Archivi tag: passato

Zeta Reticuli Guarire il passato per cambiare il futuro della terra

Zeta Eeticuli

 Zeta Reticuli -Trasformazione e Risveglio” 

“Cercano la profondità dell’anima, cercano la comunione.” – Whitley Strieber

Gli inizi della civiltà Zeta Reticuli possono essere fatti risalire durante il periodo dell’Inception del pianeta Apex,avvenuto nel sistema Lirano da parte dei Fondatori. Il loro è stato uno sviluppo unico e toccante, che ha avuto una rilevanza significativa per l’evoluzione del pianeta Terra.

Il pianeta Apex lasciò che la polarità, espressa attraverso un’estrema individualità, facesse a pezzi i suoi abitanti. La loro evoluzione tecnologica avvenne rapidamente, superando lo sviluppo spirituale che impediva loro di coesistere pacificamente nel mondo. Questo squilibrio di energia causò la distruzione virtuale del pianeta Apex. Dal punto di vista di un osservatore dello spazio, il mondo Apex venne annullato. Dal punto di vista degli abitanti di Apex, si verificò una storia diversa.

Il pianeta Apex divenne estremamente tossico. L’inquinamento e le radiazioni ad alto livello resero inabitabile la superficie del pianeta.

Gli Apexiani sopravvissuti alla catastrofe si isolarono sottoterra.1 Divenne imperativo che all’interno di questa nuova società sotterranea avvenisse subito l’integrazione, per timore che si ricreasse il ciclo di distruzione. Riconoscendo la sua importanza, decisero di forzare l’integrazione (fusione) attraverso una ristrutturazione totale della loro realtà.

1 – Questo isolamento sotterraneo ha prodotto varie fazioni di Apexiani. Quello esplorato nel presente capitolo è la razza più benevola. Quelle che erano più orientate negativamente (e che hanno aiutato a creare il caos sul pianeta Apex) alla fine lasciarono il pianeta dopo migliaia di anni e si stabilirono nelle aree di Sirio e Orione, in particolare a Betelgeuse. Gli esseri negativi che hanno interagito con la Terra sono stati etichettati come i Siriani e i Grigi negativi; hanno le loro motivazioni per le interazioni con la Terra.

Mentre il pianeta Apex si avvicinava alla sua distruzione, la mentalità e l’intelletto erano così sviluppati che la cosa divenne evidente nelle forme fisiche degli Apexiani. I crani erano notevolmente aumentati di dimensione nel corso di pochissime generazioni. Il parto naturale ebbe sempre meno successo perché i crani non passavano tanto facilmente dal canale uterino.

Le femmine non riuscirono semplicemente ad adattarsi alla rapidità della crescita cranica. Anticipando quella che avrebbe potuto diventare una crisi della specie, gli ingegneri genetici iniziarono a studiare tecniche di clonazione che avrebbero potuto eventualmente sostituire il processo di nascita. Per gli Apexiani questa mossa salvò la loro specie, poiché dopo che la superficie del pianeta divenne inabitabile, gli Apexiani si ritrovarono sterili.

Quando si resero conto di essere sterili, gli Apexiani decisero di usare la cosa a loro vantaggio. Non volevano più il tipo di civiltà che avevano un tempo; volevano

ricominciare daccapo. Così decisero di controllare scrupolosamente la genetica della loro futura società. Gli ingegneri genetici iniziarono a lavorare sullo sviluppo della nuova razza. Questa razza (così credevano) doveva essere l’aspetto integrato del loro passato.

La prima priorità fu quella di alterare geneticamente le strutture cerebrali per influenzare l’espressione emotiva. Evitarono le passate espressioni di passione e caos; ora volevano ordine. I loro cervelli vennero quindi alterati per produrre una risposta chimica coerente agli stimoli esterni. Raggiunsero il distacco dalla loro struttura egoica.

Attraverso generazioni di manipolazioni neurochimiche, gli Apexiani divennero una mente di gruppo. Le espressioni individualistiche di cui un tempo furono molto fieri, erano ora sparite.

