Archivi tag: Spazio

Le basi di una premessa sbagliata

Gli studi suggeriscono la possibilità che l’essere umano non possa compiere viaggi interplanetari 

 Di: pijamasurf – 07/08/2019

Un viaggio su Marte potrebbe essere più di quanto il corpo umano sia in grado di supportare

Di fronte alle previsioni del riscaldamento globale, molti scienziati e in particolare i grandi imprenditori della tecnologia immaginano la sopravvivenza dell’essere umano su un altro pianeta. Un viaggio su Marte per condizionare questo pianeta o la stella più vicina. La logica di questo è qualcosa del tipo:

“Non importa se distruggiamo le condizioni che rendono la vita possibile per noi, perché la nostra tecnologia è così potente che possiamo andare da qualche altra parte e continuare ad evolvere”.

Ma tutto questo piano potrebbe basarsi su una premessa sbagliata: che l’essere umano possa sopravvivere a un lungo viaggio nello spazio. Lo studio più importante a questo proposito, il cosiddetto “studio dei gemelli” della NASA è stato appena pubblicato ei risultati lasciano molti dubbi.

Lo studio integra il lavoro di oltre 10 università e 82 ricercatori e chiede semplicemente “gli esseri umani sono fatti per lo spazio”. Sebbene lo studio non sia del tutto conclusivo, si suggerisce che un viaggio nello spazio su Marte sarebbe estremamente pericoloso per un essere umano. Un viaggio su Marte sarebbe durato tre anni e gli effetti dello spazio sul sistema metabolico, sul sistema immunitario o sulla radiazione spaziale, diete, assenza di peso, disturbi dei ritmi circadiani e così via, potrebbero apparentemente essere mortali per un essere umano.

Ciò non significa che sia impossibile, ma forse implica che l’essere umano dovrebbe modificarsi per poter intraprendere questo viaggio e, quindi, significherebbe forse che l’essere umano è solo veramente umano sulla terra, con queste condizioni.

Gli studi hanno dimostrato che gli astronauti che hanno vissuto lunghi periodi sulla Stazione Spaziale Internazionale hanno subito perdite significative di capacità cognitive, e questo è avvenuto anche sei mesi dopo il ritorno a casa.

Che rivela sotto una certa luce il pensiero di Heidegger, che vedendo la prima immagine della Terra dallo spazio, invece di sentire l’euforia del conquistatore sentito dalla maggioranza, sentì l’orrore dello sradicamento, per il pensatore tedesco, l’essere umano è un solo essere con la Terra. 

Fonte: https://pijamasurf.com/ 

®wld 

Mettere in discussione l’esperienza umana

 

Un membro aerospaziale sugli alieni: “Non dobbiamo andare da nessuna parte per trovarli, sono già qui” 

di Arjun Walia  

IN BREVE 

I fatti: Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation, fa sapere al mondo che ha la consapevolezza che non siamo soli e che siamo attualmente visitati da extraterrestri intelligenti.

Riflessioni su: Bigelow è solo una persona, ma è affiancato da centinaia di altri con credenziali impressionanti. Queste persone hanno detto al mondo che non siamo soli da anni, in maniera molto seria. Perché pensi che questo sia considerato una “cospirazione?” 

“Siamo stati, infatti, contattati – forse anche visitati – da esseri extraterrestri, e il governo degli Stati Uniti, in collusione con le altre potenze nazionali della Terra, è determinato a mantenere queste informazioni all’oscuro dal grande pubblico.” – Victor Marchetti, ex assistente speciale del vicedirettore della Central Intelligence Agency (Second Look, Volume 1, n. 7, Washington, DC, maggio 1979) 

Se stai prestando attenzione a quello che sta succedendo nel mondo, va bene se ti senti come Alice nel Paese delle Meraviglie. Per anni l’umanità si è sentita a proprio agio con la sua schiavitù, prima di oggi, una grande parte della popolazione si è accontentata dell’esperienza umana, semplicemente entrando nel sistema, cercando di mettere il cibo sul tavolo e inseguire lo stato ‘materiale’ più alto, tra le altre cose, senza mai mettere in discussione ciò che sta realmente accadendo. Tutti noi siamo stati travolti dalle nostre vite quando il mondo ci chiama a preoccuparci degli altri. 

