Archivi tag: riscaldamento globale

E … nessuno dice niente …

 La cancelliera Merkel dovrebbe avvertire la popolazione del “rapido” Spostamento dei Poli

“Forse l’inversione dei poli è già iniziato. Un’indicazione per questo è che il campo magnetico terrestre è diminuito del dieci percento dall’inizio delle misurazioni 175 anni fa. Gli studi hanno anche dimostrato che nel corso del secolo scorso, il polo nord magnetico si è spostato di circa 1100 chilometri dall’Alaska verso la Siberia.” (Weather.com, 01.01.2018)

Uno non osava nemmeno scriverlo chiaramente. Ma dalle tue osservazioni sul Nord Atlantico, devi anche dire che lo spostamento del polo è iniziato da tempo. Si prega di leggere prima: “I ricercatori sono sicuri: lo spostamento dei poli è imminente” – visione d’insieme (al 25.04.2019)

I drammatici cambiamenti nel Nord Atlantico sono stati documentati qui su questo blog per circa due anni: vedi la sezione “Danger Polp Jump”. Cf questo è al momento: Uno lamenta: il 75% della superficie terrestre è cambiato e il 93% del fiume ricostruito/aspirato. “Clima” comprese le Nazioni Unite e il Nord Atlantico in un’immersione.

La cancelliera Merkel tace su questo “movimento del polo”, descritto dalla scienza come “rapido”. Ciò li renderebbe punibili omettendo in caso di emergenza. Ma in un’emergenza, cioè un collasso del campo magnetico terrestre, sarebbe probabilmente troppo tardi per cercare persone responsabili:

“Se i segni di un’inversione sono corretti, parti della terra potrebbero diventare inabitabili, dice l’astronomo. Dal momento che il campo magnetico terrestre potrebbe radunare solo un decimo del suo effetto protettivo. Gli abitanti di alcune parti del mondo sarebbero esposti alle radiazioni cosmiche non protetti”(Focus Online, 06.02.2018)

Il pubblico è disponibile a contattare il Cancelliere per chiedere perché questo tace. Uno dovrebbe citare in giudizio il governo federale per informazioni. Ma dovresti rivolgermi ai tribunali. Ciò non avrebbe successo, dal momento che Richter è indipendente nella sua mente come Dr. Merkel stessa (vedi l’ultimo contributo al problema delle “logge”).

Quasi l’intera “lobby climatica” è coinvolta in questa “omissione”. Non solo l’Agenzia federale dell’ambiente e “Greenpeace & Co”. Ad esempio, l’Istituto di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico (PIK) sotto la guida del Prof. Ottmar Edenhofer e del Prof. Johan Rockström non dice una parola sul “rapido” Spostamento dei Poli. Ma dipinge pappagalli colorati dipinge scenari cupi sul muro e lo spinge a un cosiddetto “riscaldamento globale”. Allo stesso tempo, riconosce che ci sarebbe una “eccezione interessante”. Dagli anni ’30, il subpolar nord atlantico si raffredda. Il 2015 sarebbe stato l’anno più freddo da quando sono iniziate le registrazioni. Il Polo Nord magnetico e il Nord Atlantico subpolare probabilmente si uniscono. Eppure questo istituto non menziona il problema con il Magnetic North Pole (NP). E questo nonostante il fatto che i dati ufficiali NOAA sulla posizione del NP siano ora in uno stato esponenziale forte.

Fonte: http://www.sauberer-himmel.de/ 

®wld

Omissioni

Il movimento popolare per il clima. Nessuna menzione alla guerra

di Prof Michel Chossudovsky

Mentre milioni di persone in tutto il mondo protesteranno il 15 marzo sotto la bandiera del “riscaldamento globale”, le guerre di oggi tra cui Siria, Yemen, Iraq, Afghanistan, Venezuela non sono menzionate.

Né sono i pericoli di una terza guerra mondiale che minaccia il futuro dell’umanità.

Il riscaldamento globale oscura i pericoli della guerra nucleare. Secondo i media, il programma di Trump sulle armi nucleari da 1,2 miliardi di dollari “rende il mondo più sicuro”.

Mentre Lavoro e Giustizia fanno parte della campagna a fianco del clima, la questione della povertà e della disoccupazione mondiale risultante dall’imposizione di riforme neoliberali viene sviata. 

A metà marzo 2019: ci sono continue minacce militari contro Venezuela e Iran.

Una guerra sponsorizzata dagli Stati Uniti è prevista per il marzo 2019?

È una questione che dovrebbe essere oggetto di un movimento di protesta mondiale?

L’attacco cibernetico alla rete elettrica venezuelana che colpisce fino all’80% del paese costituisce di fatto un atto di guerra.

Il 10 marzo, Washington ha confermato l’intenzione di portare avanti il ​​cambio di regime in Venezuela. Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti di appropriarsi di mezzo miliardo di dollari “per ripristinare l’economia della nazione venezuelana (sic) (e) aiutare Juan Guaido”. Di fatto, questa affermazione dovrebbe essere interpretata come una “dichiarazione di guerra”.

Il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton e il segretario di Stato Mike Pompeo avevano precedentemente confermato la loro intenzione di dichiarare guerra all’Iran.

Sfortunatamente, questi piani di guerra sembrano essere stati oscurati da una campagna molto pubblicizzata contro il riscaldamento globale.

Mentre il clima, il lavoro e la giustizia sono menzionati, la parola “pace” viene casualmente omessa. 

Non è troppo tardi per rettificare: DIRE NO ALLA GUERRA il 15 marzo 

La nostra proposta è che il 15 marzo, questa campagna ambientale mondiale incarnerà insieme alle questioni del clima, un fermo impegno contro le guerre guidate dagli Stati Uniti e le politiche neoliberali che contribuiscono a impoverire le persone in tutto il mondo.

Inoltre, il Movimento del Popolo per il Clima dovrebbe prendere posizione contro il dispiegamento dell’apparato di polizia contro coloro che chiedono lavoro e giustizia incluso il movimento delle Maglie Gialle.

Inutile dire che dovrebbero essere affrontati anche gli impatti ambientali delle guerre guidate dagli Stati Uniti e dalla NATO.

Mentre il cambiamento climatico è una preoccupazione legittima, perché questi movimenti di protesta si limitano al riscaldamento globale? La risposta è che molte delle principali organizzazioni coinvolte sono generosamente finanziate dalle fondazioni di Wall Street e dagli enti di beneficenza aziendali, compresi i Rockefeller, Tides, Soros, Et al.

La fonte originale di questo articolo è Global Research

Copyright © Prof Michel Chossudovsky, Global Research, 2019

®wld

Lo Stato Profondo – New Manhattan Project (quinta parte)

Il Consiglio per le relazioni estere 

Contributo di Peter A. Kirby 

Waking Times

Insieme all’operazione Paperclip Nazis, un altro gruppo inestricabilmente intrecciato con i più probabili manager dell’attuale New York Project (la CIA) è il Council on Foreign Relations (CFR). Hanno continuato all’infinito sulla necessità di spruzzarci enormi quantità di materiale dagli aerei. Siamo anche interessati al CFR perché nel 2016, l’ex direttore della CIA John ‘Stratospheric Aerosol Injection’, Brennan era famoso per la geoingegneria nel quartier generale di Manhattan, noto come Pratt House. Subito dopo questa sezione, avremo di più sull’enigmatico Mr. Brennan, ma nel frattempo daremo un’occhiata al CFR e al loro ruolo nel Progetto New Manhattan.

