Archivi tag: Russia

Lussemburgo: la versione spaziale di The City of London

 

IL GRANDUCATO DI LUXEMSPACE È DI NUOVO …

Ci sono state molte notizie sullo spazio che verranno trasmesse dai Gizar questa settimana, quindi oggi sto dando il calcio d’inizio alla parte “legata allo Spazio” dei blog di questa settimana. TM lo ha notato ed è una di quelle storie “tranquille ma importanti”, e riguarda il nostro vecchio amico, il “Mouse che Ruggisce”, il Granducato di Lussemburgo, quel minuscolo paese bancario europeo che ha grandi ambizioni spaziali:

Lussemburgo e Stati Uniti concordano di approfondire la cooperazione nello spazio

Secondo l’articolo, il Granducato e gli Stati Uniti hanno firmato un memorandum d’intesa sullo sviluppo dello spazio, ma l’articolo dice poco su ciò che contiene questo memorandum d’intesa, oltre a notare questo:

I due paesi hanno firmato oggi un memorandum d’intesa per promuovere la ricerca, l’esplorazione, la difesa e il commercio spaziale e affrontare problemi come la riforma della regolamentazione e i detriti spaziali.

“Copre la più ampia gamma possibile di attività spaziali che i due paesi intraprenderanno come un’importante prossima ondata di crescita economica”, ha detto il segretario al Commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross durante una visita in Lussemburgo per firmare l’accordo.

Etienne Schneider, vice primo ministro e ministro dell’economia lussemburghese, ha affermato che l’accordo è “un altro importante passo avanti” per rafforzare la cooperazione spaziale internazionale.

Sospetto fortemente, e probabilmente anche molti lettori di questo blog, che questo memorandum d’intesa contenga alcuni “protocolli segreti”. Ma c’è un accenno a ciò che sta accadendo, ed è forte:

Nel 2015, gli Stati Uniti hanno adottato lo Space Act per consentire l’esplorazione e lo sfruttamento commerciale delle risorse spaziali.

Nel 2017, il Lussemburgo ha introdotto una legge che garantisce alle compagnie spaziali la proprietà delle risorse acquisite nello spazio, il primo paese a farlo nell’Unione europea a 28 nazioni.

Ciò che questo fa presagire è che sono stati fatti accordi bilaterali per creare un modello che sorpassa i trattati internazionali esistenti, consentendo alle società spaziali private di rivendicare la proprietà delle risorse spaziali: se riesci ad arrivare e a estrarre le risorse, sono tue. Ciò che il coinvolgimento del Lussemburgo in tutto questo significa è che sta facendo un gioco, un grande gioco, per diventare la versione spaziale di The City of London, il centro terrestre di compensazione finanziaria interplanetaria, e le sue recenti mosse per piazzare satelliti in orbita e poi affittarli tende a confermare questo punto di vista.

A sostegno di questa speculazione ad alto numero di ottani, l’articolo rileva qualcos’altro:

Il Lussemburgo ha già firmato accordi spaziali con gli Emirati Arabi Uniti, il Giappone e la Cina, nonché con i paesi della Polonia, la Repubblica Ceca e il Belgio.

In totale, circa 20 società private coinvolte nel lavoro spaziale si sono stabilite in Lussemburgo, hanno riferito funzionari.

Ciò che questo suggerisce è che il Lussemburgo è (1) negoziare bilateralmente con altri paesi per farli riconoscere i diritti delle corporazioni stabilite in Lussemburgo per condurre affari spaziali, e (2) è forse anche negoziare per infrastrutture fisiche in quei vari paesi per supportare qualsiasi ruolo di chiarimento interplanetario che desidera svolgere.

Una tale posizione in un sistema di compensazione interplanetaria darebbe a Lussemburgo un potere senza precedenti e preannuncia il modo in cui lo spazio cambierà completamente la natura del potere geopolitico. Ad esempio, “profondità strategica” arriverà a significare qualcosa di molto diverso da quello attuale, con profondità che significa paesi con molta terra – Cina, Russia, Brasile, Stati Uniti – e venire da me ridondanza infrastrutturale nello spazio, e una “profondità” e dispersione di risorse nello spazio. Con quel tipo di terreno di gioco, i paesi più piccoli come il Lussemburgo possono svolgere un ruolo strategico molto più ampio, ben oltre i limiti delle loro dimensioni fisiche terrestri. Il fatto che gli Stati Uniti, la Cina e il Giappone abbiano già concluso accordi con il Granducato suggerisce anche che vi è tacitamente, anche se a questo punto, un accordo segreto tra le grandi potenze che il Lussemburgo è il “centro designato” di tale sistema.

E questo significa, inevitabilmente, dovremo parlare della Luna, ma dovremo aspettare fino a domani per farlo …

Fonte: https://gizadeathstar.com/

 

Il programma segreto spaziale Whistleblower afferma che gli umani sono su Marte dal 70

di Ancient Code

Un informatore del programma spaziale segreto afferma che gli esseri umani hanno viaggiato su Marte per decenni. È interessante notare che molti ex dipendenti della NASA e funzionari militari sono venuti avanti parlando dell’esistenza di un programma spaziale secretivo e la tecnologia che va ben oltre ciò che la società sa.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” Senatore Daniel K. Inouye

Marte è il posto numero uno nel sistema solare dove vogliamo davvero andare. Recentemente, durante il 67° Congresso Internazionale dell’Astronautical NI Guadalajara Mexico, Elon Musk, il capo di Tesla Motors e SpaceX ha annunciato che non solo sono gli esseri umani hanno intenzione di viaggiare su Marte nel prossimo futuro, ma stiamo andando a stabilire una colonia sulla superficie del pianeta rosso dove la gente vivrà.

Tuttavia, tutto questo non è nuovo in base all’informatore del programma spaziale segreto Corey Goode che ha rilasciato una dichiarazione che descrive l’attività umana su Marte, dicendo che l’umanità è stata sulla superficie del pianeta rosso per un lungo, lungo tempo.

Stranamente, non è il primo o l’unico ad averlo detto.

Molte persone hanno dichiarato che queste  ‘notizie’ non sono nuove, e ci sono documenti (WikiLeaks) che sostengono che le collaborazioni umane e aliene sono state fatte per un bel po’ di tempo.

Nella dichiarazione, Corey Goode scrisse:

“Marte fu visitato per la prima volta dai tedeschi fin dagli anni trenta, ma durante gli anni ’70, i programmi spaziali statunitensi stavano esplorando attivamente Marte e altri pianeti per stabilire basi. Nel 1980 il SSP statunitense è diventato-Solar Warden. Sotto progetto Solar Warden un vasto sviluppo e colonizzazione si è verificato su Marte e altri pianeti. Goode continua, “basi su Marte sono state costruite sotto la superficie.”

Ma non sembra assurdo? Beh, non è l’unico ad averlo detto, e se andiamo avanti e dare un’occhiata a una dichiarazione del senatore Daniel K. Inouye, ci renderemo conto per davvero di quanto profondo sia questo argomento.

“Esiste un governo oscuro con la propria Air Force, la propria Marina, il proprio meccanismo di raccolta fondi, e la capacità di perseguire le proprie idee di interesse nazionale, libere da tutti i controlli e saldi, e liberi dalla legge stessa.” (fonte)

La cosa buffa è che secondo diverse affermazioni, gli esseri umani hanno avuto la tecnologia per il viaggio spaziale per lungo tempo:  

“Durante il mio incarico in Marina, abbiamo scoperto che i tedeschi stavano inventando la tecnologia spaziale fin dagli inizi del XX secolo.”William Tompkins.

La suddetta affermazione di Tompkins conferma i commenti fatti da Corey Goode che sono stati contrassegnati come “ridicoli” da molti.

Secondo Tompkins, tre sono i documenti declassificati che mostrano la tecnologia di viaggio spaziale tedesca. Egli sostiene che anche grazie al fatto di aver lavorato estremamente al suo interno ha Classificato, pensato, e creato armi per le aziende aerospaziali.

Oltre a Goode, un ex impiegato della NASA ha affermato che c’erano missioni segrete con equipaggio su Marte oltre 20 anni fa. In un’intervista con Coast-to-Coast AM, una donna di nome ‘Jackie’ ha parlato di esseri umani su Marte, qualcosa che è stato discusso tra gli altri presunti dipendenti della NASA per anni; ‘… Poi ho visto due uomini in tute spaziali-non le tute ingombranti che abbiamo usato normalmente, ma sembravano protettive. Sono arrivati oltre l’orizzonte a piedi per esploratore il viching…’

In aggiunta a quanto sopra, un ex Marine sostiene di aver anche lavorato su Marte. L’ufficiale in pensione conosciuto solo come capitano Kaye (pseudonimo), ha detto che non solo gli esseri umani sono stati su Marte in passato, ma hanno sviluppato un programma spaziale segreto e la flottiglia che opera nello spazio. Secondo l’ex Marine, fu pubblicato sul pianeta rosso per anni e la sua missione era quella di proteggere le cinque colonie umane dalle forme di vita indigene su Marte. Secondo il capitano Kaye, non solo ha trascorso anni su Marte, ma ha anche servito a bordo di un gigantesco vettore spaziale per tre anni.

