Archivi tag: Poveri & Ricchi

I Campi Elisi della Società

 

(Foto: / ColumbusDispatch)

Globalizzazione, disuguaglianza, segregazione economica e sociale  

di Luis R. Miranda 

L’agglomerato della diversità umana è stato quello che ha accelerato il processo di innovazione, invenzioni come l’alfabeto, la valuta, il marciapiede, la ruota e la navigazione.  

Nelle città, persone diverse vivono in luoghi diversi: si chiama segregazione urbana. La segregazione può verificarsi per diversi motivi, come etnia o stili di vita, ma il fattore più recente e più importante è economico. Tutti possono vederlo in una grande metropoli come New York City, dove le politiche liberali trasformano Gotham in un nido per i ricchi. 

Coloro che hanno più soldi possono scegliere dove vivono, per i più poveri la scelta non è così chiara. I primi vivono in quartieri migliori, con servizi migliori, migliore costruzione e qualità ambientale. In California, la presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, vive in una zona sicura del suo distretto, in una tenuta murata circondata da guardie di sicurezza e sistemi TVCC. Non troppo lontano dalla sua proprietà, gli americani vivono, mangiano, dormono e muoiono per le strade.

I poveri devono rassegnarsi a vivere in quartieri dove tutto è un po’ più precario e persino l’aspettativa di vita di qualche anno più breve. L’influenza della segregazione residenziale sulla traiettoria di vita delle persone, spesso tradotta in fallimento scolastico, disuguaglianza e mancanza di opportunità è chiamata “effetto di vicinato”. 

Studi ed esperti concordano sul fatto che la segregazione sta aumentando, in correlazione con le crescenti disuguaglianze causate dall’attuale modello economico, che può causare problemi nelle megalopoli verso le quali ci stiamo dirigendo. 

Le Nazioni Unite prevedono che il 68% della popolazione mondiale vivrà in città nel 2050. Le città sono e saranno la scena di conflitti sociali presenti e futuri, in cui spazi più piccoli e crescente povertà causeranno conflitti sociali stimolati dal crimine. 

“I ricchi e i poveri vivono a distanze crescenti l’uno dall’altro, e questo può essere disastroso per la stabilità sociale e il potere competitivo delle città”, afferma uno studio intitolato “Segregazione socio-economica nelle capitali europee”, condotto durante il primo decennio di questo secolo da diverse università europee.

Tra le cause principali vi sono la globalizzazione, che ha diretto la ristrutturazione del mercato del lavoro, le differenze di reddito e altre. 

La gentrificazione e il turismo sono anche processi che contribuiscono a questa separazione tra persone che, in base alle loro condizioni vitali, smettono di vivere con altri gruppi. 

Se la cosa interessante delle città era il loro melting pot di persone e culture, questa caratteristica potrebbe finire.  

La fine dei vasi di fusione  

Le cose non sono sempre state così. Nella seconda metà del diciannovesimo secolo, gli edifici, per quanto maestosi fossero, potevano ospitare officine al piano terra, poi alcuni alloggi, dove abitava la borghesia e piani più alti, che erano peggio e più piccoli, dove vivevano umili operai. 

C’erano attriti tra le classi sociali, la segregazione avveniva nello stesso edificio, non tanto su scala urbana. Ma con l’arrivo dei trasporti, come il tram, non era più necessario che le classi popolari vivessero al fianco dei ricchi. 

La produzione industriale fu portata fuori: la città operava come una centrifuga che separava spazialmente le classi. 

L’ascensore ha permesso ai ricchi di vivere ai piani alti senza dover salire le scale e ora gli attici di lusso sono di moda, qualcosa di impensabile allora.

Perché la segregazione urbana è indesiderabile? 

La segregazione è dannosa dal punto di vista dell’innovazione, le città altamente segregate espellono i lavoratori che non possono viverci e hanno difficoltà a crescere in futuro. 

L’agglomerato della diversità umana nelle prime città, 7.500 anni fa, è stato quello che ha accelerato il processo di innovazione con invenzioni simultanee come l’alfabeto, la valuta, il marciapiede, la ruota o la navigazione. 

La segregazione impedisce ad alcune persone di vedere i problemi degli altri, quindi è difficile comprendere le differenze nella prospettiva e nel contesto corretti. Le persone con redditi più alti possono opporsi alle politiche sociali a causa della loro scarsa comprensione delle realtà altrui. 

