Archivi tag: Seconda guerra mondiale

Albione e la sua egemonia

 

Escott Reid (a sinistra) e Lester Pearson (a destra)  

Gli Eruditi del Deep State Rhodes Creatori della NATO   

di Matthew J.L. Ehret 

30 Marzo 2019 

dal Sito Web VeteransToday 

traduzione di Nicoletta Marino 

Versione originale in inglese  

Versione in spagnolo  

Questo articolo fa risplendere il potere dell’Impero Britannico come fu dichiarato da Lyndon LaRouche, poiché vi troviamo imperialismo, fascismo e manipolazione …  

Il 28 marzo si è celebrato il 70 anniversario dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) e anche se molti commentatori hanno aprofittato dell’opportunità per rivedere la storia di questo blocco antisovietico come uno strumento dell’imperialismo posteriore alla Seconda Guerra Mondiale, in quasi tutte le analisi troviamo una grande menzogna che deve essere chiarita immediatamente. 

La narrativa popolare di sinistra è stata inventata da questa menzogna, afferma che la NATO è stata creata da una collaborazione per rimpiazzare l’Impero britannico con una ” egemonia globale”.

Questa credenza, per quanto popolare, non è certo e lo chiariremo a breve.

Dopo una revisione più approfondita dei fatti, si può affermare che la NATO non è mai stata una impresa americana, ma sempre britannica.

I cosiddetti “ensiensi” che sono un capo della sua creazione in realtà erano in gran parte in contatto con due think tanks conosciuti come Fabian Society e la rete Rhodes Trust di Oxford che erano già penetrati in diversi rami dei governi occidentali dalla sua creazione nel 1902.

I borsisti di Rodi che si sono formati alla politica americana dopo la morte di FDR e il discorso di Churchill sulla Cortina di Ferro del 1946

  • Il Vice Segretario di Stato Dean Rusk, incaricato degli Affari per il lontano Oriente 
  • Il Vice Segretario di Stato George C. McGhee, capo degli affari per l’est e il sud di Asia e Africa 
  • Il Vice Segretario di Stato W. Walton Butterworth,

… tanto per citarne alcuni … [1]

Gran parte dell’infiltrazione nel secolo 20 di Rodi Studiosi e Fabiani in America avvenne attraversso l’unico “braccio ufficiale” dell’Impero Britannico nell’America del Nord … Canada.

In questa parte voglio dedicare un po ‘più di tempo alla revisione ea chi occupa un posto importante nella spegazione della vera causa della NATO.

La nascita della NATO avvenne nell’agosto del 1947 … NON nel marzo del 1949 …

In un memorandum intitolato “Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica” scritto nell’agosto del 1947, un borsista della Rodi molto infuente e promotore radicale per un governo globale, Escott Reid, sottosegretario degli Affari Esteri del Canada

“raccomandò che è unissero i paesi della zona dell’Atlantico del Nord con un capo di Stati Uniti, per formare una nuova organizzazione per la sicurezza della regione per dissuadere l’espansione sovietica.

Il protocollo di questo memorandum è sfuggire al potere di veto dell’Unione Sovietica nel Consiglio di Sicurezza degli Stati Uniti che impediscono l’avanzare del Gran Gioco Britannico.

Lì era epoca avere uno strumento sufficientemente potente per riuscire un Impero Anglo Americano come lo volevano Cecil Rhodes e Winston Churchill.

Escott Reid estrapola la sua tesi sulla creazione di una istituzione di questo tipo in una conferenza dell’Istituto Canadese per gli Affari Pubblici del 13 agosto 1947 sul lago Couchiching quando dichiarò:

“Gli stati del mondo non sono … esentati dalla Carta delle Nazioni Unite dai membri sovietici nelle Nazioni Unite, dal creare nuove istituzioni politiche per raggiungere la pace.

Niente nella Carta esclude l’esistenza di accordi o agenzie politiche sempre compatibili con i principi e le norme delle leggi Unite le misure di autodifesa collettiva contro attacchi armati fino a che il Congresso per la sicurezza non sia entrato in azione”.

Questa nuova organizzazione militare antisovietica aveva l’importante caratteristica di creare un contratto militare vincolante che sarebbe entrato in vigore per tutti i membri se un membro solo fosse sceso in guerra e Reid descrisse questa intenzione mentre scriveva:

“In una organizzazione di questo tipo ogni stato membro potrebbe essere un vincolante di radunare tutti i suoi mezzi economici e militari con gli altri membri, se si troverà un qualsiasi potere che ha commesso un’aggressione contro uno qualsiasi dei membri”.

Passò un altro anno e mezzo prima che questa struttura ha ottenuto il sostegno degli affari esteri Lester B. Pearson e Primo Ministro britannico Clemente Atlee.

L’Organizzazione del Trattato dell’Atlatico del Nord (NATO) si sarebbe formata il 28 marzo 1949.

Reid si era fatto un nome e divenne il Primo Segretario Permanente dello Stenduto Canadese degli Affari Internazionali (CIIA), conosciuto anche come la Succursale Canadese di Chatham House / Movimento Rotondo del Canada sotto la direzione del controllore del CIIA Vincent Massey.

 

Figura 2 Controllore della Tavola Rotonda Vincent Massey Nella sua divisa di gala che sarà il Primo  Governatore del Canada “nato in Canada” (1952-1959)  

Massey fu il protetto dell’imperialista razzista Lord Alfred Milner e il controllore dei gruppi della Rhode Scholar del Canada durante una carriera 

  • Ambasciatore del Canada a Washington (1926-1930) 
  • Presidente del Partito Liberale (1930-1935) 
  • Ambasciatore in Gran Bretagna (1935-1945) 
  • Capo di Stato (conosciuto anche come Governatore Generale del Canada (1952-1959) 

Lo stesso Reid fu il fondatore dell’autoproclamata “Canadian Fabian Society” insieme ad altri quattro professori di Rodi conosciuti come la Lega Tecnocratica per la Ricostruzione Sociale che promuove l’eugenetica nel 1932, che cambiò nome in Cooperativa Federazione del Commonwealth nel 1933 e di nuovo in Partito Democratico Nazionale del Canada 1961. [2]

Reid passò anni a lavorare con il suo amico erudito di Oxford Lester B. Pearson, che fu assistente di Vincent Massey a Londra prima di diventare il controllore del Partito Liberale del Canada.

