Crea sito

Il rifugio di Enki durante il Diluvio

Il Pentagono ha scoperto le basi della SOTTERRANEE degli Anunnaki in Iraq e Romania

DI Michael

Una delle basi sotterranee più importanti del pianeta ospiterebbe una tecnologia aliena all’avanguardia. Più specificamente, degli Anunnaki. La base del Monte Bucegi, in Romania. In esso, il lato di Enki, tra le altre grandi personalità dell’antica Mesopotamia, si sarebbe rifugiato durante il diluvio. Uno dei luoghi più misteriosi ed enigmatici del pianeta, che ora sta dando molto di cui parlare.

Molti controller dedicati alla mappatura e geolocalizzazione delle basi militari sotterranee di Anunnaki (tra le altre cose), hanno sentito parlare di questa base che, a quanto pare, è protetta con la tecnologia elettromagnetica che consente la sua “invisibilità” per questi motori di ricerca. Nel 2002, è stato scoperto un orifizio in un’area dei Monti Bucegi, una misteriosa cavità che penetrava all’interno di questo complesso roccioso.

Le caratteristiche di questo ingresso alla montagna, hanno un tunnel con una forma così ben fatta che deve essere stato creato artificialmente. Ha un itinerario perfettamente costruito e quello, e le immagini che i satelliti hanno raccolto durante la scansione del monte Bucegi, e che presumibilmente hanno due enormi mura di energia elettromagnetica, concludono che si tratta di una base militare Anunnaki o qualcosa di simile.

Si sostiene che fu il Pentagono degli Stati Uniti a scoprire questa base e che vide che il muro di energia sotto forma di un semicerchio e la frequenza di vibrazione presentata da detta “porta”, oltre alle sue caratteristiche, avevano già scoperto a Baghdad, in Iraq, poco prima dell’inizio della devastante “Guerra in Iraq”.

Si dice che questa fosse la vera ragione per cui le truppe statunitensi hanno invaso il paese e che avrebbero preso il controllo di quella base senza che il popolo iracheno avesse mai avuto conoscenza di questa base sotterranea. L’esercito americano sarebbe riuscito a penetrare nella base usando le armi più sofisticate disponibili. L’ingresso alla base stessa sarebbe stato a circa settanta metri dal muro elettromagnetico di sicurezza.

Anunnaki Armi inimmaginabili per il resto dell’umanità, poiché avrebbero usato raggi al plasma e macchinari in grado di penetrare oltre la crosta terrestre a velocità incredibile. Tecnologia immaginabile solo per il comune dei mortali come fantascienza. Ma, come sempre, la realtà supera la finzione. La cosa più sorprendente di questa base sarebbe ciò che c’era dentro.

Due generali del Pentagono e il consigliere della Presidenza degli Stati Uniti sono andati alle strutture dopo tentativi falliti di sbloccare la barriera elettromagnetica che ha impedito l’accesso ai locali. Sono riusciti a scollegare la porta di alimentazione che aveva ucciso diversi soldati, grazie alle ultime tecnologie utilizzate dal Pentagono e che è il segreto.

Dopo quel tunnel, potevano accedere a una grande galleria che, nonostante avesse disconnesso quel muro di energia, poteva essere vista con grande chiarezza. L’altra barriera (ancora attiva) che era proprio di fronte alla prima, iniziò a emettere una maggiore energia. Continuarono a scendere e videro che, all’interno di altre gallerie più profonde, c’erano due enormi sculture in pietra, una di fronte all’altra, alte circa due metri.

In essi avevano intagliato una fortuna di scrittura cuneiforme come quella della Grotta del Taylor quella del lago Titicaca, solo che questa ha origini sconosciute, come quella che era nella Monolith Pokotia, che presentano protosumerias caratteristiche. Ma non è stato tutto quello che hanno trovato.

Fonte: https://infinityexplorers.com/

Articoli correlati:

L’oro monoatomico e il Dio della steppa

Il mistero del saccheggio al Museo di Baghdd

Piramidi & Serpenti

Leggi anche:

ANUNNAKI: le Tavole del Destino rubate

È possibile che l’Antartide nasconda davvero ‘prove’ di antiche civiltà altamente avanzate?

