Archivi tag: Sole

Un corpo celeste ancora sconosciuto: Il Pianeta Nove

Qualcosa di massiccio nel nostro Sistema Solare ha inclinato il sole di 6 gradi 

di Ivan

Secondo gli esperti, il nostro Sole è inclinato di circa 6 gradi rispetto all’equatore solare. La ragione di questo è rimasto un mistero astronomico per decenni.

Ora, gli esperti credono di aver finalmente trovato una risposta: Il Pianeta Nove.

Secondo Elizabeth Bailey, un astrofisico e scienziato planetario presso il California Institute of Technology di Pasadena, non solo il pianeta nove ha inclinato il nostro sole di sei gradi, il disperso “pianeta potrebbe aver inclinato gli altri pianeti nel corso della vita del sistema solare.”

Il Pianeta Nove è un corpo celeste ancora sconosciuto che si ritiene esista nei bordi più esterni del nostro sistema solare ed è stato previsto dallopera di Konstantin Batygin e Mike Brown nel gennaio 2016.

Secondo gli esperti, tutti i pianeti situati nel nostro sistema solare orbitano in un piano piatto rispetto al nostro sole, a pochi gradi l’uno dall’altro.

Tuttavia, gli esperti non pensano che quel piano ruoti ad un’inclinazione di sei gradi rispetto al sole, il che ci dà l’impressione che il nostro sole non sia come dovrebbe essere.

Per anni nessuno è stato in grado di spiegare come qualcosa di simile era possibile. Cosa potrebbe far inclinare il nostro sole, il corpo più massiccio del nostro sistema solare, di sei gradi? Infatti, il sole è orientato in modo diverso da tutto il resto nel nostro sistema solare.

“È un mistero così radicato e così difficile da spiegare che le persone semplicemente non ne parlano”, dice Brown, richard e Barbara Rosenberg Professoressa di Astronomia Planetaria.

Per arrivare in fondo al mistero, Bailey e altri ricercatori hanno eseguito simulazioni al computer e hanno scoperto che l’inclinazione degli otto pianeti potrebbe essere spiegata dall’influenza gravitazionale del Pianeta nove.

In un’intervista con Space.com, Bailey ha osservato che mentre questa è una teoria, ci sono ancora altre potenziali spiegazioni per la curiosa inclinazione che il nostro sistema solare ha adattato nel corso della durata di 4,5 miliardi di anni del sistema solare.

Una di queste spiegazioni è che potrebbe esserci stato uno squilibrio nella massa del nucleo del sole nascente.

Secondo Konstantin Batygin e Mike Brown, il nostro sole è molto probabilmente orbitato da un pianeta massiccio invisibile, circa dieci volte più grande della Terra, con un’orbita sconcertante che si ritiene sia circa 20 volte più lontana dal sole di quella di Nettuno.

“Continua a stupirci; ogni volta che guardiamo con attenzione continuiamo a scoprire che il Pianeta Nove spiega qualcosa sul sistema solare che era stato a lungo un mistero”, dice Batygin.

La curiosa inclinazione del nostro sole e dei corpi rimasti nel sistema solare è stata a lungo un mistero per gli astronomi. Gli esperti ritengono che lo slancio angolare del pianeta – nella fisica, lo slancio angolare (raramente, momento di slancio o di motorotazionale) sia l’analogo rotazionale dello slanciolineare – stia creando un impatto massiccio sul sistema solare in base alla sua posizione e dimensioni.

Mentre questa è una delle spiegazioni curiose per l’inclinazione del nostro sistema solare, gli esperti devono ancora trovare il pianeta canaglia.

Fonte: http://arxiv.org/abs/1607.03963v2

Immagine in primo piano di R3V4N

Fonte https://www.ancient-code.com/

 

®wld

Nuovi studi sul pianeta X (il nono Pianeta)

 

Immagine di credito: James Tuttle Keane/Caltech.

Nuove prove rivelano che il pianeta X è elusivo è molto più vicino alla Terra di quanto si credesse in precedenza   

by Ivan  

Sono passati tre anni da quando i ricercatori del Caltech hanno proposto che il nostro sistema solare mancasse una Super Terra, orbitando intorno al nostro sole a grandi distanze fino a 800 unità astronomiche.

“I nostri nuovi sforzi, sia teorici che numerici, suggeriscono che nel documento originale abbiamo sopravvalutato i parametri del Pianeta Nove”, ha spiegato Konstantin Batygin del Caltech.

Da quando è stata annunciata l’esistenza dell’ipotetico pianeta, gli astronomi di tutto il mondo hanno cercato nei bordi più esterni del nostro sistema solare per il misterioso mondo alieno.

Fino ad ora, abbiamo trovato solo un piccolo pezzo del puzzle che suggeriscono la sua esistenza.

“Anche se questa analisi non dice nulla direttamente sul fatto che il Pianeta Nove sia presente, indica che l’ipotesi si basa su una solida base”, ha detto Michael Brown, professore di astronomia planetaria al Caltech, in un comunicato stampa.

Ora, sono stati pubblicati due nuovi studi che presentano nuove prove che il pianeta è reale, e sostiene che il mondo sfuggente sarà ufficialmente trovato nel prossimo decennio o giù di lì.

Il nuovo articolo scientifico presenta nuovi dettagli sul pianeta nove. Secondo un articolo, l’enigmatica “super-Terra” si trova tra 400 e 600 unità astronomiche (AU) di distanza dalla Terra ed è fino a cinque volte la massa del nostro pianeta.

Soprannominati anche Pianeta X, Pianeta Gigante Cinque o Pianeta Prossimo, gli astronomi sospettano che questo mondo misterioso esista perché non siamo ancora stati in grado di osservarlo direttamente.

Ma l’idea che il Pianeta X esiste realmente deriva da vari calcoli della sua influenza gravitazionale su altri oggetti situati al di là dell’orbita di Nettuno.

Alcuni di questi oggetti, soprannominati “oggetti trans-nettuniani” si trovano oltre il gigante gassoso più lontano e all’interno della cosiddetta Kuiper Belt.

Negli ultimi anni, gli astronomi sono stati in grado di identificare oscillazioni nelle orbite degli oggetti più distanti del sistema solare e dedurre che ciò è dovuto alla presenza di un pianeta enorme, ancora sconosciuto.

Il primo articolo riguardante il pianeta nove è stato pubblicato sull’Astronomical Journal. Gli scienziati hanno trovato le probabilità dell’esistenza del pianeta nove a uno su 500.

 

Immagine di credito: James Tuttle Keane/Caltech.


Il secondo articolo, pubblicato su Physics Reports, dà un’occhiata alle dimensioni del mondo sfuggente.

Secondo gli esperti, il pianeta è molto probabilmente situato molto più vicino al sole ed è probabilmente tra 400 a seicento unità astronomiche dalla Terra. Un’UA è uguale alla distanza tra la Terra e il sole.