Oggi è una storia diversa. C’è un enorme cambiamento di coscienza che sta avvenendo, e parte di quel cambiamento è mettere in discussione l’esperienza umana e i sistemi con cui abbiamo scelto di circondarci. Le rivelazioni stanno ora emergendo in tutte le aree che circondano ogni aspetto della vita umana; salute e finanza, educazione, politica, intrattenimento, ecc. È abbastanza chiaro che il nostro mondo non è quello che ci è stato presentato, e che ci sono aspetti della realtà su cui dovremmo davvero prestare attenzione se vogliamo crescere, andare avanti e uscire dal ciclo in cui ci troviamo attualmente. Non possiamo cambiare il nostro mondo se continuiamo a fare le stesse cose più e più volte senza mettere in discussione cosa sta succedendo e perché sta accadendo. Ci sono persone in tutti i campi che vengono a “riferire”, e le testimonianze sono sostenute da prove credibili, che danno a questi informatori la fiducia di farsi avanti e dire quello che dicono. Edward Snowden è uno dei tanti grandi esempi, prima di lui, la sorveglianza di massa era considerata un’altra “teoria della cospirazione”. 

Una grande rivelazione che colpisce il mainstream in questo momento è il fatto che non siamo soli, e che forme di vita extraterrestri intelligenti hanno visitato il nostro pianeta per molto tempo, e lo fanno ancora. Per quanto incredibile possa sembrare, proviene dal più alto personale militare, accademici, agenti dei servizi segreti, politici e appaltatori privati ​​all’interno del complesso industriale militare. Ci sono centinaia di queste persone che continuano a dire al mondo che siamo stati visitati e che i governi di tutto il mondo hanno avuto la prova che alcuni di questi “UFO” sono davvero extraterrestri. 

“Sì, in entrambi i casi. Sta succedendo e accadendo sia letteralmente che fisicamente a tutti i livelli; ed è anche una sorta di esperienza psicologica, spirituale che si verifica e si origina forse in un’altra dimensione. E così il fenomeno ci allunga, o ci chiede di allungare per aprirci a realtà che non sono semplicemente il mondo fisico letterale, ma di estendere alla possibilità che ci siano altre realtà invisibili da cui se volete la nostra coscienza, chiudendoci fuori negli ultimi anni dall’apprendimento dei processi.”
Dr. John E. Mack, uno psicologo dell’Università di Harvard e vincitore del premio Pulitzer (fonte)  

La credibilità di queste fonti  

Le fonti sono le più credibili al mondo, l’unico problema è l’argomento. Non importa quante prove per un dato fenomeno, e non importa quanto ovvia sia la sua realtà, se va contro la mente umana e ciò che siamo disposti ad accettare, di solito viene ignorata o salutata con il ridicolo. Vediamo la stessa cosa con la scienza, che è diventata in gran parte il dogma, la vera e propria negazione della parapsicologia (telepatia, guarigione a distanza, ecc.) Quando ha risultati statisticamente più significativi della scienza usata per approvare la maggior parte dei nostri farmaci (fonte). Si chiama dissonanza cognitiva … Crediamo in ciò che scegliamo di credere, e l’umanità è attualmente nel processo di eliminazione di alcuni sistemi di credenze per accettare nuove realtà che una volta non si adattavano alla struttura, e quindi furono ignorate e ridicolizzate.  

Uno degli ultimi “informatori” per parlare apertamente delle loro conoscenze sulle visite extraterrestri è Robert Bigelow, fondatore della Bigelow Aerospace Corporation. Bigelow ha lavorato per più agenzie spaziali internazionali ed è attualmente in accordo con più nazioni per costruire habitat spaziali e stazioni spaziali.  

Prima di arrivare ai suoi commenti, è importante far sapere al lettore che tipo di informazioni Bigelow ha attualmente “in” per quanto riguarda lo spazio e la questione extraterrestre / UFO in generale. I commenti di Bigelow sono stati fatti circa un anno fa di questi tempi, ma non sono state fornite molte informazioni sul tipo di connessioni che questa persona ha, se non è già evidente come uno dei principali appaltatori aerospaziali nel mondo … 

