Crea sito

Il livello della nostra intimità

Intelligenza emotiva e intima 

di Bernhard Guenther

L’intimità è spesso erroneamente intesa come sola vicinanza fisica:

abbracciare, coccolare, baciare, sesso.

Tuttavia, se non vi è alcuna intimità emotiva (come nelle relazioni emotive) e un sentimento di sicurezza in una relazione, allora l’intimità fisica non può che andare così lontano.

Per poter veramente aprirci ad un partner e andare in profondità, dobbiamo sentirci sicuri e poter condividere l’intimità emotiva, le nostre paure, gli errori e i dolori e ricevere l’altro con compassione ed empatia. 

Per molte persone l’intimità fisica è più facile dell’intimità emotiva. Per gli altri è il contrario. Spesso le persone evitano l’intimità emotiva concentrandosi sull’intimità fisica, usando il sesso per tamponare la loro vulnerabilità. 

Per essere intimi emotivi con un partner, dobbiamo essere in grado di essere intimi con noi stessi, sentendo la nostra vulnerabilità senza giudizio e sviluppando un sano amore per se stessi. 

Se non ci sentiamo a nostro agio con la nostra vulnerabilità, non possiamo ricevere pienamente la vulnerabilità di un’altra persona e l’intimità emotiva è bloccata. 

Non importa quanto sia caldo il sesso e quanto sia grande l’intimità fisica, se non sviluppiamo o non abbiamo un’intimità emotiva e la sicurezza di esprimerci in quel modo, solo così una relazione potrà andare lontano.  

Abbiamo bisogno di limiti sicuri e salutari per stabilire l’intimità a tutti i livelli. Questa sicurezza è molto più che sentirsi “sicuri” e i confini non significano rifiuto o evitamento. Si tratta di prendersi cura di noi stessi. 

Il nostro corpo ci dà costantemente indizi su ciò che è sicuro per noi e cosa no. Più siamo in contatto con i nostri corpi, più possiamo ricevere questi messaggi che ci mettono anche in contatto con la nostra vulnerabilità. 

È importante ascoltare queste sensazioni corporee che vanno più in profondità delle sole sensazioni sessuali. Molto spesso sono sepolti sotto strati di “armature”. 

È facile razionalizzare queste sensazioni più profonde, valutando se stessi per non aprirsi quando non ci si sente sicuri. Non ascoltare la mente, fidati del tuo corpo e non giudicare te stesso per quanto tu provi. 

L’intimità emotiva va di pari passo con la fiducia, sapendo che possiamo essere completamente noi stessi con tutta la nostra vulnerabilità ed essere sempre ricevuti con compassione ed empatia in un contenitore sicuro da un partner.

Ma prima di poter ricevere un’altra persona come quella di noi stessi, o persino esprimerci in quel modo, dobbiamo essere capaci di essere compassionevoli con noi stessi e amare noi stessi, l’oscurità e la luce, senza gonfiarci o diminuirsi.

Altrimenti continueremo a cercare il partner illusorio, che non arriva mai e che vogliamo essere in un certo modo, quando in realtà questo è ciò che dobbiamo dare prima a noi stessi. 

A volte cerchiamo inconsciamente un “salvatore” in un partner, ma è una proiezione di ciò che abbiamo negato o evitato di dare a noi stessi: 

un sano auto-amore, vulnerabilità e sicurezza interiore.

Prima di poter sviluppare una fiducia più profonda con un partner, dobbiamo essere in grado di fidarci di noi stessi e degli indizi più profondi che i nostri corpi ci stanno dando.

“Hai paura di essere intimo con te stesso – di essere solo con te stesso. Una volta che sviluppi un’intimità, un silenzio, un amor proprio e un contenimento della tua energia, allora vorrai rendere quell’aspetto del tuo livello di intimità con qualcun altro.”

Barbara Marciniak

Bringers of the Dawn  

Dal sito: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Un percorso tra materia, spirito, coscienza e verità

Il processo del risveglio è un processo ruvido e distruttivo 

– non esiste alternativa – 

dal Sitio Web SimpleCapacity traduzione di Adela Kaufmann
Versione originale in inglese

Molte persone vorrebbero credere che il processo di risveglio sia glorioso.

