Archivi tag: Silicon Valley

Nuovi faraoni e nuovi dei pagani

 

Transumanesimo: i nuovi faraoni e i loro nuovi dei pagani

di: David Goldman 

La ricerca dell’immortalità è vecchia quanto l’esistenza umana, ma ha assunto una forma moderna nel Transumanesimo che è altrettanto superstiziosa e sciocca dei faraoni nell’antico Egitto. Alla fine, altrettanto certamente fallirà. ⁃ Editor TN 

Gli ebrei di tutto il mondo domani ascoltano Parsha Bo (Esodo 10: 1 – 13:16) declamato nella sinagoga, raccontando l’ultima delle piaghe bibliche, l’uccisione del primogenito egiziano e la nostra partenza di mezzanotte dall’Egitto. È un momento solenne nel nostro calendario religioso. I nostri rabbini sottolineano che Dio non ci ha semplicemente liberati dalla schiavitù egiziana, ma ha portato un terribile giudizio contro i loro dei. Signore, ascolta il nostro grido e porta un giudizio contro gli dei pagani che sono adorati oggi!

Dio disse a Mosè: “Passerò attraverso l’Egitto quella notte, e ucciderò tutti i primogeniti in Egitto, uomo e animale. Compirò atti di giudizio contro tutti gli dei dell’Egitto: Io (solo) sono Dio. “(Esodo 12:12). Il rabbino Lord Jonathan Sacks commenta: “Le piaghe non erano intese solo a punire il faraone e il suo popolo per i loro maltrattamenti agli israeliti, ma anche a mostrare loro l’impotenza degli dei in cui credevano. Ciò che è in gioco in questo confronto è la differenza tra il mito – in cui gli dei sono meri poteri, da domare, propiziare o manipolare – e il monoteismo biblico, in cui l’etica (giustizia, compassione, dignità umana) costituisce il punto d’incontro di Dio e l’umanità.”

Qual è stato il risultato dell’idolatria egiziana? L’élite al governo voleva vivere per sempre e ha reso schiavi i miei antenati per costruire grandiose tombe in cui i loro corpi mummificati sarebbero migrati verso un’altra vita, circondati dalla loro ricchezza e da alcuni servitori convenientemente morti. Una parte considerevole della produzione economica dell’Egitto nutriva le fantasie dei Faraoni, di cui oggi ridiamo. Il desiderio di vita eterna non è nuovo, e difficilmente unico per ebrei o cristiani. I Neanderthal seppellirono i loro morti con gravi omaggi. Gilgamesh l’eroe babilonese partì alla ricerca della vita eterna. I faraoni costruirono piramidi con il nostro sudore e il sangue.

Oggi i nostri progressisti opinionisti ridicolizzano il concetto di un Dio eterno e di un mondo a venire, ma credono che presto caricheremo le nostre menti su Internet dove la nostra coscienza continuerà intatta. Ridiamo all’idea che i beati passerebbero l’eternità suonando le arpe seduti sulle nuvole, ma l’opinione illuminata ora crede che manterremo le nostre menti consce nel cloud di Google. Aggiungi a questo un corpo robotico, e presumibilmente possiamo vivere per sempre. Molti miliardari della Silicon Valley lo prendono sul serio.

Secondo Wikipedia:

Il caricamento mentale può essere potenzialmente realizzato con uno dei due metodi seguenti: copia e trasferimento o sostituzione graduale dei neuroni. Nel caso del metodo precedente, il caricamento mentale sarebbe ottenuto mediante la scansione e la mappatura delle caratteristiche salienti di un cervello biologico, e quindi copiando, trasferendo e memorizzando lo stato di informazione in un sistema informatico o in un altro dispositivo computazionale. Il cervello biologico potrebbe non sopravvivere al processo di copia. La mente simulata potrebbe essere all’interno di una realtà virtuale o di un mondo simulato, supportata da un modello di simulazione anatomica del corpo 3D. In alternativa, la mente simulata potrebbe risiedere in un computer che è dentro (o collegato a) un robot (non necessariamente umanoide) o un corpo biologico. 

Questa non è scienza, ma fantascienza. L’urgenza di sfuggire alla morte, tuttavia, rimane potente oggi come lo era quando Mosè si confrontò con Ramses. Una startup tecnologica offre ora un metodo per preservare la disposizione chimica del tuo cervello fino al momento in cui può essere caricata, con l’effetto collaterale minore che dovrai morire nel processo.

