Crea sito

La misteriosa Piana di Giza

Oggi, nonostante il fatto che solo pochi conoscono la vasta città sotterranea,
in passato era ben conosciuta e documentata.

C’è un’incredibile città “perduta” sotto le Piramidi di Giza

C’è un’incredibile città “perduta sotterranea che si trova sotto le piramidi di Giza, e nonostante il fatto che solo oggi pochi conoscono, è stata estremamente ben documentata in passato.

La misteriosa Piana di Giza è ancora più sbalorditiva quando ci si rende conto che l’antica città di Memphis (l’odierna Giza) è piena di passaggi sotterranei, colonne, con un sistema di caverne e camere, dove si trova tra le loro mura manufatti storici di immenso valore datati migliaia di anni fa migliaia. Tuttavia, le autorità egiziane non sono disposte a rivelare al grande pubblico ciò che si trova al di sotto della piana di Giza, come molte altre scoperte fatte nel corso degli anni in Egitto.

C’è una storia del tutto perduta e ignorata dagli studiosi tradizionali quando si tratta di civiltà dell’antico Egitto e le enigmatiche Piramidi, che a detta di molti precede la civiltà egizia stessa. Per comprendere la misura (parziale) di quello che ci hanno insegnato a scuola della storia sul nostro pianeta, dobbiamo capire che innumerevoli scoperte sono state completamente ignorate dagli studiosi tradizionali.

Una di queste scoperte ha avuto luogo in Egitto, dove un imponente sistema di tunnel sotterranei con camere e sale è stato scoperto sotto la superficie della Piramide. Una vera storia di quello che è accaduto sotto la sabbia migliaia di anni fa, non è presente negli insegnamenti tradizionali del nostro passato sulla civiltà e, la riflessione sulle innumerevoli scoperte effettuate negli ultimi decenni indicano chiaramente che la storia così come la conosciamo è solo parziale.

Al fine di comprendere l’enigmatica ‘città’ sotterranea situata sotto la Piana di Giza, ci si avventura fuori dal distretto dell’Oasi del Fayum, che si trova a poche miglia al di fuori di Memphis. È degno di nota ricordare che in passato, il Lago Moeris delimitava l’Oasi del Fayum e proprio sulle sue sponde si trova l’enigmatico labirinto descritto da Erodoto come “una meraviglia senza fine.”

Si dice che il misterioso ‘labirinto’ di dimensioni impressionanti, conteneva fino a 1500 camere e una pari quantità di camere sotterranee che al filosofo greco non è stato consentito di ispezionare. Secondo i custodi del Labirinto, “i passaggi erano sconcertanti e intricati”, creati al fine di mantenere sicuri nei numerosi sotterranei gli innumerevoli testi antichi e pergamene.

In realtà, questo antico complesso, ha impressionato Erodoto in modo tale che si sentiva in dovere di parlare della misteriosa struttura:

“Ho visto dodici palazzi regolarmente disposti, che comunicavano gli uni con gli altri, intervallati da terrazze e disposti intorno dodici padiglioni. E’ difficile credere che sono opera dell’uomo, le pareti sono ricoperte da figure scolpite, e ogni costruzione è squisitamente costruita di marmo bianco e circondato da un colonnato. Presso l’angolo dove finisce il labirinto, c’è una piramide, duecentoquaranta piedi di altezza, con grandi figure scolpite di animali su di essa e un passaggio sotterraneo che l’attraversa. Mi è stato detto che è molto credibile che passaggi sotterranei siano collegati a questa piramide con le piramidi di Memphis.

In realtà, l’antica Memphis (Giza) ha un sistema sotterraneo gigantesco che si combina con una serie di intricati passaggi artificiali, fiumi sotterranei e gallerie. Mentre questi sono stati descritti migliaia di anni fa, le cavità sotterranee gigantesche sono state mappate nel 1978 con il georadar grazie ad esplorazioni guidati dal Dr. Jim Hurtak, che si dice essere entrato in enormi camere che sono più grandi delle più grandi e moderne cattedrali erette dall’uomo.

