Crea sito

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando

Illustrazione di ktsdesign / Shutterstock

Il mondo infestato dagli alieni

Schermare l’ipotesi di un oggetto alieno di un animale domestico suggerendo che non viene preso sul serio a causa di un difetto nel modo in cui facciamo scienza è giocare un gioco falso con i fatti.

Sapete che ci sono molti scienziati che dedicano la loro vita lavorativa a tracciare abilmente le parti più modeste del nostro sistema solare, parti che probabilmente nessuna delle nostre specie vedrà mai da vicino? Pezzi che, individualmente, sono semplici puntini nella nuvola di milioni di avanzi planetari così primordiali che circondano il nostro sole. O sei consapevole che c’è chi passa giorno dopo giorno a lottare per misurare e decodificare le straordinarie danze orbitali di esopianeti irraggiungibili, o per rilevare e interpretare i delicati spettri che rivelano la composizione di atmosfere aliene a decine di trilioni di miglia di distanza?

Se non loro, allora che dire di coloro che, per decenni, hanno affrontato alcune delle domande più scoraggianti sul fenomeno che chiamiamo vita stessa, incluso come è iniziata qui sulla Terra miliardi di anni fa, e come potrebbe essere iniziato in qualsiasi altro luogo in il cosmo? E riesci a ricordare che ci sono scienziati devoti e di talento che perseguono la squisita possibilità che da qualche parte ci siano menti aliene che inviano segnali strutturati e ricchi di informazioni, o ripropongono i loro ambienti in modi in cui noi, altri frammenti di vita pensante, potremmo essere in grado di individuare attraverso il vuoto spalancato dello spazio interstellare?

Gli alieni potrebbero essere là fuori. E li stiamo cercando.

Se potessi rispondere di sì a una di queste domande, ben fatto. Sei un cittadino ben informato del pianeta Terra, consapevole dei continui sforzi dell’umanità per dare un senso alla natura della realtà. Se, d’altra parte, non potessi rispondere affermativamente, forse non sbatteresti un occhio davanti ad articoli di giornale o titoli televisivi chiedendoti perché (oh perché?!) gli scienziati non si assumeranno il compito di “cercare alieni”. “Più seriamente? O articoli che insistono su quanto sia conservatrice la scienza quando si tratta di “pensare fuori dagli schemi”, specialmente se l’argomento è stato abusato così tante volte nel corso dei secoli letteralmente che i ricercatori ora hanno poca scelta se non quella di applicare estrema cura e cautela.

Se al momento non siete al corrente delle vostre notizie scientifiche, mi riferisco a una recente raffica di parole e opinioni che sono state, in parte, innescate dalla pubblicazione del libro Extraterrestrial dell’astrofisico teorico Avi Loeb, in cui egli tenta di dimostrare che un recente oggetto interstellare che attraversa il nostro sistema solare (l’oggetto ‘Oumuamua) potrebbe essere stato un pezzo di tecnologia, presumibilmente anche una vela leggera che rotola da un’astronave aliena, piuttosto che un pezzo di roccia ghiacciata e gas. Loeb scrive anche di come la scienza a volte possa essere eccessivamente conservatrice, indirizzando le sue lamentele in particolare sulla reticenza di elevare la questione della vita aliena a un posto più prominente nelle nostre ipotesi su ciò che vediamo nell’universo che ci circonda.

Ma basta aver trascorso un po ‘di tempo di recente nei corridoi delle chiamate scientifiche Zoom o sui social media per vedere l’infelicità espressa da molti ricercatori su tutto questo. Quell’infelicità raggiunge un livello rovente ogni volta che viene pubblicato un nuovo pezzo d’opinione che riprende questo particolare filo. Più recentemente (almeno mentre scrivo questo), è l’apparizione sul New York Times di un articolo di opinionecon il titolo “Gli alieni devono essere là fuori: perché non li cerchiamo?”, scritto dall’editorialista Farhad Manjoo. Penso che sia giusto dire che il tono del titolo, suggerendo erroneamente che la vita aliena esiste perché pensiamo che debba e che non stiamo prestando attenzione, riflette gran parte della spinta del contenuto. Raggiungendo un apice di sorta quando il pezzo usa i pensieri di Loeb sull’argomento per ammonire la scienza e le agenzie di finanziamento della scienza, per la loro “chiusura mentale” e “scetticismo riflessivo” quando si tratta di considerare cose esotiche (sì, aliene) nel mix per spiegare fenomeni cosmici nuovi o inaspettati. 

