Crea sito

MARTE e la farsa dell’annuncio

NASA, Marte, Luna & le Fasce di Van Allen

di Attilio Folliero, Caracas 29/09/2015

Vedasi anche:
– Annuncio della NASA del 28/09/2015
– Annuncio della NASA del 06/12/2006
– Immagini NASA, presenti in rete, riguardanti la vita su Marte: Alberi, acqua e vita in generale;
– Marte è come la terra. La prova definitiva (Video programma in spagnolo di Jose Luis Camacho) – Sulle fasce di Van Allen (in spagnolo): “L’uomo non è mai andato sulla Luna – Parte1

Mentire è manipolare, veritare è rivoluzionare

Tutti i media del mondo hanno riportato la notizia dell’annuncio della NASA:  su Marte c’è acqua! Inoltre, d’estate su Marte le temperature arrivano fino a 23 gradi ed oltre, ossia sono temperature miti. Ciò è vero, ma è tutta una farsa, considerando che lo stesso annuncio era stato fatto dalla NASA ben 9 anni fa e riguardavo la scoperta di acqua sempre nello stesso posto di Marte, mostrando le stesse immagini riproposte oggi! Il 6 dicembre del 2006 la NASA annunciava: “NASA Images Suggest Water Still Flows in Brief Spurts on Mars“, tradotto suona più o meno: “Immagini NASA suggeriscono che l’acqua scorre su Marte”.

Tutti i media ufficiali, tutti al servizio della classe dominante (per la semplice ragione che sono di proprietà delle varie oligarchie nazionali) hanno diffuso con grande enfasi la farsa dell’annuncio odierno.

La NASA manipola tutte le informazioni di cui dispone e sicuramente la manipolazione più grande (assieme ai falsi viaggi alla Luna) riguarda proprio il pianeta Marte, che continua a chiamare “Pianeta rosso”, quando in realtà è azzurro, molto simile alla Terra, con cieli azzurri, abbondanti riserve di acqua, foreste e possibilmente anche vita animale; è possibile che ci sia anche ossigeno. Tra l’altro la stessa NASA, nella persona del suo Amministratore, Charles Bolden, non molto tempo fa, ad ottobre del 2014, aveva ammesso: “Marte era abitato da forme di vita extraterrestri”. Molte foto della NASA mostrano quello che sembrano costruzioni, resti di una antica civiltà. Le uniche differenze tra Marte e la Terra potrebbero essere la pressione atmosferica e la gravità.

L’acqua su Marte è abbondante, molto più abbondante di quello che vogliono farci credere, con tantissimi laghi e le prove sono tutte nelle immagini diffuse nel corso degli anni dalla stessa NASA (Vedasi video-programma di Jose Luis Camacho “Marte è come la terra. La prova definitiva“) 

Frammento da “Marte è come la Terra”  con la vera faccia di Marte, con cieli azzurri (e non rossi)

Inoltre, su Marte c’è una temperatura mite (23 gradi), come hanno annunciato adesso e non può essere differentemente: l’acqua, abbondantemente presente in Marte non potrebbe esistere allo stato liquido, dato che a 0 gradi congela; quindi se esiste allo stato liquido le temperature sono miti.

L’annuncio odierno della NASA porta a numerose domande inquietanti: Perché proprio adesso? Sta cercando nuovi fondi? Necessita soldi per accelerare le ricerche su Marte perché aumentano i problemi sulla Terra? Ricordiamo che esiste un rapporto dell’ONU ed esattamente della Organizzazione Meteorologica Mondiale per il quale il cambiamento climatico in atto comporta per l’umanità rischi immediati e molto più gravi di quanto immaginato fino ad ora.

Congiuntamente all’annuncio della presenza di acqua su Marte si parla anche di possibili viaggi verso il gemello della Terra (Marte è il vero pianeta gemello della Terra). Ma c’è un problema di cui la NASA continua a nascondere la verità o a dirla a metà: attorno al pianeta Terra (ed a tutti i pianeti con campo magnetico) ci sono quelle che vengono chiamate le Fasce di Van Allen, che sono sostanzialmente due: la prima va dai 1.000 chilometri dalla superficie della Terra fino a 6.000 Km; l’altra si estende da un’altitudine di 10.000 Km a 65.000.

Queste fasce, che proteggono il pianeta, sono altamente radioattive, con energia che arriva fino ai 400 milioni di volt. Per aver un termine di paragone, le energie sviluppate dall’uranio 235 all’interno di una centrale nucleare arriva a 211 milioni di volt. Ciò significa che nell’attraversarle l’uomo verrebbe letteralmente fritto. Motivo principale per cui l’uomo non è mai uscito dall’atmosfera terrestre e non è mai andato sulla Luna (Vedasi mio articolo, in spagnolo: “L’uomo non è mai andato sulla Luna – Parte 1″).