Tuttavia, in aggiunta a quanto sopra, ha parlato anche delle giganti metropoli sotterranee collocate al margine di Giza, datate almeno 15.000 anni.

È interessante notare, ci sono numerosi autori antichi che hanno sostenuto la documentazione di Erodoto ‘di passaggi sotterranei che collegano le principali piramidi. E’ importante ricordare che Giamblico, noto anche come Giamblico Chalcidensis, o Giamblico di Apamea, un filosofo neoplatonico siriano che ha registrato informazioni su di un ingresso attraverso il corpo della Sfinge che conduce all’interno della Grande Piramide di Giza:

Oggi, questo ingresso ostruito da sabbie e detriti ma, può ancora essere rintracciato tra le zampe anteriori del colosso accovacciato. In precedenza era chiuso da un cancello di bronzo la cui segreta serratura poteva essere aperta solo dai Magi. L’ingresso è stato sorvegliato e tenuto nascosto al pubblico, e una sorta di timore religioso ha mantenuto la sua inviolabilità, meglio di quello che avrebbe fatto una protezione armata. Nel ventre della Sfinge sono state scavate delle gallerie che conducono alla parte sotterranea della Grande Piramide.

Queste gallerie attraversano abilmente tutto il percorso fino alla Piramide che, se ci si avventura sempre più in questa rete di gallerie senza una guida, inevitabilmente ci si ritrova al punto di partenza.

Antica Sala Egiziana delle annotazioni degli antichi codici

Crantore (300 a.C.), ha affermato che in Egitto una serie di pilastri sotterranei contengono una documentazione preistorica scritta sulla pietra, Crantore ha sostenuto con grande fermezza gli scritti di Erodoto.

Tuttavia, ancor più, interessante è il fatto che scritti su antichi sigilli cilindrici sumeri sono la documentazione degli Anunnaki dove la loro dimora segreta è stata descritta come: 

“Un luogo sotterraneo … dove si entra in un tunnel, il suo ingresso è nascosto dalla sabbia e da quello che chiamano Huwana … che ha denti come quelli di un drago, il suo volto, quello di un leone”. Questi estremamente antichi testi, frammentati in diversi pezzi, registrano, inoltre, che “gli [Huwana] non sono in grado di andare avanti, n’è indietro”, ma possono essere attaccati da dietro, così facendo, “la dimora segreta degli Anunnaki” poteva essere violata. (Fonte

Sorprendentemente gli antichi testi sumerici hanno relativamente fornito una buona descrizione sulla testa di leone della Sfinge di Giza, un monumento che precede sicuramente le civiltà dell’Antico Egitto ed è stata edificata per proteggere le Piramidi e le innumerevoli camere e gallerie situate sotto Giza. 

Tuttavia, troviamo molte e vaste più prove sulle camere sotterranee negli scritti di Plinio nello storico primo secolo romano, dove ha documentato che sotto la potente Sfinge si trova una “tomba di un principe di nome Harmakhis che contiene un grande tesoro Sorprendentemente Nascosto. “La Grande Sfinge una volta era chiamata “la Grande Sfinge Harmakhis che ha fatto la guardia fin dai tempi dei seguaci di Horus”. 

Un’ulteriore prova a sostegno dell’esistenza delle volte sotterranee è documentata dallo storico romano del IV secolo Ammiano Marcellino che ha documentato l’esistenza di passaggi che portano all’interno della Grande Piramide di Giza: 

“Le iscrizioni che gli antichi asserivano sono state incise sulle pareti di alcune gallerie sotterranee e passaggi, sono stati costruiti in profondità nell’interno e al buio per preservare la saggezza antica dal Diluvio.” 

Altre prove si trovano in un manoscritto documentato dallo scrittore arabo Altelemsani e conservata al British Museum. Altelemsani ha documentato l’esistenza di una vasta camera sotterranea quadrata situata sotto terra, tra la Grande Piramide e il fiume Nilo. Altelemsani ha scritto che c’era qualcosa di enorme che bloccava l’ingresso dal fiume Nilo. 

