Archivi tag: spiritualità

L’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo.

 

 Foto di dominio pubblico

Gli Umani sono fatti di particelle provenienti da lontane galassie – siamo visitatori Extragalattici della Via Lattea

Magari non ci pensiamo spesso, ma condividiamo una relazione molto speciale con lo spazio…

Molti anni fa, il famoso astronomo e cosmologo Carl Sagan (1934-1996) disse che siamo fatti di polvere da stelle

Oggi sappiamo che è vero. Gli astronomi hanno scoperto che gli umani sono fatti di particelle che provengono da galassie lontane.

Ciò significa che siamo i visitatori extragalattici di quella che pensiamo sia la nostra galassia, la Via Lattea.  

“L’azoto nel nostro DNA, il calcio nei nostri denti, il ferro nel nostro sangue e il carbonio nelle nostre torte di mele, sono state creati all’interno di stelle collassanti.
Siamo fatti di stelle”, disse Carl Sagan.

E’ da molto tempo che gli astronomi sono consapevoli che gli elementi sono stati forgiati nelle stelle che si spostavano da una galassia all’altra, ma trovare il nostro posto nell’universo non è stato facile.

Mentre stavano eseguendo delle simulazioni al computer, gli astrofisici della Northwestern University di Evanston, Illinois – scoprirono che più della metà della materia nella Via Lattea veniva trasportata attraverso i venti intergalattici.

Di conseguenza, ognuno di noi, in parte è fatto di materia extragalattica.

“Dato che una buona quantità di materia di cui siamo formati potrebbe provenire da altre galassie, potremmo considerarci dei viaggiatori spaziali o extragalattici.

È probabile che gran parte della materia della Via Lattea si trovasse in altre galassie, prima di essere espulsa da un vento potente, viaggiare attraverso lo spazio intergalattico e alla fine trovare la sua nuova casa nella Via Lattea”, disse Daniel Anglés-Alcázar, del dipartimento di astrofisica della Northwestern University.

Secondo Daniel Anglés-Alcázar, la metà degli atomi intorno a noi, incluso quelli nel sistema solare, nella Terra e in ognuno di noi, non proviene dalla nostra galassia ma da altre galassie distanti fino a un milione di anni luce.

Anche se nella ricerca volta a determinare il ruolo degli umani sul pianeta Terra, si guarda maggiormente ai libri di storia e alle scoperte archeologiche, ci sono alcuni che guardano le stelle e cercano nel Cosmo le risposte sull’umanità…

 

 

Ad esempio, il dottor Ellis Silver, rinomato ambientalista ed ecologista, ha avanzato una teoria controversa in cui insinua che gli umani si siano evoluti da qualche altra parte nella galassia; per cui siamo degli alieni che vivono su questo pianeta.

Come menzionato in un nostro precedente articolo, le argomentazioni di Silver si basano principalmente sulla nostra fisiologia che lui considera sorprendentemente inadatta e mal equipaggiata per l’ambiente terrestre.

Silver pensa che l’umanità possa essersi evoluta su un altro pianeta e che poi sia stata portata qui come una specie altamente sviluppata.

Inutile dire che la controversa teoria di Silver ha fatto nascere molti dibattiti.

Ora che sappiamo che siamo fatti di stelle, e che le particelle del nostro corpo provengono da galassie lontane, possiamo guardare il cielo riflettendo di più sul nostro ruolo nell’Universo; tuttavia, non abbiamo ancora risolto il mistero del nostro DNA codificato e neppure conosciamo l’identità del “programmatore“…

di Cynthia MacKanzie
dal Sito Web MessageToEagle 
traduzione di Claudiordali  
 

 

 *************************

 

Dio gioca a dadi? Il nostro inconscio decide cosa fare prima che lo sappiamo?

Una delle grandi domande nella storia dell’umanità è quella che riguarda la libertà o il determinismo dell’esistenza umana e dell’universo. Ci sono diversi modi per capire questa domanda. Si suggerisce che l’intero universo è concatenato dalla causalità al punto che se in un dato momento del tempo conoscessimo le posizioni e le velocità di tutte le particelle nell’universo, potremmo calcolare il loro comportamento in qualsiasi altro momento nel tempo. Ciò ha causato a Laplace di dire a Napoleone che non ha visto la figura di Dio in nessun punto del suo sistema: “Non ho bisogno di questa ipotesi”. Una volta che l’universo fu messo in moto, o nelle parole di Stephen Hawking, una volta che il fuoco era stato soffiato alle equazioni, la partecipazione di Dio non era necessaria. L’universo funzionava da solo, come un perfetto orologio svizzero. Da qui la famosa frase di Einstein, “Dio non gioca a dadi”, l’universo è razionale ed è governato da leggi esatte che rendono possibili le previsioni e in definitiva determinano i nostri destini individuali.  
 
Einstein trovò una certa calma nella visione deterministica dell’universo e in uno dei suoi scritti cita Schopenhauer: “Un uomo può fare quello che vuole ma non può volere ciò che vuole”, una frase piuttosto enigmatica che servì Einstein come consolazione, perché secondo lui, lo faceva rilassare e prendere le cose con umorismo, perché alla fine non era responsabile della sua vita, c’era una “volontà”, cieca ma perfettamente intelligente, (la natura stessa, il “Dio di Spinoza”) spostando il cosmo legittimamente. Schopenhauer in The World as Will and Representation ha scritto: “Nessun uomo può fare diversamente come ha fatto e nessuna verità è più certa di questo, che tutto ciò che accade, sia piccolo che grande, necessariamente avviene completamente.” Lo stato delle cose è determinato da ciò che è appena accaduto, dice Schopenhauer, così che tutti gli eventi, dopo tutto, erano già determinati dal primo evento nella catena causale. Perché quel primo stato di cose, arbitrariamente stipulato, avrebbe irrevocabilmente determinato e fissato nella sua origine lo stato che lo ha successo, sia nell’insieme sia nei più piccoli dettagli, questo secondo farebbe lo stesso con il prossimo e così via, per secoli a venire … “Se vuoi mantenere un universo completamente causale, senza il possibile intervento di una divinità o di un’intelligenza trascendente, in un certo modo devi abbandonare l’idea di libertà.  
 
Un’altra lettera per la visione deterministica della realtà viene mischiata dagli esperimenti di Benjamin Libet. Nel suo famoso studio del 1983, Libet ha chiesto a diversi volontari di premere un pulsante nel momento desiderato, osservando un orologio speciale che permetteva loro di osservare il tempo con grande precisione. Comunemente le persone pensavano che stavano decidendo di premere il pulsante 200 millisecondi prima che le loro mani si muovessero – tuttavia, gli elettrodi hanno rivelato che l’attività nel cervello che controlla il movimento si verifica 350 millisecondi prima che venga presa una decisione, che Suggerisce che la nostra mente inconscia è responsabile e “decide” quando premere il pulsante. Alcune persone hanno visto questo esperimento come la prova che non siamo liberi, c’è una determinazione elettromagnetica nei nostri atti di cui non siamo a conoscenza. Il libero arbitrio sarebbe un’illusione post-hoc generata dal cervello.  
 
Lo stesso Libet credeva nell’esistenza di una forma di libero arbitrio. “Il processo di volatilità inizia nel cervello inconsciamente”, scrive, “ma la funzione cosciente potrebbe ancora controllare il risultato, può porre il veto all’atto”. Qui potremmo avere una regressione infinita, perché potremmo dire che anche il veto è iniziato inconsciamente. Ma l’idea di Liber è più sottile, sarebbe un’interazione tra le iniziative deterministiche che sorgono nel cervello e la libera possibilità di eseguirle o di porre il veto su di loro.  
 
Il ruolo della coscienza libera sarebbe, quindi, non iniziare un atto volontario, ma controllare se l’atto si verifica o meno. Possiamo quindi vedere iniziative inconsce per atti volontari come “ribollire nel cervello”. La coscienza volitiva seleziona quindi quale di queste iniziative avanza verso l’atto e che veto e abortisce, senza che l’atto accada.  
 
Libet ha notato che questa intima combinazione di bisogno e libertà, senza cancellarsi l’un l’altro, si adatta alla comprensione della libertà del teismo. L’individuo è soggetto a impulsi che nascono senza essere in grado di controllarli, per esempio, i cosiddetti impulsi della “carne”, ma ha la facoltà di non perseguirli, una capacità che si sviluppa come parte della coltivazione della moralità. Ciò coincide con la nozione che il mondo sia stato creato liberamente da una divinità e che l’uomo sia libero, essendo l’immagine della divinità, ma d’altra parte non è un sovrano completo del mondo, perché il suo essere è stato dato a lui e le leggi del mondo in cui esistono sono state stabilite indipendentemente dalla loro volontà. Non è una questione di pura libertà incondizionata, come vorrebbero alcuni idealisti tedeschi, ma di una libertà che si esercita all’interno di un quadro prestabilito. Un esempio utile potrebbe essere un gioco, ci sono alcune regole che il giocatore deve seguire, alcune che sono addirittura impossibili da violare, ma all’interno di quel quadro ha la capacità di eseguire determinati atti liberamente  
 
Un’altra critica che è stata fatta ai deterministi che interpretano l’esperimento di Libet come la prova che il libero arbitrio non esiste è molto semplice. Questa conclusione dipende dalla premessa che sappiamo cos’è la coscienza e quindi possiamo dire, alla luce dell’esperimento, che le nostre decisioni sono inconsce. Ma la verità è che la scienza non ha una definizione soddisfacente di coscienza. Non sappiamo cosa sia la coscienza, il cosiddetto duro problema della scienza. Sebbene sia fuori controllo, non si può escludere che gli stessi strumenti di misurazione abbiano una qualche forma di coscienza, secondo la nozione di panpsichismo, o che siano influenzati dalla coscienza della persona esperta.
 