Leggendo la dichiarazione di cui sopra e confrontandola con ciò che il senatore Daniel K. Inouye, ti fa davvero meraviglia se tutto quanto sopra sia stato possibile.

Il comunicato stampa pubblicato di recente ci racconta di più su questi programmi secretivi e su Marte:

Richardson, Texas, 13 ottobre, 2016 – on Tues, 11 Oct il presidente Barack Obama ha scritto un parere editoriale tramite CNN.com annunciando ai cittadini degli Stati Uniti che, “l’America ha fissato un chiaro obiettivo di inviare gli esseri umani su Marte dal 2030s… Facciamo ciò che è possibile prima di chiunque altro. Il problema qui è che durante una video intervista di novembre 2015 con Gaia.com, l’informatore Corey Goode dal programma statunitense Secret Space (SSP) ha detto, “ci sono esseri umani già su Marte, ed è stato colonizzato.” Nel dicembre 1986, Goode è stato reclutato in SSP – UNSAP (programmi di accesso speciale riconosciuti dall’ONU) sotto Project Solar Warden. È stato assegnato a un vascello di ricerca nello spazio per studiare il sistema solare dal 1986 dicembre – dicembre 2007.

Il Presidente Obama e il governo degli Stati Uniti si uniscono a una lista pesante di visionari del settore privato, come ad esempio il CEO di Boeing Dennis Muilenburg e Elon Musk (SpaceX), in quanto competono per fare un’ammaccatura storica nello spazio. Il 4 ottobre, secondo Bloomberg Technology, Muilenburg ha detto: “è la mia compagnia che manderà i primi umani su Marte, non Musk. Sono convinto che la prima persona a calpestare Marte arriverà lì in sella a un razzo Boeing.”

referenze: 

http://spherebeingalliance.com/blog/whistleblower-discloses-shocking-new-intel-humans-on-mars-since-the-1930s.html 

http://www.gaia.com/bio/corey-goode 

Immagine di http://www.boeing.com/boeing100/ 

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Articolo correlato: Le cinque colonie di Marte

®wld

La geoingegneria non dovrebbe essere rapidamente liquidata come teoria della cospirazione

 

La geoingegneria rilascia nell’aria alte concentrazioni di alluminio TOSSICO, provocando un aumento delle malattie neurodegenerative

(Natural News) La geoingegneria, nota anche come ingegneria climatica, è un argomento controverso. Anche se molte persone lo liquidano come nient’altro che una teoria della cospirazione, ci sono molti altri che insistono con veemenza sul fatto che le organizzazioni governative e di altro tipo siano attivamente coinvolte nei tentativi di manipolare il tempo. La maggior parte di questi esperimenti, dicono, sono diretti a invertire gli effetti del cosiddetto cambiamento climatico, mentre alcune agenzie hanno ragioni più sinistre per voler manipolare il tempo, compreso il desiderio di controllare la ionosfera – e quindi le comunicazioni radio – per i scopi militari.

Negli ultimi anni, sono aumentate le prove che forse la geoingegneria non dovrebbe essere rapidamente liquidata come teoria della cospirazione. Sono emersi rapporti che suggeriscono che una maggiore quantità di alluminio viene rilevata nelle precipitazioni. Se questo metallo pesante è presente sotto la pioggia, è certamente presente in grandi quantità nell’aria. Questo è perfettamente in linea con la teoria della geoingegneria, che afferma che l’alluminio viene spruzzato nell’atmosfera come un modo per controllare la pioggia.

Forse la prova più schiacciante a sostegno della teoria della geoingegneria, tuttavia, è il massiccio aumento delle malattie neurodegenerative negli ultimi anni. Secondo l’Alzheimer’s Association, il numero di persone che muoiono di Alzheimer è aumentato del sorprendente 145 percento dal 2000. Questo è significativo, perché gli scienziati hanno avvertito da tempo che l’uso dell’alluminio per scopi di geoingegneria causerebbe un picco nel numero di persone con malattie neurodegenerative. (Correlato: i media delle notizie false americane affermano che la geoingegneria è una “teoria della cospirazione” mentre Cina e Russia collaborano per “modificare l’atmosfera”).

Gli scienziati hanno avvertito di questo per anni

Come riportato da Waking Times (WT), documenti governativi declassificati risalenti agli anni ’70 confermano che i programmi scientifici finanziati a livello federale sono stati attivamente coinvolti in studi dedicati alla manipolazione del tempo. E questi programmi sono stati probabilmente intensificati con l’aumento dell’isteria sul riscaldamento globale. (Correlato: l’alluminio nanodetrato viene spruzzato nell’atmosfera, causando malattie degenerative, afferma il neurochirurgo).

Questo conferma ciò che gli scienziati hanno detto per anni. Waking Times ha riportato:

Nel 2014, una troupe televisiva della CBS ha intervistato il fisico Dr. Michio Kaku. Nell’intervista, il dott. Kaku ha rivelato che gli scienziati stavano conducendo esperimenti di modifica delle condizioni meteorologiche su larga scala che includevano la sparatoria di laser e nanoparticelle nel cielo.

Affermazioni come questa sono state supportate da prove scientifiche, come ulteriormente sottolineato da WT:

[Uno] studio scientifico all’avanguardia condotto dal dott. Marvin Herndon, un chimico nucleare e geochimico, ha trovato “prove di attività di geoingegneria che si sono verificate per almeno 15 anni … l’attività di geoingegneria tramite aerei cisterna-jet rappresenta un non naturale, sostanza tossica nell’atmosfera terrestre “che provoca il rilascio di grandi quantità di nanoparticelle di alluminio.

Perché l’esposizione all’alluminio atmosferico è più pericolosa

Mentre è vero che gli esseri umani sono esposti a grandi quantità di alluminio su base giornaliera attraverso il cibo che mangiamo, l’acqua che beviamo e i farmaci che assumiamo, come spiegato da WT, il corpo assorbe solo circa lo 0,3 per cento di questo alluminio a causa di protezione fornita dal tratto intestinale.

L’alluminio atmosferico, tuttavia, è molto più pericoloso:

Quando inalato, l’alluminio atmosferico bypassa i polmoni e ha accesso diretto al flusso sanguigno. Da qui può circolare attraverso il corpo e causare una quantità significativa di danni. Questo include il cancro del polmone, danni ai reni, deformità ossee, convulsioni e ansia.
C’è anche una grande quantità di ricerche che rivelano che l’esposizione dell’alluminio può aumentare il rischio di diverse malattie del cervello, incluso l’Alzheimer. Questo è il motivo per cui il dott. Herndon ha proposto che la geoingegneria sia responsabile della diffusione di malattie neurologiche in tutto il mondo.


Quel 145 percento di aumento nella morte di Alzheimer assume un significato nuovo e inquietante se osservato in armonia con questo tipo di informazioni. Sfortunatamente, è quasi impossibile evitare l’esposizione all’alluminio atmosferico, sottolineando l’importanza di cercare di disintossicarsi dai metalli pesanti su base regolare.

Maggiori informazioni su Geoengineering.news.

Le fonti per questo articolo includono:

WakingTimes.com

Alz.org 

HealthImpactNews.com 

SCMP.com 

Fonte: https://www.naturalnews.com/

®wld

Articolo 11 della costituzione italiana

 

FARE DEL 2019 UN ANNO MIGLIORE – COME?

Primo: conoscere e verificare. Secondo: allargare la consapevolezza. Terzo: attivarsi e costruire una strategia. Quarto: condividere il proprio piano con un gruppo di persone fidate. Quinto: generare empowerment e non collaborare con il potere quando mette in atto azioni ingiuste. 

Le linee guida sono chiare: nel 2019 non delegare, agisci in prima persona. Esercita la cittadinanza attiva dal basso.