Altelemsani ha scritto: 

“… Nei giorni di Ahmed Ben Touloun, una squadra è entrata nella Grande Piramide attraverso il tunnel e ha trovato in un lato della camera un calice, un bicchiere di rara fattura e consistenza. Mentre stavano per uscire, hanno perso un componente della squadra, sono ritornati indietro a cercarlo, in quel mentre, il disperso è andato incontro alla squadra e ridendo disse: “Non cercatemi e non seguitemi”, e poi si precipitò all’interno della piramide. I suoi amici hanno percepito che era incantato, qualcosa lo aveva stravolto. 

Dopo aver appreso di strani avvenimenti sotto la Piramide, Ahmed Ben Touloun espresse il desiderio di vedere il calice di vetro. Durante l’esame, è stato riempito con acqua e pesato, poi svuotato e ri-pesato. Lo storico ha scritto che era “risultato essere dello stesso peso, sia vuoto come quando era pieno d’acqua.” (Fonte

È interessante notare che nel corso del 10° secolo, uno scrittore di nome Masoudi ha affermato che le avanzate statue meccaniche erano a guardia delle gallerie sotterranee situate sotto la Grande Piramide di Giza. La sua descrizione, di mille anni fa, può essere paragonata oggi a un robot computerizzato. Secondo Masoudi, questi robot sono stati programmati per distruggere tutti gli intrusi “ad eccezione di quelli che con il loro comportamento erano degni di essere ammessi”.

Egli scrisse: “… resoconti scritti di saggezza e acquisizioni nelle diverse arti e le scienze erano nascosti in profondità, per rimanere a testimonianza e beneficio di coloro che potrebbero in seguito capire …”.

Masoudi ha asserito: “… ho visto cose che non posso descrivere per la paura di persone che possano mettere in dubbio la veridicità e la mia intelligenza … ma, quelle cose io le ho viste …”.

Secondo Erodoto, gli antichi sacerdoti egizi parlavano di un un lungo tempo passato e della creazione di camere sotterranee create dai costruttori originali dell’antica Memphis. È interessante notare che queste storie sono state confermate quando le grandi cavità sono state scoperte nel corso di un sondaggio condotto di Giza nel 1993.

I rapporti che sostengono l’esistenza di vaste camere è stato documentato da un articolo di giornale chiamato “Mistero in galleria in Sphinx”:

“I restauratori che con difficoltà hanno riparato la Sfinge hanno scoperto un antico passaggio che conduce nelle profondità nel corpo del misterioso monumento. Il direttore e archeologo degli antichi scavi di Giza, il signor Zahi Hawass, ha detto che non vi era alcuna controversia, limitandosi a dire che il tunnel era molto vecchio. Tuttavia, ciò che è sconcertante è: chi ha costruito il passaggio e Perché? Inoltre, dove porta …? Il signor Hawass ha detto che aveva intenzione di rimuovere le pietre che bloccano l’ingresso. I cunicoli segreti del tunnel nel lato nord della Sfinge, circa a metà strada tra le zampe tese della Sfinge e la coda.” (Fonte)

Nel 1935, storie incredibili sono emerse dopo che ha avuto luogo un progetto di compensazione durato un decennio. Un articolo pubblicato lo stesso anno da Hamilton M. Wright ha descritto l’esistenza delle aree sotto Giza. Queste informazioni, come molte altre scoperte, vengono ancora negate dalle autorità egiziane, nonostante numerose evidenze dimostrano la loro esistenza.

L’articolo diceva:  

“… Abbiamo scoperto un sottopassaggio utilizzato dagli antichi Egizi di 5000 anni fa. Si passa sotto la strada rialzata che porta tra la seconda Piramide e la Sfinge. Essa fornisce un mezzo per passare sotto la strada rialzata dalla Piramide di Cheope alla Piramide di Chefren. Da questa strada sotterranea, abbiamo portato alla luce una serie di colonne che scendono più di 125 piedi, con ampi spazi e camere laterali … “. ( Fonte )

L’esistenza sotterranea di ampie camere a Giza è estremamente ben documentata, anche se solo un paio di persone in tutto il mondo sanno della sua esistenza. I rapporti dei media nel 1930 hanno descritto le camere sotterranee e i passaggi situati tra il tempio del “Sole” situato sull’altopiano e il tempio della Sfinge nella valle di Giza.