L’agenda razzista secondo la prospettiva di Rhodes

 

Cecil Rhodes  

E’ vitale ricordare che queste reti sono incrementate dal punto di vista del genocidio magnate del diamante Cecil Rhodes, che scrisse il proposito della Borsa di Studio (1877):

“Perché non dovremmo formare una società segreta con un solo obiettivo: il progresso dell’Impero britannico e l’incoporare di tutto il mondo civilizzato sotto il dominio per gli Stati Uniti per creare la razza anglosassone per un Impero …”

Più avanti in quel testamento, Rodi elaborò con più dettagli l’intenzione che presto si trasformerà nella politica estera britannica ufficiale.

“L’estensione del dominio inglese in tutto il mondo, il perfezionamento di un sistema di emigrazione dal Regno Unito e la colonizzazione da parte dei sudditi britannici di tutte le terre in cui i mezzi di sussistenza sono raggiungibili con energia, lavoro e imprese e speciali l’occupazione da parte dei coloni britannici di,

  • t utto il continente africano 
  • la Terra Santa 
  • la valle dell’Eufrate 
  • le isole di Cirpo e Candia 
  • tutta l’America del Sud 
  • le isole del Pacifico non sono possedute fino ad allora dalla Gran Bretagna 
  • la totalità dell’arcipelago malese 
  • la costa di Cina e Giappone
  • il recupero definitivo degli Stati Uniti d’America

… come parte integrante dell’impero britannico. 

La consolidazione del tempo imperialistico, l’inaugurazione di un sistema di rappresentanza coloniale in un parlamento imperiale in cui si tiene un gruppo di ricordi del potere imperiale” 

Il “recupero degli Stati Uniti” deve essere presa seriamente da chiunque abbia dubbi sul ruolo dell’ambizione britannica di disfare gli effetti internazionali della Rivoluzione Americana.

Si pregano anche i cittadini onesti riconsiderati quanto i presidenti nazionalisti come John F. Kennedy e Charles De Gaulle in realtà stanno combattendo contro tutto questo, quando si trovano di fronte alle strutture di potere della NATO e dello Stato Profondo.

Si deve tener conto di questo quando si pensa alle reti dirette dai Britannici che misero in atto

  • gli assassini di Bobby Kennedy e Martin Luther King nel 1968 
  • il carcere per Lyndon LaRouche nel 1988 
  • l’intento del ‘Russiagate’ di Donald Trump nel 2019

Nota

* Tutte le citazioni di Reid sono prese da Escott Reid, Couchiching e la nascita della NATO di Cameron Campbell, pubblicato dal Consiglio Atlantico del Canada.

Milner-Massey e Cecil Rhodes possono essere trovate nel Canadian Patriot Review n. 18 e 19, disponibili su http://www.canadianpatriot.org e su Amazon.com.

Nota

[1] Molte di queste reti sono state rese pubbliche da William Fulton del Chicago Tribune , che pubblicò la sua incredibile ricerca dal 15 al 30 luglio 1951 nelle pagine di quel giornale. L’autore di questo reportage è molto alla ricerca di Fulton e anche al lavoro di Carol Quigley dell’Università di Georgetown.

[2] Gli altri cofondatori di Reid e Rhodes Trust del LSR furono Frank Underhill, Eugene Forsey, FR Scott e David Lewis. FR Scott divenne uno dei maggiori mentori di una giovane recluta della Società Fabiana, Pierre Elliot Trudeau, al suo ritorno dalla London School of Economics nel 1949. Trudeau fu preparato per essere membro del CCF prima di essere scelto per essere un capo del Partito Liberale dopo l’espulsione delle forze pro nazionaliste che hanno diretto i liberali dal 1935 al 1958.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Lo Stato Profondo – New Manhattan Project

 

La rivelazione sulle Chemtrails: Lo Stato Profondo e il Nuovo progetto Manhattan 

di Peter A. Kirby, (collaboratore)

Waking Times 

Chi c’è dietro a mettere centinaia, forse migliaia di grandi aerei a reazione nel cielo che scaricano abitualmente megatoni di rifiuti tossici su di noi e sulla nostra biosfera?

Sappiamo che sta succedendo. Le emissioni degli aerei a reazione che si estendono visibilmente da un orizzonte all’altro e si diffondono mentre persistono per ore sono ovviamente costituite da particelle. Vediamo queste cose regolarmente in tutti i paesi industrializzati del mondo. Molti risultati dei test dei campioni di acqua piovana mostrano regolarmente livelli altamente anomali di molte diverse tossine tra cui alluminio, bario e stronzio. La California Air Resources Board ha trovato allarmanti livelli elevati di alluminio e bario nell’aria che respiriamo. Gli scienziati di carriera dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente, il Servizio forestale degli Stati Uniti e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, nonché un generale dell’aeronautica militare in pensione, hanno tutti all’unisono confermato l’allarme. Uno scienziato dottore di fama mondiale, in molti articoli pubblicati su riviste peer-reviewed, ha confermato che la sostanza che viene spruzzata sono ceneri volanti di carbone; un rifiuto tossico. Nessuna di queste prove scientifiche può essere smentita. 

I motivi sono molti. Il controllo del tempo è un potere simile a Dio e ha molte applicazioni nel mercato militare e finanziario.

L’autore del libro ha da molti anni esposto enormi sezioni di questo progetto segreto globale di modifica del clima che chiama appropriatamente il New Manhattan Project. Per una buona esplorazione delle prove attualmente conosciute, rigide o meno, si prega di fare riferimento al libro dell’autore Chemtrails Exposed: A New Manhattan Project

Per quanto riguarda il lavoro sporco quotidiano, i colpevoli più probabili sono: l’Aeronautica Militare, la Marina, l’Agenzia per la Ricerca Avanzata sulla Difesa, la Mitria, Raytheon, l’Amministrazione Nazionale Oceanografica e Atmosferica, l’Aeronautica Nazionale. e l’Amministrazione spaziale, il Centro nazionale per la ricerca atmosferica, Lawrence Livermore National Labs, il Dipartimento di energia, il Massachusetts Institute of Technology e altri. 

Ma chi c’è dietro il trono del potere? 

Questo progetto richiede solo la rete di supporto globale più efficace e completa. E sebbene questo progetto sia stato pienamente operativo a livello nazionale per poco più di 20 anni, è in sviluppo dalla metà degli anni ’40. Quindi, per tutto questo tempo, chi e cosa ha coccolato e nutrito ed organizzato questo progetto da dietro le quinte?  

Lo stato profondo

Lo stato profondo si riferisce a un governo segreto parallelo, organizzato dall’apparato di intelligence e sicurezza, finanziato dalla droga e impegnato in violenze illecite, per proteggere lo status e gli interessi dei militari dalle minacce degli intellettuali, dei gruppi religiosi e, occasionalmente, del governo costituzionale. – UC Berkeley Professore emerito Peter Dale Scott 

C’è stata una recente aggiunta alla vista offerta dalla nostra attuale finestra di Overton: lo stato profondo. Ne abbiamo sentito parlare molto nei Nuovi e vecchi Media ultimamente e un recente sondaggio della Monmouth University ha rilevato che una grande maggioranza bipartisan ritiene che la politica nazionale venga manipolata o diretta da essa.

