Crea sito

La Caduta dell’Impero Accadico

 

L’impero accadico all’epoca di Sargon I il Grande. Wikipedia.

Uno studio determina che La Caduta dell’Impero Accadico potrebbe essere dovuta a un Cabiamento Climatico

di Stephen Luntz dal Sito Web IFLScience traduzione di Nicoletta Marino  Versión original en ingles  Versione in spagnolo

Circa 4200 anni fa, il primo imperodella Mesopotamia, l’Impero Accadico, cadde, in concomitanza con grandi trasformazioni in Egitto e nella Valle dell’Indo, le altre due grandi civiltà dell’epoca.

Uno studio su determinate stalagmiti in Iran fa capire che un evento climatico generalizzato può essere stato il responsabile di tutto questo.

Le civiltà crescono e cadono per molte ragioni e le cause della scomparsa dell’Impero Accadico continuano ad essere controverse. La coincidenza sincronizzata di eventi lontani ha portato alcuni storici a propendere per una causa climatica.

Eppure la natura e l’esistenza stessa di questa causa climatica non è stata chiara come successe a metà dell’era dell’Olocene, caratterizzata da temèerature in gran parte stabili, senza un aumento conosciuto della attività vulcanica o di cambiamento nella produzione solare.

Quindi, quando un gruppo diretto dalla dott.ssa Stacy Carolin, dell’Università di Oxford, studiò stalagmiti della grotta Gol-e-Zard, nelle montagne di Alborz, in Iran, formatesi tra 5.200 e 3.700 anni prima, trovò che più o meno in quel periodo era successo qualcosa.

Il resoconto del gruppo (Precise Timing of Abrupt Increase in Dust Activity in the Middle East coincident with 4.2 ka Social Change), pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), dimostra che ci furono forti incrementi nella quantità di magnesio esistente in relazione con il calcio più o meno 4.510 e 4.260 anni prima, in concomitanza con una crescita più lenta e con cambiamenti negli isotopi di ossigeno delle stalagmiti.

Quei cambiamenti durarono tra 110 e 290 anni prima che la composizione delle stalagmiti tornassero ai livelli precedenti.

L’industria e l’attività estrattiva delle civiltà antiche a volte hanno lasciato l’impronta sul pianeta, ma non conosciamo nessun meccanismo a causa del quale gli Accadi sono stati sottoposti a un impatto osservato in grotte così distanti.

Pertanto sembra probabile che qualunque cosa sia stata la causa del cambiamento chimico trovato nelle stalagtiti e che ha coinciso con il declino degli Accadi invece che la causa del loro declino sia stata l’alterazione chimica di queste grotte lontane.

 Stalgmiti nella grotta di Gol-e-Zard, Iran.

Il cambiamento nella composizione delle stalagtiti sembra essere il risultato di un aumento di polvere che cade dalle montagne della Mesopotamia il che sembra essere una conseguenza di condizioni più secche esistenti all’ovest.

Oggi gli anni aridi dei deserti della Siria e dell’Iraq, si associano a un maggior deposito della polvere in Iran. La lenta crescita delle stalagtiti potrebbe essere anche un indice dell’esistenza di condizioni locali più secche.

I sedimenti del Mar Rosso e del Golfo dell’Oman, tra gli altri paleoclimi vicini, sono stati utilizzati per desumere che l’ovest dell’Asia fu sottoposto a un periodo arido molto importante nel periodo preso in considerazione, ma la datazione degli stessi è troppo imprecisa per vincolarla son sicurezza alcollasso accadico.

Invece le analisi delle stalagtiti danno un errore di soli 31 anni.

C’è un gan dibattito tra gli storici su qyanto il cambiamento climatico ha contribuito al collasso della civiltà accadica.

Non sappiamo perché la Mesopotamia divenne arida durante quel periodo però sembra che fece crollare quella civiltà e riguardò gravemente Egitto e la Valle dell’Indo.

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/

Articolo correlato: Il Crollo della Civiltà Sumero/Accadica

®wld

Circa 3,5 miliardi di anni fa c’era vita sulla Terra

 Gli scienziati hanno finalmente confermato, c’era vita sulla Terra circa 3,5 miliardi di anni fa.

Di Ivan 

Più esperti esplorano le origini della vita sulla Terra, più sorprendenti sono le scoperte fatte.

Secondo gli esperti, molto prima che gli esseri umani apparissero sulla Terra, le forme di vita circa 3,5 miliardi di anni fa, chiamarono questo pianeta casa. Stiamo parlando di miliardi, non di milioni.

Per decenni gli scienziati hanno discusso sulle origini della vita e le forme più antiche di vita  prima di chiamare casa il nostro pianeta.

