Crea sito

L’attuale leadership politica cinese non dimentica le due famigerate guerre dell’oppio perse

Chi ha bisogno di un v*i*r*u*s falso quando abbiamo gli oppioidi?

di Jon Rappoport 2 giugno 2021

STATISTICHE SU KILLER: 2 MILIONI DI TOSSICI DA OPPIOIDI NEGLI USA.

300.000 MORTI DAL 2000 NEGLI USA.

CIRCA 33MILA MORTI ALL’ANNO PER OPPIEDI.

Come dimostro da un anno, S*A*R*S-C*o*V-2 non è mai stato scoperto, mai isolato, mai sequenziato legittimamente.

Nell’articolo di ieri, ho esposto come questa falsa storia di pand-emia, incentrata su Wuhan, abbia oscurato il ruolo di Wuhan come punto di lancio globale numero uno per il traffico di oppioidi.

Gli oppioidi sintetici, in particolare il fentanil, che è cento volte più potente della morfina, stanno uccidendo, creando dipendenza e mutilando milioni di persone in tutto il mondo. Questo è lo scopo di cui stiamo parlando.

Comprendi che uno degli effetti cardinali degli oppioidi è la soppressione della respirazione. Durante la cosiddetta pand-emia di COVID, l’hai sentito chiamare “ipossia”.

Sì, l’ipossia è elencata come un sintomo COVID. Ha una serie di cause che non hanno nulla a che fare con un v*i*r*u*s. Ma ovviamente, nella fretta di diagnosticare il maggior numero possibile di persone con COVID – e con un test PCR che sputa falsi positivi come l’acqua da una manichetta antincendio – i consumatori di oppiacei che soffrono di ipossia sono etichettati come “vittime del corona-v*i*r*u*s”.

Drugabuse.com: “… anche i farmaci oppiacei [oppioidi] rallentano la respirazione… e in caso di sovradosaggio, la respirazione viene rallentata a un livello praticamente inesistente e letale”.

“Gli oppioidi deprimono il respiro, provocano una forte sedazione e rendono impossibile il risveglio”.

Per molti mesi nel 2020, New York è stata pubblicizzata come l'”epicentro globale della pand-emia”.

I pazienti di New York hanno disorientato i medici del pronto soccorso perché si sono presentati con l’ipossia.

Stima del 2018 dei decessi per overdose da oppiacei a New York: 3000. Molte più persone nell’area di New York sono dipendenti da questi farmaci. Nello Stato di New York, nel 2017, il numero di persone dimesse dagli ospedali, dopo il trattamento per overdose o dipendenza da oppiacei: 25.000.

Nel 2020-21, le persone che hanno sviluppato l’ipossia da oppiacei sono state erroneamente diagnosticate con “problemi polmonari COVID-19”. Un gran numero di queste persone viene ulteriormente sedato, per essere messo su ventilatori, ignorando la necessità di affrontare la loro overdose, la loro dipendenza, la loro astinenza, e muoiono.

Facendo un paio di passi da tutto questo, puoi vedere come una diagnosi di COVID funzioni come una storia di copertura, per nascondere il bilancio di distruzione e morte derivante dagli oppioidi.

Com’è conveniente che l’intera favola del COVID sia stata lanciata a Wuhan, la città che è la fonte numero uno per il traffico globale di oppioidi. La fiaba ha oscurato la vera storia di Wuhan.

City-journal.org, 12 maggio 2020, “L’altra epidemia di Wuhan”, Christopher F. Rufo: “…molti non sanno che Wuhan è anche la fonte di un’altra epidemia mortale: le overdose di fentanyl in America… Negli ultimi dieci anni, Wuhan è emersa come sede globale per la produzione di fentanyl. I produttori chimici e farmaceutici della città nascondono la produzione del farmaco all’interno delle loro attività produttive più grandi e lecite, quindi lo spediscono all’estero utilizzando imballaggi deliberatamente etichettati in modo errato, tecniche di occultamento e una complessa rete di indirizzi di spedizione. Secondo un recente rapporto di ABC News, “enormi quantità di questi componenti [fentanyl] per corrispondenza possono essere ricondotti a un’unica società sovvenzionata dallo stato [Yuancheng] a Wuhan”.

E la storia conta:

Pensi che l’attuale leadership politica cinese abbia dimenticato le due famigerate guerre dell’oppio perse in Cina nel XIX secolo? (L’oppio è l’oppioide naturale originale.)

Ecco alcuni estratti da un pezzo che ho scritto nel 2017:

Nel 19° secolo, la vendita di oppio in Cina era un grosso affare per l’Inghilterra. Naturalmente, l’oppio che crea dipendenza è stato devastante per la Cina, che ha cercato di fermare il commercio. Ne risultarono due guerre dell’oppio contro la Cina (1839-42 e 1856-60). L’Enciclopedia Britannica afferma:

“In ogni caso le potenze straniere furono vittoriose e ottennero privilegi commerciali e concessioni legali e territoriali in Cina [compresa la vendita ininterrotta di oppio]. I conflitti hanno segnato l’inizio dell’era dei trattati ineguali e di altre incursioni sulla sovranità Qing che hanno contribuito a indebolire e infine a rovesciare la dinastia [che aveva governato dal 1644]…”

Sarebbe difficile sopravvalutare la furia e il risentimento duraturo dei governanti cinesi contro le potenze straniere che li hanno sconfitti e umiliati nelle guerre dell’oppio.

Il Daily Mail del Regno Unito [2017]: “[una nuova droga in arrivo nel Regno Unito] non è solo l’eroina. Era stato mescolato con due oppioidi artificiali letali: il fentanil, un antidolorifico 100 volte più potente della morfina; e carfentanyl, un tranquillante per elefanti 10.000 volte più forte dell’eroina di strada”.

“Ora i farmaci sono arrivati ​​in Gran Bretagna – e un’ondata di morti improvvise a Hull, il peggior incidente nel Regno Unito finora, mostra il loro impatto devastante. Solo pochi grani di carfentanil – 0,00002 g – possono essere fatali”.

“Queste droghe letali hanno iniziato a spuntare in tutto il paese, prima trovate a Blyth, nel Northumberland, poi sospettate di morti e reati di droga da Leeds a Londra, da St Albans a Southampton, da Wakefield a Winchester e dal Galles all’Irlanda del Nord”. [Nel 2021, il governo del Regno Unito afferma che la dipendenza da oppiacei e la morte non sono preoccupazioni schiaccianti. Trovo difficile credere a queste assicurazioni.]

FOX Business, 31 marzo 2017. Titolo: “DEA: gli oppioidi letali prodotti in Cina alimentano l’epidemia di droga negli Stati Uniti”.

“Una versione di design fatta in casa del fentanyl, l’oppioide che crea una forte dipendenza che è simile alla morfina ma è da 50 a 100 volte più potente, è stato al centro di reati di droga in tutto il paese questo mese, con le forze dell’ordine che hanno individuato la sua origine da laboratori sotterranei in Cina . La DEA afferma che la fornitura Cina-Stati Uniti sta ulteriormente alimentando l’epidemia di droga nel Paese”.

“’Questa roba [cinese] è incredibilmente potente. È così potente che anche una piccola quantità può ucciderti”, ha detto a FOX Business il portavoce della DEA Rusty Payne. ‘La Cina è di gran lunga il produttore più significativo di droghe sintetiche di marca illecita. C’è così tanta produzione di nuovi farmaci, [è] incredibile quello che sta uscendo dalla Cina. Centinaia di [versioni], inclusi fentanil sintetico e composti a base di fentanil’”.

“La Cina ha reso illegale il farmaco [fentanyl] solo nel 2015 e a quel punto i laboratori cinesi del mercato nero hanno iniziato ad aumentare la produzione delle proprie versioni, inclusa quella che è apparsa di recente in tutto il paese [gli Stati Uniti] chiamata furanil fentanyl”.

“‘Mentre l’eroina diventa più difficile da acquistare per strada o da un rivenditore, il fentanyl arriva tramite FedEx,’ Brad Lamm, CEO di Intervention.com, dice a FOX Business.”

“Il procuratore distrettuale di Brooklyn Eric Gonzalez ha annunciato questa settimana i dettagli su un giro di contrabbando di furanil fentanil per corrispondenza. L’operazione aveva portato la droga – che è stata soprannominata “Cina bianca” – negli Stati Uniti dall’Asia. Il capo del detective della polizia di New York, Bob Boyce, ha affermato che questa è stata la prima volta che gli investigatori hanno visto questo tipo di fentanyl a New York City.

“Anche questa settimana, gli agenti della dogana e della protezione delle frontiere di Cincinnati hanno affermato di aver sequestrato 83 spedizioni di droghe sintetiche illegali, tra cui 36 libbre di furanil fentanil, dalla Cina”.

The Boston Globe [2017]: “Un farmaco estremamente potente usato come tranquillante per elefanti è diventato rapidamente un nuovo killer nell’epidemia di oppioidi della nazione, e le autorità e gli operatori sanitari del New England si stanno preparando per il suo arrivo”.

“Il farmaco, il carfentanil, è un oppioide sintetico 10.000 volte più forte della morfina e 100 volte più potente del fentanil, un altro oppioide sintetico mortale”.

“La Drug Enforcement Administration ha emesso un avviso a livello nazionale sulla droga, che il suo capo ad interim ha definito ‘pazzo pericoloso’. In Massachusetts, la polizia di stato ha avvertito il personale del laboratorio criminale su come maneggiare il carfentanil durante l’analisi. Anche inalare il farmaco o assorbirlo attraverso un taglio può essere fatale”.

“Le forze dell’ordine e i funzionari sanitari ritengono che la maggior parte degli utenti non sappia di ingerire carfentanil, che a quanto pare è spesso erroneamente pensato per essere eroina o una miscela di eroina e fentanil, un oppioide sintetico più debole ma ancora letale”.

“Se la rotta commerciale del carfentanil è simile a quella del fentanil, il percorso si estende dai produttori cinesi ai trasformatori messicani ai contrabbandieri che riforniscono i rivenditori negli Stati Uniti, hanno detto le forze dell’ordine”.

“’Non c’è controllo di qualità, quindi quando arriva qui i distributori non sanno cosa hanno e l’utente non ha idea’, ha detto Timothy Desmond, un agente speciale con la divisione del New England della DEA. ‘Ecco dove si gioca alla roulette russa’.”

“I funzionari della contea di Hamilton sono sconcertati dalla strategia di marketing alla base di un farmaco così letale. “Non ha molto senso che tu voglia uccidere i tuoi clienti”, ha detto Fallon.

“Anche le forze dell’ordine sono preoccupate che il carfentanil possa danneggiare i primi soccorritori. La DEA ha avvertito la polizia di non condurre test sul campo sui farmaci sequestrati che potrebbero contenere carfentanil. Invece, l’agenzia ha esortato gli ufficiali a mettere al sicuro i loro campioni e consegnarli solo ai colleghi con formazione e attrezzature per gestire il farmaco”.


Nel 2020-21, la catastrofe degli oppioidi continua.

E la sua principale fonte di traffico, Wuhan, è famosa solo per aver dato vita a una pand-emia che non esiste perché non è mai stata dimostrata l’esistenza del v*i*r*u*s che l’ha provocata.

“La pand-emia” è una storia di copertina per secoli.

Fonte: https://blog.nomorefakenews.com/

®wld

Le Porte dell’Inferno

Dr. Michael Yeadon: “Nessuna di queste cose è supportata dalla scienza”

Sei stato avvertito. Michael Yeadon, PhD, il consumato informatore del mondo di Big Pharma, afferma che l’intera narrativa della pandemia è una rete di bugie: “nessuna di queste cose è supportata dalla scienza … I penso che siamo alle porte dell’inferno … è tutta una questione di controllo. ” ⁃ TN Editor

Come si commercializza e si implementa un sistema finanziario che nessuno vorrebbe se ne capissero tutte le ramificazioni: un cambiamento così enorme che non solo significherebbe la fine della moneta come la conosciamo, ma una revisione totale della sovranità e dei diritti individuali?

Nell’intervista sopra, che fa parte del documentario “Planet Lockdown”,1 Michael Yeadon, Ph.D., ricercatore di scienze della vita ed ex vicepresidente e scienziato capo della ricerca sulle allergie e sulle vie respiratorie presso Pfizer, condivide le sue opinioni sulla pandemia C^O^V^I^D^-19, “v/a/c/c/i/n/i” C^O^V^I^D^-19 accelerati, la questione delle varianti virali mutate e la necessità di colpi di richiamo, e come questa crisi artificiale viene utilizzata per spogliarci delle nostre libertà civili.