Si ritiene inoltre che le dimensioni del Pianeta X siano molto più piccole rispetto alle stime precedenti.

“A cinque masse terrestri, il Pianeta Nove probabilmente ripermerà molto bene una tipica SuperTerra extrasolare,” dice Batygin.

“È l’anello mancante del sistema solare di formazione dei pianeti. Nell’ultimo decennio, le indagini sui pianeti extrasolari hanno rivelato che pianeti di dimensioni simili sono molto comuni intorno ad altre stelle simili al sole. Il Pianeta Nove sarà la cosa più vicina che troveremo ad una finestra sulle proprietà di un tipico pianeta della nostra galassia.”

“La prospettiva di un giorno di vedere immagini reali del Pianeta Nove è assolutamente elettrizzante”, ha spiegato Batygin.

“Anche se trovare il Pianeta Nove astronomicamente è una grande sfida, sono molto ottimista che lo immagineremo entro il prossimo decennio”, ha concluso Batygin.

Image Credit: James Tuttle Keane/Caltech.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

®wld

Gli scenari che si potrebbero verificare solo se …

Uno scenario futuro 

Avete presente i proclama cui siamo sottoposti ogni santissimo giorno che ci avvertono come il clima del nostro pianeta sia destinato a “surriscaldarsi” di tot gradi da qui alla fine del secolo?

In molti pensano sia una previsione basata su dati certi e inconfutabili. In realtà è solo il peggiore di una serie di scenari possibili… ovvero “proiezioni” nel futuro di condizioni arbitrariamente imposte ad un modello matematico al computer.

Per capire questo passaggio è necessario un esempio.

Immaginate di essere un venditore ambulante di gelati. Per un certo periodo riuscite a vendere 10 gelati l’ora per 4 ore… tutti i giorni per 30 giorni di fila. Alla fine del mese vi fate 2 conti e, soddisfatti, iniziate a pensare a cosa fare del guadagno futuro. E’ piena estate, diciamo luglio, e la gente in giro c’è… ed è vogliosa del vostro ottimo gelato.

Passa anche il secondo mese e i dati raccolti vi dicono che avete venduto 10 gelati in più rispetto al mese precedente. 

Spinti da questo entusiastico dato, prevedete di vendere in totale 8700 gelati nei 6 mesi da Luglio a Dicembre. E con questo dato, considerando che per ogni gelato guadagnate 1 euro netto, decidete di farvi un bel regalo… acquistando il tanto desiderato salotto di casa che costa 8000 euro.

Ecco. Avete già speso quasi tutti i soldi che dovrebbero rientrare, dati alla mano, dalla proiezione per i successivi 4 mesi di ciò che è accaduto nei primi 2 mesi di attività.

Passano i giorni e voi continuate a lavorare sodo… ma Settembre sta finendo e non siete neanche arrivati a 1000 gelati venduti.

Ottobre va ancora peggio… per non parlare di Novembre… e Dicembre!
Il risultato è che la proiezione che avete fatto, basata unicamente sui dati dei 2 mesi estivi iniziali, è risultata totalmente sbagliata. E voi state sotto i 8000 euro! Però il divano è bello e molto comodo

Cosa significa questo…

Il problema delle proiezioni in ambito climatico, non solo quelle dell’IPCC, è che non possiamo essere mai sicuri della loro attendibilità. Ci sono miliardi di variabili che possono cambiare in ogni istante e noi, di queste variabili, ne conosciamo solo alcune decine. Forse.

L’IPCC ha prodotto una serie di proiezioni e queste sono state pubblicizzate dai media come previsioni. In molti, purtroppo, tali previsioni le hanno considerate come una realtà ormai certa al 100%. Ma, la verità, è che restano solo delle proiezioni… ovvero degli scenari che si potrebbero verificare solo se… ma che, molto probabilmente, non si verificheranno, proprio perché ci sono troppe variabili da considerare.

A questo punto, ignorando tutti i possibili scenari, andiamo ad analizzarne 2 a caso… tra gli estremi opposti:

1) RISCALDAMENTO GLOBALE (di origine Antropica)
Questo scenario prevede un continuo aumento della temperatura dovuto all’aumento della CO2 in atmosfera. Aumentando la temperatura, secondo chi ha prodotto tale scenario, aumenteranno gli eventi estremi, aumenterà lo scioglimento dei ghiacci, il mare salirà di livello e sommergerà molte zone costiere. Molte aree diventeranno desertiche e la popolazione avrà grossi problemi perché la produzione agricola risentirà pesantemente delle temperature alte e della carenza di pioggia.

2) RAFFREDDAMENTO GLOBALE (di origine Naturale)
Questo scenario prevede una diminuzione della temperatura dovuta alla riduzione dell’attività solare. Diminuendo la temperatura, ovvero l’energia, il clima risulterà meno stabile. Si avranno quindi eventi estremi sempre più spesso e in sempre maggiori zone del pianeta. Gli inverni diventeranno (in media) gradualmente più freddi e lunghi, mentre le estati diventeranno più corte e fresche. I ghiacci di tutto il mondo aumenteranno e grazie alla maggior quantità di CO2 in atmosfera, molte zone torneranno ad essere verdi. Purtroppo la popolazione avrà grossi problemi, perché la produzione agricola risentirà pesantemente degli eventi meteo fuori stagione.

Indipendentemente da ciò che pensate attualmente, entrambi questi scenari sono comunque ipotetici e futuri. Non riguardano l’oggi e neanche il domani. Quello che è descritto sopra è ciò che avverrà nel corso dei prossimi 80 anni che ci separano dalla fine del secolo.

Ma oggi, quali sono i dati a supporto dell’uno o dell’altro scenario?

Per quanto riguarda il Riscaldamento Globale di origine Antropica, si parte dal presupposto che la CO2 è un Gas Serra altamente inquinante… che ha il potere di trattenere il calore riflesso dalla superficie terrestre e di intrappolarlo all’interno dell’atmosfera. Tale gas sta aumentando in modo evidente rispetto al periodo pre-industriale e la causa di tale aumento è da attribuire alle attività antropiche. Diminuire le emissioni di CO2 potrebbe non bastare più ed è necessario investire migliaia di miliardi per tentare a tutti i costi di evitare un riscaldamento di 2°C in tot decenni, altrimenti per l’umanità non ci sarà alcun futuro. Tra i progetti proposti ve ne sono essenzialmente 2 che hanno attirato le attenzioni degli esperti… Il primo prevede di “catturare” la CO2 presente in atmosfera e di immagazzinarla sottoterra, all’interno di vecchi giacimenti di petrolio e gas metano ormai esausti. Il secondo è di cospargere l’atmosfera con sostanze in grado di riflettere parzialmente la luce del Sole.

