Crea sito

Articolo 11 della costituzione italiana

 

FARE DEL 2019 UN ANNO MIGLIORE – COME?

Primo: conoscere e verificare. Secondo: allargare la consapevolezza. Terzo: attivarsi e costruire una strategia. Quarto: condividere il proprio piano con un gruppo di persone fidate. Quinto: generare empowerment e non collaborare con il potere quando mette in atto azioni ingiuste. 

Le linee guida sono chiare: nel 2019 non delegare, agisci in prima persona. Esercita la cittadinanza attiva dal basso.

Promuovere: 

conoscenza 

consapevolezza 

partecipazione 

cittadinanza attiva 

empowerment

azioni di cambiamento, anche attraverso il consumo critico

Ispirato da https://www.peacelink.it/editoriale/a/46005.html

COMUNICAZIONE DEL COORDINATORE DEL GRUPPO NO NATO

Cari tutti,

non so esprimere sinceramente lo stato d’animo con cui mi appresto a formulare a tutti voi i soliti auguri di buon anno nuovo; una cosa è certa: le cose non sono migliorate nel corrente anno; molti fatti si sono succeduti ma quello che per noi è il pericolo centrale, prioritario rispetto a tutti gli altri in quanto portatore di distruzioni inimmaginabili, è il rischio, sempre più prossimo e sempre più tenacemente da qualcuno volutamente ricercato, di un conflitto nucleare.

Nonostante la storica risoluzione dell’Onu del luglio 2018 la Nato ha continuato a rafforzare la sua presenza ostile e aggressiva e nucleare in territorio europeo in funzione dichiarata antirussa, che combinata con le sanzioni economiche imposte illegittimamente ed illegalmente dagli Stati Uniti tramite la stessa Nato appaiono anche al più sprovveduto degli esseri come una evidente dichiarazione di guerra.

Per una questione di controllo mondiale che gli Stati Uniti si sono arrogati all’indomani della fine della seconda guerra mondiale, forti del possesso e della dimostrata capacità di utilizzo delle armi atomiche (esclusivamente contro civili inermi), il mondo intero rischia l’olocausto e l’Europa è  nuovamente al centro, anzi è divenuta la prima linea di difesa degli interessi americani. Come voi sapete questo costa al mondo migliaia di € l’anno in armamenti, esercitazioni e veri e propri conflitti locali con decine di milioni di sfollati. Tutto ciò non garantisce in alcun modo la sicurezza individuale e collettiva (il terrorismo non lo si combatte con le armi nucleari) mentre prepara sistematicamente bilanci di genocidio di popoli interi. E’ recente la informazione per cui in una esercitazione in previsione di un attacco nemico (leggi russo) si poteva prevedere come misura di contenimento il bombardamento nucleare di UDINE!!

Il tutto sarebbe scaturito dall’evidente aggressività russa che ha inglobato manu militari la Crimea. Voi sapete meglio di me la verità storica (Crimea russa da sempre e ceduta dall’URSS alla Ucraina, uno  degli stati componenti, allora, della stessa URSS) conoscete gli avvenimenti: il referendum organizzato e realizzato per far esprimere i diretti interessati (molto diversamente la democraticissima europa ha rispettato un analogo legittimissimo referendum fatto in Grecia, o in Italia si sono rispettati referendum popolari sulla Costituzione e sulla difesa della gestione pubblica dell’acqua). La Russia, la cui legittimità democratica non è nostro compito giudicare, spende in armamenti un decimo degli Stati Uniti, anche perché non se lo può permettere e perché ha portato avanti sempre una politica difensiva e non aggressiva. Credo basti ricordare cosa abbiamo rischiato nel mondo per il tentativo di installare a Cuba dei missili sovietici paragonabili a quelli americani presenti in Turchia e neppure lontanamente paragonabili a ciò che sta facendo la Nato in Europa ai confini diretti della Russia, non in una piccolissima isola, ma in tutti gli stati confinanti . Questo in disprezzo dell’accordo che era stato sottoscritto tra Reagan e Gorbaciov per cui si chiudeva il Patto di Varsavia e si lasciavano uscire dall’Urss gli stati che lo avessero deciso (Ucraina, Baltici, Moldavia, Georgia, Armenia etc) purché la  Nato rinunciasse ad estendere la sua attività. Dichiarazioni riportate da esponenti di primo piano delle amministrazioni USA come Johnstone e Craig Roberts.

La nostra azione è quasi insignificante rispetto alla potenza di fuoco militare ed economica messe in campo dalla Nato, ma è l’unica possibilità di salvezza, non di giustizia, di uguaglianza e fraternità tra i popoli ma di semplice, concreta e feroce sopravvivenza:

FUORI L’ITALIA DALLA NATO!

FUORI LA NATO DALL’EUROPA!

OGGI INTANTO SIAMO DIVENTATI 35.000!

Per il 2019 ci accontenteremmo 1) di restituire agli Stati Uniti gli ordigni nucleari presenti attualmente e progettati per il futuro nel nostro paese (ci muoviamo perché ciò accada in tutta Europa) 2) di portare l’Italia fuori da ogni alleanza militare, di ritirare tutti i contingenti operanti all’estero in qualsiasi veste presentati 3) di convertire parte significativa delle crescenti spese militari in investimenti sociali (Sanità, pensioni, lavoro ) 4) di fare del nostro paese un protagonista mondiale di cooperazione tra i popoli non tra le multinazionali.

E’ QUESTO L’AUGURIO CHE VOGLIO FARVI COME ATTUALE RAPPRESENTANTE DEL COMITATO NO GUERRA NO NATO.

E’ QUESTO L’IMPEGNO CUI SIAMO CHIAMATI …

Portare l’Italia fuori dal sistema di guerra

Attuare l’articolo 11 della Costituzione

Giuseppe Padovani

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

Articolo 11 della costituzione italiana:

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.”

®wld

Settant’anni dopo il loro documento basato sui diritti

 

Le Nazioni Unite vogliono essere il nostro governo mondiale entro il 2030 

di E. Jeffrey Ludwig  27 ottobre 2018  dal sito Web di AmericanThinker 

L’ONU è il pilota solista per lo sviluppo sostenibile planetario, alias Technocracy. Essendo un sistema economico totalmente gestito dalla scienza e dall’ingegneria, sarà una dittatura scientifica e questa sarà la governance. Il governo come lo conosciamo non sarà necessario.  

fonte  

Negli anni ’60, studente universitario informato ma ingenuo, stavo attraversando il campus dell’Università della Pennsylvania con il Presidente del Dipartimento di Chimica, Prof. Charles C. Price

Mi disse che era presidente dei Federalisti del Mondo Unito e mi chiese se sapessi cosa fosse quell’organizzazione.  

Quando ho detto che non l’ho fatto, ha risposto che credevano in un governo mondiale che sarebbe cresciuto dalle Nazioni Unite. Ero senza parole perché non avevo mai sentito nessuno suggerire quell’idea prima. 

Per me, le Nazioni Unite (ONU) erano un’organizzazione “benevola” impegnata a fare pressioni sulla comunità mondiale in direzione della pace, e a gestire “programmi di beneficenza” per aiutare le popolazioni in difficoltà e impoverite del mondo. 

Ho immaginato l’ONU come una sorta di United Way su scala mondiale. 

Come emergerebbe la visione di un nuovo governo mondiale da parte di Prof. Price? 

Sebbene nel suo documento di fondazione esistesse un filo socialista, le Nazioni Unite si sono formate sulla base di una visione dei diritti umani presentata nella “Dichiarazione universale dei diritti umani” ( UDHR ) che poneva il concetto di diritti in prima linea per il progresso della corpo del mondo. 

E i diritti sono il cardine per elevare la libertà umana e la dignità dell’individuo. Il documento dell’UDHR ha seguito molti documenti straordinari che hanno presentato i diritti come il concetto centrale del mondo post-feudale:

  • la Dichiarazione inglese (o Bill) dei diritti del 1689 
  • la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti con la sua importante e forte affermazione di diritti naturali inalienabili 
  • la potente Carta dei diritti degli Stati Uniti emanata nel 1791 
  • la Dichiarazione francese dei diritti dell’uomo e dei cittadini (1789) 

La parola “diritti” appare in quasi tutte le frasi del documento delle Nazioni Unite del 1869. 

