Archivi tag: retrovirus

HIV-AIDS … 35 ANNI DOPO

Ricevo dall’amico Dottor Roberto Slaviero e pubblico

Il 4 novembre 1983 la Dottoressa immunologa francese Barre-Sinoussi dell’Istituto Pasteaur di Parigi, guidato dal Prof Luc Montagnier, isolò per la prima volta il virus HIV, ritenuto in seguito dalla stragrande maggioranza della ricerca scientifica, la causa della Sindrome di Immunodeficienza Acquisita – IDS.   

Il 23 aprile 1984 il Ministro della Sanità Usa, i direttori del CDC e NIH americani ed il virologo Robert Gallo, annunciarono congiuntamente che un Virus sconosciuto, poi identificato con il virus Hiv, era la probabile causa dell’Aids.

L’unica prova addotta era la presenza di anticorpi contro il “Virus dell’ Aids” in molti dei malati analizzati da Gallo e suoi collaboratori, ma non in tutti.  

Già ancora negli anni 90, il virologo e scopritore dei Retrovirus, Peter Duesberg e collaboratori non trovarono in tutti i malati di Aids, gli Anticorpi anti- Hiv!!

Lo stesso Duesberg nel 1996 e l’anno precedente alcuni politici Usa tra i quali Gutknecht, denunciarono che, nonostante gli oltre 50 miliardi di dollari spesi negli Usa, non disponiamo né di un vaccino né di un farmaco efficacie anti-Aids.

Nel 1998 il presidente Usa Bill Clinton, nella Prima Giornata di Sensibilizzazione del vaccino contro l’Hiv, fece un discorso tipo JFK sui viaggi futuri sul Pianeta Luna, dicendo: 

“non si tratta più di chiederci se siamo in grado di sviluppare un vaccino per l’Aids, ma dobbiamo solo chiederci … Quando!! Non potrà arrivare troppo presto“

A pensar male, come diceva Andreotti, spesso ci si azzecca e mi pare che varie Fondazioni, tra cui la Clinton, oggi non navighino in acque salubri, ed alcune vengano inoltre accusate di utilizzo di denaro dei contribuenti non proprio corretto; nel campo della ricerca spesso si adottano fondamenti scientifici non proprio imparziali … solo Business … niente più!!  

La vicenda Aids muove ed ha mosso migliaia e migliaia di miliardi in ricerca di farmaci e di un vaccino che continua tuttora.  

Dal sito di ricerca Janssen – Johnson&Johnson rilevo alcune notizie recenti (27.01.19).  

Sponsorizzati dalla Fondazione Gates Bill e Melinda, stanno testando in Sud Africa il vaccino HVTN702 ,detto Uhambo, che agirebbe su di un sottotipo di HIV, prevalentemente presente nell’Africa meridionale, conosciuto come Clade C.  

Un altro vaccino chiamato HVTN705, detto Imbokodo, è sponsorizzato da Janssen Vaccines e da Gates Foundation.  

Tale regime di vaccinazione è basato su cosiddetti immunogeni mosaico, che indurrebbero una risposta immunitaria contro UNA GRANDE VARIETA’ DI CEPPI VIRALI, responsabili dell’infezione da HIV in tutto il mondo!!

Sorge spontanea una domanda?

HIV è un virus oppure una Gamma di Virus, come risulterebbe dalla ricerca vaccinale sopra citata?

Ho spiegato cos’è un virus in un precedente articolo 

http://olisticoaltapusteria.com/articolo.php?virusdnaproporzionedivin

Trattasi essenzialmente di entità biologiche parassite che utilizzano una cellula “ospite” per replicarsi.

Sono le entità più presenti sul pianeta e noi viviamo congiuntamente immersi tra loro …  

Vedremo in futuro cosa accadrà su questa via di ricerca … che mi pare abbia molti punti interrogativi!! 

Torniamo agli anni 80 e vediamo come venne dichiarata questa sindrome di immunodeficienza, dopo le affermazioni di Gallo del 1984 e le malattie che ne conseguono: malattie anche mortali.

Nel 1985, ad un anno dall’annuncio di Robert Gallo, il CDC (Center for Disease Control and Prevention), diede una nuova definizione dell’Aids, rispetto agli anni precedenti, ove si certificava essenzialmente, che tali malattie immunosoppressive si sviluppavano prevalentemente nelle comunità gay americane; comunità nelle quali si faceva uso spesso di sostanze stupefacenti con effetti immunosoppressivi (principalmente Nitriti-Popper in grado di rilassare lo sfintere anale, nonché metamfetamine, cocaina, eroina etc.)

