Archivi tag: politica

La cura del Giurassico D’Alema

D’Alema: gli italiani non fanno più figli. Chissà come mai…

Perché mai gli italiani non fanno più figli? Non se lo chiede, Massimo D’Alema, mentre ripropone tranquillamente il più classico teorema mondialista: il nostro futuro saranno i migranti, unica risposta all’impoverimento demografico del Belpaese, sempre più anziano e spopolato. L’ex segretario del Pds è stato un esponente di punta della classe dirigente italiana, in particolare di quella “sinistra post-comunista di governo” che supportò la grande cessione della sovranità nazionale dopo la caduta (per via giudiziaria) della Prima Repubblica.

Eppure, alla televisione italiana già immersa nel clima politico della campagna elettorale, D’Alema parla dell’Italia come se fosse un turista distratto, e non l’uomo che sedette per due anni a Palazzo Chigi, peraltro vantandosi di aver realizzato il massimo volume possibile di privatizzazioni, un vero e proprio record europeo. Parla come un osservatore sbadato e impreciso, D’Alema, quando si limita a prendere atto che il bizzarro problema che affligge lo Stivale, da molti anni, è la crisi della natalità, il saldo negativo che rivela la decrescita costante della popolazione. Affrontare il male a monte, occupandosi degli italiani? Aiutarli a scommettere nuovamente sul futuro? Ma no, basta rimpiazzarli con un po’ di profughi africani. Per gli italiani, tuttalpiù, D’Alema ha in mente una cura innovativa e rivoluzionaria: reintrodurre l’imposta sulla prima casa.

D’Alema appartiene a pieno titolo alla storia del Novecento: il suo nome è legato per sempre all’infelice stagione che vide incrinarsi i decenni del benessere, preparando il crollo sistemico al quale stiamo assistendo. Ma la vera notizia è che l’ex premier sia ancora in campo nel 2017, tra le fila (meramente anti-renziane) di un sedicente movimento “democratico e progressista”.

Quella di D’Alema sembra una voce proveniente dalle catacombe della politica, dal cimitero neoliberista nel quale marcirono e poi morirono, a volte anche assassinate, le migliori idee di progresso sociale, giustizia e solidarietà, incarnate in Europa da giganti del pensiero come Olof Palme, leader della gloriosa socialdemocrazia svedese, artefice del più avanzato welfare del continente. Nel salottino televisivo di Lilli Gruber, D’Alema parla come se nulla sapesse di quanto è avvenuto, in questi anni, al paese a cui oggi si rivolge: la colossale svendita del patrimonio nazionale, i tagli sanguinosi alla spesa sociale, l’austerity, la precarizzazione del lavoro e la piaga della disoccupazione. Dov’era, D’Alema, quando l’Italia organizzava il proprio suicidio socio-economico accettando di subire il macigno del Fiscal Compact, la legge Fornero sulle pensioni, la crocifissione della Costituzione mediante pareggio di bilancio obbligatorio?

L’ex premier post-comunista parla come se non conoscesse Mario Draghi, come se non avesse mai sentito nominare Napolitano e Monti, la Merkel e la spietata Troika che ha ridotto alla fame una nazione come la Grecia. Si limita a descrivere l’Italia come un paese curiosamente in crisi demografica, i cui abitanti – chissà perché – hanno smesso di sposarsi e di metter su famiglia. Il giornalista Paolo Barnard, autore del saggio “Il più grande crimine”, presenta D’Alema come “allievo” di Jacques Attali, eminente politologo francese, già “consigliere del principe” quando lavorava all’Eliseo.

Un grande economista transalpino, Alain Parguez, rivela che proprio Attali, oggi padrino di Macron, contribuì a determinare la svolta neo-reazionaria del presidente socialista Mitterrand, “l’inventore” della soglia del 3% (del Pil) come tetto alla spesa pubblica. Una regola artificiosa e nefasta, solo ideologica e anti-economica, da allora utilizzata dall’élite finanziaria per scatenare l’attacco frontale alla sovranità di bilancio degli Stati europei, mettendo fine alla loro capacità di realizzare politiche progressiste.

Nel suo saggio del 2014 sulla segreta geografia supermassonica del massimo potere (“Massoni”, Chiarelettere), Gioele Magaldi collega D’Alema e Attali sul piano delle loro frequentazioni più riservate: il primo, scrive, milita in due diverse Ur-Lodges, la “Pan-Europa” e la “Compass Star-Rose/Rosa-Stella Ventorum”, mentre il secondo nella “Three Eyes”. Secondo Magaldi, le “logge madri” sono strutture esclusive e sovranazionali del back-office del potere, incubatrici di ogni grande decisione finanziaria, economica e geopolitica. Quelle citate, in relazione a D’Alema e Attali, sempre secondo Magaldi (a sua volta “iniziato” alla Ur-Lodge progressista “Thomas Paine”) sono superlogge orientate in senso neo-aristocratico, grandi protagoniste della globalizzazione universale che sta privatizzando il pianeta, senza più altra bandiera che quella del denaro.