Che il sentiero è pieno di luce e devi solo seguirlo per raggiungere il Divino. Anche se molti falsi guru possono volere che tu ci creda, se vuoi veramente svegliarti, dovrai abbandonare completamente quella nozione.

Il risveglio è difficile, è crudele e disordinato e non esiste un modo indiretto per arrivare a quel punto senza sporcarsi prima.

Senza nemmeno rendercene conto, abbiamo interiorizzato così tante idee sbagliate sul mondo e su noi stessi. Siamo così abituati all’ascolto, alla credenza e alla ricreazione delle bugie che abbiamo dimenticato dove finisce la realtà e comincia la fantasia.

E anche se recuperiamo il senso e realizziamo la verità, la maggior parte delle volte non siamo disposti a rinunciare a quelle bugie.

È troppo comodo gongolarsi pensando di essere svegli solo a causa della nostra visione. Ma il vero risveglio si verifica quando siamo in grado di smantellare completamente noi stessi e abbandonare tutte le bugie, e finalmente possiamo iniziare il processo di ricostruzione.

Può essere molto difficile liberarsi di queste bugie perché nel tempo si sono incorporate nel nostro senso del sé. Senza di loro, non sapremmo dove siamo.

Abbiamo sopportato tanta resistenza perché siamo rigidi con questa nostra identità. Ma dimentichiamo che si basa anche sulle falsità.

Il modo per iniziare il processo di risveglio, è quello di arrenderci completamente a questo senso di noi stessi e arrenderci all’oblio di non sapere chi siamo. Non è facile e diventa molto doloroso e difficile da gestire con così tante cose.

Ma, per quanto sia schiacciante, è il primo passo e dobbiamo fare il salto.

Quando ciò accade, vediamo che il mondo in cui crediamo crolla intorno a noi. Tutte le nostre relazioni e amicizie e tutte le altre cose che abbiamo raggiunto sembrano inutili e false.

Questo, di per sé, è abbastanza per schiacciare chiunque, ma continuiamo a lottare contro quella sensazione che nulla di ciò che credevamo fosse vero. Ed è una lotta difficile perché non si potrà mai vincere.

L’unica opzione che abbiamo è di arrendersi alla sofferenza. Una volta che si smette di combattere contro l’inevitabile e si accetta l’oblio, possiamo finalmente avanzare dagli ultimi pezzi di ornamenti e bugie.

Sarà difficile e per molti giorni tutto sembrerà tetro e desolato.

Ma se ti impadronisci, un giorno, la luce tornerà alla tua vita. E quando entri in questa luce, finalmente inizierà a dare un senso. Dove inizialmente pensavi di essere vuoto e sterile, troverai una fonte eterna di amore.

Questo amore è ciò che connette tutti gli esseri nell’Universo e attraversa ognuno di noi. Ti sentirai immediatamente parte di tutto e allo stesso tempo a distanza da tutto.

Il percorso di Siddharta verso se stessi non è facile da percorrere.

Il tuo più grande nemico è la tua mente che è stata sottoposta a così tante illusioni che non può più dire quale sia la verità e cosa non sia. Non solo, ma non ci sono amici o persone care che possono viaggiare con te perché loro stessi sono delusi.

I tuoi unici strumenti sono la tua sicurezza e il tuo coraggio. A meno che tu non sia pronto a distruggere te stesso, non sarai in grado di trovarti. Sarai messo alla prova oltre la tua resistenza e non molti sopravviveranno.

Quindi pensaci.

Sei pronto a dare ciò che è necessario e non tornare mai indietro dalla tua missione, non importa cosa …?

http://www.bibliotecapleyades.net/

***********

L’uomo con il cervello più piccolo del mondo… 

scopre il segreto della coscienza

dal Sito Web PijamaSurf 

Non si tratta di materia – come quantità – ma piuttosto è la connessione tra materia e spirito – o coscienza – cosa consente il funzionamento ottimale di un individuo …

Con più di 100 miliardi di neuroni che usano più di 30 mila geni collegati per formare un miliardo di connessioni per millimetro cubico di corteccia cerebrale, il cervello è considerato uno degli elementi più ipnotici del corpo umano.

