Archivi tag: Rumi

La Maya dell’illusione

 

La realtà è un ologramma?

Jonathan Davis, Ospite  di Waking Times 

Potresti essere consapevole del fatto che il miliardario tecnologico Elon Musk di Tesla e SpaceX sta ora pubblicamente affermando la sua convinzione che è matematicamente impossibile in un senso pratico, che non stiamo vivendo una simulazione al computer. La sua logica è sorprendentemente ragionevole. Nel 1972 abbiamo avuto Pong, una simulazione rudimentale del tennis da tavolo. Ora abbiamo giochi che sono vicini al fotorealistico. Se seguiamo questo corso, creeremo simulazioni che sono indistinguibili dalla realtà, anche se ci vorranno ancora alcune migliaia di anni, accadrà. Quindi se accadrà … come facciamo a sapere che non è già successo? Come sappiamo che stiamo vivendo nella realtà di base e non siamo già in una simulazione? 

C’è una possibilità su un miliardo di essere nella realtà di base. – Elon Musk 

Recentemente, un team di scienziati giapponesi ha anche annunciato di aver trovato “prove ancora più chiare” che l’universo è un ologramma. Sebbene questo possa essere il tentativo più recente di dimostrare la teoria dell’universo olografico tra numerosi altri, la scienza è rimasta perplessa dalla natura inconsistente della realtà da molto prima che esistesse la teoria olografica – per non parlare dei mistici e dei filosofi che hanno suggerito la stessa cosa (in termini meno riduzionisti) per migliaia di anni. 

Dall’antico est all’ovest moderno 

Il misticismo orientale ha a lungo sostenuto la prospettiva che la nostra realtà fisica sia davvero la maya dell’illusione. Il filosofo-filologo buddista del primo secolo Aśvaghoṣa ha affermato che “tutti i fenomeni del mondo non sono altro che la manifestazione illusoria della mente e non hanno alcuna realtà, mentre il mistico sufi del 13° secolo Rumi ha suggerito che” questo posto è un sogno. Solo un dormiente lo considera reale. Salta avanti fino agli anni 60, e un’ondata di misticismo orientale precipitò sulla riva della cultura occidentale grazie a personaggi pubblici come Alan Watts. Forse tra tutti, la sua è la resa più accattivante e poetica del soggetto. Per la piena esperienza, dai un’occhiata a questo bellissimo nuovo cortometraggio di Aaron Paradox.

  Kensho dal paradosso di Aaron

Enigma Quantistico

Dall’emergere della meccanica quantistica negli anni Venti, la scienza ha lottato per riconciliare l’enigma della realtà non essendo più in grado di identificarsi come qualcosa di permanente o fisso, ed è stato con l’impermanenza che i primi echi della filosofia orientale hanno cominciato a manifestare il disagio. Tra le mura della scienza. Neils Bohr, uno dei padri famoso della teoria dei quanti, ha detto:

Tutto ciò che chiamiamo reale è fatto di cose che non possono essere considerate reali. Se la meccanica quantistica non ti ha profondamente scioccato, non l’hai capita. – Neils Bhor

Questo sentimento fu chiaramente compreso dal fisico Henry Stapp che disse: “Non esiste un mondo fisico sostanziale nel senso comune di questo termine. La conclusione qui non è la conclusione debole che potrebbe non esserci un mondo fisico sostanziale, ma piuttosto che non esiste sicuramente un mondo fisico sostanziale” Einstein descriveva persino la realtà e una “illusione ottica della coscienza” e affermava che “la realtà è semplicemente un’illusione, anche se molto persistente”.

Mentre la filosofia orientale si diffondeva nel mondo occidentale con l’influenza di figure come Alan Watts e Frijof Capra, autore di The Tao Of Physics (1975), la domanda cominciò a diffondersi sul fatto che i fisici quantistici osservassero effettivamente i fenomeni con microscopi elettronici che avevano già osservato migliaia di anni prima tramite la mediazione. Ciò che è stato ancora meno noto è che i fondatori della fisica quantistica erano in realtà studenti dei testi vedici, e non stavano solo osservando accidentalmente la somiglianza. Lo stavano cercando e l’hanno trovato. Neils Bhor ha dichiarato che sarebbe “andato nelle Upanishad per fare domande”. Werner Heisenberg ha condiviso che “la teoria dei quanti non sembrerà ridicola alle persone che hanno letto il Vedanta; e Irwin Schrödinger pensava che “l’unità e la continuità del Vedanta si riflettono nell’unità e nella continuità della meccanica ondulatoria. Questo è del tutto coerente con il concetto Vedanta di All in One.” 

Non sei una goccia nell’oceano. Sei l’intero oceano in una goccia. -Rumi-

Dalla storia recente al futuro non troppo lontano

Negli anni 90, l’attore comico “oscuro poeta” Bill Hicks ha aiutato a risvegliare una generazione con affermazioni come la sua notizia positiva: “Oggi un giovane uomo acido ha capito che tutta la materia è solo energia condensata a una vibrazione lenta, siamo tutti una coscienza che sta vivendo noi stessi soggettivamente. Non esiste una cosa come la morte, la vita è solo un sogno e noi siamo l’immaginazione di noi stessi … ecco Tom con il tempo”, così come il suo bellissimo riff di Just A Ride. Poi, alla fine degli anni 90, avevamo The Matrix. Come nessun altro mezzo di informazione prima di esso, The Matrix è stata una svolta della cultura pop che ha causato la vera domanda se la realtà sia effettivamente reale da considerare almeno una volta dalle decine di milioni di persone che ora lo hanno visto.

Negli anni successivi al nuovo secolo, la scienza ha acquisito il coraggio di esplorare apertamente argomenti come la teoria dell’universo olografico, la relazione tra coscienza e materia e persino il soggetto un tempo vietato delle sostanze psichedeliche come medicine. Potremmo assistere ad un cambio generazionale sul tipo di scala a cui si riferiva Thomas S Kuhn quando ha coniato l’espressione “cambio di paradigma” nel suo libro seminale del 1972, The Structure Of Scientific Revolutions

Una verità scientifica non trionfa convincendo i suoi avversari e facendoli vedere la luce, ma piuttosto perché i suoi avversari alla fine muoiono e cresce una nuova generazione che gli è familiare. – Max Planck, uno degli altri padri della fisica quantistica 

Questo cambiamento di paradigma porterà a una piena riunificazione della scienza e dello spirito? Lo spero a nome di coloro che cercano la verità tanto al di fuori dei limiti del riduzionismo razionale come al suo interno, lo spero davvero. So che se fossi uno scienziato, avrei intenzione di riprendere le idee di Nicola Tesla, (noto per aver studiato i testi vedici); un uomo che ama Copernico, è nato almeno cento anni prima del suo tempo.

l’autore  

Jonathan Davis è uno scrittore australiano che si concentra sullo sciamanesimo e sulle modalità alternative di guarigione.

Questo articolo (Is Reality a Hologram?) È stato originariamente pubblicato su Uplift Connect e qui viene ripubblicato con il permesso.