Se la figura politica di D’Alema resta complessa, legata alla tormentata conversione atlantica degli ex comunisti (D’Alema fu il primo premier italiano proveniente dal Pci, il partito di Togliatti e Berlinguer), può sembrare un mistero l’ipotetica attualità della sua proposta odierna, la sua stessa permanenza nel club degli interlocutori politici italiani.D’Alema sarà addirittura tra i competitori elettorali del 2018, per giunta nel cartello guidato dall’imbarazzante Bersani, che si richiama in modo surreale all’articolo 1 della Costituzione (“fondata sul lavoro”, ma in realtà “affondata” dalla costituzionalizzazione del rigore imposta dal governo Monti, con i voti di Berlusconi e dello stesso Bersani).

La surrealtà di questa sedicente sinistra prosegue nell’omaggio ricorrente a Romano Prodi, il super-privatizzatore dell’Iri che riuscì a passare da Palazzo Chigi alla Goldman Sachs, fino alla guida della Commissione Europea, cioè l’organismo che ha inflitto le maggiori sofferenze ai lavoratori europei. Al fantasma di Prodi, peraltro, si oppone quello del Cavaliere, che allatta agnellini per la gioia degli animalisti ed evoca spettacolari candidature securitarie, scomodando alti ufficiali dei carabinieri.

Poi naturalmente c’è l’eroico Renzi, per il quale il male italico numero uno resta “la burocrazia” (infatti: il problema di Palermo è il traffico, dice Benigni nel film in cui interpreta il boss mafioso Johnny Stecchino). E i 5 Stelle? Lontani anche loro dalla zona rossa, quella del vero pericolo: il loro mitico “reddito di cittadinanza” lo finanzierebbero semplicemente “tagliando gli sprechi”, non certo bocciando i diktat di Bruxelles. Un quadro anche pittoresco, nel quale diventa più comprensibile persino la sopravvivenza giurassica dello stesso D’Alema, l’uomo che finge di non sapere perché l’Italia sia tanto in crisi, al punto da smettere di fare figli.

Pubblicato il 14 feb 2015 da DiSinAntcontroinvStr

Tassa di scopo & sciocchezzuole di sinistra

La tassa di scopo: È giusta una tassa di scopo sul tabacco?

È giusto tassare il tabacco per sviluppare farmaci contro le malattie ad esso legate? Sì. La risposta parrebbe scontata. Siamo proprio sicuri? Siccome il fumo può essere causa di malattie e perciò incide sul sistema sanitario, si dice, sarebbe moralmente auspicabile che l’industria del tabacco contribuisse a sovvenzionare un fondo per l’acquisto di medicinali. Un ragionamento del genere imposta la questione in termini di morale, più precisamente la morale rispetto a comportamenti individuali. Si affida così allo Stato il compito di stabilire la morale e quindi quelle azioni da perseguire, con la tassa nel nostro caso.

Siamo ancora d’accordo? No. È sufficiente preferire per un momento il metodo scientifico all’emotività per produrre una risposta diversa, e quindi negativa, alla nostra domanda iniziale. Chi fa le leggi antepone spesso l’emotività delle scelte istintive al metodo sperimentale fondato sulla libertà individuale (che tutela). Seppure l’Italia è ben lontana dall’essere una solida Democrazia Liberale, è prassi che le nostre leggi non siano fondate sulla morale quanto sulla necessità di governare la convivenza tra cittadini al fine di favorire l’estensione delle loro libertà. Questo approccio al diritto che si fonda sulle libertà soggettive ed oggettive, e non sull’etica o la morale, riguarda naturalmente anche la fiscalità.

Una tassa morale non avrebbe senso di esistere nel nostro ordinamento perché contrasterebbe con la libertà di ciascuno. Essa equivarrebbe alla tassazione del comportamento legittimo di un cittadino in questo caso, visto che il consumo di tabacco è consentito dalla legge. Il tabacco può essere tassato come qualsiasi altro bene e così succede, dato che già oggi lo Stato incassa 14 miliardi di tasse da questo settore. Ma non è dato sapere quanto di questo denaro abbia una “destinazione morale”, per esempio in ricerca e prevenzione.

Il tabacco non può invece essere (ulteriormente) tassato ad hoc per una questione morale. Se valesse la questione morale, allora dovremmo tassare anche molti altri comportamenti che possono avere conseguenze negative sulla salute o sull’ambiente. Perché non imponiamo una (ulteriore) imposta ad hoc sulla benzina, sulle automobili, sulle caldaie a gasolio, sulla carne, sui grassi, sugli alcolici, sugli zuccheri, sui giochi e su tutto ciò che può generare malattie o costi per il sistema sanitario? Perché non li tassiamo per creare un fondo per l’acquisto di farmaci o (meglio ancora) la ricerca?

La morale del legislatore è spesso doppia, cioè la si impone aggirandola, e rischia di sconfinare nella demagogia. Così ci si è inventati la tassa di scopo, una sorta di paravento per celare una mentalità statalista e paternalista. Si vuole una fiscalità non volta a fornire i servizi pubblici con le risorse a disposizione, bensì finalizzata ad escogitare mezzi sempre nuovi per spremere ulteriormente i contribuenti ed imporre comportamenti ritenuti moralmente “giusti”, salvaguardando naturalmente i privilegi (nessuno si è chiesto chi potrebbe beneficiare di un fondo per l’acquisto di medicinali? Non sarebbe “più etico e morale” finanziare la ricerca pubblica?) e gli sprechi annidati nei meccanismi dei servizi pubblici esistenti.