Sembra sciocco, ma la corrente principale dell’opinione illuminata ora crede che l’intelligenza artificiale, la manipolazione dei geni e altre mode tecnologiche trasformeranno la razza umana in qualcosa di completamente diverso. Lo scrittore popolare Yuval Harari, uno dei preferiti di Bill Gates, Mark Zuckerberg e Barack Obama, profetizza che ci trasformeremo in caricature fantascientifiche di noi stessi. In una recente intervista, l’autore più venduto ha dichiarato:

Dato il ritmo attuale dello sviluppo tecnologico, è possibile che ci distruggiamo in alcune calamità ecologiche o nucleari. La possibilità più probabile è che utilizzeremo la bioingegneria, l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per migliorare noi stessi in un tipo di essere completamente diverso o per creare un tipo di essere totalmente diverso che prenderà il sopravvento. In ogni caso, tra 200 o 300 anni, gli esseri che domineranno la Terra saranno molto più diversi da noi di quanto non lo siamo dagli uomini di Neanderthal o dagli scimpanzé. 

Harari non è pronto a conservare il suo cervello per un futuro caricamento, ma la sua visione di auto-trasformazione umana è la prossima cosa peggiore. Tutta l’indagine metafisica ed esistenziale dei filosofi, tutta l’ispirazione degli artisti, tutta la rivelazione dei profeti è gettata nel cestino del laboratorio del cervello. È una follia, ma ora offre una seria competizione alle fondamenta bibliche della società occidentale.

I nostri nuovi faraoni credono nei metodi per ottenere l’immortalità sciocca come i vecchi. Ed essi nutrono fantasie simili per lo stesso motivo: vogliono trasformarsi in divinità immortali che non hanno più alcun vincolo sulla soddisfazione dei loro appetiti rispetto alle divinità rapaci, concupiscenti e assassine dell’antico paganesimo.

Leggi la storia completa qui .. 

Fonte: https://www.technocracy.news/

®wld

Almanacco di giugno 2018

  

(Perché) Un’economia globale rotta sta annullando l’ordine internazionale

Oppure, quali Trump, Macron e Trudeau non sanno che stanno combattendo ancora  

Voglio raccontarti una storia su un mondo che è caduto a pezzi.   

Come probabilmente sapete, i leader mondiali sono inorriditi contro un presidente americano che vuole escluderlo – e per “esso”, intendo gli ultimi cinquanta anni. Accordi commerciali, trattati internazionali, alleanze, opere – l’ordine globale. Ecco cosa non sai. Qualcosa è andato storto. Quindi, è sbagliato che i leader globali di oggi, Trump, Macron, Trudeau, Merkel, Lagarde, non capiscano nemmeno di cosa stanno litigando – eppure.   

L’economia globale come la conosciamo è stata costruita per il beneficio – e quindi anche per essere alimentata – dal consumatore americano. Ora, il “consumatore” americano era anche il lavoratore americano – ma gli economisti non avevano ancora capito questa parte, anche se potrebbe sembrare ovvio, e ci ritorneremo tra un momento.   

Di conseguenza, è iniziata un’epoca di accordi di “libero scambio” e trattati e accordi internazionali. Non erano “liberi”, in realtà – i lavoratori di altri paesi non erano “liberi”, ad esempio, per trasferirsi negli Stati Uniti, per godere di protezioni del lavoro dignitose, sindacati e così via. Il punto di questi accordi era quindi in gran parte quello di ottenere merci di ogni tipo – automobili, computer, vestiti – per gli americani, nel modo più economico e rapido possibile. “Libero” come in: sei libero di vendere roba in America. Vai per esso – più economico e più veloce di chiunque altro! Continua in lingua inglese QUI

Cronache della Transizione  

Trump sta modificando velocemente i rapporti di forza all’interno dell’Occidente. (redazione)  

di Pierluigi Fagan  

Trump sta modificando velocemente i rapporti di forza all’interno dell’Occidente.

Il Giappone sta già andando per conto suo dovendosi anche ricentrare sul suo quadrante geo-naturale che è l’Asia, non l’occidente.   

L’Italia, nella nuova configurazione di governo, si presta a ruolo di quinta colonna che vorrebbe usare la spinta americana, per modificare i rapporti di forza interni all’Europa.   

La Gran Bretagna è al momento silente e paralitica poiché a sua volta in transizione non avendo ancora mani completamente libere data la procedura in corso di divorzio con l’UE.   