“Come possiamo stabilire che questi eventi accadono millisecondi prima delle loro controparti coscienti se non sappiamo in cosa consista questa controparte conscia? Come possiamo quindi tradurre quegli eventi neuronali in termini di coscienza?”, Commenta Roberto Calasso in Incompatible News. In altre parole, l’esperimento parte dal presupposto che la coscienza è un evento che si traduce in segnali elettrici che possono essere misurati e solo quello. Qualcosa che non è stato dimostrato molto meno.
 
In contraddizione con l’idea di Einstein. Stephen Hawing ha detto che Dio gioca a dadi. Hawking sottolinea che, nel caso del principio di indeterminazione, almeno era ancora possibile prevedere una combinazione di posizione e velocità (un calcolo di probabilità). Ma con ciò che è stato scoperto intorno alla fisica dei buchi neri, anche questo scompare. Una teoria suggerisce che l’informazione di una particella che cade in un buco nero può essere persa – e quindi non siamo in grado di calcolare la posizione o la velocità di un’altra particella con cui è intrecciata – che rovina la nozione di universo prevedibile e deterministico. Secondo Hawking: “Einstein aveva doppiamente sbagliato … Non solo Dio gioca a dadi, ma a volte ci confonde gettandoli dove non possiamo vederli”. A sua difesa, va detto che Einstein era consapevole di questi problemi e credeva che l’apparente casualità dell’universo fosse solo un comportamento statistico non fondamentale per le leggi dell’universo e che avrebbe dovuto essere spiegato in futuro con una teoria delle variabili nascoste (il fisico David Bohm ha postulato un’interessante alternativa che, tuttavia, non è stata accettata dalla comunità scientifica).
 
Una famosa interpretazione della meccanica quantistica suggerisce che ciò che realmente esiste non sono particelle con una determinata posizione e velocità, ma piuttosto ondate di probabilità dalle quali si originano casualmente – o da un processo misterioso – o dalla realtà che sperimentiamo. Finché non viene fatta un’osservazione, tutti gli stati si sovrappongono. Ancora più radicale, la “teoria dei multiversi” suggerisce che con ogni decisione o misura viene creato un universo parallelo. 
 
Una soluzione interessante a questo problema è postulata dal Vedanta. Il mondo è governato dal karma, equivalente alla causalità, con l’aggiunta dell’intenzione mentale. Ogni evento che viviamo è il risultato dei nostri atti precedenti, ai quali siamo soggetti da un tempo immemorabile. Ma il mondo stesso è un’illusione. L’individuo non è chi pensa di essere. Vive avvolto nella maya, l’illusione di essere un’anima individuale in un corpo. In realtà non è il karma o la causalità che lo lega, ma la sua ignoranza. Una volta che si risveglia alla conoscenza della sua vera natura, il sogno della causalità viene annullato. Questo risveglio è codificato nel riconoscimento della frase della Upanishad: Tat tvam asi, tu sei quello. Vale a dire, l’essere che pensa che esista in un corpo nella realtà è tutto, nulla esiste al di fuori di esso. Il mondo è un sogno. Dal punto di vista dell’anima individuale è un sogno deterministico, di cui non ha controllo. Dal punto di vista dell’Atman, il mondo è il suo sogno, e il momento in cui riconosce questo si risveglia.

 

In una seconda parte di questo articolo, che dovrebbe rimanere incompiuta proprio a causa della complessità del problema, considereremo la nozione indù del tempo come un “lancio di dadi”.

Fonte: https://pijamasurf.com/

  *************************

L’intuizione è la più alta forma di intelligenza, secondo lo psicologo
Di Mayukh Saha / Teoria della verità
 

Secondo Gerd Gigerenzer, che lavora presso l’Istituto Max Planck per lo sviluppo umano, la vera intuizione sta avendo l’istinto necessario per capire su quali conoscenze dobbiamo concentrarci e su cosa possiamo permetterci di dimenticare.

Nel suo lavoro “Gut Feelings: The Intelligence of the Unconscious”, Gerd spiega come l’intuizione e la razionalità possano andare di pari passo usando se stesso come esempio. Mentre è immerso nella sua ricerca, spesso ha una sensazione che di solito porta avanti perché sa solo che gli darà la risposta. Ma controlla anche due volte usando formule scientifiche per capire le ragioni dietro le sue intuizioni. Ma quando si tratta di questioni personali, si dedica esclusivamente a ciò che la sua intuizione gli dice.

Allora, dove sta l’intuizione? Non è stato formalmente riconosciuto come intelligenza. Cosa significa questo per una persona che ha un’intuizione più acuta?

L’intuizione è una forma di intelligenza, ma ha bisogno di andare insieme ad altri fatti. Chi possiede già la curiosità intellettuale e è disposto a lavorare sodo per imparare di più è sicuramente intelligente. Non puoi semplicemente sederti e aspettare che la conoscenza ti colpisca. È necessario guidare l’esplorazione di un argomento e esaminarne tutti gli aspetti. Quando la tua intuizione ti dà una sensazione allora, quella è sicuramente una forma di intelligenza e molto importante per quello.

Un modo per capire l’intuizione è guardarla come se avesse una comprensione dell’intelligenza collettiva. Se guardiamo al modo in cui il world wide web viene messo insieme, l’organizzazione dei siti dipende dall’intuizione, in modo che gli utenti siano in grado di comprendere meglio il loro funzionamento e possano facilmente orientarsi. Ci sono voluti anni per sviluppare questo concetto di rimozione di informazioni non necessarie per essere compreso. Internet era un tempo abbastanza caotico prima.

Secondo Theo Humphries, affinché un progetto sia vero basato sull’intuizione, deve essere capace di essere compreso anche quando non ci sono tutorial. Gli utenti devono essere in grado di capirlo perché deve far parte dell’intelligenza collettiva che tutti condividiamo.

Quando l’intuizione e la disciplina vanno di pari passo, si ottengono risultati straordinari. Le basi di ogni argomento devono essere apprese, la logica deve essere ricercata e la tua intelligenza deve essere esercitata affinché la tua intuizione sia veramente potente. Più studi, più intensa sarà la tua intuizione. Non puoi semplicemente oziarti in giro e poi essere offeso quando gli altri non si fidano del tuo istinto, perché sono solo un colpo nell’oscurità.

Molti di noi avrebbero sentito parlare della teoria di Einstein sull’intuizione. Credeva che l’intuizione fosse un dono e la razionalità un servitore. La società tende a lodare il servo ma dimentica che il dono esiste. Ci sono momenti in cui la tua razionalità ti può condurre lungo la strada sbagliata, quindi avrai bisogno della tua intuizione per riportarti in carreggiata. Se senti che qualcosa non va, è la tua mente intuitiva che ti avverte che devi pensare in un modo diverso.

Coloro che sono intelligenti prestano attenzione a questi avvertimenti. I migliori tra noi usano questo istinto per correre grandi rischi e sono quelli che hanno veramente successo. Disciplinare il tuo intuito è la chiave.

Credito immagine: 123RF

 

Lo Specchio Nero

 

 La Fine del Gioco 

Contributo di Elva Thompson

Waking Times

“Parlo Io dell’antico Atlantide, parlo dei giorni del Regno delle Ombre, parlo della venuta dei figli delle ombre.
Dal profondo più profondo erano chiamati dalla saggezza degli uomini della terra, chiamati allo scopo di ottenere un grande potere.
Lontano nel passato prima che Atlantide esistesse, c’erano uomini che si immergevano nelle tenebre, usando la magia oscura, richiamando
sotto di noi esseri dal profondo più profondo.
Per la prima volta entrarono in questo ciclo. Senza forma erano di un’altra vibrazione, esistenti ma non visibili dai figli degli uomini della terra.
Solo attraverso il sangue potevano essersi formati. Solo attraverso l’uomo potevano vivere nel mondo”. ~ Thoth l’Atlantideo”

Il Grande Anno Cosmico di ventiseimila anni terminò il 21 dicembre 2012. La data auspicabile registrata nel Calendario Maya quando l’era del materialismo dei Pesci lasciò il posto all’età mentale dell’Acquario.

Nella reimpostazione dal vecchio al nuovo, i governanti di questo costrutto hanno spianato la strada alla loro visione di un nuovo ordine mondiale. Hanno abolito il resto delle nostre libertà sotto l’apparenza di sicurezza e protezione; hanno rubato clandestinamente terre pubbliche per il beneficio della loro macchina politica da soldi del gas e del petrolio, e di altri interessi anti-vita che li mantengono al potere. Senza un piagnisteo da parte del pubblico, i funzionari del governo hanno rottamato la protezione ambientale, hanno aperto il massacro delle specie in via di estinzione e hanno spiato tutto ciò che scriviamo e diciamo … e ancora nella nostra vita dormiamo pensando che il futuro sia promettente.