Il documento è letteralmente ossessionato dai diritti, e bisogna presumere che siano ugualmente ossessionati dai successi dei diritti manifestati nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Francia. 

Tuttavia, ci sono alcune deviazioni dall’uso dei diritti che tutti conosciamo. 

Nell’articolo 3, invece dei diritti inalienabili di “vita, libertà e ricerca della felicità” contenuti nella nostra Dichiarazione di indipendenza, l’ONU dichiara il diritto di tutti, 

“vita, libertà e sicurezza della persona”. 

Stanno insinuando che la sicurezza porterà felicità? O stanno insinuando che la felicità è un valore troppo effimero e troppo occidentale? 

Forse più mondani obiettivi di sopravvivenza sono necessari per la maggior parte del mondo. 

Vediamo una ripresa di articoli dal nostro Bill of Rights come, 

  • condanna per punizione crudele e inusuale (articolo 5) 
  • procedura dovuta (articoli 6,7,8,9, 10, 11, 14, 17) 
  • ricerca illegale e sequestro (articolo 12) 
  • libertà di parola e riunione (articoli 19,20) 

Ma sono stati introdotti nuovi diritti che, già nel 1945, indicavano la strada verso l’intervento delle Nazioni Unite nella vita quotidiana delle persone in tutto il mondo. 

In tutto il documento, affermano, 

il diritto al cibo, all’abbigliamento, alle cure mediche, ai servizi sociali, ai sussidi di disoccupazione e invalidità, all’infanzia e all’istruzione gratuita, oltre al diritto al “pieno sviluppo della personalità” (immagina, l’ONU dice che ho il diritto di essere me) e il “diritto di partecipare liberamente alla vita culturale della comunità … e di godere delle arti” (ognuno di noi ha il diritto di godersi un dipinto o un film). 

Tuttavia, non dichiarano il diritto di apparire sul “Tonight Show” o “Saturday Night Live”, quindi c’erano dei limiti alla loro generosità. 

Nel 2015, a settant’anni dal loro originale documento basato sui diritti, le Nazioni Unite fecero un passo da gigante verso il governo globale che fu solo accennato nel loro primo documento di organizzazione. 

Hanno pubblicato un documento intitolato “Trasformare il nostro mondo – L’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile“. 

Questo documento ha 91 sezioni numerate del programma delle Nazioni Unite per il governo mondiale. L’UDHR viene fatto riferimento una volta sola nell’intero documento dell’articolo 19. Diversamente dal “documento madre” originale che era inferiore a 1900 parole, questo documento è di 14.883 parole. 

I 91 punti affrontano le questioni sotto i cinque titoli di, 

  1. Persone 
  2. Pianeta 
  3. Prosperità 
  4. Pace 
  5. Associazione 

Inoltre, il documento fornisce 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) per “migliorare” la vita sul pianeta. 

Cosa si intende con il termine “sostenibile?” 

La definizione più citata viene dalla Commissione mondiale per l’ambiente e lo sviluppo delle Nazioni Unite: 

“lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni”. 

Le prime idee e ideali di diritti, libertà, uguaglianza e giustizia sono riassunti in base ai bisogni e ad un esplicito ambientalismo che sottolinea l’impossibilità di esaurire le scarse risorse planetarie. 

Naturalmente, il decollo è l’assioma marxista che la società dovrebbe essere organizzata attorno all’idea di

“da ciascuno secondo la sua capacità a ciascuno secondo i suoi bisogni”. 

Quindi, il marxismo è implicito nella sostenibilità, ma è sfumato dalla sua alleanza con aggiustamenti apparentemente scientifici e obiettivi legati all’ambientalismo. 

Un gergo tecnico è saldato all’intenzionalità marxista per produrre un senso di adattamento e progresso moderno. 

L’intero documento “Trasforma il nostro mondo” è proiettato in un flusso di coscienza di pia banalità per un futuro utopico. È un sogno utopistico fuori misura. Cinque dei 17 articoli riguardano l’ambiente. 

Ci sono obiettivi per le città, per le donne, per i poveri e anche per la vita sott’acqua. Assolutamente nessuna sfera dell’attività umana è esente dal controllo dell’ONU. La parola chiave ovviamente non è più “diritti” ad eccezione del riferimento obliquo di cui all’articolo 19. 

In effetti, questo scrittore non ha visto la parola diritti nemmeno una volta in questo documento, anche se quella parola è apparsa praticamente in ogni frase del documento originale delle Nazioni Unite. 

Gli one-worlders degli anni ’50 e dei primi anni ’60 sono ora al posto di guida dell’ONU e hanno fatto la loro mossa. 

La sovrapposizione dei discorsi marxisti su “soddisfare i bisogni” è passata al centro della scena. L’ONU si è assegnata un periodo di tempo per andare avanti nel suo piano per l’egemonia planetaria. 

Questa trasformazione proiettata specificando (ma senza dettagli) un nuovo ordine mondiale di responsabilità ambientale e una significativa riduzione della povertà e della fame non parla mai della dimensione pratica di vaste manipolazioni di persone da parte di leader cinici e burocrati ignoranti che mantengono le loro posizioni attraverso il terrorismo e la corruzione. 

Non discutono mai di incompetenza e corruzione, fratelli gemelli nella famiglia del venato. 

Il documento ritrae un mondo sincero in cui tutti coloro che detengono il potere vogliono aiutare l’umanità nonostante le prove quotidiane di 

l’egoismo, la corruzione, gli intenti omicidi, le manipolazioni diaboliche, i furti, le immoralità personali, gli odi e la totale depravazione di molti leader governativi in ogni paese del mondo e anche tra i leader degli affari. 

L’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile non è forse una di quelle diaboliche manipolazioni? 

Invece, la libertà individuale è immersa in una mentalità collettivista determinata scientificamente e con decisioni definitive nelle mani dei diabolici e onniscienti Fratelli. 

La rilevanza dell’individuo è minimizzata. Viene proposto da un’ONU che non è più filo-occidentale, un corpo molto più grande di quello che esisteva nel 1945. 

Lo accetterete o è ora, più che mai, di riconsiderare la nostra appartenenza a quel corpo insostenibile …? 

Fonte:  https://www.bibliotecapleyades.net 

®wld

La stazione MUOS americana di Niscemi

 

Video: Funzionalità aerospaziali offensive statunitensi dirette contro l’intero pianeta: il sistema di comunicazioni satellitari MUOS in America 

 Di Manlio Dinucci 

Ricerca globale, 13 novembre 2018  

“Il M5S (5 Star Movement) si è diviso sul maxi-radar siciliano”, titolava il Corriere della Sera, diffondendo così una maxi falsa notizia – non sulla direzione del Movimento a 5 stelle, che, dopo aver vinto un consenso elettorale con il “No MUOS” in Sicilia, ora sta facendo marcia indietro – ma sull’oggetto stesso della controversia.  

Definendo la stazione MUOS di Niscemi come un “maxi-radar”, stanno ingannando l’opinione pubblica facendogli credere che si tratti di un dispositivo di scansione elettronica legato alla Terra, e quindi difensivo. Al contrario, il MUOS (Mobile User Objective System) è un nuovo sistema di comunicazione satellitare che estende la capacità offensiva degli Stati Uniti all’intero pianeta. 

Il sistema, sviluppato da Lockheed Martin per la US Navy, è composto da una configurazione iniziale di quattro satelliti (più uno in riserva) in un’orbita geostazionaria, e collegati a quattro stazioni terrestri – due negli Stati Uniti (Hawaï e Virginia ), uno in Sicilia e uno in Australia. Le quattro stazioni sono collegate da una rete di cavi in ​​fibra ottica terrestri e sottomarini (la stazione di Niscemi è collegata direttamente alla stazione in Virginia). 

Il MUOS, che è già in funzione, diventerà pienamente operativo nell’estate del 2019, raggiungendo una capacità 16 volte superiore a quella dei sistemi precedenti. Trasmetterà simultaneamente messaggi codificati ad altissima frequenza di materiale vocale, video e dati. Quindi sottomarini e navi da guerra, cacciabombardieri e droni, veicoli militari e unità terrestri degli Stati Uniti e dei loro alleati, saranno quindi collegati a un’unica rete di comando e controllo sotto gli ordini del Pentagono, mentre sono operando in qualsiasi parte del mondo, comprese le regioni polari.