Sponsorizzato dal superstato aziendale globale, lo stato profondo viene ora riconosciuto per quello che è: una crescita cancerosa che si è infestata nella nostra repubblica democratica altrimenti legittima e metastatizzata per diventare come un tumore di 38 libbre intorno al collo collettivo. Lo stato profondo consiste in gruppi di individui che lavorano insieme per abusare segretamente della forza del nostro governo per i loro scopi egoistici. Proprio come il New Manhattan Project, è grande, è altamente organizzato, ed è brutto.

Sebbene le scie chimiche e il Progetto New Manhattan non siano ancora entrati nella visione attualmente offerta dalla saggezza convenzionale di oggi, ci sono molte prove che indicano che queste cose ci sono state portate dallo stato profondo e questo articolo esplora tali prove. 

Questo articolo è il risultato di una lunga inchiesta sulla squallida sofferenza del governo americano e dei suoi contributi al più grande sforzo scientifico della storia. I nomi scoperti qui si leggono come chi è e chi nell’establishment. Qui il lettore vedrà le prove che indicano che i giocatori più profondi come: la Central Intelligence Agency, i nazisti, il Council on Foreign Relations, la General Electric, Bush, Rockefeller e altri sono i più probabili colpevoli. Hanno lasciato le loro impronte digitali dappertutto! Cominciamo.

I nazisti e la CIA 

E conoscerete la verità. E la verità ti renderà libero. – Giovanni, VIII: 32 

Non c’è carenza di prove che indicano che la CIA (Central Intelligence Agency) è il manager e coordinatore quotidiano del New Manhattan Project (NMP) di oggi. Creato poco dopo la seconda guerra mondiale con il National Security Act del 1947 e successivamente rafforzato dalla Central Intelligence Agency Act del 1949, la CIA è una creatura del superstato aziendale globale e utilizza le risorse del nostro governo, in particolare i nostri militari, per finire e realizzare il suo. Sappiamo da molto tempo che il Progetto New Manhattan è di natura militare, quindi non fa altro che senso. E c’è un’altra cosa … oh sì, le multinazionali gestiscono il mondo.

Nel suo libro Chemtrails Exposed e in molti articoli, l’autore ha presentato molte prove che collegano la CIA all’NMP. Da queste fonti, sappiamo già che la CIA ha storicamente posseduto e gestito grandi flotte di velivoli che operano clandestinamente. La CIA ha lavorato a lungo su un sacco di alta tecnologia applicabile al progetto di New Manhattan. La CIA ha un’enorme influenza sui nostri media che può essere usata per coprire e raccontare bugie sul NMP. Infatti, nel corso delle loro azioni, la CIA ha partecipato alla pubblicazione di numerosi documenti con rilevanza diretta per il NMP. Molti attori chiave nello sviluppo del NMP hanno avuto collegamenti diretti con la CIA. Un giocatore apparentemente molto importante, William F. Raborn fu per un breve periodo il direttore della CIA. Più recentemente, l’autore ha scoperto ancora più prove che collegano la CIA all’NMP. Mentre la nostra storia si svolge, questa nuova prova verrà presentata qui. 

Tutto risale all’inizio. Le origini della CIA sono molto eloquenti e sono pertinenti non solo al resto di questa sezione, ma forniscono anche uno sfondo per il resto di questo articolo. Tutto iniziò negli ultimi anni della Seconda Guerra Mondiale. Mentre stava cominciando a scorgere sui tedeschi che stavano per perdere questa cosa, il management superiore decise di stringere accordi con un Dulles di un gallese di Allen che, in teoria, rappresentava il governo degli Stati Uniti ma, in pratica, stava lavorando per il superstato aziendale globale; noto anche come lo stato profondo.

Allen Dulles

Allen Dulles (1893-1969), di stanza a Berna, in Svizzera all’epoca e che lavorava per il predecessore della CIA, l’Office of Strategic Services (OSS), fu tra le persone più influenti nel porre le basi per la successiva formazione della CIA. Sebbene non esista un fondatore della CIA ufficialmente riconosciuto, si può sostenere un forte argomento perché Dulles sia quella persona. Lui e una manciata di altri continuarono a riempire i nascenti ranghi della CIA con i nazisti. Questo processo iniziò prima della conclusione della seconda guerra mondiale con una missione segreta chiamata Operazione Alba. Tra i pochi tedeschi più strumentali all’inizio di questo processo vi furono i generali nazisti Reinhard Gehlen (1902-1979) e Karl Wolff (1900-1984). Dopo la seconda guerra mondiale, la maggior parte degli ex nazisti arrivò in America come parte di qualcosa chiamato Operazione Paperclip.

Allen Dulles finì per essere uno dei primi direttori dell’Agenzia e fino ad oggi è il direttore più lungo della CIA. Ha diretto la CIA per 8 anni praticamente senza supervisione al Congresso e l’impatto della sua eredità continua ancora oggi. Per questi motivi, Allen Dulles e il suo fratello più famoso, il Segretario di Stato John Foster Dulles, sono persone di interesse qui e sono citati in tutto. 

Fine Prima Parte

Link dell’intero articolo QUI 

®wld 

Finché c’è Guerra c’è Speranza

«L’arte della guerra» 

In Italia la più grande polveriera Usa

di Manlio Dinucci 

Alla fine della seconda guerra mondiale le truppe alleate occuparono il continente europeo. Francia e Russia le hanno ritirate, Stati Uniti e Regno Unito invece continuano a mantenere parte delle loro forze armate in Europa. In previsione di una guerra mondiale contro Cina e Russia, il Pentagono utilizza da un anno le numerose basi statunitensi in Italia per incrementare in modo massiccio lo stoccaggio di armi in Europa, bombe atomiche incluse. 

Rete Voltaire | Roma (Italia) | 11 settembre 2018

Fonte video: PandoraTV

***********

Lewis Eisenberg era il presidente del Porto di New York che vendette il World Trade Center appena prima degli attentati dell’11 Settembre per renderne possibile l’organizzazione. Eisenberg è oggi ambasciatore degli Stati Uniti a Roma e sta trasformando la penisola in un arsenale USA. 

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion (Passione per la Libertà) e il 2 settembre la Liberty Promise (Promessa di Libertà), che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride (Orgoglio di Libertà). Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno, in successione, il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio. 