Ora, un nuovo studio pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences ha utilizzato tecniche all’avanguardia per datare gli organismi più antichi sulla Terra. 

“Lo studio descrive 11 campioni microbici da cinque taxa (organismi viventi nda) separati, che collegano le loro morfologie alle firme chimiche che sono caratteristiche della vita. Alcuni rappresentano batteri e microbi ormai estinti da un dominio della vita chiamato Archaea, mentre altri sono simili alle specie microbiche ancora oggi presenti. I risultati suggeriscono anche come ognuno di loro sia sopravvissuto su un pianeta privo di ossigeno”.

I loro risultati sconcertanti hanno rivelato che batteri e microbi si erano già sviluppati sul nostro pianeta 3,5 miliardi di anni fa, e potrebbero aver vissuto sulla Terra per lungo tempo senza ossigeno, o molto limitato. 

Lo studio pionieristico è stato condotto dal paleobattologo William Schopf dell’Università della California-Los Angeles e dal geoscientista John Valley dell’Università del Wisconsin-Madison.  

I ricercatori hanno analizzato batteri e microbi ormai estinti che sono stati scoperti nel 1982 presso l’Apex Chert, una formazione rocciosa situata nell’Australia occidentale.

Gli organismi sono stati trovati nella roccia.

 

Un esempio di uno dei microfossili scoperto in un campione di roccia recuperato dall’Apex Chert. Immagine di credito: J. William Schopf, UCLA  

Un acceso dibattito che dura da oltre due decenni

I primi risultati “controversi” furono ottenuti dal professor Schopf e dal suo team nel 1993, quando, usando l’analisi radiometrica, riuscirono a datare l’organismo fossilizzato a 3,45 miliardi di anni fa.

Il rock Schopf e il suo team analizzati sono risultati la prima prova di vita sulla Terra, e Schopf e il suo team hanno dedotto che “creature” potrebbero essere esistite sulla Terra un miliardo di anni prima di quanto chiunque avesse pensato fosse possibile.  

Queste affermazioni sollevarono numerosi dubbi mentre altri esperti sostenevano che le affermazioni di Schopf erano troppo speculative e che gli organismi che aveva trovato – invisibili ad occhio nudo – non erano altro che rocce stranamente modellate, strani minerali che somigliavano solo a organismi biologici, ma che alla fine non erano. 

Tuttavia, sono passati più di due decenni da quando Schopf ha fatto la scoperta, il che significa che la tecnologia è notevolmente migliorata da allora. 

Il professor Schopf ha trovato nuovi modi per analizzare l’esemplare di roccia dopo aver sviluppato nuovi metodi rivoluzionari. 

Come notato dagli esperti, qualsiasi tipo di sostanza organica ha una caratteristica miscela di isotopi di carbonio. Pertanto gli scienziati hanno identificato nuovi metodi per scoprire le differenze tra organismi. Canta uno strumento molto raro, uno spettrometro di massa di ioni secondari, gli esperti sono riusciti a separare il contenuto di carbonio in ogni fossile in isotopi. Ciò ha permesso loro di misurare la composizione carbonio-isotopico di ciascun fossile separato e confrontarlo con rocce senza fossili della stessa epoca.  

La tecnologia moderna aiuta a confermare una teoria degli anni ’90  

Dopo aver misurato la composizione carbonio-isotopico di ciascun fossile separato, Schopf e il suo team hanno scoperto come la differenza nei rapporti isotopico-carbonio tra i fossili e le rocce senza fossili, il che significa che la loro teoria del 1993 era corretta. 

La roccia, datata (datata radiometricamente) di 3,5 miliardi di anni, ha dimostrato di contenere i resti della prima antica vita biologica quanto la roccia in cui sono stati trovati gli organismi. 

Schopf ei suoi colleghi hanno collegato specifici rapporti carbonio-isotopi a specifiche forme fossili, che li hanno aiutati a identificare vari antichi organismi. 

Hanno poi analizzato i microfossili individualmente e identificato cinque specie di cui due sono state identificate come fotosintesi, due erano organismi che consumano metano e un organismo che produce metano. 

Fonte: i fossili più antichi mai trovati mostrano la vita sulla Terra iniziata prima di 3,5 miliardi di anni fa   

Riferimento: J. William Schopf, Kouki Kitajima, Michael J. Spicuzza, Anatoliy B. Kudryavtsev e John W. Valley. Le analisi SIMS del più antico assemblaggio noto di microfossili documentano le loro composizioni isotopiche di carbonio correlate al taxon. PNAS, 18 dicembre 2017 DOI: 10.1073 / pnas.1718063115 

Quarzo, gli scienziati confermano infine che c’era vita sulla Terra 3,5 miliardi di anni fa 

Fonte:  https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da