Quindi la stazione MUOS di Niscemi non è un “maxi-radar siciliano” che custodisce l’isola, ma un elemento essenziale della macchina da guerra planetaria degli Stati Uniti.

Guarda il Video: Il circuito della morte nel “Mediterraneo allargato”

 

Lo stesso ruolo è svolto dalle altre principali basi USA e NATO in Italia. La Stazione Aeronavale di Sigonella, a pochi chilometri da Niscemi, è la base per il lancio di operazioni militari principalmente in Medio Oriente e in Africa, condotte da forze speciali e droni. 

La JTAGS (Joint Tactical Ground Station), una stazione satellitare statunitense dello “scudo antimissile” schierata a Sigonella – una delle cinque con portata globale (le altre sono situate negli Stati Uniti, Arabia Saudita, Corea del Sud e Giappone) – serve non solo per la difesa antimissile, ma anche per le operazioni di attacco comandate da posizioni avanzate. 

Il Comando Forze Alleate Alleate a Lago Patria (Napoli), è sotto l’ordine di un ammiraglio statunitense che comanda contemporaneamente le Forze navali statunitensi in Europa (con la Sesta flotta di Gaeta nel Lazio) e le Forze navali USA per l’Africa, di cui la sede è a Napoli-Capodichino. 

Camp Darby, il più grande arsenale degli Stati Uniti al di fuori della patria, fornisce gli Stati Uniti e le forze alleate per le loro guerre in Medio Oriente, Asia e Africa. 

La 173a Brigata Aviotrasportata degli Stati Uniti con sede a Vicenza, opera in Afghanistan, Iraq, Ucraina e altri paesi dell’Europa orientale. 

Le basi di Aviano e Ghedi – i siti di schieramento di combattenti statunitensi e italiani sotto il comando USA e dotati di bombe nucleari B61, che dal 2020 saranno sostituite da B61-12 – sono parte integrante della strategia nucleare del Pentagono. 

Per inciso, Luigi Di Maio e gli altri dirigenti del M5S [1] ricordano che hanno preso un impegno solenne con l’ICAN (Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari) per garantire che l’Italia aderisca al Trattato delle Nazioni Unite, liberando così l’Italia dalle armi nucleari USA ?

*

Nota per i lettori: fai clic sui pulsanti di condivisione sopra. Inoltra questo articolo ai tuoi elenchi di posta elettronica. Crosspost sul tuo blog, forum su internet. eccetera. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato in italiano su Il Manifesto. 

Tradotto da Pete Kimberley 

Manlio Dinucci è un ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione. 

Nota 

[1] Il Movimento 5 Stelle è, insieme alla Lega, un partito governativo, in cui Luigi Di Maio è Vice Presidente del Consiglio dei Ministri. 

La fonte originale di questo articolo è Global Research 

Copyright © Manlio Dinucci, Global Research, 2018

Fonte: https://www.globalresearch.ca/

®wld

Solo un’élite illuminata ha il diritto di governare il popolo

Sarkozy e la Hathor Pentalpha, superloggia del terrorismo

La lapidazione pubblica di un politico di rango non ha mai un’unica paternità: di solito sono tante le nubi che, a un certo punto, si trasformano in tempesta. E per un ex presidente della Francia, cioè di una delle cinque potenze atomiche con diritto di veto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, il solo fatto di essere trattenuto in stato di fermo in una stazione di polizia, alla stregua di un criminale comune, costituisce l’atto d’inizio – il più eclatante – di una vera e propria demolizione a reti unificate. I giornali parlano di vendetta a distanza da parte degli ex fedelissimi di Gheddafi: prima di essere assassinato “su ordine dei servizi francesi”, il raiss di Tripoli avrebbe finanziato sottobanco, in modo cospicuo, la campagna elettorale di Sarkozy per le presidenziali del 2007 (in cambio di cosa?).

Gli italiani ricordano ancora l’irridente impudenza con cui l’allora capo dell’Eliseo, insieme ad Angela Merkel, seppellì in mondovisione il moribondo Berlusconi, incalzato da mille inchieste e travolto dallo scandalo delle “olgettine”. Un sinistro preludio, per l’Italia, all’austerity di lì a poco imposta con il diktat della Bce firmato Draghi e Trichet, corroborato dal crollo delle azioni Mediaset e dall’esplosione pilotata dallo spread. «Gli italiani sono dei bambinoni deficienti, non si sono nemmeno accorti che siamo stati noi a inviargli il “fratello” Mario Monti, il nostro uomo», con l’incarico di sabotare l’economia del Belpaese, precipitandolo nel baratro della crisi: legge Fornero, pareggio di bilancio in Costituzione.

Lo dicono, nell’appendice del bestseller “Massoni” (edito da Chiarelettere a fine 2014), quattro pesi massimi della supermassoneria internazionale, protetti dall’anonimato ma «pronti a manifestarsi, nel caso qualcuno ne contestasse le affermazioni». Non ce n’è stato bisogno: Monti, Napolitano e gli altri si sono ben guardati dal chiedere all’autore del saggio, Gioele Magaldi, di rendere pubblica l’identità di quei quattro “vecchi saggi” del massimo potere in vena di rivelazioni. Accanto a un mediorientale e a un asiatico, a parlare sono uno statunitense (che ricorda da vicino lo stratega Zbigniew Brzezinski, da poco scomparso) e un francese, il cui identikit di eminenza grigia potrebbe benissimo corrispondere a quello di Jacques Attali, già plenipotenziario di Mitterrand e poi “padrino” e king-maker di Emmanuel Macron.

La tesi del libro, assolutamente dirompente, è stata oscurata dai media mainstream: da decenni, il mondo sarebbe nelle mani di 36 Ur-Lodges, potentissime superlogge massoniche sovranazionali. Dopo l’iniziale dominio delle organizzazioni di ispirazione progressista, dall’era Roosevelt fino ai Kennedy, il potere sarebbe passato all’ala neo-conservatrice (Kissinger, Rockefeller, Rothschild) dopo il duplice omicidio di Bob Kennedy e del “fratello” Martin Luther King.

A seguire: una guerra segreta senza risparmio di colpi – da un lato il Cile del massone Pinochet e la Grecia dei colonnelli, ma anche i ripetuti tentativi di golpe in Italia con la complicità della P2 di Gelli, e dall’altro la Rivoluzione dei Garofani in Portogallo scattata non a caso il 25 aprile (del ‘74). Poi, lo sciagurato patto “United Freemansons for Globalization” per spartirsi la torta mondiale sdoganando il neoliberismo. Con in più una scheggia impazzita: la Ur-Lodge “Hathor Pentalpha”, nella quale – secondo Magaldi – figura anche il nome di Sarkozy, accanto a quelli del turco Erdogan, protagonista degli odierni orrori in Medio Oriente, e del britannico Tony Blair, l’indimenticato inventore delle inesistenti “armi di distruzone di massa” di Saddam Hussein, ovvero “la madre di tutte le fake news”.

Saddam e la guerra in Iraq, cioè Bush junior, dopo la prima Guerra del Golfo scatenata da Bush senior. Il Rubicone è stato varcato con l’opaco, devastante maxi-attentato dell’11 Settembre (e la conseguente invasione dell’Afghanistan, seguita dalle guerre in Iraq e in Libia, dalla “primavera araba”, dall’atroce conflitto in Siria).

Terrorismo “false flag”, sotto falsa bandiera – da Al-Qaeda all’Isis – secondo un copione basato sulla più accurata disinformazione, fotografato alla perfezione dall’immagine di Colin Powell che, alle Nazioni Unite, agita una prova falsa come la celebre “fialetta di antrace” per raccontare che il regime di Baghdad sarebbe stato pronto a sterminare l’umanità. Non fu solo una drammatica sterzata politica imposta dai “neocon” Usa, sostiene Magaldi: la strategia della tensione internazionale, che produce guerre in Medio Oriente e leggi speciali negli Usa e in Europa per rispondere agli attentati “islamici”, corrisponde alla sanguinosa strategia della “Hathor Pentalpha”, la «loggia del sangue e della vendetta» creata da Bush (padre) dopo la bruciante sconfitta alle primarie repubblicane inflittagli nel 1980 da Ronald Reagan.