®wld

Finché c’è Guerra c’è Speranza

«L’arte della guerra» 

In Italia la più grande polveriera Usa

di Manlio Dinucci 

Alla fine della seconda guerra mondiale le truppe alleate occuparono il continente europeo. Francia e Russia le hanno ritirate, Stati Uniti e Regno Unito invece continuano a mantenere parte delle loro forze armate in Europa. In previsione di una guerra mondiale contro Cina e Russia, il Pentagono utilizza da un anno le numerose basi statunitensi in Italia per incrementare in modo massiccio lo stoccaggio di armi in Europa, bombe atomiche incluse. 

Rete Voltaire | Roma (Italia) | 11 settembre 2018

Fonte video: PandoraTV

***********

Lewis Eisenberg era il presidente del Porto di New York che vendette il World Trade Center appena prima degli attentati dell’11 Settembre per renderne possibile l’organizzazione. Eisenberg è oggi ambasciatore degli Stati Uniti a Roma e sta trasformando la penisola in un arsenale USA. 

L’8 agosto ha fatto scalo nel porto di Livorno la Liberty Passion (Passione per la Libertà) e il 2 settembre la Liberty Promise (Promessa di Libertà), che saranno seguite il 9 ottobre dalla Liberty Pride (Orgoglio di Libertà). Le tre navi ritorneranno quindi a Livorno, in successione, il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio. 

Sono enormi navi Ro/Ro, lunghe 200 metri e con 12 ponti, capaci ciascuna di trasportare 6500 automobili. Non trasportano però automobili, ma carrarmati. Fanno parte di una flotta statunitense di 63 navi appartenenti a compagnie private che, per conto del Pentagono, trasportano in continuazione armi in un circuito mondiale tra i porti statunitensi, mediterranei, mediorientali e asiatici. 

Il principale scalo mediterraneo è Livorno, perché il suo porto è collegato alla limitrofa base statunitense di Camp Darby. Quale sia l’importanza della base lo ha ricordato il colonnello Erik Berdy, comandante della guarnigione in Italia dello Us Army, in una recente visita al quotidiano «La Nazione» di Firenze. 

La base logistica, situata tra Pisa e Livorno, costituisce il più grande arsenale Usa fuori dalla madrepatria. Il colonnello non ha specificato quale sia il contenuto dei 125 bunker di Camp Darby. Esso può essere stimato in oltre un milione di proiettili di artiglieria, bombe per aerei e missili, cui si aggiungono migliaia di carrarmati, veicoli e altri materiali militari. Non si può escludere che nella base vi siano state, vi siano o possano esservi in futuro anche bombe nucleari. 

Camp Darby — ha sottolineato il colonnello — svolge un ruolo chiave, rifornendo le forze terrestri e aree statunitensi in tempi molto più brevi di quanto occorrerebbe se venissero rifornite direttamente dagli Usa. La base ha fornito la maggior parte delle armi per le guerre contro l’Iraq, la Jugoslavia, la Libia e l’Afghanistan. Dal marzo 2017, con le grandi navi che mensilmente fanno scalo a Livorno, le armi di Camp Darby vengono trasportate in continuazione nei porti di Aqaba in Giordania, Gedda in Arabia Saudita e altri scali mediorientali per essere usate dalle forze statunitesi e alleate nelle guerre in Siria, Iraq e Yemen. 

Nel suo viaggio inaugurale la Liberty Passion ha sbarcato ad Aqaba, nell’aprile 2017, 250 veicoli militari e altri materiali. Tra le armi che ogni mese vengono trasportate via mare da Camp Darby a Gedda, vi sono certamente anche bombe Usa per aereo che l’aviazione saudita impiega (come risulta da prove fotografiche) per fare strage di civili nello Yemen. Vi sono inoltre seri indizi che, nel collegamento mensile tra Livorno e Gedda, le grandi navi trasportino anche bombe per aereo fornite dalla Rwm Italia di Domusnovas (Sardegna) all’Arabia Saudita per la guerra nello Yemen. 

In seguito all’accresciuto transito di armi da Camp Darby, non basta più il collegamento via canale e via strada della base col porto di Livorno e l’aeroporto di Pisa. È stata quindi decisa una massiccia riorganizzazione delle infrastrutture (confermata dal colonnello Berdy), comprendente una nuova ferrovia. Il piano comporta l’abbattimento di 1000 alberi in un’area protetta, ma è già stato approvato dalle autorità italiane. Tutto questo non basta. 

