Crea sito

Microplastiche nel sale marino

Il sale marino è contaminato da microfibre di plastica 

Sale marino contaminato in tutto il mondo. Nuovi studi scientifici hanno trovato diverse quantità di microfibre di plastica nel sale venduto negli Stati Uniti, in Europa e in Cina. La causa sta nel fatto che i mari sono altamente inquinati dalla plastica, che risale la catena alimentare non solo tramite il pesce e l’acqua di rubinetto ma anche con il sale.

Già alcuni mesi fa ci eravamo occupati di come l’acqua dirubinetto sia contaminata da microfibre di plastica, spesso dovute anche ai residui lasciati dal lavaggio dei capi sintetici dalle lavatrici che non riescono ad essere eliminate dai filtri dei depuratori. E a questo allarme si aggiunge quello che i pesci stanno ingerendo questa plastica scambiandola per cibo, che li porta alla morte o all’incapacità di riprodursi. Il fatto è che molto del pesce pescato e allevato ora contiene plastica.

Dopo tali rivelazioni, nuovi studi hanno dimostrato che piccole particelle sono state trovate nel sale marino venduto in praticamente in tutto il mondo. La ragione è che il sale viene prodotto dall’essiccazione dell’acqua di mare.

I ricercatori ritengono che la maggior parte della contaminazione provenga da microfibre e plastica monouso come le bottiglie d’acqua e i bicchieri di plastica. Fino a 12,7 milioni di tonnellate di plastica entrano ogni anno negli oceani del mondo, il che equivale a scaricare un camion pieno di plastica al minuto nell’oceano, afferma il report delle Nazioni Unite.

“Non solo la plastica è pervasiva nella nostra società in termini di uso quotidiano, ma è pervasiva anche nell’ambiente”, ha spiegato il Prof. Sherri Mason, docente presso la State University di New York al The Guardian, che ha condotto le ultime ricerche sulla contaminazione della plastica nel sale . La plastica è “onnipresente, nell’aria, nell’acqua, nei frutti di mare che mangiamo, nella birra che beviamo, nel sale che usiamo – la plastiche è ovunque”.

Mason ha collaborato con ricercatori dell’Università del Minnesota per esaminare le microplastiche nel sale, nella birra e nell’acqua potabile. La sua ricerca ha esaminato 12 diversi tipi di sale (inclusi 10 sali marini) acquistati dai negozi di alimentari in tutto il mondo. Tutti erano contaminati. La persona media potrebbe ingerire fino a 660 particelle di plastica ogni anno, se rispettano lo standard sanitario di 2.3 grammi di sale al giorno. Tuttavia, la maggior parte delle persone potrebbe ingerirne molto di più, dato che si stima che ad esempio un italiano medio consuma circa 12 grammi di sale al giorno, ovvero rischia di ingerire più di 3600 particelle ogni anno!

L’impatto dell’ingestione di plastica sulla salute è ancora sconosciuto. Gli scienziati fanno fatica ad analizzare l’impatto della plastica sul corpo umano, perché non riescono a trovare un gruppo di controllo di esseri umani che non sono stati esposti.

“Tutti sono esposti a un certo livello in qualsiasi momento, dalla gestazione alla morte”, hanno scritto nel 2013 i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e dell’Arizona State University. “Sono stati trovati livelli rilevabili di bisfenolo A dalla plastica nell’urina del 95% della popolazione adulta degli Stati Uniti.“

Il lavoro del Prof. Sherri Mason si aggiunge alla ricerca sulla plastica nel sale di altri paesi in tutto il mondo, tra cui Spagna e Cina.

Uno studio spagnolo pubblicato su Scientific Report ha concluso che “i prodotti del mare sono contaminati irrimediabilmente da microplastiche” e che “esiste una presenza di fondo di microplastiche nell’ambiente”. Gli scienziati hanno testato 21 tipi di sale da cucina ed in tutti hanno trovato plastica. Il tipo più comune di plastica che hanno trovato è stato il polietilene tereftalato, il materiale usato per fabbricare le bottiglie di plastica.