Verso la fine dello scorso anno, un articolo intitolato “Glowing Auras and ‘Black Money”: Il misterioso programma UFO del Pentagono “ha messo a tacere la questione se gli UFO siano reali o no. L’amministratore delegato Tom Delonge, insieme a molte altre persone, tra cui un direttore della Lockheed Aerospace, recentemente scomparso, Steve Justice, uno scienziato del dipartimento della difesa, Hal Puthoff, un alto funzionario dell’intelligence della CIA, Jim Semivan, un direttore dell’intelligence nazionale, Louis Elizondo, il Vice Segretario alla Difesa per l’Intelligenza nelle Amministrazioni Clinton e Bush, Christopher Mellon, e molti altri stanno rilasciando video ufficiali e dati elettro-ottici (tracciamento radar, ritorni) e facendo sapere al mondo che queste cose (UFO) sono reali  

Vado più in dettaglio per quanto riguarda gli ultimi aggiornamenti in un articolo che ho pubblicato in precedenza:  

Il governo degli Stati Uniti ha appena ammesso di recuperare materiali dagli UFO: ecco gli ultimi aggiornamenti 

Molteplici persone all’interno di questa nuova iniziativa hanno espresso che credono che ci sia un’intelligenza extraterrestre dietro l’operazione di alcune di queste imbarcazioni. 

Questo movimento ha portato alla luce il programma UFO del Pentagono (AATIP) per le minacce aeree, un programma fuori da quello che potrebbe essere molti, secondo Hal Puthoff. Puoi vedere l’intera squadra e le loro credenziali qui. 

L’hub principale di tutta questa rivelazione UFO recenti e future “mainstream ufficiali” è la To The Stars Academy, è l’organizzazione che sta rilasciando tutte queste informazioni. 

Da dove arriva Bigelow? Bene, come sottolinea l’articolo del New York Times: 

Il programma oscuro – alcune parti di esso restano classificate – è iniziato nel 2007 e inizialmente è stato ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all’epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo aveva un interesse per i fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro è andato a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e amico di lunga data del signor Reid, Robert Bigelow, che sta attualmente collaborando con la NASA per produrre imbarcazioni espandibili per gli umani da utilizzare nello spazio. 

Bigelow fa parte del team di To The Stars Academy, ed ecco cosa aveva da dire sugli extraterrestri,

“Sono assolutamente convinto, questo è tutto quello che c’è da fare. C’è stata ed è una presenza esistente, una presenza ET.” 

Ha anche affermato che “non dobbiamo andare da nessuna parte” per trovare la vita extraterrestre, che possiamo trovarla qui sulla Terra, sottintendendo che sono già qui, camminando tra noi, e sulla base della mia ricerca, stanno già lavorando con più governi. 

Di quante razze stiamo parlando? Forse centinaia, forse persino migliaia di razze sono state catalogate dai nostri governi in tutto il mondo. 

Per decenni, come disse il generale Carlos Cavero al mondo nel 1979, “tutto è stato in un processo di investigazione sia negli Stati Uniti che in Spagna, così come nel resto del mondo.” Su scala globale, “le nazioni del mondo stanno attualmente lavorando insieme nell’indagine sul fenomeno UFO” e c’è “uno scambio internazionale di dati”. (Via gli UFO di Richard Donal per la mente del 21° secolo) 

Un paio di anni fa, l’ex dirigente di Bigelow Aerospace, Mike Gold, che è ora direttore delle operazioni a Washington per Space Systems Loral, è stato interrogato su come sia stato il coinvolgimento di Bigelow Aerospace con gli UFO. 

Diede una risposta intrigante, con alcune espressioni interessanti sul suo viso. Egli menziona e consideri come gli argomenti “molto interessanti” e menziona anche un’udienza del Congresso in cui gli scienziati hanno sottolineato che l’universo pullula di vita. Prosegue affermando che “non può commentare” ciò che Bigelow Aerospace fa con i rapporti sugli UFO, ma è contento che “qualcuno stia prendendo i rapporti perché questi sono problemi importanti che meritano un’attenzione seria”. (Fonte

Chiaramente, ora sappiamo che questo è il caso! 

“Un’influenza extraterrestre sta indagando sul nostro pianeta. Qualcosa sta monitorando il pianeta e lo stanno monitorando con molta cautela.” – 2008 Candidato presidenziale, Mike Gravel (fonte) (fonte

Fonte: https://www.collective-evolution.com/ 

®wld

‘Oumuamua Il misterioso oggetto venuto dalle Pleiadi

  llustrazione dell’artista della formazione del pianeta. Credito immagine: NASA / Lynette Cook

Rivelate le origini di ‘Oumuamua’ -Il misterioso oggetto venuto dalle Pleiadi-

by Fabo Feng January 04, 2018 from TheConversation Website  

Come è stato scoperto l’origine dell’asteroide alieno ‘Oumuamua’ a forma di sigaro

Uno dei punti salienti del 2017 è stata la scoperta del primo oggetto nel nostro sistema solare che sicuramente proveniva da qualche altra parte.

