Archivi tag: sacrificio umano

L’ALBA DI UNA NUOVA ERA

Élites e Leaders europei alla cerimonia del S.Gottardo

INAUGURAZIONE SATANICA DEL TUNNEL DI SAN GOTTARDO

Il 2016 è stato un anno di outing ed esplicite manifestazioni dei leader burattini dell’èlite occulta verso la fede dei loro superiori. Un caso che ha suscitato scalpore e scandalo non solo da parte cristiana è stata l’inaugurazione del tunnel tra le montagne del Gottardo che collegherà la Svizzera all’Italia alla velocità di 200 KM. Il luogo è conosciuto dalla gente del posto come “il ponte del diavolo” . Secondo l’antica leggenda la costruzione di un ponte in quel luogo era molto difficoltosa, tanto che uno svizzero disperato avrebbe venduto l’anima al diavolo pur di realizzarlo. 

Con questa promessa, il demonio apparve e diede il suo sostegno per la costruzione del ponte, ma in seguito fece arrivare una grande tempesta, distruggendo il ponte di due parti. La gente aveva paura di attraversare il ponte, pensando che il diavolo potesse far cadere le pietre. Ancora interessante notare come questo luogo, denominato San Gottardo, è parte di una rete segreta militare che risiede nelle grotte e nelle gallerie all’interno della montagna. 5

La cerimonia, ricca di simbolismo è stata un vero e proprio inchino al regno del Nuovo Ordine Mondiale satanico, con il saluto finale al serpente, finalmente pronto per essere adorato dall’umanità intera. Riti propiziatori, rituali di fertilità, magia sessuale simulazioni di orge, marce di druidi, risate demoniache in sottofondo. Immagini scioccanti e disgustose, alla quale hanno assistito ovviamente Renzi, Merkel, Hollande e i soliti europeisti “laici”. Descriviamo alcuni passaggi della cerimonia.

Il rituale inizia con la marcia di uomini e donne vestiti di arancione (che richiama l’outfit dei condannati di Guantanamo) dirigersi come zombie verso la “Rivelazione”, che poi si scatenano in maniera inconsulta simulando ritualità deliranti e sfrenate, facendo spazio a ritualità pagane con simulazioni di tipo orgiastico.

Le rappresentazioni delle tradizioni occulte secolari e i loro “ministri” terreni sfilano davanti al loro re lucifero, con tutti i segni magici degli antichi rituali misterici. Il caprone che rappresenta il dio Pan la divinità cornuta coinvolta nella stregoneria, perversione sessuale, stupri e pedofilia, festeggia con un ballo propiziatorio, mentre i sacerdoti della morte vestiti di nero con in mano alberi senza foglie vanno verso il portale tenebroso, man mano che si accendono le torce di lucifero sullo sfondo.

La scenografia a questo punto si sposta all’aperto davanti ad un mega maxi-schermo raffigurante una montagna. Un uomo tenta di scalare il potere e il regno di Eloah (la montagna di Sion, la roccia del Messia) con la propria forza, ma ogni tentativo fallisce. L’uomo cade, ma si rialza sempre aiutato dalla “fratellanza” massonica e della sua conoscenza occulta che spinge l’umanità verso l’alto. Ma finalmente grazie all’uso del Pentalfa (o stella a 5 punte) e il portale del tunnel, che porterà alla rivelazione si apre. L’apertura ispira l’umanità a spogliarsi delle vecchie tradizioni e creare una nuova un’umanità che rinasce in una lussuriosa e frenetica danza rituale di evocazione della divinità, affinché dia successo all’impresa. 

A questo punto sul maxi-schermo vengono raffigurati dei sacrificio umani attraverso il portale aperto al centro della terra, la mano di lucifero afferra alcuni operai e li divora.

Ora che il sacrificio umano è stato offerto, le divinità possono rivelarsi all’umanità. Ecco gli spiriti del sacrificio davanti all’occhio che tutto vede. Il sacrificio porta satana sulla terra sotto forma di caprone, ossia la “divinità” cornuta Pan della mitologia greca, una divinità metà uomo e con la testa di caprone.