La Sindrome di Immunodeficienza e le malattie ad essa correlate, parevano svilupparsi da comportamenti non troppo salubri, che a lungo termine, riducevano le difese immunitarie e scatenavano vari tipi di malattie degenerative che conducevano alla morte.

Dopo appunto la dichiarazione di Gallo tale Sindrome divenne:  

MALATTIA INFETTIVA e non più una malattia dipendente dai comportamenti personali degli individui, che contraevano tali patologie.  

In tal modo il virus HIV divenne l’unico criterio diagnostico definitivo per l AIDS. 

Tale virus era in grado di causare 30 malattie mortali, pur non causando di per se nessuna specifica malattia; dal momento che, ciascuna delle 30 malattie, poteva essere dovuta a cause già in precedenza NOTE (senza Hiv).   

Quindi a partire dal 1985 il dogma divenne:  

  • – Una qualsiasi delle 30 malattie + HIV = AIDS  
  • – Una qualsiasi delle 30 malattie senza HIV = una qualsiasi delle 30 malattie…

Che si trovi una sieropositività ad un virus o batterio è normalissimo, senza avere sofferto di tale malattia in acuto. 

Se siete venuti in contatto ad esempio, con il virus epatite A o B, senza avere poi sviluppato la malattia conclamata, nel vostro sangue risulterà una sieropositività a tale virus; il vostro sistema immunitario ha reagito e vi ha difesi da tale infezione!!  

Quindi in termini assoluti, ricercare una sieropositività per un singolo virus, per 30 tipi di malattie differenti, non è molto corretto dal punto di vista scientifico … a mio modesto parere.   

E’ comodo comunque, per sviluppare settori di ricerca improntati su un bel Business, fare tali accostamenti.   

Andate a vedere quanti medici od infermieri abbiano contratto l’Aids, curando e medicando tali malati … quasi nessuno o nessuno; dipende dalle statistiche ed ai criteri con le quali vengano effettuate. 

Se fosse una malattia infettiva tipo influenza, avremmo avuto ed avremmo tuttora epidemie mortali con milioni di morti!!  

E l’Africa, si dirà ???  

Ed i bambini africani sieropositivi??  

Ragazzi … la malnutrizione e l’acqua infetta e la mancanza di igiene … non serve il Virus per distruggere il sistema immune e portare alla morte … lo capisce anche un menomato mentale!!  

Nei rapporti sessuali “spinti”, il contatto poi tra secrezioni plasmatiche sanguigne, non porta molta salute…..e le siringhe che si passano da braccio a braccio per iniettarsi le droghe … neanche quelle molto salutari!

Batteri e virus di tutti i tipi … ce ne sono a bizzeffe!!  

Non serve sempre evocare fantomatici Virus, per spiegare malattie anche gravi.  

Più importante è verificare i comportamenti delle persone che contraggono le malattie!!   

A lungo termine il sistema immune crolla e non per forza deve essere un virus che lo fa crollare!!

Esempio conclamato di quanti sieropositivi NON abbiano poi contratto la malattia terminale mortale … ma anzi siano spontaneamente guariti…   

Terrorismo psicologico che ha rovinato migliaia di persone e portato al suicidio moltissimi di loro.  

Peggio che ai tempi della caccia alle streghe … mondo infame solo per affari sporchi!!

Capite poi che a sfondo moralistico – religioso, una malattia trasmessa anche sessualmente ed in più infettiva, offre il massimo potere alla casta dirigente, che vuole mantenere l’uomo schiavo ed intimorito!!   

E’ molto più facile contrarre per via sessuale la gonorrea o la sifilide per mancanza di igiene o per comportamenti più libertini, che l AIDS!!   

Torniamo agli anni 80, nei quali si, già c’era il business farmaceutico, ma rispetto ad oggi, ove il 99% dei ricercatori è allineato ai voleri delle multinazionali del settore, vi era ancora una certa libertà di pensiero e di ricerca libera. “Sussistono prove schiaccianti che le anfetamine accelerano il decorso verso l’Aids conclamata,negli Hiv positivi”. 