Anche la tassa di scopo è facilmente smontabile. Le imposte sul tabacco sono già state ritoccate con la riforma del 2015 e aumentate nel mezzo del 2017, portando molti meno milioni (-224 milioni entrate gennaio-settembre; meno 1 miliardo di gettito rispetto alle previsioni per il 2017) nelle tasche di uno Stato disperatamente alla ricerca di risorse ma che spesso dimentica di valutare a monte l’impatto di nuove tasse.

Una nuova imposta come quella che il Parlamento vorrebbe far passare rischierebbe di non garantire l’effettivo aumento di gettito e non farebbe altro che peggiorare la situazione: (i) la tassazione già regressiva (cioè, i prodotti di fascia medio–bassa pagano in proporzione più tasse di quelli di fascia alta) distorcerebbe ulteriormente l’assetto concorrenziale neutro del mercato; (ii) i volumi già in calo si ridurrebbero ulteriormente portando meno gettito, e la mancanza di una relazione tecnica circa l’impatto sul mercato di questa ulteriore tassa non aiuterebbe; (iii) il contrabbando che oggi è moderato potrebbe tornare ad esplodere nuovamente, con buona pace delle entrate sperate e della salute dei cittadini; e infine (iv) si complicherebbe la burocrazia, visto che il legislatore come sempre ha partorito la tassa ma non il suo funzionamento, lasciandolo ai burocrati, appunto.

Prima di agire di istinto, i nostri parlamentari dovrebbero provare ad affidarsi al metodo sperimentale delle Democrazie Liberali. Capirebbero allora che questa tassa oltre ad essere immorale per la libertà individuale, farebbe solo danni. Per finanziare la ricerca (quella pubblica, s’intende) ci sono altri modi, meno populisti.

@pietropaganini

Foto da Shutterstock

Fonte: http://www.tempi.it/

LUIGI DI MAIO, CON LUI AL POTERE SIAMO FREGATI NE AZZECCASSE UNA 

Tenete lontano quell’ignorantello di Luigi di Maio dal Mein Kampf. Vista la bestialità da lui sostenuta dagli USA, quella secondo la quale “bisogna operare nel sistema di tassazione come Trump”, c’è da temere che leggendo la “battaglia di Hitler” se ne innamori.

Ci sarà qualche grillino che non abbia studiato su internet?

O tempora, o mores!

R

Ps: Già che ci sono una noterella sul bullo ignorante di Rignano sull’Arno.

Qualcuno gli dica che i radicali non sono di sinistra ma liberisti di destra.
Gli aggiunga che lo “Ius Soli”, le “Unioni Civili”, il “Fine vita” sono provvedimenti importantissimi ma fanno parte di una cultura liberale, non di sinistra.
Quel personaggio se vuole parlare di sinistra deve parlare di lavoro, sanità, pensioni, scuola, diritti. E non per attaccare e distruggere (come ha fatto) ma per difendere e incrementare queste sciocchezzuole “di sinistra”.

Fonte:   http://www.fisicamente.net/portale/

Almanacco di novembre 2017

Bertrand Russell: “L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”

L’articolo che stai per leggere è stato scritto da Bertrand Russell, 1872 -1970, i fatti narrati sono verità storiche ancora oggi non ben comprese dalla massa inerme degli schiavi civilizzati: ECCO COME CI FREGANO!!!

Come molti uomini della mia generazione, fui allevato secondo i precetti del proverbio che dice “l’ozio è il padre di tutti i vizi”. Poiché ero un ragazzino assai virtuoso, credevo a tutto ciò che mi dicevano e fu così che la mia coscienza prese l’abitudine di costringermi a lavorare sodo fino ad oggi.

Io penso che in questo mondo si lavori troppo, e che mali incalcolabili siano derivati dalla convinzione che il lavoro sia cosa santa e virtuosa; insomma, nei moderni paesi industriali bisogna predicare in modo ben diverso da come si è predicato sinora.

Tutti conoscono la storiella di quel turista che a Napoli vide dodici mendicanti sdraiati al sole (ciò accadeva prima che Mussolini andasse al potere) e disse che avrebbe dato una lira al più pigro di loro. Undici balzarono in piedi vantando la loro pigrizia a gran voce, e naturalmente il turista diede la lira al dodicesimo, giacché era un uomo che sapeva il fatto suo…!!! Continua QUI

A casa un elettore su due: nessuno dice la verità all’Italia

Attacca Mario Draghi sparando sul suo pupillo di Bankitalia, il governatore Ignazio Visco (difeso e prontamente confermato da tutti, Gentiloni e Padoan in testa), e intanto nel suo libro, “Avanti”, l’ex rottamatore se la prende col pensiero unico, quello che nel 2011 ha commissariato la repubblica piazzando a Palazzo Chigi il sicario Mario Monti, l’uomo che ha inserito il pareggio di bilancio nella Costituzione.

L’ha fatto grazie ai voti di Berlusconi e Bersani, sotto il ricatto dello spread, mentre Draghi (sempre lui) si limitava ad assistere allo spettacolo, affidato alla regia istituzionale dell’ineffabile Napolitano. Ma poi, al dunque, Matteo Renzi resta a bordo campo: va in televisione a sbeffeggiare il fantasma di Luigi Di Maio, che l’ha sfidato a duello e poi è scappato, ma evita di sfiorare qualsiasi verità scomoda negli studi de La7, da Giovanni Floris.

