Archivi tag: riscaldatori ionosferici

Annunci di Ere glaciali, poi cambiate in riscaldamento globale

ANCORA UN ALTRO STUDIO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO …

K.L. ha notato questa storia, e vale la pena parlarne perché è un esempio di ciò che sta accadendo, o meglio, non sta accadendo nell’intera discussione sui cambiamenti climatici. Sottolineo che è emerso uno strano modello nel corso dei decenni, se lo avete seguito. Lo schema, in breve, è questo: ogni poche settimane viene pubblicato uno studio che “prova” che il “cambiamento climatico” è reale e che è antropogenico (creato dall’uomo). Poi, poche settimane dopo, verrà rilasciato un altro studio, “dimostrando” che non sta accadendo e non è fatto dall’uomo. Lungo la strada, siamo trattati con storie occasionali in cui i record del computer sono stati rubati, fabbricati dati e così via. E naturalmente c’è tutta la natura tautologica dell’argomento circolare del “cambiamento climatico” stesso. Ne ho anche parlato a lungo, poiché negli anni ’70 abbiamo iniziato con le previsioni sull’oscurità e sulle prossime ere glaciali, poi è cambiato in “riscaldamento globale” e, dato che questo è stato sempre più messo in discussione, ora abbiamo “cambiamenti climatici” un concetto così ampio che nell’immaginario popolare ogni cambiamento è “prova” che dobbiamo “cambiare i nostri modi”.

Ma ci vorrebbe qualcuno con la testa in un sacchetto di carta per non notare che ultimamente il tempo è stato terribilmente “azzardato”. L’Europa sta cuocendo in un’ondata di caldo con temperature che hanno recentemente raggiunto i 32 gradi Celsius in Norvegia. Norvegia! (Per quelli nel mondo Fahrenheit, questo è di circa 90 gradi). Qualche settimana fa il Midwest americano è stato colpito da così tanta pioggia, e da così tanti tornado, che i record sono stati stabiliti, i raccolti sono stati lasciati non piantati. E se stavi osservando i modelli, le inondazioni iniziarono nell’alto Midwest, le forti piogge colpirono più a sud, proprio mentre le acque di inondazione da nord iniziarono a defluire nei bacini fluviali del Missouri-Mississipi, diretti a sud. Quindi, come colpo finale, un uragano ha colpito New Orleans, proprio mentre colpiva tutta quell’acqua di inondazione. Alcune parti di Brooklyn assomigliavano a Venezia, e mentre tutto succedeva, ho scritto sul blog degli scienziati che volevano scaricare una quantità orribile di neve sull’Antartide per fermare lì il pack di ghiaccio che si scioglieva (e sembrano aver dimenticato che il pack di neve si blocca davvero nel calore, nel caso dell’Antartide, in gran parte geotermico, quindi la “soluzione” potrebbe essere persino peggiore del problema stesso.)

In altre parole, per tutti voi “negazionisti del cambiamento climatico”, il tempo è pessimo (come molti scienziati ne parlano).

Il che ci porta all’articolo condiviso di KL e al “modello” di “discussione” sul “cambiamento climatico”:
La notizia esplosiva: gli scienziati trovano che “Il cambiamento climatico creato dall’uomo in pratica non esiste”

Voglio citare gran parte dell’inizio di questo articolo, per uno scopo torneremo a:

Un nuovo studio scientifico potrebbe svelare presupposti fondamentali profondamente imperfetti alla base della controversa legislazione sul clima e iniziative come il New Deal verde, in particolare il grado in cui il “cambiamento climatico” è guidato da fenomeni naturali rispetto a problemi causati dall’uomo misurati e improntati sul carbonio. Gli scienziati finlandesi, dopo una serie di studi  hanno scoperto “praticamente che nessun cambiamento climatico antropogenico è stato [creato dall’uomo]” .

“Negli ultimi cento anni la temperatura è aumentata di circa 0,1 ° C a causa del biossido di carbonio. Il contributo umano è stato di circa 0,01 ° C”, affermano senza mezzi termini i ricercatori finlandesi in una serie di articoli.

Questo è stato collaborato da un team dell’Università di Kobe in Giappone, che ha promosso la teoria dei ricercatori finlandesi: “Nuove prove suggeriscono che le particelle ad alta energia dallo spazio conosciute come raggi cosmici galattici influenzano il clima della Terra aumentando la copertura nuvolosa, causando un “effetto ombrello”, “ha trovato lo studio appena pubblicato, un riassunto del quale è stato pubblicato sulla rivista Science Daily. I risultati sono estremamente significativi dato che questo “effetto ombrello” – un evento del tutto naturale – potrebbe essere il motore principale del riscaldamento climatico e non fattori causati dall’uomo.

Gli scienziati coinvolti nello studio sono molto preoccupati del fatto che gli attuali modelli climatici che guidano il lato politico del dibattito, in particolare la scala di sensibilità climatica del Pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), non riescono a incorporare questa variabile cruciale e potenzialmente centrale di aumento del cloud della copertura.

“Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha discusso l’impatto delle coperture nuvolose sul clima nelle loro valutazioni, ma questo fenomeno non è mai stato preso in considerazione nelle previsioni climatiche a causa dell’insufficiente comprensione fisica di esso”, commenta il professor Hyodo in Science Daily. “Questo studio offre l’opportunità di ripensare l’impatto delle nuvole sul clima. Quando i raggi cosmici galattici aumentano, così fanno anche le nuvole basse e quando anche i raggi cosmici diminuiscono, così il riscaldamento climatico può essere causato da un effetto a ombrello opposto”

Nel loro documento correlato, intitolato giustamente, “Nessuna prova sperimentale per il significativo cambiamento climatico antropogenico [creato dall’uomo]”, gli scienziati finlandesi scoprono che la bassa copertura nuvolosa “praticamente” controlla le temperature globali ma che “solo una piccola parte” dell’aumento la concentrazione di anidride carbonica è antropogenica o causata dall’attività umana.