Stai mettendo insieme i pezzi?

Yeadon ha una laurea in biochimica e tossicologia e un dottorato di ricerca basato sulla ricerca. in farmacologia respiratoria. Ha trascorso 32 anni della sua carriera lavorando per grandi aziende farmaceutiche e 10 anni nel settore delle biotecnologie.

“Sono favorevole a tutte le modalità di nuovi trattamenti medici, siano essi biologici o v/a/c/c/i/n/i, piccole molecole, creme, spray, unguenti, qualunque cosa, ma sono ferventemente contrario ai farmaci non sicuri o ai farmaci usati in un contesto inappropriato”, Dice Yeadon.

“Alcune delle cose che dirò non sono favorevoli all’attuale raccolto di v/a/c/c/i/n/i genetici ed è [perché] vengono utilizzati in modo inappropriato. Non credo che abbiano un profilo di sicurezza sufficiente per essere utilizzati come una sorta di profilassi per la salute pubblica ad ampio spettro …

Alcune cose mi hanno permesso, credo, di individuare cosa sta succedendo nel mondo in questo momento. Primo, amo la biologia da quando ero piccola. Ho continuato a imparare e ad applicare la biologia in generale, che si tratti di farmacologia, biochimica, biologia molecolare [o] tossicologia. Ho una base molto ampia in tutto ciò che ha a che fare con le scienze della vita, in termini di salute e malattia.

[In secondo luogo], uno dei miei ex supervisori ha detto che avevo una struttura straordinaria che si distingueva dal genere di cose ordinarie che avresti dovuto fare per essere un vicepresidente o un amministratore delegato. Ha detto che ero in grado di individuare i modelli nei dati sparsi prima dei miei colleghi. Quindi, quando non ci sono dati sufficienti per la maggior parte delle persone per giudicare cosa stava succedendo, spesso sarei in grado di vederli.

Potevo vedere uno schema formarsi quando non c’erano abbastanza informazioni … In questa occasione, mi ha permesso, abbastanza rapidamente, di capire che quello che ci veniva detto su questo v/i/r/u/s e quello che dovevamo fare per stare al sicuro era semplicemente non è vero. “

È stata perpetrata una massiccia frode

Yeadon inizia evidenziando gli “enormi cambiamenti” apportati nell’attribuzione delle cause di morte nel Regno Unito. Se muori entro 28 giorni dal risultato del test positivo per S^A^R^S-C^o^V-2, vieni considerato un decesso C^O^V^I^D^-19, indipendentemente dalle altre condizioni sottostanti. La stessa cosa è stata fatta negli Stati Uniti Come notato da Yeadon:

“Non abbiamo mai avuto niente di così assurdo come la regola che viene ora utilizzata. Non è solo questione di essere in disaccordo professionalmente. È solo una totale assurdità.”

Anche la chiusura di attività commerciali e la costrizione di persone sane ad autoisolarsi non hanno senso. Yeadon sottolinea che solo le persone che sono malate, che hanno sintomi distinguibili di un’infezione respiratoria, rappresentano un rischio per la salute degli altri:

“Per essere una buona ed efficiente fonte di infezione, devi avere molti v/i/r/u/s. E se hai molti v/i/r/u/s che ti attaccano, stai reagendo. Questo processo produce sintomi, inevitabilmente, non solo occasionalmente. Deve sempre accadere …

E quelle persone non sono persone che vanno in giro per la comunità, perché se sei pieno di v/i/r/u/s e sintomatico, sei anche malato e le persone malate tendono a stare a casa oa letto”.

La diffusione asintomatica, che non ha basi solide, è stata utilizzata per giustificare i blocchi, che non hanno mai avuto alcun fondamento né di fatto né di scienza. lockdowns sono stati implementati per ragioni completamente diverse, vale a dire per abituarti a rinunciare alle tue libertà e al tuo normale stile di vita, e per renderti psicologicamente dipendente da una fonte esterna che ti dice quando è OK per fare cosa.

È l’addestramento all’obbedienza e uno strumento per convincere la popolazione del mondo ad andare d’accordo con la decimazione intenzionale dell’economia globale e del vecchio modo di vivere, giustificando in tal modo il grande ripristino, che riguarda il trasferimento della ricchezza globale e dei diritti di proprietà all’élite tecnocratica e dare loro il potere di controllare le nazioni del mondo.

“Fondamentalmente, tutto ciò che il tuo governo ti ha detto su questo v/i/r/u/s, tutto ciò che devi fare per stare al sicuro, è una bugia”, Dice Yeadon. “Ogni sua parte… Nessuno dei temi chiave di cui si sente parlare – dalla trasmissione asintomatica ai v/a/c/c/i/n/i di riempimento [cioè, i colpi di richiamo] – nessuna di queste cose è supportata dalla scienza.

Ogni pezzo è scelto abilmente accanto a qualcosa che probabilmente è vero, ma è di per sé una bugia e ha portato le persone dove siamo adesso. Normalmente non uso frasi come questa, ma penso che siamo alle porte dell’inferno … È tutta una questione di controllo …

Il motivo per cui sto commentando è perché credo che non riguardi solo la mia vita. Ancora più importante, [sono le vite] dei miei figli e nipoti che vengono rubate … da un processo sistematico di paura e controllo che culminerà, penso, in alcuni momenti molto orribili, e sono disperato di svegliarti …

Probabilmente siamo abbastanza abituati a che i politici dicano occasionalmente bugie bianche, e in un certo senso glielo permettiamo, ma quando ti mentono su qualcosa di tecnico, qualcosa che puoi controllare, e lo fanno [con] molti, molti elementi dell’intero evento, allora per favore, devi credermi, [non stanno] dicendo la verità.

E se non dicono la verità, significa che c’è qualcos’altro. E sono qui per dirti che sta succedendo qualcosa di molto, molto brutto. Se non presti attenzione, presto perderai ogni possibilità di fare qualcosa al riguardo.”

La scienza è stata capovolta

Yeadon osserva giustamente che tutto ciò che sappiamo sulla virologia e sulle malattie infettive è stato capovolto durante questa pandemia. Nessuna delle risposte standard note per proteggere le persone dalle malattie infettive è stata seguita. Normalmente, metti in quarantena i malati per contenere l’infezione.

Bloccare intere società non è mai stato fatto e non ha alcun fondamento nella scienza o nella storia del controllo delle epidemie. Allo stesso modo, test di massa su persone senza sintomi è senza precedenti. Semplicemente non è fatto, e per una buona ragione. È uno spreco di risorse perché, come ha spiegato Yeadon in precedenza, sappiamo come si diffondono i v/i/r/u/s. Questo non è il nostro primo rodeo. Abbiamo già affrontato epidemie infettive.

Sappiamo come funzionano i v/i/r/u/s nel corpo. Quando hai un’infezione attiva, sviluppi i sintomi mentre il tuo corpo monta le sue difese. Senza sintomi, la tua carica virale è troppo bassa per rappresentare una minaccia, per te o per gli altri. Il mito sulla diffusione asintomatica è stata una tattica della paura.

L’immunità delle cellule T è molto più importante degli anticorpi

Yeadon continua a rivedere come siamo stati indotti in errore sull’immunità e come il tuo corpo combatte i v/i/r/u/s. Probabilmente hai sentito che la cosa che ti dà l’immunità contro S^A^R^S-C^o^V-2 sono gli anticorpi specifici per S^A^R^S-C^o^V-2.

L’intera campagna di v/a/c/c/i/n/a/z/i/o/n/e si basa sulla premessa che iniettando un pezzo sintetico di RNA virale nelle cellule, il tuo corpo inizierà a produrre la proteina spike S^A^R^S-C^o^V-2, in risposta alla quale il tuo corpo produrrà anticorpi specifici che riconoscono quella proteina . Questo è anche noto come immunità umorale.

Tuttavia, mentre gli anticorpi sono importanti, specialmente nelle infezioni batteriche, gli anticorpi non sono l’unica parte della tua immunità. Ancora più importante, l’immunità contro i v/i/r/u/s, contrariamente ai batteri, in realtà non dipende dagli anticorpi. Yeadon spiega:

“I v/i/r/u/s sono davvero minuscoli e il loro compito è quello di entrare il più rapidamente possibile nelle tue cellule. Quindi, si legano a un recettore sulla superficie e si iniettano nella tua cellula. Quindi sono dentro. Gli anticorpi sono grandi molecole e sono generalmente al di fuori delle cellule.

Quindi pensaci per un momento. Anticorpi e v/i/r/u/s si trovano in compartimenti separati. Il v/i/r/u/s è all’interno della cellula, gli anticorpi all’esterno della cellula. Non sto dicendo che gli anticorpi non abbiano alcun ruolo, ma in realtà non sono molto importanti. Questo è stato dimostrato. Ci sono alcune persone in cui si è verificato un esperimento naturale.

Hanno un difetto e in realtà non producono anticorpi, ma sono in grado di combattere il C^O^V^I^D^-19, il v/i/r/u/s S^A^R^S-C^o^V-2, abbastanza bene. Il modo in cui lo fanno è che hanno l’immunità dei linfociti T, l’immunità cellulare. [Le cellule T] sono cellule addestrate a rilevare le cellule infettate da v/i/r/u/s e ad ucciderle. È così che ti difendi da un v/i/r/u/s.

Quindi, tutte queste menzioni dei livelli di anticorpi, è solo una sciocchezza. Non è una buona misura se sei immune o meno. Dà prova che sei stato infettato, ma la loro persistenza non è importante per stabilire se hai l’immunità …

Lo sappiamo da decenni. Conosciamo i linfociti T da decenni. Erano chiaramente nei miei libri di testo universitari. E sappiamo della loro importanza nel difenderti dai v/i/r/u/s respiratori probabilmente dagli anni ‘1970, sicuramente dagli anni ‘1980. Quindi, non credere a nulla in cui le persone ti suggeriscono che il loro ruolo è incerto. Sappiamo da molto tempo che sono assolutamente centrali “.

Gli anticorpi non sono la risposta alle varianti

Il ruolo centrale dell’immunità dei linfociti T, o immunità cellulare, diventa particolarmente pertinente quando si discute della minaccia di varianti, forme mutate di S^A^R^S-C^o^V-2. Come accennato, il tuo sistema immunitario è un sistema multiforme che consente al tuo corpo di montare difese contro tutti i tipi di minacce. Parassiti, funghi, batteri e v/i/r/u/s sono le principali categorie di minacce.

Ognuno di questi ti invade e ti minaccia in modi completamente diversi e il tuo sistema immunitario ha modi per affrontarli tutti, utilizzando una varietà di meccanismi.

“Hai quattro o cinque diversi bracci del sistema immunitario: immunità innata, mucosa, anticorpi, cellule T e sistemi di complimento [ary system]”, Dice Yeadon.

“Ci sono tutti questi diversi meravigliosi sistemi che si sono integrati, l’uno con l’altro, perché ha bisogno di difenderti da ogni sorta di diverse minacce nell’ambiente. Quello che ti sto dicendo è che l’enfasi sugli anticorpi rispetto alle infezioni virali respiratorie è sbagliata, e puoi stabilirlo abbastanza facilmente facendo qualche ricerca.”

In sostanza, ciò che Yeadon sta dicendo è che se sarai suscettibile alle varianti ha molto poco a che fare con se hai o meno anticorpi contro S^A^R^S-C^o^V-2, perché gli anticorpi non sono la tua difesa principale contro i v/i/r/u/s. I tuoi linfociti T sono quelli che fanno il lavoro pesante.

Ciò significa quindi che ottenere colpi di richiamo per diverse varianti non ti aiuterà. Non risolverà il problema, perché questi colpi non rafforzano l’immunità dei linfociti T.

Ripensa attentamente alla necessità di scatti ripetitivi

Di tutte le bugie che ci sono state dette nell’ultimo anno, quelle che preoccupano e spaventano di più Yeadon sono le bugie sulle varianti di v/i/r/u/s e sui colpi di richiamo. In effetti, crede che non accettare queste bugie possa essere la chiave per la tua stessa sopravvivenza, ed ecco perché:

“È abbastanza normale che i v/i/r/u/s a RNA come S^A^R^S-C^o^V-2, quando si replica, commettano errori tipografici. Ha un ottimo rilevamento degli errori, un sistema di correzione degli errori in modo da non fare troppi errori di battitura, ma ne fa alcuni, e quelli sono chiamati “varianti”.