Promuovere: 

conoscenza 

consapevolezza 

partecipazione 

cittadinanza attiva 

empowerment

azioni di cambiamento, anche attraverso il consumo critico

Ispirato da https://www.peacelink.it/editoriale/a/46005.html

COMUNICAZIONE DEL COORDINATORE DEL GRUPPO NO NATO

Cari tutti,

non so esprimere sinceramente lo stato d’animo con cui mi appresto a formulare a tutti voi i soliti auguri di buon anno nuovo; una cosa è certa: le cose non sono migliorate nel corrente anno; molti fatti si sono succeduti ma quello che per noi è il pericolo centrale, prioritario rispetto a tutti gli altri in quanto portatore di distruzioni inimmaginabili, è il rischio, sempre più prossimo e sempre più tenacemente da qualcuno volutamente ricercato, di un conflitto nucleare.

Nonostante la storica risoluzione dell’Onu del luglio 2018 la Nato ha continuato a rafforzare la sua presenza ostile e aggressiva e nucleare in territorio europeo in funzione dichiarata antirussa, che combinata con le sanzioni economiche imposte illegittimamente ed illegalmente dagli Stati Uniti tramite la stessa Nato appaiono anche al più sprovveduto degli esseri come una evidente dichiarazione di guerra.

Per una questione di controllo mondiale che gli Stati Uniti si sono arrogati all’indomani della fine della seconda guerra mondiale, forti del possesso e della dimostrata capacità di utilizzo delle armi atomiche (esclusivamente contro civili inermi), il mondo intero rischia l’olocausto e l’Europa è  nuovamente al centro, anzi è divenuta la prima linea di difesa degli interessi americani. Come voi sapete questo costa al mondo migliaia di € l’anno in armamenti, esercitazioni e veri e propri conflitti locali con decine di milioni di sfollati. Tutto ciò non garantisce in alcun modo la sicurezza individuale e collettiva (il terrorismo non lo si combatte con le armi nucleari) mentre prepara sistematicamente bilanci di genocidio di popoli interi. E’ recente la informazione per cui in una esercitazione in previsione di un attacco nemico (leggi russo) si poteva prevedere come misura di contenimento il bombardamento nucleare di UDINE!!

Il tutto sarebbe scaturito dall’evidente aggressività russa che ha inglobato manu militari la Crimea. Voi sapete meglio di me la verità storica (Crimea russa da sempre e ceduta dall’URSS alla Ucraina, uno  degli stati componenti, allora, della stessa URSS) conoscete gli avvenimenti: il referendum organizzato e realizzato per far esprimere i diretti interessati (molto diversamente la democraticissima europa ha rispettato un analogo legittimissimo referendum fatto in Grecia, o in Italia si sono rispettati referendum popolari sulla Costituzione e sulla difesa della gestione pubblica dell’acqua). La Russia, la cui legittimità democratica non è nostro compito giudicare, spende in armamenti un decimo degli Stati Uniti, anche perché non se lo può permettere e perché ha portato avanti sempre una politica difensiva e non aggressiva. Credo basti ricordare cosa abbiamo rischiato nel mondo per il tentativo di installare a Cuba dei missili sovietici paragonabili a quelli americani presenti in Turchia e neppure lontanamente paragonabili a ciò che sta facendo la Nato in Europa ai confini diretti della Russia, non in una piccolissima isola, ma in tutti gli stati confinanti . Questo in disprezzo dell’accordo che era stato sottoscritto tra Reagan e Gorbaciov per cui si chiudeva il Patto di Varsavia e si lasciavano uscire dall’Urss gli stati che lo avessero deciso (Ucraina, Baltici, Moldavia, Georgia, Armenia etc) purché la  Nato rinunciasse ad estendere la sua attività. Dichiarazioni riportate da esponenti di primo piano delle amministrazioni USA come Johnstone e Craig Roberts.

La nostra azione è quasi insignificante rispetto alla potenza di fuoco militare ed economica messe in campo dalla Nato, ma è l’unica possibilità di salvezza, non di giustizia, di uguaglianza e fraternità tra i popoli ma di semplice, concreta e feroce sopravvivenza:

FUORI L’ITALIA DALLA NATO!

FUORI LA NATO DALL’EUROPA!

OGGI INTANTO SIAMO DIVENTATI 35.000!

Per il 2019 ci accontenteremmo 1) di restituire agli Stati Uniti gli ordigni nucleari presenti attualmente e progettati per il futuro nel nostro paese (ci muoviamo perché ciò accada in tutta Europa) 2) di portare l’Italia fuori da ogni alleanza militare, di ritirare tutti i contingenti operanti all’estero in qualsiasi veste presentati 3) di convertire parte significativa delle crescenti spese militari in investimenti sociali (Sanità, pensioni, lavoro ) 4) di fare del nostro paese un protagonista mondiale di cooperazione tra i popoli non tra le multinazionali.

E’ QUESTO L’AUGURIO CHE VOGLIO FARVI COME ATTUALE RAPPRESENTANTE DEL COMITATO NO GUERRA NO NATO.

E’ QUESTO L’IMPEGNO CUI SIAMO CHIAMATI …

Portare l’Italia fuori dal sistema di guerra

Attuare l’articolo 11 della Costituzione

Giuseppe Padovani

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Articolo 11 della costituzione italiana:

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

®wld

Il 5G la nuova via della seta Tecnologica

 

I segreti del 5G, tra spionaggio e controllo militare delle masse: Di Maio ci ha venduti ai cinesi (del Partito Comunista)

di Maurizio Martucci

Bonariamente è ‘la via della seta digitale’, ma ha tutte le caratteristiche di una vera e propria guerra di spionaggio industriale, una partita a Risiko nello scacchiere internazionale, dove la posta in palio per la post-globalizzazione sarebbero le sorti dell’umanità nel wireless di quinta generazione. In ballo, oltre investimenti miliardari e salute pubblica minacciata da un nuovo tsunami di inesplorate microonde millimetriche, anche servizi segreti, lobby del datismo e cyberspionaggio nell’infrastruttura digitale, la rete dell’Internet delle cose: con buona pace di Marco Polo e la ‘seta’ nei collegamenti tra antica Roma e impero d’Oriente, chi controllerà il 5G potrà come detenere il mondo? Quantomeno, così pare, la sua stabilità nel controllo di intelligence e security!

Sarebbe questo lo scenario segreto dietro la forsennata corsa al 5G. Le schermaglie di facciata tra USA e Cina per la leadership sul primato sull’intelligenza artificiale non sarebbero altro che un deterrente, se è vero come il proibizionismo di Donald Trump sia finito su Giappone, Australia e Nuova Zelanda, dove alle cinesi Zte e Hawuei sono stati interdetti appalti pubblici e forniture aziendali pel 5G (in USA previsto poi nel 2019 un ordine esecutivo di emergenza nazionale per impedire alle aziende statunitensi l’utilizzo di apparecchiature di telecomunicazione made in China).

 

In questa spy story, l’anomalia occidentale è rappresentata proprio Italia, o meglio, da Luigi Di Maio e i suoi deputati, decisi a fare del 5G italiano la testa d’ariete cinese in Europa, mentre Hawuei viene ostacolata in Germania, Francia, Gran Bretagna, Belgio e Norvegia: lo si era capito già a Settembre quando, pretesa con forza la delega dello Sviluppo Economico appena insediato Conte al Colle, DI Maio aveva partecipato al summit di Hauwei in Parlamento (c’erano anche i sottosegretari Geraci e Tofalo, la deputata Liuzzi e i Sindaci di Roma e Genova Raggi e Bucci). “Abbiamo rapporti molto costruttivi con il governo italiano – nell’occasione aveva detto Thomas Miao di Huawei Italy – siamo felici che abbia accettato il nostro invito a parlare di rivoluzione 5G, infrastrutture, è fondamentale interloquire con le pubbliche amministrazioni”.

 

Non confondano le recenti audizioni in Commissione Trasporti dei vertici di Vodafone Italia (27/11), TIM Spa, Wind Tre (14/12) e Fastweb (17/12) che puntano sull’innalzamento per legge dei valori soglia dell’irradiazione elettromagnetica (da 6 V/m a 61 V/m?), prevista nel documento elettorale del MoVimento 5 Stelle, perché che Di Maio spostasse l’ago della bilancia in favore del Dragone smarcandosi da Trump (e pure da Putin) lo si era capito nel workshop sulla ‘via della seta digitale’ organizzato nell’ambasciata cinese a Roma, quando l’ambasciatore Li Ruiy senza mezzi termini aveva detto che “il XIX congresso del Partito Comunista Cinese ha ribadito la volontà di realizzare un sistema economico moderno, accelerare lo Stato innovativo, perfezionare il sistema del mercato socialista e farlo arrivare a un’apertura complessiva”. Scrivendo sull’ultimo G20 in Argentina e dell’incontro tra Trump e Xi, anche il quotidiano comunista italiano Il Manifesto ha sostenuto come “di sicuro il partito comunista cinese ha affermato il proprio impegno nello sviluppo della tecnologia 5G”, mentre secondo indiscrezioni da Pechino, China Telecom e China Unicom starebbero per allearsi in ottica 5G creando nuovo gigante da 600 milioni di abbonati controllato dal governo rosso, legato al Dipartimento del Lavoro del Fronte unito, strumento del Partito comunista cinese (il motivo per cui, a differenza di Di Maio, Trump blocca Zte e Hauwei in USA). Ma non è tutto, perché secondo il Quotidiano del popolo (massimo organo di stampa del Partito comunista cinese) avrebbe la tessera del partito anche Jack Ma, fondatore del colosso dell’ecommerce Alibaba che – come in un rompicapo – nel “Russian direct investment fund” (un fondo d’investimenti collegato al Cremlino) punterebbe a collegare la Cina con la Russia di Putin.