Sul maxi-schermo viene proiettato il viso mefistofelico del diavolo con tre scarabei, che rappresentano la RINASCITA DEI RITI SACRIFICALI mentre le trombe in sottofondo danno il benvenuto a satana sulla terra.

Scene raccapriccianti, e urla estatiche e isteriche accompagnano la scena della sodomizzazione della donna con le ali che rappresenta lo spirito “femminino” di Jezebel da parte del caprone-satana mentre viene adorato dalle anime dannate e dagli spiriti immondi.

Adesso mentre due donne vestite di nero che rappresentano le sacerdotesse di Baal cantano un antico canto satanico germanico in italiano, alcuni personaggi sullo sfondo, con in mano rami secchi senza foglie e senza frutti (culto della morte) vanno a rendere il culto alla “radice” nascosta sotto terra. Il disco solare sullo sfondo rappresenta Amon-Ra il “dio nascosto” CHE SI RIVELA ALL’ALBA DI UNA NUOVA ERA e tutta l’umanità si inginocchierà e l’adorerà.

Ecco le genuflessioni davanti ad un enorme orologio proiettato sullo schermo, orologio che rappresenta il tempo, Kronos/Saturno, ossia satana che a questo punto esce dal tunnel-portale tra i salti di gioia dei suoi adepti che saltano di gioia, il regno della dissolutezza ha ora pieno potere sul mondo. 

Ed ecco la scena finale. Il treno proiettato sullo schermo, che rappresenta l‘antico serpente che secondo satanisti ed esoteristi avrebbe regalato la conoscenza al genere umano, si leva in alto e ascende al Cielo, per sedere al posto di Dio tra gli applausi e la gioia dei suoi devoti.

La cerimonia culmina con la celebrazione della morte di Cristo dove alcuni personaggi alzano un agnello morto che rappresenta il Salvatore. Pratiche del genere sono molto comuni nel mondo dell’occulto in cui la Crocifissione rappresenterebbe il fallimento della missione salvifica di Gesù.

«Essi combatteranno contro l’Agnello, ma l’Agnello li vincerà, perché è il Signore dei signori e il Re dei re e quelli con lui sono i chiamati, gli eletti e i fedeli». (Apocalisse 17,14)

Allora i re della terra e i grandi, i capitani, i ricchi e i potenti, e infine ogni uomo, schiavo o libero, si nascosero tutti nelle caverne e fra le rupi dei monti; e dicevano ai monti e alle rupi: Cadete sopra di noi e nascondeteci dalla faccia di Colui che siede sul trono e dall’ira dell’Agnello, perché è venuto il gran giorno della loro ira, e chi vi può resistere»? (Apocalisse 6,15) 

Eh sì, chi resisterà? Non riesco a credere a ciò che ho visto, la celebrazione di un culto satanico che celebra l’imminente instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale alla luce del sole, alla quale hanno anche assistito i leaders politici che si battono per la “società laica”! Nonostante tutto qualcuno ancora si ostina a chiamare l’evidenza “complottismo”. Essi vivono noi dormiamo era il titolo del film di Carpenter, ma si può ancora dormire quando la realtà ci viene sventolata in faccia preoccupandoci più dei goal segnati dalla nazionale italiana che dal sistema occulto che ha svuotato il mondo intero della dignità, oltre che della ragione e della retta fede? Un sistema di cui ancora oggi l’evidenza si vuol negare mentre gli èlitaristi proseguono dritto per la loro strada, ormai senza alcun katèchon. 

« E ciò che dico a voi lo dico a tutti: VEGLIATE!» (Marco 13,37)

Floriana Castro Agnello Antimassoneria Copyright © 2016

Se volete vedere il video della cerimonia inaugurale lo trovate in basso al link 6.