In quella stessa rete televisiva, poco prima, persino il “talebano” Brunetta aveva ammesso, dalla Gruber, che l’astensionismo in Sicilia (dove non ha votato neppure un elettore su due) è la vera calamità politica nazionale, tale da oscurare la vittoria del centrodestra e la disfatta del Pd, surclassato dal candidato dei 5 Stelle. Continua QUI 

RICORDATE LE PIATTAFORME? GLI IMPERATORI? ECCO LA CONFERMA. NON SCRIVO A VANVERA

“Ma attenti perché in questo progetto c’è altro. Più sopra ho scritto chiaro che nel nuovo progetto di TECH-GLEBA l’elites accumuleranno quello che non fu mai accumulato da elites in 40 secoli prima. Questo non solo in virtù di elementi già emersi qui, ma soprattutto perché il progetto prevede, alla lettera, la distruzione d’interi comparti industriali (i tradizionali Re dell’industria) a favore dell’esistenza sul Pianeta degli Imperatori del Business, e cito:

“Tutto questo sbriciolerà interi comparti industriali. Da queste fratture escono morti i tradizionali Re del business, ed escono gli Imperatori… E’ quello che ha fatto Jeff Bezos, che ha sbriciolato tutto il comparto industriale a cui apparteneva, ha azzerato sei comparti in un colpo solo, e ora l’Imperatore è Amazon…”.* State capendo? Non muore solo il Capitalismo secondo il progetto TECH-GLEBA, ma anche la moltitudine delle industrie a favore di colossali Monopoli (gli “Imperatori”) come mai visti nella Storia, già chiamati col nome di Piattaforme. Immaginatene i profitti…”.

*(Lloyd Blankfein, CEO di Goldman Sachs, Robert Smith guru di Vista Equity Partners, e Jeff Immelt CEO di General Electric, a un meeting riservato)

Ora, mentre tutti stanno con gli occhi puntati sulla Seat, o Alitalia e il battibecco delle mummie industriali europee, io incappo in una straordinaria conferma del mio avviso pubblico di cui sopra, il quale, se vivessimo in un Paese dove l’imprenditore medio ha più di 2 saponette nella scatola cranica, avrebbe dovuto aprire un dibattito di un almeno un anno sul Sole 24 Ore (per non parlare dei dipendenti). Vabbè, qualche riga e poi le Piattaforme. Continua QUI

L’ingegneria del clima è la porta per un governo globale

Da Derrick Broze 

Ecco come la camera dei rappresentanti USA ha tenuto la sua prima udienza sulla geoingegneria del clima e come sta diventando chiaro che la tecnologia porterà alla governance internazionale.

Mercoledì la sottocommissione per l’ambiente e la sottocommissione per l’energia della Casa Bianca degli Stati Uniti ha tenuto un auditorio sul controverso tema della ingegneria del clima o di modificazione climatica. L’udienza, intitolata geoingegneria:innovazione, ricerca e tecnologia,” ha riunito i membri dei comitati di casa così come i rappresentanti di gruppi di riflessione, scienziati e ricercatori nel campo per discutere del futuro della ricerca sulla geoingegneria e se l’amministrazione Trump dovresse stanziare dei fondi.

La spinta per la discussione della geoingegneria da parte dell’amministrazione Trump non è certo una sorpresa. Nel gennaio 2017, Activist Post ha riferito che “il programma di ricerca per cambiamento globale dell’US ha tranquillamente consigliato nuovi studi cercando in due specifiche aree di ricerca che coinvolgono la geoingegneria.” Con il rilascio del loro rapporto, il GCRP sono diventati i primi scienziati nel governo federale a raccomandare formalmente gli studi che coinvolgono la geoingegneria. Continua QUI in lingua inglese

Le declinate immagini  mostrano che innumerevoli bombe nucleari sono state detonate nell’atmosfera terrestre

Una delle affermazioni più citate della storia dell’età atomica sono state Interpretate da Robert Oppenheimer affermando di aver pensato quando ha assistito alla prima esplosione nucleare del mondo: “Sono diventato la morte, il distruttore dei mondi”.

Poco dopo che Oppenheimer, direttore del laboratorio che ha sviluppato la bomba atomica, vide il fuoco, un fuoco ardente sul deserto del Nuovo Messico al sito di prova della Trinità il 16 luglio 1945, quelle parole sono molto simili e derivano dalla scrittura indù della Bhagavad-Gita gli si avvicinano molto.

La citazione appare in tutta la letteratura sulle armi nucleari, spesso in una forma leggermente diversa: “Sono diventata la Morte, il disgregatore dei mondi”.

Dal 1945 al 1962, gli Stati Uniti d’America hanno eseguito circa 210 test nucleari atmosferici. Sì. Proprio sopra le nostre teste.

Nel 1963 è stata vietata la messa a fuoco del nucleare, ma migliaia di film provenienti da quegli esami distruttivi che sono rimasti in rovina in valli segrete in tutto il paese.

Tuttavia, quando i tempi cambiano e quando il materiale classificato diventa declassificato, abbiamo ora accesso ad un’enorme quantità di filmati e immagini.

Quello che stiamo guardando è il meglio della distruzione. Tale forza fa venire i brividi lungo la schiena e guardando questi video e le immagini mi fa domandare perche ‘sprechiamo il nostro intelletto umano che produce armi di distruzione di massa, e non tecnologie che ci permetterebbero di viaggiare tra le stelle?

