Crea sito

Di cosa hanno paura?

Assange e il peccato imperdonabile di sventrare le narrative ufficiali 

Di Charles Hugh Smith 

L’intero status quo globale è al culmine della fase di declino S-Curve.

C’è davvero un solo peccato imperdonabile nel regno politico, e questo sta distruggendo la narrativa ufficiale rivelando i fatti della questione. Questo è il motivo per cui gli informatori che rendono pubblico il meccanismo segreto delle menzogne ​​elaboratamente abili che sostengono tutte le narrative ufficiali sono perseguitati fino ai confini della Terra.

I dipendenti di entità statali come Ellsberg, Manning e Snowden sono legati da voti di segretezza e minacciati dalla promessa di una severa punizione. Gli estranei come Assange sono anche oltre il limite perché non possono essere accusati di essere traditori, poiché non hanno mai preso i voti di segretezza richiesti dallo Stato Profondo.

L’unica rivelazione più dannosa per tutte le bugie elaborate che costituiscono le narrative ufficiali è la verità rivelata in e-mail, documenti e conversazioni ufficiali. Questo è il motivo per cui virtualmente ogni documento e corrispondenza è ora “classificato”, quindi chiunque rilasci anche un rottame banale può essere condannato a marcire nel carcere federale.

In una recente intervista in C-SPAN, l’autrice Nomi Prins ha spiegato l’incredibile difficoltà di accedere ai documenti nelle biblioteche presidenziali ora perché praticamente tutto viene classificato. Le domande del Freedom of Information Act (FOIA) devono essere presentate e i ricercatori devono attendere anni per ottenere l’accesso alla corrispondenza di routine che era liberamente disponibile per tutti un decennio fa.

La paranoia ufficiale ha una correlazione del 100% con l’entità del danno arrecato alle narrative ufficiali da eventuali fughe di notizie sull’argomento. Di cosa hanno paura? Ecco la dinamica in gioco: più la narrativa è fragile, maggiore è la dipendenza da mezze verità e bugie, maggiore è l’urgenza ufficiale di schiacciare tutti gli informatori e mantenere una vigilanza simile alla Stasi contro ogni mormorio di dissenso o dubbio.

Se l’intero aggeggio non fosse così vulnerabile all’esposizione e così dipendente dalle bugie, perché la paranoia infinita? Questa paranoia si estende oltre l’attuale sistema di menzogne ​​nel passato, come esporre le menzogne ​​nei decenni passati mette in discussione le narrative ufficiali di oggi.

Ogni dubbio è estremamente pericoloso, come se anche un singolo thread si scateni, l’intera trama di statistiche sgomberate, false assicurazioni, mezze verità e menzogne ​​vere si sbroglia. Una volta che i documenti del Pentagono rivelarono i fatti della guerra in Vietnam, il sostegno alla narrativa ufficiale crollò essenzialmente da un giorno all’altro.

Nelle parole immortali di Jean-Claude Juncker, quando diventa serio, devi mentire , ed è sempre serio tutto il tempo.

L’intero status quo globale è al culmine della fase di declino S-Curve
. Da qui la vulnerabilità alla rottura delle sue narrazioni ufficiali e la panico paranoia dei suoi gestori.

Fonte: https://www.activistpost.com/l 

®wld

La “sintassi” dei valori dominanti

L’insidioso dualismo

I valori dominanti di una cultura tendono a sostenere e a perpetuare ciò che viene premiato da tale cultura e in una società dove è successo e, lo status si misura con la ricchezza materiale e non in contributo sociale, è facile capire perché lo status del mondo è quello che è. 

Si tratta di una distorsione del sistema di valori completamente snaturati dove la priorità della salute personale, sociale è diventata secondaria rispetto all’idea disastrosa di ricchezza artificiale e di crescita illimitata. 

E’ come un virus, questo disturbo permea ogni aspetto del governo, dei media, del divertimento e persino del mondo accademico e insiti nella sua struttura, ci sono dei meccanismi di protezione da tutto ciò che potrebbe interferire. 

I seguaci della religione del mercato monetario, i guardiani autoproclamati dello status quo, sono costantemente alla ricerca di modi per evitare ogni forma di pensiero che potrebbe interferire con il loro credo; il più comune è quello delle dualità proiettate. 

Se non sei un repubblicano, devi essere un democratico, se no sei un cristiano, sarai un satanista e, se pensi che la società possa essere molto migliorata, migliorata fino a considerare di prendersi cura di tutti, sei soltanto un utopista. 

Il dualismo più insidioso è: se non sei per il libero mercato devi essere contro la libertà stessa. 

Ogni volta che senti la parola libertà, ingerenza di governo dette da qualche parte, vogliono dire che ciò blocca la massimizzazione della rendita finanziaria per i detentori del denaro, tutto qua, e ci butterano dentro in un: abbiamo bisogno di più beni per la gente o questa è libertà contro tirannia e così via, ogni volta che la senti puoi decifrarla così e penso che troverai una correlazione uno a uno, ogni volta che la usano. 

Questa in un certo senso potremo chiamarla sintassi, una sintassi che governa comprensioni e valori e, se li governa oltre la loro stessa consapevolezza, così potranno dire: oh, ma io intendevo quello, ma di fatto è ciò che intendono. E’ come parlare secondo grammatica, hanno regole grammaticali senza rendersi conto quali siano. 

E così, come quella che chiamo sintassi dei valori dominanti al di sotto del fenomeno, quindi ogni volta che dicono ingerenza di governo, mancanza di libertà, progresso o sviluppo, tu puoi decodificarle per farle tornare quel significato. 

Ovviamente quando senti la parola libertà, di solito, è insieme alla parola democrazia, è curioso di come oggi le persone sembrino credere di avere realmente un’importante influenza sull’operato dei loro governi, dimenticando che per sua natura il nostro sistema mette tutto in vendita; l’unico voto che conta è quello monetario e non importa quanto gli attivisti protestino su etica e responsabilità. Sul sistema mercato ogni politica, ogni legislazione che consenta ogni governo, è in vendita. 

Ci sono stati salvataggi delle banche da ventimila-miliardi di dollari a partire dal 2007, è una quantità di denaro che avrebbe potuto convertire l’infrastruttura energetica globale a metodi interamente rinnovabili, è andata invece a istituzioni che non fanno niente per aiutare la società, istituzioni che potrebbero essere eliminate domani senza conseguenze. 

Eppure, la cieca convinzione che la politica e i politici, insistano per il benessere comune ancora perdura. Il fatto è che la politica è un affare non diverso dagli altri nel sistema di mercato e questi perseguono innanzitutto il loro interesse.

Spezzone di video trascritto da 2:13:14 a 2:19:37

Tratto da: [FILM COMPLETO] CENSURATO DA TUTTE LE TV ITALIANE!