In realtà, si dice che la sua complessità permetta la sopravvivenza del corpo stesso, così come il corretto funzionamento dei processi cognitivi – linguaggio, immaginazione, coscienza … – ed emotività.

Tuttavia, dal 2003 è emerso un caso clinico che ha lasciato senza parole il mondo della medicina.

Si tratta di un uomo che, lamentandosi di un dolore alle gambe, ha provocato una scansione del cervello e un cervello che occupava poco meno del 10 percento della cavità cranica.

Cioè, un cranio pieno di liquido e una regione molto piccola di massa cerebrale.

Secondo la sua storia clinica, il personaggio ha sofferto durante i suoi primi anni di vita di idrocefalo – accumulo di liquido all’interno del cranio – e dopo anni di trattamento il suo cervello era,

             “relegato alle pareti della cavità cranica”.

La società medica aveva ipotizzato che gli effetti sulla vita generale del bambino sarebbero stati seri.

Tuttavia, col passare del tempo, è stato in grado di condurre una vita completamente normale: lavora come impiegato statale, è felicemente sposato e ha due figli.

In altre parole, è una persona in piena consapevolezza di se stesso e della sua realtà.

Secondo i ricercatori, questo è dovuto al fatto che la possibile posizione nel cervello della coscienza si trova in una regione molto specifica senza aver ricevuto alcun danno apparente dalla situazione.

Mentre per uno dei ricercatori, Axel Cleeremans, uno psicologo presso la Libera Università di Bruxelles, in Belgio,

“la posizione della coscienza può essere flessibile e può essere appresa da diverse regioni del cervello”, è ancora un’ipotesi che resta da indagare in profondità.

fonte

Per ora, questa ipotesi è coerente con quella evidenziata anni fa come neuroplasticità, la capacità del cervello di adattarsi ai cambiamenti e assumere nuovi ruoli in caso di infortunio.

Grazie a ciò, Cleeremans spiega che le dimensioni del cervello non contano:

“La materia grigia che ha è sufficiente per creare un’immagine di se stesso, il che significa che l’uomo è ancora consapevole delle sue azioni”.

Quindi si potrebbe considerare che non è la materia – come quantità – ma la connessione tra materia e spirito – o coscienza – che consente il funzionamento ottimale di un individuo.

Dal perfetto equilibrio tra questi ultimi due elementi per liberare le paure, superare gli ostacoli e scoprire i misteri del corpo umano.

http://www.bibliotecapleyades.net/

 

La Tecnologia come Nuova Religione

                                                      Clicca sull’immagine per guardare il video

Psicologia della razza umana

In un momento di profonda crisi chi non vorrebbe un salvatore? Nelle giuste condizioni e con un po di tempo la gratitudine diventa Adorazione o peggio DEVOZIONE.

Il nostro senso di smarrimento di fronte alle “catastrofi” e la smarrita capacità di comprendere il mondo, ci rendono pedine manipolabili da chi usa queste tragedie come opportunità – PROBLEMA – REAZIONE – SOLUZIONE.

Ed ogni aiuto che riceviamo genera due aspetti fondamentali, DEVOZIONE appunto. E altro aspetto è la RICATTABILITÀ L’opposizione rafforza la maggioranza.

La Tecnologia come Nuova Religione. 

Ma che cos’è la TECNOLOGIA? In greco “tekhnologhia” significa: Trattato, grammatica di una lingua, deriva dall’unione tékhne che significa arte e logos che vuol dire discorso. Siamo schiavi di un’Arte fisica che manipola la materia, che sostituisce la tecnologia intrinseca dell’uomo.