La combinazione delle radiazioni planetarie con gli effetti della loro clonazione, iniziò a produrre una razza con poca varianza fisica da una persona all’altra. Al fine di utilizzare l’ambiente sotterraneo del pianeta in modo più efficiente, i loro corpi furono creati più piccoli di statura. In adattamento all’assenza di luce ultravioletta e luce solare naturale, i loro occhi cominciarono a rispondere a frequenze differenti dello spettro visivo.

Le pupille mutarono fino a coprire l’occhio intero e gli occhi si ingrandirono per fare in modo che la luce sia raccolta in più spazio.

In risposta alla mancanza di cibo fresco, per nutrirsi i loro corpi si adattarono all’assorbimento di certe frequenze di luce. La loro pelle divenne foto termica, fotovoltaica e sensibile alle fonti di luce nelle caverne sotterranee. Le piante recuperate e i minerali luminiferi sotterranei, li aiutarono nel loro nutrimento. Molti dei loro organi, tipo quelli del sistema digestivo e riproduttivo, cominciarono così ad atrofizzarsi.

La trasformazione subita toccò ogni aspetto del loro essere. Fu la nascita di una nuova civiltà.

La forza e la vibrazione delle precedenti esplosioni atomiche degli Apexiani, alla fine piegarono lo spazio attorno al pianeta Apex, per cui emersero “dall’altra parte” della porta dimensionale. Durante l’isolamento sotterraneo, che durò migliaia di anni, gli Apexiani non avevano idea che il loro pianeta avesse cambiato posizione nello spazio tempo.

Fu solo in seguito a quando emersero dalle generazioni di superficie del pianeta, che scoprirono che il campo stellare si era spostato drammaticamente. Fu allora che conobbero l’estensione delle loro azioni. Il pianeta Apex aveva spostato la sua posizione (rispetto al tempo e allo spazio) nel cosmo. Ora esisteva “leggermente” fuori dimensione rispetto ai mondi cui erano abituati. Per capire cosa fosse successo e usare la conoscenza a loro vantaggio, iniziarono a padroneggiare la scienza della curvatura del tempo e dello spazio.

Il giorno in cui finalmente emersero sulla superficie del pianeta, erano diventati una nuova specie. Proprio come la fenice che rinasce dalle ceneri, erano riusciti a produrre una trasformazione dalla distruzione. Non erano più Apexiani. Ora assunsero una nuova identità, quella del Popolo Unico che Riflette il Tutto.

Dal punto di vista della Terra, questo Popolo Unico ora cosi possono chiamare Zeta Reticuli.1 Il loro pianeta, attraverso lo spostamento di dimensione, si è inserito nelle vicinanze di Zeta Reticuli 1 e Zeta Reticuli 2 nel gruppo stellare Reticulum Rhomboidalis. 3

1 – Come affermato nella nota 27, c’erano molte fazioni di Apexiani che si rifugiarono sottoterra. Mentre erano lì, diverse fazioni si svilupparono nelle razze benigne di Zeta Reticuli. Queste entità benigne sono quelle trattate nel Capitolo 9. La fazione discussa nella nota 27 può essere considerata la Zeta Reticuli negativa, che dopo il passaggio nel sistema stellare Reticulum, lasciò il pianeta Apex originale e colonizzò un altro pianeta nel sistema di Zeta Reticuli. Nell’aspetto sono quasi identici; possono essere differenziati solo dalla loro vibrazione o comportamento, che è intrinsecamente negativo per natura. Può essere che quando si vedono versioni contraddittorie di Zeta Reticuli, gli umani interagiscano effettivamente con loro da diversi punti evolutivi nella loro linea temporale storica, anche se provengono tutti dal futuro della Terra. Le manifestazioni più negative potrebbero essere il loro passato, mentre alcune delle interazioni più innocue potrebbero verificarsi da un successivo stato evoluto. Quando arrivarono dagli umani nel presente, si presume che provenissero da un singolo punto nel tempo. Se effettivamente stessero venendo sulla Terra da vari punti del loro sviluppo, si spiegherebbe l’ampia gamma di esperienze documentate di abduzione condotte dagli stessi esseri.