Il Canada è sotto bombardamento dazi-NAFTA e comunque, con tutta la simpatia per quel bel Paese, conta quanto il due di coppe a briscola quando regna bastoni. Rimangono così Francia e Germania.   

Sulla Germania già sappiamo molte cose. Accusata di eccesso mercantilista, di far la vergine delle rocce con la Russia con cui continua a fare affari e soprattutto condotte di gas, reticente a finanziarie la NATO da par suo, altrettanto avviluppata in amorosi sensi con la Cina, attaccata con violenza su Deutsche Bank, acciao e suoi derivati manifatturieri, adesso si beccherà le fatidiche barriere sulle auto, core business della sua industria metallica ovvero core economy. Altresì, la Germania è il perno sia del’euro che della UE che sono intesi come suoi sistemi di egemonia.  

L’euro occupa il 30% delle riserve mondiali, percentuale sottratta soprattutto al dollaro e visto che volenti o nolenti, si dovrà far spazio allo yuan (che tanto concesso o conquistato, il suo spazio naturale se lo prenderà per semplici ragioni di volumi), converrebbe a gli americani distruggerlo perché vaso di coccio tra vasi di ferro. Continua a leggere QUI  

 

Nel vortice di autodistruzione dell’Occidente-Mondo  

Maurizio Blondet

“La Russia deve essere al G7, piaccia o no, dobbiamo avere la Russia al tavolo negoziale”, vibra Trump in una non certo improvvisata uscita, e i salotti tv anti-governativi scoprono che il primo ministro Giuseppe Conte, quello da loro dipinto come uno sciocco re travicello di una alleanza populista velleitaria, impreparata e scema, può dire al suo primo vertice in Canada, per nulla intimidito: “Sono d’accordo con il presidente Donald Trump, la Russia dovrebbe tornare al G8. Nell’interesse di tutti”.  

Non è che ci sia qui una qualche alleanza. Quella cui assistiamo è la disintegrazione dell’ordine occidentale, che comporta inaspettate ricomposizioni, forse temporanee. Le centrali pensanti inglesi, nel travaglio di un Brexit che Merkel-Juncker vogliono sempre più ostile e punitivo, ha colto l’occasione per appoggiare il ben fondato malcontento italiano, spiegando in diversi articoli come sia la Germania la sola che ci ha guadagnato dall’euro, e quella che ha più da perdere facendo della UE “un nemico invece che un alleato” dell’Italia. E in altri articoli, hanno spiegato a fondo la crisi di Deutsche Bank. E un articolo del Financial Times ha non poco poter nel mondo della finanza internazionale. continua a leggere QUI

  

La Gruber al Bilderberg, Mazzucco: davvero ve ne stupite? 

Ma davvero abbiamo bisogno di leggere che Lilli Gruber partecipa al salotto del Bilderberg per scoprire che la sua attendibilità è condizionata? Non ci arriviamo, da soli, a supporre che la Gruber parli regolarmente con qualcuno – non necessariamente il famigerato Bilderberg – prima di decidere cosa raccontarci, che tipo di contenuti somministrarci e quale genere di ospiti propinarci, invariabilmente, ogni sera? Insomma: va bene tutto, ma ormai siamo piuttosto grandicelli per fare i nostri ragionamenti, al di là del solito gossip complottistico e decisamente naif, pronto a scatenarsi non appena l’ombra del “diavolo” compare all’orizzonte. E’ lo sfogo, in apparenza semiserio ma in realtà serissimo, che Massimo Mazzucco affida agli ascoltatori di Fabio Frabetti, animatore di “Border Nights” e della diretta web-streaming “Mazzucco Live”, il sabato pomeriggio su YouTube. Un’occasione per riflettere su aspetti inesplorati del giornalismo, inclusi i risvolti recentissimi dell’attualità politica. «Salvini? E’ partito bene: impeccabile la sua denuncia dell’atteggiamento di Malta. Perché mai le navi-soccorso che passano davanti all’isola non vi sbarcano mai i migranti raccolti in mare, preferendo dirottarli in Italia?». Lo svelò un leader dell’opposizione maltese, Simon Busuttil: il governo Renzi sottoscrisse un patto segreto, in base al quale Malta smista su Lampedusa i naufraghi, e in cambio concede all’Italia il permesso di effettuare trivellazioni petrolifere. Continua a leggere QUI 

 