All’inizio pensammo fosse una cometa, poi un asteroide, e ora l’Unione Astronomica Internazionale lo ha riclassificato come qualcosa di completamente nuovo, un oggetto interstellare.

Gli astronomi hawaiani che lo scoprirono giustamente chiamarono “Oumuamua“, che significa “il primo messaggero che arriva da lontano”, riflettendo sul fatto che questo oggetto è come uno scout inviato dal passato per raggiungerci.

La ricerca ci ha già molto aiutato a imparare sulla “rara forma di un sigaro” di Oumuamua:

Il programma di ricerca Breakthrough Listen ha persino indagato se ‘Oumuamua’ sia una nave spaziale aliena esaminando l’oggetto con il Green Bank Telescope sulle forme di vita.

Finora non sono stati identificati segnali intelligenti, sebbene siano previste ulteriori osservazioni.

Ora l’ultimo studio (‘sull’Oumuamua come messaggero dell’Associazione locale) ci dà un’idea di dove esattamente’ Oumuamua potrebbe provenire.

Ricostruendo il movimento dell’oggetto, la mia ricerca suggerisce che probabilmente proviene dal moving group delle vicine “Pleiadi” giovani stelle, note anche come “Associazione locale“.

Probabilmente è stato espulso dal suo sistema solare di origine e inviato a viaggiare nello spazio interstellare.

 

“Il viaggio di Oumuamua.

Basato sulla traiettoria di Oumuamua, ho simulato come abbia probabilmente viaggiato attraverso la galassia e confrontato questo con i movimenti delle stelle vicine.

Ho trovato che l’oggetto ha passato 109 stelle entro una distanza di 16 anni luce. Passò da cinque di queste stelle all’Associazione locale (un gruppo di giovani stelle che probabilmente si sarebbero formate insieme), a una velocità molto bassa rispetto al loro movimento.

 

La traiettoria iperbolica di Oumuamua attraverso il Sistema Solare interno, con il Sole al centro, mostrando la sua posizione ogni 7 giorni. Le posizioni del pianeta sono fissate al perielio il 9 settembre 2017. Mostrato da una prospettiva di tre quarti, approssimativamente allineato al piano del sentiero di Oumuamua.

È probabile che quando “Oumuamua è stato espulso nello spazio, stava viaggiando alla velocità appena sufficiente per staccarsi dalla gravità del suo pianeta o stella di origine, piuttosto che ad una velocità molto più veloce che richiederebbe ancora più energia.

Ciò significa che ci si aspetti che l’oggetto si muova relativamente lentamente all’inizio del suo viaggio interstellare, quindi il suo lento incontro con queste cinque stelle suggerisce che sia stato espulso da uno dei gruppi.

Quando è stato cacciato fuori dalla sua casa?

Le stelle si muovono tipicamente con una velocità media quando si formano e modificano gradualmente la velocità quando incontrano oggetti molto grandi, come stelle massicce e nuvole molecolari e sono influenzate dalla loro gravità. A differenza della maggior parte delle stelle vicine, ‘Oumuamua si muove molto lentamente rispetto al movimento medio del resto della galassia.

Questo suggerisce che ha viaggiato nello spazio interstellare solo per un tempo relativamente breve e non ha avuto la possibilità di incontrare molti oggetti massicci che lo avrebbero reso più veloce.

Abbiamo anche prove dell’età relativamente giovane di Oumuamua dal colore della sua superficie.

Al di fuori della protezione del campo magnetico di una stella, gli oggetti nello spazio sono bombardati da raggi cosmici, polvere e gas interstellari che alterano gradualmente le loro superfici e le rendono di colore molto rosso.

Ma ‘Oumuamua ha un colore più neutro, suggerendo che è stato solo influenzato dai raggi cosmici per, al massimo, centinaia di milioni di anni, piuttosto che per i miliardi di anni che il nostro sistema solare è esistito.

Come è stato espulso?

‘Oumuamua è estremamente allungato e ha una forma abbastanza diversa da altri oggetti nel nostro sistema solare.

Probabilmente è stato formato da un processo relativamente ad alta energia come una collisione, o espulso da una stella in formazione. La maggior parte degli oggetti nella parte esterna di un sistema planetario sono per la maggior parte fatti di ghiaccio e la maggior parte degli oggetti nelle regioni interne sono fatti più di rocce.