Immaginate dove saremmo oggi come civiltà se tutti i paesi del mondo avessero passato più tempo a sviluppare tecnologie future per le esplorazioni spaziali piuttosto che delle armi per ucciderci l’un l’altro? Quello che stai per vedere in queste immagini non è una mostra d’arte, è una mostra di guerra, una mostra di terrore, una mostra di distruzione immersa nell’umanità.Quando è stato che siamo andati fuori strada, al punto che produciamo la distruzione anziché lo sviluppo?

Queste macabre immagini, che sicuramente ti faranno venir la pelle d’oca, sono state recentemente declassificate e mostrano un certo numero di test nucleari atmosferici eseguiti dagli Stati Uniti negli anni ’60. Il giorno in cui abbiamo deciso di testare le armi nucleari nell’atmosfera ha segnato una giornata tragica per il nostro pianeta, ma anche per l’umanità.

I militari volevano determinare se sia possibile sparare un missile nucleare dal cielo.

Le immagini sono state compilate da web Topic. (guarda le immagini nel sito a fondo pagina QUI ndr)

I test non hanno potuto raggiungere l’obiettivo a causa degli effetti e dell’estrema difficoltà nucleare in quel momento.

Tuttavia, ciò che queste immagini confermano è che più di mezzo secolo fa l’umanità era già in grado di lanciare un’arma nucleare all’atmosfera.

Ci auguriamo che queste foto ci facciano riflettere e mettere in dubbio questo tipo di pratica. Data l’attuale tensione tra la Corea del Nord e gli Stati Uniti, queste fotografie potrebbero farci vedere un futuro oscuro che, secondo me, siamo tutti d’accordo – nessuno vuole esserne testimone.

Fonte:https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Voglio leggerti tre citazioni di Thomas Jefferson sulle notizie

Thomas Jefferson engraving after painting by Rembrandt Peale.

Thomas Jefferson commenta le false notizie 

di Jon Rappoport

L’attuale campagna, condotta dai politici, dai dirigenti dei media e dai loro partner di social media, contro i media indipendenti, è un atto di pura disperazione.

Il tonnellaggio di false notizie, sprofondato dai più prestigiosi mezzi di comunicazione, ha toccato le proprie fondamenta.

Il pubblico si sta svegliando.

Così diceva Thomas Jefferson, più di 200 anni fa.

Ecco una progressione dei pensieri di Jefferson, in un periodo di 20 anni:

  1. “La nostra libertà dipende dalla libertà della stampa e che non può essere limitata senza perdere (di credibilità ndr)” (28 gennaio 1786)
  2. “La base del nostro governo è il parere della gente, il primo obiettivo dovrebbe essere quello di mantenere ciò giusto; e mi è stato lasciato decidere se dovremmo avere un governo senza giornali, o giornali senza un governo, non esiterei un momento a preferire quest’ultimo. Ma dovrei dire che ogni uomo dovrebbe ricevere quei documenti e essere in grado di leggerli “(16 gennaio 1787)
  3. “Ora non si può credere a quel che si veda in un giornale. La stessa verità diventa sospetta se viene messa in quel veicolo inquinato. La vera estensione di questo stato di disinformazione è conosciuta solo a coloro che sono in situazioni per affrontare i fatti nella loro conoscenza con le bugie del giorno . . .  Aggiungo che l’uomo che non guarda mai in un giornale è meglio informato di chi li legge; in quanto colui che non conosce nulla è più vicino alla verità di chi la cui mente è piena di menzogne ​​e errori” (11 giugno 1807)

C’è una grande tradizione di novità false, e da sempre è sorta dalle fonti principali e ufficiali.

I giornalisti di oggi, naturalmente, non vogliono pensarci. Non vogliono riflettere sulla lunga storia stentata della propria professione.

Preferirebbero far finta che i loro fratelli abbiano sempre servito con onore.

Questa truffa è comprensibile. Chi vorrebbe arruolarli in un campo in cui la verità è della massima importanza, eppure è stata calpestata senza lasciare traccia in tutta la sua storia?

Ogni scuola di giornalismo dovrebbe inserire un segno sulla sua porta d’ingresso: NOI abbiamo sempre MENTITO.

I politici e dirigenti mediatici, ingannati, ingombranti e esauriti, che sono attualmente seduti in udienze di commissione, rimproverano le notizie e le incursioni dei siti indipendenti, dovrebbero fermarsi per un attimo e rendersi conto che il pubblico si suppone sia in servizio, sta tirando un forte sospiro delle loro deliberazioni –

E dovrebbero capire che è in corso un naturale e crescente boicottaggio delle notizie principali.

Con il tuo aiuto i falsificatori continueranno a perdere.

Si chiama giustizia.

Nel frattempo, ovunque ci sarà un professore di giornalismo che dirà alla sua classe, “Voglio leggerti tre citazioni di Thomas Jefferson sulle notizie. Stiamo per passare il semestre cercando di capire cosa ha portato Jefferson in questa strada. E’ un’interrogazione importante, a meno che la tua idea di una carriera non sia avere denti più bianchi, bei capelli e allinearsi senza toccare la linea dei tuoi redattori che hanno posto in essere, meno la tua coscienza …”

In America, non credo che un professore possa accontentarsi e scappare con quello.