Ad esempio, le Api per comunicare hanno sviluppato una tecnologia interna, capace di leggere le frequenze e le vibrazioni, senza far uso di qualche linguaggio. La Telepatia nell’uomo è una TECNOLOGIA di comunicazione.

Ma tutte le scoperte e i mille modi “FISICI” di comunicare, dal Pc, al Cellulare, non fanno altro che atrofizzare queste nostre possibilità. L’uomo vuole trascendere, vuole andare sempre oltre, ed è una dote Sacra che ci ha portato lontano, ma stiamo atrofizzando l’Empatia a vantaggio di una Tecnologia esterna a noi e da cui siamo dipendenti.

E la DIPENDENZA porta a sua volta ad altri DUE aspetti, Schiavitù e Controllo. La Dipendenza porta alla paura del distacco, e la PAURA porta alla manipolazione. La Paura, la Disperazione, l’Odio, sono EMOZIONI di bassa frequenza, figlie della mancanza di CONSAPEVOLEZZA e mentre le emozioni nella maggior parte dei casi portano a delle REAZIONI, spesso inconsce.

Le sensazioni che hanno picchi emozionali più tenui, insieme alla consapevolezza portano all’Azione consapevole. Chi conosce le nostre emozioni, è di conseguenza le nostre reazioni può controllarci e manipolarci semplicemente toccando i nostri punti deboli, giocando con le nostre Reazioni Prevedibili, che mancano di consapevolezza.

E la PAURA è l’arma che tutti noi usiamo per raggiungere certi scopi (pensate all’Uomo Nero che viene raccontato ai bambini per non fargli fare certe cose, o all’Inferno per chi va in chiesa). E di conseguenza è l’arma che viene usata contro di noi per farci fare, o farci accettare realtà che non accetteremmo mai.

Chi conosce la natura umana sà bene come impiantare certe paure a livello globale e sa bene come usare queste Paure per poterci Controllare. Siamo PREVEDIBILI.

La Mente è un grande mezzo ma se non la conosciamo bene diventa una prigione, cominciamo quindi a studiare noi stessi, la nostra psicologia, rafforziamo la “VISTA” del nostro Osservatore esterno e cominciamo ad AGIRE invece di REAGIRE, dominando le EMOZIONI, osservando senza reprimerle e coltivando le sensazioni.

Siamo prima di tutto Esseri Spirituali, non siamo macchine. Ascoltiamo il CUORE che è il collegamento diretto con la FONTE, agiamo il più possibile con Amore Incondizionato. Diamo al cuore il timone della mente e manteniamo la fede in questo principio universale.

Non facciamoci illudere da falsi Profeti, da false Correnti Spirituali che promettono la Pace e la Gioia, escludendo la Sofferenza e la fatica e sarà la Mente il suo vero obiettivo. Addestriamo il cuore, l’empatia e la nostra fede nell’universo.

Smettiamo di essere Prevedibili

Trascrizione dei sottotitoli del video: “Psicologia della razza umana”

Trascendenza o Atrofizzazione della Mente Umana?

 

Psicologia della razza umana

Il Filmato sotto esposto (qui trascritto nda) spiega come funziona la mente Umana e come è possibile Manipolarla per raggiungere un determinato obbiettivo, influenzando le masse o per meglio dire il Gregge Umano di questo Pianeta!

Forse è per questo motivo che la serie Visitors è stata interrotta…era troppo evidente che metteva alla luce ciò che opera nell’ombra e quindi potenzialmente poteva risvegliare le Coscienze pronte ad essere svegliate e quindi liberate dalla Manipolazione Mondiale che stanno applicando!In un momento di profonda crisi, chi vorrebbe un Salvatore? 

Nelle giuste condizioni e con un po di tempo, la gratitudine diventa Adorazione o peggio Devozione. Il nostro senso di smarrimento di fronte alle “Catastrofi”, e la smarrita capacità di comprendere il mondo ci rendono pedine manipolabili da chi usa queste tragedie come opportunità.

PROBLEMA – REAZIONE – SOLUZIONE

Ogni aiuto che riceviamo, genera due aspetti fondamentali, Devozione appunto e, l’altro aspetto è la Ricattabilità. L’opposizione rafforza la maggioranza.