Quella che segue è una sezione chiave esplosiva, in uno degli studi condotti dal team finlandese dell’Università di Turku:

Abbiamo dimostrato che i modelli GCM utilizzati nel rapporto IPCC AR5 non sono in grado di calcolare correttamente il componente naturale incluso nella temperatura globale osservata. Il motivo è che i modelli non riescono a derivare le influenze della frazione di copertura nuvolosa bassa sulla temperatura globale. Un componente naturale troppo piccolo si traduce in una porzione troppo grande per il contributo dei gas serra come l’anidride carbonica. Ecco perché 6 J. KAUPPINEN E P. MALMI IPCC rappresentano la sensibilità climatica più di un ordine di grandezza più grande della nostra sensibilità 0,24° C. Poiché la parte antropogenica nell’aumento di CO2 è inferiore al 10%, non abbiamo praticamente alcun cambiamento climatico antropogenico. Le nuvole basse controllano principalmente la temperatura globale.

Ciò solleva domande urgenti e contraddizioni centrali riguardo ai modelli attuali che i politici e i gruppi ambientalisti di tutto il mondo stanno usando per spingere cambiamenti economici radicali sulle popolazioni dei loro paesi.

E il team in Giappone ha chiesto una rivalutazione totale degli attuali modelli climatici, che rimangono pericolosamente imperfetti per respingere una variabile cruciale:

Questo studio offre l’opportunità di ripensare l’impatto delle nuvole sul clima. Quando i raggi cosmici galattici aumentano, così fanno anche le nuvole basse, e quando anche i raggi cosmici diminuiscono, anche il riscaldamento climatico può essere causato da un effetto a ombrello opposto. L’effetto ombrello causato dai raggi cosmici galattici è importante quando si pensa al riscaldamento globale attuale e al periodo caldo dell’era medievale. (Enfasi in grassetto nell’enfasi originale, corsivo aggiunto).

Ora, se hai seguito i miei blog occasionali su questo argomento, o per quello, il lavoro e la ricerca di Elana Freeland e altri (consiglio vivamente il suo libro, Under an Ionized Sky), noterai immediatamente che l’unica cosa condivisa dalla maggior parte degli studi sui cambiamenti climatici disponibili al pubblico e discussi – sia pro che contro – è la totale mancanza di discussione di varie tecnologie di ingegneria geofisica: il seeding delle nuvole e, per i nostri scopi qui, i riscaldatori ionosferici. Queste tecnologie sono reali e possono causare danni significativi. La tragica alluvione di Rapid City, nel Dakota del Sud, nel 1972, seguì direttamente un enorme sforzo di semina delle nuvole. Quella semina si è espansa, se hai seguito la storia della scia chimica, per includere la semina dell’atmosfera con tipi di metalli pesanti molto diversi da quelli usati per la pioggia, metalli progettati per aumentare la conduttività elettrica dell’atmosfera, e questi a loro volta avrebbe un effetto sul bombardamento dei raggi cosmici, che influenzerà il tempo atmosferico come sottoprodotto di qualunque motivazione possa essere alla base di questa attività, e non ho dubbi che questa motivazione sia di natura militare.

Più importante per i nostri scopi qui, sono i potenti riscaldatori ionosferici come l’array HAARP. Ancora una volta, è ammesso nel brevetto originale per questo dispositivo che avrebbe la capacità di apportare modifiche significative alle proprietà della ionosfera su scala planetaria, influenzando la magnetosfera e quindi (ancora una volta) le proprietà di schermatura magnetica del pianeta. In breve, esiste una componente antropica ai cambiamenti climatici, ma, come dimostra questo studio, nessuno vuole parlarne né ammetterlo nei loro studi. Come Elana Freeland ha giustamente affermato in un’intervista recentemente con questo autore, queste tecnologie e il loro uso significano, in effetti, che non esiste più un clima puramente “naturale”.

E come ho affermato in precedenza, mi sembra che l’intera discussione sui cambiamenti climatici sia gestita con cura, in modo che tali tecnologie non emergano mai nella discussione pubblica. Il motivo è semplice: non è Johnny Rancher o Susie la casalinga che causa il maltempo. È più probabile che sia il complesso militare-industriale, gli stati profondi del mondo e i loro “giocattoli”.

E questo studio giapponese è ancora un altro esempio dell’evidente omissione del materiale: non una parola sulle scie chimiche, non una parola sui riscaldatori ionosferici e altre tecnologie esotiche di ingegneria geofisica. È pazzo e inutile come il New New Deal di Ocasio Cortez che pretende di sfidare.

Fonte: https://gizadeathstar.com/

®wld

IL 5G DARA’ IL COLPO DI GRAZIA ?

 

CELLULARI E WIFI STANNO DANNEGGIANDO GLI UCCELLI, API E INSETTI; IL 5G DARA’ IL COLPO DI GRAZIA ? 

L’estinzione di molte specie, 200 specie di piante, uccelli, animali, pesci, anfibi, insetti e rettili che vengono portati all’estinzione ogni giorno, non è una novità, vista la profusione con cui usiamo i veleni in agricoltura e non solo. Ma se l’ecatombe si verifica ai tropici, in mezzo a una foresta sufficientemente lontana dagli effluvi di Bayer-Monsanto e inquinamento, allora c’è di che preoccuparsi. Lo riporta un nuovo studio. La causa del crollo di presenze di insetti nella foresta pluviale portoricana o nelle riserve naturali tedesche, quindi in luoghi non interessati dall’uso di pesticidi o altra contaminazione, non può che essere il riscaldamento del pianeta? E’ davvero una spiegazione plausibile e sufficiente? E in che modo dovrebbe avvenire lo sterminio?

Non sono mai presi in considerazione gli effetti di radiazioni elettromagnetiche presenti.

A Porto Rico, per tornare a questa ultima scoperta, è in funzione dal 1959 il riscaldatore ionosferico Arecibo. Nella foresta ‘incontaminata’ troviamo torri di comunicazione assai imponenti. Non c’entrano niente con la scomparsa degli insetti?

Mai e poi mai si tiene conto delle condizioni atmosferiche modificate da agenti chimici e microonde. Mai si parla delle possibili conseguenze del danneggiamento dell’ ozonosfera.

Come mai?

LE RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE EMESSE DA TELEFONI CELLULARI E WIFI STANNO DANNEGGIANDO GLI UCCELLI E LE API;

LA TECNOLOGIA 5G PUO’ PEGGIORARE LA SITUAZIONE

La tecnologia sta letteralmente distruggendo la natura, con un nuovo rapporto che conferma ulteriormente che le radiazioni elettromagnetiche delle linee elettriche e delle reti cellulari possono disorientare uccelli e insetti e distruggere la salute delle piante. Il documento avverte che mentre le nazioni passano alla tecnologia 5G questa minaccia potrebbe aumentare.