Ora… sono convinto che in molti nomineranno le scie chimiche, haarp e quant’altro, alludendo al fatto che tali pratiche sono in corso da anni e che il clima viene manipolato per interessi di pochi. Vi avverto che il ban è sempre pronto…. e questo per il semplicissimo fatto che il CLIMA non è modificabile dall’uomo. Non in modo così evidente e in un periodo così breve. Qualunque alterazione TEMPORANEA delle condizioni atmosferiche, come potrebbero essere l’uso di sostanze chimiche disperse per mezzo di aerei, provocherà un’alterazione TEMPORANEA delle condizioni METEO. NON DEL CLIMA.

Il clima è lo stato medio del tempo atmosferico a varie scale spaziali (locale, regionale, nazionale, continentale, emisferico o globale) rilevato nell’arco di almeno 20-30 anni.

fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Clima

Spero che questo concetto sia chiaro.

Per quanto riguarda lo scenario opposto, invece, si parte dal presupposto che il clima è la conseguenza (risposta del pianeta) delle variazioni, nel breve, medio e lungo termine, dell’attività solare. Essendo il sistema climatico terrestre un sistema altamente complesso e molto dinamico, composto da sottosistemi molto diversi tra loro e con inerzie termiche molto diverse e variabili, ne consegue che ad una variazione dell’attività solare, corrisponderà una variazione della temperatura media del pianeta SOLO DOPO un certo periodo di tempo. E tale ritardo dipenderà da una serie di fattori dipendenti dalle condizioni dei singoli ambienti (climatici) in giro per il mondo… quali ad esempio la quantità di ghiaccio accumulata ai poli e sulla terraferma, l’estensione delle foreste, lo sfruttamento del suolo, lo stato delle correnti oceaniche ecc… ecc… ecc….
Considerando che l’attività solare segue dei cicli di decine, centinaia e migliaia di anni, ne consegue che questa (può essere prevista) seguirà un andamento determinabile nel medio-lungo periodo. La proiezione futura dell’attività solare, stando alle stime più recenti, viene data ad un livello estremamente basso della stessa per almeno 60 anni. Considerando un ritardo medio di 15 anni della variazione della temperatura media del pianeta rispetto alla variazione dell’attività solare, si arriva a stimare una ripresa concreta delle temperature solo verso la fine del secolo.

Qual’è lo scenario più probabile?

Da una parte abbiamo delle proiezioni modellistiche riguardanti l’andamento della temperatura sulla base della quantità di CO2 presente in atmosfera. Dall’altro abbiamo la variazione della temperatura sulla base della variazione dell’attività solare.

La Scienza ci offre dati sufficientemente precisi riguardanti l’attività solare degli ultimi 400 anni. Ce ne offre poi una certa quantità di tipo “proxy” (ovvero derivati da altri dati) per diversi milioni di anni… passati. Questi dati ci dicono che, SEMPRE, la variazione della quantità di CO2 (ma anche di Metano) presente in atmosfera, SEGUE sempre con un certo ritardo stimabile in alcuni secoli, l’andamento della temperatura. E mai il contrario. Gli stessi dati ci dicono inoltre, che la temperatura media del pianeta è variata continuamente nel corso del tempo e che tale variazione corrisponde a quella dell’attività solare.

Sempre i dati scientifici, ci spiegano che la variabilità climatica c’è sempre stata e che la temperatura media del pianeta sta progressivamente diminuendo sin dall’inizio dell’attuale Periodo Interglaciale Caldo… avvenuto circa 12000 anni fa… e che tale periodo è molto simile ad altri Periodi Interglaciali Caldi che si sono alternati con una “sorprendente” regolarità nel corso degli ultimi (almeno) 500.000 anni. Da tali dati si evince come la durata media dei Periodi Interglaciali Caldi ammonti proprio a circa 12.000 anni, mentre quella dei Periodi Interglaciali Freddi sia di circa 120.000. Inoltre sempre da questo tipo di dati, si evince come attualmente il pianeta stia vivendo un’Era Glaciale… ovvero un periodo geologico durante il quale c’è presenza di ghiaccio nelle aree polari …da alcuni milioni di anni. Era che ha fatto seguito ad una Era Interglaciale che è invece caratterizzata dall’assenza di ghiaccio sul pianeta.

Ma a questo punto, quale degli scenari è corretto?

E’ sbagliato il termine “corretto”. Meglio è usare un termine tipo “probabile”. Quale dei 2 scenari è il più probabile?

Noi di Attività Solare propendiamo per lo scenario freddo. E lo facciamo sulla base di tutta una serie di dati verificabili relativi sia al passato climatico del nostro pianeta, sia all’attuale presente. 

Gli eventi “nefasti” che si sarebbero dovuti verificare secondo i sostenitori dello scenario “caldo”, al momento non si sono visti. Ed è inutile giustificarsi sostenendo che “un anno non fa tendenza“, perché di anni ne sono passati 20 e la temperatura media del pianeta, ad esempio, non è affatto aumentata (ovviamente a parte i 2 eventi EL Niño del 2008 e il 2015). Ma anche il ghiaccio marino Artico è ancora presente… come anche quello Antartico. 

Il resto, invece, è ascrivibile alle naturali e continue fluttuazioni cicliche….. per le quali, attualmente, stiamo “assistendo” solo una parte del loro ciclo naturale.
 

Buona giornata

Bernardo Mattiucci
Attività Solare
 
https://www.attivitasolare.com/uno-scenario-futuro/
 

Gli scienziati di Harvard tenteranno di replicare l’effetto del raffreddamento

 

Nel 2019, gli scienziati finanziati da Bill Gates per spruzzare particelle nel cielo in primo esperimento per attenuare il sole

Matt Agorist, The Free Thought Project
Waking Times

Il controverso argomento della geoingegneria o delle modifiche meteorologiche – che è stato reso popolare e semplificato con il termine “scie chimiche” – sta ancora una volta uscendo dalle ombre e alla luce del controllo pubblico. E potrebbe presto diventare una realtà, dal momento che gli scienziati pianificano il primo esperimento per spruzzare particelle nel cielo per oscurare il sole.

Quello che una volta era una teoria della cospirazione è ora oggetto di dibattito al Congresso , studi peer-reviewed e ora un esperimento di Harvard. Gli scienziati di Harvard tenteranno di replicare l’effetto del raffreddamento del clima delle eruzioni vulcaniche con un esperimento di geoingegneria solare al mondo stabilito per l’inizio del 2019.

Quello che una volta era una teoria della cospirazione sarà presto una realtà, in soli mesi.

Conosciuto come l’esperimento perturbato controllato stratosferico (SCoPEx), l’esperimento spruzzerà particelle di carbonato di calcio in alto sopra la terra per imitare gli effetti della cenere vulcanica che blocca il sole per produrre un effetto di raffreddamento.