Sono enormi navi Ro/Ro, lunghe 200 metri e con 12 ponti, capaci ciascuna di trasportare 6500 automobili. Non trasportano però automobili, ma carrarmati. Fanno parte di una flotta statunitense di 63 navi appartenenti a compagnie private che, per conto del Pentagono, trasportano in continuazione armi in un circuito mondiale tra i porti statunitensi, mediterranei, mediorientali e asiatici. 

Il principale scalo mediterraneo è Livorno, perché il suo porto è collegato alla limitrofa base statunitense di Camp Darby. Quale sia l’importanza della base lo ha ricordato il colonnello Erik Berdy, comandante della guarnigione in Italia dello Us Army, in una recente visita al quotidiano «La Nazione» di Firenze. 

La base logistica, situata tra Pisa e Livorno, costituisce il più grande arsenale Usa fuori dalla madrepatria. Il colonnello non ha specificato quale sia il contenuto dei 125 bunker di Camp Darby. Esso può essere stimato in oltre un milione di proiettili di artiglieria, bombe per aerei e missili, cui si aggiungono migliaia di carrarmati, veicoli e altri materiali militari. Non si può escludere che nella base vi siano state, vi siano o possano esservi in futuro anche bombe nucleari. 

Camp Darby — ha sottolineato il colonnello — svolge un ruolo chiave, rifornendo le forze terrestri e aree statunitensi in tempi molto più brevi di quanto occorrerebbe se venissero rifornite direttamente dagli Usa. La base ha fornito la maggior parte delle armi per le guerre contro l’Iraq, la Jugoslavia, la Libia e l’Afghanistan. Dal marzo 2017, con le grandi navi che mensilmente fanno scalo a Livorno, le armi di Camp Darby vengono trasportate in continuazione nei porti di Aqaba in Giordania, Gedda in Arabia Saudita e altri scali mediorientali per essere usate dalle forze statunitesi e alleate nelle guerre in Siria, Iraq e Yemen. 

Nel suo viaggio inaugurale la Liberty Passion ha sbarcato ad Aqaba, nell’aprile 2017, 250 veicoli militari e altri materiali. Tra le armi che ogni mese vengono trasportate via mare da Camp Darby a Gedda, vi sono certamente anche bombe Usa per aereo che l’aviazione saudita impiega (come risulta da prove fotografiche) per fare strage di civili nello Yemen. Vi sono inoltre seri indizi che, nel collegamento mensile tra Livorno e Gedda, le grandi navi trasportino anche bombe per aereo fornite dalla Rwm Italia di Domusnovas (Sardegna) all’Arabia Saudita per la guerra nello Yemen. 

In seguito all’accresciuto transito di armi da Camp Darby, non basta più il collegamento via canale e via strada della base col porto di Livorno e l’aeroporto di Pisa. È stata quindi decisa una massiccia riorganizzazione delle infrastrutture (confermata dal colonnello Berdy), comprendente una nuova ferrovia. Il piano comporta l’abbattimento di 1000 alberi in un’area protetta, ma è già stato approvato dalle autorità italiane. Tutto questo non basta. 

Il presidente del Consiglio regionale toscano Giani (Pd), ricevendo il colonnello Berdy, si è impegnato a promuovere «l’integrazione tra la base militare Usa di Camp Darby e la comunità circostante». Posizione sostanzialmente condivisa dal sindaco di Pisa Conti (Lega) e da quello di Livorno Nogarin (M5S). Quest’ultimo, ricevendo il colonnello Berdy e poi l’ambasciatore Usa Eisenberg, ha issato sul Comune la bandiera a stelle e strisce. 

Il degrado della libertà

 Skull & Bones, Antony Sutton e i finanziamenti al nemico  

 di Jon Rappoport

“Quando vedi le stesse élite che finanziano, incoraggiano e attivano entrambe le parti in una grande guerra, sei sulla strada per comprendere la guerra da una prospettiva più elevata. Queste élite usano la guerra per creare il caos, che poi “risolvono” imponendo, nel periodo successivo, il loro tipo di ordine: un maggiore controllo sulla vita, un maggiore controllo sulle istituzioni di governo. Chiamano questa operazione “pace”. Ma è davvero il restringimento della libertà.” (The Underground, Jon Rappoport)

Il prodigioso autore e ricercatore, Antony Sutton (1925-2002), ha scritto su degli uomini nascosti dietro eventi importanti. 

Recentemente mi sono imbattuto in un’intervista del 1999 con Sutton, diretta da Kris Millegan, ricercatrice e direttrice degli editori di TrineDay. 

Millegan scrisse di Antony Sutton nel 1999: “Antony C. Sutton, 74 anni, è stato perseguitato ma mai perseguito per le sue ricerche e le successive pubblicazioni delle sue scoperte. La sua carriera principale è stata infranta dalla sua devozione verso la scoperta della verità. Nel 1968, e stato pubblicato su The Hoover Institute presso la Stanford University il suo documento sulla tecnologia occidentale e lo sviluppo economico sovietico. Sutton mostrò come la base tecnologica e manifatturiera dello stato sovietico, che era allora impegnata a fornire ai Nord Vietnamiti gli armamenti e le forniture per uccidere e ferire i soldati americani, fu costruita da ditte statunitensi e per lo più pagate dai contribuenti statunitensi. Dal loro più grande impianto di acciaio e ferro, alle attrezzature per la produzione di automobili, ai cuscinetti a sfere di precisione e ai computer, la maggior parte delle grandi imprese industriali sovietiche era stata costruita con l’aiuto o l’assistenza tecnica degli Stati Uniti”. 

“… Poi, qualcuno ha inviato ad Antony un elenco di membri di Skull and Bones e -“una foto è saltata fuori”. E che immagine! Una società segreta multigenerazionale di origine straniera con le dita in tutti i tipi di torte e radici che risalgono alle influenze degli “Illuminati” nella Germania del 1830.”

Ecco alcuni estratti dall’intervista del 1999: 

Millegan: puoi raccontare la storia di come hai conosciuto Skull & Bones? E come ti sei sentito? 

Sutton – Non sapevo nulla di S & B fino a quando non ho ricevuto una lettera nei primi anni ’80 chiedendomi se mi sarebbe piaciuto dare un’occhiata a un vero e proprio elenco dei membri. non c’era nessuna vera ragione per rifiutarmi e ho detto di sì. È stato concordato di inviare il pacco da Federal Express e l’ho potuto trattenere solo per 24 ore, successivamente doveva essere restituito alla cassaforte. Era un lavoro da “sacco nero” da parte di un membro della famiglia disgustato dalle loro attività.

Per il beneficio di tutti i membri di S & B che possono leggere e dubitare della dichiarazione; l’elenco dei membri è in due volumi, rilegato in pelle nera. Membri viventi e membri deceduti in volumi separati. Libri molto belli. 

