Archivi tag: stampa mainstream

Riscrivere i nostri Libri di Storia

 

È forse una bugia tutto quello che ci è stato detto sulle origini umane e sulla storia?

di Ivan   

No, non abbiamo tutte le risposte agli innumerevoli enigmi che hanno sconcertato gli esperti per innumerevoli decenni, ma abbiamo quello che molti considerano ‘prove’ che le origini umane e la nostra storia sono tutt’altro che complete. Qui elencati sono solo alcune delle tante scoperte che spingono la nostra comprensione delle origini umane, antiche civiltà e la vita sulla terra al limite. Forse è il momento di un aggiornamento tanto necessario, che spiega quante di queste scoperte siano possibili.

È come se vi fosse una massiccia copertura in atto che impedisca agli esperti mainstream di indagare più profondamente su certe scoperte.

La verità è che le scienze tradizionali non sono riuscite ad affrontare e spiegano innumerevoli scoperte che sono state fatte sulla terra in passato.

Ogni scoperta — quando parliamo di antichi resti umani — sembra spingere sempre più le origini umane indietro nel tempo ogni volta.

Non molto tempo fa, gli scienziati hanno trovato la prova che una specie umana in precedenza sconosciuta e a lungo perduta viveva sulla terra e che era intercresciuta con gli esseri umani migliaia di anni fa. Il ricercatore introdotto in biologia molecolare ed evoluzione ha fatto una scoperta controversa che cambia quello che ci è stato detto circa i nostri antenati.

Tuttavia, questa è solo una delle molte scoperte recenti che hanno spinto i limiti delle origini umane a un punto in cui abbiamo bisogno di riscrivere molto di ciò che abbiamo pensato dei nostri antenati.

In Australia, gli esperti hanno scoperto come gli esseri umani si stabilirono in Australia circa 65.000 anni fa, riscrivendo efficacemente i libri di storia. Questa scoperta smacca completamente precedenti stime iniziali che hanno messo l’occupazione umana in Australia circa 45.000 anni fa.

Ma c’è di più.

Se prendiamo un breve viaggio nel continente africano, troveremo tracce di antiche impronte umane di 3,6 milioni anni.

Nel 2016, gli scienziati hanno trovato 13 impronte che secondo l’analisi risalgono a un sconcertante 3,6 milioni anni fa.

Scoperte nell’odierna Tanzania, le antiche impronte umane sono state conservate grazie, ad una regione che a quel tempo era ricoperta di cenere vulcanica bagnata, dove i nostri antenati camminarono per tutta l’area milioni di anni fa.

Dall’Africa, andiamo in Siberia dove gli archeologi hanno trovato un dente di una giovane ragazza che viveva lì circa 128.000 anni fa.

Ciò che è affascinante di questa scoperta è il fatto che è stata salutata come una delle più antiche specie umane conosciute recuperate in Asia centrale e si crede che possano essere più vecchie di almeno 50.000 e 100,00 anni del primo fossile noto Denisovan. Stupendo giusto? Ma come probabilmente sapete, c’è molto di più.

Un osso della coscia scoperto intorno a 80 anni fa è stato recentemente messo a una serie di test che hanno dimostrato come un vecchio fossile di 124.000-anni-di Neanderthal-scavato in Germania dalla grotta Hohlenstein-Stadel-contiene il DNA moderno. Gli scienziati ritengono che ciò dimostri come la migrazione “fuori dall’Africa” si sia verificata molto prima di quanto gli esperti pensassero — circa 270.000 anni fa, il che significa che dobbiamo riscrivere – ancora una volta – molto di quello che pensavamo di sapere sull’umanità.

Un’altra scoperta che si è piegata alla mente è stata fatta in Marocco quando gli esperti hanno recuperato ossa di 300.000 anni che hanno fatto luce sull’evoluzione dell’ Homo sapiens, e mostrano come la nostra specie si sia evoluta molto prima, almeno circa 100.000 anni prima, che precedentemente creduto, riscrivendo efficacemente la storia dell’umanità di nuovo.