L’esperimento è stato annunciato lo scorso mese sulla rivista Nature, che era uno dei pochi punti vendita a guardare in questo passo senza precedenti verso la geoingegneria del pianeta.

Se tutto andrà come previsto, il team di Harvard sarà il primo al mondo a spostare la geoingegneria solare fuori dal laboratorio e nella stratosfera, con un progetto chiamato Stratosferic Controlled Perturbation Experiment (SCoPEx). La prima fase – un test da 3 milioni di dollari che coinvolge due voli di un pallone orientabile a 20 chilometri sopra il sud-ovest degli Stati Uniti – potrebbe essere lanciata già nella prima metà del 2019. Una volta sul posto, l’esperimento libererebbe piccoli pennacchi di carbonato di calcio, ciascuno di circa 100 grammi, approssimativamente equivalente alla quantità trovata in una bottiglia media di antiacido di serie. Il pallone si girerebbe quindi per osservare come le particelle si disperdono.

Naturalmente, l’esperimento riguarda molte persone, compresi i gruppi ambientalisti, che, secondo Nature, affermano che tali sforzi rappresentano una pericolosa distrazione dall’affrontare l’unica soluzione permanente ai cambiamenti climatici: ridurre le emissioni di gas serra.

Anche l’idea di iniettare particelle nell’atmosfera per raffreddare la terra sembra assolutamente inutile considerando quello che gli scienziati stanno cercando di imitare: le eruzioni vulcaniche. Se guardiamo alla seconda più grande eruzione del 20 ° secolo, il Monte Pinatubo, scoppiato nelle Filippine nel 1991, ha iniettato 20 milioni di tonnellate di aerosol di anidride solforosa nella stratosfera. Gli scienziati dell’USGS hanno stimato che questi 20 milioni di tonnellate hanno solo abbassato la temperatura del pianeta di circa 1 ° F (0,5 ° C) e questo è durato solo un anno perché le particelle sono infine ricadute sulla Terra.

Il team di Harvard, guidato dagli scienziati Frank Keutsch e David Keith, ha lavorato al progetto SCoPEx per diversi anni, ma non sempre sono stati in totale accordo. Infatti, come riporta la natura, Keutsch – che non è uno scienziato del clima – in precedenza aveva pensato che l’idea fosse “totalmente folle”. Ma da allora ha cambiato idea. Come riporta la natura:

Quando ha visto Keith parlare dell’idea SCoPEx in una conferenza dopo essere partito ad Harvard nel 2015, afferma che la sua reazione iniziale è stata che l’idea era “del tutto pazza”. Quindi decise che era ora di impegnarsi. “Mi sono chiesto, un chimico dell’atmosfera, cosa posso fare?” Ha unito le forze con Keith e Anderson, e da allora ha assunto la guida del lavoro sperimentale.

L’aggiunta alla natura discutibile di questo esperimento è il fatto che è in gran parte finanziato nientemeno che dal co-fondatore di Microsoft, Bill Gates. Gates non è estraneo a esperimenti controversi poiché ha finanziato pubblicamente molti di loro, tra cui uno che impianterebbe dispositivi nei neonati per somministrarli automaticamente vaccini.

Mentre l’esperimento del team di Harvard può sembrare qualcosa di un film di fantascienza distopico, la realtà è che è da tempo sul tavolo dei governi e dei think tank di tutto il mondo. Infatti, proprio il mese scorso, un nuovo studio pubblicato su Environmental Research Letters, ha parlato di fare esattamente la stessa cosa: geoingegneria e aerei che irrorano particelle nell’atmosfera per frenare il riscaldamento globale.

Inoltre, lo studio ha fatto eco ai sentimenti dell’allora direttore della CIA John Brennan quando nel 2016 si è rivolto al Council on Foreign Relations, descrivendo dettagliatamente un processo simile di irrorazione di particolati chimici nell’atmosfera per raffreddare il pianeta.

Durante l’incontro, Brennan ha affrontato l’ instabilità e le minacce transnazionali alla sicurezza globale in un incontro con il Council on Foreign Relations. Durante il suo prolisso discorso sulle minacce agli interessi degli Stati Uniti e su come la minaccia ISIL, in gran parte creata dalla CIA, abbia avuto un impatto sul mondo, Brennan ha sollevato il tema della geoingegneria .

Un altro esempio è la gamma di tecnologie, spesso denominate collettivamente come geoingegneria, che potenzialmente potrebbero contribuire a invertire gli effetti del riscaldamento globale sui cambiamenti climatici. Uno che ha guadagnato la mia attenzione personale è l’iniezione di aerosol stratosferico, o SAI, un metodo per seminare la stratosfera con particelle che possono aiutare a riflettere il calore del sole, più o meno allo stesso modo delle eruzioni vulcaniche.

Brennan ha continuato a riecheggiare le chiamate di alcuni scienziati che hanno chiesto l’irrorazione aerea.

Un programma SAI potrebbe limitare gli aumenti della temperatura globale, riducendo alcuni rischi associati a temperature più elevate e fornendo all’economia mondiale un ulteriore periodo di transizione dai combustibili fossili. Il processo è anche relativamente economico: il National Research Council stima che un programma SAI completamente implementato costerebbe circa $ 10 miliardi all’anno.

La misura in cui Brennan ha parlato di iniezione di aerosol stratosferico dimostra che lui e la CIA probabilmente lo stanno prendendo in considerazione da un po ‘di tempo.

Sebbene sentiamo parlare sempre più di geoingegneria, è in circolazione da molto tempo e non solo nel regno delle teorie del complotto. In effetti, gli scienziati hanno già suggerito che potrebbe andare avanti in questo momento, involontariamente.

I ricercatori della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) suggeriscono che le scie di condensazione degli aerei potrebbero inavvertitamente essere la geoingegneria nei cieli.

Chuck Long è un ricercatore presso l’Istituto cooperativo per la ricerca in scienze ambientali (CIRES) presso il laboratorio di ricerca del sistema terrestre NOAA presso l’Università del Colorado a Boulder. All’American Geophysical Union Fall Meeting, Long e il suo team hanno pubblicato il loro articolo, “Evidence of Clear-Sky Daylight Whitening: stiamo già conducendo la geoingegneria?” L’analisi ha rilevato che il vapore degli aerei potrebbe alterare il clima attraverso la geoingegneria accidentale.

Per essere chiari, nessuno qui sta sostenendo di essere un esperto di cambiamenti climatici o gli effetti della geoingegneria. Ma una cosa è chiara ed è il fatto che c’è ancora molto da discutere e imparare prima che gli umani inizino deliberatamente ad alterare il clima della Terra. Oltre a non fare nulla per frenare le emissioni di carbonio, se siamo così veloci a saltare su questo metodo, potrebbe scatenare una reazione a catena che potrebbe rivelarsi catastrofica.