La Tecnologia come nuova religione

Ma che cos’è la Tecnologia? In greco “tekhnologhia” significa: Trattato, grammatica di una lingua. Ad esempio, le Api per comunicare hanno sviluppato una tecnologia interna, capace di leggere le frequenze e le vibrazioni, senza far uso di qualche linguaggio. Ma tutte le scoperte e i mille modi “Fisici” di comunicare, dal Pc, al Cellulare, non fanno altro che atrofizzare queste nostre possibilità.

L’uomo vuole trascendere, Vuole andare sempre oltre, ed è una dote Sacra che ci ha portato lontano, ma stiamo atrofizzando l’empatia a vantaggio di una tecnologia estrema a noi e da cui siamo dipendenti.

La Dipendenza porta a due aspetti. La Dipendenza porta alla paura del distacco, e la paura porta alla manipolazione. La paura, la disperazione, l’odio, sono emozioni di bassa frequenza, le sensazioni che hanno picchi emozionali più tenui, insieme alla consapevolezza portano all’azione consapevole.

Chi conosce le nostre emozioni, è di conseguenza le nostre reazioni, può controllarci e manipolarci semplicemente toccando i nostri punti deboli, giocando con le nostre Reazioni Prevedibili, che mancano di consapevolezza.

La Paura è l’arma che tutti noi usiamo per raggiungere certi scopi (pensate all’uomo nero che viene raccontato ai bambini per non fargli fare certe cose, o all’inferno per chi va in chiesa) e sa bene come usare queste Paure per poterci Controllare.

La mente è un grande mezzo ma se non la conosciamo bene diventa una prigione, cominciamo quindi a studiare noi stessi, la nostra psicologia, rafforziamo la “VISTA” del nostro Osservatore interno, siamo prima di tutto Esseri Spirituali, non siamo macchine.

Agiamo il più possibile con Amore Incondizionato. Diamo al Cuore il timone della Mente. E manteniamo la Fede in questo principio Universale. Ma non facciamoci Illudere da Falsi Profeti, da false Correnti Spirituali che promettono la Pace e la Gioia, escludendo la Sofferenza e la fatica

NEW AGE

Questo è il tempo in cui l’Odio verrà mascherato da Amore, parlerà come un DIO sapiente e saggio, e sarà la MENTE il suo vero obiettivo. Addestriamo il Cuore, l’Empatia e la nostra FEDE nell’Universo.

Trascrizione Video a cura di Nin.Gish.Zid.Da

l’ultima maschera

Tra una maschera e l’altra
Non credo nelle rivelazioni. Non sono altro che ennesime illusioni che proiettano su un traguardo e distolgono lo sguardo da quello che conta: il viaggio. Qui. Ora.

Credo nella catarsi. Nel breve, brevissimo istante in cui trapela uno sguardo vero della fessura lasciata tra una maschera che viene tolta e la successiva che viene indossata, come lampioni che abbagliano ritmicamente, cadendo su una retina stanca e puntata sull’asfalto mentre guidi distrattamente la solita strada buia.

Inondazioni in terreni eternamente aridi, resi aspri e assetati dall’amnesia del quotidiano, dalla cecità causata dall’impossibilità d’intravedere meccanismi cosmici. Così secchi e sterili, ogni goccia non porta ristoro ma si accumula inutile finché non diventa inondazione e porta l’assetato ad odiare ciò di cui più ha bisogno.

Immagine Nin.Gish.Zid.Da

C’è qualcuno dietro l’ultima maschera? Chi siamo in fondo se non le azioni che compiamo mentre siamo mascherati. Ma io continuo a intravedere quegli sguardi veri che trapelano e non riesco a fingere che non esistano, non riesco a fingere che sia solo costante finzione. C’è qualcuno dietro l’ultima maschera ed è lo stesso dietro a tutte le altre. E’ con lui che dobbiamo fare i conti. E’ lui l’unico giudice eterno ed inflessibile. L’unico che non possiamo vedere perché, in quel preciso istante in cui si rivela, siamo chinati a scegliere il prossimo volto da indossare.

