Archivi tag: social network

L’altra TV – L’era della Censura Virtuale

L’era della Censura Virtuale (video)

Vi presentiamo questo interessantissimo video di Messora, Byoblu, nel quale si affronta il problema della nuova grande censura, quella del Web e dei Social Network. Una censura ancora più brutale perchè toglie improvvisamente la visibilità dall’oggi al domani, senza spesso nessuna speigazione, con una brutalità che viene ad indicare la totale sottomissione ai poteri forti.

Buona visione

FONTE

®wld

L’igiene digitale

La domanda non è secondaria.

Poco prima della morte del romanziere italiano Umberto Eco, un uomo di enorme erudizione, feceil seguente commento:

I social network danno il diritto di parlare a legioni di idioti che per primi hanno parlato solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la comunità. Sono stati ridotti al silenzio rapidamente e ora hanno lo stesso diritto di parlare come premio Nobel. È l’invasione degli sciocchi.

Questo era prima di un risveglio più o meno massiccio, anche se non sufficientemente proattivo, che si è verificato dopo il trionfo di Trump e la scoperta dell’influenza delle notizie false, delle telecamere di eco degli algoritmi e così via.

Qualchemese fa abbiamo pubblicato una nota sul nuovo libro di Jaron Lanier, dieci motivi per cancellare immediatamente i tuoi social network. Lanier sostiene che gli algoritmi dei giganti dei dati hanno creato un nuovo modello in cui “il comportamento degli utenti è il prodotto”, un comportamento, il tuo e il mio, che viene costantemente modificato.

Jaron Lanier è uno dei principali dissidenti della bolla della Silicon Valley. È considerato il padre fondatore della realtà virtuale, uno degli autori del protocollo internet 2; Attualmente lavora in Microsoft, ma solo come consulente, il più delle volte spende per comporre musica classica e scrittura. Lanier lo ha avvertito, insieme ad altre voci lucide come Douglas Rushkoff, per diversi anni. L’uso indiscriminato della tecnologia e in particolare dei social network attacca il meglio di ciò che è umano. Secondo Lanier, i social network sono laboratori sperimentali in cui siamo come i famosi cani di Pavlov.

Inun recente articolo su El País, che raccomandiamo caldamente, sulla situazione generale di internet e degli algoritmi, Lanier ha detto che ha notato gli effetti negativi della rete quando stava scrivendo un blog sull’Huffington Post. Nelle reti, “le persone normali diventano spesso idiote perché gli idioti ricevono la massima attenzione”. E aggiunge che Donald Trump, dipendente da Twitter, è un buon esempio di comportamento alienato e la stupidità delle reti “Non si comporta come la persona più potente del mondo, perché la sua dipendenza è ancora di più”. La soluzione per Lanier non accetta mezze misure. Mentre la tecnologia e Internet hanno cose positive, i social network non lo fanno. Quindi raccomanda di lasciarli.

La domanda è: i social network ci rendono davvero degli idioti? La risposta, crediamo, è sì. Lo stesso articolo cita il filosofo, anch’egli recentemente scomparso, Zigmunt Bauman, il quale riteneva che il vero dialogo (cioè la concomitanza del logos, della ragione) avvenisse con coloro che sono diversi da uno. Internet, che inizialmente era guidato dall’idea che ci collegasse con gli “altri”, oggi ci collega solo con loro, con riflessi tautologici dei nostri gusti. Come è stato notato dagli analisti, l’algoritmo di Facebook funziona come una “camera dell’eco” o una “bolla del filtro” che ci restituisce più di quello che già ci piace e non mostra la diversa e discordante severa intelligenza, e inoltre, la crescita individuale consiste nel mettere in discussione le nostre convinzioni e nell’aprirsi all’alterità radicale, quindi sembra che sia vero che le reti ci idolatrano. Inoltre, se consideriamo che il significato della parola idiota ha a che fare con chi esiste in privato, l’idiota è il privato cittadino. Colui che non dialoga realmente o non partecipa con il mondo. Certo, oggi viviamo nell’illusione che Twitter sia la piazza pubblica e lì partecipiamo e collaboriamo e cambiamo il mondo.

È necessario limitare il tempo nei social media

Non è più un segreto che l’uso o l’abuso dei social network possa causare gravi disturbi psicologici e creare problemi di negligenza. Diversi studi dimostrano che i social network come Instagram sono legati all’ansia e alla depressione. In questo senso è emerso un intero movimento legato all’igiene digitale.