Fonte: https://jonrappoport.wordpress.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Anatomia di eventi False Flag – False Bandiere

di Kevin Scott King 02 dicembre 2015 dal Sito TruthShock

  Che cosa è una falsa bandiera? 

Che cosa è esattamente una bandiera falsa, perché si chiama bandiera falsa?

Il termine bandiera falsa è un termine navale dall’era della vela che si riferisce a una nave che sventola i colori (bandiera) di un paese diverso da quello a cui la nave appartiene. Ciò viene fatto per più motivi, la cosa più comune è quella di attirare una nave nemica in una trappola o un intervallo di imbarco e poi nell’ultimo momento lasciare cadere la bandiera falsa e eseguire i veri colori prima di attaccare. Era uno sport usuale usare false flag – false bandiere, ma considerato immorale / non etico per attaccare l’eventuale nemico.

Al punto che non è mai stato fatto.

Ma questo accadeva in un’altra epoca …

La definizione più semplice di una falsa bandiera è un evento in cui gli autori effettivi e gli autori di reati segnalati o accusati di esserlo sono diversi. L’uso classico di una falsa bandiera, e quindi l’origine militare del suo nome, procede come segue.

Il re del paese A vuole conquistare e saccheggiare la terra del paese B per arricchirsi. Naturalmente se questo è ciò che il re A dice al suo esercito, può scegliere di non combattere o ribellarsi. Oppure nel caso migliore la manca di forza. Per ottenere il massimo dai loro soldati, i comandanti hanno bisogno di essere emozionalmente coinvolti … rabbia, odio, vendetta.

Ora l’oratore e il manipolatore esperti potrebbero essere in grado di creare questo umore con le sole parole. Ma molti non hanno questo livello di abilità. È molto più facile motivare e / o sollevare un esercito se un paese è stato attaccato, pertanto stai agendo in difesa. Ed è qui che entra in gioco la falsa bandiera. Il re del paese A e il suo generale al vertice si prodigano per lanciare un attacco contro se stessi, sostenendo che gli aggressori provenivano dal Paese B.

L’attacco deve essere abbastanza grande per creare un vero e proprio panico e paura e, per avere il massimo impatto ha bisogno di morti reali. Gli aggressori devono essere convincenti nel loro ruolo di soldati del Paese B, per cui l’abbigliamento, le uniformi, le armi devono corrispondere in modo appropriato.

Il successo del probabile attacco è alto poiché sarebbe inaspettato o un attacco a sorpresa. Anche se l’attacco dovesse fallire tecnicamente, resta il fatto che un attacco potrebbe essere sufficiente per manipolare una eventuale risposta. Il re A per eseguire l’attacco, potrebbe usare gli uomini all’interno, anche se sarebbe meglio usare dei mercenari.

Indipendentemente da ciò, un attacco di successo farebbe insorgere il popolo contro il paese “malvagio” B e quindi giustifica un’invasione.

Quanto sopra è solo un esempio, o un classico esempio di flag-flag. Tuttavia, è molto importante capire che l’evento flag-flag può assumere innumerevoli forme. Recentemente ho letto un commento in cui il commentatore ha affermato che poiché le persone sono effettivamente morte non era una falsa bandiera. La caratteristica definizione di una falsa bandiera non specifica che i non attori siano morti o anche se l’evento non sia affatto avvenuto, il che significa che l’intero evento riportato è una fabbricazione.

Una caratteristica definente è che il reato reale non viene mai conosciuto o rivelato. Quindi l’autore o il direttore / produttore della “produzione” non è sconosciuto. L’attenzione del pubblico è bloccata sul palco, è chiaramente noto il cattivo, identificato attraverso la narrazione ufficiale.

Ma chi sta dietro il sipario? Quando la scena di un gioco viene venduta come reale allora gli attori diventano irrilevanti, ciò che importa è sapere chi sono i produttori! Chi sono le persone che l’hanno scritto, diretto e finanziato l’evento? Questi sono i reali autori, non gli attori sul palco.

Cui Bono? … Chi ne beneficia?

L’altra caratteristica che definisce l’evento è un catalizzatore per i veri obiettivi. Quindi la falsa bandiera usa la classica dialettica hegeliana di “Problema-Reazione-Soluzione”.

Dall’esempio sopra riportato, l’attacco a sorpresa è il “problema” (una minaccia per la sicurezza personale), la rabbia della popolazione, la paura, quindi, la preoccupazione è la “reazione” desiderata e la “soluzione” è attaccare il reato per eliminare la minaccia abilitata dalla reazione delle popolazioni.

La falsa bandiera è quindi un’illusione deliberatamente creata, il cui scopo è creare l’ambiente in cui l’obiettivo o la “soluzione” saranno accettati e così implementati.

Perché usare tante false bandierine?

Come spiegato nella sezione precedente, il classico flag-flag è stato usato per giustificare un’invasione di un altro paese.

Ma ci sono numerose motivazioni per l’utilizzo di false bandiere. Quindi l’evento falso flag, nella storia è sempre stato utilizzato per avviare il cambiamento. Problema-Reazione-Soluzione.

Se la modifica che i leader vogliono non sarà apportata, deliberata o accettata dalla popolazione, allora la falsa bandiera è un ottimo strumento per mettere in atto tale cambiamento.