Poi, troviamo anche come gli esperti hanno dimostrato che l’Europa era il luogo di nascita dell’umanità e non l’Africa come creduto per decenni.

I ricercatori hanno trovato un fossile di 7,2 milioni anni che dimostra come l’uomo moderno abbia avuto origine nel Mediterraneo e non in Africa.

Ma prendiamoci una pausa dalle origini umane e diamo un’occhiata alle innumerevoli strutture che si trovano in tutto il mondo, che sfidano completamente la nostra comprensione delle antiche civiltà e delle loro capacità tecnologiche migliaia di anni fa.

In primo luogo, diamo un’occhiata alla grande piramide di Giza e l’antica civiltà egiziana.

La grande piramide di Giza è rimasta un enigma per gli esperti che hanno studiato il monumento per oltre cento anni. Nessuno sa con certezza come è stata costruita, né chi esattamente l’habbia costruita. Molti punti ci portano verso Khufu come il suo costruttore, ma gli esperti non sembrarano  pienamente d’accordo.

Poi c’è l’incredibile precisione incorporata nella struttura, è la piramide più accuratamente allineata in esistenza e affronta il Nord vero con solo 3/60 di un grado di errore. Capita anche di trovarsi al centro della massa terrestre, ed è l’unica piramide a otto facce conosciuta in Egitto.

Passando dalla piramide diamo un’occhiata alle capacità degli antichi egiziani e se erano molto più avanzati di quello che li accreditano oggi.

Antiche mummie egiziane hanno dimostrato di contenere tracce di tabacco e cocaina — piante che in quel momento sono state trovate solo a crescere nelle Americhe. Allora, come sono finito in Egitto? Una spiegazione è che l’antica civiltà egiziana era in grado di viaggi transoceanici migliaia di anni fa.

Abbiamo anche i glifi Gosford in Australia che sono fondamentalmente antichi geroglifici egiziani inscritti in pietra al Brisbane Water National Park, Kariong. Si ritiene che le sculture in pietra 250 sono state parte del folklore locale della zona per oltre un secolo, il che significa che non è qualcosa che è stato scoperto di recente. I glifi Gosford sono un argomento molto controverso, e molti egittologi moderni li hanno categorizzati come una bufala elaborata, soprattutto a causa del fatto che sono ben… Situati in Australia.

Questi sono i glifi Gosford.

Ma ci sembra anche di avere “strumenti” che risalgono a un tempo in cui non avrebbe dovuto essere nessuno sulla terra secondo gli studiosi mainstream.

Un esempio è un martello di 400 milioni anni scoperto nella città di Londra, Texas, USA, in 1934. Si crede che il capo del martello sia stato costruito con una purezza di ferro realizzabile solo con la tecnologia moderna. I test hanno mostrato come la testa del controverso martello è fatta del 97% di ferro puro, 2% per cento di cloro e 1% percento di zolfo. Non può essere reale, vero?

In Cina, abbiamo scoperte più curiose. I tubi di Baigong di 150.000 anni sono considerati da molti come la prova di una civiltà tecnologicamente avanzata che esisteva nella regione centinaia di migliaia di anni fa.

Gli esperti indicano come non è stato possibile identificare l’8% del materiale nelle tubazioni. I tubi divennero popolari quando nel 2007, il più grande giornale statale in Cina pubblicò un articolo su di loro.

Ma ci sono più polemiche là fuori. Diamo un’occhiata all’antica lista dei re Sumeri che afferma come “… In 5 città 8 re; governarono per 241.200 anni. Poi il diluvio li spazzati via…” ma … come sulla terra possono 8 re vivere e governare per 241.200 anni? Erano immortali? alieni? Leggi di più qui.

Abbiamo anche il Megalith di al-Naslaa che è una roccia massiccia, divisa a metà come se un laser di precisione l’avesse tagliata in piedi nel mezzo del deserto. Questa incredibile roccia si trova all’oasi di Tamya in Arabia Saudita. Le due pietre divise a metà hanno creato confusione tra gli esperti fin dalla loro scoperta. Alcuni dicono che è stato creato naturalmente, mentre altri mantengono la tesi della tecnologia avanzata che è stata utilizzata per dividere le rocce con tale precisione.