Situato a metà strada tra la Grande Sfinge e la grande piramide, sono state scoperte quattro enormi colonne verticali, ciascuna circa di otto piedi quadrati, che conducono in camere interne attraverso un solido calcare.

“… Si chiama” Campbell Tomb “in massoneria e nel gergo rosacrociano, e” quel complesso colonnato “, ha detto il dottor Selim Hassan,” termina in una camera spaziosa, al centro della quale c’è un altra colonna che scendeva in una costruzione capiente fiancheggiata da sette camere laterali … “.

Secondo i rapporti, all’interno delle segrete stanze c’erano enormi sarcofagi sigillati in basalto e granito, alti 18 piedi.

Nel 1935, quando il dottor Selim Hassan stava esplorando la zona che ha scritto:

“… Speriamo di trovare alcuni monumenti importanti dopo l’eliminazione di questa acqua. La profondità totale di queste serie di colonne è più di 40 metri o più di 125 piedi … Nel corso dei lavori, aprendo la parte meridionale della strada sotterranea, è stata trovata un bellissimo testa di una statua molto espressiva in ogni dettaglio della faccia…”. (Fonte)

La Cappella delle offerte, Enoch, e i conti preistorici

In aggiunta a quanto sopra, il dottor Selim Hassan ha anche riferito la scoperta di tre corti interne ed esterne e una camera che ha chiamato la ‘Cappella delle offerte,’ tagliata in uno sperone di roccia massiccia trovato tra la tomba di Campbell e la Grande Piramide. Rapporti indicano che al centro della cappella ci sono tre montanti verticali decorati posizionati in una disposizione a forma triangolare. I pilastri sono punti estremamente importanti nel rapporto in quanto la loro esistenza si crede sia stata registrata nella Bibbia.

Si ritiene che Ezra, lo scrittore della Torah,
ha avuto conoscenza dell’esistenza dei passaggi e delle grandi camere sotto Giza ancor prima di scrivere la Torah.

È interessante notare che i rapporti delle ‘sofisticate macchine meccaniche’ scoperte a Giza, insieme ad una città sotterranea precedentemente sconosciuta, si trovano scritte in un articolo dell’Espresso della Domenica del 7 Luglio 1935.

Tuttavia, nonostante ampi testi antichi che documentano l’esistenza di vaste gallerie, camere e passaggi sotto Giza, le autorità egiziane hanno a lungo negato l’esistenza di questi, insieme ad una serie di altre scoperte incredibili fatte in Egitto.

Secondo i rapporti, ‘l’inaccessibile’ città sotterranea è possibile accedervi dall’interno della Sfinge (ma pure da altre parti), da scale scavate nella roccia, che conducono al sistema di caverne sotto il letto del fiume Nilo. L’enorme, complesso, di sistema sotterraneo sotto la Piana di Giza si estende ad est, e porta verso Il Cairo.

In un articolo scritto nel 1972 è stata fatta la seguente dichiarazione: 

“Nessuno dovrebbe prestare attenzione alle pretese assurde per quanto riguarda gli interni della Grande Piramide o i presunti passaggi e templi scavati sotto la sabbia, la zona delle Piramidi è stata fatta da coloro che sono in connessione con i cosiddetti segreti dei culti misterici o da società Egiziane e Orientali.