Recentemente, un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania ha cercato di quantificare gli effetti dei social network e vedere se le persone si sentivano meglio se limitavano il loro uso dei social media. Lo studio ha dato una cifra interessante: in modo che una persona non abbia effetti negativi significativi, non dovrebbe trascorrere più di 30 minuti al giorno utilizzando i social network.

Per lo studio sono stati reclutati 143 studenti universitari con account FB, Instagram e Snapchat sul loro iPhone. Il loro uso settimanale di queste applicazioni è stato monitorato sui telefoni e poi i partecipanti hanno risposto a un questionario in cui hanno valutato cose come la loro sensazione di solitudine o di perdere qualcosa (ovvero FOMO per il suo acronimo in inglese), la loro autonomia, auto-accettazione, ansia, depressione, autostima e sentimento supportati.

Successivamente, l’esperimento è stato condotto: un gruppo ha continuato a utilizzare i social network come sempre, e un altro ha dovuto limitarne l’uso a 10 minuti al giorno. Alla fine, i ricercatori hanno concluso che “l’utilizzo di meno reti sociali rispetto a ciò che viene normalmente utilizzato porta a una significativa riduzione della depressione e della solitudine”. Poiché sanno che eliminare del tutto l’uso non è plausibile, hanno raggiunto un valore limite: 30 minuti.

In generale, è evidente che la nostra società viene abusata quando si utilizzano i social media, e questo è in parte dovuto al fatto che gli utenti non sono consapevoli degli effetti del suo uso e dei modi in cui le aziende manipolano gli utenti a tenerli agganciati, sempre volendo di più. Qualcuno ha paragonato gli smartphone con le slot machine del casinò che lasciano i clienti con un misto di desiderio e insoddisfazione, con l’idea che forse la prossima volta vinceranno, o che la prossima volta che saliranno sul loro Instagram riceveranno Mi piace e vedranno le immagini che vogliono dai loro amici. Questo perché i progettisti e i dirigenti di questi prodotti usano meccanismi per destabilizzare il sistema di ricompensa del cervello, basato sulla dopamina (su questo, scriviamo ampiamente in questo articolo).

Fonte:  https://pijamasurf.com/

®wld

A proposito di Copyright

  

Se le idee e le azioni avessero limiti oggi non avremmo internet e programmi gratuiti, né mai saremmo andati nello spazio

Leggendo i vari commenti in giro su giornali e blog in questi giorni, dopo l’approvazione della discussa Legge da parte della Comunità Europea sul Copyright, è altresì evidente, che i più confondono i contenuti dell’intero web con i contenuti nei vari social network e nelle chat, dove ad esempio, ogni mattina si bruciano milioni di bit elettronici per darsi un buon giorno virtuale e nel resto della giornata i stessi utenti per la maggior parte, non sprecano neanche un bit per argomentare una nuova idea o aprire una intelligente discussione.  

Eppure il web dei nostri giorni è talmente pregno di informazioni, che neanche l’enciclopedia Treccani per quanto ritenuta valente è cosi completa! Questo peraltro, si è potuto ottenere col lavoro certosino di sommi e meno sommi i quali ognuno col suo sapere ha dato un contributo utile a qualcun altro. Certo in mezzo a tanta somma sapienza vi è anche spazzatura, come vi è nella casa più pulita che per mantenerla tale bisognerà pulirla a vita.

Quello che invece più sgomenta, è che gente a cui si è dato valore come artista o come scrittore non intende capire, che l’assurdità del copyright propagata per ben 50 anni così come lo è ora, non si può pretendere che per il lavoro di un giorno si sia pagati a vita, ma dove sta scritta questa assurda equazione? Se tutti adoperassimo questa massima il mondo sarebbe un piattume fatto di tanti primi giorni e niente altro.

Oh diamoci una svegliata eh!

È di questi giorni peraltro, la discussione se lavorare o meno oltre la classica settimana lavorativa anche il sabato e la domenica, ma lo capite si o no dove è che sta’ la truffa? C’è chi deve lavorare tutti i giorni per mangiare e chi invece deve campare di rendita lavorando per un giorno o per un mese e essere ripagato per questo tutta la sua vita? Ognuno nel suo lavoro è un artista mettetevelo bene in testa visto che lavorando state creando quindi non fatevi condizionare da nessuno, ognuno che mette il suo lavoro a disposizione degli altri è per far si che altri diano a questo lavoro un valore, anche perché se non fossero gli altri a determinarlo questo valore, il lavoro di ognuno sarebbe pari a zero, cosi come non potrebbe esistere il luminare se poi non ci fosse per lui prezioso un altro uomo, ignorato questo da tutti, che crea per lui gli attrezzi per permettergli di farlo lavorare al meglio. Diviene cosi conseguente, che se il secondo facesse male il suo lavoro, anche il primo non sarebbe nessuno o al massimo poco più, ma mai un luminare.