Morto che parla: le bugie di Prodi e la Repubblica senza idee 

Romano Prodi, ancora lui. «Due volte presidente del Consiglio», lo presenta Simona Casalini su “Repubblica”, evitando di evidenziare le funzioni rivelatrici che ne illuminano il curriculum: privatizzatore dell’Iri, presidente della Commissione Europea e advisor europeo della Goldman Sachs, la cupola di “bankster” che ha infiltrato le economie nazionali per saccheggiarle crocifiggendole al debito, come la Grecia a cui lavorò Mario Draghi. Ma, per “Repubblica”, nel giugno 2018 – con Di Maio e Salvini e al governo – Romano Prodi è ancora il “due volte presidente del Consiglio”, l’autorevole “professore” interpellato sull’Italia come fosse un economista di Sydney, un osservatore neutrale e nobilmente estraneo al disastro italiano. Al forum “La Repubblica delle Idee”, Prodi risponde alle affabili domandine del direttore del quotidiano di De Benedetti, Mario Calabresi, affiancato dal collega de “L’Espresso”, Marco Damilano. «La gente non ha più fiducia nelle democrazie», proclama soavemente Prodi, fingendo di non sapere che in quest’Europa è stata proprio la democrazia a trionfare in Gran Bretagna addirittura con un referendum, mentre ora in Italia – sempre a suon di voti – ha mandato a casa l’ex inaffondabile euro-Pd. Se c’è una notizia è proprio la riscoperta della democrazia come possibilità. E i direttori del gruppo Espresso lasciano che il super-tecnocrate italiano dica il contrario esatto della verità.

Il crollo generale di fiducia – non “nelle democrazie”, com’è evidente, ma negli euro-governi non democratici – secondo Prodi nasce da «un problema di diritti», palesemente conculcati. E ammette: «Bisogna cambiare registro. La disparità è aumentata in quasi tutti i paesi del mondo proprio perché i governi democratici hanno adottato modelli fiscali e di welfare che hanno aumentato la disparità». Dov’era, il “professore”, mentre tutto ciò accadeva? Su Marte, potrebbe pensare il lettore, se non sapesse che Prodi era prima all’Iri, impegnato a tagliare le gambe all’Italia, per poi “finire il lavoro” tra Bruxelles e Palazzo Chigi, lautamente ricompensato da Wall Street. “Chi sei e da dove vieni” dovrebbero essere l’abc del giornalismo? Nei film, forse. Nella realtà, Mario Calabresi “incalza” Prodi chiedendogli di esercitare il suo apollineo intelletto misurandosi su giudizi temerari, come quello concernente la vera natura del neonato governo giallo-verde. Per la precisione: l’orientamento del neo-premier. «Conte? E’ di destra», sentenzia (in qualità di astrologo) il “professore”, per quarant’anni al servizio della destra economica neoliberista. Ormai l’Italia è spacciata, ripeteva, da Palazzo Chigi: l’economia del mondo è in mano a grandi “cluster” industriali, di fronte ai quali il made in Italy – piccola e media impresa – può solo estinguersi. Continua a leggere QUI 

 

In che modo i giochetti disonesti del globalismo conducono al Nuovo Ordine Mondiale

Questo articolo tocca alcuni punti importanti, ma non è consapevole che la “Tecnocrazia”, ovvero lo “Sviluppo Sostenibile”, sia il vero motore della globalizzazione.

Il Nuovo Ordine Mondiale viene opportunamente descritto dal Dr. Parag Khanna (un tecnocrate) in Connectography:   

“Stiamo costruendo una società globale senza un leader globale.   

L’ordine globale non è più qualcosa che può essere dettato o controllato dall’alto verso il basso.   

La stessa globalizzazione è l’ordine.”   

Il risultato della globalizzazione è la Dittatura Scientifica e la Tecnocrazia.  

Fonte

Quando i globalisti parlano pubblicamente del “Nuovo Ordine Mondiale“, stanno parlando di qualcosa di molto specifico e piuttosto sacro del loro piccolo culto d’elite.   

Non è la semplice nozione che la civiltà cambia o cambia improvvisamente da sola, ma piuttosto si tratta del loro nome per una visione diretta e ingegnerizzata:   

un mondo costruito secondo le loro regole, non un mondo che si è evoluto naturalmente secondo le necessità.   

Ci sono altri nomi per questa visione ingegnerizzata, incluso il “reset economico globale” e il termine più generale e innocuo di “globalismo”, ma l’intenzione è la stessa.   