Ciò che è così incredibilmente deludente per uno scienziato come me e per tanti miei colleghi in discipline correlate – dall’astronomia alla scienza planetaria, all’astrobiologia – è che non ci sono altre voci rappresentate in questo tipo di scrittura. Nessun frammento o citazione dalle centinaia di scienziati che sono gli esperti mondiali su questioni come ‘Oumuamua, o altri oggetti extraterrestri, dagli asteroidi alle comete a (sì) blocchi interstellari, o alla Ricerca di intelligenza extraterrestre (SETI), o esopianeti, o in effetti la stessa ricerca delle cosiddette firme tecnologiche che viene menzionata fugacemente. E questo articolo non è affatto l’unico in quella strana incompletezza, dove la “due diligence” sembra essere uscita dalla finestra.

In realtà ci sono persone che pensano a tutte queste domande scientifiche, settimana dopo settimana. Scavano montagne di dati e sudano sangue per comprendere la delicata natura delle misurazioni astronomiche e della strumentazione. Costruiscono veicoli spaziali per andare in altri mondi, così come asteroidi e comete, finanziati da agenzie nazionali come NASA, ESA, JAXA, CNSA e altre. Queste persone sono entusiaste e motivate, motivate proprio da questi stessi enigmi extraterrestri: siamo soli? Da dove veniamo noi o qualsiasi altra vita?

Questi scienziati, inclusi quelli come la straordinaria Jill Tarter, una delle forze motrici e delle voci dietro SETI negli ultimi 40 anni, hanno spinto i loro strumenti e le loro abilità ai limiti assoluti nella ricerca di prove di vita extraterrestre. Spesso di fronte a un intenso scetticismo. Nonostante questo sforzo, non ci sono state prove fino ad oggi di vita extraterrestre. Ma questa mancanza di prove non è dovuta al fatto che l’impresa scientifica è uniformemente conservatrice, rigida e di vedute chiuse, come suggerito da Loeb e ripreso acriticamente da alcuni editorialisti. È perché nessuna scoperta o evento è salito al livello in cui è inspiegabile in qualsiasi altro modo. Potrebbero maggiori finanziamenti e sostegno cambiare questa storia? Forse, ma lo stesso si potrebbe dire per quasi ogni altra ambiziosa impresa scientifica, e la risposta non può essere conosciuta in anticipo.

Una proposta secondo cui un fenomeno come ‘Oumuamua è un artefatto alieno incontrerà sicuramente un respingimento. Ma questo respingimento è fondato. È il risultato del vasto lavoro di esperti scientifici proprio su questo tipo di visitatore interstellare. I nostri modelli di formazione di stelle e pianeti hanno a lungo ipotizzato l’esistenza di residui di materiale solido (planetesimi) che potrebbero trascorrere eoni spostandosi attraverso lo spazio interstellare. Hanno delineato come un intruso come ‘Oumuamua sarebbe una straordinaria scoperta. Ma sarebbe una scoperta sbalorditiva che riflette i processi naturali; serbatoi di questi planetesimi – già suggeriti dalla luce nebbiosa vista intorno ad alcune altre stelle – che possono essere espulsi e dispersi nello spazio interstellare in quantità che possono essere perfettamente coerenti con le possibilità che il nostro sistema solare venga visitato da uno.Proprio per questo un’agenzia come l’ESA sta sviluppando il proprioComet Interceptor Mission, per essere pronti a inseguire futuri visitatori interstellari.