In questo modo, Magaldi spiega anche i due attentati simmetrici che seguirono, nel 1981: qualcuno sparò a Reagan il 30 marzo, e – per rappresaglia – i sostenitori occulti di Reagan armarono la mano di Ali Agca, che il 13 maggio sparò a Papa Wojtyla, eletto al soglio pontificio con il determinante appoggio di Brzezinski, allora vicino a Bush. Due minacciosi avvertimenti, con firme opposte ma identico stile: né a Washington né a Roma si sparò per uccidere.

Fantapolitica? Ne ha tutta l’aria: a patto di rassegnarsi all’idea che sia proprio la geopolitica a esser diventata “fanta”, rendendo possibile l’impensabile. «Dispongo di 6.000 pagine di documenti che comprovano quanto affermato nel mio libro», ribadisce Magaldi, a scanso di equivoci. Il problema? Nessuno, finora, gliene ha chiesto conto: meglio la congiura del silenzio, di fronte a pagine così sconcertanti e imbarazzanti.

Le grandi scelte strategiche del pianeta – sottolinea l’autore – sono state messe a punto negli ultimi 30-40 anni da superlogge storicamente neo-aristocratiche come la “Three Eyes” e la “Compass Star-Rose”, insieme alla “Edmund Burke”, alla “Leviathan”, alla “White Eagle”. Sono loro a dominare ministeri, banche, università, istituzioni internazionali finanziarie “paramassoniche” come il Fmi e la Bce. Obiettivo: sdradicare Keynes dalla politica economica dell’Occidente: via il welfare e i diritti del lavoro, guerra alla sinistra sindacale, demonizzazione del debito pubblico, privatizzazione universale, fine dello Stato sociale come garante del benessere diffuso. Svuotare la democrazia, per restituire il potere all’oligarchia – finanza, industria, multinazionali – secondo un modello neo-feudale: solo un’élite “illuminata” ha il diritto di governare il popolo. E la tenebrosa “Hathor Pentalpha”?

«Semplicemente, la “Hathor” ha ritenuto che tutto questo non bastasse. Non era sufficiente il lavoro della Trilaterale, del Bilderberg, del Council on Foreign Relations: il nuovo ordine antidemocratico (come già in Italia durante gli anni di piombo, ma stavolta su scala mondiale) andava imposto con il terrorismo, a partire proprio dall’11 Settembre». Specchietto per le allodole, il saudita Osama Bin Laden reclutato dalla Cia in Afghanistan negli anni ‘70, in funzione anti-sovietica. «Bin Laden fu iniziato alla “Three Eyes”: me lo confidò proprio l’uomo che lo affilò, Brzezinski». Lo stesso Brzezinski, aggiunge Magaldi, rimase deluso dalla scelta di Bin Laden di passare poi alla “Hathor Pentalpha”, la superloggia dei Bush. Simboli eloquenti: Hathor è uno dei nomi della dea egizia Iside, cara ai massoni, e il suo nome in inglese è, appunto, Isis.

«Anche l’uomo che si fa chiamare Abu Bakr Al-Baghdadi, stranamente rilasciato nel 2009 dal campo di prigionia iracheno nel quale era detenuto, è stato affiliato alla “Hathor Pentalpha”». Al-Baghdadi, il presunto capo del sedicente Isis: organizzazione terroristica che, quando ha perso terreno in Siria sotto il colpi dell’offensiva militare russa, ha cominciato a colpire l’Europa. Charlie Hebdo e Bataclan, Bruxelles, la strage di Nizza. «Tutti attentati spaventosamente stragistici, “firmati” con una simbologia nacosta e nient’affatto islamica, ma saldamente ancorata alle date-simbolo del martirio dei Templari nel 1300».

Ne parla nel saggio “Dalla massoneria al terrrorismo” (Revoluzione) l’esperto simbologo Gianfranco Carpeoro, massone come Magaldi, altrettanto critico rispetto al potente mileu “latomistico” globalizzato, pronto anche a fare l’uso più cinico e spregiudicato di vasti settori dei servizi segreti, ridotti a strumenti di una “sovragestione” pericolosa, che sottomette gli Stati (e i governi eletti) ai disegni di una ristretta oligarchia. «Tutto quel sangue, in Europa, è nato da una rottura all’interno dell’ala reazionaria dell’élite supermassonica», ha ripetuto Carpeoro, in trasmissioni web-streaming come quelle di “Border Nights”.

Chi ha premuto sul tasto del neo-terrorismo interno – è la sua tesi – l’ha fatto per intimidire quegli elementi che, in seno all’oligarchia, si erano mostrati titubanti di fronte alla “linea dura”, quella delle stragi nelle piazze europee. Un allarme ripetuto più volte, nel 2017: «E’ in corso un’escalation, prepariamoci al peggio: in Europa potrebbe verificarsi un maxi-attentato come quello dell’11 Settembre».

French President Nicolas Sarkozy (L) escorts the president of the French Commission for the Liberation of Growth (CLCF) Jacques Attali after their meeting at the Elysee Palace, 15 October 2007 in Paris. The first stage of the report brought by Attali focuses on the purchasing power. AFP PHOTO ERIC FEFERBERG

Previsione fortunatamente inesatta: «E’ vero», ammette Carpeoro, «le stragi sono cessate». Ma questo – spiega – dipende dal fatto che, “lassù”, si sono rimessi d’accordo su come agire, a cominciare proprio dalla Francia.

Ieri, all’Eliseo c’era Hollande, un politico da intimidire (come socialista ma anche come supermassone “di sinistra”, esponente della Ur-Lodge progressista “Fraternité Verte”), a capo di un establihment incalzato dal “populismo” di Marine Le Pen. Poi invece le elezioni hanno incoronato Macron, «che a differenza di Hollande – sostiene Carpeoro – è espressione diretta di quei circoli, responsabili della “sovragestione”», fino a ieri anche terroristica, all’occorrenza. E’ lo stesso Macron che, a giorni alterni, fa l’amicone dell’Italia, promettendo a Gentiloni – in cambio di cospicue cessioni di italianità – di difendere il Belpaese dai “cattivi” tedeschi. E’ cronaca: soldati italiani spediti in Niger a far la guardia all’uranio per conto dei francesi, voci sul ridisegno delle acque territoriali a favore dei pescatori francesi, vistosa ascesa del management transalpino nel cuore del “made in Italy”.

Con Gentiloni e Macron, sostiene Federico Dezzani, l’Italia si auto-declassa al rango di neo-colonia francese, nell’illusione di trovare riparo dal rigore imposto dall’ordoliberismo teutonico. Sta davvero succedendo qualcosa di strano, “lassù”, se un big come Sarkozy finisce sotto interrogatorio in un commissariato di Nanterre? Significa che la famigerata superloggia “Hathor Pentalpha” è in discesa libera, nei piani alti della “sovragestione”? Inutile sperare in spiegazioni esaurienti: il mainstream si limiterà alle fonti giudiziarie sul caso Libiagate, mentre il pubblico assiste alla strana caduta di un ex superpotente come Sarkozy, in una Francia senza più attentati né stragi, dove l’oligarca Jacques Attali ha battezzato il nuovo regno di Macron, l’ex ragazzo prodigio della Banca Rothschild.

Fonte> http://www.libreidee.org/

®wld

Tra neve e ghiaccio e riscaldamento globale

Gli scienziati dicono che le “previsioni apocalittiche” sul riscaldamento globale da parte dell’ONU NON sono credibili

by Natural News

Aggiungendo alla confusione generale e al disaccordo sui veri pericoli del riscaldamento globale, un nuovo studio ha determinato che le previsioni “apocalittiche” del riscaldamento globale delle Nazioni Unite sono completamente esagerate.

I ricercatori dell’Università di Exeter hanno utilizzato nuovi calcoli per determinare il probabile impatto che i gas serra che avrebbero avuto sul riscaldamento globale, e sono stati in grado di scontare scenari estremi come la previsione delle Nazioni Unite sul riscaldamento del mondo di ben 19,8 gradi Fahrenheit entro il 2100. Essi hanno ridotto la gamma di potenziali risultati alla fine del secolo di oltre la metà.