E, mentre sogniamo, il “bel selvaggio viene ripulito, un bel ragazzo di scene televisive”, la bestia psicopatica che viene eletta per rappresentarci sta facendo il suo nido proprio nel nostro e pianificando la nostra fine.

Uno schiaffo spirituale

E’ ora che il cosmo abbia messo un po’ di buon senso in noi … ci ha fatto ‘veri occhi’ cosa sta succedendo in un ‘vortice’ che cerca di dividerci ad ogni livello: sessa, classe, razza e credo. A livello di cuore, gli umani sono una nazione, un archetipo … Quindi, perché abbiamo permesso al programma della dualità e alle nostre forme pensiero ereditate di dividerci?

Il nostro percorso nella vita ha un cuore o siamo ingranaggi nella matrice della macchina?

Nello speciale isolamento dell’individuo, siamo diventati polarizzati – controllati dal nostro auto investimento per diventare pedine sulla scacchiera della vita, e alla mercé di tirare e spingere governi, dittatori fuori controllo e corporazioni senza volto … entità che hanno fatto tutto ciò che è in loro potere per distruggere la nostra connessione spirituale con la Sorgente Creativa … e calpestare i nostri cuori.

Quando consideriamo tutti i modi in cui siamo traditi dall’eletto venditore di olio di serpente che dovrebbe rappresentarci …. si rimane senza fiato!

Guerra costante, fame programmata, manipolazione meteorologica, nanoparticelle spruzzate nel nostro ambiente per modificare il nostro DNA, fluoruro nella nostra acqua, OGM, vaccinazioni, cibo a base di glifosato, decimazione della nostra fauna, deforestazione del nostro pianeta, distruzione del cuore basato sulla musica e, naturalmente, sacrificandoci sull’altare digitale della scienza distruttiva.

Allontanati dalla natura

Dai popoli tribali liberi di vagare per un mondo senza recinti e muri, siamo stati radunati e messi in città di cemento e vetro – esclusi dalla realtà spirituale e messi in una scatola insieme al nostro pensiero.

I ricercatori del Douglas Mental Health Institute di Montreal hanno scoperto che gli abitanti delle città mostravano i più alti livelli di attività nell’amigdala e nella corteccia cingolata anteriore del cervello. Queste complesse strutture cerebrali regolano le emozioni, memorizzano i ricordi e sono state associate a varie malattie mentali, tra cui depressione, disturbo d’ansia generalizzato, attacchi di panico, disturbo da stress post-traumatico, disturbo ossessivo-compulsivo e fobie …

……. In altre parole, malattia mentale.

Siamo stati tutti aborigeni nello stesso tempo – la distruzione forzata della nostra realtà sonora inclusiva è la causa principale del nostro disagio spirituale? – la causa della nostra costante ricerca di una connessione significativa con la vita?

La guerra alla coscienza

Poiché il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti …” ~ Efesini 6:12

I dirigenti della fattoria umana: i blu sangue reale ei loro servili politici da adunata su entrambi i lati della corsia “rossa e blu” sono ben consapevoli di come operano gli animali compromessi chiamati homo sapiens. Sono in grado di velocizzare i manipolatori delle nostre emozioni e sono ben consapevoli del fatto che noi come co-creatori con La Sorgente definiamo la nostra realtà con il nostro pensiero su base individuale e collettiva. Pertanto, poiché i nostri pensieri sono estensioni elettromagnetiche del nostro intento, i nostri governanti possono deliberatamente manipolare e programmare le nostre menti con paura e informazioni negativamente caricate. Questa negatività è ulteriormente aggravata dal sacrificio di sangue nei centri energetici e nei luoghi sacri del nostro pianeta.

Le forme di pensiero negative rilasciate dalla tortura e dal sacrificio entrano nella griglia di energia che bagna il nostro piano guidato dal conflitto tridimensionale, e di conseguenza nella mente collettiva dell’alveare “non pensante”. Questa “vibrazione odiosa” crea caos e effetti negativi nelle nostre vite e nella vita del pianeta. Nella nostra ignoranza siamo diventati prigionieri dello specchio nero – lo specchio della nostra opposta realtà energetica.

Il mondo è un posto spaventoso quando ci svegliamo alla verità su chi gestisce il costrutto geometrico frattale che chiamiamo terra. La mente della matrice viene soffiata quando siamo “occhi veri” … la verità sulla manipolazione del nostro genoma, la fabbricazione della nostra storia e su come gli esseri umani che una volta percorsero il cammino di interdimensionalità diventarono il sacrificio di sangue, la carne da macello per le guerre per il proxy delle specie aliene … battaglie tra il male e il male.

È difficile da gestire … l’arresto completo.

L’agenda aliena

L’agenda segreta degli alieni ha sempre controllato il flusso di informazioni su questo piano, fomentando guerre finanziando entrambe le parti e creando tutte le religioni di controllo basate sulla paura patriarcale.

LEGGI: LA NUOVA AGENDA PER L’ORDINE MONDIALE È L’AGENDA ALIENA

Sono loro che decidono ciò che ci viene insegnato come verità, ciò che viene sconfitto in noi. Più grande è il trauma, meglio è … e molti non si riprendono mai dalla programmazione – non rivendicano mai il loro diritto a vivere le loro vite. Invece, aderiscono allo status quo pensando e avvelenandosi, e la realtà senziente con vite non soddisfatte, odio e risentimento.

Ingegneria sociale

La cultura della violenza che ha conquistato la scena mondiale è un risultato diretto dell’ingegneria sociale. La cabala satanica che gestisce lo spettacolo vuole che l’umanità si ritorca su se stessa, si comporti come eserciti di bruti subumani e trasformi il pianeta in un enorme campo di omicidi. Ci hanno trasformato in strumenti della loro stessa volontà parassitaria, nazione denocciolata contro nazione, fratello contro fratello e madre contro figlio.

L’agenda Luciferiana ci ha attaccato ad ogni livello del nostro essere usando la paura, ideali indottrinati e uno spauracchio del pensiero di qualcun altro. Attraverso menzogne, errori di direzione e agitando una carota su un bastone di fronte al nostro naso, ci hanno portato in schiavitù, incassati nella nostra ‘avidità e bisogno’ di tutto ciò che è intelligente.

Controllano persino la musica che ascoltiamo. Si assicurano che le nostre canzoni dei nostri giorni siano in sintonia con l’accordo dei diavoli. L’accordatura standard A-440hz risuona solo sui tre chakra inferiori. È musica senza cuore, puramente tridimensionale, e una guerra alla coscienza spirituale, tutta la cortesia della Fondazione Rockefeller. Informazioni su A-440hz possono essere trovate: medicalveritas.org/musical-cult-control/

Molto illuminati!

Non è un caso che la dose giornaliera di informazioni proiettate dai media sia intrinsecamente violenta, divisiva e narcisistica. La violenza è incoraggiata persino glorificata sotto la bandiera insanguinata del patriottismo nei programmi televisivi, nei film di Hollywood … e non dimentichiamo i videogiochi.

Definizione di giocatore: una persona che gioca ai videogiochi o partecipa a giochi di ruolo.

Secondo le statistiche del luglio 2018, ci sono stati 2,2 miliardi di giocatori nel mondo … sei scioccato? Lo sono.

Incredibile, questo è un terzo della popolazione che gioca ai videogiochi … giochi che rispecchiano la vita ….

Giochi sulla scelta dei lati e una lotta per lo stato alfa … per essere un vincitore! Tutti sono programmati per voler essere un vincitore, proprio come un cane maschio che piscia su un albero per segnare il suo territorio.

I giochi sono progettati per due cose – per sprecare la nostra vita in un mondo fantastico – mentre in nome del profitto, il mondo naturale viene distrutto tutto intorno a noi. E in secondo luogo per stimolare l’inconsapevole mente di sopravvivenza del cervello dei rettili, così possiamo andare su tutte le furie, picchiare il nostro partner, o fare una baldoria omicida … perché questo è esattamente ciò che stiamo programmando di fare dai media di qualsiasi forma.

E il crimine di tutti i crimini è che queste creature senz’anima stanno prendendo di mira i bambini ….

Bambini a rischio

“Il 97% dei bambini statunitensi di età compresa tra 12 e 17 anni gioca ai videogiochi, contribuendo al settore dei videogiochi domestico con 21,53 miliardi di dollari. Più della metà dei 50 videogiochi più venduti contengono violenza. I videogiochi violenti sono stati accusati di sparatorie a scuola, aumenti nel bullismo e violenza nei confronti delle donne. I critici sostengono che questi giochi desensibilizzano i giocatori alla violenza, premiano i giocatori per simulare la violenza e insegnano ai bambini che la violenza è un modo accettabile per risolvere i conflitti.” Fonte procon.org

E non finisce qui. Ora abbiamo 5G non collaudato con cui combattere.

5G e il controllo mentale

Ecco un’informazione interessante da CH4 News, 5 febbraio 2001 … prendi nota della data e immagina fino a che punto hanno ottenuto con la loro tecnologia zombiefying nel 2019.