Fonte: https://nautil.us/blog/the-alien_haunted-world

®wld

Monitorare la razza umana

 

OGGETTI COORBITALI E MONITORAGGIO ET

 

V.T. notato questo, ed è uno di quegli articoli che ti fanno andare “hmmm …”. Nel mio caso, non sto solo andando “hmmm”, ma il mio metro di sospetto è nella zona rossa al confine con il viola. Ma torneremo al sospetto speculativo sugli alti ottani di oggi tra un momento.

L’articolo si occupa di “oggetti co-orbitali” scoperti di recente che hanno almeno uno scienziato che si chiede se potrebbero essere “sonde extraterrestri” messe in atto per monitorarci:

 

“Oggetti co-orbitali” appena scoperti potrebbero essere sonde extraterrestri che ci guardano

L’articolo inizia rilevando l’anomalia:

    I fatti: un articolo pubblicato recentemente dal fisico James Benford nell’Astronomical Journal ipotizza che gli oggetti vicini alla Terra appena scoperti (ce ne sono molte migliaia) potrebbero essere un hub per “sonde” extraterrestri per monitorare la razza umana.

Continua offrendo questo:

    Il fisico dottor James Benford, un membro del SETI, ha recentemente pubblicato un documento che ipotizza che forse stiamo venendo monitorati. Lo studio è stato pubblicato sull’Astronomical Journal.

    Ci sono molti che condividono questa convinzione, tra cui l’ex senatore Mike Gravel, che in un’intervista ha affermato che “Qualcosa sta monitorando il pianeta e lo stanno monitorando con molta cautela.” Personalmente credo che la nostra razza sia nota da molto tempo tempo e siamo davvero monitorati da una presenza extraterrestre. Perché? Bene, forse il pianeta è più importante di noi. Forse siamo una minaccia per gli altri e il pianeta? Esistono diversi scenari che si potrebbero ipotizzare.

Il dott. Norman Bergrun, uno scienziato e ingegnere che faceva parte del programma voyager della NASA e ha lavorato per decenni alla NASA presso il Centro ricerche Ames, ne ha chiarito il punto nel suo libro “Ringmakers of Saturn” per sottolineare che questi oggetti (che sono controllati in modo intelligente, secondo lui, da extraterrestri) probabilmente sono stati in giro molto più a lungo di noi. Afferma anche che se ci fosse stata qualche cattiva intenzione nei confronti del nostro pianeta, probabilmente sarebbe già successo qualcosa. Ha anche lavorato a Lockheed Martin dove ha gestito i test missilistici Polaris. Purtroppo, recentemente è passato. Ho avuto la fortuna di ricevere una copia del suo libro da uno dei suoi familiari.

Condivido la convinzione che se ci fosse stata qualche cattiva intenzione o che la presenza di ET rappresentasse una sorta di minaccia, ormai sarebbe già successo qualcosa.

E verso l’inizio dell’articolo otteniamo il solito “giro di rivelazione”:

    D’altra parte, abbiamo una grande quantità di informazioni che devono ancora colpire il mainstream alludendo al fatto che noi, o almeno alcuni di noi, sappiamo per certo che non siamo soli e siamo stati al corrente delle prove suggerendo che siamo stati visitati in passato e che ci stiano visitando ora.

    Questa prova arriva sotto forma di testimonianza di astronauti come il Dr. Edgar Mitchell, per esempio, che ha detto al mondo in più occasioni che nel profondo del Dipartimento della Difesa e del Complesso Industriale Militare, è ben noto che siamo stati visitati e siamoo stati visitati e da diversi anni è in atto un massiccio insabbiamento. Il dottor Brian O’Learyè un altro grande esempio di astronauta che ha parlato. Ci sono state più perdite interne, così come accademici e centinaia di militari di alto rango provenienti da tutto il mondo che hanno anche detto la stessa cosa.

Louis Elizondo, ex funzionario del Dipartimento della Difesa di alto rango e parte dell’Accademia TTSA che ha pubblicato diversi video di UFO della Marina (che la Marina ha recentemente confermato essere reali) ha dichiarato di ritenere che questi oggetti siano extraterrestri, ma ufficialmente sono stato intenzionalmente lontano da questa domanda perché molte persone hanno “sentimenti” nei suoi confronti.