Il loro metodo di modellazione ha esaminato quanto aumenterebbe la temperatura media della superficie del nostro pianeta se la quantità di anidride carbonica nella nostra atmosfera raddoppiasse. Mentre i precedenti tentativi di determinare l’equilibrio della sensibilità climatica hanno esaminato i record storici della temperatura, il nuovo studio si è concentrato sulle fluttuazioni globali della temperatura anno dopo anno. Hanno analizzato il modo in cui i cambiamenti di temperatura a breve termine erano sensibili a lievi urti nel clima, indipendentemente dalle emissioni di gas serra.

Mentre il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) delle Nazioni Unite ha previsto che l’equilibrio sulla sensibilità al clima sarebbe compreso tra 1,5 e 4,5 gradi Celsius, il nuovo studio vede un intervallo compreso tra 2,2 e 3,4 gradi Celsius. Ciò significa che la “fine del mondo” secondo le Nazioni Unite non è così vicina come vorrebbe farti credere.

Tuttavia, i ricercatori ammettono che il loro nuovo modello non prende in considerazione alcuna possibilità di cambiamenti climatici rapidi causati dal pianeta stesso. Ad esempio, lo scongelamento del permafrost ricco di carbonio sul pianeta, le calotte di ghiaccio che si sciolgono in Antartide, o il crollo della corrente del golfo che potrebbero causare un grande cambiamento.

Gli esperti stanno lodando il nuovo studio 

Il loro “geniale” approccio è stato lodato dal professor Piers Forster dell’Università di Leeds. In un articolo collettivo pubblicato sulla rivista Nature, dove ha scritto: “L’idea alla base di questo lavoro è così invidiabile che farà chiedere agli esperti di climatologia:” Perché non ci abbiamo pensato?”

E’ poco probabile che questo studio vada bene per alcuni allarmisti del riscaldamento globale. Un professore dell’Università del Colorado Boulder, Roger A. Pielke Jr., ha definito su Twitter “intelligente” il nuovo studio, scrivendo: “Se la tua difesa sul clima è basata su argomenti [che saranno davvero cattivi, davvero cattivi”, allora la nuova scienza (“non è così male”) ti mette in una posizione scomoda. Senza dubbio alcuni catastrofisti sentiranno oggi un po’ il bisogno di disquisire il nuovo studio per timore che dia i cattivi negatori”.

Da ricordare una storia simile l’anno scorso su come i modelli climatici del riscaldamento globale siano stati apertamente scorretti e tendenziosi sullo sfornare previsioni troppo esagerate pensate per spaventare le masse. In quell’occasione, un articolo che è stato pubblicato su Nature Geoscience ha concluso che sono stati usati dall’IPCC modelli di software difettosi e ampiamente citati da coloro che hanno interesse a promuovere la narrazione del riscaldamento globale. Hanno dimostrato che il cambiamento climatico non è proprio stata una minaccia urgente per il nostro pianeta, ma è stata concepita per esserlo. Qualcuno qui sta iniziando a notare uno schema?

Trova notizie credibili sulla scienza del clima su Climate.news.

Le fonti includono:

DailyMail.co.uk

WashingtonTimes.com

NaturalNews.com

https://www.naturalnews.com/2018-01-24-scientists-say-apocalyptic-predictions-about-global-warming-by-the-u-n-are-not-credible.html 

************************************

Mattis toglie il riscaldamento globale dalla strategia di difesa nazionale 

Di Michael Bastasch

Il Pentagono ha pubblicato la strategia di difesa nazionale che per la prima volta da oltre un decennio non menziona il riscaldamento globale causato dall’uomo come una minaccia alla sicurezza.

Un riassunto di 11 pagine della nuova strategia di difesa nazionale non menziona più il “riscaldamento globale” o “cambiamento climatico”, secondo una ricerca per parole chiave dell’Huffington Post. Il documento riflette l’attenzione dell’amministrazione Trump su “dominanza energetica” sul clima.

La strategia di difesa nazionale, firmata dal segretario alla Difesa James Mattis, non ha molto da dire sui problemi energetici, tranne che gli Stati Uniti “promuoveranno un Medio Oriente stabile e sicuro” e “contribuiranno a mercati energetici globali stabili e a vie commerciali sicure.”

Il Pentagono ha pubblicato il documento di strategia venerdì, e i funzionari sono stati chiari che non avrebbe fatto cenno al riscaldamento globale. L’amministrazione Bush ha aggiunto il riscaldamento globale alla strategia di difesa nel 2008, ma il problema ha guadagnato lo status di alto livello durante l’amministrazione Obama.

L’amministrazione Trump ha lanciato la sua strategia di sicurezza “America First” a dicembre, che ha chiesto “risorse energetiche abbondanti – carbone, gas naturale, petrolio, fonti rinnovabili e nucleare” per rilanciare l’economia e aiutare gli alleati degli Stati Uniti.

Questo piano ha de-enfatizzato le politiche volte a combattere il riscaldamento globale provocato dall’uomo, un’inversione completa dalla sicurezza nazionale sotto l’amministrazione Obama.

“Le politiche climatiche continueranno a plasmare il sistema energetico globale”, recita la National Security Strategy, pubblicata a dicembre.

“NOI. la leadership è indispensabile per contrastare un’agenda anti-crescita e di energia che è dannosa per gli interessi degli Stati Uniti in materia di sicurezza economica e energetica”, recita il piano. “Considerata la futura domanda energetica globale, gran parte del mondo in via di sviluppo richiederà combustibili fossili e altre forme di energia per alimentare le loro economie e sollevare il loro popolo dalla povertà”.

Fonte: The Daily Caller

Articolo integrale: https://www.attivitasolare.com/pentagono-global-warming-non-piu-minaccia-la-sicurezza-nazionale/

VEDI ANCHE  

PENTAGONO: SEIMILA E CINQUECENTO MILIARDI DI DOLLARI DISPERSI!

I VEGGENTI DEL PENTAGONO NEL 2003: SARA’ CATASTROFE CLIMATICA ENTRO IL 2020

Fonte: http://www.nogeoingegneria.com/

************************************

Le previsioni di inverni senza neve svaniscono nel nulla mentre l’emisfero nord viene sepolto sotto neve e ghiaccio

Pubblicato da Enzo Ragusa

Di P. Gosselin – 23.01.2018

Ricordiamo a tutti come alcuni scienziati (David Viner e Mojib Latif, solo per fare alcuni esempi) hanno annunciato audacemente, circa 18 anni fa, che la neve e il ghiaccio alle latitudini 40 – 55° N sarebbe diventata rara.

Tuttavia, guardando gli ultimi dati, vediamo che ironicamente è il terreno senza neve che è diventato “una cosa del passato”. Il giornalista scientifico di Spiegel,Axel Bojanowski ha twittato qui.

Il giornalista di Spiegel ha twittato (enfasi aggiunta)

Perché c’è stata una certa confusione a causa della neve: Niente neve alle nostre latitudini è attualmente l’eccezione in tutto il mondo (sfumatura bianca).”

Con temperature gelide e forti nevicate che attanagliano gran parte dell’emisfero settentrionale, questo è un vero e proprio imbarazzo per gli esperti di clima che in precedenza avevano affermato che la nevesarebbe diventata rara a causa del riscaldamento globale. Inoltre, non solo la neve è tornata vendicandosi, anche le temperature superficiali globali negli ultimi 20 anni sono aumentate in modo insignificante.

I leader mondiali e degli affari dovrebbero ricordarselo mentre si dirigono verso una Davos innevata.

Un altro aneddoto per sollevare le sopracciglia si trova a Montreal, in Canada, dove il possente fiume St. Lawrence potrebbe avere una nave della marina statunitense intrappolata fino a primavera:”a causa delle acque ghiacciate”.

Anche se non ci troviamo in un’era glaciale, è sicuro che attraverserà l’emisfero settentrionale quest’inverno.

Fonte: NoTricksZone

Enzo

AttivitàSolare

https://www.attivitasolare.com/

************************************  

Una risata li seppellirà

Posted By Massimo Lupicino

…Ma per adesso a seppellirli è la neve.