NOTE

1 Sintesi del film “Essi vivono noi dormiamo” di John Carpenter https://www.youtube.com/watch?v=gMlDx6Jk_Ws

2 Copin Albancelli, “Le Drame Maconnique: Le Pouvior Occulte Contre La France”, pp. 165-182.

3 Cfr. A. S. LaVey, The Satanic Bible («La bibbia satanica»), Avon Book 1969

4 I big della terra proni al culto pagano shintoista

http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli-i-big-della-terraproni-al-cultopagano-shintoista-16305.htm#.V2VVh7vhHEV

5 La leggenda del Gottardo https://www.youtube.com/watch?v=WdIx0RQM484

6 Cerimonia satanica di apertura del tunnel del Gottardo https://www.youtube.com/watch?v=iqltRuQbs1k

Puoi leggere QUI l’intero e corposo articolo – Fonte LINK

Il Sacrificio

Alcuni testi dell’antico Egitto rivelano molti tipi di sacrifici e torture, destinate poi a diffondersi. Gli Egizi sacrificavano uomini dai capelli rossi sulla tomba di Osiride perché il rosso era il colore associato a Set, la versione Egizia di Satana.

Alcuni rituali rievocati oggi da persona che li hanno dolorosamente sperimentati sulla propria pelle, rispecchiano quelli descritti dettagliatamente nel Libro egizio dei morti e includevano la pratica di conservare i cuori in un vaso. In Egitto i cuori venivano posti su una bilancia per essere pesati e giudicati dalla dea Maat.

Ecco il vero significato della donna con il sole a mo’ di corona che tiene in mano la Bilancia della Giustizia, visibile su molti edifici forensi. Nel mondo antico i fachiri bramini dell’India e di altre scuole misteriche erano a conoscenza di droghe, torture e “magie” che creavano allucinazioni.

L’ipnosi veniva largamente usata nei templi. Gli adoratori del demonio di Bel/Baal/Nimrud a Canaan, in Babilonia e in Fenicia erano dediti a sacrifici umani, cannibalismo,  e infanticidi in nome di Moloch o Molech, una delle tante facce di Nimrud/Baal, e tale sacrifici costituivano una parte fondamentale dei loro rituali religiosi.

Si diceva che Baal (signore o governatore), la più alta divinità dei cananei e dei Fenici, fosse il dispensatore della vita, mentre Moloch ne era il distruttore. Entrambi volevano essere placati attraverso i sacrifici. Baal o Moloch furono identificati con il dio romano Saturno.

In onore di Baal, dio del Sole e del fuoco, i Cartaginesi, seguendo i rituali dei Fenici e dei Cananei, gettavano i bambini dentro un pozzo infuocato, scavato secondo una forma che ricordava Baal/Moloch. In un luogo vicino all’attuale Tunisi sono state ritrovate seimila urne contenenti i resti carbonizzati di alcuni bambini.

Va ricordato che questi rituali e questi culti sono gli stessi che i satanisti e la Confraternita praticano oggi. Ecco perché il 19 aprile 199, i bambini di Waco furono arsi vivi durante quell’inferno causato interamente dall’FBI, controllata dai satanisti, e dall’ATF, l’Ufficio dell’alcol, del tabacco e delle armi da fuoco.

Si tratta delle stesse persone profondamente malate che fecero saltare in aria il palazzo di James P. Murrah in Oklaoma, il 19 aprile 1995, in cui morironi tantissimi bambini. Il 19 aprile è una data satanica rituale legata al fuoco – il dio fuoco, Baal o Moloch.

E cosa esige Moloch? Il sacrificio di bambini. Waco e Oklaoma furono sacrifici di bambini in onore di Baal/Moloch, proprio come previsto dai culti osservati dagli antichi. Allo stesso modo, la guerra è per queste persone un bagno di sangue rituale in cui immaginabili di persone vengono uccise e menomate e il pianeta è sommerso da energia emozionale negativa.  

E’ di questa energia che si nutrono molti rettiliani di livello inferiore della quarta dimensione o, comunque, la usano per manifestarsi in questa dimensione. Se volete prove inconfutabili del fatto che i Seguaci di David  e i loro figli sono stati sacrificati a Waco, vi consiglio caldamente il video Waco: The Rules Of Engagement. Non crederete mai più a una dichiarazione ufficiale.

I nomi rituali dei “demoni” continuano ancora ad essere uguali a quelli usati nel mondo antico e da gruppi più tardi come i Templari. Una conferma di ciò arriva da una marea di testimonianze rilasciate oggi da vittime del satanismo. La terapeuta britannica Vera Diamond, lavora da circa 20 anni con persone che hanno subito abusi legati alle pratiche sataniche e al controllo mentale. Ecco cosa dice: 

“I bambini dicono che la parola Satana è quella più usata, ma tra gli altri demoni figurano il Bafometto e Behemoth, Molech (Moloch) e un altro demone di nome Choronzon sembrano, in particolare, legati al consumo di bambini. Costoro sembrano particolarmente coinvolti nei sacrifici di bambini”.