Queste cose esistono solo nella mente di coloro che cercano di attirare le persone in cerca di mistero, e più si negano l’esistenza di queste cose, tanto più il pubblico è portato a sospettare che stiamo deliberatamente cercando di nascondere ciò che costituisce uno dei grandi segreti d’Egitto. E’ meglio per noi ignorare tutte queste affermazioni che semplicemente vengono negate. Tutti i nostri scavi nel territorio della Piramide non sono riusciti a rivelare eventuali passaggi sotterranei o sale, templi, grotte, o qualcosa del genere ad eccezione di quello del tempio adiacente alla Sfinge. “(Fonte)

Testi storici documentano la vasta quantità di scavi effettuati nel corso del 20° secolo e delle incredibili scoperte sconvolgenti che sono state tenute lontane dalla società. Come abbiamo accennato in articoli precedenti, vi è un modello specifico e rigoroso implementato nella società di oggi, dove solo alcune informazioni vengono rilasciate al mondo, mentre la maggior parte sono tenute bloccate lontano da occhi indiscreti, quasi come se ci fosse in funzione un livello nascosto di censura, specificamente progettate per proteggere le parti della storia che appartiene al genere umano, una specie con una grande amnesia.

Riferimenti:

http://www.bibliotecapleyades.net/

http://www.burlingtonnews.net/tunnels.html

http://www.sacred-texts.com/earth/osgp/osgp10.htm

Gaston Maspero, dagli albori della civiltà, 1901.

Fonte Link e immagini: http://www.ancient-code.com/there-is-an-incredible-lost-underground-city-beneath-the-pyramids-of-giza/ 

Traduzione e adattamento: https://ningizhzidda.blogspot.com/

 

Articoli correlati:

Gli Akhu-Shemsu-Hor (I seguaci di Horus) 

SHEMSU-HOR II PARTE 

“Zep Tepi”   

Il Messaggio di Cydonia

Foto,Contributo del blog “esoterya

Oggi i fisici ritengono che l’universo comprenda un numero di dimensioni molto maggiore delle quattro (tre spaziali e uno temporale) che conosciamo e percepiamo con i sensi. L’unica via per poter cominciare a visualizzare il concetto di universo multidimensionale è quella analogica.

Una delle migliori analogie è quella di un mondo immaginario chiamato Flatlandia, un luogo bidimensionale abitato da esseri bidimensionali, dove esiste solo la lunghezza e larghezza, non un su e un giù – un po’ come un foglio di carta.

Proviamo a immaginare come gli abitanti di Flatlandia percepirebbero un oggetto tridimensionale che interagisse con il loro mondo. Per esempio, se per il loro mondo passasse una sfera i flatladiani vedrebbero solo la sua sezione: dapprima apparirebbe un punto, che poi diverrebbe un cerchio che cresce finché il diametro maggiore della sfera sia passato, per poi diminuire ancora di dimensioni e infine svanire.

(Certamente un simile fenomeno <<paranormale>> provocherebbe non poca costernazione tra i flatladiani e probabilmente susciterebbe accesi dibattiti nelle società colte e sarebbe liquidato come illusione ottica dagli <<scettici>> locali.)

L’analogia con una ipotetica Flatlandia ci permette di capire che gli eventi che si svolgono nelle dimensioni superiori oggi riconosciute dalla fisica teorica sarebbero visibili nel nostro mondo tridimensionale, anche se la causa rimarrebbe al di là della portata dei nostri sensi e anche dei nostri strumenti più sofisticati.

I fisici trafficano con queste dimensioni <<extra>> a causa di determinati fenomeni associati con la fisica nucleare, anche se il numero di dimensioni che costituiscono l’universo è oggetto di discussione. Queste iperdimensioni non possono essere osservate direttamente, dal momento che noi con tutti i nostri dispositivi di misurazione siamo legati all’universo tridimensionale, ma possono essere intese matematicamente.

L’oppinione di Hoagland è che alcuni rapporti geometrici nel complesso di Cydonia (Cydonia Mensae è una regione di Marte situata alle coordinate 33° Nord e 13° Ovest. È un buon esempio di pareidolia nella topografia di Marte.) sono riferimenti a questa matematica iperdimensionale.