Il Council on Foreign Relations ha due scopi. È allo stesso tempo un think-tank globalista e un portavoce dell’establishment. La maggior parte degli altri think tank di alto profilo non sono così vocali. Il CFR gode di un rapporto estremamente accogliente non solo con il Dipartimento di Stato americano, ma anche con la CIA. Con una frequenza allarmante, le idee emanate dal CFR diventano la politica ufficiale del governo degli Stati Uniti. Il CFR è il volto pubblico della profonda lobby di stato sul nostro governo.

Il CFR è stato costituito al fine di influenzare l’opinione pubblica. James Perloff, nel suo libro The Shadows of Power racconta la storia:

Ben prima del voto del Senato sulla ratifica, notizie della sua resistenza alla Società delle Nazioni raggiunsero il Colonnello [Edward] House, membri dell’Inquisiry e altri internazionalisti statunitensi riuniti a Parigi. Era chiaro che l’America non avrebbe aderito al regno del governo mondiale se non si fosse fatto qualcosa per cambiare il suo clima di opinione. Sotto la direzione di House, questi uomini, insieme ad alcuni membri della delegazione britannica alla Conferenza, organizzarono una serie di incontri. Il 30 maggio 1919, durante una cena al Majestic Hotel, fu deciso di formare un “Istituto per gli affari internazionali”. Avrebbe due rami: uno negli Stati Uniti e uno in Inghilterra.

Il ramo americano è stato incorporato a New York come Council on Foreign Relations il 29 luglio 1921.

Ancora una volta, Allen Dulles e il suo fratello più famoso John Foster Dulles si presentano. I fratelli Dulles erano tra un piccolo gruppo di persone influenti e facoltose che fondarono il CFR. John Foster Dulles è stato uno dei membri fondatori del CFR e regolarmente ha contribuito con articoli alla sua pubblicazione più diffusa chiamata Foreign Affairs a partire dal primo numero. Nel 1926 Allen Dulles si unì al CFR e nel 1927 fu eletto primo presidente del Council on Foreign Relations.

Dalla sua stanza insonorizzata a Pratt House, Allen Dulles esercitava un tremendo potere. David Talbot, autore di The Devil’s Chessboard, scrive:

Quando si trattava di intraprendere missioni segrete, Allen Dulles era un attore audace e deciso. Ma ha agito solo dopo aver sentito che era stato raggiunto un consenso all’interno della sua rete influente. Una delle principali arene in cui questo consenso prese forma fu il Council on Foreign Relations. I fratelli Dulles e il loro circolo di Wall Street avevano dominato questo bastione privato per plasmare la politica pubblica sin dagli anni ’20. Nel corso degli anni, le riunioni del CFR, i gruppi di studio e le pubblicazioni hanno fornito forum in cui i principali membri dell’organizzazione, compresi i banchieri e gli avvocati di Wall Street, i politici di spicco, i dirigenti dei media e i dignitari accademici, hanno approfondito le principali linee guida degli Stati Uniti.

Talbot continua: “Se il CFR era il cervello dell’elite di potere, la CIA era il suo pugno nero-guantato.”

Molti membri del CFR hanno collegamenti documentati con il Progetto New Manhattan. Questi membri includono: Glenn Seaborg, Alfred Lee Loomis, James Killian, Harlan Cleveland, James Conant, Lauchlin Currie, Arthur Schlesinger, Jr., Jerome Wiesner, Marina di Neumann Whitman, John Deutch e Frank Wisner.

Boeing, Raytheon e General Electric sono (o sono stati) membri corporativi del Consiglio. Cinque dei direttori di GE e tre di Boeing sono stati direttori di CFR. Queste sono tutte società collegate all’NMP.

A partire dal 1990, il Consiglio ha iniziato a organizzare gruppi di studio e discussione dedicati al tema dei cambiamenti climatici e da allora ha pubblicato numerose pubblicazioni sul Solar Radiation Management (SRM) che prevedono la spruzzatura di sostanze dagli aerei per fermare la temuta CIA riscaldamento globale.

Nel 2004, il membro del CFR M. Granger Morgan ha collaborato con il top geoingegner Ken Caldeira e altri sei autori per produrre un documento intitolato “Un portafoglio di opzioni di gestione del carbonio”. In esso, sostengono la geoingegneria del clima terrestre con gli aerosol stratosferici.

Nel 2008 il membro del CFR David G. Victor ha pubblicato un pezzo intitolato “Sulla regolamentazione della geoingegneria” in cui sostiene la creazione di un quadro internazionale di leggi relative alla geoingegneria.

Sempre nel 2008, il CFR ha pubblicato un rapporto dal titolo “Affrontare il cambiamento climatico: una strategia per la politica estera degli Stati Uniti: relazione di una task force indipendente”. In esso, discutono, “iniettando aerosol riflettenti nell’atmosfera”.

Il 2008 è stato un grande anno per la geoingegneria al Consiglio. Oltre ai due documenti sopra riportati, nel 2008 il CFR ha pubblicato un documento dal titolo “Unilateral Geoingegner: note informative non tecniche per un seminario al Council on Foreign Relations”. In questo documento, gli autori propongono di spruzzare polvere di ossido di alluminio nel stratosfera.

Tra gli altri articoli successivi sul riscaldamento globale e il cambiamento climatico, i membri del CFR David G. Victor, M. Granger Morgan, Jay Apt, John Steinbruner (1942-2015) e Katharine Ricke hanno scritto un pezzo pubblicato nel 2009 dal titolo di “The Opzione Geoingegnerizzazione”. Come si può intuire, in questo articolo gli autori temono che il monger sui cambiamenti climatici suggerisca che dovremmo “lanciare particelle riflettenti nell’atmosfera” per salvarci da esso. Gli autori sono piuttosto insistenti, scrivendo:

“I governi dovrebbero iniziare immediatamente a intraprendere una seria ricerca sulla geoingegneria e contribuire a creare norme internazionali che ne regolino l’uso”. 

Rari in tale propaganda, gli autori notano anche che la geoingegneria non è una nuova idea e rimanda al Documento presidenziale del 1965 “Ripristinare la qualità del nostro ambiente” tra gli altri primi sviluppi. Il pezzo, naturalmente, poi ritorna alla paura del mongering, poi a ridicolizzare l’opposizione, poi, infine, a ribadire la sua tesi psicotica.

Fine quinta parte (QUI la quarta parte).

Link dell’intero articolo QUI

®wld

Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

 

Come distruggere l’ambiente” – MacDonald’s Progetto Planetario per una Guerra Geofisica

Di Peter A. Kirby 

La guerra geofisica è un vasto argomento con esempi storici che risalgono all’antica storia umana. Oggi sembra essere la spinta principale di tutte le tecnologie militari più all’avanguardia. Anche se le forze armate di oggi la stanno costantemente coinvolgendo e vengono quotidianamente usate contro la nostra popolazione domestica, la maggior parte delle informazioni relative alla guerra geofisica rimane classificata. Nonostante ciò, è emerso un bel po’ di buone informazioni. 