Sembra che oggi tutti dimentichino la massima, che i furbi esistono perché esistono i cretini, i quali, dopo essere stati fottuti da furbi di ogni tipo, i cretini proprio perché essendo cretini, gli danno anche ragione. Il Massimo della demenza.

Il Copyright nato in Inghilterra nel secolo scorso, è niente altro che una furbata che non determina un valore, ma una replica che spesso neanche l’autore stesso è stato capace di replicare. Quanti cantanti avete visto esordire con una valente canzone e poi scomparsi per sempre, oppure scrittori che dopo un titolo di grido non sono stati capaci di replicare il successo del primo libro e allora perché dovremmo pagare loro e ai loro eredi, diritti che credono di avere ma non hanno? Per meglio farlo comprendere, è come se la città di Roma per far vedere a romani e turisti il Teatro Flavio, meglio conosciuto come il Colosseo, considerato una delle sette meraviglie del mondo, facesse pagare un biglietto per la meraviglia che ci si appresta a visitare e poi uno permettere di visitarla, lo riterreste demenziale perché effettivamente è demenziale, cosi come lo è il Copyright e chi lo sostiene. Oppure se volete, facciamone uno ancora più semplice di esempio, la “Costituzione” la Costituzione fu opera di ingegno dell’Assemblea Costituente, se questi ne avessero messo il copyright, nessun nuovo politico avrebbe potuto modificarla come poi hanno fatto per adattarla ai loro comodi, noh?  

Se non siete d’accordo, argomentando se ne può discutere nei commenti. Argomentando però, senza mettere avanti diritti che però si vuole togliere ad altri. Grazie.

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/

Articoli correlati:

Intervista a Fabio Lugano sul Copyright e su Kim a Italia News Canale Youtube

Bavaglio al web in Europa: ce l’hanno fatta, ora sarà legge

Ecco cosa si nasconde dietro la Legge sul Copyright

®wld

Il dogma post-moderno della ‘parità’

 

 TESTE QUOTE

posted by Francesco Carraro

Notizie dal futuro. E non sono buone. La Royal Academy of Arts di Londra, in occasione della mostra ‘Renaissanse nude’ (sui nudi del Rinascimento) del marzo 2019, applicherà la parità di genere, esponendo tanti quadri di nudo maschile quanti quadri di nudo femminile. Se la prima vostra reazione è un cenno di assenso, siete perduti. Se, invece, è un moto di ripulsa, siete normali. Questo post è destinato ai secondi. Vi capisco. Comprendo la vostra frustrazione, ma è il momento di ragionare a sangue freddo. Perché succede? Questo dobbiamo chiederci. Perché, sempre più spesso, ci imbattiamo in notizie che ci fanno dubitare della residua sanità mentale dell’essere umano? Perché idiozie così palesi, persino pacchiane nella loro irragionevolezza, fanno breccia anche presso istituzioni di altissima levatura culturale e intellettuale, come la Royal Academy, o politica, come il Parlamento italiano, dove ancora riecheggiano le risate suscitate dalle ossessioni da dizionario della sua ex presidente, anzi presidentessa?

Andiamo subito al sodo: il motivo apparente di tali iniziative – e cioè la tutela del cosiddetto sesso debole – non c’entra nulla con le iniziative stesse. È un’esca. Una foglia di fico destinata a celare l’obbiettivo principe; che non è la protezione delle donne, ma la manipolazione delle menti. Imporre l’ossessione per la cosiddetta parità di genere, fino a derive deliranti come la galleria rinascimentale del sessualmente corretto, serve a compartimentare i cervelli. Propiziare, cioè, nuove logiche binarie di ragionamento simili all’idioma basico delle macchine informatiche costituito solo da due elementi: zero e uno, alternati all’infinito e miscelati in smisurate combinazioni. Fatte tutte, però, di zero e di uno. E se la perversione – tale può definirsi la mania ossessivo compulsiva dei feticisti paritari – è giunta al punto da colonizzare le sale di una pinacoteca o le aule di un’assemblea elettiva o le redazioni di un giornale, allora possiamo ben dire che il processo è in fase talmente avanzata da risultare irreversibile. La riprova sta proprio nell’aver traguardato la soglia del ridicolo senza far ridere nessuno. E nell’averlo fatto da un pulpito di autorevolezza indiscussa come le cattedre di un’accademia reale. Che deve dire l’uomo della strada? Gli viene il dubbio di essere lui quello ‘sbagliato’. Se una decisione tanto cretina la prende un consesso di geni, allora forse la decisione non è così cretina. Magari, bisogna solo adeguarsi. E pensarci due volte prima di violare il dogma post-moderno della ‘parità’.