C’è stato poi un altro studio realizzato da un team di ricercatori provenienti da Francia, Regno Unito e Malesia che ha testato 17 tipi di sale provenienti da 8 diverse nazioni. Le analisi hanno trovato la plastica in tutti tranne un campione e la maggior parte della plastica era di polietilene e polipropilene.

Uno studio cinese del 2015 ha trovato particelle di plastica microscopiche provenienti da scrub viso, cosmetici e frammenti di bottiglie di plastica in tutti i 15 tipi di sale testati e provenienti dai negozi alimentari.

Conclusioni 

Gli scienziati hanno fatto le loro ricerche e ci vorranno forse decenni prima che si saprà l’impatto che tutto questo sta avendo sulla salute. E’ importante quindi fare prevenzione primaria ed applicare il principio di precauzione. Limitare quindi il consumo di sale, evitando quello marino e preferendo il sale rosa dell’Himalaya che non è a rischio contaminazione dalla plastica.

Riferimenti scientifici

– Ali Karami et al. The presence of microplastics in commercial salts from different countries. Scientific Reports volume 7, Article number: 46173 (2017)

– Emily J. North and Rolf U. Halden. Plastics and Environmental Health: The Road Ahead. Rev Environ Health. Author manuscript; available in PMC 2014Jan 1.

– Maria E. Iñiguez et al. Microplastics in Spanish Table Salt. ScientificReports volume 7, Article number: 8620 (2017)

– Dongqi Yang et al. Microplastic Pollution in Table Salts from China. Environ. Sci. Technol., 2015, 49 (22), pp 13622–13627

Fonte: https://www.dionidream.com/

®wld

FRANKENSKIES

LA DOCUMENTAZIONE DI FRANKENSKIES  E’ DISPONIBILE SOLO NELLA FORMA COMPLETA DELLA SUA LUNGHEZZA 

Matt Landman

FrankenSkies è un documentario di 80 minuti sul cambiamento sociale riguardante l’agenda della Geoingegneria solare che colpisce ogni essere vivente sulla Terra. La lotta è per portare consapevolezza a questo argomento, nonostante gli ostacoli di una popolazione socialmente ingegnerizzata e del complesso industriale militare con le sue risorse infinite, è palpabile in questa funzione di svegliata verità.

In una apertura impeccabilmente temporizzata di esposizione, il film rivela la campagna per normalizzare le formazioni di nubi chimiche attraverso dispersioni di aerosol nell’atmosfera. Volto verso un calendario di normalizzazione che comprende un mezzo controllato e un sistema educativo indottrinandone la politica, gli attivisti fanno la domanda: il tuo silenzio è il tuo consenso? Una pellicola informativa scioccante sull’innovazione climatica, sul controllo della frequenza e sulla manipolazione della CIA, la narrazione del film si sviluppa attraverso una storica sequenza temporale di sperimentazione sull’umanità, portandoci ad un moderno laboratorio in pieno giorno che comprende l’aria che respiriamo e che impone quando e dove il sole deva splendere, o no..

FONTE https://theinternationalreporter.org/2017/06/26/frankenskies-full-length-documentary/

TRAILER 

DOCUMENTARIO COMPLETO 

Il regime di Geoingegneria solare progettato per bloccare il tuo sole Di Matt Landman 

Un gruppo di scienziati del clima sta attualmente sostenendo una mossa preventiva contro i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale, anche se probabilmente non hai mai sentito molto a questo proposito. Il piano è quello di bloccare il sole, simile a quello di imitare un’eruzione vulcanica, per questo motivo è chiamato Effetto del Monte Pinatubo che verrebbe attuato con una campagna di iniezione aerosolica già in atto per velare la LUCE del SOLE.