Choronzon è imparentato con Crono, la versione Greca di Nimrod.Secondo la leggenda greca, crono ingoiava i suoi figli appena nascevano per paura che potessero spodestarlo.

Crono era il più potente tra i Titani, nome greco che sta ad indicare gli incroci tra i rettiliani e le “figlie degli uomini”. Il mito greco si riferiva simbolicamente a loro come ai figli frutto dell’unione tra il Cielo (gli extraterrestri) e la Terra (gli umani).

Crono era il padre di Zeus, e quest’ultimo era sopravvissuto perché sua madre l’aveva sottratto di nascosto alla furia infanticida del marito.

Zeus in seguito condusse una guerra vittoriosa contro suo padre e altri Titani e poi governò come Re degli Dei su una dinastia che praticava abitualmente sacrifici di bambini. Confrontando le diverse popolazioni, generazione dopo generazione, troverete la stessa pratica del sacrificio di bambini.

I Cananei-Ebrei sacrificavano abitualmente esseri umani e animali, nonostante i “mezzibusti” di regime abbiano sempre cercato di negarlo. Oggi i satanisti che risiedono ai vertici della società ebraica continuano a praticare gli stessi rituali, mentre la massa del popolo ebraico, sparsa in tutto il mondo, non sospetta che ciò avvenga.

Una volta compreso il vero significato della Pasqua ebraica, si può dimostrare di come abbiano un fondamento storico le teorie di ogni epoca, compresa quella attuale, relative a sacrifici di bambini da parte di fanatici ebrei in occasione di quella festività. La Pasqua ebraica non aveva nulla a che fare con “Dio” che tralasciava le case dei bambini israeliti per uccidere solo i primogeniti egizi.

Questo è ulteriore simbolismo che solo un iniziato o un ricercatore molto documentato potrebbe comprendere. Documenti risalenti all’VIII e al VII secolo a.C. mostrano che gli israeliti bruciavano i loro figli in fuochi sacrificali nella valle di Gehinnon, appena fuori Gerusalemme.

Durante il sacrificio in onore di Moloch-Baal si diceva che i bambini fossero “passati sopra” o “passati attraverso” il fuoco. Nel Libro del Levitico troviamo il verso: “Tu non lascerai che il tuo seme passi attraverso il fuoco di Moloch”. Il profeta geremia dice che alcune persone “bruciavano i loro figli nel fuoco come fossero offerte tributate a Baal” e sempre nel Libro di Geremia ci viene detto che: “Essi hanno costruito la sommità di Tophet, cioè la valle di Hinnon, per ardere vivi i loro figli e le loro figlie….” Anche John Milton scrisse di Moloch nel suo Paradiso Perduto:

dapprima Moloch, orrendo re, sporco di sangue. Di sacrifici umani e delle lacrime dei genitori. Ma, a causa del forte rumore di tamburi e cembali. Non si udì il pianto dei figli, che attraversavano il fuoco. Verso il suo truce idolo”.

Il Vecchio testamento pullula di riferimenti a sacrifici umani e animali. Gli stessi simboli legati al sacrificio di primogeniti o bambini piccoli si possono trovare in molti antichi testi. Anche la storia di Gesù presenta questo tema, Ovviamente. Al suo livello più estremo, il dogma ebraico è profondamente radicato nella pratica del sacrificio.

I templi ebraici erano mattatoi, costantemente riforniti di animali per l’uccisione e il sacrificio rituale. Considerate il procedimento che gli ebrei seguono oggi per uccidere gli animali. La carne viene considerata “kosher” solo se l’animale è stato sgozzato e muore dissanguato. Lo stesso procedimento viene seguito per la carne “halal” dei mussulmani.

Gli antichi rituali sono stati rigidamente mantenuti attraverso le famiglie della Confraternita, e l’élite attualmente al comando sacrifica i bambini e ne beve il sangue, esattamente come avveniva nel mondo antico.