2 – Il Webster Dictionary definisce la parola “reticolare” con “tipo una rete, complicato”. Alcuni potrebbero sicuramente attestare che la psiche degli esseri di Zeta Reticuli è davvero complicata!

3 – Uno dei casi più famosi di abduzioni UFO che supporta l’origine di questi esseri, è il caso di Betty e Barney Hill. Nel 1961, durante il suo rapimento, a Betty Hill fu mostrata la mappa di un gruppo di stelle. Anni dopo disegnò questa mappa mentre era sotto ipnosi. A quel tempo, non c’era alcun riferimento a questo gruppo stellare sulle carte conosciute. Da allora si scoprì che il disegno di Betty corrispondeva a un gruppo di stelle appena scoperto nell’emisfero australe della Terra. Il gruppo di stelle ReticulumRhomboidalis (la Rete Romboidale) ospita il gruppo di stelle ora etichettato come Zeta Reticuli 1 e 2.

Da quella base iniziarono a ristabilire le loro connessioni con i Fondatori della Vita. Continuano ancora fino ad oggi a realizzare i desideri dei Fondatori riguardo all’evoluzione galattica. Quello che hanno appena cominciato a capire è che stanno portando avanti la loro stessa evoluzione.

Oggi, gli Zeta Reticuli hanno bisogno di trovare un modo per rafforzare la loro linea genetica, al fine di creare un futuro per la loro razza. Dopo generazioni di clonazioni, eseguite usando lo stesso materiale genetico, sono diventati fortemente ibridi e stagnanti nella loro crescita evolutiva.

La loro razza sta morendo, ma la loro anima sovrannaturale continua a incarnarsi nella fisicità. Si stanno deliberatamente sottraendo al passaggio verso la quinta densità, per lasciare indietro un loro seme che possa continuare a riprodursi geneticamente. Ciò aiuterà l’intera galassia nella propria evoluzione.

Rendendosi conto della loro situazione, chiamarono i Fondatori.

I Fondatori introdussero i Reticuli su un pianeta diverso, che possedeva un pool genetico proveniente da molte specie umane fin dal principio delle razze Lirane. Invece di continuare ad andare di civiltà in civiltà, per raccogliere materiale genetico, ora potevano averlo tutto in un solo posto. Quel pianeta era la Terra.

I Reticuli furono principalmente attratti dalla Terra negli anni ’40, quando il pianeta iniziò a possedere la tecnologia per autodistruggersi. Sono abbastanza consapevoli che il loro passato rappresenta la possibilità futura della Terra. A causa della loro capacità di viaggiare nel tempo, avrebbero potuto raccogliere il materiale genetico da qualsiasi periodo nel passato della Terra.

Tuttavia, avevano bisogno del materiale genetico di un periodo specifico della nostra storia sulla Terra, quando la civiltà si trovò sull’orlo della distruzione e della trasformazione. Questo li avrebbe potuti aiutare nel loro processo d’integrazione. In un certo senso, è il loro modo per cambiare il loro passato. Interagendo con la Terra di oggi, guariscono il loro passato e cambiano il loro futuro.

Portano avanti questo programma genetico ancora oggi sulla Terra. Poiché questo pianeta non ha ancora compreso o abbracciato l’idea della scelta dell’anima, la maggior parte degli individui che partecipano a questo programma genetico si considerano delle vittime. Ci sono migliaia di storie di addotti terrorizzati, che sono tormentati da esperienze ricorrenti di extraterrestri che li strappano dai loro letti caldi. 4

4 – Sebbene la maggior parte dei rapimenti siano effettuati dagli Zeta Reticuli, ci sono alcuni incidenti isolati di altri gruppi che utilizzano lo scenario delle abduction per i loro scopi. Ad esempio, i Siriani orientati negativamente, gli Orioniani e quelli chiamati “Grigi”, usano molto spesso dei metodi di terrore. È essenziale che gli umani imparino a differenziare il contatto benigno di Zeta Reticuli dalle interazioni più malevole. [OCR editor: gli zeta benigni sono delle memorie distorte impiantate dal governo e dagli esseri rettiliani, dalle mantidi e dai nordici per coprire i veri abusi che si verificano con il fenomeno delle abduction. Questo libro è pieno di razionalizzazioni e disinvolte disinformazioni. Fate le vostre debite ricerche prima di credere a tutto quello che c’è scritto.]