Per favore condividi questo articolo con i tuoi amici e familiari in modo che possano vedere cosa è in programma per il loro futuro.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

®wld

VITAMINA D – LUCE NELLE TENEBRE

proxy.duckduckgo.com

Ricevo dall’amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico

 VITAMINA D – LUCE NELLE TENEBRE 

“mentre avete la luce, credete nella luce, per diventare figli della luce“

Giovanni 12,36

Ho già parlato della vitamina D anni fa, in un articolo sulla sclerosi multipla e le malattie autoimmunitarie

Cominciamo con una premessa: cos’è una Vitamina e cos’è un Ormone.  

 Vitamine

Sono sostanze chimiche ed elementi quali metalli come zinco, rame, manganese, selenio e molti altri, che si comportano nelle reazioni chimiche delle cellule corporee quali COENZIMI.

Aiutano cioè gli Enzimi, per lo più proteine, a trasformare e costituire nuove sostanze chimiche all’interno delle cellule per il loro fabbisogno.

Senza i Coenzimi, ovvero le Vitamine, tali Enzimi non possono svolgere le loro funzioni ok?!

Senza Enzimi e i loro adiuvanti Coenzimatici ad esempio, le piante non potrebbero trasformare la CO2 (anidride carbonica) in zuccheri per il loro nutrimento ed O2 (ossigeno) per la nostra vita…….

Alla faccia di chi afferma che il problema del pianeta Terra è la CO2. Falsi Profeti!

 Ormoni

Gli ormoni sono sostanze chimiche secrete da alcune strutture ghiandolari presenti nell’organismo:

  • Ghiandola pineale
  • Ipofisi
  • Tiroide
  • Paratiroidi
  • Ghiandole Surrenali
  • Gonadi (sessuali)
  • ed altre…

Queste sostanze ormonali liberate nel flusso sanguigno, quando giungono a destinazione nelle cellule, entrano nel nucleo cellulare ed attivano, attraverso il Dna e Rna, i processi per la costituzione di proteine e di enzimi, senza i quali non vi sarebbe la vita ok?!

Quindi sostanzialmente gli Ormoni comandano e dirigono l’Orchestra della vita, affidando il compito di creazione delle sostanze vitali ad enzimi, che loro stessi hanno ordinato alle cellule di produrre!

Alles verstanden? Capito tutto?

Bene

La Vitamina D, NON E’ una Vitamina ma E’ un Ormone:

è un Direttore d’orchestra e ci è stato regalato dal Sole, dalla luce solare che sulla nostra pelle attiva i processi chimici che conducono alla formazione della vitamina D.

La Scienza classica la vuol chiamare una sostanza preormonale, poco cambia e nel frattempo comunque non le hanno cambiato nome, dandogli quello vero, ossia:  

Ormone D (colecalciferolo)

Falsi Profeti!

Cominciate a capire perché la gente si ammala spesso, vivendo al chiuso ed anche all’aperto, se il sole viene oscurato da nuvole classiche od artificiali?

Ma che dici farmacista complottologo, la chimica aerea non esiste, insomma dai ci sono tanti aerei che volano ormai. basta guardare il cielo, e’ tutto naturale, come Dio comanda!

Adesso vi racconto la più bella e scoppiettante

Sapete da che struttura chimica organica, viene formato l’Ormone D sulla pelle?

dai ragazzi, che valori del sangue stanno abbassando anno dopo anno nelle analisi di laboratorio per la vostra salute?

Glucosio?

mmhhh, no, non è quello, quello ve lo vogliono abbassare drasticamente poiché i neuroni celebrali si cibano solo di Glucosio ed in situazioni di emergenza solo di Corpi Chetonici (Acetone);

pochi anni fa era permesso un valore di 130 a digiuno e non eravate considerati potenziali nuovi diabetici, oggi è stato portato a 100, quindi a 101 siete dei potenziali diabetici, mentre 10 – 20 anni fa eravate sanissimi pesciolini…

urrahhh..fantastico

… ma i nuovi studi scientifici dimostrano che … bla bla bla

Neurone senza glucosio, neurone molto affamato, che potrà entrare in sofferenza quindi …

Lo sapete che esiste una scuola medica in India dove si dice che i valori corretti della glicemia sarebbero:

100 + l’età …

Quindi un cinquantenne con 150 per loro non è un potenziale diabetico!

Chi ha ragione?

non vogliate fraintendere le mie parole, ma in quasi 35 anni di attività, ho visto un crollo del sistema di controllo Super partes sugli studi scientifici a favore del business del mercato!!

Non dobbiamo essere integralisti di pensiero, il pensiero unico scientifico occidentale sta facendo soffrire molte persone!

In medio stat virtus

In medio veritas est

La verità sta nel mezzo

basta integralismi scientifici!

Questi dogmi, se fossero veritieri, avrebbero migliorato la qualità della vita e ridotto di molto la mortalità.

Dovrebbero spiegarci invece come mai negli ultimi anni abbiamo tassi di mortalità in Italia simili agli anni della seconda guerra mondiale!

Conosco persone che lavorano in grandi aziende, e che rischiano il posto di lavoro se sgarrano le analisi e se i valori non sono ritenuti idonei…brutta faccenda!

Non stiamo parlando di alcolizzati o drogati, ma di gente normalissima!

Torniamo alla vitamina D

la risposta esatta alla mia domanda sopra è:

COLESTEROLO!

La Luce produce la vitamina D sulla pelle partendo dal Colesterolo;

Colesterolo considerato oggigiorno uno dei più grandi assassini in circolazione!

Mi ricordo che negli anni 80 un valore di 250 – 270 nel sangue non destava molta preoccupazione…oggi siamo scesi sotto i 200!

Ma meno colesterolo c’è … meno Ormone D verrà prodotto dall’organismo alla luce del sole, giusto?!

Ricordatevi che bastano 10 – 15 minuti di luce nelle ore col sole allo Zenith con meno vestiti possibili addosso, per produrre oltre 5mila Unita di vitamina D.

Anche se non siete direttamente sotto il sole, ma con luce riflessa, i raggi UVB del sole produrranno sulla pelle la viamina D.

Se avete filtri solari sulla pelle, kein vitamin D (niente vitamina D) ok!

Quindi quando siete spaparazzati al mare non riempitevi esageratamente di filtri, lasciate che ogni tanto il corpo respiri.

Ma il melanoma?

ok .. soprattutto in alta montagna ci sono i raggi UV più pericolosi e se state ore ed ore sotto il sole proteggetevi: anche per gli amanti della tintarella stesi per ore ed ore sotto il sole ben vengano i filtri solari onde evitare guai seri.

Nella vita ci vuole equilibrio.

Un consiglio:

abituatevi ogni tanto a prendere la luce solare anche non direttamente, magari sotto l’ombrellone od una pianta o dove venga riflessa, ma senza vetri.