Se solo avessimo il tempo e il coraggio di alzare un poco lo sguardo, in quel nanosecondo, e vedere chi c’è nello specchio, la smetteremmo di sguazzare nel letame maleodorante delle nostre scuse. Scuse. Tutto si riduce a questo. Religione, politica, economia, famiglia, legge, scienza, istruzione, a volte persino quello che vogliamo, che crediamo … sono storie che ripetiamo come mantra, ad un unico fedele, noi stessi, al fine di tenerlo in ginocchio in adorazione e non fargli gettare quell’unico fatidico sguardo che sgretolerebbe ogni singola finta battaglia in cui ci impegniamo per non guardare il tutto e quanto siamo piccoli di fronte ad esso.

Credere genera paura. Ecco perché l’unica libertà è l’assenza di paura che coglie chi non ha nulla. Nulla da perdere in tasca e nulla in cui credere nella testa.

“a pochi secondi prima della mezzanotte”

Alla base dei veri sentimenti ci dovrebbe essere l’obiettivo di cercare il dialogo in tutti i rapporti possibili. Almeno questo non ci porterebbe alla guerra, quella guerra che ormai imperversa in ognuno di noi. La nostra guerra diventa inevitabile finché rimaniamo divisi con gli altri ma, sopratutto con noi stessi.

Il nostro modo di interagire con gli altri è offuscato da preoccupazioni meramente egoistiche, piuttosto che da risposte motivate e considerate. Una risposta motivata richiede comunque una pausa. Riflettere su cosa sta veramente succedendo e in quella pausa, riflettere e riordinare il nostro sé emozionale. Cogliere l’attimo e rallentare le cose che stanno accadendo. Guardarsi allo specchio è doveroso, mettersi nei panni dell’altra parte, parte che non è altro che noi riflessa.

Il novanta per cento delle volte, né l’accusatore né l’accusato, ha riflettuto nemmeno un momento su quello che è il suo stato emotivo. Sulla base di questi elementi i partecipanti (idealmente entrambi), non faranno mai un passo indietro per accedere a questo spazio riflessivo – questo territorio non partigiano – portandoli troppo spesso fuori controllo nell’eseguire le cose.

Una corsa sanguinosa che porta Tizio ad essere irrazionale verso Caio, portandolo a sua volta una disarmonia con un forte senso di sospetto. Questo sospetto, a sua volta, diventa terreno fecondo e fertile per le differenze apparentemente inconciliabili. Le differenze inconciliabili portano di fatto ad una guerra, “a pochi secondi prima della mezzanotte”.

Non bisogna andare molto lontano per cercare conferme che siamo sull’orlo di un grande conflitto mondiale. C’è una vastità di divisioni ingegnerizzate che si celano dietro questo stato di cose terribili. Nessuno di noi può facilmente affrontare questa situazione. Nonostante è visibile la follia che tutti i giorni si manifesta sulla scena mondiale, irritazione e nervosismo sono alla base di queste irragionevolmente provocate manifestazioni facendoci sentire in trappola.

Alla fine, tutti noi, inconsapevolmente/irragionevolmente, ci stiamo avviando verso la follia della guerra, se non saremo in grado di sciogliere quelle linee tossiche di divisione che ci separano profondamente, mettendo uomo contro uomo, paese contro paese, fede contro fede. L’empatia a cui ormai siamo devoti, ci ha messo davanti una realtà completamente illusoria, illusione che ci fa percepire una reale paura, non essendo altro che una falsità che si accumula come il grasso nelle pareti di una arteria, invece di dissolversi.

La divisione e il conflitto, è benzina che alimenta i falsi demoni predatori che usano lo spauracchio della guerra, paura che viene esercitata sui comuni mortali. Questi demoni, morirebbero di fame se togliessimo loro ciò che li alimenta, sarebbero definitivamente sconfitti e consegnati agli annali della storia.