Nella nuova analisi, EKLIPSE, un ente di revisione finanziato dall’UE e dedicato alla politica che potrebbe avere un impatto sulla biodiversità e sull’ecosistema, ha esaminato oltre 97 studi su come le radiazioni elettromagnetiche possono influenzare l’ambiente. Ha concluso che questa radiazione potrebbe rappresentare un potenziale rischio per l’orientamento degli uccelli e degli insetti e per la salute delle piante, secondo il giornale The Telegraph.

Questa non è una novità, poiché studi risalenti da anni sono giunti alla stessa conclusione. Infatti, uno studio del 2010ha persino suggerito che questa radiazione elettromagnetica potrebbe giocare un ruolo nel declino di alcune popolazioni di animali e insetti. Le onde radio possono disturbare la “bussola” magnetica usata da molti uccelli e insetti migratori. Le creature potrebbero disorientarsi, ha riferito AFP.

Le radiazioni elettromagnetiche interferiscono anche con l’orientamento di insetti, ragni e mammiferi e potrebbe persino disturbare il metabolismo delle piante, secondo il The Telegraph.

Come risultato di questa recente scoperta, l’ente caritatevole britannico Buglife ha ammonito che i piani per installare trasmettitori 5G potrebbero avere “gravi conseguenze” sull’ambiente, secondo il The Telegraph. Per questo motivo, raccomanda che questi trasmettitori non siano posizionati su lampioni a LED, che attirerebbero gli insetti e aumenterebbero la loro esposizione.

5G è una tecnologia wireless di quinta generazione che trasmette dati ad alta velocità. Verrà utilizzato su impianti dei gestori di telefonia mobile per telefonia mobile e traffico dati.

Inoltre, l’organizzazione caritatevole ha richiesto ulteriori studi su questa minaccia.

“Applichiamo limiti a tutti i tipi di inquinamento per proteggere l’abitabilità del nostro ambiente, ma ancora, anche in Europa, i limiti di sicurezza delle radiazioni elettromagnetiche non sono stati determinati, per non dire applicati”, ha dichiarato Matt Shardlow, CEO di Buglife, segnala il The Telegraph.

Negli Stati Uniti, AT & T prevede di essere il primo ad avere la tecnologia 5G disponibile e avvierà la rete in 12 città entro la fine dell’anno, secondo quanto riportato da PC Mag.

Riferimenti:

[1] Newsweek, Radiation from cell phones, wifi are hurting the birds and the bees; 5G may make it worse, 19 May 2018, Dana Dovey

[2] EKLIPSE Study

[3] The Telegraph, Electromagnetic radiation from power lines and phone masts poses ‘credible’ threat to wildlife, report finds, 18 May 2018, Sarah Knapton

[4] 2010 Report on Possible Impacts of Communication Towers on Wildlife including Birds and Bees.

[5] AFP, Radio waves affect migrating birds, 8 May 2014

[6] PC MAG, What Is 5G? 20th March 2018, Sasha Segan.

FONTE http://www.elettrosmogsicilia.org/notizie/105-2018/361-le-radiazioni-elettromagnetiche-stanno-danneggiando-gli-uccelli-e-le-api

Studio di Ulrich Warnke and others published

BEES, BIRDS AND MANKIND.

Effects of Wireless Communication Technologies.

https://www.researchgate.net/publication/241538484_BEES_BIRDS_AND_MANKIND

 

Fonte:  http://www.nogeoingegneria.com/

®wld

 

La distruzione dell’ozono – Molto più grave di un danno collaterale

 
 
IL MOMENTO DELLA VERITÀ È ARRIVATO!
Lo strato di ozono indebolito lascia passare la radiazione cosmica La vita terrena muore. Prova fornita, ragioni chiarite. 
E adesso?


Claudia von Werlhof (1) 

La radiazione cosmica mortale raggiunge la superficie terrestre 

Non c’è possibilità di errori dal 04.04.2018. Al di là di tutte le affermazioni ufficiali e le speculazioni sull’aumento delle emissioni di CO2 come una minaccia per la vita della terra, ora c’è la prova del contrario. La vera minaccia alla vita è la mortale radiazione cosmica ultravioletta che nel frattempo raggiunge la superficie terrestre perché lo strato di ozono non può più fermarlo.  

Ciò significa che una parte dell’atmosfera, il famoso e unico Blu del pianeta Terra, che tutti gli astronauti adorano, è in fase di dissoluzione. L’atmosfera non offre più la protezione per la quale è stata creata nel corso della vita terrena. Nello specifico, lo strato di ozono sta scomparendo, responsabile di questa protezione. Già alla fine del Perm 250 milioni di anni fa quasi tutta la vita sulla terra si estinse, perché non crebbe più nulla. La cosiddetta “Grande Moria” aveva allora probabilmente la stessa ragione (Gabbattis 2018).  

Oggi il problema consiste non solo nell’esistenza dei famigerati buchi dell’ozono sopra l’Antartico e oltre l’Artico, ma anche nel fatto che esse, contrariamente alle aspettative, non accennano a chiudersi (Titze 2018), e che il livello dell’ozono  come tale nel frattempo diventa generalmente molto debole (Dönges 2017). Ciò significa che lascia passare la radiazione cosmica anche lontano dai buchi dell’ozono. Che questo sia possibile, è sempre stato negato.  

Il portatore dell’orrendo messaggio è la dott.ssa Marvin Herndon insieme a Raymond Hoisington e Mark Whiteside, i cui rispettivi risultati di ricerca sono appena stati pubblicati sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, 14 (2): 1-11, 2018, Articolo n°. JGEESI.40245 intitolato: 

“Incredibile penetrazione di UV-C e UV-B ultravioletti sulla superficie terrestre: implicazioni per la salute umana e ambientale” 

Nel loro articolo, gli autori spiegano che la radiazione UV-B è un “fattore di stress”, che ha un’influenza negativa sulla sopravvivenza e sulla crescita degli organismi in acqua dolce e marina, ad esempio il plancton, sia come vegetale che come animale. Pertanto, la base alimentare degli abitanti marini e in generale dell’acqua è in pericolo. Inoltre, l’UV-B può influenzare la fotosintesi, la crescita e il metabolismo del mondo sottomarino, può disturbare le comunità delle barriere coralline e distruggerle con lo sbiancamento dei coralli, oltre a provocare un’instabilità genomica delle piante. Tuttavia, la radiazione UV è anche dannosa sulla terra, ad esempio in genere per gli alberi perché altera il loro ambiente biologico e chimico. Le conifere possono produrre un polline carente sotto le radiazioni UV-B e essere disturbate nella loro riproduzione o addirittura diventare sterili. La tossicità di UV-B è nota. Si applica anche a tutti gli altri esseri viventi.  

