingua nel loro corso universitario di assiriologia dice loro che “le strutture sono molto regolari” e nelle parole di Worthington “la maggior parte degli studenti scopre che ad un certo punto, spesso quando sono in giro da sette mesi, improvvisamente lo” prendono “: le strutture si inseriscono nel suo posto.”

Filmare una vecchia storia

Il Dr. Worthington ha diretto il film, che è stato coprodotto con Kathryn Stevens dell’Università di Durham, e ha avuto la sua anteprima internazionale al St John’s College il 27 novembre. Il film, che è ora disponibile su YouTube, è stato aperto dal più anziano assiriologo del mondo, James Kinnier Wilson, 97 anni, che ha insegnato all’Università di Cambridge per 34 anni.

La trama del film è basata su un antico rilievo del British Museum in cui “due crudeli demoni felini armati di pugnali rappresentano le tre percosse che il sindaco ha dato al povero Nippur”. Secondo le parole del dott. Worthington , “non volevano gli studenti che rappresentano la lotta nel film, quindi hanno usato il sollievo con i suoni dietro “. Per quanto riguarda la ricerca della verità essenziale della vecchia storia, secondo il Dr. Worthington “potrebbe essere interpretato come un’allegoria di come, anche se “il i quadri intermedi “erano là fuori a prenderti, un essere gentile superiore si prendeva cura di te, proprio come fa il re nella storia dando al povero un carro di guerra“.

Sennacherib sul suo carro durante la guerra in Babilonia,  rilievo del suo palazzo a Ninive. (Pubblico dominio

Immagine di copertina: Immagine del rilievo della Tavoletta di Shamash, stanza 55 della British Library. Scoperto a Sippar (presente Tell Abu Habbah), antica Babilonia; risale al IX secolo a.C. e mostra il dio solare Shamash sul suo trono che riceve il re babilonese Nabu-apla-iddina (888-855 a.C.), affiancato da due divinità intercessori. Il testo, in lingua babilonese, racconta come il re costruì una nuova statua per adorare il dio e accordò privilegi al suo tempio. Fonte: Prioryman / CC BY SA 4.0

Autore: Ashley Cowie

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su www.ancient-origins.net ed è stato tradotto con il permesso

Fonte: https://www.ancient-origins.es/

®wld