“La massiccia tecnologia britannica per il controllo mentale e la zombificazione della polizia britannica è stata una realtà. Il governo britannico ha speso 2 miliardi e mezzo di sterline su una rete di trasmettitori a microonde modulata a impulsi da 400 MHz che trasmetteva 17,6 Hz nel cervello di tutta la polizia britannica e di chiunque vivesse vicino ai trasmettitori programmati, per essere utilizzato dalla CIA nella ricerca in un’ottica ottimale – controllo. Il sistema TETRA invaderà anche la metropolitana di New York e di Londra, così i pendolari saranno regolarmente esposti a modifiche comportamentali durante l’ora di punta.”

Ma non c’è niente da vedere qui per l’alveare. Dopotutto, è tutto per la loro sicurezza e comodità.

L’ordine del Nuovo Mondo per il prossimo Grande Anno Cosmico

L’end-game della cabala è del micro-chip. Dovrebbe essere facile in questa circostanza, ora la gente del mondo è come la pecora. Chiunque non ha ancora il gioco vuole essere il superuomo o la superdonna, e farà la coda per il miglioramento digitale e, è possibile che questa vecchia / nuova tecnologia trasformi la sua realtà in una nuova matrice?

Ricordiamoci che per aggirare la Legge Cosmica i sacchetti di schiuma devono dirci cosa intendono fare. Il film è Matrix la loro via di fuga karmica? se è così … il loro ordine del giorno è quasi un fatto compiuto e, tutto fatto in segreto mentre stavamo dormendo.

La forza Viola! Il Nuovo Ordine Mondiale avrà creato una nuova specie di schiavi di zombi controllati digitalmente chiamati homo borgiensis (nda – la presunta generazione di prole completamente e permanenentemete diversa dal genitore).

Venir fuori dalla negazione e dalla dissonanza cognitiva

Il male che ha messo radici nelle nostre menti è energico e il suo scopo è di disconnetterci individualmente e come specie dal Creatore originale. Gen 1 v29: le istruzioni originali prima della caduta.

Per quelli di noi che hanno ancora la loro mente, è tempo di tirarsi indietro e dare un’occhiata al concetto che chiamiamo vita. È tempo di iniziare a indagare sulle cause della retorica odiosa e divisiva che si è impadronita del nostro pensiero e del nostro mondo … e vedere se qualche risonanza in quel pantano appartiene al Sé, e se è così, quanto profondamente siamo investiti nel gioco.

Entra nello specchio

La realtà è duplice: c’è un mondo fisico e un’immagine speculare energetica e, ora nei momenti di tutti, miliardi di pensieri … il bene e il male stanno creando la nostra realtà ‘mattone di mattoni pensanti’, a livello personale e collettivo. Le nostre vite e il destino delle nazioni sono il risultato del nostro pensiero e della sua azione di estensione.

Non pensi che sia ora di mettere ordine nella nostra casa dei pensieri e di allinearci con la Vita?  

Acquario e il suo sovrano Urano – Lo Ierofante dei Tarocchi … l’insegnante.  

C’è un sacco di esagerazioni e aspettative sull’Età dell’Acquario, quindi diamo un’occhiata. L’Acquario è la prima casa nel Nuovo Grande Anno Cosmico. È governato da Urano, il pianeta del settimo raggio della forza viola … il settimo colore dell’arcobaleno. Urano è esplosivo, rompe le vecchie forme di pensiero e abitudini. È la sfera di distruzione spirituale che ci conduce attraverso gli anelli restrittivi di Saturno con le sue tradizioni cementate e le sue limitazioni nell’occolta comprensione in cui il nascosto è rivelato.

Urano è il pianeta della ribellione spirituale e della redenzione … IL Papa, il maglio psichico.

Siamo in un momento di transizione – Urano farà impazzire la barca di questo mondo e dovremmo aspettarci di vedere le nostre vite in tumulto, gli imperi saliranno e scenderanno e un nuovo ordine prenderà il suo posto. Che cosa è quell’ordine … dipende da noi. Dipende dal nostro modo di pensare. Urano … l’uranio è la forza del cambiamento ad ogni livello della nostra consapevolezza spirituale ed esistenza fisica. È il vento purificatore della Creazione dell’Anima – nulla sarà lasciato intatto, e così i miei compagni di viaggio, è il momento di rifare i nostri legami con la natura e i suoi regni. Alzati sopra le meschine liti, il dramma, l’odio della mente dell’alveare, e sii sovrano di nuovo. Camminiamo da soli per questo viaggio, e in questa fase del gioco, l’umanità nel suo stato vibratorio di divisione non ascenderà mai alla frequenza dell’ascensione, né prenderà parte alla promessa offerta dal mistico cristianesimo. 

Ma, lo possiamo fare. Allineamo noi stessi con la vita … prenderci cura del nostro piccolo spazio e diventare noi i creatori della Bella Strada da percorrere. 

Stiamo ritornando all’origine della creazione. Segui il tuo cuore e unisciti alla ribellione della quarta dimensione. 

Spero che tu abbia ottenuto qualcosa dall’articolo … se lo hai fatto, per favore condividi … e sentiti libero di unirti alla conversazione.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/ 

®wld

Tic-Tac il battito della Vita e della Morte

Tic-Tac il battito della Vita e della Morte

di Elva Thompson dal sito Web di HeartStarBooks versione spagnola  

Il Costante Moviment

Una delle più preziose comprensioni che mi è stata insegnata in questa vita … è che nulla è costante.

Tutto è in movimento dal più piccolo atomo alla cima più alta della montagna – tutta la materia fisica vibra con l’interruttore on-off della creazione e della distruzione – il dentro e il fuori chiamato vita.

Immagina come sarebbe se potessimo vedere il pianeta da una prospettiva energetica e vedere le trilioni di pixilazioni pulsanti – l’energia pulsante vibrante di tutte le cose viventi nella danza della vita e della morte – e i lampi dei pensieri umani mentre avanti e indietro … nel mondo invisibile che crea la nostra realtà fisica.

  

L’orologio della vita e della morte fa Tic-Tac

Il ticchettio della vita e della morte è fondamentale in ogni livello della vita in questa dimensione … niente vita fisica per sempre … solo la forza primaria che tiene tutto insieme è infinita, eterna e non può essere distrutta.

L’interruttore di accensione e spegnimento della Dualità, è in costante oscillazione tra le polarità del felice e del triste.

Tutto può essere buono nelle nostre vite e poi improvvisamente, ci troviamo inaspettatamente di fronte a tragedia e perdita. In un attimo tutto cambia … non si torna indietro.

Le nostre vite sono capovolte a tutti i livelli e ci troviamo di fronte a un trauma emotivo:

negazione, shock, incredulità, rabbia, solitudine e dolore.

Molte persone non si riprendono dai colpi della vita e rimangono bloccati nella depressione e nella disperazione.

Il perché – le domande sono per sempre con noi. E cosa abbiamo per conforto in questi momenti?

Che il dio di qualsiasi cosa, sa cosa è meglio per noi – solo il bene si chiama – e Dio ha le sue ragioni …

  • E’ questo il miglior uomo che può fare di fronte al disastro?
  • E se la tragedia non avesse niente a che fare con una figura di fantasia chiamata dio … e il giudizio di Dio è una schifezza totale?

Una trama inventata per controllarci e per tenerci nell’ombra del mondo infestato dall’ignoranza e dalla brutalità …  

Cosa succede se 

Cosa succede se … quello che ci succede nella vita è il risultato del nostro stesso pensiero.

E se inconsapevolmente risuonassimo la nostra programmazione difettosa, ereditiamo il pregiudizio e l’odio nello specchio cosmico insieme a disprezzo, risentimento, invidia, gelosia e semplicemente non bontà … tutte le bombe a tempo elettromagnetico che tornano a perseguitarci in questa vita e forse anche nel prossimo – Matrix non ha fretta.

Forse è il momento di monitorare il nostro modo di pensare … e di porre la domanda: chi sta parlando  

I pensieri sono i Semi e la tua mente è il giardino

I nostri pensieri sono vivi – sono cariche energetiche – nutrimento o velenoso non ha importanza per Matrix.

I semi di qualunque intenzione vengono piantati nel nostro giardino mentale elettromagnetico – la “parte invisibile della nostra realtà” … e danno frutti in base alla loro risonanza.

Molte persone sagge hanno dichiarato attraverso i secoli che ciò che semini – raccogli.

Questa è la Legge Cosmica del Ritorno – di Causazione ed Effetto … ciò che emetti fisicamente, mentalmente e spiritualmente torna indietro attraverso lo specchio.

La sfortuna è una forma-pensiero della nostra creazione – non esiste il caso – e la fortuna della donna favorisce chiunque abbia una forte concentrazione e intenzione.

‘Il caso è solo un nome per la legge non riconosciuta’.

fonte

Molti di noi sono così pesantemente condizionati da non rendersi conto che i nostri pensieri creano la nostra realtà, quindi continuiamo con lo stesso comportamento – con gli stessi schemi mentali che hanno portato fallimento, perdita, dramma e conflitto nelle nostre vite.

E quando la vita ci colpisce ancora e ancora, incolpiamo le circostanze o altre persone per le nostre disgrazie, ma non guardiamo mai a noi stessi … vero?