Dato che Oumuamua è un mix omogeneo formato di ghiaccio e rocce, è probabile che provenga dalla parte centrale di un sistema solare, simile alla fascia di asteroidi tra Marte e Giove che presenta una miscela di asteroidi ghiacciati e rocciosi.

 

Il giovane visitatore ESO / M. Kornmesser, CC BY-SA

Forse lo scenario più plausibile è che ‘Oumuamua fu espulso da un sistema stellare binario strettamente separato fatto di due stelle strettamente in orbita l’una all’altra.

Gli oggetti in orbita attorno a una delle stelle in un sistema binario saranno fortemente influenzate dalla gravità dell’altra e quindi possono essere espulse più facilmente dal sistema che avesse una sola stella.

‘Oumuamua è probabilmente solo la punta dell’iceberg.

La mia ricerca suggerisce che ci sono più di 46 milioni di oggetti interstellari simili che attraversano il sistema solare ogni anno.

Molti di loro saranno troppo lontani per noi da vedere con i nostri attuali telescopi. Ma nuovi telescopi e sondaggi dovrebbero presto essere in grado di trovare questi messaggeri interstellari, che potrebbero inviarci importanti informazioni su come si sono formate le stelle e i pianeti.

Studiare più oggetti come ‘Oumuamua ci permetterà di capire quanti detriti sono rimasti dalla formazione stellare e quanto questo aggiunge alla massa della nostra galassia.

Un altro motivo per studiare questi oggetti interstellari è che potrebbero un giorno minacciare di entrare in collisione con la Terra e causare eventi catastrofici come estinzioni di massa.

Più sappiamo, più preparati saremo se quel giorno se dovesse mai arrivare.

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da  

***********************

L’asteroide misura circa 1,1 chilometri di diametro. Immagine di credito: Shutterstock

Secondo la NASA, un asteroide dalle dimensioni di un grattacielo che si avvicina alla terra è “potenzialmente pericoloso”

By Ivan

Un enorme asteroide di un chilometro sta scendendo verso il nostro pianeta ad una velocità di 107.826 km all’ora.

L’asteroide AJ129 2002, che passerà stranamente vicino al nostro pianeta il 4 febbraio a una velocità di 107.826 km all’ora, è stato classificato dall’Unione Astronomica Internazionale come “potenzialmente pericoloso” per la Terra.

Oggetti potenzialmente pericolosi sono asteroidi o comete con un’orbita tale da avere il potenziale per avvicinarsi appropriatamente alla Terra ed è di dimensioni abbastanza grandi da causare un danno regionale significativo in caso di impatto.

Gli astronomi collocano asteroidi potenzialmente pericolosi con qualche minaccia di impatto sul nostro pianeta nei prossimi 100 anni sono elencati nella Tabella dei rischi di Sentry.

I rapporti indicano che a marzo 2017 ci sono 1.786 asteroidi potenzialmente pericolosi conosciuti (PHA) e solo 205 hanno un arco di osservazione inferiore a 30 giorni. Dei noti PHA, si ritiene che 157 siano più grandi di un chilometro di diametro.

Come notato dal Mail, la velocità con cui viaggia l’asteroide è quasi 15 volte più veloce di quella del velivolo più veloce del mondo: l’ipersonico X-15 nordamericano, che viaggiava a 4.520 miglia / h (7.300 kmh)

L’asteroide misura circa 1,1 chilometri, il che lo rende più grande dell’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa di Dubai, che è alto 800 metri. Secondo i calcoli della NASA, l’asteroide dovrebbe superare una distanza di 4,2 milioni di chilometri dalla Terra, che è intesa come una distanza abbastanza vicina sulla scala cosmica.

Prendendo questo in considerazione, gli astronomi notano come gli asteroidi in un raggio di meno di 7,4 milioni di chilometri del nostro pianeta sono definiti come “pericolosi”.

Gli scienziati del Centro nazionale per la ricerca atmosferica (USA) avvertono che se l’asteroide colpisce la Terra, le conseguenze sarebbero “globali e molto gravi” e durerebbero diversi anni.

In caso di impatto, la Terra diventerebbe probabilmente un luogo molto più buio, più freddo e asciutto.