Secondo la ricerca nelle neuroscienze sociali, quando non abbiamo alcun contatto con altri gruppi, perdiamo la capacità di entrare in empatia con loro e persino le aree del cervello che si occupano di comprensione o identificazione sono disattivate. Disumanizziamo le differenze e sorgono i pregiudizi. 

È vero che il quartiere in cui viviamo è importante, ma è anche vero che trascorriamo fino all’80% del nostro tempo lontano da casa, quindi anche i luoghi che frequentiamo durante il giorno sono importanti. 

Ad esempio, la segregazione si verifica anche nei negozi o nei ristoranti, nei bar, nei parrucchieri, nei centri commerciali, ed è sempre più legata al consumo, o in declino rispetto alle relazioni digitali non avviene né a casa né al lavoro. I poveri non frequentano gli stessi posti dei ricchi.  

The Elysium Society  

Film come Elysium mostrano il tipo di società in cui gli umani potrebbero vivere in futuro. I ricchi vivono su un satellite artificiale, lontano dalla superficie terrestre dove le persone lasciate alle spalle affrontano condizioni post-apocalittiche. Nel frattempo, i ricchi godono di acqua pulita, aria pulita e tutti i comfort che desiderano. 

Anche se sembra estremo, un fenomeno non molto diverso sta accadendo sulla Terra oggi. Le cosiddette comunità gated sono in aumento, specialmente nei paesi più disuguali: comunità gated dove i privilegiati vivono circondati da mura, telecamere di sorveglianza e godono dei propri servizi. Un altro film ritrae una di queste comunità. 

In Europa, le capitali sono anche esempi di segregazione. A Madrid, la segregazione si verifica notoriamente sull’asse nord-sud: a nord-ovest, con eccezioni, le persone ricevono i redditi più alti. I quartieri tradizionali della classe operaia sono più in basso, a sud-est. A nord è il privilegio, a sud, la vulnerabilità, rivela il suddetto studio paneuropeo. 

Oggi Madrid è la capitale più segregata in Europa e la seconda per disuguaglianza sociale. In questo tipo di capitale, la forza che separa le classi sociali è maggiore a causa del costante arrivo di visitatori e lavoratori, molti dei quali altamente qualificati, alla ricerca di opportunità nelle grandi aziende. 

Il sociologo Saskia Sassen ha battezzato questi nodi globali di capitale e informazione come “città globali” e, sebbene molti luoghi vogliano diventare globali, ciò non deve comportare il bene della maggioranza della loro popolazione.  

Chi vuole vivere nelle grandi città?  

La nuova agenda urbana delle Nazioni Unite, nata dal suo vertice sull’Habitat III per l’edilizia abitativa e lo sviluppo sostenibile, indica la segregazione come una delle grandi sfide delle città. 

Le ingiustizie sociali si riflettono nelle questioni spaziali: segregazione, gentrificazione, speculazione si manifestano nel modo in cui le persone vivono.

La precarizzazione ha una componente fondamentale nella espropriazione dei mezzi di sussistenza più elementari, come l’alloggio. 

Cosa si può fare per alleviare la segregazione? I guerrieri della giustizia sociale chiedono un “diritto ad una città” e la definizione di politiche che possano essere non solo locali ma soprannaturali e trasversali, non solo migliorano lo spazio pubblico o l’accessibilità, ma tutte le aree della vita dei cittadini. 

Tra le soluzioni proposte vogliono investire nell’istruzione, nei trasporti pubblici, nella mobilità sociale e nella pianificazione urbana, regolare il mercato immobiliare in aree stressate con prezzi di affitto esorbitanti, aumentare l’edilizia popolare e, soprattutto, intravederlo in città senza creare ghetti. 

Le città europee stanno ora approvando piani in cui ogni nuovo sviluppo immobiliare è obbligato a includere il 30% di alloggi a prezzi accessibili. Pertanto, persone di diversi strati condivideranno le scale e si immergeranno, il che è ciò che dicono questi sostenitori trasformerà le città in diversi melting pot in cui le persone hanno interagito naturalmente solo un decennio fa circa. 