Ho trascorso tutta la notte a Kinko, a Santa Cruz, ho copiato tutti i volumi e sono tornato entro le 24 ore. 

Non ho mai rilasciato alcuna copia o identificato la fonte. Ho immaginato che ogni copia potesse essere codificata e consentire a S & B di rintracciare la perdita.

Come mi sentivo? Ho sentito allora (come ora) che questi uomini “prominenti” sono davvero immaturi giovani nel cuore. La realtà orribile è che questi ragazzini sono stati dominanti nella loro influenza negli affari del mondo. Niente da meravigliarsi abbiamo guerre e violenze. Bones è il simbolo della violenza terroristica, dei pirati, della divisione delle SS Deaths nella seconda guerra mondiale, delle etichette sulle bottiglie avvelenate e così via. 

Ho tenuto la pila di fogli xerox per un po’ di tempo prima che li guardassi – quando l’ho guardato – una foto è saltata fuori, QUESTA era una parte significativa del cosiddetto stabilimento. Nessuna meraviglia che il mondo abbia problemi! 

Millegan: – Cosa ha portato il tuo studio sulla élite, economia, segretezza e tecnologia per la tua carriera? 

Sutton: – Dipende da cosa intendi per “carriera”? 

Per gli standard convenzionali sono un fallimento abietto. Sono stato cacciato da due importanti università (UCLA e Stanford), negato il mandato al Cal State di Los Angeles. Ogni volta che scrivo qualcosa, sembra offendere qualcuno nell’Istituzione e mi gettano ai lupi. 

D’altra parte ho scritto 26 libri, pubblicato un paio di newsletter e così via … ancora più importante non mi sono mai compromesso nel raccontare la verità. E io non mollo. 

In termini materiali … fallimento senza speranza. In termini di scoperta … Penso di aver avuto successo. Giudicare un uomo dai suoi nemici. William Buckley mi ha definito un “coglione”. Glenn Campbell, ex direttore dell’Hoover Institution, Stanford mi ha definito “un problema”. 

Millegan – Qualche politica economica di Hitler ha minacciato gli interessi dei banchieri internazionali, e in tal caso ha avuto un ruolo nella sua rovina?

Sutton – Le politiche economiche di Hitler furono accettate dai banchieri durante la guerra … ITT, Chase, Texaco e altri operavano nella Francia nazista già nel 1945. In realtà Chase a Parigi stava cercando di ottenere [acquisire] conti nazisti fino al 1944. Quando arrivammo in Germania nel maggio 1945, ricordo di aver visto un negozio Woolworth (bombardato) ad Amburgo e di pensare: “Cosa sta facendo Woolworth nella Germania nazista?” Mentre eravamo bombardati ripetutamente era un “business come al solito” per grandi affari. La prova erano glii Alien Custodian Papers (documenti alieni custoditi). 

… L’Union Banking è molto importante. Ho realizzato un documentario per la TV nazionale olandese alcuni anni fa. Ha completato il processo di produzione fino alla guida TV olandese … all’ultimo minuto è stato ritirato e sostituito con un’altro filmato. Questo documentario è la prova che Bush finanziava gli interessi di Hitler. 

Forse i miei amici olandesi continueranno a vederlo, ma l’apparato [Skull & Bones] arrivò in Olanda. 

Millegan – Qual è la storia che sarebbe stata raccontata alla TV olandese? E qual è la storia della sua censura? 

Sutton – Un paio di anni fa, una compagnia olandese di produzione televisiva di Amsterdam, sotto contratto con la Dutch National TV, venne negli Stati Uniti per fare documentari su S & B [Skull and Bones]. Andarono al Tempio di Bones e in altri luoghi e intervistarono persone sulla costa orientale. Sulla costa occidentale, hanno intervistato me stesso e un’altra persona. 

Ho visto estratti dell’originale ed è un buon lavoro professionale. Avevano documenti che collegavano la famiglia Bush e altri membri di S & B al finanziamento di Hitler attraverso Union Banking of New York e la sua banca corrispondente olandese. Più di quello che ho nel [libro di Sutton] WALL STREET E LA NASCITA DI HITLER. 

La prima versione è stata successivamente aggiornata in un documentario in due parti e programmato per la presentazione dello scorso marzo. È stato ritirato all’ultimo minuto e non è mai stato mostrato. 

Millegan – Cosa vedi per il futuro? 

Suttton: caos, confusione e in definitiva una battaglia tra individuo e stato. 

L’individuo è il più forte; e vincerà. Lo stato è una finzione santificata da Hegel e dai suoi seguaci per controllare l’individuo. 

Prima o poi la gente si sveglierà. Per prima cosa dobbiamo scaricare la trappola della destra e della sinistra, questa è una trappola hegeliana da dividere e controllare. La battaglia non è tra destra e sinistra; è tra noi e loro … 

-fine dell’estratto sull’intervista- 

Ecco una citazione di Antony Sutton dal suo libro, The Best Enemy Money Can Buy (1986):

“Usando i dati di origine russa è possibile fare un’analisi accurata delle origini di questa apparecchiatura. Si è constatato che tutti i principali sistemi di propulsione diesel e a vapore-turbina delle novantasei navi sovietiche sull’offerta di Haiphong gestite [per i vietnamiti del nord] che potrebbero essere identificati (cioè ottantaquattro su novantasei) hanno avuto origine in progettazione o costruzione al di fuori dell’URSS. Possiamo concludere, quindi, che se i Dipartimenti di Stato e Commercio degli Stati Uniti, negli anni ’50 e ’60, avessero applicato coerentemente la legislazione approvata dal Congresso nel 1949, i sovietici non avrebbero avuto la capacità di rifornire atrezzature per la guerra vietnamita – e 50.000 più americani e innumerevoli vietnamiti sarebbero vivi oggi”. 

“Chi erano i funzionari governativi responsabili di questo trasferimento di tecnologia militare conosciuta? Il concetto originariamente proveniva dal consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger, che avrebbe venduto al presidente Nixon l’idea che dare tecnologia militare ai sovietici avrebbe temperato le loro ambizioni territoriali globali. Come Henry è arrivato a questo gigantesco non sequitur non è noto. E’ sufficiente affermare che ha suscitato notevole preoccupazione per le sue motivazioni. Non da ultimo il fatto che Henry fosse stato un dipendente a pagamento della famiglia dei Rockefeller dal 1958 e ha ricoperto il ruolo di presidente del comitato consultivo internazionale della Chase Manhattan Bank, una preoccupazione dei Rockefeller.” 

Se pensi che azioni del genere non possano mai aver avuto luogo, ti indicherò un altro ricercatore, Charles Higham, e il suo classico del 1983, Trading with the Enemy. 