Nel prossimo capitolo parleremo della fede indù e le dottrine su cui si basano i suoi libri sacri i Veda scritti nel 1400 a.C. ed è probabile che contengano le stesse istruzioni su come tributare sacrificio agli dei. Come la dea Kali moglie di Shiva, rappresentata con una ghirlanda di teschi … Ma anche degli Aztechi che non erano secondi a nessuno nei loro riti di morte sacrificale.

Tratto da “Il Segreto più Nascosto

di David Icke – “I Figli di Satana” p. 366-367-368-369 

Articolo correlato: Il Culto della Civetta

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Il consumo della forza vitale

Il controllo del campo magnetico terrestre

Il satanismo si basa sulla manipolazione dell’energia e della coscienza. Questi rituali decisamente morbosi creano un campo energetico, una frequenza vibratoria, che collega la coscienza dei partecipanti ai rettiliani e ad altre coscienze del livello inferiore della quarta dimensione.

Questo è il campo dimensionale, noto a molti come campo astrale inferiore, sintonizzato sulla frequenza a bassa vibrazione come la paura, il senso di colpa, l’odio e così via. Quando un rituale si focalizza su queste emozioni, come fanno i riti satanici, viene instaurata una potente connessione con il livello inferiore della quarta dimensione, quello dei rettiliani.

Questi sono alcuni dei “demoni” che questi rituali hanno avuto il compito di evocare, sin dalle origini di questa triste storia, risalenti a migliaia di anni fa. Ciò avviene attraverso la possessione, quando i rettiliani si impadroniscono del corpo fisico dell’iniziato.

I principali satanisti sono rettiliani purosangue calati in forma umana. Questi rituali avvengono solitamente in corrispondenza di alcuni punti del vortice e così il terrore, l’orrore e l’odio, da essi provocati, affiorano dalla griglia di energia globale e influenzano il campo magnetico terrestre.

Forme di pensiero di un tale livello di malvagità frenano la frequenza vibratoria e condizionano il pensiero e l’emozione umana. Se si va in un luogo dove vengono celebrati rituali satanici avvertirete la malvagità e la paura nell’atmosfera. Ciò che chiamano “atmosfera” è il campo vibrazionale è l’influenza che su di esso ha il pensiero umano.

Così parliamo di un’atmosfera felice, lieve e gioiosa, o, al contrario, buia o tristemente presaga. Più il campo terrestre è vicino, dal punto di vista vibrazionale, al livello inferiore della quarta dimensione, più potere i rettiliani detengono su questo mondo e sui suoi abitanti.

Il satanismo non è solo una malattia e una perversione, anche se è anche questo: dal punto di vista della Confraternita, esso esiste perché consente, tra le altre cose, il controllo del campo magnetico terrestre, il culto e il legame con i padroni rettiliani, il consumo della forza vitale delle vittime sacrificali e il rifornimento di energia per i rettiliani che sembrano nutrirsi di emozioni umane, specialmente di paura.

Questi sacrifici sono, letteralmente, sacrifici agli “dei” rettiliani e avvengono da migliaia di anni. I sacrifici collettivi che compivano gli Aztechi dell’America centrale, insieme ad altri molti popoli, servivano a rifornire di cibo i rettiliani purosangue ed ibridi che si nutrivano di quei corpi e di quel sangue, e di energia per quei rettiliani che non avevano assunto forma fisica e che risiedevano al livello inferiore della quarta dimensione.

Phil Schneider, un muratore che lavorò nelle basi sotterranee statunitensi, riferì all’autore e ricercatore Alex Cristopher, che quando i bambini raggiungevano un punto in cui non potevano più lavorare come schiavi nelle basi sotterranee, venivano mangiati dai rettiliani. Questi ultimi preferiscono bambini piccoli perché non sono contaminati come gli adulti.

I riti satanici generalmente avvengono di notte perché allora il campo magnetico è più stabile. Durante il giorno le particelle caricate elettricamente dal vento solare provocano turbolenza in quel campo e rendono più difficile la connessione interdimensionale, Essa è invece molto stabile durante le eclissi totale ed è allora che gli indigeni celebrano le loro più importanti cermonie per contattare e mostrare altre entità ultradimensionali. 