Nel “caso peggiore”, la fuliggine rimarrebbe nell’atmosfera per circa 10 anni, mentre la polvere impiegherebbe sei anni per stabilirsi. Le temperature medie in tutto il mondo scenderebbero a 8 ° C.

Tuttavia, nonostante il fatto che AJ129 2002 sia stato considerato un asteroide potenzialmente pericoloso, la NASA non stima che questo asteroide abbia un impatto sul nostro pianeta.

Puoi trovare ulteriori informazioni sui NEO e sugli oggetti spaziali potenzialmente pericolosi visitando questo link.

Credito Immagine di: Shutterstock.

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Inflazione & diversi Universi

Strabiliante! Questa è la Terra rispetto al resto dell’Universo

In poche parole, è una delle migliori rappresentazioni grafiche di ciò che veramente c’è là fuori.

“Ci sono più stelle nel nostro Universo che granelli di sabbia su tutte le spiagge della Terra.”

Nella Via Lattea, ci sono da 100 a 400 miliardi di stelle e più di 100 miliardi di galassie nell’Universo – forse fino a 500 miliardi. Se si moltiplicano le stelle delle galassie, nella parte bassa, si ottiene 10 miliardi di miliardi di stelle, o 10 sestilioni di stelle nell’Universo, un 1 seguito da 22 zeri. Nella fascia alta, è di 200 sestilioni.

Le dimensioni dell’universo è al di là del comprensibile, una cosa è certamente vera, abbiamo notevolmente sottovalutato tutto ciò che riguarda l’universo.

I “limiti” dell’universo visibile dalla Terra è di uno sbalorditivo 46.5 miliardi anni luce in tutte le direzioni. Cioè, un diametro di 93 miliardi di anni luce. Un anno luce è pari a 9.46 miliardi di chilometri. Il calcolo è enorme, e tuttavia, è solo la parte dell’universo che possiamo vedere.

L’universo è tutto quello che comprende a noi noto: materia, energia, spazio e tempo. Le scale dell’universo sono così grandi che non possiamo nemmeno immaginarle.

Attualmente, è impossibile sapere l’esatta dimensione dell’Universo. Potrebbe anche essere infinito, anche se non sembra probabile.

Non sapendo che forma ha non aiuta molto dal momento che non siamo in grado di calcolare quale sia la sua dimensione. Inoltre, continua ad espandersi. Sulla dimensione dell’universo, sappiamo solo quello che è visibile dalla Terra.

La verità è che tutto ciò che riguarda l’universo e di conseguenza all’interno IT è un mistero.

Se l’universo ha circa solo 13,8 miliardi di anni, come possono esistere oggetti più distanti da esso? Non è possibile che si sia spostato più velocemente della velocità della luce, giusto? La risposta sta nell’inflazione dell’Universo. In cosmologia fisica, inflazione cosmica, l’inflazione cosmologica, o semplicemente inflazione, è una teoria di esponenziale espansione di spazio nell’universo primordiale. L’epoca inflazionistica è durato dal 10-36 secondi dopo l’ipotizzata singolarità del Big Bang a volte tra il 10-33 e 10-32 secondi dopo la singolarità.

Secondo gli esperti, l’inflazione è l’origine di tutto: dello spazio stesso, di tempo e di tutte le leggi fisiche, tra cui il limite della velocità della luce. Tutto è creato dall’inflazione stessa. Quindi il rigonfiamento dell’universo non è soggetto al limite della velocità della luce. L’inflazione crea un nuovo spazio tra gli oggetti e le distanze.

Finora gli astronomi hanno usato modelli diversi per determinare le dimensioni del cosmo. Un modello suggerisce che se l’universo si sta espandendo alla velocità della luce durante l’inflazione, la sua dimensione deve essere di 10 ^ 23 volte più grande l’universo visibile.

Ci sono altri modelli basati sulla curvatura dell’universo per determinare le dimensioni: se l’universo fosse chiuso (come se fosse una sfera), piano o aperto. In questi ultimi due casi, l’universo dovrebbe essere infinito.

E se ci fossero diversi universi, e non uno solo? Beh, sarebbe strabiliante!

http://www.ancient-code.com/ 

“una sperimentazione non consensuale sugli esseri umani”

Wi-Fi DALLO SPAZIO – A RISCHIO LO STRATO DI OZONO

di Global Union Against Radiation Deployment from Space (GUARDS)

  Wi-Fi dallo spazio: quali rischi? 