È davvero importante sapere che se trovi la variante più diversa dalla sequenza identificata a Wuhan, quella varianza … è solo dello 0.3% diversa dalla sequenza originale.

Lo dirò in un altro modo. Se trovi la varianza più diversa, è identica al 99.7% a quella originale, e posso assicurarti … quella quantità di differenza NON è assolutamente in grado di rappresentarti come un v/i/r/u/s diverso.”

Spiega come, all’inizio della pandemia, gli scienziati abbiano ottenuto sangue da pazienti che erano stati ammalati dal v/i/r/u/s della S^A^R^S 17 o 18 anni fa. S^A^R^S-C^o^V-1, responsabile di quell’epidemia di S^A^R^S, è simile all’80% a S^A^R^S-C^o^V-2.

Volevano sapere se il sistema immunitario di questi pazienti sarebbe stato in grado di riconoscere S^A^R^S-C^o^V-2. Loro fecero. Avevano ancora cellule T di memoria contro S^A^R^S-C^o^V-1 e quelle cellule riconoscevano anche S^A^R^S-C^o^V-2, nonostante fossero simili solo all’80%. Ora, se una differenza del 20% non fosse sufficiente per aggirare il sistema immunitario di questi pazienti, perché dovresti preoccuparti di una variante che è al massimo dello 0.3% diversa dall’originale S^A^R^S-C^o^V-2?

“Quando i tuoi scienziati del governo ti dicono che una variante dello 0.3% diversa da S^A^R^S-C^o^V-2 potrebbe mascherarsi come un nuovo v/i/r/u/s ed essere una minaccia per la tua salute, dovresti saperlo, e ti sto dicendo che stanno mentendo”, Dice Yeadon.

“Se mentono, e lo sono, perché l’industria farmaceutica produce v/a/c/c/i/n/i di ricarica? Dovresti essere terrorizzato a questo punto, come lo sono io, perché non c’è assolutamente alcuna giustificazione possibile per la loro fabbricazione. E le autorità di regolamentazione dei medicinali del mondo hanno detto: “Poiché sono abbastanza simili ai v/a/c/c/i/n/i originali … non chiederemo loro di fare alcuno studio sulla sicurezza clinica”.

Stiamo vedendo un’agenda per lo spopolamento di massa in azione?

Yeadon sottolinea che le varianti semplicemente non sono abbastanza diverse da rappresentare una minaccia, motivo per cui non ora e non avrai bisogno in futuro di uno o più colpi di richiamo. Eppure sono già stati fatti e le autorità di regolamentazione stanno dando loro un pass gratuito quando si tratta di studi sulla sicurezza e sull’efficacia.

“Sono molto spaventato da questo. Non c’è una possibile interpretazione benigna di questo “ Dice Yeadon. “Credo che verranno usati per danneggiare la tua salute e forse ucciderti. Sul serio. Non vedo alcuna interpretazione sensata se non un serio tentativo di spopolamento di massa.

Ciò fornirà gli strumenti per farlo e una plausibile negabilità. Creeranno un’altra storia su una sorta di minaccia biologica e ti allineerai e riceverai i tuoi v/a/c/c/i/n/i di ricarica, e pochi mesi o un anno o giù di lì, morirai di una strana sindrome inspiegabile. E non potranno associarlo ai v/a/c/c/i/n/i.

Questa è la mia convinzione: ti stanno mentendo sulle varianti in modo che possano fare v/a/c/c/i/n/i di ricarica dannosi di cui non hai affatto bisogno. Penso che saranno usati per scopi maligni … Sappiamo che le persone [S^A^R^S-C^o^V-2] ferite e uccise sono solo persone anziane e / o malate, di solito entrambi, quindi stiamo parlando di meno dello 0.1% [di la popolazione] …

Dato che questo v/i/r/u/s rappresenta, nel peggiore dei casi, un rischio leggermente maggiore per gli anziani e i malati dell’influenza, e un rischio minore [dell’influenza] per quasi tutti gli altri … non è mai stato necessario per noi fare qualcosa. Non abbiamo dovuto fare niente. [Non avevamo bisogno di] blocchi, maschere, test di massa, v/a/c/c/i/n/i.

Esistono diversi farmaci terapeutici che sono efficaci almeno quanto i v/a/c/c/i/n/i. Sono già disponibili ed economici. I corticosteroidi per via inalatoria utilizzati nell’asma hanno ridotto la sintomatologia di circa il 90%.

Un farmaco fuori brevetto chiamato ivermectina, uno dei farmaci più utilizzati al mondo, è anche in grado di ridurre i sintomi in qualsiasi fase della malattia, inclusa la letalità di circa il 90%. Quindi, non hai bisogno di v/a/c/c/i/n/i e non hai bisogno di nessuna delle misure che sono state introdotte”.

Principali problemi di sicurezza dei “v/a/c/c/i/n/i” a mRNA

Nel dicembre 2020, Yeadon ha presentato una petizione2 chiedendo all’Agenzia europea per i medicinali di interrompere gli studi clinici di fase 3 del v/a/c/c/i/n/o mRNA Pfizer fino a quando non saranno stati ristrutturati per affrontare i problemi di sicurezza critici. Naturalmente, quei processi non furono interrotti. Le quattro preoccupazioni chiave per la sicurezza che Yeadon ha specificato nella sua petizione3 sono stati:

1. Il potenziale per la formazione di anticorpi non neutralizzanti che possono innescare una reazione immunitaria esagerata (indicata come potenziamento immunitario paradossale o amplificazione immunitaria dipendente da anticorpi) quando l’individuo è esposto al vero v/i/r/u/s “selvaggio” dopo la v/a/c/c/i/n/a/z/i/o/n/e.

L’amplificazione dipendente dall’anticorpo è stata ripetutamente dimostrata negli studi sul v/a/c/c/i/n/o contro il c/o/r/o/n/a/v/i/r/u/s su animali.4 Sebbene inizialmente gli animali tollerassero bene il v/a/c/c/i/n/o e presentassero una risposta immunitaria robusta, in seguito si ammalarono gravemente o morirono se infettati dal v/i/r/u/s selvatico. In parole povere, il v/a/c/c/i/n/o ha aumentato la loro suscettibilità al v/i/r/u/s e ha reso più probabile che morissero a causa dell’infezione.

2. Il v/a/c/c/i/n/o mRNA di Pfizer contiene glicole polietilenico (PEG) e gli studi hanno dimostrato che il 70% delle persone sviluppa anticorpi contro questa sostanza. Ciò suggerisce che il PEG può innescare reazioni allergiche fatali in molti che ricevono il v/a/c/c/i/n/o.

In effetti, entro pochi giorni dal rilascio del v/a/c/c/i/n/o, sono iniziate ad arrivare segnalazioni di persone che avevano reazioni anafilattiche pericolose per la vita,5 portando ad avvertimenti che le persone con allergie note non dovrebbero assumere il v/a/c/c/i/n/o Pfizer.6 Da allora, reazioni anafilattiche sono state segnalate anche dai destinatari del v/a/c/c/i/n/o Moderna mRNA.7

3. Il v/a/c/c/i/n/io mRNA innesca il tuo corpo a produrre anticorpi contro la proteina spike S^A^R^S-C^o^V-2 e le proteine ​​spike a loro volta contengono proteine ​​sincitina omologhe che sono essenziali per la formazione della placenta. Se il sistema immunitario di una donna inizia a reagire contro la sincitina-1, c’è la possibilità che possa diventare sterile.

Questo è un problema che nessuno degli studi sui v/a/c/c/i/n/i sta esaminando in modo specifico. La v/a/c/c//i/n/a/z/i/o/n/e di massa di donne in età fertile contro C^O^V^I^D^-19 potrebbe potenzialmente avere la conseguenza devastante di causare infertilità di massa se il v/a/c/c/i/n/o innesca una reazione immunitaria contro la sincitina-1.

4. La durata degli studi è troppo breve per consentire una stima realistica degli effetti collaterali. A seconda di quali effetti finiscono per essere, milioni di persone possono essere esposte a rischi inaccettabili in cambio di un beneficio molto minore.

La libertà di salute minata in nome dell’“emergenza ”

Ancora più fondamentale di ogni particolare preoccupazione per la sicurezza è il fatto che una campagna di v/a/c/c/i/n/a/z/i/o/n/e di questa portata, utilizzando una tecnologia completamente nuova, stabilisce un precedente per la salute pubblica molto pericoloso. Attaccando panico inutile, molti sono ora disposti a rinunciare a ogni sorta di libertà in nome della risposta a un’emergenza sanitaria globale.

Una di queste libertà fondamentali è il tuo diritto di rifiutare una procedura medica sperimentale. Questa libertà è stata riconosciuta nel Codice di Norimberga del 19478 e sancito nel Patto internazionale sui diritti civili e politici, che afferma che “nessuno può essere sottoposto senza il suo libero consenso a sperimentazioni mediche o scientifiche”.9

Tuttavia, nonostante ciò, e nonostante il fatto che gli studi clinici sui v/a/c/c/i/n/i siano ancora a due anni dal completamento, i governi di tutto il mondo stanno parlando di realizzarli v/a/c/ci/n/a/z/i/o/n/i obbligatorie o ricattando le persone per prenderle contro la loro volontà incoraggiando le imprese private a limitare l’accesso solo ai v/a/c/c/i/n/a/t/i.

Come notato da Yeadon e molti altri, l’implementazione di passaporti v/a/c/c/i/n/a/l/i non ha nulla a che fare con la protezione della salute pubblica e ha tutto a che fare con la creazione di un meccanismo di sorveglianza, tracciamento e controllo che può essere facilmente esteso a tutte le altre aree della vita, controllando così ogni tua mossa.

“[I passaporti per i v/a/c/c/i/n/i] non sono affatto richiesti”, Dice Yeadon. “Ciò che forniscono, tuttavia, è il controllo completo dei tuoi movimenti a chiunque controlli il database a cui è collegato il tuo stato di v/a/c/c/i/n/a/z/io/n/e. Spero che tu capisca questo perché non è opzionale.

Questo è ciò che prenderà il sopravvento sulla tua vita in un modo che George Orwell nel ‘1984’ non si sarebbe nemmeno sognato. Immagina di essere stato v/a/c/c/i/n/a/t/o e di aver ricevuto un passaporto per i v/a/c/c/i/n/i su un’app. Sarà il primo database al mondo a contenere il tuo nome, un ID digitale univoco nello stesso formato di chiunque altro sul pianeta sullo stesso database.

Avrà come una bandiera modificabile relativa alla salute che indicherà [se] sei stato v/a/c/c/i/n/a/t/o. Se non lo sei stato, l’algoritmo che regola ciò che puoi fare … Questo è ciò che controllerà il resto delle tue vite fino alla morte.”

Il passaporto del v/a/c/c/i/n/o è un biglietto per la tirannia, o peggio

In effetti, ho scritto diversi articoli che descrivono in dettaglio come il monitoraggio dello stato di v/a/c/c/i/n/a/z/i/o/n/e introdurrà a apparato di sorveglianza più grande di qualsiasi cosa abbiamo mai sperimentato prima.

Il precedente che si sta creando in questo momento è quello che, in futuro, garantirà alle autorità sanitarie il “diritto” di imporre un numero qualsiasi di farmaci sperimentali, v/a/c/c/i/n/i e tecnologie su di noi in nome della salute pubblica. Se il diritto di rifiutare una procedura medica sperimentale non viene confermato ora, l’intera popolazione della terra sarà disponibile per la sperimentazione senza ricorso.

Ma non è tutto. Questo sistema iniziale di sorveglianza dei v/a/c/c/i/n/i sarà infine collegato ad altri sistemi digitali, come tutte le altre cartelle cliniche, l’identificazione biometrica e un sistema bancario completamente digitale.

L’implementazione di a Sistema di credito sociale basato su Google, simile a quello implementato in Cina nel 2018, è anche molto probabile. In un sistema di credito sociale, i punti vengono assegnati o sottratti per determinati tipi di comportamento. Quando il tuo punteggio scende al di sotto di un certo punto, la punizione viene inflitta sotto forma di restrizioni di viaggio o l’impossibilità di ottenere un prestito, ad esempio.