Le basi ingenue di questo approccio sono TRE assimilazioni e costituiscono quanto segue

1) Conosciamo tutto quello che c’è da sapere sul riscaldamento globale
2) Possiamo risolvere il problema
3) Dovremmo risolvere il problema

“Schiarire il cielo sbiancandolo”, cosiddetto dal piccolo gruppo d’élite di scienziati [pazzi], che prevede la dispersione di aerosol attraverso aerei per formare le “nuvole”, questo progetto è stato in fase di ricerca da decenni. Il 2017, tuttavia, è l’anno in cui questo “Regime di Geoingegneria Solare” (tenere d’occhio l’imponente, vaga terminologia) andrà dalla fase di ricerca alla Piena e Globale Scala di Dispiegamento.

La mancanza di informazioni pubbliche schermate da abbondanti tattiche di confusione, di disinformazione, di divieto totale e di terminologia eufemistica hanno lavorato finora per nascondere i fatti. Ma coloro che chiedono di conoscere la verità hanno prestato molta attenzione all’evoluzione della terminologia che circonda ciò che molti di noi hanno conosciuto fino ad ora come “chemtrails”. La lingua infatti ha la sua importanza. Ecco un elenco parziale:

Geoingegneria
Gestione delle radiazioni solari (SRM)
Programma di aerosol troposferico (TAP)
Iniezioni di aerosol stratosferiche (SAI)
Iniezione di particelle stratosferiche per l’ingegneria climatica (SPICE)
Esperimento di rilascio aerosol caricato (CARE)
Climate Geoengineering Governance Project (CGGP)
Progetto di ricerca sul cambiamento globale (GCRP)
Iniziativa del governo sulla radiazione solare (SRMGI)
Strategia nordamericana sull’ozono troposferico (NARSTO)

I media hanno anche coniato il termine segreto su larga scala Aerosol Program (SLAP) un fine incomprensibile per le persone nuove al soggetto. Poco sapevamo allora che il regime stava solo recuperando un po’ più tempo prima di lanciare il suo pazzesco schema questa primavera prossima.

Il 18 maggio 2017, allora, è stato stabilito a Chicago l’auto-proclamato Governo di Regime sulla Geoingegneria Solare per creare un corpo che sostituirà le Nazioni Unite, il cui obiettivo è quello di avviare la distribuzione su scala globale l’Ingegneria Solare sulla Terra.

Prima di attuare un programma così controverso, dovremmo sicuramente considerare gli impatti sulla salute umana nell’iniettare sostanze chimiche tossiche in aria, di discutere il diritto umano ad avere un ambiente sano e del diritto del pubblico a partecipare al processo decisionale ambientale. Il “regime”, tuttavia, si è già incontrato per pianificare e strutturare il dibattito pubblico, anticipando e dirigendo la reazione degli attivisti del clima. Ha anche dettagliato come i mezzi verranno utilizzati per “manifestare la volontà del popolo” per dare ai governi di attuarla senza lasciare “nessuna scelta”. La “Società”, ci crede ciecamente, “ma non conosce la strategia” a differenza del regime stesso che ha speso fino a 15 anni per la pianificazione, ricerca e alla strategia di una distribuzione in tutto il mondo della Geoingegneria Solare.

Gli scienziati del clima, tuttavia, sono molto divisi per quanto riguarda i motivi che causano il riscaldamento globale. Allo stesso modo, non si capisce quali siano gli effetti dell’intervento della Geiongegneria o come la natura reagirà. Il livello di imprevedibilità richiede un’analisi di valutazione del rischio che si concentra sui probabili risultati.

L’Uragano Aerosol e Microphysics Programme (HAMP), ad esempio, è un programma di ricerca geonesistente che utilizza l’implementazione di aerosol di carbonio nero per modificare gli uragani. Vari studi hanno identificato il carbonio nero come causa diretta del riscaldamento globale, ma l’impatto di tali iniezioni di aerosol non è stato adeguatamente considerato / studiato o addirittura discusso quando si affronta il fenomeno del riscaldamento globale. In effetti, è chiaramente contro-intuitivo utilizzare un componente chimico che promuove esattamente quello che stai cercando di evitare.