La chiave geometrica è l’uso ripetuto dell’angolo di 19,5 gradi. Per esempio, due facce della Piramide D & M (collina pentagonale su Marte) formano un angolo di 19,5 gradi con le linee di latitudine di Marte e questo angolo ricorre nella posizione dei ponticelli nella stessa regione.

Secondo Hoagland – e altri che la pensano come lui – 19,5 gradi (più precisamente 19,47) è un dato significativo, perché è la costante tetraedrica, si riferisce cioè al tetraedro, il più semplice dei solidi regolari, con quattro facce di triangoli equilateri, compresa la base triangolare.

Se questa forma viene inserita in una sfera, per esempio un pianeta, con un angolo in corrispondenza con uno dei poli, gli altri tre angoli toccheranno la superficie ciascuno a una latitudine di 19,5 sull’emisfero opposto. Questo è un fatto.

E’ stato osservato che tutti i pianeti del sistema solare quando è possibile vedere la superficie – Venere, per esempio, è sempre coperta di nubi – c’è invariabilmente una forte perturbazione, in corrispondenza di un’emissione di energia, a una latitudine di 19,5 gradi a nord o a sud dell’equatore. La macchia rossa di Giove si trova in quella posizione. Su Marte, il Monte Olimpo, il vulcano più grande che si conosca nel sistema solare (560 chilometri di diametro) si trova a 19,5 gradi a nord. Sulla terra, questa è la posizione delle Isole Hawaii, fortemente vulcaniche, e del più grande vulcano del pianeta, il Mauna Loa.

Si ritiene che il fenomeno dei 19,5 gradi sia legato alla rotazione dei pianeti, essendo in effetti un'<<ombra>> di forze potentissime di dimensioni più alte. In altre parole, il sito dei 19,5 gradi è un punto in cui affiorano le altre dimensioni, manifestandosi nel mondo tridimensionale come una rivelazione di forze iperdimensionali. E’ per questo, afferma Hoagland, che l’angolo di 19,5 gradi ricorre con tanta frequenza a Cydonia.

E’ un indizio lasciato per condurci a comprendere la causa iperdimensionale delle emissioni planetarie di energia responsabili della macchia rossa di Giove e del Monte Olimpo di Marte. Questo a sua volta ci permette di avvicinarci alla fisica iperdimensionale.

Hoagland sostiene che se riuscissi a imbrigliare l’energia generata da dimensioni superiori, avremmo una fonte illimitata di potenza e la possibilità di sviluppare tecnologie come i meccanismi di propulsione antigravitazionali e i viaggi interstellari. Queste tecnologie, aggiunge, risolveranno molti problemi del mondo e instaureranno, secondo le sue parole, un <<nuovo ordine mondiale>>.

Qui però sorgono le difficoltà.Già nella sua conferenza alle Nazioni Unite, dove parla a lungo dell’importanza dei 19,5 gradi e della geometria tetraedrica, Hoagland ammette che all’affioramento delle energie planetarie in questi punti erano già arrivati anni prima i matematici che si occupavano di iperdimensioni. Il Messaggio di Cydonia, in pratica, non fa che ripetere una cosa che gli scienziati terrestri sapevano già da anni.

Fatto più importante, Hoagland ed Erol Torun ricavarono numerose conclusioni significative dalla latitudine di Cydonia. Una delle loro affermazioni chiave è che la latitudine della piramide D & M – 40.868 gradi nord -non era stata scelta soltanto perché racchiudeva importanti concetti matematici (essendo la tangente esponenziale  e diviso pi), ma anche perché gli stessi concetti si ripresentao nella geometria di altri punti caratteristici di Cydonia.

Il complesso, concludevano, è quindi <<autoreferenziale>>, il che significa che la matematica degli <<edifici>> si riferisce alla posizione del complesso sul pianeta, dimostrazione che niente di tutto ciò è una semplice coincidenza.

Tratto dalle mie letture: “Il Complotto Stargate

di Linn Picknett & Clive Prince p. 109-110-111  

Articoli correlati: 

Portali (nona parte)

Portali (tutte le 10 parti)

“Il Padre della Famiglia”  

Cern La Porta dell’inferno

wlady

LA PIRAMIDE

Image

Il Curiosity ha trovato una piramide su Marte

Il Curiosity, il piccolo Rover mandato dalla NASA su Marte ha trovato una piramide sul pianeta rosso.