“Non permettere che il loro sistema entri in vigore”, Dice Yeadon. “Sarà usato per costringerti. Credo che se permetti l’entrata in vigore di un passaporto v/a/c/c/i/n/a/l/e, un giorno ti verrà inviato un ping e ti consiglierà di andare al centro medico per avere il tuo v/a/c/c/i/n/o di riempimento.

Se scegli di non ricevere il v/a/c/c/i/n/o, la validità del tuo passaporto scadrà, il che significa che non potrai entrare in un negozio. Potresti non essere in grado di utilizzare la tua carta di credito. Tutto quello che qualcuno deve fare è impostare una regola che dice: “Dopo una determinata data, prima di poter utilizzare qualsiasi carta di credito, un passaporto v/a/c/c/i/n/a/l/e deve essere [convalidato] …

Sono assolutamente terrorizzato dal fatto che la combinazione di passaporti v/a/c/c/i/n/a/l/i e v/a/c/c/i/n/i di ricarica possa portare allo spopolamento di massa, all’esecuzione deliberata, potenzialmente di miliardi di persone.

Puoi fermarlo una volta che hai sentito quello che sto dicendo. Anche se ti piace l’idea dei passaporti v/a/c/c/i/nali, metti a posto la cosa usando documenti scritti o qualcosa del genere … ma non permettere che sia su un database globale interoperabile a formato fisso, perché quella sarà la fine delle libertà umane. E non vedo alcun modo per riprendermi da questo”.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato sul sito web https://it.technocracy.news/dr-michael-yeadon-nessuna-di-queste-cose-%C3%A8-supportata-dalla-scienza/

®wld

Maschere & Mascherine: Tutto quello che probabilmente non sai

Le maschere sono una bomba a orologeria

Analisi del Dr. Joseph Mercola

Storia in breve:

  • Si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto
  • Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente
  • Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente con fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti in plastica più grandi, come i sacchetti di plastica
  • I microbi dalla bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei polmoni, dove sono stati collegati al cancro del polmone in stadio avanzato; indossare una maschera potrebbe potenzialmente accelerare questo processo
  • La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani

Il pianeta potrebbe dover affrontare una nuova crisi della plastica, simile a quella provocata dall’acqua in bottiglia, ma questa volta coinvolge le maschere scartate. Il “mascheramento di massa” continua ad essere raccomandato dalla maggior parte dei gruppi di salute pubblica durante la pandemia COVID-19, nonostante la ricerca abbia dimostrato che le maschere non riducono significativamente l’incidenza dell’infezione. 1

Di conseguenza, si stima che in tutto il mondo vengano utilizzate 129 miliardi di maschere per il viso ogni mese, il che equivale a circa 3 milioni di maschere al minuto. La maggior parte di questi sono la varietà usa e getta, realizzata con microfibre di plastica. 2

Di dimensioni variabili da cinque millimetri (mm) a lunghezze microscopiche, le microplastiche, che includono microfibre, vengono ingerite da pesci, plancton e altre forme di vita marina, nonché dalle creature sulla terra che le consumano (compresi gli esseri umani 3 ).

Più di 300 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte a livello globale ogni anno, e questo prima che indossare la maschera diventasse un’abitudine quotidiana. La maggior parte finisce come rifiuto nell’ambiente, portando i ricercatori dell’Università della Danimarca meridionale e dell’Università di Princeton ad avvertire che le maschere potrebbero diventare rapidamente “il prossimo problema di plastica”. 4

Perché le maschere usa e getta possono essere anche peggiori delle bottiglie di plastica

La crisi dell’acqua in bottiglia è ora ben nota come una delle principali fonti di inquinamento ambientale da plastica, ma dovrebbe essere superata da una nuova crisi delle maschere. Mentre circa il 25% delle bottiglie di plastica viene riciclato, “non esiste una guida ufficiale sul riciclaggio delle maschere, il che rende più probabile che venga smaltito come rifiuto solido”, hanno affermato i ricercatori. “Con l’aumento dei rapporti sullo smaltimento inappropriato delle maschere, è urgente riconoscere questa potenziale minaccia ambientale”. 5

Non solo le maschere non vengono riciclate, ma i loro materiali le rendono probabile che persistano e si accumulino nell’ambiente. La maggior parte delle maschere per il viso usa e getta contiene tre strati: uno strato esterno in poliestere, uno strato intermedio in polipropilene o polistirolo e uno strato interno in materiale assorbente come il cotone.

Il polipropilene è già una delle plastiche più problematiche, poiché è ampiamente prodotta e responsabile di un grande accumulo di rifiuti nell’ambiente, oltre ad essere un noto fattore scatenante dell’asma. 6 Inoltre, i ricercatori hanno notato: 7

“Una volta nell’ambiente, la maschera è soggetta alla radiazione solare e al calore, ma la degradazione del polipropilene è ritardata a causa della sua elevata idrofobicità, alto peso molecolare, mancanza di un gruppo funzionale attivo e catena continua di unità metileniche ripetitive. Queste proprietà recalcitranti portano alla persistenza e all’accumulo nell’ambiente.

Hanno anche affermato che quando le maschere vengono esposte alle intemperie nell’ambiente, possono generare un gran numero di particelle di polipropilene microsize nel giro di poche settimane, quindi degradarsi ulteriormente in nanoplastiche di dimensioni inferiori a 1 mm.

Poiché le maschere possono essere realizzate direttamente da fibre di plastica microsize con uno spessore compreso tra 1 mm e 10 mm, possono rilasciare particelle microsize nell’ambiente più prontamente – e più velocemente – rispetto a oggetti di plastica più grandi, come i sacchetti di plastica.

Inoltre, “Tali impatti possono essere aggravati da una maschera di nuova generazione, le nanomaschere, che utilizzano direttamente fibre di plastica di dimensioni nanometriche (ad esempio, diametro <1 mm) e aggiungono una nuova fonte di inquinamento nanoplastico”. 8 Un rapporto di OceansAsia ha inoltre stimato che 1,56 miliardi di maschere per il viso potrebbero essere entrate negli oceani del mondo nel 2020, sulla base di una stima di produzione globale di 52 miliardi di maschere prodotte quell’anno e un tasso di perdita del 3%, che è conservativo.

Sulla base di questi dati e di un peso medio da 3 a 4 grammi per una maschera chirurgica in polipropilene monouso, le maschere aggiungerebbero 4.680 a 6.240 tonnellate metriche aggiuntive di inquinamento da plastica all’ambiente marino, che, notano, “prenderà come fino a 450 anni per abbattere, trasformandosi lentamente in microplastiche con un impatto negativo sulla fauna marina e sugli ecosistemi “. 9

Le maschere che entrano in ambienti marini comportano rischi aggiuntivi

È noto che le particelle di plastica percorrono grandi distanze, ponendo rischi immensi praticamente in ogni parte del globo. Piccoli pezzi di plastica segnati dalle intemperie – suggerendo che avevano intrapreso un lungo viaggio – sono stati trovati in cima ai Pirenei nel sud della Francia 10 e “nelle zone più settentrionali e più orientali della Groenlandia e dei mari di Barents”. 11

Definendo l’area dei mari della Groenlandia e di Barents un “vicolo cieco” per i detriti di plastica, i ricercatori hanno ipotizzato che il fondo marino sottostante sarebbe stato un punto di riferimento per l’accumulo di detriti di plastica. 12 In una ricerca separata, è stato anche rivelato che l’inquinamento da plastica ha raggiunto l’Oceano Antartico che circonda l’Antartide, un’area ritenuta per lo più priva di contaminazione. 13 Secondo lo studio presentato: 14

“Quando non sono adeguatamente raccolte e gestite, le maschere possono essere trasportate dalla terra all’acqua dolce e agli ambienti marini tramite il deflusso superficiale, le correnti dei fiumi, le correnti oceaniche, il vento e gli animali (tramite intrappolamento o ingestione). La presenza di maschere di scarto è stata segnalata sempre più in ambienti diversi e i social media hanno condiviso la fauna selvatica aggrovigliata nelle cinghie elastiche delle maschere “.

Tali plastiche contengono anche contaminanti, come gli idrocarburi policiclici (IPA), che possono essere genotossici (cioè causare danni al DNA che potrebbero portare al cancro), insieme a coloranti, plastificanti e altri additivi legati ad ulteriori effetti tossici, tra cui tossicità riproduttiva, cancerogenicità e mutagenicità. 15

A parte la tossicità chimica, l’ingestione di microplastiche da maschere degradate e altri rifiuti di plastica è anche tossica a causa delle particelle stesse e del potenziale che potrebbero trasportare microrganismi patogeni.

Un altro problema di cui si parla raramente è il fatto che quando si indossa una maschera, vengono rilasciate minuscole microfibre, che possono causare problemi di salute se inalate. Il rischio aumenta quando le maschere vengono riutilizzate. Questo rischio è stato evidenziato in uno studio sulle prestazioni che sarà pubblicato nel numero di giugno 2021 del Journal of Hazardous Materials. 16

I ricercatori dell’Università di Xi’an Jiaotong hanno anche affermato che scienziati, produttori e regolatori devono valutare l’inalazione di detriti microplastici e nanoplastici versati dalle maschere, sia usa e getta che di stoffa, osservando: 17

“… [C] i reclami di irritazione alla gola o fastidio alle vie respiratorie da parte di bambini, anziani o altri soggetti sensibili dopo averli indossati possono essere segnali di allarme di quantità eccessive di detriti respirabili inalati da maschere e respiratori fatti in casa.

Nello studio in primo piano i ricercatori hanno anche invitato la comunità di ricerca ambientale a “muoversi velocemente per comprendere e mitigare questi rischi”, suggerendo che le maschere di stoffa riutilizzabili siano promosse al posto delle opzioni usa e getta e che i bidoni della spazzatura con le sole maschere siano impostati per aiutare nella corretta disposizione. 18 Tuttavia, un’altra opzione sarebbe quella di allentare o eliminare i mandati relativi alle maschere, che potrebbero rivelarsi più dannosi che benefici.

L’uso della maschera può comportare un rischio di cancro al polmone in stadio avanzato

Sebbene sia risaputo che il microbiota intestinale influisce sul sistema immunitario e sul rischio di malattie croniche, è stato a lungo ritenuto che i polmoni fossero sterili. Ora è noto che i microbi della tua bocca, noti come commensali orali, entrano frequentemente nei tuoi polmoni. 19 Non solo, ma i ricercatori della Grossman School of Medicine della New York University (NYU) hanno rivelato che quando questi commensali orali sono “arricchiti” nei polmoni, è associato al cancro. 20

In particolare, in uno studio su 83 adulti con cancro ai polmoni, quelli con cancro in stadio avanzato avevano più commensali orali nei polmoni rispetto a quelli con cancro in stadio iniziale. Quelli con un arricchimento di commensali orali nei polmoni avevano anche una ridotta sopravvivenza e un peggioramento della progressione del tumore.

Sebbene lo studio non abbia esaminato il modo in cui l’uso della maschera potrebbe influenzare i commensali orali nei polmoni, hanno notato: “Il microbiota delle vie aeree inferiori, sia in stato di salute che di malattia, è principalmente influenzato dall’aspirazione delle secrezioni orali e dal microbiota delle vie aeree inferiori. i prodotti sono in costante interazione con il sistema immunitario dell’ospite.” 21

Sembra altamente probabile che indossare una maschera acceleri l’accumulo di microbi orali nei polmoni, sollevando così la questione se l’uso della maschera possa essere collegato al cancro del polmone in stadio avanzato. Il National Institutes of Health ha anche condotto uno studio 22 che ha confermato che quando si indossa una maschera la maggior parte del vapore acqueo che normalmente si espirerebbe rimane nella maschera, si condensa e viene nuovamente inalata. 23

Sono arrivati ​​al punto di suggerire che indossare una maschera umida e inalare l’aria umida del proprio respiro fosse una buona cosa, perché avrebbe idratato le vie respiratorie. Ma data la scoperta che l’inalazione dei microbi dalla bocca può aumentare il rischio di cancro avanzato, questo non suona affatto come un vantaggio.

Per non parlare, l’umidità all’interno della maschera consentirà ai batteri patogeni di crescere e moltiplicarsi rapidamente e, poiché la maschera rende più difficile respirare, è probabile che respiri più pesantemente, rischiando così di inalare i microbi ancora più in profondità nei tuoi polmoni.