Dietro un vetro se ne produce poca, poiché mentre gli UVA passano tutti, le frequenze sotto i 300nm (nanometri), vengono trattenute dal vetro e gran parte degli UVB, attivatori della vitamina D, viaggiano sotto i 300 nm.

Gli UVA non producono l’Ormone D … quindi il lettino vi fa solo rossi come i pomodori senza effetti salutistici.

Carenza di vitamina D nella popolazione italiana?

I dati della associazione italiana osteoporosi ritengono l’80% della popolazione carente di vitamina D:

  • anziani 100%
  • giovani 50%

Ecco cosa è successo nel bel paese du sole e du mare in poche decine di anni!!!

Effetti dell’Ormone D sul corpo

I Principali

  • – attivazione e regolazione del sistema immunitario: il che vuol dire il Tutto.

Un sistema immune che funzioni, ci protegge da qualsiasi tipo di malattia comprese le autoimmuni, dove invece cellule impazzite dello stesso, si scagliano contro alcuni organi del corpo producendo gravi malattie e morte

  • – regolazione del metabolismo del calcio, con prevenzione dell’osteoporosi, ovvero la decalcificazione ossea.
  • – effetti positivi cardiovascolari

Quanta vitamina D assumere

Se state al sole ed all’aria aperta spesso, in situazioni di salute non occorre assumere la vitamina D.

Ci pensa la luce del sole!

Durante l’inverno comunque, essendo il sole più basso è consigliabile una integrazione di vitamina D.

Se vivete sempre in ambienti chiusi o spesso grigi, senza luce solare, dovete assumere la vitamina D.

Dosi giornaliere consigliate:

  • – bambini in età prescolare da 1000 fino a 2000 Unità
  • – ragazzi e adolescenti da 2000 fino a 4000 Unità
  • – adulti da 2000 fino a 6000 Unità

A riguardo il nostro Ministero della Sanità consiglia valori più bassi.

In altre nazioni vengono consigliati dosaggi superiori, fino a 10000 Unità giornaliere.

Per le donne in gravidanza ed allattamento è strettamente necessario assumere buone dosi di vitamina D per la salute di madre e figlio.

In oncologia e per le malattie autoimmuni i dosaggi vengono aumentati di molto a seconda delle scuole mediche.

Conosco medici che somministrano oltre 100mila Unità giornaliere ai pazienti con risultati a volte clamorosi (se non è troppo tardi per il decorso debilitante della malattia e per la mancata reazione quindi del corpo).

In natura la vitamina D si trova soprattutto nei pesci del Nord e nei funghi e licheni.

Il Sole ci fa vivere sul pianeta Terra, la sua luce produce in noi il più importante ormone per la nostra salute.

E’ logico che molte religioni abbiano identificato Dio quale Spirito solare,

Spirito di luce che scaccia le tenebre.

Per molti cristiani Dio è il Cristo, lo Spirito di luce.

La più grande offesa a Lui ed a noi abitanti del pianeta, è allora il tentativo in atto da molti anni di alterare e modificare le condizioni ambientali e climatiche.

Il 18 maggio 1977 venne firmato a Ginevra la Convenzione sul divieto dell’ uso di tecniche di modifica dell’ambiente a fini militari e ad ogni altro scopo ostile

(ENMOD)

Convenzione sul divieto dell’uso di tecniche di modifica dell’ambiente a fini militari o ad ogni altro scopo ostile 

Prendete quindi coscienza dei fatti e alla luce anche delle rivelazioni fatte in prima serata a Porta a Porta pochi giorni fa, dopo il disastro alluvionale di fine ottobre 2018, da un famoso meteorologo del CNR, sul fatto che sono in atto da molti anni esperimenti umani sul clima, difendete il Sole e la Terra!

Non siete computer, siete esseri di Luce … e allora … difendetela questa Luce!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

Corsivo mio: “Gli sciocchi pseudoscienziati che cercano di bloccare il sole finiranno per uccidere milioni di persone esacerbando la carenza di vitamina D 

®wld

Il controllo della luna sugli umani

 

Il controllo della luna sugli umani 

di Ruben Torres 
06 aprile 2015 
del sito Web LaCosechaDeAlmas 
 
Dal momento che abbiamo conoscenza, la Luna è stata lassù a osservarci, a scrutare i nostri sogni, a immaginare tutti i tipi di storie, miti e storie, in cui la Luna ha partecipato come lo scenario migliore. 
 
Sebbene ci siano scritti che menzionano un periodo senza luna, non ricordiamo una notte senza la sua presenza, è difficile per noi immaginare un periodo più oscuro.
 
Ci siamo dedicati alle odi della Luna di tutti i tipi ed è stata la madre che ci ha avvolti ogni notte.
 
Abbiamo osservato e scrupolosamente osservato, calcoliamo le sue fasi e comprendiamo la sua influenza in molti degli eventi che ci circondano, abbiamo persino osato andare lì, in teoria, anche se la versione ufficiale ha poco a che fare con la realtà. 
 
Ma alla fine … cos’è la Luna? 
 
Anche se la risposta può sembrare ovvia, se ti fermi a pensare attentamente non è così, qualcuno direbbe che è un satellite, una roccia morta, sterile e inerte, con un volto grigio e sparuto: punto, fine della conversazione … 
 
È quello che ci è stato insegnato, e che è sempre stato lì, ma se sei interessato a saperne di più, una moltitudine di domande si accumulano, così tante, che trovare risposte attraverso i mezzi convenzionali diventa un compito titanico.
 
La prima cosa che collide è il motivo per cui vediamo solo una faccia della Luna, sempre la stessa; non ha logica, tutti i pianeti (e i satelliti) ruotano sul suo asse, eccetto la Luna che è statica.
 
La traduzione, per esempio, è concentrica, il che significa che mentre tutti i corpi celesti ruotano in ellissi, la Luna ruota in un cerchio concentrico quasi perfetto.
 
Poi ci sono i suoi crateri, piuttosto sospettosi, alcuni di questi hanno dimensioni tali che ciò che avrebbe avuto un impatto lì avrebbe dovuto distruggerla, ma no così non’è stato …
 
Questi crateri, nonostante abbiano pochi chilometri di diametro, sono a malapena abbastanza profondi da dare un’idea minimale dell’impatto che hanno dovuto subire e di come hanno evitato le peggiori conseguenze. 
 
La sua dimensione gigantesca rispetto al rapporto pianeta-satellite aiuta ad aggiungere sempre più domande, rendendo improbabile che si ponga, la teoria che dice, che è stata attratta dalla gravità della Terra, e ancora di più quando la distanza che occupa con Per quanto riguarda la terra, è piuttosto inquietante.
 
Questo grosso corpo, visto con un telescopio più o meno normale, sono i primi dubbi che ti invadono quando presti attenzione.
 