In questo delicato momento di bellicismo assoluto fatto di provocazioni, dovremmo raddoppiare i nostri sforzi, tutti insieme, esternamente e interiormente per debellare definitivamente quello che sta nutrendo questo cancro del ‘dividi e impera’, non c’è un noi e un loro, ci siamo solo noi esseri umani. Ci sono delle forze immonde che sono disposte a terminare la vita sulla Terra, solo per il gusto del loro insaziabile ego.

La nostra realtà emotiva, non è estranea ed ermeticamente sigillata in una camera; alla fine, non ci sarà un noi e un loro, ci siamo solo noi.

Questo breve excursus è l’introduzione a due articoli molto significativi di quello che può essere la manipolazione della nostra emotività sui fatti mondiali del passato e su quelli che si stanno delineando all’orizzonte.

**************************************

Libia primo atto:

Libia: dieci cose su Gheddafi che non vogliono farti sapere

Siovhan Cleo Crombie per urbantimes

libia-rolando-segura-Che cosa pensi quando senti il nome del Colonnello Gheddafi? Un tiranno? Un dittatore? Un terrorista? Beh, un cittadino della Libia potrebbe anche non essere d’accordo, ma vogliamo che sia tu a decidere.

Per 41 anni, fino alla sua morte, nell’Ottobre del 2011, Muammar Gheddafi ha fatto delle cose davvero sorprendenti per il suo Paese e ha cercato ripetutamente di unire e rendere più forte il continente africano.

Così, nonostante ciò che puoi aver sentito per radio o visto attraverso i media o la televisione, Gheddafi ha fatto cose rilevanti, che poco si addicono all’immagine di quel “feroce dittatore” dipinto dai media occidentali.

Ecco dieci cose che Gheddafi ha fatto per la Libia che probabilmente non conosci…Continua a leggere QUI

**************************************

 Libia Secondo atto:

“L’IS è in Libia, minaccia l’Italia”. Tutto vero, lo dice l’US.

Di Maurizio Blondet

isis-ital-3La notizia-bomba l’ha data il Wal Street Journal (di Rupert Murdoch), quindi c’è da preoccuparsi davvero: “Lo Stato Islamico ha rafforzato la sua presa nella sua roccaforte di Sirte in Libia”. I guerriglieri del Califfo sono cresciuti “da 200 a circa 5 mila”, sono “volonterosi combattenti”, e lo hanno assicurato al giornale (di Murdoch) persone “dell’intelligence libica”. Anzi, il “capo dell’intelligence militare per la regione che include la Sirte. Il quale risponde al nome di Ismail Shoukry, e dichiara: “Loro hanno esplicitato le loro intenzioni. Vogliono portare la loro lotta a Roma”.


Ecco, ci siamo: l’ISIS minaccia direttamente Roma. Vedete com’è difficile la “lotta al terrorismo globale” o  “lotta globale al terrorismo” annunciata ed iniziata nel 2001 da Bush jr.: appena l’ISIS viene schiacciato in Siria, ecco che riappare in Libia. Con la nuova filiale, ampliata e rinnovata. Un miracolo. E’ come un fungo, l’ISIS. Sempre più vicino all’Italia. Anzi, di più, dice il giornale di Murdoch: l’ISIS in Libia “ha cercato reclute che abbiano le conoscenze tecniche per far funzionare i vicini impianti estrattivi petroliferi”.

Quindi succhiano il petrolio anche da lì, e lo vendono (a chi? Le navi di Bilal Erdogan arriveranno?); diventano autosufficienti finanziariamente, e possono procurarsi armi (americane) e addestratori (Cia) per attaccare l’Italia. Essi infatti vogliono conquistare l’Italia, centro della cristianità.

Non è che scherziamo sopra questa minaccia. No, è da prendere sul serio. Soprattutto perché lo Stato Islamico ha postato questo tipo di mappe sui suoi siti. (vedi mappa sopra). Continua a leggere QUI

http://ningizhzidda.blogspot.it/

Articolo correlato: Io Non Ci Credo