Le maschere danneggiano bambini e adulti

La “nuova normalità” del mascheramento diffuso sta interessando non solo l’ambiente ma anche la salute mentale e fisica degli esseri umani, compresi i bambini. Si presume in gran parte che le maschere facciali siano “sicure” per i bambini da indossare per lunghi periodi, ad esempio durante la scuola, ma non è stata effettuata alcuna valutazione del rischio. 24 Inoltre, come dimostra il primo registro tedesco che registra l’esperienza vissuta dai bambini con le maschere. 25

Utilizzando i dati su 25.930 bambini, sono stati segnalati 24 problemi di salute associati all’uso di maschere che rientrano nelle categorie di problemi fisici, psicologici e comportamentali. 26 Hanno registrato sintomi che: 27

“… inclusi irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola / all’asilo (44%), malessere (42%), disturbi dell’apprendimento 38%) e sonnolenza o affaticamento (37%). “

Hanno anche scoperto che il 29,7% ha riferito di sentirsi a corto di fiato, il 26,4% di vertigini e il 17,9% di non voler muoversi o giocare. 28 Centinaia di più esperti “respirazione accelerata, senso di oppressione al petto, debolezza e compromissione della coscienza a breve termine”.

È anche noto che le microplastiche esistono nella placenta umana, 29 e studi sugli animali mostrano che le particelle di plastica inalate passano attraverso la placenta e nel cuore e nel cervello dei feti. 30 Anche i feti esposti alle microplastiche hanno guadagnato meno peso nell’ultima parte della gravidanza. 31

“Abbiamo trovato le nanoparticelle di plastica ovunque guardassimo: nei tessuti materni, nella placenta e nei tessuti fetali. Li abbiamo trovati nel cuore, nel cervello, nei polmoni, nel fegato e nei reni del feto”, ha detto al Guardian Phoebe Stapleton della Rutgers University. 32

Il dottor Jim Meehan, un oftalmologo e specialista in medicina preventiva che ha eseguito più di 10.000 procedure chirurgiche ed è anche un ex editore della rivista medica Ocular Immunology and Inflammation, ha anche condotto un’analisi scientifica basata sull’evidenza sulle maschere, che mostra che non solo le persone sane non dovrebbero indossare maschere, ma potrebbero essere danneggiate di conseguenza. 33

Meehan suggerisce che l’idea di indossare una maschera sfida il buon senso e la ragione, considerando che la maggior parte della popolazione ha un rischio molto basso o quasi nullo di ammalarsi gravemente a causa del COVID-19. Ha anche compilato 17 modi in cui le maschere possono causare danni: 34

  • Le maschere mediche influenzano negativamente la fisiologia e la funzione respiratoria
  • Le maschere mediche abbassano i livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere mediche aumentano i livelli di anidride carbonica nel sangue
  • SAR-CoV-2 ha un sito di “scissione della pelliccia” che lo rende più patogeno e il virus entra nelle cellule più facilmente quando i livelli di ossigeno arterioso diminuiscono, il che significa che indossare una maschera potrebbe aumentare la gravità del COVID-19
  • Le maschere mediche intrappolano il virus esalato nella bocca / maschera, aumentando la carica virale / infettiva e aumentando la gravità della malattia
  • SARS-CoV-2 diventa più pericoloso quando i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono
  • Il sito di scissione della furina di SARS-CoV-2 aumenta l’invasione cellulare, specialmente durante bassi livelli di ossigeno nel sangue
  • Le maschere in tessuto possono aumentare il rischio di contrarre COVID-19 e altre infezioni respiratorie
  • Indossare una maschera facciale può dare un falso senso di sicurezza
  • Le maschere compromettono la comunicazione e riducono le distanze sociali
  • La gestione inadeguata e inadeguata delle maschere per il viso è comune
  • Le maschere indossate in modo imperfetto sono pericolose
  • Le maschere raccolgono e colonizzano virus, batteri e muffe
  • Indossare una maschera per il viso fa entrare l’aria espirata negli occhi
  • Studi di tracciamento del contatto mostrano che la trasmissione asintomatica da portatori è molto rara
  • Le maschere per il viso e gli ordini di permanenza a casa impediscono lo sviluppo dell’immunità della mandria
  • Le maschere per il viso sono pericolose e controindicate per un gran numero di persone con condizioni mediche e disabilità preesistenti

Aggiungendo la beffa al danno, il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 individui per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione. 35

Considerando la mancanza di prove per il loro uso e i potenziali danni alla salute umana e all’ambiente, non c’è da meravigliarsi che stiano crescendo le richieste di disobbedienza civile pacifica contro il mascheramento obbligatorio. L’organizzazione no profit statunitense Stand for Health Freedom dispone di un widget che puoi utilizzare per contattare i rappresentanti del tuo governo e informarli che indossare una maschera deve essere una scelta personale.

Fonte: https://articles.mercola.com/

®wld

Il Dr. Mike Yeadon: Non ho assolutamente alcun dubbio che siamo in presenza del male

ex pfizer vp afferma che i vaccini sperimentali mrna potrebbero essere "utilizzati per lo spopolamento su vasta scala"

L’ex vicepresidente della Pfizer afferma che i v-a-c-c-i-n-i sperimentali a mRNA potrebbero essere “utilizzati per lo spopolamento su vasta scala”

L’America’s Frontline Doctors (AFLDS) ha parlato con l’ex vicepresidente della Pfizer e Chief Science Officer Dr. Mike Yeadon delle sue opinioni sul v-a-c-c-i-n-o  COVID-19, l’idrossiclorochina e l’ivermectina, le autorità di regolamentazione e altro ancora.

All’inizio, il dottor Yeadon ha detto: “Sono ben consapevole dei crimini globali contro l’umanità perpetrati contro un’ampia percentuale della popolazione mondiale.

“Provo una grande paura, ma non sono scoraggiato dal dare testimonianze di esperti a più gruppi di avvocati capaci come Rocco Galati in Canada e Reiner Fuellmich in Germania.

“Non ho assolutamente alcun dubbio che siamo in presenza del male (non una determinazione che ho mai preso prima in 40 anni di carriera di ricerca) e di prodotti pericolosi.

“Nel Regno Unito, è assolutamente chiaro che le autorità sono intenzionate a seguire un corso che si tradurrà nella somministrazione di” v-a-c-c-i-n-i“a quante più persone possibile. Questa è una follia, perché anche se questi agenti fossero legittimi, la protezione è necessaria solo per coloro che sono a rischio notevolmente elevato di morte a causa del virus. In quelle persone, potrebbe persino esserci un argomento che i rischi valgono la pena. E ci sono sicuramente dei rischi che sono ciò che io chiamo “meccanicistici”: insiti nel modo in cui funzionano.

“Ma tutte le altre persone, quelle in buona salute e di età inferiore ai 60 anni, forse un po ‘più grandi, non muoiono per il virus. In questo grande gruppo, è del tutto immorale somministrare qualcosa di nuovo e per il quale il potenziale di effetti indesiderati dopo pochi mesi è del tutto insolito.

“In nessun’altra epoca sarebbe saggio fare ciò che viene dichiarato come l’intenzione.

“Poiché lo so con certezza, e so che anche chi lo guida lo sa, dobbiamo chiederci: qual è il loro motivo?

“Anche se non lo so, ho forti risposte teoriche, solo una delle quali riguarda il denaro e quel motivo non funziona, perché lo stesso quantum può essere raggiunto raddoppiando il costo unitario e dando all’agente la metà di molti persone. Dilemma risolto. Quindi è qualcos’altro.

“Apprezzando il fatto che, da tutta la popolazione, si intende anche includere nella rete i bambini minori e, infine, i neonati, ed è quello che interpreto essere un atto malvagio.

“Non ci sono ragioni mediche per questo. Sapendo come me che la progettazione di questi ‘v-a-c-c-i-n-i‘ risulta, nell’espressione nei corpi dei riceventi, espressione della proteina spike, che ha effetti biologici avversi propri che, in alcune persone, sono dannose (avviando la coagulazione del sangue e attivando il “sistema del complemento immunitario”), sono determinato a sottolineare che coloro che non sono a rischio di questo virus non dovrebbero essere esposti al rischio di effetti indesiderati da questi agenti. “

AFLDS : La decisione della Corte Suprema israeliana la scorsa settimana che ha annullato le restrizioni sui voli COVID ha affermato: “In futuro, qualsiasi nuova restrizione sui viaggi in entrata o in uscita da Israele necessita, in termini legali, di una base completa, fattuale e basata sui dati”.

In un discorso che hai tenuto quattro mesi fa, hai detto

“La durata più probabile dell’immunità a un virus respiratorio come SARS CoV-2 è di più anni. Perché lo dico? In realtà abbiamo i dati per un virus che ha invaso parti del mondo diciassette anni fa chiamato SARS, e ricordiamo che SARS CoV-2 è simile all’80% alla SARS, quindi penso che sia il miglior confronto che chiunque possa fornire.

“L’evidenza è chiara: questi immunologi cellulari molto intelligenti hanno studiato tutte le persone che sono riuscite a trovare e che erano sopravvissute alla SARS 17 anni fa. Hanno preso un campione di sangue e hanno verificato se rispondevano o meno alla SARS originale e tutti lo hanno fatto; avevano tutti una memoria delle cellule T perfettamente normale e robusta. In realtà erano anche protetti contro la SARS CoV-2, perché sono così simili; è l’immunità crociata.

“Quindi, direi che il miglior dato esistente è che l’immunità dovrebbe essere robusta per almeno 17 anni. Penso che sia del tutto possibile che duri per tutta la vita. Lo stile delle risposte dei linfociti T di queste persone era lo stesso di se fossi stato vaccinato e poi torni anni dopo per vedere se quell’immunità è stata mantenuta. Quindi penso che le prove siano davvero forti che la durata dell’immunità sarà di più anni, e forse per tutta la vita “.

In altre parole, la precedente esposizione alla SARS, ovvero una variante simile alla SARS CoV-2, conferiva l’immunità alla SARS CoV-2.

Il governo israeliano cita nuove varianti per giustificare blocchi, chiusure di voli, restrizioni e l’emissione di passaporti verdi. Dato il verdetto della Corte Suprema, pensi che sia possibile anticipare le future misure del governo con informazioni accurate su varianti, immunità, immunità di gregge, ecc. Che potrebbero essere fornite agli avvocati che metteranno in discussione quelle misure future?

Yeadon: “Quello che ho delineato in relazione all’immunità alla SARS è esattamente ciò che stiamo vedendo con SARS-CoV-2.
Lo studio proviene da uno dei migliori laboratori nel loro campo.

“Quindi, in teoria, le persone potrebbero testare la loro immunità dei linfociti T misurando le risposte delle cellule in un piccolo campione del loro sangue. Esistono test di questo tipo, non sono “ad alto rendimento” ed è probabile che costino poche centinaia di dollari ciascuno su larga scala. Ma non migliaia. Il test di cui sono a conoscenza non è ancora disponibile in commercio, ma ricerca solo nel Regno Unito

“Tuttavia, mi aspetto che l’azienda possa essere indotta a fornire kit di test “per la ricerca” su larga scala, previo accordo. Se dovessi organizzare di testare alcune migliaia di israeliani non vaccinati, potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Sulla base delle esperienze di altri paesi, il 30-50% delle persone aveva un’immunità precedente e inoltre circa il 25% è stato infettato e ora è immune.

“Personalmente, non vorrei trattare con le autorità alle loro condizioni: che sei sospettato come fonte di infezione fino a prova contraria. Non dovresti aver bisogno di dimostrare che non sei un rischio per la salute degli altri. Quelli senza sintomi non sono mai una minaccia per la salute degli altri. E in ogni caso, una volta vaccinati coloro che sono preoccupati per il virus, non c’è motivo per cui qualcun altro debba essere vaccinato “.

La mia comprensione di un ” v-a-c-c-i-n-o che perde” è che riduce solo i sintomi nel vaccinato, ma non arresta la trasmissione; permette quindi la diffusione di quello che poi diventa un virus più mortale.