Fonte Articolo: https://real-agenda.com/

®wld 

Almanacco di fine anno

Giovani: morti improvvise, malori (IENA) e infarti a scuola sul computer. C’entra il Wi-Fi?

di Maurizio Martucci

Chi o cosa sta falcidiando un’intera generazione? Minando lo stato di salute dei più giovani? Ieri è toccato ad una famosa Iena. Ma, riduzionista, il titolo è semplificato: in discussione non ci sono solo gli effetti sulla salute pubblica del Wi-Fi e dei diversi sistemi wireless (H24, ubiquitari e cumulativi), ma l’Elettrosmog nel suo complesso: invisibile e silente, il fenomeno elettromagnetico c’entra qualcosa con l’inquietante lista di lutti (prematuri) e malori (improvvisi) registrati nell’ultimo anno? Se si, cosa, come e perché? Se no, perché? Ecco i fatti. Continua QUI

************************ 

QUESTO VIENE DAL SUOLO ITALIANO DI TUTTI I GIORNI.  AUGURI, INCOSCIENTI. 

di Paolo Barnard

Caro Paolo,

Sono un informatico di lunga data con una propria aziendina che opera in Europa…. Avendone esperienza, condivido pienamente le tue preoccupazioni per il futuro riguardo il lavoro in forte calo. In ogni settore…

Pensa solo all’auto ELETTRICA che oggi viene spinta in modo deciso… Il motore elettrico rispetto al motore a scoppio (benzina o diesel) è estremamente più semplice.

Spariscono: Basamenti, Pistoni, Bielle, Spinterogeno, Carburatori, Iniettori, Turbine… meccanica di precisione ed elettronica di controllo…

Quindi sparisce tutto il lavoro di progettazione, costruzione, assemblaggio ecc… Ma sparirà anche tutto il lavoro di manutenzione. Migliaia di piccole o grandi officine che ci lavorano sopra. (nota **) 

Prevedibile -80% del lavoro relativo… E dei lavoratori… Tanto, purtroppo, il popolo è bestia. (triste considerazione a 66 anni !) Magna, beve, tromba e… se ne fotte… Vedranno e capiranno…

Firmato: lo 0,2% italiano (cioè un imprenditore consapevole).

** Nota di PB: e i nuovi lavori in nascita sulle auto elettriche saranno al 99% svolti da COBOTS, cioè robotica che produce come 200 umani e comandata da solo due o tre dipendenti, che dialogano con le macchine. Spero non farete figli, fate COBOTS.

Fonte: http://paolobarnard.info/

************************

Mattei: siamo merce da macello, controllata via smartphone

Negli ultimi tre o quattro anni sono stati installati, soltanto nella parte occidentale del mondo, quindi nel nord globale, circa un miliardo e quattrocentomila sensori per l’Internet delle cose. Gran parte dei quali sono costruiti nei muri delle case, nei nuovi televisori – in tutti gli apparecchi elettronici che comperiamo – e nelle automobili. Parte di questi sensori, che sono invece fissi, sono inseriti negli spazi pubblici e sono quelli con i quali i nostri meccanismi elettronici si collegano senza che noi lo sappiamo.

Queste cose vengono chiamate “Smart”, nel senso che noi sentiamo parlare costantemente di “Smart City”, “Smart Card”, eccetera. Tutte le volte in cui si sente la parola “Smart” io penso sempre che gli “Smart” siano loro e i cretini siamo noi. Qui la situazione sta diventando davvero molto preoccupante. C’è in costruzione un gigantesco dispositivo (e qui proprio la parola “dispositivo” studiata da Foucault è direttamente utilizzabile per parlare dei dispositivi elettronici che noi compriamo).

Un gigantesco dispositivo di controllo sociale di tutti quanti, che viene ovviamente sperimentato per fare un passo in avanti in modo da rendere in qualche modo l’umanità coerente con la nuova frontiera. Continua QUI 

************************

 Davvero ironico per non dire insultante ed osceno: i maestri della menzogna a caccia di “bufale”

di Enrico Galoppini

A tutti i falsi, falsoni e falsissimi che si riempiono la bocca con ‘ste “fake news” vorrei – giusto a titolo d’esempio – ricordare che l’Iraq, che non ci minacciava in alcun modo (ma forse minacciava qualcun altro di sacro ed inviolabile…), è stato devastato e ridotto ad un campo di battaglia proprio grazie alle spudorate e criminali menzogne propalate da chi ora si ritrova a convegno (http://www.ansa.it/…/fake-news-la-notizia-al-centro-e-larma…) per discutere di “notizia al centro”, “giornalismo veritiero” ed altre chimere.