Come da tradizione in questi giorni sulle montagne svizzere di Davos si riunisce il gotha del potere politico e finanziario mondiale: tutti felicemente impegnati a “migliorare lo stato del mondo (…) per modellare agende globali, regionali e industriali (weforum.org)”. Niente di nuovo sotto il sole: è il Club dei Migliori che periodicamente si riunisce per autocelebrarsi nella più alta espressione di sè, quella dei Salvamondo. Un circo itinerante che si alimenta di kermesse a tema: ieri erano a Bonn per salvare il clima (COP23), l’altro ieri in Virginia per curare i loro privatissimi interessi personali (Bilderberg) e oggi in un paradiso svizzero dello sci a due passi dal Liechtenstein, ché magari si unisce anche l’utile al dilettevole.

Se il Bilderberg è carbonaro e misterioso, Davos è quasi sfacciato nel suo sfoggio opulento e autocelebrativo, tanto da potersi persino permettere il lusso di invitare qualche deplorable, per il piacere assai raffinato di prenderlo per i fondelli. E deve essere per questo sofisticato piacere che proprio alla presenza del Presidente americano si porta in scena il trionfo della retorica ambientalista più trita: dei 5 rischi più gravi identificati dagli Illuminati, ben tre sono di carattere ambientale, un record. Si parla di “Eventi Meteorologici Estremi”, di “Disastri Naturali” e di “Incapacità di mitigare / adattarsi al Climate Change” (Fig.1). E nessun rischio economico, a fronte della montagna di trilioni di debito che ha partorito una crescita mondiale da topolino. Non sia mai che qualcuno pensi che l’èlite finanziaria al potere non sa prendersi cura di noi.

E siccome sono i migliori, naturalmente ci hanno preso in pieno con le loro analisi di rischio, e in tempo reale per giunta. Davos, infatti, è stata seppellita da due metri di freschissima e sofficissima neve proprio all’apertura della kermesse. Decisamente un “evento estremo”, e probabilmente anche un “disastro naturale” per chi aveva pianificato qualche giorno di shopping, una sciata defatigante o una capatina in giornata a Vaduz per una consulenza…fiscale. Per non parlare della incapacità di “mitigare” l’inconveniente climatico: “impossibile”, ammette sconsolato il sindaco di fronte allo spettacolo desolante di auto e mini-van di lusso bloccati dalla neve. E che dire della chiusura dell’eliporto, proprio in concomitanza con il previsto atterraggio di 1,000 jet privati? Just…Deplorable.

Ma lo show deve andare avanti, e a salvare la narrativa ci pensano i professionisti del clima-catastrofismo: ovvero giornalisti ed accademici. Tanto per cambiare, infatti, è il New York Times a spiegarci che “singoli eventi atmosferici non possono essere attribuiti al Climate Change”: parole sante, che sono state usate anche per la recente ondata di gelo che ha interessato gli USA. Eppure, curiosamente, proprio la stessa testata è avvezza ad imputare al Climate Change singoli eventi meteorologici secondo convenienza: appena un mese fa, per esempio, ci spiegava che il ciclone Harvey è Climate Change.

A Linda Fried (Columbia University) è affidato l’ingrato compito di difendere la narrativa sul campo. Dopo aver impiegato 3 ore per farsi largo tra la neve e raggiungere un centro di registrazione semi-deserto a due passi dal suo albergo, Linda ha iniziato con mezz’ora di ritardo la sua conferenza sui pericoli del Global Warming. Di fronte alle inevitabili ironie sul tempismo del suo discorso, l’esperta ha ribattuto: “La gente proprio non vuole capire, non sono certo questi i parametri di misura (del riscaldamento globale)”.

In attesa che Linda e i suoi fratelli riescano a far capire al volgo ignorante quali sono questi benedetti parametri di misura, forse è il caso che i modellisti di agende globali in questione facciano davvero uso delle “tecniche di mitigazione del rischio” più opportune, e per esempio trasferiscano il Forum dalle montagne svizzere al deserto australiano. Forse non se ne gioverà lo shopping, ma la narrativa per lo meno non ne uscirà con le ossa rotte.

http://www.climatemonitor.it/?p=47243

Informazioni dalla rete globale – World Wide Web

Giochi olimpici in Corea del Sud – Opportunità perfetta per un Attacco di False Flag?

La retorica di guerra che circonda la Corea del Nord su entrambe le sponde del Pacifico non è mai stata più aggressiva di quanto non fosse lo scorso anno (almeno non dopo la guerra di Corea). Ci sono alcune persone che vedono l’intera faccenda come una “distrazione”, una distrazione che non sarà mai un conflitto reale. Non sono d’accordo con questo sentimento per una serie di motivi.

La Corea del Nord è davvero una distrazione, ma ancora una distrazione in divenire. Vale a dire, battere il petto e scimmiottare la spada sono solo un preludio alla distrazione molto più efficace del combattimento e dell’invasione dal vivo in nome del cambio di regime e della “sicurezza nazionale”

L’articolo continua QUI in lingua originale

Mentre Trump emette i premi delle notizie false, WikiLeaks ricorda il mondo che ENTRAMBI I partiti sono bugiardi

Di RachelBlevins

Mentre gli stessi media che erano apertamente critici nei confronti del presidente Trump divennero i temi delle sue “Fake News Awards”, l’intero evento fu pieno di ipocrisia, e servì come rappresentazione del piatto che chiamava il bollitore nero – entrambe le entità hanno speso un una quantità significativa di tempo a mentire e ingannare il pubblico

WikiLeaks, è un’organizzazione che i media mainstream hanno tentato di rivendicare, è una società di propaganda pro-Trump, pro-Russia, ha preso su Twitter per sottolineare l’ipocrisia che circonda i premier:

“Mentre WikiLeaks, in quanto organizzazione di primaria importanza con un record di verifica perfetto, accoglie il dibattito sulle” false notizie “, va notato che, insieme alla stampa statunitense, l’amministrazione Trump è una fonte frequente di informazioni false”, ha affermato l’organizzazione. L’articolo continua QUI in lingua originale

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha incluso la risoluzione del conflitto in Ucraina come una priorità per il 2018

Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha delineato 12 priorità per l’Organizzazione mondiale nel 2018. Tra questi, ha incluso la gestione delle crisi in Ucraina, Siria e altri punti caldi, per combattere il terrorismo, contrastando il cambiamento climatico globale e risolvendo i problemi migratori. L’articolo continua QUI in lingua originale

Guerra con l’Iran

La Guerra con l’Iran è il modo migliore per descrivere ciò che sta accadendo in questo momento con le recenti proteste iraniane. Sì, il popolo iraniano ha delle lagnanze legittime (soprattutto economiche) con il suo governo teocratico, che non è certo un bastione di libertà. Tuttavia, non c’è dubbio che queste proteste sono orchestrate dallo stesso faticoso asse USA-Israele (e si può aggiungere anche il Regno Unito) che è stato la forza trainante di tutte le guerre del Medio Oriente per almeno 50 anni.

Queste proteste sono solo l’ultima manifestazione di una politica anglo-sionista continua e incessante di prendere di mira l’Iran. Possono innescare ulteriori conflitti, o potrebbero essere domati, ma in entrambi i casi, ne capirai maggiormente comprendendo la lunga e profonda storia delle interferenze di Stati Uniti, Israele e Regno Unito in Iran. Subito dopo che Trump assunse l’incarico all’inizio del 2017, dichiarò chiaramente che voleva la guerra con l’Iran. Queste proteste sono ancora un altro modo in cui l’asse USA-Israele-Regno Unito sta mostrando che vuole la guerra con l’Iran – e farà di tutto per ottenerla. L’articolo continua QUI in lingua originale

Mel Gibson: Hollywood Elites “Uccisioni di innocenti bambini per bere il loro sangue”

La stella del cinema porta alla ribalta l’anello pedofilo dell’industria dello spettacolo.