Una medesima funzione di ingessatura cerebrale la svolgono i comandamenti del politicamente consentito: rieducare la nostra naturale ritrosia al pensiero unico, le nostre umanissime tendenze all’anarchia e all’indisciplina, attraverso dosi massicce di conformismo perbenista e convenzionalmente accettabile. Completano l’opera il depauperamento lessicale, l’imbarbarimento sintattico e l’anoressia concettuale provocati da quei killer del linguaggio che sono i social network e i semplificatori seriali della ‘intelligenza’ digitale. Volendo sintetizzare in uno slogan, potremmo dire: meno pensieri per tutti. Anzi, per tutte. Anzi, per tutti. Anzi, per tutte. Anzi per tutti. Anzi, per tutte…

Francesco Carraro
www.francescocarraro.com

®wld

Tra Pro e Contro e ancora, Tra Contro e Pro

NEPPURE SE LO SFASCI PROTEGGI LA TUA PRIVACY. TECH-GLEBA.  

di Paolo Barnard 

Giusto per quelli che non lo sanno, il dettaglio è considerevole, è un tragico paradigma davvero.

Allora, siamo tutti spiati dai nostri cellulari, tablet e fra poco dagli schermi Tv e dai Drones. Già scritto ottocento volte come e chi ci analizza, le TECH già pronte ecc. Ma per chi ha in tasca un cellulare Android c’è un… optional poco carino. 

Il vostro Android, ci rivela un articolo su QUARTZ di Keith Collins, manda la vostra esatta posizione a Google anche se voi avete
 
1) disabilitato ogni opzione location service.
 
2) disabilitato ogni App
 
3) tolto persino la SIM
 
4) frantumato il cellulare gettandolo dalla finestra (fonte: privata)
 
La stessa Google ha candidamente dichiarato a QUARTZ che è tutto vero, e che “i possessori degli Android non ci possono fare nulla”. Con la faccia come il c… (finisce per ulo).
 
Ora, uno dice “ormai, sanno anche la lunghezza del tuo mitto (getto d’urina), quindi…”. Wrong. Sbagliato. Vi sfugge un dettaglio mostruoso, ed è che l’opzione ‘unplug them’, cioè che se proprio siamo alla disperazione con ste super TECH gli possiamo staccare la spina, è saltata. Perché oggi già i cellulari li puoi disabilitare, spegnere, persino sfasciare, ma quelli continuano a trasmettere i tuoi dati a qualcuno.
 
E siamo solo agli inizi. Immaginate quando i computers in Artificial Intelligence (A.I.), gli Artificial Neural Systems, i DNA computers e i quantistici non si fermeranno neppure se gli stacchi la spina. Come oggi col tuo IPhone o, peggio, con gli Android. Fantasie?
 
Vi ricordo che pochi mesi fa una A.I. in Texas si è auto insegnata a trarre e ad accumulare energia da elettroliti del vetro, con cui si creano batterie potentissime. Naturalmente questo salto inquietante è ancora sotto controllo umano, ma sappiamo a che velocità stanno viaggiando queste super TECH, e sappiamo soprattutto che (fonte: MIT, Boston) gli stessi uomini che le stanno creando non capiscono più esattamente come funzionano o perché reagiscono in certi modi.
 
Le A.I. non sono ancora arrivate neppure vicino al livello della coscienza umana, anche se nel frattempo ci renderanno GLEBA, ma se butti un bebè dalla finestra… dopo non ti fa lo stesso ciao ciao con la manina. L’Android sì. E lo fa a gente poco bella. Non fatelo il bebè (e non buttatelo dalla finestra per vedere se Barnard ha ragione).
 
 

 Due parole sui “social network” e la libertà

di Enrico Galoppini 

Va bene che ufficialmente sono nati per ritrovare “gli amici di una vita”. Ma se si eccettua chi posta solo foto di mogli, mariti, figli, vacanze, acquisti e manicaretti, va detto che queste reti sociali vengono utilizzate da molti per esprimere le proprie idee. 