Nel canone della letteratura pubblicamente disponibile relativa alla guerra geofisica (almeno per quanto riguarda la pura ostentazione), tra tutti gli altri spicca un esempio. Parla all’uso di energia elettromagnetica diretta nella guerra geofisica con un’enfasi sulle modifiche del clima e climatiche. Afferma anche la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria Solar Radiation Management (SRM). Questo è il motivo per cui il documento è così importante per l’odierna New Manhattan Project, che usa particelle disperse e energia elettromagnetica diretta per modificare il clima e la climatologia. 

Il documento in questione è del Dr. Gordon James Fraser MacDonald’s (1929-2002), giustamente intitolato saggio del 1968 “How to Wreck the Environment”. Appariva come un capitolo di un libro del 1968 intitolato A meno che non Venga la Pace

Il documento si distingue anche per il fatto che l’autore era uno scienziato molto capace, prominente e rispettato.

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald 

L’autore è venuto a conoscenza di MacDonald e del suo lavoro nel contesto del progetto New Manhattan. Sembra che fosse lo scienziato che per primo ha cristallizzato questo sforzo in un progetto globale che prende in considerazione non solo il tempo che sperimentiamo quaggiù nel livello più basso dell’atmosfera conosciuto come la troposfera, ma piuttosto qualcosa che prende in considerazione: tutti gli aspetti geofisici Terrestri, l’atmosfera inferiore e superiore della Terra, la luna, il sole, tutto tra il sole e la Terra, altri pianeti nel nostro sistema solare e lo spazio esterno. Tutte queste cose hanno vari gradi di effetti sul nostro clima troposferico quotidiano e MacDonald sembra essere stato lo scienziato che ha integrato questa nuova filosofia nel Progetto New Manhattan. Probabilmente è stato determinante nel rendere popolare il termine “tempo spaziale”.

 

Nel 1968 Gordon MacDonald era il direttore associato dell’Istituto di geofisica e fisica planetaria all’Università della California, a Los Angeles, nonché membro del Comitato consultivo scientifico del presidente Johnson. Questo è stato il comitato che ha prodotto il documento del 1965 intitolato “Ripristinare la qualità del nostro ambiente” che ha affermato la teoria del cambiamento climatico provocato dall’uomo e la tesi di geoingegneria SRM in quanto ha dato il primo mandato presidenziale al resto del governo per iniziare a prepararsi per cambiamento climatico catastrofico causato dall’uomo. MacDonald era un co-autore. 

MacDonald era uno scienziato capo della Mitre Corporation, serviva nel loro consiglio di amministrazione e in seguito divenne un fiduciario. Questo è significativo perché le prove suggeriscono che la Mitre Corporation è il gestore operativo di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project.  

MacDonald è stato profondamente coinvolto nelle modifiche meteorologiche e nelle scienze atmosferiche. Conosceva bene il famoso scienziato del progetto di Manhattan James Conant. Conosceva Edward Teller e Bernard Vonnegut e lavorava con molti altri scienziati associati al NMP. Ha lavorato per l’istituto Carnegie e la NASA; due organizzazioni con ampi legami con il NMP. Fu coinvolto nelle operazioni di produzione di acqua durante la guerra nel nord del Vietnam. Ha conseguito il dottorato in geologia ad Harvard, insegnato geofisica al Massachusetts Institute of Technology e ha contribuito alla creazione dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente. E’ stato membro di una serie di comitati di modifica meteorologica di alto livello e un membro molto attivo del gruppo segreto di Jason. Il suo pedigree per la partecipazione al New Manhattan Project non era secondo a nessuno.  

MacDonald ha anche presieduto il Comitato MEDEA dell’Agenzia di intelligence centrale, che era stato concepito dall’ex vicepresidente Al Gore. “Presunto” perché è difficile immaginare che qualcosa sia il frutto dell’ingegno di Al Gore. Ti ricordi come ha inventato anche Internet? Tuttavia, il comitato MEDEA (Misurazioni di dati terrestri per l’analisi ambientale) esisteva tra il 1992 e il 2001 e utilizzava i dati raccolti dai satelliti allo scopo di risolvere i problemi ambientali della Terra. Apparentemente la soluzione ai nostri problemi riguarda l’irrorazione di megatoni di rifiuti tossici da aerei superpetrolieri.  

Il coinvolgimento di Al Gore qui è pertinente perché è il più prominente sostenitore della teoria del riscaldamento globale provocato dall’uomo, che ha così tanta rilevanza per la guerra geofisica e il Progetto New Manhattan. Infatti, MacDonald e Gore hanno lavorato insieme per portarci una “tassa sul carbonio”. MacDonald ha testimoniato prima di una commissione per l’energia del Senato del 1987 su come avrebbe funzionato una simile tassa. 

L’antica Geoingegneria 

Per mettere tutto questo in un contesto, torniamo ad alcuni dei primi esempi registrati di guerra geofisica. Non esamineremo tutti gli esempi registrati di guerra geofisica dai tempi antichi al 1968. Sarebbe nell’ordine di un grande libro. Qui daremo una breve occhiata ad alcuni dei primi esempi per illustrare la pervasività e l’efficacia della guerra geofisica. Poi, nella prossima sezione, faremo un rapido ritorno alla pièce de resiste di MacDonald’s 1968. 

Nel 612 a.C., una forza combinata di medi, persiani e babilonesi apparentemente deviava un affluente del fiume Tigri per penetrare nella fortezza dell’antica città di Ninive. Nel suo libro di riferimento La storia del mondo antico: dai primi conti alla caduta di Roma, l’eminente storico Susan Wise Bauer scrive: “Un affluente del Tigri attraversava la città sotto le mura, fornendogli acqua e rendendo difficile assediare. Ma sembra probabile che gli assalitori abbiano costruito una diga per deviare la maggior parte del Tigri in città, portando via le fondamenta delle mura e abbattendole. “Continua Bauer,” Con i muri che si sbriciolano, i Babilonesi hanno preso d’assalto la città e l’hanno saccheggiata“. 

Poco dopo, nel 539 a.C., la guerra geofisica (nota anche come “geoingegneria”) fu utilizzata per penetrare nell’antica città di Babilonia. Ancora una volta furono i persiani, che questa volta causarono una mancanza d’acqua piuttosto che un’alluvione. Il re persiano Ciro il Grande fece cadere il livello del fiume Tigri in modo che le sue truppe potessero entrare nella città fortificata e devastarla. Bauer scrive: 

Ciro, rendendosi conto che ci sarebbero voluti mesi se non anni per affamare i difensori di una città così grande e ben rifornita, ha formato un altro piano. Xenophon [un antico storico greco] lo spiega: il Tigri, che scorreva attraverso il centro di Babilonia, era più profondo dell’altezza di due uomini. La città non poteva essere facilmente allagata, grazie ai rinforzi di Nabucodonosor, ma Ciro aveva in mente un’altra strategia. Aveva trincee scavate lungo tutto il Tigri, a monte della città, e durante una notte oscura fece aprire ai suoi uomini contemporaneamente tutte le trincee. Deviato lontano dal suo corso principale in molte direzioni, il livello del Tigri che scorreva attraverso la città affondò in una sola volta, tanto che i soldati persiani poterono marciare attraverso il fango del letto del fiume, sotto le mura della città. L’unità d’assalto principale saliva fuori dal letto del fiume all’interno della città di notte, coperta di fango, e incespicava per le strade, urlando come se fossero dei festaioli ubriachi, finché non raggiunsero il palazzo e la presero d’assalto … Le porte furono aperte dall’interno. Il resto dei Persiani entrò e la città cadde.