Roccia tagliata come fosse stato usato un laser di precisione.

E come stiamo coprendo tali siti controversi non possiamo lasciare fuori Puma Punku.

Puma Punku è un antico sito archeologico situato 45 miglia a ovest di La Paz, nascosto in profondità nelle montagne andine. Questo antico sito presenta alcune delle più grandi-intricate pietre intagliate nelle Americhe.

Secondo l’analisi, uno dei più grandi blocchi di pietra trovato a Puma Punku è di 7,81 metri di lunghezza, e di 5,17 metri di larghezza, medie 1,07 metri di spessore si stima che pesa circa 131 tonnellate metriche. Come diavolo hanno fatto gli antichi a trasportare questa pietra?

Ma se la dimensione delle pietre di Puma Punku non ti fa grattare in testa, i tagli di precisione, e superfici lisce certamente lo farà. Nemmeno un foglio di carta si può inserire tra alcune delle pietre millenarie trovate a Puma Punku.

Qui sto cercando di fare un punto, il motivo per cui vi porterà ora a Ollantaytambo, un altro antico sito archeologico che è assolutamente sorprendente. Situato a un’altitudine di 3.000 metri, il complesso archeologico di Ollantaytambo si trova a circa 70 chilometri da Cusco.

 

Ollantaytambo: il Tempio del sole. Come ha fatto l’antica umanità a fare questo? In questa immagine, abbiamo sei monoliti in granito rosso che dovevano essere parte di una parete circolare incompiuta. I monoliti sono separati da “rocce distanziatrici” che impediscono loro di crollare durante gli eventi sismici.

Ollantatytambo-proprio come Puma Punku-caratteristiche sbalorditive, pietre massicce.

Molte delle pietre di Ollantaytambo pesano più di 70 tonnellate, e anche loro sono state estratte dal lato di una montagna, a decine di chilometri di distanza. Uno dei monumenti più curiosi di Ollantaytambo sono i sei monoliti supermassicci che sono stati messi insieme in modo tale che non un singolo pezzo di carta può inserirsi tra di loro.

Interessante giusto? Ma ci sono innumerevoli altri siti archeologici degni di menzione.

La pietra di Cochno, scoperta in 1887 è una lastra di 5.000 anni che presenta circa 90 spirali intagliate in modo intricato che secondo molti rappresentano una mappa cosmica.

Come potete vedere, innumerevoli scoperte fatte in tutto il mondo sembrano spingere la nostra conoscenza della razza umana, le nostre origini e antiche civiltà al limite, e forse è il momento per gli studiosi mainstream di riscrivere i nostri libri di storia, e pubblicare un aggiornamento tanto necessario sulla razza umana.

Grazie per aver letto questo articolo molto lungo, fatemi sapere cosa ne pensate!

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Siamo al lupo che si fa guardiano dell’ovile

Terrapiattisti e Salvamondisti  

By Massimo Lupicino

Un recente sondaggio ha rivelato che il 34% dei giovani americani tra 18 e 24 anni non è convinto che la Terra sia rotonda. Il 9%, in particolare, dichiara di aver sempre pensato che il nostro pianeta fosse piatto mentre un altro 9%, pur sapendo che la Terra è sferica, sospetta tuttavia che le cose non stiano davvero così. A questi si somma un 16% che più socraticamente ammette di non sapere quale sia la forma del Pianeta su cui vivono. 

Ad aumentare lo sconforto c’è la constatazione che il terrapiattismo ha più seguaci tra i giovani in età immediatamente post-scolare, piuttosto che tra quelli che la scuola non la frequentano da molti anni: la percentuale dei terrapiattisti tra i trentenni scende infatti al 24%, fino a raggiungere un misero 6% tra gli over-55. 

Questione di fiducia  

La buona notizia, per i padroni del vapore, è che se in tanti credono nel terrapiattismo allora altrettanti possono legittimamente credere che la CO2 sia un veleno, che le ciminiere e le flatulenze bovine siano l’unica forzante climatica del pianeta Terra, o che la guerra in Siria sia scoppiata perché è piovuto poco. 