Higham si concentra sulla seconda guerra mondiale. Gli uomini dietro il sipario che Higham espone sono nello stesso gruppo base esposto da Antony Sutton.

Higham, il commercio con il nemico: 

“Cosa sarebbe successo se milioni di persone americane e britanniche, alle prese con coupon e linee alle stazioni di servizio, avessero saputo che nel 1942 la Standard Oil del New Jersey [parte dell’impero Rockefeller] spedirono il carburante [della Germania] del nemico attraverso la neutralità della Svizzera e che il nemico stava spedendo carburante alleato? Supponiamo che il pubblico abbia scoperto che la Chase Bank nella Parigi occupata dai nazisti dopo Pearl Harbor stava facendo affari di milioni di dollari con il nemico con la piena conoscenza del quartier generale a Manhattan [la famiglia Rockefeller tra gli altri?] O quella dei Ford che ha costruito dei camion per le truppe di occupazione tedesche in Francia con l’autorizzazione di Dearborn, Michigan? O che il colonnello Sosthenes Behn, capo del conglomerato telefonico internazionale ITT, volò da New York a Madrid a Berna durante la guerra per contribuire a migliorare i sistemi di comunicazione di Hitler e migliorare le bombe robot che devastarono Londra? O che ITT ha costruito i FockeWulf che hanno sganciato bombe sulle truppe britanniche e americane? O quei cruciali cuscinetti a sfera venivano spediti ai clienti nazisti in America Latina con la complicità del vicepresidente del Consiglio sulla produzione della guerra degli Stati Uniti in collaborazione con il cugino di Goering a Filadelfia quando le forze americane erano disperatamente a corto di di tali cuscinetti? O che tali accordi erano noti a Washington e sono stati sanzionati o deliberatamente ignorati?” 

l’immagine che si ottiene?

La Guerra, a cosa serve? Con le stesse élite che appoggiano entrambe le parti, è positivo per gli affari. È buono per creare caos e distruzione. È positivo per il lancio di nuove organizzazioni globali, all’indomani; organizzazioni che esercitano un livello di controllo per raggiungerlo, cosa che prima non esisteva. E’ positivo per il lancio di organizzazioni come le Nazioni Unite e l’Unione Europea e l’Organizzazione Mondiale del Commercio – dedicata al Globalismo, che a sua volta è dedicata alla civiltà pianificata, in cui l’individuo viene umiliato e il gruppo è Tutto. 

La libertà è degradata; e il dominio dei pochi su molti è salutato come pace nel nostro tempo.

https://jonrappoport.wordpress.com/ 

®wld

Anatomia di eventi False Flag – False Bandiere

di Kevin Scott King 02 dicembre 2015 dal Sito TruthShock

  Che cosa è una falsa bandiera? 

Che cosa è esattamente una bandiera falsa, perché si chiama bandiera falsa?

Il termine bandiera falsa è un termine navale dall’era della vela che si riferisce a una nave che sventola i colori (bandiera) di un paese diverso da quello a cui la nave appartiene. Ciò viene fatto per più motivi, la cosa più comune è quella di attirare una nave nemica in una trappola o un intervallo di imbarco e poi nell’ultimo momento lasciare cadere la bandiera falsa e eseguire i veri colori prima di attaccare. Era uno sport usuale usare false flag – false bandiere, ma considerato immorale / non etico per attaccare l’eventuale nemico.

Al punto che non è mai stato fatto.

Ma questo accadeva in un’altra epoca …

La definizione più semplice di una falsa bandiera è un evento in cui gli autori effettivi e gli autori di reati segnalati o accusati di esserlo sono diversi. L’uso classico di una falsa bandiera, e quindi l’origine militare del suo nome, procede come segue.

Il re del paese A vuole conquistare e saccheggiare la terra del paese B per arricchirsi. Naturalmente se questo è ciò che il re A dice al suo esercito, può scegliere di non combattere o ribellarsi. Oppure nel caso migliore la manca di forza. Per ottenere il massimo dai loro soldati, i comandanti hanno bisogno di essere emozionalmente coinvolti … rabbia, odio, vendetta.

Ora l’oratore e il manipolatore esperti potrebbero essere in grado di creare questo umore con le sole parole. Ma molti non hanno questo livello di abilità. È molto più facile motivare e / o sollevare un esercito se un paese è stato attaccato, pertanto stai agendo in difesa. Ed è qui che entra in gioco la falsa bandiera. Il re del paese A e il suo generale al vertice si prodigano per lanciare un attacco contro se stessi, sostenendo che gli aggressori provenivano dal Paese B.

L’attacco deve essere abbastanza grande per creare un vero e proprio panico e paura e, per avere il massimo impatto ha bisogno di morti reali. Gli aggressori devono essere convincenti nel loro ruolo di soldati del Paese B, per cui l’abbigliamento, le uniformi, le armi devono corrispondere in modo appropriato.

Il successo del probabile attacco è alto poiché sarebbe inaspettato o un attacco a sorpresa. Anche se l’attacco dovesse fallire tecnicamente, resta il fatto che un attacco potrebbe essere sufficiente per manipolare una eventuale risposta. Il re A per eseguire l’attacco, potrebbe usare gli uomini all’interno, anche se sarebbe meglio usare dei mercenari.

Indipendentemente da ciò, un attacco di successo farebbe insorgere il popolo contro il paese “malvagio” B e quindi giustifica un’invasione.

Quanto sopra è solo un esempio, o un classico esempio di flag-flag. Tuttavia, è molto importante capire che l’evento flag-flag può assumere innumerevoli forme. Recentemente ho letto un commento in cui il commentatore ha affermato che poiché le persone sono effettivamente morte non era una falsa bandiera. La caratteristica definizione di una falsa bandiera non specifica che i non attori siano morti o anche se l’evento non sia affatto avvenuto, il che significa che l’intero evento riportato è una fabbricazione.

Una caratteristica definente è che il reato reale non viene mai conosciuto o rivelato. Quindi l’autore o il direttore / produttore della “produzione” non è sconosciuto. L’attenzione del pubblico è bloccata sul palco, è chiaramente noto il cattivo, identificato attraverso la narrazione ufficiale.

Ma chi sta dietro il sipario? Quando la scena di un gioco viene venduta come reale allora gli attori diventano irrilevanti, ciò che importa è sapere chi sono i produttori! Chi sono le persone che l’hanno scritto, diretto e finanziato l’evento? Questi sono i reali autori, non gli attori sul palco.

Cui Bono? … Chi ne beneficia?

L’altra caratteristica che definisce l’evento è un catalizzatore per i veri obiettivi. Quindi la falsa bandiera usa la classica dialettica hegeliana di “Problema-Reazione-Soluzione”.