Alla fine del primo secolo, Erik il Rosso fu apparentemente costretto a lasciare la natia Norvegia dopo che i suoi seguaci uccisero il suo rivale facendo cadere una frana nella fattoria dell’uomo. 

Alcuni sforzi di guerra geofisica hanno avuto più successo di altri. Intorno al 1210, il mongolo Gengis Khan tentò di inondare il suo nemico con risultati disastrosi. Khan ei suoi uomini stavano tentando di allagare la città fortificata di Xia, capitale di Chung-hsing, danneggiando un vicino ramo del Fiume Giallo. Non ha funzionato. La diga mal costruita ha rotto e allagato invece il campo mongolo. Tanto per l’ingegneria mongola.  

Progetto di GJF MacDonald  

Ora che possiamo vedere tutto questo nel contesto, esaminiamo lo straordinario esemplare di MacDonald. Inizia il suo lavoro con:

Tra i mezzi futuri per ottenere gli obiettivi nazionali con la forza, una possibilità dipende dalla capacità dell’uomo di controllare e manipolare l’ambiente del suo pianeta. Una volta raggiunto, questo potere sul suo ambiente fornirà all’uomo una nuova forza in grado di fare danni grandi e indiscriminati. La nostra attuale comprensione primitiva dei cambiamenti ambientali deliberati rende difficile immaginare un mondo in cui si pratica la guerra geofisica. Un mondo del genere potrebbe essere quello in cui le armi nucleari sono state effettivamente bandite e le armi di distruzione di massa sono state quelle della catastrofe ambientale. In alternativa, posso immaginare un mondo di stabilità nucleare derivante dalla parità in tali armi, reso instabile dallo sviluppo di una nazione con una tecnologia avanzata in grado di modificare l’ambiente della Terra. O le armi geofisiche possono far parte dell’arsenale di ogni nazione. Come argomenterò, queste armi sono particolarmente adatte per guerre segrete o secretate. 

Ora parlando un po’ di geoingegneria! MacDonald continua: 

La chiave per la guerra geofisica è l’identificazione delle instabilità ambientali a cui l’aggiunta di una piccola quantità di energia rilascia enormi quantità di energia. L’instabilità ambientale è una situazione in cui la natura ha immagazzinato energia in una parte della Terra o in un ambiente molto superiore a quello che è normale. Per innescare questa instabilità, l’energia richiesta potrebbe essere introdotta violentemente da esplosioni o delicatamente da piccoli pezzi di materiale in grado di indurre cambiamenti rapidi agendo come catalizzatori o agenti nucleanti. Il meccanismo per lo stoccaggio di energia potrebbe essere l’accumulo di ceppo per centinaia di milioni di anni nella Terra solida, o il super-raffreddamento del vapore acqueo nell’atmosfera da parte di impianti di risalita che si svolgono nell’arco di alcune decine di minuti. Gli effetti del rilascio di questa energia potrebbero essere in tutto il mondo, come nel caso di cambiamenti climatici o regionali, come nel caso di terremoti localmente eccitati o precipitazioni maggiori. 

MacDonald qui, sta scrivendo sul cosiddetto ‘effetto farfalla’. L’idea che un intervento climatico relativamente piccolo possa avere un effetto tremendo sul tempo in seguito è centrale per il Progetto New Manhattan ed è stato ripetuto molte volte. 

Successivamente, sotto il titolo di “Weather Modification”, MacDonald fa i frequenti confronti tra il potere delle tempeste e delle bombe atomiche, scrivendo: “Le quantità di energia coinvolte nei sistemi meteorologici superano di un considerevole margine la quantità di energia sotto il diretto controllo dell’uomo. “Questo è sufficiente per far sì che un drogato paranoico medio cominci a sbavare. 

MacDonald ripercorre poi la fisica dell’atmosfera in relazione ad alcune evidenti attività di modifica del clima. Come in questa parte, gran parte del pezzo di MacDonald è puro punto di discussione e disinformazione della CIA (Central Intelligence Agency). L’autore ha visto questi tipi di escrementi della CIA centinaia di volte. Dopotutto, come accennato in precedenza, MacDonald era un seguace della CIA. Non solo è stato presidente del loro summenzionato Comitato MEDEA, ma è anche stato il collegamento della CIA con il suddetto gruppo Jason. 

MacDonald non usa mezzi termini quando suggerisce che un uragano potrebbe essere usato come arma. Egli scrive che “un uragano controllato potrebbe essere usato come arma per terrorizzare gli avversari su parti sostanziali del mondo popolato”. Sì! Amavano questo nel Pentagono! MacDonald sicuramente li amava anche lui. 

Sotto il prossimo titolo di “Climate Modification”, MacDonald ripassa alcune nozioni di base della fisica atmosferica, quindi afferma la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi della geoingegneria Solar Radiation Management che prevede la dispersione della luce solare nello spazio con l’uso di particelle atmosferiche disperse. Questo, afferma MacDonald, può salvarci dal temuto riscaldamento globale catastrofico. Per fare questo, MacDonald suggerisce di usare razzi, non aeroplani, ma l’idea è la stessa. Questo è ciò che fanno tutti i geoingegneri; affermano la teoria del riscaldamento globale artificiale e la tesi di geoingegneria SRM. Direttamente dallo stabilimento, hanno la soluzione per il loro presunto problema. Ti costerà solo un po’ di soldi. Ricorda la Mano Nera che dice a un negoziante locale che, a meno che non paghi, il suo edificio potrebbe bruciare. 

Quindi suggerisce che la creazione di un buco nello strato di ozono della Terra potrebbe essere un’arma efficace che potrebbe essere “fatale per tutta la vita”. Interessante. Superando anche quello, allora ipotizza che l’uomo possa progettare il sole. Scrive che “tecniche avanzate per lanciare missili e scatenare grandi esplosioni” potrebbe fare la differenza. Poi si inizia a usare esplosioni di bombe atomiche per far scivolare le calotte polari nell’oceano, provocando così una tremenda ondata di marea. A completare la cavalcata della pazza scienza di MacDonald, l’autore scrive (tra le altre cose) di bombe nucleari utilizzate per innescare terremoti, che a loro volta potrebbero creare maremoti che sarebbero “catastrofici per qualsiasi nazione costiera”.  

Dopo aver ipotizzato che i fulmini potrebbero essere geoingegnerizzati, MacDonald scrive anche di usare l’atmosfera terrestre come mezzo di trasmissione per l’emissione di frequenze elettromagnetiche in grado di alterare la mente umana. Citando alcune delle ricerche attuali dell’epoca, osserva che questo tipo di attività potrebbe “seriamente compromettere le prestazioni cerebrali in popolazioni molto vaste in regioni selezionate per un periodo prolungato”. Scrive che “la perturbazione dell’ambiente può produrre cambiamenti in modelli di comportamento. “A completamento di questa sezione, afferma coraggiosamente che “non importa quanto profondamente inquietante sia il pensiero di utilizzare l’ambiente per manipolare il comportamento a vantaggio nazionale, la tecnologia che consente tale utilizzo molto probabilmente si svilupperà nei prossimi decenni.”  