Chiedo a padre Jean-Marie Benjamin: quanti sono i morti iracheni imputabili alle bugie e alle “bufale” messe in circolazione da tutti i media occidentali? 500.000? Un milione tondo? Ve le ricordate, no, le fialette con l’antrace (!) agitate da Colin Powell? Le “armi di distruzione di massa”? Il “supercannone” di Saddam? I bambini tolti dalle incubatrici a Kuwayt City e il cormorano (dell’Alaska?) impiastricciato di greggio? Chi era che pubblicava paginoni sulla “alleanza tra Bin Laden e il rais di Baghdad” prima dell’attacco finale del 2003? Continua QUI  

************************  

L’ETEROGENESI DEI FINI Violenza sulle donne, molestie, fascisti, migranti, Regeni, ciberbullismo… Ma anche Honduras e Israel – MA ANCHE I LOBBISTI ITALIANI DI SOROS NELL’EUROPARLAMENTO!

Fake news

I dominanti sono quattro gatti e campano di rendita, nel senso che campano alle spalle di tutti gli altri. I dominati sono tutti gli altri , ormai anche più del 99% reclamato dagli Occupy, oggi svaporati. Per cui aveva ragione Gramsci a chiamarli popolo e si aggirano tra i sepolcri coloro che ancora invocano la classe operaia e il proletariato a guidare la rivoluzione. Irriducibili alla presa di coscienza che proletario è il mio fruttarolo ridotto al nocciolo dal proliferare dei supermercati e operai sono la cassiera di qualsiasi supermercato e l’insegnante di qualsiasi scuola. Compresi coloro che questi lavori se li sognano, o li fanno da tre giorni a un mese. L’operaio Fiat oggi sta alla FCA di Detroit o Pomigliano e, come l’altofornista dell’Ilva, sta attaccato con i denti alla catena di montaggio, o alla palata di carbone, che avvelenano lui, i suoi figli e la sua comunità.

I dominanti per mantenere questo assetto delle cose devono mentire per forza. Con le bugie, oggi dette fake news, lo mettono in quel posto ai dominati. I dominati possono mentire anch’essi, ma costretti, e perlopiù a se stessi, per cavarsela in qualche modo, o per non dar fuori di matto. Nel primo caso è dolo, nel secondo colpa, ma neanche tanto. La vicenda delle fake news è tutta qui. Sarebbe facile smascherare il gigantesco inghippo planetario, radicato in una storia che inizia 2017 anni fa e che raggiunge la perfezione con il finanz-militar-securitar-capitalismo dei nostri giorni. Non fosse che i dominanti hanno messo in campo una formula assolutamente geniale: quella delle fake news a fin di bene con dentro, però, il batterio dell’eterogenesi dei fini. Fini malvagi. Continua QUI  

************************

I ricchi sempre più ricchi, mentre i poveri in Italia sono diventati 18 milioni

di Anna Padri

Roma, 6 dic – Mai prima d’ora gli italiani sono stati così poveri. Quasi un italiano su tre è a rischio povertà. Un dato sconfortante, quello dell’Istat, che arriva proprio a ridosso del periodo natalizio e che ci dice che ben 18 milioni di italiani rischiano l’esclusione sociale. Una situazione che peggiora di anno in anno, aumentando di quasi un punto e mezzo percentuale rispetto al 2015: dal 28,7% si è passati al 30%, tra poveri, deprivati e persone che faticano a trovare un lavoro.

E sebbene si registri una “diffusa crescita del reddito disponibile e del potere d’acquisto delle famiglie”, dovuto anche a un lieve calo del cuneo fiscale rispetto agli anni passati con un’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare del 19,4% , questo si associa a un “un aumento della disuguaglianza economica”, con i poveri che sono sempre più poveri e i ricchi sempre più ricchi, con il quinto più ricco della popolazione che vede il proprio reddito impennarsi. Continua QUI 

************************

I BRICS stanno creando un loro internet

BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) intendono dotarsi di una propria governance internet per sfuggire al controllo degli Stati Uniti

Fino a oggi internet è governata dall’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), organizzazione para-amministrativa del dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