Gli sciamani tribali queste cose le sanno. I riti satanici e il sacrificio umano, specialmente quello dei bambini, vengono celebrati su vasta scala e coinvolgono alcuni dei politici, degli uomini d’affari e dei proprietari dei media più famosi del pianeta. Ed è logico che sia così. Sarebbe sorprendente che non lo facessero, dati i retroscena.

Questi riti e questi sacrifici umani sono sempre stati alla base della “religione” della Confraternita, sin dai tempi antichi. E la Confraternita si serve della manipolazione per collocare i suoi iniziati e portaborse nelle posizioni di potere politico, economico, finanziario, militare, medico e giornalistico, e affida loro importanti ruoli all’interno del mondo dello spettacolo. 

Pertanto la percentuale di satanisti e sacrificatori di bambini ai vertici di queste professioni e istituzioni è straordinariamente alta in confronto alla popolazione generale. Apparentemente, secondo alcuni ex satanisti, in tutto il mondo esistono uomini politici che ingurgitano il sangue della vittima sacrificale, a causa dell’adrenalina che viene prodotta in quei frangenti. Questa abitudine è assai comune tra i satanisti e gli studiosi del fenomeno rettiliano suggeriscono che è questa la sostanza a cui mirano anche i rettili. Tutto torna.

Il tema del sacrificio umano e animale pervade tutta la storia, dal mondo antico fino al giorno d’oggi. Può sembrare ironico, ma è assolutamente coerente con quanto affermato, il fatto che molti di quei sacrifici avevano lo scopo di preservare, piuttosto che distruggere la vita. Si pensava che un sacrificio avrebbe placato “gli dei”, proteggendo così la vita di molti.

Questa è un’altra origine del capro espiatorio, cioè colui che viene ucciso per i “peccati” di altri.  Ciò è successo a molti “eroi” mitici religiosi che “sono morti affinché i nostri peccati potessero essere perdonati”. Il sacrificio del re o capro per placare gli dei è un’altra antica tradizione. Nella cosiddetta culla della civiltà, Il Nord Africa e il vicino Oriente, dove sono state trovate tracce degli Anunnaki e di Guardiani, si celebravano sacrifici umani, soprattutto di bambini.

Riti simili avvenivano anche in Cina, a Roma, in Africa, in Asia, in Grecia, in Dud America e, come è noto, in Messico, dove gli Aztechi compivano sacrifici in massa in onore degli “dei”. Questa è la ragione in cui l’ex presidente del Messico Miguek De La Madrid, riferì a Catiy O’Brien, una schiava dalla mente controllata dalla CIA, che gli extraterrestri rettiliani erano scesi sulla Terra e avevano creato dei corpi umani da occupare, proprio come avevano fatto diffusamente tra il popolo ariano.

I rettiliani e i sacrifici umani sono strettamente legati. Gli scandinavi seppellivano vivi i bambini nel tentativo di fermare le pestilenze e di placare il grande dio del Nord, lo scandinavo Odino o il tedesco Eodan o Woden. Gli dei delle scuole misteriche erano invariabilmente legati al sacrificio umano e furono proprio queste scuole a tramandare i riti e le conoscenze fino al giorno d’oggi, attraverso la Confraternita globale e le organizzazioni sataniche.

Gli Inca del Perù sacrificavano i bambini, così succedeva in Europa con il sacrificio umano fin dai tempi antichi. Un rituale druidico consisteva nel seppellire un bambino sotto le fondamenta di un nuovo edificio o di spruzzare su quel luogo il sangue di un bambino. Ritroviamo questo stesso rituale in molte parti del mondo.

Le storie di san Columba (Semiramide), narrano che questo eroe “cristiano” disse ai suoi monaci che uno di loro doveva essere sepolto sotto le fondamenta di un nuovo monastero sull’isola scozzese di Iona (il Sole) per “consacrare” quell’area. Si offrì volontario un certo sant’Oran che, di conseguenza, andò dritto in Paradiso.

I resoconti dello storico romano Tacito rivelano che i druidi consideravano un dovere coprire i loro altari con il sangue dei prigionieri e che consultavano gli dei esaminando le viscere umane. Le stesse storie si ritrovano in Irlanda e in Scozia. Secondo il mito irlandese l’Irlanda fu inizialmente popolata da un gruppo di dei avidi detti Formorians che esigevano due terzi dei bambini ogni anno.