Ora, in un ambiente che ogni tre per due si dichiara libero la cosa più banale del mondo sarebbe il poter esprimere liberamente le proprie idee, su qualsiasi argomento.
 
Accade invece che la maggioranza dei moderni, benché inebriata dall’illusione della libertà, non riesce assolutamente a sopportare l’espressione, anche a mezzo di questi strumenti, di idee non conformiste (cioè non conformi al “moralmente corretto“). Al primo comparire di qualche idea “strana” certi psicopoliziotti volontari s’indignano e se la prendono come se gli fosse stata offesa la mamma.
 
Però sono convinti che qui ci sia la libbertà (questa volta con due B). Questo tipo d’individui va preso con le molle: può toglierti “l’amicizia” (cosa di cui m’interessa men che zero) e potrebbe “segnalarti” agli amministratori del giocattolo, che così provvederanno a metterti nel “cattiverio” per un po’ (altra cosa che alla fine non ha nessun valore, prima che qualche “autorità” s’inventi un “rating” per le persone basato sulle idee espresse in pubblico).
 
Ed è quello che sta accadendo ad alcuni miei amici, tra i quali si annoverano studiosi e pensatori di notevole spessore, che però, a causa di omuncoli insignificanti, ogni tanto si vedono precluso l’accesso su Facebook, dove sono ammessi anche animali vestiti e pagliacci in servizio permanente. Questi signori, insomma, stanno in “castigo” per le loro idee, nella speranza che col tempo si autocensurino sempre più (ma non lo faranno!).
 
È per questo che, sebbene a qualcheduno possa sembrare incredibile (dato che non la mando certo a dire), il sottoscritto sta attento a non esprimere pubblicamente tutto quel che veramente pensa su parecchie questioni “calde”. Calde, intendiamoci, solo perché c’è troppa gente – schiava dentro – che per l’appunto si scalda subito per un nonnulla, mentre ci sarebbe un gran bisogno di ragionare a mente fredda… Se ci fosse libertà, s’intende… 
 
 

 ‘Declassificazione’: a censura ai tempi del Web è a colpi di algoritmi

Se il potere vede che le vecchie manipolazioni non han più presa, ricorre all’unica risorsa che sa: reprimere di più, imbavagliare di più. Le ultime sulla censura contro RT e i non allineati 
 
di Leni Remedios.
 
Mi fa francamente sorridere l’ennesima guerra sferrata contro media russi come RT e Sputnik. Se non fosse che mette a rischio centinaia di posti di lavoro (a livello planetario, non solo in RT America) mi farei una grassa risata. La nuova faccia della censura si chiama ‘de-ranking’, ovvero declassificazione. Sabato 18 novembre, durante il Forum per la Sicurezza internazionale ad Halifax, Canada, Eric Schmidt – direttore della compagnia Alphabet, socia in affari con Google – annuncia: Google News combatterà la cosiddetta propaganda russa, perciò nasconderà i contenuti di RT e Sputnik. «Non vogliamo bloccare i siti web, non è il nostro stile di lavoro», ha dichiarato Schmidt. «Non sono un sostenitore della censura, sono un sostenitore della classifica».
 
Ma che diavolo vuol dire tutto questo? Schmidt, in maniera che vuol essere sibillina e che risulta in realtà maldestra, spiega candidamente: in base ad algoritmi specifici che obbediscono a criteri interni, i siti compariranno in fondo alle ricerche. In altre parole, «un’altra forma di censura», come commenta l’avvocato statunitense per i diritti umani Dan Kovalik, che aggiunge: «L’attacco a RT è un attacco a narrazioni diverse su questioni come Siria ed Ucraina», e precisa che «infatti Google ha già iniziato ad usare questo metodo anche con siti alternativi nordamericani. Finiranno per censurare tutti. I cittadini americani dovrebbero esserne allarmati». Una mossa che arriva tra l’altro con eccezionale tempismo, subito dopo la decisione del Ministero della Giustizia statunitense di registrare RT fra gli agenti stranieri.
 
Insomma, una censura a colpi di algoritmi. È un po’ l’equivalente del trafiletto in quarta pagina, rifilato lì come paravento per poter poi dire «non è vero che non ne abbiamo parlato».
 