Invece accumuliamo il debito energetico …   

Il debito elettromagnetico

Il debito energetico è reale tanto quanto il debito fisico, e con le divisioni ingegnerizzate nella società quasi tutti sul pianeta moriranno con un bilancio negativo – le fitte di colpa e coscienza irrisolte che non sono state messe a riposo.

L’ufficio elettromagnetico di “affari incompiuti” ci segue nella morte … e il debito diventa dovuto nella nostra prossima incarnazione.

Il sistema di debito elettronico tra anime continua a ripetersi finché non smettiamo di creare una carica negativa sul bilancio … perdonare e porgere l’altra guancia … che in questa dimensione sacrificale è quasi impossibile.

Questo è il significato della frase:

incatenato alla ruota della rinascita – round and round gira l’allegro umano,

… e in ogni round veniamo manipolati, costretti a infrangere le Leggi della Vita e paghiamo per essa con miseria … e il collegamento delle nostre anime al prossimo round ….

Il concetto di Legge del Ritorno o Karma è riassunto in modo bello nel poema chiamato “The Cup” di Swami Vivekanander  

La coppa  

“Questa è la coppa, la coppa assegnata sin dall’inizio.

Conosco mio figlio, quanta parte di questa bevanda scura è la tua infusione – di colpa e passione molto tempo fa – negli anni profondi di ieri, lo so.

Questa è la tua strada, una strada dolorosa e drear. Ho fatto le pietre che non ti danno mai riposo; Metto il tuo amico in modi piacevoli e chiaro e lui, come te, verrà al mio petto, ma tu, figlio mio, devi viaggiare qui.

Questo è il tuo compito, non ha né gioia né grazia, ma non può essere battuto da nessuna altra mano. Ti chiedo di chiudere gli occhi e vedere la mia faccia. “

 “Ogni causa ha il suo effetto; 

ogni effetto ha le sue cause; 

tutto accade secondo la legge; 

Il caso è solo un nome per la Legge non riconosciuta; 

ci sono molti piani di causalità, 

ma nulla sfugge alla Legge. “

Il Kybalion  

La scienza perduta della metafisica

Un tempo le sette leggi spirituali che governano questo costrutto tridimensionale erano conoscenze comuni – ma con la distruzione della nostra storia orale tribale e del linguaggio sonoro – il divieto del nostro linguaggio e stile di vita cerimoniale – abbiamo perso le sacre informazioni delle Ere – ha perso le istruzioni originali che ci sono state fornite da Source Creator.

Purtroppo, in questa età così veloce di tutto ci sono pochi sciamani che ci hanno lasciato da insegnarci su realtà elementali, altri stati dell’essere … e la capacità di vedere eventi futuri e passati.

La conoscenza dei mondi nascosti ci è stata rubata – accumulata nelle scuole misteriose e nelle congreghe dell’élite. Le religioni accuratamente realizzate hanno usurpato la nostra realtà spirituale … e l’hanno sostituita con una menzogna per la quale gli uomini sicuramente moriranno.

Ma, la Metafisica – la prima Scienza della Causalità e degli Effetti – non si trova da nessuna parte nel curriculum dello status quo e, di conseguenza, siamo stati accecati dalla nostra connessione spirituale con il Tutto.   

Tesla disse che se vogliamo scoprire i segreti della vita dobbiamo pensare in termini di energia, frequenza e vibrazione.

Vedere noi stessi come forme d’onda che vibrano in un mare di energia elettromagnetica e connesso alle forme d’onda della Vita Unica è molto difficile da fare per la maggior parte di noi … perché nel nostro stato “civilizzato”, il lato energetico della nostra natura è alieno per noi … ne sappiamo molto poco … e lo temiamo perché è sconosciuto.

Ma lo sciamano sapeva che tutta la vita era connessa nei cinque poteri in movimento.

Conosceva le direzioni, le geometrie, i suoni, i colori e i profumi dei mondi spirituali della terra, dell’acqua, del fuoco e dell’aria.

Era libero di viaggiare oltre questo mondo di limiti … e poiché era parte del Tutto, poteva modellare il cambiamento in qualsiasi forma lui / lei desiderava.

… ma la coscienza sconnessa della mente dell’alveare prende in giro cose che non riescono a capire e la chiamano falso e superstizione …   

La disconnessione

Siamo come una specie staccata dal nostro campo sorgente – la nostra ghiandola pineale e i chakra della corona sono disattivati ​​- l’osso atlante C1 è sublussato.

Lentamente ma sicuramente siamo geneticamente modificati attraverso nanoparticelle, OGM e Dio sa ‘cos’altro‘ in un villaggio spiritualmente morto … un bruto meccanizzato.

Qualunque cosa sia a capo di questo piano sta cercando di portarci da qualche parte … e io non voglio andare … quindi … è il momento di diventare lo spettatore invece del visto … e accadere alle cose invece che alle cose che ci stanno succedendo ….

È tempo di affrontare il lato oscuro delle nostre vite … rispolverare le forme di pensiero del passato abbandonate – cercare di rimediare a torti sbagliati e riparare ponti mentre nella vita … perché nessuno può promettere domani.

L’uomo può solo leggere il futuro 

attraverso le cause che portano agli effetti. 

Cerca te stesso nella causa 

e sicuramente troverai gli effetti.

Thoth l’Atlantideo

Fonte:   https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

La presunzione nel credere di sapere

 

Sistemi di credenze e il potere dell’autorità  

Waking Times

Contributo di Julian Wash  

Oggi vorrei ritornare alla vostra consapevolezza un aspetto della condizione umana che aderisce alla natura astratta della credenza. Le convinzioni sono di molte forme e dimensioni eppure condividono qualcosa in comune: sono inafferrabili e intangibili.

Sebbene non possiamo “toccare” una credenza, certamente ha un modo per toccarci. La nostra convinzione modifica il modo in cui pensiamo, come agiamo e sentiamo. Prendo il mio cappello di carta tacca verso coloro che hanno inventato questo sistema di ordine sociale così tante lune fa. Che concetto davvero. Immagina di sederti attorno a un tavolo della riunione dell’età della pietra discutendo di questa idea. Avrei sicuramente riso. “Vuoi dire che puoi convincere la gente ad accettare qualcosa come verità anche se non è reale? Dai amico. Ti dico che cosa è reale? Qualcosa chiamato fuoco! Ora è qualcosa in cui puoi credere! “

Oh mio Dio, come avrei perso la barca. Non solo il concetto ha fatto crescere le gambe, ma le ali sono germogliate. Si scopre che tutti vogliono credere in qualcosa. Per prima cosa è divertente. Come sarebbe il Natale senza Babbo Natale? Per un altro ci fa sentire speciali in qualche modo. Ma come si trova la verità in una credenza? La risposta è davvero semplice. Facciamo finta.

Nei paragrafi seguenti prenderò uno sguardo un po ‘giocoso (se non cinico) su alcuni dei sistemi di credenza ermeticamente chiusi che dominano le nostre vite. C’è un percorso tortuoso che bisogna attraversare che divide il nostro luogo di conoscenza da un mondo di finzione. Questa pista può diventare un po’ precaria e addirittura scivolosa a volte. Quindi selliamo i nostri leali mustang e vediamo dove ci portano. Queste maestose creature sono sicure, certe e molto aggraziate nel loro passo. Inoltre, sento che potrebbero sapere qualcosa che abbiamo dimenticato.

Nato per correre

Questo posso raccontarti del mustang: sono nati per correre e siamo nati per cavalcare. Dove finisce il sentiero, ne inizia uno nuovo e le immagini e i suoni sono qualcosa da vedere. Il cavaliere apprende la via del cavallo e del cavallo sulla via del cavaliere. È una relazione di equilibrio e armonia. C’è un trasferimento di energia da un’entità all’altra, mentre i nostri pensieri iniziano a vagare liberi con un selvaggio abbandono e il mustang si blocca delicatamente nella cortesia della sella. In questo viaggio, non è dove vai, ma dove ti porta.

Siamo esseri che amano la libertà. Tu, io e le persone che non incontriamo o vediamo mai perché vivono lontano un oceano. Al livello più profondo siamo tutti spiriti liberi. A tal fine non siamo diversamente dal mustang. Ma ho la sensazione che ci sia un po’ di meno che suggerirebbe che non meritiamo questa libertà. Credo che guadagnino molto dalle strutture di credenza alle quali ci sottomettiamo. E così siamo incoraggiati a credere in quelle idee e concetti che mettono i polsini sulle nostre mani e sui nostri piedi. Sblocchiamo la nostra mente e consegniamo un’altra chiave. Non perché siamo folli, ma perché ci fidiamo.

Si può credere che sia caldo fuori o che le parole di un altro siano vere. Ma la credenza fa un balzo in avanti quando viene investita in un’ideologia o istituzione esterna. Queste credenze devono essere insegnate e apprese. Riesci a vedere come qualcuno potrebbe essere agitato in remoto dal sistema di credenze che seguono? È qui che troviamo l’abisso tra lo spirituale e i credenti. La mente spirituale cerca la verità e passa molte, molte notti sole meditando e chiedendo. Non è sufficiente che una lezione venga insegnata e consegnata a loro – deve essere percepita nel cuore stesso del loro essere.