Ad esempio, in Cina usano deliberatamente v-a-c-c-i-n-i contro l’influenza aviaria che perdono per abbattere rapidamente stormi di polli, perché i non vaccinati muoiono entro tre giorni. Nella malattia di Marek, da cui dovevano salvare tutti i polli, l’unica soluzione era vaccinare il 100% del gregge, perché tutti i non vaccinati erano ad alto rischio di morte. Quindi il modo in cui viene utilizzato un cerotto che perde è guidato dall’intenzione, cioè è possibile che l’intento possa essere quello di causare gravi danni ai non vaccinati.

I ceppi più forti di solito non si propagano attraverso una popolazione perché uccidono l’ospite troppo rapidamente, ma se il vaccinato sperimenta solo una malattia meno grave, allora diffondono questi ceppi ai non vaccinati che contraggono una malattia grave e muoiono.

Sei d’accordo con questa valutazione? Inoltre, sei d’accordo che se i non vaccinati diventano quelli sensibili, l’unica via da seguire è la profilassi HCQ per coloro che non hanno già avuto COVID-19?

Il protocollo Zelenko funzionerebbe contro questi ceppi più forti se fosse così?

E se molti hanno già la suddetta precedente “immunità alla SARS di 17 anni”, questo non proteggerebbe da nessuna super variante?

“Penso che la storia di Gerrt Vanden Bossche sia altamente sospetta. Non ci sono prove che la vaccinazione stia portando o porterà a “varianti pericolose”. Sono preoccupato che sia una specie di trucco.

“Come regola generale, le varianti si formano molto spesso, di routine e tendono a diventare meno pericolose e più contagiose nel tempo, man mano che entra in equilibrio con il suo ospite umano. Le varianti generalmente non diventano più pericolose.

“Nessuna variante differisce dalla sequenza originale di oltre lo 0,3%. In altre parole, tutte le varianti sono identiche per almeno il 99,7% alla sequenza di Wuhan.

“E ‘una finzione, e anche malvagia, che le varianti rischiano di” sfuggire all’immunità “.

“Non solo è intrinsecamente improbabile – perché questo grado di somiglianza delle varianti significa zero possibilità che una persona immunitaria (sia per infezione naturale che per vaccinazione) venga ammalata da una variante – ma è empiricamente supportata da una ricerca di alta qualità.

“La ricerca a cui mi riferisco mostra che le persone che si stanno riprendendo da un’infezione o che sono state vaccinate TUTTE hanno una vasta gamma di cellule immunitarie che riconoscono TUTTE le varianti.

Questo articolo mostra PERCHÉ l’ampio riconoscimento molecolare da parte del sistema immunitario rende irrilevanti i piccoli cambiamenti nelle varianti.

“Non posso dire abbastanza forte: le storie sulle varianti e sulla necessità di ricaricare i v-a-c-c-i-n-i sono FALSE. Sono preoccupato che ci sia una ragione molto maligna dietro tutto questo. Certamente non è supportato dai modi migliori per guardare all’immunità. Le affermazioni mancano sempre di sostanza quando vengono esaminate e utilizzano vari trucchi, come la manipolazione delle condizioni per testare l’efficacia degli anticorpi.

“Gli anticorpi sono probabilmente piuttosto irrilevanti nella protezione dell’ospite contro questo virus. Ci sono stati alcuni “esperimenti naturali”, persone che purtroppo non possono produrre anticorpi, ma sono in grado di respingere con successo questo virus. Sicuramente stanno meglio con gli anticorpi che senza. Cito questi rari pazienti perché mostrano che gli anticorpi non sono essenziali per ospitare l’immunità, quindi alcuni test artificiosi in un laboratorio di anticorpi e virus varianti ingegnerizzate NON giustificano la necessità di ricaricare i v-a-c-c-i-n-i.

“Le uniche persone che potrebbero rimanere vulnerabili e necessitare di profilassi o cure sono quelle che sono anziane e / o malate e non desiderano ricevere un v-a-c-c-i-n-o (come è loro diritto).

“La buona notizia è che ci sono più scelte disponibili: idrossiclorochina, ivermectina, budesonide (steroide per inalazione usato negli asmatici) e, naturalmente, vitamina D orale , zinco, azitromicina ecc. Questi riducono la gravità a tal punto che questo virus non lo ha fatto. bisogno di diventare una crisi di salute pubblica “.

Pensi che la FDA svolga un buon lavoro nella regolamentazione delle grandi aziende farmaceutiche? In che modo le big pharma aggirano il regolatore? Pensi che lo abbiano fatto per l’iniezione di mRNA?

“Fino a poco tempo fa, ho avuto grande considerazione per i regolatori globali dei medicinali. Quando ero in Pfizer, e in seguito CEO di una biotecnologia che ho fondato (Ziarco, poi acquisita da Novartis), abbiamo interagito rispettosamente con FDA, EMA e MHRA del Regno Unito.

Interazioni sempre di buona qualità.

“Di recente, ho notato che la Bill & Melinda Gates Foundation (BMGF) aveva concesso una sovvenzione all’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA)! Può mai essere appropriato? Sono finanziati con denaro pubblico. Non dovrebbero mai accettare denaro da un ente privato.

“Quindi ecco un esempio in cui l’autorità di regolamentazione del Regno Unito ha un conflitto di interessi.

“L’Agenzia europea per i medicinali non è riuscita a richiedere alcune cose come divulgate nell”hacking ‘dei loro file durante la revisione del v-a-c-c-i-n-o Pfizer.

“Puoi trovare esempi sul “Corona Committee “di Reiner Fuellmich online.

“Quindi non credo più che i regolatori siano in grado di proteggerci. L'”approvazione” è quindi priva di significato .

“Dr. Wolfgang Wodarg e io abbiamo presentato una petizione all’EMA il 1 ° dicembre 2020 sui vaccini genetici. Ci hanno ignorato.

“Di recente, abbiamo scritto loro in privato, avvertendoci di coaguli di sangue, ci hanno ignorato. Quando abbiamo reso pubblica la nostra lettera, siamo stati completamente censurati. Giorni dopo, più di dieci paesi hanno sospeso l’uso di un v-a-c-c-i-n-o citando i coaguli di sangue.

“Penso che i grandi soldi del settore farmaceutico e del denaro da BMGF creino l’ambiente in cui dire di no semplicemente non è un’opzione per il regolatore.

“Devo tornare alla questione del ‘rabbocco dei v-a-c-c-i-n-i‘ (colpi di richiamo) ed è tutta questa narrativa che temo verrà sfruttata e usata per ottenere un potere senza precedenti su di noi.

“SI PREGA di avvertire ogni persona di non avvicinarsi ai v-a-c-c-i-n-i di ricarica. Non ce n’è assolutamente bisogno.

“Dato che non ce n’è bisogno, ma vengono prodotti nel settore farmaceutico e le autorità di regolamentazione si sono fatte da parte (nessun test di sicurezza), posso solo dedurre che saranno usati per scopi nefasti.

“Ad esempio, se qualcuno desidera danneggiare o uccidere una percentuale significativa della popolazione mondiale nei prossimi anni, i sistemi messi in atto in questo momento lo consentiranno.

“È mia opinione che sia del tutto possibile che questo venga utilizzato per uno spopolamento su vasta scala”.

Fonte: AmericasFrontlineDoctors.com

Pubblicato sul sito web: https://humansarefree.com/2021/04/ex-pfizer-vp-covid-19-vaccines-massive-scale-depopulation.html

®wld

I blocchi sono strumenti inefficienti per porre fine alla pandemia

 

Sebbene i vaccini non siano in grado di proteggere da nuovi ceppi, l’immunità cellulare riduce gli effetti di nuove infezioni.

Autore: Luis R. Miranda

Le cellule immunitarie di persone che hanno acquisito COVID sono potenti tanto contro le nuove varianti del coronavirus quanto contro le varianti più vecchie. Questa è la conclusione di uno studio del La Jolla Institute of Immunology e dell’Università della California, San Diego (USA).

Queste cellule immunitarie, a differenza degli anticorpi, non impediscono a una persona di contrarre nuovamente l’infezione. Tuttavia, se acquisiscono un nuovo ceppo, le cellule immunitarie aiutano ad eliminare rapidamente il virus e prevenire gravi infezioni.

“Questi dati forniscono notizie positive date le preoccupazioni circa l’impatto delle nuove varianti”, concludono gli autori della ricerca in un articolo scientifico presentato come pre-pubblicazione sul server bioRxiv.

I ricercatori hanno analizzato l’attività delle cellule immunitarie CD4 + e CD8 + contro quattro varianti del virus SARS-CoV-2: il britannico, il sudafricano, il californiano e il brasiliano di Manaus.

I CD8 + sono responsabili della distruzione delle cellule infette, mentre i CD4 + sono cellule che aiutano la risposta immunitaria.

I risultati mostrano che, nelle persone che sono state esposte a varianti precedenti del coronavirus, “le risposte delle cellule immunitarie sono fondamentali per gestire gli effetti di quelle varianti”, concludono i ricercatori.

Questi risultati arrivano la stessa settimana in cui un altro studio ha avvertito che la variante Manaus potrebbe essere in grado di eludere gli anticorpi neutralizzanti prodotti dai vaccini.

Questa scoperta significherebbe che l’inoculazione con i vaccini non raggiungerebbe l’immunità di gregge ansiosamente attesa, come hanno proposto le autorità sanitarie. È proprio dietro questa idea che i vaccini possono produrre l’immunità della mandria che i governi stanno spingendo i vaccini COVID sulla popolazione.

Secondo questo studio, gli anticorpi neutralizzanti sono ridotti a un sesto dopo la prima infezione e tra il 25 e il 61% delle persone che hanno avuto COVID sono suscettibili di reinfezione con la variante P.1.

Inoltre, la variante sudafricana ha mostrato la capacità di eludere parzialmente gli anticorpi neutralizzanti acquisiti contro le varianti precedenti.

La variante P.1 è già stata trovata in almeno 19 paesi. Il sudafricano, in più di 40 paesi. Se tali varianti dovessero diffondersi ulteriormente potrebbero compromettere il proposto “passaporto vaccinale” che è in fase di elaborazione e che verrà imposto come condizione per lavorare e viaggiare.

Come mostra questo studio, le persone che sono state vaccinate potrebbero essere reinfettate con queste varianti, rendendo i vaccini inutili.

L’unica immunità che sembra fornire protezione contro tutte le varianti COVID è quella che le persone acquisiscono dopo essere state esposte a COVID. Questo è il motivo per cui è più importante che mai capire che i blocchi sono strumenti inefficienti per porre fine alla pandemia.

Il confinamento non solo non aiuta a fermare la diffusione dell’infezione, ma non riesce nemmeno a creare l’immunità naturale della mandria, l’unico vero protettore contro le nuove varianti.

Fonte:  https://real-agenda.com/

®wld

l’ADE infernale

INFERNO … SOLO ANDATA ?

Di: Dottor Roberto Slaviero – 18.03.21

ADE era il Re degli Inferi, insieme alla sua sposa Persefone, che egli rapì, sembra ai piedi del monte Etna. Tale rapimento scatenò la rabbia di Demetra, madre di Persefone e Dea dell’agricoltura, la quale produsse una tremenda carestia su tutta la terra.

Dovette intervenire Zeus, che dopo diverse vicissitudini, mise d’accordo i disputanti e cosi Persefone passò in seguito 6 mesi negli inferi con Ade e sei mesi sulla Terra con sua madre Demetra; da allora, primavera ed estate si associano alla presenza di Persefone sulla Terra, ed autunno e inverno, alla sua presenza nei sottostanti Inferi.

L’Antibody-Dependent Enhancement (ADE) o  Potenziamento anticorpo-dipendente, è un fenomeno naturale, ove il legame tra gli anticorpi ed un virus, invece di portare alla soppressione del virus, ne facilita l’ingresso nella cellula ospite e quindi l’infezione.

Ciò venne osservato per diversi virus, quali ad esempio quelli della Febbre gialla e del Dengue e nel caso del Covid 19, pare possa accadere per precedenti infezioni da corona; infatti la famiglia dei corona ad Rna è molto vasta e conosciuta da vari decenni.

Sapete qual’è il problema principale al giorno d’oggi? I cosiddetti sapienti scientisti ed attori del Mainstream, credono di avere la sicurezza al 100% di quello che producono nei loro laboratori e di quello che affermano, ma siccome, per fortuna, la Natura è più saggia e potente delle loro elucubrazioni mentali e dei loro tentativi eugenetisti, ogni tanto il coperchio non chiude perfettamente la pentola!