 

Inutile dire che ho problemi con tutto questo tipo di analisi, e questo è l’argomento oggi del sospetto ad alto numero di ottani. Nel caso in cui non l’avessi notato, recentemente c’è stato un leggero “aumento” in questo tipo di reportage sugli UFO, anche nei media lamestream. Non meno del New York Times, ad esempio, ha riportato sulla storia di Louis Elizondo, con i suoi video e immagini di accompagnamento. Colorami scettici semplicemente per il motivo per cui abbiamo conosciuto “connessioni tra quella carta e tra Elizondo e quella “comunità”, e tutti sanno che la “comunità” dell’intelligence non mente, giusto? E per quanto riguarda Mitchell e O “Leary, abbiamo un problema epistemologico simile, poiché come astronauti sono collegati al governo, e questo governo non ha mai mentito su nulla, giusto, forse con l’eccezione dell’assassinio del JFK, Waco, Ruby Ridge, l’attentato di Oklahoma City, 9 / 11, lo scandalo della BCCI, l’Iran Contra, il tracollo finanziario e i salvataggi, la missione trilioni di dollari e alcune altre cose minori. Quindi se domani il governo improvvisamente si “pulisse” e annunciasse la presenza di ET, perché qualcuno dovrebbe credere su questo problema? (E c’è quel fastidioso problema menzionato da Richard C. Hoagland nel suo libro Dark Mission, che ci sono indicatori che gli astronauti dell’Apollo potrebbero essere stati deliberatamente sottoposti a una sorta di manipolazione della mente e della memoria. E quelle tecniche e tecnologie certamente esistono ed esistevano al momento. Ma sto divagando.)

L’altro mio problema è quello che ho affrontato in precedenza, e questo è il presupposto che i “visitatori” non rappresentino una minaccia. Se fossero una civiltà di classe III su scala Kardashev, probabilmente no. Ma se la classe I o II, forse lo fanno, specialmente se uno dei miei fattori ipotizza che l’umanità abbia già raggiunto la capacità di progettare sistemi su scala planetaria e forse persino stellare. In tal caso, allora si potrebbe guardare a una sorta di versione “interplanetaria” della dottrina della distruzione reciproca assicurata.

Non fraintendetemi: se l’ipotesi dell’antica guerra cosmica e il suo corollario, l’antica ipotesi del modello di Versailles, è vera, allora è logico che i vincitori stabiliscano una rete per “sorvegliare” il pianeta e i suoi scarsi abitanti certo che non escono dalla zona di quarantena demilitarizzata attorno a una versione celeste della smilitarizzazione della Renania. E mentre speculiamo, c’è sempre anche la possibilità che “loro”, come una Francia celeste, si siano semplicemente stancati e/o troppo stanchi per affrontare gli start up dall’altra parte del fiume.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

®wld

Religione & Sviluppo Tecnologico

 

Il SETI e le religioni extraterrestri

 L’affermazione se esista un’intelligenza extraterrestre o non esista può essere vista in parallelo se esista un Dio oppure no. Alcuni dicono che ci sono prove sufficienti dell’esistenza per entrambi. Se mettiamo da parte i rapimenti e i miracoli, vero è che l’assenza di prove non è è prova di assenza per entrambi. Tuttavia, se uno rileva la prova di una intelligenza extraterrestre, si romperà la simmetria di queste due affermazioni e, di fatto, sarà una prova che sarà incompatibile con l’esistenza di Dio o almeno delle religioni organizzate.  

 

 E’ tutta una questione di spazio e tempo.

 Le civiltà tecnologiche non possono avere la stessa ubicazione – mediamente non possono essere vicino a noi nello spazio e nel tempo – a meno che tali civiltà tecnologiche siano di lunga durata. Non sto parlando di circa 100 anni o 1.000 anni. Sto parlando dell’età delle stelle o galassie.