Questa immagine è la prova definitiva che antiche civiltà hanno abitato Marte il pianeta rosso? Il Rover Curiosity della NASA ha fotografato delle immagini interessanti sulla superficie di Marte da quando è atterrato sul pianeta rosso nel 2012. Il Curiosity è stato lanciato da Cape Canaveral il 26 novembre del 2011, alle ore 10:02 a bordo della navicella spaziale MSL ed è atterrato bruscamente il 6 agosto del 2012 su Aeolis Palus un cratere di Marte.

È possibile visionare chiaramente l’immagine della piramide qui sotto (clicca qui per ingrandirla).

Screen Shot 2015-06-23 at 13.24.48

Gli ufologi e ricercatori hanno incominciato a speculare su cosa sia questo artefatto. Secondo molti, in realtà potrebbe essere una pietra angolare di una piramide molto più grande sepolta sotto la sabbia marziana. Altri, invece, suggeriscono che questa sia solo un’altra coincidenza di una normale formazione rocciosa del pianeta rosso, altri ancora, ritengono che la perfetta geometria della struttura sia stata creata artificialmente e che in alcun modo si possa attribuire a giochi di ombre e di luce. 

VIDEO

Questa piramide è tra le più evidenti prove fotografiche che ci induce a credere l’esistenza di strutture e costruzioni artificiali su Marte da una civiltà precedente? Molti credono di sì.

La “perfetta” simmetria della struttura della “piramide” si distingue chiaramente dal resto delle rocce marziane. Gli angoli e le linee della piramide, si ritiene essere un segno rivelatore che la differenzia da una formazione naturale da quella artificiale.

L’immagine è stata scattata dalla Cam del piccolo braccio posto sopra il Curiosity Rover, inviata il 7 maggio sulla Terra.

Nonostante la notevole simmetria della piramide, nessuna successiva immagine è stata riprese nei minuti e ore dopo dal Rover Curiosity della misteriosa piramide marziana. Sembra che il team responsabile del Curiosity abbia deliberatamente scelto di non ingrandire con ulteriori immagini il misterioso oggetto sulla superficie di Marte. Se infatti, avessero ripreso altre immagini della “piramide marziana” queste non sarebbero state rilasciate al pubblico.

In molti credono che non abbiamo visto e nemmeno siamo a conoscenza di tutto quel che accade sul Pianeta Rosso. Alcuni ex dipendenti della NASA, si sono fatti avanti suggerendo che l’agenzia opera sotto un velo di segretezza su gran parte di quello che accade sul pianeta rosso,  informazioni altamente riservate e tenute segrete all’interno dell’agenzia in una cerchia molto stretta.

Ultimamente sono state fatte molte scoperte importanti su Marte che potrebbero indicare l’esistenza della vita in un lontano passato sul pianeta.

E’ possibile che questa piramide “appena scoperta” sia la prova cruciale di un passato che abbiamo perso e dimenticato? E’ possibile che la piramide sia infatti il prodotto di civiltà extraterrestri che hanno vissuto in un lontano passato sul pianeta rosso? Sono in molti a suggerire che le prove di vita intelligente sul pianeta rosso sono molto abbondanti, eppure, tutti noi abbiamo deciso di ignorarlo per qualche ragione.

Sarà nel prossimo futuro la scoperta di una piramide su Marte a svegliare l’interesse di altri ricercatori? Cambierà il modo in cui guardiamo il pianeta rosso? Ci sono molte domande che riguardano il pianeta rosso che sono ancora avvolte nel mistero, ora, una di queste domande è sicuramente, se questa misteriosa struttura che ricorda chiaramente la grande piramide di Giza, sia il prodotto di antiche civiltà passate/presenti sul pianeta rosso.

LINK

http://ningizhzidda.blogspot.it/