 

E qui entrano in gioco Di Maio e l’anomalia dell’entourage pentastellato, criticato anche da Il Sole 24 Ore (organo di Confindustria). Con due missioni internazionali compiute in soli due mesi, a Novembre il ministro dello sviluppo economico era volato a Shanghai per il ‘China International Import Expo’: incontrato il presidente cinese Xi Jinping, segretario generale del Partito Comunista Cinese (dietro le multinazionali hi-tech ci sono le grandi banche governative, Bank of China e Industrial & Commercial Bank of China fondata dall’ex ufficiale dell’esercito di Liberazione popolare cinese Ren Zhengfei), Di Maio ha incassato i dubbi del senatore centrista Giuseppe Esposito, già vice presidente del Copasir (comitato parlamentare di vigilanza sui servizi segreti per la sicurezza della Repubblica) secondo cui “non viene ancora posta la giusta importanza sul ruolo dell’infrastruttura. Chi controlla le reti controlla tutte le informazioni, anche h24”. Il nodo, quindi, sarebbe proprio lo spionaggio industriale, ovvero il controllo di una quantità impressionante di dati che, con Zte e Hauwei, finirebbero nelle mani dei cinesi: nonostante la smentita di circostanza di Zte Italia, con l’apertura del Tecnopolo d’Abruzzo a L’Aquila è indubbio però come l’azienda fatta fuori in mezzo occidente annuncia investimenti da 500 milioni di euro in Italia solo nei prossimi 5 anni, mentre per il New York Times Huawei avrebbe speso 600 milioni di dollari per la ricerca 5G dal 2009, destinati 800 milioni solo per il 2018.

 

Ma non è finita. L’ultimo appello del Comitato di tutela per l’Ambiente Monte Porzio Catone (Roma), promotore della raccolta firme Stop 5G (quasi quota 6.500 firme), apre poi un altro scenario, a dir poco apocalittico, tirante in ballo persino armi a microonde, note anche come Active Denial System (ADS), sviluppate dalle forze armate statunitensi per il controllo delle masse (il cosiddetto “goodbye effect” sperimentato in Afghanistan e che – secondo una nota dell’Aeronautica USA – causerebbe anche gravi ustioni).

Nel video dimostrativo dell’esercito americano – preoccupato scrive il comitato dell’hinterland capitolino – vedete come può essere utilizzato per evitare proteste e sommosse nella cittadinanza. Immaginiamo che i prossimi ripetitori 5G potranno essere posizionati nelle grandi città, magari su ogni palazzo in modo che ogni cittadino potrà essere irradiato (se necessario), conoscendo la sua posizione grazie alle trasmissioni TLC. Se a questa considerazione aggiungiamo gli ultimi studi del prof. Ben Ishai del dipartimento di Fisica dell’Università Ebraica in cui si evince che le frequenze adoperate per il 5G entrano in perfetta risonanza con i dotti sudoripari trasformandoli in migliaia di antennine elicoidali, che assorbono e ritrasmettono il segnale 5G (dentro e fuori del nostro corpo), lo scenario che si viene a delineare è alquanto allarmante”.

Riproduzione consentita, citando fonte e autore

®wld 

Quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi

 

Ripensare la storia dell’umanità   

Negli ultimi anni ho visto molte ore di video che hanno a che fare con l’Ur-alt, civiltà globale che esisteva su questo pianeta molte migliaia di anni fa. Durante la mia vita ho visitato anche molti siti antichi in Europa, Nord America, America Centrale, Sud America, Turchia ed Egitto, oltre ad aver letto molto ampiamente per molti anni e parlato con altri che hanno conoscenza di antiche civiltà. La somma di tutte le mie esplorazioni letterarie, Internet e personali e le conversazioni è la comprensione del fatto che siamo stati massicciamente mentiti a scuola e all’università. Non conosciamo la vera storia dell’umanità o della Terra. Tutto è stato sistematicamente celato a noi. Fa parte di una cospirazione globale, globale e plurimillenaria per nascondere il nostro passato da noi. 

Tuttavia, grazie al lavoro dedicato e al coraggio di ricercatori indipendenti, parte del nostro passato sta cominciando a essere meglio compreso, o almeno messo in discussione e indagato.

Posso consigliare in particolare i seguenti canali YouTube. Guarda tutti i video che queste persone hanno pubblicato su Internet (ti ci vorrà un po ‘!), E vedrai presto che l’antichità del nostro soggiorno su questo pianeta torna indietro, ed è molto diversa da come ci è stato detto.  

Brien Foerster
https://www.youtube.com/user/brienfoerster 

Sylvie Ivanova
https://www.youtube.com/user/everhungriescatgang 
 

Vlad9vt
https://www.youtube.com/user/vlad9vt 

Raccomando anche i libri dei seguenti autori, disponibili sui loro siti web: 

Graham Hancock
http://grahamhancock.com/ 

Michele Cremo  

http://mcremo.com/ 

Basti dire che ora sono convinto che l’umanità sia stata su questo pianeta e su altri pianeti in questo sistema solare e su altri pianeti in questo settore della galassia, non per migliaia di anni, ma per milioni di anni letteralmente, e che la civiltà moderna che pensiamo sia così avanzata è, in realtà, la più grande spazzatura del cervello e la mente fottuta di tutti i tempi. 

Quindi hai un cellulare? Meraviglioso! Puoi chiamare altri schiavi controllati dalla mente e avere conversazioni deliziosamente superficiali su tutti i problemi approvati dal controllo mentale del giorno: sport professionistici, economia controllata artificialmente, intrattenimento popolare, un’ampia varietà di argomenti di notizie false, gli ultimi scherzi di qualsiasi criminale la mafia si definisce un “governo” nella tua parte del mondo, e molto altro ancora! Tutto per il prezzo incredibilmente basso di $ 49,95 al mese. \sarcasmo\ 

Ma questo è niente  

Guarda tutti i video che i ricercatori sopra hanno diffuso su Internet, leggi i libri di Michael Cremo e Graham Hancock e anche tu realizzerai che quella che chiamiamo “civiltà moderna” è solo un mucchio di falsi, chimici, plastificati, falsificato, controllato dalla mente, spillato insieme spazzatura e sciocchezze. 

Vald9vt è uno dei miei canali YouTube preferiti. 

Proprio oggi stavo guardando un altro dei suoi video sui morsetti metallici che si trovano in molti siti megalitici in tutto il mondo, spesso collegando blocchi di pietra multi-ton. 

Non ho ancora visto nessuno offrire una spiegazione convincente per i morsetti metallici. Non possono essere strutturali, perché la dimensione delle pinze è assolutamente sminuita dai massicci blocchi di pietra in così tanti casi. 

Sospetto che siano una parte funzionale di un’architettura energetica; che i morsetti metallici sono lì per il collegamento elettrico tra blocchi specifici per completare i circuiti energetici. Nell’antichità remota c’era una tecnologia diversa che oggi non è ben compresa.

La dimensione, la forma precisa e la disposizione geometrica dei blocchi erano tutti fattori nel funzionamento dei monumenti. Queste strutture funzionavano come macchine; hanno fatto un lavoro che non comprendiamo oggi. Non era tutto solo decorativo.  

Non ho dubbi sul fatto che molti dei monumenti più antichi in Egitto, e in altre parti del mondo, fossero parti integranti di enormi macchinari per la copertura del paesaggio o circuiti energetici, che si estendevano per miglia e miglia; una tecnologia megalitica che impiegava energia in un modo molto diverso rispetto alla “civiltà” globale dei cosiddetti tempi “moderni”, e che era molto rispettosa dell’ambiente, per l’avvio.  

Tutto è stato distrutto e messo fuori uso migliaia di anni fa, in modo che le mentalità cadute e degradate dietro l’ordine (dis) del mondo attuale potessero giungere al potere e stabilire il loro dominio spietato, mente, corpo e anima. sulla Terra e i suoi abitanti.  