Le influenze esterne sono ovunque. Siamo stati tutti condizionati a “credere” che siamo solo un piccolo punto nel macrocosmo. Ok, a loro dico – prova a rimuovere quel “puntino” e vedi cosa succede. Scoprirai che lascia un buco in questo macrocosmo, una lacrima nel tessuto etereo di tutto ciò che è e sarà sempre. La lacrima sarebbe sicuramente al centro dell’attenzione per tutti da notare. Non c’è nulla di insignificante in questo.

E dobbiamo “credere” che la libertà non sia libera, dicono. Non è quello che mi dice il mustang. E dobbiamo “credere” in una religione inventata o affrontare costernazione o dannazione eterna. Dobbiamo “credere” nei nostri insegnanti e nei concetti di istruzione superiore. Soprattutto, i creatori di credenze vogliono che crediamo in tutte le cose al di fuori di noi stessi. Questa è la vera dottrina sociale. Dobbiamo credere che senza la nostra leale adesione a quei costrutti sintetici che ci modellano, siamo molto piccoli e insignificanti. Effettivamente, unisciti all’esercito e fai parte di qualcosa di più grande di te – o almeno così ti diranno. Ma te lo dirò ancora e ancora – non c’è nulla di “più grande” del bello, singolare te.

Il concetto di religione

La leggenda del tardo rock John Lennon forse lo ha detto meglio. Nella sua canzone intitolata giustamente, “Dio”, afferma “Dio è un concetto mediante il quale misuriamo il nostro dolore”. Esattamente ciò che intendeva questo versetto è ovviamente una questione di interpretazione. Ma riferirsi a Dio come a un “concetto” è ciò che trovo particolarmente intrigante. Lennon continua a parlare di molte ideologie e icone in cui non “crede”. Persino i Beatles hanno fatto la lista. Verso la fine della traccia scrive: “Io credo solo in me … e in quella realtà”. Queste sono parole profondamente perspicaci da parte di qualcuno che ha chiaramente compreso le illusioni che ci accecano e ci legano. Quando crediamo in qualcosa al di fuori di noi, siamo subordinati all’autorità di quella credenza. Qualcuno ha il controllo di quel sistema di credenze e non sei tu.

“Quindi vedi che sono venuto a dubitare di tutto ciò che una volta ritenevo vero.” Queste sono le parole potenti di Paul Simon da “La canzone di Kathy”. Simon continua dicendo: “Io sto solo senza credenze – l’unica verità che so è te. “I cantautori di ieri sono venuti al nostro salvataggio poetico e filosofico. La musica era forse l’ultimo condotto per elevare le masse in una coscienza superiore. Da allora ci siamo spostati su un suono diverso e un messaggio diverso. Sembrerebbe che la filosofia appartenga a un’epoca passata dei bambini della seconda guerra mondiale e ai veterani del Vietnam. La musica che sento oggi è spesso pensierosa e complessa o spietatamente adolescenziale. Inoltre fornisce un’istantanea di dove siamo oggi, ma offre poco antidoto o risoluzione. Il nuovo suono sembra concedere l’idea che siamo già fregati. Potrebbero avere ragione

Nel senso più fondamentale, finché crediamo in un’autorità esterna, noi cediamo consapevolmente o inconsapevolmente a coloro che lo governano. Questo dà potere a un’entità fuori di te. Come nel caso di una struttura religiosa, troviamo non solo il potere individuale ma il potere collettivo di milioni. Perché questo mi riguarda? Confidiamo nella saggezza di coloro che comandano questo potere e questa influenza? Sappiamo che c’è una preoccupazione continua riguardo alle scorrettezze religiose. La collusione con governi malvagi, orrende inchieste, stupri e omicidi e tutta una serie di altre atrocità indicibili dovrebbe offrire una pausa e una riserva. Personalmente, non avrò nulla a che fare con le istituzioni che servono come agenti per l’intervento divino. Se c’è un diavolo in una casa come questa, lo troverai. I miei pensieri appartengono a me. Non mi è stato assegnato il mio modo di pensare. 

Istruzione e governo

L’educazione istituzionalizzata ci insegna come essere conformi. Non pensare per un momento che ci sia un vero scopo al di là di questo. Una volta un insegnante di scuola elementare ha ammesso candidamente: “Sei tutte le menti vuote che hanno bisogno di essere riempite”. Sì, vi è un’istruzione rudimentale che si qualifica vagamente come insegnamento. Ma il vero obiettivo è indottrinare e far rispettare la sottomissione e trasformare la popolazione in api lavoratrici. Ci sono molti bambini dotati che alla fine escono da questo sistema perché hanno problemi con la conformità. Non ho nulla ma disdegno per l’educazione moderna. Coloro che alla fine conseguiranno un diploma avanzato saranno ben conditi e in sintonia con la conformità e la conformità di questa istituzione. Queste sono le stesse persone che alla fine vengono scelte per attuare importanti cambiamenti politici nella società.

In che misura dovremmo credere? Dispositivi come la propaganda sono stati a lungo usati dal governo per influenzare le masse. Le persone “credono” in ciò che viene detto perché si sono sottomessi a questa autorità esterna. Questo potere è così persuasivo che può incoraggiare le persone ad arruolarsi nei servizi armati. Viene detto che sono i difensori della “libertà” e tuttavia devono rinunciare a gran parte della propria libertà per poter servire in questa veste.

La Dinamica della credenza

Ciò in cui credo non può essere ciò in cui credi e io sono d’accordo. In realtà, sono grato per questo. Abbiamo il diritto di credere in ciò che vogliamo, ma dovremmo capire che le convinzioni non sono la stessa verità. Le credenze sono malleabili e possono cambiare nel tempo. La verità è universale e resisterà ai secoli. Il problema sembra essere che molti credono nella stessa luce della verità. Come è successo?

Una volta arresi a un sistema di credenze esterno, siamo onorati di servirlo. Nel senso più semplice, questo significa che se ti chiami mormone, allora devi anche dire addio al caffè. Questo sicuramente significherebbe la mia morte mentre bevo le cose come se la mia vita dipendesse da ciò. Così sia. La mia credenza lo permette. Mi astengo dalla carne – il mormone no. Consiglierei a questa ideologia di non darmi lezioni su questioni di moralità. Se forse sono aperti alla vera illuminazione, suggerirei di chiudere il loro libro e aprire la loro mente. Se lo fanno, vedranno come la loro struttura non è diversa dalle altre. Come tutte le fedi, predicano la pace e l’amore mentre marciano i loro figli verso la guerra. C’è una tale ipocrisia e inganno dietro i pulpiti di velluto della vergogna.

La spiritualità è anche un sistema di credenze anche se personale. Questo significa che ne sei l’autorità. Non stai cedendo il tuo potere a un altro. Non suggerisce che la tua convinzione sia quella giusta o l’unica. Suggerisce comunque di aver trovato una credenza che soddisfa i tuoi bisogni, e questo è davvero potente. Vivi con una conoscenza interiore e una pace interiore. Puoi separarti dallo spettacolo che ti circonda. Da questo punto di vista, tutti i rumori del mondo si esibiscono sul palco. A volte potresti sentirti uno degli attori, ma i consapevoli spiritualmente sono più in sintonia con gli osservatori. Potrebbero sentirsi affascinati e commossi dalla storia, ma sanno che è solo uno spettacolo.

Pensiero finale

La mia realtà non è stata pre-incartata in un pacchetto con un bel fiocco su di esso. Non fui catturato da un sermone in fiore o evocato da un predicatore che diffondeva bibbia predicando la paura. Ho combattuto a lungo e duramente per la verità e la filosofia con cui vivo. Ho dovuto prima disimparare ciò che era stato cucito nella mia giovane psiche in un’epoca così impressionabile. Non è un compito facile da nessuna misura. Dovevo perdonare e dimenticare gli insegnamenti cattolici e districarmi dal labirinto che mi teneva. Avevo sentimenti di colpa che non erano dissimili dal dolore del divorzio. Ho imparato a lasciar perdere.

Credo in te e credo in me. Molto oltre questo è una vera portata nel mio mondo. Ciò che chiamiamo credenza è semplicemente una presunzione, un’opinione o una comprensione. D’altra parte, la parola “verità” suggerisce uno stato di conoscenza, una risonanza in armonia al centro di chi e cosa siamo. Eppure usiamo queste parole liberamente e in modo intercambiabile.

Ah, ahimè, vedo che siamo tornati. C’erano un paio di parti scivolose, ma il tuo mustang resisteva e rimaneva fedele al suo corso. Quando il cavaliere si lega al cavallo, c’è una sinergia che giova a entrambi. Non avevi davvero nulla da temere mentre il sentiero si affievoliva e si restringeva in una nuova scia di tua creazione.

La luna è alta ora, la salvia è argentea e dolce, ma l’ombra di un Saguaro evoca l’immagine di un uomo ferito. E penso a me stesso, se solo potesse vedere la luce dall’altra parte. Se solo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro!

 

 

Integrazione – il Cammino Autonomo Verso Casa

“E mentre tutte le altre creature guardano a terra con gli occhi bassi sin dalla nascita; disse all’uomo di camminare eretto e osservare il cielo dove è nata la sua anima e a cui vengono offerte le proprie speranze.” Ovidio

L’integrazione è la tolleranza di tutti i livelli dell’essere come parti valide del tutto. Significa abbandonare la negazione. Significa abbracciare noi stessi e il prossimo.