Senza entrare in cospirazioni o teorie non ufficiali, se iniziamo a indagare sul lavoro di persone più esperte, è proprio da impazzire, come per esempio,
 
  • che l’antichità della Luna è più grande di quella della Terra 
  • che il suo corpo è vuoto 
  • vengono rilevate le onde radio costanti emesse da lì 
  • che di tanto in tanto (come ho detto con un normale telescopio) si possono vedere strane luci lì
  • quelle strane costruzioni appaiono in diverse fotografie che si possono trovare facilmente su Internet
  • che persino si parla di basi umane o addirittura di non umani all’interno

Tutto questo a meno che tu non abbia una mente puramente razionale e strettamente radicata nella scienza accademica e apostolica, risulteresti pazzo o che si abbiano teorie di uno squilibrio.
 
Ma quando leggi di scienziati che sono un po’ lontani dal dogma scientifico, dubitano seriamente che la Luna sia un satellite naturale come è attualmente situato e ritengono che la Luna sia stata messa artificialmente lì con uno scopo “sconosciuto”.
 
Aggiungendo che l’influenza della Luna non solo influenza le maree o nei periodi femminili, ma influenza la maggior parte dei cicli biologici e mentali degli esseri viventi, ci porta a ripensare nuovamente alla domanda: 
Cos’è la Luna …?
Se ci inseriamo in un piano cospiranoico, il soggetto dà molto più rispetto, poiché la Luna è lì, osserva i nostri sogni, è lì, guarda la mandria mentre dorme, che è il momento più pericoloso della giornata per i pastori.
 
L’umano quando dorme attiva la sua parte energetica e lavora in fasi, che durante il giorno sono latenti, la ghiandola pineale o l’ipotalamo si attivano nell’oscurità e particolarmente durante il sonno, causando stati alterati nella coscienza o il cosiddetto viaggio astrale, per la maggioranza non consapevole, dove il gregge potrebbe essere abbandonato, andarsene e forse rendersi conto che vivono in una gabbia.
 
È solo una teoria, e più di una penserebbe che sia un semplice lucro, ma personalmente sono stato sempre colpito dal fatto che la Luna si vedesse solo di notte, di solito solo di notte, piena e radiosa, questo è almeno scioccante.
 
Durante il giorno siamo controllabili, siamo in veglia e il sistema ci tiene impegnati; il corpo celeste che regna è il Sole, come non potrebbe essere altrimenti, ma quando arriva la notte e la Luna lo allevia, è il momento in cui il controllo è più necessario, per cui prende la carta giusta, per completare la dualità in cui siamo intrappolati …
 
La conclusione che raggiungo è che questo satellite ocra è un elemento di controllo, una stazione spaziale che monitora e analizza il nostro stato.
 
È noto che siamo fortemente legati alla Terra, che il battito del suo cuore è allo stesso ritmo del nostro e che abbiamo bisogno della sua influenza.
 
Ma la Luna è evidente, che deve anche emettere un tipo di onda che ci impedisce di staccarci dalla nostra irrealtà, un elemento che ci impedisce di ricordare e capire quello che sogniamo, che ci tiene in una trance ipnotica costante giorno e notte, e che la nostra mente si adatta a ricevere i programmi che ci fanno fabbricare “la nostra realtà” sullo sfondo.
 
La Luna era originariamente un satellite di Saturno; tutta l’ingegneria di controllo che trasportava al suo interno fu creata mentre orbitava intorno al pianeta anulare, dopo che il pianeta invasato prese il pianeta Terra fu lasciato senza satelliti naturali.
 
Perciò era difficile creare un sistema di controllo sull’essere umano senza un elemento che mettesse sotto controllo, i coloni terrestri.
 
La Luna attraversò un’apertura di portali e fu collocata nella posizione corrente; Poiché la sua posizione non è naturale, è stato creato un sistema di traduzione artificiale, in cui la Luna ha una svolta completamente concentrica in modo che la sua influenza sia costante e invariabile.
 
Da lì operiamo l’ingegneria ipnotica del controllo mentale che molti chiamano Matrix grazie al film, ma ciò non sarebbe più di una modulazione ingegneristica della risonanza, così che siamo in una bassa frequenza di vibrazione, sia fisica che mentale.
 
Questo è il motivo per cui normalmente operiamo in stati cerebrali di frequenza inconscia, con cui accedono alla nostra psiche e impiantano i loro programmi quasi senza sforzo.
 
La nostra mente finisce per essere un libro bianco per “loro” e inseriscono i loro programmi in modo da poter operare secondo i loro bisogni, fabbricando la realtà dalla paura e del disprezzo.
 
Tengono un annullamento dell’emisfero cerebrale, lasciandoci quasi esclusivamente, quella parte del cervello che non sente o non soffre, funziona solo.
 
L’inserimento della luna nella nostra orbita terrestre, ha significato un disallineamento molto grave nei poli magnetici, e ha causato il conseguente movimento delle placche tettoniche che ha fatto emergere alcuni territori e altri affondare (qui puoi speculare se desideri con Atlantide, Mu o Lemuria). 
 
Molte specie sono scomparse, quindi sono state aggiunte a posteriori, molte delle quali le conosciamo oggi. 
 
La Luna fortunatamente non sarà lì per sempre, perché una volta recuperata la sovranità del pianeta, coloro che l’hanno posta la porteranno via; la Luna andrà da dove è venuta, ma questo avrà ovviamente delle conseguenze e proprio come è successo quando è stata inserita, succederà quando sarà rubata. 
 
Il pianeta si risolleverà un po’ liberandosi da questo parassita e la Terra dovrà riadattarsi nuovamente. 
 
Ci saranno quelli che si faranno prendere dal panico solo a pensarci e ci saranno quelli che trascenderanno tutto questo, che sarà solo un palcoscenico, fino a quando il pianeta tornerà di nuovo al suo equilibrio naturale e riprenderà il suo potere. 
 
Da qui, la quarantena che abbiamo subito scomparirà e inizieremo ad essere liberi, lasceremo la trance ipnotica e recupereremo a poco a poco tutta la nostra memoria; Ci saranno altri pericoli, ma almeno avremo la possibilità di scegliere. 
 
L’influenza lunare non è più così grave e molti stanno superando la capacità di questo, di sprofondare costantemente nell’inconscio, molti sono quelli che stanno mutando la loro coscienza e si stanno liberando della loro influenza.
 

   

I regressori che ci tormentano avranno alcune possibili vie di fuga:
 
  • fuggire e cadere nelle mani di altre civiltà che li attendono con ansia 
  • o incarnare qui e assumere (eliminare) le conseguenze che trascinano,
… e le entità dimensionali saranno fulminate dalla stessa coscienza del pianeta che sarà quella che impartisce loro giustizia. 
 
Questo è ciò che temono di più poiché molti sono quelli che vivono parassitizzando gli umani da uno strato dimensionale a prescindere da ciò che i nostri sensi percepiscono, in una struttura archontica artificiale, per intrappolare le coscienze. 
 