L’UV-C, ancora una volta, ha ad esempio effetti letali su insetti e microrganismi. Porta persino a una morte cellulare programmata nelle piante. Nei ratti, causa danni alle cellule, nell’uomo, a seconda della durata dell’irradiazione, almeno danni alla pelle.

Nell’annuncio della pubblicazione, c’è un riassunto: (inizio della citazione):  

“RILASCIO IMMEDIATO”  

 La Transdyne Corporation Rivela

Le radiazioni ultraviolette mortali ora raggiungono la superficie terrestre 

SAN DIEGO, 2 aprile 2018 –  

È opinione diffusa che l’ozono atmosferico blocchi la porzione mortale della radiazione solare, UV-C e la maggior parte dei raggi UV-B, dal raggiungere la superficie terrestre. Un documento scientifico appena pubblicato contesta questa ipotesi. Pubblicato questa settimana sul Journal of Geography, Environment and Earth Science International, il lavoro di J. Marvin Herndon, PhD, di Trans dyne Corporation, Raymond D Hoisington di I Ray Spectra Metrics e Mark Whiteside, MD, MPH, un dipartimento della Florida del medico della salute, conferma le prove pubblicate dalla NASA e poi non è riuscito a dare seguito nel 2007.” 

La NASA è stata informata da anni  

” Undici anni fa, gli scienziati della NASA hanno pubblicato la prima prova che UV-C e UV-B stavano penetrando nello strato di ozono e raggiungevano la superficie terrestre, evidenza ora confermata da Herndon et al. Dopo che il documento di D’Antoni et al. Del 2007 ha mostrato che UV-C e UV-B raggiungono la superficie terrestre, contrariamente ai protocolli etici, la NASA non ha condotto indagini di follow-up, nonostante le gravi implicazioni delle proprie misurazioni. L’articolo afferma: Nella scienza, quando viene fatta una scoperta che contraddice la comprensione attuale, gli scienziati hanno la responsabilità di tentare di confutare la scoperta oltre ogni ragionevole dubbio. Se non fosse in grado di farlo, le implicazioni della nuova scoperta dovrebbero essere discusse nella letteratura scientifica. Il 2007 D’Antoni et al. la scoperta delle radiazioni UV-C che raggiungono la superficie terrestre avrebbe dovuto essere oggetto di un’intensa indagine da parte della NASA per due motivi, uno scientifico e uno etico. 

Nonostante le implicazioni delle scoperte della NASA per la scienza atmosferica del 2007 e nonostante le loro profonde implicazioni per la salute umana e ambientale, la NASA non ha condotto un’indagine di follow-up …. Questa inazione solleva la domanda: la NASA è complice di una attività segreta globale, come la proiezione aerea di “jet-difesa” aerea di polveri di carbone tossico che pone seri rischi per la vita sulla Terra? 

Per almeno 20 anni, con quantità e durata sempre maggiori, i militari si sono impegnati a irrorare particelle nella regione in cui le nuvole si formano per manipolare e armare l’atmosfera e le condizioni meteorologiche. I dati analitici su campioni di pioggia e neve sono coerenti con le ceneri volanti di carbone tossico come principale sostanza aerosolica utilizzata. Dal 2010 circa questa irrorazione aerea è diventata un’operazione quasi quotidiana, quasi globale. Come rivela l’articolo, l’irrorazione aerea “sparge grandi quantità di cloro, bromo, fluoro e iodio nell’atmosfera che possono esaurire l’ozono … Potenzialmente altre sostanze negli aerosol di cenere volante di carbone, tra cui nanoparticelle, potrebbero influire negativamente sull’ozono atmosferico” . L’esaurimento dell’ozono è ormai globale e sta permettendo che l’ultravioletto mortale raggiunga il livello del suolo. L’articolo rileva inoltre che la radiazione ultravioletta è la componente più dannosa e genotossica dello spettro della radiazione solare. La mutagenicità e l’azione letale della luce solare mostrano due massimi, entrambi nella regione UV dello spettro. Gli autori forniscono informazioni introduttive sugli effetti devastanti di UV-B e UV-C su esseri umani, fitoplancton, coralli, insetti e piante’. I militari potrebbero considerare tutto questo come un “danno collaterale”, ma è molto più grave, minacciando praticamente tutta la vita sulla Terra. 

Informazioni e pdf: http://www.nuclearplanet.com/uv.html Fonte: J. Marvin Herndon, Ph.D. Trans dyne Corporation Email: [email protected] Sito web: http://NuclearPlanet.com  

Figura 1 Didascalia: tracce di polveri tossiche di carbone tossico spruzzate a getto su Soddy-Daisy, TN (USA) con il permesso di David Tulis.  

Figura 2 Didascalia: misure spettrometriche solari. Nota la misurazione del 2002 che illustra l’errata concezione comune di nessuna radiazione UV-C sulla superficie della Terra. “(Fine della citazione)  

Altri motivi per cui si dissolve l’ozono: l’intera geoingegneria militare  

Per quanto riguarda Herndon et al. Se pensiamo anche allo studio di Rosalie Bertell “Pianeta Terra. The Latest Weapon of War “(in tedesco” Kriegswaffe Planet Erde “), poi diventa chiaro cosa, oltre alla continua irrorazione dell’atmosfera con le nanoparticelle, la cosiddetta “Solar Radiation Management”, SRM, che ora è anche ufficialmente praticata da geo ingegneri civili, contribuendo alla distruzione dello strato di ozono e continua a contribuire, anzi sempre più:

  1. Radioattività: 

Ci sono stati 2.200 test nucleari, compresi quelli con bombe all’idrogeno, in particolare nell’atmosfera tra il 1958 e il 1998, 2/3 dei quali sono stati effettuati dagli Stati Uniti, 1/3 dall’Unione Sovietica; a questo si aggiunge il danno causato dagli incidenti delle centrali nucleari da Harrisburg a Chernobyl a Fukushima, che dal 2011 deve essere considerato un LAA permanente (il presunto più grande incidente) che rimane inarrestabile ed è responsabile per la prima apparizione di un buco dell’ozono sopra Artico; inoltre c’è la nano polvere di innumerevoli tonnellate di munizioni di uranio (munizioni DU da “uranio impoverito”, per lo più rifiuti dell’industria nucleare) utilizzate in tutte le guerre dalla prima guerra del Golfo nei Balcani, nel Medio Oriente e in Afghanistan (recentemente Hänsel 2017); e ci sono certamente carichi radioattivi di cui non sappiamo nulla (segreto militare), o che non sono contati come il normale funzionamento delle centrali nucleari.  