Dunque, che cerca la NASA con questo annuncio? Soldi per progetti inerenti lo sviluppo di tecnologie che proteggano l’uomo da queste radiazioni durante i viaggi spaziali, in particolare nell’attraversamento delle Fasce di van Allen? Perché manipola la NASA?

NaturalNews: Basta insabbiamenti NASA. Su Marte c’è vita, non solo acqua

Pubblicato: 29 Settembre 2015 Scritto da Cristina Bassi 

“Quando la NASA finirà questo blocco anti-scientifico sulla conoscenza ed ammetterà che c’è vita su Marte? la Viking della NASA ha scoperto vita microbica su Marte nel 1976”

(NaturalNews) Dopo anni di insabbiamento della verità sul fatto che su Marte c’è acqua che scorre, la NASA finalmente ha ammesso ciò che noi di NaturalNews vi stiamo dicendo da anni: c’è acqua che scorre su Marte.

Ho parlato di questo molte volte in interviste radio, in articoli e in dibattiti sulla la vita nel cosmo, ma la NASA deliberatamente ha insabbiato le prove dell’acqua di Marte e questo per ragioni politiche.

Si vedano gli articoli di Natural News qui, qui e qui, dove scrissi : “Su Marte c’è anche acqua liquida : un altro fatto che la NASA ha insabbiato ampiamente.”

Oggi, la NASA ha terminato il suo insabbiamento con l’acqua su Marte, ammettendo in una dichiarazione “eccezionale” che “attualmente scorre acqua liquida in modo intermittente su Marte.”

Ma dai, veramente? Lo sapevamo già.

Quando la NASA finirà questo blocco anti-scientifico sulla conoscenza ed ammetterà che c’è vita su Marte?

Sappiamo anche che la Viking della NASA ha scoperto vita microbica su Marte nel 1976, ma la NASA ancora nega la sua prova scientifica su questo fronte. (Ci fu un enorme dimenarsi in NASA negli anni ’70 per ribaltare le scoperte e dichiarare che lo strumento non era corretto e questo con ogni mezzo)

In realtà, la prova di microbi viventi fu convalidata da uno strumento, il cromatografo a gas, che era a bordo e questo in un esperimento progettato da Gilbert V. Levin. Si veda questo video per dettagli su come la NASA ha messo sotto torchio un suo scienziato per insabbiare la prova di vita su Marte.

Dalla dichiarazione odierna della NASA

“Sono state necessarie varie navicelle e molti anni, per risolvere questo mistero ed ora sappiamo che c’è acqua liquida su Marte, sulla superficie di questo pianeta freddo e desertico” ha detto Michael Meyer, scienziato di punta per il Programma Esplorazione Marte ( Mars Exploration Program) al quartier generale dell’Agenzia spaziale a
Washington. “Sembra che tanto più studiamo Marte, tanto piu’ impariamo come la vita potrebbe essere sostenuta e dove ci son risorse per sostenere la vita in futuro”

La NASA non è interessata alla VERITÀ scientifica … ma sta svolgendo un’agenda politica

Ora che la NASA ha “ufficialmente” terminato l’insabbiamento dell’acqua su Marte, non cercate scuse di massa, offerte a tutti coloro che dicono la verità da anni per cio’ che riguarda l’acqua su Marte.

Fino a ieri, tutti quelli che come noi hanno apertamente parlato di acqua che scorre su Marte, erano considerati “stravaganti”. Ora siamo improvvisamente allineati con la scienza ufficiale della NASA.

Cosa è cambiato nelle ultime 24 ore? Solo la volontà della NASA di porre fine volontariamente al suo insabbiamento anti-scienza, fatto di innegabile evidenza, visibile da anni.

NASA, sapete, è un gruppo più politico che scientifico. Ecco perché la NASA continua ampiamente a insabbiare prove di vita microbica su Marte (per non dire dei possibili artefatti di alieni antichi che precedentemente hanno visitato il Pianeta Rosso).

E se la NASA negli ultimi decenni ha insabbiato la prova evidente di acqua che scorre, dobbiamo farci la ovvia domanda: Che altro sta insabbiando la NASA?
Ve lo dico: C’è vita su Marte. Proprio ora. Che vive, si riproduce, respira e si evolve. Marte è vivo di microbi “estremofili” che vivono nel suolo e nei corsi d’acqua.
Infatti, la vita abbonda nel nostro cosmo, che significa che non siamo soli.

Se c’è acqua che scorre su Marte proprio ora, è assai impossibile discutere sul fatto che non ci sia anche vita. E se c’è vita su Marte, allora la vita è certamente qualcosa di comune in tutto il cosmo, e vive in ogni pianeta con condizioni ospitali di calore e atmosfera.