I Fenici e i loro parenti, i Cartaginesi sacrificavano esseri umani su larga scala, e così facevano pure i Cananei. Quando Cartagine combaté la guerra contro Roma, 200 nobili famiglie sacrificarono i loro figli a Baal (il dio fenicio del Sole, Bel o Bil). 

Un altro aspetto ricorrente è il sacrificio del primogenito, spesso del primo maschio.

Tra alcune tribù aborigene dell’Australia, la madre uccideva e mangiava il primogenito, assicurandosi così la capacità di procreare altri figli. Il sacrificio del primogenito animale o umano era abbastanza comune ed è menzionato anche nell’antico Testamento. Il Libro dei Re narra che Masha, re di Moab, era così sconvolto dopo la sconfitta per mano degli israeliti che sacrificò il suo figlio maggiore ed erede.

Ricordate che nella Genesi , “Dio” (gli dei) insistette con Abramo affinché sacrificasse il suo primo figlio per mettere alla prova la sua fede e la sua obbedienza.

Lo stesso rituale viene compiuto ancora oggi dai satanisti, le famiglie della Confraternita e dalle loro propaggini criminose come la mafia. Sacrificare il primogenito è il modo attraverso cui queste persone mettono alla prova la dedizione alla causa di una persona. 

Geova dichiara apertamente nel Libro dei Numeri che “….tutti i primogeniti di Israele sono miei, siano uomini o bestie”, e in Esodo , Geova pretende che “i primi tra i vostri figli siano consegnati a me”.

La Bibbia sostiene che Abramo proveniva dalla città sumera di Ur e alcuni scavi effettuati nel 1927 da Sir leonard Woolley nel cimitero reale hanno portato alla luce prove evidenti di sacrifici umani in tombe risalenti al 2800 a.C. Gli Sciti, la popolazione che diffuse in Europa molte delle stirpi e dei rituali ariani, aveva le stesse tradizioni.

Prove di sacrifici umani, specialmente di bambini, si possono trovare in tutti i luoghi presso tutte le principali civiltà, compreso il palazzo di Cnosso a Creta. Il culto del teschio come fulcro del rituale lo ritroviamo presso i Templari, nell’ambito del mistero di Rannes-le-Chàteau e della Società del teschio e delle Ossa negli Stati Uniti.

Altre prove si ritrovano nell’Uomo di Pechino risalente forse a un milione di anni fa o  all’Uomo di Neanderthal 200.000 anni fa, prove di questi rituali anche in tempi così remoti. Il culto della testa, che prevedeva che si cibasse anche del cervello della vittima, divenne più elaborato a Gerico, circa ottomila anni fa, e prove di questi stessi rituali sono state rintracciate nella religione scintoista del Giappone e dell’antica Cina.

Anath, la leggendaria sorella di Baal era rappresentata ornata di festoni da cuo pendevano teste mozze, mentre mani umane pendevano dalla cintura, allo stesso modo delle dee madri del Messico e dell’India, mentre nell’antico Egitto rivelano molti tipi di sacrifici e torture, destinate poi a diffondersi. 

Gli Egizi sacrificavano uomini dai capelli rossi sulla tomba di Osiride perché il rosso era il colore associato a set, la versione egizia di Satana.

Alcuni rituali rievocati oggi da persone che li hanno dolorosamente sperimentati sulla loro pelle, rispecchiano quelli descritti dettagliatamente  nel Libro dei morti e includono la pratica di conservare i cuori in un vaso. In Egitto i cuori venivano posti su una bilancia per essere soppesati  e giudicati dalla dea Maat. Ecco il significato della donna con il Sole a mo’ di corona che tiene in mano una bilancia della Giustizia, visibile su molto edifici forensi.

Correlazioni:  

la nostra specie Homo Sapiens

“La settima ultima razza  

Homo-chiralità 

Intervista a “ANTON PARKI” 

“LA FAMIGLIA” 

Tra mondo astrale e mondo fisico

 http://ningizhzidda.blogspot.it/