Siamo stati lasciati con leggende in tutto il mondo di una precedente Età dell’Oro di alta civiltà che fu improvvisamente distrutta catastroficamente. Le prove di quel triste cataclisma sono in tutto il mondo. La mia stessa ricerca suggerisce che il cataclisma aveva cause artificiali estese al mondo. Tantissime battaglie si sono svolte in questo sistema solare molto tempo fa, la civiltà e il pianeta hanno distrutto la guerra. La cosiddetta “civiltà” che vediamo intorno a noi oggi è solo la più pallida delle deboli, deboli, finte imitazioni, rispetto al glorioso splendore di un lontano passato. 

Questa è la ragione per l’embargo soffocante, storico e archeologico della verità da parte dei poteri completamente corrotti di oggi. Vogliono mantenere la loro schiavitù umana completamente soppressa, oppressa, ignorante, trattabile e servilmente docile.  

È tutto molto deludente, che altro posso dire? 

Fonte: https://eventhorizonchronicle.blogspot.com/  

  

Cancellare la storia, la diplomazia, la verità e la vita sulla terra  

15.10.2018  

Stati Uniti  

Paul Craig Roberts 

Uno dei motivi per cui i Paesi falliscono è che la memoria collettiva viene continuamente distrutta mentre le generazioni più vecchie passano e vengono sostituite da nuove che sono disconnesse da ciò che è venuto prima.

Inizialmente, la disconnessione è stata gestita dalla Storia e dalle discussioni al tavolo di famiglia. Per esempio, quando ero un bambino c’erano ancora nonni i cui padri avevano combattuto per la Confederazione. Non avevano schiavi e non possedevano piantagioni. Hanno combattuto perché la loro terra era stata invasa dagli eserciti di Lincoln. Oggi, se le famiglie del Sud conoscessero ancora i fatti, proteggerebbero i loro figli non dicendoglieli. Potete immaginare cosa succederebbe in una scuola pubblica ad un bambino che prendesse questa posizione? 

Frustrato dall’incapacità dell’esercito dell’Unione di sconfiggere l’esercito della Virginia del Nord guidato dal graduato a West Point, Robert E. Lee, Lincoln ricorse ai criminali di guerra. I generali Sherman e Sherridan, che operavano sotto il generale Grant, furono i primi criminali di guerra moderni a condurre una guerra contro donne e bambini civili, le loro case e i loro approvvigionamenti di cibo. Lincoln era così fuori passo con la morale comune che dovette arrestare e detenere 300 redattori di giornali del Nord ed esiliare un membro del Congresso degli Stati Uniti per poter condurre la sua Guerra per l’Impero. 

Oggi questa storia è in gran parte cancellata. Gli storici di corte seppellirono la verità con la favola che Lincoln andò in guerra per liberare gli schiavi. Questa sciocchezza ignorante è oggi la storia ufficiale della “guerra civile”, che certamente non è stata una guerra civile. 

Una guerra civile è quando due parti combattono per il controllo del governo. La Confederazione era un nuovo Paese composto da quegli Stati che si erano separati. Sicuramente, i soldati confederati non combattevano per il controllo del governo a Washington più di quanto non stessero combattendo per proteggere gli investimenti dei proprietari delle piantagioni.  

La memoria è persa quando i fatti storici sono gettati nel buco della memoria.  

Quindi, cosa c’entra questo con la lezione di oggi? Molto più della Storia può essere cancellato dal passare del tempo. La cultura può essere cancellata. La moralità può essere cancellata. Il buon senso può scomparire con la diplomazia che dipende da esso.  

Quella generazione più giovane che esprimeva minacce gridandole tutto intorno ai memoriali di guerra confederati e ai nomi delle strade confederate – Atlanta ha appena abbattuto la storica Confederate Avenue e l’ha sostituita con United Avenue – a maschi bianchi che, se eterosessuali, vengono ridefiniti dalla Politica Identitaria come stupratori, razzisti e misogini, ad illustri scienziati che affermano che, in realtà, vi sono differenze innate tra il maschio e la femmina, e così via – [Quella generazione più giovane dicevo] potrebbe pensare che sia naturale per gli alti funzionari del governo degli Stati Uniti dare vita ad un flusso senza fine di minacce di guerra a Russia, Cina, Iran e Venezuela.  

Una persona della mia generazione sa che tali minacce non hanno precedenti, non solo per il governo degli Stati Uniti ma anche nella Storia del mondo. La folle ambasciatrice del presidente Trump presso la NATO, Kay Bailey Hutchison, ha minacciato di “spazzare via i missili russi”. La pazza ambasciatrice del presidente Trump all’ONU Nikki Hailey lancia minacce senza fine con la stessa rapidità con cui si rivolge agli alleati americani e contro i potenti Paesi che designa come nemici. Il folle consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, John Bolton, rivaleggia con l’insana Haley con le sue minacce ad ampio raggio. Il Segretario di Stato Pompeo sputa le sue minacce con il meglio delle altre. Così fanno gli insani New York Times e Washington Post. Persino un umile Sottosegretario agli Interni si assume la prerogativa di dire alla Russia che gli Stati Uniti bloccheranno le navi della sua marina. 

Quali pensate sarebbero le conseguenze se russi, cinesi ed iraniani prendessero sul serio queste minacce? Le guerre mondiali sono iniziate per molto meno. Eppure non c’è nessuna protesta contro questi squilibrati funzionari del governo USA che stanno facendo tutto il possibile per convincere la Russia e la Cina che sono senza dubbio i peggiori nemici dell’America. Se fossi in Russia o in Cina, come risponderesti a questo? 

Il professor Stephen Cohen, che, come me, ricorda quando il governo degli Stati Uniti aveva una tradizione diplomatica, è turbato quanto me che la decisione di Washington di cancellare via la diplomazia dalla memoria e sostituirla con minacce di guerra ci faccia uccidere tutti.  

Più estremismi e crisi della guerra fredda 

Oscurate dalle udienze di conferma di Kavanaugh, le relazioni tra Russia e Stati Uniti diventano sempre più pericolose. 

Di Stephen F. Cohen [1] – 3 ottobre 2018  

Sottolineando il crescente estremismo da Guerra Fredda a Washington e le crisi guerresche nelle relazioni USA-Russia altrove, Cohen commenta i seguenti esempi.  

Il Russiagate, anche se nessuna delle sue principali accuse è stata dimostrata, è ora una parte centrale della nuova Guerra Fredda, limitando severamente la capacità del presidente Trump di condurre trattative per la crisi con Mosca e denigrando ulteriormente il presidente russo Putin per aver ordinato “un attacco all’America” durante le elezioni presidenziali del 2016. Il New York Times e il Washington Post hanno guidato i promotori della narrativa Russiagate, anche se molti dei suoi elementi fondamentali sono stati seriamente messi in discussione, persino screditati.  

Ciononostante, entrambi i giornali hanno recentemente dedicato migliaia di parole a raccontare la stessa narrativa, rispettivamente il 20 e il 23 settembre, insieme ai suoi ovvi errori. Ad esempio, Paul Manafort, durante il periodo cruciale in cui stava consigliando il presidente ucraino Viktor Yanukovych, non era “filo-russo” ma pro-Unione europea. E contrariamente alle insinuazioni, il generale Michael Flynn non ha fatto nulla di sbagliato o senza precedenti nell’avere conversazioni con un rappresentante del Cremlino a nome del presidente eletto Trump. Molti altri presidenti eletti avevano incaricato i principali assistenti di fare lo stesso. Le epiche retoriche della narrativa del Russiagate di entrambi i giornali, in modo straordinario, erano piene di errori simili e accuse non provate. (Tuttavia, un importante storico, benché apparentemente poco informato sia sui documenti del Russiagate che sulla leadership del Cremlino, ha caratterizzato il dossier Steele anti-Trump, ampiamente screditato – la fonte di molte accuse di questo tipo – come “sempre più plausibile”.)  

Sorprendentemente, né il Times né il Post attribuiscono credibilità all’enunciazione enfatica fatta almeno una settimana prima da Bob Woodward – normalmente considerato il più autorevole cronista dei segreti politici di Washington – che dopo due anni di ricerche non aveva trovato “prova alcuna di collusione” tra Trump e la Russia.  