La cattiva notizia, per gli stessi padroni, è che altrettanto liberamente la gente può credere in tesi diametralmente opposte. Per esempio che la CO2 sia il mattone elementare della vita sulla Terra, che le forzanti climatiche siano innumerevoli o che la Terra se la passi ottimamente dal punto di vista climatico. Oppure, perché no, che si vada verso una glaciazione dalle proporzioni catastrofiche, giusto per rimanere in ambito strettamente climatico.

Detta in altri termini, la gente oggi tende a credere a tutto e al contrario di tutto per il semplice fatto che si è rotto irrimediabilmente il rapporto di fiducia tra i mezzi di informazione “ufficiali” e i fruitori degli stessi. Rottura causata dal diluvio di fake news promosse negli anni proprio dalla stampa mainstream, unitamente alla serie infinita di previsioni mai avveratesi nei termini in cui erano state annunciate.  

Nessuna traccia, oggi, delle armi chimiche di Saddam con cui i media di tutto il mondo hanno giustificato la guerra in Iraq. E nessuna traccia, oggi, di quell’olocausto climatico annunciato da almeno 20 anni dagli stessi media. Solo per fare un paio di esempi.

La soluzione

Nel silenzio compiacente dei media (e con le solite benedette eccezioni), gli spiriti più illuminati di Bruxelles stanno lavorando per salvare dalla perdizione i loro cittadini così evidentemente disorientati. Ché ne va della nostra sicurezza. 

È infatti il Commissario UE alla Sicurezza in persona, a presentare l’imminente stretta sull’informazione che i Salvamondo di Bruxelles stanno cucinando per noi. Con una serie di affermazioni del tipo:

  • La Russia disinforma i cittadini europei per minare la stabilità e la coesione della nostra società.
  • Pertanto si identificheranno i “bots che diffondono disinformazione” e si chiuderanno i loro profili sui social network (fatevi due risate su chi si celava veramente dietro i “bots russi” denunciati dall’autorevolissimo Guardian).
  • Grazie a Facebook e Twitter si selezionerà l’informazione “di qualità” per combattere le fake news (siamo al lupo che si fa guardiano dell’ovile).
  • Una rete di “fact-checkers indipendenti” qualificati con marchio UE vigilerà sulla buona informazione (!)

Ma la frase più bella è questa: L’esecutivo comunitario invita quindi gli stati membri a “prendere in considerazione schemi di aiuti” pubblici “orizzontali per rispondere ai fallimenti di mercato che danneggiano la sostenibilità del giornalismo di qualità”. Che tradotto in altri termini può suonare come: “gli Stati UE sono invitati a finanziare con soldi pubblici i media che non si sostengono commercialmente ma che raccontano la storia giusta”. 

Ovvero, mentre si chiude il becco a chi racconta storie che “minano la stabilità della nostra società“, dall’altra parte si intende sostenere con i soldi dei contribuenti i cantastorie che piacciono agli euro-burocrati: storie che non vendono più, perché nessuno è più disposto a comprarle, ovvero a bersele. In fondo, si tratta semplicemente dell’ultimo passo verso l’agognata trasformazione dei media in organi di propaganda al servizio di un partito unico, globalista e sovranazionale. Una Euro-Pravda declinata in tutte le lingue dell’Unione.

Non hanno studiato.

…O non hanno ancora capito. Al di là dei contenuti francamente grotteschi, propagandistici e illiberali, quello che stupisce in certe proposte è l’evidente inutilità delle iniziative in questione. Eppure la storia dovrebbe aver insegnato qualcosa.

Non risulta, per esempio, che l’Unione Sovietica sia implosa per una eccessiva libertà di informazione o per un scarso controllo della propaganda da parte delle autorità. E allo stesso tempo, vi immaginereste il PCUS nell’atto di diffondere una lista di giornali da non leggere perché “fake news”? Quegli stessi giornali, qualora accessibili, sarebbero diventati immediatamente best-sellers in tutte le province dell’Impero. Ché un censore screditato diventa automaticamente il miglior promoter possibile

http://www.climatemonitor.it/?p=48291  

®wld