E come scrive Wikipedia, enciclopedia online rispettata ed in mano, pare, a gente potente che sa il fatto suo;

“L’ADE può ostacolare lo sviluppo di un vaccino, in quanto un vaccino causa la produzione di anticorpi che, tramite l’ADE, PEGGIORANO la malattia contro la quale il vaccino è progettato. I candidati al vaccino contro il virus Dengue, e il virus della peritonite infettiva felina (un coronavirus di gatto) hanno dovuto essere SOSPESI perché hanno provocato l’ADE.”

Nel caso odierno delle Terapie geniche anti Covid, non lo si può ancora con certezza assoluta affermare, ma alcuni indizi di gravi compromissioni organiche nei vaccinati, con gravi trombosi e disturbi nel sangue, lo fanno temere.

Ma il Tam Tam dei resettisti dice; cosa volete che siano (per adesso), qualche centinaio di morti e decine di migliaia di gravi compromissioni organiche, di fronte alla salvezza del genere umano!

L’ultimo a dirlo, mi pare sia stato l’ex Sindaco fiorentino ed ex presidente del Consiglio italico…famoso per i suoi studi di microbiologia e virologo di famE mondiale.

Un bel tacer non fu mai scritto…grazie!

Veniamo ad analizzare gli ultimi accadimenti, che hanno portato al ritiro di “un lotto“ di Astrazeneca, lotto pare di oltre 600mila dosi; poiché si minimizza…ma si poca cosa, un lottino magari leggermente avariato, succede, forse non è stato tenuto al freddo …

Il vaccino in questione è stato sviluppato su CELLULE UMANE DI FETI ABORTITI, e non è l’unico, e il vettore che introduce le informazioni per produrre la famosa Proteina Spike del corona, è basato su un Adenovirus di Scimpanzé

ChAdOx1 nCoV-19—developed by the University of Oxford, AstraZeneca and the Serum Institute of India—is based on a replication-incompetent chimpanzee adenovirus (Fig. 3i) expressing a wild-type version of the spike protein4

ChAdOx1 nCoV-19, sviluppato dall’Università di Oxford, AstraZeneca e dal Serum Institute of India, si basa su un adenovirus di scimpanzé incompetente alla replicazione (Fig. 3i) che esprime una versione wild-type della proteina spike4

SARS-CoV-2 vaccines in development | Nature

E’ bene che la gente sappia  cosa venga iniettato agli Umani-Scimpanzé, perché credo, pensino gli venga iniettato il Siero della Vita contro la Morte!

Hanno adesso preso di mira il vaccino inglese, ma anche gli altri a mRna hanno dato vari effetti collaterali

Banca dati europea delle segnalazioni di sospette reazioni avverse ai farmaci (adrreports.eu)

https://www.aifa.gov.it/sistema-europeo-eudravigilance

SONO SPERIMENTAZIONI A LARGA SCALA SULLA POPOLAZIONE, che viene tratta in inganno con la paura di una mortalità da corona, in realtà BASSISSIMA, anche inferiore a molte ondate influenzali degli anni passati.

Tutti i morti da un anno a sta parte sono Covid…Abbiamo già parlato degli scandali dei PCR e dei cicli di Amplificazione, con positività false e dei soldi che ricevono le strutture ospedaliere se il paziente è catalogato Covid!

Lasciamo perdere il giro di soldi delle Mascherine.

Torniamo alla realtà dei fatti e di cosa, una parte molto malata di questa organizzazione resettista, vuol portare a termine.

Vi ricordate la sinfonia, che va avanti già da quel prete deviato inglese, Malthus nel secolo 19mo…

Siamo in troppi sul pianeta, bisogna sfoltire etc etc…da cui si sviluppò poi il Nazismo o comunque un pensiero, nuovamente oggi presente, afferma che il SINGOLO può venir sacrificato per il loro cosiddetto Bene Comune o del gruppo tribale.

Sto osservando con stupore gli accadimenti in Israele odierni ed infatti il Cristianesimo dovrebbe stare su posizione opposte; infatti si narra che, furono gli ebrei a far crocifiggere il Nazzareno dai romani e Jesus parlava delle singole anime e non delle anime di gruppo.

Rudolf Steiner diceva che la principale differenza tra gli umani e gli animali è l’anima; gli umani ne possiedono una SINGOLA, gli animali ne possiedono una di GRUPPO.

Gli eventi che stiamo vivendo, decisi dal gruppuscolo di depravati mentali, che stanno facendo sto casino, distruggendo economie e singolarità animiche, tratta l’umanità come animali da laboratorio.

Loro vogliono incassare denaro e  inebetire le anime, per sfruttarle e tosarle al meglio, dal punto di vista materiale e spirituale.

E veniamo ad un possibile effetto collaterale, principalmente nelle donne in età fertile, che tali terapie geniche potrebbero procurare.

La proteina Spike del corona, è molto simile ad una proteina chiamate Sincetina, che all’atto del CONCEPIMENTO, porta allo sviluppo della Placenta e del suo attaccamento all’Utero, per lo sviluppo embrionale.

Meccanismo d’azione

Because of the similarity between syncytins and the spike protein of SARS-CoV-2, COVID-19 vaccine-induced antibody responses could trigger a cross-reaction against syncytins, causing allergic, cytotoxic and/or autoimmune side effects affecting human health and reproduction.

A causa della somiglianza tra le sincitine e la proteina spike di SARS-CoV-2, le risposte anticorpali indotte dal vaccino COVID-19 potrebbero innescare una reazione crociata contro le sincitine, causando effetti collaterali allergici, citotossici e / o autoimmuni che interessano la salute umana e la riproduzione.

Why COVID-19 vaccines might affect fertility – CienciaySaludNatural.com

Si chiama Reazione di silenziamento

La RNA interference (dall’inglese interferenza dell’RNA, abbreviata comunemente come RNAi) è un meccanismo mediante il quale alcuni frammenti di RNA sono in grado di interferire (e spegnere) l’espressione genica.

Insomma, questa è la drammatica situazione in cui si trova la maggior parte dell’umanità, causa il gruppuscolo di depravati mentali al potere.

Economie distrutte, libertà di movimento annientate, povertà schizzata alle stelle e sperimentazione su larga scala di terapie geniche, con la messa da parte della vera e sana FARMACOLOGIA!

Abbiamo già visto, che i virus sono dei parassiti e si curano con farmaci antiparassitari, quali Ivermectina ed Idrossiclorochina e pare con la Clofazimina, usata contro la Lebbra, causata da un micobatterio.

Abbiamo tutte le possibilità terapeutiche!

Le ditte produttrici, logicamente, fanno il loro lavoro ed i loro interessi, sono le persone che devono capire e reagire.

Lasciamole lavorare e sperimentare su soggetti consenzienti per anni ed anni, finché possano creare prodotti di massima sicurezza!

Siamo nei momenti più bui dal secondo dopoguerra e si tenta di modificare la genetica umana, attraverso la frode della pandemia, con un depopolamento forzato!

Altro grande pericolo, sarà la formazione di virosi interne, attivate dalle sequenze ribosomiali iniettate dall’esterno, che potrebbero causare nel prossimo autunno ed inverno gravi epidemie, difficilmente attaccabili da sistemi immunitari ingannati artificialmente!

Una strage preparata, per continuare il carosello dei vaccini e per sterminare la popolazione più a rischio.

Come la volete chiamare?

Molti esperti di sana scienza lo dicono, compreso l’ex che lavorava per Kill Gates

E i politici italiani?

Tutti inginocchiati

E il Vescovo di Roma?

E’ etico e doveroso vaccinarsi.

Si certo, su vaccini sviluppati su cellule umane di feti abortiti!

E questo sarebbe il rappresentante di Cristo sul pianeta, anzi no, lo disse lui stesso…almeno fu onesto!

Tutte le persone che si ritengono religiose monoteiste NON dovrebbero vaccinarsi, perché le produzioni tecniche e gli adiuvanti aggiunti, anche di origine animale (maiale), sono contrarie ai Credi religiosi!

Ma il sistema è completamente impazzito e ci sta portando verso il profondo,  verso l’ADE infernale.

C’è ancora pochissimo tempo per capire e reagire e poi sarà l’Apocalisse, senza ritorno!

Chi ha un minimo di senso della giustizia, si metta in azione e smetta di credere ai falsi profeti odierni, ai nuovi Apprendisti Stregoni, come li chiama il Premio Nobel, Luc Montagnier!

Sbagliare è umano, ma perseverare è diabolico!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

La guerra nella nebbia: la prova delle maschere e i blocchi non hanno valore

C’è una buona ragione per cui la Bibbia avverte: “Dove non c’è visione, il popolo perisce” (Prov. 29:18). Nel caso del colpo di stato della Tecnocrazia, chi non vedrà, non potrà vedere. La loro schiavitù tecnocratica sarà sulle loro stesse teste. Abbiamo avvertito dall’inizio del panico pandemico che l’intero schema era una frode intenzionale.

Ci sono proteste giganti in tutto il mondo che chiedono la cessazione dei blocchi e la restituzione della libertà. Quei manifestanti possono non avere alcuna comprensione del quadro generale, ma comprendono il dolore della disoccupazione, della privazione sociale, delle relazioni rovinate e della fame. ⁃ TN Editor

La “guerra nella nebbia” è un termine usato per descrivere l’incertezza, il caos e la confusione che possono verificarsi durante la battaglia. Ciò che pensavi fosse vero entrando in battaglia potrebbe essere capovolto, offuscando il tuo giudizio mentre cerchi di prendere decisioni in una sorta di realtà sospesa.

In questo momento stai vivendo una guerra nel mezzo di una nebbia  – una nebbia di guerra COVID – secondo Jeffrey Tucker, direttore editoriale dell’American Institute for Economic Research (AIER): “Spesso non è chiaro chi sta prendendo decisioni e perché, e cosa le relazioni sono tra le strategie e gli obiettivi. Anche la logica può diventare sfuggente poiché la frustrazione e il disorientamento sostituiscono la chiarezza e la razionalità”. 1

Questa descrizione è tipicamente riservata al disorientamento della battaglia, ma ora si applica in modo inquietante bene alla nebbia che circonda la mitigazione della malattia COVID-19. Se desideri un esempio concreto, guarda la sequenza temporale del video sopra, che ti porta da gennaio 2020, quando l’uso delle maschere era sconsigliato, a dicembre 2020, quando le maschere sono diventate obbligatorie in molte aree. 2

Marzo: le maschere per il viso non possono proteggere dal nuovo coronavirus

Nel febbraio 2020, Christine Francis, consulente per la prevenzione e il controllo delle infezioni presso la sede dell’Organizzazione mondiale della sanità, è stata descritta in un video, mostrando una maschera usa e getta. Ha detto: “Maschere mediche come questa non possono proteggere dal nuovo coronavirus se usate da sole … L’OMS raccomanda l’uso di maschere solo in casi specifici”. 3

Questi casi specifici includono se hai tosse, febbre o difficoltà a respirare. In altre parole, se sei attivamente malato e mostri sintomi. “Se non hai questi sintomi, non devi indossare maschere perché non ci sono prove che proteggano le persone che non sono malate”, ha continuato.

Nel marzo 2020, il Surgeon General degli Stati Uniti ha accettato pubblicamente, twittando un messaggio in cui si afferma: “Sul serio, gente, smettetela di comprare maschere!” e proseguendo dicendo che non sono efficaci nell’impedire al grande pubblico di contrarre il coronavirus. 4  Al 31 marzo 2020, l’OMS sconsigliava ancora l’uso di maschere per il viso per le persone senza sintomi, affermando che “non esiste alcuna prova” che tale utilizzo della maschera prevenga la trasmissione di COVID-19. 5

Giugno: il pubblico dovrebbe indossare una maschera per il viso

Entro il 6 giugno 2020, la retorica era cambiata. Citando “l’evidenza in evoluzione”, l’OMS ha invertito la sua raccomandazione, con Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, che consiglia ai governi di incoraggiare il pubblico in generale a indossare maschere dove c’è una trasmissione diffusa e l’allontanamento fisico è difficile. 6

Questo incoraggiamento si è trasformato in mandati in molte aree, con  minacce di multe  per coloro che non si sono conformati. Nella contea di Humboldt, in California, ad esempio, chiunque abbia violato l’ordine di indossare coperture per il viso in pubblico potrebbe essere multato da $ 50 a $ 1.000 e / o affrontare 90 giorni di carcere per ogni giorno in cui si è verificato il reato. 7

A Salem, nel Massachusetts, potresti anche essere multato per non aver indossato una maschera in pubblico, comprese le aree comuni all’interno di un condominio. 8  Qual è l’evidenza in evoluzione a cui si riferiva l’OMS che li ha indotti a invertire la loro posizione sulle maschere per il pubblico in buona salute in un periodo di soli due mesi? Ciò non è chiaro, ma si è verificato uno sviluppo interessante.