Ma la logica applicata ai quotidiani cartacei non funziona con internet. Zbigniew Brzezinski – spietato oligarca ma mente fine – avrebbe scrollato la testa di fronte a questo puerile e malcelato tentativo di censura. Too bad and too late. Un intervento fatto male ed arrivato troppo tardi. Come la grottesca comparsata dei tre moschettieri della rete (ossia le tre scimmiette, come li ha chiamati Giulietto Chiesa) ovvero Google, Facebook e Twitter, chiamati a giudizio dalla commissione americana sul Russiagate: voleva forse essere una lezione collettiva, un impatto visuale tremendo che funzionasse da monito per tutti, utenti e compagnie. Invece il risultato è stato per molti versi quasi demenziale: i tre moschettieri, oltre a snocciolare dati a dir poco innocui, ben distanti da quel che i giudici volevano sentire, sembravano scolaretti balbettanti di fronte alla maestra cattiva. Mancava solo che chinassero la testa e recitassero il ‘mea culpa’ all’unisono.
 
Google può pure gettare RT in fondo alle sue ricerche o persino toglierlo. Ma, come si diceva, è troppo tardi. Se volevano fare sul serio i censori, avrebbero dovuto agire prima, in maniera preventiva. Invece la tecnologia viaggia a velocità interstellare, sfugge alle mani dei suoi creatori. Una grande fetta di utenti ormai non aspetta il filtraggio dei motori di ricerca per trovarsi RT in ultima pagina. Ci va direttamente nel sito di RT. Ci va direttamente nel sito di Sputnik, Press TV, Al Manar, Hispan TV, Pandora TV. Se non ci va direttamente, ci pensano le amicizie in comune su Facebook, Twitter etc a segnalarle attraverso la condivisione. Perché negli ultimi anni si è gradualmente abituato (una verità che fa molto male ad ogni establishment di ordine e grado) a un fenomeno inedito: c’è qualcun altro che fornisce una narrazione diversa rispetto a quella monocolore fornita dai mainstream e dai suoi servi, pardon, esecutori.
 
Lo strumento militare introdotto al grande pubblico pensando che si potesse manipolare come si fa con la televisione, sta sfuggendo di mano. Nemmeno il succitato Zbigniew Brzezinski, che nel 1970 scrisse Between Two Ages: America’s Role in the Technetronic Era, avrebbe potuto prevedere un acceleramento simile.
 
I gatekeepers faticano a controllare tutte le informazioni in entrata e in uscita. Neppure la sapiente introduzione di infiltrazione/cooptaggio/inquinamento delle fonti d’informazione indipendente – per non dire la costruzione ad arte di finti personaggi o entità anti-sistema – è servita a scoraggiare il pubblico, che si sobbarca il rischio d’incappare in qualche granchio.
 
Non è certo un processo iniziato ieri con RT. E ahimè non si concluderà con questa vicenda.
 
Chiudono i quartieri generali britannici dell’iraniana Press TV? Press TV si mette in rete e la guardano in tutto il mondo. Ti mettono in fondo alla ricerca Google? Ci pensano gli utenti dei social a moltiplicare le visite rendendo i contenuti virali. Vuoi silenziare i contenuti di un sito scomodo? La notizia rimbalza come un boomerang di pubblicità negativa.
 
Insomma, non sanno più come fare per tenere a bada tutto.
 
E quando un establishment oppressore riconosce che le vecchie tecniche manipolatorie non hanno più presa, in mancanza di una visione strategica, ricorre all’unica risorsa che conosce: reprimere ancora di più, imbavagliare ancora di più, anche a costo di non curarsi della maschera che cala. Sì, il re è nudo, e allora? Mi chiedo fino a che punto la loro sia spudoratezza o disperazione.
 
A livello planetario, l’establishment – o per meglio dire, le correnti variegate che formano l’establishment – non godono più del consenso granitico che avevano, poniamo, nel 2001, all’alba dei fatti dell’11 settembre.
 
Vorrei in ultima attirare l’attenzione sulle parole seguenti di Schmidt, che svelano l’ideologia sottostante a simili operazioni:
 
«Durante l’anno scorso, si è dimostrato che non ci si può fidare delle capacità del pubblico di distinguere da solo fra fake news e notizie reali».
 
Secondo una certa linea di pensiero che attraversa l’establishment contemporaneo, ma che affonda le radici nelle antiche oligarchie, i cittadini sono visti paternalisticamente come pecorelle smarrite ignare di quel che succede e che vanno sviate…pardon…guidate per manina.
 
È qui che le scimmiette digitali del potere si sbagliano. È il pubblico a non fidarsi di te, caro Schmidt. Forse anche perché una grossa fetta di utenti, grazie anche alle testate che vuoi silenziare, è al corrente che proprio tu, che sbraiti contro la presunta propaganda di altri, peraltro mai dimostrata, sei stato consigliere sui servizi digitali nelle campagne elettorali del 2012 per Barack Obama e del 2015 per Hillary Clinton.
 