L’obiettivo finale del “Nuovo Ordine Mondiale” come ideologia, è la totale centralizzazione del potere economico e governativo nelle mani di una burocrazia selezionata e inesplicabile, composta dai finanzieri internazionali.   

Si tratta della governance secondo i dettami de La Repubblica di Platone; un delirante mondo irreale in cui dei benevoli re filosofi, apparentemente più intelligenti e più obiettivi degli altri, governano dall’alto con precisione e saggezza scientifica. È un mondo dove gli amministratori diventano dèi …  

Continua a leggere QUI  

 

L’ipocrisia della Silicon Valley: crea dispositivi che creano dipendenza e metti i loro bambini in scuole che vietano il loro uso   

Media e tecnologia   

I dirigenti di Google mettono i loro figli in scuole senza schermo.

Qualche anno fa si è saputo che Steve Jobs non lasciava che i suoi figli usassero l’iPad, essendo lui stesso un padre low-tech. Questa informazione ha generato alcune polemiche, dal momento che (come sostenuto) la compagnia di Jobs ha progettato e promosso i suoi prodotti in tutto il mondo con l’intenzione di essere utilizzati in ogni momento. Questo doppio standard, per così dire, è diventato solo più pronunciato negli ultimi anni. In un precedente articolo abbiamo menzionato che molti dei dirigenti della Silicon Valley stavano abbandonando i social network e disconnettendosi dai gadget , consapevoli degli effetti negativi che producono in termini di attenzione. Ora, un articolo sul New York Times rivela la tendenza dei vari dirigenti tecnologici a mettere i propri figli nelle scuole Waldorf, dove è vietato l’uso di gadget. Continua in lingua spagnolaQUI

®wld

IL MODEM CORTICALE

DARPA e il Modem Corteccia Celebrale

18 febbraio 2015 dal sito web EIRobot Pescador  Traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo

Quanto scritto in questo articolo non è Fantascienza.

Sta capitando proprio adesso ed è l’inizio di una rivoluzione tecnologica molto più grande ed ampia dell’avvento di Internet in tutto il pianeta.

L’Agenzia dei Progetti di Ricerca Avanzata della Difesa degli Stati Uniti (DARPA), agenzia che lavora per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, sta sviluppando un dispositivo rivoluzionario che promette di cambiare il volto del mondo e la natura propria dell’umanità.

DARPA sta lavorando attivamente per lo sviluppo di un modem nella corteccia cerebrale, un dispositivo che si collegherà direttamente con il cervello e trasmetterà immagini senza passare attraverso il sistema ottico, cioè per gli occhi né avrà bisogno di occhiali speciali, né di altri simili dispositivi.

 

Col pretesto di sviluppare un “modem per la corteccia cerebrale, affinché le persone cieche tornino a vedere”, i ricercatori di DARPA e gli esperti nel campo della tecnologia e il transumanesimo, dicono che questo dispositivo può arrivare a sostituire tutta la tecnologia di realtà virtuale e di più, qualcosa che può succedere anche prima che queste tecnologie siano applicate.

Secondo i ricercatori questo significa che progetti come Google Glass o Oculus Rift possono essere sostituiti dal programma DARPA il cui obiettivo finale è creare immagini ad alta definizione direttamente nel cervello umano.

Come nel film Matrix, il dispositivo sarà alimentato da un impianto spinale.

I piani per il progetto sono stati rivelati in una conferenza sulla biotecnologia di Silicon Valley.

 Il capo di DARPA Dott.ssa Prabhakar Arati (sinistra)  Intervistata durante le conferenze di Silicon Valley

Così come lo riporta la rivista trans umanitaria Humanity Plus:

“A corto raggio, l’obiettivo del progetto e lo sviluppo di un dispositivo grande come due monete da cinque centesimi una sull’altra, con un costo nell’ordine di 10 dollari, che mediante un’interfaccia collegata direttamente con la corteccia visiva, permetterebbe di visualizzare immagini dalla qualità iniziale pari a quella di un antico orologio a LED.

 

Le implicazioni di questo progetto sono sorprendenti. Considerate una versione più avanzata del dispositivo capace di creare schermi visivi ad alta risoluzione nel nostro cervello.

 

Primo: questa tecnologia si potrà utilizzare per restituire la funzione sensoriale alle persone cieche.

Secondo: il dispositivo potrà sostituire tutta la realtà virtuale e tutti gli schermi a realtà aumentata come quella dei dispositivi mobile o i dispositivi tipo Google Glass o Oculus Rift.