 

Proprio come la nostra coscienza unificata ha creato questo regno di polarità, noi possiamo trasformarlo. Quando si verificherà l’integrazione, questo regno sarà definito da parametri molto diversi. Diventeremo sia gli archetipi che i Fondatori. Sposteremo la prospettiva e diventeremo consapevoli di noi stessi come il Creatore.  

 

Non significa necessariamente che le nostre identità saranno assorbite. Potrebbe significare che ci risveglieremo al punto in cui sceglieremo consapevolmente i nostri destini. Forse potremmo scegliere di entrare in altri regni e di essere gli amici invisibili delle società planetarie che giocano ancora al gioco della separazione.

 

Riflettendo sulle stesse decisioni riguardanti le interferenze che i nostri antenati hanno affrontato, potremmo persino essere gli extraterrestri di un altro pianeta. 

 

Fermandoci e ascoltando attentamente, potremo sentire e percepire le correnti sotterranee di questa trasformazione. L’esistenza e il cambiamento sono le uniche costanti. Potremo giocare al gioco dell’illusione, in cui per caso ci troviamo in una creazione, ma prima o poi ci daremo una pacca sulla spalla e il gioco sarà finito. Per arrivare a questo, nella realtà della Terra abbiamo creato gli Arturiani, i Siriani, i Lirani, gli Orioniani, i Reticuli, i Pleiadiani, ecc…

 

Fanno davvero tutti parte della stessa cosa – sono una parte di noi

 

Quindi, come mai sulla Terra incoraggiamo l’integrazione? Prima di tutto, dobbiamo sapere che avverrà con o senza una nostra azione cosciente. La differenza è solo che la consapevolezza farà in modo che il viaggio sia più piacevole. Ci sentiremo più sicuri dei nostri destini.   

 

L’azione cosciente che accelererà il nostro processo di integrazione è molto semplice: la tolleranza. Se permettiamo che l’integrazione avvenga a tutti i livelli, vedremo che i sentieri si apriranno gioiosamente davanti a noi. 

 

L’integrazione avverrà sui quattro livelli principali: quello mentale, quello emotivo, quello spirituale e quello fisico.  

MENTALE 

Integrare la nostra mentalità significa permettere di combinare non solo i processi cerebrali, ma anche quelli intuitivi ed emotivi. Il tipo di pensiero oggi convalidato è quasi interamente basato sulla testa. Le formule e i calcoli hanno determinato la realtà della Terra del XX secolo. Se riuscissimo a comprendere e quindi permettere che i processi intuitivi ed emotivi siano altrettanto validi e possano essere usati in combinazione con quelli mentali, saremmo sulla buona strada verso l’integrazione della nostra mentalità.  

EMOTIVO 

Integrazione emotiva significa iniziare ad imparare come accogliere il nostro sé ombra. Potremmo iniziare aprendo gli armadi interiori e scavando in profondità nel subconscio per trovare le credenze che ci impediscono di proseguire. Molto spesso, questi aspetti trascurati di noi stessi vogliono solo un po’ di attenzione.Come hanno scoperto i Pleiadiani e i Lirani prima di loro, la negazione non fa altro che prolungare il dolore dell’esistenza. Impariamo da questi esseri provenienti da mondi lontani. Facciamo in modo di non ripetere le stesse lezioni più e più volte.  

SPIRITUALE 

L’integrazione spirituale è forse la più facile di tutte. Ogni persona possiede una spiritualità interiore che non è connessa alla dottrina. Se riuscissimo ad abbandonare la dottrina e toccare la nostra innata spiritualità, potremmo iniziare il processo di integrazione. Si estende esternamente sul pianeta onorando la verità che ogni persona è una manifestazione dell’Unica Verità. Questo permette a ciascuno di noi di coesistere all’interno delle nostre filosofie senza dover cambiare le proprie credenze. L’esistenza di Dio / Tutto Ciò Che È, non viene messa in dubbio discutendo su quale colore sia il suo abito. Abbiamo così tanta paura di essere soli e separati che creiamo ancora più separazione attraverso il nostro desiderio di avere una dottrina unificata. Se avessimo il coraggio di iniziare a toccare questa spiritualità interiore, vedremmo fiorire la nostra trasformazione.  

FISICO  

L’integrazione fisica è leggermente diversa. Implica il riconoscimento del nostro passato e della nostra storia come parte di uno scenario più grande su scala cosmica. Ci siamo frammentati dalla Sorgente e dai Fondatori. Abbiamo esteso la nostra individualità ai suoi limiti esterni. Per riunirci bisognerà ancora una volta riconoscerci e accettarci come parti della nostra famiglia galattica. Mentre ci allontaneremo dalle nostre paure razziali e smetteremo di permettere che il colore della pelle e le differenze culturali siano delle barriere, ci allontaneremo anche da tutte le altre paure, celebrando la comunione che ci offre Zeta Reticuli.

Possiamo permettere che l’integrazione a tutti i livelli della nostra vita fisica, avvenga qui sulla Terra.

 

Nessuno di noi viene “da” un altro posto. Proveniamo dalla Fonte e la Fonte è immensa. Dire che veniamo “dalle” Pleiadi significa negare tutte le altre idee riguardo la nostra provenienza. I nostri sé terrestri si confondono se neghiamo continuamente che la nostra esistenza è una parte del corpo del pianeta. Facciamo parte di Tutto Ciò Che È! 

 

Se avvertiamo una connessione con una razza fuori dal pianeta, ci stiamo identificando con ciò che rappresenta o con le varie vite che abbiamo vissuto in quel sistema. Se gli individui insistessero nel dire che vengono “da” qualche parte, si potrebbe insinuare che stiano proclamando la loro alleanza con la Terra. Hanno scelto di vivere qui. 

 

In un senso molto reale, le persone della Terra possono essere viste come dei modelli per l’integrazione. Siamo sia divini che terrestri; sia dèi che uomini. Siamo la prova che la vita umana può adattarsi a circostanze apparentemente insormontabili.

 

Celebriamo quindi l’umanità! 

 

Non abbiamo dei fratelli spaziali che ci verranno a salvare – sono troppo occupati a salvarsi loro! Non siamo bambini. Anche se stiamo ancora giocando al gioco dell’ignoranza, le altre civiltà ci considerano un enigma. Siamo la civiltà che si è rifiutata di morire! 

 

La nostra resilienza e la fiducia nelle nostre capacità hanno continuamente dimostrato il nostro valore. Siamo stati usati e riusati dal gruppo Lirano nel Giardino dell’Eden. 

 

Le varie “piaghe” degli dei non sono riuscite a spazzarci via. Grazie a Noè e al signore Siriano che lo avvertì, oggi abbiamo una civiltà fiorente. In molti si sono chiesti perché la Terra sia stata osservata da così tanti gruppi extraterrestri. Forse perché si tratta di una dimostrazione prevedibile di integrazione in azione. Potrà essere doloroso, ma nel nostro credo cosciente di massa, il dolore può produrre dei risultati miracolosi. La Terra del presente e la Terra del futuro fanno parte di quel miracolo. Celebriamolo integrandoci e assumendoci la responsabilità della nostra realtà planetaria. 

 

Facciamo parte di un’Associazione di Mondi e la nostra adesione è pronta per il rinnovo! Questa volta, per aderire dobbiamo risvegliarci al dramma cosmico di cui abbiamo accettato di far parte. 

 

Il nostro risveglio ci aiuterà a tornare a casa … da soli.

 

Tratto dal PDF “Il Prisma della Lira”

Testo tradotto in italiano da claudiordali

 

®wld 

I Maghi di Is

L’arte è pericolosa per le autorità

Di Jon Rappoport 

Nel 1891, Oscar Wilde scrisse: “L’arte è l’individualismo, e l’individualismo è una forza inquietante e disintegrabile. Ci si trova il suo valore immenso. Per quello che cerca di disturbare la monotonia del tipo, la schiavitù dell’usanza, la tirannia dell’abitudine e la riduzione dell’uomo al livello di una macchina”. 

L’autorità desidera una percezione limitata.

Vuole le “cose così ​​come sono” per regolare la giornata.

Vuole che il fuoco dell’esplorazione creativa esca e si rivolga alle ceneri.

L’arte è pericolosa. Spinge le persone fuori dai canali delle risposte standard.

Non vedono più le cose che dovrebbero vedere.

È per questo che viene trasmesso nell’insegnamento in vari corsi da parte di collegi e scuole di ogni rango, nascondendosi nella storia dell’arte. Ogni tentativo è fatto per codificare le reazioni degli studenti.

Non sto solo parlando di arte politica. Voglio dire QUALUNQUE ARTE che veramente esce dalla fiducia dell’immaginazione.

Coloro che gestiscono le cose – e le loro libere volontà – vogliono che la realtà si guardi in un certo modo e si sperimenti per farla sentire in certi modi. Questi spettri limitati formano un comune denominatore.

Anche la cosiddetta esperienza spirituale è codificata. Si chiama religione organizzata. Lo chiamo “dare soldi al soffitto”. Lei dà i tuoi soldi e ti dicono che per la tua esperienza il soffitto è alto e, cosa troverai quando ci arrivi.