In una scioccante esposizione, la star del cinema Mel Gibson ha portato alla ribalta l’epidemia di “parassiti” che “controllano Hollywood” che sono coinvolti nel sacrificio e nella pedofilia dei bambini. La star di Arma letale ha detto che “ogni studio di Hollywood viene comprato e pagato con il sangue di bambini innocenti “, aggiungendo che” la valuta più preziosa è il sangue dei bambini “. L’articolo continua QUI in lingua originale

“La chemioterapia promuove l’infiammazione, causa la diffusione del cancro”. Ancora un altro studio

Ancora un altro studio è stato pubblicato dimostrando il legame tra la chemioterapia e la promozione del cancro aggressivo. Abbiamo bisogno di ulteriori prove che l’industria del cancro da trilioni di dollari sia completamentetossica?

Pubblicato dal Beth Israel Deaconess Center, un articolo intitolato ” Double Edged Sword: Killing Cancer Cells può anche guidare la crescita del tumore ” ci dà il minimo su questi trattamenti tossici.

L’articolo riassume uno studio condotto da ricercatori del Centro che ha scoperto che i trattamenti radioterapici e chemioterapici che cercano di curare il cancro uccidendo le cellule tumorali stanno effettivamente causando la crescita dei tumori cancerogeni più grandi e più prolifici. L’articolo continua QUI in lingua originale

La dittatura del clima e le sante alleanze tra lobbisti e salvamondisti

Lobbisti Salvamondisti 

By Massimo Lupicino

I sacerdoti della religione globalista non fanno che spergiurare che il Global Warming è questione “esclusivamente scientifica” appellandosi, tra le altre cose, alla balla spaziale sul 97% di consensus, una delle più grandi fake news del 21° secolo. A riportarci alla realtà ben diversa dei fatti è il Washington Times, gemello povero ma bello del più noto “Post”, con un articolo che non ha avuto nessuna risonanza sulla stampa mainstream. Per ovvie ragioni, come si capirà dal resto di questo pezzo.

Santa Alleanza

Ricordate la delegazione di volenterosi americani anti-CO2 che si è presentata recentemente alla COP23 di Bonn in antitesi al loro stesso presidente rovinamondo? Ne abbiamo parlato più volte su questo Blog grazie alle ottime e puntuali cronache di Donato Barone. Bene, è forse interessante sapere che due dei volenterosi delegati in questione, Jay Insley e Jerry Brown (rispettivamente governatori di Washington e della California) fanno parte della cosiddetta US Climate Alliance: associazione di 15 stati americani nata con splendido tempismo il giorno stesso in cui Trump ha cestinato l’accordo di Parigi, con il proposito di portare avanti ad ogni costo l’agenda climatista dell’amministrazione precedente. L’associazione in questione è formata dai governatori di 14 stati + Porto Rico, e ama definirsi con involontaria ironia “bi-partisan”, per la presenza di ben 2 governatori repubblicani su 15, per altro in stati di rigoroso rito liberal come Massachussets e Vermont.

Che la causa del Climate Change trovi a tempo di record soluzioni originali a qualsiasi incidente politico non deve ovviamente sorprendere: sono salvamondo, e in quanto tali sono dotati di super-poteri. Ma la cosa realmente interessante è il modo in cui quei super-poteri sono acquisiti e utilizzati.

Lobbismo Verde

La pubblicazione di una serie di email ottenute attraverso regolare richiesta dal Competitive Enterprise Institute, mostra uno spaccato molto interessante dell’attivismo climatico americano. In particolare, il quadro che emerge è quello di governatori che in cambio della disponibilità a spendersi per la causa climatista ne ricavano benefici molto materiali, ad esempio sotto la forma di attivisti climatici messi a disposizione gratuitamente per sostenere le attività dell’Alleanza Climatica stessa: un vero e proprio ufficio-ombra gentilmente offerto da gruppi di attivisti a loro volta foraggiati da entità dotate di disponibilità economiche non indifferenti. Tra le tante associazioni della galassia climatista citate nelle email in questione si segnalano:

  • Climate Nexus, progetto sponsorizzato da Rockefeller Philantropy Advisors;
  • RhodiumRhodium Group di Trevor Houser, già consigliere speciale di Hillary Clinton per Clima ed Energia; Group di Trevor Houser, già consigliere speciale di Hillary Clinton per Clima ed Energia;
  • Climate Registry e Under-2 Coalition, a loro volta partecipati da molti degli stessi Stati appartenenti alla Climate Alliance, in un curioso gioco di scatole cinesi;
  • Georgetown Climate Centre

I benefici forniti ai governatori in questione paiono non limitarsi alla fornitura materiale di uffici, centri di ricerca e staff a titolo gratuito e al di fuori di ogni contabilità, ma includono persino servizi di pubbliche relazioni finalizzati a promuovere storie politiche di “leadership” da pubblicare sul megafono giornalistico liberal per eccellenza: il New York Times.  

Quello che emerge è una forma pura e semplice di lobbismo climatico: ovvero l’esistenza di un gruppo di pressione ambientalista estremamente organizzato, ramificato e sovra-nazionale che si alimenta di donazioni molto generose da parte di entità riconducibili all’ambiente finanziario, molte delle quali amano dare di sè una immagine “filantropica”. In un articolo correlato Delingpole menziona tra i generosi donatori in questione la già citata Fondazione Rockefeller (recentemente impegnata in una battaglia “etica” contro la stessa Exxon che pure aveva attivamente sostenuto per decenni), gestori di hedge-fund miliardari come Tom Steyer e gli immancabili mega-gruppi della Silicon Valley: i nuovi padroni del vapore.  

Volendo riassumere in poche parole, la narrativa ambientalista si configura come uno dei tanti mezzi attraverso i quali alcune lobby finanziarie particolarmente esposte sul business del “verde” proteggono i loro investimenti. Contribuendo a tenere alta la tensione sul catastrofismo attraverso l’influenza sui media, per esempio. O, più semplicemente, aiutando quei politici che promettono di potare avanti le politiche più redditizie per le lobby in questione. Un mero finanziamento politico mediato (e occultato) attraverso la galassia dell’attivismo climatico e ambientalista.

C’è chi può  

Ben inteso: il lobbismo non è un crimine, o per lo meno non lo è negli Stati Uniti, dove questo fa parte a pieno titolo della lotta politica e sottende in gran parte al finanziamento della politica stessa. È altrettanto vero che in termini di etica politica non è uno spettacolo bellissimo quello dei governatori americani più o meno liberal che corrono dietro alle sirene climatiste in cambio di benefici materiali e di immagine, che si tratti di interviste compiacenti su giornali di area, o di comparsate ben pubblicizzate presso eventi planetari come le COP climatiche. Ma fa parte del gioco, decisamente: la politica è anche questo.

Il problema, semmai, è di opportunità. Come si chiede lo stesso Washington Times, immaginate cosa succederebbe se si scoprisse che qualche politico dispone di benefici materiali o di immagine messi generosamente a disposizione da una compagnia petrolifera in cambio di un impegno a perorare le sue cause: opinionisti scatenati, VIPs sdegnati, starlette inorridite, concertoni di protesta, manifestazioni di piazza, flash-mobs, sponsor in fuga, scomuniche papali e chi più ne ha più ne metta.

Ecco, il punto è proprio questo: c’è chi può e c’è chi non può. Da una parte, le poche voci scientifiche contrarie alla narrativa devono ricorrere, a mo’ di disclaimer, a pietose postille in cui giurano di non ricevere fondi da industrie minerarie o dell’energia. Mentre dall’altra parte c’è chi di fondi ne riceve tanti e generosi, in cambio di benefici politici significativi e per giunta in un contesto di sostanziale anonimato: gli è concesso, perché la loro causa è giusta, mentre quella degli altri è sbagliata. Ché alla fine della fiera è il Marchese del Grillo a celarsi sotto le sembianze solo in apparenza ascetiche delle vestali del Climate Change, con il suo intramontabile:

 Fonte: climatemonitor.it

Jørgen Randers, professore di strategia climatica alla BI Norwegian School of Economics, è uno dei sostenitori di una sorta di “dittatura climatica”. Vede la Cina come un modello. Immagine: Wikipedia Commons  

Europa – La dittatura del clima si propone di risolvere il riscaldamento globale

by Bjørn Lomborg November 05, 2017  from Technocracy Website 

La tecnocrazia sta affondando i suoi denti di ferro nei sistemi politici esistenti, cercando di trasformare l’intero mondo in una dittatura scientifica basata sulle risorse. 