Verso la fine, MacDonald scrive: 

Le carenze sia nella comprensione di base dei processi fisici nell’ambiente sia nella tecnologia dei cambiamenti ambientali rendono altamente improbabile che la modifica ambientale sia un sistema di armi attraente in qualsiasi confronto militare diretto nel prossimo futuro. L’uomo possiede già strumenti altamente efficaci per la distruzione. Alla fine, tuttavia, si può usare un mezzo diverso dalla guerra aperta per ottenere un vantaggio nazionale. Poiché la competizione economica tra molte nazioni avanzate aumenta, potrebbe essere il vantaggio di un paese garantire un ambiente naturale tranquillo per sé e un ambiente disturbato per i suoi concorrenti. Le operazioni che producono tali condizioni potrebbero essere eseguite di nascosto, dal momento che la grande irregolarità della natura consente tempeste, inondazioni, siccità, terremoti e maremoti di essere considerati insoliti ma non inaspettati. Una tale “guerra segreta” non deve mai essere dichiarata o persino conosciuta dalle popolazioni colpite. Potrebbe andare avanti per anni con solo le forze di sicurezza coinvolte che ne sono consapevoli. Gli anni della siccità e della tempesta sarebbero stati attribuiti alla natura scortese e solo dopo che una nazione fosse stata completamente prosciugata, si sarebbe tentato un rilevamento armato. 

Il paragrafo precedente riguarda l’uso della guerra geofisica contro i nemici stranieri. Nella sua ultima frase, MacDonald suggerisce che queste tecnologie potrebbero essere utilizzate a livello nazionale. Egli scrive che le questioni politiche derivanti dall’uso delle tecnologie di guerra geofisica “meritano considerazione da parte di studenti seri in tutto il mondo se la società deve vivere comodamente in un ambiente controllato”.   

Le profezie di MacDonald si sono avverate.  

Gordon JF ‘Come distruggere l’ambiente’ MacDonald è, con tutte le indicazioni, insieme a Teller, Vonnegut e altri, una delle chiavi di tutti gli aspetti scientifici dell’attuale New Manhattan Project. MacDonald potrebbe essere il più importante a causa del modo in cui apparentemente ha riunito tutto.  

Gli appunti:

“Come distruggere l’ambiente”, un saggio di Gordon James Fraser MacDonald come apparso nel libro del 1968 Unless Peace Comes, a cura di Nigel Calder, pubblicato da Viking Books, 1968  

Chemtrails Exposed: un New Manhattan Project, un libro di Peter A. Kirby, auto-pubblicato, 2016  

La storia del mondo antico: dai primi racconti alla caduta di Roma, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2007 

La storia del mondo medievale: dalla conversione di Costantino alla prima crociata, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2010 

La storia del mondo rinascimentale: dalla riscoperta di Aristotele alla conquista di Costantinopoli, un libro di Susan Wise Bauer, pubblicato da WW Norton, 2013 

Peter A. Kirby è un ricercatore, scrittore e attivista di San Rafael, CA. Si prega di acquistare il suo libro Chemtrails Exposed: un progetto New Manhattan disponibile esclusivamente su Amazon. 

Il suo prossimo grande articolo “Chemtrails Exposed: The Deep State e il New Manhattan Project” è l’informazione che stavate aspettando e dovrebbe essere pubblicata probabilmente all’inizio del 2019. Per essere tra i primi a sapere, per favore iscrivetevi alla sua mailing list sul suo sito Web peterakirby.com 

Fonte:https://www.activistpost.com/  

®wld

Tecnocrazia = la Scienza dell’Ingegneria Sociale

Dr. Tim Ball: Perché le persone continuano a credere alla bufala del riscaldamento globale

Scritto da: Dr. Tim Ball, 30 ottobre 2018

La tecnocrazia è definita come “la scienza dell’ingegneria sociale”, che non è affatto scienza. L’uso della “scienza” come strumento per la manipolazione sociale confonde completamente la maggior parte delle persone fino a quando non comprendono il motivo dietro l’inganno. ⁃ Editor TN  

È difficile convincere la gente che la scienza dietro l’affermazione del riscaldamento globale causato dall’uomo è sbagliata. I tecnocrati hanno sviluppato termini e termini tecnici propri per proteggere il loro controllo sulle informazioni; far pagare alle persone un prezzo più alto per i loro servizi; per garantire che rimangano inspiegabili per le loro azioni. Le tre cause intentate mi hanno impedito di spiegare la loro scienza in modi che il pubblico potesse comprendere, e tutti provenivano da membri tecnocratici del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC). Dopo aver convinto con successo le persone sull’uso ingannevole della scienza, affronti un problema più difficile. Devi spiegare il motivo a persone che non possono credere che gli scienziati corrompono la scienza, la usano per un’agenda politica, o che alcune persone possono ingannare il mondo.

Sono trascorsi 28 anni da quando Channel 4 nel Regno Unito ha prodotto The Greenhouse Conspiracy. Ha coperto tutte le cose che erano sbagliate nella teoria AGW. Sono ancora validi, ma ora testati nel tempo. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone non capisce ancora in che modo smentisca la teoria, nonostante tutti gli sforzi per educare le persone sull’abuso della scienza. I tecnocrati burocratici, compresi quelli finanziati da loro, che hanno creato e promosso l’inganno, raramente rispondono alle sfide scientifiche. Perché preoccuparsi quando il pubblico non capisce? Tuttavia, rispondono quando discutete il motivo dietro le loro azioni.

Ci sono segnali che gli scettici stanno influenzando l’opinione pubblica, ma nel complesso poco è cambiato. Il pubblico è in uno schema di partecipazione. Sanno che qualcosa non va come si evince da una crescente sfiducia nei confronti della scienza in generale e della scienza del clima in particolare. Una citazione da un rapporto Pew Center spiega.

“Complessivamente, molte persone hanno opinioni scettiche sugli scienziati del clima e sugli scienziati degli alimenti geneticamente modificati; una parte più ampia esprime fiducia negli scienziati medici, ma anche in questo caso molti esprimono ciò che gli analisti del sondaggio definiscono una visione “morbida” positiva anziché positiva”.

Ciò conferma parzialmente il modello di partecipazione. Non sanno di chi fidarsi, quindi lo mettono da parte. Hanno paura di parlare di un argomento che non capiscono. Questo segue il consiglio di Mark Twain,

“È meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupida piuttosto che aprirla e rimuovere ogni dubbio.”

La figura 1 mostra il sondaggio del Pew Center sulle priorità pubbliche con “cambiamento climatico” 18 su 19.

Figura 1

La figura 2 mostra i risultati di un sondaggio delle Nazioni Unite di 10 milioni di persone in diversi paesi che rafforza la rivendicazione del modello di partecipazione. Il cambiamento climatico è 16 ° su 16.

 figura 2

Le persone sono in uno schema di partecipazione per altri motivi. Uno è il fallimento degli scettici a fornire una spiegazione alternativa. La risposta è il Sole, ma pochi scettici spiegano come e perché, perché la maggior parte non sono in grado.