Il presidente del Consiglio regionale toscano Giani (Pd), ricevendo il colonnello Berdy, si è impegnato a promuovere «l’integrazione tra la base militare Usa di Camp Darby e la comunità circostante». Posizione sostanzialmente condivisa dal sindaco di Pisa Conti (Lega) e da quello di Livorno Nogarin (M5S). Quest’ultimo, ricevendo il colonnello Berdy e poi l’ambasciatore Usa Eisenberg, ha issato sul Comune la bandiera a stelle e strisce. 

E … Purtroppo non è tutto …

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/ Futurismo scrive: 

E’ stato terribile il 2017, 

ma ci sono 5 altre cose da temere circa nel 2018

Non importa se pensate che sia buono o cattivo l’anno che sta arriovando, il 2017 è stato chiaramente un anno tumultuoso. È stato punteggiato dalla confusione globale, dal voto del Regno Unito per uscire dall’Unione Europea, dall’aumento delle tensioni con la Corea del Nord e dalle indagini in corso sui funzionari del governo degli Stati Uniti. Con quell’anno che sta per finire, forse è il momento giusto per chiedere: che cosa accadrà dopo? 

Il 2018 arriverà sicuramente con alcuni eventi di speranza. Gli Stati Uniti potrebbero abituarsi alla nuova leadership e 87 paesi in tutto il mondo guarderanno i loro atleti gareggiare nei Giochi olimpici invernali. Ma come sempre, ci sono alcune cose di cui l’umanità potrebbe aver bisogno di preoccuparsi per il prossimo anno. Il Futurismo ha parlato con esperti per rintracciare ciò che potrebbe tenerci svegli la notte nel 2018.

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/5. Una Internet non neutrale diffonde disinformazione

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/4. Il terremoto colpisce il Pacifico nord-occidentale

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/ 3. I popcorn dei Bitcoin 

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/ 2. Fine dell’assistenza sanitaria negli Stati Uniti

https://futurism.com/five-things-to-worry-about-in-2018/1. Gli hacker attaccano la Power Grid degli Stati Uniti 

https://futurism.com/

 **********

Anche noi non siamo messi molto bene …

Grandi opere del Pentagono a spese nostre 

Grandi opere sul nostro territorio, da nord a sud. Non sono quelle del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di cui tutti discutono, ma quelle del Pentagono di cui nessuno discute. Eppure sono in gran parte pagate con i nostri soldi e comportano, per noi italiani, crescenti rischi. 

All’aeroporto militare di Ghedi (Brescia) parte il progetto da oltre 60 milioni di euro, a carico dell’Italia, per la costruzione di infrastrutture per 30 caccia Usa F-35, acquistati dall’Italia, e per 60 bombe nucleari Usa B61-12. 

Alla base di Aviano (Pordenone), dove sono di stanza circa 5000 militari Usa con caccia F-16 armati di bombe nucleari (sette dei quali sono attualmente in Israele per l’esercitazione Blue Flag 2017), sono stati effettuati altri costosi lavori a carico dell’Italia e della Nato. 

A Vicenza vengono spesi 8 milioni di euro, a carico dell’Italia, per la «riqualificazione» delle caserme Ederle e Del Din, che ospitano il quartier generale dell’Esercito Usa in Italia e la 173a Brigata aviotrasportata (impegnata in Europa orientale, Afghanistan e Africa), e per ampliare il «Villaggio della Pace» dove risiedono militari Usa con le famiglie. 

Alla base Usa di Camp Darby (Pisa/Livorno) inizia in dicembre la costruzione di una infrastruttura ferroviaria, del costo di 45 milioni di dollari a carico degli Usa più altre spese a carico dell’Italia, per potenziare il collegamento della base con il porto di Livorno e l’aeroporto di Pisa, opera che comporta l’abbattimento di 1000 alberi nel parco naturale. Camp Darby è uno dei cinque siti che l’Esercito Usa ha nel mondo per lo «stoccaggio preposizionato» di armamenti (contenente milioni di missili e proiettili, migliaia di carrarmati e veicoli corazzati): da qui vengono inviati alle forze Usa in Europa, Medioriente e Africa, con grandi navi militarizzate e aerei cargo. 

A Lago Patria (Napoli) il nuovo quartier generale della Nato, costato circa 200 milioni di euro di cui circa un quarto a carico dell’Italia, comporta ulteriori costi a carico dell’Italia, tipo quello di 10 milioni di euro per la nuova viabilità attorno al quartier generale Nato. 

Alla base di Amendola (Foggia) sono stati effettuati lavori, dal costo inquantificato, per rendere le piste idonee agli F-35 e ai droni Predator statunitensi, acquistati dall’Italia. 

Alla Naval Air Station Sigonella, in Sicilia, sono stati effettuati lavori per oltre 100 milioni di dollari a carico di Stati uniti e Nato, quindi anche dell’Italia. Oltre a fornire appoggio logistico alla Sesta Flotta, la base serve a operazioni in Medioriente, Africa ed Europa orientale, con aerei e droni di tutti i tipi e forze speciali. A tali funzioni si aggiunge ora quella di base avanzata dello «scudo anti-missili» Usa, in funzione non difensiva ma offensiva soprattutto nei confronti della Russia: se fossero in grado di intercettare i missili, gli Usa potrebbero lanciare il first strike nucleare neutralizzando la rappresaglia. 

A Sigonella sta per essere installata la Jtags, stazione di ricezione e trasmissione satellitare dello «scudo», non a caso mentre, con il lancio del quinto satellite, sta per divenire pienamente operativo il Muos, il sistema satellitare Usa che ha nella vicina Niscemi una delle quatto stazioni terrestri. 

Il generale James Dickinson, capo del Comando strategico Usa, in una audizione al Congresso il 7 giugno 2017 ha dichiarato: «Quest’anno abbiamo ottenuto l’appoggio del Governo italiano a ridislocare, in Europa, la Jtags alla Naval Air Station Sigonella». 

Era al corrente il Parlamento italiano di una decisione di tale portata strategica, che porta il nostro paese in prima linea nel sempre più pericoloso confronto nucleare? Se ne è almeno parlato nelle commissioni Difesa? 

Manlio Dinucci  

Fonte 1: Il Manifesto (Italia) 

Fonte 2: https://guardforangels.altervista.org/

**********

BUONE FESTE DAL REGIME

Marcello Pamio – 22 dicembre 2017 

Mentre il gregge disorientato mangia panettoni sintetici bevendo spumanti tossici aromatizzati seduti comodamente sul divano davanti ad un plasma da 50 pollici comprato proprio per le finte partite di calcio, il Regime va avanti con il ruolino di marcia.

Le pecore festeggiano felici con in testa il cappellino rosso e bianco (colore non a caso della famosa coca legalizzata) e il Sistema estrae dal cilindro oltre alle trombette anche la vaselina… 

Nel periodo natalizio in cui le potenti energie del solstizio invernale (il giorno più corto dell’anno) illuminate dalla flebile luce, suggeriscono non a caso l’introiezione, la chiusura per ritrovare se stessi, cosa sta facendo il governo illegittimo di turno?

DITTATURA MEDIATICA

L’emanazione dei poteri finanziari internazionali conclude l’anno siglando una dittatura oramai sempre più manifesta. 

Beatrice Lorenzin, la marionetta messa a gestire il ministero della Salute, insieme al Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana Raffaele Lorusso ha firmato il «Protocollo di Intesa» per la realizzazione di corsi di formazione in materie scientifiche rivolti ai giornalisti.
Attenzione, si tratta di una formazione «obbligatoria per tutti i giornalisti in attività». Chiaro il messaggio?
 

Se non ti allinei (e qui il gioco è facile visto che sono TUTTI allineati e proni al Sistema) sei fuori; se non veicoli le informazioni scientifiche ortodosse che il Sistema ti passa devi cambiare mestiere. 

Ora il controllo mediatico è alla luce del giorno!
Sanno benissimo quanto importante e fondamentale sia avere il controllo delle informazioni mainstream.
 

Lo dice espressamente una nota del ministero: «le informazioni diffuse dai media sono in grado di influenzare la percezione e le scelte dei target di riferimento».

Il target di riferimento è il popolo-gregge o popolo-bue, ovviamente, cioè i sudditi dell’Impero. 

Siccome non sono in grado di avere un pensiero autonomo possono essere “influenzati” nelle loro scelte dalle informazioni. 

La nota continua sottolineando che «l’obiettivo del Protocollo è quello di promuovere nei giornalisti conoscenze in ambito sanitario provenienti da fonte istituzionale autorevole e indipendente, al fine di fornire ai cittadini un’informazione corretta e scientificamente validata, contrastando il fenomeno della disinformazione e delle fake news».

Nonostante il Natale bestemmiano al cubo. Le «fonti indipendenti» sarebbero quelle gentilmente fornite da GSK, Sanofi, Merck e Pfizer? 

Infine un ministro che sarebbe da arrestare sia per le falsità che per il terrorismo veicolato e strumentalizzato. 

Basta riportare alla mente le sue vergognose dichiarazioni in diretta tv da «Porta a Porta» il 22 ottobre del 2013 e a «Piazza Pulita» il 22 ottobre del 2014 sulla mortalità per morbillo in Gran Bretagna. 

Secondo il più scandaloso e certamente incompetente ministro della salute italiano sono morti di morbillo a Londra negli anni 2013 e 2014 circa 470 bambini. Una ecatombe inventata: secondo il Ministero inglese nel 2013 è morta (per complicanze respiratorie) una sola persona e aveva 25 anni! Quindi questo ministro che potrebbe dare lezioni di Fake news a tutti vuole «contrastare il fenomeno della disinformazione e delle fake news» tappando la bocca e chiudendo l’ultima finestra di libertà che esiste ancora in Rete. 

DITTATURA SANITARIA

Purtroppo non è tutto.

Il Senato ha avviato l’esame del Ddl Lorenzin. Dopo ben 10 anni (e sotto Natale) arriva la riforma degli Ordini professionali sanitari. 

Quindi invece di chiudere la casta dei camici bianchi, un ordine chiaramente politicizzato il ministro cosa fa? «Delega il governo ad «adottare, entro dodici mesi, uno o più decreti legislativi per il riassetto e la riforma delle disposizioni vigenti in materia di sperimentazione clinica dei medicinali per uso umano, introducendo uno specifico riferimento alla medicina di genere e all’età pediatrica». 

All’articolo 1 quindi il governo s’impegna ad emettere decreti che andranno a regolamentare la sperimentazione umana, bambini inclusi. Che sia per il fatto che NON esistono studi in doppio cieco, quindi studi seri, sui vaccini pediatrici? Quindi quello che sta avvenendo ai bambini italiani si chiama sperimentazione clinica a cielo aperto. Per cui è meglio mettere a tacere tutto prima che il popolo si svegli dal letargo? 

L’articolo 7 si occupa di osteopatia e chiropratica. «Entro tre mesi dall’entrata in vigore del provvedimento, sono stabiliti: l’ambito di attività e le funzioni caratterizzanti le professioni dell’osteopata e del chiropratico.

Un successivo decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro della salute, da adottare entro sei mesi dall’entrata in vigore, dovrà definire l’ordinamento didattico della formazione universitaria in osteopatia e in chiropratica». 

Vogliono per caso accaparrarsi, mettendole sotto la cupola sanitaria, l’osteopatia e la chiropratica? 

L’articolo 9 «inserisce le professioni di biologo e psicologo nell’ambito delle professioni sanitarie.

Per l’ordine degli psicologi resta ferma un’autonoma disciplina organizzativa. L’articolo prevede, inoltre, il «trasferimento di alcune competenze, relative ai due ordini summenzionati, dal Ministro della giustizia al Ministero della salute». 

Quindi anche se gli psicologici avranno una loro autonomia organizzativa vogliono trasferire «alcune competenze» al Ministro della Salute! Questo è assai interessante e vedremo cosa cambierà. 

Infine, tra gli altri numerosissimi articoli presentati dal Ddl vi è anche quello sulla «riformulazione dell’apparato sanzionatorio». Sanzione de che? Purtroppo non sapendo cosa passa per la testa di un ministro scandaloso come l’attuale è necessario attendere i decreti attuativi.

Ecco cosa c’è dentro (e purtroppo non è tutto) al pacco regalatoci da un governo del Pd per questo Natale 2017.
Buon panettone a tutti…. 
 

Fonte: http://www.disinformazione.it/