Già negli anni ’50 Wilhelm Reich scoprì che la radioattività sta distruggendo l’energia vitale che chiamò “orgone”, specialmente dell’aria (vedi Senf 2003).

  1. I voli supersonici contribuiscono alla distruzione dello strato di ozono nell’atmosfera (motivo per cui il progetto civile Concorde sull’introduzione del volo supersonico nel traffico civile è stato abbandonato). 
  2. I voli missilistici contribuiscono alla distruzione dell’atmosfera a causa dei loro propellenti, che in parte funzionano con il plutonio (come il razzo Saturno Cassini del 1997 arrivato a Saturno nel 2017). 
  3. L’irradiazione della ionosfera con miliardi di onde elettromagnetiche artificiali forti di watt attraverso le installazioni mondiali di “riscaldatori ionosferici”, come HAARP in Alaska, riscalda la ionosfera e la carica estremamente, tagliandola e producendo buchi in essa (es. / Manning 2001). Ogni volta che le onde passano lo strato di ozono sottostante. 
  4. Le attività “Star Wars” dei militari dallo spazio, il lavoro sui satelliti e la formazione di griglie elettroniche per monitorare, controllare e influenzare energicamente l’intero spazio terrestre (di recente Freeland 2018) nella forma di un “blocco” planetario, come pure come la loro controparte terrena: 
  5. Le microonde, la trasmissione di energia senza fili, gli alberi dei telefoni cellulari e in generale la produzione terrestre di radiazioni cosmiche come i raggi X in medicina, nell’industria alimentare e nella vita quotidiana. 
  6. Anche il traffico aereo “normale” è diventato uno dei malfattori dell’esaurimento dell’ozono (Herndon, 2017, già Loppow 1993), per non parlare dell’irrorazione nella troposfera e nella stratosfera di metalli pesanti e altre sostanze tossiche, che menziona in particolare Herndon. 

L’intero programma è implementato con la “geoingegneria” militare in corso del MIC, il complesso militare-industriale (vedi Werlhof 2018).

Che cosa si deve fare?  

Quello che viviamo è un processo di distruzione in corso. A quanto pare ora ha raggiunto un punto in cui improvvisamente cambia, cioè, ha iniziato a diventare irreversibile. Ci sono voluti non più di 50 anni per farlo, supponendo la scoperta non riconosciuta delle radiazioni UV-B e – C sulla Terra dalla NASA 2007. Non è molto, considerando che questo processo ha innescato anche effetti planetari che, di fatto, minacciano niente di meno della nostra sopravvivenza sulla terra e finiremmo persino se noi – intendendoci come l’umanità in sé – non fare la cosa giusta ora.  

Eppure, la catastrofe è già iniziata: la “molla silenziosa”, predetta da Rachel Carson negli anni ’60 (Carson 1962), si sta già verificando. Il declino delle popolazioni di uccelli e insetti tra il 40 e il 70% è stato notato da tempo ovunque, così come lo sbiancamento dei coralli negli oceani, il vuoto dell’Oceano Pacifico dopo Fukushima e, in generale, l’estinzione quotidiana di animali e specie di piante (WWF 2008). 

È ovvio che il processo di distruzione dell’atmosfera attraverso la geoingegneria militare dovrebbe essere fermato quasi immediatamente, in modo che la terra abbia una possibilità di curare le ferite che sono state inflitte su di essa – in particolare l’esaurimento dell’ozono. Quanto tempo ci vorrà? E: ci sarebbe abbastanza tempo per salvare la vita della terra e rinnovarla? O questa possibilità è già passata? Questo sarebbe il caso se gli effetti avvertiti oggi fossero solo la prima parte di quelli che hanno bisogno di 40-60 anni per farsi notare, così che tutto il resto sarebbe ancora seguito, e avremmo solo sperimentato l’inizio di ciò che è già in atto … 

In generale, il recupero dello strato di ozono è stato calcolato per durare 50 anni (vedi Ozono). Ma non è successo perché le condizioni non erano affatto presenti. Ci sono persino stati tentativi di attaccare direttamente lo strato di ozono e sperimentarlo per una sorta di “ingegneria del clima”, ad esempio per produrre un buco di ozono sul territorio nemico. Tuttavia, il responsabile, Harry Wexler, più tardi prima della sua morte avvertì esplicitamente contro di essa (Wexler 1962, vedi Fleming 2018). Ora, tuttavia, ci si meraviglia che lo strato di ozono non sia mai stato così sottile come oggi e che appena sopra le nostre teste (Läubli 2018), lontano dai buchi dell’ozono!  

Ma non importa come le cose siano comprese, dobbiamo fare qualcosa per le cause del dissolvimento dell’ozono, che fino ad ora non ci erano state generalmente riconosciute e / o che erano state tenute da noi. Non c’è più alternativa. Non fare nulla non è un’opzione e significherebbe in realtà essere d’accordo con il suicidio dell’umanità e il suo assassinio di tutta la vita terrena.  

La tesi precedente, che era stata sostenuta dalla scienza, tuttavia, finge ancora che siano i CFC nei frigoriferi a causare i buchi dell’ozono. Poiché i CFC sono vietati, c’era speranza che i buchi dell’ozono venissero ridotti. Ma questo non è accaduto (Titze 2018, generalmente Ozone). La radioattività e altre sostanze e processi non sono mai stati parte del dibattito in ogni caso perché l’esercito è un tabù e ha permesso di fare ciò che vuole. Questo è ciò che alla fine abbiamo appreso attraverso la Commissione europea, quando noi, un gruppo di attivisti europei, organizzato attraverso “Guardie del cielo”, abbiamo presentato una petizione al Parlamento europeo per una revisione rinnovata della geoingegneria e delle sue conseguenze (Fraile 2018). Le attività militari non interessano il Parlamento, siamo stati istruiti dall’alto.