Dall’esempio sopra riportato, l’attacco a sorpresa è il “problema” (una minaccia per la sicurezza personale), la rabbia della popolazione, la paura, quindi, la preoccupazione è la “reazione” desiderata e la “soluzione” è attaccare il reato per eliminare la minaccia abilitata dalla reazione delle popolazioni.

La falsa bandiera è quindi un’illusione deliberatamente creata, il cui scopo è creare l’ambiente in cui l’obiettivo o la “soluzione” saranno accettati e così implementati.

Perché usare tante false bandierine?

Come spiegato nella sezione precedente, il classico flag-flag è stato usato per giustificare un’invasione di un altro paese.

Ma ci sono numerose motivazioni per l’utilizzo di false bandiere. Quindi l’evento falso flag, nella storia è sempre stato utilizzato per avviare il cambiamento. Problema-Reazione-Soluzione.

Se la modifica che i leader vogliono non sarà apportata, deliberata o accettata dalla popolazione, allora la falsa bandiera è un ottimo strumento per mettere in atto tale cambiamento.

Quindi le falsi flag è uno strumento di manipolazione (inganno) per dirigere le opinioni e le azioni del popolo. Questo modello di problema-reazione-soluzione delle falsi flag è solo uno strumento dell’ingegneria sociale che guidano gli attori sul palcoscenico mondiale.

Mentre il pubblico, il 99,9% del mondo, sono molto più che semplicemente degli spettatori, è direttamente influenzati da questi “ingegneri” dal momento della loro nascita fino al momento del loro trapasso.

Essi (noi) siamo in realtà ignoti e non vogliono partecipanti alle macchinazioni dell’1%. 

Göring: Perché, naturalmente, la gente non vuole la guerra. Perché qualche povero sciattone che lavora in un’azienda vuole rischiare la sua vita in una guerra quando il meglio che ne può scaturire è tornare alla sua fattoria a pezzi?

Sia beninteso che naturalmente, la gente comune non vuole la guerra; né in Russia, né in Inghilterra, né in America, né per quello che si può dire della Germania.

Ma, dopo tutto, i leader del paese definiscono la politica e è sempre una cosa semplice trascinare il popolo, sia che sia una democrazia, sia che sia una dittatura fascista, un parlamento o una dittatura comunista.

Gilbert: C’è una differenza. In una democrazia la gente ha qualche parola in materia attraverso i loro rappresentanti eletti, e solo negli Stati Uniti il ​​Congresso può dichiarare guerre.

Göring: Oh, certo va tutto bene e bene, ma, voce o non voce che possono avere, la gente può sempre essere trascinata dai loro leader. Questo è facile. Tutto quello che devi fare è dire loro è che sono stati attaccati denunciando i pacifisti per mancanza di patriottismo esponendo il paese al pericolo.

Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese.

Da un’intervista tra Gustave Gilbert, uno psicologo americano e Hermann Göring durante le prove di Norimberga.  Trovato nel libro, ‘Diario di Nuremberg’

La Comunità basata sulla realtà 

La fonte del termine è una citazione del 17 ottobre 2004, l’articolo di New York Times Magazine dell’autore Ron Suskind, “Fede, certezza e presidenza di George W. Bush”, citando un aiutante senza nome a George W. Bush (successivamente attribuito a Karl Rove):

“L’aiutante ha affermato che i ragazzi come me erano in quello che chiamiamo la comunità basata sulla realtà”, definita come persone che “credono che le soluzioni emergano dal tuo giudizioso studio della realtà discernibile”.

“Non è questo il modo in cui il mondo funziona di più” continuò.

“Siamo un impero adesso e quando agiamo creiamo la nostra realtà. E mentre stai studiando questa realtà – giudiziosamente, come farete – agiremo di nuovo, creando altre nuove realtà, che puoi anche studiare, e così le cose verranno risolte. Siamo attori della storia … e tu, tutti voi, saremo lasciati a studiare ciò che facciamo”.

Il 1° dicembre 1941, 80% della popolazione statunitense era contro la partecipazione alla guerra in Europa.

FDR ha voluto che gli Stati Uniti si unissero alla guerra, un fatto ora ben consolidato. Quindi, come fa la FDR a convincere la popolazione statunitense a partecipare oltreoceano a una guerra che non vogliono?

Gli Stati Uniti hanno adottato 8 passi per incensare i giapponesi e incoraggiarli o costringerli ad attaccare. Gli Stati Uniti avevano rotto i codici diplomatici e militari dei giapponesi negli anni ’30.

Gli Stati Uniti sapevano che cosa erano. I diplomatici giapponesi dovevano dichiarare la guerra alla mattina del 7 dicembre prima dell’attacco, ma questa riunione fu intenzionalmente ritardata. Così la richiesta di un attacco a “sorpresa” sarebbe stata mantenuta, e la sorpresa, l’orrore, lo shock dell’attacco sono stati utilizzati per manipolare la popolazione nell’adesione alla seconda guerra mondiale.

I comandanti dell’esercito e della marina (General Walter Short e Ammiraglio Husband Kimmel) a Pearl Harbor, che sono stati accusati di non essere pronti sono stati immediatamente licenziati, ed entrambi esonerati nel ’44.

Sia il Tribunale Navale che il Consiglio dell’esercito hanno trovato Washington colpevole, che i funzionari all’interno del Govt americano sapevano che l’attacco stava venendo, ma non aveva trasmesso queste informazioni al personale appropriato.

False bandiere provate

Quindi non sei convinto che le false bandiere siano reali.

Abbastanza buono, niente di sbagliato per essere scettico. Diamo quindi un’occhiata a eventi che sono stati esposti “ufficialmente”. Uno dei più significativi è l’Operazione Gladio, perché non solo è stato aperto in lungo e in largo, ma dimostra chiaramente che il terrorismo è sponsorizzato dal governo.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la British MI6 e la CIA hanno creato e sostenuto gruppi terroristici di destra in tutta Europa in cui sono stati uccisi innocenti. Lo scopo era quello di incolpare il terrorismo nei gruppi di sinistra, usando una “strategia di tensione” e quindi ottenere il sostegno per ulteriori poteri di governo.

Questo programma è andato avanti per molti decenni, e anche se ufficialmente Gladio potrebbe essere stata chiusa, ovviamente continua senza sosta:

L’Iran-Contra, pensato tecnicamente non ad un evento flag-flag, è una prova assoluta della complicità del governo statunitense nelle vendite internazionali di armi e cambiamenti di regime.

Il partito iraniano ha coinvolto le vendite di armi illegali degli Stati Uniti all’Iran, usando Israele come intermediario per spedire le armi all’Iran, in cambio di assistenza per liberare gli ostaggi americani in Libano.