Le esperienze di terrore si verificano perché l’umanità non è ancora disposta ad affrontare la propria ombra che si riflette nello specchio rappresentato dai Reticuli.

I Reticuli cercano principalmente delle specifiche caratteristiche umane che furono impiantate dalla loro razza eoni fa. Una di queste caratteristiche è la variabilità della reazione agli stimoli esterni. Per riapprendere questo, devono campionare e studiare le reazioni neurochimiche umane a una miriade di stimoli.

 Il loro metodo più comune di studiare queste secrezioni neurochimiche, è impiantando una sonda organica. Queste sonde vengono inserite nella testa dell’addotto attraverso il naso, gli occhi o le cavità dell’orecchio. Queste sonde assorbono e catalogano i dati neuro chimici e vengono rimosse periodicamente per lo studio e quindi reinserite. Se un individuo muore, la sonda organica può essere assorbita naturalmente dal corpo.

Non solo stanno cercando informazioni biologiche negli umani, ma stanno anche cercando l’apprendimento emotivo. Sono passati eoni da quando furono genitori di bambini. L’abilità del nutrimento umano, per loro è affascinante. Quando cominceranno a modificare le loro strutture neurochimiche, saranno di nuovo in grado di rispondere maternamente alla loro progenie.

Questo è uno dei motivi principali per cui le donne vengono rapite e chiedono di tenere i bambini ibridi. Queste femmine umane stanno aiutando a risvegliare l’istinto materno e procreativo degli Zeta Reticuli.

L’umanità non li sta solo aiutando -loro stanno anche giocando un ruolo vitale per la Terra. I Fondatori sono ben consapevoli che l’umanità della Terra dovrà integrarsi su più livelli altrimenti lo scenario del conflitto continuerà. I Reticuli riflettono sulla razza umana una delle idee più fondamentali che ha sempre negato: l’unità. Gli umani riflettono sui Reticuli la loro individualità, che li terrorizza.

Se il divario creato dalle paure dell’umanità potesse essere colmato, la trasformazione avverrebbe più intensamente e profondamente.

I Reticuli stanno attualmente acquisendo materiale genetico dai volontari che, a livello di anima, hanno accettato di far parte del risveglio della Terra e della nascita di una nuova civiltà. In questa fase del gioco, la paura degli addotti è ancora necessaria. Sulla Terra la paura è l’ostacolo principale alla crescita. Se l’umanità riuscisse a superare la paura, raggiungerebbe molti obiettivi che attualmente sembrano fuori portata.

Verrà fatto attraverso la consapevolezza, non attraverso la convalida del vittimismo. I Reticuli devono anche affrontare la loro paura (che ancora negano) e superarla. Senza quella paura, la crescita sarebbe minima. A volte le più grandi barriere producono i più grandi traguardi.

Uno di questi traguardi è la creazione di una nuova razza ibrida che possegga le qualità integrate degli Zeta Reticuli e degli umani della Terra.

Saranno unificati e diversi. Saranno ricchi di umorismo e fluidi con le loro emozioni. Saranno soprattutto gli araldi incondizionatamente amorevoli che ci ricondurranno alla Fonte del Tutto.

Fonte dal pdf: https://www.bibliotecapleyades.net/

®wld

Il Tempo nel tempo tra passato – presente – futuro

Viaggi del tempo dai testi antichi alla scienza moderna 

by Ivan Petricevic 25 September 2017from Ancient-Code Website Spanish version

Numerosi testi antichi indicano come viaggiare nel tempo era realizzabile migliaia di anni fa.