Se queste attività, tuttavia, anche senza guerra, minaccianotutta la vita sulla terra e stanno per distruggerla, allora che cosa?  

Finora, tale opinione non era affatto presente nella discussione pubblica e, in caso di dubbio, è stata considerata una meschina condanna o una teoria del complotto. Ora, tuttavia, c’è la prova che è vero e in che modo è così. Anche quelli che “già sapevano” hanno ora la prova nelle loro mani. Questo cambia tutto – 

Questa prova è il”messaggio del 21° secolo 

Per la prima volta e per tutte le persone sulla terra, non c’è nessun messaggio che sarebbe più importante. Ora tutti possono sapere e nessuno può fare appello per non averlo saputo. Non lo aiuterebbe comunque. Perché non si tratta più di alcuna giustificazione, ma della questione se noi, come presunto “homo sapiens”, riusciremo a preservare la vita sulla terra in effetti e in quanto tali o meno, dato che alla fine alcuni di noi hanno potuto rischiarlo di fronte a o alle nostre spalle. 

Eppure: chi comprende veramente queste notizie dopo tutte quelle terribili che costantemente ci stanno inondando? Chi li “sente” e il loro “Appello”? Chi lo fa penetrare nella sua armatura? Chi si spaventa? Chi si alza dalla sedia? Chi riconosce la verità brutale, persino inesprimibile che comunica?  

Tuttavia, indipendentemente dalle nostre reazioni o dal loro rifiuto: con questo messaggio, il mondo è già cambiato. C’è un prima e un dopo, indipendentemente da ciò che pensiamo. Oggettivamente, d’ora in poi, ogni cosa ha un significato diverso, qualsiasi cosa facciamo o non facciamo, e se ci pensiamo o no, ciò che è ora noto, e cioè che per la prima volta nella storia c’è la prova che noi umani abbiamo già messo in pericolo il pianeta stesso, se riusciremo a salvarlo, rispettivamente la vita sopra, dentro e sopra di essa, la nostra stessa inclusa o meno. 

Una cosa è chiara: il tabù che circonda i militari deve cadere. I “movimenti” sociali e politici, tuttavia, che si affidano alla “giustizia climatica” e alla fine delle emissioni civili di CO2, devono immediatamente fare i conti con il fatto di essere assorbiti in un mito, e il problema in gioco è molto diverso da quello che presumevano – consapevolmente o no. Sarà necessario un radicale ripensamento …

La necessaria rivolta mondiale

In altre parole: ora che le prove sul vero problema sono inevitabilmente sul tavolo, ci deve essere una rivolta mondiale seguita da un movimento altrettanto globale che non può più essere sconcertante e confuso. Perché l’esercito non smetterà da solo di fare quello che fa – ha saputo per almeno 11 anni quello che sta facendo! E questa non sarà l’unica cosa che sa senza che noi lo sappiamo. Al momento, l’esercito sta persino cercando di portare il suo intero programma nella vita civile attraverso la cosiddetta geoingegneria civile nelle università di tutto il mondo, una tattica che ha sempre usato e di nuovo, perché allora è ancora più difficile liberarsi del “risultati” militari. 

Ora dobbiamo assicurarci di cambiare questo. In realtà, non abbiamo scelta e soprattutto non c’è tempo. Questo è vero per tutti noi, vale a dire “umanità” stessa. Sembra incredibile, ma “noi” dobbiamo, obiettivamente, ottenere ciò:

  1.  nessuna nuova radioattività deve sorgere
  2.  l’esercito ferma i voli supersonici 
  3.  nessun altro missile sparato nello spazio 
  4.  tutti i sistemi di riscaldamento ionosferici chiusi 
  5.  i satelliti si spengono, non ne vengono installati di nuovi 
  6.  trasmissioni di potenza wireless e 
  7.  il traffico aereo deve essere in gran parte fermato.

Non sembra che ci sia anche la minima possibilità di superare almeno uno di questi punti. Eppure, questo è ciò che è all’ordine del giorno, se funzionerà o no, e se lo vogliamo o no.

Oppure noi umani vogliamo morire insieme agli animali e alle piante di questa terra e alle nostre condizioni di vita, senza nemmeno resistere, sì, senza aver nemmeno capito cosa stava succedendo, perché noi, per esempio, non abbiamo riconosciuto la nostra tecnologia e quindi non potevamo affrontarla, per non parlare delle macchinazioni dietro di essa …? (Vedi BUMERANG 3/2017)

Ecco com’è, improvvisamente. Tutto si rivela completamente diverso da quello che abbiamo sempre pensato. Non c’è più errore, senza dubbio. È un nuovo tempo. Il momento della verità è arrivato. Ora tocca a noi, che ci piaccia o no, che sia preparato o meno, che sia capace o meno. Dipende da noi se la vita terrena finirà o no – e molto rapidamente è così, perché tutte le cause persistono e vengono costantemente sviluppate ulteriormente

Già nel 2000 Rosalie Bertell ci ha avvertito che se il buco dell’ozono raddoppierà, non ci sarà più agricoltura sulla terra. Ora sta per peggiorare ancora.

Non possiamo certo aspettare fino a quando non cresce più niente prima di iniziare a fare qualcosa. È ovvio, vero? 

Che risveglio sarà!

  1. Ringrazio Maria Heibel per i suoi suggerimenti e riferimenti

Riferimenti:  

Begich, Nick und Manning, Jeane: Löcher im Himmel, Michaels Verlag, Peiting 2001  

(orig .: Begich, Nick und Manning, Jeane: Angels Don’t Gioca a questo HAARP ) 

Rosalie Bertell: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women’s Press 

___: Kriegswaffe Planet Erde, Gelnhausen 2013 e 2016, JK Fischer    

___: orig .: Pianeta Terra. The Latest Weapon of War, London 2000, The Women-Press

BUMERANG 3, www.fipaz.at/bumerang, 2017 

Carson, Rachel: Der Stumme Frühling, Beck, München 1962 

orig: Carson, Rachel: Silent Spring, Houghton Mifflin 1962  

Dönges, Jan: Ozonloch wirkt offenbar bis in die Tropen.  

