Archivi tag: scettro

Davanti agli occhi – oltre il mistero delle costruzioni antiche

 

 

Gli strumenti usati per costruire antichi monumenti potrebbero esserci stati davanti agli occhi da sempre   

di HAF

 

Uno dei motivi principali per cui oggi restiamo affascinati dalle strutture antiche è il mistero di quanto spesso le pietre massicce venissero tagliate e montate insieme con una precisione inspiegabile.

Usando i tuoi occhi, un chiaro difetto nella narrativa tradizionale diventa palesemente evidente.

Le spiegazioni tradizionali suggeriscono che strumenti ordinari e primitivi combinati con straordinarie imprese dello sforzo umano hanno reso tutto possibile.

Non c’è una buona spiegazione del perché le tecniche di costruzione e i progetti condividano così tante somiglianze in tutto il pianeta quando emerge il quadro generale.  

 

Oltre al mistero della costruzione, c’è un altro anello mancante: cosa è successo agli strumenti? Inoltre, perché non vediamo le informazioni registrate che spiegano questi sorprendenti metodi di costruzione?

Questi metodi erano intenzionalmente tenuti segreti o le risposte ci hanno sempre guardato in faccia?

È la ragione per cui non abbiamo trovato prove evidenti di strumenti perché uno di questi è il suono e le vibrazioni effimere? E, è un’altra ragione perché abbiamo frainteso gli strumenti utilizzati?

Le “Pietre veliche d’Egitto”

Un antico racconto di un antico storico e geografo arabo suggerisce che gli egiziani usassero il suono per trasportare enormi blocchi di pietra. Conosciuto come Erodoto degli Arabi, registrò una leggenda secolare nel 947 d.C.

Secondo Mysterious Universe, la leggenda dice così:

“Quando costruirono le piramidi, i loro creatori posizionarono con cura ciò che era descritto come magico papiro sotto i bordi delle possenti pietre che dovevano essere usate nel processo di costruzione.

“Poi, uno ad uno, le pietre furono colpite da ciò che era curiosamente, e piuttosto enigmaticamente, descritto solo come un’asta di metallo.

“Ecco, le pietre iniziarono lentamente ad alzarsi in aria e – come soldati diligenti che seguono indubbiamente gli ordini – procedettero in modo lento, metodico, a file singole un numero di piedi sopra un sentiero lastricato circondato da entrambi i lati da simili, aste di metallo misteriose.”

 

 

Lo scettro di Was

 

Abbiamo visto tutti divinità egiziane come Anubi, in piedi con una strana asta in mano come nella foto sopra.

Tuttavia, non molte persone sanno cos’è quell’oggetto. Si chiama Was-sceptre, un bastone con una base a forcella e sormontato da una testa a punta a forma di canino stilizzato o di un altro animale.

L’asta è sottile e perfettamente diritta e associata ad altri oggetti misteriosi come l’Ankh e il Djed. Erano semplicemente simbolici o avrebbero potuto essere strumenti di qualche tipo?

Ankh, Djed & Was di Kyera Giannini (CC BY 2.0)

  Djed di Mark Cartwright (CC-BY-NC-SA)

 

Secondo l’Enciclopedia della storia antica, questi oggetti sono simboli che rappresentano il potere e il dominio reali.

“I tre simboli più importanti, che spesso appaiono in tutti i modi di opere d’arte egiziane, dagli amuleti all’architettura, erano l’ankh, il djed e lo scettro.

“Questi sono stati spesso combinati in iscrizioni e spesso compaiono su sarcofagi insieme in un gruppo o separatamente. Nel caso di ciascuno di questi, la forma rappresenta l’eterno valore del concetto: l’ankh rappresentava la vita; la stabilità djed; era il potere.”

In alcune raffigurazioni, gli scettri Was sono visti sostenere il tetto di un santuario mentre Horus guarda.Allo stesso modo, il Djed è visto su architravi del tempio che sembrano reggere il cielo nel complesso di Djoser a Saqqara.

Un video di Ancient Architects esplora questa idea, mostrando esempi di diapason usati dagli egiziani.

Il narratore Matthew Sibson dal Regno Unito solleva alcune idee affascinanti su come gli egiziani potrebbero aver usato oggetti come lo scettro di Was e le forchette di sintonia per tagliare le pietre più dure usando il potere del suono e delle vibrazioni. (vedi video sotto)

Una statua di diapason è raffigurata su una statua di Iside e Anubi, ognuna con in mano un’asta. Tra le divinità, una scultura mostra due diapason che sembrano essere collegati da fili.

Sotto le forche, un oggetto arrotondato con quattro punte è centrato e appare quasi come una freccia rivolta verso l’alto.

Nel video, Sibson fa apparire un’e-mail interessante ma non verificata sul sito Web KeelyNet.com dal 1997. L’e-mail suggerisce che gli egittologi hanno trovato antiche forcelle in sintonia e potrebbero averle etichettate come “anomale” quando non potevano immaginare quale fosse il loro scopo.

“Alcuni anni fa un amico americano ha scelto la serratura di una porta che conduceva ad un magazzino del museo egiziano di circa 8 piedi x dieci piedi. All’interno ha trovato “centinaia” di ciò che ha descritto come “diapason”.

Queste dimensioni variavano da circa 8 pollici a circa 8 o 9 piedi di lunghezza complessiva e assomigliavano a catapulte, ma con un filo teso teso tra i denti della “forcella”. Insiste, per inciso, sul fatto che questi non erano sicuramente non ferrosi, ma “acciaio”.

Questi oggetti assomigliavano a una lettera “U” con una maniglia (un po’ come un forcone) e, quando il filo veniva strappato, vibravano per un periodo prolungato.

Mi viene in mente di chiedermi se questi dispositivi avrebbero potuto avere degli utensili temprati fissati sul fondo delle loro maniglie e se avrebbero potuto essere usati per tagliare o incidere la pietra, una volta che fossero stati messi in vibrazione.

Sebbene l’e-mail sia solo una prova aneddotica, sembra confermare il geroglifico di diapason sulla statua di Iside e Anubi, con filo teso tra i denti.

Successivamente, vediamo un sigillo Sumerian Cylinder molto più vecchio che mostra una figura che regge quello che sembra essere un diapason. Come vedi di più, sembra che gli antichi sapessero molto di più sugli effetti del suono e delle vibrazioni di quanto attualmente comprendiamo.

Oggi stiamo imparando nuovi modi di guardare alle strutture antiche. L’archeoacustica sta rivelando come il suono abbia giocato un ruolo vitale nella costruzione di siti in tutto il mondo.

Nel frattempo, lo studio dei cimatici rivela come le vibrazioni alterano la geometria della materia in modi intricati e inspiegabili.

Inoltre, i misteri della meccanica quantistica si stanno svelando quando troviamo nuove particelle e utilizziamo algoritmi di intelligenza artificiale per scoprire come funziona la materia stessa.

Potremmo finalmente raggiungere la fase in cui inizieremo a capire esattamente come gli antichi popoli del mondo hanno creato enormi monumenti in tutto il mondo? 

Riferimento: Ancient-code.com

Fonte: https://humansarefree.com/

®wld