La prevista distribuzione globale di Wi-Fi dallo spazio potrebbe distruggere lo strato di ozono, inasprire i cambiamenti climatici e minacciare la vita sulla Terra

La prevista distribuzione globale di Wi-Fi dallo spazio potrebbe distruggere lo strato di ozono, inasprire i cambiamenti climatici e minacciare la vita sulla Terra. È quanto denuncia l’Unione Globale per Bloccare lo Sviluppo delle Radiazioni dallo Spazio Global Union Against Radiation Deployment from Space (GUARDS).

Cinque società si stanno organizzando per fornire, entro i prossimi tre o quattro anni, una copertura globale di Wi-Fi ad alta velocità proveniente dallo spazio. Secondo la coalizione internazionale di associazioni, recente formata, la Global Union Against Radiation Deployment from Space (GUARDS) ovvero l’Unione Globale per bloccare lo Sviluppo di Radiazioni dallo Spazio (GUARDS), tutto questo rappresenta un vero e proprio incubo per la salute pubblica e per l’ambiente.

Secondo GUARDS, i collegamenti satellitari necessari a distribuire questi servizi potrebbero mettere in pericolo lo strato di ozono e potrebbero contribuire significativamente ai cambiamenti climatici. I gas di scarico dei razzi contengono cloro che distrugge l’ozono, vapore acqueo (un gas a effetto serra) e particelle di ossido di alluminio che si depositano sulle nuvole nella stratosfera. Nei fumi di scarico dei razzi si osserva, infatti, la completa distruzione dell’ozono.

Secondo Aleksandr Dunayev della Agenzia Spaziale Russa, citato dal New York Times (14 maggio 1991, pag. 4) “Circa 300 lanci dello Space Shuttle ogni anno sarebbero una catastrofe e lo strato di ozono andrebbe completamente distrutto”.

Nei primi anni ’90, nel mondo si effettuavano in media solo 12 lanci di razzi all’anno. Mantenere una flotta di 4.000 satelliti nello spazio, ciascuno con una durata prevista di cinque anni, potrebbe comportare un numero di lanci ogni anno tale da creare una catastrofe ambientale.

Un’altra preoccupazione di GUARDS è lo stesso Wi-Fi. Benché venga ritenuto da molti come un servizio di grande valore, il Wi-Fi funziona con radiazioni pulsate a microonde, simili a quelle utilizzate dai forni a microonde. Numerosi studi scientifici dimostrano che le radiazioni da radiofrequenza e da microonde possono avere un ruolo nella riduzione delle foreste, nella scomparsa di rane, di pipistrelli, di api da miele e nella minaccia di estinzione del passero comune oltre che provocare altri danni al DNA nell’Uomo. E’ di vitale importanza per la vita sulla Terra che si diminuiscano queste radiazioni.

“Il corpo umano”, sostiene il dottor Gerard J. Hyland, dell’Università di Warwick, nel Regno Unito, “è uno strumento elettrochimico con una estrema sensibilità“, sottolineando che, come una radio, può essere disturbato dalle radiazioni a cui è esposto. Se un segnale elettromagnetico può azionare un dispositivo meccanico, infatti, può disturbare anche ogni cellula del corpo umano.

Il 7 febbraio 2014 il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha dichiarato, in riferimento ai limiti estremi che disciplinano la radiazione utilizzate dal Wi-Fi, che “gli standard di sicurezza per le radiazioni elettromagnetiche della Federal Communications Commission (FCC) continuano a basarsi solo sugli effetti termici, che rappresentano un criterio ormai vecchio di quasi 30 anni e oggi inapplicabile”.

Nel 2011 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato, inoltre, le radiazioni emesse dai telefoni cellulari, Wi-Fi, e da altre tecnologie wireless come possibili cancerogene per l’Uomo (Classe 2B). Recenti studi scientifici hanno concluso che sarebbe più appropriata la classificazione della radiofrequenza come cancerogeno certo (Classe 1A). Ciononostante, i progetti di un Wi-Fi globale dallo spazio renderebbero l’esposizione a queste onde elettromagnetiche praticamente ubiquitaria ed ineludibile.

Una recente lettera inviata al Comitato Economico e Sociale Europeo da 88 associazioni, che rappresentano tutte insieme oltre un milione di persone, denuncia che i governi stanno tradendo la fiducia della popolazione ignorando i pericoli delle radiazioni a radiofrequenza e microonde.