E’ documentato che i cristalli (anfetamine) mangiano le Cellule T (sentinelle difensive immunitarie) a colazione pranzo e cena“ (Sadownick 1994).  

Nei primi anni 90 in Francia si cita il caso di 71 bambini nati da madri che si “bucavano” in gravidanza e che vennero al mondo affetti da immunodeficienza con malattie ad essa correlate. 

Dopo un paio di anni, 61 di loro recuperarono la salute,una volta venuto a cessare il rifornimento di droga materna: il livello delle cellule-T tornò normale, nonostante la presenza di Hiv. Dei 10 che non guarirono, alcuni erano stati trattati con Azidotimidina (AZT) agli albori di questa terapia (Blanche et alii 1989-1994).  

Da un altro studio condotto in Europa su bambini nati da madri tossicodipendenti, si evinse che il 60% di essi guarirono da polmonite,infezioni batteriche,mughetto ed infezioni cripto-sporidali, ed a 6 anni di età erano in buona salute nonostante la presenza di Hiv (The European Collaborative Study 1994). 

Circa il 40% di questi bambini Hiv-positivi morirono anche se trattati con AZT.

Molti altri studi negli anni 80-90 dimostrarono che il consumo persistente di droghe stupefacenti,dette ricreative, causano malattie sidaliche (Aids correlate). 

L’AZT (Azidotimidina) nacque come farmaco anticancro negli anni 60, ma venne abbandonato vista la sua tossicità.

https://it.wikipedia.org/wiki/AZT

Gli stessi farmaci che dovrebbero rimediare alla sindrome di immunodeficienza, causano anch’essi immunodeficienza.

Azt e ganciclovir abbinati, producono pancitopenia, ovvero riduzione di tutte le cellule presenti nel sangue 

(Jacobson 1988)  

https://it.wikipedia.org/wiki/Pancitopenia

Un miscuglio di farmaci (amfotericina, co-trimoxazolo, adriamicina, vinblastina, vincristina ed altri) producono effetti nefrotossici, citotossici e mielo-soppressivi, che possono accrescere il rischio di tossicità ematologica in malati curati con Azt (Fogelman 1994).

Cioè sono immuno-soppressivi, poiché uccidono cellule immunitarie, intossicandole!!  

Si potrebbe andare avanti con altre centinaia di studi:

“sessanta giorni dopo aver cominciato a curarmi per abuso di sostanze stupefacenti,appresi di essere sieropositivo” dice tale Cobb Roger di Filadelfia che si strafaceva con crack, cocaina ed altro … “cominciai a curarmi con Azt per 14 mesi …sparuto in viso, pelle cinerea, dimagrivo a vista d’occhio … ogni sorta di malanni. Contro il parere del mio medico, smisi di prendere Azt e decisi di provare qualcos’altro. Son tornato a somigliare a me stesso” (Freeman 1994) 

Tale Cobb si laureò poi a 40 anni in scienze sociali.

Penso che il grave errore che sta facendo la ricerca medico-farmaceutica, sia l’andare avanti in un unica direzione, voluta dal sistema di potere scientifico vigente e dai suoi interessi prettamente economici: potere, che non accetta visioni diverse e quindi approcci di cure diverse, come proposte da grandiosi ricercatori quali, per fare un nome, Peter Duesberg.  

Egli dopo aver messo in dubbio che l’Aids non aveva origine principalmente virale, ma comportamentale, essenzialmente per uso di sostanze stupefacenti, venne messo “alla berlina” come si dice; e come lui altri ricercatori indipendenti, moralmente e professionalmente integri!!   

Lo stesso Luc Montagnier ha avuto dei ripensamenti, invecchiando, su Hiv-Aids; ha inoltre stupito la maggior parte della comunità scientifica, ammettendo l’efficacia dell’omeopatia e parlando inoltre di una possibile connessione tra autismo ed eccessi di vaccinazioni. 

Parla inoltre della cura dell’Aids, attraverso una corretta alimentazione, una migliore igiene e stili di vita più salutari; afferma anche, di come la flora intestinale sia essenziale per la prevenzioni di malattie di tutti i generi.  

Infatti, aggiungo, il sistema immune è per l’80% presente nell’intestino ed oggi si comincia a parlare di Microbioma come di un importantissimo organo del corpo a se stante ed estremamente importante per il mantenimento della salute!! Anche di lui, pur Premio Nobel nel 2008, non se ne sente più parlare!!