Importante notare che in questo momento l’Iran è stato considerato un “nemico” ed è ufficialmente designato uno lo “Sponsor Stato del Terrorismo”, che è deliziosamente ironico considerando ciò che l’Operazione Gladio ha rivelato. Infatti gli Stati Uniti stavano aiutando l’Iraq nella continua guerra Iran-Iraq. Questo è avvenuto durante un embargo delle vendite di armi all’Iran.

Alcuni dei fondi generati da queste vendite di armi furono poi utilizzati per finanziare i Contras in Nicaragua, che erano stati rigorosamente vietati dal Congresso degli Stati Uniti.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Fine Prima parte

Hiroshima e Nagasaki 70 anni fa

Ricorre oggi l’anniversario della bomba atomicasganciata su Hiroshima.

Noi non potremo mai chiedere scusa per Hiroshima, Nagasaki – nipote del Presidente Truman

“I visitatori stanno di fronte a una fotografia che mostra città di Hiroshima dopo il bombardamento atomico del 1945 stanno guardando dei manufatti causati dalla distruzione dalla bomba a Hiroshima, al Peace Memorial Museum di Hiroshima, nel Giappone occidentale, il 26 mar 2015 © Issei Kato / Reuters” 

Il nipote dell’uomo che ha ordinato i bombardamenti nucleari su Hiroshima e Nagasaki 70 anni fa, ha ricordato di come è diventato a poco a poco un sostenitore del mondo libero dal nucleare.

Il canale di documentari RTD RT ha detto: Clifton Truman Daniel è il figlio del figlio unico del presidente Harry Truman – la scrittrice di fantascienza Mary Margaret, e Clifton Daniel, ha lavorato come amministratore delegato per il New York Times. Clifton non ha mai saputo che il suo nonno, (che ha visitato la famiglia di Daniel su base regolare), era stato il presidente degli Stati Uniti fino a quando non è andato scuola.

Daniel ha appreso a scuola dai libri di storia che gli Stati Uniti durante la guerra sganciarono le bombe nucleari sul Giappone e per molti anni non ha mai sentito un legame personale con gli eventi principali del 20° secolo.

“Mio nonno ha dato molta importanza sulla ragione principale per cui sono state sganciate le bombe sul Giappone, era quella di salvare centinaia di migliaia di vite da ambo le parti, questa era la principale ragione. Per abbreviare la guerra e salvare vite americane che probabilmente si sarebbero perse nell’invasione delle isole principali. Ha detto che: “le cose della storia sono andate in questo modo, riproponendosi di non pensarci più”.

Un giorno però, l’atteggiamento è cambiato, mentre suo figlio portando a scuola un libro che raccontava la storia di Sadako Sasaki, che sopravvisse al bombardamento di Hiroshima all’età di due anni, si è ammalato di leucemia indotta dalle radiazioni nove anni dopo.

“Questa visione generale della città di Hiroshima mostra i danni causati dalla bomba atomica che è stata sganciata a marzo del 1946 © STR / Reuters”  

Una leggenda giapponese racconta il realizzarsi di un desiderio che sarebbe stato concesso a tutti coloro che avessero ripiegato mille origami raffiguranti delle gru. Mentre Sasaki stava combattendo per vivere, lei stava facendo delle gru di carta nella speranza di migliorare. Morì nel 1955, il suo desiderio non si è mai realizzato.

Daniel ha detto: “come ho detto prima nel il mio libro di testo, non c’erano ne numeri e ne ragioni per cui gli aerei abbiano sganciato le bombe. Non c’era nulla su quello che è accaduto ai bambini”. “Non mi son dato pensiero su quello che è successo in un giorno normale e,  nell’essere difronte a una realtà di persone che hanno perso la vita in modo orribile, tutto questo mi ha portato ad una riflessione”.

LEGGI TUTTO: ‘il corpo senza volto apparteneva a mia sorella’: Hiroshima, Nagasaki i sopravvissuti alle armi atomiche ricordano gli orrori di 70 anni fa.

Daniel è diventato il primo membro della famiglia Truman a visitare il Giappone, quando ha preso parte alla commemorazione delle vittime dei bombardamenti nel 2012. Era stato invitato dal fratello maggiore di Sadako, Masahiro Sasaki.

La visita ha avuto i suoi momenti difficili, Daniel ha ricordato, per esempio quando è stato intervistato da un giornalista giapponese, che ripetutamente gli chiese se si sarebbe scusato per la decisione di suo nonno, che non l’ha mai fatto. 

“Clifton Truman Daniel © RST” 

“Non so se ci sarà mai una scusa. Forse i due paesi possono trovare un linguaggio che li mette insieme per dire ‘sapete noi riconosciamo che un grave male è stato fatto su entrambi i fronti e noi proprio per questo andiamo avanti e ci impegniamo a non fare più qualcosa di simile’, ma ha spiegato e sottolineato che non ci sarà mai una scusa da parte degli Stati Uniti al Giappone o viceversa”.

Daniel ha spiegato che Harry Truman ha agito in buona fede e credeva di salvare vite umane di molti americani. Questa è stata la principale considerazione del presidente, che ha avuto esperienze di prima mano sulla vita di soldati valorosi sul campo di battaglia durante la prima guerra mondiale.

Ha ammesso che ci sono e rimarranno polemiche sulla decisione di Truman, e di come alcune persone nel credere che l’uso di armi nucleari non sia stato necessario.

“Daniel ha detto: “la vera domanda a cui continuiamo e cerchiamo di rispondere, è che infatti possiamo dire, ha fatto fermare la guerra. Alcune persone dicono di no, il Giappone si sarebbe arreso comunque; altri dicono che non avrebbero mai rinunciato a fermarsi”. «Perché lo abbiano fatto alla fine della guerra non lo sapremo mai, quindi non so come sarebbe andata.”

Inoltre, Daniel ha aggiunto: “penso che gli americani possono ancora guardare la decisione presa e possono ancora dire che è stato fatto per ragioni giuste”. “Possono anche dire guarda quanto è costato. Possono avere empatia. Non ci vuole niente.” 

“La gente prega dopo aver rilasciato lanterne di carta su un fiume di fronte al sventrato Atomic Bomb Dome in ricordo delle vittime della bomba atomica sul 66° anniversario del bombardamento di Hiroshima il 6 agosto 2011 © Kim Kyung-Hoon / Reuters”

FONTE 

Fonte del video sottotitolato in italiano a cura di http://www.luogocomune.net/

Fonte dell’articolo che ho tradotto è stato postato da http://www.luogocomune.net/

http://ningizhzidda.blogspot.it/