L’equazione di Drake, (che in realtà non si usa quasi mai), non è altro che un bel modo per organizzare la nostra ignoranza. Quando si scrive una qualsiasi equazione ci si attende che venga calcolata una risposta. Questo è impossibile. Non c’è una risposta a questa equazione se non con l’osservazione e l’esperimento.

  N = R* · fp · ne · fl · fi · fc · L

dove:

N   è il numero di civiltà extraterrestri presenti oggi nella nostra Galassia con le quali si può pensare di stabilire una comunicazioneR*   è il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Latteafp    è la frazione di stelle che possiedono pianetine   è il numero medio di pianeti per sistema solare in condizione di ospitare forme di vitafl    è la frazione dei pianeti ne su cui si è effettivamente sviluppata la vitafi    è la frazione dei pianeti fl su cui si sono evoluti esseri intelligentifc    è la frazione di civiltà extraterrestri in grado di comunicareL    è la stima della durata di queste civiltà evolute 

L’equazione di Drake dice che il numero di civiltà nella Via Lattea con cui possiamo attualmente comunicare potrebbe essere stimato prendendo il tasso medio di formazione stellare nella Via Lattea – e qui abbiamo davvero la possibilità di calcolare stelle simili al nostro sole che vivono abbastanza a lungo perché l’evoluzione sia possibile (sempre che l’evoluzione altrove abbia avuto lo stesso tempo che ha avuto il nostro pianeta) – per la frazione di stelle che hanno pianeti.

Ora sappiamo che i pianeti extrasolari sono poco più di 40 e considerando le attrezzature migliori che abbiamo sui telescopi possiamo trovare solo pianeti molto massicci con orbite di breve periodo. Forse dieci anni fa qualcuno avrebbe scommesso che non ne avremmo trovato nessuno. Ma, ancora non avevamo sufficienti strumenti di precisione per trovare altri pianeti. Oggi sappiamo qualcosa in più dei pianeti extrasolari, ma non abbastanza, in particolare su pianeti simili alla Terra.

Ora cerchiamo di entrare in una vera e propria speculazione.

  • Qual è la frazione di pianeti simili alla Terra la fuori su cui è cominciata la vita?
  • E di quella frazione di vita che ha avuto inizio, quanti hanno sviluppato un’intelligenza da poter essere riconosciuta?
  • E delle specie intelligenti là fuori, quanti di loro hanno sviluppato una civiltà tecnologica comunicativa che può essere percepita oltre le distanze delle stelle?
  • E per ultimo, per quanto tempo le civiltà e le loro comunicazioni sono durate?

Considerato tutto quello che sappiamo e tutto quello che non sappiamo,
Possiamo dire che attualmente il numero di civiltà nella nostra galassia che potrebbero comunicare è inferiore alla loro età in anni.Ora, ritenendo che la Via Lattea sia molto vecchia e molto grande – 10 miliardi di anni, e di 100.000 anni luce.Noi viviamo qui in questo posto alla periferia della Via Lattea che contiene 400 miliardi di stelle, circa un quarto delle quali, 100 miliardi, sono simili al sole. In quante stelle avremmo dovuto cercare per trovare una civiltà intelligente.E allora, a quale distanza avremmo dovuto cercare nelle molte stelle della Via Lattea?

E’ da circa 100 anni che abbiamo una tecnologia di comunicazione. Con questa tecnologia cerchiamo di trovare un’altra intelligenza tra circa quattro miliardi di stelle. Questo significa che avremmo dovuto cercare a circa 10.000 anni luce, in tutta la nostra galassia – il 10% della distanza in tutta la galassia.

Supponiamo che l’età giusta sia qualcosa come 13.000 o 15.000 anni, la quantità di tempo che abbiamo avuto finora come civiltà. Allora sarà come 1 a 30 milioni di stelle che si trovano entro i 1.700 anni-luce. Se le civiltà durassero un milione di anni, allora la ricerca dovrà essere fatta solo su 400.000, per trovarne una con 430 anni luce. E se le ultime civiltà con 400 milioni di anni, quindi 1 su 1.000 saranno sufficienti a rientrare nei 50, 60, 70 anni luce.