Eccoci alla chiusura del cerchio. Non c’è neanche più il bisogno di smascherarli, si sputtanano da soli. In questo senso risparmiano un lavoro notevole a noi giornalisti. Grazie, Schmidt, ci risparmi fatica.
 
Mi sembra che non debba aggiungere ulteriori spiegazioni: contrariamente a quanto pensa Schmidt, ho un’elevata ficucia nelle facoltà intellettive dei lettori. 

Il numero di Dunbar – il contatto sociale

Hai delle vere amicizie?Aristotele pensa che tu non le possieda

di Scotty Hendricks 30 settembre 2017 dal sito BigThink

Pensate al nome dei vostri cinque amici più vicini …

Pensate alle persone con cui potete parlare di qualsiasi cosa, quelle persone che avete conosciuto da un po’ di tempo, quelle che puoi sempre chiamare.

Ora, pensa a quante persone su Facebook si possono davvero definire qualcosa di simile a quel gruppo che hai pensato. Tutti noi abbiamo su Facebook un “amico” della scuola che non pensiamo fino al giorno del suo compleanno.

Il numero di Dunbar, è il presunto e significativo numero di rapporti sociali che si possono avere, ed è di 150.

L’utente medio di Facebook ha un numero molto maggiore di amici di quello sopra citato,

  • Quanti di loro sono veramente persone che ancora conosci?
  • Quanti di loro sono persone che vorreste vedere per un motivo qualsiasi
  • cosa ci piace della loro presenza?
  • Quanti dei tuoi amici si possono annoverare come i tuoi “amici”?
  • Come puoi discernere la differenza?
  • Qual è la differenza?

Nel suo etico capolavoro L’etica di Nicomachean, Aristotele si immerge con la sua brillante mente sul problema di quale amicizia in realtà si possa definire tale.

Aristotele non vede solo una retta vita che richiede la virtù, un bene interiore a cui siamo in gran parte responsabili; ma richiede anche beni esterni che facilitano in sé le virtù divertenti.

Tali cose includono l’essere greco, maschio, benestante finanziariamente, istruito, ragionevolmente sano, avere una decente fortuna e avere buoni amici. La questione di ciò che è un amico assume una nuova importanza per lui.

Nell’VIII° libro  di questo lavoro definisce tre tipi di amicizie e una virtù di amicizia, “Filia” o amore fraterno.

Come per tutte le virtù di Aristotele, Philia è il punto intermedio tra due vizi. La mancanza di amore fraterno conduce al vizio dell’egoismo, mentre la persona che è troppo amichevole con tutti è anch’egli viziosa a modo suo.

Aristotele sarebbe d’accordo sul fatto che,

“L’amico di tutti è un amico di nessuno”.

Per essere una persona autoritaria, nel senso aristotelico, devi dominare l’arte dell’amicizia.

Ma quali sono i tre tipi di amicizie?

L’amicizia dell’utilità è il primo tipo di amicizia che Aristotele menziona.

Queste amicizie si basano su ciò che le due persone coinvolte possono fare per l’altro e spesso hanno poco a che fare con l’altro individuo come persona. La persona a cui si offre un drink in modo da poter avere dei biglietti, mettere una buona parola per te, o anche solo per farti guardare meglio dagli altri.

Tali amicizie come questa includono l’offerta di ospitalità, così afferma Aristotele. Queste amicizie possono finire rapidamente, non appena si avrà raggiunto il possibile utilizzo dell’altra persona.

Il secondo è l’amicizia del piacere. Queste sono le amicizie basate sul godimento di un’attività condivisa e il perseguimento di piaceri e emozioni fugaci. La persona con cui bevete, ma non sareste mai andate a cena. Il ragazzo o la persona che vai a una partita di calcio, ma non la potreste mai tollerare di vedere altrove. Aristotele dichiara che è l’amicizia dei giovani. Questo è, ancora una volta, una amicizia spesso-corta, amicizia, tenuta con persone che possono improvvisamente cambiare quello che vogliono fare e  senza una connessione al loro amico.

In entrambe queste amicizie l’altra persona non viene valutata “in sé” ma come mezzo per una fine. Piacere di uno e qualche cosa di utile nell’altro. Mentre queste sono elencate come amicizie “minori” a motivo del motivo, Aristotele si apre all’idea della più ampia e ultima forma di amicizia che trova la sua genesi in queste categorie.