L’arte non ha nessuna di queste limitazioni. È creata da persone che sono andate al di là del ridotto catalogo di emozioni, pensieri e percezioni.

L’arte, come la intendo è l’immaginazione, che si libra cauta ai venti. Inventa realtà che generano nuove reazioni, mai sperimentate.

I colpi di martello e la morbida propaganda della comune cultura installa strati di controllo sulla mente: “Vedi le cose e le sperimenti in questi modi prescritti”.

Nel corso degli anni ho incoraggiato un certo numero di persone a diventare artisti. A parte il lavoro che hanno inventato, ho notato tutto il loro approccio alla percezione che ha radicalmente cambiato la loro vita.

Il loro senso di vitalità, il loro coraggio, il loro spirito avventuroso è venuto in primo piano.

Il controllo mentale, applicato esternamente e auto-indotto, è tutto quello di mettere un coperchio sul potere creativo. Questo è il suo vero obiettivo.

I tecnici credono che agganciando il tuo cervello a un super-computer soddisferà le tue esigenze e i tuoi desideri. Essi cercano di dimostrare che tutta l’invenzione, tutta la creazione, tutta l’arte, tutta l’immaginazione è solo un insieme di calcoli all’interno di un sistema chiuso.

Questo sforzo tradisce la propria disperazione: non vedono in alcun modo la reale possibilità di creare.

È il vuoto in cui vivono tutte le élite. Costruiscono una coscienza morta congelata di modelli e algoritmi e “soluzioni”, e cercano di imporli, come realtà, alle menti delle popolazioni.

In sostanza, stanno dicendo: “Se abbiamo una malattia dell’anima, devi averla anche al corpo”.

Si chiama odio della vita.

D’altra parte, il potere creativo individuale viene lanciato da una piattaforma di libertà e sale attraverso le stratificazioni, su un altro strato di maggiore libertà.

Da questa prospettiva, il potere autoritario assomiglia a una charade mortalmente malata.

Ci sono due livelli di false novità. La prima, è quella che molte persone sanno. Cioè, un’informazione falsa e ingannevole trasmessa dai principali mezzi di comunicazione, per impedire al pubblico di scoprire cosa succede veramente sotto la superficie e dietro il velo, da dove viene esercitato il potere.

Il secondo livello, che pochissime persone capiscono. È di proprietà e gestito da quello che io chiamo i Maghi di Is. Dicono: “Ora è questo che c’è qui, non c’è qualcos’altro perché … continui a guardare e a pensare, quello che c’è già esiste”.

“Familiarizzate con tutto ciò che già esiste. Vi daremo un’offerta infinita di cose e di idee che potete esplorare e realizzare. Vi daremo ciò che esiste. Guarda tutte queste cose e accettale. E, Continua a farlo.”

Il corollario è: Non c’è niente da creare. Tutto ciò che può essere creato è stato creato. Tu stesso, tu, non hai il potere di creare.

Questa è la menzogna più profonda. Questo è dove la battaglia si ferma e l’individuo si arrende.

Questo è dove l’individuo che potrebbe essere più diventa meno.

È qui che l’artista non ancora nato decide di vivere a metà luce.

È qui dove le energie vitali si disperdono e si esauriscono.

Questo è dove si assume la macchina.

O…

L’individuo può svegliarsi e attivare la sua immaginazione.

Senza limiti.

È qui che comincia la nuova battaglia. Questo è dove l’artista mette da parte tutte le risposte standard e le piccole emozioni e, invece, INVENTA.

Questo è dove la paura viene spazzata via.

Questo è dove l’individuo può riconquistare se stesso con le sue più profonde azioni.

https://jonrappoport.wordpress.com/ 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

la sovranità non appartiene più né ai Papi né ai popoli

LA GLOBALIZZAZIONE E’ UN DOGMA DI FEDE  

di  Francesco Maria Toscano

Per non correre il rischio di combattere a vuoto, disperdendo energie in battaglie secondarie e di contorto, è indispensabile focalizzare ripetutamente i punti di forza che tengono ancora in vita un sistema universale che legittima la sopraffazione, l’ingiustizia e lo schiavismo. Negli ultimi trent’anni una serie di grandi cambiamenti hanno rivoluzionato il modo di vivere di popoli interi, sacrificati nel nome di un totem che nessuno può mettere in discussione: la globalizzazione.

Questa specie di nuova divinità paganità, che tanto ricorda il dio-pan, viene sovente evocata per far digerire al popolino bue una serie di controriforme che svuotano i diritti rese presuntivamente ineludibili proprio dalle regole che il nuovo dio (“la globalizzazione” per l’appunto) impone.

Trattandosi di materia di fede, e lo dico senza sarcasmo alcuno, a nessuno è consentito mettere in discussione la nuova dottrina religiosa di riferimento, pena la condanna eterna degli improvvidi peccatori subito marchiati al grido di “populisti” ed “irresponsabili”.

Il mastice che tiene insieme i tanti luciferini personaggi che violentano i nostri tempi è prima di tutto spirituale. Ma di che tipo di spiritualità stiamo parlando? Ecco, questo è un aspetto decisivo che nessun onesto avversario del nazismo tecnocratico oggi dominante può ignorare.

Partiamo da una premessa: ogni regola coercitiva imposta da una autorità formalmente legittima è destinata a fallire se intimamente avvertita dalle masse come contraria all’etica e alla morale prevalente.

Dall’accettazione di un simile presupposto discende una ovvia conseguenza: chi esercita il potere temporale, se vuole mantenere pacificamente il proprio ruolo, deve necessariamente entrare in connessione d’intenti con coloro i quali interpretano il sentire più profondo del popolo che sono chiamati a guidare.

Nel 494 d.c. Papa Gelasio, nello scrivere all’imperatore Atanasio, formulava la famosa teoria “delle due spade”, secondo la quale “il mondo è regolato essenzialmente da due principi: l’autorità santa dei pontefici e l’autorità regale”.

Questo schema, genericamente conosciuto come alleanza fra “Trono e Altare”, muore con l’avvento della modernità. Oggi l’esercizio del potere politico non deve più formalmente sottostare al preventivo via libera di una autorità religiosa visibile chiamata a valutare l’eventuale conformità fra le scelte dei diversi governanti e il volere divino.

Teoricamente, molto teoricamente in verità, il potere promana adesso dal basso verso l’alto, appartenendo la sovranità al popolo che può di volta in volta trasferirla pro-tempore nelle mani di alcuni delegati scelti con metodo democratico.

E allora, se così è, perché il volere dei popoli palesatosi recentemente anche per mezzo di appositi referendum viene sovente disatteso quando non completamente dileggiato? Perché il referendum greco sull’austerità indetto da Tsipras nel 2015 è diventato carta straccia? Perché tanti personaggi pericolosi come Monti e Napolitano hanno avuto il coraggio di bacchettare pubblicamente David Cameron per aver osato indire un referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea conclusosi con la vittoria dei fautori della “brexit”?

Facciamo a capirci, se l’autorità che sovraintende l’esercizio della sovranità non appartiene più né ai Papi né ai popoli, di grazia, si può sapere a chi oggi appartiene? Provate a darvi una risposta. Io credo che perlopiù all’interno di un simile quadro sia corretto approfondire il ruolo esercitato dalla massoneria, da intendersi non quale dominio folkloristico di qualche grande vecchio incappucciato che impartisce ordini disparati nel chiuso di qualche tempio, ma quale istituzione filosofico-spirituale capace di imprimere un primato culturale e religioso (si, “religioso”) che recupera e attualizza una sapienzialità di tipo gnostico che rifiuta i dogmi e impone il culto di tutto ciò che è relativo.

Anche la Chiesa Cattolica, che pur vanta una storia millenaria edificata sull’assorbimento e sulla difesa di alcune verità di fede, si avverte oggi alla stregua di una qualsiasi organizzazione umanitaria che predica la riscoperta di alcune virtù cristallizzate più dai padri della filosofia morale che non dal Vangelo.

Ma dietro una interessata facciata fatta di ipocrita tolleranza e rispetto per le convinzioni altrui, il pensiero massonico che gestisce e indirizza sul piano spirituale (specie attraverso il ferreo controllo di mezzi di informazione fintamente plurali) il radicamento della globalizzazione sul piano materiale è in realtà radicalmente totalitario.

Una élite si auto-assegna nell’ombra il diritto di indicare al gregge cosa è giusto, cosa è democratico e cosa è bello; e fin quando il popolino accetta e fa sue le priorità cucinate riservatamente dagli occulti “sacerdoti neri” il problema non si pone e la democrazia, ammantata di libertà di pensiero e di espressione, cammina felice.

Quando però il sentire delle masse, nonostante la propaganda incessante, non è più funzionale alla realizzazione dei disegni pianificati dai padroni del vapore, lo stesso volere democratico, poco prima osannato, diventa improvvisamente prassi esecrabile e trionfo della demagogia.

Scacciare tutte le divinità dal cielo serve inoltre a permettere l’adorazione e il contestuale culto del denaro, unico dio sempre presente in terra. Ma questo è un altro aspetto che merita apposito approfondimento.

Fonte: IL MORALISTA