Quindi le falsi flag è uno strumento di manipolazione (inganno) per dirigere le opinioni e le azioni del popolo. Questo modello di problema-reazione-soluzione delle falsi flag è solo uno strumento dell’ingegneria sociale che guidano gli attori sul palcoscenico mondiale.

Mentre il pubblico, il 99,9% del mondo, sono molto più che semplicemente degli spettatori, è direttamente influenzati da questi “ingegneri” dal momento della loro nascita fino al momento del loro trapasso.

Essi (noi) siamo in realtà ignoti e non vogliono partecipanti alle macchinazioni dell’1%. 

Göring: Perché, naturalmente, la gente non vuole la guerra. Perché qualche povero sciattone che lavora in un’azienda vuole rischiare la sua vita in una guerra quando il meglio che ne può scaturire è tornare alla sua fattoria a pezzi?

Sia beninteso che naturalmente, la gente comune non vuole la guerra; né in Russia, né in Inghilterra, né in America, né per quello che si può dire della Germania.

Ma, dopo tutto, i leader del paese definiscono la politica e è sempre una cosa semplice trascinare il popolo, sia che sia una democrazia, sia che sia una dittatura fascista, un parlamento o una dittatura comunista.

Gilbert: C’è una differenza. In una democrazia la gente ha qualche parola in materia attraverso i loro rappresentanti eletti, e solo negli Stati Uniti il ​​Congresso può dichiarare guerre.

Göring: Oh, certo va tutto bene e bene, ma, voce o non voce che possono avere, la gente può sempre essere trascinata dai loro leader. Questo è facile. Tutto quello che devi fare è dire loro è che sono stati attaccati denunciando i pacifisti per mancanza di patriottismo esponendo il paese al pericolo.

Funziona allo stesso modo in qualsiasi paese.

Da un’intervista tra Gustave Gilbert, uno psicologo americano e Hermann Göring durante le prove di Norimberga.  Trovato nel libro, ‘Diario di Nuremberg’

La Comunità basata sulla realtà 

La fonte del termine è una citazione del 17 ottobre 2004, l’articolo di New York Times Magazine dell’autore Ron Suskind, “Fede, certezza e presidenza di George W. Bush”, citando un aiutante senza nome a George W. Bush (successivamente attribuito a Karl Rove):

“L’aiutante ha affermato che i ragazzi come me erano in quello che chiamiamo la comunità basata sulla realtà”, definita come persone che “credono che le soluzioni emergano dal tuo giudizioso studio della realtà discernibile”.

“Non è questo il modo in cui il mondo funziona di più” continuò.

“Siamo un impero adesso e quando agiamo creiamo la nostra realtà. E mentre stai studiando questa realtà – giudiziosamente, come farete – agiremo di nuovo, creando altre nuove realtà, che puoi anche studiare, e così le cose verranno risolte. Siamo attori della storia … e tu, tutti voi, saremo lasciati a studiare ciò che facciamo”.

Il 1° dicembre 1941, 80% della popolazione statunitense era contro la partecipazione alla guerra in Europa.

FDR ha voluto che gli Stati Uniti si unissero alla guerra, un fatto ora ben consolidato. Quindi, come fa la FDR a convincere la popolazione statunitense a partecipare oltreoceano a una guerra che non vogliono?

Gli Stati Uniti hanno adottato 8 passi per incensare i giapponesi e incoraggiarli o costringerli ad attaccare. Gli Stati Uniti avevano rotto i codici diplomatici e militari dei giapponesi negli anni ’30.

Gli Stati Uniti sapevano che cosa erano. I diplomatici giapponesi dovevano dichiarare la guerra alla mattina del 7 dicembre prima dell’attacco, ma questa riunione fu intenzionalmente ritardata. Così la richiesta di un attacco a “sorpresa” sarebbe stata mantenuta, e la sorpresa, l’orrore, lo shock dell’attacco sono stati utilizzati per manipolare la popolazione nell’adesione alla seconda guerra mondiale.

I comandanti dell’esercito e della marina (General Walter Short e Ammiraglio Husband Kimmel) a Pearl Harbor, che sono stati accusati di non essere pronti sono stati immediatamente licenziati, ed entrambi esonerati nel ’44.

Sia il Tribunale Navale che il Consiglio dell’esercito hanno trovato Washington colpevole, che i funzionari all’interno del Govt americano sapevano che l’attacco stava venendo, ma non aveva trasmesso queste informazioni al personale appropriato.

False bandiere provate

Quindi non sei convinto che le false bandiere siano reali.

Abbastanza buono, niente di sbagliato per essere scettico. Diamo quindi un’occhiata a eventi che sono stati esposti “ufficialmente”. Uno dei più significativi è l’Operazione Gladio, perché non solo è stato aperto in lungo e in largo, ma dimostra chiaramente che il terrorismo è sponsorizzato dal governo.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la British MI6 e la CIA hanno creato e sostenuto gruppi terroristici di destra in tutta Europa in cui sono stati uccisi innocenti. Lo scopo era quello di incolpare il terrorismo nei gruppi di sinistra, usando una “strategia di tensione” e quindi ottenere il sostegno per ulteriori poteri di governo.

Questo programma è andato avanti per molti decenni, e anche se ufficialmente Gladio potrebbe essere stata chiusa, ovviamente continua senza sosta:

L’Iran-Contra, pensato tecnicamente non ad un evento flag-flag, è una prova assoluta della complicità del governo statunitense nelle vendite internazionali di armi e cambiamenti di regime.