Per il Times, il Post ed altri media mainstream, il Russiagate è diventato, a quanto pare, una sorta di giornalismo di culto che nessuna contro-prova o analisi può forzare e quindi è di per sé un fattore importante per la nuova e più pericolosa Guerra Fredda. Ancor peggio, ciò che è iniziato quasi due anni fa come contestazioni per “l’ingerenza” russa nella campagna presidenziale degli Stati Uniti, sono diventate ora per The New Yorker e altre pubblicazioni un’accusa che il Cremlino ha effettivamente messo Trump alla Casa Bianca. Di questa accusa sconsiderata, con il suo disprezzo intrinseco per il buon senso degli elettori americani, non ci sono prove convincenti, né alcun precedente nella Storia americana.  

Nel frattempo, funzionari americani attuali e passati stanno facendo minacce senza precedenti contro Mosca. L’ambasciatrice alla NATO Kay Bailey Hutchinson ha minacciato di “spazzare via” qualsiasi missile russo che ritenesse violare il trattato sulle armi [intermedie] del 1987, un passo che metterebbe a rischio di guerra nucleare. Il Segretario agli Interni ha minacciato un “blocco navale” della Russia. In uno sfogo russofobo senza precedenti e poco diplomatico, l’ambasciatore alle Nazioni Unite Nikki Haley ha dichiarato che “mentire, imbrogliare e comportarsi scorrettamente” sono una “norma della cultura russa”. 

Potrebbero essere dichiarazioni stravaganti di personaggi politici nominati e non monitorati, anche se inevitabilmente sollevano la domanda: chi sta facendo politica russa a Washington, il presidente Trump con la sua dichiarata politica di “cooperare con la Russia” o qualcun altro?  

Ma come spiegare, oltre all’estremismo sfrenato, le dichiarazioni di un ex ambasciatore statunitense a Mosca e professore di lunga data della politica russa, che sembra essere la principale autorità dei media mainstream sulla Russia? Secondo lui, la Russia oggi è “uno Stato canaglia”, le sue politiche “azioni criminali” e la “peggior minaccia del mondo”. Deve essere contrastata da “sanzioni preventive che dovrebbero entrare in vigore automaticamente” –di fatto “ogni giorno” se ritenuto necessario. [Queste sono le parole di Michael McFaul, che ha riscontri alla Stanford University, diventata una casa accogliente per i guerrafondai.] 

Considerando le sanzioni “paralizzanti” ora preparate da un gruppo bipartisan di senatori statunitensi – la loro vera ragione e scopo apparentemente sconosciuti perfino a loro – questo sarebbe niente di meno che una dichiarazione di guerra contro la Russia; guerra economica, ma pur sempre guerra. 

Molti altri nuovi fronti della Guerra Fredda sono anche pieni di guerra calda, ma oggi nessuno più della Siria.  

Un altro promemoria si è verificato il 17 settembre, quando la Siria ha abbattuto accidentalmente un aereo di sorveglianza russo alleato, uccidendo tutti e 15 i membri dell’equipaggio. La causa, come è noto, è stata il sotterfugio degli F-15 israeliani forniti da Washington che hanno utilizzato l’immagine radar più grande dell’aereo russo per nascondere il loro attacco illegale alla Siria. La reazione a Mosca è stata altamente indicativa, potenzialmente minacciosa.  

All’inizio, Putin, che aveva sviluppato buoni rapporti con la leadership politica di Israele, ha detto che l’accaduto è stato un incidente, un esempio di nebbia di guerra. Il suo stesso Ministero della Difesa, tuttavia, ha protestato a gran voce, incolpando Israele. Putin si è rapidamente ritirato, adottando una posizione molto più intransigente ed alla fine ha promesso di inviare l’efficace sistema di difesa terra-aria S-300 della Siria, un premio che sia la Siria che l’Iran hanno richiesto invano per anni. [In realtà, la Russia ha ora fornito l’S-300 sia l’Iran che la Siria.]  

In secondo luogo, se gli S-300 sono installati in Siria (saranno gestiti da russi, non da siriani), Putin può in effetti imporre una “no-fly zone” su quel Paese, che è stato lacerato dalla guerra, in parte dovuta alla presenza di diverse grandi potenze straniere. (La Russia e l’Iran vi sono legalmente, gli Stati Uniti e Israele non lo sono.) Se così fosse, sarà una nuova “linea rossa” che Washington e Tel Aviv devono decidere se attraversare o meno. Considerando le manie a Washington, è difficile essere sicuri che prevarrà la saggezza. [In realtà, è probabile che Putin cambierà la responsabilità di usare il sistema di difesa aerea in Siria.]  

Tutto questo si è svolto all’incirca nel terzo anniversario dell’intervento militare della Russia in Siria, nel settembre 2015. A quel tempo, i sapientoni di Washington denunciavano l’ ”avventura” di Putin ed erano sicuri che “sarebbe fallita”. Tre anni dopo, il “Cremlino di Putin” ha distrutto la morsa viziosa dello Stato Islamico su vaste zone della Siria, ma non ha ripristinato il controllo del Presidente Assad su gran parte del Paese, ed è diventato l’arbitro ultimo del futuro della Siria. Il presidente Trump farebbe meglio ad aderire al processo di pace di Mosca, anche se è improbabile che il partito del Russiagate a Washington, per lo più Democratico, gli consenta di farlo. (Per prospettiva, ricordate che, nel 2016, il candidato alla presidenza Hillary Clinton ha promesso di imporre una no-fly zone degli Stati Uniti sulla Siria per sfidare la Russia.)  

C’è anche questo. Mentre l’ordine mondiale liberale guidato dagli Stati Uniti si disintegra, non solo in Siria, sta emergendo una nuova alleanza tra Russia, Cina, Iran e forse anche la Turchia, membro della NATO. Sarà una vera “minaccia” solo se Washington la renderà tale, come ha fatto con la Russia negli ultimi anni.  

Infine, la guerra per procura USA-Russia in Ucraina ha recentemente acquisito una nuova dimensione. Oltre alla guerra civile nel Donbass, Mosca e Kiev hanno iniziato a sfidarsi a vicenda nel Mar d’Azov, vicino alla vitale città portuale ucraina di Mariupol. Trump è sotto pressione per rifornire Kiev di armi navali e di altro tipo per intraprendere questa guerra in evoluzione, ancora un’altra potenziale matassa ingarbugliata. Anche qui il presidente Trump avrebbe fatto meglio a mettere il peso della sua amministrazione dietro gli accordi di Minsk, a lungo bloccati. Anche qui, questa sembrava essere la sua intenzione originale, ma ha dimostrato di avere un altro approccio, sembra ora, ostacolato dal Russiagate  

[1] Stephen F. Cohen, professore emerito di studi e politica russi alla New York University ed alla Princeton University e John Batchelor continuano le loro discussioni sulla nuova guerra fredda USA-Russia. (Le puntate precedenti, ora al loro quinto anno, sono su TheNation.com.) 

************** 

Articolo originale di Paul Craig Roberts:  

https://www.paulcraigroberts.org/2018/10/09/erasing-history-diplomacy-truth-and-life-on-earth/ 

Traduzione di Costantino CeoldoPravda freelance  

Fonte: https://www.geopolitica.ru/it/ 

 

#METOOGAZA, e TIBET*. 

Conversando con Noam Chomsky il 2 ottobre su temi del tutto personali ho appreso dell’esistenza dell’appello #MeTooGaza, un appello che seguì l’ennesima e risaputa strage in stile Gestapo ad opera della Israeli Defence Force su civili Palestinesi disarmati il 30 maggio scorso. Noam Chomsky, come Ilan Pappe, come Norman Finkelstein, come Abby Martin, come altri anonimi cittadini del mondo come me, si sono uniti a questo appello che deve durare finché l’assedio israeliano di Gaza sarà terminato, quindi è sempre attualissimo. 

Purtroppo trattandosi di crimini contro l’umanità da parte d’Israele, i numeri degli aderenti sono una minuscola frazione rispetto alle Magliette Rosse o ai Padani o ai Piddini o ai Fattoquotidiani. Non ci trovate certo Fusaro o Becchi o Cruciani o i superSionisti Lerner e Travaglio, perché mettere la propria faccia per i Palestinesi non fa figo, né fa like su Facebook, è devastante per la carriera (ehm, ne so qualcosa eh?). Ma fatelo sto video di 30 secondi. Per uploadarlo è facile, le istruzioni sono qui: https://www.metoogaza.com/ 

Grazie. Paolo Barnard 

*Nel titolo, dopo Gaza, ho scritto Tibet, solo perché l’imperativo morale mi obbliga a citare l’unica altra Apartheid in tutto il Pianeta che ancora sopravvive assieme a quella Palestinese. Pechino ha compiuto genocidio sui tibetani nell’indifferenza totale di tutti noi. Purtroppo mentre per la Palestina ancora esiste una frattaglia di speranza che i nostri governi agiscano per porre fine a quell’abominio, per il Tibet e la sua cultura non esiste più nessuna speranza, e va detto: una grossa mano in questo senso l’hanno data la coppia di buffoni Richard Gere e il Dalai Lama. 