NASA, devi a Gilbert Levin enormi scuse. E’ tempo di smettere con l’insabbiamento ed ammettere pubblicamente che SU MARTE C’E’ ANCHE VITA. Ora

Fonte: 

http://www.naturalnews.com/051348_water_on_Mars_NASA_scientific_cover-up.html
traduzione: Cristina Bassi

Sources for this article include:
http://www.nasa.gov/press-release/nasa-confi…
http://www.theguardian.com/science/2015/sep/…
http://www.redicecreations.com/article.php?i..

VEDI ANCHE:

CREDO MUTWA: I FIGLI DI MARTE

UNA LUCERTOLA SU MARTE? FOTO DELLA ROVER CURIOSITY

ROCCE MISTERIOSE SU MARTE, VICINO ALLA ROVER OPPORTUNITY

PHOBOS, LA LUNA DI MARTE E’ ARTIFICIALE: LO DICE LA SCIENZA UFFICIALE

STRANA FORMAZIONE DI NUVOLE SU MARTE

Articolo pubblicato su Stampa Libera

wlady

LA PIRAMIDE

Image

Il Curiosity ha trovato una piramide su Marte

Il Curiosity, il piccolo Rover mandato dalla NASA su Marte ha trovato una piramide sul pianeta rosso.

Questa immagine è la prova definitiva che antiche civiltà hanno abitato Marte il pianeta rosso? Il Rover Curiosity della NASA ha fotografato delle immagini interessanti sulla superficie di Marte da quando è atterrato sul pianeta rosso nel 2012. Il Curiosity è stato lanciato da Cape Canaveral il 26 novembre del 2011, alle ore 10:02 a bordo della navicella spaziale MSL ed è atterrato bruscamente il 6 agosto del 2012 su Aeolis Palus un cratere di Marte.

È possibile visionare chiaramente l’immagine della piramide qui sotto (clicca qui per ingrandirla).

Screen Shot 2015-06-23 at 13.24.48

Gli ufologi e ricercatori hanno incominciato a speculare su cosa sia questo artefatto. Secondo molti, in realtà potrebbe essere una pietra angolare di una piramide molto più grande sepolta sotto la sabbia marziana. Altri, invece, suggeriscono che questa sia solo un’altra coincidenza di una normale formazione rocciosa del pianeta rosso, altri ancora, ritengono che la perfetta geometria della struttura sia stata creata artificialmente e che in alcun modo si possa attribuire a giochi di ombre e di luce. 

VIDEO

Questa piramide è tra le più evidenti prove fotografiche che ci induce a credere l’esistenza di strutture e costruzioni artificiali su Marte da una civiltà precedente? Molti credono di sì.

La “perfetta” simmetria della struttura della “piramide” si distingue chiaramente dal resto delle rocce marziane. Gli angoli e le linee della piramide, si ritiene essere un segno rivelatore che la differenzia da una formazione naturale da quella artificiale.

L’immagine è stata scattata dalla Cam del piccolo braccio posto sopra il Curiosity Rover, inviata il 7 maggio sulla Terra.

Nonostante la notevole simmetria della piramide, nessuna successiva immagine è stata riprese nei minuti e ore dopo dal Rover Curiosity della misteriosa piramide marziana. Sembra che il team responsabile del Curiosity abbia deliberatamente scelto di non ingrandire con ulteriori immagini il misterioso oggetto sulla superficie di Marte. Se infatti, avessero ripreso altre immagini della “piramide marziana” queste non sarebbero state rilasciate al pubblico.

In molti credono che non abbiamo visto e nemmeno siamo a conoscenza di tutto quel che accade sul Pianeta Rosso. Alcuni ex dipendenti della NASA, si sono fatti avanti suggerendo che l’agenzia opera sotto un velo di segretezza su gran parte di quello che accade sul pianeta rosso,  informazioni altamente riservate e tenute segrete all’interno dell’agenzia in una cerchia molto stretta.

Ultimamente sono state fatte molte scoperte importanti su Marte che potrebbero indicare l’esistenza della vita in un lontano passato sul pianeta.

E’ possibile che questa piramide “appena scoperta” sia la prova cruciale di un passato che abbiamo perso e dimenticato? E’ possibile che la piramide sia infatti il prodotto di civiltà extraterrestri che hanno vissuto in un lontano passato sul pianeta rosso? Sono in molti a suggerire che le prove di vita intelligente sul pianeta rosso sono molto abbondanti, eppure, tutti noi abbiamo deciso di ignorarlo per qualche ragione.

Sarà nel prossimo futuro la scoperta di una piramide su Marte a svegliare l’interesse di altri ricercatori? Cambierà il modo in cui guardiamo il pianeta rosso? Ci sono molte domande che riguardano il pianeta rosso che sono ancora avvolte nel mistero, ora, una di queste domande è sicuramente, se questa misteriosa struttura che ricorda chiaramente la grande piramide di Giza, sia il prodotto di antiche civiltà passate/presenti sul pianeta rosso.

LINK

http://ningizhzidda.blogspot.it/