Nonostante comunque la Dittatura scientifica in atto, valgono sempre e comunque in medicina i principi: 

  • – primo non nuocere  
  • – valutazione rischio-beneficio dei trattamenti  

E chi di noi si sente ancora moralmente integro deve difendere tali principi!!   

Il resto fa solo parte di sporchi giochi di potere e di soldi, soldi e soldi, che qualcuno intasca sulla pelle delle persone affette da patologie, soprattutto gravi e debilitanti!!   

La vita è molto semplice e grandiosa ed il nostro corpo, se non intossicato sin dalla infanzia, o come abbiamo visto già nella gravidanza di madri disperate ed irresponsabili, sa come difendersi con l’immunità donataci dalla Creazione!! 

La realtà oggi è manipolata più che mai e molti non afferrano più il senso del reale!!  

“il difficile sta nel saper scorgere ciò che la realtà ha di favoloso” Massimo Gorkij  

…e di semplicemente fantastico, aggiungo!!   

Onore e rispetto per chi ha il coraggio di contrastare questa macchina distruttrice del pensiero UNICO!!

Fonte: http://olisticoaltapusteria.com/

®wld

L’incompleta storia dell’umanità

I ricercatori hanno trovato prove del DNA appartenente ad una specie umana sconosciuta

Gli esperti hanno fatto un’altra scoperta da capogiro hanno trovato la prova del DNA appartenente ad una specie umana sconosciuta che esisteva 440 mila anni fa. Nuovi studi hanno dimostrato che gli abitanti delle Isole del Pacifico portano il DNA di una specie umana sconosciuta. Secondo i ricercatori, i nostri antenati sono imparentati con almeno quattro specie di ominidi – e forse di più ancora, che mettono in discussione le nostre origini. 

In un incredibile e complesso rapporto di nuovi studi, sono state scoperte delle prove che sostengono l’idea dell’esistenza di altre specie di ominidi tra i nostri antenati vissuti negli ultimi centinaia di migliaia di anni.

Applicando nuove tecniche di ricerca, gli esperti sono stati in grado di stimare la percentuale di DNA nell’antico ominide attualmente presente nelle persone che vivono. Questo è quanto ci dice il Dr. Ryan Bohlender genetista presso l’Università dello Stato del Texas in grado di trovare le prove di numerosi eventi che si sono incrociati all’interno e all’esterno dell’Africa.  

I nuovi dati sono stati presentati presso l’American Society of Human Genetics a Vancouver, BC e ci dice quanto poco sappiamo sulle nostre origini e dei nostri antenati che abitavano la Terra centinaia di migliaia di anni fa.

Grazie ad analisi genetiche di europei, asiatici e gli altri con la discendenza non africana, gli esperti sono stati in grado di trovare segni rivelatori che gli antichi umani erano incrociati con i Neanderthal. Come si è visto, alcuni gruppi hanno ereditato fino al quattro per cento del loro DNA da cugini di ominidi estinti. 

Inoltre, Bolhlender ha scoperto – dopo aver esaminato il tasso di mescolamento genetico nel Neanderthal con le attuali tracce dei Melanesiani – di Denisova, ma anche una quota elevata di un’altra stirpe estinta. Gli esperti hanno concluso che questo misterioso DNA significa che gli antichi melanesiani potrebbero aver convissuto con un terzo gruppo sconosciuto di ominidi.

Il team ha spiegato: “Suggeriamo che un terzo dell‘arcaica popolazione sia legata più strettamente ai Neanderthal e Denisova rispetto per gli esseri umani moderni studiati fin qui che interagisse nei genomi dell’Africa nella regione del San (Mali).

I ricercatori hanno analizzato la quantità di DNA condivise tra Neanderthal e Denisova scoprendo che la terza specie misteriosa probabilmente discendeva dal loro comune antenato circa 440 mila anni fa.

Queste non sono solo speculazioni, ma non vi è nessuna prova genetica che indica chiaramente che un’altra specie parti del sud-est dell’Asia e che nello stesso tempo coesistesse con noi come Denisova. 

Stranamente, mentre i ricercatori ‘sapevano‘ che questa misteriosa specie è esistita in un lontano passato, anche se la prova fisica non è ancora stata trovata. Il fatto è che questa specie misteriosa rimane un profondo mistero che i ricercatori sperano di svelare in un prossimo futuro. 