Tutte queste densità dimensionali che operano artificialmente, saranno annientate e con esse tutti gli abitanti di quei piani di falsa luce, arconti / arcangeli, che si autoproclamarono incanalando i flussi di anime e signori del karma
 
È vero che l’influenza della Luna è stata ridotta ed è per questo che molti stanno recuperando certe capacità e frammenti della sua memoria. 
 
La posizione del pianeta è abbastanza variata e ci sono periodi in cui ci sono notti senza luna, il che significa un aumento delle partenze coscienti, sogni lucidi e ciò che è meglio, un cambiamento generale nella coscienza di molti di noi. 
 
La Terra è la prima ad essere liberata da essa; Sa che il sole mitiga la sua influenza ed è per questo che sta cambiando la sua posizione, il che significa che molti giorni vedremo il Sole e la Luna condividere il cielo. 
 
Questo satellite è la prima causa della maggior parte dei nostri mali. Questo è il motivo per cui molti vivono ancora alienati da se stessi e filtrano solo la realtà attraverso i loro ruvidi sensi. 
 
Ma non importa quanto siano ipnotizzati, usciranno tutti dalla trance e dovranno superare lo shock di un paradigma completo che cade all’improvviso. 
 
Ci sono molti che si sono ridotti in questo modo, quindi dovranno “gestire” tutte quelle emozioni trovate in coloro che sono più vicini a loro. 
 
Non è necessario aspettare che tutto ciò accada. 
 
Puoi ridurre la pesante influenza lunare, aumentare la nostra vibrazione, vivere felici con noi stessi e rimuovere i nostri oneri emotivi, iniziando a migliorare il nostro polo emotivo e non lasciare che la pura ragione continui a boicottarci con i loro argomenti quadrati, misurati e prezzati … 
 

Marte e Saturno l’altare degli dei

Si avvicina la temuta congiunzione dei due malefici: Marte-Saturno, 2 aprile 2018

Per gli astrologi tradizionali questa congiunzione, che comincia a farsi sentire alla fine di marzo, è infame e fatale e terribile; richiede la massima cura e lavoro

Il 2 aprile, presenterà l’esatta congiunzione di Marte e Saturno nell’ottavo grado della costellazione del Capricorno. La più recente congiunzione tra Marte e Saturno si è verificata il 25 agosto 2016 e la prossima sarà presentata il 31 marzo 2020. Questo evento è, secondo l’astrologia tradizionale, un evento estremamente sfortunato e degno della massima attenzione.

Per gli astrologi tradizionali Marte (il pianeta della guerra e del conflitto) e Saturno (il pianeta della morte e delle pene) sono i due “mali”, i pianeti più avversi e sfortunati. Una congiunzione generalmente amplifica i suoi effetti.

Va detto che la congiunzione è attiva per diversi giorni prima e dopo il 2 aprile, poiché una congiunzione per alcuni astrologi ha influenza fino a dieci gradi di differenza. A peggiorare le cose, la congiunzione di Marte-Saturno viene presentata in quadrato con il Sole e Mercurio retrogrado in Ariete, due nature contrapposte e opposte in un angolo difficile. Ariete, il segno in cui Saturno ha il suo detrimento, è un segno impulsivo, ardente, appassionato, mentre il Capricorno è riflessivo, cauto, conservatore. Questa stessa opposizione è intrinseca a Marte e Saturno poiché Marte governa l’Ariete – l’energia veemente, un segno di fuoco – e Saturno in Capricorno – un’energia malinconica, un segno di terra, fredda e secca.

D’altra parte questo non è del tutto negativo, poiché in Capricorno Saturno ha il suo domicilio e Marte è esaltato, il che consente anche l’espressione delle migliori qualità di questi pianeti. In ogni caso ci si aspettano due settimane difficili e impegnative, in cui pazienza, attenzione, riflessione, non bisogna bruciare le aspettative, non disperare e non essere frustrati se le cose non scorrono come si pensa.

L’astrologo ellenico Vetio Valente descrive Saturno con parole del tipo: maligne, meschine, solitarie, ingannevoli, severe, miserabili, prive di energia, piene di ostacoli, tristi … Per Marte: violenza, guerra, esilio, bugie, vanità, furto, rabbia, lotte, cause legali, amori, forza, leadership, azione, fuoco, ferro.

L’astrologo William Lilly dice di Saturno che è afflitto: invidioso, ambizioso, geloso, diffidente, timoroso, sordido, stolto, misogino, bugiardo, maligno, mai felice e sempre lamentoso. Marte quando è afflitto è: disonesto, privo di modestia, ama il conflitto, il furto, l’omicidio, lo shock, la sedizione, il tradimento, è uno spirito turbolento, osceno, impulsivo, disumano, immorale, furioso. Marte è il pianeta dei tiranni, delle arterie, del colore rosso, delle febbri.

Come possiamo vedere, Saturno e Marte condividono astrologicamente alcuni degli elementi base e più bassi della natura, ciò che Jung chiamò l’ombra. Entrano anche in conflitto perché c’è bisogno di riposo, riflessione, lentezza, cura e l’altra è esplosività, vitalità, impulso. Questo ovviamente genera una difficoltà, una natura che tira su lati diversi.

Detto questo, sarebbe assurdo pensare che tutto sia sfortuna e che si debba semplicemente chiudersi e pregare che le cose non siano poi così male (anche se una piccola riserva contemplativa non è superflua). Se questi pianeti sono considerati archetipi o schemi collettivi che fanno parte della natura e della psiche, allora si comprende che essi presentano anche fasi di lavoro, apprendimento e persino una luce sui processi inconsci che dobbiamo risolvere.

Entrambi i pianeti sottolineano l’importanza dell’azione e del lavoro. Marte da una parte è la forza e l’energia che spinge ad agire e Saturno dall’altra parte è la legge morale che forza l’azione e punisce o retribuisce gli atti. Saturno è l’archetipo del vecchio, duro e giudizioso padre (padre Cronos, Mr. del Karma), che richiede i suoi figli e se non ottiene una risposta può essere estremamente crudele (fino al punto di divorarli).

Se comprendiamo questi pianeti come dei, come i numeri che appaiono nella vita, dobbiamo quindi adorarli, sacrificandoli, per così dire, sull’altare di questi dei, dando loro il cibo che gli piace. E questi dèi chiedono disciplina, forza, coraggio, azione e allo stesso tempo pazienza, tenacia e impegno per una struttura morale. Quindi il modo migliore per aggirare questa congiunzione malvagia, è mantenere l’ordine e adempiere al dovere, con ciò che si sa fare, oltre il piacere o il dolore, seguendo uno zelo ed equanimità uno scopo trascendentale

https://pijamasurf.com/

®wld