L’istituzione di una nuova governance internet è stata proposta dal Consiglio di Sicurezza Nazionale russo. Non si sa come si articolerà con il DNS alternativo, già operativo in Cina. Se il sistema si estendesse, gli Stati Uniti perderebbero il controllo delle telecomunicazioni mondiali. Internet dovrebbe dividersi in due e i siti potranno essere accessibili solo a condizione d’scriversi in ciascuno dei due sistemi, qualunque sia la localizzazione degli internauti. Traduzione Rachele Marmetti Il Cronista

Fonte: http://www.voltairenet.org/  

************************

Secondo lo studioso il Planet X sarebbe un astro gemello del Sole con 7 pianeti orbitanti

Nibiru nel 2020 secondo un astrofisico russo

Nibiru sta entrando nel Sistema Solare, sta accelerando e raggiungerà il punto più vicino a noi (0.3 unità astronomiche) nel 2020. Tutto questo secondo l’astronomo russo Dr. Dyomin Damir Zhakarovich.

Ex amico e consulente astronomico del presidente russo Vladimir Putin, il dottor Zhakarovich lavora ora sotto copertura, emergendo di volta in volta per un unico scopo: avvisare il mondo a proposito di Nibiru, una nana bruna con sette pianeti in rotta verso il sistema solare interno.

La sua conoscenza del sistema Nibiru è così accurata che molti governi lo hanno considerato un’arma pericolosa, in grado di seminare il caos con i suoi annunci. Per impedire che la verità venga rivelata, i leader mondiali come Angela Merkel, Benjamin Netanyahu, Kim Jung-un, Theresa May e Salman bin Abdulaziz Al Saud hanno vietato al dottor Zhakarovich di entrare nelle rispettive nazioni, temendo che le sue parole possano scatenare potenziali insurrezioni e colpi di stato.

L’anno scorso, durante una trasmissione pre-registrata dello show televisivo tedesco Space and Beyond, il dottor Zhakarovich è stato rimosso forzatamente dallo studio e gettato in strada dopo aver espresso preoccupazione per Nibiru. Naturalmente, l’episodio non è mai emerso

Una nuova data, ancora

Ora, il dottor Zhakarovich fa nuova luce sulla data di arrivo. Aiutato da colleghi, il telescopio più potente della Russia e un supercomputer di ultimagenerazione, afferma che Nibiru sarà chiaramente visibile nei cieli del sud tra il settembre e il dicembre 2019 e renderà catastrofico il clima entro il 2020.

Ma né la nana bruna né i suoi pianeti rappresentano la più grave minaccia per la Terra, dice. I maggiori pericoli sono i trilioni di asteroidi e micrometeoriti che accompagnano il sistema Nibiru.

Il problema maggiore sono i detriti

“Mentre Nibiru attraversa lo spazio nel suo viaggio di 3600 anni, raccoglie ogni tipo di oggetto celeste. Questo vortice di spazzatura spaziale rappresenta una doppia minaccia per noi, perché la Terra passerà due volte in questa tempesta cosmica. La schermatura atmosferica che protegge la Terra dai piccoli asteroidi sarà sopraffatta dalla mole di detriti, consentendo a grandi asteroidi di colpire il pianeta e devastare le nostre città”.

Il problema non è il sistema ma la scia di detriti spaziali che si porta dietro  

Inoltre, gli asteroidi all’interno del sistema Nibiru ereditano proprietà dalla stella oscura stessa; Molti sono costituiti da ferro di magnesio, circondato da una guaina porosa che permette effettivamente di penetrare la nostra atmosfera senza disintegrarsi.

Osserviamo i cieli meridionali

La distanza di Nibiru alla terra è circa di 156.000.000 miglia e la velocità trasversale di 6.000 mph; Questa velocità, aggiunge, fluttua a seconda della posizione perpendicolare di Nibiru rispetto ai corpi astronomici vicini.

“Non credo che Nibiru sarà la fine per tutta la vita sulla Terra”, ha detto il dottor Zhakarovich, “ma cercherà di ucciderci. Purtroppo, molti capi di stato pensano di risparmiare e non si preoccupano delle persone che governano. Nibiru presenterà loro il conto. Non credo che la nostra civiltà sia così tecnologicamente avanzata per difendersi dal rosso distruttore”.

In chiusura, il dottor Zhakarovich esorta le persone nell’emisfero meridionale a mantenere una vigilanza dei cieli notturni, nel caso che Nibiru arrivi molto prima del previsto. Fonte pubblicazione nibiru2012.it

Fonte:  https://guardforangels.altervista.org/