La prova di questo può essere trovata in numerosi manoscritti e testi antichi tra cui la Bibbia, e la prova che gli scienziati sono ancora interessati al viaggio nel tempo sono documentati da innumerevoli studi e scritti negli ultimi anni.

Nell’antico testo indiano del Mahabharata, scritto durante l’ottavo secolo a.C., il re Raivata è descritto come viaggiatore verso il cielo per incontrare il dio creatore Brahma, solo poi per tornare sulla Terra centinaia di anni dopo nel futuro.

I viaggi del tempo e macchine potenti che potrebbero aiutare una persona a viaggiare sono state da decenni uno dei grandi temi ricorrenti della fantascienza negli innumerevoli film da decenni.

Ma c’è una ragione per questo. La possibilità di viaggiare nel tempo ha affascinato l’umanità per innumerevoli secoli.

Mentre molti potrebbero pensare che sia assurdo credere di viaggiare nel tempo, alcuni degli scienziati più brillanti del mondo hanno indagato se l’umanità possa davvero viaggiare attraverso il tempo nel prossimo futuro.

Albert Einstein ha concluso che il passato, presente e futuro esistono contemporaneamente.

Ora, con la giusta tecnologia, come un veicolo spaziale molto veloce – il genere che dobbiamo ancora inventare sulla Terra – una persona che viaggia nello spazio potrebbe sperimentare tecnicamente diversi giorni mentre un altro avrebbe sperimentato contemporaneamente solo poche ore o minuti.

Tuttavia, la saggezza e le convinzioni di Einstein hanno avuto scarso impatto sulla cosmologia o sulla scienza in generale quando si tratta di viaggiare nel tempo.

Se fosse veramente possibile viaggiare nel tempo, non possiamo quasi intravedere ciò che potrebbe significare per l’umanità e, soprattutto, per coloro che hanno avuto il potere di viaggiare nel tempo e il potere di scrivere la storia come vogliono.

E se questo può sembrare interessante, non conosciamo le conseguenze di alterare gli eventi passati e come potrebbero influenzare il futuro, se naturalmente abbiamo effettivamente i mezzi per farlo.

Se si guarda alla storia e ai diversi testi antichi possiamo trovare una serie di riferimenti di viaggi nel tempo catalogati da diverse culture in tutto il mondo.

Nella mitologia indù, c’è una storia su Re Raivata Kakudmi che viaggia per incontrare il creatore Brahma. Anche se questo viaggio non durò a lungo, quando Kakudmi tornò sulla terra, 108 yugas erano passati.

Ogni yuga rappresenta circa 4 milioni di anni circa …(corsivo mio “yuga“)

La spiegazione che Brahma ha dato a Kakudmi è che il tempo passa diversamente sui diversi piani dell’esistenza.

Inoltre, abbiamo riferimenti del Time Travel nel Corano. La storia si riferisce a un gruppo di individui che nel 250 d.C. minacciati dalla persecuzione si ritirarono sotto la guida di Dio, in una grotta dove Dio li fece dormire. Si sono svegliati 309 anni dopo.

Questa storia coincide con la storia cristiana dei sette dormienti, con poche differenze.

Ulteriori testimonianze si possono trovare nella Bibbia, secondo Erick von Daniken:

Nella Bibbia, il profeta Geremia era seduto insieme ad alcuni suoi amici e c’era un ragazzo. Il suo nome era Abimelec, e Geremia disse ad Abimelech:

  • “Esci da Gerusalemme, c’è una collina e raccogli alcuni fichi per noi”.

Il ragazzo uscì e raccolse i fichi freschi.

All’improvviso, Abimelech sente qualche rumore e vento nell’aria, e diventa incosciente, ha avuto un blackout. Dopo un po’ di tempo, si sveglia di nuovo e vide che era quasi sera.

Così, quando fece ritorno si accorse che la città era piena di strani soldati.