Il che sarà 1 su 1.000 dove attualmente vengono fatte le più sensibili ricerche del SETI (Il SETI è il nome collettivo per le attività scientifiche svolte per cercare vita extraterrestre intelligente). Per avere successo di trovare una vita intelligente extraterrestre da parte della nostra primitiva tecnologia, vuol dire che stiamo cercando qualcosa di molto vecchio. Così successivamente a breve termine implica che la tecnologia che rileveremo sarà molto più vecchia rispetto alla nostra. Anche se in futuro, (pensando alle nuove generazioni), non necessariamente sarà possibile trarre la stessa conclusione.

Pertanto, dobbiamo essere in grado di sopravvivere al tipo di stato in cui ci troviamo oggi – con la nostra infanzia tecnologica – longevi, non solo noi stessi ma anche il nostro pianeta. Tale longevità estrema è del tutto incoerente con il tipo di religione organizzata che conosciamo. Va ricordato che gli uomini non fanno mai completamente il male così allegramente come quando lo fanno per convinzione religiosa. In altre parole, in genere le persone cattive fanno cose cattive; persone buone fare cose buone. Ma, ci vuole la religione per portare una persona buona a fare qualcosa di veramente brutto.

La religione organizzata è una delle nostre più grandi minacce alla sopravvivenza. Tutta la gamma delle religioni che abbiamo oggi, sono relegate ad una delle forme più comuni di preghiera.

Ambrose Bierce ha definito il “pregare” come:

“dichiaratamente indegna la richiesta di un singolo di annullare le leggi dell’universo”.

Lo stato d’animo – la volontà di mettere da parte le leggi dell’universo a favore di qualche autorità superiore – consente fondamentalmente a una tantum di gratuita impunità. Questo tipo di impunità, consente alle persone di eludere le conseguenze delle proprie azioni, compresa la distruzione della specie e dell’habitat.

La religione organizzata è un’invenzione del nostro possibile, intelletto, e non solo del nostro, ma anche di altri intelletti.

HL Mencken ha detto:

“La più comune di tutte le follie è credere appassionatamente che il palpabile non sia vero. Questa è la principale occupazione del genere umano”.

Steven Pinker ci dice che l’evoluzione e l’intelligenza umana ha plasmato il modo in cui era quello di creare un sistema di moduli progettati per capire come funziona il mondo. Quando, (ancora agli inizi) non ne avevamo compreso il funzionamento. Originariamente i popoli (di conseguenza non ancora alfabetizzati), hanno inventato fantasmi e ipotesi sul futuro, garantendo poteri a oggetti ordinari senza averne inventati di diversi, ma solamente prendendo un banale oggetto caricandolo di potere.

Quindi, la religione organizzata è un’invenzione della mente, come ci dice Steven Pinker. Dio è una nostra invenzione.

Ci stiamo trasformando e dirigendo a sopravvivere in una civiltà tecnologica longeva, la religione organizzata ha bisogno di essere superata. Le guerre di religione sono state portate avanti in modo tradizionale per secoli.

Anche se qualcuno ha imposto dei trattati, i conflitti non sono mai del tutto finiti. Di esempi veramente orribili ci sono stati in passato come lo sono ancora nel presente.

L’unica soluzione possibile che possiamo auspicare oggi è superare la religione così come la conosciamo, con le sue sette e denominazioni, sviluppando una religione universale senza deviazioni, senza differenziazioni assolutamente completa e interessante per tutti. Una tale religione potrebbe essere in grado di coesistere per lungo tempo con lo sviluppo tecnologico, senza precipitare nelle peggiori tendenze umane.

Se Questo sviluppo è stato possibile per le altre civiltà, si potrebbe ipotizzare che, se e quando mai arriverà un messaggio, sarà un invito a far comprendere a tutti noi che le cose sono ben diverse da come le abbiamo ipotizzate. D’altra parte, se vogliamo auspicare di ricevere un messaggio laico di tale importanza, dovremo staccarci dalle religioni organizzate superandole.

di Jill Tarter

FONTE 

wlady