Das Ozonloch zieht nicht nur Flora und Fauna in Mitleidenschaft, sondern ändert auch das Klimagefüge der Erde. Der Effekt erstreckt sich bis in den tropischen Pazifik, Notizie 14.6.2017 

(Jan Dönges: Il Buco dell’ozono sembra avere un effetto per raggiungere i tropici.  

Il buco dell’ozono non interessa solo la flora e la fauna, ma cambia anche il clima della terra. L’effetto si estende nel Pacifico tropicale, notizia 14.6.2017)

Fleming James Roger: http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/was-harry-wexler-the-man-who-caused-the-ozone-hole/, 2018  

Fraile Josefina: Geoingegneria: la verità nascosta negli accordi sul clima di Parigi o l’incapacità morale delle Nazioni Unite di difendere il bene comune, a Werlhof, Cv (Ed.): The New Threat. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente)  

Freeland, Elana: sotto un cielo ionizzato, Feral House, Port Townsend WA 2018

Josh Gabbattis: The Great Dying’: l’evento di estinzione peggiore del mondo’ causato dalle radiazioni UV ‘, News, 8.2.2018 

Hänsel, Rudolf: Der Krieg, der nicht zu Ende geht, in: Neue Rheinische Zeitung, NRhZ, Köln, v. 16.10.2017  

(Vedi Rudolf Hänsel: Aftermath della guerra USA-NATO sulla Jugoslavia. Gli impatti non espressi delle munizioni radioattive di uranio impoverito, in: Global Research, 24. dicembre 2017)  

Herndon, Marvin: http://www.NuclearPlanet.com/uv.html, 2018  

____: http://www.thehindu.com/sci-tech/energy-and-environment/aeroplanes 

may-be-affecting-ozone-monsoon/article19498497.ece, 2017  

Martin Läubli: http://www.sueddeutsche.de/wissen/atmosphaere-die-ozonschicht-ist-so-duenn-wie-noch-nie-1.3856013. SZ, 7.2.2018

Bernd Loppow: Himmelfahrtskommando Luftverkehr? Zeit-online, 5.3.1993, http://www.zeit.de/1993/10/himmelfahrtskommando-luftverkehr 

Ozon: http://www.ozonelayer.noaa.gov/science/basics.htm 

Senf, Bernd: Die Wiederentdeckung des Lebendigen, Omega, Aquisgrana 2003

(Senf, Bernd: La riscoperta dei vivi) 

Sven Titze: Die Ozonschicht erholt sich nicht wie erwartet, NZZ, 6.2.2018 

(Sven Titze: lo strato di ozono non si sta riprendendo come previsto) 

Claudia von Werlhof: Geoingegneria: da Geo-Weaponry a Geo-Warfare, in dies. (Ed.): La nuova minaccia. Donne contro la Geoingegneria e per Madre Terra, Inanna, Toronto 2018 (imminente) 

Harry Wexler: http://www.colby.edu/sts/wexlerozone.pdf, 1962 

WWF: Abschied der Arten, Francoforte 2008 

(WWF: addio della specie) 

Fonte:

http://www.nogeoingegneria.com/news-eng/the-moment-of-truth-has-come/

®wld

Siccità: crearla e fingere che sia una operazione naturale!

Siccità innaturale e il popolo rincoglionito che da colpa alla Natura

Articolo di Magda Piacentini

In questa estate 2017 i geo-ingegneri, alias geo-guerrafondai, come in modo certamente più appropriato li definisce Rosalie Bertell, l’unica voce che ha correttamente scritto di loro, ci obbligano a tenere il diario giornaliero, perché ogni giorno, vivere e resistere, è una fatica peggiore di quella del giorno precedente.
Sono le ore 19,30 del 23 Agosto 2017, di fronte a me il tramonto: un sole ancora alto e forte, circondato da un alone di nebbia bianchiccia, illuminata e sparsa sulla cima delle montagne e nell’aria biancastra, spande una luce esagerata, fastidiosa, innaturale. 

Il cielo è bianco, come l’aria densa e carica di roba soffusa che staziona perenne su di noi. Non si vede l’ora che questo sole, arrogante e malato, se ne vada via e non si faccia rivedere con questo carico di fatica che ci impone, ma intanto il caldo, nonostante l’ora, è in risalita e non accenna a diminuire.

Non ci sono le scie stasera” mi facevano notare, tentando di dimostrarmi le mie superstizioni “vedi non ci sono!!”

Si questa sera c’è la nebbia chimica, non so cosa sia meglio! Non so cosa gradire di più, quale delle due ci fa meno male!

Intanto, guarda caso, oggi ci siamo incontrate in tre persone tutte con gli stessi sintomi di un forte, grosso e persistente male alla fascia finale della schiena, da vedere le stelle in ogni posizione, capace di durare quasi una settimana.

Da tempo i nostri poveri corpi fisici sono allo stremo: tutti abbiamo le gambe gonfie, la gola irritata, gli occhi che bruciano e respiriamo a fatica; ogni cellula dei nostri corpi sente e sa che sta vivendo una stagione innaturale, che non ci riguarda, che non è nostra, che non ci fa bene e che non accenna a cambiare!

Ogni giorno, dal mese di Giugno in un andante in crescendo, caldo, sempre più caldo, senza un giorno di pioggia e aria sporca, sempre più pesante, secca e umida nello stesso tempo e, come una beffa, una strana arietta quasi freddina che si solleva dal nulla al primo accenno di formazione di nuvole e le dissolve in un attimo.

Il tanto decantato “riscaldamento globale” provocato dall’uomo, secondo la scienza ufficiale e quindi responsabile, sempre secondo le menzogne della scienza, di tutte le ondate di grandissimo caldo che abbiamo subito, in questa estate si è manifestato in tutta la sua potenza e persistenza.

Tutti si lamentano, molti sembra capiscano che sotto c’è qualcosa di strano, ma pare che solo noi, che abbiamo studiato la Bertell, insieme a qualche altro che bazzica la rete, siamo a conoscenza senza dubbi che le ondate di caldo persisteranno fino a quando i padroni del clima non si decideranno a spegnare i riscaldatori ionosferici, perché la CO2, sporca ma non riscalda! Abbiamo il pianeta disseminato di riscaldatori ionosferici che sparano enormi quantità di energia sulla ionosfera, riscaldandola e mantenendo intrappolato questo calore dalla cappa chimica che ci garantiscono costante ogni giorno e ogni notte tramite le scie. 