E disse,

  • “Cosa sta succedendo qui? Dove sono Geremia e tutti gli altri?”

E un vecchio gli rispose:

  • “Erano qui 62 anni fa.”

È una storia di un viaggio temporale scritta nella Bibbia.

Un’altra storia proviene dalla leggenda giapponese di Urashima Taro.

Si dice che un uomo ha visitato il palazzo sottomarino del Drago Dio Ryujin. Rimase lì per tre giorni, ma quando tornò in superficie 300 anni erano passati.

Nel testo buddista Pali Canon è scritto che nel cielo dei trenta Deva (il luogo degli Dei) il tempo passa ad un ritmo diverso, dove cento anni della terra si contano come un solo giorno

Tuttavia, nei tempi moderni, uno dei conti più famosi del viaggio nel tempo è l’infame Philadelphia Experiment che si suppone avvenisse nel 1943.

L’obiettivo principale dei progetti era quello di nascondere una nave della Marina e renderla invisibile ai radar nemici

Tuttavia, si dice che l’esperimento ha avuto un esito negativo: non solo la nave è completamente scomparsa, è stata teleportata a Norfolk. Quando la nave apparve, alcuni membri dell’equipaggio erano fisicamente attaccati alla carena delle navi, altri svilupparono disturbi mentali, alcuni scomparsi completamente e altri avevano riferito di aver viaggiato verso il futuro.

Presumibilmente, Nikola Tesla è stato coinvolto nell’esperimento, eseguendo tutti i calcoli necessari e sviluppando i vari disegni, oltre a fornire i necessari generatori.

Nel 1960, un’altra interessante relazione sul viaggio di tempo è stata presentata da Pellegrino Ernetti, che ha affermato di aver sviluppato una macchina che gli permetteva di vedere il passato:

il Chronovisor.

Doveva sviluppare questa macchina che potesse rilevare, espandere e trasformare l’energia in un’immagine:

qualcosa come un televisore che mostrava quello che è successo nel passato.

Il fisico e il professor Ronald Lawrence Mallett dell’Università di Connecticut stanno lavorando al concetto di viaggiare nel tempo, sulla base della teoria della relatività di Einstein ed è assolutamente convinto che l’umanità possa in realtà viaggiare nel tempo.

Secondo Mallett, entro questo secolo, gli esseri umani avranno la capacità di viaggiare nel tempo.

Il fisico di particelle Brian Cox concorda che il viaggio temporale è possibile, ma solo in una sola direzione.

Non possiamo parlare di viaggi del tempo nei tempi moderni senza menzionare l’affascinante storia di un uomo chiamato Al Bielek che afferma di aver viaggiato nel tempo, in particolare nel futuro, fino all’anno 2749.

Ma sono le storie sopra riportate una raccolta di racconti fantasiosi?

O c’è una lieve possibilità che qualcosa di simile possa essere avvenuta in passato?

È interessante notare che uno studio pubblicato di recente afferma che un viaggio in tempi minimi è veramente possibile.

Pubblicato nella rivista IOPscience Journal Gravity Classica e Quantistica, lo studio (Domini retrogradabili di Acausal Traversable in Spacetime) afferma che lo spazio NON deve essere diviso in tre dimensioni – dove il tempo è separato.

Benjamin K. Tippett dice invece che quattro dimensioni devono essere immaginate contemporaneamente come un continuum spazio-temporale in cui sono collegate le diverse direzioni:

Viaggio nel tempo…

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

 Linee di realtà

di Ruben Torres
27 aprile 2015
del sito web LaCosechaDeAlmas

Abbiamo un concetto lineare del tempo:

  • passato, presente e futuro.

La fisica quantistica espone che i tempi passati coesistono con il tempo presente, quindi la linearità non esiste e il tempo come lo percepiamo.

In realtà il tempo viene letto da noi come un ago che legge le scanalature di un disco vinile.