La gente non può credere che un piccolo gruppo di persone possa ingannare il mondo, comunque, come osservò l’antropologa Margaret Mead,

“Non dubitare mai che un piccolo gruppo di cittadini premurosi e impegnati possa cambiare il mondo. In effetti, è l’unica cosa che abbia mai avuto.” 

Questa convinzione è un’estensione del detto che nessuna persona può cambiare il mondo. In realtà, è sempre una persona, per esempio, Hitler, Mao Zedong e Karl Marx. Sfortunatamente, è sempre peggio.

Un altro motivo per cui il pubblico non crede agli scettici è perché i tecnocrati marginalizzano effettivamente gli avversari come membri di gruppi marginali, come gli scettici del riscaldamento globale oi negatori del cambiamento climatico. Questi peggiorativi falliscono perché tutti gli scienziati sono scettici, e nessuno nega che i cambiamenti climatici: ciò che negano è che gli umani sono la causa. L’ultimo attacco finale è che sei un teorico della cospirazione. Funziona perché la maggior parte non ama un’associazione con perdenti o estremisti. La realtà è che si verificano cospirazioni, altrimenti, la parola non esisterebbe.

L’evoluzione e l’adattamento di questo come termine militare fu spiegato da un autore come segue.

“Teoria della cospirazione” è un termine che colpisce immediatamente la paura e l’ansia nei cuori di quasi tutti i personaggi pubblici, in particolare giornalisti e accademici. Dagli anni ’60 l’etichetta è diventata un dispositivo disciplinare che è stato straordinariamente efficace nel definire determinati eventi off limits alla ricerca o al dibattito”. 

Se accetti l’argomento della cospirazione, di solito ritieni che sia stato eseguito da un grande gruppo. Tuttavia, una definizione dissipa quel mito.

“Un accordo tra due o più persone per commettere un crimine o realizzare uno scopo legale attraverso un’azione illegale”.

Alcuni altri indicatori di reticenza pubblica includono

  • L’affermazione secondo cui le persone avrebbero reagito negativamente e violentemente al ritiro di Trump dall’accordo di Parigi si è rivelata falsa.
  • La sfiducia dei politici è ai minimi storici, specialmente negli Stati Uniti .
  • Le udienze di Kavanaugh erano così estreme da aprire gli occhi della gente.
  • Sono insensibili all’estremismo dei media. Anche FOX News ha “Tempo estremo” piuttosto che il semplice, il tempo. Le valutazioni pubbliche dei media sono ai minimi storici.

L’ultima ragione per cui le persone stanno guardando è che i perpetratori della falsa dichiarazione AGW avevano una scelta quando le prove contraddicevano le loro affermazioni e le loro previsioni. Ammetti che hanno sbagliato, o raddoppiano. Hanno scelto quest’ultimo. L’unica opzione allora è diventare più estremi in ogni modo, e ciò conferma solo ciò che il pubblico sospetta. Il ruolo degli estremisti è definire i limiti per la maggioranza, e funziona di nuovo come sempre.

Fonte https://www.technocracy.news/

®wld

Almanacco di ottobre 2018

chi ha fatto più debito pubblico

Riprendo da IcebergFinanza questa tabella. E ricordare che nel 1980, quando ancora vigeva il “matrimonio” fra Tesoro e Banca Centrale, il debito publico era sotto il 60% del Pil: il risparmio italiano finanziava se stesso, e la crescita del Pil. Nel 1981, non per legge bensì con un paio di lettere che si scambiarono privatamente il ministro del Tesoro (Andreatta) e il governatore di Bankitalia (Ciampi), quest’ultima cessò di acquistare i BOT che i “mercati” non assorbivano, come aveva fatto prima, in pratica cessandfo di calmierare gli interessi sul debito. 

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/ 

“La storia di una grande illusione” di William White 

Il secolo 19º è il secolo che vide la nascita delle vaccinazioni di massa, e con essa vide anche un feroce dibattito che prese forma, già allora, fra vaccinisti e anti-vaccinisti. Del gruppo dei secondi faceva parte lo scrittore William White, che nel 1885 – dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale in Inghilterra – scrisse il libro “The story of a Great Delusion” (La storia di una grande illusione). Quelli che seguono sono alcuni estratti dalla prefazione del libro. 

[Nota storica: prima della vaccinazione vera e propria, inventata dal medico inglese Edward Jenner, si praticava la variolizzazione, che consisteva nel contagiare direttamente le persone con una forma leggera di vaiolo tramite una escoriazione cutanea “arm to arm” (da un braccio all’altro), dalla persona già contagiata alla persona sana. Questa pratica sarebbe poi stata sostituita dall’inoculazione diretta del virus del vaiolo preso dalla mucca (da cui il termine “vaccino”)].

La storia di una grande illusione – di William White L’articolo continua QUI

Vaccinare ragazzi e nonni, o niente più esenzioni sul ticket?

Si chiama “vaccinazione universale”, e ha un sapore sinistramente orwelliano: negli Usa, prevede che siano immunizzati i neonati – ad appena 6 ore di vita – dal virus dell’epatite B, che si può contrarre solo per via sessuale o attraverso aghi infetti. «E’ pieno, infatti, di neonati che ad appena 6 ore dal parto vanno in giro a fare sesso o a iniettarsi eroina». Una garanzia: «I piccoli incorporano veleni che possono danneggiargli il cervello in modo anche irriversibile, non avendo ancora un sistema immunitario bilanciato». Massimo Mazzucco, ovvero: viaggio – virtuale, ma non troppo – nell’incubo che ha invaso di colpo la mente di milioni di italiani, dopo l’adozione del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale. «Prima, dei 4 vaccini obbligatori non parlava nessuno», ricorda Fabio Frabetti di “Border Nights”. «Poi, all’improvviso, le vaccinazioni divenute improvvisamente obbligatorie (in prima battuta addirittura 12, e senza alcuna emergenza sanitaria in corso) sono state recepite come un fatto fisiologico, quasi naturale, al quale semplicemente arrendersi». Fino al delirio che ora sembra contagiare lo stesso governo gialloverde: lungi dall’abrogare la filosofia della legge Lorenzin, il grillino Stefano Patuanelli sta lavorando a un decreto legge che, si dice, potrebbe anche sfociare in qualcosa di persino peggiore: per esempio, l’obbligo vaccinale esteso agli anziani, pena la perdita dell’esenzione dai ticket sanitari.L’articolo continua QUI

SCIE CHIMICHE E TUMORI A TERNI – “L’INDAGINE SENTIERI”  

Di: Errante

Il presente articolo non vuole mettere in dubbio l’esito dell’Indagine “SENTIERI”, ma vuole approfondire e tentare di fare chiarezza in un settore critico come Ambiente/Salute.