E le nostre attività sarebbero responsabili dei 40° o la natura si sarebbe rivoluzionata di sua spontanea iniziativa trattandoci da paese Africano!

Questa obbligata osservazione metereologica estiva mi aveva portato a scrivere il giorno 7 Agosto 2017, “… giorno memorabile e storico: si può di nuovo respirare!!

Ripercorro la cronistoria del mio soggiorno montano di questa estate: l’app. che registra le mie camminate è drammaticamente terminata il giorno 23 Luglio, quando ho percorso gli ultimi 5,32 km, poi basta.

Perché? 

Basta guardarsi intorno ed è tutto chiaro, tutto evidente sotto gli occhi: il cielo sempre più grigio, l’aria calda, umida sempre più irrespirabile, la temperatura sale di qualche grado ogni giorno e non scende nemmeno di notte.

Non un alito di vento, non una goccia di acqua, da mesi! 

Stesse temperature da zero a 1500 m sul livello del mare, stesse temperature di giorno come di notte: sotto una campana di vetro, dentro a un forno a microonde + 35°+ 36°+ 37° fino a 40°, giorno e notte, hanno testato il nostro livello di sopravvivenza!

Quindici giorni consecutivi senza il minimo cambiamento se non in salita: davvero una grande programmazione, grazie geoingegneria!!”

Quel 7 agosto sembrava fosse cambiato qualcosa, ma il risultato è rimasto identico, probabilmente hanno cambiato brevetto, adottando la strategia del venticello che dal nulla appare per dissolvere ogni ipotesi di acqua alla terra e la “siccità procede indisturbata, è salva e garantita”.

Grazie di nuovo Geoingegneria, grazie a voi geo-ingegneri che assetate la terra e distruggete gli alberi; se noi, uomini incominciamo a stare abbastanza male, la natura sta molto peggio di noi ed è uno strazio vedere quanto sofferenza e quanto male riusciamo ad infliggere alla fonte principale della nostra ricchezza e della nostra salute! 

Chissà quali grandi affari pensate di inseguire, quali grandi vantaggi, quale ricchezza da tanta irragionevole distruzione!

Dovremmo incominciare a capire, che se non c’è logica alcuna, c’è però un enorme piacere!

Qualcuno è proprio soddisfatto di quello che fa e gioca a tirare la corda un tantino sempre di più per vedere l’effetto che fa. Quello che più mi dispiace è la consapevolezza che il loro divertimento è doppio, avendo a che fare con la nostra umanità rammollita, che forse è meglio definire rincretinita.

Hanno disegnato per noi un futuro raccapricciante, che di fatto non ci viene nascosto, al contrario ci viene proposto di continuo e verso il quale siamo perennemente sospinti con varie modalità, che noi semplicemente accettiamo, diventando i principali autori della nostra autodistruzione. 

Guardando un film o mangiando delle schifezze industriali, vaccinando i nostri figli o pagando delle tasse da cretini noi realizziamo il non futuro che qualcuno ha deciso per noi e siamo di fatto noi i primi distruttori della nostra civiltà

Questo “noi” ormai ha bisogno di essere meglio definito: noi chi?

Dentro questo “noi” di fatto c’è il popolo che subisce e che tenta disperatamente di vivere in condizioni sempre più svantaggiate, non solo per la crisi economica, ma anche per la crisi climatica, alimentare, sanitaria, sociale e chi più ne ha, più ne può mettere. 

Popolo che subisce, ma che spesso e volentieri agisce contro se stesso e i propri interessi. Il contadino che utilizza in agricoltura pesticidi e fertilizzanti chimici o il genitore che non si informa e delega alla ASL la salute del proprio figlio, la casalinga che compra al supermercato, il giornalista che disinforma, il medico che si adagia o accetta i suggerimenti delle multinazionali, il politico che lavora per la propria carriera, di fatto siamo tutti noi che da popolo ingannato, ci trasformiamo in ingannatori, da corrotti a corruttori, da vittime a carnefici. 

Dentro questa barca che affonda sempre di più ci siamo tutti, perché non riusciamo a distinguere e a vedere il ruolo della nostra collaborazione, ma in alto ci sono loro, alcuni, pochi, brutti volti, anche conosciuti, a capo del potere finanziario con in mano le redini del caos che vanno producendo! 

Buttano a perdizione banconote che rovesciano Stati sovrani, trasferiscono popoli, infangano verità e giustizia, ridono dell’onestà, corrompono ogni cosa che toccano, disprezzano il bene e godono un casino della distruzione del mondo che stanno effettuando giorno dopo giorno, ora dopo ora. E’ il loro momento, sono arrivati alla fine dei loro giochi e se li giocano tutti. 

Ci dovrebbe essere ormai sufficientemente chiaro che ci hanno dichiarato GUERRA! Dovremmo riuscire a capirlo! 

La guerra ha cambiato strategia, dice il generale Mini nei suoi scritti, le guerre di ultima generazione non debbono essere percepite come tali, per cui non saranno mai dichiarate ufficialmente, ma soltanto sferrate concretamente, tenendosi nascosti dietro le maschere che via via fanno più comodo e riescono a reggere il gioco: “esportare la pace” “combattere il terrorismo” “distrarre le masse con tutti i mezzi possibili” “creare finte problematiche per poi poter offrire la soluzione” e altre mille quotidiane strategie che incidono sulla sicurezza, sulla tranquillità, sul benessere, sull’equilibrio, creando caos, destabilizzazione, paura, confusione, immobilismo e depressione. Il fatto che siano scatenate non da nazioni che vogliono la supremazia o da alleanze territoriali, come succedeva una volta, ma da gruppi di potere, famiglie, che noi stupidamente consideriamo, “importanti” non fa differenza: sempre guerra è. 

Articolo pubblicato su Guardforangels

L’articolo continua su: primapaginadiyvs.it

Fonte: ilnuovomondodanielereale.blogspot.it 

Tratto da: primapaginadiyvs.i

Articoli correlati: Pianeta Terra: L’Ultima Arma da Guerra

                                       TUTTE LE COSE SONO COLLEGATE