Fonte: https://paolobarnard.info/

®wld

Finché c’è Guerra c’è Speranza

«L’arte della guerra» 

In Italia la più grande polveriera Usa

di Manlio Dinucci 

Alla fine della seconda guerra mondiale le truppe alleate occuparono il continente europeo. Francia e Russia le hanno ritirate, Stati Uniti e Regno Unito invece continuano a mantenere parte delle loro forze armate in Europa. In previsione di una guerra mondiale contro Cina e Russia, il Pentagono utilizza da un anno le numerose basi statunitensi in Italia per incrementare in modo massiccio lo stoccaggio di armi in Europa, bombe atomiche incluse. 

Rete Voltaire | Roma (Italia) | 11 settembre 2018

Fonte video: PandoraTV

***********

Lewis Eisenberg era il presidente del Porto di New York che vendette il World Trade Center appena prima degli attentati dell’11 Settembre per renderne possibile l’organizzazione. Eisenberg è oggi ambasciatore degli Stati Uniti a Roma e sta trasformando la penisola in un arsenale USA. 

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion (Passione per la Libertà) e il 2 settembre la Liberty Promise (Promessa di Libertà), che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride (Orgoglio di Libertà). Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno, in successione, il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio. 

Sono enormi navi Ro/Ro, lunghe 200 metri e con 12 ponti, capaci ciascuna di trasportare 6500 automobili. Non trasportano però automobili, ma carrarmati. Fanno parte di una flotta statunitense di 63 navi appartenenti a compagnie private che, per conto del Pentagono, trasportano in continuazione armi in un circuito mondiale tra i porti statunitensi, mediterranei, mediorientali e asiatici. 

Il principale scalo mediterraneo è Livorno, perché il suo porto è collegato alla limitrofa base statunitense di Camp Darby. Quale sia l’importanza della base lo ha ricordato il colonnello Erik Berdy, comandante della guarnigione in Italia dello Us Army, in una recente visita al quotidiano «La Nazione» di Firenze. 

La base logistica, situata tra Pisa e Livorno, costituisce il più grande arsenale Usa fuori dalla madrepatria. Il colonnello non ha specificato quale sia il contenuto dei 125 bunker di Camp Darby. Esso può essere stimato in oltre un milione di proiettili di artiglieria, bombe per aerei e missili, cui si aggiungono migliaia di carrarmati, veicoli e altri materiali militari. Non si può escludere che nella base vi siano state, vi siano o possano esservi in futuro anche bombe nucleari. 

Camp Darby — ha sottolineato il colonnello — svolge un ruolo chiave, rifornendo le forze terrestri e aree statunitensi in tempi molto più brevi di quanto occorrerebbe se venissero rifornite direttamente dagli Usa. La base ha fornito la maggior parte delle armi per le guerre contro l’Iraq, la Jugoslavia, la Libia e l’Afghanistan. Dal marzo 2017, con le grandi navi che mensilmente fanno scalo a Livorno, le armi di Camp Darby vengono trasportate in continuazione nei porti di Aqaba in Giordania, Gedda in Arabia Saudita e altri scali mediorientali per essere usate dalle forze statunitesi e alleate nelle guerre in Siria, Iraq e Yemen. 

Nel suo viaggio inaugurale la Liberty Passion ha sbarcato ad Aqaba, nell’aprile 2017, 250 veicoli militari e altri materiali. Tra le armi che ogni mese vengono trasportate via mare da Camp Darby a Gedda, vi sono certamente anche bombe Usa per aereo che l’aviazione saudita impiega (come risulta da prove fotografiche) per fare strage di civili nello Yemen. Vi sono inoltre seri indizi che, nel collegamento mensile tra Livorno e Gedda, le grandi navi trasportino anche bombe per aereo fornite dalla Rwm Italia di Domusnovas (Sardegna) all’Arabia Saudita per la guerra nello Yemen. 

In seguito all’accresciuto transito di armi da Camp Darby, non basta più il collegamento via canale e via strada della base col porto di Livorno e l’aeroporto di Pisa. È stata quindi decisa una massiccia riorganizzazione delle infrastrutture (confermata dal colonnello Berdy), comprendente una nuova ferrovia. Il piano comporta l’abbattimento di 1000 alberi in un’area protetta, ma è già stato approvato dalle autorità italiane. Tutto questo non basta. 

Il presidente del Consiglio regionale toscano Giani (Pd), ricevendo il colonnello Berdy, si è impegnato a promuovere «l’integrazione tra la base militare Usa di Camp Darby e la comunità circostante». Posizione sostanzialmente condivisa dal sindaco di Pisa Conti (Lega) e da quello di Livorno Nogarin (M5S). Quest’ultimo, ricevendo il colonnello Berdy e poi l’ambasciatore Usa Eisenberg, ha issato sul Comune la bandiera a stelle e strisce. 

Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra

 

Nel nuovo “mondo multipolare” I globalisti controllano ancora tutti i giocatori  

Il più grande strumento a disposizione dei globalisti è l’uso di falsi paradigmi per manipolare la percezione pubblica e quindi l’azione pubblica. Le masse sono portate a credere che ai più alti livelli del potere geopolitico e finanziario ci sia una cosa come “parti”. Questa è una totale assurdità quando esaminiamo i fatti a portata di mano.  

Ci viene detto che i “poteri-che-sono-sono divisi” dalla politica “sinistra” e “destra”, tuttavia entrambe le parti sostengono effettivamente le stesse esatte azioni politiche quando si tratta delle questioni più importanti della giornata e sembrano solo differire in termini di retorica, che comunque è priva di significato e di estetica. Vale a dire, non è altro che il teatro Kabuki. 

Ci viene detto che il potere corporativo deve essere bilanciato dal potere del governo e che il potere del governo deve essere bilanciato dai “mercati liberi”, quando in realtà le società sono noleggiate e protette da governi e mercati liberi semplicemente non esistono nell’economia di oggi. Nel caso della “censura” dei social media, ci viene detto che la soluzione consiste nell’utilizzare il potere del governo per rafforzare la “giustizia” invece di lanciare semplicemente le nostre piattaforme alternative. Eppure, le corporazioni dei social media esistono sotto forma di monopoli proprio a causa del potere del governo e dell’intervento negli affari. Gli abusi di un “lato” vengono usati per spingerci tra le braccia dell’altro lato, il che è altrettanto abusivo. 

In termini di geopolitica, ci viene detto che le potenze nazionali hanno “scopi trasversali”, che hanno interessi diversi e obiettivi diversi, che hanno portato a cose come “guerre commerciali” ea volte sparare guerre. Tuttavia, quando guardiamo le persone che stanno effettivamente tirando le fila nella maggior parte di questi paesi, troviamo gli stessi nomi e istituzioni. Che tu sia in America, in Russia, in Cina, nell’UE, ecc., I think tank globalisti e le banche internazionali sono ovunque, e i leader di tutti questi paesi chiedono un maggiore potere per tali istituzioni, non meno.  

Queste guerre, qualunque sia la loro forma, sono un circo per il pubblico. Sono progettati per creare caos controllato e paura gestibile. Sono un mezzo per influenzarci verso un fine particolare, e questo alla fine, nella maggior parte dei casi, è più influenza sociale ed economica nelle mani di pochi eletti. In ogni caso, le persone sono convinte di credere che il mondo sia diviso quando viene effettivamente centralizzato. 

La chiave di ogni spettacolo di magia è far partecipare il pubblico alla bugia; per farli concentrare sulla mano che distrae, per supporre che quello che stanno vedendo sia in realtà ciò che sta realmente accadendo – per sospendere il loro scetticismo.  

Non commettere errori, quello che stiamo vedendo in geopolitica oggi è davvero uno spettacolo di magia. Il falso paradigma est / ovest è potente se non più potente del falso paradigma sinistra / destra. Per qualche ragione, la mente umana è più a suo agio nel credere nelle idee di divisione e caos, e spesso rovescia il naso indignato sulla nozione di “cospirazione”. Ma le cospirazioni e i cospiratori possono essere dimostrati come un fatto storico. L’organizzazione tra gli elitisti è prevedibile.  

I globalisti stessi sono attratti da un’ideologia. Non hanno una nazione comune, non hanno un orientamento politico comune, non hanno un background culturale o una religione comune, preannunciano dall’Oriente proprio come annunciano dall’Occidente. Non hanno vera lealtà nei confronti di nessuna causa principale o movimento sociale.  