Questa visione dall’Europa dovrebbe essere un campanello d’allarme per gli americani! Questo è un articolo da leggere.

L’ambientalista di spicco propone una dittatura climatica perché la democrazia non è disposta a fare le sue politiche.  

Il coraggio di questa discussione è sbalorditivo. È ancora più sbalorditivo è il quotidiano svedese che porta oggi questa ampia intervista senza dichiarare chiaramente il punto di vista come estremo e irragionevole.

Invece, hanno seriamente chiesto al loro analista politico di capire se una dittatura climatica sia davvero necessaria e finisca con la conclusione di “sì, forse”.

L’affermazione arriva da Jørgen Randers, professore di strategia climatica alla BI Norwegian Business School. 

La sua principale rivendicazione è il coautore del libro Limits to Growth del 1972, che spaventò una generazione a far credere che avremmo esaurito tutte le risorse e ucciso l’umanità con un inquinamento atmosferico soffocante. 

La rivista Time ha messo in risalto la storia del suo libro del 1972, “The Worst Is Yet To Be?” E comincia così:

“Le fornaci di Pittsburgh sono fredde, le linee di montaggio di Detroit sono ancora a Los Angeles, alcuni disperati e magri sopravvissuti da una pestilenza stanno disperatamente strisciando al centro delle strade, cortili e campi periferici, sperando di raccogliere qualcosa per la sussistenza.  

Gli uffici di Londra sono bui, le sue banchine deserte. Nelle terre agricole dell’Ucraina, i trattori abbandonati sono sparpagliati sui campi: non c’è carburante per loro. Le acque del Reno, del Nilo e del fiume giallo odorano di sostanze inquinanti.

Fantastico? No, solo triste inevitabilità se la società continua la sua attuale dedizione alla crescita e al “progresso”.

Certo, i loro scenari di paura erano quasi completamente sbagliati. Puoi leggere di più nel mio articolo sugli affari esteri e il mio breve riassunto in Project Syndicate di seguito.

Ora il professor Randers – correttamente – ci dice che la democrazia non vuole e non è in grado di pagare gli importi esorbitanti che lui e molti altri ambientalisti ci chiedono di pagare.

I sondaggi sulla disponibilità a pagare per le politiche climatiche mostrano che la maggior parte delle persone negli Stati Uniti è disposta a pagare $ 180 per nucleo familiare o $ 70 per persona. In Cina, la disponibilità media a pagare è di $ 30 per persona all’anno. (Preferirebbero usarlo per educazione, salute, alleviamento della povertà, ecc.)  

Tuttavia, le attuali promesse di Parigi costeranno ad ogni americano $ 500 all’anno, $ 600 ad ogni europeo e $ 170 ai cinesi. 

Certo, è improbabile che la maggior parte degli americani e degli europei elegga un leader che in realtà li farà incorrere in un costo molto più alto di quello che la maggior parte delle persone è disposta a pagare.  

Inoltre, queste promesse non “risolveranno” il riscaldamento globale – anzi, insieme realizzeranno quasi nulla: 

Secondo la stima dell’ONU, il trattato di Parigi ridurrà le emissioni meno dell’1% di quanto sarebbe necessario per mantenere l’aumento della temperatura sotto i 2° C e tuttavia costerebbe $ 1-2 trilioni all’anno entro il 2030, principalmente in una crescita ridotta del PIL.

Quindi Parigi consegnerà molto meno di quello che la maggior parte della gente si aspetta, ma costerà molto di più di quanto la maggior parte della gente sia disposta a pagare.  

Naturalmente, la maggior parte delle persone intelligenti sarebbe contro il pagamento di un sacco di denaro per ottenere poco o nulla. Se non altro, questo suggerisce che la democrazia funziona bene.  

Ma Randers, invece, accetta questa riluttanza a spendere fortune con pochi benefici come argomento per porre fine alla democrazia: 

‘se la gente non vuole la mia preferita soluzione, allora le persone sono stupide, non dovrebbero essere autorizzate a decidere il loro destino, e dovremmo invece installare una dittatura climatica’.

L’argomento sembra letteralmente voler dire: se non posso ottenere quello che voglio in democrazia, voglio ottenerlo con una dittatura.  

Questa non è una buona argomentazione. È anche incredibilmente costosa: vanno osservati i costi per ottenere quel tipo di politiche sul clima che Randers e molti altri stanno sostenendo. 

Se la UE adempie alla promessa di ridurre le emissioni dell’80% nel 2050 (che è la più ambiziosa politica climatica del mondo oggi), la media dei migliori modelli sottoposti a peer review mostra che il costo sarebbe di almeno $ 3 trilioni all’anno e più probabilmente raddoppierà tale cifra, ovvero $ 6.000 per ogni cittadino della UE all’anno. Certo, pochi voteranno per questo.  

Inoltre, chiedere una dittatura trascura una delle ragioni principali della democrazia:

“come fai a garantire che il dittatore faccia ciò che è giusto per te?” 

Nel corso della storia, molti hanno chiesto dittature, ma quando l’hanno ottenuta, si è scoperto che il dittatore non ha fatto ciò che speravano – e poi come si cambia il leader? 

Guarda la Cina, che purtroppo è considerata da molti ambientalisti un ideale verde. Ottiene l’86% della sua domanda totale di energia primaria da combustibili fossili (dati dell’Agenzia internazionale dell’energia, ultimi dal 2014, estrapolati al 2017).

Come può essere ultra-verde? Ottiene solo il 12% da fonti rinnovabili (l’ultimo 2% dal nucleare).

Fonte

Anche nel 2040, con tutti i suoi obiettivi parigini, l’IEA ha stimato che la Cina otterrà il 16% della sua energia totale da fonti rinnovabili (e la maggior parte sarà ancora idroelettrica e biomassa, con solo il 4,2% da eolico e solare fotovoltaico).

Come può essere vista come ultra-verde? 

Va ricordato che, la Cina ha ottenuto una quota maggiore della sua energia totale da fonti rinnovabili (soprattutto perché era incredibilmente povera) “ogni anno del secolo scorso” di quanto non sarà nel 2040. 

Ma il fatto più deprimente è che invece di concentrarsi su queste politiche incredibilmente inefficaci che costeranno una fortuna ma che fanno ben poco per sistemare il clima, ci sono molti altri modi che farebbero molto più bene. 

  • In primo luogo, dovremmo aumentare la spesa per la ricerca e lo sviluppo ecologico – se riusciremo a innovare il prezzo dell’energia futura verde e affidabile al di sotto dei combustibili fossili, tutti cambieranno.
  • In secondo luogo, dovremmo concentrarci su un adattamento economico ed efficace, che a lungo termine eviterà la maggior parte dei danni aggiuntivi dovuti agli impatti climatici a costi molto bassi.
  • Terzo, dovremmo riconoscere che la principale vulnerabilità per il clima è la povertà: se sei povero, sarai molto più colpito dai cambiamenti climatici (e, ovviamente, colpisci più duramente e anche più o meno ogni altra sfida).

Quindi, se solleviamo persone dalla povertà, probabilmente li aiuteremo molto di più contro i futuri danni causati dal clima – e li aiuteremo molto, per molto più tempo.

Non sorprende che quando l’ONU ha chiesto a quasi 10 milioni di persone in tutto il mondo su cosa volessero concentrarci, hanno chiesto educazione, salute e nutrizione.

E ha posto il clima in fondo alla lista delle priorità. 

Aumentare la ricerca e lo sviluppo in campo verde, l’adattamento e concentrarsi maggiormente sulla riduzione della povertà è qualcosa a cui la maggior parte delle persone voterebbe. È efficiente, moralmente buono e molto, molto più economico.

E (anche se non posso credere di doverlo sottolineare) potremmo mantenere la nostra ‘democrazia’ … 

Fonti

Citazione:

“Il vantaggio è che una volta presa una decisione, tutto procede rapidamente, non c’è opposizione che ritorni indietro”, 

…è rappresentativo dell’argomento di Jorgen Randers, ma in realtà proviene dallo stesso articolo di Anders Wijkman, che è il portavoce del Club di Roma, di cui Randers è membro del comitato esecutivo.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da