TERNICirca un mese fa a Terni è stata resa pubblica l’Indagine “SENTIERI”. Uno studio sull’incidenza di tumori e mortalità nelle età giovanili da 0 a 29 anni. L’indagine è stata eseguita su alcuni siti sensibili italiani, particolarmente soggetti ad inquinamento da industrie. Da sottolineare, come dice il documento, che alcune fonti sono sconosciute ma l’accusa è rivolta soprattutto contro l’impianto siderurgico che ha sede in città. Si parla di “eccessi”, ossia la differenza risultante dal confronto con la casistica nazionale. Quello che si sussurrava ora è noto a tutti, ufficialmente, importante rilevare come afferma il documento pubblico (link download), che si tratta della prima volta che lo studio è rivolto al settore dei giovani.

I risultati sono veramente tragici, tumori perfino nei feti, non vengono citati altri casi molto diffusi come Leucemie e Tumori della Tiroide; da 0 a 29 anni è in corso una strage. (Vedasi situazioni e casi analoghi in tutta Italia). L’articolo continua QUI

PIOGGIA DI FILAMENTI DAL CIELO

Il fenomeno alquanto strano si ripete da anni in molte zone del globo, ed anche in Italia. E proprio negli ultimi giorni pare intensificarsi. Segnalazioni arrivano soprattutto dall’Italia centrale. Molte persone hanno anche filmato la pioggia di tali filamenti, molto simili a ragnatele.

Mostriamo foto e analisi di uno tra i tanti casi. Un ingegnere elettronico voleva sapere di più e ha fatto eseguire una analisi a spese sue analizzando i campioni di questi filamenti per capire quanto meno l’origine e le cause, ed eventuali tossicità per l’uomo. I dati mostrano , come del resto altre volte, non sono stati ragni a depositare questi filamenti. Continua a leggere QUI

Ancora errori dell’IPCC sui cambiamenti climatici. Gli scienziati lo dimostrano

Pubblicato da Enzo Ragusa  

Di John Dale Dunn e Joseph Bast – 8 Ottobre 2018  

Oggi, il Gruppo Intergovernativo di esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) ha pubblicato una relazione speciale sui presunti impatti del “riscaldamento globale di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e dei relativi percorsi globali di emissione di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia di cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile e sforzi per sradicare la povertà”.

In concomitanza con la pubblicazione di questa pubblicazione, il Nongovernmental International Panel on Climate Change (NIPCC) ha pubblicato il 5 ottobre una bozza di Summary for Policymakers del quinto volume della serie “Climate Change Reconsidered”. Quel rapporto è disponibile online qui.

Le due relazioni raccontano storie drammaticamente diverse sulle cause e le conseguenze dei cambiamenti climatici. Si prevede che il rapporto dell’IPCC, denominato SP15, affermi che le emissioni di gas serra provocano un riscaldamento senza precedenti dell’atmosfera del pianeta, che è troppo tardi per evitare un riscaldamento di 1,5 °C rispetto ai livelli preindustriali e che nulla meno di una drastica riduzione dell’uso di combustibili fossili, forse persino un divieto assoluto imposto dalle Nazioni Unite, è necessario per prevenire una catastrofe globale. Continua a leggere QUI 

BARNARD SPIEGA LA DISRUPTION A TUTTI: COME FUNZIONA NEL CUORE.

Di Paolo Barnard

Prefazione fissa: cos’è la Disruption. Per Disruption oggi s’intende lo sconvolgimento, in positivo o in negativo, delle società e dell’economie portato dall’arrivo di nuove tecnologie dotate di una potenza mai vista dalla Storia umana. Il termine Disruption esprime il seguente concetto: tutto cambierà come mai visto prima, e nulla sarà più come prima. Ne consegue che, nel Terzo Millennio, non comprendere la Disruption equivale alla progressiva esclusione di Stati e individui da tutto, fra cui lavoro, produzione, salute, democrazia.

Non si può scrivere una piccola enciclopedia della Disruption iniziando a raccontare le cose che già, almeno di nome, sono sula bocca di tutti, come l’Artificial Intelligence, le App, la robotica, i super computer, la Blockchain o Big Data. Questo perché è fondamentale, prima, darvi lo strumento per capire cosa si nasconde dietro a tutto questo immane potere tecnologico, cioè proprio come fa a funzionare alla base. Infatti quasi nessuno lo sa.

Ogni singolo oggetto Digitale che oggi esiste, da quelli nella tasca del cittadino fino ai sistemi industriali e intercontinentali, deve la sua straordinaria capacità al seguente e davvero strano concetto:

Mucchi di elettroni sparati dentro a circuiti contando sull’alta… probabilità che si comporteranno come desiderato. Questo è il succo della grande scoperta chiamata Meccanica Quantistica. Senza di essa non esisterebbe il Digitale, né la Disruption.

A questo punto vi chiederete: la tech del futuro che già oggi domina il Pianeta sta in piedi su… calcoli di PROBABILITA’? Sembra una frase assurda, ma vi garantisco che è precisamente il modo in cui nell’essenza più profonda un cellulare usa la Rete, un computer crea una grafica, un laser esplora lo Spazio, una risonanza magnetica cerca immagini, un robot industriale riconosce una vite, l’Artificial Intelligence pensa, o l’energia illumina le città. Ora scomponiamo parola per parola quell’affermazione, e alla fine avrete compreso tutto ciò che è fondamentale capire su come le incredibili tecnologie della Disruption siano potute nascere e possano fare ciò che fanno. Continua a Leggere QUI

®wld

I credenti del riscaldamento globale stanno dormendo

 

 Il riscaldamento globale sul ghiaccio

 di Mark Sircus 7 giugno 2018 dal sito DrSircus 

Che cosa meritano le cheerleaders del riscaldamento globale dopo aver sperperato le nostre immaginazioni collettive nella più stupenda menzogna della storia del mondo? 

Mentre le temperature del mondo precipitano, con l’intensificarsi dei cambiamenti climatici, l’umanità si trova di fronte a un folto gruppo di cospiratori che continuano a insistere su qualcosa che non è vero. 

Le notizie false sono all’ordine del giorno e da nessuna parte è più chiaramente dimostrato di quanto non sia nella storia del riscaldamento globale artificiale.  

I veri negazionisti del clima sono quelli che negano la verità del cambiamento climatico, che è la verità di Madre Natura, non una sorta di racconto fantasy politico sostenuto da scienziati che hanno venduto le loro anime al dollaro.  

Non ci può essere più alcun dubbio sul fatto che siamo di fronte a un pianeta che si raffredda, un pianeta che ha improvvisamente accorciato le stagioni di crescita, il che danneggerebbe drammaticamente il settore agricolo.  

E secondo l’ex direttore della CIA, abbiamo anche un raffreddamento globale artificiale, che sta assistendo i cicli solari naturali e le eruzioni vulcaniche in continuo aumento che sta anche guidando il raffreddamento.

Il livello di aggressione sull’immaginazione dell’intelligenza  

L’espressione negativa dell’aggressività a questo livello di consapevolezza è l’uso calcolato dell’immaginazione per asservire gli uomini.  

La guerra psicologica è un esempio, ma oltre a questo, è l’uso armato dell’immaginazione da parte degli uomini che sanno che ciò che le persone pensano di se stessi è ciò che diventano.  

Quindi, non ci può essere maggiore aggressività che manipolare e promuovere consapevolmente uomini e donne ignari nel vedere se stessi o il mondo come qualcosa che essi o non sono, in modo che possano essere sfruttati.