Il partito iraniano ha coinvolto le vendite di armi illegali degli Stati Uniti all’Iran, usando Israele come intermediario per spedire le armi all’Iran, in cambio di assistenza per liberare gli ostaggi americani in Libano.

Importante notare che in questo momento l’Iran è stato considerato un “nemico” ed è ufficialmente designato uno lo “Sponsor Stato del Terrorismo”, che è deliziosamente ironico considerando ciò che l’Operazione Gladio ha rivelato. Infatti gli Stati Uniti stavano aiutando l’Iraq nella continua guerra Iran-Iraq. Questo è avvenuto durante un embargo delle vendite di armi all’Iran.

Alcuni dei fondi generati da queste vendite di armi furono poi utilizzati per finanziare i Contras in Nicaragua, che erano stati rigorosamente vietati dal Congresso degli Stati Uniti.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Fine Prima parte

Magaldi – Nascerà il Pdp, Partito Democratico Progressista

Magaldi: smascheriamo insieme i bari della politica italiana

Smascherare i bari della politica? Facilissimo: basta vedere chi votò per Mario Monti, il devastatore dell’Italia inviato a Roma nel 2011, tramite Napolitano. Una missione speciale, la sua, per conto dei super-poteri oligarchici che hanno fatto dell’Ue una fabbrica di diktat, trasformando i Parlamenti in “bivacchi di manipoli” dormienti, ancora impegnati a recitare la liturgia di una democrazia che ormai non esiste più, non conta, non decide più niente.
 
Se ne vergognano, gli ex sostenitori di Monti? «Certamente se ne vergogna Bersani, che infatti nella sua nuova formazione politica ha inserito un riferimento all’articolo 1 della Costituzione “fondata sul lavoro”, ben sapendo di aver votato a favore della riforma Fornero, massimo attentato politico nella storia recente contro il mondo del lavoro e dei lavoratori».
 

Parola di Gioele Magaldi, autore del bestseller “Massoni” e presidente del Movimento Roosevelt, che ora annuncia un conto alla rovescia: quello della nascita di un nuovo soggetto politico destinato, spera, a sconvolgere la “palude” italiana, intasata di replicanti finto-progressisti e finto-ribellisti, per fornire agli elettori una vera chance di cambiamento in senso sovranistico e democratico, lontano dalla “dittatura” di Bruxelles e dei suoi corifei nazionali.

Berlusconi? Ancora una volta incerto e ambiguo, nell’elogiare – forse in funzione anti-Salvini – la Pax Europea di cui avremmo beneficiato. Niente di più falso, sostiene Magaldi, in collegamento con David Gramiccioli ai microfoni di “Colors Radio”: questa Ue, che doveva unire il continente – accusa il leader del Grande Oriente Democratico – ha letteralmente frantumato l’Europa, provocano una feroce crisi economica e pericolose rivalità tra Stati. Il Pd renziano? Minestra riscaldata: lo stesso Renzi ha commesso errori madornali come quello sul referendum, e il suo destino è comunque segnato.

In ogni caso, aggiunge Magaldi, anche una quota rilevante di elettorato Pd è delusa e disorientata, nonostante l’overdose di camomilla somministrata dal Gentiloni di turno, vero e proprio clone del dimenticabile Enrico Letta.
 
«In Italia – sostiene Magaldi – esistono praterie sconfinate, sul piano politico, per chi voglia provare a cambiare davvero il corso delle cose: manca solo uno strumento chiaro e preciso, finalmente a disposizione degli elettori». Proprio per questo, aggiunge, nascerà il Pdp, Partito Democratico Progressista: un programma netto, destinato a smascherare l’ipocrisia generale e la reticenza dei partiti di oggi, incluso il Movimento 5 Stelle.

«A Roma il movimento di Grillo non ha dato buona prova di sé, e c’è da temere che sarebbe così anche su scala nazionale, se dovesse governare l’Italia». Per un motivo semplice, dice Magaldi: «I 5 Stelle non avevano un vero programma per la capitale, così come non hanno un vero programma per il paese».

 
Per “vero programma”, spiega Magaldi, si intende qualcosa di esplicito e inequivocabile: aprire una vertenza storica con l’Ue, minacciando di sbattere la porta. Obiettivo: ripristinare la democrazia in modo sostanziale, quella dei diritti del lavoro, svuotata dalla tecnocrazia euro-tedesca, che Magaldi definisce “paramassonica”, dettata dalle strutture di potere apolidi che hanno fabbricato l’attuale globalizzione asimmetrica, che concentra i poteri e fa sparire i diritti, spingendo i cittadini verso una precarietà universale, senza speranza.
 
Un esito inaccettabile, da rovesciare a partire dalle fondamenta, riscrivendo le regole: l’economista Nino Galloni è uno dei cervelli del movimento fondato da Magaldi per sollecitare il risveglio della politica italiana, di cui però ancora non si vede traccia. E dunque, se i partiti continuano a dormire, non resta che scendere in campo direttamente: è questo il ragionamento alla base del varo (imminente, pare) del Pdp, aperto a «chiunque ami sinceramente la democrazia, cioè la legittima quota di sovranità assegnata ad ogni cittadino».
 

Letture per il fine settimana