L’intento di GUARDS è quello di bloccare i piani di sviluppo del Wi-Fi globale, che costituirebbero una sperimentazione non consensuale sugli esseri umani e, dunque, una violazione dei diritti umani secondo il Codice di Norimberga.

Global Union Against Radiation Deployment from Space (GUARDS)
GUARDS è una coalizione internazionale di diverse associazioni che hanno creato un coordinamento per fermare i piani di sviluppo del Wi-Fi globale dallo spazio che minaccia la vita sulla Terra.

Contatto: Ed Friedman, Maine USA, 207-666-3372 [email protected]
Contatto in Italia: Associazione Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (AMICA)
www.infoamica.it
 

 Fonti bibliografiche  

Salute umana

Il Rapporto BioInitiative (1500 pagine) sugli effetti sulla salute della radiofrequenza e delle microonde è stato pubblicato nel 2007 con un aggiornamento nel 2012. Gli autori sono 29 scienziati provenienti da dieci paesi. Hanno pubblicato migliaia di studi che mostrano l’interferenza con i processi chimici nel corpo, delle radiofrequenze con numerosi effetti tra cui alterazioni genetiche, cancro, disfunzioni immunitarie, danni neurologici, e infertilità. Il Rapporto è disponibile all’indirizzo: www.bioinitiative.org.

Lettera Avviso inviata nel mese di febbraio 2015 al Comitato Economico e Sociale Europeo da 88 organizzazioni (tra cui AMICA)riguardo il tradimento della fiducia dei cittadini da parte delle istituzioni che ignorano gli effetti delle radiazioni da radiofrequenza e da microonde.

Disponibile all’indirizzo: http://www.radiationresearch.org/images/rrt_articles/EM-Radiation-Research-Trust-Letter-of-Notice-Served-on-Mr-Richard-Adams.pdf

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), un comitato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha classificato le radiazioni da radiofrequenza, compresa quella emessa dalla tecnologia wireless, come possibile cancerogeno per l’uomo in Classe 2B.

Il medico inglese Erica Mallery-Blythe ha scritto un ottimo rapporto sulla Elettrosensibilità che si stima colpisca attualmente il 5% della popolazione mondiale:

Il 7 febbraio 2014, il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti ha dichiarato, in riferimento ai limiti estremi che disciplinano la radiazione utilizzati dal WiFi, che “gli standard di sicurezza per le radiazioni elettromagnetiche della Federal Communications Commission (FCC) continuano a basarsi sugli effetti termici, un criterio ormai vecchio di quasi 30 anni e oggi inapplicabile”.

Ambiente

Studi dimostrano che la radiazione da radiofrequenza danneggia l’ambiente, sia la flora che la fauna.

Fonti: http://www.moef.nic.in/downloads/public-information/final_mobile_towers_report.pdf e http://www.biolmedonline.com/articoli/ Vol4_4_2012 / Vol4_4_202-216_BM-8.pdf

Il 31 ottobre 2014 è stata presentata alla Manitoba Entomological Society la revisione di 91 studi sugli effetti delle radiazioni da radiofrequenza e da microonde su api, insetti, uccelli, ecc .

Fonte: https://groups.google.com/forum/#!topic/ mobilfunk_newsletter / 0RUPGTI4qQY

Sulla riduzione dell’ozono e il cambiamento climatico da gas di scarico dei razzi: http://www.eucass-proceedings.eu/articles/eucass/pdf/2013/01/eucass4p657.pdf

Piani di sviluppo del Wi-Fi dai satelliti
Le cinque aziende che cercano di fornire radiazioni Wi-Fi globale dallo spazio sono:
SpaceX: 4000 satelliti, ad un altezza di 750 miglia
OneWeb: 2.400 satelliti, ad un altezza di 500-590 miglia
Facebook: satelliti, droni, e laser.
Google: 200.000 palloni ad alta quota (62.500 piedi) (“Progetto Loon”) Outernet: microsatelliti a bassa orbita

FONTE http://www.informasalus.it/it/articoli/wi-fi-spazio-rischi.php  

VEDI ANCHE  

Finiremo tutti dentro un grosso forno a microonde mondiale per la ‘comodità’ del wi-fi globale?

Il Wi-Fi influenza negativamente la nostra salute

Immersi nelle microonde – come difendersi?

CRUCIALE ARTICOLO SUI RAGGI UV

 Fonte articolo: http://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/spazio/wi-fi-dallo-spazio-a-rischio-lo-strato-di-ozono/