Cosa hanno in comune? Sembrano esibire molti dei tratti di sociopatici narcisistici di alto livello, che costituiscono una percentuale molto piccola della popolazione umana. Queste persone sono predatori o, per essere più specifici, sono parassiti. Si vedono naturalmente superiori agli altri, ma spesso lavorano insieme se c’è la promessa di un beneficio reciproco.  

La cosa più vicina a cui posso collegare i sociopatici narcisistici (e quindi i globalisti) nella mitologia sarebbero i vampiri. Mi sono spesso chiesto se il concetto di “vampiri” sia stato creato come un modo per i contadini delle età oscure di spiegare il comportamento senz’anima e mostruoso delle élite del loro tempo. L’idea che ogni persona sia capace di quel tipo se il male, per non parlare del male organizzato nella forma di una cabala, è difficile da accettare per le persone fino ad oggi.  

I vampiri nella mitologia sono solitamente rappresentati come elite, nascondendosi in un semplice sito come leader di comunità nelle alte sfere della società. Cercano un villaggio, si inseriscono come patroni e aristocratici, poi si nutrono fino a quando quel villaggio non viene distrutto. In seguito, passano al villaggio successivo. Questo è quello che sono. Questo è quello che fanno, e lo fanno in modo organizzato per rendere il processo più efficiente. 

Ci vuole un villaggio per nutrire un vampiro o un sociopatico narcisista.  

Racconto questa metafora perché penso che sia importante per la persona media capire di cosa stiamo trattando veramente qui. Quando alcune persone si ritirano all’idea di un sindacato ai massimi livelli della finanza e della politica che lavorano per scopi nefandi, dovrebbero sapere che questo è facilmente spiegabile non solo in termini di miti storici e archetipi, ma in uno studio psicologico ben documentato.  

Analisti e attivisti all’interno del movimento liberty si sono dimostrati straordinariamente immuni a molte delle narrazioni e bugie dei globalisti cospiratori, motivo per cui ora sono il principale obiettivo di molteplici campagne di propaganda. I globalisti non si sentono a proprio agio a salire nelle loro bare per dormire durante il giorno mentre così tanti Van Helsing sono in agguato nell’esporre le loro attività. 

L’ultimo sforzo propagandistico che ho visto è la narrazione del “mondo multipolare” che si sta sviluppando sulla scia di ciò che il FMI definisce “il riassetto economico globale”. In effetti, il termine “mondo multipolare” viene usato in ambienti mediatici alternativi molto di questi tempi, e questo è ancora una volta uno stratagemma progettato per farci credere che la centralizzazione non sia più una minaccia e che le divisioni che vediamo siano reali piuttosto che fabbricate. 

Sotto la narrativa multipolare, ci viene detto che il passaggio dal dollaro americano come la riserva mondiale sta avvenendo e che questo è guidato da potenze politiche orientali alla ricerca di alternative. Questo è vero, ad un certo punto.  

Le bugie che circondano questo sviluppo sono molte, però. Ci viene detto che i poteri politici orientali sono in contrasto con i globalisti e il globalismo – questo è falso. Ci viene detto che le nazioni BRICS stanno cercando un sistema decentralizzato per sostituire l’egemonia del dollaro – questo è falso. Ci viene detto che leader orientali come Putin e Xi stanno contrastando la presa del potere globalista e sono presi di mira dalle élite come se si stessero “ribellando” contro l’impero – anche questo è falso. Ci viene detto che la guerra commerciale è un mezzo per Donald Trump per sconvolgere la globalizzazione e gettare una chiave inglese nei piani dei globalisti: questa è la fantasia.  

Gli attivisti e gli analisti della libertà sono particolarmente suscettibili all’idea perché gioca sul nostro desiderio di vedere l’antico impero basato sul dollaro della Federal Reserve cadere nell’oblio che merita. Il problema è che la narrativa si basa sull’assunzione fraudolenta che l’impero globalista sia radicato nell’impero americano. 

Ecco i fatti:  

Le influenze globaliste sono iper-presenti nelle nazioni orientali. Ad esempio, Vladimir Putin, che è spesso raffigurato come una specie di eroe anti-globalista nelle discussioni sul movimento della libertà, non è affatto anti-globalista. Putin è stato “scoperto” da Henry Kissinger, un nuovo membro del mondo di musica vocale, molti decenni fa, all’inizio degli anni ’90, prima di assumere il ruolo di presidente in carica della Russia. Putin racconta il suo primo incontro con Kissinger e la loro lunga amicizia nel libro First Person , il suo resoconto autobiografico della sua prima carriera.  

Contrariamente alla credenza popolare nel movimento per la libertà, Putin NON ha cacciato le banche internazionali o rimosso le loro strutture di potere durante la sua ascesa presidenziale. In effetti, le banche Rothschild operano ancora in Russia fino ad oggi, mentre Goldman Sachs e JP Morgan continuano a fungere da maggiori banche di investimento nel paese. 

La presenza globalista in Russia è forse il motivo per cui la nazione ha sviluppato un rapporto così stretto con il FMI dopo la caduta dell’Unione Sovietica, perché continuano i loro legami con il Fondo monetario internazionale e la Banca dei Regolamenti Internazionali fino ad oggi e perché il Cremlino ha nel il passato ha richiesto un nuovo sistema di valuta globale controllato dal FMI.

La Cina ha anche chiesto lo stesso nuovo sistema monetario , non decentralizzato, ma completamente centralizzato dal FMI. La Cina è stata sotto l’influenza della Rockefeller Foundation dal 1915 circa, quando ha aperto un’università nel paese, sulla base dell’Università di Chicago. La Cina continua i suoi legami con i globalisti attraverso la BRI e il FMI e Goldman Sachs è fortemente coinvolta nelle attività del governo cinese e negli accordi commerciali. Solo l’anno scorso, Goldman ha stabilito un accordo da $ 5 miliardi con un ramo del governo cinese per facilitare l’acquisto di società e attività negli Stati Uniti. Donald Trump ha elogiato l’accordo come vantaggioso per gli Stati Uniti, il che non è sorprendente considerando il numero di alunni di Goldman Sachs che Trump ha coinvolto nel suo gabinetto.

Trump ha anche intrattenuto rapporti con i globalisti, incluse le élite bancarie connesse di Rothschild negli ultimi 25 anni. Wilber Ross, un banchiere d’investimento che lavorava per i Rothschild, era l’agente principale che salvò Trump dai suoi ingenti debiti che circondavano il suo casinò Taj Mahal ad Atlantic City. Dopo l’ascesa di Trump alla Casa Bianca, ha reso Wilber Ross segretario commerciale e Ross ora promuove pesantemente la guerra commerciale in via di sviluppo. 

Chiaramente, non c’è “divisione” tra i leader politici del mondo quando si tratta di chi sono alleati. Banche internazionali e think tank globalisti sono coinvolti in TUTTI di loro. Ma per quanto riguarda il resto del mondo in generale? La guerra commerciale non è forse causa di divisione e decentramento tra nazioni ed economie? Quando guardi la cima della piramide, le divisioni svaniscono.

Considera l’attuale accordo russo con la Germania, o l’ultimo accordo della Russia per consentire alla Cina di coltivare oltre 2,5 milioni di ettari di terra russa, aiutando direttamente a combattere le sanzioni statunitensi. O che dire dell’operazione del Mar Caspio tra Russia, Iran e altri paesi per porre fine alla disputa sulla regione? E che dire della sfida della Cina alle sanzioni sul petrolio iraniano? O le crescenti proteste dell’UE sull’interferenza degli Stati Uniti nel loro commercio di petrolio con Iran e Russia?  

Questi sono solo alcuni degli ultimi esempi del resto del mondo che si fondono in un grande conglomerato sulla scia della guerra commerciale. La guerra commerciale sta riunendo tutti questi paesi apparentemente disparati in un modo che è piuttosto conveniente per i globalisti. Se prendiamo in considerazione la realtà dell’influenza globalista in tutte le principali economie, allora dobbiamo anche tener conto della possibilità che il “risanamento economico globale” non riguardi un “mondo multipolare”, ma un mondo unipolare ancor più centralizzato. Un mondo che sacrifica il modello americano insieme al dollaro come riserva mondiale e lo sostituisce con qualcosa PERSINO PEGGIO.

Nel frattempo, agli attivisti della libertà viene di recente detto che dovrebbero radunarsi intorno alla morte del dollaro e al risanamento globale come se fosse la fine del globalismo. In altre parole, dovremmo credere stupidamente che il passaggio al nuovo ordine mondiale sia il “decentramento” semplicemente perché lo chiamano “multipolare”. Solo perché gli Stati Uniti non sono più il volto della bestia non significa che la bestia è scomparsa .  

http://www.alt-market.com/   

®wld