Sarebbero l’ago e il tempo esisterebbe solo quando abbiamo attraversato quella scanalatura che crea a sua volta il contenuto che leggiamo in essa.

In realtà moi saremo il tutto, l’ago e il disco, ma senza complicarlo troppo, continueremo con questo esempio.

Mentre progrediamo a leggere quella linea (scanalatura) del tempo, ci vengono costantemente mostrate alternative per scegliere tra passare attraverso la riga corrente o la linea e/o saltare ad un’altra linea parallela.

Con ogni decisione facciamo piccoli salti nella nostra linea temporale, lo facciamo ogni giorno e queste piccole scanalature finiscono per aggiungere le scelte di ognuno di noi, in un calcolo globale.

Queste piccole decisioni, forse irrilevanti, portano finalmente a scanalature più ampie che spaziano nelle linee temporali generali che riguardano tutti noi che abitano il pianeta.

Scanalature come la guerra o la pace, per esempio, ci fanno passare tra una linea temporale ad un’altra, scegliendo un futuro o un altro.

Siamo coloro che manipolano il tempo e cosa succederà sarà una irrimediabile conseguenza della nostra scelta, ogni piccola decisione si aggiunge in modo che il corso del pianeta salti tra una o l’altra.

Le possibilità sono estese, ma quando scegliamo di andare avanti, le linee temporali vengono create o distrutte, nessuna è alterata, esiste semplicemente o non esiste, secondo la nostra scelta.

Creiamo la possibilità e una volta materializzata è questa realtà che esiste, finché l’osservatore (creatore) non vede a ciò che accade al suo lavoro e ciò non accade, è solo in suspense, in quella nuvola di possibilità.

L’ago salta sul disco vinile, salta tra diversi solchi e legge diversi avvenimenti, secondo le loro scelte passate, gli eventi e le azioni sono sviluppate in modo che alla fine siamo tutti esposti a prendere una cosciente decisione, anche se la coscienza della decisione non è integrata in noi.

Una scelta porta ad un’altra e così via …

Possiamo sempre scegliere, ma la nostra tendenza ad essere gestita inconsciamente ci farà scegliere secondo la tendenza e non secondo la coscienza, provocando avvenimenti che non si adattano mai al meglio per noi, ma sostengono l’ideale degli altri.

Fondamentalmente per questo soggetto è facile da capire, tutto quello che facciamo sarà decisivo per il futuro di tutti.

Siamo tutti uniti e le decisioni inconsce portano i loro frutti, futuri errori e fallimenti. La catastrofe viaggia con noi tenendoci le mani finché continuiamo a vivere inconsapevolmente.

Continuare a aspettare altri per risolvere il futuro implica che la linea temporale che sceglieremo sarà quella che gli altri scelgono per te e, è quasi certamente la decisione peggiore che si possa fare.

Con in mente l’azione passiva o egoista, la nostra performance sarà inevitabilmente peggiore.

Se pensiamo solo al meglio per noi o al meglio per il sistema, la linea temporale scelta sarà quella che porta ad un risultato negativo.

Non è questione di uscire e bruciare il parlamento, congresso, né di votare per il candidato giusto, ma far uscire dalla nostra mente tutto ciò che pensi ti rende diverso o superiore agli altri:

  • la tua classe
  • il tuo stato
  • i tuoi titoli
  • il tuo denaro
  • il tuo colore della pelle
  • i tuoi beni

Tutto ciò che è di circostanza e non definisce l’essere che tu sei, siamo più di quello che sembriamo, l’avvolgimento è diverso, ma all’interno degli stessi flussi di energia.

Creare un mondo migliore significa credere che possiamo crearlo, credere in noi stessi, partecipare attivamente alla nostra fede e mantenerla come l’unica credenza valida.

Le linee temporali saranno trasformate e salteremo a quella più adatta per noi, senza induzione esterna, né provocazione mediatica, senza paura.

Linee di realtà nella scelta costante, tempi di cambiamento nelle linee di cambiamento, creare il proprio pensiero, creare la propria creazione, ora e da ora in poi…

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da