 La categoria finale è l’amicizia “Vera”.

L’amicizia della virtù o l’amicizia del “bene”. Queste sono le persone che ci piace per noi stessi, le persone che ti spingono ad essere una persona migliore.

La motivazione è che si cura per la persona stessa e quindi il rapporto è molto più stabile delle due categorie precedenti.

Queste amicizie sono difficili da trovare perché le persone che fanno il taglio “virtuoso” sono difficili da trovare. Aristotele lamenta la rarità di tali amicizie, ma osserva che sono possibili tra due persone virtuose che possono investire il tempo necessario per creare un tale legame.

Mentre Aristotele ci incoraggia a cercare la “pura” forma di amicizia. Non pensa necessariamente che si debba essere una persona cattiva per avere amici dei due precedenti tipi. Tutti noi li abbiamo.

Mentre ammette che alcuni piaceri siano cattivi per noi, egli chiama anche il piacere un bene che la gente vuole per trarne godimento.

Il vero problema in queste amicizie è quando non riesci a capire che sono del tipo inferiore e non vengono fatti sforzi per trovarne delle migliori.

Ma tutte le amicizie del piacere che ho adesso mi definiscono una persona cattiva?

No, ma gli aristotelici ti incoraggiano a salire.

Inizia a pensare alle tue amicizie. Non c’è qualcuno dei tuoi amici che vorresti conoscere meglio? Fallo! Se non funziona prova di nuovo.

Aristotele è chiaro, le amicizie della virtù sono rare, potrebbe richiedere un po’ di tempo. Prima che tutto funzioni, devi essere virtuoso. Non dovete essere subito un modello di virtù, anche Cicerone ha messo in dubbio quanto fosse virtuoso essere veri amici, ma una comprensione di “Philia” sarebbe utile.

In un mondo di connessioni sociali sempre più in crescita, la questione di quale amicizia “è veramente” una questione importante.

La guida di Aristotele, con le sue opinioni di diverse amicizie e la possibilità di miglioramento, sono un suggerimento molto necessario nel nostro mondo moderno.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Ni.Gish.Zid.Da

Cordialissimo Paolo Barnard …

Cordialissimo Paolo Barnard, Lei ha scritto nel Suo Blog “Ma allora dove siete tutti?” Ebbene, come vede io sono qui e sto postando uno dei suoi articoli, si evince che non faccio parte di quei “tutti” e nemmeno gli scrivo per e-mail “bravo continua così”. La leggo e la seguo nel suo blog e quando appare in tv.

Non sono iscritto a nessun social network, come “Istagram, Goggle+, Twitter, e tanto meno a Facebbok”, per mia scelta, ho solo questo blog che condivido in rete da oltre otto anni.

Lei si lamentava (giustificatamente) “Ma dove siete tutti?”, siamo ancora qui, almeno io ci sono, ma penso come tanti altri; il fatto è che qualcosa è successo alla rete, le indicizzazioni relative alle visite dei blog e dei social, sono certamente manipolate da chi ci vuole tenere all’indice, questa anomalia non l’ha rilevata solo Lei o io stesso, ho fatto un’indagine (porta a porta) e, tutti mi hanno riferito la stessa cosa: il 50% delle visite a blog e social scomodi, è venuto meno per via del bavaglio che si vuol mettere alla rete.

Una di queste iniziative, è questa: “La libertà non è un bavaglio” oppure questa: Basta con quest’informazione OGM!  e questa: “L’arrocco è un’arma di attacco e di difesa” questo ha messo sull’avviso i nostri detrattori, ancora prima che l’infamante legge bavaglio venga divulgata. Non c’è bisogno che insegni a Lei, quello che senza dubbio conosce meglio di un neofita come me.

Colgo l’occasione (visto che ci son passato pure io) di segnalare i Suoi tre ottimi ultimi articoli sui medici e metodiche di cura che meritano di essere letti:

SCHEGGE DI BELLO NELLA VITA. MAI FATTA UNA COLONSCOPIA? ERNIA?

ORAGANO SALVA VITE, URGENTE. ULTIMA SU MEDICINA.

DUE COSE SUI MEDICI.

Nel mio piccolo, cerco di dare visibilità ad articoli che mi accomunano con il Suo vissuto e pensiero, come l’ottimo articolo (uno dei tanti) di Marcello Pamio: Micro calcificazioni al seno, e la creazione di malati

A rileggerla, cordialmente;

wlady