Superando del tutto il sistema sensoriale visuale e accedendo direttamente al cervello, un modem corticale può mostrare immagini direttamente nella corteccia visuale, facendo sì che quelle stesse immagini si sovrappongano alla visione del mondo reale che noi abbiamo.

Realtà Aumentata offerta da Google Glass

Del resto i metodi della opto genetica permettono una lettura e una scrittura di informazione.

Possiamo immaginare che una volta sviluppato il dispositivo, gli oggetti virtuali che vediamo nel nostro campo visivo saranno integrati del tutto con la nostra percezione del mondo.

Inoltre, un modem corticale di lavoro permetterà lo sviluppo di una specie di telepatia e telecinesi elettronica.

Il progetto si sta realizzando veramente e non è un’idea da ficcion, però certo è che il modem corticale sta ancora alle prime fasi di sviluppo. Ancora non disporremo di una realtà aumentata ad alta risoluzione direttamente nel cervello.

E visto che il punto focale attuale del progetto si basa sulla genetica ottica del DNA nei neuroni, un processo di cui non si conoscono le conseguenze sulla salute sono ancora sconosciute sull’essere umano poiché questa ricerca attualmente si limita a lavorare su modelli animali.

Si è discusso in particolare sulla formazione di immagini in tempo reale nel cervello del pesce zebra dotato solo di 85.000 neuroni anche se ci sono già lettori della rivista trans umanista Humanity Plus che si sono offerti volontariamente di sottoporsi a questo procedimento genetico così pericoloso per poter sperimentare il modem corticale.

Il progetto lo sta supervisionando l’ufficio del Programma di Biotecnologia di DARPA che fu fondata un anno fa con l’obiettivo di elaborare nuove tecnologie nel campo che unisce la biologia con la tecnologia.

L’ ufficio si è centrato su progetto tran umani orientati a migliorare il lavoro e il rendimento dei soldati nordamericani sul campo di battaglia e allo stesso tempo affermano di,

“sviluppare sistemi biologici per la sicurezza nazionale e per il futuro benessere dell’umanità”.

Durante la conferenza sono stati presentati altri progetti a cui DARPA sta lavorando e che sembrano propri della fantascienza, tipo:

  • ciber-insetti
  • exo scheletri
  • elefanti robot gonfiabili a grandezza naturale
  • sistemi che permetteranno che una persona politi vari veicoli solo col pensiero.

Vi ricorderete che l’anno scorso apparvero resoconti secondo cui DARPA stava sviluppando chips da impiantare nel cervello il cui obiettivo sarebbe impiantare o cancellare nei soggetti ricordi specifici.

Peter Rothman, spettatore in questa conferenza di DARPA in Sillicon Valley, riporta i suoi sentimenti dopo aver assistito alla presentazione di tutte le vie di ricerca di DARPA:

“Insieme al modem corticale, questi dispositivi promuovono la rivoluzione nelle capacità umane di riparare noi stessi da soli, ampliarci, comunicarci e alterare inevitabilmente e definitamente ciò che è l’essere umano.

  • Dove sarà il limite tra me e l’altro se possiamo condividere direttamente pensieri, sogni, emozioni e idee? 
  • Che succederà quando saremo capaci di sperimentare non solo i nostri pensieri, ma anche i sentimenti delle altre persone?   
  • Che cambiamenti provocherà lo scambio di informazioni neuronale nel campo dell’educazione, della conoscenza e del lavoro? 

Queste tecnologie pongono molte domande per le quali non abbiamo ancora risposte.

Questa rivoluzione vicina che sta iniziando DARPA implica il fatto che la biologia sarà tecnologia e quindi, rappresenta un salto molto più grande di quello che ci ha fatto fare Internet.

Questo ridefinisce il significato di essere umano…”


Nonostante il fatto che Rothman sia entusiasta delle meravigliose tecnologie e dei progressi che presupponiamo siano meravigliosi, creati da DARPA per “migliorare l’umanità”, non dimentichiamoci qual è l’autentica realtà su DARPA:

è un dipartimento di sviluppo tecnologico militare del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti…

Possiamo stare tranquilli e pensare che queste persone investono il loro denaro pensando esclusivamente al benessere delle persone?

Qualche persona ha bisogni di svegliarsi dai suoi sogni infantili…

Fonti:

http://ningizhzidda.blogspot.it/