Potremmo anche riportare i Papi sin dal Medioevo e iniziare a credere, come fanno ancora alcune persone, che la terra è piatta…  

Incontro persone perfettamente ragionevoli che sono piuttosto scioccate quando parlo del raffreddamento globale.  

I “poteri che sono“, lo stato profondo in America, le élite globali e tutti i principali sbocchi mediatici del mondo hanno fatto un buon lavoro convincendo centinaia di milioni di persone sul riscaldamento globale “artificiale” e sulla natura malvagia della CO2, ma in realtà il biossido di carbonio è uno dei gas più necessari per la vita e la salute 

Ho detto alla gente di svegliarsi e iniziare a prestare attenzione al prossimo periodo freddo e iniziare a pensare e fare piani per affrontare ciò che è già iniziato. 

Lo faccio da dieci anni mentre la stampa urla “il ghiaccio si sta sciogliendo, il ghiaccio si sta sciogliendo” quando non lo è. I credenti del riscaldamento globale stanno dormendo, ma alcuni di noi devono svegliarsi e prestare attenzione a quello che sta succedendo.

Il governatore del Minnesota ha dovuto aprire gli occhi ed emettere un ordine esecutivo di emergenza a causa della tarda primavera, in cui gli agricoltori “si trovano ad affrontare una stagione di semina in ritardo e abbreviata”.  

Il 1 ° giugno 2018 è il primo giorno di un mese estivo e il suo congelamento a Mosca . Era la prima volta che scendeva sotto lo zero il 1 giugno.

Anche nel centro della capitale, la temperatura è scesa a 6,5 ​​° C rispetto al precedente record di 6,6 ° C, che era la notte più fredda dal 1948, e nei pressi dell’Università Statale di Mosca la temperatura è scesa a 5,5 ° C.

La temperatura più fredda degli ultimi 80 anni era presso la stazione TCAA, a 4,5 ° C, ma il luogo più freddo era nei sobborghi, dove il mercurio scendeva a -1,7 ° C.  

In Canada era più o meno la stessa cosa. Alcune persone che si svegliavano in alcune parti di Terranova hanno avuto una scossa invernale quando hanno guardato fuori dalla finestra e hanno visto il bianco.  

Le aree intorno a Gander e St. John’s hanno una leggera spolverata di neve quando le temperature sono scese a circa -1 ° C, con un vento gelido di circa -7 ° C. Alcuni lo hanno definito uno scherzo crudele sulla primavera

Lo chiamo il volto del raffreddamento globale.

“Ci stiamo immergendo ora in una profonda mini glaciazione”, dice l’astrofisico Piers Corbyn (sotto il video). “E non c’è via d’uscita …” 

Per i prossimi 20 anni diventerà in media più freddo e più freddo, dice Piers Corbyn.

“I livelli di anidride carbonica non hanno alcun impatto – ripeto, “qualsiasi” impatto – sul clima: la teoria della CO 2 è sbagliata sin dall’inizio. 

Il fatto è che il sole regola la temperatura del mare, e la temperatura del mare governa il clima. Il messaggio fondamentale è che il sole sta controllando il clima, principalmente via mare.”

I dati della NASA mostrano che le temperature globali sono diminuite drasticamente negli ultimi due anni. 

Questo rende la NASA un ‘negatore’ del riscaldamento globale? 

Aaron Brown guardò i dati ufficiali della temperatura della NASA e notò qualcosa di sorprendente. 

Da febbraio 2016 a febbraio 2018,

“Le temperature medie globali sono scese di 0,56 gradi Celsius.”

Questo, osserva, è il più grande calo di due anni nel secolo scorso.

“Il Big Chill 2016-2018”, scrive, “era composto da due Little Chills, il più grande calo di cinque mesi di sempre (da febbraio a giugno 2016) e il quarto più grande (da febbraio a giugno 2017) Un evento simile da febbraio a giugno 2018 porterebbe temperature medie globali inferiori alla media degli anni ’80.”

Il forte calo delle temperature alla fine di maggio fa riferimento a uno degli inverni più rigidi della Nuova Zelanda negli ultimi anni, secondo un meteorologo MetService. 

Nel frattempo, in Canada, lo scorso inverno ha consegnato “perdite insostenibili” agli apicoltori dell’Ontario. 

Cattive notizie non solo per gli apicoltori, ma anche per i coltivatori di ortaggi e frutta che dipendono dalle api per l’impollinazione. Un’indagine su quasi 900 apicoltori dell’Ontario ha indicato che il 70% ha subito perdite insostenibili. 

Più del 40% ha dichiarato che il recente lungo inverno freddo che si è esteso alla primavera è stato il motivo principale delle pesanti perdite delle colonie. Vediamo anche che in Quebec la produzione di sciroppo d’acero è crollata dopo primavera insolitamente fredda

In Irlanda sembrano essere circa 3 settimane indietro nella stagione

“Il mio vicino non è stato in grado di arare perché è stato troppo bagnato e il primo taglio di insilato che avrebbe dovuto accadere ormai non è perché non c’è stata abbastanza crescita nell’erba. 

Sembra dubbio che quest’anno ci sarà un secondo taglio, se ci sarà un primo taglio, il che significa che il prossimo inverno l’Irlanda potrebbe avere una crisi alimentare ancora peggiore rispetto a quella dello scorso inverno. 

Abbiamo colpito solo 20 gradi C (68ºF) due volte quest’anno e siamo qui alla fine di maggio con alcuni alberi che stanno appena spuntando “. 

Una tempesta di “violenza senza precedenti” ha provocato una vasta distruzione nelle zone di Bordeaux e Cognac nella Francia occidentale domenica 27 maggio. 

La tempesta ha colpito la zona della Gironda, dove hanno origine molti dei vini rossi più famosi della Francia, e più a nord nelle regioni della Charente e della Charente-Maritime. 

“È uno shock, è stata una tempesta di violenza senza precedenti per 10 minuti”, ha detto domenica alla radio Franceinfo il capo dell’associazione di un viticoltore della zona di Cotes-de-Bourg, Didier Gontier. 

Alcuni viticoltori hanno perso il 100% del loro raccolto

La fine della scienza, la fine della verità, la fine dei “democratici” … 

Tutto questo sembra il periodo più caldo della storia recente? Ai fanatici del riscaldamento globale … 

Questa è una “storia politica”, quindi comprensibile; tuttavia stiamo parlando di clima e clima, non di politica. I politici e persino i Papi sono andati oltre la fine della fantasia. 

Basandosi su un credo che ignora l’influenza del sole sul clima, Al Gore, Obama e Hillary Clinton ne hanno fatto un veloce credo sul pubblico e se l’è cavata.

Tuttavia, ora sono presi in una trappola dalla quale non c’è via di fuga.

Bernie non diventerà mai presidente nel 2020 perché è un democratico e Trump probabilmente sarà un calzolaio perché è stato uno dei pochi politici al mondo ad alzarsi (almeno per metà) alla storia del riscaldamento globale “artificiale” …

Tutto ciò sta accadendo in tempo reale, ma è stato ovvio per gli osservatori più acuti: 

a chiunque capisca quanto sia fondamentale l’attività solare per il clima del nostro mondo.  

https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld