Archivi tag: pensiero

Citazioni errate nell’interpretazione

 

“Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” – Attribuito erroneamente, abusato e oscenamente sottovalutato

Caitlin Johnstone, Ospite
Waking Times

(La frase virgolettata nel testo sopra – e nel mio Logo ndr) Indica una citazione di Mahatma Gandhi.

Le probabilità sono che la prima cosa che salta nella tua mente è il famoso, “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo.” È una buona citazione. È abbastanza conciso da adattarsi a un adesivo per paraurti, e risuona profondamente con qualcosa dentro di noi che ci dice che indica qualcosa di vero e prezioso.

Ma, come in molte altre citazioni di sticker paraurti che vediamo fluttuare oggi, queste parole non sono mai state pronunciate dalla persona a cui sono state attribuite. Ciò che Gandhi in realtà ha detto è stato questo:

“Se potessimo cambiare noi stessi, cambierebbero anche le tendenze nel mondo. Quando un uomo cambia la propria natura, cambia anche l’atteggiamento del mondo nei suoi confronti”.

Oof. Questo è un po’ più conflittuale rispetto alla versione divulgata, non è vero? Cambia la mia natura? Pensavo che stessimo parlando di qualcosa di leggero e facile, come non indossare pellicce o comprare chicchi di caffè del commercio equo e solidale.

Ecco come “essere il cambiamento che desideri vedere nel mondo” tende a essere interpretato oggi. È una frase che è così rigurgitata nella nostra società che ora è cliché e quasi priva di significato, qualcosa che si vede su portachiavi economici al centro commerciale e scruta senza leggerla veramente, ma immagina di capire perché l’hai visto tante volte in passato. Se premuto per davvero pensarci, la maggior parte delle persone dirà che significa qualcosa come fare i cambiamenti nel mondo che vuoi vedere. Se non ti piace l’agricoltura industriale, diventa un vegano. Se non ti piace la povertà, fai volontariato in una mensa per i poveri.

Ma non è quello che dice la citazione. Non è niente di simile a quello originale di Gandhi. Non è nemmeno quello che dice la versione adesiva del paraurti.

Anche se guardi la versione divulgata della citazione, guardala davvero con occhi nuovi che non l’hanno vista rigiocamente rigurgitata dai liberali aziendali e intonacata sui prodotti K-Mart, ti viene in mente lo stesso messaggio dell’originale. Non dice “Fai il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Non dice “Attiva il cambiamento che desideri vedere nel mondo”. Dice “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo. “Non si riferisce a un semplice cambiamento nel comportamento o nello stile di vita, sta dicendo cambiare chi sei come persona. Sta dicendo cambiare la tua stessa natura per cambiare il mondo.

Questa è notte-e-giorno diversa dall’interpretazione convenzionale. L’interpretazione convenzionale della citazione esiste come una plateale vana che le persone prendono in giro gli hippy e i New Age per l’uso eccessivo. Una comprensione profonda e viscerale di quella stessa frase, tuttavia, trasmette più saggezza di tutti i testi religiosi del mondo messi insieme. È una chiamata a una trasformazione più reale del parto. Più esistenzialmente conflittuale di una diagnosi terminale del cancro.

La prima sfida della citazione è di farti riflettere seriamente su quali cambiamenti di fatto vuoi vedere nel mondo. La maggior parte delle persone non arriva mai così lontano. Pochi hanno davvero pensato a quale tipo di mondo vorrebbero vedere in un modo positivo che immagina realmente come sarebbe il mondo. La maggior parte delle persone pensa solo in termini di piccole battaglie partigiane che stanno vedendo attualmente: sanità universale, politiche di immigrazione, controllo delle armi, politiche di austerità, aborto, problemi LGBTQ, brutalità della polizia, ecc. Poche persone arrivano fino a sedersi e a contemplare profondamente una visione positiva per il tipo di mondo che vorrebbero aiutare a creare.

Quando faccio un inventario dei cambiamenti che desidero vedere nel mondo, so che voglio vedere le persone che scelgono costantemente la salute rispetto all’illusione della sicurezza.

Voglio che facciano scelte con il più alto interesse di tutti gli interessati rispetto al proprio interesse personale, anche se queste scelte li fanno sentire esposti o vulnerabili perché sembrano andare contro le loro finanze o il pensiero di gruppo tribale, o sono al di fuori della loro zona di comfort.

Voglio che le persone siano collaborative piuttosto competitive.

Voglio che le persone inizino a fidarsi del fatto che i passaggi appariranno di fronte a loro mentre forgiamo un percorso su una nuova rotta sconosciuta piuttosto che ritirarsi sulle autostrade ben battute perché sono familiari anche se sappiamo già che guidano nel modo sbagliato.

Voglio vedere la gente rinunciare al proprio tribalismo e abbracciare il proprio umanesimo.

Voglio vedere le persone che si amano abbastanza profondamente da amare gli altri in modo significativo e con occhi chiari.

Voglio che le persone si elevino al di sopra delle narrative in competizione e facciano le loro distinzioni in base alle azioni e alla realtà piuttosto che alle storie dei manipolatori o delle loro stesse manipolazioni interne.

Voglio che le persone abbiano la saggezza di riconoscere dove hanno potere e privilegio e usarle coraggiosamente, e dove sono impotenti, così possono costringere coloro che sono al potere a cambiare immediatamente la nostra traiettoria suicida.

Voglio che la gente dica la verità, anche se all’inizio è solo per se stessi.

Voglio che le persone scelgano la vita sulla morte, ogni volta, senza esitazione, e voglio che cerchino sempre le loro soluzioni nella vita e nella guarigione e nell’armonia e rifiutino le soluzioni offerte dalla morte, dalla distruzione, dalla manipolazione, dal sabotaggio e dal caos.

Questi sono solo i miei desideri personali per il mondo. Dopo averli scoperti, la prossima sfida posta da “Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo” è molto più seria e, se intrapresa, rimarrà davanti e al centro della tua attenzione per il resto della tua vita.

Osservando i cambiamenti che desidero vedere nel mondo, cerco di essere qualcuno che sceglie costantemente di premere il pulsante “salute” anche se mi spaventa, o altri, o entrambi.

Cerco di essere qualcuno che sceglie sempre il massimo interesse piuttosto che manipolarlo leggermente, così ne ricavo un po’ di più o sembro un po’ più cool.

Cerco di dire la verità anche quando la mia tribù mi sta urlando per stare zitta, ma cerco di avere la saggezza per farlo solo quando giova a tutti e non solo per cercare il dramma o l’attenzione.

Cerco di trascinarmi attraverso la vita usando la mia bussola interiore perché so per certo che i miei vecchi sentieri non hanno mai portato a nulla di buono.

Cerco di non manipolare gli altri, e cerco di non manipolarmi per fingere a me stesso che non sto manipolando gli altri.

Cerco di amare le parti di me che vedo negli altri, specialmente quelle parti che mi fanno rabbrividire, ma anche io cerco di amarmi abbastanza da allontanarmi da qualcuno i cui schemi mi fanno male.

Cerco di fare distinzioni in base a ciò che vedo fare alle persone piuttosto che a ciò che sento sentirmi dire, e cerco di integrare i miei pensieri e le mie azioni il più possibile.

Cerco di usare il mio potere e il mio privilegio per il più alto interesse di tutti, ma mi rifiuto di assumermi la responsabilità per cose al di fuori del mio controllo, e mi impegno a mantenere quelli che hanno quel potere da rendere conto.

Cerco sempre di dire la verità, anche se è solo per me stesso a volte perché in quel caso non ho abbastanza potere e privilegio per parlarne senza essere punito ingiustamente. Ma se è nel più alto interesse prendere punizioni ingiuste, allora lo scelgo.

Scelgo la vita, ogni volta, senza esitazione, e voglio guarire qualsiasi blocco in me o fuori di me che sia resistente a trasformare ogni atomo del mio essere verso la vita e la guarigione.

Certo che mi manca molto, ma spero di continuare a notare quando fallisco e correggo il corso ogni volta che è necessario, perché ottenere questo diritto è molto più importante per me che sentirmi giusto. Voglio questo più di quanto voglio la storia di aver già questo. Voglio cambiare il mondo più di quanto voglio la storia di cambiare il mondo.

Fondamentalmente, voglio questo più di quanto io voglia “me”, più di quanto voglio la personalità che io considero come “me”. Intere parti della mia identità sono dovute morire per trasformarsi in qualcosa di più sano e più agile, e ci saranno molte altre parti di me che devono morire in futuro, e ne sono felice. Lo accolgo con un profondo respiro di trepidazione perché non è facile, e nel momento prima di lasciarmi andare mi sembra di morire davvero, ma so che deve succedere, e più lo faccio, più positivamente mi rinforzo per ottenere come la mia riluttanza viene annullata con curiosità su ciò che si manifesterà nello spazio che ho creato. E so che in ogni caso è meglio dell’alternativa, che è una morte lenta e reale attraverso la stagnazione.

Oltre l’adesivo del paraurti, sono abbastanza sicuro che Mahatma abbia avuto qualcosa di davvero enorme. Sono abbastanza sicuro che questo è il modo in cui lo aggiustiamo. Ricorda quell’altra castagna trita, La preghiera della serenità. “Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza di conoscere la differenza”, un altro detto che ha eroso nella superficialità ma contiene una profonda saggezza se la prendi come la tua chiamata. Se tutti noi abbiamo preso individualmente la responsabilità sincera per l’unica cosa che possiamo realmente cambiare – noi stessi – allora gli effetti a catena non sono quantificabili.

E, inevitabilmente, cambiamo il mondo.

Fonte: https://www.wakingtimes.com/

 

®wld

Il microprocessore più potente del pianeta è tra le tue orecchie

anger-794699_1280Liberati della mente dai media mainstream e dal Lavaggio del cervello 

Di Patrick Henningsen

A partire dalla tipografia di Gutenberg, poi dalla macchina da presa cinematografica di Thomas Edison e dall’introduzione della celluloide e dello schermo argentato, e più tardi del tubo catodico – una ristretta cerchia di istituzioni mediatiche, e gli uomini dietro di loro, hanno goduto del monopolio monolitico sulle informazioni che vediamo e ascoltiamo

La loro macchina è fantastica e apparentemente inarrestabile, e raggiunge tutti gli obiettivi nella mente di tutti ovunque, in qualsiasi momento.

Come si naviga, e tanto meno ha senso, questa matrice del XXI secolo?

Se questa trasformazione fosse veramente un processo organico, allora le menti più critiche sarebbero in grado di affrontare razionalmente la nostra totale immersione nei media. Ma l’evoluzione della tecnologia e il modo in cui interagiamo con essa non è così facile da articolare. Mentre le piattaforme e le scelte continuano a proliferare, la situazione sta diventando più sintonizzata con la teoria del caos che con la teoria darwiniana. I media e le sue moderne armi di marketing ci dicono che sono tutti progressi. Ormai, il loro ruolo è ben definito – come il veicolo espresso iniziale su cui tutte le nuove idee e avanzamenti vengono consegnati nel mainstream. Nella maggior parte dei casi, si potrebbe dire che il pubblico è ora completamente precondizionato per accettare nuovi media all’arrivo.

Che ci importi di ammetterlo o meno, ci sono vari gradi di lavaggio del cervello e condizionamento comportamentale con film e TV. Ecco perché lo chiamano programmazione. Quanti di noi si trovano automaticamente usando citazioni da film o programmi TV popolari? E quanti di noi emulano la moda o le acconciature di quelli che vediamo sullo schermo?

Succede molto più di quanto la maggior parte delle persone si preoccupi di ammetterlo. Molti di noi sono completamente inconsapevoli di quanto imitiamo ciò che vediamo e ripetiamo ciò che ascoltiamo.

Nel classico del 1976, The Network, il personaggio principale del film, un profeta televisivo di nome Howard Beale, consegna un sermone indimenticabile al suo pubblico in studio, descrivendo perfettamente la natura grezza dei mass media in un contesto sociale:

E perché questo guai a noi? Perché voi gente e sessantadue milioni di altri americani mi stanno ascoltando proprio ora. Perché meno del tre per cento delle persone legge libri. Perché meno del quindici percento di voi legge i giornali. Perché l’unica verità che sai è ciò che ottieni su questo tubo. In questo momento, c’è un’intera, un’intera generazione che non ha mai conosciuto nulla che non sia uscito da questo tubo. Questo tubo è il Vangelo. La rivelazione finale! Questo tubo può creare o distruggere presidenti, papi, primi ministri. Questo tubo è la più grande, dannata forza di tutto il mondo senza dio. E guai se cadiamo nelle mani delle persone sbagliate.

Beale doveva sapere che era già caduto nelle mani delle persone sbagliate, cioè il crimine organizzato, la CIA, il Complesso Industriale Militare e l’élite globale transnazionale.

La realtà è che i direttori di studio e discografici, ei loro produttori di media, sono responsabili di gran parte del comportamento della società, così come degli archetipi culturali popolari che le persone adottano. Di sicuro, questa è un’enorme quantità di potere, e non pensare per un momento che i dirigenti non lo sappiano. Lo stesso si può dire per i loro “consiglieri” della CIA e del Pentagono.

Quando è in alto, questa macchina per la cultura comanda uno qualsiasi dei seguenti comportamenti in massa; linguaggio volgare, oscenità, promiscuità sessuale, relazioni pre-matrimoniali ed extra coniugali, uso e abuso di droghe, relazioni disfunzionali e familiari, tensioni razziali, violenza, deturpazione di simboli religiosi, ritualismo satanico, indebolimento di figure di autorità come padri, insegnanti, clero e persino il culto dello stato di sicurezza orwelliano. È un gioco onesto per l’industria dei media e dell’intrattenimento.

Come ci si aspetta che qualcuno sopravviva a questo assalto psicologico e spirituale?

La persona media per sopravvivere

La persona media che vive in una società del primo mondo tecnologicamente avanzata guarderà in media tre ore al giorno di televisione, e altre due o tre ore passate su dispositivi elettronici computerizzati. Se vogliamo sopravvivere con le nostre menti e le nostre anime intatte, ad un certo punto della nostra vita dobbiamo raccogliere il coraggio di spegnere e spegnere.

Il semplice volume di contenuti ora disponibile significa che ogni persona deve essere giudiziosa su come trascorre il proprio tempo. La vecchia opzione binaria per “Generazione X”, quando hai detto a te stesso “Va bene, ho tre ore per me stesso. Come ho intenzione di passare quel tempo? Guardo la TV o leggo un libro? “Potrebbe non essere più applicabile.

Per Millennials (e anche altri), è più come, “Guardo TV, YouTube, Hangout su Periscope, Instagram, Facebook, o faccio streaming su Hulu, Amazon Prime, iTunes o Roku, o leggo online, con il mio Kindle, o il mio angolo, o chissà, forse un libro?”

Mi viene in mente anche il termine binge watching. Sette stagioni con 10 episodi ciascuna, con una trama, trama intercambiabile continua – abbastanza suspense e intrighi per attivare le endorfine nel cervello per tenerti sveglio tutta la notte, abbastanza per guardare un’intera stagione di 24 … in 24 ore.

Se le cose stanno davvero così male, o ti senti ansioso per l’ossessione di stare al passo con i contenuti, allora c’è un’alta probabilità che tu sia sotto un certo controllo mentale controllato dai media.

Il primo passo verso la liberazione dalla macchina è diventare un consumatore più attivo di informazioni e contenuti, anziché essere un passivo setaccio. Questo non vuol dire che non puoi goderti un film, o guardare una buona partita a pallone di tanto in tanto – tutti hanno bisogno di scendere dalla ruota panoramica e dedicarsi all’intrattenimento di volta in volta.

Per sconfiggere il tubo lineare di alimentazione forzata dell’informazione e del condizionamento sociale di Hollywood e dei media mainstream … leggi di più. Leggi tutto quello che riesci a mettere le mani su: libri, riviste di stampa, riviste, articoli online e giornali. Il tuo tasso di fidelizzazione della conoscenza sarà più alto, e l’esperienza della lettura migliorerà la concentrazione mentale, l’autoriflessione e la chiarezza del pensiero.

Piuttosto che sprecare ore a guardare la TV oa guardare una produzione cinematografica hollywoodiana con sottotitoli che alla fine sapete sarà deludente, provate invece ad ascoltare programmi radiofonici o podcast. Invece di andare alla deriva su buche di conigli su YouTube, visita invece siti come Soundcloud e immergiti nella loro vasta giungla audio.

Un’altra pratica utile per liberare la mente dal pensiero di gruppo e rimanere meno sensibili al lavaggio del cervello tradizionale è fare uno sforzo concertato per leggere, guardare o ascoltare di tanto in tanto contenuti o fonti che non ti piacciono, o in genere non sei in accordo. Questo è importante per una serie di motivi. Se sei veramente sicuro delle tue convinzioni politiche, della tua visione del mondo o della tua comprensione degli eventi attuali e storici, allora non dovrebbe preoccuparti di sentire cosa ha da dire “l’altra parte”. Se vuoi davvero difendere con successo la tua posizione, opinione, o ideologia, o la tua parte dello spettro politico – allora aiuta a conoscere gli argomenti contrari e dovresti analizzarli il più possibile. Questo tipo di consumo di informazioni di mentalità aperta è esattamente ciò che gli organizzatori della cultura e gli operatori della matrice non vogliono che tu sia coinvolto – perché una voce sicura, ben informata e obiettiva è antitetica alla divisione e alla regola prevalenti, paradigma politico bipolare programma che gli ingegneri sociali corrono attualmente nella società occidentale.

Inoltre, dovresti mai ritrovarti stanco di leggere su di esso, quindi andare e provarlo.

Impara a come imparare

Il poeta americano Robert Frost ha detto che “procediamo tutti con una conoscenza insufficiente”.

Nell’educazione della mente, ognuno deve sottomettersi (almeno una volta al giorno) al fatto che, per quanto intelligente o competente pensi di essere in un determinato argomento o evento, in realtà tu sai molto poco. Potresti conoscere più della persona che ti sta accanto e potresti anche essere un esperto su uno strato di un reticolo, ma più che probabile avrebbe solo una conoscenza superiore alla media di un angolo della galassia che è la tua area di competenza.

Sfortunatamente, per quanto riguarda i social media, rimane una piattaforma grezza per l’interazione e l’apprendimento umano. Lo schermo del tuo laptop da 13,5 pollici non sempre è in grado di offrire una stimolazione umana e una velocità di scambio ottimali per le conversazioni umane. La soluzione a questo problema è semplice: dobbiamo parlare di più. Parla di più e parla di qualsiasi cosa. Il microprocessore più potente del pianeta non si trova nel seminterrato dell’NSA a Provo, nello Utah, né nei palchi dei server di Jeff Bezos in Colorado – è tra le tue orecchie.

Inoltre, piuttosto che predicare al coro, prova a fare conversazioni con persone più intelligenti o più esperte di te. Questo è uno dei modi più veloci per aumentare la tua base di conoscenze e ottenere informazioni preziose che non potrai mai ottenere dai media mainstream, o persino trovare negli annali del Ministero della Verità (Wikipedia).

Ricorda: non sei un robot, quindi smetti di comportarti come uno di loro.

C’è un grande mondo là fuori – ed è molto più grande di qualsiasi cosa all’interno della tua TV o smartphone.

Fonte: https://www.newdawnmagazine.com/

0e521-riga-antica

obeytvPersone scioccate conformemente e accondiscendenti

Di Joseph P. Farrell

Bene gente, i “buoni” della Diabolically Apocalyptic Research Projects Agency (DARPA) ci sono ancora e vado via da questo articolo, condiviso dalla signora MW, con la sensazione che “loro” possano aver finalmente fatto “esso”, “esso”in questo caso è di miniaturizzare la terapia dell’elettroshock e impiantarlo permanentemente su un chip, per modificare “l’umore”. Ecco l’articolo:

Impianti cerebrali controllati dall’IA per i disturbi dell’umore testati nelle persone

Sospetto che i lettori abituali qui sappiano già quali paragrafi di questo articolo hanno attirato la mia attenzione, ma per la cronaca, sono questi:

Gli impianti cerebrali che erogano impulsi elettrici sintonizzati sulle sensazioni e sul comportamento di una persona vengono testati per la prima volta nelle persone. Due squadre finanziate dal braccio di ricerca dell’esercito americano, la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), hanno iniziato le prove preliminari di impianti cerebrali “a ciclo chiuso” che utilizzano algoritmi per rilevare modelli associati a disturbi dell’umore. Questi dispositivi possono scioccare il cervello in uno stato sano senza l’intervento di un medico.

L’approccio generale – utilizzando un impianto cerebrale per fornire impulsi elettrici che alterano l’attività neurale – è noto come stimolazione cerebrale profonda. È usato per trattare disordini del movimento come il morbo di Parkinson, ma ha avuto meno successo quando testato contro i disturbi dell’umore. Prove preliminari hanno suggerito che la costante stimolazione di alcune regioni del cervello potrebbe alleviare la depressione cronica, ma uno studio importante che ha coinvolto 90 persone con depressione non ha trovato alcun miglioramento dopo un anno di trattamento. 1

Oh, che meraviglia, si sta facendo tutto per aiutare le persone con “disturbi dell’umore” e, oh, a proposito, l’epilessia:

I gruppi stanno sviluppando le loro tecnologie in esperimenti con persone con epilessia che hanno già elettrodi impiantati nel cervello per seguire i loro attacchi. I ricercatori possono utilizzare questi elettrodi per registrare ciò che accade in quanto stimolano il cervello in modo intermittente – piuttosto che costantemente, come con gli impianti più vecchi.

E come parte di questi meravigliosi “benefici per la salute”, stanno anche sviluppando una variazione su ciò che ho chiamato “dizionari elettroencefalografici” nel mio precedente libro Microcosmo e mezzo. Questi sono, letteralmente, dizionari di onde cerebrali associate a parole particolari, che, monitorando le onde cerebrali, consentono letteralmente alla gente di “leggere la mente”, la conversazione interiore che molti di noi hanno nella nostra mente e, secondo alcuni, il contrario il processo è possibile: trasmettendo i modelli di questi dizionari elettroencefalografici, si può interferire con quella conversazione interna. Alcuni ricercatori nelle tecnologie di manipolazione della mente chiamano questi tipi di dispositivi “la voce di Dio” tecnologie, e non credo che ci sia un modo migliore per descriverlo.

Nell’ultima versione, questo articolo chiarisce che ora stanno sperimentando la creazione dell’equivalente emotivo/emozionale di quei “dizionari elettroencefalografici:”

Al meeting SfN, l’ingegnere elettronico Omid Sani della University of Southern California di Los Angeles – che sta lavorando con la squadra di Chang – ha mostrato la prima mappa di come l’umore è codificato nel tempo nel cervello

Il team MGH sta seguendo un approccio diverso. Invece di rilevare un particolare stato d’animo o una malattia mentale, vogliono mappare l’attività cerebrale associata a comportamenti che sono presenti in più disordini – come difficoltà di concentrazione ed empatia. All’incontro SfN, hanno riferito su test di algoritmi che hanno sviluppato per stimolare il cervello quando una persona è distratta da un compito impostato, come ad esempio l’abbinamento di immagini e numeri o l’identificazione di emozioni sui volti. 

I ricercatori hanno scoperto che il rilascio di impulsi elettrici nelle aree del cervello coinvolte nel processo decisionale e nelle emozioni ha migliorato significativamente le prestazioni dei partecipanti al test. Il team ha anche mappato l’attività cerebrale che si è verificata quando una persona ha iniziato a fallire o rallentare in un determinato compito perché era smemorata o distratta e ha scoperto di essere in grado di capovolgerla con la stimolazione. (Enfasi aggiunta) 

Con quest’ultima frase arriviamo ad un’implicita ammissione di ciò che potrebbe essere l’agenda reale: il miglioramento delle prestazioni umane attraverso la stimolazione elettrica diretta del cervello. In effetti, stiamo esaminando l’ultimo “aggiornamento” alla ricercata, ricerca del Dr. Jose Delgado sul cervello. Per non dimenticare quale fosse l’obiettivo della sua ricerca, era il controllo psicologico della società proprio attraverso tali tecnologie e la loro applicazione di massa.

Come al solito, tutto questo viene “venduto” come una buona cosa a causa dei benefici per la salute di coloro che soffrono di “disturbi dell’umore”, un termine fluido che nelle mani di un buon Gramsciano come il Kotex Occasionale potrebbe trasformarsi in qualcosa che una parte trova “offensiva”. “Pensa solo a quei campi di “rieducazione” dell’era sovietica, per non sbagliare a questo proposito, se riescono a regolare così lo “stato d’animo” degli epilettici, possono regolare lo “stato d’animo” di chiunque.

“Ripeti dopo di me: il socialismo è buono, la libertà è cattiva”. Il paziente non rispondeva e respingeva l’autorità. Shock amministrato. Il Paziente ora è conforme. Mi viene in mente l’osservazione di CS Lewis che quando la “rieducazione” ha soppiantato la giustizia, una delle conseguenze era che un processo a tempo indeterminato era sostituito da uno che aveva una fine definita: la punizione per il crimine poteva essere presa fino ad ora, ma non oltre. La rieducazione non ha fine, in effetti, fino a quando non si ottiene la conformità; è una licenza per praticare una specie di tortura finché la vittima non si sottomette.

E, naturalmente, come avrete intuito, ho alcune speculazioni ad alto numero di ottani per avanzare: è da meravigliarsi che ora stiamo ascoltando questi tipi di tecnologie, mentre “loro” si stanno preparando a lanciare il 5G e così via? Se perdonerai il gioco di parole (intenzionale), l’intera impresa mi sembrerà piuttosto bestiale.

Ma non per niente la chiamiamo DARPA “Diabolicamente Apocalyptic Research Agency Agency” su questo sito. Come ho sentito qualcuno dire ultimamente, se la società e la cultura che sta emergendo ed essendo promossa dall’élite (e io uso questo termine solo per comodità) è sempre più anti-umana, è forse perché la sua principale fonte non è umano a tutti …

Fonte: https://gizadeathstar.com/

®wld

Nemmeno un solo: Perché?

 

 Il sistema educativo come strumento di controllo del pensiero

di Vicente Berenguer03 Gennaio 2019 dal Sito Web Sott traduzione di Nicoletta Marino Versione originale in spagnolo 

La società grigia nella quale viviamo, Società alienata, robotizzata. Chiunque vada un poco aldilà delle apparenze può percepirlo. Il sistema ha vinto, o almeno vince al momento. Il sistema ha annullato nelle persone la capacità di critica, la capacità di riflettere, e se non cambia nulla la società è perduta.

Perché? Questa è la domanda più basilare che uno può fare, però l’annichilire la riflessione a questo estremo che sentire oggi un “perché” diventa un compito complicato. 

La società non fa domande, le persone non si interrogano, non vanno oltre, non esplorano possibilità e tantomeno le concepiscono nella loro mente:

accettano solo…

Ma niente è per caso e questo annichilirsi del pensiero viene da lontano, viene dal sistema educativo, iniziando certo dalla scuola.

Perché il sistema educativo così come è impiantato (così come lo hanno voluto) oltre ad essere lo strumento che dovrebbe dare cultura ai cittadini con i contenuti, è lo strumento con cui si annulla il pensiero, è la forma con cui si allontanano i bambini, gli adolescenti, gli adulti … dal pensiero, dalla critica, per portare tutti ad accettare quello che si dice loro, ad accettare le norme, ma non li si porta verso un processo di riflessione perché deve essere così… 

Il sistema educativo così come è disegnato è uno dei principali strumenti del sistema dopo l’indottrinamento, dopo la rigidità mentale.  

Non si fomenterà la critica, non si fomenterà la proposizione di soluzioni alternative, non si fomenterà la creatività. 

Si proporranno invece problemi con una unica soluzione:

Il bambino, l’adolescente o chicchessia deve trovare la soluzione che già esiste o la deve memorizare ma non deve mai cercare alternative poiché non esistono, non ci sono né possono esserci alternative o soluzioni proprie.

Pertanto non si tratta di fomentare l’espansione della mente ma di restringerla; non si tratta che la persona mette in questione le norme o quello che si dice, ma si tratta che il tutto sia accettato poiché non c’è alternativa, non c’è altra possibilità a quanto già detto.  

Si tratta quindi di “tagliare le ali” al pensiero fin dalla più tenera età; si tratta di costruire pezzi per il sistema…  

Quindi la creatività, la riflessione e la critica sono soffocate da subito per avere dei cittadini docii e dalla mente semplice, persone che già da aulte saranno incapaci di muovere critica alcuna né di porsi per una questione qualsiasi o norma nemmeno un solo:

Perché?

Il risultato quindi è dato da cittadini che non si fanno domande, perchè nemmeno sanno di cosa si parla e accettano quello che si dice loro. 

E così le cose da contingenti diventano necessarie:

  • È necessario che il modello economico quello che sia poiché non c’è alternativa possibile

  • È necessario che sia gente che viva da re e altre persone che vivano come cani abbandonati poiché così deve essere
  • È necessario che ci governino persone senza scrupoli
  • È necessario che siano rieletti perchè così è la vita e è quello che abbiamo

…e che non ci sono altre possibilità oltre quelle che ci propongono, cioé c’è una sola possibilità.  

Così la massa è una vera massa, una massa malleabile e totalmente indottrinabile, una massa che non fa domande e che non se le pone, una massa superficiale senza una traccia di spirito critico. 

Insomma, una massa come quella che abbiamo… 

Fonte: https://www.bibliotecapleyades.net/ 

®wld

Il carburante del l’élite

In un tempo molto lontano i nostri giorni non avevano tempo,
oggi sono schematici

Premessa: (corsivo mio)
Due anni fa (più o meno nello stesso periodo), ho pubblicato la trascrizione del video che ora vi ripropongo a fondo pagina.

In questo video (vedi sotto) di 8-minuti e 28-secondi mi ha lasciato senza parole. E’ come se da tempo immemorabile avessimo smesso di vivere, in realtà, viviamo in una continua bugia, una bugia che è diventata così diffusa, non possiamo vedere ciò che così evidente e sta realmente accadendo, tutto intorno a noi.

Vi siete mai chiesti cosa sia in realtà la libertà? Il suo vero e reale significato?

La libertà è definita come il potere o il diritto di agire, parlare o pensare come si vuole. Purtroppo, nella società di oggi, avete tutti a malapena questi potere, il diritto di agire è limitato da regole predefinite che dobbiamo seguire ciecamente da tempo immemorabile.

Siamo liberi di agire come vogliamo? O agiamo come ci viene detto, o è come se quasi che l’intero pianeta sta seguendo una sceneggiatura predefinita chiamata vita? Stranamente, questo copione ci ha fatto dimenticare la definizione stessa di vivere liberamente. Ci svegliamo, andiamo a lavorare, si mangia e si dorme.

Il pensiero è diventato una limitazione, soprattutto perché c’è così tanta contorta disinformazione intorno a noi. Dai libri di testo che vediamo a scuola, alle informazioni inutili che ci vengono propinate da società e media di tutto il mondo.

La libertà è diventata lentamente una parola che si è adattata a molti significati. Mentre i decenni e secoli sono passati, la libertà si sta trasformando in una parola irriconoscibile.

Da notare che la sensazione è quella di non essere imprigionati o ridotti in schiavitù.

Tuttavia, la prigione e la schiavitù sono tutte intorno a noi. Questo stato di schiavitù e prigione è presente nella società in modo diverso, senza essere visibile, siamo imprigionati da un sistema che è stato messo insieme dal popolo, ma è danneggiato e contorto al punto in cui ci comportiamo come se ci mancasse la mente e il cervello.

Diciamo che la libertà e le libertà sono presenti nella società, perché abbiamo una casa, un lavoro, una macchina, ma alla fine, siamo tutti bloccati su una massiccia ‘isola’ nello spazio chiamato Terra.

E’ come se la società ci abbia ingannato nel corso dei secoli, fino al punto in cui facciamo la guerra giustificandola per amore della libertà, anche se la libertà è qualcosa che non può esistere in uno stato di guerra, e le guerre non possono ottenere la libertà. Le guerre sono parte del sistema.

Come può esistere la libertà quando ci sono quasi un miliardo di persone che stanno morendo di fame? Questo significa che abbiamo scelto di ignorarle?

Ti senti libero?

Sii? Puoi bere l’acqua in libertà, sapendo che non è inquinata? Che non è avvelenata? Possiamo prendere il cibo da un albero come una volta facevano i nostri antenati e mangiarlo? possiamo coltivare il nostro cibo? Mentre tutto intorno a noi è controllato, ora, come stanno andando le cose, non stiamo certo migliorando come specie, siamo come un poveretto che sta pisciando fuori dal vaso.

Siamo DE-evoluti al punto in cui non siamo in grado di procurarci il cibo dalla natura, bere acqua fresca e fredda che sgorga, dal terreno. Usiamo solo la Terra per edificare le nostre case.

Sì, una volta-in un passato molto lontano, quando la libertà di parola non era ancora stata definita, eravamo in grado di fare tutto liberamente, senza paura e senza libertà, perché è la società moderna che ha creato la definizione di questa parola, ma fallì miseramente, per non parlare delle varie e adeguate implementazioni.

Questo video definisce e riprende tutto quello che siamo riusciti a fare come società. Si tratta di un campanello d’allarme.

Grazie per essere arrivati fin qui nella lettura, godetevi questo video. E’ un video che mi ha fatto pensare a molte cose. Si ringrazia Spencer Cathcart per la creazione del video.


Video sottotitolato il lingua italiana

Fonte: http://www.ancient-code.com/

Il video trascritto: domenica 8 febbraio 2015 … per tutti noi … 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

L’uomo e l’odio, reattivo/endogeno

Atalanta_e_Ippomene
Chi è l’uomo
La domanda: “Chi è l’uomo”, porta immediatamente al nocciolo d’ogni problematica. Se infatti l’uomo fosse una cosa si potrebbe domandare che cosa è, li si potrebbe definire come si fa con un oggetto naturale o un prodotto industriale. Ma l’uomo non è una cosa, né può essere definito come tale , anche se molto spesso come tale viene visto.
Di lui si dice che è operaio, direttore, medico, eccetera, ma così facendo ci si limita a indicarne la funzione sociale; in altre parole, l’uomo viene definito sulla scorta della sua posizione in seno alla società.
L’uomo però non è una cosa, bensì un essere vivente coinvolto in un perenne processo di sviluppo. E in ogni istante della sua esistenza non è ciò che potrebbe essere e magari diventerà.
L’uomo non può essere definito come un tavolo o un orologio; e dall’altro canto, non è del tutto indefinibile. Di lui si può dire qualcosa di più del fatto che non è una cosa bensì un processo vivente. L’aspetto fondamentale, ai fini di una definizione, è che l’uomo può spingersi col pensiero al di là del soddisfacimento dei propri bisogni.
Per lui il pensiero, al contrario di quanto accade nell’animale, non è solo il mezzo per procacciarsi i beni desiderati, ma anche un mezzo per scoprire la realtà del proprio essere e del mondo circostante, indipendentemente da predilezioni e ripugnanze.
In altre parole, l’uomo non è dotato solo di intelligenza, come l’animale, bensì anche della ragione la quale gli permette di riconoscere la verità. E se l’uomo si lascia guidare dalla propria ragione, opera per il proprio bene sia in senso materiale che spirituale.
L’esperienza insegna tuttavia che molti, accecati da brama e vanità, nella loro esistenza privata non agiscono secondo ragione. Peggio: le nazioni agiscono ancor meno secondo ragione perché i demagoghi hanno buon gioco con i cittadini e riescono a far loro dimenticare che, se ne seguono i consigli, condannano alla distruzione la polis e il mondo tutto quanto.
Molti popoli sono andati in perdizione perché non sono stati capaci di sbarazzarsi di passioni irrazionali che ne condizionavano il fare e perché si sono dimostrati incapaci di lasciarsi guidare dalla ragione. E in questo consisteva il grande compito dei profeti veterotestamentari.
Essi non prevedevano il futuro, come comunemente si ritiene facciano i profeti, ma proclamavano la verità, e quindi indirettamente richiamavano l’attenzione sulle conseguenze future dell’agire presente del popolo.
Non essendo l’uomo una cosa che possa essere descritta in un certo senso dal di fuori, lo si può definire solo a partire dall’esperienza personale del suo essere. Sicché la domanda: “Chi è l’uomo?” porta subito all’altra: “Chi sono io?”. E se non voglio cadere nell’errore di trattare l’uomo come cosa, la risposta può suonare soltanto: sono un uomo.
Ma la maggior parte dei nostri simili non hanno sperimentato questa identità: si fanno mille immagini illusorie di se stessi, delle loro qualità, della loro identità. E a volte capita che rispondano: “Sono un insegnante”, “Sono un operaio”, “Sono un medico”; ma questa informazione sull’attività di un individuo nulla ci dice circa lui stesso, e non comporta risposta alcuna alla domanda: “Chi è lui?”, “Cgi sono io?”.
E qui sorge un’altra difficoltà. Ciascuno segue, sotto il profilo sociale, morale, psicologico, eccetera, un preciso indirizzo. Quando e come posso sapere se l’indirizzo che l’altro ha fatto proprio costituisce un orientamento definitivo, o che l’altro può cambiare strada sotto l’influsso di esperienze determinanti?
C’è nell’uomo un punto fisso, tale per cui sia lecito affermare, a ragion veduta che è quale è e mai sarà diverso? In termini statistici, è forse possibile affermarlo a proposito di molti individui: ma si può dire di ciascuno, e ciascuno dirlo a se stesso, il giorno della morte, che avrebbe potuto essere diverso se avesse vissuto più a lungo?
L’uomo può essere definito anche in altra maniera. A condizionarlo sono due tipi di passioni e impulsi, l’uomo di origine biologica e sostanzialmente uguale a tutti gli individui. Esso comprende il bisogno di sopravvivenza, e dunque quello di placare fame e sete, di protezione, di qualche forma di struttura sociale e, sia pure in misura meno impellente, di sessualità.
Le passioni dell’altro tipo non hanno ragioni biologiche e non sono le stesse in tutti gli individui. Derivano da strutture sociali di vario genere, e tra esse vanno annoverate l’amore, l’amicizia, la solidarietà, l’invidia, l’odio, la gelosia, la competitività, la brama di possesso, eccetera.
Quanto all’odio, dobbiamo distinguere tra odio reattivo ed endogeno, concetti in cui ci si serve nell’esempio della depressione endogena in contrapposizione alla depressione reattiva. L’odio reattivo è la reazione a un’aggressione o a una minaccia contro il proprio io o il proprio gruppo, e per lo più scompare una volta cessato il pericolo. L’odio endogeno è un tratto caratteriale: un individuo animato da un odio del genere è continuamente alla ricerca della possibilità di sfogarlo.
In contrapposizione alle passioni di origine biologica, quelle che hanno origine sociale sono un prodotto della struttura sociale del momento. In una società in cui una minoranza sfruttatrice eserciti il dominio su una maggioranza misera e ribelle, ci sarà odio da tutte e due le parti.
Che gli sfruttati odino, è ovvio; quanto alla minoranza dominante, essa odia per paura della vendetta degli oppressi, ma anche perché deve odiare le masse per soffocare il proprio sentimento di colpa e comprovare la legittimista del proprio comportamento oppressivo.
L’odio non può scomparire finché manchino giustizia e uguaglianza; e allo stesso modo non c’è verità finché si debba mentire per giustificare la violenza dei principi di uguaglianza e giustizia.
Tratto dalle mie letture: “L’amore per la vita” di Erich Fromm