Questo, tuttavia, risale all’inizio dei tempi, gli esperti hanno scoperto quello che credono sia una evidenza cristallina di unantica specie di esseri umani nascosti direttamente all’interno dei nostri geni. 

Sembra che, dopo tutto, abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per comprendere appieno le nostre origini. Fino ad allora, godremo dei numerosi misteri che suggeriscono chiaramente che la storia (così come ci è stata insegnata) è incompleta. 

Il dottor Bohlender ha detto: “Nel complesso, i nostri risultati confermano che l’albero della famiglia umana è più complicato di quanto pensiamo che sia”.

Aggiungendo inoltre: “Altre popolazioni arcaiche come i Denisovans, (che noi non conosciamo se non attraverso la genetica) sono suscettibili di essere esistite.”

Fonte link:

Gli scienziati trovano 19 pezzi di DNA non-umano nel genoma umano

Secondo un nuovo studio, l’otto per cento del nostro DNA è estraneo. In realtà, si compone di frammenti virali non-umani. Il nuovo studio è stato pubblicato  dalla National Academy of Sciences.  

Un recente studio ha rivelato che non vi è letteralmente DNA non umano che risiede nel genoma degli uomini moderni. 

Questo studio viene dopo che un gruppo di ricercatori ha esaminato 2.500 persone della Tufts University of Michigan Medical School. Gli esperti hanno scoperto che il nostro DNA è meno umano e che esistono diciannove pezzi di virus antichi di DNA all’interno del nostro genoma.

Sorprendentemente, la maggior parte degli esperti hanno scoperto il completo modello genetico dell’intero virus entro il 2 per cento delle persone che hanno esaminato. Secondo sciencedaily.com, non è ancora noto se il virus può essere replicato o riprodotto. Ma altri studi sull’antico virus all’interno del DNA ha dimostrato di poter influenzare gli esseri umani che sono portatori.  

Il ScienceDaily riporta che lo studio offre una nuova visione sui retrovirus endogeni umani.  Malattie come l’HERV, sono in realtà antiche caratteristiche che possiedono stranamente simili a virus di immunodeficienza umana, il precursore di AIDS.

Gli esperti ritengono che questo virale ‘DNA sia stato tramandato attraverso migliaia di generazioni di esseri umani. Gli autori dello studio sono ancora incerti se gli antichi ceppi di DNA potrebbero causare infezioni.

L’anziano autore e virologo John Coffin, Ph.D. della Tufts University School of Medicine dice che: “Questo è quello che sembra sia in grado di fare il virus infettante, la cosa sarebbe molto interessante se fosse vera, in quanto consentirebbe di studiare un’epidemia virale che ha avuto luogo molto tempo fa”. 

“Questa ricerca fornisce importanti informazioni necessarie per comprendere come i retrovirus e gli esseri umani si siano evoluti insieme in tempi relativamente recenti.”

“Molti studi hanno cercato di collegare questi elementi virali endogeni al cancro e altre malattie, una delle principali difficoltà è stata quella che ancora non li abbiamo effettivamente trovati tutti,” questo è quello che dice il Co-primario autore Zachary H. Williams, un Ph.D. studente presso la Sackler School of Graduate Scienze Biomediche presso la Tufts University di Boston. 

Molti più elementi interessanti si trovano solo in una piccola percentuale di persone, il che significa che per trovarli si deve fare lo screening a un gran numero di persone.”

“Questa è una scoperta emozionante,” dice il Co-primario autore Julia Wildschutte, Ph.D., che ha iniziato a lavorare come studente ricercatore e dottorato nel laboratorio di Coffin presso la Tufts. 

“Si apriranno molte porte alla ricerca, per cercare di capirne di più, abbiamo stabilito in questo lavoro che possiamo utilizzare i dati genomici di più persone rispetto al riferimento del genoma umano per individuare nuovi HERVs. Ma questo ci ha anche dimostrato che alcune persone portano al loro interno questi elementi che non possiamo mappare per averne un riferimento.”

Riferimento: http://www.pnas.org/content/113/16/E2326.full.pdf

Fonte link: http://www.ancient-code.com/scientists-find-19-pieces-non-human-dna-human-genome/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da