CHI: trasmissione asintomatica “molto rara”

Durante un briefing con la stampa dell’8 giugno 2020 – appena due giorni dopo che Ghebreyesus aveva consigliato alle persone sane di iniziare a indossare maschere – Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS per la pandemia COVID-19, ha chiarito che le persone che hanno COVID-19 senza alcun i sintomi  trasmettono “raramente” la malattia  ad altri. 9

Le linee guida provvisorie dell’OMS del 5 giugno 2020 supportano la dichiarazione di Kerkhove, osservando: “Gli studi completi sulla trasmissione da individui asintomatici sono difficili da condurre, ma le prove disponibili dal tracciamento dei contatti riportate dagli Stati membri suggeriscono che le persone con infezione asintomatica hanno molte meno probabilità di trasmettere il virus rispetto a coloro che sviluppano i sintomi. ” 10

Se questo è il caso, tuttavia, la raccomandazione che le persone sane e asintomatiche indossino maschere per il viso o siano rinchiuse nelle loro case non ha senso, evidenziando solo un caso della “nebbia COVID” in corso.

Per non essere richiamato sulle loro sfacciate contraddizioni, il 9 giugno 2020, il dottor Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza dell’OMS, ha rapidamente fatto marcia indietro la dichiarazione di Van Kerkhove, dicendo che le osservazioni erano “male interpretate o forse non abbiamo usato le più elegante parole per spiegarlo. ” 11  Van Kerkhove ha anche affermato che i dati che ha menzionato provenivano solo da un “piccolo sottoinsieme di studi” e ha aggiunto: 12

“Non stavo affermando una politica dell’OMS o qualcosa del genere. Stavo solo cercando di articolare ciò che sappiamo. E in questo, ho usato la frase “molto raro” e penso che sia un malinteso affermare che la trasmissione asintomatica a livello globale è molto rara”.

10 milioni di persone, non un caso di trasmissione asintomatica

Dopo la debacle della diffusione asintomatica dell’OMS, il discorso su questo argomento si è notevolmente attenuato. 13  Ma, in silenzio, uno studio fondamentale che ha coinvolto 9.899.828 milioni di residenti di Wuhan, in Cina, è stato pubblicato su Nature Communications. 14  I partecipanti sono stati testati per COVID-19 tra il 14 maggio 2020 e il 1 giugno 2020.

Non sono stati identificati nuovi casi sintomatici e 300 casi asintomatici. Tra i 300 casi asintomatici, sono stati identificati 1.174 contatti stretti e nessuno di loro è risultato positivo per COVID-19.

Inoltre, dei 34.424 partecipanti con una storia di COVID-19, 107 individui (0,31%) sono risultati nuovamente positivi, ma, cosa importante, nessuno era sintomatico. Come notato dagli autori, “le colture di virus erano negative per tutti i casi asintomatici positivi e ripositivi, indicando l’assenza di “virus vitale” nei casi positivi rilevati in questo studio”. 15  Tucker ha spiegato: 16

“La conclusione non è che la diffusione asintomatica sia rara o che la scienza sia incerta. Lo studio ha rivelato qualcosa che non accade quasi mai in questo tipo di studi. Non c’era un caso documentato. Dimentica i rari. Dimentica anche il precedente suggerimento di Fauci secondo cui la trasmissione asintomatica esiste ma non guida la diffusione. Sostituisci tutto ciò con: mai. Almeno non in questo studio per 10.000.000″.

Una meta-analisi di 21.708 persone a rischio, di cui 663 positive per COVID-19 e 111 asintomatiche, ha anche scoperto che i tassi di trasmissione asintomatica possono effettivamente essere “inferiori a quelli di molti studi altamente pubblicizzati”. 17  Hanno suggerito che la prevalenza di casi di COVID-19 asintomatico è di 1 su 6 e hanno scoperto che il rischio relativo di trasmissione asintomatica era del 42% inferiore al rischio di trasmissione sintomatica.

In una versione prestampata del loro studio, i ricercatori hanno osservato: “Le nostre stime della proporzione di casi asintomatici e della loro velocità di trasmissione suggeriscono che è improbabile che la diffusione asintomatica sia un fattore determinante per i cluster o la trasmissione comunitaria dell’infezione …” 18  Come ha osservato Tucker: 19

“Continuiamo a sentire come dovremmo seguire la scienza. Il reclamo è ormai stanco. Sappiamo cosa sta realmente accadendo.

La lobby del lockdown ignora tutto ciò che contraddice la loro narrativa, preferendo aneddoti non verificati a un vero studio scientifico di 10 milioni di residenti in quello che è stato il primo grande hotspot al mondo per la malattia che stiamo cercando di gestire. Ti aspetteresti che questo studio sia un’enorme notizia internazionale. Per quanto ne so, viene ignorato.”

Se la diffusione asintomatica è rara, perché maschere e blocchi?

La diffusione asintomatica diffusa è l’unica ragione per cui i blocchi e l’uso di maschere tra i sani hanno senso. Per mesi, i funzionari sanitari hanno perpetuato il mito della diffusione asintomatica per aumentare la paura.

Ora, poiché le persone sono sempre più desiderose di tornare a un certo senso di normalità,  si dice che un ceppo di SARS-CoV-2 mutato , che è presumibilmente più virulento, sia emerso e abbia portato a nuove e più severe restrizioni di blocco nel Regno Unito 20

Questa perpetuazione della paura si è estesa ben oltre lo scopo iniziale dei blocchi, che era quello di appiattire la curva ed evitare di sovraccaricare gli ospedali. Come ha sottolineato Tucker, tuttavia, questo è gradualmente cambiato in modo tale che ora dobbiamo affrontare blocchi a tempo indeterminato: 21

“Il primo round di blocchi non riguardava la soppressione del virus, ma il rallentamento per un motivo: preservare la capacità dell’ospedale. Se e in che misura la “curva” sia stata effettivamente appiattita sarà probabilmente discusso per anni, ma a quel tempo non si trattava di estinguere il virus. Il volume delle curve, alte e veloci o corte e lunghe, era lo stesso in entrambi i casi. Le persone avrebbero preso il bug fino a quando non si fosse esaurito (immunità di gregge).

Gradualmente, e talvolta quasi impercettibilmente, la logica dei blocchi è cambiata. L’appiattimento delle curve è diventato un fine in sé, a parte la capacità ospedaliera. Forse questo era perché il problema dell’affollamento degli ospedali era estremamente localizzato in due distretti di New York mentre gli ospedali di tutto il paese venivano svuotati per i pazienti che non si presentavano: 350 ospedali licenziati i lavoratori”.

La scienza è ciò che dovrebbe essere usato per dettare la politica, ma non è questo che sta accadendo. I test in corso su persone asintomatiche si stanno aggiungendo al problema, poiché i test della reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa (RT-PCR) vengono utilizzati anche come giustificazione per tenere bloccate ampie porzioni del mondo.

Il problema è che un test PCR positivo   non significa che sia presente un’infezione attiva. Il tampone PCR raccoglie l’RNA dalla cavità nasale. Questo RNA viene quindi trascritto al contrario nel DNA. Tuttavia, gli snippet genetici sono così piccoli che devono essere amplificati per diventare distinguibili.

Ciò che fa è amplificare qualsiasi sequenza, anche insignificante, di DNA virale che potrebbe essere presente al punto che il test risulta “positivo”, anche se la carica virale è estremamente bassa o il virus è inattivo. Questi casi “positivi” stanno mantenendo viva la narrativa sulla pandemia.

Caso in questione, tra il 22 marzo e il 4 aprile 2020, 215 donne incinte ricoverate in un ospedale di New York City sono state sottoposte a screening al momento del ricovero per i sintomi di COVID-19 e testate per il virus. Solo l’1,9% delle donne presentava febbre o altri sintomi di COVID-19 e tutte quelle donne sono risultate positive.

Delle restanti donne che sono state testate anche se non avevano sintomi, il 13,7% era positivo. Ciò significa che, nel complesso, l’87,9% delle donne risultate positive al test per SARS-CoV-2 non presentava sintomi, 22  e la ricerca travolgente suggerisce che probabilmente non avrebbero trasmesso il virus nemmeno ad altri.

Le maschere sono inefficaci

Cosa dice la scienza sulle maschere per prevenire l’infezione da COVID-19? Il primo studio controllato randomizzato di oltre 6.000 persone per valutare l’efficacia delle maschere chirurgiche contro l’infezione da SARS-CoV-2 ha rilevato che le maschere non hanno ridotto in modo statisticamente significativo l’incidenza dell’infezione.

Il “Danmask-19 Trial“, pubblicato il 18 novembre 2020 negli Annals of Internal Medicine, 23 ha  rilevato che tra i portatori di maschere l’1,8% (42 partecipanti) è risultato positivo per SARS-CoV-2, rispetto al 2,1% (53 ) tra i controlli. Quando hanno rimosso le persone che hanno riferito di non aderire alle raccomandazioni per l’uso, i risultati sono rimasti gli stessi – 1,8% (40 persone), il che suggerisce che l’adesione non fa alcuna differenza significativa.

Rational Ground ha anche esaminato i casi COVID-19 dal 1 maggio 2020 al 15 dicembre 2020, in tutti i 50 stati degli Stati Uniti, con e senza  mandato di maschera . Tra gli stati senza mandato di maschera, sono stati contati 17 casi ogni 100.000 persone al giorno, rispetto ai 27 casi ogni 100.000 persone al giorno negli stati con mandato di maschera 24  – I casi COVID-19 erano più alti nelle aree con mandati di maschera che senza.

I risultati mettono ulteriormente in dubbio l’efficacia delle maschere obbligatorie per prevenire il COVID-19, così come un’indagine caso-controllo su persone con COVID-19 che hanno visitato 11 strutture sanitarie statunitensi. Il rapporto dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha rivelato i fattori associati alla contrazione della malattia, 25  compreso l’uso di coperture facciali in tessuto o maschere nei 14 giorni prima di ammalarsi.

La maggioranza di loro – il  70,6% – ha riferito di aver indossato “sempre” una maschera , ma si è comunque ammalata. Tra gli intervistati che si sono ammalati, 108, ovvero il 70,6%, hanno affermato di indossare sempre una maschera, rispetto a sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “non farlo mai”, e altri sei, o il 3,9%, che hanno affermato di “raramente “Ha fatto.

Nel complesso, ciò mostra che, degli adulti sintomatici con COVID-19, il 70,6% indossava sempre una maschera e si ammalava ancora, rispetto al 7,8% di quelli che lo facevano raramente o mai. 26

Vedere attraverso la nebbia

Un’abbondanza di prove suggerisce che bloccare l’uso di maschere salutari e obbligatorie per coloro che non hanno sintomi è irrazionale, nella migliore delle ipotesi, e pericoloso, nel peggiore dei casi, considerando che sia le maschere che i blocchi sono associati a  effetti negativi  propri. 27  Secondo Tucker: 28

“Con una solida evidenza che la diffusione asintomatica non ha senso, dobbiamo chiederci: chi prende le decisioni e perché? Di nuovo, questo mi riporta alla metafora della nebbia. Stiamo tutti sperimentando confusione e incertezza sulla precisa relazione tra le strategie e gli obiettivi di una panoplia di regolamenti e stringenze che ci circondano.

Anche la logica è diventata elusiva – persino confutata – poiché la frustrazione e il disorientamento hanno sostituito ciò che ricordiamo vagamente come chiarezza e razionalità della vita quotidiana”.

Vivere in una tale nebbia può intimidire, ma lo scopo di questo articolo non è quello di diffondere più paura ma, piuttosto, di potenziarti con le informazioni. La guerra nella nebbia, dopotutto, non è sempre un impedimento. Può anche essere usato per ottenere un vantaggio, 29  e  vedere attraverso la nebbia  è il primo passo per vincere la guerra.

Leggi la storia completa qui …

Pubblicato su: https://www.technocracy.news/

®wld