Esistono gravi rischi multipli nei metodi di iniezione proposti:
Esacerbare il riscaldamento globale
Danno alla salute umana
Cause di collasso biospherico
Creazione di siccità

Non possiamo permetterci di sperimentare solo per trovare in un momento successivo che sono stati commessi lungo la strada errori irreversibili e catastrofici, ma la sperimentazione sembra essere esattamente ciò che accade qui.

Ma questi possono essere evitati. La tecnologia di cattura del carbonio, gli incentivi a tecnologia verde aggressiva, le fioriture oceaniche di fitoplancton e l’urbanesimo rigenerativo offrono tutte alternative molto più sicure alle opzioni globali delle iniezioni di aerosol stratosferici. Avendo inquadrato l’intero dibattito dietro le quinte significa che i diritti e il consenso informato sono stati completamente ignorati e scoraggiati. Scioccamente, attori e media sono stati assunti anche per inquadrare il dibattito e modellare l’opinione pubblica. Che cosa dobbiamo fare per fermare questo assalto mortale, insidioso e disonesto sul nostro mondo fisico?

Tuttavia, il silenzio e l’inerzia non sono opzioni a fronte di una tale minaccia. Dobbiamo agire e agire rapidamente.

La rappresentanza pubblica è l’unico corso giusto e razionale e deve provenire da coloro che sono direttamente interessati dal programma di gestione della radiazione solare. Ciò significa che abbiamo bisogno di membri eletti da un campione adeguato di ricercatori e di parti interessate che rappresentino l’umanità nel suo complesso. Ecco come funziona un approccio basato sul diritto e consensuale al problema.

Quello che non possiamo permetterci è solo una piccola rappresentanza da parte di pochi che sono essenzialmente isolati da tutto e da tutti creando danno a causa del loro stato socio-economico. Un sì dato fatto, non è affatto una «rappresentazione». Eppure questo è quello che abbiamo.

Non vogliamo vedere una ripetizione dell’inflazione dell’acqua di Flint, MI, né la sfida pubblica che nasce quando i boliviani si sono opposti alla privatizzazione del loro approvvigionamento idrico a Cochamba.

Per una decisione di tale portata occorre adottare un approccio basato sui diritti, non discriminatori e inclusivo all’adattamento e alla mitigazione del cambiamento climatico. La piena eguaglianza deve essere rispettata come riconosciuto nella Dichiarazione di Rio, dove è stato dichiarato il diritto alla partecipazione del pubblico al processo decisionale ambientale. Nel dominio ad alto rischio e incerto della Geoingegneria, è chiaro che sono necessari ulteriori controlli e ricerche. L’assunzione è coprire i migliori interessi di tutti i giocatori. Il fatto che vengano considerati e rispettati non è semplicemente vero, le cose stanno così attualmente.

I valori, l’etica, la legge e i diritti umani sono tutti inestricabilmente legati. Questi devono essere presi in considerazione attraverso un processo di partecipazione attiva del pubblico quando si stanno attuando programmi altamente sperimentali che mettono a rischio la vita umana e l’ambiente.

Dobbiamo portare il pubblico alla consapevolezza dall’agenda sul Regime solare di Geingegneria e richiedere l’inclusione pubblica, il controllo e la trasparenza a tale compito.

Come cittadino interessato della Terra, non ho avuto altra scelta se non rispondere a una tale atrocità con una campagna di sensibilizzazione pubblica. Niente può essere più dannoso per la vita umana che togliere il nostro sole. Un tour di sensibilizzazione per attirare l’attenzione sul Regime di Geoingegneria Solare di Chicago il 18 maggio, il 20 aprile a Miami, Florida e visiterà ventiquattro città in tutto il Nord America.

FONTE http://www.newagora.ca/the-solar-geoengineering-regime-designed-to-block-out-your-sun/ 

Matt Landman – Geo-engineering è il controllo totale del cibo, dell’acqua, del tempo, della medicina e del movimento

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da